Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia"

Transcript

1 Istituto di Istruzione Superiore Carlo Beretta Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia Archivio storico Inventario con il contributo di Cooperativa A.R.C.A. Gardone Val Trompia (Bs)

2 Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato G. Zanardelli di Gardone Val Trompia Intervento di riordinamento ed inventariazione dell archivio storico Carteggio ( ) Serie ( ) Registri ( ) Fondo fotografico ( ) 2

3 Ambiente Ricerca Cultura Arte via XX Settembre, Gardone Val Trompia, Bs. tel fax sito: Equipe di lavoro Coop. A.R.C.A.: Amanda Maranta. Patrizia Sotgiu. Per la redazione dell inventario è stato impiegato il software Sesamo ambiente Windows - Regione Lombardia - Culture, identità e autonomia della Lombardia. Finito di stampare febbraio 2009 presso il Centro stampa elettronico A.R.C.A. Gli operatori ringraziano per la collaborazione: Luisa Bezzi e Nadia di Santo, Soprintendenza Archivistica per la regione Lombardia; Roberto Grassi, Mirella Mancini, Regione Lombardia - Culture, identità e autonomia della Lombardia; la direzione ed il personale dell Istituto scolastico ed in particolar modo il dirigente Luciano Tonidandel ed il prof. Antonio Del Vecchio; Graziella Pedretti, Direzione Area Cultura Comunità Montana di Valle Trompia, Massimo Galeri, coordinatore Sistema Archivistico - Sistema dei Beni Culturali e Ambientali della Comunità Montana di Valle Trompia; Franco Ghigini consulente scientifico per la redazione della progettazione preliminare di intervento e modalità di gestione del Museo permanente I.P.S.I.A., Franco Grazioli, Mario Cristinelli, Sergio Saleri ex allievi dell Istituto e Franco Parola ex collaboratore del preside. 3

4 Sommario p. 5 Note di storia dell Archivio p. 12 Descrizione complesso documentario p. 14 Modalità d intervento p. 15 Scheda descrittiva unità fascicolare p. 16 Schede descrittiva registri in serie p. 17 Carteggio p. 17 Sezione p. 21 Sezione p. 30 Sezione p. 92 Sezione p. 111 Sezione p. 127 Sezione p. 139 Sezione p. 166 Serie p. 168 Atti di compravendita p. 171 Domande d incarico e nomine p. 173 Stipendi p. 179 Alunni p. 195 Scuola festiva p. 200 Corsi serali e per maestranze p. 207 Istituto Nazionale Fascista per l Addestramento e il Perfezionamento dei Lavoratori dell Industria p. 212 Istituto Nazionale per l Addestramento e il Perfezionamento dei Lavoratori dell Industria p. 215 Scuola Edolo p. 218 Scuola Lumezzane p. 220 Registri p. 221 Protocolli p. 223 Protocollo bollettino ufficiale p. 224 Verbali del Consiglio d Amministrazione p. 226 Verbali del Consiglio insegnanti p. 227 Verbali Cassa Scolastica p. 228 Verbali Revisori dei conti p. 229 Registri contabili p. 231 Inventari p. 232 Fondo fotografico p. 232 Fotografie p. 243 Indici-Criteri generali p. 244 Cose notevoli p. 248 Istituzioni p. 254 Persone p. 259 Toponimi 4

5 Note di storia dell archivio dell Istituto Professionale di Stato per l'industria e l'artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia Parte generale Al fine di inserire la vicenda dell Istituto Zanardelli in un contesto normativo e storico-istituzionale si segnalano alcuni passaggi legislativi che contribuirono a definire l ambiente in cui venne istituita ed operò la scuola professionale di Gardone Valle Trompia. La base del sistema scolastico italiano fu la legge Casati, approvata nel 1859 ed estesa a tutto il regno d Italia dopo l unificazione. La legge prevedeva dopo la scuola elementare quadriennale il passaggio all istruzione secondaria articolato su tre filoni: quello classico, che comprendeva un ginnasio di cinque anni, seguito da un liceo di tre; quello tecnico, costituito da una scuola tecnica triennale seguita da un istituto tecnico di tre anni; infine l indirizzo normale, che preparava all insegnamento magistrale. Nel 1861 la competenza in materia di istituti tecnici fu trasferita dal Ministero della Pubblica Istruzione al Ministero dell Agricoltura, Industria e Commercio che li trasformò radicalmente, procedendo a tre riordinamenti: nel 1865, nel 1871 e nel Per quanto concerne le scuole professionali, le circolari Cairoli del 1879 e Miceli del 1880 le suddivisero in: scuole d arti e mestieri, con il fine di fornire agli operai, fanciulli ed adulti, nozioni di scienza applicata ai mestieri; scuole d arte applicate all industria, con lo scopo di diffondere tra la classe operaia il gusto dell arte nell industria; scuole speciali di mestiere e scuole femminili. Con l inizio del nuovo secolo l aumento vertiginoso del numero delle scuole e delle loro dimensioni richiesero una revisione delle categorie e dei gradi di insegnamento: la legge n. 414 del 30 giugno 1907 decretò il definitivo ordinamento delle scuole professionali in industriali (inferiori, medie e superiori), artistico-industriali (disegno per operai, disegno professionale, scuole superiori d arte applicate all industria) e scuole femminili professionali. Tale ordinamento venne mantenuto sino al 1923 quando a seguito della riforma Gentile il Ministero dell Economia Nazionale procedette con Regio Decreto 31 ottobre 1923 n ad attuare un riordino di tutta l istruzione industriale. Le scuole vennero così distinte in: a) Scuole popolari operaie o di avviamento, della durata di tre anni, che impartivano nozioni di cultura generale e tecnica necessarie agli alunni che si avviavano al lavoro o che intendevano proseguire gli studi; b) Scuole industriali o di tirocinio a cui potevano accedere i licenziati delle scuole complementari o di avviamento; c) Istituti industriali, destinati a preparare il personale direttivo degli opifici industriali o dei laboratori; d) Laboratori scuola, della durata di due anni, che costituivano delle scuole di tirocinio per professori che richiedevano una minore preparazione tecnica. In tal modo, le scuole professionali continuarono a svilupparsi in maniera autonoma e parallela all istruzione tecnica. Tra il 1928 e il 1929 il regime fascista decretò il passaggio di tutte le scuole professionali e della sezione industriale degli istituti tecnici alle dipendenze del Ministero della Pubblica Istruzione. Questo passaggio portò necessariamente ad un nuovo riordinamento scolastico. Le leggi n.7 (7 gennaio1929), n (6 ottobre 1930) e n. 490 (22 aprile 1932) fusero i corsi integrativi d avviamento professionale e le scuole complementari - già dipendenti dal Ministero della Pubblica Istruzione - con le scuole operaie e d avviamento al lavoro - già dipendenti dal Ministero dell Economia: si ebbero così le scuole triennali e i corsi biennali e annuali d avviamento professionale di tipo agrario, industriale, commerciale e marinaro. Nel 1929 aveva avuto origine la nuova scuola di avviamento al lavoro, ribattezzata nel 1932 scuola di avviamento professionale. 5

6 In seguito il Ministero della Pubblica Istruzione con la legge n. 889 del 15 giugno 1931 attribuì alla nuova scuola tecnica compiti di istruzione prevalentemente professionale, utili all apprendimento di un mestiere, dovendo essa costituire l erede diretta di quelle scuole professionali dipendenti dal Ministero dell Economia Nazionale dalla cui fusione vedeva la luce. Il progetto fascista di riforma della scuola si completò nel 1939 con la Carta della Scuola del ministro dell Educazione Nazionale Giuseppe Bottai, che prevedeva un ulteriore accentuazione del carattere dualista dell istruzione in tutti i suoi gradi. Dopo la Liberazione, lo Stato affidò alle regioni la possibilità di legiferare in materia di istruzione professionale ed artigiana: sino al 1970 la gestione dell istruzione professionale e tecnica venne svolta congiuntamente dai Ministeri della Pubblica Istruzione e del Lavoro. Ciò contribuì a generare un doppio sistema di formazione professionale che si rivolgeva alla stessa utenza, denominato di istruzione professionale, facente capo alla Pubblica Istruzione, e di addestramento professionale, facente capo al Ministero del Lavoro. Nel 1950 fu istituito un nuovo tipo di scuola che prese il nome di Istituto Professionale di Stato con lo scopo di preparare personale idoneo all esercizio dell attività nei settori dell industria, del commercio, dell agricoltura, dell artigianato, del turismo, della navigazione, delle attività alberghiere, dei lavori femminili, con corsi di durata variabile da due a cinque anni. Nel 1961 si ebbe la revisione dei programmi degli istituti tecnici che furono portati a sei. Infine nel 1962 si giunse all abolizione della scuola di avviamento e all istituzione di una scuola media inferiore unificata orientata verso contenuti generalistici e obbligatoria per tutti. Bibliografia Canestri G. e Ricuperati G., La scuola italiana dalla legge Casati a oggi, Loescher, Torino 1977; La scuola italiana dall Unità ai nostri giorni, a cura di Cives G., La Nuova Italia, Firenze 1990; Hazon F., Storia della formazione tecnica e professionale in Italia, Armando Editore, Roma 1991; Semeraro A., Il sistema scolastico italiano. Profilo storico, Carocci, Roma 1998; Tonelli A., L istruzione tecnica e professionale di Stato nelle strutture e nei programmi da Casati ai giorni nostri, Giuffrè, Milano Istituto Professionale di Stato per l'industria e l'artigianato Giuseppe Zanardelli Gardone Val Trompia I primordi dell istruzione professionale a Gardone Val Trompia sono riconducibili al 1860 quando il Consiglio Comunale con delibera n del 9 novembre istituì una Scuola festiva di disegno per gli artieri della fabbrica dell Arsenale e per quanti volessero iscriversi. Per contenere i costi si chiese un sussidio alla Provincia e si decise di servirsi dei professori dell analoga scuola di Brescia. Nel corso degli anni la necessità di provvedere ad un istruzione tecnica degli operai divenne sempre più pressante tanto che nel 1877 l allora sindaco Giuseppe Moretti affidò a Pietro Mino l incarico di impartire agli operai lezioni di disegno: venne così istituita una Scuola di Disegno per Artigiani con orario festivo 1. Nell anno scolastico ai corsi di disegno ornato e geometrico venne aggiunto un corso, serale e festivo, di elementi di elettrotecnica tenuto dall ingegnere Giuseppe Baccarani, direttore degli Stabilimenti Redaelli, frequentato con il massimo interesse da numerosi allievi e prontamente sostenuto dall onorevole Giovanni Quistini. Il successo dell iniziativa fu tale da prospettare la trasformazione della scuola di disegno in una vera scuola professionale, ad orario diurno, in grado di fornire istruzioni teoriche e pratiche alle maestranze. Le Società Operaie e il Comune si misero in moto allo scopo di nominare una Commissione che studiasse le modalità e raccogliesse i fondi per istituire la nuova scuola 2. 1 Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Istruzione pubblica, b. 162 fasc. 2, Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Verbale del Consiglio Comunale n. 269 del 6 aprile

7 La Commissione, presieduta dall ingegnere Giuseppe Baccarani, era composta da Antonio Moretta per il Comune, Arrigo Grazioli e Pietro Beltrami per le locali Società Operaie di Mutuo Soccorso, da Giovanni Corridori e Andrea Zambonardi per gli operai 3. Le difficoltà non erano poche, ma grazie al determinante appoggio di Giuseppe Zanardelli, allora Presidente del Consiglio, si ottennero dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, dalla Provincia e dalla Camera di Commercio e Industria di Brescia, dalla Cassa di Risparmio per le Provincie Lombarde di Milano e dal Comune di Gardone Val Trompia contributi finanziari annuali tali da permettere l effettiva apertura della scuola. In tal modo, dopo alcune riunioni della Commissione per la nomina dei docenti e la definizione dei programmi, la Scuola Professionale Operaia G. Zanardelli avviò le iscrizioni per l anno scolastico , con inizio delle lezioni previsto a partire dal 16 novembre L ingegner Pietro Redaelli, per rendere possibile l effettivo funzionamento della Scuola, acquistava un fabbricato e lo cedeva gratuitamente in uso alla stessa, fornendo pure energia elettrica e numeroso materiale per le officine. Nell anno scolastico la Scuola raccoglieva 23 allievi nel corso diurno ed oltre 82 nel corso serale e festivo. Le iniziali difficoltà economiche vennero rapidamente superate grazie alla generosità degli insegnanti fra cui l ingegnere Giuseppe Baccarani, il ragionier Pietro Beltrami, il geometra Contessi, che per alcuni anni prestarono gratuitamente la loro opera, e per le sovvenzioni degli industriali locali quali la Società Anonima Giuseppe e Fratello Redaelli, il cotonificio Bernocchi, Trafilerie e Laminatoi Metalli, Società Anonima Fermo Coduri, a cui si aggiunsero nel tempo quelle dei comuni limitrofi. Tutto ciò permise alla Scuola di svilupparsi rapidamente tanto da ottenere nel 1906 da parte del Ministero dell Agricoltura, Industria e Commercio la nuova denominazione di Regia Scuola Professionale Operaia G. Zanardelli e l approvazione dello statuto 5. Dal regolamento del 1906 si evince che la Scuola comprendeva un corso di avviamento diurno maschile e femminile della durata di tre anni per la formazione di operai per le industrie meccaniche, elettriche ed armiere: gli insegnamenti erano lingua italiana, storia e geografia, matematica, geometria, elementi di scienze, disegno, economia domestica, supportati da laboratori per esercitazioni pratiche. Vi era poi un corso serale per apprendisti metallurgici e meccanici, muratori e falegnami con lo scopo di integrare la cultura generale, tecnica e pratica degli operai già occupati nelle industrie locali. Infine vi era un corso festivo per l insegnamento del disegno d ornato e di macchine. 6 Col passare del tempo il costante aumento degli iscritti rese sempre più pressante la necessità di una sede più idonea e funzionale: dal 1909 si avviarono così le pratiche per l individuazione dell area. Soltanto nel 1922 la Scuola poté trasferirsi nel nuovo edificio di proprietà della Fabbrica d Armi Regio Esercito, ubicato in prossimità del fiume Mella, ottenuto in affitto dal Demanio dello Stato previo interessamento del senatore Carlo Bonardi e riadattato per i bisogni della Scuola. Negli stessi anni frattanto anche a Lumezzane si istituiva una scuola di disegno industriale, alle dipendenze di quella di Gardone Val Trompia, per sopperire alle richieste di qualificazione delle maestranze. 7 Nel 1924 la Scuola, a seguito del riordinamento dell istruzione professionale, venne inclusa fra gli istituti amministrati dal Ministero della Pubblica Istruzione e trasformata in Scuola Secondaria di Avviamento Professionale. 8 3 Archivio IPSIA, Verbali del Consiglio d Amministrazione, b. 1 reg. 1, Archivio IPSIA, Verbali del Consiglio d Amministrazione, b. 1 reg. 1, R.D. 12 novembre 1906, n l unico esemplare in copia dello Statuto e relativo regolamento approvato con R. D. 12 novembre 1906 è conservato nell Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Contributo a favore della Regia Scuola di Avviamento al Lavoro G.Zanardelli, Istruzione Pubblica, b. 555 fasc. 16.1, Archivio IPSIA, Verbale del Consiglio d Amministrazione del 26 maggio 1916, b. 1 reg. 2. 7

8 La Scuola subì la riorganizzazione di tutto l organico e venne nominato il primo direttore di ruolo, il professor Giuseppe Cristofoli, che rimase in carica fino al Dall annuario dell anno scolastico si desume che la Scuola comprendesse: 1) La Regia Scuola Popolare Operaia o di Avviamento dalla durata triennale con lo scopo di impartire l istruzione teorico pratica necessaria agli allievi che si avviavano al lavoro o che intendessero proseguire gli studi professionali, con gli insegnamenti caratterizzanti di cultura generale (italiano, storia e geografia), aritmetica, geometria, scienze, tecnologia, disegno a mano libera ed ornamentale, disegno geometrico e professionale, esercitazioni pratiche; 2) il Laboratorio Scuola per operai armaioli della durata di due anni con lo scopo di impartire l istruzione teorico pratica necessaria a preparare l operaio per le industrie della lavorazione delle armi e per le lavorazioni meccaniche in genere con gli insegnamenti caratterizzanti di cultura generale, matematica, fisica, meccanica applicata, disegno delle armi e professionale, tecnologia delle armi e di officina, esercitazioni pratiche; 3) i Corsi serali per maestranze con sezione per apprendisti metallurgici e meccanici della durata di quattro anni; 4) la Scuola libera, festiva, di disegno professionale per operai ed apprendisti che desiderassero completare le loro capacità tecniche con cognizioni di disegno professionale 9. Nel 1929 vennero istituiti i Consorzi provinciali per l istruzione tecnica con il compito di promuovere lo sviluppo ed il perfezionamento dell istruzione tecnica, sia incentivando iniziative private in questo campo, sia concorrendo con propri fondi all istituzione di corsi di formazione. Anche l Associazione Industriali Bresciani, per sopperire alle richieste delle aziende della Valle, si fece promotrice di corsi di avviamento al lavoro e specializzazione, affiancata nel corso del tempo da quelli sovvenzionati dall Istituto Nazionale per l addestramento e il perfezionamento dei lavoratori dell industria. Nello stesso 1929 la Scuola subì nuovamente una modifica della denominazione in Scuola secondaria di avviamento al lavoro 10, mentre nel 1933 il Laboratorio scuola venne trasformato in Scuola Tecnica Industriale 11. Le iscrizioni ai corsi aumentavano costantemente: da 129 allievi nel biennio si era passati a 317 in quello Nel 1937, la Regia Scuola secondaria di Avviamento professionale veniva annessa definitivamente alla Scuola Tecnica Industriale: per semplificare l amministrazione e ridurre i costi la Direzione, gli insegnati e il personale non docente rimasero gli stessi per i due istituti. Durante la Seconda Guerra Mondiale e nel primo Dopoguerra la Scuola subì diverse vicissitudini: requisizioni di locali da parte delle truppe tedesche ed alleate, sfollamento, danni all edificio ed ai laboratori. Per un certo periodo non si poterono attivare dei corsi per la mancanza di iscritti e di attrezzature. Dal 1947 la situazione si stabilizzò e gli insegnamenti ripresero: la Scuola era però divenuta istituto governativo, in seguito statale a partire dal Tale ordinamento si mantenne fino al 1 ottobre 1961 anno in cui la Scuola venne definitivamente denominata Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato. 13 Di lì a poco una nuova disposizione ministeriale cessava l aggregazione della Scuola di avviamento professionale, sostituita dalla scuola media inferiore. 14 Successivamente alla sede centrale di Gardone Val Trompia vennero coordinate le Scuole di Lumezzane (1963) e di Odolo e Vobarno (1968). 8 R. D. 16 ottobre 1924, n. 2345, art. 1 La Regia scuola operaia di Gardone Val Trompia è riordinata come scuola di avviamento al lavoro con annesso laboratorio scuola per operai armaioli e corsi per maestranze. 9 Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Scuola Professionale, Istruzione pubblica, b. 336 fasc. 24, R.D. 7 gennaio 1929, n R.D. 28 settembre 1933, n Archivio IPSIA, Cerimonie, congressi, mostre, b. 24 fasc. 15, Archivio IPSIA, Varie, b. 51 fasc. 5, Archivio IPSIA, Varie, b. 52 fasc. 9,

9 Di seguito forniamo informazioni storico-amministrative dei corsi attuati dalla scuola e degli istituti dipendenti da quello centrale di Gardone Val Trompia che hanno evidenza documentaria nelle serie. Scuola festiva ( ) Le origini della Scuola festiva sono riconducibili al 1860 quando il Consiglio Comunale di Gardone Val Trompia con delibera n del 9 novembre istituisce una Scuola festiva di disegno per gli artieri della fabbrica dell Arsenale e per quanti vogliono iscriversi. Per contenere i costi si chiede un sussidio alla Provincia e si decide di servirsi dei professori dell analoga scuola di Brescia. Nel corso degli anni la necessità di provvedere ad un istruzione tecnica degli operai diviene sempre più pressante tanto che nel 1877 l allora sindaco di Gardone Val Trompia Giuseppe Moretti affida al signor Pietro Mino l incarico di impartire agli operai lezioni di disegno: viene così istituita una Scuola di Disegno per Artigiani con orario festivo. Nel 1900 a detta scuola viene aggiunto un corso, serale e festivo, di elementi di elettrotecnica tenuto dall ingegnere Baccarani, direttore degli Stabilimenti Redaelli di Gardone Val Trompia. Dal 1902 questa scuola viene assorbita dalla Scuola Professionale Operaia e diviene un corso complementare festivo: la documentazione conservata in questa serie è riconducibile a questa nuova organizzazione. La scuola libera, festiva, di disegno professionale (Statuto e regolamento approvato con Regio Decreto il 12 novembre 1906) si propone l insegnamento individuale del disegno professionale agli operai e agli apprendisti, senza limiti di età, che desiderino completare le loro capacità tecniche. La sezione festiva risulta divisa in due corsi: uno preparatorio e uno normale, entrambi biennali, comprendenti un reparto maschile e uno femminile. L ammissione ai corsi prevede il conseguimento della licenza elementare o titolo equipollente a giudizio della Direzione. La tassa annua d iscrizione di lire 5 viene ridotta a lire 2 per gli allievi appartenenti ai comuni concorrenti al mantenimento della Scuola. Le lezioni domenicali, tenute dalle 8.30 alle antimeridiane, hanno durata dal 1 novembre al 30 giugno. Corsi serali e per maestranze ( ) Con la legge del 7 gennaio 1929 n. 7 vennero istituiti i Consorzi Provinciali per l Istruzione Tecnica con il compito di promuovere lo sviluppo ed il perfezionamento dell istruzione tecnica, sia incentivando iniziative private, sia concorrendo con propri fondi all istituzione di corsi di formazione. Anche l Associazione Industriali Bresciani, per sopperire alle richieste delle aziende della Valle, grazie alle sovvenzioni di alcuni benefattori locali, si fa promotrice di corsi di avviamento al lavoro e specializzazione. Contemporaneamente ma in forma autonoma il Ministero del Lavoro organizza nella provincia corsi diurni e serali di addestramento e qualificazione per disoccupati. INFAPLI ( ) Istituto Nazionale Fascista per l addestramento e il perfezionamento dei lavoratori dell industria, INAPLI ( ) Istituto Nazionale per l addestramento e il perfezionamento dei lavoratori dell industria, L INAPLI trae origine da un accordo stipulato tra la Confederazione degli industriali e la Confederazione dei lavoratori dell Industria. Viene istituito un contratto collettivo il 25 dicembre 1938 (Bollettino Ufficiale Ministero delle Corporazioni, suppl. fasc. 208, all. n. 1658) con la funzione di provvedere all attuazione di corsi normali per la formazione, l addestramento e il perfezionamento delle maestranze dell industria. Successivamente tale provvedimento viene 9

10 disciplinato dal regio decreto n del 21 giugno 1938, convertito nella legge n. 290 del 16 gennaio 1939, integrato e completato con la legge n. 264 del 29 aprile I corsi, posti sotto la vigilanza del Ministero dell Educazione Nazionale, hanno il compito di formare ed accrescere la capacità tecnica e produttiva dei lavoratori in relazione ai bisogni dell economia nazionale. Nel 1949 ai corsi di primo addestramento si affiancano quelli per la formazione di operai specializzati, di perfezionamento, di qualificazione e riqualificazione. A promuoverli sono enti, istituti ed associazioni, oltre alle amministrazioni statali e comunali. L istituzione dei corsi viene autorizzata con un provvedimento del Ministero per il Lavoro e la Previdenza Sociale di concerto con quello del Tesoro. Il carteggio di questa serie riguarda i corsi sovvenzionati dall Inapli. Scuola Edolo ( ) Le uniche notizie relative alla Scuola Tecnica Industriale Municipale di Edolo si ricavano dalla relazione sugli esami di idoneità e licenza datata 24 settembre 1958 in cui si afferma che tutti i documenti relativi alle operazioni della Commissione esaminatrice vengono consegnati al Direttore della Scuola Tecnica Industriale Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia, dalla quale dipendeva amministrativamente, perché siano conservati negli archivi della scuola stessa. Scuola Lumezzane ( ) Notizie relative alla scuola ci derivano dal verbale di seduta del Consiglio d Amministrazione del 26 maggio 1916 che al punto 2 registra la costituzione a Lumezzane di una sezione della Scuola industriale di disegno su iniziativa degli industriali della Valle di Lumezzane, che riunitisi in Consorzio, si impegnano per tre anni alla sovvenzione della stessa. Attualmente la Scuola è assunta alla dirigenza scolastica dell Istituto d Istruzione Superiore Carlo Beretta che riunisce gli istituti secondari superiori gardonesi. Direttori della Scuola con nomina del Ministero della Pubblica Istruzione Prof. Mario Cristofoli ( ) Prof. Angela Perdonà ( ) Prof. Luigi Lombardi ( ) Prof. Eolo Leoni ( ) Ing. Massimo Fausti ( ) Presidenti del Consiglio d Amministrazione Cav. Antonio Moretta ( ) Dott. Piergiuseppe Beretta ( ) Rag. Vincenzo Bernardelli ( ) Prof. Miradio Carner ( ) Ing. G. Battista Cavadini ( ) Ing. Sebastiano Poli ( ) Ing. Francesco Bracconi (dal 1965) Bibliografia M. Cristofoli, La Regia Scuola secondaria di avviamento al lavoro G. Zanardelli di Gardone V. T., in La Valle Trompia, Apollonio, Brescia 1930, pp ; M. Fausti, La Scuola Tecnica G. Zanardelli, in Antologia Gardonese, Apollonio, Brescia 1969, pp ; M. Sabatti, Notizie storiche sull Ipsia Zanardelli, aggiornamento dell articolo di M. Fausti; 10

11 S. Bassoli, La scuola a Gardone: cronologia storica e appunti di cronaca, Biblioteca Comunale Gardone V.T., Gardone Val Trompia 1997; A. Fappani C. Sabatti F. Trovati, Gardone di Valle Trompia -Vicende storiche e patrimoni d arte, Grafo, Brescia 1984, p. 80; L. Merlino F. Trovati, Gh era na olta Gardù, Tipolitografia Batan, Gardone Val Trompia 2001, pp ; F. Ghigini, I contadini dimenticati, Comunità Montana di Valle Trompia, Gardone Val Trompia 2007, pp

12 Descrizione complesso documentario L archivio storico dell Istituto Professionale di Stato per l'industria e l'artigianato Giuseppe Zanardelli è costituto da documentazione di diversa tipologia che copre gli anni La parte più consistente è quella formata dalle sezioni del carteggio, ordinato secondo sette titolari susseguitisi nel corso del tempo, che si riferisce all attività didattica e formativa della scuola. Un altra sezione è composta dalle serie riguardanti gli atti di compravendita, le domande d incarico e nomine degli insegnati, gli stipendi, gli alunni, la Scuola festiva, i corsi serali e per maestranze, Inapli, Infapli, gli istituti di Edolo e di Lumezzane. Ulteriore nucleo documentario di una certa consistenza e rilevanza è quello costituito dai registri di gestione amministrativa e contabili quali deliberazioni, protocolli, verbali del Consiglio d Amministrazione e del Collegio docenti, Inventari, Mastri e Giornali di cassa. L archivio conserva anche un fondo fotografico composto da n. 82 immagini in bianco e nero. Nel corso degli anni la scuola ha subito alcune variazioni di denominazione e di organizzazione fino alla fine del 1933: da allora coesistono per 30 anni due istituti, la Scuola Tecnica Industriale e la Scuola di Avviamento Professionale, retti dallo stesso Consiglio d Amministrazione, con lo stesso Direttore scolastico e con gli stessi docenti. Anche la gestione documentale resta per lo più indistinta: i documenti sono stati registrati in un unico protocollo e la maggior parte del carteggio si è sempre mantenuta unita. A fronte di tale situazione si è deciso di lasciare la documentazione come era stata archiviata, senza mutarne l ordine né scorporandola, per non danneggiarne ulteriormente l assetto già soggetto a perdite causate dai traslochi, dalle occupazioni tedesche ed alleate dell edificio durante la seconda guerra mondiale, e dall esondazione del fiume Mella negli anni Cinquanta. A tutto ciò si devono aggiungere le ristrutturazioni del complesso effettuate negli anni Ottanta del sec. XX e la perdita nel 1989 dell autonomia della scuola, da allora amministrata dall istituto Moretto di Brescia, che hanno ulteriormente alterato la struttura e la composizione dell archivio. Per quanto riguarda la sezione composta dalle serie va specificato che la documentazione rinvenuta era di pertinenza dell istituto scolastico: per snellire e facilitare la gestione amministrativa la scuola aveva ricomposto in faldoni separati pratiche e documenti omogenei. Negli anni infatti erano stati raggruppati quelli relativi agli stipendi degli insegnati, ai corsi serali e festivi, ai corsi sovvenzionati da altri enti e le cartelle personali degli alunni. Non trattandosi però di fondi aggregati distinti, prodotti o amministrati da altri enti, ma di documenti propri della scuola, si è ritenuto opportuno rispettare tale ricomposizione, non potendola ricollocare all interno del carteggio d origine. Riepilogando il complesso archivistico dell istituto scolastico risulta così composto: 1) Carteggio Sezione Sezione Sezione Sezione Sezione Sezione Sezione ) Serie Atti di compravendita Domande d'incarico e nomine Stipendi Alunni Scuola festiva Corsi serali e per maestranze Istituto Nazionale Fascista per l'addestramento e il Perfezionamento dei Lavoratori 12

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni ARCHIVIO DI STATO DI CREMONA Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni Inventario (1906-1973) La scuola serale maschile di commercio di Cremona fu istituita il 22 gennaio 1894, per iniziativa

Dettagli

COMUNE SAREZZO Archivio Storico

COMUNE SAREZZO Archivio Storico COMUNE SAREZZO Archivio Storico Inventario (1927-1943) versione provvisoria SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA per la Lombardia REGIONE LOMBARDIA Culture, identità e autonomia della Lombardia COMUNITA MONTANA

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E ARTICOLAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI. DOTT.SSA Forgione Roberta responsabile dei servizi amministrativi e generali

INDIVIDUAZIONE E ARTICOLAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI. DOTT.SSA Forgione Roberta responsabile dei servizi amministrativi e generali INDIVIDUAZIONE E ARTICOLAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI DOTT.SSA Forgione Roberta responsabile dei servizi amministrativi e generali COGNOME E NOME ORARIO MANSIONI ATTRIBUITE Sigla DI BIASE

Dettagli

Titolo: A - AFFARI GENERALI

Titolo: A - AFFARI GENERALI Titolo: A - AFFARI GENERALI A-01 Fascicoli del personale di ruolo e non di ruolo dell amministrazione scolastica periferica A-02 Personale dell' amministrazione scolastica periferica A-02-a Pratiche generali

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE N.2 Addetti corrispondenti a: 1 posto part-time 24 ore Contributo orario di 18 ore ( parziale di posto intero 1)

GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE N.2 Addetti corrispondenti a: 1 posto part-time 24 ore Contributo orario di 18 ore ( parziale di posto intero 1) AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE n. 2 Addetti corrispondenti a : 1 posto intero Contributo orario di 12 ore( parziale di posto intero 1) Contributo orario di 12 ore ( nomina a tempo determinato) Contributo

Dettagli

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena Accordo di Rete fra i CTP della provincia di Modena 1 L anno duemilanove il giorno 22 gennaio 2010 i Dirigenti Scolastici - Stentarelli Claudio CTP di Carpi - Campagnoli Paola CTP di Mirandola - Calanchi

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 1 di 8 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 Regolamento recante disposizioni per la definizione dei criteri e dei parametri per la determinazione della consistenza complessiva

Dettagli

CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica

CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica 1 di 24 CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica Soggetto

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 3 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico fondo uniformata locale

Dettagli

TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere

TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere TITOLO I Area amministrativa I/1 AFFARI ISTITUZIONALI I/1.1 I/1.2 I/1.3 I/1.4 I/1.5 I/1.6 I/1.7 I/2

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

Organizzazione A. S. 2013/2014

Organizzazione A. S. 2013/2014 Pubblicato su I.T.C.G. "Manlio Capitolo" (http://www.itcgtursi.gov.it) Le tipologie di procedimento svolte da ciascun ufficio, le informazioni dettagliate sulla consegna di documenti, eventuali contatti,

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23 41100 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: motf080005@istruzione.it Pagina web: www.fermi.mo.it C.F. 94138800365

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

29. PATRONATO SCOLASTICO

29. PATRONATO SCOLASTICO archivio aggregato 29. PATRONATO SCOLASTICO Collocazione fisica della serie: scaffale 14 visualizza Torna all'introduzione Unità 1 Archivio aggregato: PATRONATO SCOLASTICO Estremi cronologici: aa. 1897-1918

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

INFORMATIVA TASSE SCOLASTICHE ASSICURAZIONE INTEGRATIVA E CONTRIBUTO VOLONTARIO DI ISTITUTO

INFORMATIVA TASSE SCOLASTICHE ASSICURAZIONE INTEGRATIVA E CONTRIBUTO VOLONTARIO DI ISTITUTO 53 Distretto Scolastico Nocera Inferiore LICEO STATALE Don Carlo La Mura CLASSICO, SCIENTIFICO E SCIENZE APPLICATE Via Monte Tàccaro ANGRI Tel. 0815132847 Fax 0815132861 C.F. 80039430659 Indirizzo web:

Dettagli

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Titolo I. Amministrazione generale, organi di governo e gestione Il titolo riguarda i documenti

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA LUIGI CHERUBINI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI

CONSERVATORIO DI MUSICA LUIGI CHERUBINI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze approvato dal Consiglio di Amministrazione il 28 marzo 2011 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

Articolazione degli Uffici

Articolazione degli Uffici Articolazione degli Uffici Dirigenza e Direzione Dirigente scolastico Chiara Riello Primo collaboratore del Dirigente Alessandra Brotto Direttore dei Servizi Generali e Amm.vi Stefania Vivian Uffici di

Dettagli

Assistenti Amministrativi. Sig.ra Neri Paola

Assistenti Amministrativi. Sig.ra Neri Paola Assistenti Amministrativi Sig.ra Neri Paola Gestione del Personale - Cura e gestione della trasmissione dei contratti del personale neo immesso in ruolo alla RGS; - Conferma in Ruolo, proroga periodo di

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO "E. TOTI" Via Marconi, 3 ~ 30024 Musile di Piave (VE) 0421/54122 ~ Fax 0421/596993 Cod. Scuola VEIC82600X ~ Cod. Fiscale 84003920273 veic82600x@istruzione.it http://www.ictoti.it RELAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale Decreto n. 460 del 28 Maggio 2008 IL DIRETTORE GENERALE VISTO Il D. L.gs 165/01 ed in particolare il disposto degli artt. 12, 16 lett. f) e 17; VISTO Il DPR 260/2007, in particolare l articolo 7, che prevede

Dettagli

ORGANIZZAZIONE. a. garantire le informazioni su atti e procedimenti amministrativi inerenti il cittadino.

ORGANIZZAZIONE. a. garantire le informazioni su atti e procedimenti amministrativi inerenti il cittadino. ORGANIZZAZIONE Il compito essenziale dell URP è di fornire all utenza dell Istituto adeguate informazioni relative ai servizi, alle strutture, ai compiti, ai procedimenti e al funzionamento dell Amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO 44 REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 16/45374 NELLA SEDUTA DEL 03.02.1994, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 1/I67997 DEL 14/01/2003 E N. 166/I0064555

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Incarichi e compiti del personale amm.vo

Incarichi e compiti del personale amm.vo Incarichi e compiti del personale amm.vo N. DIPENDENTE STATUS QUALIFICA 1 FOIS NICOLETTA Tempo indeterminato Assistente amministrativo 2 MAINARDI PAOLA Tempo indeterminato Assistente amministrativo 3 PERNICI

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

Bilancio di esercizio 2014

Bilancio di esercizio 2014 Bilancio di esercizio 2014 Prospetti dei dati SIOPE: - incassi - pagamenti - indicatori aggregati Allegato J della deliberazione di Consiglio n. 5 del 27 aprile 2015 Proposto da: Area Risorse finanziarie

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE Art. 1 Istituzione 1. L Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (d ora in poi ISIA) di Firenze e stato istituito in forma sperimentale

Dettagli

- 1 - Art. (Interventi nei settori produttivi)

- 1 - Art. (Interventi nei settori produttivi) - 1 - (Interventi nei settori produttivi) 1. Le stazioni appaltanti presenti sul territorio regionale hanno facoltà di introdurre ulteriori criteri di affidamento dei lavori ad imprese locali, in possesso

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 91 Requisiti dei componenti delle commissioni giudicatrici dei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI FORMAZIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Piano annuale di formazione del personale tecnico e amministrativo della Scuola Attivazione dei corsi di formazione

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE ISTITUZIONE E FINALITÀ Istituzione Art. 1 Nel Comune di Bovezzo è istituita la Biblioteca Comunale intesa come servizio pubblico

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - SOGGETTO PRODUTTORE ENTE 8 Codice Ente Denominazione Denominazione parallela Sede Casa della Serenità del Comune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - "L.LANZA-B. DI CARINI" CARINI (PA) Titolario

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - L.LANZA-B. DI CARINI CARINI (PA) Titolario Titolo: A - AFFARI GENERALI A-01 Fascicoli del personale di ruolo e non di ruolo dell amministrazione scolastica periferica A-02 Personale dell' amministrazione scolastica periferica A-02-a Pratiche generali

Dettagli

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale R. Remondi di Fiesse è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità

Dettagli

Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto)

Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto) Codice PQ 043 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata a: Dirigente

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO TITOLO I Principi generali Art. 1 Finalità e definizioni 1. L Accademia di Belle Arti di Palermo, di seguito denominata Accademia, è un istituzione pubblica di

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Premessa I viaggi d istruzione e le visite guidate, intesi quali strumenti per collegare l esperienza scolastica all ambiente esterno nei suoi aspetti

Dettagli

MASSIMARIO DI SCARTO DELLA DOCUMENTAZIONE D ARCHIVIO

MASSIMARIO DI SCARTO DELLA DOCUMENTAZIONE D ARCHIVIO 58 16.05.2013 MASSIMARIO DI SCARTO DELLA DOCUMENTAZIONE D ARCHIVIO Il presente massimario si compone di due parti: - la prima indica la documentazione fondamentale che deve essere conservata senza limiti

Dettagli

Prot.n. 4389/A5 Empoli, 30 settembre 2015 OGGETTO: SUDDIVISIONE COMPITI ED ORARIO DEGLI ASSISTENTI AMMINISTATIVI ANNO SCOLASTICO 2015-16.

Prot.n. 4389/A5 Empoli, 30 settembre 2015 OGGETTO: SUDDIVISIONE COMPITI ED ORARIO DEGLI ASSISTENTI AMMINISTATIVI ANNO SCOLASTICO 2015-16. DIREZIONE DIDATTICA STATALE EMPOLI 3 CIRCOLO VIA PONZANO 43 50053 EMPOLI (FI) TEL. 0571922337 FAX N. 0571960135 e-mail: fiee22000t@istruzione.it - Codice fiscale n. 82008030486 sito web: www.empoliterzocircolo.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COREP ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI ORDINE DEI GIORNALISTI DEL PIEMONTE BANDO DI SELEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COREP ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI ORDINE DEI GIORNALISTI DEL PIEMONTE BANDO DI SELEZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COREP ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI ORDINE DEI GIORNALISTI DEL PIEMONTE BANDO DI SELEZIONE per l'ammissione di 20 allievi per il biennio 2012/2014 al Master in Giornalismo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ISTITUTO MUSICALE PAREGGIATO GAETANO DONIZETTI

REGOLAMENTO DEL CIVICO ISTITUTO MUSICALE PAREGGIATO GAETANO DONIZETTI 38 REGOLAMENTO DEL CIVICO ISTITUTO MUSICALE PAREGGIATO GAETANO DONIZETTI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 139/27010 P.G. NELLA SEDUTA DEL 21/09/1998 Premessa Il Civico Istituto Musicale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

AI DOCENTI. to della. attività di sostegno per l'anno accademico 2014/2015. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT. aluzazi. IL DIRIGENTE Prof.

AI DOCENTI. to della. attività di sostegno per l'anno accademico 2014/2015. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT. aluzazi. IL DIRIGENTE Prof. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT Sede: Via Stadio - 33077 Sacile (PN) Tel. 0434 733429 * Fax0434 733861 Godice Fiscale:91007780934 E-mail:pnis0ò6007@istruzione.it PEG:PN1S006007@pec.istruzione.it Istituto

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Tabella dei titoli valutabili nei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado e ripartizione dei

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

Censimento degli archivi dei Comuni della Provincia di Lodi, degli ex E.C.A. e dei complessi archivistici aggregati Rilevazione dei dati

Censimento degli archivi dei Comuni della Provincia di Lodi, degli ex E.C.A. e dei complessi archivistici aggregati Rilevazione dei dati Censimento degli archivi dei Comuni della Provincia di Lodi, degli ex E.C.A. e dei complessi archivistici aggregati Rilevazione dei dati Il presente censimento degli archivi dei Comuni della Provincia

Dettagli

ISTITUTO BUON PASTORE

ISTITUTO BUON PASTORE ISTITUTO BUON PASTORE Istituto Buon Pastore 1863-1987, con documenti dal 1844 158 mazzi e registri L'opera pia "Istituto Buon Pastore" venne fondata nel 1843 a Torino dal re Carlo Alberto e affidata alle

Dettagli

Prot. n. 542/pr1 Del 16/1/2014 ORGANIZZAZIONE UFFICI AMMINISTRATIVI

Prot. n. 542/pr1 Del 16/1/2014 ORGANIZZAZIONE UFFICI AMMINISTRATIVI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S.CECILIA 00187 ROMA - Via dei Greci, 18 C.F. 80203690583 Tel. 063609671-2-3 Fax.0636001800

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

COMUNE NAVE Archivio Storico

COMUNE NAVE Archivio Storico COMUNE NAVE Archivio Storico Inventario Consorzio per la costruzione del ponte per Ca de Bruni (1910-1915) versione provvisoria SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA per la Lombardia REGIONE LOMBARDIA Culture, identità

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO"

LICEO SCIENTIFICO STATALE ALDO MORO LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO" Via XX Settembre, 5-42124 REGGIO EMILIA Tel. 0522/517384-0522/511699 - Fax 0522/ 922077 Cod. Fisc. 80016270359 - C.M. REPS03000B e-mail: dsga@liceomoro.gov.it - segreteria@liceomoro.gov.it

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

STATUTO-REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FICARRA. TITOLO I Denominazione e Fini

STATUTO-REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FICARRA. TITOLO I Denominazione e Fini STATUTO-REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FICARRA TITOLO I Denominazione e Fini Art. 1 E istituita in Ficarra la Biblioteca Pubblica Comunale denominata Lucio Piccolo. Art. 2 La Biblioteca ha lo

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria STATUTO DELL'ACCADEMIA COMUNALE DI MUSICA "LORENZO PEROSI"

Città di Tortona Provincia di Alessandria STATUTO DELL'ACCADEMIA COMUNALE DI MUSICA LORENZO PEROSI Città di Tortona Provincia di Alessandria STATUTO DELL'ACCADEMIA COMUNALE DI MUSICA "LORENZO PEROSI" Allegato alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 10 del 07/02/1997 Sommario ART. 1 - SCOPI DELL'ACCADEMIA

Dettagli

MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Gli obblighi di pubblicazione sui siti delle scuole 1 of 21 MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO ART. 1 COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Schilpario è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Il presente documento fornisce, in forma schematica, sintetiche indicazioni relative alle sequenza dei principali adempimenti

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento 2 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA JACOPO TOMADINI UDINE MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento anno accademico 2013/2014 emanato con decreto del direttore n. 131 del 16/10/2013

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. ISTITUTO Roma lì, 01/03/2004 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Trattamenti Pensionistici Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

MANSIONARIO. ALL. 06 Rev.00 Settembre 2007 Pag. 1 di 8 DIRIGENTE SCOLASTICO

MANSIONARIO. ALL. 06 Rev.00 Settembre 2007 Pag. 1 di 8 DIRIGENTE SCOLASTICO Pag. 1 di 8 DIRIGENTE SCOLASTICO partecipare e concorrere al processo di realizzazione dell'autonomia scolastica assicurare la gestione unitaria dell'istituzione scolastica e finalizzarla all'obiettivo

Dettagli

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14 Anno scolastico 2013/14 Circolare dell'usr Puglia del 16 aprile 2014 Deliberazione della Giunta Regionale del 4 marzo 2014, n. 379 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 25/03/2014

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "ANTONIO ZANON" UDINE ----------------------------- ARCHIVIO STORICO (1866-1945) INVENTARIO.

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ANTONIO ZANON UDINE ----------------------------- ARCHIVIO STORICO (1866-1945) INVENTARIO. ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "ANTONIO ZANON" UDINE ----------------------------- ARCHIVIO STORICO (1866-1945) INVENTARIO a cura di LILIANA CARGNELUTTI ----------------------------- SOPPRINTENDENZA ARCHIVISTICA

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

ASSOCIAZIONE CULTURALE Taller CreArte" STATUTO (Riassunto)

ASSOCIAZIONE CULTURALE Taller CreArte STATUTO (Riassunto) ASSOCIAZIONE CULTURALE Taller CreArte" STATUTO (Riassunto) ART. 1 DENOMINAZIONE - SEDE È costituita, ai sensi e per gli effetti della Legge 383/2000, degli artt. 36 e segg. Codice Civile, l'associazione

Dettagli

Procedura di gestione degli approvvigionamenti

Procedura di gestione degli approvvigionamenti Doc.: PQ08 Rev.: 5 Data: 16/03/15 Pag.: 1 di 09 Procedura di gestione degli approvvigionamenti EMESSA DA: Tomasello Maria VERIFICATA DA: Cazzaniga Laura APPROVATA DA: Mariagrazia Fornaroli Doc.: PQ08 Rev.:

Dettagli

Comitato di Valutazione

Comitato di Valutazione pag.1 di6 3.1- STRUTTURA ORGANIZZATIVA L' organizzazione dell Istituto, è illustrata nell organigramma riportato nella Fig. 3-1. I compiti e le responsabilità dei vari Enti-Funzioni sono definite nel paragrafo

Dettagli

Archivio storico comunale Orfanotrofio femminile dell Immacolata Istituto Maria Rimoldi

Archivio storico comunale Orfanotrofio femminile dell Immacolata Istituto Maria Rimoldi Archivio storico comunale Orfanotrofio femminile dell Immacolata Istituto Maria Rimoldi Inventario dell archivio - Vol. II Como, dicembre 2012 Archivio storico comunale Orfanotrofio femminile dell Immacolata

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli