BARZELLETTE CRONACHE RIME GIOCHI ACROSTICI POESIE FILASTROCCHE INDOVINELLI PRO ABRUZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BARZELLETTE CRONACHE RIME GIOCHI ACROSTICI POESIE FILASTROCCHE INDOVINELLI PRO ABRUZZO"

Transcript

1 BARZELLETTE CRONACHE GIOCHI RIME ACROSTICI POESIE FILASTROCCHE INDOVINELLI PRO ABRUZZO Scuola G. Pascoli Taino a.s. 2008/2009

2 I BAMBINI DI CLASSE 1 RACCONTANO. VISITA ALLA FATTORIA DEL TOCE I CONIGLI Mi è piaciuto quando il coniglio è scapppato giù dal tavolo. (Matteo). I conigli facevano ridere perché ci sfioravano le mani. (Simone F.) A me sono piaciuti i conigli. Ci hanno spiegato che i conigli vanno a fare le mostre e sanno lavarsi da soli. (Federico). Mi sono piaciuti i coniglietti. C era il coniglio dalle orecchie lunghe e si chiamava coniglio inglese, quello bianco se lo toccavi sembrava che non toccavi nulla perché era morbidissimo! (Susanna). Che bella la mostra dei conigli! (Alessio) LA LEPRE La lepre era spaventata per questo stava immobile. ( Giulia). La lepre ci guardava. (Luca R.) La lepre era tranquilla, aveva paura e non saltava. (Andrea)

3 Gli asinelli e i pony Mi sono piaciuti gli asinelli, mangiavano le mele. (Bianca) Mi sono tanto piaciuti i pony e gli asinelli.(sebastian) Lo scoiattolo e i pappagalli I pony camminavano, mangiavano il fieno e bevevano.( Nastasja) Che carino lo scoiattolo!! Dovevamo bussare per farlo uscire dalla sua casetta e poterlo vedere. ( Federica e Gabriele). Mi sono piaciuti i pappagalli in gabbia. ( Luca B.) Il furetto Il furetto si arrampicava sulla rete. Mi ha fatto divertire.( Giovanni) I furetti erano carini e simpatici! ( Sofia T.) Abbiamo inoltre imparato a coltivare le piante. Noi abbiamo fatto l orto: abbiamo messo nei vasi la corteccia, la terra, le piantine e il concime. (Mirko) Vedere le piante è stato interessante. (Riccardo)

4 Mi è tanto piaciuto lavorare per imparare a coltivare le piantine. (Carlotta) INDOVINA CHI SONO Dopo aver lavorato nell orto vi proponiamo alcuni indovinelli in rima Unite con una freccia ogni ortaggio o frutto alla frase che gli appartiene. Sono un frutto! Rosso divento e non son brutto! Dell orto sono il tesoro mi presento sono il (Amary) Sotto terra dormo beata fritta, lessata o nella frittata. Sono buona e vengo mangiata. Sì, è vero, son la (Laura) Sono un insieme di foglie vicine, nessuna si perde, sembro una palla però tutta verde. Non mi cercate sotto ad un tavolo, basta guardarmi, io sono il (Matilde) Mangiata di giorno o di sera, cruda o cotta, sono la (Luca P.) Di olio e aceto vengo innaffiata. Hai capito? Sono l (Beatrice) Faccio rima con befana E facile son la (Alessandro) Nell acqua nuota la trota. Nella terra io sto, sono la (Sofia A.) Del singhiozzo sono la guarigione. Hai scoperto? Sono il (Desy) Sono un seme nel baccello, sono in compagnia di mio fratello. Hai scoperto? Sono il (Simone A.)

5 CLASSE 2^A DALLO SCHEMA AL RACCONTO Ludmillo, il bambino del bosco Nel fitto di un bosco viveva uno strano bambino: Ludmillo. Abitava nel bosco da un anno e aveva imparato a procurarsi cibo, acqua e ripari adatti per la notte. Nel mezzo della foresta dei pini, Ludmillo aveva scoperto una piccola grotta. Accendendo un fuoco all interno, si era accorto che le pareti erano dipinte con bellissimi disegni tracciati con la terra rossa. Ludmillo scelse come dimora proprio quella piccola grotta di montagna. Trascorreva le sue giornate costruendo strumenti utili a sgusciare noci e nocciole, intagliava semplici giocattoli nel legno, si divertiva a dipingere le pareti della grotta con nuove pitture e leggeva i suoi libri. A vote, la sera, usciva nel bosco dove spesso incontrava animali selvatici che con suo stupore, non parevano avere paura di lui. Una volta si era imbattuto in un lupo ferito. L animale trascinava la zampa spezzata ululando e alla vista di Ludmillo aveva digrignato i denti e ringhiato con rabbia e dolore. Ludmillo non era fuggito. Si era fatto coraggio e si era avvicinato al lupo. All inizio il lupo aveva gonfiato il pelo e gli aveva sferrato una zampata, graffiandogli il braccio. Poi però aveva capito le intenzioni del bambino e si era fatto medicato di buon grado. Ludmillo gli aveva steccato la zampa con un ramo di nocciolo, legandolo con lunghe foglie elastiche raccolte in un cespuglio vicino alla sua caverna. Lui e il lupo erano diventati amici e spesso si ritrovavano a fare gare di corsa o di capriole nei prati dall erba alta e morbida. Passarono gli anni e DAL RACCONTO LUDMILLO E IL LUPO? Presentazione del protagonista e dell ambiente in cui vive;? Il protagonista incontra un personaggio cattivo con un problema;? Il protagonista aiuta il personaggio;? I due diventano amici.

6 UNA STRANA AMICIZIA In un grande prato di montagna viveva un cane che si chiamava Leo. Era bianco a macchie marroni ed era molto buono. Era abituato a fare ogni giorno una passeggiata nel bosco e amava dormire sempre alla sinistra del letto. Un giorno, mentre faceva la sua solita passeggiata, vide da lontano una cagnolina inseguita da un lupo feroce. Corse subito in suo aiuto e le gridò: - Stai nascosta dietro a questo albero, io penserò al lupo. Leo portò il lupo molto lontano, poi si intrufolò dentro uno stretto passaggio. Quando il lupo fu incastrato per bene, il cane se ne andò. All ultimo momento però si sentì in colpa e tornò a tirarlo fuori dallo stretto passaggio. Il lupo non finiva più di ringraziarlo e gli chiese se voleva diventare suo amico. Leo accettò subito con piacere e insieme tornarono nel grande prato. Leo si accorse che la cagnolina era ferita e chiese l aiuto del lupo. Con tante foglie morbide le asciugarono il sangue e le bendarono la zampa. Dopo un po di giorni la cagnolina guarì. Il lupo e i due cani formarono una famiglia: il lupo procurava il cibo, Leo raccoglieva la legna per il fuoco e la cagnolina restava nel prato a raccogliere i fiori. Cecilia IL SERPENTE CON AIUTANTE C era una volta un bambino che si chiamava Aiutante che aveva 10 anni e abitava in una casetta di rami in un bosco. Aveva sempre la faccia tutta nera di terra. Ogni giorno usciva dalla sua casetta a fare una passeggiata. Un giorno, in una di quelle passeggiate, incontrò un serpente che sembrava molto cattivo. Lo guardava con rabbia e sputava per terra e sembrava che a ogni momento potesse morsicarlo e ucciderlo e che potessero arrivare gli altri serpenti e saltargli addosso per ucciderlo. Negli occhi del serpente sembrava che ci fosse fuoco. Aiutante vide che era ferito e gli si avvicinò. Il serpente gli disse: - Questo graffio me l hai fatto tu! - Aiutante rispose:- Ma come!? - Ma non te lo ricordi?- E gli diede una morsicata. Aiutante disse al serpente: - Se vuoi ti aiuto, non ti farò male. Così Aiutante lo aiutò: con i suoi vestiti fece una specie di corda e la legò intorno al graffio del serpente. Poi gli costruì una casetta con un lettino fatto di erba e foglie grandi. Un paio di giorni dopo il graffio guarì e il serpente doveva andarsene. -Dobbiamo salutarci - disse il serpente. No, resta ancora un po - rispose Aiutante. -Beh potrei restare ancora un po, tanto il mio lettino è così comodo! Evviva! esclamò Aiutante. Alla sera il serpente e Aiutante fecero una grande festa: accesero un grande fuoco misero buone cose su un tavolo fatto da Aiutante. Tutti gli animali vennero attirati dalla luce e i buoni odori. Ballarono tutti insieme fino a mezzanotte. Quando si svegliarono al mattino il fuoco non era più acceso e tutto il cibo era finito. Tutti erano ancora molto stanchi così dormirono ancora un po poi andarono via e rimasero solo Aiutante e il serpente. Insieme pulirono con le scope che aveva costruito Aiutante. E così vissero felici e contenti. Harm

7 LUDOVICA E RICCARDO C'era una volta una bambina di nome Ludovica che aveva sette anni, aveva i capelli biondi, tutti lisci, gli occhi azzurri, la bocca rosa, la corporatura magra e viveva tutta sola in una casetta incantata. La cosa che le piaceva di più era giocare con le sue bambole. Quando si stancava di giocare andava nel bosco a raccogliere le castagne. Un giorno incontrò un bambino cattivo che le rovesciò il sacchetto pieno di castagne e Ludovica gridò: NO!! le mie castagne! - e se ne scappò via. I genitori del bambino erano morti e lui era arrabbiato e si comportava male con lei perché pensava che li aveva uccisi lei. Ludovica un giorno sentì gridare - Aiuto, aiuto!. Ludovica seguì la voce e trovò il bambino cattivo impigliato in una trappola di lupi e lo liberò. Il bambino capì che le intenzioni di Ludovica erano buone. Ludovica e Riccardo finalmente riuscirono a diventare grandi amici e a giocare insieme. Ludovica L ORSO TEDDY TROVA UN AMICO Una notte buia, da una casetta nel bosco, un tenero e dolcissimo orsetto di nome Teddy prese vita. Era il preferito da un bambino che non sapeva che quell orso era magico. Teddy era molto peloso e aveva un mantello rosso e una mascherina giallo-chiaro. Portava i capelli con una cresta blu con il contorno giallo e verde. Era di corporatura normale, ma la sua testa era sproporzionata perché era troppo grossa. Era molto gentile. Quella notte uscì dalla finestra della cameretta e camminò e camminò nella foresta finché cadde a terra sfinito. Lo trovò Orso Grigio che aveva un grosso problema: non parlava da più di trent anni a causa della morte di sua mamma. Orso aveva fame e pensò di cucinare quella strana preda in tutte le maniere che sapeva. Lo portò quindi nella sua grotta. Quando Teddy si svegliò, Orso si accorse che era un suo simile. Teddy lo supplicò: -Non mi mangiare, sono un orsetto magico possiamo diventare amici, se vuoi! Orso Grigio pensò:- Se è davvero magico potrà certamente aiutarmi a parlare di nuovo. Con il linguaggio dei segni gli fece capire che accettava la sua proposta. Così Orso Grigio ritrovò la parola, diventarono amici e vissero per sempre felici e contenti. VANESSA

8 BOSINO IL RE DELLA FORESTA 1)In un bosco buio viveva un mostro di nome Bosino Giungla che era simpatico e curioso come una lepre sbucata fuori dall erba, e gli piaceva giocare con le foglie ed i sassi. 2) Un giorno Bosino Giungla incontrò dei draghi a tre teste e il corpo di color blu e bianco. Tenevano la testa storta come un palloncino che si sta sgonfiando. Inoltre erano molto maleducati perchè si mettevano le dita nel naso e mangiavano con le mani. Erano anche dispettosi così cominciarono a fare dei dispetti a Bosino. Borsino, però, invece di arrabbiarsi, si divertiva così tanto che non riusciva a smettere di ridere. Un giorno le mani dei draghi si incastrano in un ciocco di legno. 3) I draghi urlavano così tanto che si sentiva fino in Egitto. Bosino sentì le urla dei draghi che provenivano dal bosco e corse subito in loro aiuto. Li liberò tutti. I draghi allora gli regalarono un orologio. Bosino era proprio contento di essere riuscito di liberarli e anche i draghi. Così sono diventati amici. ANDREA L UCCELLINO SPERDUT0 1) C'era una volta una bambina che si chiamava Chiara. Aveva i capelli mori e ricci e gli occhi azzurri. Viveva nella giungla in una casetta sopra un albero. Di solito curava gli animali ammalati. 2) Chiara un giorno incontrò un uccellino che non trovava il nido e non sapeva volare. Chiara voleva aiutarlo, ma l uccellino la picchiettava sulla testa. 3) Chiara con attenzione provò a prenderlo per insegnargli a volare. Lo mise sopra un albero e lei era sotto. Chiara gli diceva: -Dai, non aver paura ci sono qui io. Allora l'uccellino si mise a volare. Chiara dopo l'aiutò a trovare il nido. L'uccellino si mise a volare tra i rami di un albero e lo trovò. Ritrovò i suoi fratellini, la mamma e il papà. 4) Chiara diventò loro amica. Da quel momento, quando la mamma uccello non c'era Chiara si prendeva cura degli uccellini. GIORGIA Il pulcino e la volpe C era una volta una volpina di nome Lilli che viveva dentro una casetta molto vecchia. Ogni giorno costruiva giocattoli per tutti, proprio come un vero falegname. Aveva gli occhi azzurri e il pelo arancione sfumato di rossiccio. Un bellissimo giorno Lilli uscì e trovò un pulcino sperduto. Il pulcino la aggredì mordendole la coda e facendole il solletico sotto le zampe. Il giorno dopo Lilli lo guardava con la coda dell occhio mentre giocava con un leprotto. Una settimana dopo Lilli non trovò il pulcino, lo cercò e lo cercò e lo trovò incastrato in un buco della casa.

9 Lo liberò e lo curò tanto che il pulcino non era solo contento, ma stracontento. Il pulcino, per il bene che Lilli gli aveva fatto, le regalò un pacco con dentro tre cuccioli di volpe. I volpini ogni giorno saltavano addosso al pulcino e giocavano allegramente. Dopo un po di mesi il pulcino, che era diventato un bel galletto, diventò bravissimo e si scusò con Lilli e la ringraziò perché non aveva mai vissuto così bene. I due diventarono amici del cuore e ogni volta si rincorrevano tutti insieme. LISA ALFABETO CREATIVO A come Apostrofo che svolazza tra le parole. B come Bipede che vuole essere Quadrupede. C come Cocco che non vuole avere la testa dura. D come Dado che vuole diventare STAR. E come Elefante che si soffia la proboscide. F come Fiore che si trasforma in farfalla. G come Gatto che gioca con il gomitolo. H come Hot dog che affoga nella maionese. I come Istrice senza aculei. L come Luna che vorrebbe essere un boomerang. M come Mantello che fa inciampare il Re. N come Nonna che si vuole mangiare il lupo. O come Orca tutta sporca. P come Padella senza fondo. Q come Quello che vuoi tu! R come Ragno che si impiglia nella ragnatela. S come salame di cioccolato. T come Ti faccio vedere io! U come Uovo di Pasqua senza sorpresa. V come Viso sorridente di un bambino sdentato. Z come Zebra che ti aiuta ad attraversare la strada.

10 Classe 2^B Giochiamo a fare i poeti e non solo. PRIMAVERA Quando i fiori sono di mille colori, quando il prato è solo colorato, quando i miei amici vanno a scuola in bici, quando arriva la bella sera, è Primavera. Helèna B. Sul prato risplendono delle bellissime violette, sugli alberi crescono fiori colorati, ogni uccellino canta sui rami. Un bambino esce di casa e corre contento sul prato, il sole risplende su nel cielo celeste. La primavera è tornata! Giada D. Quando il sole si fa quieto, quando le cicale iniziano a cantare, quando mia sorella comincia a russare, è sera! Alessandro C. COME COSTRUIRE UNA CASA PER UCCELLI Materiale occorrente: Un asse di legno, una matita e un righello, una sega, un martello, alcuni chiodi e della vernice. 1-Disegnare sull asse le parti della casetta come sul disegno 2-Tagliare le diverse parti della casetta 3-Unire i 4 lati con i chiodi 4-Aggiungere il tetto e il fondo 5-Fare un buco circolare per l ingresso 6-Dipingere a piacere Alessandro

11

12 Alessandra

13 Risate a denti stretti E notte, la via è buia e un tipo si avvicina a un passante e dice: - Mi scusi, ha visto un poliziotto? - - No, mi spiace - - Benissimo! Allora fuori il portafogli! - - Cielo! Ho dimenticato di spegnere il ferro da stiro; brucerà la casa! - - Non ti preoccupare mamma, io ho dimenticato di chiudere il rubinetto! _ Jacopo P. ESPERIMENTO DI COMPOSIZIONE Costruiamo insieme una nuova filastrocca del C era Nel cielo azzurro c erano le montagne, tra le montagne c era un prato, In mezzo al prato tra i rami del ciliegio c era un bel nido, c era un ciliegio nel nido c era un piccolo Lui, nel piccolo Lui c era un sogno: danzare nell aria chiara. A.A.V.V. I bambini di 2^B

14

15 MITO DI SAKURA E VILMA (Anna C). Gli dei del cielo, Sakura e Vilma, portarono sulla Terra un mostro a cinque teste: avevano in mente di creare la natura perché a quei tempi c era solo il cielo e sotto il nulla. Sakura si trasformò in un drago che morse il mostro sui piedi e Vilma lo morse sulle mani. A quel punto il mostro si spezzò e con i piedi Sakura e Vilma formarono le montagne, con le mani le colline, con i capelli l erba, le facce in grotte, gli occhi in fiori, i nasi in sassi, le bocche in alberi; la pancia fu spezzata in cento pezzi e formarono i frutti che germogliarono sugli alberi con le foglie. Infine, con le gambe e le braccia, formarono gli uomini e le donne che fecero loro compagnia. IL MITO DI SOLARIS (Nicola R.) All inizio dell universo Solaris decise di creare un pianeta per ospitare i suoi amici: Lunaris, Sommo Luminescente, Elettricon. Allora provocò una grande esplosione e si formò la Terra che era incandescente perché Mogor l aveva bruciata; Mogor era il signore del vulcano e voleva innalzare il più grande vulcano della Terra. Intanto Solaris fece di tutto per fermarlo, ma Mogor era troppo forte e quindi Mogor regnò per tutta l era arcaica. Dopo tanto e tanto tempo Solaris rintracciò il Vecchio Saggio che cacciò via Mogor dalla Terra. Allora il Vecchio Saggio e Solaris crearono l uomo perché regnasse e difendesse il pianeta Terra.

16 POESIE, FILASTROCCHE E RIME LE FOGLIE Lievi lievi dondolando portate dal vento sussurrando: E arrivato l autunno! Care foglie, pian pianino, voi cadete qui vicino e nei giorni di tempesta fate tutte grande festa! E quando state cadendo Lucrezia M. Vien l inverno da lontano, porta neve in una mano, soffia vento siberiano. Sul cappello ghiaccio e brina, INVERNO FINALMENTE E CARNEVALE! Le giornate sono corte E i bambini han voglia di torte. Porta anche il raffreddore: andiamo tutti dal dottore. Caro inverno, ci fai ammalare! Perché non vai a riposare? Gaia L. PICCOLE RIME Finalmente è carnevale. Andiamo tutti a festeggiare Con le maschere colorate, facciamo tante belle risate! Le risate vanno in cielo E la giornata diventa zucchero a velo, carnevale sta finendo; andiamo a casa sorridendo. (Isabella D.) Portafiori o portabiglietti Da modellare sono perfetti! Quant è bello il portaoggetti Quante cose tu ci metti. Frutta secca colorata È un idea azzeccata! Se la pioggia è di stelle Posso sognare cose belle. ( Erika N.)

17 Aggiungi, togli, moltiplica, dividi 1. Pensa un numero da 30 a Aggiungi Fai il doppio. 4. Togli Dividi per Ottieni il numero che hai pensato! 1. Pensa a un numero superiore a Aggiungi 5 3. Moltiplica il risultato per 2 4. Togli 4 5. Dividi per 2 6. Togli il numero che hai pensato. 7. Il risultato è sempre 3! L ANGOLO DELL INDOVINELLO Indovina: che numero sono? Sono un numero di 4 cifre. Sono > di 1215 e < di Le mie cifre addizionate danno come risultato 12. Sono il numero INCROCI MAGICI Completa in modo che la somma di ogni riga, di ogni colonna e di ogni diagonale sia la stessa

18 La produzione della carta (Maxim, Marco, Lorenzo, Tom cl 4^A) La maggior parte della carta che noi usiamo è ricavata dal legno che viene prima ridotto in trucioli, poi viene bollito con prodotti chimici per estrarne la cellulosa una sostanza costituita da lunghe fibre e presente nelle piante. In alcune piante come cotone, lino, canapa, iuta, la cellulosa si trova allo stato quasi puro. Nel legno degli alberi come il pioppo, l abete, la betulla, il faggio, l eucalipto e il pino, invece, la cellulosa si trova cementata agli altri componenti del legno ed è necessario estrarla con prodotti chimici e meccanici. Una volta estratta viene impastata con acqua e sostanze chimiche. L impasto viene poi pressato nelle macchine che lo trasformano in un nastro continuo. Prima di essere avvolto in bobine, il nastro deve essere sgocciolato, asciugato e lisciato. La carta riciclata Quest anno ci siamo occupati della raccolta differenziata e in particolare del riciclo della carta. Abbiamo sfruttato i ritagli di carta bianca recuperando gli scarti e abbiamo ottenuto il cartoncino per i biglietti di auguri natalizi. Il procedimento è stato il seguente: Si taglia la carta a pezzetti e la si lascia macerare nell acqua per alcuni giorni. Si aggiunge della tempera se si vuole ottenere un foglio colorato e si frulla. Si stende la crema ottenuta il più sottile possibile su un telaio a maglie strette. Si

19 Classe 4^A e 4^B LA STORIA: PATRIMONIO DELL UOMO E DELLA TERRA Noi della classe quarta A e B della scuola primaria G. Pascoli ci siamo accostati allo studio della storia dei popoli fluviali : i Sumeri, gli Egizi, gli Assiri e i Babilonesi. Per acquisire una conoscenza storica attenta e accurata, ci siamo comportati come dei veri e propri storici. Vi illustriamo il lavoro. Lo storico si prefigge di realizzare la costruzione di un quadro di civiltà composto da indicatori ai quali seguono delle risposte su base scientifica. Il quadro di civiltà di un popolo 1. Chi erano 2. Dove vivevano 3. In che periodo 4. Clima 5. Cosa inventarono 6. Come vivevano 7. Cosa sapevano fare 8. Cosa credevano 9. La scala sociale 10. Con quali altri popoli erano contemporanei 11. Quali testimonianze ci hanno lasciato Per risalire a tutte le informazioni, lo storico deve affidarsi o collaborare con altri studiosi: insieme contribuiscono alla costruzione del quadro di civiltà.? Il geografo? L antropologo? Il numismatico? L archeologo? Il geologo Altri studiosi

20

21 Ci siamo divertiti ad analizzare gli indovinelli e abbiamo capito che per risolverli, bisogna riflettere e strizzare il cervello! 2. Siamo ventiquattro sorelle, nasciamo tutti i giorni e moriamo una dopo l'altra, chi siamo? 4. Non ho piedi ma corro sempre senza fermarmi, non ho casa e neanche un tetto ma sto sempre dentro il mio letto... chi sono? 11. Mio padre è tutto storto, mia madre è verdolina, ma io sono così bella che sembro una regina. 14. Sono uno e ben protetto,ma se cado mi divido in tre...chi sono? 1. Più sono grande,meno vedo,ma i gatti non mi temono,chi sono? 5. Sono come una grande giostra colorata,sempre in movimento,ma sembro ferma,chi sono? 8. Mi trovi in tutti gli animali, sono rosso e sempre in movimento ma se mi fermo sono guai 12. Sto sempre fermo e non mi muovo mai ma se mi metta fumare posso far guai 10. Né mela né pera, ho forma a sfera e il mio succo nutriente è molto rinfrescante. 15. Ho gli spicchi, ma non sono un arancia, ho una buffa barbetta e, anche se non ho capelli, posso fare una treccia. 7. E' una donna,ma anche una città, è una virtù, che mai sarà? 16. Ho un vestito tutto a righe, una mamma grossa e bella e tantissime sorelle, chi sono? 13. Parlo ma non ho bocca, ti tocco ma non mi puoi prendere, corro in fretta ma non mi vedi, chi sono? 3. Sono bionda o bruna è ho un succo saporito conosciuto fin dall'antichità, chi sono? Tutti nascono senza di me,ma poi mi ricevono e mi portano per tutta la vita 9. Abbiamo le gambe e non i piedi, ma sappiamo camminare e anche correre o volare

22 13 Mostro il brutto e il bello, se stai solo con me non sei uno ma due? 7. Qual è il frutto che proprio non piace ai pesci? 4 E un serpente senza denti, se lo pesti non ti sente e trattiene un elefante, cos è? 6 Di carta o di metallo, tutti mi cercano, cambio sempre padrone e non mi fermo mai. Chi sono? 1 Non sono una penna eppure scrivo sopra un foglio tutto nero Ho un vestito verde o colorato,lungo e stretto, senza bottoni e senza le maniche,tanto a me non servono Chi sono? 3 Ho il collo ma sono senza testa, ho la pancia ma non la schiena, mi riempitemi svuoto, ho un solo piede, ma non ho gambe Chi sono? 5. Nasco in un casa con il soffitto tondo, ho tante forme, ma non mi puoi toccare e se non mi racconti, nessun altro mi può conoscere... Che cos'è? 14. Chi è che fa le feste anche nei giorni di festa? 12. Vivo nelle foreste, ho un vestito colorato, parlo, rido, volo e cammino,chi sono? 10. Chi può abbracciare mille persone in una volta sola? 8. Uffa,non mi prude niente e tutti mi grattano, chi sono? 2. Siamo nati per viaggiare ma facciamo un viaggio solo, per mare, per terra o in volo... Chi siamo? 9. Non sono tanto grande ma, da sola o in compagnia, faccio la guardia a tutta la casa. SOLUZIONI 1B IL GESSO- 2B IL FRANCOBOLLO- 3B LA BROCCA- 4B LA CATENA- 5B IL PENSIERO- 6B IL DENARO- 7B LA PESCA- 8B IL FORMAGGIO- 9B LA CHIAVE- 1OB LO SGUARDO- 11B IL SERPENTE- 12B IL PAPPAGALLO- 13B LO SPECCHIO- 14B IL CANE 1A IL BUIO -2A LE ORE- 3A L UVA- 4A IL FIUME- 5A LA TERRA-6A IL NOME- 7A LA COSTANZA- 8A IL SANGUE- 9A I PANTALONI- 10A L ARANCIA- 11A LA VITE- 12A IL VULCANO- 13A IL VENTO - 14A L UOVO -15A L AGLIO-16A L APE

23

24

25

26

27

28

29

30 Scuola Primaria G. Pascoli Taino P.za Paietta, 3 Tel/fax

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Una famiglia speciale ed altri racconti...

Una famiglia speciale ed altri racconti... Una famiglia speciale ed altri racconti... Sappiamo tutti di quanto amore e dedizione abbia bisogno un bambino per crescere bene e quanto sia importante che possa contare sul calore e l affetto di una

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno AMICIZIA di Pietro P. Voglio solo stare insieme ai miei amici, Giocare insieme a loro e non litigare. Per me loro sono

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Guida di lavoro per gli studenti

Guida di lavoro per gli studenti Guida di lavoro per gli studenti LIFE08 NAT IT/000325 WOLFNET Development of coordinated protection measures for Wolf in Apennines Sviluppo di misure coordinate di protezione per il lupo in Appennino Carta

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA!

ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA! ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA! FACCIAMO LA CATENA DIETRO LA SCHIENA BATTIAMO LE MANI CON GIOIA E AMOR FACCIAMO IL PONTICELLO SUONIAMO LA TROMBETTA(PEREPPEPPE) SE

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose?

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? I nomi Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? Semplice...l'uomo moltissimi anni fa, per non fare confusione. Osserva lo strano oggetto

Dettagli

QUELLA VOLTA IN CUI SONO STATO CONTENTO PROPRIO CONTENTO

QUELLA VOLTA IN CUI SONO STATO CONTENTO PROPRIO CONTENTO QUELLA VOLTA IN CUI SONO STATO CONTENTO PROPRIO CONTENTO Nel Natale 2005, quando avevo quattro anni, ho ricevuto la mia prima moto. I miei genitori avevano chiamato un signore di Gatteo che si era travestito

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani Progetto Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Come presa in carico di responsabilità, di tutoraggio Percorso1 dalla spiga al pane Percorso

Dettagli

IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA

IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA Nuove Indicazioni Nazionali Progetto di formazione e ricerca della Bassa Veronese degli istituti: IC Bovolone, IC Cerea, IC Salizzole, IC Nogara, IC Cerea, IC Minerbe Percorso di ricerca azione sviluppato

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

L INCONTRO CON LA MATEMATICA IN CLASSE PRIMA

L INCONTRO CON LA MATEMATICA IN CLASSE PRIMA Relazione Finale in Matematica e Didattica della Matematica L INCONTRO CON LA MATEMATICA IN CLASSE PRIMA Relatore Professoressa Ana María Millán Gasca Correlatore Dottoressa Viviana Rossanese Laureanda

Dettagli

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE Il percorso didattico dedicato al Natale ha la finalità di far vivere con maggiore consapevolezza le tradizioni natalizie, dando un significato appropriato ai simboli del

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli