Bilancio di Previsione 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio di Previsione 2013"

Transcript

1 AGENZIA PER L'ITALIA DIGITALE Bilancio di Previsione 2013 Preventivo Finanziario Allegato Tecnico

2 Sommario IL QUADRO ECONOMICO- FINANZtARIO E LE RISORSE NECESSARIE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MISSIONI DELL'AGENZIA PER L'ANNO LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI DI BILANCIO LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE ENTRATE... 4 TRASFERIMENTI DA PARTE DELLO STATO... 4 ENTRA TE CONTRIBUTIVE... 4 ALTRI TRASFERIMENTI... 5 AL TRE ENTRA TE... 5 AVANZO DI AMMrNISTRAZIONE UTILIZZATO... 6 LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE USCITE USCITE PER GLI ORGANI DELL'ENTE... 6 ONERI PER IL P ERSONALE rn ATTIVITÀ DI SERVIZIO... 7 USCITE PER L' A CQUISTO DI B EN I DI CONSUMO E DI SERVIZI INTERVENTI DTVERSI- USCITE PER ATTTVITÀ ISTITUZIONALI TRASFERIMENTI PASSIVI AG[.tlfZlA PIKL'IT.UIA l){t t \U

3 IL QUADRO ECONOMICO- FINANZIARIO E LE RISORSE NECESSARIE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MISSIONI DELL'AGENZIA PER L'ANNO 2013 Il preventivo finanziario per l' esercizio 2013 è formulato in coerenza con il quadro di contesto illustrato nella Nota preliminare. Nell'anno di start up dell'agenzia per l ' Italia Digitale, il bilancio di previsione 2013 si caratterizza per una diversificazione delle fonti di entrata derivanti dagli enti e dalle strutture alle quali la stessa Agenzia è subentrata, con successione nelle rispettive risorse professionali, finanziarie e strumentali: DigitPA, l'agenzia per la diffusione delle innovazioni per le tecnologie (Aginnovazione ), il Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l' innovazione tecnologica (DDI) della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM). Non sono state considerate le risorse finanziarie dell' Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell' informazione (ISCOM) operante presso il Ministero dello Sviluppo economico - al quale pure succede l'agenzia con riferimento alle funzioni in materia di sicurezza delle reti - poiché a tutt'oggi non risultano ancora definite. La programmazione per l' esercizio 2013 si avvale delle seguenti tipologie di finanziamento: - contributo finanziario ordinario dello Stato per ,00; contributo della ex Aginnovazione per ,00; contributo di cui ali ' art. 18, comma 3, d lgs n. 177/2009, per ,00; entrate per poste compensative di uscite correnti (rimborso comandati) per ,65; entrate per interventi progettuali per ,00 (Progetto e-sense ,00; Progetto Open Dai, ,00; Progetto Stork 2.0, 8.675,00); entrate oggetto di trasferimento da parte del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica 3 amministrazione e l' innovazione tecnologica (DDI) della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM), ai sensi dell'art. 22, del d.l. n. 83/2012, per ,00, i cui atti di assegnazione sono in corso di perfezionamento contestualmente all'adozione del presente bilancio; utilizzo di parte dell'avanzo presunto dell' esercizio 2012, per euro ,34, parte dell'avanzo complessivo di euro ,38, costituito dagli avanzi di amministrazione provenienti da DigitPA e da Aginnovazione, dettagliati in seguito nell'apposito paragrafo Avanzo di amministrazione utilizzato e riportati pure nella Tabella Dimostrativa del risultato di amministrazione presunto al termine d eli' esercizio A detto fabbisogno si sommano partite di giro per euro ,00 per un totale complessivo pari a euro ,65. LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI DI BILANCIO 2013 Nelle more di una propria disciplina amministrativo-contabile - che farà seguito al completamento dell'attuale fase di avvio a regime dell'agenzia anche attraverso l'adozione dei Regolamenti di organizzazione, funzionamento e contabilità - il bilancio di previsione 2013 si informa alle disposizioni del Decreto del Presidente della Repubblica n. 97/2003, in coerenza con i Regolamenti di amministrazione e contabilità già adottati dagli stessi Enti ai quali l'agenzia è subentrata. AG.f.N'ZJ.A P!RL'ITALIA Ult,Jt \U

4 Il Piano dei Conti riconcilia i dati di bilancio dei soppressi DigitP A e Aginnovazione ed è strutturato per aggregare sotto un profilo logico-sistematico la natura delle spese, valorizzando l'attività istituzionale dell'agenzia e migliorando gli aspetti di chiarezza e comprensibilità delle stesse prevlslom. Pur nell'oggettiva incertezza sulle concreta misure di contenimento della spesa da applicare nei casi di enti di nuova istituzione, il bilancio di previsione dell' Agenzia è stato impostato alla luce di un'oculata riduzione degli stanziamenti complessivi per spese diverse da quelle obbligatorie ed inderogabili. In particolare, tutte le previsioni di spesa sono formulate nel rispetto delle misure di razionalizzazione delle spese discrezionali, tenendo conto sia delle disposizioni previste dal D.L. n. 78/2010, convertito dalla legge n. 122/20 l O, sia delle norme di contenimento introdotte dalle successive disposizioni legislative. E' allegata a tal fme l'apposita Tabella prevista dalla circolare MEF n. 40 del2010. LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE ENTRATE TRASFERIMENTI DA PARTE DELLO STATO La Legge di Bilancio 2012 assegna all'agenzia per l'italia Digitale per l'anno 2013 una dotazione di euro ,00 e alla soppressa Aginnovazione un contributo di euro ,00, trasferito all'agenzia per l 'Italia Digitale ai sensi dell'art. 22, comma 2, del decreto legge n. 83/2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 134/20 12 e s.m.i. 4 ENTRA TE CONTRIBUTIVE La crescente necessità per le pubbliche amministrazioni di correlare le proprie entrate con la qualità e la quantità delle attività istituzionali prestate in favore di altre amministrazioni, di cittadini e di imprese, o a tutela di interessi collettivi diffusi e generali, porta il legislatore a consolidare sempre più - specie in contesti di avverse condizioni economiche - strumenti di supporto alle politiche generali di bilancio, affiancando ai trasferimenti dello Stato un contributo, a ristoro dei costi di funzionamento sostenuti, a carico dei soggetti beneficiari delle funzioni svolte. In questa direzione opera l'art. 18, comma 3, del decreto legislativo n. 177/2009, che già aveva previsto come entrata finanziaria dell'ente, in relazione alle attività di gare o accordi quadro predisposti per l'espletamento delle funzioni già di DigitPA e ora riferite all'agenzia, un contributo forfetario per spese di funzionamento secondo un importo determinato con dpcm 23 giugno Si tratta di cinque fattispecie afferenti a diversi ambiti e differenti misure: - 8 per mille del valore del contratto sottoscritto per l'acquisizione di beni e servizi informatici e telematici per i quali DigitPA abbia ricevuto richiesta di parere sulla coerenza strategica e/o sulla congruità tecnico-economica ai sensi dell'art. 3, commi 2, lettera c) e 3 del decreto legislativo 177/2009 nelrambito di gare; - 4 per mille del valore del contratto sottoscritto se DigitPA ha valutato schemi di contratti per i quali sia obbligatorio il parere sulla congruità tecnico-economica di cui all'art. 3, comma 3, del decreto legislativo 177/2009 e se il contratto ha per oggetto la mera fo rnitura,u;l'l"zj.a PIRL'ITALU l>i,ij \U

5 Un complessivo ridisegno della governance economica, coerente con l'esigenza di rafforzare il coordinamento delle risorse finanziarie di bilancio, è stato poi introdotto con le recenti manovre di spesa pubblica e, segnatamente per quanto concerne l'agenzia, con il c.d. "Decreto Crescita 2.0" (art. 19 del decreto legge n. 179/2012, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 ), che dà anche conto di una possibile diversificata architettura delle fonti di finanziamento, da definirsi con soluzioni a tendere. In un quadro profondamente in evoluzione, e destinato a completarsi solo nei prossimi mesi, le entrate contributive dell'agenzia sono state quindi prese in considerazioni con riferimento alle sole disposizioni attuative del citato art. 18 del d. lgs. n. 177/2009 e - pur considerando l'accertamento complessivo di tali risorse per l'anno 2012 pari a euro ,27, e il riscosso pan a euro ,39- sono state prudenzialmente stimate per l'anno 2013 in ,00. ALTRI TRASFERIMENTI Risorse finanziarie oggetto di trasferimento dal Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l 'innovazione tecnologica (DD!) della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM) (art. 22, d.l. n. 83/2012). Nella riunione con il Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell' 11 aprile 2013 sono state definite le risorse fmanziarie del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l'innovazione tecnologica oggetto di trasferimento all'agenzia per l'italia Digitale, ai sensi dell'art. 22, comma 3, del decreto istitutivo (d.l. n. 83/2012), in misura pari a ,00, i cui atti di assegnazione sono in corso di perfezionamento contestualmente all'adozione del presente bilancio. 5 ALTRE ENTRATE Poste correttive e compensative di uscite correnti Corrispondono ai rimborsi del personale comandato presso altre amministrazioni, per complessive l O unità, valutati in ,165. Entrate per attività di progetto Nel 2013 sono previste entrate per ,00 relativi a i seguenti progetti: - progetto e-sense ,00; - progetto Open Dai, ,00; - progetto Stork 2.0, 8.675,00; di beni o prestazione di servizi tra loro identici o equiparabili in alternativa e se la procedura e' gestita da centrali di acquisto e prevede la stipula di contratti quadro o convenzioni nell' ambito di gare; - 8 per mille del valore del contratto sottoscritto per i contratti esecutivi di pubbliche amministrazioni aderenti a accordi o contratti quadro predisposti direttamente da DigitP A o con altri soggetti nel caso in cui il corrispettivo sia non superiore a euro ,00; - 5 per mille del valore del contratto sottoscritto per i contratti esecutivi di pubbliche amministrazioni aderenti a accordi o contratti quadro predisposti direttamente da DigitPA o con altri soggetti nel caso in cui il corrispettivo sia superiore a euro ,00; - 3 per mille del valore degli atti aggiuntivi ai contratti esecutivi a accordi o contratti quadro predisposti direttamente da DigitPA o con altri soggetti. AGL"fZ.U Pl:R L'ITALIA 01,n o\u

6 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE L'avanzo di amministrazione presunto dell 'esercizio 2012, pari ad ,38 è così costituito: ex DigitPA: per un totale di euro ,76, ripartito in: a) parte disponibile per il funzionamento: b) parte vincolata a: - Fondo TFR: - Rimborsi vari ad amministrazioni ed enti: - Fondo speciale rinnovo contrattuale dirigenti: - Fondo politiche di sviluppo RH e produttività: - Progetti innovativi: ex Aginnovazione: per un totale di euro: ,62, ripartito in: a) parte disponibile per il funzionamento b) parte vincolata ai Progetti: euro: ,50; euro: ,62; euro: ,25; euro: , 11 ; euro: ,16 euro: ,12 euro: ,62; euro: ,00. LE RISORSE DI COMPETENZA ESERCIZIO PARTE USCITE USCITE PER GLI ORGANI DELL'ENTE I capitoli di bilancio in questione si riferiscono agli Organi dei soppressi Enti, 6 DigitPA e Aginnovazione, che fino al 15 gennaio 2013 hanno assicurato, ai sensi dell'art. 22, comma 2, del d.l. n. 83/2012, la continuità delle attività e dei rapporti facenti capo alle rispettive strutture, maturando i corrispondenti emolumenti e i rimborsi spese che ivi sono stati previsti Compensi, indennità e rimborsi ai componenti il collegio dei revisori. Con dpcm 14 dicembre 2012, trasmesso il 25 marzo 2013 dall'ufficio di Gabinetto del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (prot. n ), è stato nominato il Collegio dei revisori dei conti dell'agenzia, costituito provvisoriamente fino al completamento degli altri Organi. Il compenso di euro ,00, è previsto in relazione al disposto del citato decreto di nomina, che lo definisce per relationem con riferimento a quello determinato per i componenti del Collegio dei revisori del soppresso DigitPA (art. l, comma 2, dpcm 14/12/2013) Assegni e indennità al Direttore Generale dell'agenzia. L'art. 21, comma l, del d.l. n. 83/2012, annovera il Direttore Generale tra gli Organi d eli' Agenzia, unitamente al Comitato d' indirizzo e al Collegio dei revisori dei conti. Il successivo comma 2 ne disciplina l' iter di nomina e il comma 3 ne individua le funzioni e la durata. Il decreto di nomina del Presidente del Consiglio dei Ministri è stato adottato in data 30 ottobre 2012, registrato alla Corte dei Conti in data 20 dicembre 2012 e notificato in data 15 gennaio Allo stato non risulta determinato il relativo compenso; conseguentemente, in via prudenziale, è previsto uno stanziamento che, entro i limiti posti dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 marzo 2012 (art. 2 e 3), assicurare copertura di bilancio

7 alla concreta misura del trattamento retributivo del Direttore Generale che, ancora da definire, verrà successivamente stabilito. O NERI PER IL PERSONA LE IN AITIVJTÀ DI SERVIZIO Competenze fisse al personale dirigente a tempo indeterminato. La previsione di spesa è riferita a 5 dirigenti a tempo indeterminato, quantificata sulla base dei rispettivi contratti individuali in euro , Competenze fisse al personale non dirigente a tempo indeterminato. Lo stanziamento di euro ,00 riguarda il personale a tempo indeterminato dell'ex DigitPA e dell'ex Aginnovazione transitato ex lege nell' Agenzia Competenze fisse al personale dirigente a tempo determinato. La previsione di competenza per l' anno 2013, pari a complessivi euro ,00, tiene conto di 2 unità di livello dirigenziale in servizio con contratto a tempo determinato e di n. 6 dirigenti a tempo determinato, da acquisire ai sensi dell'art. 15 del dpcm 8 marzo 2013, concernente l' approvazione dello Statuto dell' Agenzia, per un periodo non superiore a ventiquattro mesi Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e della produttività. Lo stanziamento previsto è accantonato ai sensi dell'art. 69 del l CCNL di DigitPA stipulato in data l 0 aprile 2011, nei cui rapporti giuridici subentra l'agenzia ai sensi dell'art. 22 del d.l. n. 83/2012, ed è disposto nel rispetto del principio di contenimento della relativa spesa previsto dall'art. 9 del d.l. 78/20 l O (Circolari esplicative del MEF n. 12/2011 e n. 16/2012, da ultimo richiamate dalla Circolare n. 2/20 13), attestandosi - in un quadro complessivo di ottimizzazione delle risorse - sul 7 corrispondente importo definito per l' anno 2012, secondo modalità di quantificazione determinate dal richiamato CCNL (una quota di accantonamento per dipendente pari ad euro 96,60 per 13 mensilità) Indennità per il personale in comando. Lo stanziamento di euro ,00 è relativo all' indennità di funzione prevista per il personale in comando presso l'ex DigitPA, ora presso l' Agenzia, da corrispondere nell'esercizio finanziario 2013 e comunque non oltre l'espletamento delle procedure di stabilizzazione di cui all' art. 22, comma 4, del d.l. n. 83/ Rimborso competenze fisse al personale comandato. La previsione di spesa pari a euro ,00 è relativa al rimborso alle amministrazioni di appartenenza delle spese sostenute dalle stesse per il trattamento retributivo del personale in comando presso l'agenzia, proveniente dall'ex DigitPA e dall' ex Aginnovazione, fino all'espletamento delle procedure di stabilizzazione di cui all'art. 22, comma 4, del d.l. n.83/ Compenso per lavoro straordinario. Al fine di contenere la spesa per prestazioni di lavoro straordinario, lo stanziamento per l'anno 2013 si attesta sulla previsione 2012 dell'ex DigitP A, che già aveva ridotto lo stesso importo nella misura di circa il 15% del budget stimato per l' anno Indennità di cassa. Lo stanziamento di euro 2.000,00 è relativo alla indennità di cassa già prevista da provvedimenti dell'ex AIPA - poi CNIPA e, quindi, DigitPA- di importo pari a AGII'f'l..U t't:ll L'ITAl.I.A 1>1 l U.l

8 euro 4,13 giornalieri, riferita alla effettiva presenza in servizio di n. 2 unità che esercitano le funzioni di "economo cassiere" e "vice economo cassiere" Altri compensi al personale provenienti da contratto (retribuzione di risultato). Lo stanziamento di euro ,00 si riferisce alla retribuzione di risultato per i dirigenti previsti con contratto a tempo determinato, sulla base di un importo medio stimato di euro 8.000,00, stimato, nelle more del nuova disciplina contrattuale di riferimento dell'agenzia, in ragione di quanto previsto dagli incarichi dirigenziali a tempo determinato in essere presso DigitP A Indennità e rimborso spese viaggio per missioni (all'estero e all'interno). In relazione a quanto previsto dal d.l. n. 78/20 l O, la spesa per missioni del personale è pari al l 'importo ridotto dell' ex DigitPA, per euro ,00, cui si aggiungono euro 5.000,00 della ex Aginnovazione (euro 6.000,00 missioni all'estero ed euro 9.000,00 missioni in Italia) Oneri assicurativi e fondi complementari di previdenza. I relativi stanziamenti sono riferiti alla previdenza complementare prevista dal CCNL di DigitPA per il personale a tempo indeterminato proveniente dall'ex-centro Tecnico, poi confluito nello stesso Ente e ora nell'agenzia Altri oneri per il personale. La previsione di spesa per il 2013 pari a euro l ,00 segue la previsione contrattuale di cui all'art. 63 del CCNL di DigitPA e si riferisce alle polizze sanitaria, infortuni e responsabilità civile, quest'ultima prevista nei limiti della sola colpa lieve, in conformità al quadro normativa e giurisprudenziale di riferimento (legge finanziaria 2008, Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per il Molise, deliberazione n. 34/P AR/2008) Formazione del personale. Fermo restando il limite di cui all'art. 6, comma 13, del 8 DL n. 78/2010 (legge n. 122/2010), la previsione di spesa per interventi formativi tiene conto esclusivamente dell' attività di formazione obbligatoria, conseguente a specifiche disposizioni di legge, anche di livello comunitario, in coerenza anche con quanto precisato dalla Corte dei Conti (Sez. Regionale di controllo per la Lombardia, parere n. 116/20 Il) e richiamato dalla Circolare del Ministero dell'economia e delle finanze n. 2/2013. La spesa quantificata- pari a , prevista nel limite percentuale minimo (l%) del monte retributivo del personale in servizio (Circolare 24/4/1995 n. 14/95 del Ministro per la funzione pubblica) - risulta da una programmazione che considera l'eterogeneità degli ambiti e dei settori professionali di provenienza del personale che confluisce nella futura dotazione organica dell'agenzia, massimizzando efficacia e pertinenza delle azioni formative (in particolare sui terni della sicurezza, dell'aggiornamento di attività professionale, sull'accessibilità), e che verranno svolte avvalendosi prioritariamente della Scuola superiore della pubblica amministrazione, così come previsto dalla Direttiva n. l 0/20 l O del Ministro per la pubblica amministrazione e l' innovazione Trattamento medio accessorio personale ricerca. La previsione di euro 8.000,00 tiene conto della voce premiate riferita alla risorsa proveniente dalla ex-aginnovazione con qualifica di dirigente di ricerca, sulla base del contratto individuale di riferimento, stipulato ai sensi del CCNL 13 maggio 2009 relativo al personale non dirigente delle istituzioni e enti di ricerca. At;fl'IZU PfR L"ITALIA 1>1<111 W

9 USCITE PER L 'ACQUISTO DI BENI DI CONSUMO E DI SERVIZI In relazione alle previsioni di spesa riferite ali 'acquisto di beni di consumo e di servizi si evidenziano i seguenti capitoli di bilancio: Altre uscite per l'acquisto di beni di consumo e di servizio. La spesa prevista pari a euro ,00, allineata alle precedenti previsioni 2012, è riferita in gran parte all'acquisto di beni e servizi strumentali ai compiti istituzionali o alle attività di funzionamento: tra cui abbonamenti specialistici (abbonamenti ai servizi informativi sul settore ICT a supporto delle attività di valutazione) e inventario Adempimenti ex d.lgs. 150/2009 componente OIV. La spesa di euro 7.000,00 è determinata in attuazione degli adempimenti concernenti l' istituzione dell'organismo indipendente di valutazione (OIV), in coerenza con i chiarimenti forniti dalla Circolare n. 2/2013 del Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato in merito alla onerosità di tale prestazione e si attesta prudenzialmente sullo stanziamento previsto per tale organismo dal soppresso DigitP A Fitto locali e oneri accessori. L'obiettivo di realizzare concrete misure volte a contenere le spese di funzionamento ha, tra l'altro, dato corso a un processo di rimodulazione dei propri fabbisogni allocativi e a un' intensa attività di ricerca e di contatti finalizzati all'individuazione di un nuovo immobile, demaniale e da assegnare in uso governativo all' Agenzia. Detto immobile è stato identificato nello stabile sito a Roma in via Liszt, 21, nel quartiere EUR, già sede dell'ex ICE, a sua volta ricollocatosi, a seguito del processo di riordino che lo ha interessato, in parte di esso. Con nota del 7 marzo 2013 (prot. n. 2013/4722/DR-ST-PARC), l'agenzia del Demanio ha dato a questa Agenzia il nullaosta all'utilizzo di porzione di detto immobile (il cui dimensionamento complessivo è 9 di circa mq, oltre le relative pertinenze per ulteriori circa mq) che - sulla base di provvedimenti di consegna da parte d eli' Agenzia del Demanio in corso di perfezionamento - continuerà ad essere utilizzato unitamente con il citato Istituto. Conseguentemente, lo stanziamento previsto in bilancio per la locazione passiva dell'immobile sito a Roma in viale Marx, pari a euro ,00, è riferito al canone corrispondente al periodo di preavviso della disdetta del rapporto in corso ( 6 mesi), nella fattispecie previsto fmo ad agosto Manutenzione ordinaria e riparazione di mobili, apparecchiature e strumenti. La previsione di euro ,00 si riferisce prevalentemente alla manutenzione/riparazione degli strumenti e apparati HW, con una previsione di incremento solo per l'esercizio in corso in conseguenza della fase di adeguamento delle infrastrutture e degli apparati di HW, in parti colar modo connessa all'avvio a regime dell'agenzia anche sotto il profilo delle proprie architetture IT Manutenzione, riparazione e adattamento di locali e relativi impianti (art. 2, commi , L. 244/2007). Lo stanziamento di euro ,00 è relativo, per euro ,00, alla manutenzione dell'immobile sito in viale Marx, nel limite di spesa dettato dalla normativa vigente (l% del valore dell' immobile, fissato dall'agenzia del demanio in ,00) e, per la restante parte di circa ,00 euro, alla manutenzione della sede di Via Liszt 21 assegnata dali' Agenzia del Demanio (nota prot. n. 2013/4722/DR-ST-PARC del 7 marzo 2013), ormai di prossimo utilizzo, la cui quantificazione di spesa per le necessarie attività di adattamento e manutenzione sono certamente ricomprese nel limite percentuale previsto dalla normativa di riferimento, solo considerando - nelle

10 more della formalizzazione dei relativi atti - sia la tipologia dello stabile e la relativa ubicazione (descritta nel precedente capitolo di bilancio ), sia il valore già congruito dall'agenzia del Demanio con riferimento all' attuale sede di viale Marx, ubicato in zona diversa e con stime del mercato immobiliare mediamente più basse dell'eur Uscite per servizi ambientali. Lo stanziamento di euro ,00 è riferito m gran parte ad attività per smaltimento e raccolta rifiuti Spese di trasporto, spedizioni con corriere e facchinaggio. La prev1s10ne nell'anno di competenza tiene conto delle attività di cambio di sede che si realizzeranno nei prossimi mesi e in particolar modo delle attività di trasloco, stimate in circa 150 mila euro Uscite di rappresentanza. Il modesto stanziamento previsto, euro 1.500,00, tiene conto delle riduzioni previste in proposito dalle norme di contenimento e viene valorizzato con riferimento alla sola previsione stanziata dali' ex Aginnovazione Uscite per servizi informatici. Lo stanziamento di euro ,00 è riferito alla previsione di spesa relativa ai servizi informatici strumentali alla gestione delle attività, tra cui servizi i servizi di protocollo e gestione documentale, di help desk, di contabilità fmanziaria e econornicopatrimoniale, di vigilanza e controllo sui gestori di posta elettronica certificata (art. 14 del DPR n. 68/05), e di controllo di porte di dominio ( dpcm l aprile 2008 recante regole tecniche e di sicurezza del sistema pubblico di connettività) Telefonia fissa, mobile e per reti di trasmissione. Lo stanziamento previsto - minore rispetto a quelli previsti nell'esercizio precedente sia da DigitP A sia dali' Aginnovazione - avvia già dali' esercizio in corso un programma di razionalizzazione e contenimento delle spese complessive 10 riferite alla telefonia sia fissa sia mobile, coerente con le più generali misure di contenimento della spesa pubblica. INTERVENTI DIVERSI- USCITE PER ATTIVITÀ ISTITUZIONALI Si tratta di stanziamenti riferiti alle attività attraverso le quali l'agenzia sviluppa le linee strategiche di programmazione e intervento, in coerenza con i piani dell' Agenda Digitale stilati dall'unione Europea e nel rispetto delle previsioni normative dettate in materia di digitalizzazione del Sistema Paese, da ultimo con il c.d. "Decreto Crescita 2. O" (decreto legge n. 179/2012, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 ). Nelle more di una programmazione puntuale che, ai sensi dell' art.22, comma 3, del d.l. n. 83/2012, farà seguito alla fase, tutt'ora in corso, di ricognizione e individuazione delle effettive risorse professionali, finanziarie e strumentali provenienti dagli enti e dalle strutture alle quali l'agenzia è subentrata, gli stanziamenti previsti assicurano continuità e funzionamento alla realizzazione di iniziative che costituiscono, o riportarlo, ai pilasti "chiave" del piano di digitalizzazione del Paese Collab. Coord. e cont., contratti d'opera e altre prest. occas. per attività di progetto. Lo stanziamento di euro 2,9 M - ridotto rispetto alla corrispondente previsione di DigitPA e Aginnovazione - è disposto in un quadro di razionalizzazione e contestuale ottimizzazione delle At:!Fl.I.A PE.It.L' IT..U.lA l> ll W

11 risorse professionali a progetto che dovranno essere impegnate nell' azione di rilancio della Agenda Digitale sulle seguenti aree di intervento: Identità digitale; PA digitale e Open data; Istruzione digitale; Sanità digitale; Divario digitale e pagamenti elettronici; Giustizia digitale; Ricerca, innovazione e comunità intelligenti Spese viaggio per missioni e altri oneri per attività di progetto. La spesa prevista per l'anno 2013 concorre all' attuazione di interventi progettuali di rilievo anche europeo e più in generale internazionale, direttamente affidati all'agenzia sia dal decreto istitutivo sia, successivamente, dal decreto crescita 2.0, il cui intensificarsi è connesso in particolare all'avvio a regime dei programmi Horizon 2020, CEF Digitai e European Cloud Partnership, che si inseriscono nelle linee strategiche e di azione illustrate nella Nota preliminare Uscite per servizi informatici per attività di progetto. Lo stanziamento di euro ,77 è previsto per l'attuazione dei servizi informati ci connessi alla realizzazione e alla gestione di interventi e progetti di innovazione da parte dell'agenzia, illustrati nella Nota preliminare Fondo Dipartimento per la digitalizzazione della PA della PCM da programmare ex art. 22 DL 82/2012. Lo stanziamento di euro ,00 corrisponde alle risorse finanziarie del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l' innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio dei Ministri che verranno trasferite all'agenzia, così come definito nella riunione con il Segretario Generale della PCM l' 11 aprile 2013, sulla base della documentazione ivi acquisita. Tali risorse, i cui atti di trasferimento sono in corso di perfezionamento contestualmente all'adozione del presente bilancio, sono iscritte ed esposte in tale Fondo, che viene costituito ai fini della loro successiva programmazione. 11 TRASFERIMENTI PASSIVI La spesa pari a euro ,54 è prevista m relazione al cofinanziamento degli interventi progettuali descritti nella Nota preliminare. Si evidenziano inoltre i seguenti capitoli: Fondo speciale per i rinnovi contrattuali del personale ( ), il cui accantonamento di euro ,11 è stanziato nel rispetto delle previsioni dell'art. 9, del d.l. n. 78/2010, e delle Circolari esplicative del Ministero dell'economia e delle fmanze esplicative (Circ. n. 12/2011, n. 16/2012 e n. 2/2013) ed è previsto in coerenza con le disposizioni relative ai rinnovi contrattuali dell'area dirigenza del pubblico impiego bienni economici , per n. 5 dirigenti con contratto a tempo indeterminato, che spetteranno a seguito dell'entrata in vigore del CCNL di riferimento. Fondo rischi e oneri. ( ). Lo stanziamento stimato congruo sulla base dei dati storici è di euro l ,00. Fondo contenzioso ( ), per un accantonamento pari a euro l ,00. Fondo di riserva spese impreviste ( ), il cui stanziamento si avvale di risorse accantonate ai sensi dell'art. 17 del dpr n. 97/2003, allo scopo di fronteggiare spese allo stato non prevedibili, ma

12 probabili e conseguenti, in particolare, alla fase di start up d eli' Agenzia; all'occorrenza, tali somme andranno ad incrementare gli stanziamenti di bilancio di parte corrente che dovessero rivelarsi inadeguati ad assicurare l'ordinario funzionamento della Struttura. Infme, con riferimento alle Uscite previste in conto capitale, si evidenzia il capitolo in relazione al quale la spesa di euro ,00 è riferita ad uscite per l'acquisto di HW e SW, relativi alla realizzazione di progetti innovativi come descritto nella Nota preliminare. Il Direttore d eli' ge (in qualità di I~eg'Q~Wi~~ 12 AGil'f'LU Pf:R L'ITAUA Ul ti ;W

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A VIST A la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove nonne in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti ~t201~ e successive modifiche e integrazioni ed, in particolare,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Le Regole. Consiglio Nazionale delle Ricerche

Le Regole. Consiglio Nazionale delle Ricerche Le Regole Consiglio Nazionale delle Ricerche INDICE Cronologia normativa NORME FONDAMENTALI... REGOLAMENTI... III V PARTE A NORME FONDAMENTALI Decreto Legislativo 4 giugno 2003, n. 127" Riordino del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli