95) DIVIETI DI CIRCOLAZIONE ANNO 2011 DECRETO MINISTRO DEI TRASPORTI N.984 DEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "95) DIVIETI DI CIRCOLAZIONE ANNO 2011 DECRETO MINISTRO DEI TRASPORTI N.984 DEL 14.12.2010."

Transcript

1

2 ATTIVITA ASSOCIATIVA 94) MESE DI DICEMBRE : Riunione del Consiglio Direttivo del Comitato di Coordinamento degli Utenti ed Operatori Portuali Nazionale Roma : Riunione del Consiglio Direttivo Fedespedi Milano 17.12: Incontro presso CCIAA in vista della presentazione al Ministero degli Esteri del Progetto Unicredit sul megaporto Monfalcone-Trieste 21.12: Riunione periodica con la Direzione della Agenzia delle Dogane di Trieste sui nuovi processi di importazione ed esportazione in relazione all emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario 21.12: Incontro all Autorità Portuale di Trieste per avvio delle procedure del sistema Black Box 27.12: Riunione della Commissione Consultiva Locale del Porto di Monfalcone 29.12: Riunione della Commissione Fondo Sicurezza Porto di Trieste ATTIVITA DI TRASPORTO 95) DIVIETI DI CIRCOLAZIONE ANNO 2011 DECRETO MINISTRO DEI TRASPORTI N.984 DEL Con il decreto indicato in oggetto, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, è stato approvato il calendario 2011 dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti (massa complessiva superiore a 7,5 ton) fuori dai centri abitati. In particolare la circolazione sarà vietata: tutte le domeniche e i giorni festivi dalle 8,00 alle 22,00 (dalle 7,00 alle 24,00 nel periodo da giugno a settembre); i sabati dei mesi estivi dalle 7,00 alle 23,00 (dal 9 luglio al 27 agosto) mentre il 2 luglio dalle 7,00 alle 24,00; i ponti festivi e di esodo (Pasqua, ultimo week-end di luglio, primo e secondo week-end di agosto, feste dell Immacolata e di Ognissanti e Natale). E stato confermato l anticipo di 4 ore del termine dei divieti per i veicoli: diretti agli aeroporti per l esecuzione di un trasporto all estero a mezzo cargo aereo; utilizzati nei servizi intermodali con l estero attraverso gli interporti e i terminal di Bologna, Padova, Novara, Verona Quadrante Europa, Torino-Orbassano, Trento, Rivalta Scrivia, Parma-Fontevivo, Busto Arsizio, Milano Rogoredo e Milano smistamento e Domodossola; viaggianti con unità di carico vuote (container, casse mobili, semirimorchi) destinate tramite gli stessi interporti, terminal intermodali e aeroporti all estero; viaggianti a vuoto verso gli interporti e i terminal intermodali per essere caricati sul treno; impiegati nel trasporto combinato ferroviario e nel trasporto combinato strada-mare tra porti nazionali. Restano esclusi dai divieti i veicoli che circolano nelle tratte nazionali dei trasporti combinati strada-mare diretti ai porti, i veicoli prenotati per le revisioni (limitatamente ai divieti cadenti di sabato), nonché i veicoli che all inizio del divieto si trovino ad una distanza non superiore a 50 km dalla sede cui stanno facendo ritorno (l esclusione non opera sulle autostrade). Inoltre i divieti non si applicano se il trattore circola isolato e sia stato precedentemente sganciato dal semirimorchio in sede di riconsegna per la prosecuzione del trasporto della merce attraverso il sistema intermodale, purché munito di idonea documentazione attestante l avvenuta riconsegna.

3 Sono inoltre esclusi dai divieti anche quando circolano scarichi: i veicoli che trasportano latte, latticini freschi e derivati del latte freschi, liquidi alimentari, frutta e ortaggi freschi, carni e pesci freschi, fiori recisi, animali vivi destinati alla macellazione o provenienti dall estero, sottoprodotti derivati dalla macellazione degli animali, pulcini destinati all allevamento, sementi vive (i veicoli devono essere muniti sul retro e sulle fiancate dei cartelli indicatori verdi con impressa la lettera d minuscola); i veicoli ATP; i veicoli e i complessi veicolari adibiti ai servizi postali in virtù di licenze e autorizzazioni postali di cui al decreto legislativo n.261/99; i veicoli adibiti al trasporto di carburanti e combustibili, liquidi e gassosi, destinati alla distribuzione e al consumo. Per i veicoli provenienti dall estero i divieti iniziano quattro ore dopo, mentre per i veicoli diretti all estero i divieti terminano due ore prima. Per i veicoli che circolano in Sicilia e in Sardegna, diretti all imbarco verso le altre regioni italiane i divieti non trovano applicazione, mentre per i veicoli provenienti dalle altre regioni i divieti di circolazione nelle due isole iniziano quattro ore dopo. Per i veicoli provenienti o diretti in Sicilia attraverso i porti di Reggio Calabria e Villa S. Giovanni le deroghe ai divieti di circolazione sono più limitate (l orario dei divieti è ridotto di 4 ore). Possono essere esclusi dai divieti, previa autorizzazione prefettizia i veicoli che trasportano prodotti che per la loro intrinseca natura o per fattori climatici e stagionali sono soggetti ad un rapido deperimento (l autorizzazione non può avere una validità temporale superiore a 6 mesi), i veicoli che eseguono trasporti di assoluta e comprovata necessità ed urgenza (l autorizzazione generalmente è giornaliera), nonché i veicoli impiegati per esigenze legate ai cicli continui di produzione industriale (l autorizzazione prefettizia per consentire la circolazione può essere rilasciata anche nel caso gli stabilimenti si trovino in regioni non contigue). I veicoli adibiti al trasporto di esplosivi, indipendentemente dalla loro massa complessiva, dovranno comunque rispettare i divieti previsti per i mezzi pesanti; inoltre nel periodo dall 1 giugno al 18 settembre non potranno circolare dalle ore 18,00 di ogni venerdì fino alle ore 24,00 della domenica successiva. Per questi trasporti le autorizzazioni prefettizie alla circolazione in deroga sono ammesse esclusivamente per il trasporto di fuochi d artificio. Il decreto in esame prevede che entro 4 mesi dalla sua entrata in vigore potranno essere apportate modifiche e integrazioni al calendario dei divieti, sentita anche la Consulta Generale per l Autotrasporto. In allegato la tabella dei divieti elaborata da Confetra. (ALL.1) 96) QUOTA ISCRIZIONE AL COMITATO CENTRALE DELL ALBO DEGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ANNO NOTA DEL COMITATO CENTRALE - ULTERIORI INDICAZIONI RELATIVE AL VERSAMENTO. Il Comitato Centrale dell Albo degli Autotrasportatori, attraverso la nota indicata in oggetto, ha fornito ulteriori indicazioni relative al versamento della quota di iscrizione valida per l anno 2011 (cfr. circolari Fedit n /2010). Le imprese di autotrasporto, iscritte all Albo alla data del 31 dicembre 2010, in ragione del parco veicolare disponibile, sono tenute a versare la quota di iscrizione, i cui importi sono rimasti invariati rispetto allo scorso anno, entro il 31 dicembre 2010 (per disponibilità si intendono i veicoli immatricolati ad uso terzi, di proprietà, in usufrutto, acquistati con patto di riservato dominio e leasing). 2

4 Il pagamento della quota di iscrizione, da effettuarsi tramite il sito del Comitato Centrale, potrà avvenire attraverso una delle seguenti modalità: - Versamento on line (carte di credito Visa o Mastercard, Bancoposta, Bancoposta Imprese, PostePay, PostePay Impresa); - Bonifico bancario; - Bollettino di c/c postale (non verrà trasmesso alcun bollettino presso le sedi delle imprese di autotrasporto). Il versamento potrà avvenire utilizzando un Bollettino di conto corrente postale (c/c n intestato a Comitato Centrale per l Albo Nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto di terzi - Via G. Caraci, Roma). La causale da riportare sul bollettino è: Quota iscrizione 2011 RM/58 /_ (completare il numero di iscrizione inserendo dopo il 58 le altre 5 cifre e la lettera dell alfabeto). Sul Bollettino si dovrà riportare, altresì, la denominazione e la sede dell impresa e l importo da versare. Nel caso in cui si ritenga che l importo da versare non risulti corrispondente a quello calcolato dall azienda in base al parco veicolare posseduto alla data del versamento, l impresa potrà ricalcolare la quota, comunicando, poi, l effettiva composizione del proprio parco veicolare circolante all Organismo provinciale per la tenuta dell Albo, nonché al competente Ufficio UMC. Si rimanda alla nota del Comitato Centrale (ALL.2 ) al fine di rispettare la procedura di pagamento (si precisa che in mancanza della procedura di autocertificazione il versamento della quota verrà considerato non effettuato). 97) TRASPORTO FERROVIARIO RETE CARGO EUROPEA REGOLAMENTO UE 913/2010 DEL 22 SETTEMBRE Con il regolamento in oggetto, l UE ha individuato 9 corridoi ferroviari destinati a costituire l ossatura di una rete cargo europea dove l assegnazione delle tracce avverrà tramite uno Sportello Unico transnazionale e dove opereranno appositi organismi internazionali di concertazione e di controllo. Dei 9 corridoi da istituire entro il , 4 riguarderanno l Italia: Corridoio 1: Rotterdam-Genova Corridoio 3: Amburgo-Palermo Corridoio 5: Bratislava-Vienna-Udine-Ravenna Corridoio 6: Madrid-Lione-Torino-Trieste-Budapest-Zahony. Per la gestione di ciascun corridoio dovranno essere costituiti: - un Comitato Esecutivo, composto dai rappresentanti agli Stati interessati, con il compito di fissare gli obiettivi generali e di assicurare la supervisione della politica di corridoio; - un Comitato di Gestione, composto da gestori delle infrastrutture, con il compito di programmare gli investimenti, istituire lo sportello unico per la concessione delle tracce, fissare le condizioni di utilizzo, ecc.; Degni di nota risultano alcuni indirizzi politici di fondo: i Comitati di Gestione dovranno tendere a eliminare le strozzature poiché solo con l aumento delle prestazioni dei treni (velocità, lunghezza, pesi e profili) la rotaia potrà competere con altre modalità di trasporto; l intermodalità non è più considerata la tecnica votata per eccellenza allo sviluppo del cargo ferroviario; le tracce potranno essere concesse anche a Richiedenti Autorizzati diversi dalle imprese ferroviarie, cioè caricatori, spedizionieri, MTO, ecc. Tra 5 anni, nel 2015, la Commissione UE dovrà riferire al Consiglio sull attuazione del Regolamento 913. DOGANE 3

5 98) DICHIARAZIONI SOMMARIE DI ENTRATA E DI USCITA AVVIO DALL 1 GENNAIO E oramai imminente l entrata in vigore delle nuove procedure doganali necessarie per garantire su tutto il territorio dell Unione Europea la sicurezza delle importazioni e delle esportazioni. Nonostante le sperimentazioni da parte degli operatori non siano affatto su livelli ottimali e le Associazioni di categoria abbiano chiesto di procrastinare il periodo transitorio per continuare ad implementare le procedure, l Agenzia delle Dogane non si pronuncia e invita gli operatori a rivolgere le proprie istanze agli organismi comunitari. Il rischio, come Confetra ha sottolineato alla stampa, è quello che altre dogane comunitarie siano più tolleranti nei controlli delle spedizioni accompagnate da dichiarazioni con i dati sicurezza mancanti o incompleti e che conseguentemente si verifichino dirottamenti di traffico. Com è noto, le nuove procedure doganali di sicurezza si basano sull obbligo di presentazione anticipata alle dogane di dichiarazioni sommarie in entrata per l import e in uscita per l export contenenti i dati sicurezza che consentano agli uffici doganali di svolgere a priori l analisi dei rischi. In particolare per le importazioni, l obbligo di presentazione delle dichiarazioni sommarie di entrata, cosiddette ENS, è a carico dei vettori (armatori, compagnie aeree, autotrasportatori) che devono peraltro ricevere i relativi dati da parte dei vari soggetti della filiera. Per le merci containerizzate le dichiarazioni devono essere trasmesse almeno 24 ore prima del carico nel porto di partenza (2 ore se il porto di partenza si trova ad una distanza inferiore alle 24 ore); nel trasporto aereo, le dichiarazioni devono essere trasmesse almeno 4 ore prima dell arrivo al primo aeroporto comunitario (ovvero al momento del decollo nel trasporto aereo a corto raggio); nel traffico su strada, infine, la dichiarazione va presentata all ufficio doganale di entrata nella comunità almeno un ora prima. La Confetra informa che la Commissione Europea ha confermato l entrata in vigore del cosiddetto emendamento sicurezza del Codice Doganale Comunitario a partire dall 1 gennaio Tuttavia, stante la non piena implementazione delle nuove procedure da parte di tutti gli Stati membri, per i primi 6 mesi dell anno resterà in vigore un periodo grazia durante il quale non saranno applicabili sanzioni in caso di dichiarazioni doganali con dati sicurezza omessi o incompleti. FINANZIAMENTI 99) FERROBONUS SCADENZA DEL 5 FEBBRAIO 2011 DD.MM E SU G.U. N.286 DEL Fino al 5 febbraio 2011 rimarranno aperti i termini per presentare le domande di accesso ai finanziamenti del Ferrobonus di cui alla legge n.25/2010. Il beneficio consiste in un contributo fino a 2 euro per ogni treno-chilometro di trasporto combinato o trasbordato effettuato sulla rete ferroviaria nazionale. Il trasporto trasbordato è quello dove il carico viene trasferito dal mezzo stradale al carro ferroviario e viceversa. Possono accedere agli incentivi le imprese che commissionino treni completi nel periodo dal 15 ottobre 2010 al 14 ottobre 2011, mantenendo un volume di traffico non inferiore all 80 per cento di quello effettuato nel periodo dall 1 luglio 2009 al 30 giugno 2010, e che mantengano tale volume fino all ottobre Per treno completo si intende il treno acquistato in tutta la sua capacità di prestazioni da un unica impresa ed utilizzato per l effettuazione di trasporto combinato e/o trasbordato nonché per il riposizionamento dei veicoli o delle unità di trasporto. Per le imprese che nel corso del 2009 non hanno commissionato trasporti ferroviari, la condizione per accedere agli incentivi è di effettuare nel periodo dal 15 ottobre 2010 al 14 ottobre 2011 almeno 48 coppie di treni completi e di impegnarsi a mantenere tale volume anche nei successivi dodici mesi. 4

6 La domanda per accedere ai contributi deve essere redatta utilizzando l apposito schema ministeriale e deve essere presentata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti Terrestri e la Navigazione e i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per il Trasporto Stradale e l Intermodalità, via Caraci 36, Roma, specificando con apposita dicitura sulla busta contributo decreto ferrobonus. Con l istanza, il rappresentante legale dell impresa deve sottoscrivere tutta una serie di autodichiarazioni; inoltre alla domanda devono essere allegati il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, nonché la documentazione comprovante l avvenuta esecuzione dei contratti di trasporto con le imprese ferroviarie nel periodo luglio 2009 giugno Anticipo dei contributi Entro il 7 marzo il Ministero, sulla base dell istruttoria delle domande svolta dalla RAM (Rete Autostrade Mediterranee) provvederà a quantificare il contributo spettante alle imprese ammesse ai benefici e ad erogare un anticipazione pari al 20 per cento del contributo spettante. A tal fine le imprese interessate dovranno rilasciare una garanzia fidejussoria. Saldo dei contributi Il saldo dei contributi sarà erogato previa rendicontazione che le imprese dovranno far pervenire al Ministero entro il 28 ottobre L importo definitivo degli incentivi sarà determinato in funzione delle risorse disponibili e delle domande ammesse al beneficio; in caso di risorse residue potranno essere concessi contributi ulteriori (premialità) alle imprese che effettuino traffici maggiori dell 80 per cento del traffico effettuato nel periodo luglio 2009 giugno L eventuale premialità potrà essere al massimo pari al 30 per cento del contributo ricevuto. 5

7 LAVORO 100) INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DESTINATARI PER GLI ANNI 2009 E 2010 DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA MESSAGGIO INPS N DEL L art. 7 ter, comma 7, della Legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha introdotto per i datori di lavoro che assumono lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga, licenziati o sospesi per cessazione totale o parziale dell attività o per intervento di procedura concorsuale da imprese non rientranti nella disciplina della L. 223/1991, un incentivo mensile equivalente alla residua indennità che sarebbe spettata al lavoratore. L Inps fornisce ulteriori chiarimenti procedurali in merito alla trasmissione, da parte dei datori di lavoro, delle dichiarazioni di responsabilità al fine di ottenere il bonus per l assunzione di lavoratori percettori di ammortizzatori sociali in deroga negli anni 2009 e A tal proposito, si rammenta che è stato realizzato un applicativo, disponibile tra i servizi on line del sito dell Istituto, denominato Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente - DiResCo - che permette di sottoscrivere telematicamente le principali dichiarazioni di responsabilità e di ricevere, in tempo reale, idoneo riscontro dell avvenuta comunicazione. L Inps, attraverso il messaggio in oggetto, comunica che l applicazione DiResCo è stata arricchita della funzionalità che consente a chi ha inviato la dichiarazione di responsabilità di verificare se la sede competente ha definito il procedimento e di visualizzare la relativa comunicazione di accoglimento o diniego dell incentivo. In allegato il messaggio Inps n del 03 dicembre 2010, contenente anche la guida operativa per il corretto utilizzo dell applicativo in commento. (ALL.3). 101) INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI BENEFICIARI DELL INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE MESSAGGIO INPS N DEL 26 NOVEMBRE 2010 Attraverso i DM Lavoro n e n , pubblicati sulla G.U. del 28 ottobre u.s., sono state attuate le previsioni contenute nella Legge Finanziaria 2010, relative all assegnazione di benefici (in via sperimentale per l anno 2010), in forma di riduzione contributiva o di incentivi, ai datori di lavoro che assumono lavoratori titolari dell indennità di disoccupazione. I datori di lavoro (DM n ) che assumono lavoratori beneficiari dell indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali, che abbiano almeno cinquanta anni di età, possano versare i contributi in misura pari al 10% (fiscalizzazione come per gli apprendisti). Un altra agevolazione, è prevista per le assunzioni di lavoratori in mobilità o che beneficiano dell indennità di disoccupazione non agricola con requisiti normali, che abbiano maturato almeno 35 anni di anzianità contributiva (nel primo caso il beneficio consiste nel percepire l indennità che spetta al lavoratore, per il numero di mensilità di trattamento di sostegno al reddito non erogate, mentre nel secondo caso vi è la fiscalizzazione dei contributi come per gli apprendisti). Tali benefici, spettano per le assunzioni, sia a tempo indeterminato che a termine (sia full time che part time) effettuate dal 1 gennaio 2010 al 31 dicembre Sono previste, inoltre, delle agevolazioni a favore dei datori di lavoro (DM n ) che assumono, senza esservi tenuti, lavoratori titolari dell'indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti normali. Il beneficio è concesso dall Inps e consiste in una somma pari all indennità spettante al lavoratore, con esclusione di quanto dovuto a titolo di contribuzione figurativa, per il numero di mensilità di trattamento di sostegno al reddito non erogate. Tali benefici spettano per le assunzioni a tempo pieno ed indeterminato effettuate dal 1 gennaio 2010 al 31 dicembre

8 L Inps, con il messaggio in oggetto, uniforma le modalità di comunicazione per richiedere i benefici, inizialmente aventi delle tempistiche differenti. La domanda, per i contratti di lavoro stipulati prima delle istruzioni che fornirà l Inps, dovrà essere inviata entro il mese successivo alla pubblicazione delle suddette istruzioni. La presentazione della domanda potrà avvenire solo in via telematica, mediante il servizio online per le Aziende e i Consulenti Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente DiResCo. 102) LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO. INTERPELLO Di seguito le determinazioni ministeriali assunte in materia di utilizzo del lavoro occasionale di tipo accessorio da parte delle aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi. Aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi, utilizzo prestazioni di natura occasionale e accessoria La Direzione Generale per l'attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con interpello n. 42 del 14 dicembre 2010, ha risposto ad un quesito dell'ania, (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), in merito alla possibilità di utilizzare, da parte delle aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi, il lavoro accessorio di cui gli artt. 70 e ss. del D.L.vo n. 276/2003. La risposta in sintesi: "...In sintesi... si ribadisce che: - anche nei settori terziario, distribuzione e servizi, qualora si svolgano le attività indicate dal 1 comma dell'art. 70, qualsiasi soggetto disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o subordinato, full time o part-time, può svolgere prestazioni di natura occasionale e accessorio: - anche nei settori terziario, distribuzione e servizi è possibile, in via sperimentale per l'anno 2010, ricorrere a prestazioni di lavoro accessorio rese da lavoratori part-time a prescindere dal tipo di attività lavorativa richiesta; - anche nei settori terziario, distribuzione e servizi è possibile, a prescindere dal tipo di attività richiesta, ricorrere a prestazioni di lavoro accessorio da parte di giovani con meno di 25 anni di età, pensionati, nonché soggetti percettori di misure di sostegno al reddito." In allegato l Interpello n.42/2010 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ALL.4). VARIE 103) RICHIESTE E OFFERTE DI PERSONALE Sono pervenuti alla Segreteria gli allegati curricula della sig.a Franca Bossi e del sig. Bruno Sant. Gli interessati sono invitati a contattare direttamente i candidati. (ALL.5) 7

9 CONFETRA DIVIETI DI CIRCOLAZIONE ANNO 2011 L M Me G V S D L M Me G V S D L M Me G V S D L M Me G V S D L M Me G V S D L M GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC LEGENDA

10 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti COMITATO CENTRALE PER L ALBO NAZIONALE DELLE PERSONE FISICHE E GIURIDICHE CHE ESERCITANO L AUTOTRASPORTO DI COSE PER CONTO DI TERZI INDICAZIONI RELATIVE AL VERSAMENTO DELLA QUOTA DI ISCRIZIONE ANNO 2011 Il Comitato Centrale per l Albo Nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto di terzi, con Deliberazione num. 17/2010 del 19/10/2010, ha stabilito le Quote che devono essere corrisposte per il Rispetto al 2010 gli importi sono rimasti invariati; pertanto se non ci sono state modifiche nel parco veicolare disponibile rispetto a quello relativo alla data del versamento dello scorso anno, l importo da versare per il 2011 sarà uguale a quello del NOTA BENE: per disponibilità si intende esclusivamente una delle seguenti forme: proprietà, usufrutto, acquisto con patto di riservato dominio e leasing. Sono tenute al pagamento della Quota di iscrizione per l anno 2011 le imprese di autotrasporto iscritte all Albo alla data del 31/12/2010. Il versamento deve essere effettuato entro il termine massimo del 31 dicembre La data di riferimento del parco veicolare disponibile per il calcolo dell importo della Quota 2011 è quella del versamento (e quindi al massimo corrisponde al 31/12/2010). Sul sito del Comitato Centrale (www.alboautotrasporto.it) è pubblicata la Deliberazione num. 17/2010 e sono riportate tutte le istruzioni per il versamento della quota Si sottolinea che per la quota 2011, così come già avvenuto per il 2010, il Comitato Centrale non trasmetterà nessun bollettino postale presso le sedi delle imprese di autotrasporto. Le modalità previste per il versamento della quota d iscrizione all Albo, da effettuare attraverso il sito del Comitato Centrale, sono le seguenti: 1. Versamento online (carte di credito Visa e Mastercard, Banco Posta, Banco Posta Imprese, PostePay, PostePay Impresa) 2. Bonifico bancario 3. Versamento su bollettino di c/c postale NOTA BENE : a differenza degli anni passati l impresa non sarà più tenuta ad esibire alcuna ricevuta alla Provincia ma la prova dell avvenuto pagamento della quota dovrà essere comunque conservata ai fini di eventuali controlli. Comitato Central Autotrasportatori

11 IMPORTANTE: Qualora non venga effettuato il versamento, l iscrizione dell impresa all Albo degli autotrasportatori sarà sospesa ai sensi dell articolo 19, punto 3, della legge 6 giugno 1974, n COME EFFETTUARE IL PAGAMENTO DELLA QUOTA 2011 Per effettuare il versamento della Quota 2011 è necessario accedere al sito e seguire le istruzioni in esso riportate. Fermo restando che il soggetto tenuto al pagamento della Quota d iscrizione è tenuto a rispettare le disposizioni dettate dal Comitato Centrale, si rappresentano di seguito le singole fasi in cui può essere suddivisa l intera procedura da seguire. Fasi della procedura per il versamento della Quota NUMERO DI ISCRIZIONE ALL ALBO Per effettuare il pagamento della quota occorre conoscere il numero di iscrizione all Albo dell impresa. Per coloro che non dovessero ricordare il proprio numero di iscrizione all Albo, è possibile ricavarlo dal sito (cliccare su ALBO e quindi su ISCRITTI, inserire la denominazione dell impresa, premere INVIO e cliccare su select ); il numero di iscrizione all albo è composto da: PE, sette cifre (di cui le prime tre sono 640) ed una lettera (che appaiono nel dettaglio rispettivamente in corrispondenza di: Kprov, Knum e Kcin); esempio di numero di iscrizione: RM L. 2. REGISTRAZIONE In ogni caso, a prescindere dalla modalità di pagamento prescelta, per effettuare il versamento occorre registrarsi sul sito (per registrarsi cliccare su Quote e Pedaggi e quindi su Registrazione ). La registrazione deve essere effettuata da una persona fisica (titolare, socio, amministratore o soggetto incaricato: consulente automobilistico, consulente dell impresa, ecc.). 3. ACCESSO Dopo aver effettuato la registrazione, si può avere accesso al sito tutte le volte che si ha necessità, cliccando su Quote e Pedaggi ed immettendo il nome utente (scelto durante la procedura di registrazione) e la password (che viene trasmessa via e mail dal Comitato Centrale) ed infine cliccando su Accedi. Comitato Central Autotrasportatori

12 4. VISUALIZZAZIONE E RICALCOLO DELLA QUOTA Dopo aver effettuato l accesso si può visualizzare direttamente sul sito l importo della Quota da versare per il 2011: cliccare su Versamento quote, scegliere Anno 2011, inserire il numero di iscrizione all albo (RM/585 /_) e cliccare su Visualizza quota. Detto importo potrebbe non essere corretto in conseguenza di registrazioni ancora non perfezionate circa la vendita o l acquisto di veicoli alla data del calcolo della quota (ad esempio: si è acquistato o venduto un autocarro ma non si è ancora provveduto al duplicato della carta di circolazione). Se l utente ritiene che l importo visualizzato non è corretto, deve ricalcolare la quota cliccando su Calcola quota ed inserendo i dati del proprio parco veicolare; cliccando poi su Quota singola torna al punto precedente. ATTENZIONE: ai fini del calcolo della quota considerare solo i veicoli immatricolati ad uso di terzi, in proprietà, usufrutto, acquisto con patto di riservato dominio o leasing NOTA BENE: qualora venga effettuato il ricalcolo della quota, causa modifiche del proprio parco veicolare che incidono sull importo da versare, occorrerà comunicare le variazioni del proprio parco veicolare alla Provincia di competenza ed all Ufficio Motorizzazione Civile della provincia di competenza. PAGAMENTO Dopo aver visualizzato la Quota sul sito l utente deve cliccare su Procedi al pagamento (anche se l importo è stato diversamente ricalcolato) e deve scegliere il tipo di pagamento preferito. Ovviamente l importo da pagare sarà quello originariamente visualizzato ovvero, se del caso, quello ottenuto con il ricalcolo. PROCEDURA DI AUTOCERTIFICAZIONE Successivamente al versamento dell importo della Quota 2011, coloro che hanno pagato tramite bonifico bancario ovvero con bollettino postale sono obbligati ad eseguire la procedura di autocertificazione (direttamente sul sito del Comitato Centrale). NOTA BENE: in mancanza della procedura di autocertificazione il versamento della quota verrà considerato non effettuato. A tal fine, dopo aver selezionato il tipo di pagamento, cliccare su Autocertificazione ed inserire i dati del pagamento effettuato e riportati sulla ricevuta bancaria o sul bollettino postale. Comitato Central Autotrasportatori

13 VERSAMENTO TRAMITE C/C. POSTALE Di seguito si forniscono alcune utili indicazioni per coloro che intendono effettuare il pagamento tramite versamento su c/c postale. Come compilare il bollettino Il num. di conto corrente postale da riportare sul bollettino è: L intestazione è: Comitato centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto di terzi Via G. Caraci, ROMA. La causale è: Quota iscrizione 2011 RM /58 _ /_ (completare il numero di iscrizione inserendo dopo il 58 le altre cinque cifre e la lettera dell alfabeto). Il bollettino postale dovrà essere completato, altresì, con la denominazione dell impresa, la sede e l importo da versare. Procedura Dopo avere effettuato le FASI da 1. a 4., cliccare su Procedi al pagamento e scegliere la modalità Bollettino cartaceo. A questo punto compariranno i dati da riportare su un normale bollettino postale. L importo da versare sarà quello già visualizzato o, eventualmente, quello ricalcolato. Dopo aver effettuato il versamento presso uno Sportello Postale, occorre seguire la procedura di autocertificazione: cliccare su Autocertificazione ed inserire i dati del pagamento effettuato presso uno sportello postale riportati sul bollettino (Codice Ufficio, data, progressivo e VCY); quindi cliccare su Conferma. Se è necessario effettuare un nuovo accesso al sito occorre ripetere la procedura a partire dalla Fase 4. e quindi: sul sito cliccare su Quote e Pedaggi ed immettere il nome utente (scelto durante la procedura di registrazione) e la password (che viene trasmessa via e mail dal Comitato Centrale) ed infine cliccare su Accedi ; quindi cliccare su Versamento quote, scegliere Anno 2011, inserire il num. di iscrizione all albo (RM/580 /_); cliccare su Visualizza quota (non ha importanza in questa fase se la quota visualizzata sia corretta o meno); cliccare su Procedi al pagamento e scegliere Bollettino cartaceo. A questo punto occorre cliccare su Autocertificazione ed inserire i dati del pagamento effettuato presso uno sportello postale riportati sul bollettino (Codice Ufficio, data, progressivo e VCY); quindi cliccare su Conferma. Dopo aver cliccato su Conferma la procedura è conclusa. N.B.: si ribadisce che se non viene effettuata la procedura di autocertificazione, il versamento della quota sarà considerato non effettuato. Comitato Central Autotrasportatori

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli