INFORMAZIONI GENERALI SUL BANDO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONI GENERALI SUL BANDO"

Transcript

1 PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2014 INFORMAZIONI GENERALI SUL BANDO 1. Destinatari I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. 2. Progetti ammessi a contributo Sono ammessi a contributo progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie (poi descritte più dettagliatamente): - progetti di investimento; - progetti di responsabilità sociale e per l adozione di modelli organizzativi; - progetti per la sostituzione o l adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21/9/1996 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo III del d.lgs. 81/2008 s.m.i. e di ogni altra disposizione di legge applicabile in materia. Le imprese possono presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva, su tutto il territorio nazionale, riguardante una sola tipologia tra quelle sopra indicate. Per i progetti di tipologia 2 l intervento richiesto può riguardare tutti i lavoratori facenti capo ad un unico datore di lavoro, anche se operanti in più sedi o più regioni. 3. Tempistica di realizzazione dell investimento Le spese ammissibili a contributo devono essere sostenute successivamente alla comunicazione di pprovazione definitiva del progetto da parte dell INAIL. Secondo la tempistica prevista da bando questa data sarà probabilmente successiva a settembre Risorse finanziarie destinate ai contributi L Inail per l anno 2013 ha stanziato i seguenti budget regionali Regioni Stanziamenti Stanziamenti Regioni regionali regionali Abruzzo Molise Basilicata Piemonte D.p. Bolzano Puglia Calabria Sardegna Campania Sicilia Emilia Romagna Toscana Friuli Venezia Giulia D.p. Trento Lazio Umbria Liguria Valle d'aosta Lombardia Veneto Marche Italia Ammontare del contributo Pag. 1

2 Il finanziamento è costituito da un contributo, in conto capitale, pari al 65% delle spese sostenute (IVA esclusa) dall impresa per la realizzazione del progetto. Il limite minimo di contributo concedibile è di mentre il massimo è di Requisito di partecipazione al bando Per partecipare al bando le imprese devono raggiungere un punteggio soglia pari a 120 che può essere calcolato seguendo la procedura informatica appositamente predisposta dall INAIL 7. Tempistiche di presentazione della domanda Dal 21 gennaio 2014 sarà disponibile la procedura informatica con il sistema di calcolo del punteggio. Le ditte interessate hanno tempo fino al 8 aprile 2014 per verificare il proprio punteggio e, in caso di raggiungimento dei 120 punti, per inserire e salvare definitivamente il proprio progetto sul sito dell INAIL. Solo così potrà poi partecipare al successivo clic-day (data ancora da definire) per l assegnazione dei contributi. DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLE TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO FINANZIABILI 1. Progetti di investimento Opere murarie e impiantistiche Macchinari e attrezzature Riguarda interventi volti alla riduzione o eliminazione dei fattori di rischio o cause di infortunio presenti nel contesto dell attività lavorativa, purché rilevati nel Documento di Valutazione del Rischio (DVR) o documentazione equipollente ai sensi della normativa vigente. Possono essere finanziate spese riguardanti ristrutturazioni, impiantistica, macchinari, attrezzature ed altri beni strumentali. Tutti gli investimenti devono essere realizzati in una unica unità produttiva e devono essere riferiti alla riduzione o eliminazione di una sola causa di infortunio o fattore di rischio. Le spese non agevolabili sono: dispositivi di protezione individuale nonché ogni altro relativo complemento o accessorio; automezzi e mezzi di trasporto su strada, aeromobili, imbarcazioni e simili; impianti per l abbattimento di emissioni o rilasci nocivi all esterno degli ambienti di lavoro, o comunque qualsiasi altra spesa mirata esclusivamente alla salvaguardia dell ambiente; hardware, software e sistemi di protezione informatica fatta eccezione per quelli dedicati all esclusivo ed essenziale funzionamento di sistemi (impianti, macchine, dispositivi e/o attrezzature) utilizzati ai fini del miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza; mobili e arredi; manutenzione ordinaria ambienti di lavoro, macchinari, attrezzature; investimenti per l avvio di una nuova ditta o nuova linea di produzione; acquisti effettuati in leasing. Pag. 2

3 2. progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale Si possono finanziare le spese di consulenza ed eventuali costi di certificazione relativi alle seguenti tipologie di interventi: Adozione di un SGSL certificato OHSAS da enti di certificazione accreditati per lo specifico settore presso ACCREDIA o presso altro ente unico nazionale di accreditamento che operi nel rispetto del regolamento tecnico RT12 SCR rev. 1 pubblicato da Sincert nel 2006 Adozione di un SGSL certificato OHSAS da enti di certificazione non accreditati per lo specifico settore presso ACCREDIA o presso altro ente unico nazionale di accreditamento che operi nel rispetto del regolamento tecnico RT12 SCR rev. 1 pubblicato da Sincert nel 2006 Adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) di settore previsti da accordi INAIL-Parti Sociali Adozione di un SGSL non rientrante nei casi precedenti Adozione di un modello organizzativo e gestionale conforme all art. 30 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all art 30 del D.Lgs. 81/08 asseverato in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 per il settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000 Modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente 3. Progetti di sostituzione o adeguamento attrezzature di lavoro Sostituzione di macchinari obsoleti acquistati prima del 1996 Possono essere ammesse le spese relative alla sostituzione o adeguamento delle attrezzature di lavoro messe in servizio prima del 21/9/1996 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo III del d.lgs. 81/2008 s.m.i. e di ogni altra disposizione di legge applicabile in materia.. In caso di sostituzione deve essere necessariamente prevista la rottamazione del bene precedente. I fondi riservati a questa iniziativa sono molto esigui rispetto al totale regionale disponibile (circa il 5% del plafond regionale) Pag. 3

4 PROCEDURA PER PARTECIPARE AL BANDO INAIL 2014 FASE 1 VERIFICA REQUISITI AMMISSIBILITA BARRARE LE CASELLE PER CONFERMA DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE SI RICORDA CHE LA DITTA DEVE POSSEDERE TUTTI I REQUISITI. IN CASO CONTRARIO NON Può PARTECIPARE AL BANDO INAIL 2013 avere attiva nel territorio Regionale dove intende presentare domanda di contributo l unità produttiva nella quale intende realizzare il progetto; essere iscritta nel Registro delle Imprese o, nel caso di impresa artigiana, all Albo delle Imprese Artigiane; essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura concorsuale; essere in regola con gli obblighi contributivi di cui al Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.); non aver chiesto, né aver ricevuto, altri contributi pubblici sullo stesso investimento oggetto della domanda; non aver ottenuto il provvedimento di ammissione a contributo in nessuno dei precedenti bandi ISI INAIL 2010, 2011 o 2012 FASE 2 INDIVIDUAZIONE TIPOLOGIA PROGETTO FINANZIABILE Per procedere con la simulazione del punteggio conseguibile occorre individuare a quale linea di intervento si vuole partecipare (barrare una sola casella) 1. Progetti di investimento: (Macchinari e attrezzature Opere murarie e impiantistiche) Se scegli questo progetto compila solo le pagine n progetti per la Certificazione: modelli organizzativi e di responsabilità sociale Se scegli questo progetto compila solo le pagine n ) 3. Progetti di sostituzione attrezzature antecedenti al 1996 (solo pag Timbro e firma del legale rappresentante Pag. 4

5 PER PROSEGUIRE FARE RIFERIMENTO ALLA FASE 3 RIFERITA ALLA LINEA DI INTERVENTO PRESCELTA FASE 3 DETTAGLIO PROGETTI INVESTIMENTO (Macchinari e attrezzature, opere murarie e impiantistiche) Compilare le successive tabelle avvalendosi della collaborazione del proprio consulente sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro TABELLA 1 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO PREVISTO NB: Possono essere inserite più voci di spesa purché siano tutte riconducibili all unica finalità indicata nella successiva TABELLA 2. Voce 1. SPESE PER RISTRUTTURAZIONE/MODIFICA STRUTTURALE E/O IMPIANTISTICA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTO (IVA esclusa) Voce 2. SPESE PER ATTREZZATURE, MACCHINARI, IMPIANTI PRODUTTIVI E DISPOSITIVI DESCRIZIONE BENE STRUMENTALE COSTO (IVA esclusa) Voce 3. SPESE PER PROGETTAZIONI E CONSULENZE TECNICHE INERENTI IL PROGETTO (max 10% del totale della voce 1 o 5% del totale della voce 2) DESCRIZIONE SERVIZIO COSTO (IVA esclusa) Produrre una breve relazione sul progetto d investimento (max 10 righe) indicando come le spese sopra specificate contribuiscono a raggiungere l obiettivo prescelto nella successiva TABELLA 2. In caso di acquisto di macchinari o attrezzature specificare se vanno in sostituzione di altri macchinari/attrezzature e, eventualmente, indicare quali vengono sostituiti, specificando anche le modalità di sostituzione (rottamazione, permuta, vendita, ecc ) Pag. 5

6 TABELLA 2 INDIVIDUAZIONE DELLE FINALITA DELL INTERVENTO Sulla base del programma di spesa indicato dalla ditta barrare il fattore di rischio o la causa di infortunio che può essere ridotta/eliminata tra le opzioni di seguito riportati tenendo presente che: - Si deve indicare un solo fattore di rischio o causa di infortunio tra le opzioni sotto indicate, a cui devono essere ricondotti tutti i singoli investimenti facenti parte del progetto. Nel caso in cui non fosse possibile è necessario effettuare una scelta e prendere in considerazione i soli investimenti che possono rientrare nelle suddetta condizione; - il fattore di rischio o causa di infortunio individuato deve essere riscontrabile nel Documento di Valutazione del Rischio (DVR) o, nel caso di imprese non tenute alla redazione del DVR neanche nella forma prevista dalle procedure standardizzate, in altro documento di valore equipollente ai sensi della normativa vigente. In caso di ottenimento del contributo la ditta dovrà presentare copia del DVR o documento equipollente attraverso il quale si possa dimostrare l esistenza di tale condizione alla data attuale; CHIEDERE CONFERMA DELLA SPUNTA AL CONSULENTE SULLA SICUREZZA DELLA DITTA Caduta del lavoratore dall alto (impalcatura, scala, sedia) Urto o collisione con oggetto in movimento, inclusi i veicoli Sforzo fisico a carico del sistema muscolo-scheletrico Ferita per contatto con materiale duro o abrasivo Ferita o taglio con oggetti appuntiti o taglienti bonifica amianto (escluso mero smaltimento) agenti chimici cancerogeni (escluso amianto) e mutageni (1) spazi confinati (2) agenti chimici pericolosi (3) movimentazione manuale di carichi movimenti e sforzi ripetuti vibrazioni trasmesse al corpo intero vibrazioni al sistema mano-braccio rumore incendio, esplosione ed emergenze rischio elettrico altro (specificare): TIMBRO E FIRMA DITTA (Confrontarsi con il consulente esterno della sicurezza sui luoghi di lavoro) (1) La classificazione cancerogeni e mutageni deve tenere conto oltre che della normativa nazionale e comunitaria anche della classificazione ARC (gruppo 1, 2A e 2B) e ACGIH (A1 e A2) (2) Con tale dicitura ci si riferisce ad ambienti di lavoro di cui agli artt. 66 e 121 e all Allegato IV del D. Lgs. 81/08 (3) Per la definizione di agente chimico pericoloso si fa riferimento al Titolo IX del Dlgs81/2008 Pag. 6

7 TABELLA 3 INDIVIDUAZIONE EFFICACIA DELL INTERVENTO Barrare, tra quelle sotto indicate, la tipologia di EFFICACIA in cui rientra l intervento (barrare una sola opzione): CHIEDERE CONFERMA DELLA SPUNTA AL CONSULENTE SULLA SICUREZZA DELLA DITTA eliminazione di una sostanza cancerogena e/o mutagena adozione di un ciclo chiuso nel processo produttivo completa automazione di un processo produttivo precedentemente svolto manualmente dai lavoratori altre misure di eliminazione/riduzione/prevenzione del rischio SI TENGA PRESENTE CHE L INDIVIDUAZIONE DI QUESTI ELEMENTI, IN CASO DI OTTENIMENTO DEL CONTRIBUTO, DOVRA POI ESSERE SUPPORTATA DALLA REDAZIONE DI UNA RELAZIONE TECNICA REDATTA SOTTO FORMA DI PERIZIA GIURATA A FIRMA DI UN TECNICO ESTERNO ED INDIPENDENTE DALLA DITTA ISCRITTO ALL ALBO PROFESSIONALE. NELL EVENIENZA VERRANNO FORNITE TUTTE LE INDICAZIONI E SPIEGAZIONI DI COME DEVE ESSERE REDATTA. TIMBRO E FIRMA DITTA (Confrontarsi con il consulente esterno della sicurezza sui luoghi di lavoro) Pag. 7

8 FASE 3 - DETTAGLIO ADOZIONE MODELLI ORGANIZZATIVI E DI RESPONSABILITA SOCIALE (CERTIFICAZIONE) Compilare la successiva tabella avvalendosi del consulente cui viene chiesto il preventivo per l intervento da realizzare Indicare quale tipologia di intervento si intende attuare tra quelle sotto elencate (barrare una sola casella) Adozione di un SGSL certificato OHSAS da enti di certificazione non accreditati per lo specifico settore presso ACCREDIA o presso altro ente unico nazionale di accreditamento che operi nel rispetto del regolamento tecnico RT12 SCR rev. 1 pubblicato da Sincert nel 2006 Adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) di settore previsti da accordi INAIL-Parti Sociali Adozione di un SGSL non rientrante nei casi precedenti Adozione di un modello organizzativo e gestionale conforme all art. 30 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all art 30 del D.Lgs. 81/08 asseverato in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 per il settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000 Modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente SI TENGA PRESENTE CHE AD OGNUNO DI QUESTI ELEMENTI CORRISPONDE UN PRECISO PUNTEGGIO PER CUI L INDIVIDUAZIONE DI UN INTERVENTO DIVENTA VINCOLANTE E NON PUO POI ESSERE MODIFICATO IN FASE DI REALIZZAZIONE Produrre una brevissima relazione descrittiva dell intervento specificando le modalità di realizzazione e gli obiettivi che si vogliono raggiungere (max 10 righe) Pag. 8

9 FASE 3 SOLO per i progetti di sostituzione attrezzature antecedenti al 1996 Compilare la successiva tabella TABELLA 1 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO PREVISTO NB: Possono essere inserite più voci di spesa purché siano tutte riconducibili all unica finalità indicata nella successiva TABELLA 2. Voce 1. SPESE PER SOSTITUZIONE ATTREZZATURE DI LAVORO MESSE IN SERVIZIO PRIMA DEL 21/09/1996 CON ATTREZATURE RISPONDENTI AI REQUISITI DI CUI AL TITOLO III DEL DLGS 81/2008 S.M.I. E DI OGNI ALTRA DISPOSIZIONE DI LEGGE APPLICABILE IN MATERIA DESCRIZIONE BENI STRUMENTALI CHE VENGONO INSERITI COSTO (IVA esclusa) Voce 2. SPESE PER ADEGUAMENTO ATTREZZATURE DI LAVORO MESSE IN SERVIZIO PRIMA DEL 21/09/1996 DESCRIZIONE INTERVENTI DI ADEGUAMENTO COSTO (IVA esclusa) Produrre una breve relazione sul progetto d investimento (max 10 righe) descrivendo gli interventi da effettuare e le corrispondenti attrezzature di lavoro che vengono sostituite o adeguate SI TENGA PRESENTE CHE, IN CASO DI OTTENIMENTO DEL CONTRIBUTO, QUANTO SOPRA INDICATO DOVRA POI ESSERE CONFERMATO TRAMITE APPOSITA RELAZIONE TECNICA REDATTA SOTTO FORMA DI PERIZIA GIURATA A FIRMA DI UN TECNICO ESTERNO ED INDIPENDENTE DALLA DITTA ISCRITTO ALL ALBO PROFESSIONALE. NELL EVENIENZA VERRANNO FORNITE TUTTE LE INDICAZIONI E SPIEGAZIONI DI COME DEVE ESSERE REDATTA INOLTRE, LA SOSTITUZIONE DI ATTREZZATURE DI LAVORO VA DOCUMENTATA CON APPOSITO CERTIFICATO DI ROTTAMAZIONE DEL BENE SOSTITUITO Pag. 9

10 FASE 4 AVVIO FASE DI VERIFICA GRATUITA DEL PUNTEGGIO SCARICARE, COMPILARE, TIMBRARE E SOTTOSCRIVERE I DOCUMENTI: - LETTERA DI INCARICO (CLICCA QUI PER SCARICARLA) - LETTERA DI DELEGA PER RICHIESTA RILASCIO PASSWORD PROVVISORIA PER ATTIVAZIONE PROCEDURA VERIFICA PUNTEGGIO DOCUMENTI RIFERITI AL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA - Copia documento identità in corso di validità e copia codice fiscale FASE 5 INFORMAZIONI E DATI SULLA DITTA Referente interno alla Ditta per il progetto di investimento: TEL: DATI LEGALE RAPPRESENTANTE NOME: COGNOME: CODICE FISCALE: DATA NASCITA: LUOGO DI NASCITA: PROV.: COMUNE DI RESIDENZA: PROV.: VIA: N : DATI IMPRESA DENOMINAZIONE: COMUNE SEDE LEGALE: PROV.: VIA: N : CODICE FISCALE: P. IVA: TEL: PEC: ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI: N ISCRIZIONE REGISTRO IMPRESE: DATA ISCRIZIONE: N ISCRIZIONE ALBO ARTIGIANI: DATA ISCRIZIONE: ATTIVITA PREVALENTE:.. CODICE ATECO 2007: BANCA PER L ACCREDITO DEL CONTRIBUTO: FILIALE: CODICE IBAN: CODICE INAIL DELLA DITTA:. DATI SEDE OPERATIVA DOVE VIENE REALIZZATO L INVESTIMENTO: COMUNE SEDE OPERATIVA: PROV.: CAP: VIA: N : Pag. 10

11 RIFERIMENTI CONSULENTE DELLA DITTA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SOCIETA DEL CONSULENTE sulla Sicurezza : NOME: COGNOME: TEL: LA DITTA HA OTTENUTO CONTRIBUTI NEGLI ANNI 2012, 2013 e 2014? ENTE EROGATORE NORMATIVA DI DATA DELIBERA DI IMPORTO DEL CONTRIBUTO RIFERIMENTO CONCESSIONE CONTRIBUTO DATI PER IL CALCOLO DELLA DIMENSIONE DELL IMPRESA (SITUAZIONE ANNO 2012) Numero medio dipendenti anno 2012, compresi i soci lavoratori: Fatturato (in migliaia di Euro) anno 2012: Totale attivo Stato Patrimoniale (in migliaia di Euro) anno 2012: per ogni impresa associata (1) riportare i seguenti dati: Quota di Nome ditta Partecipazione (valore %) Media occupati anno 2012 Fatturato anno 2012 Totale attivo patrimoniale anno 2012 per ogni impresa collegata (2) riportare i seguenti dati: Quota di Nome ditta Partecipazione (valore %) Media occupati anno 2012 Fatturato anno 2012 Totale attivo patrimoniale anno 2012 (1) Sono considerate associate le imprese, non identificabili come imprese collegate ai sensi del successivo punto, tra le quali esiste la seguente relazione: un'impresa detiene, da sola oppure insieme ad una o più imprese collegate, il 25% o più del capitale o dei diritti di voto di un'altra impresa. (2) Sono considerate collegate le imprese fra le quali esiste una delle seguenti relazioni: a) l'impresa in cui un'altra impresa dispone della maggioranza dei voti esercitabili nell'assemblea ordinaria; b) l'impresa in cui un'altra impresa dispone di voti sufficienti per esercitare un'influenza dominante nell'assemblea ordinaria; c) l'impresa su cui un'altra impresa ha il diritto, in virtù di un contratto o di una clausola statutaria, di esercitare un'influenza dominante, quando la legge applicabile consenta tali contratti o clausole; d) le imprese in cui un'altra, in base ad accordi con altri soci, controlla da sola la maggioranza dei diritti di voto. INVIARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE TRAMITE MAIL O FAX AI SEGUENTI RIFERIMENTI Oppure via FAX Pag. 11

12 LETTERA DI DELEGA PER LA RICHIESTA DELLA PASSWORD INAIL PROVVISORIA PER IL CALCOLO DEL PUNTEGGIO del BANDO INAIL ISI 2013 scadenza 8 aprile 2014 Il/La sottoscritto/a.., nato/a a... il././19. e residente a.. in via.. n. CODICE FISCALE..... CODICE INAIL DITTA. legale rappresentante/titolare della ditta con sede a (città). in via.. n.. PARTITA IVA. in relazione alla possibilità di presentare una richiesta di contributo a valere sul Bando INAIL ISI 2013 (scadenza 8 aprile 2014) con la presente delega Lo Studio EuroConsulenti Group SRL avente sede in Urbino, Via Ca Biancone n.2/b, P.Iva: , ad effettuare, per conto dell impresa, tutte le attività preordinate alla presentazione della domanda. In particolare autorizza la società suddetta a richiedere il rilascio della password provvisoria necessaria all inserimento dei dati sul sito dell INAIL. LUOGO:.. DATA.../../2014 Firma del legale rappresentante della Ditta:.. ALLEGARE FOTOCOPIA DOCUMENTO DI IDENTITA AVANTI-RETRO Pag. 12

13 INVIARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE TRAMITE MAIL O FAX AI SEGUENTI RIFERIMENTI Oppure via FAX: FASE 6 COMPLETAMENTO VERIFICA DEL PUNTEGGIO IL RISULTATO OTTENIBILE SI SUDDIVIDE IN 3 DIFFERENTI CATEGORIE: IPOTESI 1 LA DITTA E IMPOSSIBILITATA A RAGGIUNGERE I 120 PUNTI NECESSARI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO: - L INCARICO SI CONCLUDE SENZA COSTI E NESSUN IMPEGNO PER LE PARTI IPOTESI 2 LA DITTA NON ARRIVA AI 120 PUNTI MA, CON ADEGUATI NOSTRI SUGGERIMENTI PUO RAGGIUNGERE TALE SOGLIA: - IL CONSULENTE CONTATTERA DIRETTAMENTE LA DITTA PER PROPORRE LA SOLUZIONE POSSIBILE E VERIFICARE CHE SIA ATTUABILE; - NEL CASO NON SIA ATTUABILE L INCARICO SI CONCLUDE SENZA NESSUN IMPEGNO PER LE PARTI - IN CASO DI ADOTTABILITA DELLA SOLUZIONE PROPOSTA, PREVIO INVIO DELLA CONTABILE BANCARIA DI AVVENUTO BONIFICO DEL COSTO PRATICA, SI PROCEDE CON L INSERIMENTO DELLA DOMANDA COMPLETA SUL SITO INAIL; - SALVATAGGIO DEFINITIVO DEL PROGETTO ENTRO LA SCADENZA DEL BANDO: 8 APRILE 2014 IPOTESI 3 LA DITTA RAGGIUNGE I 120 PUNTI: - PREVIO INVIO DELLA CONTABILE BANCARIA DI AVVENUTO BONIFICO DEL COSTO PRATICA SI PROCEDE CON L INSERIMENTO DELLA PRATICA COMPLETA SUL SITO INAIL; - SALVATAGGIO DEFINITIVO DEL PROGETTO ENTRO LA SCADENZA DEL BANDO (8 APRILE 2014) FASE 7 COMPLETAMENTO PRATICA PER PARTECIPAZIONE AL CLICK DAY ACQUISIZIONE CODICE IDENTIFICATIVO ASSEGNATO DALL INAIL ALLA DOMANDA CORRETTAMENTE INSERITA SUL SITO INVIO DEL CODICE ALLA DITTA, INSIEME ALL ESTRATTO DELLA PAGINA RELATIVA ALL ASSEGNAZIONE DEL PUNTEGGIO ATTRIBUITO AL PROGETTO FORMAZIONE ON LINE SULLA PROCEDURA PER LA PARTECIPAZIONE AL CLICK DAY VERIFICA DELLE GRADUATORIE PUBBLICATE DALL INAIL E COMUNICAZIONE ALLE DITTE SULL ESITO DELLA LORO PRATICA NB: ALLE DITTE INSERITE POSITIVAMENTE NELLA GRADUATORIA VERRANNO POI COMUNICATE LE ULTERIORI FASI DI LAVORO PER IL COMPLETAMENTO DELLA DOMANDA Pag. 13

PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2015

PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2015 PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2015 1. Destinatari I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

SINTESI BANDO INAIL ISI 2014 (Anno 2015)

SINTESI BANDO INAIL ISI 2014 (Anno 2015) SINTESI BANDO INAIL ISI 2014 (Anno 2015) Scopo Incentivare le imprese a migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti. Progetti ammessi a contributo

Dettagli

Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013

Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013 F i n a n z i a m e n t i I N A I L B A N D O I S I 2 0 1 3 P a g. 1 Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013 Incentivi in conto capitale alle imprese per la realizzazione di interventi in materia

Dettagli

Bando INAIL 2013: una grande opportunità per le imprese!

Bando INAIL 2013: una grande opportunità per le imprese! BANDO INAIL 2013 Bando INAIL 2013: una grande opportunità per le imprese! Con il Bando Inail le imprese possono ottenere un contributo a fondo perduto del 50% fino a 100.000 per realizzare ristrutturazioni

Dettagli

Finanziamenti alle imprese

Finanziamenti alle imprese Attività promozionali della cultura e delle azioni di prevenzione, ex art.11 comma 1, lett. a) e comma 5, Dlgs.81/2008 e s.m.i. Finanziamenti alle imprese Avviso Pubblico 2013 Roma 22 NOVEMBRE 2013 I PROGETTI

Dettagli

I.N.A.I.L. Bando ISI 2015

I.N.A.I.L. Bando ISI 2015 I.N.A.I.L. Bando ISI 2015 BUDGET REGIONALI REGIONE RIPARTIZIONE FONDI (%) STANZIAMENTO ISI 2015 Graduatoria 1 Progetti di investimento (1) e modelli organizzativi e di responsabilità sociale (2) STANZIAMENTO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 18 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISI: fino al 7 maggio 2015 inserimento del progetto per ottenere gli incentivi Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Nel presente documento si riporta un riepilogo degli adempimenti richiesti dal Bando ISI-INAIL della Regione Lazio per poter accedere ai contributi

Dettagli

BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012

BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012 NUOVI INCENTIVI INAIL FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2013 Pescantina : 28/01/2013 Sede legale ed amministrativa: via Vivaldi,

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2014 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2015 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2014

Dettagli

BANDO ISI INAIL 2014 2015 : ELEMENTI RILEVANTI

BANDO ISI INAIL 2014 2015 : ELEMENTI RILEVANTI BANDO ISI INAIL 2014 2015 : ELEMENTI RILEVANTI I PROGETTI Le imprese possono presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva su tutto il territorio nazionale, riguardante una sola tipologia

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

INFOTEL SISTEMI E CENTRO ALTA FORMAZIONE

INFOTEL SISTEMI E CENTRO ALTA FORMAZIONE INFOTEL SISTEMI E CENTRO ALTA FORMAZIONE CERTIFICATA PROGRAMMA INCENTIVI INAIL Bando ISI INAIL 2013 per interventi da avviare nel 2014 CHI SIAMO INFOTEL SISTEMI (www.infotelsistemi.com) è un azienda che

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

» La fideiussione va presentata alla sede INAIL competente, entro 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di ammissione.

» La fideiussione va presentata alla sede INAIL competente, entro 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di ammissione. Bando Inail 3 MARZO 7 MAGGIO 2015 Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. 81/2008, Art. 11 comma 1 e 5) Incentivare le imprese, affinché possano realizzare interventi finalizzati

Dettagli

Per poter partecipare al Bando Inail la Sua Azienda ha due alternative per usufruire della nostra consulenza gratuita:

Per poter partecipare al Bando Inail la Sua Azienda ha due alternative per usufruire della nostra consulenza gratuita: Buongiorno, Le ricordo che l impresa per poter partecipare al bando Inail deve soddisfare, a pena di esclusione dalla partecipazione al bando, i seguenti requisiti: - avere attiva nel territorio della

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 6 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6- DATI ANAGRAFICI... 8 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI

PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI LABOR SECURITY SRL PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI Sede Operativa: Viale Sacco e Vanzetti, 141 00155 Roma Tel. 06-83608632 Fax.06-83608634 E-mail: info@laborsecurity.it www.laborsecurity.it OGGETTO:

Dettagli

OBIETTIVI DEL DOCUMENTO INTRODUZIONE

OBIETTIVI DEL DOCUMENTO INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 INTRODUZIONE... 1 ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 COMPILAZIONE ON-LINE... 3 SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 4 DATI ANAGRAFICI... 5 SCELTA DEL PROGETTO... 9 DATI RELATIVI

Dettagli

OGGETTO: Modalità consulenza gratuita per l ottenimento dei finanziamenti INAIL ISI 2015

OGGETTO: Modalità consulenza gratuita per l ottenimento dei finanziamenti INAIL ISI 2015 OGGETTO: Modalità consulenza gratuita per l ottenimento dei finanziamenti INAIL ISI 2015 Buongiorno, in riferimento alla partecipazione al Bando Inail Isi per l erogazione dei contributi a fondo perduto

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 4 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 5 6- DATI ANAGRAFICI... 6 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

INAIL AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

INAIL AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (art. 11 comma 5 dei D.lgs 81/2008 e 106/2009) Luigi Trimarchi Dir. Reg.

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 08 Gennaio 2014 BANDO INAIL ISI 2013 Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. OBIETTIVO

Dettagli

Allegato 3: Sostituzione/adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 ALTO ADIGE

Allegato 3: Sostituzione/adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 ALTO ADIGE CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Per i progetti di: 1. sostituzione di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo

Dettagli

Finanziamenti alle imprese Avviso 2014 (art. 11 comma 5 D. Lgs n. 81/2008 e s.m.i.)

Finanziamenti alle imprese Avviso 2014 (art. 11 comma 5 D. Lgs n. 81/2008 e s.m.i.) (allegato) Finanziamenti alle imprese Avviso 2014 (art. 11 comma 5 D. Lgs n. 81/2008 e s.m.i.) OGGETTO Attraverso la pubblicazione di un Avviso quadro nazionale, nella cui cornice si inseriscono i singoli

Dettagli

Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili

Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili RISVOLTI PREMIALI: AGEVOLAZIONE SUL PREMIO ASSICURATIVO E POSSIBILE FINANZIAMENTO INAIL Ing. Biagio

Dettagli

BANDO INAIL ISI 2013

BANDO INAIL ISI 2013 BANDO INAIL ISI 2013 Incontro informativo organizzato da Confartigianato Asolo Montebelluna ASPETTI OPERATIVI PER LA PARTECIPAZIONE Ing. Ivano Alessio Finalità del bando Obiettivo di incentivare le imprese

Dettagli

Finanziamenti ISI 2012

Finanziamenti ISI 2012 Finanziamenti ISI 2012 L invio telematico delle domande si svolgerà in una unica sessione il giorno 18 Aprile 2013 dalle ore 16:00 alle ore 17:00. REGOLE TECNICHE PER LA PARTECIPAZIONE ALL INOLTRO ONLINE

Dettagli

1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 INTRODUZIONE

1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 INTRODUZIONE 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2 INTRODUZIONE... 1 3 ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4 COMPILAZIONE ON LINE... 6 5 SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ANAGRAFICA... 8

Dettagli

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato sono definiti per gli interventi di Tipologia 1 -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (art. 11 comma 5 dei D.lgs 81/2008 e 106/2009) L avviso pubblico

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO Spett.le Soggetto Gestore Via.n...

Dettagli

Incentivi alle imprese INAIL Avviso pubblico 2013

Incentivi alle imprese INAIL Avviso pubblico 2013 Incentivi alle imprese INAIL Avviso pubblico 2013 Valutazione tecnica per il finanziamento Dott.ssa Daniela Bellomo Convegno Palermo del Avviso 2013 - FINALITA incentivare le imprese a realizzazione di

Dettagli

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato sono definiti per gli interventi di Tipologia 1 -

Dettagli

D. Lgs 81/2008 s.m.i.)

D. Lgs 81/2008 s.m.i.) I.N.A.I.L. - AVVISO PUBBLICO QUADRO 2015 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione dell articolo 11, comma 5 D. Lgs 81/2008 s.m.i.)

Dettagli

Alla CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA Servizio Affari Economici PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it

Alla CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA Servizio Affari Economici PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it Riservato all Ufficio Agevolazioni Economiche PROT. AGEF- Spese ammesse: Euro Contributo richiesto: Euro Spese finanziabili: Euro Contributo concesso: Euro Associaz. di categoria di riferimento: Riservato

Dettagli

Notizie dalla Cassa Edile di Ascoli Piceno e Fermo N. 3/2015 del 22/02/2015

Notizie dalla Cassa Edile di Ascoli Piceno e Fermo N. 3/2015 del 22/02/2015 Notizie dalla Cassa Edile di Ascoli Piceno e Fermo N. 3/2015 del 22/02/2015 I.N.A.I.L. ESTRATTO AVVISO PUBBLICO 2014 PER INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DALLA LEGGE 25/2/1992, N. 215 (Attenersi scrupolosamente alle istruzioni allegate Allegato n.

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DALLA LEGGE 25/2/1992, N. 215 (Attenersi scrupolosamente alle istruzioni allegate Allegato n. Raccomandata A.R. Spett.le MARCA DA BOLLO Euro 10,33 (E necessario apporne una ogni 4 pagine del modulo) Allegato n. 4 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DALLA LEGGE 25/2/1992, N. 215 (Attenersi

Dettagli

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI Prot. n. Budrio, BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, A FRONTE DI SPESE SOSTENUTE, AD IMPRESE ARTIGIANE CON SEDE LEGALE E/O OPERATIVA IN BUDRIO E COMUNQUE OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE- ANNO 2010.

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

ESTRATTO BANDO ISI INAIL. Approfondimento. - I Risultati. Contributi a fondo perduto per gli investimenti in sicurezza. N. 1 / Gennaio-Febbraio 2015

ESTRATTO BANDO ISI INAIL. Approfondimento. - I Risultati. Contributi a fondo perduto per gli investimenti in sicurezza. N. 1 / Gennaio-Febbraio 2015 Rivista Bimestrale edita da SOLUZIONI FINANZIARIE PER L IMPRESA ESTRATTO N. 1 / Gennaio-Febbraio 2015 Approfondimento - I Risultati BANDO ISI INAIL Contributi a fondo perduto per gli investimenti in sicurezza

Dettagli

FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE. Armando Romaniello

FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE. Armando Romaniello FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Armando Romaniello PREMESSA EFFICACIA DEI SGSL Gruppi di tariffa Settori Az. certificate Italia % % If*

Dettagli

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015.

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015. MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015 Al Fondo per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso (PFU) A: contratti@pec.pneumaticifuoriuso.it

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O RELATIVA AL I SAL RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DATA SPEDIZIONE (presentazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE RISERVATO AL

Dettagli

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL PI VALLE DELL IRNO BANDO ATTUATIVO DELLA SCHEDA PROGETTO P002 Nuovo regime d agevolazione a favore delle PMI SPAZIO RISERVATO AL GESTORE CONCESSIONARIO

Dettagli

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE:

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE: CODICE DOMANDA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5,

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

#($)*($$%$&+#($)*(###$&'",-./0 3*3$$#3 32## 10.41 0 0 1 0 7. 0 7..1 # $%& '( ' ( ) * ) +,, - $. / ) #

#($)*($$%$&+#($)*(###$&',-./0 3*3$$#3 32## 10.41 0 0 1 0 7. 0 7..1 # $%& '( ' ( ) * ) +,, - $. / ) # !"" "#$%$$&'!" #($)*($$%$&+#($)*(###$&'",-./0. 1. #23$$#3 01 4 5 4"4 6 3*3$$#3 32## 10.41 0 0 1 0! " 7..1..41 7. 0 7..1 # $%& '( ' ( ) * ) +,, - $. / ) # ) $ 0% 12%% 3% *445%5% %00$454 64 4%0-77% -0 *14551

Dettagli

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov.

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov. Marca da bollo Euro 14,62 Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO SERVIZIO PROMOZIONE ECONOMICA E REGOLAZIONE DEL MERCATO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

Dettagli

MARKETING INFORMATION

MARKETING INFORMATION Gentile Concessionario, Come sicuramente avrete visto negli ultimi giorni, con una circolare il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via alle agevolazioni della NUOVA LEGGE SABATINI per lo sviluppo

Dettagli

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2014

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2014 (art. 11 commi 1 e 5 dei decreti 81/2008 e s.m.i) Reggio Emilia, 05/02/2015 Dott.ssa Sandra Berselli Responsabile Processo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

Finalità IL BANDO HA L OBIETTIVO DI INCENTIVARE LE IMPRESE A REALIZZARE PROGETTI PER IL MIGLIORAMENTO DEI LIVELLI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO.

Finalità IL BANDO HA L OBIETTIVO DI INCENTIVARE LE IMPRESE A REALIZZARE PROGETTI PER IL MIGLIORAMENTO DEI LIVELLI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO. BANDO INAIL ISI 2015 FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Milano, 9 marzo 2016 Finalità IL BANDO HA L OBIETTIVO DI INCENTIVARE LE IMPRESE

Dettagli

POR 2000/2006 Misura 6.5 Bando per l internazionalizzazione delle PMI dei Distretti Industriali e Sistemi locali a vocazione Industriale

POR 2000/2006 Misura 6.5 Bando per l internazionalizzazione delle PMI dei Distretti Industriali e Sistemi locali a vocazione Industriale POR 2000/2006 Misura 6.5 Bando per l internazionalizzazione delle PMI dei Distretti Industriali e Sistemi locali a vocazione Industriale DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O RELATIVA AL I SAL Spett.le

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

- Compilare su carta semplice e in ogni sua parte il modello misura A) Donna crea impresa, riportato nel seguito, e composto da 2 sezioni

- Compilare su carta semplice e in ogni sua parte il modello misura A) Donna crea impresa, riportato nel seguito, e composto da 2 sezioni Allegati per presentazione domanda su misura A DONNA CREA IMPRESA Per presentare domanda sulla misura A Donna crea impresa è necessario: - Compilare su carta semplice e in ogni sua parte il modello misura

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto di investimento presentato (COLONNA 1):

Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto di investimento presentato (COLONNA 1): CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto di investimento presentato (COLONNA 1): L elenco della documentazione da inviare

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi BANDO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI CONCEDERE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI DI CAREGGINE Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione

Dettagli

REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI

REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI ing. Eugenio Davì - Coordinatore della CON.T.A.R.P. (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione) I.N.A.I.L. - D.R. Sicilia Il presente REPORT sugli

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

MODULO di PRE-DOMANDA

MODULO di PRE-DOMANDA Convenzione del 31.01.2011 tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Piemonte. Programma sperimentale di interventi straordinari a sostegno di lavoratori e imprese dei settori tessile,

Dettagli

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative A chi è rivolto iniziative strutturate sotto forma

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

OGGETTO: Domanda di erogazione contributo* Il/la sottoscritto/a... residente a...in via/piazza.. N... tel. n. e mail.. in qualità di (barrare)

OGGETTO: Domanda di erogazione contributo* Il/la sottoscritto/a... residente a...in via/piazza.. N... tel. n. e mail.. in qualità di (barrare) Al Comune di Vimercate Ente capofila del Distretto dell attrattività BRIANTECH, un territorio a portata di smartphone OGGETTO: Domanda di erogazione contributo* Il/la sottoscritto/a... residente a....in

Dettagli

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Timbro aziendale Bollo 16,00 euro ALLA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Avviso per la Concessione di Contributi

Dettagli

INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015

INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015 INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015 Organizzazione formazione: MAXA S.n.c. Via Farini,22 San Giovanni in Persiceto tel.051/6810244

Dettagli

PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi

PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi Convegno Controllo Accessi nei Cantieri: investire in sicurezza conviene Misure premiali per chi adotta il REPAC (Registratore delle Presenze Autorizzate

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD BS OHSAS 18001. Il corso è valido come aggiornamento per RSPP/ASPP

IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD BS OHSAS 18001. Il corso è valido come aggiornamento per RSPP/ASPP SALUTE E SICUREZZA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD BS OHSAS 18001 CODICE: HS97 DURATA: 1 GG Milano, 28 gennaio 25 maggio 5 ottobre Sesto Fiorentino (FI), 27 ottobre Certiquality

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO BANDO ISI INAIL 2015 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1. FINALITA Miglioramento (documentato) delle condizioni di salute e sicurezza

Dettagli

REA. Sede legale/secondaria: comune ( ) c.a.p. via/piazza n. codice fiscale tel. fax e-mail PEC Sito internet attività esercitata

REA. Sede legale/secondaria: comune ( ) c.a.p. via/piazza n. codice fiscale tel. fax e-mail PEC Sito internet attività esercitata Richiesta di contributo a fondo perduto per l ottenimento dei riconoscimenti: ISO 9001, OHSAS 18001, SAI SA 8000, ISO 22000:2005, ISO 22005:2008, CoC, Attestazioni SOA ed FPC. Marca da Bollo 16,00 Camera

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2 Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima

Dettagli

QUOTA STANZIATA 10.000,00

QUOTA STANZIATA 10.000,00 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DI LASTRE IN CEMENTO AMIANTO IN FABBRICATI ED EDIFICI AD USO RESIDENZIALE E PERTINENZE QUOTA STANZIATA

Dettagli

Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 09125 Cagliari

Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 09125 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 0925 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI

Dettagli

Requisito fondamentale dei progetti Miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro

Requisito fondamentale dei progetti Miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro INCENTIVI INAIL AVVISO 2015 Aspetti tecnici relativi alle fasi di presentazione delle domande e rendicontazione finale degli interventi realizzati Milano, 9 Marzo 2016 Requisito fondamentale dei progetti

Dettagli

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 .LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Dettagli

News Consicur n. 02 febbraio 2016.

News Consicur n. 02 febbraio 2016. Ente accreditato per la formazione dalla Regione Piemonte con il numero 1273/001 del 26/11/2014 Via Valdarello, 8 12010-Cervasca (CN) tel/fax 0171/687588 cell. 3488030000 info@studioconsicur.it www.studioconsicur.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli