PONTECAGNANO FAIANO. Carta dei Servizi della Polizia Municipale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PONTECAGNANO FAIANO. Carta dei Servizi della Polizia Municipale"

Transcript

1 PONTECAGNANO FAIANO Carta dei Servizi della Polizia Municipale

2 Introduzione INDICE PREMESSA Cos è la Carta e come funziona I principi fondamentali I nostri obiettivi IMPEGNI E GARANZIE Caratteristiche del Corpo della Polizia Municipale: - Chi siamo - Come siamo organizzati - La professionalità del vigile - La nostra dotazione strumentale I servizi che offriamo Standard di qualità dei servizi offerti RAPPORTI CON I CITTADINI Vivibilità e sicurezza dei cittadini Tutela del consumatore Informazioni sulla città e viabilità. Accesso agli atti Sicurezza stradale - Incidente stradale - Richiesta intervento e procedure. - Strada e segnaletica: modalità segnalazione e intervento Sanzioni - Sanzioni C.d.S. Informazioni su pagamenti e ricorsi - Sanzioni accessorie di competenza del Comune violazioni a norme di Regolamenti Comunali ed alle Ordinanze del Sindaco - Strade e segnaletica modalità segnalazione e intervento - Autorizzazione modalità di richiesta e procedure. INFORMAZIONI UTILI Recapiti ed orari da ricordare Revisione della Carta dei Servizi

3 INTRODUZIONE Informare i cittadini è per la Pubblica Amministrazione un dovere fondamentale, ma soprattutto un esigenza irrinunciabile, pari a quella dei cittadini di essere informati. La Carta dei Servizi rappresenta un importante strumento per conoscere meglio e più da vicino la Polizia Municipale e per sapere quali e quante attività impegnano quotidinamente i nostri Vigili Urbani nei settori più disparati, dalla sicurezza del territorio all infortunistica, dalla viabilità al commercio, dall edilizia all ambiente, solo per citarne alcuni. Il presente documento costituisce un canale di comunicazione privilegiato tra la Polizia Municipale ed i cittadini, uno strumento per dialogare e rafforzare, attraverso la conoscenza diretta, quel legame di fiducia e di reciproca collaborazione che deve fondare ed alimentare il rapporto tra la comunità cittadina ed i suoi Vigili Urbani. La Carta dei Servizi della Polizia Municipale è un sicuro strumento di trasparenza e visibilità del nostro operato, non sempre conosciuto compiutamente dal cittadino utente dei servizi proposti giornalmente dal personale appartenente al Corpo. Il cittadino è il nostro punto di partenza e di arrivo. Da lui riceviamo le segnalazioni di quelle esigenze che, se soddisfatte, permettono di migliorare la vita cittadina nei vari settori in cui è presente la Polizia Municipale: la mobilità, l ambiente, la sicurezza, l infortunistica stradale, l edilizia, il commercio e tutte le altre che con il passare del tempo interessano la vigilanza urbana. Dal cittadino provengono anche quelle critiche che ci offrono lo spunto per migliorare la capacità di intervento e le modalità delle relazioni con la cittadinanza, al fine di costruire un rapporto di fiducia con la propria Città. In questo senso la Carta dei Servizi diventa precisa assunzione di impegno da parte della Polizia Municipale.

4 PREMESSA Cos è la Carta e come funziona La Carta dei Servizi della Polizia Municipale del Comune di Pontecagnano Faiano rappresenta un patto tra l Amministrazione Comunale ed i cittadini, nella quale il Corpo di Polizia Municipale informa in modo completo sulle attività che svolge e rende esplicite le modalità con cui si impegna ad erogare i propri servizi. In particolare la Carta, ispirandosi alla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del , definisce i principi fondamentali e gli standard di qualità che la Polizia Municipale intende garantire nella gestione dei propri servizi. I principi fondamentali Il Corpo di Polizia Municipale, si impegna ad erogare i propri servizi alla comunità rispettando i seguenti principi fondamentali, previsti dalla Direttiva indicata: Eguaglianza ed imparzialità Le regole su cui si basa il rapporto tra i cittadini ed il Servizio di Polizia Municipale sono uguali per tutti, a prescindere dal sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche. Particolare attenzione viene prestata nei confronti di persone disabili, dei bambini e dei minori, degli anziani e di coloro che appartengono alle fasce deboli. Ai cittadini viene garantito un trattamento imparziale ed obiettivo nelle diverse situazioni che si presentano. La Polizia Municipale garantisce la costante presenza anche sulle aree più decentrate del territorio comunale così da offrire a tutti i cittadini parità di servizi. Partecipazione I cittadini vengono informati costantemente ed in modo dettagliato rispetto ai servizi erogati ed ai progetti della Polizia Municipale. In particolare si chiede ai cittadini di partecipare attivamente attraverso proprie proposte, segnalazioni, reclami e suggerimenti che possono aiutare a migliorare il servizio offerto. Chiarezza e trasparenza Il cittadino ha diritto di conoscere il nome del Responsabile del procedimento a proprio carico ed i tempi relativi di esecuzione. Efficacia ed efficienza

5 Il Servizio di Polizia Municipale si impegna a perseguire l obiettivo prioritario del continuo miglioramento dell efficienza e dell efficacia dei servizi erogati, attraverso il costante aggiornamento e l utilizzo di soluzioni tecnologiche ed organizzative adatte agli scopi. I nostri obiettivi La Polizia Municipale ha il compito di far conoscere e rispettare le norme che regolano la convivenza civile all interno del territorio comunale, costituendo una istituzione riconosciuta dai cittadini e depositaria della fiducia degli stessi, ponendosi come primo referente sul territorio per l Amministrazione Comunale. Il servizio svolto dalla Polizia Municipale è orientato a garantire la migliore fruizione della Città per i cittadini, favorendo il pieno godimento degli spazi e l utilizzo dei servizi nell ambito comunale. La Polizia Municipale si pone come obiettivo di essere un referente per la vita di tutti i giorni, per orientarsi nella città e per far conoscere i servizi che questa offre. Il Corpo di Polizia Municipale, oltre ad essere un istituzione cittadina, è un organizzazione di persone che agiscono in modo omogeneo, a favore del rispetto delle regole di convivenza e per il bene della città, basando la propria missione su alcuni principi fondamentali e condivisi: Giustizia Imparzialità Disponibilità e spirito di servizio L operatore della Polizia Municipale è un importante punto di riferimento per la collettività, svolge i suoi compiti in maniera autorevole, dimostrandosi cioè preparato professionalmente ed aperto al contatto relazionale, capace di sviluppare le attività attraverso la migliore interpretazione delle situazioni e delle problematiche incontrate, applicando un approccio educativo ed orientato a dare risposta ai bisogni della cittadinanza. Le modalità di azione e di intervento partono dall ascolto dei bisogni del cittadino, al fine di individuare soluzioni adeguate ed orientate al benessere comune, indirizzando ai servizi ed alle possibilità d uso della città con una funzione di aiuto e di supporto costante.

6 IMPEGNI E GARANZIE Caratteristiche del Corpo della Polizia Municipale Chi siamo Il Corpo della Polizia Municipale di Pontecagnano Faiano è composto da n 21 unità, a cui si aggiungono n 1 impiegato amministrativo e n 1 operaio addetto alla segnaletica. Il personale appartenente alla Polizia Municipale è così suddiviso: ORGANICO NUMERO UNITA Comandante 1 Ufficiali 4 Agenti 16 TOTALE TOTALE La distribuzione attuale del personale è: 71% uomini e 29% donne. In rapporto con la popolazione residente del Comune (26575 abitanti) è di 1 unità ogni 1265 cittadini. Come siamo organizzati Il Corpo della Polizia Municipale realizza attività ed interventi specifici al fine di garantire l ordinato svolgimento delle seguenti attività: controllo della mobilità e sicurezza stradale tutela del consumatore tutela della qualità urbana tutela della vivibilità e della sicurezza Esso infatti è nato come strumento proprio dell Amministrazione Comunale e la sua stessa organizzazione funziona come Settore interno all Ente Locale stesso. Nella sua complessa organizzazione la Polizia Municipale si caratterizza per Aree di Servizio, che costituiscono un riferimento per gli ambiti di intervento.

7 Vi presentiamo l organigramma della Polizia Municipale, che evidenzia i vari uffici in cui siamo suddivisi e le tante attività svolte. SINDACO COMANDANTE SEGRETERIA COMANDO POLIZIA AMMINISTRATIVA POLIZIA STRADALE POLIZIA GIUDIZIARIA ED EDILIZIA INFORMAZIONI POLIZIA ECOLOGICA SERVIZI POLIZIA STRADALE POLIZIA EDILIZIA PROTOCOLLO POLIZIA COMMERCIALE SEGNALETICA STRADALE POLIZIA GIUDIZIARIA SALA OPERATIVA CORSO PUBBLICO INFORTUNISTICA STRADALE RISCOSSIONE COATTIVA REPRESSIONE AMBULANDATO ABUSIVO CONTRAVVENZIONI ISTRUTTORIA RICORSI SERVIZI OPERATIVI TRIBUTI LOCALI GESTIONE BENI STRUMENTALI SERVIZI PROTEZIONE CIVILE CASA, SGOMBRI E ASSISTENZA ALLOGGIATIVA

8 La professionalità del vigile L obiettivo dell Amministrazione Comunale è quello di garantire una adeguata risposta alle istanze del cittadino. In tale ottica il Corpo di Polizia Municipale assicura, oltre alla normale attività di istruzione professionale, una costante azione di formazione del personale attraverso specifici corsi. Essere un operatore di Polizia Municipale significa ricoprire un ruolo formale importante e riconosciuto sul territoro, ma lo stesso impone che le persone impegnate in tale funzione mettano in atto competenze fondamentali, costituenti una professionalità complessa e socialmente rilevante. E importante sottolineare che il ruolo richiesto dall istituzione formale deve essere giustificato e supportato, in modo informale, dalle capacità e dal comportamento delle stesse persone. Le componenti professionali principali possono essere così valorizzate: capacità di mettersi in sintonia e creare comprensione reciproca, attraverso la relazione diretta con il cittadino, al fine di cogliere il cuore dei bisogni della persona e contemporaneamente trasmettere messaggi educativi forti; modalità di rapporto basata sul rispetto reciproco, nei momenti di confronto con il cittadino capace di realizzare una funzione rassicurante e riaffermare costantemente la fiducia riposta dai cittadini; competenza specifica di settore, attraverso conoscenza e capacità di interpretazione delle normative nazionali e locali, che riguardano la convivenza civile e la regolazione in generale delle attività sul territorio urbano; conoscenza del territorio comunale, dei servizi e delle attività necessari e possibili per supportare e favorire la vita delle persone in città, per orientare ogni singolo cittadino alla miglior soluzione possibile; disponibilità al servizio, intesa come capacità di essere sempre pronti ad intervenire, se chiamati o di fronte a necessità della collettività, ed agire secondo una logica non individualistica ma finalizzata al bene comune; presa in carico del problema del cittadino, ove l operatore si pone come rappresentante dell Amministrazione Pubblica e si propone di dare una risposta concreta e completa allo stesso, rispondendo a bisogni ed aspettative che questi ripone nell Amministrazione Comunale. La nostra dotazione strumentale I servizi garantiti dalla Polizia Municipale vengono forniti anche attraverso alcuni strumenti considerati gli attrezzi del mestiere ed utilizzati sul territorio oppure negli uffici amministrativi. Tutti gli uffici della Polizia Municipale sono dotati di strumenti informatici ( personal computer, terminali, stampanti). Per i servizi erogati sul territorio, la strumnetazione utilizzata si differenzia tra: - il parco veicoli - altre strumentazioni tecniche.

9 Il parco veicoli del Comando conta in totale n. 15 mezzi, così suddivisi: Autoveicoli 8 Motocicli 5 Furgone infortunistica stradale 1 Furgone segnaletica stradale 1 TOTALE 15 I servizi che offriamo L obiettivo della Carta dei servizi è anche quello di offrire ai cittadini una guida completa con tutte le attività svolte dal Corpo di Polizia Municipale. Una panoramica dei principali servizi erogati dalla Polizia Municipale è proposta di seguito, indicando per ogni sezione, tali servizi svolti: MOBILITA E TRAFFICO SALA RADIO Rilascio nulla osta occupazioni suolo pubblico per: - traslochi - piccole manutenzioni - manifestazioni Rilascio nullaosta pubblicità temporanea Rilascio autorizzazioni e/o nullaosta per gare sportive Raccolta segnalazioni/reclami/suggerimenti Informazioni al pubblico ANNONA E COMMERCIO INFORTUNISTICA Gestione e controllo mercato settimanale Controlli di attività commerciali, ambulanti e pubblici esercizi Rilevamento degli incidenti stradali e procedure amministra tive e giudiziarie connesse SICUREZZA DEL TERRITORIO VIABILITÀ presenza sul territorio e contatti con i cittadini controllo di scuole, parchi e giardini indagini di polizia giudiziaria anche in collaborazione con al tre forze di polizia controlli su cantieri, occupazioni di suolo pubblico e circolazione stradale presidio del territorio e interventi su segnalazione da parte di privati regolazione del traffico vigilanza e controllo viabilistico per manifestazioni sportive, re ligiose, ricreative ricezione denuncia di smarrimento/ sottrazione di patente di guida e carta di circolazione e rilascio documento provvisorio

10 EDILIZIA E AMBIENTE SEGRETERIA COMANDO SANZIONI E RICORSI accertamento illeciti amministrativi e penali in materia edilizi a ed ambientale Rilascio permessi di circolazione e/o sosta: - zona traffico limitato - area pedonale - invalidi Organizzazione e gestione del personale Gare e contratti Determine riscossione sanzioni pecuniarie e proventi per atti amministrativi gestione delle procedure relative a sanzioni per violazioni al Codice della Strada, a regolamenti comunali, ordinanze, leggi speciali gestione procedure per sequestri, fermi, ritiro documenti di cir colazione notifica delle sanzioni amministrative gestione del ruolo (multe non pagate) gestione dei ricorsi alle violazioni amministrative restituzione importi versati in eccesso Standard di qualità dei servizi offerti AREA SICUREZZA DEL TERRITORIO Segnalazioni scritte Risposte a reclami Presa in carico oggetti rinvenuti Rilascio autorizzazioni piccole occupazioni suolo pubblico Per periodi non superiori alle 12 ore Rilascio permessi sosta per persone con ridotte Capacità deambulatorie Richiesta di accesso ai documenti Richieste di accesso documentazione sinistri stradali Sorveglianza scuole Esecuzione ordinanze trattamenti sanitari obbligatori Servizi di pronto intervento Centrale Operativa Servizio di reperibilità STANDARD Intervento entro 7 giorni dall arrivo 10 giorni dall arrivo 1 ora 3 giorni dalla presentazione della richiesta 7 giorni dalla presentazione della richiesta della documentazione 30 giorni dalla presentazione giorni a seconda dei casi Intero anno scolastico in concomitanza con l entrata e l uscita degli alunni Immediato 12 ore nei giorni feriali e festivi ( 08:00-20:00) 365 giorni all anno Dalle 20:00 alle 08:00 per 365 giorni all anno Apertura uffici Dal lunedì al venerdì con orario 08:30-12:30

11 e 16:00-20:00 AREA SICUREZZA STRADALE Infortunistica stradale Procedura sanzionatoria violazioni CdS Oblazione sanzioni CdS direttamente al Comando Servizi di scorta ai veicoli e di trasporto eccezionale Controlli per l utilizzo del casco, delle cinture, il controllo delle velocità, il rispetto della segnaletica, repressione, guida in stato di ebrezza Segnalazione guasti stradali AREA SICUREZZA DELL AMBIENTE Vigilanza edilizia su segnalazione Vigilanza edilizia di iniziativa Vigilanza ambientale Vigilanza impianti pubblicitari Vigilanza corretto utilizzo spazi ed aree pubbliche Vigilanza veterinaria STANDARD Interventi immediati o almeno entro 20 minuti dalla segnalazione Notifica al trasgressore entro 90 giorni dalla data di contestazione Non ammesso Entro 7 giorni dalla richiesta Quotidiane Inoltro immediato all ufficio o Ente competente STANDARD Entro 7 giorni Quotidiana Quotidiani di iniziativa e su segnalazione Quotidiani di iniziativa e su segnalazione Quotidiani di iniziativa e su segnalazione Quotidiani di iniziativa e su segnalazione RAPPORTI CON I CITTADINI Vivibilità e Sicurezza dei cittadini Al fine di assicurare ai cittadini una civica convivenza vengono individuati meccanismi e strumenti di partecipazione alla sicurezza urbana attraverso segnalazioni illeciti e richieste di interevento. Laddove il cittadino voglia effettuare una segnalazione di illecito riscontrata sul territorio o richiedere interventi, deterrenti o a scopo preventivo, per contrastare la microcriminalità e le forme di disagio urbano, può contattare la Sala Operativa della Polizia Municipale, al numero oppure , che provvederà a registrare la segnalazione e a trasmetterla alle risorse impegnate sul territorio. A seconda del grado di priorità della segnalazione e della complessità dell intervento richiesto, la polizia Municipale provvederà ad effettuare controlli specifici, nel più breve tempo possibile e in seguito a dare una risposta al cittadino sul procedimento attivato entro 30 giorni. Le iniziative intraprese per la tutela della pubblica sicurezza potranno altresì protarsi per un tempo più lungo. Poiché alcuni degli interventi richiesti per la sicurezza del cittadino si collegano ad iniziative in collaborazione con le Forze dell ordine e/o possono rientrare nella conduzione di indagini preesistenti, è possibile che le forme di controllo e

12 monitoraggio del territorio siano effettuate da operatori in borghese e quindi non evidenti al pubblico. Nel caso in cui il cittadino, o una persona prossima, si trovi di fronte a situazioni di conflitto, presenze disturbanti o degrado, tali da necessitare dell intervento urgente della Polizia Municipale, contattare immediatamente: - la Sala Operativa della Polizia Municipale, al numero oppure che provvederà a mandare una pattuglia al più presto, compatibilmente con lo svolgimento degli altri servizi in corso; - ogni operatore della Polizia Municipale che si trovi su strada, che avrà cura di orientare il cittadino e condurlo a condizione di sicurezza. Tutela del consumatore Per effettuare una segnalazione di illecito in ambito commerciale o edilizio o nell ipotesi di truffa, il cittadino potrà richiedere un intervento, purché in forma non anonima, rivolgendosi agli uffici della Polizia Municipale. La segnalazione può essere fatta secondo diverse modalità: - Lettera firmata indirizzata al Corpo Polizia Municipale ( via Roma, snc - cap 84098); - Segnalazione telefonica alla Polizia Giudiziaria ( ); - Segnalazione telefonica alla Polizia Annonaria ( ); - Segnalazione telefonica alla Polizia Edilizia ( ). A seguito di una segnalazione identificata dei cittadini, secondo il tipo di intervento richiesto, il nucleo operativo provvederà ad effettuare un controllo immediato o programmato, sarà quindi cura della Polizia Municipale fornire al cittadino una risposta in merito al procedimento attivato ed agli esiti della segnalazione entro il termine di 30 giorni. Informazioni sulla città e viabilità Accesso agli atti La Polizia Municipale, al fine di favorire l orientamento delle persone sul territorio e la fruizione dei servizi offerti dall Amministrazione Comunale, si renderà disponibile a dare indicazioni ed informazioni al cittadino, purché nel rispetto delle attività svolte e delle priorità di intervento. Il cittadino potrà contattare ogni operatore della Polizia Municipale che si incontri su strada. La Polizia Municipale, in occasione delle ordinanze comunali e delle manifestazioni che comportano modifiche alla viabilità locale, si fa carico di diffondere le informazioni utili ai cittadini per circolare in città rispettando modifiche e norme. Ogni cittadino che voglia avere informazioni sulla viabilità e sulle eventuali modifiche di percorso o restrizioni al traffico veicolare, possono contattare la Centrale Operativa al numero oppure Qualora il cittadino richieda di accedere agli atti che lo riguardano, deve presentare all Ufficio Competente una richiesta scritta di accesso agli atti, in carta libera, da

13 produrre ai sensi della L. 241/90, accompagnata da copia di un documento di riconoscimento valido del richiedente. Il cittadino può trovare un fac-simile della richiesta di accesso agli atti presso gli Uffici della Polizia Municipale. Sicurezza stradale Incidente stradale richiesta intervento e procedure In caso di incidente stradale per richiedere l intervento, segnalare telefonicamente alla sala operativa della Polizia Municipale ( ) ed attendere l arrivo degli operatori sul posto. La Polizia Municipale provvederà ad effettuare gli accertamenti sul sinistro stradale, sulle persone coinvolte ed i testimoni, sui veicoli e lo stato della strada, redigendo un rapporto cui gli aventi diritto possono avere accesso nei tempi stabiliti dalla legge. Qualora le persone coinvolte nell incidente abbiano subito danni fisici, chiamare l emergenza sanitaria 118, indicando all operatore del 118 le condizioni dei feriti ed il numero degli stessi. Se non sussistono danni alle persone si può compilare il modulo di constatazione amichevole (ex CID), da trasmettere completo alle assicurazioni, senza chiedere l intervento della Polizia Municipale. Strada e segnaletica- modalità segnalazione e intervento Laddove il cittadino intenda effettuare una segnalazione relativamente a inidonee condizioni della strada o degli arredi urbani riscontrate sul territorio o richiedere interventi di riparazione può contattare la sala operativa della Polizia Municipale, al numero oppure , che provvederà a registrare la segnalazione e trasmetterla agli Uffici Competenti del Comune. A seconda del grado di priorità della segnalazione e della complessità dell intervento richiesto, la Polizia Municipale provvederà ad effettuare controlli specifici. Sanzioni Sanzioni C.d.S. Informazioni su pagamenti e ricorsi Come pagare: - presso gli Uffici Postali con il bollettino allegato o con versamento sul c.c.p. n intestato al Comando Polizia Municipale di Pontecagnano Faiano, indicando obbligatoriamente nella causale il numero di verbale; - con bonifico utilizzando il codice IBAN:IT43N indicando obbligatoriamente nella causale il numero di verbale;

14 - presso l Ufficio Contravvenzioni del Comando Polizia Municipale via Roma snc, solo mediante Bancomat o Carta di Credito. Scadenze Entro cinque giorni dalla notificazione del verbale, il trasgressore o il proprietario, per estinguere l illecito nei casi consentiti, è ammesso al pagamento della somma corrispondente al minimo edittale scontato del 30%; dal sesto al sessantesimo giorno è ammesso il pagamento della somma corrispondente al minimo edittale. Ricorsi il trasgressore o gli obbligati n solido, nel termine di sessanta giorni dalla notificazione del verbale di contestazione, qualora non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, nei casi consentiti, possono proporre Ricorso al Prefetto di Salerno. Il ricorso deve essere presentato al Prefetto a mani o mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento oppure presso la sede del Corpo do Polizia Municipaledi Pontecagnano Faiano sito alla via Roma, con le stesse modalità. Al ricorso possono essere allegati tutti i documenti ritenuti idonei e, inoltre, può essere eventualmente richiesta l audizione personale. Si avverte che il Prefetto, qualora ritenga fondato l accertamento, emette ordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una somma determinata nel limite non inferiore al doppio del minimo edittale per ogni singola violazione. In alternativa al ricorso proponibile al Prefetto, il trasgressore o gli obbligati in solido, nel termine di 30 giorni e sempre qualora non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, possono proporre ricorso al Giudice di Pace competente per territorio da depositare presso la Cancelleria del predetto Giudice direttamente dall interessato o tramite Procuratore Speciale, ovvero a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno. Qualora nei termini previsti non sia stato proposto ricorso e non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, il verbale costituisce titolo esecutivo per una somma pari al doppio dell importo della sanzione aumentato del 10% ogni sei mesi, oltre le spese di procedimento e i diritti di riscossione e sarà iscritto a ruolo, con atto da notificare entro 5 anni dalla notificazione (salvo interruzioni) ovvero si procederà al recupero tramite ingiunzione fiscale. Sanzioni amministrative di competenza del Comune, violazioni a norme Regolamenti Comunali ed alle Ordinanze del Sindaco Informazioni su pagamenti e ricorsi Entro il termine di 30 giorni dalla data della contestazione o notificazione della Violazione, il trasgressore e/o gli obbligati in solido, devono far pervenire il pagamento e/o possono far pervenire all Autorità Competente a ricevere il rapporto, scritti difensivi, documenti e possono chiedere di essere sentiti personalmente dalla medesima autorità.

15 L autorità competente, sentiti gli interessati, ove questi ne abbiano fatto richiesta, ed esaminati gli scritti ed i documenti prodotti, se ritiene fondato l accertamento, respinge il ricorso e determina con ordinanza-ingiunzione motivata la somma dovuta per la violazione e ne ingiunge il pagamento, insieme con le spese di procedimento e notifica del verbale e dell ordinanza-ingiunzione all autore della violazione ed alle persone obbligate in solido. Altrimenti, la stessa Autorità emette ordinanza motivata di archiviazione del verbale comunicandola integralmente ai soggetti interessati e all organo che ha redatto il rapporto. Qualora entro 30 giorni non sia intervenuto il pagamento in misura ridotta e non sia stato presentato ricorso avverso il verbale di accertamento e contestazione, l Autorità competente di cui all art.4, entro 5 anni dalla data di contestazione immediata o di notifica del processo verbale di accertamento determina con ordinanza motivata la somma dovuta per la violazione e ne ingiunge il pagamento, insieme con le spese di procedimento e notifica del verbale e dell ordinanza-ingiunzione all autore della violazione ed alle persone obbligate in solido. Contro l ordinanza ingiunzione di pagamento gli interessati possono proporre opposizione davanti al Giudice di Pace di Salerno entro 30 giorni dalla notificazione della stessa mediante deposito presso la cancelleria del giudice. Decorso inutilmente il termine fissato per il pagamento dell ordinanza-ingiunzione si procede entro 5 anni alla riscossione coattiva delle somme dovute in base a quanto previsto dall art. 27 della Legge 689/81. Strada e segnaletica modalità segnalazione e intervento Laddove il cittadino intenda effettuare una segnalazione relativamente a inidonee condizioni della strada o degli arredi urbani, riscontrate sul territorio, o richiedere interventi di riparazione può contattare la sala operativa della Polizia Municipale, al numero oppure , che provvederà a registrare la segnalazione e a trasmetterla agli Uffici Competenti. A seconda del grado di priorità della segnalazione e della complessità dell intervento richiesto, la Polizia Municipale provvederà ad effettuare controlli specifici. Autorizzazione modalità di richiesta e procedure I cittadini, in possesso di precisi requisiti soggettivi, possono richiedere autorizzazioni permanenti o permessi giornalieri, secondo diverse modalità e procedure, in base alla natura della richiesta. a. Rilascio autorizzazioni temporanee di sosta in deroga e/o transito e sosta in deroga in zone a traffico limitato ed arre pedonali per: - trasloco - manifestazioni civili - cerimonie religiose. b. Rilascio autorizzazioni parcheggio per disabili Su richiesta di cittadini residenti nel Comune di Pontecagnano Faiano e con certificazione rilasciata, a seguito di visita medica, dall Ufficio Medico-Legale dell Azienda ASL. La modulistica, con indicata la procedura per l autorizzazione da richiedere, può essere ritirata presso il Comando di Polizia Municipale via Roma snc.

16 La richiesta di autorizzazione deve essere presentata al Comando di Polizia Municipale in via Roma, completata in ogni sua parte e con allegata la documentazione in essa specificata. INFORMAZIONI UTILI Recapiti e orari o da ricordare Sala Radio Pronto Intervento Tel fax Comandante: Cap. Altamura Antonio Tel Segreteria Comando Tel Polizia Giudiziaria Edilizia Ambiente Tel Polizia Annonaria Tel Polizia stradale Viabilità Tel Ufficio Contravvenzioni Tel Servizi di Protezione Civile Tel Servizio casa Tel La revisione della Carta dei Servizi Al fine di migliorare costantemente gli standard di efficacia ed efficienza assicurati al cittadino, la Carta dei Servizi viene periodicamente rivista, per assicurare la continua adeguatezza ai bisogni della collettività ed alle regole interne dell'organizzazione.

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un

La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un La contravvenzione Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un massimo, in base a quale criterio viene fissata la somma da pagare? Si tiene conto della gravità della violazione,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli