La dimensione finanziaria ed economica delle attività istituzionali e dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La dimensione finanziaria ed economica delle attività istituzionali e dei servizi"

Transcript

1 La dimensione finanziaria ed economica delle attività istituzionali e dei servizi Seminario di aggiornamento per i Responsabili di Biblioteche dell Università di Bologna Bologna e Forlì, maggio giugno 2007 Rosa De Simone, ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Materiale riservato e strettamente confidenziale

2 Gli argomenti La dimensione finanziaria Dalla contabilità finanziaria alla contabilità economica La contabilità economica Le fonti bibliografiche 2

3 La dimensione finanziaria: la funzione autorizzativa del bilancio Il bilancio di previsione annuale ha lo scopo di autorizzare le spese da sostenere nell anno di riferimento. Il bilancio si compone di una sezione entrata e di una sezione spesa Ogni sezione si articola in voci elementari, definite comunemente capitoli finanziari, che contengono la natura finanziaria della rilevazione oppure la destinazione (es. spese di manutenzione, borse di studio, trasferimenti ai dipartimenti per attività internazionali) Nella contabilità finanziaria il capitolo è quindi l unità elementare del bilancio preventivo Di norma la funzione autorizzativa viene realizzata a livello di singolo capitolo di bilancio 3

4 La dimensione finanziaria: la funzione autorizzativa del bilancio Per ogni capitolo è definito l ammontare dell entrata o della spesa prevista: tale ammontare è chiamato STANZIAMENTO di bilancio I capitoli hanno quindi valenza autorizzativa e nella contabilità finanziaria sono generalmente molto analitici Le spese sostenute durante l anno, riferite ad un singolo capitolo di bilancio, non potranno superare il relativo stanziamento previsto capitolo di bilancio: spese sostenute < = stanziamento previsto = per ogni 4

5 La dimensione finanziaria: il sistema di competenza finanziaria Un bilancio di previsione può essere redatto in termini di competenza finanziaria e/o di cassa Nel sistema di COMPETENZA FINANZIARIA gli stanziamenti fanno riferimento ad accertamenti e impegni e sono denominati: STANZIAMENTI DI COMPETENZA STANZIAMENTI DI COMPETENZA IN ENTRATA = ACCERTAMENTI PREVISTI STANZIAMENTI DI COMPENTENZA IN USCITA = IMPEGNI PREVISTI (ovvero un LIMITE agli impegni che si possono assumere nel corso dell esercizio) L approvazione del bilancio preventivo autorizza quindi a compiere operazioni che determinano impegni non superiori ai relativi stanziamenti: capitolo di bilancio: impegni che si possono assumere < = stanziamenti di competenza in uscita 5

6 La dimensione finanziaria: il sistema di competenza finanziaria Il sistema di COMPETENZA FINANZIARIA si concentra sui momenti della: DECISIONE ASSUNZIONE DI OBBLIGAZIONI GIURIDICHE V/TERZI Questi due momenti hanno rilevanza non solo economica e giuridica, ma anche politica ed istituzionale. Sono momenti in cui si concretizzano in modo esplicito le politiche di gestione. Rispetto a questi momenti saranno espressi giudizi sull operato degli organi politici e sui responsabili gestionali. 6

7 La dimensione finanziaria: il sistema di competenza finanziaria Per gli enti che adottano il sistema di COMPETENZA FINANZIARIA è necessario garantire nel bilancio di previsione annuale il rispetto dell equilibrio tra: STANZIAMENTI IN ENTRATA = STANZIAMENTI IN USCITA Questo equilibrio è tuttavia teorico in quanto di norma l esercizio precedente si chiude con un disavanzo di amministrazione oppure con un avanzo di amministrazione 7

8 La dimensione finanziaria: l equilibrio di bilancio in caso di disavanzo di amministrazione Nel caso in cui l esercizio precedente si sia chiuso con un disavanzo di amministrazione, questo deve essere necessariamente applicato al bilancio di previsione annuale. In pratica gli stanziamenti di competenza in entrata saranno superiori agli stanziamenti di competenza in uscita: ESEMPIO: DISAVANZO ESERCIZIO X-1 = 10 ENTRATA STANZIAMENTI DI COMPETENZA 100 BILANCIO DI PREVISIONE ANNO X SPESA DISAVANZO 10 STANZIAMENTI DI COMPETENZA 90 8

9 La dimensione finanziaria: l equilibrio di bilancio in caso di avanzo di amministrazione Nel caso in cui l esercizio precedente si sia chiuso con un avanzo di amministrazione, questo può essere applicato in tutto o in parte al bilancio di previsione annuale. In pratica può essere utilizzato per finanziare stanziamenti di competenza in uscita superiori agli stanziamenti di competenza in entrata. Gli stanziamenti di competenza in entrata possono, solo in caso di applicazione dell avanzo, superare gli stanziamenti di competenza in uscita: ESEMPIO: AVANZO ESERCIZIO X-1 = 15 APPLICAZIONE PARZIALE DI 12 EURO ENTRATA AVANZO utilizzato per il pareggio 12 STANZIAMENTI DI COMPETENZA 100 BILANCIO DI PREVISIONE ANNO X SPESA STANZIAMENTI DI COMPETENZA 112 9

10 La dimensione finanziaria: limiti informativi della contabilità finanziaria Le caratteristiche istituzionali delle aziende pubbliche e quindi dell Università suggeriscono il mantenimento della funzione autorizzativa per i seguenti motivi: prevalenza di una logica di controllo a preventivo l assenza di meccanismi di mercato, ossia di meccanismi automatici di feedback che indirizzano l assunzione di decisioni. Nelle aziende di produzione i clienti possono suggerire il ventaglio dei prodotti offerti o stimolare miglioramenti di efficienza, mentre nelle aziende pubbliche occorrono strumenti istituzionali che permettano agli utenti, attraverso i loro rappresentanti politici, di condizionare la gestione dell ente la limitata interdipendenza in un ente pubblico tra proventi e costi. Il vincolo autorizzativo è infatti coerente con la logica sequenziale secondo cui, o le entrate sono prestabilite e quindi le spese non possono eccedere il limite delle entrate, oppure le spese sono la variabile indipendente occorre reperire entrate sufficienti a coprire queste spese funzione garantista della contabilità finanziaria che mira ad autorizzare la spesa e non ad effettuare il controllo economico delle risorse impiegate 10

11 La dimensione finanziaria: altri limiti della contabilità finanziaria la contabilità finanziaria non è in grado di rappresentare le risorse effettivamente impiegate dall ente, ossia i costi e le altre componenti negative del risultato d esercizio non è in grado di rappresentare l equilibrio economico, in quanto la contabilità finanziaria, tipica degli enti pubblici a cui è garantita istituzionalmente la sopravvivenza, privilegia gli equilibri di breve periodo rispetto a quelli di lungo, quindi una componente monetaria rispetto a quella reddituale la tendenza a valutare gli enti pubblici sulla base delle risorse prelevate al sistema economico e riversate allo stesso attraverso la spesa per beni e servizi, anziché per i suoi effetti interni sull equilibrio aziendale la contabilità finanziaria inoltre non è in grado di rappresentare né i servizi erogati, né l impatto sui bisogni, né il raggiungimento delle finalità istituzionali e l economicità dell ente 11

12 Gli argomenti La dimensione finanziaria Dalla dimensione finanziaria alla dimensione economica La dimensione economica Le fonti bibliografiche 12

13 Dalla dimensione finanziaria alla dimensione economica A partire dagli anni 90 alcuni provvedimenti legislativi, primo tra tutti il D.Lgs. 29/1993, hanno riproposto il tema del controllo dei costi e dei rendimenti in tutte le amministrazioni pubbliche. I concetti di impegno, accertamento, cassa e competenza convivono con l analisi economica dei rendimenti e la misurazione dei costi delle attività e dei servizi pubblici Al di là degli aspetti normativi che per il momento non impongono alle Università di adottare un sistema contabile economico-patrimoniale, nel nostro Ateneo è sempre più sentita l esigenza di introdurre i concetti di responsabilità della gestione, di definire gli obiettivi da raggiungere, di programmare le attività da svolgere e di disporre di parametri quantitativi e qualitativi che misurino lo stato di avanzamento degli obiettivi prefissati 13

14 Dalla dimensione finanziaria alla dimensione economica Gli studi aziendali hanno dimostrato che è possibile ed utile individuare coefficienti che misurino l efficacia (grado di raggiungimento degli obiettivi e di soddisfazione dell utenza) e l efficienza (rapporto tra risorse utilizzate e obiettivi raggiunti) di qualsiasi servizio reso dalle amministrazioni pubbliche Anche dal punto di vista dei controlli interni, assumono sempre maggiore rilevanza gli aspetti connessi all efficienza, all economicità ed alla produttività della gestione, mentre in passato l esigenza di controllo era concentrata prevalentemente sugli aspetti formali e amministrativi delle attività, fornendo una garanzia del rispetto delle procedure 14

15 Gli argomenti La dimensione finanziaria Dalla dimensione finanziaria alla dimensione economica La dimensione economica Le fonti bibliografiche 15

16 La dimensione economica: il concetto di competenza economica Nella dimensione economica cambia il concetto contabile della competenza La competenza finanziaria è il criterio con il quale, in base alla data dell accertamento o dell impegno, vengono imputate le entrate e le spese ad un esercizio piuttosto che ad un altro e si basa sul momento giuridico in cui sorge il diritto ad incassare o ad impegnare La competenza economica imputa gli effetti delle operazioni e degli altri eventi all esercizio nel quale è rinvenibile l utilità economica ceduta o acquisita, anche se diverso da quello in cui si concretizzano i movimenti finanziari 16

17 La dimensione economica: il concetto di competenza economica Esempio: pagamento in data 8/10/2007 di un canone di leasing annuale di euro con decorrenza 1/10/2007 1/10/2007 8/10/ /12/ /09/2008 impegno mandato di rilevazioni pagamento finanziarie costo rettifica del costo rilevazioni di euro per euro da imputare economiche all esercizio successivo (risconto attivo) 17

18 L economicità della gestione nell Università Nelle imprese si può misurare la redditività nel tempo medio-lungo quando si verifica la seguente disuguaglianza: Nell Università invece occorre osservare che: Ricavi > Costi i ricavi, meglio definiti proventi, non sempre si verificano oppure se esistono, non sono in grado di misurare la qualità del servizio reso, talvolta si può misurare il risultato in termini quantitativi (numero accessi in biblioteca/numero studenti della Facoltà) in alcuni casi esistono tariffari (per es. rimborso per fotocopie) che per considerazioni di carattere politico e sociale, non sono adeguati a remunerare i costi spesso superiori ai proventi derivanti dall erogazione del servizio il risultato economico di medio-lungo periodo nell Università non è un misuratore di efficacia manca l obiettivo del profitto, quale principale parametro di misurazione del grado di raggiungimento delle finalità delle imprese private Quale significato ha quindi l economicità di un ente senza fine di lucro? 18

19 L economicità della gestione nell Università L economicità si riferisce all utilità che deve scaturire dalle attività dell Università, ossia dalla differenza positiva tra il valore dei servizi resi agli studenti/utenti (o dei risultati ottenuti) ed il valore delle risorse impiegate Le decisioni devono quindi essere orientate all ottimizzazione dei servizi offerti o degli output ottenuti, date le risorse disponibili, e quindi il grado di raggiungimento delle finalità istituzionali viene misurato in termini di quantità e qualità dei servizi erogati e delle attività realizzate Un indicatore significativo potrebbe essere rappresentato dal contributo dell Università al benessere sociale attraverso l istruzione superiore dei cittadini ed i progressi nel campo della ricerca scientifica 19

20 La dimensione economica: l equilibrio economico complessivo Efficacia: capacità dell ente di soddisfare le attese degli utenti in coerenza con le risorse disponibili Efficienza: capacità dell ente di minimizzare le risorse impiegate e ottimizzare i risultati Equilibrio economico complessivo tra risorse acquisite ed impieghi effettuati Economicità: congruenza tra risorse impiegate e fabbisogni soddisfatti (considerati sia negli aspetti qualitativi sia quantitativi) 20

21 La dimensione economica: la contabilità analitica Per poter garantire l ecomicità della gestione è necessario poter disporre di informazioni riguardanti i COSTI ed i PROVENTI, non allo scopo di ottenere l indicatore oggettivo finale (utile o perdita) tipico delle aziende lucrative (indicatore non significativo del raggiungimento delle finalità istituzionali) ma per poter ricondurre tali informazioni a determinati oggetti di riferimento che possono essere: Centri di Responsabilità Attività/Processi Programmi Progetti 21

22 La dimensione economica: la contabilità analitica La contabilità analitica è un processo che fornisce le informazioni utili per pianificare, realizzare, controllare le attività e misurare i risultati raggiunti riferiti ad una qualsiasi organizzazione, anche senza fini di lucro La rilevazione di un costo ha quindi sempre un oggetto di riferimento: l oggetto del costo è il termine tecnico per indicare genericamente il servizio, l unità organizzativa, gli utenti, il progetto o altra attività per la quale si rende necessario misurare i costi Per misurare i costi la contabilità analitica utilizza vari metodi a cui corrispondono diverse configurazioni di costo: una delle più utilizzate è il metodo della contabilità a costi pieni (full cost) che rileva e quantifica tutte le risorse utilizzate per lo svolgimento di una determinata attività. Il costo pieno di erogazione di un servizio è costituito dalla somma dei costi ad esso direttamente riconducibili, denominati costi diretti, più una quota equa o ragionevole di quei costi riconducibili a più oggetti di costo, detti costi indiretti 22

23 Le classificazioni di costo più utilizzate I costi possono quindi essere classificati in: - costi diretti, che vengono imputati direttamente all oggetto di osservazione - costi indiretti, che vengono imputati all oggetto di osservazione mediante opportuni coefficienti di riparto, quali per esempio il numero delle persone addette al servizio, la superficie occupata in mq, i chilowattora consumati, le spese di riscaldamento del laboratorio ecc. I costi diretti e indiretti vengono anche definiti costi speciali in quanto possono essere riferiti ad un oggetto di costo in maniera oggettiva Vengono definiti costi comuni quei costi che per definizione si riferiscono a più oggetti di costo (come i costi del settore contabilità e bilancio, costi per fundraising, le imposte, ecc.) nel linguaggio anglosassone tali costi vengono definiti overheads 23

24 Fonte dei dati della contabilità analitica Le informazioni sui costi e i proventi riferiti ad uno specifico oggetto di osservazione sono fornite dalla contabilità analitica che attinge i dati dalla contabilità generale (o economico-patrimoniale). Quest ultima considera oltre all aspetto economico anche quello patrimoniale. Nell attuale sistema contabile di Ateneo abbiamo la seguente situazione: Contabilità finanziaria motore contabile Contabilità ec.-patrimoniale Contabilità analitica 24

25 Finalità della contabilità analitica La principale finalità della contabilità analitica è pertanto quella di stimare il risultato economico di un oggetto predeterminato, per esempio un attività o un servizio e serve innanzitutto per compiere analisi di efficienza economica, in dettaglio essa permette di: stimare il costo dei servizi effettuare analisi comparative dell efficienza di diverse strutture (benchmarking) effettuare previsioni economico-finanziarie consentire un analisi degli scostamenti dal budget stabilire tariffe sui servizi erogati assumere decisioni relative all organizzazione e alla gestione di attività o servizi 25

26 Alcuni concetti di costo In contabilità analitica il costo è dato dalla somma dei valori attribuiti ai fattori impiegati o consumati nei processi e nelle combinazioni produttive. Tali costi sono espressi in termini quantitativo monetari La moneta fornisce un denominatore comune che permette di sommare quantità di risorse diverse, consentendo di prendere in considerazione tutte le risorse utilizzate. Per esempio 25 libri acquistati e 4 ore di lavoro non possono essere sommati nella forma di quantità fisiche eterogenee, ma se le singole quantità sono espresse in termini monetari, per esempio 20 euro per ogni libro e 38 euro per ogni ora di lavoro, allora è possibile sommare queste differenti risorse ottenendo un costo totale pari a 652 euro (25*20+4*38) In contabilità analitica esistono tuttavia dei costi che non hanno contropartita finanziaria (come invece lo sono i costi del personale), ma che hanno tuttavia un valore stimabile. Tali costi costituiscono dei mancati ricavi: rappresentano il valore che avremmo potuto ottenere da un impiego alternativo di risorse, il cui valore può essere utile per alcuni giudizi di convenienza economica (ad esempio rappresenta un mancato provento l inutilizzo di un patrimonio librario di interesse storico reso inaccessibile in quanto abbandonato nelle cantine) 26

27 I servizi bibliotecari Per la valutazione economica dei servizi bibliotecari si potrà procedere nel seguente modo Per ciascun servizio si dovrà calcolare il valore economico delle risorse utilizzate dalla biblioteca per l erogazione del servizio. Queste andranno allocate o direttamente ovvero secondo opportuni criteri di riparto, considerando tutte le attività e servizi prestati dalla biblioteca. I costi da allocare comprederanno: personale strutturato e non strutturato, borse di studio, missioni, materiale di consumo, materiale bibliografico, ammortamento attrezzature tecniche ed informatiche, spese di spedizione, abbonamenti a riviste, traslochi e facchinaggi, ecc. Alcuni servizi, come per esempio i prestiti interbibliotecari, potranno prevedere un tariffario, che sarà basato su proventi stabiliti forfetariamente e idonei a remunerare almeno i costi diretti pari alle spese di spedizione e al costo dei materiali utilizzati 27

28 Esempio con metodo a full cost di servizi bibliotecari PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO DISTRIBUZIONE FOTORIPRODUZION E INFORMAZIONI BIBLIOGRAFICHE TOTALE EVENTUALI PROVENTI DA TARIFFARIO X X X X XXXX COSTI DIRETTI - X - X - X - X - XXXX COSTI INDIRETTI - X - X - X - X - XXXX Risultato operativo lordo X X X X XXXX COSTI COMUNI - XXXX Risultato economico del periodo XXXX 28

29 Considerazioni finali Nel settore bibliotecario il risultato economico, dato dalla differenza tra proventi e costi diretti, pur senza considerare i costi indiretti ed i comuni, sarà negativo qualora i proventi, seppure esistenti, non siano sufficienti a remunerare i costi Le metodologie per la misurazione dei costi sono tuttavia utili, in un ottica di miglioramento delle prestazioni in termini di costo, di efficienza e di qualità, per: analizzare la possibilità di migliorare l efficienza dei servizi valutare le economie derivanti da una diversa organizzazione del lavoro riprogettare i servizi stessi razionalizzare l utilizzo degli spazi, degli strumenti, delle ore-uomo promuovere attività di formazione e riqualificazione del personale valutatare misure di condivisione delle risorse con altre strutture per la gestione comune dei servizi 29

30 Gli argomenti La dimensione finanziaria Dalla dimensione finanziaria alla dimensione economica La dimensione economica Le fonti bibliografiche 30

31 Le fonti bibliografiche L. Fici, Il controllo di gestione negli Atenei, Milano, 2001 L. Cinquini, Strumenti per l analisi dei costi, Torino, 2003 Ministero dell Economia e delle Finanze, Manuale dei principi e delle regole contabili, Ragioneria Generale dello Stato, Marzo 2004 G. Farneti Gestione e contabilità dell Ente Locale, Giugno 2004 P. Ricci A. De Luca, La Contabilità analitica per centri di costo nel sistema di bilancio dello Stato, Milano 2003 A. Propersi, Contabilità e bilanci negli enti locali, Milano2006 C. Del Sordo, Il controllo direzionale nelle Università, Milano 2005 M. Agliati a cura di, Budget e controllo di gestione, Milano 2006 R. Mussari a cura di, Manuale operativo per il controllo di gestione, Catanzaro 2001 Zangrandi, Autonomia ed economicità nelle aziende pubbliche, Milano 1994 R. Anthony e altri, Sistemi di controllo, Milano

Fondamenti di contabilità analitica

Fondamenti di contabilità analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilità analitica Riccardo Giannetti (rgiannet@ec.unipi.it)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 La Facoltà di Medicina adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento di Ateneo

Dettagli

I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO INTRODUZIONE A CONTABILITÀ ANALITICA E BUDGET NEGLI ATENEI Silvia Cantele Dipartimento di Economia Aziendale Università degli Studi di Verona 20 giugno 2013 I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione

Dettagli

Il sistema contabile nel modello aziendalistico. Le amministrazioni pubbliche sono aziende

Il sistema contabile nel modello aziendalistico. Le amministrazioni pubbliche sono aziende Il sistema contabile nel modello aziendalistico Le amministrazioni pubbliche sono aziende Le aziende sono sistemi finalistici di input-output caratterizzati da flussi informativi Le informazioni descrivono

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE Lezione n 9-10 Maggio 2013 Alberto Balducci IL SISTEMA CONTABILE DELL AZIENDA A.S.L. 2 OBIETTIVI DELL IMPIANTO CONTABILE DELL AZIENDA ASL 1) RILEVARE

Dettagli

Fondamenti di contabilit Fondamenti di contabilità analitica analitica

Fondamenti di contabilit Fondamenti di contabilità analitica analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilit Fondamenti di contabilità analitica

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014)

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) (emanato con Decreto del Direttore n. 420 del 09.10.2013, pubblicato in pari data

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni COMUNE DI SASSO MARCONI (Provincia di Bologna) Regolamento sul sistema dei controlli interni (art. 147 del D.Lgs. n. 267/2000) (articolo 3, comma 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Prof. Raffaele Trequattrini. La nuova disciplina in tema di bilancio: problemi e prospettive

Prof. Raffaele Trequattrini. La nuova disciplina in tema di bilancio: problemi e prospettive Prof. Raffaele Trequattrini La nuova disciplina in tema di bilancio: problemi e prospettive Prof. R. Trequattrini Università di Cassino 2 Contenuto Oggi affronteremo i seguenti temi: 1. i riferimenti normativi

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Analisi dei costi e contabilità industriale

Analisi dei costi e contabilità industriale Analisi dei costi e contabilità industriale A cura di dottor Alessandro Tullio La Contabilità Industriale 1 CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? ANALIZZARE I COSTI ORIENTARE I PREZZI DETERMINARE RISULTATI

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 13 EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO -FINANZIARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ INDICE TITOLO I -PRINCIPI... 4 Art. 1 Principi generali... 4 Art. 2 Finalità del regolamento di Ateneo per la finanza e la contabilità, richiamo alle

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011 BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011 NOTA INTEGRATIVA Il bilancio consuntivo dell Associazione, relativo all esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2011, è redatto in base alle risultanze delle

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei

Dettagli

Elaborazione di una scheda di budget

Elaborazione di una scheda di budget LAUREA MAGISTRALE PREVENZIONE A.A 2005-2006 Elaborazione di una scheda di budget Maria Patrizia Becheroni Università degli Studi di Firenze Facoltà di Medicina e chirurgia Dipartimento di sanità Pubblica

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

studio della gestione

studio della gestione studio della gestione individuazione ed analisi delle cause che agiscono sulla economicità aziendale l economicità aziendale può essere scomposta: - in un livello di efficienza interna (Q/f) e in un livello

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012

BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI DI AXA ASSICURAZIONI S.p.A. Iscritto al N. 1066 dell Albo dei Fondi Pensione Sezione Speciale I BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 Via Leopardi, 15 - Milano Organi

Dettagli

Relazione del Consigliere Tesoriere. all Assemblea degli iscritti del giorno 11 maggio 2016 ***

Relazione del Consigliere Tesoriere. all Assemblea degli iscritti del giorno 11 maggio 2016 *** C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A Relazione del Consigliere Tesoriere all Assemblea degli iscritti del giorno 11 maggio 2016 *** Colleghe e Colleghi, Il

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03 Gestione contabile Scuole di Dottorato Versione 03 Attività Struttura data Elaborazione Divisione Pianificazione Agosto 2009 Approvazione ed emissione il Dirigente della Direzione Pianificazione, Amministrazione

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 Il Comune di Bologna si è dotato da molti anni di un sistema di pianificazione e controllo che è stato progressivamente perfezionato e ampliato,

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

L analisi dei costi per le decisioni di impresa

L analisi dei costi per le decisioni di impresa Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli mucelli@econ.univpm.it - www.econ.univpm.it/mucelli L analisi

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO FINANZIARIO CHIUSO AL 31.12.2013

NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO FINANZIARIO CHIUSO AL 31.12.2013 LIFE FOR MADAGASCAR ONLUS VIA MONTE ROSA 15-20145 MILANO CODICE FISCALE 97583110156 NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO FINANZIARIO CHIUSO AL 31.12.2013 Signori associati, ai fini di una maggiore trasparenza

Dettagli

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Analisi Analisi di bilancio Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità finanziaria Analisi del bilancio preventivo Analisi del conto del

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014 BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014 NOTA INTEGRATIVA Premessa generale Il bilancio consuntivo dell Associazione, relativo all esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2014, è redatto in base alle

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011 potrà UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA EMANATO CON D.P. N. 224/2013

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA EMANATO CON D.P. N. 224/2013 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA EMANATO CON D.P. N. 224/2013 Indice Titolo I Articolo 1 Articolo 2 Norme Generali Principi Generali Finalità del Regolamento Titolo II Articolo

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA Studio Candussi & Partners ottobre novembre 2007 ovvero METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PARCELLE DOPO LA LIBERALIZZAZIONE BERSANI Studio

Dettagli

COEP e COAN NELLE UNIVERSITA STATALI: QUADRO NORMATIVO. A cura di Marco Magrini

COEP e COAN NELLE UNIVERSITA STATALI: QUADRO NORMATIVO. A cura di Marco Magrini COEP e COAN NELLE UNIVERSITA STATALI: QUADRO NORMATIVO 1 LE FONTI NORMATIVE Amministrazioni pubbliche in genere Legge 196/2009 detta i principi generali di riforma ed armonizzazione dei bilanci del sistema

Dettagli

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE 4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il conto economico, redatto con il supporto delle rilevazioni finanziarie e del prospetto di conciliazione, pone in evidenza un risultato economico

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 Il Dipartimento di Medicina Clinica adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. 7.

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. 7. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli