Assemblea dei Soci 2 luglio 2013 Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assemblea dei Soci 2 luglio 2013 Roma"

Transcript

1 Assemblea dei Soci 2 luglio 2013 Roma 2012

2

3 INDICE Organi Sociali pag. 4 Relazione sulla gestione 2012 pag. 7 Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012 pag. 35 Rendiconto gestionale per tipologia di finanziamento pag. 39 Nota Integrativa pag. 45 Rendiconto Finanziario pag. 57 Relazione del Collegio dei Revisori pag. 61 Relazione dalla Società di Revisione pag. 63 Appendice: Bilancio 2012 Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Bilancio 2012 Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori Bilancio 2012 ANIA Assicurazione, Ricerca e Innovazione S.r.l. Bilancio 2012 Ed.Ass. S.r.l. (Società Editoriale Assicurativa) Bilancio 2012 IRSA Servizi e Formazione S.r.l

4 ORGANI SOCIALI IL COMITATO ESECUTIVO Presidente Vice Presidenti Aldo Minucci Carlo Acutis Maria Bianca Farina Membri Raffaele Agrusti Roberto Laganà Pier Ugo Andreini Andrea Andreta Anthony Bradshaw James Chalmers Brown Christophe Buso Camillo Candia Carlo Cimbri Frédéric De Courtois D Arcollieres Giovanni Di Benedetto Patrick Dixneuf Franco Ellena Bruno Faure Francesco La Gioia Luigi Lana Edoardo Lombardi Giovan Battista Mazzucchelli Andrea Mencattini Philippe Morelli Fabrizio Moscone Maurizio Pellicano Paolo Andrea Rossi Alessandro Santoliquido George Santorel Pietro Sella Roberto Guarena

5 IL COLLEGIO DEI REVISORI E DEI PROBIVIRI COLLEGIO DEI REVISORI Presidente Diego Fumagalli Membri effettivi Giancarlo Battisti Maria Bettazzoni Membri supplenti Ettore Rigamonti Luciano Rova COLLEGIO DEI PROBIVIRI Presidente Membri effettivi Carlo Acutis Anthony Bradshaw Daniele De Strobel Aldo Frignani Franco Sironi Membri supplenti Pierluigi Bovone Daniele D Abramo DIRETTORE GENERALE Dario Focarelli

6

7 RELAZIONE SULLA GESTIONE 2012

8

9 SCOPO E IDENTITÀ DELL ANIA L Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici (dei seguito ANIA) è costituita fra le imprese ed enti autorizzati dall IVASS Istituto di vigilanza sulle Assicurazioni. L ANIA, che non ha fine di lucro, come indicato all art. 2 dello Statuto, ha per scopi: a) di tutelare gli interessi del settore coniugandoli con gli interessi generali del Paese nella costruzione di un modello di sviluppo sostenibile riconosciuto dalle Istituzioni e dall opinione pubblica; b) di valorizzare l assicurazione ed il settore assicurativo come fattori essenziali dell economia e della società italiana e come sistema chiaro e trasparente che si pone al servizio dell utenza, in una logica di mercato e di competizione fra le imprese; c) di svolgere ogni opportuna azione per diffondere una più ampia ed approfondita conoscenza della funzione, dei problemi, delle condizioni dell industria assicurativa, con particolare riguardo alla prevenzione del rischio; d) di rappresentare i soci ed il mercato assicurativo italiano, nei modi previsti dalla legge o dai relativi statuti o regolamenti, in organismi pubblici, enti od associazioni nazionali, internazionali o sopranazionali, nei quali il settore abbia o possa avere interessi diretti od indiretti; e) di provvedere, nell interesse dei soci, in modo esclusivo al regolamento collettivo dei rapporti di lavoro, sia autonomo che subordinato, nei confronti di associazioni di prestatori d opera, qualunque forma esse assumano, con facoltà di trattare e risolvere, in quanto possibile mediante opportuni accordi collettivi, le eventuali divergenze, fuorché per quei soci che, entro dieci giorni dal ricevimento dell avviso di inizio delle trattative loro notificato dall Associazione, abbiano comunicato, a mezzo lettera raccomandata, di voler svolgere le trattative stesse in via autonoma e separata con l assistenza dell Associazione; f) di provvedere allo studio e di collaborare, anche con altri enti o associazioni, alla risoluzione di problemi di ordine tecnico, economico, finanziario, amministrativo, fiscale, sociale, giuridico e legislativo, riguardanti l industria assicurativa; g) di raccogliere ed elaborare tutti gli elementi, notizie e dati che possano comunque avere interesse per il settore; h) di fornire in ogni sede un assidua assistenza ai soci su tutte le materie di loro interesse; i) di promuovere iniziative atte a favorire l istruzione professionale degli addetti all attività assicurativa; l) di svolgere ogni altra attività comunque utile per il raggiungimento dei suoi fini. GOVERNANCE Gli organi sociali dell Associazione, previsti dallo Statuto, sono: a) l Assemblea (art. 12) b) il Comitato Esecutivo (art. 15) c) il Presidente ed i Vicepresidenti (art ) d) il Collegio dei Revisori (art. 24) e) il Collegio dei Probiviri (art. 25)

10 L Assemblea è costituita da tutti i soci e sono di sua competenza: a) la determinazione, in sede di esame e di approvazione della relazione annuale del Presidente, degli indirizzi generali dell azione dell Associazione nonché l approvazione delle linee strategiche e del piano pluriennale di attività; b) l esame del bilancio preventivo e del conto economico e finanziario consuntivo dell Associazione, unitamente alle relazioni dei Revisori, e le relative deliberazioni; c) l elezione del Presidente dell Associazione e dei Vicepresidenti; dei componenti il Comitato Esecutivo; del Collegio dei Revisori e del Collegio dei Probiviri; d) l esame dei problemi di particolare importanza interessanti il settore che siano ad essa sottoposti dal Comitato esecutivo e le relative deliberazioni; e) la ratifica del regolamento di esecuzione di cui all art. 8, terzo comma, deliberato dal Comitato esecutivo e delle eventuali modifiche del medesimo; f) la modifica, su proposta del Comitato esecutivo, delle quote percentuali di cui al primo periodo del terzo comma dell art. 7; g) le modifiche dello Statuto e lo scioglimento dell Associazione. Il Comitato Esecutivo: a) nell ambito degli indirizzi generali indicati dall Assemblea, fissa le direttive dell azione dell Associazione; b) delibera, sentito il parere del Collegio dei Revisori, sulle remunerazioni e sulle indennità del Presidente e delle altre cariche di cui all art. 23, ultimo comma; c) nomina il Direttore generale determinandone il trattamento economico e, su proposta di quest ultimo, delibera l istituzione di nuovi servizi od uffici o la soppressione di servizi od uffici esistenti, nonché la nomina dei dirigenti; d) nomina, tra i propri componenti, i membri del Comitato strategico di cui all art. 20 del presente Statuto e, con proprio regolamento, stabilisce i criteri per la composizione ed il funzionamento del Comitato medesimo; e) istituisce le Commissioni permanenti di cui all art. 21, definendone i compiti e nominando i relativi Presidenti tra i propri membri e i componenti designati dalle imprese. Con proprio regolamento stabilisce i criteri per la loro composizione e il loro funzionamento; f) delibera sui progetti di bilancio preventivo e di conto economico e finanziario consuntivo presentati dal Presidente e li sottopone all Assemblea per l approvazione; g) stabilisce il regolamento di esecuzione di cui all art. 8, terzo comma, e le eventuali successive modifiche del medesimo, fermo quanto previsto all art. 14, lettera f), per la successiva ratifica da parte dell Assemblea; h) ratifica gli accordi collettivi stipulati ai sensi dell art. 2, lettera e); i) delibera sull ammissione dei soci e prende atto del loro recesso, informandone l Assemblea; l) propone all Assemblea le modifiche statutarie; m) delibera sull applicazione nei confronti dei soci delle sanzioni disciplinari previste dall art. 9, secondo comma; n) può istituire Gruppi consultivi, temporanei o permanenti, stabilendone i compiti e la composizione, aventi la finalità di coadiuvare l Associazione nello svolgimento della sua attività e, salvo diversa deliberazione del Comitato medesimo, coordinati dai responsabili degli uffici dell Associazione competenti per materia; o) espleta ogni altra attribuzione od incarico ad esso demandati dal presente Statuto o dall Assemblea; p) nomina i rappresentanti dell Associazione presso enti, amministrazioni pubbliche ed altri organismi; q) ammette le imprese non socie a fruire dell assistenza tecnica, determinando l importo dalle stesse dovuto a titolo di rimborso delle spese

11 Il Presidente è eletto dall Assemblea e: a) propone all approvazione dell Assemblea le linee strategiche ed un piano pluriennale di attività; b) convoca e presiede l Assemblea ed il Comitato Esecutivo, stabilendo l ordine del giorno delle riunioni; c) provvede per l esecuzione delle deliberazioni dei predetti organi, dando al Direttore generale le istruzioni a tale fine necessarie; d) sovrintende allo svolgimento dell attività dell Associazione ed alla gestione amministrativa, del personale e a quella finanziaria della stessa; e) presenta al Comitato Esecutivo i progetti del bilancio preventivo e del conto economico e finanziario consuntivo predisposti a cura del Direttore generale e sottopone successivamente all Assemblea i predetti progetti come deliberati dal Comitato stesso; f) nella prima assemblea ordinaria di ciascun anno presenta all Assemblea una relazione sull andamento del mercato assicurativo e sull attività svolta dall Associazione. Il Collegio dei Revisori dei Conti esamina il bilancio preventivo e il conto economico e finanziario consuntivo da sottoporre all Assemblea, nonché esercita la sorveglianza di tutte le operazioni patrimoniali, economiche e finanziarie relative al fondo comune dell Associazione. Il Collegio dei Probiviri ha l ufficio di dirimere, anche in qualità di arbitri amichevoli compositori, le controversie eventualmente insorte fra soci, che i soci stessi hanno la facoltà, e non l obbligo, di deferire al loro giudizio, in ogni caso per il tramite del Presidente dell Associazione. ORGANIZZAZIONE L ANIA ha sede legale in Roma. L organico dipendente dell Associazione al 31 dicembre 2012 è così costituito: Composizione dell Organico Dirigenti Funzionari Impiegati Totale

12 La struttura organizzativa dell ANIA è di seguito rappresentata:

13 ATTIVITÀ ISTITUZIONALI SVOLTE NEL CORSO DEL 2012 DIREZIONE VITA, DANNI E SERVIZI La Direzione, con riferimento ai servizi Vita e Welfare e Danni segue iter parlamentari e mantiene rapporti con le istituzioni e le autorità di vigilanza, illustra trend di mercato e impatti derivanti dall introduzione di nuove normative agli analisti finanziari e ai consulenti del settore, partecipa al dibattito pubblico e politico dialogando con tutti gli stakeholders quali, ad esempio, esponenti del mondo politico e sindacale, associazioni di categoria, giornalisti, opinion makers e membri del mondo accademico, rappresenta il mercato italiano in diverse commissioni internazionali interne a Insurance Europe e coordina gruppi di lavoro con esponenti del mercato su problematiche comuni di natura tecnico-assicurativa e gestionale. Per ciò che concerne il servizio Servizi Informatici, le attività principali riguardano lo studio e la realizzazione per il mercato di servizi, elaborazioni statistiche e banche dati a supporto delle attività operative delle imprese, ivi inclusi strumenti di supporto all adempimento degli obblighi di Legge previsti per le imprese. Nel 2012, le principali attività svolte in ambito associativo hanno riguardato la gestione dei Comitati di Coordinamento di Area (Vita, Previdenza e Risparmio Gestito, Altri rami danni, con quattro incontri per ciascun Comitato) e del Gruppo di lavoro servizi informatici, incontri e gruppi di lavoro con le imprese, consultazioni su iter legislativi e regolamentari, predisposizione di standard associativi e studi assicurativi, incontri istituzionali e attività di lobbying, interventi a convegni e interviste stampa e partecipazione ai lavori di Insurance Europe, elaborazione di rapporti sull andamento dei mercati di riferimento. All esterno, la Direzione ha partecipato ai lavori di altre organizzazioni al fine di promuovere il punto di vista del settore: Comitato direttivo di Assoprevidenza, gruppo di lavoro percettori rendite e Commissione fondi pensione e fondi sanitari nell ambito dell Ordine degli attuari, Consiglio direttivo dell AIMAV Associaz. Medicina delle Ass. Vita, tavoli di lavoro presso vari Ministeri (dell Ambiente, dello Sviluppo economico, delle Politiche agricole e forestali, dei Trasporti e Infrastrutture) e altri organismi di interesse del settore (AGEA, CINEAS, Enti di normazione). A seguito del cambiamento della governance dell Associazione e dell istituzione delle Commissioni permanenti Vita e Welfare e Danni, l attività per il 2013 è in corso di ridefinizione. SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI ECONOMICI Ufficio Rapporti Internazionali L Ufficio Rapporti Internazionali segue l elaborazione della legislazione assicurativa comunitaria e i dibattiti sulle principali tematiche di interesse assicurativo allo studio in sede internazionale. A tal fine intrattiene rapporti con le istituzioni dell Unione Europea (Commissione CE, Parlamento Europeo, Consiglio), con le principali organizzazioni internazionali (OCSE Organizzazione per la Cooperazione e lo

14 Sviluppo Economico; IAIS Associazione Internazionale dei Supervisori Assicurativi), con le autorità nazionali e internazionali (Ministero Attività Produttive, Politiche Comunitarie, Economia, Affari Esteri, IVASS), con le associazioni di categoria europee (Insurance Europe e associazioni nazionali ad esso aderenti). A seguito della riforma della governance dell Associazione l ufficio è inquadrato nel Servizio Rapporti Internazionali e Studi Economici in staff alla Direzione Generale. L Ufficio ha recentemente seguito con particolare attenzione le seguenti tematiche: riforma del regime di vigilanza prudenziale (SII/OII); revisione della direttiva intermediazione; proposta di direttiva sui prodotti d investimento al dettaglio preassemblati; revisione della legislazione sui mercati degli strumenti finanziari; lavori in sede IAIS sul rischio sistemico e sul ComFrame. Ufficio Studi Economici e Finanziari L ufficio monitora gli andamenti economici e finanziari italiani ed internazionali e cura l attività di ricerca economica dell associazione, sia quella svolta internamene sia quella affidata a terzi. In particolare: cura l edizione di ANIA trends, newsletter mensile sulla congiuntura economica, finanziaria e assicurativa; coordina i progetti di ricerca affidati a enti esterni, collaborando alla loro definizione e assicurandosi del loro buon andamento, del rispetto delle tempistiche e della qualità dei contenuti; cura la redazione della relazione annuale sul settore assicurativo italiano l assicurazione italiana ; supporta la Direzione Generale collaborando alla redazione di audizioni ufficiali presso istituzioni nazionali e internazionali e conducendo ricerca di base per la redazione discorsi e presentazioni da parte dei vertici ANIA presso eventi istituzionali; fornisce supporto nelle attività degli altri servizi dell Associazione, quando necessario; partecipa a seminari e convegni in materia di economia del rischio e delle assicurazioni; svolge approfondimenti necessari a dare robustezza analitica alle posizioni assunte in sede internazionale dall Associazione in materia di regolamentazione prudenziale degli intermediari assicurativi; partecipa alle riunioni nelle commissioni di Insurance Europe in materia di investimenti e regolamentazione ad essi attinenti; analizza specifici argomenti oggetto di iniziative legislative o di interventi regolamentari a livello nazionale; Ufficio Pubblicazioni e Ricerche L Ufficio Pubblicazioni e Ricerche fa parte del Servizio Rapporti Internazionali e Studi Economici, in staff alla Direzione Generale. L attività dell Ufficio si sviluppa in tre aree principali: documentazione/pubblicazioni. L attività in questa area si sostanzia, anzitutto, nella redazione di Panorama Assicurativo, newsletter mensile on-line di segnalazione di studi, ricerche, statistiche, provvedimenti normativi e notizie (in prevalenza riferiti a mercati esteri) di rilievo per chi opera nell industria delle assicurazioni o studia il settore. Panorama Assicurativo conta ormai circa utenti e registra un numero di accessi al sito costantemente in crescita. L Ufficio collabora, inoltre, alla redazione di ANIA

15 Flash, newsletter settimanale di informazione sulle attività di ANIA, soprattutto in relazione ai principali provvedimenti di legge in discussione. Svolge, infine, ricerche documentali per conto dei servizi associativi e delle imprese socie, avvalendosi in ciò della biblioteca curata dall Ufficio stesso; preparazione testi, note informative e relazioni per i vertici associativi; collaborazione nella stesura della relazione all Assemblea annuale dei soci; Solvency II: d intesa con l Ufficio Rapporti Internazionali e con il Servizio Bilanci e Solvency, segue l evoluzione del progetto di riforma del regime di solvibilità in sede europea, con partecipazione ai lavori svolti in seno a Insurance Europe. L attività comporta anche l analisi della documentazione proposta dalle istituzioni europee (Commissione, EIOPA) e la formulazione dei relativi commenti; SERVIZIO ATTUARIATO, STATISTICHE E ANALISI BANCHE DATI Il Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati si dedica principalmente alla realizzazione e al continuo aggiornamento di database tecnici, benchmark di mercato, statistiche di produzione delle assicurazioni Vita e Danni, nonché alla diffusione di numerose pubblicazioni di interesse per il mercato assicurativo. In particolare nel corso dell anno 2012 per quanto riguarda il settore Danni è stata attivata la nuova statistica trimestrale sui premi diretti e sulla distribuzione assicurativa coinvolgendo sia le imprese nazionali sia le rappresentanze di imprese europee ed extra-europee. È stata inoltre avviata la nuova statistica annuale dei premi contabilizzati del ramo Credito (con il dettaglio della nuova produzione) per le principali garanzie assicurate. La statistica semestrale dei premi contabilizzati del ramo Cauzioni è stata ulteriormente arricchita per quanto riguarda il dettaglio delle garanzie assicurate rilevate, affiancandola anche con la nuova rilevazione annuale dei sinistri al fine di calcolare degli indicatori tecnici di sinistrosità per ognuna di esse. In merito alla statistica grandine è stato valutato e introdotto un nuovo strumento informatico che ha reso la consultazione più semplice e veloce offrendo anche livelli di analisi più dettagliati rispetto al passato. In riferimento al ramo Infortuni e Malattia, è stata avviata la nuova rilevazione semestrale dei premi contabilizzati del lavoro diretto italiano, con il dettaglio dei premi di nuova produzione e del numero di polizze/teste assicurate, distinti per le principali garanzie prestate dalle imprese. Tenendo conto delle continue e mutevoli esigenze del mercato, il Servizio ha continuato a svolgere l attività di aggiornamento e manutenzione delle statistiche già esistenti. Ha inoltre offerto collaborazione e supporto a tutte le attività delle Commissioni Permanenti nonché ad altri enti esterni tra cui l IVASS, l ISTAT e la Banca d Italia. SERVIZIO LEGALE E COMPLIANCE Il Servizio Legale e Compliance fornisce consulenza alla Presidenza, alla Direzione generale, alle Direzioni centrali e agli altri Servizi e Uffici dell Associazione su questioni concernenti l interpretazione e l applicazione delle leggi e delle normative dell ordinamento nazionale e comunitario, nonché su problemi relativi alla gestione del patrimonio immobiliare e altre tematiche, dialogando costantemente anche con le Autorità competenti. Inoltre fornisce assistenza in campo legislativo alla Direzione generale, sia predisponendo testi di legge ed emendamenti, sia rappresentando direttamente le istanze del settore presso gli interlocutori

16 istituzionali. Il Servizio Legale e Compliance fornisce altresì assistenza alle imprese su quesiti di interesse generale e nei rapporti con le Autorità. A seguito della recente riforma della governance dell Associazione la Direzione affari giuridici è stata trasformata in Servizio in staff alla Direzione generale con accorpamento in esso della funzione compliance, in precedenza svolta dalla Segreteria generale. Nello svolgimento dei propri compiti, come usuale, il Servizio si avvale di collegamenti a pagamento on line a banche dati e di abbonamenti a diverse riviste giuridiche. Periodicamente viene aggiornata la piccola biblioteca disponibile attraverso l acquisizione di testi aggiornati sulle tematiche di maggior interesse per il campo di attività del Servizio e per il settore assicurativo. Il Servizio ha recentemente seguito con particolare attenzione le seguenti tematiche: Riforma della governance dell Associazione; Regolamentazione IVASS attuativa del CAP, della normativa comunitaria e delle recenti riforme introdotte dalle leggi c.d. Salva Italia, Spending review, Cresci Italia e Cresci Italia bis, con specifico riferimento alla parità di trattamento tra uomini e donne nell accesso ai servizi assicurativi, alla disciplina dell interlocking, alla RC Auto e al relativo contenzioso con IVASS, alla distribuzione, alla normativa antifrode; Banca dati sinistri; promozione e collocamento a distanza di prodotti assicurativi; obblighi di informazione e pubblicità dei prodotti assicurativi; politiche di remunerazione; Mediazione; Revisione e implementazione del Codice di autodisciplina delle società quotate; Concorrenza (normativa comunitaria e problematiche nazionali) Indagine Ernst & Young per conto della DG Competition UE; Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (linee guida associative); Normativa sulla tutela dei dati personali ( privacy ); Normativa antiriciclaggio e antiterrorismo; Normativa in materia di appalti di lavori pubblici e di fornitura di servizi assicurativi nonché in materia di tracciabilità dei flussi finanziari; Normativa sulla firma elettronica, sulla posta elettronica certificata e sulla archiviazione ottica dei documenti; Responsabilità sociale d impresa e finanza etica. SERVIZIO BILANCI E SOLVENCY Bilanci e Solvency Il Servizio Bilanci e Solvency svolge attività di studio e interpretazione della normativa che disciplina la formazione dei bilanci, d esercizio e consolidato, e del margine di solvibilità. La struttura segue, inoltre, l evoluzione del progetto Solvency II. Le attività vengono svolte principalmente tramite gruppi di lavoro attraverso la partecipazione a progetti e riunioni periodiche presso diverse organizzazioni nazionali e internazionali

17 Con riferimento alle tematiche di bilancio, le esigenze del settore sono state rappresentate in diverse sedi e, in particolare, nel corso delle attività del Consiglio di Sorveglianza dell OIC, della Commissione Assicurativa e del gruppo di lavoro strumenti finanziari. A livello europeo, attraverso la partecipazione alle riunioni dell Accounting Steering Committee di Insurance Europe. L attività viene svolta con continuità e formalizzata con comunicazioni alle associate (informativa dg digest, Newsletter IAS/IFRS, Newsletter Solvency II) e riunioni di presentazione e discussione con le imprese oltre alla partecipazione alle pubbliche consultazioni rilevanti per il settore. Nel corso del 2012 sono state individuate e avviate numerose iniziative Solvency II. In particolare sono state avviate le seguenti iniziative: Convegno Implementing Measures e 7 giornate di formazione; Newsletter Solvency II; Own Funds; Reporting Templates; Nei primi mesi del 2013 sono stati inoltre avviati i seguenti progetti; Impact Assessment; Riassicurazione nel contesto Solvency II; Analisi esigenze funzionali per software di reporting Solvency II. Amministrazione e Bilanci Nell ambito del servizio Bilanci e Solvency, l ufficio amministrativo si occupa dell amministrazione, del bilancio e del controllo di gestione dell ANIA e degli Enti ad essa collegati: Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale e Forum ANIA Consumatori. Gestisce inoltre l amministrazione e la contabilità di ANIA Ricerca e Innovazione srl, IRSA Servizi e Formazione srl, IRSA Istituto per la ricerca e lo sviluppo delle assicurazioni (in liquidazione), Ed.Ass. srl (Società Editoriale Assicurativa), Fondo LTC, Penalità CARD, SISCO, RADEM, Cassa di Assistenza Dirigenti e Dipendenti. L amministrazione si occupa delle registrazioni analitiche, del Controllo di Gestione suddiviso per Centri di Costo, dei pagamenti, dei Bilanci Preventivi e Consuntivi, della Gestione dei Contributi Associativi, di tutte le incombenze contributive e fiscali, dei rapporti con il Collegio dei Revisori, con la società di revisione del Bilancio e con la funzione di Controllo Interno. Particolarmente significativa dal 1 gennaio del 2012 è stata l acquisizione, a parità di risorse, della contabilità di IRSA Istituto e IRSA srl. Nel corso del 2012 ha seguito e gestito gli aspetti contabili della cessione del ramo di azienda ad IRSA srl da IRSA Istituto e la conseguente messa in liquidazione di quest ultima. Tra la fine del 2012 e i primi mesi del 2013 l amministrazione ha provveduto a riclassificare i dati contabili del 2011 e del 2012 con l intento presentare una diversa impostazione di bilancio, attenendosi alle linee guida e agli schemi degli enti non profit

18 SERVIZIO RELAZIONI ISTITUZIONALI Ha curato le relazioni con il Governo italiano, con i parlamentari nazionali ed europei, oltre che con tutti gli altri interlocutori istituzionali e seguito l elaborazione normativa con particolare riguardo al settore assicurativo. In particolare nel 2012 ha seguito: gli incontri con i rappresentanti del Governo; gli incontri con parlamentari nazionali ed europei e funzionari parlamentari, con dirigenti e funzionari ministeriali e dell IVASS; la preparazione delle audizioni dell ANIA presso le Commissioni parlamentari; la predisposizione del calendario settimanale recante elenco degli atti in discussione presso i due rami del Parlamento, selezionati in base all interesse per il settore; l esame preliminare delle proposte di direttiva presso le competenti Commissioni del Parlamento nazionale; il monitoraggio dell attività parlamentare relativa ai progetti di legge di interesse dell Associazione nonché della legge di stabilità sia direttamente nelle sedi proprie sia attraverso l esame quotidiano degli atti parlamentari (progetti di legge, resoconti sedute in Aula e Commissione, interrogazioni e interpellanze); la predisposizione di testi normativi, emendamenti, ordini del giorno, mozioni e risoluzioni. Nel corso del 2012 ha gestito anche: l assemblea annuale dell ANIA, per la parte relativa agli inviti e all accredito degli invitati; i rapporti con le Camere di commercio e in particolare la designazione dei rappresentanti del settore assicurativo presso di esse; i rapporti con la Consulta delle imprese di Roma e con la Consulta delle imprese del Lazio; la redazione di circolari su questioni di carattere generale; altre questioni di carattere generale (Omaggistica natalizia, Rubrica generale stakeholders); il coordinamento del gruppo consultivo dei rappresentanti istituzionali delle imprese assicuratrici; la redazione di NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO ; l aggiornamento del sito, nella parte di competenza. SERVIZIO RELAZIONI ESTERNE Il Servizio RELAZIONI ESTERNE elabora, argomenta e diffonde le posizioni dell Associazione attraverso le attività di relazioni con i media, l utilizzo della comunicazione web, la realizzazione di campagne di advertising, la promozione di ricerche d opinione, l organizzazione di eventi, le attività editoriali, la partecipazione al Comitato Comunicazione di Insurance Europe. Ufficio Stampa L ufficio stampa si occupa principalmente di: monitorare le agenzie di stampa, articoli e servizi radio-televisivi su temi cruciali con segnalazione diretta ai vertici ANIA in caso di particolare criticità;

19 promuovere della presenza ANIA sui media su tutte le tematiche assicurative attraverso la diffusione alla stampa di dati e posizioni ufficiali; promuovere e predisporre interviste ai rappresentanti ANIA; assistere agli intervistati fornendo le informazioni necessarie a creare un contesto favorevole; partecipare alla stesura dei comunicati stampa; revisionare i testi delle interviste e di alcuni interventi pubblici; mantenere le relazioni strutturali con i giornalisti; assistere i vertici dell ANIA in occasioni di interesse pubblico. Nel 2012 le uscite stampa ANIA sono state 2.430, con lanci di agenzie; con 672 articoli pubblicati su stampa nazionale e locale e 169 servizi radiotelevisivi. Comunicazione web Si occupa principalmente dello sviluppo, della promozione e dell aggiornamento della comunicazione attraverso le nuove tecnologie: pianificazione e creazione di nuove pagine e sezioni del sito web ANIA che garantiscano maggiore visibilità pubblica ai contenuti tecnici elaborati dai Servizi; realizzazione e utilizzo dei moderni strumenti di comunicazione web, come il canale Youtube di ANIA, attualmente utilizzato per la diffusione di video e interviste radiofoni che relative all Associazione; selezione quotidiana dei principali articoli e dei programmi radio televisivi che coinvolgono l Associazione con relativa pubblicazione nelle sezioni maggiormente visibili del portale ANIA; progettazione del portale web Un sito dinamico con notizie aggiornate in tempo reale, analisi statistiche e approfondimenti. Consentirà all Associazione di comunicare in modo diretto sul tema della RC Auto. Attività editoriali Realizzazione di tutte le pubblicazioni ANIA, dal progetto grafico alla stampa finale, (o alla pubblicazione on line) secondo la linea di immagine più efficace e individuando i fornitori più idonei sotto il profilo costi/benefici e relativa contrattazione dei costi. Organizzazione eventi Realizzazione eventi nazionali e internazionali, dall Assemblea ANIA a convegni e seminari: progettazione dell evento, partecipazione al casting dei relatori, individuazione della location, supervisione della logistica, contrattazione con i fornitori e promozione pubblica dell evento. A tal riguardo si segnalano: II Giornata Nazionale della Previdenza; Seminario La Gestione del Rischio Catastrofale ; Corso di Formazione per Giovani Talenti del Settore Assicurativo;

20 Come cambia la tassazione delle polizze; Autonomia delle persone con disabilità: un nuovo contributo per assicurarla; Fatca e Archivio dei Rapporti Finanziari. I nuovi adempimenti comunicativi per il Settore Assicurativo; Assemblea Annuale Ania Il Nostro Futuro Siamo Noi ; Presentazione al Mercato del Rapporto Annuale L assicurazione Italiana ; La Salute: Assicurare La Medicina e proteggere I Cittadini; Conferenza Stampa Presentazione Campagna di Comunicazione sulla Sicurezza Stradale, con Oliviero Toscani. Advertising Supervisione della campagna di pubblicità della Fondazione ANIA nelle varie fasi del processo di realizzazione e di promozione. Insurance Europe Partecipazione alle attività di comunicazione e organizzazione della Conferenza Internazionale di Roma di giugno SERVIZIO FISCO Il Servizio Fisco svolge una funzione propositiva nella fase della formazione delle leggi e dei provvedimenti emanati dall Amministrazione finanziaria (Ministero delle Finanze e Agenzia delle Entrate). Studia e interpreta la normativa fiscale, nei diversi ambiti dell imposizione diretta e indiretta, per gli aspetti che riguardano sia l impresa di assicurazione che l assicurato. Il Servizio si occupa, inoltre, di offrire consulenza alle imprese associate in merito alla corretta applicazione delle disposizioni fiscali vigenti, attraverso l analisi della normativa e la stesura di note e circolari esplicative sulle tematiche che rivestono interesse per il settore. Partecipa ai lavori della Commissione Economia e Finanza istituita nel corso del 2013 presso l Associazione, provvedendo, nello specifico, al coordinamento del gruppo tributario. Prende, inoltre, parte al tavolo interassociativo promosso da Abi, Ania, Assonime, Confindustria e dalle maggiori aziende italiane. Il Servizio Fisco svolge, altresì, una rilevante attività di respiro internazionale, assicurando la partecipazione ai lavori del Taxation Committee e dei vari gruppi di lavoro operanti in ambito fiscale in seno a Insurance Europe, la Federazione europea delle imprese di assicurazione (www.insuranceeurope.eu). Tra i gruppi di lavoro in esame si segnalano il VAT task force, relativo alle problematiche IVA, il CCCTB task force, dedicato all esame del progetto di introduzione di una base imponibile comune consolidata ai fini dell imposta sul reddito delle società (Common Consolidated Corporate Tax Base) e il Life taxation task force, focalizzato sul regime fiscale dei contratti di assicurazione sulla vita e delle forme di previdenza complementare

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD Art. 1 Costituzione Conformemente a quanto previsto dal CCNL per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata, è costituito

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO l articolo 3 della legge 28 giugno 2012, n. 92, volto ad assicurare, ai lavoratori dei settori non coperti dalla normativa in materia d integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto

Dettagli

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita un Associazione denominata Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia con sede in Milano. Essa può costituire uffici esterni con le modalità che verranno

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * *

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Indice 1. PREMESSE 2. BENI E RAPPORTI DESTINATI 3. EFFETTI DELLA SEGREGAZIONE 4. REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 5. REGOLE DI CONTROLLO 6. COLLEGIO

Dettagli

Il Ruolo delle Autorità Indipendenti

Il Ruolo delle Autorità Indipendenti LIBERALIZZAZIONI: IL CITTADINO CONSUMATORE AL CENTRO DELLA REGOLAZIONE DEI MERCATI; UN RUOLO PIU MODERNO PER LA P.A. Il Ruolo delle Autorità Indipendenti Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Vice Direttore Generale

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

GLOBAL VALORE PROTETTO TARIFFA A VITA INTERA A PREMIO UNICO V1 GA VERSIONE AD ACCUMULO

GLOBAL VALORE PROTETTO TARIFFA A VITA INTERA A PREMIO UNICO V1 GA VERSIONE AD ACCUMULO GLOBAL VALORE PROTETTO TARIFFA A VITA INTERA A PREMIO UNICO V1 GA VERSIONE AD ACCUMULO BANCA CONVENZIONE FILIALE ABI CAB PROPOSTA Stipulata il CONTRAENTE Cognome/Rag.soc. Nome Sesso /P.IVA Cittadinanza*

Dettagli

CASSA MUTUA NAZIONALE per il personale delle Banche di Credito Cooperativo Nuovo Statuto. Art. 1 Costituzione della Cassa

CASSA MUTUA NAZIONALE per il personale delle Banche di Credito Cooperativo Nuovo Statuto. Art. 1 Costituzione della Cassa CASSA MUTUA NAZIONALE per il personale delle Banche di Credito Cooperativo Nuovo Statuto Art. 1 Costituzione della Cassa In attuazione degli accordi collettivi nazionali, le parti stipulanti, associandosi,

Dettagli

Aprile 2014. FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia

Aprile 2014. FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia Aprile 2014 FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia Dott. Silvio Genito e Dott. Domenico Dell Orletta, Zulli Tabanelli e Associati Premessa Il Dipartimento delle finanze ha avviato

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli

Sviluppo Azienda S.r.l.

Sviluppo Azienda S.r.l. La società SVILUPPO AZIENDA S.r.l. Organizzazione, Direzione e Gestione delle Aziende basa la propria competenza e professionalità sull'esperienza ormai consolidata dei propri Soci, Collaboratori e Partner,

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART 1: Costituzione E costituita l Organizzazione di

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533

XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533 SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533 Conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

Dotazione organica e descrizione attività

Dotazione organica e descrizione attività Dotazione organica e descrizione attività Aree/addetti Categoria Attività 1 Enrico Ciabatti Dirigente Segretario Generale. UNITÀ ORGANIZZATIVA A Affari Generali Politiche di Settore CRAT 2 Marco Ardimanni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

PROGETTO RISPARMIO ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMI UNICI RICORRENTI. ESTREMI DEL DOCUMENTO del CONTRAENTE o LEGALE RAPPRESENTANTE

PROGETTO RISPARMIO ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMI UNICI RICORRENTI. ESTREMI DEL DOCUMENTO del CONTRAENTE o LEGALE RAPPRESENTANTE Pag. 1 di 10 PROGETTO RISPARMIO ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMI UNICI RICORRENTI BANCA CONVENZIONE FILIALE ABI CAB PROPOSTA Stipulata il CONTRAENTE Cognome/Rag.soc. Nome Sesso /P.IVA Cittadinanza*

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace STATUTO AIAS (approvato nell Assemblea Straordinaria dell 11/12/12 presso Aula Morandi FAST Milano) Art. 1 Costituzione e denominazione 1. L Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza, denominata

Dettagli

Statuto. Articolo 2 - Sede Il Fondo ha sede in Milano.

Statuto. Articolo 2 - Sede Il Fondo ha sede in Milano. STATUTO DEL FONDO UNICO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO I RISCHI DI NON AUTOSUFFICIENZA DEI DIPENDENTI DEL SETTORE ASSICURATIVO (in breve: Fondo unico nazionale l.t.c.) Statuto premesso che - le Parti,

Dettagli

IL 20.06.2014, SULLA

IL 20.06.2014, SULLA RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONVOCATAA IL 19.06.2014 IN PRIMA CONVOCAZIONE ED, OCCORRENDO, IL 20.06.2014, SULLA REMUNERAZIONEE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIRIGENTI CON RESPONSABILITA STRATEGICHE,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Il nuovo «codice delle assicurazioni» 1. D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209. Codice delle assicurazioni

Dettagli

FONDO PENSIONE FUTURA

FONDO PENSIONE FUTURA FONDO PENSIONE FUTURA REGOLAMENTO INDICE PARTE I - IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 - Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Istituzione del Fondo ed esercizio dell attività Art.

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

RICHIESTA DI RECESSO VARIAZIONE BENEFICIARIO CEDOLA/ RISCATTI PROGRAMMATI

RICHIESTA DI RECESSO VARIAZIONE BENEFICIARIO CEDOLA/ RISCATTI PROGRAMMATI Alla Direzione di Avipop Vita S.p.A. Ufficio Portafoglio INTERMEDIARIO COD. INTERMEDIARIO RICHIESTA DI RECESSO VARIAZIONE BENEFICIARIO CEDOLA/ RISCATTI PROGRAMMATI DELLA POLIZZA VITA N. PROPOSTA N. EFFETTO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. n. Disposizioni attuative del decreto ministeriale del di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 di ratifica dell Accordo tra il Governo degli Stati Uniti d America e il Governo della Repubblica

Dettagli

FONDO INTEGRATIVO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE STATUTO

FONDO INTEGRATIVO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE STATUTO SICURASSIEME FONDO INTEGRATIVO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE STATUTO 1 ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituito come Associazione Non Riconosciuta ai sensi degli Artt. 36 e seguenti cod. civ.,

Dettagli

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori FEDERLEGNO-ARREDO UNITAL 1 FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL tra e quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori vista la legge 8 Agosto 1995

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2015-2017 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

Rev. 11/04/2008 Manuale Organizzativo E DI. Page 1 of 22

Rev. 11/04/2008 Manuale Organizzativo E DI. Page 1 of 22 MANUALE ORGANIZZATIVO E DI CORPORATE GOVERNANCE Page 1 of 22 Indice I - INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA...3 1.2 OBIETTIVI DEL MANUALE...3 1.3 AMBITO DI APPLICAZIONE...4 II - ORGANIGRAMMA FUNZIONALE... 5

Dettagli

S T A T U T O (Assemblea Straordinaria dei soci del 28/07/2008)

S T A T U T O (Assemblea Straordinaria dei soci del 28/07/2008) S T A T U T O (Assemblea Straordinaria dei soci del 28/07/2008) ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione LIBERA ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CONSULENTI TRIBUTARI E DEI SERVIZI PROFESSIONALI,

Dettagli

ESTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI CONTABILITA, GESTIONE FISCALE DELL ENTE E GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PERSONALE. CIG 4686617EAE

ESTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI CONTABILITA, GESTIONE FISCALE DELL ENTE E GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PERSONALE. CIG 4686617EAE ESTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI CONTABILITA, GESTIONE FISCALE DELL ENTE E GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PERSONALE. CIG 4686617EAE Questo Ente, sprovvisto al suo interno di idonee figure professionali,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento, da parte della Bari Multiservizi S.p.a. (in seguito, per semplicità, denominata società),

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Tiitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Ambito della disciplina 1. Nell esercizio dell autonomia

Dettagli

UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE (costituita, con atto pubblico, in data 21/09/1983)

UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE (costituita, con atto pubblico, in data 21/09/1983) Pag. 1 UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE (costituita, con atto pubblico, in data 21/09/1983) STATUTO Redatto, in data 03/08/2012, con Atto Pubblico

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO settembre-ottobre 2012 INCONTRO COL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI MARIO MONTI DECRETI-LEGGE Crescita-bis Tutela della salute PROGETTI DI LEGGE NOTIZIE FLASH

Dettagli

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE Partito Democratico di Basilicata REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE Testo modificato ed approvato dalla Direzione Regionale del 23/01/2010 1 Principi ispiratori Il Regolamento Finanziario del partito ha

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DI TUTELA DELL UTENZA

REGOLAMENTO DI TUTELA DELL UTENZA REGOLAMENTO DI TUTELA DELL UTENZA ART. 1. SEZIONE I Disposizioni generali Finalità e Obiettivi Il presente Regolamento definisce le procedure di tutela dell utenza del servizio idrico integrato toscano

Dettagli

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R.

Dettagli

Assifact. Annuario 2012 del Factoring

Assifact. Annuario 2012 del Factoring Assifact Annuario 2012 del Factoring Assifact, Annuario 2012 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL Roma, 7 Novembre 2001 tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente per le imprese e per i

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE Allegato A alla delibera n. 294 del 13/12/2005 REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 Costituzione La Borsa Immobiliare dell Umbria, istituita con deliberazione della Giunta Camerale n. 719 del 25/11/1991 e successivi

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo

Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo Città di Orbassano Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo AVVISO La Città di Orbassano, anche per l anno 2015, intende partecipere all iniziativa Reciproca

Dettagli

Statuto Federazione Regionale Confapi Marche

Statuto Federazione Regionale Confapi Marche Statuto Federazione Regionale Confapi Marche Ancona, 11.04.2011 TITOLO I DEFINIZIONE E SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 In adempimento alle prescrizioni di cui all'art. 4 dello Statuto della Confederazione

Dettagli

INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. denominata "Intelligence Culture and Strategic Analysis" in

INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. denominata Intelligence Culture and Strategic Analysis in Pubblichiamo di seguito i principali articoli dello Statuto della Fondazione. INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituita per iniziativa dei Fondatori

Dettagli

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9 COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza

Dettagli

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8 ALLEGATO 2 Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino Codice CIG: 03477181F8 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-RUSSA

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-RUSSA STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-RUSSA In Italia Corso Sempione, 32/B 20154 Milano Tel.: +39 02 86995240 Fax: +39 02 85910363 info@ccir.it www.ccir.it In Russia Nižnij Kislovskij pereulok, 1 125009

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze ART. 1 Denominazione E' costituita, ai sensi dell art. 2, comma 5, Legge 29 dicembre 1993, n. 580 PromoFirenze Azienda speciale della Camera di Commercio Industria

Dettagli

ACCORDO SINDACALE 1. RELAZIONI SINDACALI 2. FINANZIAMENTO 3. SPORTELLI PERIFERICI

ACCORDO SINDACALE 1. RELAZIONI SINDACALI 2. FINANZIAMENTO 3. SPORTELLI PERIFERICI ACCORDO SINDACALE 1. RELAZIONI SINDACALI A seguito di ampio confronto sui problemi del settore e sui riflessi degli stessi nei confronti delle imprese, dell occupazione e dei lavoratori impiegati, le parti

Dettagli

STATUTO «FONDAZIONE UNIVERSITARIA INUIT-TOR VERGATA»

STATUTO «FONDAZIONE UNIVERSITARIA INUIT-TOR VERGATA» STATUTO «FONDAZIONE UNIVERSITARIA INUIT-TOR VERGATA» Fondazione Universitaria di diritto privato ai sensi dell art. 59, comma 3, Legge 23 dicembre 2000, n. 388 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F.

ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F. ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F. STATUTO Titolo I COSTITUZIONE Articolo E costituita l associazione, intesa a promuovere ed applicare l etica professionale tra le imprese di onoranze funebri,

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ANSALDO STS S.P.A. IN DATA 11 FEBBRAIO 2015 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO...

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Definizioni) 1. Ai fini della presente legge si intende per:

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Definizioni) 1. Ai fini della presente legge si intende per: DISEGNO DI LEGGE (S-386) Disposizioni per la promozione e lo sviluppo della responsabilità sociale delle imprese, nonché delega al Governo per l adozione di norme recanti incentivi alle imprese socialmente

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005)

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005) Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA Principi Il Sistema di Corporate Governance Brembo ha assicurato, anche nel corso dell esercizio 2005, l integrale adesione alle disposizioni

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO PER LA GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

Dettagli

A.Pe.D.F.V.G. ASSOCIAZIONE PERITI DANNI FRIULI VENEZIA GIULIA

A.Pe.D.F.V.G. ASSOCIAZIONE PERITI DANNI FRIULI VENEZIA GIULIA STATUTO TITOLO PRIMO Denominazione, sede, scopo Art. 1 Art. 2 Art. 3 E costituita in Udine l Associazione A.Pe.D.F.V.G. Associazione Periti Danni Friuli Venezia Giulia per l accertamento e la stima dei

Dettagli

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007.

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 7 Roma, 5 febbraio 2008 Al Ai Dirigente Generale Vicario Responsabili di tutte le Strutture Centrali e Territoriali e p.c. a: Organi Istituzionali

Dettagli

STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI

STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI - ARTICOLO 1. E costituita una Associazione denominata SIRBO Sindacato Commercialisti di Bologna alla quale possono aderire

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL FINE DI DEMANDARE AL COMUNE DI LOVERE IL RUOLO DI STAZIONE APPALTANTE PER LA GESTIONE

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE L anno duemilaquattordici (2014), il giorno del mese di con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, TRA Il comune di Campotosto

Dettagli

STUDIO LEGALE BORGHI

STUDIO LEGALE BORGHI BORGHI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE AVV. ERMENEGILDO BORGHI e.borghi@slblex.it Avv. LUIGI BORGHI luigi.borghi@slblex.it Avv. LUCA BORGHI luca.borghi@slblex.it Avv. ROBERTA DEL BIANCO r.delbianco@slblex.it

Dettagli

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Approvato con Delibera di Giunta n.55 del 7 settembre 2011 Art. 1 Denominazione e sede È costituita, ad iniziativa della Camera di Commercio, Industria,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I Art. 1 Costituzione E costituita una Associazione denominata "Editum", con sede in Ariccia (RM) L Associazione è senza fine di lucro e con divieto di distribuzione

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Strumenti di impiego temporaneo dei lavoratori stranieri negli eventi Expo DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA Relatore:

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Generali Italia S.p.A. VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione (Art. 13 del Decreto Legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Regolamento Pagina 2 di 14 - Pagina

Dettagli

Art. l Denominazione, sede e scopo

Art. l Denominazione, sede e scopo STATUTO ANCI MARCHE Art. l Denominazione, sede e scopo In conformità agli Articoli n 3, 32, 33 dello Statuto dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) è costituita l Associazione Regionale

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge regionale 27 dicembre 2007, n. 69 Norme sulla promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali. (Bollettino Ufficiale n. 1, parte prima,del 03.01.2008 ) CAPO I

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni sede legale e direzione generale in Bolzano ABI 05856.0 codice fiscale, partita IVA e iscrizione al registro delle imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 1 Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 OGGETTO: Richieste di informazioni ai sensi dell articolo 114, comma 5, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di indennità per scioglimento

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli