Gli imprenditori aquilani sono alla frutta ma... SE TUTTO VA BENE...SONO ROVINATI!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli imprenditori aquilani sono alla frutta ma... SE TUTTO VA BENE...SONO ROVINATI!"

Transcript

1 Anno XIX n. 7 del 11 gennaio 2013 Periodico Indipendente Distribuzione gratuita Gli imprenditori aquilani sono alla frutta ma... SE TUTTO VA BENE...SONO ROVINATI! Con questa amministrazione comunale, se tutto va bene...siamo rovinati. Dopo un rituale lunghissimo dell'istruzione di una domanda per ricostruire la propria casa (da parte della triade Fintecna, ReLuis e Cineas) la stessa approda in Comune e lì si ferma inesorabilmente a tempo indeterminato. Manca il personale, i dirigenti sono spompati, la politica ci mette del suo. Tutto fermo, ed i lavori vanno a rilento, anche perché non c'è certezza dei pagamenti. Per nessun imprenditore, che a vario titolo ha avuto modo di lavorare per la ricostruzione o, comunque, con quanto ruota intorno alla stessa. Dai lavori fatti e non pagati agli albergatori che hanno dato accoglienza ai terremotati ed ancora spettano che sia pagato quanto dovuto; tanto da non poter più garantire il pagamento degli stipendi ed i contributi previdenziali, con il danno, gravissimo, di non avere più il Durc in regola, e conseguentemente, di non poter ricevere i pagamenti. Il fatto sta mettendo in ginocchio gli imprenditori, soprattutto quelli di dimensioni medio-piccole che non riescono più ad andare avanti, stante anche l'impossibilità di ottenere ulteriore credito dalle banche che comunque lo concede, con interessi insostenibili. Il ritardo dei pagamenti è diventato emergenza economica e c'è il rischio di collasso da parte degli imprenditori. Pur essendoci diverse sentenze che obbligano l'ente pubblico a pagare entro 30- /60 giorni dal ricevimento della fattura, la situazione non è cambiata. Tanto che per l'ennesima volta, il presidente di Ance L'Aquila, Gianni Frattale, è stato costretto a ribadire con forza l'ultimatum, minacciando azioni legali da parte dei costruttori, nei confronti del Comune, per il ritardo cronico dei pagamenti. Le imprese, non solo non possono garantire più gli stipendi, ma non sono in grado di effettuare i versamenti previdenziali (da cui consegue il mancato rilascio del Durc), ma non sono in grado nemmeno di versare l'iva dovuta, con conseguenti gravissime sanzioni, anche penali. La cosa è talmente diffusa che persino la magistratura penale, ha dovuto rendersi conto dell'impossibilità di condannare i cosiddetti evasori, per un comportamento omissivo o dilatorio da parte degli Enti pubblici, che a- vrebbero dovuto invece pagare nei tempi previsti. Ecco, quante sono state le imprese che sono state messe in queste condizioni? Quante sono le imprese che hanno perso il Durc a seguito del mancato pagamento da parte della pubblica amministrazione? (SEGUE) Direttore Responsabile: Giuseppe Vespa. Autorizzazione Tribunale di del 13/8/92, reg. giornali n 293 Direzione e amministrazione: via G. Caldora - Terminal Bus L.Natali, fax Stampato in proprio.

2 2 Non siamo in grado di dare un numero preciso, comunque sicuramente tantissime. Dette imprese non hanno potuto più effettuare lavori pubblici ed addirittura (senza Durc) non hanno potuto incassare i pagamenti per lavori già effettuati. Ben due sentenze dei giudici di Milano, proprio ieri hanno stabilito che l'imprenditore che evade il fisco, causa il ritardo del pagamento da parte degli Di rassicurazioni di attenzione al problema ne abbiamo avute abbastanza, tutte teoriche fin ora, che non hanno inciso sul problema dei ritardi sui pagamenti dei lavori alle imprese neppure di un ora. E per questo che, come associazione che tutela gli imprenditori locali ed i loro dipendenti, siamo costretti a passare ai fatti. Ad annunciare che la pazienza è finita è il Presidente di ANCE Gianni Frattale, il quale fa sapere che contro i ritardi degli uffici del Comune l ANCE procederà per le vie legali. I nostri avvocati sono già al lavoro spiega Frattale - per mettere insieme tutta la documentazione necessaria che attesti il credito e le lungaggini che si protraggono ormai oltre ogni ragionevole misura. I nostri associati ci segnalano casi di attesa di pagamenti per lavori eseguiti nel L aggravante di oggi è che i fondi ci sono, ma il Comune non riesce ad organizzare il funzionamento degli uffici neppure per lavorare pratiche vecchissime. Così bisognerà attendere i vincitori del concorsone ed il loro rodaggio prima che qualcosa possa muoversi. Un agonia che si annuncia ancora lunga quindi per molte imprese locali in enti pubblici, è da assolvere dall'imputazione di evasione fiscale. Insomma, secondo le sentenze, non pagare il fisco, è stata una riconosciuta causa di forza maggiore. D'altronde, già dal 2000 è vigente una direttiva della Comunità Europea (recepita dall'italia solo nel novembre scorso) che obbliga gli Enti a pagare entro 30 giorni. Il Comune dell'aquila è campione del mondo in lentezza; infatti all'estero si va dai 30 giorni della Svizzera, ai 60 giorni degli Usa sino ai 90 giorni del Brasile. Gli imprenditori che lavorano nella ricostruzione in Abruzzo, ci metterebbero immediatamente la firma. Anche perché, L'Aquila...è fuori tempo massimo. A questo punto, la premiata ditta Cialente&Di Stefano, seguita in processione dai vari sofferenza, senza che dai nostri amministratori venga una minima soluzione alternativa. Lo stesso rimprovero viene mosso dall ANCE agli uffici della Provincia per la gestione degli appalti sulle scuole. Anche in questo caso si è fatto leva sugli anticipi di risorse da parte delle imprese dirigenti: Fabrizi, Santoro e Nardis dovrebbero recitare almeno 1000 mea culpa ciascuno, oltre a tutta una serie di altre preghiere, per tentare di scusarsi con gli imprenditori e gli aquilani terremotati, al fine di sperare in un'assoluzione...per non precipitare all'inferno con tutte le scarpe. A- men. Peppe Vespa ULTIMATUM DI ANCE L AQUILA private per garantire il rientro a scuola regolare degli studenti e poi si sono lasciati gli imprenditori al loro destino con gli istituti di credito che iniziano a non fidarsi più dei tempi delle amministrazioni locali. Così è impossibile lavorare commenta sfiduciato Frattale questo metodo oltre ad impedire alle imprese di poter pagare con puntualità fornitori, stipendi, enti previdenziali e assicurativi per il rilascio dei DURC, materiali, eccetera, produce un ulteriore debito verso le banche in termini di interessi che maturano inesorabilmente sullo scoperto. La ricostruzione da occasione di sviluppo economico per il territorio si sta trasformando in trappola per le imprese. Per questo l ANCE ha deciso di recuperare forzosamente oltre alle somme spettanti ai propri iscritti anche gli interessi maturati finora nonché i danni in molti casi procurati.

3 3 UFFICI DESERTI ALLA RICOSTRUZIONE, IN POCHI A RISPONDERE SUI CONTRIBUTI Gli uffici della ricostruzione in via Strinella alta, così vuoti e desolanti non si erano mai visti. Aspettano tutti il concorsone, e chi ha fatto gli orali, teme ora le graduatorie, è convinto che passerà tutta gente di Napoli e di Roma, hanno dato uno sguardo ai punteggi e i loro sembrano più bassi, c è chi azzarda la percentuale delle bocciature, ma è ancora presto per dirlo. Nel frattempo gli uffici sono deserti, e la gente gira a vuoto per avere notizie sui traslochi o sugli indennizzi ai propri beni di casa distrutti, hanno presentato la domanda da mesi, era tutto a posto, come mai non si vedono i rimborsi e nessuno a dargli risposte. Al primo piano in fondo al corridoio c è sempre la fila, tutti in attesa di quel paio di tecnici competenti, disponibili e col sorriso sulle labbra, a dare risposte sui tempi presunti per ottenere i contributi per i lavori. Qui arriva chi ha avuto la pratica chiusa dalla filiera, per cui stando a posto le carte, cerca di capire dal Comune quando avrà concretamente i soldi, così da cominciare i lavori. Ci sono pratiche chiuse da ottobre, ma non c è abbastanza personale per assegnare le responsabilità di ogni procedimento, mentre funzionari tuttofare fanno quel possono, anche ciò che non gli compete come il rinnovo dei permessi d accesso in zona rossa. Gli fa comunque piacere, accontentare il tecnico che passa sempre di corsa. File di cittadini che aspettano da mesi di chiudere la pratica della sostituzione edilizia, con la filiera è tutto sistemato, ma non capiscono quale carta manchi, per avere i contributi finali, e lì l amara sorpresa che sta colpendo da metà novembre centinaia di cittadini e cioè che non c è più il finanziamento agevolato in banca, cioè i soldi certi per i lavori, per cui con la pratica finita, bastava aprire un conto corrente, iniziare i lavori e portarli a termine. E invece le banche, dopo aver accettato le richieste dei cittadini, gli stanno scrivendo dicendo loro che siccome i 2miliardi dello Stato sono finiti, e sono cambiate le modalità di finanziamento, non più agevolato ma diretto, la loro richiesta non può più essere presa in considerazione. I cittadini tornano così in Comune per mettersi di nuovo in fila, e per sentirsi dire che la faccenda è ora più complicata, ci vuole più tempo, ci fanno capire che ci vorranno mesi perché bisognerà portare lo stato dell avanzamento dei lavori, stadi diversi di pagamento, anticipi impensabili da parte delle imprese, che dovranno dimostrare, senza aver incassato, di essere a posto con tasse e oneri contributivi. Una filiera lenta, perché i soldi non ci sono. E così si resta appesi, proprio mentre era tutto pronto per ricominciare con una nuova casa. Gente arrabbiata se ne vede poca, rassegnata molta, a fare la fila, a capirci sempre di meno per poi chiedersi come mai all Emiciclo, dov è in corso una seduta aperta del Consiglio, non si rendono conto di questo vuoto amministrativo, per cui aquilani ormai provati, girano spaesati col numeretto in mano in cerca di risposte. L assessore Di Stefano proverà a fare una specie di finanziamento agevolato con la Carispaq, i legami con la Bper, che ha in cassa il plafond concesso invece al presidente Errani potrebbe trainarci, magari potesse, ma ci fanno capire che si andrà sempre lunghi e a stato d avanzamento dei lavori: 80% in due tranche e poi l ultimo 20%. Un signore ci mostra sconsolato la lettera della banca, dove dice Le restituiamo l originale del provvedimento di concessione del contributo al fine di valutare l erogazione dello stesso mediante le altre forme previste dalla normativa, ci racconta che pensava di avercela fatta e di poter aprire il conto, è la sua unica casa, da qualche mese era riuscito a chiudere la pratica ma ora dovrà ricominciare da capo, per aspettare altre forme di finanziamento ancora da capire bene, se ne va avvilito non sapendo più, in cosa poter credere. Alessandra Cococcetta

4 4 UNIVAQ, QUANTA PROPAGANDA! Ennesimo comunicato trionfalistico dell ufficio propaganda dell Università dell Aquila. Perché di propaganda si tratta, non di comunicazione. Fiutando la nomina politica o il riciclo di prestigio in altre amministrazioni pubbliche, il bis prorogato rettore Di Orio dichiara qualsiasi cosa pur di accreditarsi come manager virtuoso agli occhi dei politici che contano. E inventa la panzana dell Ateneo che assume in controtendenza. Notizia di facile presa giornalistica, ma purtroppo basata su un equivoco. Le assunzioni fatte riguardano concorsi da ricercatore che l Università aveva bandito da più di due anni, i cui vincitori sono rimasti al palo per lunghissimo tempo e sono stati costretti a minacciare le vie legali per vedere riconosciute le loro sacrosante ragioni. Altro che virtuosità: è successo che l Università aveva messo a bando più posti di quelli che si poteva permettere se a- vesse avuto un amministrazione attenta e oculata, ed è stata poi costretta per due VITTORINI, A 1350 GIORNI DAL SISMA L'AQUILA E' RATTOPPATA E NON E' SICURA Lo sanno pure i muri (quelli rimasti) che L'Aquila è la città più sismica d Italia, ma invece di applicare la legge sismica nazionale che prevede il 100 per cento dell adeguamento, qui si va in deroga, cioè è sufficiente il 60 per cento. Tradotto, vuol dire che mentre in qualsiasi parte d Italia si applica la nuova normativa, qui all Aquila non si può fare per questioni economiche e così tutti quelli che ci vivono, oltre a saper bene di dover convivere col terremoto, sanno pure che la città antisimsica non è. Lo sanno bene anche gli addetti ai lavori che gli interventi sulle case sono stati solo di "contenimento", mentre si continua a costruire anche in zone dove non sarebbe possibile a determinate condizioni, vedi la faglia attiva di Pettino. In pratica sono stati fatti solo interventi di rafforzamento locale, e poi c'è sempre il lecito dubbio, se anche nella ricostruzione leggera siano stati osservati i parametri di sicurezza. anni a rimangiarsi l impegno ad assumere i relativi vincitori di concorso. Nel momento in cui i parametri sono rientrati nel limite a seguito delle modifiche ministeriali, grazie anche al fatto che l accordo post-terremoto mantiene fisso il fondo di funzionamento ordinario solo per (con grandi polemiche ad es. di Teramo e Chieti) e ai numerosi pensionamenti di professori ordinari, è stato possibile onorare gli impegni assunti, con tante scuse ai vincitori di concorso tenuti per due anni senza stipendio. Ma lo stato delle finanze dell Ateneo rimane disastroso, e si annunciano tempi bui per quanti aspirano nei prossimi anni ad avere qualche riconoscimento di carriera: la previsione attuale è di zero posti per i prossimi 4-5 anni. Questo, per Di Orio, significa essere in controtendenza. Prof. Sergio Tiberti E' tornato su questo tema Vincenzo Vittorini, consigliere di L'Aquila che Vogliamo, che nell'assise straordinaria del Consiglio Comunale ha ripercorso tutte le problematiche inerenti la sicurezza dei cittadini. Dalla provvisorietà dei puntellamenti, alle polveri tossiche prodotte dai cantieri e al piano di protezione civile che a più di 1350 giorni dal sisma, è totalmente inadeguato dal punto di vista operativo. Sindaco e Giunta assenti a parte l'assessore alla Protezione Civile Roberto Riga, "inadeguato" anche lui, secondo Vittorini. In aula anche un gruppo di genitori firmatari di una richiesta per avere garanzie documentate di sicurezza nel centro storico frequentato dai figli. Di risposte documentate e non generiche però, ancora non esiste traccia, di smentite di fronte agli allarmi neanche...sentiamo l'intervista Su servizio e testo di Matilde Albani, riprese Elisabetta Di Giorgio

5 5 CONSIGLIO COMUNALE, L'ENNESIMA SEDUTA FARSA SUL LAVORO Il film è sempre quello: il lavoro da rincorrere con i continui scaricabarile. I nostri amministratori, ad ogni cambio di stagione, si rititrovano puntualmente costretti ad inseguire eventi, invece di tracciare o rendicontare strategie sull'occupazione, mai messe in pratica. Ed eccoci di fronte all'ennesima "farsa spettacolo" di un'assise civica straordinaria sul lavoro, dove le chiacchiere se le porta il vento, e siccome sono troppe, fanno pure fatica ad uscire dall'emiciclo, dove a sentirle ci sono anche molti lavoratori col fiato sospeso. Disoccupazione alle stelle, cassa integrazione in incremento, aziende che chiudono e nessuno di quelli che dovrebbero, che osa investire in qualche fatto, se non in dichiarazioni d'intenti. Questo è il quadro raccapricciante aquilano sull'occupazione, anzi la disoccupazione, a quasi quattro anni dal terremoto. Tra i vari Soloni, nessuno è stato in grado di prendere il toro per le corna e di muovere una paglia. Il Consiglio Comunale straordinario convovato per illustrare le problematiche fondamentali e incentrabili su questo tema nerissimo, è stato praticamente come parlare della " PACE NEL MONDO", amato argomento generalista, che tutti sognavamo nel tema della maturità. Da mesi oramai, solo comunicazioni di chiusure e licenziamenti: vedi il caso di Tecnolabs che ha annunciato l'avvio di 45 licenziamenti e di almeno un'altra decina di aziende in difficoltà, tra cui la Micron, dove lavorano tantissimi aquilani. Ettore Di Cesare consigliere di Appello per L'Aquila, nel suo coriaceo intervento, ha accusato l'amministrazione Cialente di "non sapere neanche cosa siano gli incubatori di impresa, di non riuscire ad intercettare risorse comunitarie e di essere incapace di progettare il futuro". E inoltre di "non sapere ancora, cosa farsene dell'area ex Italtel costata oltre 4 milioni di euro". Della stessa musica i Consiglieri Angelo Mancini ed Enrico Verini "Basta, agevolare chi viene da fuori.. si poteva dare la territorialità a 300 posti di lavoro, che abbiamo perso!". Molto inglese il Sindaco Cialente, che nel suo intervento di risposta ha fatto come Mosè e le tavole della legge, cioè: "Tutto e già scritto nel Piano Strategico, ed evidentemente non lo avete letto...!!." Su servizio e testo di Matilde Albani, riprese Elisabetta Di Giorgio NUOVA SOCIETA' ALL'EX ITALTEL CIALENTE: "VOGLIAMO CHE ASSUMA SOLO AQUILANI" Rispetto alla crisi che da anni interessa il nostro territorio, - ha dichiarato il sindaco Massimo Cialente nel suo intervento in aula durante il Consiglio comunale, che sta discutendo l ordine del giorno relativo alla crisi del mondo del lavoro all Aquila - abbiamo tentato in questi anni di salvaguardare il knowhow e le competenze specifiche del mondo del lavoro aquilano, tuttavia è difficile trovare una ricollocazione per i lavoratori rimasti fuori da mercato che hanno superato i anni di età. Per questa ragione abbiamo voluto patrimonializzare la città acquistando, grazie ai fondi della legge mancia devoluti dal Pd, il sito dell ex polo elettronico. Abbiamo pagato 4 milioni di euro una struttura che ne valeva almeno 25. Grazie a questa iniziativa della Giunta comunale presto arriverà una nuova azienda alla quale, in cambio della cessione di un capannone nell area ex Italtel, abbiamo chiesto di assumere solo personale aquilano, per tutti i profili e le qualifiche funzionali, alle maestranze al management. Stiamo seguendo ha concluso il sindaco - tutte le vertenze occupazionali che interessano il territorio, affianco delle organizzazioni sindacali, perché non si avrà una vera ricostruzione se non riusciremo a salvaguardare i posti di lavoro de nostro territorio, puntando dunque anche sui giovani e sul loro futuro. L'Ufficio Stampa del Comune dell'aquila AUTONOMA SISTEMAZIONE, IL COMUNE CHIEDE FONDI PER DICEMBRE Il sindaco dell'aquila Massimo Cialente e l'assessore all'assistenza alla Popolazione Fabio Pelini rendono noto che e' stata inoltrata, da parte degli uffici comunali competenti, al Dipartimento delle Politiche dello Sviluppo Territoriale del Ministero per la Coesione territoriale, la richiesta per l'erogazione del Contributo di autonoma sistemazione (Cas) relativa al mese di dicembre Il fabbisogno e' stato quantificato in complessivi 1 milione 755 mila 183 euro.

6 6 CONSIGLIO, OK A REVISORI E CENTRO DI ACCOGLIENZA A PIANOLA Il Consiglio Comunale ha approvato la delibera relativa alla nomina del collegio dei Revisori dei Conti, per il triennio , nelle persone dei professionisti Antonio Bizzarri, con funzioni di presidente, Vincenzo Di Martino e Angela Palombizio con quelle di componenti. Il Consiglio ha deliberato altresì l approvazione del progetto, in variante al Piano regolatore generale, del centro di accoglienza Gianfranco Sipari onlus, che sorgerà nell area di Pianola. In particolare, a seguito della modifica di destinazione d uso del terreno da Zona agricola normale a Zona per attrezzature socio sanitarie, verrà realizzata una casa famiglia per persone diversamente abili di 684 metri quadri, un centro diurno per persone down di 368 metri quadri e una palestra di 869 metri quadri. Il progetto prevede la realizzazione e cessione di opere di urbanizzazione, quali parcheggi, impianti di illuminazione, rete fognaria e adeguamento della viabilità. La Fondazione Gianfranco Sipari Onlus, che ha presentato il progetto, con sede a Pescasseroli, è nata nel 2007 ed è operativa nel territorio aquilano attraverso una collaborazione con l Associazione italiana persone down (Aipd). Si tratta di un importante risultato ha dichiarato l assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano - ai fini di dare una sede ad un associazione che svolge un importante servizio in termini sociali e di supporto alle famiglie e che era presente sul territorio anche prima del sisma. L importo dei lavori ha concluso Di Stefano è pari a circa 2 milioni di euro. L'AQUILA, IN CONSIGLIO COMUNALE SOLIDARIETA' AI LAVORATORI MICRON Il Consiglio comunale ha approvato la delibera all ordine del giorno con la quale si chiede al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dello Sviluppo Economico di impegnare il Governo a modificare l impostazione iniziale della vertenza Micron, aprendo un tavolo di settore sulla microelettronica con diversi obiettivi. Il primo obiettivo è quello di garantire l attuale occupazione preservando tutti i 1623 dipendenti, a fronte dei 700 esuberi annunciati, dello stabilimento Micron di Avezzano, il secondo quello di identificare e stabilire le misure di sostegno industriale relative alle politiche dei semiconduttori e del settore della microelettrica, creando le condizioni di sostegno industriale mediante processi di riorganizzazione e sviluppo di multinazionali presenti nel nostro paese. Il terzo deve essere quello di operare affinché Micron di Avezzano o la nuova proprietà, garantiscano attraverso investimenti mirati mediante un Piano Industriale credibile e durevole nel tempo che assicuri sviluppo per l azienda e per tutto il territorio regionale e nazionale, mantenendo l attuale livello occupazionale. Ultimo infine l obiettivo di dare atto che la deliberazione non comporta impegno di spesa ne diminuzione di entrata. L incertezza sul futuro dello stabilimento Micron di Avezzano, si legge in premessa nel documento messo sul mercato dalla multinazionale americana, potrebbe sfociare in un dramma sociale dalle conseguenze inimmaginabili per la Marsica generando, nel contempo, un pericoloso arretramento del sistema paese su tecnologie innovative, i semiconduttori, di fondamentale importanza per lo sviluppo dell Italia. La multinazionale Micron, - si legge ancora in premessa risulta la prima grande impresa della provincia dell Aquila, la seconda d Abruzzo, è un azienda cardine del sistema economico regionale. Sarebbe gravissimo e devastante un ridimensionamento del numero delle maestranze, quasi la metà dell intero sito produttivo di Avezzano, con pesantissime ripercussioni sul tessuto sociale ed economico non solo di tutta la Marsica, ma dell intera provincia dell aquila e della regione Abruzzo. VERTENZA MICRON, DEL CORVO: "PRIORITA' PER TUTTI" "Non uno ma più incontri promuoveremo per tutelare e difendere gli interessi dei lavoratori della Micron e dell'intero territorio - questo le prime dichiarazioni del presidente della Provincia dell'aquila, Antonio Del Corvo nel suo intervento durante il consiglio congiunto Provincia-Comune che si è svolto ieri pomeriggio presso l'assise di Avezzano - si perché la Micron non è una questione solo di chi ci lavora ma di tutti i cittadini, é una questione di territorio. Per questo abbiamo proposto al comune di Avezzano di tenere un consiglio congiunto, inoltre abbiamo inviato a tutti i sindaci uno schema di delibera da adottare a favore della Micron, proprio per condividere tutti una strategia politica che veda ogni protagonista istituzionale del territorio coinvolto. Un momento particolare a livello nazionale perché a Roma siede un esecutivo commissariato, ma la nostra battaglia c'è oggi qui, ci sarà il 21 al MISE, come ci sarà ancora più a voce alta e forte quando entrerà in azione il nuovo Governo. La Micron dovrà essere una priorità per chiunque amministrerà il Paese nel prossimo futuro, perché ad essa è legato il destino di una provincia e di una regione che non può perdere uno dei grandi motori industriali del nostro territorio che crea economia e da lavoro a molte famiglie. I rappresentanti istituzionali a tutti i livelli devono esserci e devo farlo al meglio".

7 7 C.A.S.E., ACCONTI PER UTENZE E SPAZI COMUNI. SPEDITI GLI AVVISI Come già annunciato dall amministrazione comunale alcune settimane fa, è stata avviata la spedizione degli avvisi per il versamento degli acconti riguardanti le utenze domestiche e le spese per gli spazi comuni degli alloggi del progetto C.A.S.E.. L operazione, la cui gestione è stata affidata dalla Giunta comunale al Sed con la delibera n. 468 dello scorso novembre, prevede dei pagamenti a carico degli assegnatari, calcolati in proporzione ai giorni di occupazione dell alloggio utilizzato ed alla sua superficie, fissato in una quota che consenta di coprire i costi. Gli interessati, pertanto, riceveranno a domicilio il plico contenente un avviso e il bollettino di pagamento (o più bollettini, qualora, in ragione dell importo, siano possibili i versamenti a rate). L acconto è calcolato sul periodo arretrato, da aprile 2010 a novembre 2012, e su quello corrente, da dicembre 2012 ad aprile Per consentire agli assegnatari di ottenere più agevolmente chiarimenti, informazioni e servizi strettamente connessi alla questione attinente tali versamenti, il Sed che opera per conto del servizio comunale che si occupa dell Assistenza alla popolazione, settore competente, tra l altro, per il progetto C.A.S.E. e gli altri alloggi occupati da coloro che hanno perso la propria abitazione a causa del sisma ha attivato uno sportello nella sede comunale di via Roma n. 207/A (edificio Del Tosto). L ufficio in questione, aperto al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12, il martedì e il mercoledì anche dalle alle 17.30, si occuperà esclusivamente delle questioni relative al pagamento degli acconti per le utenze domestiche e le spese per gli spazi comuni, mentre le altre funzioni connesse a tali alloggi (verifiche dei requisiti per l assegnazione, contratti, riconsegna delle chiavi degli appartamenti e così via) continueranno a essere svolte dagli uffici dell - Assistenza alla Popolazione, in via Rocco Carabba n.6. Il dettaglio delle questioni riguardanti gli acconti delle utenze comuni e delle spese condominiali è contenuto nella pagina specifica attivata sul sito internet del Comune dell Aquila, inserita all interno della sezione Progetto C.A.S.E., M.A.P. e Fondo Immobiliare dell area Il Sisma. Sono riportati anche i numeri di telefono e gli altri contatti dello sportello del Sed che si occupa di tale problematica. TRASPORTI ABRUZZO, OGGI SINDACATI IN SCIOPERO Si terra' oggi la prima azione di sciopero, della durata di 4 ore, di tutti i lavoratori operanti nelle Aziende del Trasporto Pubblico in Abruzzo. Lo comunicano, in una nota congiunta, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl trasporti. ''Un'azione dovuta e necessaria, informa la nota diffusa dai sindacati dei trasporti, proclamata dalle organizzazioni sindacali 'responsabili' di volere un riordino dell'intero settore, a partire dalla costituzione dell'azienda unica regionale. Il problema sta nella 'irresponsabilita'' di altri attori, in primis la politica regionale, che si arrovellano ogni giorno di piu' con l'intento di provare a giustificare le 'non scelte' che, come sempre, graveranno sulle tasche dei cittadini''. ''Esempio lampante, aggiunge la nota, la posizione assunta dal Governatore Chiodi che, chissa' per quale motivo, continua a sbandierare i maggiori costi, a partire da quelli del lavoro, che maturerebbero nel caso in cui il progetto di fusione delle tre aziende pubbliche andasse in porto. Si dimentica, pero', che il 20 dicembre scorso le Oossll hanno sottoscritto un protocollo con l'assessorato ai Trasporti nel quale si impegnano formalmente ad evitare il livellamento verso l'alto della contrattazione di secondo livello e ad assumere il parametro della produttivita' quale elemento di riferimento nella contrattazione stessa''. APPALTI PROVINCIA, SPECCHIO IN CARCERE FINO A FEBBRAIO Resta in carcere fino al 9 febbraio, il direttore generale della Provincia dell'aquila, Angelo Valter Specchio, finito in manette (insieme ad altre due persone) nell'ambito dell'inchiesta della Procura della Repubblica dell'aquila, sugli appalti per la messa in sicurezza degli istituti scolastici di Avezzano e Sulmona utilizzando atti falsi per avvantaggiare alcune societa' in cambio di benefici personali. Lo ha deciso il Tribunale a sorpresa il Gip del Tribunale dell'aquila, Giuseppe Romano Gargarella, dopo la richiesta avanzata dai tre pm della Procura della Repubblica dell'aquila, che conducono l'inchiesta: David Mancini, Stefano Gallo e Roberta D'Avolio. Lo stesso Gip aveva inizialmente disposto per Specchio, la permanenza in carcere fino ad oggi, data nella quale la misura si sarebbe dovuta trasformare in arresti domiciliari. Ma per l'accusa sussistono ancora i pericoli di inquinamento delle prove. Appena due giorni fa Specchio per circa due aveva risposto alle domande formulate dai magistrati. Nell'ambito della stessa attivita' di indagine, oltre a Specchio erano finiti in manette Giancostantino Pischedda, procuratore speciale della ditta Pellegrini di Cagliari e Franco Rossano Palazzo, legale rappresentante di una societa' di impianti tecnologici con sede a Foggia, entrambi tornati in liberta'. Gli arresti erano stati eseguiti dagli agenti della squadra Mobile, dai carabinieri del Raggruppamento operativo speciale e dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria. Gli indagati rispondono a vario titolo dei reati di corruzione, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, peculato, abuso d'ufficio e falso ideologico in atti pubblici. L'inchiesta ha preso in esame in particolare i lavori di messa in sicurezza sismica per le scuole di Avezzano e Sulmona, compresi nell'appalto multimilionario del progetto 'Scuole sicure'. Alla base delle accuse, "l'illegittimita' nelle procedure di affidamento degli appalti" nonche' "gestione di beni e denaro pubblico in modo personalistico e dispersivo, a fini di vantaggi personali".

8 8 Regione CISL ABRUZZO, NEL 2012 OCCUPATI IN CALO E CIG IN AUMENTO Il 2012 e' stato un anno difficile per il mercato del lavoro e per l'economia abruzzese. E' questa l'analisi che emerge dai dati elaborati dell'ufficio studi della Cisl Abruzzo ''M.Ciancaglini''. Il raffronto con l'anno 2011 della Cassa integrazione, informa la Cisl, fa registrare un aumento del 10% delle ore autorizzate, in particolare dell'ordinaria e della straordinaria. Per il il monte ore e' pari a Le province di Chieti e di Teramo, quelle dotate di una rete d'imprese piu' sviluppata, risultano le piu' colpite. Tutti i settori di produzione mostrano una maggiore sofferenza. Continua la difficolta' delle piccole imprese artigiane, che hanno raddoppiato il ricorso alla Cassa integrazione. In Abruzzo, aggiunge la Cisl, sono aumentati i beneficiari degli ammortizzatori sociali di oltre 5 mila toccando la soglia dei persone. A settembre 2012 gli occupati sono 508 mila, in diminuzione dello 0,4% rispetto allo stesso arco temporale dell'anno precedente (-2 mila), mentre il tasso di occupazione, pari al 56,9%, e' in diminuzione di 0,3 punti percentuali nel confronto congiunturale. Il numero dei disoccupati, pari a 53 mila, registra un aumento (+10 mila) rispetto agli stessi mesi del Il tasso di disoccupazione si attesta all'9,5%, in aumento di 1,7 punti percentuali. Le previsioni del Pil per il 2012 si attestano intorno al -0,9%. L'esportazioni per il III trimestre 2012 diminuiscono di 4,5 percentuali rispetto al Nel 2013, conclude la nota, senza una grande attenzione per il lavoro e l'economia si rischia di subire arretramenti difficilmente sostenibili per l'abruzzo a causa dell'indebolimento del tessuto produttivo generando conseguenze pesanti per il lavoro. Le fasi elettorali nazionale e regionale, pur rappresentando un momento importante della democrazia, non devono distogliere lo sguardo da impegni e scadenze che l'abruzzo deve saper affrontare.

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli