Bilancio di Previsione 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio di Previsione 2013"

Transcript

1 AGENZIA PER L'ITALIA DIGITALE Bilancio di Previsione 2013 Preventivo Finanziario Allegato Tecnico

2 Sommario IL QUADRO ECONOMICO- FINANZtARIO E LE RISORSE NECESSARIE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MISSIONI DELL'AGENZIA PER L'ANNO LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI DI BILANCIO LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE ENTRATE... 4 TRASFERIMENTI DA PARTE DELLO STATO... 4 ENTRA TE CONTRIBUTIVE... 4 ALTRI TRASFERIMENTI... 5 AL TRE ENTRA TE... 5 AVANZO DI AMMrNISTRAZIONE UTILIZZATO... 6 LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE USCITE USCITE PER GLI ORGANI DELL'ENTE... 6 ONERI PER IL P ERSONALE rn ATTIVITÀ DI SERVIZIO... 7 USCITE PER L' A CQUISTO DI B EN I DI CONSUMO E DI SERVIZI INTERVENTI DTVERSI- USCITE PER ATTTVITÀ ISTITUZIONALI TRASFERIMENTI PASSIVI AG[.tlfZlA PIKL'IT.UIA l){t t \U

3 IL QUADRO ECONOMICO- FINANZIARIO E LE RISORSE NECESSARIE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MISSIONI DELL'AGENZIA PER L'ANNO 2013 Il preventivo finanziario per l' esercizio 2013 è formulato in coerenza con il quadro di contesto illustrato nella Nota preliminare. Nell'anno di start up dell'agenzia per l ' Italia Digitale, il bilancio di previsione 2013 si caratterizza per una diversificazione delle fonti di entrata derivanti dagli enti e dalle strutture alle quali la stessa Agenzia è subentrata, con successione nelle rispettive risorse professionali, finanziarie e strumentali: DigitPA, l'agenzia per la diffusione delle innovazioni per le tecnologie (Aginnovazione ), il Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l' innovazione tecnologica (DDI) della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM). Non sono state considerate le risorse finanziarie dell' Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell' informazione (ISCOM) operante presso il Ministero dello Sviluppo economico - al quale pure succede l'agenzia con riferimento alle funzioni in materia di sicurezza delle reti - poiché a tutt'oggi non risultano ancora definite. La programmazione per l' esercizio 2013 si avvale delle seguenti tipologie di finanziamento: - contributo finanziario ordinario dello Stato per ,00; contributo della ex Aginnovazione per ,00; contributo di cui ali ' art. 18, comma 3, d lgs n. 177/2009, per ,00; entrate per poste compensative di uscite correnti (rimborso comandati) per ,65; entrate per interventi progettuali per ,00 (Progetto e-sense ,00; Progetto Open Dai, ,00; Progetto Stork 2.0, 8.675,00); entrate oggetto di trasferimento da parte del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica 3 amministrazione e l' innovazione tecnologica (DDI) della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM), ai sensi dell'art. 22, del d.l. n. 83/2012, per ,00, i cui atti di assegnazione sono in corso di perfezionamento contestualmente all'adozione del presente bilancio; utilizzo di parte dell'avanzo presunto dell' esercizio 2012, per euro ,34, parte dell'avanzo complessivo di euro ,38, costituito dagli avanzi di amministrazione provenienti da DigitPA e da Aginnovazione, dettagliati in seguito nell'apposito paragrafo Avanzo di amministrazione utilizzato e riportati pure nella Tabella Dimostrativa del risultato di amministrazione presunto al termine d eli' esercizio A detto fabbisogno si sommano partite di giro per euro ,00 per un totale complessivo pari a euro ,65. LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI DI BILANCIO 2013 Nelle more di una propria disciplina amministrativo-contabile - che farà seguito al completamento dell'attuale fase di avvio a regime dell'agenzia anche attraverso l'adozione dei Regolamenti di organizzazione, funzionamento e contabilità - il bilancio di previsione 2013 si informa alle disposizioni del Decreto del Presidente della Repubblica n. 97/2003, in coerenza con i Regolamenti di amministrazione e contabilità già adottati dagli stessi Enti ai quali l'agenzia è subentrata. AG.f.N'ZJ.A P!RL'ITALIA Ult,Jt \U

4 Il Piano dei Conti riconcilia i dati di bilancio dei soppressi DigitP A e Aginnovazione ed è strutturato per aggregare sotto un profilo logico-sistematico la natura delle spese, valorizzando l'attività istituzionale dell'agenzia e migliorando gli aspetti di chiarezza e comprensibilità delle stesse prevlslom. Pur nell'oggettiva incertezza sulle concreta misure di contenimento della spesa da applicare nei casi di enti di nuova istituzione, il bilancio di previsione dell' Agenzia è stato impostato alla luce di un'oculata riduzione degli stanziamenti complessivi per spese diverse da quelle obbligatorie ed inderogabili. In particolare, tutte le previsioni di spesa sono formulate nel rispetto delle misure di razionalizzazione delle spese discrezionali, tenendo conto sia delle disposizioni previste dal D.L. n. 78/2010, convertito dalla legge n. 122/20 l O, sia delle norme di contenimento introdotte dalle successive disposizioni legislative. E' allegata a tal fme l'apposita Tabella prevista dalla circolare MEF n. 40 del2010. LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE ENTRATE TRASFERIMENTI DA PARTE DELLO STATO La Legge di Bilancio 2012 assegna all'agenzia per l'italia Digitale per l'anno 2013 una dotazione di euro ,00 e alla soppressa Aginnovazione un contributo di euro ,00, trasferito all'agenzia per l 'Italia Digitale ai sensi dell'art. 22, comma 2, del decreto legge n. 83/2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 134/20 12 e s.m.i. 4 ENTRA TE CONTRIBUTIVE La crescente necessità per le pubbliche amministrazioni di correlare le proprie entrate con la qualità e la quantità delle attività istituzionali prestate in favore di altre amministrazioni, di cittadini e di imprese, o a tutela di interessi collettivi diffusi e generali, porta il legislatore a consolidare sempre più - specie in contesti di avverse condizioni economiche - strumenti di supporto alle politiche generali di bilancio, affiancando ai trasferimenti dello Stato un contributo, a ristoro dei costi di funzionamento sostenuti, a carico dei soggetti beneficiari delle funzioni svolte. In questa direzione opera l'art. 18, comma 3, del decreto legislativo n. 177/2009, che già aveva previsto come entrata finanziaria dell'ente, in relazione alle attività di gare o accordi quadro predisposti per l'espletamento delle funzioni già di DigitPA e ora riferite all'agenzia, un contributo forfetario per spese di funzionamento secondo un importo determinato con dpcm 23 giugno Si tratta di cinque fattispecie afferenti a diversi ambiti e differenti misure: - 8 per mille del valore del contratto sottoscritto per l'acquisizione di beni e servizi informatici e telematici per i quali DigitPA abbia ricevuto richiesta di parere sulla coerenza strategica e/o sulla congruità tecnico-economica ai sensi dell'art. 3, commi 2, lettera c) e 3 del decreto legislativo 177/2009 nelrambito di gare; - 4 per mille del valore del contratto sottoscritto se DigitPA ha valutato schemi di contratti per i quali sia obbligatorio il parere sulla congruità tecnico-economica di cui all'art. 3, comma 3, del decreto legislativo 177/2009 e se il contratto ha per oggetto la mera fo rnitura,u;l'l"zj.a PIRL'ITALU l>i,ij \U

5 Un complessivo ridisegno della governance economica, coerente con l'esigenza di rafforzare il coordinamento delle risorse finanziarie di bilancio, è stato poi introdotto con le recenti manovre di spesa pubblica e, segnatamente per quanto concerne l'agenzia, con il c.d. "Decreto Crescita 2.0" (art. 19 del decreto legge n. 179/2012, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 ), che dà anche conto di una possibile diversificata architettura delle fonti di finanziamento, da definirsi con soluzioni a tendere. In un quadro profondamente in evoluzione, e destinato a completarsi solo nei prossimi mesi, le entrate contributive dell'agenzia sono state quindi prese in considerazioni con riferimento alle sole disposizioni attuative del citato art. 18 del d. lgs. n. 177/2009 e - pur considerando l'accertamento complessivo di tali risorse per l'anno 2012 pari a euro ,27, e il riscosso pan a euro ,39- sono state prudenzialmente stimate per l'anno 2013 in ,00. ALTRI TRASFERIMENTI Risorse finanziarie oggetto di trasferimento dal Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l 'innovazione tecnologica (DD!) della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM) (art. 22, d.l. n. 83/2012). Nella riunione con il Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell' 11 aprile 2013 sono state definite le risorse fmanziarie del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l'innovazione tecnologica oggetto di trasferimento all'agenzia per l'italia Digitale, ai sensi dell'art. 22, comma 3, del decreto istitutivo (d.l. n. 83/2012), in misura pari a ,00, i cui atti di assegnazione sono in corso di perfezionamento contestualmente all'adozione del presente bilancio. 5 ALTRE ENTRATE Poste correttive e compensative di uscite correnti Corrispondono ai rimborsi del personale comandato presso altre amministrazioni, per complessive l O unità, valutati in ,165. Entrate per attività di progetto Nel 2013 sono previste entrate per ,00 relativi a i seguenti progetti: - progetto e-sense ,00; - progetto Open Dai, ,00; - progetto Stork 2.0, 8.675,00; di beni o prestazione di servizi tra loro identici o equiparabili in alternativa e se la procedura e' gestita da centrali di acquisto e prevede la stipula di contratti quadro o convenzioni nell' ambito di gare; - 8 per mille del valore del contratto sottoscritto per i contratti esecutivi di pubbliche amministrazioni aderenti a accordi o contratti quadro predisposti direttamente da DigitP A o con altri soggetti nel caso in cui il corrispettivo sia non superiore a euro ,00; - 5 per mille del valore del contratto sottoscritto per i contratti esecutivi di pubbliche amministrazioni aderenti a accordi o contratti quadro predisposti direttamente da DigitPA o con altri soggetti nel caso in cui il corrispettivo sia superiore a euro ,00; - 3 per mille del valore degli atti aggiuntivi ai contratti esecutivi a accordi o contratti quadro predisposti direttamente da DigitPA o con altri soggetti. AGL"fZ.U Pl:R L'ITALIA 01,n o\u

6 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE L'avanzo di amministrazione presunto dell 'esercizio 2012, pari ad ,38 è così costituito: ex DigitPA: per un totale di euro ,76, ripartito in: a) parte disponibile per il funzionamento: b) parte vincolata a: - Fondo TFR: - Rimborsi vari ad amministrazioni ed enti: - Fondo speciale rinnovo contrattuale dirigenti: - Fondo politiche di sviluppo RH e produttività: - Progetti innovativi: ex Aginnovazione: per un totale di euro: ,62, ripartito in: a) parte disponibile per il funzionamento b) parte vincolata ai Progetti: euro: ,50; euro: ,62; euro: ,25; euro: , 11 ; euro: ,16 euro: ,12 euro: ,62; euro: ,00. LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE USCITE USCITE PER GLI ORGANI DELL'ENTE I capitoli di bilancio in questione si riferiscono agli Organi dei soppressi Enti, 6 DigitPA e Aginnovazione, che fino al 15 gennaio 2013 hanno assicurato, ai sensi dell'art. 22, comma 2, del d.l. n. 83/2012, la continuità delle attività e dei rapporti facenti capo alle rispettive strutture, maturando i corrispondenti emolumenti e i rimborsi spese che ivi sono stati previsti Compensi, indennità e rimborsi ai componenti il collegio dei revisori. Con dpcm 14 dicembre 2012, trasmesso il 25 marzo 2013 dall'ufficio di Gabinetto del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (prot. n ), è stato nominato il Collegio dei revisori dei conti dell'agenzia, costituito provvisoriamente fino al completamento degli altri Organi. Il compenso di euro ,00, è previsto in relazione al disposto del citato decreto di nomina, che lo definisce per relationem con riferimento a quello determinato per i componenti del Collegio dei revisori del soppresso DigitPA (art. l, comma 2, dpcm 14/12/2013) Assegni e indennità al Direttore Generale dell'agenzia. L'art. 21, comma l, del d.l. n. 83/2012, annovera il Direttore Generale tra gli Organi d eli' Agenzia, unitamente al Comitato d' indirizzo e al Collegio dei revisori dei conti. Il successivo comma 2 ne disciplina l' iter di nomina e il comma 3 ne individua le funzioni e la durata. Il decreto di nomina del Presidente del Consiglio dei Ministri è stato adottato in data 30 ottobre 2012, registrato alla Corte dei Conti in data 20 dicembre 2012 e notificato in data 15 gennaio Allo stato non risulta determinato il relativo compenso; conseguentemente, in via prudenziale, è previsto uno stanziamento che, entro i limiti posti dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 marzo 2012 (art. 2 e 3), assicurare copertura di bilancio

7 alla concreta misura del trattamento retributivo del Direttore Generale che, ancora da definire, verrà successivamente stabilito. O NERI PER IL PERSONA LE IN AITIVJTÀ DI SERVIZIO Competenze fisse al personale dirigente a tempo indeterminato. La previsione di spesa è riferita a 5 dirigenti a tempo indeterminato, quantificata sulla base dei rispettivi contratti individuali in euro , Competenze fisse al personale non dirigente a tempo indeterminato. Lo stanziamento di euro ,00 riguarda il personale a tempo indeterminato dell'ex DigitPA e dell'ex Aginnovazione transitato ex lege nell' Agenzia Competenze fisse al personale dirigente a tempo determinato. La previsione di competenza per l' anno 2013, pari a complessivi euro ,00, tiene conto di 2 unità di livello dirigenziale in servizio con contratto a tempo determinato e di n. 6 dirigenti a tempo determinato, da acquisire ai sensi dell'art. 15 del dpcm 8 marzo 2013, concernente l' approvazione dello Statuto dell' Agenzia, per un periodo non superiore a ventiquattro mesi Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e della produttività. Lo stanziamento previsto è accantonato ai sensi dell'art. 69 del l CCNL di DigitPA stipulato in data l 0 aprile 2011, nei cui rapporti giuridici subentra l'agenzia ai sensi dell'art. 22 del d.l. n. 83/2012, ed è disposto nel rispetto del principio di contenimento della relativa spesa previsto dall'art. 9 del d.l. 78/20 l O (Circolari esplicative del MEF n. 12/2011 e n. 16/2012, da ultimo richiamate dalla Circolare n. 2/20 13), attestandosi - in un quadro complessivo di ottimizzazione delle risorse - sul 7 corrispondente importo definito per l' anno 2012, secondo modalità di quantificazione determinate dal richiamato CCNL (una quota di accantonamento per dipendente pari ad euro 96,60 per 13 mensilità) Indennità per il personale in comando. Lo stanziamento di euro ,00 è relativo all' indennità di funzione prevista per il personale in comando presso l'ex DigitPA, ora presso l' Agenzia, da corrispondere nell'esercizio finanziario 2013 e comunque non oltre l'espletamento delle procedure di stabilizzazione di cui all' art. 22, comma 4, del d.l. n. 83/ Rimborso competenze fisse al personale comandato. La previsione di spesa pari a euro ,00 è relativa al rimborso alle amministrazioni di appartenenza delle spese sostenute dalle stesse per il trattamento retributivo del personale in comando presso l'agenzia, proveniente dall'ex DigitPA e dall' ex Aginnovazione, fino all'espletamento delle procedure di stabilizzazione di cui all'art. 22, comma 4, del d.l. n.83/ Compenso per lavoro straordinario. Al fine di contenere la spesa per prestazioni di lavoro straordinario, lo stanziamento per l'anno 2013 si attesta sulla previsione 2012 dell'ex DigitP A, che già aveva ridotto lo stesso importo nella misura di circa il 15% del budget stimato per l' anno Indennità di cassa. Lo stanziamento di euro 2.000,00 è relativo alla indennità di cassa già prevista da provvedimenti dell'ex AIPA - poi CNIPA e, quindi, DigitPA- di importo pari a AGII'f'l..U t't:ll L'ITAl.I.A 1>1 l U.l

8 euro 4,13 giornalieri, riferita alla effettiva presenza in servizio di n. 2 unità che esercitano le funzioni di "economo cassiere" e "vice economo cassiere" Altri compensi al personale provenienti da contratto (retribuzione di risultato). Lo stanziamento di euro ,00 si riferisce alla retribuzione di risultato per i dirigenti previsti con contratto a tempo determinato, sulla base di un importo medio stimato di euro 8.000,00, stimato, nelle more del nuova disciplina contrattuale di riferimento dell'agenzia, in ragione di quanto previsto dagli incarichi dirigenziali a tempo determinato in essere presso DigitP A Indennità e rimborso spese viaggio per missioni (all'estero e all'interno). In relazione a quanto previsto dal d.l. n. 78/20 l O, la spesa per missioni del personale è pari al l 'importo ridotto dell' ex DigitPA, per euro ,00, cui si aggiungono euro 5.000,00 della ex Aginnovazione (euro 6.000,00 missioni all'estero ed euro 9.000,00 missioni in Italia) Oneri assicurativi e fondi complementari di previdenza. I relativi stanziamenti sono riferiti alla previdenza complementare prevista dal CCNL di DigitPA per il personale a tempo indeterminato proveniente dall'ex-centro Tecnico, poi confluito nello stesso Ente e ora nell'agenzia Altri oneri per il personale. La previsione di spesa per il 2013 pari a euro l ,00 segue la previsione contrattuale di cui all'art. 63 del CCNL di DigitPA e si riferisce alle polizze sanitaria, infortuni e responsabilità civile, quest'ultima prevista nei limiti della sola colpa lieve, in conformità al quadro normativa e giurisprudenziale di riferimento (legge finanziaria 2008, Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per il Molise, deliberazione n. 34/P AR/2008) Formazione del personale. Fermo restando il limite di cui all'art. 6, comma 13, del 8 DL n. 78/2010 (legge n. 122/2010), la previsione di spesa per interventi formativi tiene conto esclusivamente dell' attività di formazione obbligatoria, conseguente a specifiche disposizioni di legge, anche di livello comunitario, in coerenza anche con quanto precisato dalla Corte dei Conti (Sez. Regionale di controllo per la Lombardia, parere n. 116/20 Il) e richiamato dalla Circolare del Ministero dell'economia e delle finanze n. 2/2013. La spesa quantificata- pari a , prevista nel limite percentuale minimo (l%) del monte retributivo del personale in servizio (Circolare 24/4/1995 n. 14/95 del Ministro per la funzione pubblica) - risulta da una programmazione che considera l'eterogeneità degli ambiti e dei settori professionali di provenienza del personale che confluisce nella futura dotazione organica dell'agenzia, massimizzando efficacia e pertinenza delle azioni formative (in particolare sui terni della sicurezza, dell'aggiornamento di attività professionale, sull'accessibilità), e che verranno svolte avvalendosi prioritariamente della Scuola superiore della pubblica amministrazione, così come previsto dalla Direttiva n. l 0/20 l O del Ministro per la pubblica amministrazione e l' innovazione Trattamento medio accessorio personale ricerca. La previsione di euro 8.000,00 tiene conto della voce premiate riferita alla risorsa proveniente dalla ex-aginnovazione con qualifica di dirigente di ricerca, sulla base del contratto individuale di riferimento, stipulato ai sensi del CCNL 13 maggio 2009 relativo al personale non dirigente delle istituzioni e enti di ricerca. At;fl'IZU PfR L"ITALIA 1>1<111 W

9 USCITE PER L 'ACQUISTO DI BENI DI CONSUMO E DI SERVIZI In relazione alle previsioni di spesa riferite ali 'acquisto di beni di consumo e di servizi si evidenziano i seguenti capitoli di bilancio: Altre uscite per l'acquisto di beni di consumo e di servizio. La spesa prevista pari a euro ,00, allineata alle precedenti previsioni 2012, è riferita in gran parte all'acquisto di beni e servizi strumentali ai compiti istituzionali o alle attività di funzionamento: tra cui abbonamenti specialistici (abbonamenti ai servizi informativi sul settore ICT a supporto delle attività di valutazione) e inventario Adempimenti ex d.lgs. 150/2009 componente OIV. La spesa di euro 7.000,00 è determinata in attuazione degli adempimenti concernenti l' istituzione dell'organismo indipendente di valutazione (OIV), in coerenza con i chiarimenti forniti dalla Circolare n. 2/2013 del Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato in merito alla onerosità di tale prestazione e si attesta prudenzialmente sullo stanziamento previsto per tale organismo dal soppresso DigitP A Fitto locali e oneri accessori. L'obiettivo di realizzare concrete misure volte a contenere le spese di funzionamento ha, tra l'altro, dato corso a un processo di rimodulazione dei propri fabbisogni allocativi e a un' intensa attività di ricerca e di contatti finalizzati all'individuazione di un nuovo immobile, demaniale e da assegnare in uso governativo all' Agenzia. Detto immobile è stato identificato nello stabile sito a Roma in via Liszt, 21, nel quartiere EUR, già sede dell'ex ICE, a sua volta ricollocatosi, a seguito del processo di riordino che lo ha interessato, in parte di esso. Con nota del 7 marzo 2013 (prot. n. 2013/4722/DR-ST-PARC), l'agenzia del Demanio ha dato a questa Agenzia il nullaosta all'utilizzo di porzione di detto immobile (il cui dimensionamento complessivo è 9 di circa mq, oltre le relative pertinenze per ulteriori circa mq) che - sulla base di provvedimenti di consegna da parte d eli' Agenzia del Demanio in corso di perfezionamento - continuerà ad essere utilizzato unitamente con il citato Istituto. Conseguentemente, lo stanziamento previsto in bilancio per la locazione passiva dell'immobile sito a Roma in viale Marx, pari a euro ,00, è riferito al canone corrispondente al periodo di preavviso della disdetta del rapporto in corso ( 6 mesi), nella fattispecie previsto fmo ad agosto Manutenzione ordinaria e riparazione di mobili, apparecchiature e strumenti. La previsione di euro ,00 si riferisce prevalentemente alla manutenzione/riparazione degli strumenti e apparati HW, con una previsione di incremento solo per l'esercizio in corso in conseguenza della fase di adeguamento delle infrastrutture e degli apparati di HW, in parti colar modo connessa all'avvio a regime dell'agenzia anche sotto il profilo delle proprie architetture IT Manutenzione, riparazione e adattamento di locali e relativi impianti (art. 2, commi , L. 244/2007). Lo stanziamento di euro ,00 è relativo, per euro ,00, alla manutenzione dell'immobile sito in viale Marx, nel limite di spesa dettato dalla normativa vigente (l% del valore dell' immobile, fissato dall'agenzia del demanio in ,00) e, per la restante parte di circa ,00 euro, alla manutenzione della sede di Via Liszt 21 assegnata dali' Agenzia del Demanio (nota prot. n. 2013/4722/DR-ST-PARC del 7 marzo 2013), ormai di prossimo utilizzo, la cui quantificazione di spesa per le necessarie attività di adattamento e manutenzione sono certamente ricomprese nel limite percentuale previsto dalla normativa di riferimento, solo considerando - nelle

10 more della formalizzazione dei relativi atti - sia la tipologia dello stabile e la relativa ubicazione (descritta nel precedente capitolo di bilancio ), sia il valore già congruito dall'agenzia del Demanio con riferimento all' attuale sede di viale Marx, ubicato in zona diversa e con stime del mercato immobiliare mediamente più basse dell'eur Uscite per servizi ambientali. Lo stanziamento di euro ,00 è riferito m gran parte ad attività per smaltimento e raccolta rifiuti Spese di trasporto, spedizioni con corriere e facchinaggio. La prev1s10ne nell'anno di competenza tiene conto delle attività di cambio di sede che si realizzeranno nei prossimi mesi e in particolar modo delle attività di trasloco, stimate in circa 150 mila euro Uscite di rappresentanza. Il modesto stanziamento previsto, euro 1.500,00, tiene conto delle riduzioni previste in proposito dalle norme di contenimento e viene valorizzato con riferimento alla sola previsione stanziata dali' ex Aginnovazione Uscite per servizi informatici. Lo stanziamento di euro ,00 è riferito alla previsione di spesa relativa ai servizi informatici strumentali alla gestione delle attività, tra cui servizi i servizi di protocollo e gestione documentale, di help desk, di contabilità fmanziaria e econornicopatrimoniale, di vigilanza e controllo sui gestori di posta elettronica certificata (art. 14 del DPR n. 68/05), e di controllo di porte di dominio ( dpcm l aprile 2008 recante regole tecniche e di sicurezza del sistema pubblico di connettività) Telefonia fissa, mobile e per reti di trasmissione. Lo stanziamento previsto - minore rispetto a quelli previsti nell'esercizio precedente sia da DigitP A sia dali' Aginnovazione - avvia già dali' esercizio in corso un programma di razionalizzazione e contenimento delle spese complessive 10 riferite alla telefonia sia fissa sia mobile, coerente con le più generali misure di contenimento della spesa pubblica. INTERVENTI DIVERSI- USCITE PER ATTIVITÀ ISTITUZIONALI Si tratta di stanziamenti riferiti alle attività attraverso le quali l'agenzia sviluppa le linee strategiche di programmazione e intervento, in coerenza con i piani dell' Agenda Digitale stilati dall'unione Europea e nel rispetto delle previsioni normative dettate in materia di digitalizzazione del Sistema Paese, da ultimo con il c.d. "Decreto Crescita 2. O" (decreto legge n. 179/2012, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 ). Nelle more di una programmazione puntuale che, ai sensi dell' art.22, comma 3, del d.l. n. 83/2012, farà seguito alla fase, tutt'ora in corso, di ricognizione e individuazione delle effettive risorse professionali, finanziarie e strumentali provenienti dagli enti e dalle strutture alle quali l'agenzia è subentrata, gli stanziamenti previsti assicurano continuità e funzionamento alla realizzazione di iniziative che costituiscono, o riportarlo, ai pilasti "chiave" del piano di digitalizzazione del Paese Collab. Coord. e cont., contratti d'opera e altre prest. occas. per attività di progetto. Lo stanziamento di euro 2,9 M - ridotto rispetto alla corrispondente previsione di DigitPA e Aginnovazione - è disposto in un quadro di razionalizzazione e contestuale ottimizzazione delle At:!Fl.I.A PE.It.L' IT..U.lA l> ll W

11 risorse professionali a progetto che dovranno essere impegnate nell' azione di rilancio della Agenda Digitale sulle seguenti aree di intervento: Identità digitale; PA digitale e Open data; Istruzione digitale; Sanità digitale; Divario digitale e pagamenti elettronici; Giustizia digitale; Ricerca, innovazione e comunità intelligenti Spese viaggio per missioni e altri oneri per attività di progetto. La spesa prevista per l'anno 2013 concorre all' attuazione di interventi progettuali di rilievo anche europeo e più in generale internazionale, direttamente affidati all'agenzia sia dal decreto istitutivo sia, successivamente, dal decreto crescita 2.0, il cui intensificarsi è connesso in particolare all'avvio a regime dei programmi Horizon 2020, CEF Digitai e European Cloud Partnership, che si inseriscono nelle linee strategiche e di azione illustrate nella Nota preliminare Uscite per servizi informatici per attività di progetto. Lo stanziamento di euro ,77 è previsto per l'attuazione dei servizi informati ci connessi alla realizzazione e alla gestione di interventi e progetti di innovazione da parte dell'agenzia, illustrati nella Nota preliminare Fondo Dipartimento per la digitalizzazione della PA della PCM da programmare ex art. 22 DL 82/2012. Lo stanziamento di euro ,00 corrisponde alle risorse finanziarie del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l' innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio dei Ministri che verranno trasferite all'agenzia, così come definito nella riunione con il Segretario Generale della PCM l' 11 aprile 2013, sulla base della documentazione ivi acquisita. Tali risorse, i cui atti di trasferimento sono in corso di perfezionamento contestualmente all'adozione del presente bilancio, sono iscritte ed esposte in tale Fondo, che viene costituito ai fini della loro successiva programmazione. 11 TRASFERIMENTI PASSIVI La spesa pari a euro ,54 è prevista m relazione al cofinanziamento degli interventi progettuali descritti nella Nota preliminare. Si evidenziano inoltre i seguenti capitoli: Fondo speciale per i rinnovi contrattuali del personale ( ), il cui accantonamento di euro ,11 è stanziato nel rispetto delle previsioni dell'art. 9, del d.l. n. 78/2010, e delle Circolari esplicative del Ministero dell'economia e delle fmanze esplicative (Circ. n. 12/2011, n. 16/2012 e n. 2/2013) ed è previsto in coerenza con le disposizioni relative ai rinnovi contrattuali dell'area dirigenza del pubblico impiego bienni economici , per n. 5 dirigenti con contratto a tempo indeterminato, che spetteranno a seguito dell'entrata in vigore del CCNL di riferimento. Fondo rischi e oneri. ( ). Lo stanziamento stimato congruo sulla base dei dati storici è di euro l ,00. Fondo contenzioso ( ), per un accantonamento pari a euro l ,00. Fondo di riserva spese impreviste ( ), il cui stanziamento si avvale di risorse accantonate ai sensi dell'art. 17 del dpr n. 97/2003, allo scopo di fronteggiare spese allo stato non prevedibili, ma

12 probabili e conseguenti, in particolare, alla fase di start up d eli' Agenzia; all'occorrenza, tali somme andranno ad incrementare gli stanziamenti di bilancio di parte corrente che dovessero rivelarsi inadeguati ad assicurare l'ordinario funzionamento della Struttura. Infme, con riferimento alle Uscite previste in conto capitale, si evidenzia il capitolo in relazione al quale la spesa di euro ,00 è riferita ad uscite per l'acquisto di HW e SW, relativi alla realizzazione di progetti innovativi come descritto nella Nota preliminare. Il Direttore d eli' ge (in qualità di I~eg'Q~Wi~~ 12 AGil'f'LU Pf:R L'ITAUA Ul ti ;W

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E Ufficio parlamentare di bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 COD. CAP. E N T R A T E DESCRIZIONE RESIDUI PRESUNTI ALLA FINE DELL'ANNO PREC PREVISIONI DI COMPETENZA PER L'ANNO IN CORSO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ma integrata con le risorse europee per lo sviluppo regionale; promuove e coordina i programmi e gli interventi finanziati dai fondi strutturali, i programmi finanziati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione,

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA PER LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI SUGLI APPALTI PUBBLICI DI SERVIZI E FORNITURE NELL AMBITO ICT

Dettagli

Relazione illustrativa e Relazione tecnico-finanziaria (articolo 40, comma 3-sexies, Decreto Legislativo n. 165 del 2001)

Relazione illustrativa e Relazione tecnico-finanziaria (articolo 40, comma 3-sexies, Decreto Legislativo n. 165 del 2001) Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 gennaio 2015. Determinazione delle dotazioni delle risorse umane, finanziarie e strumentali dell Agenzia per l Italia digitale.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

Campania. L.R. 25 agosto 1987, n. 38

Campania. L.R. 25 agosto 1987, n. 38 Campania L.R. 25 agosto 1987, n. 38 Delega alle Province di funzioni amministrative regionali - Istituzione della Consulta regionale per il turismo ed organizzazione delle funzioni regionali di promozione

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI ATTUALE INCARICO Posizione. ANVUR Dirigente di II fascia responsabile dell Area Amministrativocontabile ESPERIENZE PREGRESSE

ESPERIENZE PROFESSIONALI ATTUALE INCARICO Posizione. ANVUR Dirigente di II fascia responsabile dell Area Amministrativocontabile ESPERIENZE PREGRESSE Curriculum vitae di Valter BRANCATI INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome Valter Brancati Luogo e data di nascita Reggio Calabria, 21/11/1962 Codice fiscale BRNVTR62S21H224N telefono e-mail valter.brancati@anvur.org

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

Comune di Torremaggiore PROVINCIA DI FOGGIA

Comune di Torremaggiore PROVINCIA DI FOGGIA SETTORE II Ufficio RAG. TRIB. CED DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 83 del 28/07/2015 OGGETTO: Costituzione del fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato anno 2015 Area Dirigenti.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 Allegato B delibera 13 del 3.2.2016 PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 PREMESSO che il vigente quadro normativo in materia di organizzazione dell'ente locale, con particolare riferimento

Dettagli

Prot. n. 2446 del 13 Aprile 2012. All'Istituzione scolastica

Prot. n. 2446 del 13 Aprile 2012. All'Istituzione scolastica Dipartimento per la programmazione la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per la politica finanziaria e per il bilancio Ufficio settimo Prot. n. 2446 del 13 Aprile

Dettagli

RISORSE- Stanziamenti annui iniziali programmati per obiettivo* Tempi di realizzo previsti 01/01/2012 31/12/2012 01/01/2012 31/12/2012

RISORSE- Stanziamenti annui iniziali programmati per obiettivo* Tempi di realizzo previsti 01/01/2012 31/12/2012 01/01/2012 31/12/2012 DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DELLA QUALITA' AGROALIMENTARE E DELLA PESCA Obiettivi di Governo : Crescita economica e sociale e rilancio dello sviluppo attraverso interventi mirati nei diversi

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI

IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI LE NORME Le norme di riferimento sono: il D. Lgs. 10 agosto 2014 n. 126 recante Disposizioni integrative e correttive del Decreto legislativo

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

gli incentivi sulla progettazione l art. 92 comma 5 del d.lgs 163/2006

gli incentivi sulla progettazione l art. 92 comma 5 del d.lgs 163/2006 NON ASSIMILABILITA DEI DIRITTI DI ROGITO ALLA DISCIPLINA PREVISTA PER GLI ONERI CONTRIBUTIVI AFFERENTI GLI ISTITUTI INCENTIVANTI LA PROGETTAZIONE ED I DIRITTI DELLE AVVOCATURE NEGLI ENTI LOCALI. In una

Dettagli

NOTA DI LETTURA SULLE NORME DI INTERESSE DEI COMUNI

NOTA DI LETTURA SULLE NORME DI INTERESSE DEI COMUNI NOTA DI LETTURA SULLE NORME DI INTERESSE DEI COMUNI DISPOSIZIONI SULLA PROROGA DEI TERMINI DECRETO-LEGGE 30 DICEMBRE 2013, N. 150 (IN G.U. N. 304 DEL 30 DICEMBRE 2013 - IN VIGORE DAL 31 DICEMBRE 2013)

Dettagli

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario 1 di 5 05/02/2014 08:22 DECRETO 16 gennaio 2014 Classificazione della spesa delle universita' per missioni e programmi. (Decreto n. 21). (14A00436) (GU n.24 del 30-1-2014) IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta alle piccole e medie imprese dell'esercizio cinematografico.

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2015 Modalita' di attuazione della disposizione legislativa relativa a operazioni di mutuo che le regioni possono stipulare per interventi di

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Sviluppo Economico e Valorizzazione dei Servizi.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Sviluppo Economico e Valorizzazione dei Servizi. Registro generale n. 2568 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Sviluppo Economico e Valorizzazione dei Servizi Servizio Turismo Oggetto SERVIZIO TURISMO LR 29/12/2010

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ANNO FINANZIARIO 2015 E BILANCIO PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2015-2017

BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ANNO FINANZIARIO 2015 E BILANCIO PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2015-2017 ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DIREZIONE GENERALE Servizio Ragioneria BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ANNO FINANZIARIO 2015 E BILANCIO PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2015-2017 Ottobre 2014 2 RELAZIONE DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Decreto Ministeriale del 1 dicembre 2010 Disciplina dello specifico sistema di erogazione unificata di competenze fisse e accessorie al personale centrale e periferico

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE BILANCIO DI PREISIONE ENTRATE BILANCIO A.N.AC. - PIANO DEI - PREISIONE PREISIONE DEFINITIA LIELLI OCE PIANO DEI PREISIONE DI PREISIONE DI CASSA Entrate correnti I Entrate correnti di natura tributaria,

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015)

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 agosto 2014, n. 191. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

presidio ospedaliero ''SS. Annunziata", attualmente facente capo all'asl n. 1 di Sassari destinato ad essere incorporato nella AOU di Sassari;

presidio ospedaliero ''SS. Annunziata, attualmente facente capo all'asl n. 1 di Sassari destinato ad essere incorporato nella AOU di Sassari; Allegato alla Delib.G.R. n. 31/9 del 17.6.2015 Linee di Indirizzo per la redazione dei piani di incorporazione e per le attività propedeutiche alla successione delle aziende ospedaliere nei rapporti attivi

Dettagli

ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO: Legge 191/2009 art. 2 comma 222 e seguenti..

ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO: Legge 191/2009 art. 2 comma 222 e seguenti.. Direzione Centrale Gestione Patrimonio Immobiliare dello Stato Servizi Immobiliari alla P.A.e Locazioni Passive SEMINARIO FORUM P.A. ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 novembre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 novembre 2014 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 novembre 2014 Riorganizzazione del Nucleo tecnico di valutazione e verifica degli investimenti pubblici, di cui all'articolo 3, comma 5, del decreto

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

Deliberazione n. 5 adottata dalla Giunta camerale in data 12 febbraio 2013

Deliberazione n. 5 adottata dalla Giunta camerale in data 12 febbraio 2013 DELIBERAZIONE N. 5 ADOTTATA DALLA GIUNTA CAMERALE IN DATA 12 FEBBRAIO 2013 COMPENSI ORGANI CAMERALI REVISIONE PROVVISORIA SULLA BASE DELLE INDICAZIONI MINISTERIALI NELLE MORE DELLA RICOSTITUZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTO l articolo 87, comma quinto, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l'articolo 1 del decreto-legge 16 dicembre

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 555 del 31/12/2013. Proposta n. 555

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 555 del 31/12/2013. Proposta n. 555 Estratto DETERMINAZIONE N. 555 del 31/12/2013 Proposta n. 555 Oggetto: COSTITUZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E PER LA PRODUTTIVITA ANNO 2013. Segretario Generale Proposta n.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM)

ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) REGOLAMENTO DEL PERSONALE (decreto del Commissario straordinario dell INRIM n. 68/2005, del 18 marzo 2005) INDICE TITOLO I ORDINAMENTO E PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI CERVIA Approvato con

Dettagli

BANDO MOBILITÀ ESTERNA FUNZIONARI SPECIALISTI PROGRAMMI COMUNITARI

BANDO MOBILITÀ ESTERNA FUNZIONARI SPECIALISTI PROGRAMMI COMUNITARI FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8 20/02/2014

REGIONE PIEMONTE BU8 20/02/2014 REGIONE PIEMONTE BU8 20/02/2014 Codice DB1100 D.D. 5 novembre 2013, n. 972 L.R. 18/2010. Spese per il funzionamento del sistema informativo agricolo piemontese. Affidamento, mediante ricorso alla procedura

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini ADEMPIMENTI CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE (art 124 D.Lgs 267/2000 ss.mm.) La presente determinazione dirigenziale è stata pubblicata in data odierna all'albo pretorio

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 8 novembre 2011 Estensione delle modalita' di versamento tramite modello F.24 all'imposta sulle successioni e donazioni, all'imposta di registro, all'imposta

Dettagli

Comune di Mentana (Provincia di Roma)

Comune di Mentana (Provincia di Roma) Comune di Mentana (Provincia di Roma) COPIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE SERVIZI GENERALI N. 87 / SSGG DEL 25/09/2015. OGGETTO: APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA AI SENSI

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

Art. 14. Soppressione, incorporazione e riordino di enti ed organismi pubblici

Art. 14. Soppressione, incorporazione e riordino di enti ed organismi pubblici Soppressione dell Istituto nazionale per il Commercio Estero Costituzione dell ICE/Agenzia Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Art. 14, commi 17-27, D.L.

Dettagli

DELIBERA PRESIDENZIALE N. 30

DELIBERA PRESIDENZIALE N. 30 DELIBERA PRESIDENZIALE N. 30 L'anno 2015, addì 28 del mese di settembre, nella Sede Camerale, il Presidente Dott. Alberto Zambianchi, assistito dal Segretario Generale, ha adottato la seguente deliberazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235 Regolamento recante la disciplina sull'organizzazione e la dotazione delle risorse umane e strumentali per il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Quesito sull applicabilità della normativa sui buoni pasto ai Direttori

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Agorà, il portale Formiur: valorizzare l informazione e la conoscenza per il miglioramento dei servizi scolastici

Dettagli

LEGGE REGIONALE 16 novembre 2001, n. 30

LEGGE REGIONALE 16 novembre 2001, n. 30 LEGGE REGIONALE 16 novembre 2001, n. 30 (GU n. 012 SERIE SPECIALE N. 3 del 23/03/2002 - BU Piemonte n. 047 del 21/11/2001) Legge 4 maggio 1983, n. 184, cosi come modificata dalla legge 31 dicembre 1998,

Dettagli

"Piani di razionalizzazione degli spazi"

Piani di razionalizzazione degli spazi Direzione Centrale Gestione Patrimonio Immobiliare dello Stato "Piani di razionalizzazione degli spazi" Roma, 27 Marzo 2013 INDICE: Principali norme sulla Razionalizzazione e principi di evoluzione normativa:

Dettagli

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015 Reg. di Settore n. 42 Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO Copia N. 461/A.G. del 03-08-2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: Art. 31 C.C.N.L. 22/01/2004 - "Disciplina delle

Dettagli

REG. GEN. N 71 DEL 18/01/2013

REG. GEN. N 71 DEL 18/01/2013 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO E DEL PROCEDIMENTO AREA TECNICA n 022 del 16/01/2013 REG. GEN. N 71 DEL 18/01/2013 Oggetto: GRANDE PROGETTO RISANAMENTO AMBIENTALE DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2014/001 Presso l'istituto A. VOLTA di FROSINONE, l'anno 2014 il giorno 28, del mese di febbraio, alle ore 09:00, si sono riuniti i Revisori dei Conti dell'ambito ATS

Dettagli

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato ISTITUTO Roma lì, 23/05/2005 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE PROCEDURE PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI

DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE PROCEDURE PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE PROCEDURE PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998,

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Aprile 2005 Comunicato n. 45/2005 Decreto MIUR 10 dicembre 2004 Piano degli interventi per alloggi e residenze per studenti universitari. (pubblicato

Dettagli

CON L EUROPA, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

CON L EUROPA, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Prot. n. 1334 C/14 Relazione illustrativa Legittimità giuridica (art. 40bis, comma 5, D.Lgs 165/2001 come modificato dal D.Lgs 150/2009, circ. MEF n. 25 del 19/07/2012)) Premessa Obiettivo Modalità di

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE "IV CIRCOLO" 80122 NAPOLI (NA) Mod. A (art.2) PROGRAMMA ANNUALE. Esercizio finanziario 2014 ENTRATE. Aggr. Importi.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO 80122 NAPOLI (NA) Mod. A (art.2) PROGRAMMA ANNUALE. Esercizio finanziario 2014 ENTRATE. Aggr. Importi. "IV CIRCOLO" 822 NAPOLI (NA) VIALE MARIA CRISTINA DI SAVOIA, 2A 081.72816 851950633 PROGRAMMA ANNUALE Esercizio finanziario 24 Mod. A (art.2) Aggr. 03 04 05 06 07 Voce 03 04 05 03 04 03 04 05 06 03 04

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

PIANO OPERATIVO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE PIANO OPERATIVO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE INDICE 1. Premessa 2. L attuale gestione del personale 3. La convenzione (Le norme scritte) 4. L organizzazione dell UFFICIO UNICO 5. Il

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL COMANDANTE N. 527 DEL 08/07/2014 ACQUISTO MATERIALE PER UFFICIO INFORTUNISTICA. ASSUNZIONE IMPEGNO DI SPESA. CENTRO DI RESPONSABILITA' SERVIZIO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero: Premesso che :

A relazione dell'assessore Pentenero: Premesso che : REGIONE PIEMONTE BU3S1 21/01/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2015, n. 2-2781 L.R 29 ottobre 2015 n. 23 art. 16: Approvazione schema di convenzione per la regolazione dell'assegnazione

Dettagli

C O M U N E D I R O N C H I S

C O M U N E D I R O N C H I S C O M U N E D I R O N C H I S C.A.P. 33050 PROVINCIA DI UDINE REG. N. 78/2013 D E T E R M I N A Z I O N E Impegno n. Impegno n. OGGETTO: Impegno di spesa per pagamento oneri servizio raccolta e smaltimento

Dettagli

ANALISI SINTETICA DEL DECRETO-LEGGE n. 78/2010 STRUTTURE INTERESSATE. Ragioneria, Appalti, Dipartimenti, Facoltà, Centri di Spesa pag.

ANALISI SINTETICA DEL DECRETO-LEGGE n. 78/2010 STRUTTURE INTERESSATE. Ragioneria, Appalti, Dipartimenti, Facoltà, Centri di Spesa pag. ANALISI SINTETICA DEL DECRETO-LEGGE n. 78/2010 STRUTTURE INTERESSATE Ragioneria, Appalti, Dipartimenti, Facoltà, Centri di Spesa pag. 1 Organi di Governo, Ragioneria pag. 8 Personale, Ragioneria pag. 11

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA N. 39 DEL 30.1.2014-OGGETTO: UOC GESTIONE DEL PERSONALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DELL AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE (art.93, commi 7-bis e seguenti, del D.Lgs. n.163/2014,

Dettagli

(N.d.R. Le parti evidenziate in giallo sono quelle strettamente attinenti ai lavoratori del pubblico impiego)

(N.d.R. Le parti evidenziate in giallo sono quelle strettamente attinenti ai lavoratori del pubblico impiego) 1 Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Ministero del lavoro e delle

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 99 DEL 24/02/2015 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 100 DEL 24/02/2015

Dettagli

LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI

LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI n. 1 3 gennaio DIPARTIMENTO DIRITTI Previdenza Inps Inca LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Bartolini BRT Corriere Espresso: e-mail su applicazione CCNL ANAS Stralcio testo D.L. Milleproroghe 2012

Dettagli

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 Rimodulazione del

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 159 Del 15/06/2015 Oggetto: Autorizzazione alla spesa di cui al D.Lgs. 165/01 per la stipula dei CC.CC.II.AA. di individuazione ed utilizzo risorse del Personale

Dettagli