RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA"

Transcript

1 RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani

2 Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112, 5 co, c.c.) Ai fini e per gli effetti di cui al presente articolo si intende per trasferimento d azienda qualsiasi operazione che, in seguito a cessione contrattuale o fusione, comporti il mutamento nella titolarità di un attività economica organizzata, con o senza scopo di lucro, preesistente al trasferimento e che conserva nel trasferimento la propria identità a prescindere dalla tipologia negoziale o dal provvedimento sulla base del quale il trasferimento è attuato ivi compresi l usufrutto o l affitto d azienda. 2

3 I requisiti essenziali del trasferimento d azienda Mutamento della titolarità di un attività economica organizzata; SI NO - Cessione - Trasferimento di azioni - Scissione - Trasferimento di quote - Fusione - Affitto - Usufrutto - Conferimento - Atto autoritativo della p.a. (Cassazione n /2010) Preesistenza al trasferimento dell attività economica organizzata; Conservazione, dopo il trasferimento, dell identità dell attività economica organizzata. 3

4 B) La nozione di ramo d azienda (art. 2112, 5 co, c.c.) Articolazione funzionalmente autonoma di un attività economica organizzata, identificata come tale dal cedente e dal cessionario al momento del suo trasferimento. 4

5 Preesistenza/Identificazione del ramo al momento del trasferimento: il contrasto giurisprudenziale Sulla necessaria preesistenza del ramo ai fini dell applicabilità dell art c.c. Trib. Milano, 30 giugno 2010: Ancor oggi deve ritenersi fermo il principio secondo il quale ai fini dell applicazione dell art c.c. è necessario che il trasferimento interessi un entità economica preesistente organizzata in maniera autonoma per la produzione e lo scambio di beni e servizi In senso conforme, ad esempio: Trib. Milano, 21 luglio 2010; Trib Milano, 23 giugno 2010; Trib. Milano, 4 aprile 2009; Trib. Milano, 25 febbraio Giurisprudenza di legittimità (N.B. fattispecie ante Legge Biagi): Cass. 13 ottobre 2009, n ; Cass. 1 febbraio 2008, n. 2489; Cass. 12 febbraio 2008, n Sulla possibilità di identificazione del ramo al momento del trasferimento Corte d Appello Roma, 27 marzo 2009 Ai fini della configurabilità del trasferimento del ramo d azienda, il 5 comma dell art c.c., nel testo modificato dall art. 32 d.leg. 10 settembre 2003 n. 276, non richiede più il requisito della preesistenza del ramo ceduto In senso conforme, ad esempio Trib. Tivoli, 2 novembre 2010; Trib. Milano, 16 luglio 2010; Trib. Milano 16 ottobre 2008 Corte d Appello Roma, 30 giugno Giurisprudenza di legittimità (N.B. fattispecie ante Legge Biagi e ante D.Lgs. n. 18/2001): Cass. 17 marzo 2009, n Il necessario dato della preesistenza non dovrebbe essere inteso in senso assoluto - quantomeno laddove la legislazione nazionale non lo imponga in tale significato materiale - ma nel più limitato significato di una identità comunque precostituita come autonoma ancorchè non ancora funzionante come tale Ma Corte di Giustizia UE 6 marzo 2014, causa C-458/12 5

6 a) Trasferimento d azienda: I lavoratori interessati Art. 2112, comma 1, c.c.: in caso di trasferimento d azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario Tutti i lavoratori sono automaticamente trasferiti alle dipendenze del cessionario b) Trasferimento di ramo d azienda: Lavoratori addetti al ramo d azienda oggetto di trasferimento sono trasferiti automaticamente alle dipendenze del cessionario 6

7 I lavoratori interessati Lavoratori non addetti al ramo di azienda oggetto del trasferimento: art c.c.: ciascuna parte può sostituire a sé un terzo nei rapporti derivanti da un contratto con prestazioni corrispettive, se queste non sono ancora state eseguite, purché l altra parte vi consenta. Il lavoratore non addetto al ramo d azienda oggetto del trasferimento può essere trasferito alle dipendenze del cessionario solo con il suo consenso. 7

8 Effetti del trasferimento d azienda o di ramo d azienda Continuità del rapporto di lavoro: il lavoratore trasferito alle dipendenze del cessionario conserva tutti i diritti inerenti al rapporto di lavoro già maturati presso il cedente al momento della cessione (art. 2112, 1 co, c.c.); I diritti quesiti, ovvero già facenti parte del patrimonio del dipendente, a fronte di una prestazione lavorativa già resa conformemente al CCNL al momento in vigore Responsabilità solidale: cedente e cessionario sono obbligati in solido per tutti i crediti che il lavoratore vantava al tempo del trasferimento (art 2112, 2 e 6 co, c.c.) salvo espressa liberazione del cedente da parte del lavoratore con le procedure di cui agli artt. 410 e 411 c.p.c. 8

9 L individuazione del contratto collettivo applicabile Art. 2112, comma 3, c.c.: il cessionario è tenuto ad applicare i trattamenti economici e normativi previsti dai contratti collettivi nazionali, territoriali ed aziendali vigenti alla data del trasferimento, fino alla loro scadenza, salvo che siano sostituiti da altri contratti collettivi applicabili all impresa del cessionario. La norma precisa che l effetto di sostituzione si produce esclusivamente fra contratti collettivi del medesimo livello. Cedente e cessionario applicano lo stesso CCNL Cedente e cessionario applicano un CCNL diverso 9

10 L art. 47 della legge n. 428/1990 a) L obbligo di comunicazione sindacale Quando si intenda effettuare, ai sensi dell art del codice civile, un trasferimento d azienda in cui siano complessivamente occupati più di quindici lavoratori, anche nel caso in cui il trasferimento riguardi una parte dell azienda, ai sensi del medesimo art. 2112, il cedente e il cessionario devono darne comunicazione per iscritto almeno venticinque giorni prima che sia perfezionato l atto da cui deriva il trasferimento o che sia raggiunta un intesa vincolante tra le parti, se precedente, alle rispettive rappresentanze sindacali unitarie, ovvero alle rappresentanza sindacali aziendali ( ) nonché ai sindacati di categoria che hanno stipulato il contratto collettivo applicato nelle imprese interessate al trasferimento. In mancanza delle predette rappresentanze aziendali, resta fermo l obbligo di comunicazione nei confronti dei sindacati di categoria comparativamente più rappresentativi ( ). 10

11 b) I contenuti della comunicazione sindacale L informazione deve riguardare: a) la data o la data proposta del trasferimento; b) i motivi del programmato trasferimento d azienda; c) le relative conseguenze giuridiche, economiche e sociali per i lavoratori; d) le eventuali misure previste nei confronti di questi ultimi. 11

12 c) La consultazione sindacale Su richiesta scritta delle rappresentanze sindacali o dei sindacati di categoria, comunicata entro sette giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 1, il cedente e il cessionario sono tenuti ad avviare, entro sette giorni dal ricevimento della predetta richiesta, un esame congiunto con i soggetti sindacali richiedenti. 12

13 In particolare, i possibili contenuti dell accordo a seguito della fase di consultazione sindacale: la conservazione delle condizioni economiche e, più in generale, delle complessive condizioni di lavoro godute dai dipendenti in forza di accordi individuali; la conservazione dei diritti derivanti dai contratti collettivi; la previsione di garanzie all occupazione: - l impegno del cessionario a mantenere i livelli occupazionali esistenti per un dato periodo di tempo successivamente al trasferimento; - la previsione di clausole che assicurino la ricollocazione dei dipendenti licenziati; - la previsione di clausole che permettano di ricostituire il rapporto di lavoro con il cedente. 13

14 Il mancato raggiungimento dell accordo sindacale Non è d ostacolo al perfezionamento dell operazione. Vanno peraltro segnalati: Il rischio di contenzioso; Il rischio di agitazioni sindacali e scioperi; Possibili difficoltà nelle relazioni sindacali; Possibili ripercussioni sulla produttività dei dipendenti. 14

15 Le conseguenze della violazione della procedura di cui all art. 47 della legge n. 428/1990 Art. 47, comma 3, della legge n. 428/1990: il mancato rispetto, da parte del cedente o del cessionario, dell obbligo di informazione e/o dell obbligo di esame congiunto ai sensi, rispettivamente, dei commi 1 e 2 dell art. 47 della legge n. 428/1990, costituisce condotta antisindacale ai sensi dell art. 28 della legge 20 maggio 1970, n

16 Le imprese in crisi - Art. 47, comma 4 bis della legge n. 428/1990 Nel caso in cui sia stato raggiunto un accordo circa il mantenimento, anche parziale, dell'occupazione, l'art c.c. trova applicazione nei termini e con le limitazioni previste dall'accordo medesimo qualora il trasferimento riguardi aziende: a) delle quali sia stato accertato lo stato di crisi aziendale; b) per le quali sia stata disposta l'amministrazione straordinaria, in caso di continuazione o di mancata cessazione dell'attività. 16

17 - Art. 47, comma 5 della legge n. 428/1990 Qualora il trasferimento riguardi imprese nei confronti delle quali vi sia stata: (i) dichiarazione di fallimento, (ii) omologazione di concordato preventivo consistente nella cessione dei beni, (iii) emanazione del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa ovvero di (iv) sottoposizione all'amministrazione straordinaria, nel caso in cui la continuazione dell'attività non sia stata disposta o sia cessata e nel corso della consultazione sia stato raggiunto un accordo circa il mantenimento anche parziale dell occupazione, ai lavoratori il cui rapporto di lavoro continua con l acquirente non si applica l art c.c. L accordo sindacale può prevedere altresì che il trasferimento non riguardi il personale eccedentario e che quest ultimo continui a rimanere, in tutto o in parte, alle dipendenze dell alienante. 17

18 L'efficacia soggettiva degli accordi ex art 47, comma 4bis e 5 della Legge 428/90 è dibattuto se gli accordi ex art. 47, comma 5 siano vincolanti anche nei confronti dei lavoratori non iscritti al sindacato stipulante. 18

19 Domande? 19

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

LA CESSIONE DEL RAMO D AZIENDA. UNITÀ SINDACALE FALCRI SILCEA Viale Liegi 48/B - 00198 - Roma

LA CESSIONE DEL RAMO D AZIENDA. UNITÀ SINDACALE FALCRI SILCEA Viale Liegi 48/B - 00198 - Roma 2014 LA CESSIONE DEL RAMO D AZIENDA GRUPPO FORMAZIONE UNISIN MAGGIO 2014 UNITÀ SINDACALE FALCRI SILCEA Viale Liegi 48/B - 00198 - Roma Indice Trasferimento di ramo d azienda. La Corte di Giustizia Europea

Dettagli

Il trasferimento d azienda

Il trasferimento d azienda Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni Industriali Il trasferimento d azienda di SILVIA PICCIOLI con il contributo di CARLO FRIGHETTO SOMMARIO: 1.

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

1. La giurisprudenza sull obbligo di versamento del TFR in caso di cessione di ramo d azienda

1. La giurisprudenza sull obbligo di versamento del TFR in caso di cessione di ramo d azienda 25.9.2013 TRASFERIMENTO DI RAMO D AZIENDA E AMMISSIONE AL PASSIVO DELLA QUOTA DI TFR MATURATA ALLE DIPENDENZE DELLA SOCIETA FALLITA di Aldo Fittante, Avvocato Sommario: 1. La giurisprudenza sull obbligo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

GLI APPROFONDIMENTI N.5 del 20.12.2010. Aggiornato al 01.12.2011. Trasferimento d azienda con conseguenze interne ed esterne

GLI APPROFONDIMENTI N.5 del 20.12.2010. Aggiornato al 01.12.2011. Trasferimento d azienda con conseguenze interne ed esterne GLI APPROFONDIMENTI N.5 del 20.12.2010 Aggiornato al 01.12.2011 Trasferimento d azienda con conseguenze interne ed esterne Trasferimento d azienda con conseguenze interne ed esterne le fasi ed i passaggi,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2606 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFORGIA, ARLOTTI, BOCCUZZI, CAPOZZOLO, CENNI, CENSORE, D INCECCO, FOSSATI, GRASSI, GIUSEPPE

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

Trasferimento d azienda e rapporto di lavoro

Trasferimento d azienda e rapporto di lavoro Trasferimento d azienda e rapporto di lavoro Prof. Avv. Sandro Mainardi Prof. Avv. Davide Casale Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Scienze Giuridiche 1 Il soggetto economico segmentato

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Appunti per una lezione sulle esternalizzazioni. di Maria Teresa Sillano

Appunti per una lezione sulle esternalizzazioni. di Maria Teresa Sillano Appunti per una lezione sulle esternalizzazioni di Maria Teresa Sillano 1 Bibliografia essenziale: L OUTSOURCING NEI SERVIZI ARCHIVISTICI: LINEE GUIDA PER OPERARE UNA SCELTA Nuova edizione aggiornata e

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

Affitto d azienda e locazione di immobile con pertinenze: distinzione e regime giuridico delle due fattispecie

Affitto d azienda e locazione di immobile con pertinenze: distinzione e regime giuridico delle due fattispecie 24MONO2_097_104 8-06-2006 14:55 Pagina 97 e locazione di immobile con pertinenze: distinzione e regime giuridico delle due fattispecie Analisi dei criteri interpretativi finalizzati alla distinzione tra

Dettagli

CCNL e modifiche unilaterali

CCNL e modifiche unilaterali CCNL e modifiche unilaterali Cosa sono i CCNL e chi sono i soggetti a cui si applicano? I Contratti collettivi nazionali di lavoro sono una tipologia di contratti di lavoro stipulati a livello nazionale

Dettagli

alla legge, individuato quale strumento di tutela «sostitutivo» per i lavoratori.

alla legge, individuato quale strumento di tutela «sostitutivo» per i lavoratori. Trasferimento d azienda e contratto in frode alla legge Marcello Giustiniani Avvocato in Milano, partner Studio Bonelli Erede Pappalardo Alessandro De Palma Avvocato in Milano, Studio Bonelli Erede Pappalardo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

CONCORDATO PREVENTIVO E GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO

CONCORDATO PREVENTIVO E GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO CONCORDATO PREVENTIVO E GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO Linee di orientamento nella gestione del personale in caso di concordato preventivo: Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, Contratto di Solidarietà,

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI D IMPRESA E OPERAZIONI STRAORDINARIE:

RISTRUTTURAZIONI D IMPRESA E OPERAZIONI STRAORDINARIE: RISTRUTTURAZIONI D IMPRESA E OPERAZIONI STRAORDINARIE: ASPETTI GIUSLAVORISTICI Ordine degli Avvocati di Milano Fondazione Forense di Milano Milano, 21 marzo 2013 Avv. Francesco Rotondi Founding Partner

Dettagli

ALLEGATO A CONDIZIONI GENERALI DEL CONTRATTO DI FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA di GEN-I Milano S.r.l. n. ITA/BC/14-02

ALLEGATO A CONDIZIONI GENERALI DEL CONTRATTO DI FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA di GEN-I Milano S.r.l. n. ITA/BC/14-02 ALLEGATO A CONDIZIONI GENERALI DEL CONTRATTO DI FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA di GEN-I Milano S.r.l. n. ITA/BC/14-02 Le presenti Condizioni Generali di contratto n. ITA/BC/14-02 si applicano unicamente

Dettagli

Prof. Sergio FOA - Supervisore progetto OPLAB

Prof. Sergio FOA - Supervisore progetto OPLAB OGGETTO: COMUNITÀ MONTANA XXX Lavori di infrastrutture dell itinerario turistico ambientale della Valle di Edifici Polifunzionali Cessione del credito da contratto di appalto da parte della WWW s.r.l.

Dettagli

CESSIONI o AFFITTI di azienda o di ramo d azienda ai fini SOA

CESSIONI o AFFITTI di azienda o di ramo d azienda ai fini SOA CESSIONI o AFFITTI di azienda o di ramo d azienda ai fini SOA NUOVE DISPOSIZIONI ANAC Sintesi In data 29/10/2014 è entrato in vigore il nuovo Manuale ANAC (ente che ha incorporato le funzioni dell AVCP)

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Nona Sezione) 6 marzo 2014 *

SENTENZA DELLA CORTE (Nona Sezione) 6 marzo 2014 * SENTENZA DELLA CORTE (Nona Sezione) 6 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Politica sociale Trasferimento di imprese Mantenimento dei diritti dei lavoratori Direttiva 2001/23/CE Trasferimento dei rapporti

Dettagli

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p.

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. Art. 2407 c.c. Art. 2407 c.c. (Responsabilità) I sindaci devono

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 18 Le Circolari della Fondazione Studi n. 18 del 30/07/2015 IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI: NOVITA IN TEMA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE

Dettagli

Studio Legale Bolognini Via Corsica 8/11 16128 Genova GE tel. 010/540695-010/8934483 fax 010/8934485 info@studiobolognini.com. www.studiobolognini.

Studio Legale Bolognini Via Corsica 8/11 16128 Genova GE tel. 010/540695-010/8934483 fax 010/8934485 info@studiobolognini.com. www.studiobolognini. GENOVA, 14 NOVEMBRE 2007 Associazioni Sportive e Società Sportive Dilettantistiche: l opportunità (e la possibilità) di trasformare l Associazione Sportiva non riconosciuta in Società Sportiva Dilettantistica

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO. Sezione Lavoro

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO. Sezione Lavoro TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Sezione Lavoro Il Giudice del lavoro, dott.ssa Francesca La Russa, a scioglimento di riserva, ha pronunciato il seguente D E C R E T O nel giudizio iscritto al n. 971/2014 R.G.L.,

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE DEL DIRIGENTE Dimissioni e gestione del rapporto

LA CONTRATTAZIONE DEL DIRIGENTE Dimissioni e gestione del rapporto CORSO INTEGRATIVO DI DIRITTO DELLE RELAZIONI INDUSTRIALI E SINDACALI Anno Accademico 2011-2012 Prof. Avv. Pasquale Dui LA CONTRATTAZIONE DEL DIRIGENTE Dimissioni e gestione del rapporto 1 LE DIMISSIONI

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ASTE GIUDIZIARIE INLINEA S.p.A. Ivrea 15 Maggio 2015. Luciano Matteo QUATTROCCHIO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ASTE GIUDIZIARIE INLINEA S.p.A. Ivrea 15 Maggio 2015. Luciano Matteo QUATTROCCHIO CAPITOLO IX - L AZIENDA E LA SUA CIRCOLAZIONE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ASTE GIUDIZIARIE INLINEA S.p.A. Corso di approfondimento sulle funzioni del professionista delegato alla vendita Ivrea 15 Maggio

Dettagli

PARERE PER L ASSOCIAZIONE TUTTI NESSUNO ESCLUSO ATTUALE NORMATIVA IN MATERIA DI ACCESSO AL LAVORO PER PERSONE CON DISABILITA

PARERE PER L ASSOCIAZIONE TUTTI NESSUNO ESCLUSO ATTUALE NORMATIVA IN MATERIA DI ACCESSO AL LAVORO PER PERSONE CON DISABILITA AVV. GIULIANA ALIBERTI Patrocinante in Cassazione Via degli Avignonesi, 5 00187 ROMA Tel. 0642016528 r.a. - Fax 0648916676 e-mail: avvgiulianaaliberti@libero.it pec: giulianaaliberti@ordineavvocatiroma.org

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Roma, 01 aprile 2009

RISOLUZIONE N. 88/E. Roma, 01 aprile 2009 RISOLUZIONE N. 88/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Credito d imposta per investimenti in aree

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro Il giudice dr. Massimo Pagliarini nel procedimento ex art. 28 Stat. lav. n. 16949 del Ruolo affari contenziosi civili dell anno 2015, vertente TRA A.N.M.I.R.S.

Dettagli

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS In un precedente intervento su questa stessa rivista

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

Dottori Commercialisti e Revisori Contabili. Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE

Dottori Commercialisti e Revisori Contabili. Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE Pellizzer & Partners Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE Quando un impresa effettua una operazione di cessione intracomunitaria

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI TRAPANI ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Ottobre 2015 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. Introduzione... 5 1.1. Titoli autorizzativi/abilitativi...

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

DOTT. STEFANO DELLA BELLA

DOTT. STEFANO DELLA BELLA Lecco, lì ventisette luglio duemilanove, ore 17.00 Ordine Dottori Commercialisti ed EC di Lecco Commissione Studi Societari Presidente dott. Diego Bolis Cessione e Conferimento d azienda Relatori: dott.

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN RAPPORTI GIURIDICI TRA PRINCIPI COMUNITARI, COSTITUZIONALI ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL MERCATO IX CICLO

DOTTORATO DI RICERCA IN RAPPORTI GIURIDICI TRA PRINCIPI COMUNITARI, COSTITUZIONALI ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL MERCATO IX CICLO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI DIRITTO IMPRESA E LAVORO DOTTORATO DI RICERCA IN RAPPORTI GIURIDICI TRA PRINCIPI COMUNITARI, COSTITUZIONALI ED INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Società partecipate: l applicabilità dell art.2112 c.c. in caso di cessione o esternalizzazione delle attività

Società partecipate: l applicabilità dell art.2112 c.c. in caso di cessione o esternalizzazione delle attività Società partecipate: l applicabilità dell art.2112 c.c. in caso di cessione o esternalizzazione delle attività di Gesuele Bellini funzionario del Ministero dell Interno* La cessione di ramo d azienda ha

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

LOMBARDIA/16/2009/PAR

LOMBARDIA/16/2009/PAR LOMBARDIA/16/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 11 DEL 23/06/2008

Dettagli

Lavoro - Trasferimento d azienda - Entità economica non autosufficiente - Violazione di norme imperative

Lavoro - Trasferimento d azienda - Entità economica non autosufficiente - Violazione di norme imperative SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 10 settembre 2013, n. 20728 Lavoro - Trasferimento d azienda - Entità economica non autosufficiente - Violazione di norme imperative Svolgimento del processo Con

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE TESORO OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI PALERMO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Relazioni industriali trattenuta sindacale dell impresa: frana il modello Marchionne

Relazioni industriali trattenuta sindacale dell impresa: frana il modello Marchionne Relazioni industriali trattenuta sindacale dell impresa: frana il modello Marchionne Pubblichiamo di seguito nel testo integrale la sentenza della Corte di Cassazione nr. 13886/2012 con la quale sostanzialmente

Dettagli

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili. Eventi eccezionali. Durata. giorno mese. mese.

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili. Eventi eccezionali. Durata. giorno mese. mese. genzia ntrate RISERVATO ALL AGENZIA DELLE ENTRATE RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili MOD. RLI QUADRO A - DATI GENERALI Pagamento intera durata

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo Nel diritto.it MASSIMA Costituisce domanda nuova vietata in appello e anche in primo grado (ancorché,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro 21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro L Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 2/E del 21 febbraio 2014 che fornisce le istruzioni e

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Cessione di quote di srl e specifiche clausole contrattuali In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CONTRAM MOBILITA S.c.p.a.

CONTRAM MOBILITA S.c.p.a. CONTRAM MOBILITA S.c.p.a. Sede 62032 CAMERINO Via Le Mosse n. 19/21 C.F. e P. I.V.A. 01631290432 -------------------------------------- C A P I T O L A T O MOD. A VERSIONE CON PAGAMENTO ANTICIPATO Per

Dettagli

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI 6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI L IMPRESA è L ATTIVITA SVOLTA DALL IMPRENDITORE IN MODO PROFESSIONALE ED ORGANIZZATO DIVERSO è IL CONCETTO DI AZIENDA AZIENDA COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI DALL IMPRENDITORE

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÁ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE DELL UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FERRARA

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÁ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE DELL UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FERRARA REGOLAMENTO RELATIVO ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÁ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE DELL UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FERRARA SENATO ACCADEMICO 14 Aprile 2008 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 28 Marzo 2008 DECRETO

Dettagli

Capitalia Solutions: firmato l accordo.

Capitalia Solutions: firmato l accordo. www.fabi.it Capitalia Solutions: firmato l accordo. Dopo due giorni di trattativa ininterrotta raggiunto l accordo tra la delegazione FABI e Capitalia sulla cessione dei rami aziendali di Banca di Roma,

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10.

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10. CONTRATTO DI LICENZA D USO DI SOFTWARE ddaattaa Hyphen-Italia srl sede legale ed amministrativa: Verona > Via Marconi, 14 > 37010 Affi > Tel. +39 045.62.03.200 > Fax +39 045 62.03.250 Codice fiscale 04334860485

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Copia della presente determinazione viene trasmessa a: SINDACO SEGRETARIO GENERALE ASSESSORE ALLE RISORSE UMANE DIRIGENTE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE SERVIZIO FINANZIARIO ALTRI SERVIZI ALBO

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO N. 2617/2014 Ruolo gen. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO II Giudice del Lavoro dott. Carlo Mancuso all'odierna udienza ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI TRENTO sezione per le controversie di lavoro. ORDINANZA ex art. 1 co. 49 L. 28.6.2012, n. 92

TRIBUNALE ORDINARIO DI TRENTO sezione per le controversie di lavoro. ORDINANZA ex art. 1 co. 49 L. 28.6.2012, n. 92 N. 81/2014 sezione controversie di lavoro TRIBUNALE ORDINARIO DI TRENTO sezione per le controversie di lavoro ORDINANZA ex art. 1 co. 49 L. 28.6.2012, n. 92 Il tribunale ordinario di Trento, in funzione

Dettagli

LA CESSIONE DEL CONTRATTO DEL CALCIATORE Avv. Federica Di Fabio

LA CESSIONE DEL CONTRATTO DEL CALCIATORE Avv. Federica Di Fabio LA CESSIONE DEL CONTRATTO DEL CALCIATORE Avv. Federica Di Fabio La fattispecie della cessione del contratto nel diritto sportivo rappresenta un fenomeno moderno. Infatti, fino agli anni 50/ 60 del secolo

Dettagli

Riccardo Riva - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Salvatore Servidio - Esperto tributario e del processo del lavoro

Riccardo Riva - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Salvatore Servidio - Esperto tributario e del processo del lavoro Trasferimento illegittimo Cessione di ramo d azienda e tutela del lavoratore ceduto Salvatore Servidio - Esperto tributario e del processo del lavoro Vicenda processuale Nel caso trattato dalla sezione

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal Allegato A CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive

Dettagli

Il master franchising

Il master franchising Il master franchising Il master franchising è un contratto in base al quale un soggetto (cd. affiliato principale, o master franchisee) acquista da un altro soggetto (master franchisor), il diritto esclusivo

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 NUOVO STATUTO SOCIETA VALORE IMMOBILIARE Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 Art. 1) DENOMINAZIONE SOCIALE 1. Ai sensi dell'art. 2463 cod. civ. e dell art. 84 della Legge 27 dicembre

Dettagli

tra con sede legale in n. con sede legale in - impianto, l impianto ubicato nel Comune di, autorizzato

tra con sede legale in n. con sede legale in - impianto, l impianto ubicato nel Comune di, autorizzato SERVIZI COMUNALI S.p.A. CONTRATTO DI SMALTIMENTO Rifiuti solidi urbani e assimilati tra con sede legale in n., codice fiscale e partita I.V.A. n., in persona del Suo Legale Rappresentante sig. (di seguito

Dettagli

SLIDES 14 novembre 2013 Pietro Del Fabbro Dario Ceccato Anna Di Pasquale

SLIDES 14 novembre 2013 Pietro Del Fabbro Dario Ceccato Anna Di Pasquale SLIDES 14 novembre 2013 Pietro Del Fabbro Dario Ceccato Anna Di Pasquale IL CONCORDATO IN CONTINUITÀ COME SOLUZIONE PER LE CRISI AZIENDALI DI COSA PARLIAMO 1. ANALISI DELLE CAUSE DELLA CRISI D IMPRESA.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE COMMERCIALE DESTINATO ALLA VENDITA DI PRODOTTI FARMACEUTICI

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE COMMERCIALE DESTINATO ALLA VENDITA DI PRODOTTI FARMACEUTICI Allegato E (schema contratto di locazione) CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE COMMERCIALE DESTINATO ALLA VENDITA DI PRODOTTI FARMACEUTICI TRA - Il Comune di Bernareggio (codice fiscale 87001490157), con

Dettagli

Risoluzione n. 375/E

Risoluzione n. 375/E Risoluzione n. 375/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Indiretta ed Internazionale Roma, 28 novembre 2002 Oggetto: Applicazione dello speciale meccanismo del reverse charge di

Dettagli

Lezione 10. Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale

Lezione 10. Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale Lezione 10 Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale Conferimento È un operazione mediante la quale un soggetto (denominato conferente) trasferisce un azienda oppure un ramo aziendale (vicolo

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana. composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana. composta dai magistrati: Del. n. 37/2012/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Graziella DE CASTELLI Relatore - Cons. Raimondo POLLASTRINI

Dettagli

Club Previdenza del 30 settembre 2013.

Club Previdenza del 30 settembre 2013. Club Previdenza del 30 settembre 2013. a) Gestione delle crisi aziendali: novità in materia di ammortizzatori sociali e dilazioni debiti in fase amministrativa. 1) Cigs aziende interessate alle procedure

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO QUESITI (posti in data 3 aprile 2014) Sono stato assunto quale dirigente medico a tempo determinato presso un azienda ospedaliera del SSN, per la sostituzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI

CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI Articolo 4 - CESSAZIONE DI APPALTO Rilevato che il settore è caratterizzato, nella generalità

Dettagli

LA MANCANZA DEI LIBRI CONTABILI NELLA CESSIONE D AZIENDA

LA MANCANZA DEI LIBRI CONTABILI NELLA CESSIONE D AZIENDA LA MANCANZA DEI LIBRI CONTABILI NELLA CESSIONE D AZIENDA - A cura Giuseppe Bennici - Una delle maggiori difficoltà nel passaggio di proprietà delle aziende, tra cedente e cessionario, è l esatta individuazione

Dettagli