Modelli di Sistemi di Produzione:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli di Sistemi di Produzione:"

Transcript

1 Modelli di Sistemi di Produzione: programma dettagliato - giugno Algoritmi Metaeuristici 1.1 Algoritmi costruttivi ed algoritmi di ricerca locale/metaeuristici 1.2 Algoritmo di ricerca locale 1.3 Multistart 1.4 Il Neighborhood TSP: 2-opt, 3-opt, Or-opt Scheduling: Insert move, swap move Dimensione dei neighborhood 1.5 Il problema dell equicut 1.6 Algoritmo di Kernighan Lin per equicut 1.7 Threshold Algorithm 1.8 Simulated Annealing Analogia fisica Implementazioni pratiche Schemi di raffreddamento Algoritmo di Johnson, Aragon, McGeoch, Schevon per equicut 1.9 Algoritmi genetici Struttura e analogia fisica degli algoritmi genetici Codifica Crossover Mutazione Filtro Esempi 1.10 Tabu search L idea base Mosse

2 Lunghezza della tabu list e sua dinamica Implementazioni della tabu list Memoria breve e memoria lunga Criteri di aspirazione Algoritmo di Rolland, Pirkul e Glover per Equicut Algoritmi di Dell Amico-Maffioli e Dell Amico-Trubian per equicut 2. Rilassamento Lagrangiano 2.1 L idea base 2.2 Teorema della dualitá lagrangiana debole (+ dim.) 2.3 Applicazione al problem di Set Covering 2.4 Il problema lagrangiano duale 2.5 Duality gap 2.6 Teorema della dualitá lagrangiana forte (+ dim.) 2.7 Rilassamento lagrangiano e rilassamento continuo Caratterizzazione del lagrangiano duale (Teorema) Teorema della dualitá lagrangiana forte (+ dim.) Relazione tra rilassamento lagrangiano e rilassamento continuo (teorema + dim) 2.8 Proprietà di integralitá (teorema + dim) 2.9 Applicazione all assegnamento generalizzato 2.10 Risoluzione del problema lagrangiano duale Concavità della funzione lagrangiana Subgradiente Algoritmo di ottimizzazione basato su subgradiente 2.11 Esempi 2.12 Euristici lagrangiani 3. La pianificazione della produzione 3.1 Production planning e production scheduling

3 3.2 Il problema della determinazione dei costi 3.3 I parametri del MPS 3.4 Le fasi della pianificazione 3.5 Modelli aggregati Il bilanciamento dei flussi Modellazione della capacità produttiva con lavoro regolare e straordinario Modellazione del backlog order Modellazione della variazione della capacità produttiva con assunzioni e licenziamenti Lot sizing Modellazione di costi di setup Modellazione del lead time di produzione Modellazione della produzione dell insieme dei componenti di una distinta base Rilassamenti lagrangiani 3.6 Il problema della disaggregazione del MPS Un possibile modello Possibili incongruenze 3.7 Produzioni seriali: le linee di produzione Il dimensionamento della linea A. Modello base B. Gestione delle precedenze di lavorazione Il bilanciamento della linea A. Modello base B. Funzioni obiettivo alternative C. Vincoli di congiunzione e disgiunzione 4. Schedulazione 4.1 Gli elementi della schedulazione 4.2 Problemi a macchina singola 4.3 Problemi a macchine parallele

4 4.4 Shop problem 4.5 Funzioni obiettivo Makespan Mean flow time Funzioni basate su ritardi e anticipi 4.6 La classificazione dei problemi di schedulazione 4.7 Tecniche di soluzioni generali 4.8 Dispatching rules Algoritmo sequenziale Algoritmo parallelo Principali regole di ordinamento 4.9 Efficacia delle tecniche di soluzione 4.10 Esempi di algoritmi polinomiali Smith s SPT rule per 1 C j e 1 w j C j (+ dim.) Jackson s EDD rule per 1 L max (+ dim.) Johnson s rule per F 2 C max (+ dim.) Algoritmo di Lawler per 1 prec f max (+ dim.) Algoritmo di Gonzales e Shani per O pmnt C max (cenni dim.) 4.11 Job Shop Modello tramite grafo Il cammino critico Neighborhhod N 1 basato su singolo arco Teorema sulla ammissibilità delle soluzioni generate da N 1 (+ dim.) Restrizione di Matsuo, Suh e Sullivan Neighborhoods più complessi 5. Uso di Xpress-MP 5.1 Introduzione ad Xpress 5.2 Struttura di Xpress-MP 5.3 Xpress-IVE e Mosel

5 5.4 Un semplice esempio 5.5 Il problema del knapsack (1a versione): strutture dati, codice Mosel 5.6 Inizializzazione dei dati tramite file 5.7 Memoria dinamica 5.8 Il problema del knapsack (2a versione): utilizzo della memoria dinamica 5.9 Le stringhe 5.10 Variabili associate ai vincoli 5.11 Istruzioni di controllo dell esecuzione: if-then, loop, repeat-until 5.12 Condizioni logiche 5.13 Implementazione di modelli di Programmazione Lineare Continua e di Programmazione Lineare Intera 6. AspenONE 6.1 Differenze tra ERP e strumenti di ottimizzazione della supply chain 6.2 Il flusso dei processi nella supply chain Le componenti Le relazioni tra componenti I feedback 6.3 Architettura del sistema AspenONE 6.4 Le funzioni obiettivo 6.5 Il modulo Planner (concetti base, tecniche e funzionalità) 6.6 Il modulo Scheduler (concetti base, tecniche e funzionalità) 6.7 Il modulo Capable-to-Promise (concetti base)

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 9. Cenni su euristiche e metaeuristiche per ottimizzazione combinatoria Motivazioni L applicazione di metodi esatti non è sempre possibile a causa della complessità del

Dettagli

La pianificazione della produzione

La pianificazione della produzione Manufacturing Planning and Control 1 La pianificazione della produzione La pianificazione della produzione è un processo complesso che coinvolge larga parte dell azienda (funzioni e risorse) e deve ragionare

Dettagli

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it Laboratory for innovation MUSP Macchine utensili e sistemi di produzione www.musp.it Sommario La schedulazione della produzione Gli obiettivi nella schedulazione Le problematiche legate alla schedulazione

Dettagli

0 A B I C O L M P E Q R F G D H N *

0 A B I C O L M P E Q R F G D H N * UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Corso di Studi in Ingegneria Informatica Modelli di Sistemi di Produzione I scritti d'esame appelli 2004/05 e 2005/06 Esercizio 1 job 3: I (M 1, 3) L (M 2, 4) M (M 3, 11)

Dettagli

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione Bibliografia Gestione operativa della produzione Schedulazione operativa della produzione 14/12/2001 11.54 E.L. Lawler, J.K. Lenstra, A.G.H. Rinnoy Kan, D.B. Shmoys, Sequencing and Scheduling: Algorithms

Dettagli

Quadratic assignment Problem: The Hospital Layout

Quadratic assignment Problem: The Hospital Layout Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Metodi di ottimizzazione per la logistica e la produzione Quadratic assignment Problem: The Hospital

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA

APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA Università degli Studi della Calabria Laurea in Informatica A.A. 2004/2005 Appunti di supporto didattico al corso di APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA Indice 1 Introduzione alla teoria dello Scheduling

Dettagli

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling Parte : Gestione dei progetti, Shop scheduling Rappresentazione reticolare di un progetto Insieme di attività {,...,n} p i durata (nota e deterministica dell attività i) relazione di precedenza fra attività:

Dettagli

Indice. Nota degli autori. 1 Capitolo 1 Introduzione alla ricerca operativa

Indice. Nota degli autori. 1 Capitolo 1 Introduzione alla ricerca operativa XI Nota degli autori 1 Capitolo 1 Introduzione alla ricerca operativa 1 1.1 Premessa 1 1.2 Problemi di ottimizzazione 6 1.3 Primi approcci ai modelli di ottimizzazione 13 1.4 Uso del risolutore della Microsoft

Dettagli

Programmazione della produzione MT MT

Programmazione della produzione MT MT Programmazione della produzione Architettura gerarchica del processo di programmazione M P S livello 1 - livello di fabbrica orizzonte temporale lungo (12-24 mesi) Master Production Schedule n settimane

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali 1. Considerazioni generali Modelli di shop scheduling In molti ambienti produttivi l esecuzione di un job richiede l esecuzione non simultanea di un certo numero di operazioni su macchine dedicate. Ogni

Dettagli

Organizzazione della produzione

Organizzazione della produzione Scheduling Organizzazione della produzione PROOTTO che cosa chi ORGNIZZZIONE PROCESSO come FLUSSO I PROUZIONE COORINMENTO PINIFICZIONE SCHEULING quando Pianificazione della produzione: schedulazione di

Dettagli

1. Classificazione delle risorse

1. Classificazione delle risorse 1. Classificazione delle risorse Classificazione delle risorse in base alla disponibilità. - Risorse rinnovabili Sono risorse utilizzate per l esecuzione di una attività per tutta la sua durata, ma sono

Dettagli

Schedulazione: più macchine. Schedulazione: più macchine. Modello. Modello. job composti di un unico task da schedulare su una tra più macchine;

Schedulazione: più macchine. Schedulazione: più macchine. Modello. Modello. job composti di un unico task da schedulare su una tra più macchine; Schedulazione: più macchine Schedulazione: più macchine casi: job composti di un unico task da schedulare su una tra più macchine; open shop (tutti i job hanno task su tutte le macchine, ma non le stesse

Dettagli

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling)

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) Contenuti Le funzioni della PO Gli obiettivi della PO Il job loading Il metodo dell assegnazione Il job sequencing Regole e tecniche di priorità

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è . Modello base Consideriamo il caso in cui ogni job consiste di una sola operazione. Poiché un insieme di job è partizionato in relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni

Dettagli

Algoritmi euristici per il caricamento e l instradamento di una flotta di bisarche

Algoritmi euristici per il caricamento e l instradamento di una flotta di bisarche Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Ingegneria di Reggio Emilia Estratto della Tesi di Laurea di Simone Falavigna Algoritmi euristici per il caricamento e l instradamento di una flotta di

Dettagli

Problemi complessi : come trovare una soluzione soddisfacente?

Problemi complessi : come trovare una soluzione soddisfacente? Informatica nel futuro, sfide e prospettive - evento scientifico per i 40 anni di ated Manno, 7 ottobre 2011 Problemi complessi : come trovare una soluzione soddisfacente? Marino Widmer Università di Friburgo

Dettagli

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it ARCHITETTURA APPLICATIVA Il processo elaborativo si sviluppa in cinque passi. ERP XML PLANNING SERVER 1 Estrazione dei dati dai data base in cui sono gestiti e creazione di file XML che vengono trasferiti

Dettagli

SCHEDULING SCHEDULING

SCHEDULING SCHEDULING Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 INDICE Esempio Introduttivo Generalità sui problemi di scheduling SINGLE MACHINE SPT (shortest processing

Dettagli

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Capacità Finita Applicata Alla Schedulazione Degli Ordini Pianif Descrizione Modello E un tool che: Integra la funzione delle vendite con quella logistico-produttiva

Dettagli

Introduzione alla teoria dello scheduling

Introduzione alla teoria dello scheduling 1. Generalità I problemi di scheduling riguardano l allocazione di risorse limitate ad attività nel tempo. In generale il processo di decisione associato richiede la determinazione dell ordine in cui l

Dettagli

Ottimizzazione della produzione tramite software di scheduling

Ottimizzazione della produzione tramite software di scheduling Ottimizzazione della produzione tramite software di scheduling Alessio Puppato, Barbara Fuoco, Andrea Rossi, Michele Lanzetta A partire da una classificazione dell architettura delle linee produttive,

Dettagli

Sistemi Organizzativi

Sistemi Organizzativi Sistemi Organizzativi Lezione 12/12/2004 Introduzione al corso e definizioni di base Informazioni generali Pre-requisiti: lassi di complessità Metodi enumerativi: - programmazione dinamica - branch-and-bound

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Febbraio - Marzo 2009 Produzione (cenni) Pagina 2 Produzione La produzione, in termini

Dettagli

Modelli e algoritmi di ottimizzazione per la gestione di terminali marittimi per container

Modelli e algoritmi di ottimizzazione per la gestione di terminali marittimi per container Modelli e algoritmi di ottimizzazione per la gestione di terminali marittimi per container M. Gaudioso, M.F. Monaco, M. Sammarra, G. Sorrentino DEIS - Università della Calabria A. Astorino, L. Moccia ICAR-CNR

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Il problema del flusso di costo minimo

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Il problema del flusso di costo minimo Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Il problema del flusso di costo minimo L. De Giovanni G. Zambelli 1 Problema del flusso a costo minimo Il problema del flusso a costo minimo é definito

Dettagli

Ant Colony Optimization (ACO) e Swarm Intelligence

Ant Colony Optimization (ACO) e Swarm Intelligence Università degli Studi di Milano Facoltà di scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Ant Colony Optimization (ACO) e Swarm Intelligence Seminario per il corso di Sistemi Intelligenti Prof. N. Alberto BORGHESE

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e lgoritmi della Logistica 00- Scheduling: Macchina Singola CRLO MNNINO Saienza Università di Roma Diartimento di Informatica e Sistemistica Il roblema /-/ w C

Dettagli

Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili

Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili Maria Silvia Pini Resp. accademico: Prof.ssa Francesca Rossi Università di Padova Attività FSE DGR 1102/2010 La gestione dell informazione

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

Approcci esatti per il job shop

Approcci esatti per il job shop Approcci esatti per il job shop Riferimenti lezione: Carlier, J. (1982) The one-machine sequencing problem, European Journal of Operational Research, Vol. 11, No. 1, pp. 42-47 Carlier, J. & Pinson, E.

Dettagli

Politecnico di Milano. Reti Wireless. Seminari didattici. Dalla teoria alla soluzione. Ilario Filippini

Politecnico di Milano. Reti Wireless. Seminari didattici. Dalla teoria alla soluzione. Ilario Filippini Politecnico di Milano Reti Wireless Seminari didattici Dalla teoria alla soluzione Ilario Filippini 2 Approccio euristico 3 Obiettivo dell approccio euristico 4 Tipi di euristiche Dalla teoria alla soluzione

Dettagli

Implementazione parallela di algoritmi genetici per la stima di HMM

Implementazione parallela di algoritmi genetici per la stima di HMM Università degli Studi di Trieste Implementazione parallela di algoritmi genetici per la stima di HMM Relatore Enzo Mumolo Candidato Nicola Timeus 14 marzo 2014 Motivazioni Pattern recognition mediante

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Metodi euristici di ottimizzazione combinatoria

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Metodi euristici di ottimizzazione combinatoria Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Metodi euristici di ottimizzazione combinatoria L. De Giovanni 1 Introduzione I metodi visti finora garantiscono, almeno in linea teorica, di risolvere

Dettagli

Principi di Schedulazione in tempo reale

Principi di Schedulazione in tempo reale Principi di Schedulazione in tempo reale 1 Task in tempo reale Un task t i è una sequenza di processi in tempo reale τ ik ciascuno caratterizzato da q un tempo d arrivo r ik (r=release time, oppure a=arrival

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa I

Esercizi di Ricerca Operativa I Esercizi di Ricerca Operativa I Dario Bauso, Raffaele Pesenti May 10, 2006 Domande Programmazione lineare intera 1. Gli algoritmi per la programmazione lineare continua possono essere usati per la soluzione

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Iteration 2. Iteration 7. Iteration 1. Iteration 6

Iteration 2. Iteration 7. Iteration 1. Iteration 6 Iteration 2 Iteration Iteration 7 area Low quality area Iteration 4 Iteration 3 Iteration 5 Iteration 6 del Random restart Start Start ling Tabu search ALGORITMI METAEURISTICI Classificazione Euristici

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP Agenda 1. Il Material Requirement Planning (MRP) Ripresa dei concetti fondamentali riguardanti lo MRP : a. sua collocazione

Dettagli

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI PROBLEMA: un azienda deve scegliere fra due possibili investimenti al fine di massimizzare il profitto netto nel rispetto delle condizioni interne e di mercato

Dettagli

x 2 (20, 60) z = 200 (40, 30) z = 100 z = 0 x 1 40

x 2 (20, 60) z = 200 (40, 30) z = 100 z = 0 x 1 40 Mauro Dell Amico Dipartimento di Scienze e Metodi dell Ingegneria (DISMI) Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Via Amendola 2, Pad. Morselli, 42122 Reggio Emilia web: www.or.unimore.it email:

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o

Dettagli

Migliorare le performance con un software di planning & scheduling: il successo misurato dalle aziende

Migliorare le performance con un software di planning & scheduling: il successo misurato dalle aziende Migliorare le performance con un software di planning & scheduling: il successo misurato dalle aziende I risultati del sondaggio realizzato da Plannet su un campione di aziende manifatturiere. L'analisi

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 4: la gestione dei costi (Programmazione multimodale): formulazioni

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 4: la gestione dei costi (Programmazione multimodale): formulazioni Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 4: la gestione dei costi (Programmazione multimodale): formulazioni CARLO MANNINO Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione.

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di un azienda manifatturiera (definizione

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Indice. XIII Introduzione XXI Breve biografia degli autori. 3 Prima parte Le operations come variabili competitive

Indice. XIII Introduzione XXI Breve biografia degli autori. 3 Prima parte Le operations come variabili competitive Indice XIII Introduzione XXI Breve biografia degli autori 3 Prima parte Le operations come variabili competitive 5 Capitolo 1 Strategia e modelli di produzione di Alberto F. De Toni 5 Obiettivi del capitolo

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 Scopo: Stimare l onere computazionale per risolvere problemi di ottimizzazione e di altra natura

Dettagli

Ricerca informata. Scelta dell euristica

Ricerca informata. Scelta dell euristica Ricerca informata Scelta dell euristica SMA* (Simplified Memory-Bounded A*) SMA* espande sempre la foglia migliore finché la memoria è piena A questo punto deve cancellare un nodo in memoria SMA* cancella

Dettagli

MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP)

MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP) MRP Pianificazione della produzione Materials Requirements Planning (MRP) 15/11/2002 16.58 Con l MRP si decide la tempificazione delle disponibilità dei materiali, delle risorse e delle lavorazioni. MRP

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Esercizi di Gestione della Produzione Industriale. Tabella 1: tempi di lavorazione di un set di job.

Esercizi di Gestione della Produzione Industriale. Tabella 1: tempi di lavorazione di un set di job. Esercizio 1: schedulazione con il modello di Johnson...2 Soluzione dell esercizio 1 (schedulazione con il modello di Johnson)...2 Esercizio 2: schedulazione con il modello di Hodgson...3 Soluzione dell

Dettagli

da anni nel cuore della fabbrica abbiamo creato per voi un nuovo motore di ottimizzazione

da anni nel cuore della fabbrica abbiamo creato per voi un nuovo motore di ottimizzazione DIAMO VITA ALLE VOSTRE VISIONI da anni nel cuore della fabbrica abbiamo creato per voi un nuovo motore di ottimizzazione di produzione e logistica studiato per Scatolifici e Cartotecniche PAPER NG SK PRO

Dettagli

Capitolo 5: Scheduling della CPU! Scheduling della CPU! Concetti di Base! Alternanza di Sequenze di CPU- e I/O-Burst!

Capitolo 5: Scheduling della CPU! Scheduling della CPU! Concetti di Base! Alternanza di Sequenze di CPU- e I/O-Burst! Capitolo 5: Scheduling della CPU Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling Cenni Scheduling per sistemi multprocessore Modelli Asimmetrico e Simmetrico Scheduling della CPU 5.2 Concetti di Base Alternanza

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

LE LINEE DI ASSEMBLAGGIO Introduzione

LE LINEE DI ASSEMBLAGGIO Introduzione LE LINEE DI ASSEMBLAGGIO Introduzione Cosa è una linea di assemblaggio Le linee di assemblaggio sono speciali processi di produzione di tipo flow-line largamente utilizzati quando è necessario produrre

Dettagli

PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO

PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO 1. Load Balancing Un istanza del problema del load balancing consiste di una sequenza p 1,..., p n di interi positivi (pesi dei job) e un

Dettagli

Macchine parallele M 1 M 2 M 3 J 1 J 2 LAVORI J 3 J 4

Macchine parallele M 1 M 2 M 3 J 1 J 2 LAVORI J 3 J 4 Macchine parallele M 1 J 1 J 2 LAVORI M 2 J 3 J 4 M 3 Macchine parallele Scheduling su macchine parallele scorrelate R C max Descrizione del problema n lavori devono essere processati da m macchine diverse

Dettagli

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità)

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità) Impianti di processo Definizione: MP PF tramite trasformazioni fisico/chimiche Caratteristiche: automazione investimenti elevati ( ciclo continuo) ciclo tecnologico obbligato rischio di impatti ambientali

Dettagli

Intelligenza Artificiale Ing. Tiziano Papini

Intelligenza Artificiale Ing. Tiziano Papini Intelligenza Artificiale Ing. Tiziano Papini Email: papinit@dii.unisi.it Web: http://www.dii.unisi.it/~papinit Constraint Satisfaction Introduzione Intelligenza Artificiale - CSP Tiziano Papini - 2011

Dettagli

scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano

scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano 1 Scheduling Alternanza di CPU burst e periodi di I/O wait a) processo CPU-bound b) processo I/O bound 2 CPU Scheduler Seleziona uno

Dettagli

3. Gli algoritmi di ottimizzazione.

3. Gli algoritmi di ottimizzazione. Marcello Salmeri - Progettazione Automatica di Circuiti e Sistemi Elettronici Capitolo 3-3. Gli algoritmi di ottimizzazione. I grafi. La teoria dei grafi è un comodo strumento per la definizione e la formalizzazione

Dettagli

Algoritmi Euristici introduzione. Vittorio Maniezzo Università di Bologna

Algoritmi Euristici introduzione. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 9 Algoritmi Euristici introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna 1 Molti problemi reali richiedono soluzioni algoritmiche I camion devono essere instradati VRP, NP-hard I depositi o i punti di

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia Parte 2. Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job

Ambienti di calcolo a griglia Parte 2. Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job Ambienti di calcolo a griglia Parte 2 Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job Docente: Marcello CASTELLANO La vera rivoluzione non è più la capacità

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab Release 3.1.3 WHIT E PAPER Giugno 2003 A chi si rivolge, è stato pensato per la gestione ed il controllo delle fasi del ciclo produttivo. Caratteristiche generali I moduli affrontano e risolvono tutte

Dettagli

PIANIFICAZIONE AUTOMATICA DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA TECNICA. 2 Dicembre 2010

PIANIFICAZIONE AUTOMATICA DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA TECNICA. 2 Dicembre 2010 DI ASSISTENZA TECNICA 2 Dicembre 2010 La Pianificazione come strumento di ottimizzazione delle attività di assistenza tecnica Origine dell idea progettuale... deriva dall interesse, manifestato dai Clienti

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

Indice. Capitolo 1: Introduzione 1 1.1 Premessa 2 1.2 Scopi 3 1.3 Organizzazione del lavoro 4

Indice. Capitolo 1: Introduzione 1 1.1 Premessa 2 1.2 Scopi 3 1.3 Organizzazione del lavoro 4 dei capitoli Capitolo 1: Introduzione 1 1.1 Premessa 2 1.2 Scopi 3 1.3 Organizzazione del lavoro 4 Capitolo 2: Analisi sperimentale 6 2.1 Metodi di analisi sperimentale 7 2.2 Monitoraggio strutturale 9

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

Esercizi e complementi di Ottimizzazione nella Gestione dei Progetti

Esercizi e complementi di Ottimizzazione nella Gestione dei Progetti Esercizi e complementi di Ottimizzazione nella Gestione dei Progetti Marco Pranzo 16 Aprile 009 1 Organizzazione concerto rock I promotori di un evento rock devono svolgere le attività (Tabella 1) per

Dettagli

FAST SCM for Mill Products. Un investimento ad elevato valore aggiunto

FAST SCM for Mill Products. Un investimento ad elevato valore aggiunto FAST SCM for Mill Products Un investimento ad elevato valore aggiunto Un investimento ad elevato valore aggiunto In qualsiasi settore si operi, legno, tessile, materiali edili, cartario o metalli è innegabile

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it PROCEDURE SOFTWARE PER LA GESTIIONE DELLE AZIIENDE DII PRODUZIIONE DELLE MACCHIINE IINDUSTRIIALII Macchiine Agriicolle Macchiine Ediillii Macchiine Tessiillii Macchiine Uttensiillii Dalla tracciatura del

Dettagli

Note del Corso di Modelli Biologici Discreti: Un paio di algoritmi DNA per risolvere SAT

Note del Corso di Modelli Biologici Discreti: Un paio di algoritmi DNA per risolvere SAT Note del Corso di Modelli Biologici Discreti: Un paio di algoritmi DNA per risolvere SAT Giuditta Franco Corso di Laurea in Bioinformatica - AA 2012/2013 Uno dei più grossi risultati nell informatica degli

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. Vehicle Scheduling. Motivazioni VSP

Contenuto e scopo presentazione. Vehicle Scheduling. Motivazioni VSP Contenuto e scopo presentazione Vehicle Scheduling 08/03/2005 18.00 Contenuto vengono introdotti modelli e metodi per problemi di Vehicle Scheduling Problem (VSP) Scopo fornire strumenti di supporto alle

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

ALGORITMI EURISTICI PER PROBLEMI DI TAGLIO BIDIMENSIONALE

ALGORITMI EURISTICI PER PROBLEMI DI TAGLIO BIDIMENSIONALE ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA INFORMATICA Insegnamento: OTTIMIZZAZIONE COMBINATORIA ALGORITMI EURISTICI PER PROBLEMI DI TAGLIO BIDIMENSIONALE

Dettagli

Lezione 7 Sommatori e Moltiplicatori

Lezione 7 Sommatori e Moltiplicatori Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 7 Sommatori e Moltiplicatori Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 7 1/36 Sommario!

Dettagli

Case study. ABS migliora il rispetto dei tempi di consegna grazie a Quintiq

Case study. ABS migliora il rispetto dei tempi di consegna grazie a Quintiq Case study ABS migliora il rispetto dei tempi di consegna grazie a Quintiq A c c i a i e r i e B e rto l i S a fa u 2 pianificazione e ottimizzazione della supply chain Settore Acciai speciali Dove Udine

Dettagli

Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari

Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari Maria Silvia Pini Resp. accademico: Prof.ssa Francesca Rossi Università di Padova Attività FSE DGR 1102/2010 La gestione dell

Dettagli

Algoritmi di scheduling

Algoritmi di scheduling Capitolo 2 Algoritmi di scheduling 2.1 Sistemi Real Time In un sistema in tempo reale (real time) il tempo gioca un ruolo essenziale. Le applicazioni di tali sistemi sono molteplici e di larga diffusione.

Dettagli

Algoritmi euristici ed evolutivi per l ottimizzazione

Algoritmi euristici ed evolutivi per l ottimizzazione Algoritmi euristici ed evolutivi per l ottimizzazione Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Perugia Via Vanvitelli, Perugia 17 febbraio 2009 / GALN 2009 Sommario Introduzione

Dettagli

APACHE V4 Fashion è la soluzione ERP, integrata e modulare, in grado di gestire le specificità tipiche del settore moda (complessità delle

APACHE V4 Fashion è la soluzione ERP, integrata e modulare, in grado di gestire le specificità tipiche del settore moda (complessità delle APACHE V4 Fashion è la soluzione ERP, integrata e modulare, in grado di gestire le specificità tipiche del settore moda (complessità delle collezioni, declinazione dei prodotti in varianti estetiche, di

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Il testo è strutturato su sette capitoli e due appendici.

Il testo è strutturato su sette capitoli e due appendici. Presentazione Il testo nasce come ausilio didattico per il corso di Logistica di Distribuzione, offerto agli studenti del terzo anno nei corsi di laurea di primo livello della IV Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

Capitolo 5: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEI, Politecnico di Milano

Capitolo 5: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEI, Politecnico di Milano Capitolo 5: Ottimizzazione Discreta E. Amaldi DEI, Politecnico di Milano 5.1 Modelli di PLI, formulazioni equivalenti ed ideali Il modello matematico di un problema di Ottimizzazione Discreta è molto spesso

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli