Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia"

Transcript

1 Istituto di Istruzione Superiore Carlo Beretta Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia Archivio storico Inventario con il contributo di Cooperativa A.R.C.A. Gardone Val Trompia (Bs)

2 Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato G. Zanardelli di Gardone Val Trompia Intervento di riordinamento ed inventariazione dell archivio storico Carteggio ( ) Serie ( ) Registri ( ) Fondo fotografico ( ) 2

3 Ambiente Ricerca Cultura Arte via XX Settembre, Gardone Val Trompia, Bs. tel fax sito: Equipe di lavoro Coop. A.R.C.A.: Amanda Maranta. Patrizia Sotgiu. Per la redazione dell inventario è stato impiegato il software Sesamo ambiente Windows - Regione Lombardia - Culture, identità e autonomia della Lombardia. Finito di stampare febbraio 2009 presso il Centro stampa elettronico A.R.C.A. Gli operatori ringraziano per la collaborazione: Luisa Bezzi e Nadia di Santo, Soprintendenza Archivistica per la regione Lombardia; Roberto Grassi, Mirella Mancini, Regione Lombardia - Culture, identità e autonomia della Lombardia; la direzione ed il personale dell Istituto scolastico ed in particolar modo il dirigente Luciano Tonidandel ed il prof. Antonio Del Vecchio; Graziella Pedretti, Direzione Area Cultura Comunità Montana di Valle Trompia, Massimo Galeri, coordinatore Sistema Archivistico - Sistema dei Beni Culturali e Ambientali della Comunità Montana di Valle Trompia; Franco Ghigini consulente scientifico per la redazione della progettazione preliminare di intervento e modalità di gestione del Museo permanente I.P.S.I.A., Franco Grazioli, Mario Cristinelli, Sergio Saleri ex allievi dell Istituto e Franco Parola ex collaboratore del preside. 3

4 Sommario p. 5 Note di storia dell Archivio p. 12 Descrizione complesso documentario p. 14 Modalità d intervento p. 15 Scheda descrittiva unità fascicolare p. 16 Schede descrittiva registri in serie p. 17 Carteggio p. 17 Sezione p. 21 Sezione p. 30 Sezione p. 92 Sezione p. 111 Sezione p. 127 Sezione p. 139 Sezione p. 166 Serie p. 168 Atti di compravendita p. 171 Domande d incarico e nomine p. 173 Stipendi p. 179 Alunni p. 195 Scuola festiva p. 200 Corsi serali e per maestranze p. 207 Istituto Nazionale Fascista per l Addestramento e il Perfezionamento dei Lavoratori dell Industria p. 212 Istituto Nazionale per l Addestramento e il Perfezionamento dei Lavoratori dell Industria p. 215 Scuola Edolo p. 218 Scuola Lumezzane p. 220 Registri p. 221 Protocolli p. 223 Protocollo bollettino ufficiale p. 224 Verbali del Consiglio d Amministrazione p. 226 Verbali del Consiglio insegnanti p. 227 Verbali Cassa Scolastica p. 228 Verbali Revisori dei conti p. 229 Registri contabili p. 231 Inventari p. 232 Fondo fotografico p. 232 Fotografie p. 243 Indici-Criteri generali p. 244 Cose notevoli p. 248 Istituzioni p. 254 Persone p. 259 Toponimi 4

5 Note di storia dell archivio dell Istituto Professionale di Stato per l'industria e l'artigianato Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia Parte generale Al fine di inserire la vicenda dell Istituto Zanardelli in un contesto normativo e storico-istituzionale si segnalano alcuni passaggi legislativi che contribuirono a definire l ambiente in cui venne istituita ed operò la scuola professionale di Gardone Valle Trompia. La base del sistema scolastico italiano fu la legge Casati, approvata nel 1859 ed estesa a tutto il regno d Italia dopo l unificazione. La legge prevedeva dopo la scuola elementare quadriennale il passaggio all istruzione secondaria articolato su tre filoni: quello classico, che comprendeva un ginnasio di cinque anni, seguito da un liceo di tre; quello tecnico, costituito da una scuola tecnica triennale seguita da un istituto tecnico di tre anni; infine l indirizzo normale, che preparava all insegnamento magistrale. Nel 1861 la competenza in materia di istituti tecnici fu trasferita dal Ministero della Pubblica Istruzione al Ministero dell Agricoltura, Industria e Commercio che li trasformò radicalmente, procedendo a tre riordinamenti: nel 1865, nel 1871 e nel Per quanto concerne le scuole professionali, le circolari Cairoli del 1879 e Miceli del 1880 le suddivisero in: scuole d arti e mestieri, con il fine di fornire agli operai, fanciulli ed adulti, nozioni di scienza applicata ai mestieri; scuole d arte applicate all industria, con lo scopo di diffondere tra la classe operaia il gusto dell arte nell industria; scuole speciali di mestiere e scuole femminili. Con l inizio del nuovo secolo l aumento vertiginoso del numero delle scuole e delle loro dimensioni richiesero una revisione delle categorie e dei gradi di insegnamento: la legge n. 414 del 30 giugno 1907 decretò il definitivo ordinamento delle scuole professionali in industriali (inferiori, medie e superiori), artistico-industriali (disegno per operai, disegno professionale, scuole superiori d arte applicate all industria) e scuole femminili professionali. Tale ordinamento venne mantenuto sino al 1923 quando a seguito della riforma Gentile il Ministero dell Economia Nazionale procedette con Regio Decreto 31 ottobre 1923 n ad attuare un riordino di tutta l istruzione industriale. Le scuole vennero così distinte in: a) Scuole popolari operaie o di avviamento, della durata di tre anni, che impartivano nozioni di cultura generale e tecnica necessarie agli alunni che si avviavano al lavoro o che intendevano proseguire gli studi; b) Scuole industriali o di tirocinio a cui potevano accedere i licenziati delle scuole complementari o di avviamento; c) Istituti industriali, destinati a preparare il personale direttivo degli opifici industriali o dei laboratori; d) Laboratori scuola, della durata di due anni, che costituivano delle scuole di tirocinio per professori che richiedevano una minore preparazione tecnica. In tal modo, le scuole professionali continuarono a svilupparsi in maniera autonoma e parallela all istruzione tecnica. Tra il 1928 e il 1929 il regime fascista decretò il passaggio di tutte le scuole professionali e della sezione industriale degli istituti tecnici alle dipendenze del Ministero della Pubblica Istruzione. Questo passaggio portò necessariamente ad un nuovo riordinamento scolastico. Le leggi n.7 (7 gennaio1929), n (6 ottobre 1930) e n. 490 (22 aprile 1932) fusero i corsi integrativi d avviamento professionale e le scuole complementari - già dipendenti dal Ministero della Pubblica Istruzione - con le scuole operaie e d avviamento al lavoro - già dipendenti dal Ministero dell Economia: si ebbero così le scuole triennali e i corsi biennali e annuali d avviamento professionale di tipo agrario, industriale, commerciale e marinaro. Nel 1929 aveva avuto origine la nuova scuola di avviamento al lavoro, ribattezzata nel 1932 scuola di avviamento professionale. 5

6 In seguito il Ministero della Pubblica Istruzione con la legge n. 889 del 15 giugno 1931 attribuì alla nuova scuola tecnica compiti di istruzione prevalentemente professionale, utili all apprendimento di un mestiere, dovendo essa costituire l erede diretta di quelle scuole professionali dipendenti dal Ministero dell Economia Nazionale dalla cui fusione vedeva la luce. Il progetto fascista di riforma della scuola si completò nel 1939 con la Carta della Scuola del ministro dell Educazione Nazionale Giuseppe Bottai, che prevedeva un ulteriore accentuazione del carattere dualista dell istruzione in tutti i suoi gradi. Dopo la Liberazione, lo Stato affidò alle regioni la possibilità di legiferare in materia di istruzione professionale ed artigiana: sino al 1970 la gestione dell istruzione professionale e tecnica venne svolta congiuntamente dai Ministeri della Pubblica Istruzione e del Lavoro. Ciò contribuì a generare un doppio sistema di formazione professionale che si rivolgeva alla stessa utenza, denominato di istruzione professionale, facente capo alla Pubblica Istruzione, e di addestramento professionale, facente capo al Ministero del Lavoro. Nel 1950 fu istituito un nuovo tipo di scuola che prese il nome di Istituto Professionale di Stato con lo scopo di preparare personale idoneo all esercizio dell attività nei settori dell industria, del commercio, dell agricoltura, dell artigianato, del turismo, della navigazione, delle attività alberghiere, dei lavori femminili, con corsi di durata variabile da due a cinque anni. Nel 1961 si ebbe la revisione dei programmi degli istituti tecnici che furono portati a sei. Infine nel 1962 si giunse all abolizione della scuola di avviamento e all istituzione di una scuola media inferiore unificata orientata verso contenuti generalistici e obbligatoria per tutti. Bibliografia Canestri G. e Ricuperati G., La scuola italiana dalla legge Casati a oggi, Loescher, Torino 1977; La scuola italiana dall Unità ai nostri giorni, a cura di Cives G., La Nuova Italia, Firenze 1990; Hazon F., Storia della formazione tecnica e professionale in Italia, Armando Editore, Roma 1991; Semeraro A., Il sistema scolastico italiano. Profilo storico, Carocci, Roma 1998; Tonelli A., L istruzione tecnica e professionale di Stato nelle strutture e nei programmi da Casati ai giorni nostri, Giuffrè, Milano Istituto Professionale di Stato per l'industria e l'artigianato Giuseppe Zanardelli Gardone Val Trompia I primordi dell istruzione professionale a Gardone Val Trompia sono riconducibili al 1860 quando il Consiglio Comunale con delibera n del 9 novembre istituì una Scuola festiva di disegno per gli artieri della fabbrica dell Arsenale e per quanti volessero iscriversi. Per contenere i costi si chiese un sussidio alla Provincia e si decise di servirsi dei professori dell analoga scuola di Brescia. Nel corso degli anni la necessità di provvedere ad un istruzione tecnica degli operai divenne sempre più pressante tanto che nel 1877 l allora sindaco Giuseppe Moretti affidò a Pietro Mino l incarico di impartire agli operai lezioni di disegno: venne così istituita una Scuola di Disegno per Artigiani con orario festivo 1. Nell anno scolastico ai corsi di disegno ornato e geometrico venne aggiunto un corso, serale e festivo, di elementi di elettrotecnica tenuto dall ingegnere Giuseppe Baccarani, direttore degli Stabilimenti Redaelli, frequentato con il massimo interesse da numerosi allievi e prontamente sostenuto dall onorevole Giovanni Quistini. Il successo dell iniziativa fu tale da prospettare la trasformazione della scuola di disegno in una vera scuola professionale, ad orario diurno, in grado di fornire istruzioni teoriche e pratiche alle maestranze. Le Società Operaie e il Comune si misero in moto allo scopo di nominare una Commissione che studiasse le modalità e raccogliesse i fondi per istituire la nuova scuola 2. 1 Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Istruzione pubblica, b. 162 fasc. 2, Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Verbale del Consiglio Comunale n. 269 del 6 aprile

7 La Commissione, presieduta dall ingegnere Giuseppe Baccarani, era composta da Antonio Moretta per il Comune, Arrigo Grazioli e Pietro Beltrami per le locali Società Operaie di Mutuo Soccorso, da Giovanni Corridori e Andrea Zambonardi per gli operai 3. Le difficoltà non erano poche, ma grazie al determinante appoggio di Giuseppe Zanardelli, allora Presidente del Consiglio, si ottennero dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, dalla Provincia e dalla Camera di Commercio e Industria di Brescia, dalla Cassa di Risparmio per le Provincie Lombarde di Milano e dal Comune di Gardone Val Trompia contributi finanziari annuali tali da permettere l effettiva apertura della scuola. In tal modo, dopo alcune riunioni della Commissione per la nomina dei docenti e la definizione dei programmi, la Scuola Professionale Operaia G. Zanardelli avviò le iscrizioni per l anno scolastico , con inizio delle lezioni previsto a partire dal 16 novembre L ingegner Pietro Redaelli, per rendere possibile l effettivo funzionamento della Scuola, acquistava un fabbricato e lo cedeva gratuitamente in uso alla stessa, fornendo pure energia elettrica e numeroso materiale per le officine. Nell anno scolastico la Scuola raccoglieva 23 allievi nel corso diurno ed oltre 82 nel corso serale e festivo. Le iniziali difficoltà economiche vennero rapidamente superate grazie alla generosità degli insegnanti fra cui l ingegnere Giuseppe Baccarani, il ragionier Pietro Beltrami, il geometra Contessi, che per alcuni anni prestarono gratuitamente la loro opera, e per le sovvenzioni degli industriali locali quali la Società Anonima Giuseppe e Fratello Redaelli, il cotonificio Bernocchi, Trafilerie e Laminatoi Metalli, Società Anonima Fermo Coduri, a cui si aggiunsero nel tempo quelle dei comuni limitrofi. Tutto ciò permise alla Scuola di svilupparsi rapidamente tanto da ottenere nel 1906 da parte del Ministero dell Agricoltura, Industria e Commercio la nuova denominazione di Regia Scuola Professionale Operaia G. Zanardelli e l approvazione dello statuto 5. Dal regolamento del 1906 si evince che la Scuola comprendeva un corso di avviamento diurno maschile e femminile della durata di tre anni per la formazione di operai per le industrie meccaniche, elettriche ed armiere: gli insegnamenti erano lingua italiana, storia e geografia, matematica, geometria, elementi di scienze, disegno, economia domestica, supportati da laboratori per esercitazioni pratiche. Vi era poi un corso serale per apprendisti metallurgici e meccanici, muratori e falegnami con lo scopo di integrare la cultura generale, tecnica e pratica degli operai già occupati nelle industrie locali. Infine vi era un corso festivo per l insegnamento del disegno d ornato e di macchine. 6 Col passare del tempo il costante aumento degli iscritti rese sempre più pressante la necessità di una sede più idonea e funzionale: dal 1909 si avviarono così le pratiche per l individuazione dell area. Soltanto nel 1922 la Scuola poté trasferirsi nel nuovo edificio di proprietà della Fabbrica d Armi Regio Esercito, ubicato in prossimità del fiume Mella, ottenuto in affitto dal Demanio dello Stato previo interessamento del senatore Carlo Bonardi e riadattato per i bisogni della Scuola. Negli stessi anni frattanto anche a Lumezzane si istituiva una scuola di disegno industriale, alle dipendenze di quella di Gardone Val Trompia, per sopperire alle richieste di qualificazione delle maestranze. 7 Nel 1924 la Scuola, a seguito del riordinamento dell istruzione professionale, venne inclusa fra gli istituti amministrati dal Ministero della Pubblica Istruzione e trasformata in Scuola Secondaria di Avviamento Professionale. 8 3 Archivio IPSIA, Verbali del Consiglio d Amministrazione, b. 1 reg. 1, Archivio IPSIA, Verbali del Consiglio d Amministrazione, b. 1 reg. 1, R.D. 12 novembre 1906, n l unico esemplare in copia dello Statuto e relativo regolamento approvato con R. D. 12 novembre 1906 è conservato nell Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Contributo a favore della Regia Scuola di Avviamento al Lavoro G.Zanardelli, Istruzione Pubblica, b. 555 fasc. 16.1, Archivio IPSIA, Verbale del Consiglio d Amministrazione del 26 maggio 1916, b. 1 reg. 2. 7

8 La Scuola subì la riorganizzazione di tutto l organico e venne nominato il primo direttore di ruolo, il professor Giuseppe Cristofoli, che rimase in carica fino al Dall annuario dell anno scolastico si desume che la Scuola comprendesse: 1) La Regia Scuola Popolare Operaia o di Avviamento dalla durata triennale con lo scopo di impartire l istruzione teorico pratica necessaria agli allievi che si avviavano al lavoro o che intendessero proseguire gli studi professionali, con gli insegnamenti caratterizzanti di cultura generale (italiano, storia e geografia), aritmetica, geometria, scienze, tecnologia, disegno a mano libera ed ornamentale, disegno geometrico e professionale, esercitazioni pratiche; 2) il Laboratorio Scuola per operai armaioli della durata di due anni con lo scopo di impartire l istruzione teorico pratica necessaria a preparare l operaio per le industrie della lavorazione delle armi e per le lavorazioni meccaniche in genere con gli insegnamenti caratterizzanti di cultura generale, matematica, fisica, meccanica applicata, disegno delle armi e professionale, tecnologia delle armi e di officina, esercitazioni pratiche; 3) i Corsi serali per maestranze con sezione per apprendisti metallurgici e meccanici della durata di quattro anni; 4) la Scuola libera, festiva, di disegno professionale per operai ed apprendisti che desiderassero completare le loro capacità tecniche con cognizioni di disegno professionale 9. Nel 1929 vennero istituiti i Consorzi provinciali per l istruzione tecnica con il compito di promuovere lo sviluppo ed il perfezionamento dell istruzione tecnica, sia incentivando iniziative private in questo campo, sia concorrendo con propri fondi all istituzione di corsi di formazione. Anche l Associazione Industriali Bresciani, per sopperire alle richieste delle aziende della Valle, si fece promotrice di corsi di avviamento al lavoro e specializzazione, affiancata nel corso del tempo da quelli sovvenzionati dall Istituto Nazionale per l addestramento e il perfezionamento dei lavoratori dell industria. Nello stesso 1929 la Scuola subì nuovamente una modifica della denominazione in Scuola secondaria di avviamento al lavoro 10, mentre nel 1933 il Laboratorio scuola venne trasformato in Scuola Tecnica Industriale 11. Le iscrizioni ai corsi aumentavano costantemente: da 129 allievi nel biennio si era passati a 317 in quello Nel 1937, la Regia Scuola secondaria di Avviamento professionale veniva annessa definitivamente alla Scuola Tecnica Industriale: per semplificare l amministrazione e ridurre i costi la Direzione, gli insegnati e il personale non docente rimasero gli stessi per i due istituti. Durante la Seconda Guerra Mondiale e nel primo Dopoguerra la Scuola subì diverse vicissitudini: requisizioni di locali da parte delle truppe tedesche ed alleate, sfollamento, danni all edificio ed ai laboratori. Per un certo periodo non si poterono attivare dei corsi per la mancanza di iscritti e di attrezzature. Dal 1947 la situazione si stabilizzò e gli insegnamenti ripresero: la Scuola era però divenuta istituto governativo, in seguito statale a partire dal Tale ordinamento si mantenne fino al 1 ottobre 1961 anno in cui la Scuola venne definitivamente denominata Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato. 13 Di lì a poco una nuova disposizione ministeriale cessava l aggregazione della Scuola di avviamento professionale, sostituita dalla scuola media inferiore. 14 Successivamente alla sede centrale di Gardone Val Trompia vennero coordinate le Scuole di Lumezzane (1963) e di Odolo e Vobarno (1968). 8 R. D. 16 ottobre 1924, n. 2345, art. 1 La Regia scuola operaia di Gardone Val Trompia è riordinata come scuola di avviamento al lavoro con annesso laboratorio scuola per operai armaioli e corsi per maestranze. 9 Archivio Comunale di Gardone Val Trompia, Scuola Professionale, Istruzione pubblica, b. 336 fasc. 24, R.D. 7 gennaio 1929, n R.D. 28 settembre 1933, n Archivio IPSIA, Cerimonie, congressi, mostre, b. 24 fasc. 15, Archivio IPSIA, Varie, b. 51 fasc. 5, Archivio IPSIA, Varie, b. 52 fasc. 9,

9 Di seguito forniamo informazioni storico-amministrative dei corsi attuati dalla scuola e degli istituti dipendenti da quello centrale di Gardone Val Trompia che hanno evidenza documentaria nelle serie. Scuola festiva ( ) Le origini della Scuola festiva sono riconducibili al 1860 quando il Consiglio Comunale di Gardone Val Trompia con delibera n del 9 novembre istituisce una Scuola festiva di disegno per gli artieri della fabbrica dell Arsenale e per quanti vogliono iscriversi. Per contenere i costi si chiede un sussidio alla Provincia e si decide di servirsi dei professori dell analoga scuola di Brescia. Nel corso degli anni la necessità di provvedere ad un istruzione tecnica degli operai diviene sempre più pressante tanto che nel 1877 l allora sindaco di Gardone Val Trompia Giuseppe Moretti affida al signor Pietro Mino l incarico di impartire agli operai lezioni di disegno: viene così istituita una Scuola di Disegno per Artigiani con orario festivo. Nel 1900 a detta scuola viene aggiunto un corso, serale e festivo, di elementi di elettrotecnica tenuto dall ingegnere Baccarani, direttore degli Stabilimenti Redaelli di Gardone Val Trompia. Dal 1902 questa scuola viene assorbita dalla Scuola Professionale Operaia e diviene un corso complementare festivo: la documentazione conservata in questa serie è riconducibile a questa nuova organizzazione. La scuola libera, festiva, di disegno professionale (Statuto e regolamento approvato con Regio Decreto il 12 novembre 1906) si propone l insegnamento individuale del disegno professionale agli operai e agli apprendisti, senza limiti di età, che desiderino completare le loro capacità tecniche. La sezione festiva risulta divisa in due corsi: uno preparatorio e uno normale, entrambi biennali, comprendenti un reparto maschile e uno femminile. L ammissione ai corsi prevede il conseguimento della licenza elementare o titolo equipollente a giudizio della Direzione. La tassa annua d iscrizione di lire 5 viene ridotta a lire 2 per gli allievi appartenenti ai comuni concorrenti al mantenimento della Scuola. Le lezioni domenicali, tenute dalle 8.30 alle antimeridiane, hanno durata dal 1 novembre al 30 giugno. Corsi serali e per maestranze ( ) Con la legge del 7 gennaio 1929 n. 7 vennero istituiti i Consorzi Provinciali per l Istruzione Tecnica con il compito di promuovere lo sviluppo ed il perfezionamento dell istruzione tecnica, sia incentivando iniziative private, sia concorrendo con propri fondi all istituzione di corsi di formazione. Anche l Associazione Industriali Bresciani, per sopperire alle richieste delle aziende della Valle, grazie alle sovvenzioni di alcuni benefattori locali, si fa promotrice di corsi di avviamento al lavoro e specializzazione. Contemporaneamente ma in forma autonoma il Ministero del Lavoro organizza nella provincia corsi diurni e serali di addestramento e qualificazione per disoccupati. INFAPLI ( ) Istituto Nazionale Fascista per l addestramento e il perfezionamento dei lavoratori dell industria, INAPLI ( ) Istituto Nazionale per l addestramento e il perfezionamento dei lavoratori dell industria, L INAPLI trae origine da un accordo stipulato tra la Confederazione degli industriali e la Confederazione dei lavoratori dell Industria. Viene istituito un contratto collettivo il 25 dicembre 1938 (Bollettino Ufficiale Ministero delle Corporazioni, suppl. fasc. 208, all. n. 1658) con la funzione di provvedere all attuazione di corsi normali per la formazione, l addestramento e il perfezionamento delle maestranze dell industria. Successivamente tale provvedimento viene 9

10 disciplinato dal regio decreto n del 21 giugno 1938, convertito nella legge n. 290 del 16 gennaio 1939, integrato e completato con la legge n. 264 del 29 aprile I corsi, posti sotto la vigilanza del Ministero dell Educazione Nazionale, hanno il compito di formare ed accrescere la capacità tecnica e produttiva dei lavoratori in relazione ai bisogni dell economia nazionale. Nel 1949 ai corsi di primo addestramento si affiancano quelli per la formazione di operai specializzati, di perfezionamento, di qualificazione e riqualificazione. A promuoverli sono enti, istituti ed associazioni, oltre alle amministrazioni statali e comunali. L istituzione dei corsi viene autorizzata con un provvedimento del Ministero per il Lavoro e la Previdenza Sociale di concerto con quello del Tesoro. Il carteggio di questa serie riguarda i corsi sovvenzionati dall Inapli. Scuola Edolo ( ) Le uniche notizie relative alla Scuola Tecnica Industriale Municipale di Edolo si ricavano dalla relazione sugli esami di idoneità e licenza datata 24 settembre 1958 in cui si afferma che tutti i documenti relativi alle operazioni della Commissione esaminatrice vengono consegnati al Direttore della Scuola Tecnica Industriale Giuseppe Zanardelli di Gardone Val Trompia, dalla quale dipendeva amministrativamente, perché siano conservati negli archivi della scuola stessa. Scuola Lumezzane ( ) Notizie relative alla scuola ci derivano dal verbale di seduta del Consiglio d Amministrazione del 26 maggio 1916 che al punto 2 registra la costituzione a Lumezzane di una sezione della Scuola industriale di disegno su iniziativa degli industriali della Valle di Lumezzane, che riunitisi in Consorzio, si impegnano per tre anni alla sovvenzione della stessa. Attualmente la Scuola è assunta alla dirigenza scolastica dell Istituto d Istruzione Superiore Carlo Beretta che riunisce gli istituti secondari superiori gardonesi. Direttori della Scuola con nomina del Ministero della Pubblica Istruzione Prof. Mario Cristofoli ( ) Prof. Angela Perdonà ( ) Prof. Luigi Lombardi ( ) Prof. Eolo Leoni ( ) Ing. Massimo Fausti ( ) Presidenti del Consiglio d Amministrazione Cav. Antonio Moretta ( ) Dott. Piergiuseppe Beretta ( ) Rag. Vincenzo Bernardelli ( ) Prof. Miradio Carner ( ) Ing. G. Battista Cavadini ( ) Ing. Sebastiano Poli ( ) Ing. Francesco Bracconi (dal 1965) Bibliografia M. Cristofoli, La Regia Scuola secondaria di avviamento al lavoro G. Zanardelli di Gardone V. T., in La Valle Trompia, Apollonio, Brescia 1930, pp ; M. Fausti, La Scuola Tecnica G. Zanardelli, in Antologia Gardonese, Apollonio, Brescia 1969, pp ; M. Sabatti, Notizie storiche sull Ipsia Zanardelli, aggiornamento dell articolo di M. Fausti; 10

11 S. Bassoli, La scuola a Gardone: cronologia storica e appunti di cronaca, Biblioteca Comunale Gardone V.T., Gardone Val Trompia 1997; A. Fappani C. Sabatti F. Trovati, Gardone di Valle Trompia -Vicende storiche e patrimoni d arte, Grafo, Brescia 1984, p. 80; L. Merlino F. Trovati, Gh era na olta Gardù, Tipolitografia Batan, Gardone Val Trompia 2001, pp ; F. Ghigini, I contadini dimenticati, Comunità Montana di Valle Trompia, Gardone Val Trompia 2007, pp

12 Descrizione complesso documentario L archivio storico dell Istituto Professionale di Stato per l'industria e l'artigianato Giuseppe Zanardelli è costituto da documentazione di diversa tipologia che copre gli anni La parte più consistente è quella formata dalle sezioni del carteggio, ordinato secondo sette titolari susseguitisi nel corso del tempo, che si riferisce all attività didattica e formativa della scuola. Un altra sezione è composta dalle serie riguardanti gli atti di compravendita, le domande d incarico e nomine degli insegnati, gli stipendi, gli alunni, la Scuola festiva, i corsi serali e per maestranze, Inapli, Infapli, gli istituti di Edolo e di Lumezzane. Ulteriore nucleo documentario di una certa consistenza e rilevanza è quello costituito dai registri di gestione amministrativa e contabili quali deliberazioni, protocolli, verbali del Consiglio d Amministrazione e del Collegio docenti, Inventari, Mastri e Giornali di cassa. L archivio conserva anche un fondo fotografico composto da n. 82 immagini in bianco e nero. Nel corso degli anni la scuola ha subito alcune variazioni di denominazione e di organizzazione fino alla fine del 1933: da allora coesistono per 30 anni due istituti, la Scuola Tecnica Industriale e la Scuola di Avviamento Professionale, retti dallo stesso Consiglio d Amministrazione, con lo stesso Direttore scolastico e con gli stessi docenti. Anche la gestione documentale resta per lo più indistinta: i documenti sono stati registrati in un unico protocollo e la maggior parte del carteggio si è sempre mantenuta unita. A fronte di tale situazione si è deciso di lasciare la documentazione come era stata archiviata, senza mutarne l ordine né scorporandola, per non danneggiarne ulteriormente l assetto già soggetto a perdite causate dai traslochi, dalle occupazioni tedesche ed alleate dell edificio durante la seconda guerra mondiale, e dall esondazione del fiume Mella negli anni Cinquanta. A tutto ciò si devono aggiungere le ristrutturazioni del complesso effettuate negli anni Ottanta del sec. XX e la perdita nel 1989 dell autonomia della scuola, da allora amministrata dall istituto Moretto di Brescia, che hanno ulteriormente alterato la struttura e la composizione dell archivio. Per quanto riguarda la sezione composta dalle serie va specificato che la documentazione rinvenuta era di pertinenza dell istituto scolastico: per snellire e facilitare la gestione amministrativa la scuola aveva ricomposto in faldoni separati pratiche e documenti omogenei. Negli anni infatti erano stati raggruppati quelli relativi agli stipendi degli insegnati, ai corsi serali e festivi, ai corsi sovvenzionati da altri enti e le cartelle personali degli alunni. Non trattandosi però di fondi aggregati distinti, prodotti o amministrati da altri enti, ma di documenti propri della scuola, si è ritenuto opportuno rispettare tale ricomposizione, non potendola ricollocare all interno del carteggio d origine. Riepilogando il complesso archivistico dell istituto scolastico risulta così composto: 1) Carteggio Sezione Sezione Sezione Sezione Sezione Sezione Sezione ) Serie Atti di compravendita Domande d'incarico e nomine Stipendi Alunni Scuola festiva Corsi serali e per maestranze Istituto Nazionale Fascista per l'addestramento e il Perfezionamento dei Lavoratori 12

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero.

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. E' approvato il testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero annesso

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 2.572,26 02 Vincolato 2.572,26 01 Funzionamento amministrativo e didattico - Dematerializzazione

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli