Ingegneria dei Requisiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria dei Requisiti"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI

2 Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi di ingegneria dei requisiti Caso di studio: BiblioSYS sistema bibliotecario universitario usato dagli studenti e dalle facoltà per ordinare libri e documenti ad altre biblioteche 2

3 Definizioni Il processo di ricerca, analisi e documentazione dei requisiti è chiamato Ingegneria dei Requisiti (Requirements Engineering) Per l Institute of Electrical and Electronic Engineering (IEEE), i requisiti Esprimono capacità e condizioni (vincoli) necessarie per risolvere problemi o realizzare obiettivi di business degli utenti Sono documentati da contratto, standard, specifiche o altri documenti formalmente convenuti che descrivono le Capacità e Condizioni La loro documentazione, in genere, si basa su una rappresentazione grafica delle Capacità e delle Condizioni che descrivono 3

4 Definizione e specifica dei requisiti Definizione dei requisiti Descrizione orientata al cliente delle funzioni del sistema e delle restrizioni sulle sue operazioni Specifica dei requisiti Descrizione dettagliata e precisa della funzionalità del sistema e delle restrizioni. Intesa per comunicare cosa è richiesto dallo sviluppatore e per servire da base di un contratto per lo sviluppo del sistema 4

5 Domande utili per scrivere i requisiti 1. Cosa deve fare il software? 2. Che interfacce ha con i suoi utenti (con HW, con altro SW)? 3. Che prestazioni deve esibire il SW? 4. Quali attributi (es. portabilità) dovrà avere? 5. Quali vincoli dovrà soddisfare? 5

6 Ruolo dei requisiti I requisiti servono per far comunicare correttamente: gli Stakeholder (o Parti Interessate) tra di loro; portatori di conoscenza del Dominio Applicativo con gli Sviluppatori (portatori di conoscenza del Dominio delle Tecnologie Informatiche). Una Una parte parte interessata è una una classe classe di di persone o sistemi sistemi che, che, a vario vario titolo, titolo, sono sono interessate ad ad una una o più piùcaratteristiche del del prodotto software. Persone Il Manager/Committente/Customer determina i vincoli di costo e di personale da utilizzare, requisiti del processo di sviluppo L Utente è interessato ai servizi resi dal sistema, alla loro qualità ed alla loro adattabilità Lo Sviluppatore è interessato alla componibilità, alla qualità ed alla estensibilità del sistema Sistemi Organi di Legislazione o di Controllo interessati a comportamenti o a livelli di qualità (es.: controllo della composizione degli scarichi certificazione della qualità, ecc.) Sistemi Cooperanti con cui i prodotti da sviluppare devono comunicare 6

7 I livelli di descrizione Requisiti Utente Dichiarano, in linguaggio naturale e\o corredati da diagrammi, quali servizi il sistema dovrebbe fornire ed i vincoli sotto cui deve operare; Sono rivolti a lettori disinteressati ai dettagli dei servizi; Dovrebbero specificare SOLO il comportamento esterno del sistema; Il linguaggio naturale può portare a diversi problemi: mancanza di chiarezza, confusione dei requisiti, mescolanza dei requisiti formato standard, requisiti desiderati ed obbligatori Esempio di di requisito utente? BIBLIOSYS deve deve fornire fornire un un sistema di di contabilità finanziaria che che memorizzi tutti tutti i i pagamenti fatti fatti dagli dagli utenti utenti del del sistema. I I gestori gestori del del sistema possono configurarlo in in modo modo che che gli gli utenti utenti abituali abituali possano ricevere prezzi prezzi scontati. 7

8 I livelli di descrizione Requisiti di Sistema Definiscono le funzioni, i servizi ed i vincoli operativi del sistema in modo dettagliato. Il documento dei requisiti di sistema dovrebbe essere preciso e definire esattamente cosa deve essere implementato; Sono definiti per i lettori che devono sapere con precisione cosa il sistema dovrà fare; Sono versioni espanse dei requisiti utente e dovrebbero descrivere semplicemente il comportamento esterno del sistema, non come il sistema dovrebbe essere progettato o implementato Il linguaggio naturale è poco adatto alla descrizione dei requisiti di sistema 8

9 Alternative alla specifica in linguaggio naturale Linguaggio naturale strutturato - Limitazione delle forme linguistiche usabili, uso di costrutti di controllo tipo linguaggi di programmazione (if-then-else, while ), uso di forms (moduli predefiniti: nome e descrizione della funzione, input, output, precondizioni, ecc.) Linguaggi di descrizione di progettazione - Linguaggi tipo linguaggi di programmazione con caratteristiche più astratte per esprimere requisiti e definire modelli operazionali. Poco usati ma comodi per definire i requisiti di interfaccia poiché definiscono i requisiti fornendo una visione operazionale del sistema. Notazioni grafiche Un linguaggio grafico, aiutato da annotazioni testuali, viene usato per definire i requisiti funzionali del sistema (es. casi d uso proposti da UP). Specifiche matematiche - Linguaggi basati su concetti matematici (es. insiemi o automi a stati finiti). Riducono le ambiguità ma sono di difficile comprensione per il cliente. 9

10 BiblioSYS: : Un esempio di requisiti utente e di sistema Definizione dei requisiti utente BiblioSYS deve memorizzare tutti i dati richiesti per l assegnazione delle licenze sul diritto d autore. Specifiche dei requisiti di sistema Per richiedere un documento, il richiedente deve inoltrare un modulo che contenga i dettagli sull utente e sulla richiesta fatta. I moduli di richiesta di BiblioSYS devono essere immagazzinati nel sistema per 5 anni dalla data della richiesta. Tutti i moduli di richiesta di BiblioSYS devono essere indicizzati per utente, per nome del materiale richiesto e per operatore che soddisfa la richiesta. BiblioSYS deve mantenere un elenco di tutte le richieste fatte al sistema Per il materiale soggetto al diritto d autore sul prestito, i dettagli devono essere spediti mensilmente alle agenzie per le licenze sui diritti che sono registrate in BiblioSYS. 10

11 Classificazione dei requisiti Requisiti funzionali sono elenchi di servizi che il sistema deve fornire (in alcuni casi possono affermare esplicitamente cosa il sistema non dovrebbe fare) Requisiti non funzionali sono vincoli sui servizi offerti dal sistema (es. vincoli temporali, sul processo di sviluppo, sugli standard utilizzati, ecc.) Requisiti di dominio derivano dal dominio di applicazione del sistema, ne riflettono le caratteristiche e possono essere requisiti funzionali o non funzionali. Requisiti informativi - identificano le principali informazioni di business che il sistema deve gestire, la loro struttura e le loro eventuali relazioni (i processi di business sono identificati dai requisiti funzionali) 11

12 Esempi di requisiti funzionali Se espressi come requisiti utente possono essere descritti in modo astratto altrimenti conteranno informazioni di dettaglio: input, output, le eccezioni, ecc. L utente dovrà essere in grado di cercare o in tutti i database o in un loro sottoinsieme Il sistema fornirà i visualizzatori appropriati per permettere all utente di leggere i documenti in memoria Ad ogni ordine verrà associato un identificatore unico (ORDER_ID) che l utente potrà copiare nell area di memoria permanente del suo conto Le specifiche dei requisiti non devono essere ambigue Le specifiche dei requisiti funzionali dovrebbero essere complete e coerenti 12

13 Classificazione dei requisiti non funzionali Requisiti del prodotto - Requisiti che specificano che il prodotto deve comportarsi in un certo modo, per esempio velocità di esecuzione, affidabilità, ecc. Requisiti organizzativi o del processo - Requisiti che sono conseguenza di politiche aziendali e procedure, per esempio il processo utilizzato, mezzi di implementazione, ecc. Requisiti esterni - Requisiti che sorgono da fattori che sono esterni al sistema ed al suo processo di sviluppo, per esempio requisiti di interoperabilità, requisiti legislativi, ecc. 13

14 Tipi di requisiti non funzionali 14

15 Esempi di requisiti non funzionali Requisiti del prodotto L interfaccia utente per il sistema BiblioSYS deve essere realizzata con una semplice pagina HTML Requisiti organizzativi Il processo di sviluppo del sistema e la consegna dei documenti devono conformare processo e deliverable definiti dallo standard X. Requisiti esterni Il sistema non deve dar modo agli operatori della biblioteca di accedere alle informazioni personali degli utenti oltre al nome ed al numero di riferimento. 15

16 Misure dei requisiti non funzionali 16

17 Requisiti di dominio Derivano dal dominio di applicazione del sistema piuttosto che dalle specifiche necessità degli utenti Possono essere nuovi requisiti funzionali, porre nuovi vincoli o definire particolari calcoli Se questi requisiti non sono soddisfatti, potrebbe essere impossibile far sì che il sistema lavori in modo soddisfacente Esempi di requisiti di dominio per BiblioSYS: Deve esserci un interfaccia utente uniforme per tutti i database basata sullo standard X (vincolo di progettazione) A causa delle restrizioni sul copyright, alcuni documenti devono essere cancellati immediatamente dopo la stampa. A seconda dell utente, questi documenti possono essere stampati localmente sul server del sistema per l invio manuale all utente oppure devono essere inoltrati ad una stampante di rete 17

18 Specifica delle interfacce software Molti sistemi software operano in un ambiente che include altri sistemi. Possono doversi interfacciare con questi sistemi in diversi modi (tali specifiche dovrebbero essere definite in fase di analisi dei requisiti ed incluse nel documento dei requisiti) Tre tipi di interfacce possono dover essere definiti in un documento di specifica dei requisiti: Interfacce procedurali: servizi offerti da sottosistemi già esistenti Interfacce dei dati: strutture dati che vengono trasmesse da un sottosistema all altro Interfacce di rappresentazione: specifici pattern utilizzati per descrivere dati 18

19 La tecnica Quality Function Deployment (QFD) QFD traduce i bisogni del cliente in requisiti tecnici per il software concentrandosi sulla massimizzazione della soddisfazione del cliente nei confronti del processo di sviluppo del SW La tecnica QFD identifica tre tipi di requisiti: Requisiti normali corrispondono ad obiettivi fissati per il prodotto determinati durante le riunioni con il cliente. Se tali requisiti sono presenti il cliente è soddisfatto. Requisiti attesi sono impliciti nel sistema e sono talmente fondamentali che il cliente potrebbe dimenticare di esplicitarli (affidabilità, usabilità del sistema e facilità di installazione, ecc.) Requisiti interessanti riflettono funzionalità che vanno oltre le attese del cliente ma possono essere di notevole soddisfazione per il cliente. Attenzione a non esagerare con i requisiti interessanti!! 19

20 I requisiti in pratica Spesso i requisiti non possono andare nei dettagli perché essi sono molti e complessi; pertanto l analista deve generalizzare e descrivere il requisito concettualmente L analista deve trascurare i dettagli che possono essere lasciati come gradi di libertà agli sviluppatori; deve descrivere tutti i dettagli che devono essere vincolanti. 20

21 I requisiti in pratica - Esempio Transazione Economica (TE) di uno studente, comprende: Pagamento tasse annuali o un rateo di esse Pagamento delle more Pagamento della tassa di laurea Aggiornamento di Stato Economico (SE): Ogni volta che uno studente vuol fare una TE il sistema calcola e notifica l importo tenendo conto di esoneri (Algoritmo xxx) e more (Algoritmo yyy); eseguita la TE il sistema aggiorna SE; quando una TE attesa non si verifica, la carenza è segnalata sullo SE; una TE può essere eseguita ad uno sportello, via INTRANET o via INTERNET. 21

22 Requisiti trascurati Il colloquio sistema-utente per la rilevazione della TE; La modalità di registrazione dell avvenuto pagamento o il ritardato pagamento; La modalità di estrazione delle informazioni necessarie per gli algoritmi citati. 22

23 Tracciabilità dei requisiti La tracciabilità è una proprietà della specifica dei requisiti che permette di trovare facilmente i requisiti correlati Alcuni tools CASE offrono strumenti di supporto alla tracciabilità. Per esempio, possono trovare tutti i requisiti che usano gli stessi termini. Tecniche: Assegnare un identificatore unico a ciascun requisito Costruire la lista dei riferimenti incrociati ai requisiti usando tale id Uso di link ipertestuali (es. HTML) per realizzare meccanismi di navigazione della tracciabilità Produrre una matrice dei riferimenti incrociati per ogni documento che mostra i requisiti in relazione fra loro. Più matrici possono essere necessarie per diversi tipi di relazioni 23

24 Esempio di Matrice di Tracciabilità Req id 1.1 U R 1.2 U R U 1.3 R R 2.1 R U U 2.2 U 2.3 R U 3.1 R 3.2 R U : il requisito di riga Usa la funzionalità descritta nel requisito in colonna R: relazione più debole fra due requisiti (es. si riferiscono entrambi allo stesso sottosistema) 24

25 Documento dei requisiti software Il Documento dei Requisiti Software o Specifiche dei Requisiti del Software (SRS) è ciò che ufficialemente deve essere implementato dagli sviluppatori. Contiene generalmente sia requisiti utente che requisiti di sistema. Differenti utenti differenti requisiti Formato dipendente anche da processo di sviluppo adottato e dalle caratteristiche del progetto Esistono standard per la specifica dei requisiti di sistema. 25

26 Documento dei requisiti Requirements Documents secondo lo standard IEEE/ANSI Introduzione 1 Scopo del documento dei requisiti 2 Scopo del prodotto 3 Definizione, acronimi ed abbreviazioni 4 Riferimenti 5 Overview dell intero documento Descrizione generale 1 Prospettive sul prodotto 2 Funzioni del prodotto 3 Caratteristiche degli utenti 4 Vincoli generali 5 Assunzioni e dipendenze Requisiti specifici Appendici Indici 26

27 Documento dei requisiti (1/2) Proposto da Sommerville, e ispirato allo standard IEEE/ANSI Introduzione Perché il sistema è desiderabile e come si inquadra negli obiettivi più generali del Cliente, descrive in breve le funzioni Glossario I termini e i concetti tecnici usati Definizione dei Requisiti funzionali (requisiti utente) I servizi richiesti Definizione dei Requisiti non funzionali (requisiti utente) I vincoli operativi del sistema, e quelli sul processo di sviluppo Architettura La strutturazione in sottosistemi (cui riferire i requisiti) 27

28 Documento dei requisiti (2/2) Specifiche dei requisiti di sistema Specifica dettagliata dei requisiti funzionali e non funzionali Modelli del sistema Modelli formali o semi-formali (ciascuno illustra un solo punto di vista: controllo, dati, funzioni) Evoluzione del sistema Previsione di successivi cambiamenti (per es. di HW, o di requisiti) Appendici Individuazione ed eventuale descrizione della piattaforma hardware RequisitidiDataBase Piani di Test Indici 28

29 Processo di produzione dei requisiti 29

30 Studio di fattibilità Studio preliminare sulle implicazioni che il sistema avrà una volta costruito e sulla sua convenienza. Risultato di questa fase sarà una raccomandazione sul continuare o meno lo sviluppo. Le domande a cui tipicamente uno studio di fattibilità dovrà rispondere sono: Il sistema contribuisce al raggiungimento degli obiettivi dell organizzazione a cui è rivolto? Con quale contributo? Può il sistema essere implementato con le tecnologie correnti e con costi e tempi prevedibili? Può il sistema essere integrato con sistemi pre-esistenti? Quali attività il sistema dovrà supportare e cosa potrà essere lasciato fuori? 30

31 Elicitazione Scopo: Acquisizione/cattura/scoperta dei requisiti Sorgenti Obiettivi di Business delle imprese destinatarie Conoscenza del Dominio Applicativo Opinioni di stakeholder di sistemi analoghi Ambienti operativi (timing,interoperabilità,ecc.) Ambienti organizzativi (cultura,logistica,ecc.) Tecniche Interviste Scenari d uso Prototipi Conferenze,Riunioni, Incontri, News per Comunità Valutazioni di sistemi concorrenti Studio del problema e del dominio applicativo 31

32 Analisi e Negoziazione Caratterizzazione dei Requisiti: Prodotto o Processo; Funzionali o Non Funzionali; Priorità (critici, obbligatorio, fortemente desiderabile, desiderabile, opzionale, ecc.); Scopo (caratterizzazione dei destinatari), Volatilità/Stabilità (nello spazio e nel tempo); Parti Comuni o Parti Varianti Modello Concettuale. Si usa un linguaggio di rappresentazione che può dipendere da: i concetti da esprimere; la esperienza dell analista; i vincoli del committente; i tools disponibili. Negoziazione Risoluzione di eventuali conflitti tra i requisiti espressi. Modifica dei requisiti accordandosi con il cliente Assegnare priorità ai requisiti 32

33 Specifica dei requisiti Produzione dei Manufatti finali Requisiti di Sistema/ Concetti Operativi. Definisce i requisiti di sistemi a livello alto, dal punto di vista dello stakeholders (Standard IEEE ). Esso serve per Validare i requisiti; pertanto deve utilizzare termini e concetti caratteristici del Dominio Applicativo. Può utilizzare un linguaggio di rappresentazione. Specifiche dei Requisiti Software (SRS). Dettaglia la parte dei Requisiti di Sistema che sono stati allocati al software. Esso utilizza un linguaggio di rappresentazione semiformale o formale. 33

34 Verifica e Validazione Verifica dei Requisiti - Conformità e correttezza del modello. Ispezione, per verificare il modello; Validazione dei Requisiti - Corrispondenza dei contenuti alle richieste che il Sistema deve soddisfare. Statica Ispezione, per validare il modello Dinamica Prototipi per validare i comportamenti più critici Test di Accettazione per validare che il sistema finale soddisfi i requisiti richiesti. 34

35 Check list per la validazione dei requisiti Consistenza. Ci sono conflitti fra requisiti? (automatizzabile) Completezza. Sono incluse tutte le funzioni desiderate dal Cliente e dagli Stakeholders? (non automatizzabile) Realismo. Possono essere implementati questi requisiti, dati i limiti di tempo, budget, e tecnologia? Verificabilità. Si può scrivere un insieme di test per verificare che questo specifico requisito è soddisfatto? Tracciabilità. Viene espressa chiaramente l origine del requisito? 35

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 22 Sommario 1 Generalità

Dettagli

4. Requisiti del Software

4. Requisiti del Software 4. Requisiti del Software Cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 4. Requisiti del Software 1 / 35 Sommario 1 Generalità 2 Categorizzazione

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 42 Sommario 1 Generalità

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

7.1 Livello di completezza degli esempi

7.1 Livello di completezza degli esempi Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Capitolo 7 marzo 2013 Buono, poco costoso, rapidamente. Puoi scegliere due di queste caratteristiche. Anonimo 1 *** AVVERTENZA *** I lucidi messi a disposizione

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti Prime fasi nella produzione del software &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH Capitolato d appalto o doc. formale di richiesta prodotto Incontri con il committente e/o interviste Esercitazione Studio del dominio

Dettagli

Analisi dei Requisiti e Specifica

Analisi dei Requisiti e Specifica Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V2.1 Analisi dei Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

La Metodologia adottata nel Corso

La Metodologia adottata nel Corso La Metodologia adottata nel Corso 1 Mission Statement + Glossario + Lista Funzionalià 3 Descrizione 6 Funzionalità 2 Schema 4 Schema 5 concettuale Logico EA Relazionale Codice Transazioni In PL/SQL Schema

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Requisiti e Specifica

Requisiti e Specifica Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria gestionale, dell'informazione e della produzione INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V3.2 Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010

Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010 1. Premessa. Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010 Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione delle Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 settembre 2013 La

Dettagli

Piano di gestione della qualità

Piano di gestione della qualità Piano di gestione della qualità Pianificazione della qualità Politica ed obiettivi della qualità Riferimento ad un eventuale modello di qualità adottato Controllo della qualità Procedure di controllo.

Dettagli

Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione

Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione Roberto Basili Corso di Basi Di Dati a.a. 2002-2003 Norme Generali Il progetto fa parte della valutazione gobale del corso e la data

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 16 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 3.1) Specifica dei Requisiti Utente Funzionalità di associazione di più Richiedenti ad un procedimento Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO

Dettagli

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 I casi d uso I casi d'uso (use case) sono una tecnica utilizzata per identificare i requisiti funzionali

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 8 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 2.1) Pubblicazione delle domande presentate allo Sportello Unico Specifica dei Requisiti Utente Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI REV. REDAZIONE

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it Progetto Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso manuel.comparetti@iet.unipi.it 1 Documenti da produrre Il progetto deve comprendere i seguenti documenti: Documento di specifica

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi Indice generale OOA Analisi Orientata agli Oggetti Introduzione Analisi Metodi d' analisi Analisi funzionale Analisi del flusso dei dati Analisi delle informazioni Analisi Orientata agli Oggetti (OOA)

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (SEZ. B: Lauree I Livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) PRIMA PROVA SCRITTA

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso

Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica Industriale

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

Fasi di creazione di un programma

Fasi di creazione di un programma Fasi di creazione di un programma 1. Studio Preliminare 2. Analisi del Sistema 6. Manutenzione e Test 3. Progettazione 5. Implementazione 4. Sviluppo 41 Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma

Dettagli

Requisiti. Stakeholder. Cliente Utente Investitore Azionista Production manager. Acquirente Progettista Collaudatore Relatore della documentazione...

Requisiti. Stakeholder. Cliente Utente Investitore Azionista Production manager. Acquirente Progettista Collaudatore Relatore della documentazione... 8QLYHUVLWj GL 3DGRYD )DFROWj GL 6FLHQ]H 00))11,QIRUPDWLFD DQQR &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH Prime fasi nella produzione del software :Capitolato d appalto o doc. formale di richiesta prodotto :Incontri

Dettagli

CAPITOLO 19: COSTRUIRE SISTEMI IN SICUREZZA (a.a. 2007/2008) Professore:Stefano Bistarelli Studentessa: Assunta Di Giorgio

CAPITOLO 19: COSTRUIRE SISTEMI IN SICUREZZA (a.a. 2007/2008) Professore:Stefano Bistarelli Studentessa: Assunta Di Giorgio CAPITOLO 19: COSTRUIRE SISTEMI IN SICUREZZA (a.a. 2007/2008) Professore:Stefano Bistarelli Studentessa: Assunta Di Giorgio COSTRUIRE SISTEMI IN SICUREZZA Sicurezza nella definizione dei requisiti e nell

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Università di Bergamo, 2004 Una classificazione dei siti web intranet: reti aziendali enterprise information portals: accesso a informazioni e servizi

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

Progettazione del Software A.A.2008/09

Progettazione del Software A.A.2008/09 Laurea in Ing. Informatica ed Ing. dell Informazione Sede di latina Progettazione del Software A.A.2008/09 Domenico Lembo* Dipartimento di Informatica e Sistemistica A. Ruberti SAPIENZA Università di Roma

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Introduzione. Informatica B. Daniele Loiacono

Introduzione. Informatica B. Daniele Loiacono Introduzione Informatica B Perchè studiare l informatica? Perchè ha a che fare con quasi tutto quello con cui abbiamo a che fare ogni giorno Perché è uno strumento fondamentale per progettare l innovazione

Dettagli

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.1 R.

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software.

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Test Giulio Destri Ing. del Software: Test - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008-2009. Class Discovery E.

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008-2009. Class Discovery E. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Class Discovery E. TINELLI Contenuti Classi di analisi: definizione ed esempi Tecniche per la definizione

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1 Protezione Scopi della Protezione Dominio di Protezione Matrice d Accesso Implementazione della Matrice d Accesso Revoca dei Diritti d Accesso Sistemi Basati su Abilitazioni Protezione basata sul linguaggio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

6. PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI BASATI SU WEB...2 6.1 LA PROGETTAZIONE COME PROCESSO...2 6.1.1 Sviluppo ad hoc...2 6.1.

6. PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI BASATI SU WEB...2 6.1 LA PROGETTAZIONE COME PROCESSO...2 6.1.1 Sviluppo ad hoc...2 6.1. 6. PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI BASATI SU WEB...2 6.1 LA PROGETTAZIONE COME PROCESSO...2 6.1.1 Sviluppo ad hoc...2 6.1.2 Il ciclo di vita dello sviluppo di un sistema...2 6.1.3 Sviluppo di un sistema

Dettagli

SDD System design document

SDD System design document UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESINA DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Progetto DocS (Documents Sharing) http://www.magsoft.it/progettodocs

Dettagli

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0 Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati per le applicazioni di pagamento () Riepilogo delle modifiche di dalla versione 2.0 alla 3.0 Novembre 2013 Introduzione Il presente

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Redatto dalla Commissione per l elettronica, l informatica e la telematica

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Corso di Laboratorio di Applicazioni Informatiche: Progettazione di un database e di una applicazione Web Descrizione dei domini applicativi proposti

Corso di Laboratorio di Applicazioni Informatiche: Progettazione di un database e di una applicazione Web Descrizione dei domini applicativi proposti Corso di Laboratorio di Applicazioni Informatiche: Progettazione di un database e di una applicazione Web Descrizione dei domini applicativi proposti a.a. 2008-2009 Docente responsabile: Roberto Basili

Dettagli

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA Misura: è una funzione m: A -> B che associa ad ogni attributo A di un osservabile nel mondo reale o empirico (dominio) un oggetto formale B nel mondo matematico (range);

Dettagli

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Visualizzazione del registro dei servizi HTTP 1 3 Visualizzazione del registro dei servizi UDDI

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia BANDO ACQUISIZIONI Prodotti Software ALLEGATO 6.3 Capitolato Tecnico Piattaforma per l Analisi e la Progettazione di alto livello del Software Allegato 6.3: capitolato tecnico Pag. 1 1 Ambiente di Analisi

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli