Valutazioni e misurazione dei rischi specifici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazioni e misurazione dei rischi specifici"

Transcript

1 Valutazioni e misurazione dei rischi specifici

2 ASQ Srl è la società del Sistema Cna Roma specializzata nell erogazione dei servizi di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/08). Attraverso un network nazionale, ed oltre 40 tecnici tra ingegneri, architetti e tecnici per la prevenzione, garantiamo una pluralità di competenze in grado di rispondere alle richieste di tutti i nostri clienti su: Valutazione dei rischi, DUVRI, POS, PSC, PiMUS, etc Valutazioni specifiche e misurazione dei rischi Valutazione e misurazione delle emissioni in atmosfera Pratiche autorizzative relative ad ambiente, sicurezza, antincendio, etc. Tutte le valutazioni seguono la normativa tecnica e tutte le linee guida definite dal Ministero del Lavoro e dal D.Lgs. 81/08 (Norma UNI, Buone Prassi) Inoltre, collaborando a stretto contatto con Enti Bilaterali, Organismi Paritetici (Eblart, Edilcassa) ed Istituzioni offre formazione e addestramento dei lavoratori garantendo la massima serietà dei risultati.

3 RUMORE 2 VIbRAZIONI 3 ROA RADIAZIONI OTTICHE ARTIfICIALI 4 MICROCLIMA 5 CAMpI ELETTROMAgNETICI 6 RIsCHIO CHIMICO 7 RIsCHIO CANCEROgENO ( polveri IN LEgNO) 8 RADON 9 ATMOsfERE EspLOsIVE 10 IMpATTO ACUsTICO 11 EMIssIONI IN ATMOsfERA 12 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI 14 1

4 RUMORE Valutazione del rischio rumore Il servizio divalutazione del Rischio Rumore si propone, nel rispetto della normativa sulla sicurezza D.Lgs. 81/08 e s.m.i, di individuare tutte le figure sensibiliintemadisaluteesicurezzasuiluoghidilavoro all'interno delle unità produttive, misurando i livelli acustici di attrezzature, mezzi e ambienti di lavoro. Il prodotto finale sarà la stesura di una relazione tecnica che deve essere parte integrante del documento di valutazione dei rischi. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Le misure saranno eseguite con fonometri integratori, compresi microfoni, cavi associati e calibratori con requisiti di classe 1, secondo le normative tecniche IEC 61672:2002 e IEC 60942:2003. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Ai sensi dell articolo 181 comma 2 del D.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. Tutte le attività sono soggette alla valutazione del rumore, la valutazione strumentale è obbligatoria se si ha motivo di ritenere superata la "soglia inferiore di azione" che è stata convenzionalmente fissata in 80 db(a). In alcuni casi si può procedere ad un autocertificazione da parte di un tecnico competente. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORMETECNICHE D.Lgs.81/08 e s.m.i. TitoloVIII, Capo II UNI 9432:2011 (Determinazione del livello di esposizione personale al rumore nell ambiente di lavoro) UNI EN ISO 9612:2011 (Determinazione dell'esposizione al rumore negli ambienti di lavoro - Metodo tecnico progettuale) UNI EN 458:2005 (Protettori dell udito - Raccomandazioni per la selezione, l uso, la cura e la manutenzione). 2

5 VIBRAZIONI Valutazione del rischio vibrazioni meccaniche (sistema mano braccio e sistema corpo intero) Il servizio divalutazione del RischioVibrazioni Meccaniche si propone, nel rispetto della normativa sulla sicurezza D.Lgs. 81/08 e s.m.i, di individuare tutte le figure sensibili in tema di salute e sicurezza suiluoghidilavoroall'internodelleunitàproduttive, effettuando monitoraggi vibrometrici su attrezzature e mezzi. Il prodotto finale sarà la stesura di una relazione tecnica che deve essere parte integrante del documento di valutazione dei rischi. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Le misure saranno eseguite con accelerometri specificiprogettatipereffettuaremisuresuattrezzature (elettroutensili) conesenzapercussionerispondenti alle normative tecniche UNI EN ISO :2004 / UNIENISO5349-2:2004eaccelerometridedicatialla misurazione di mezzi per movimento terra o trasporto rispondenti alla normativa tecnica UNI ISO :2008. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Aisensidell articolo181comma2deld.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. COMPARTO EDILIZIA (elettroutensili e macchine movimento terra) COMPARTO IMPIANTISTICA COMPARTO TRASPORTI COMPARTO LAVORAZIONE DEL LEGNO COMPARTOMETALMECCANICA/SERRAMENTISTICA COMPARTO AGRICOLTURA COMPARTO CARROZZERIE/OFFICINA MECCANICA. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE D.Lgs.81/08 e s.m.i. TitoloVIII, Capo III UNI EN ISO :2004 (Vibrazioni meccaniche - Misurazione e valutazione dell'esposizione dell'uomo alle vibrazioni trasmesse alla mano. Parte 1: Requisiti generali) UNI EN ISO :2004 (Vibrazioni meccaniche - Misurazione e valutazione dell'esposizione dell'uomo alle vibrazioni trasmesse alla mano. Parte 2: Guida pratica per la misurazione al posto di lavoro) UNI ISO :2008 (Vibrazioni meccaniche e urti - Valutazione dell'esposizione dell'uomo alle vibrazioni trasmesse al corpo intero. Parte 1: Requisiti generali). 3

6 ROA - RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI Valutazionedelrischioradiazioni otticheartificiali (ROA) Tutte le radiazioni ottiche non generate dal Sole (radiazioni ottiche naturali) sono di origine artificiale, cioè sono generate artificialmente da apparati. L intervallo delle lunghezze d onda considerato per le ROA è compreso tra 100 nm e 1 mm (con le bande spettrali degli infrarossi (IR), del visibile (VIS) e dell ultravioletto(uv). Se sono presenti ROA, occorrequantificaretaleesposizione, calcolandoomisurando i livelli delle radiazioni ottiche. Ove non vi sianosorgenti diradiazioniottiche(ove nesianoma di potenza trascurabile), il datore di lavoro non ha altri obblighi se non quello di constatare tramite un tecnico qualificato l assenza di rischio. Al contrario, in presenza di radiazioni significative, è necessario procedere ad una valutazione quantitativa più dettagliata. Il prodotto finalesarà la stesuradi una relazionetecnica che deve essere parte integrante del documento di valutazione dei rischi. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Lemisuresarannoeseguiteconunospettroradiometro fornito di specifici filtri per distinguere i tre diversi campi di lunghezze d onda da misurare (UV Visibile - IR) e software che consentono di effettuare una valutazione ROA specifica per ciascuna mansione lavorativa considerando ogni fonte di radiazione ottica artificiale presente nell ambiente di lavoro. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Aisensidell articolo181comma2deld.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. COMPARTO METALMECCANICA (qualsiasi attività con fasi lavorative di saldatura e fotoincisione) FORNI DI FUSIONE METALLI/VETRO DERMATOLOGIA / ESTETICA LABORATORI CON LAMPADE GERMICIDA CARROZZERIE (seinpossessodilampadeirperessiccazione). RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE D.Lgs. 81/08 e s.m.i.titoloviii, CapoV UNI EN :2005 Misurazione e valutazione dell esposizione personale a radiazioni ottiche incoerenti.parte1:radiazioniultravioletteemesseda sorgenti artificiali nel posto di lavoro UNI EN :2006 Misurazione e valutazione dell esposizione personale a radiazioni ottiche incoerenti. Parte 2: Radiazioni visibili ed infrarosse emesse da sorgenti artificiali nel posto di lavoro UNI EN :2008 Misurazione e valutazione dell esposizione personale a radiazioni ottiche incoerenti. Parte 3: Radiazioni UV emesse dal sole UNI EN :2007 Misurazione e valutazione dell esposizione personale a radiazioni ottiche incoerenti. Parte 4: Terminologia e grandezze utilizzateperlemisurazionidelleesposizioniaradiazioni UV, visibili e IR. 4

7 MICROCLIMA Valutazione del rischio microclima Ilserviziosiproponedivalutareilrischio Microclima ed effettuare i controlli volti a determinare il confort dei lavoratori o di chi si trova a stazionare in un determinato ambiente, secondo quanto previsto dalla normativa in vigore D. Lgs. 81/08 e relative norme tecniche. Per l'analisi del microclima si distinguono pertanto: ambientimoderati, concondizioninontroppodistanti da quelle ideali per l'organismo umano ambientisevericaldieambientiseverifreddi,neiquali specifiche ed ineludibili esigenze produttive determinanolapresenzadialteobassetemperature. Il prodotto finalesarà la stesuradi unarelazionetecnica che deve essere parte integrante del documento di valutazione dei rischi. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Le misure saranno eseguite con una centralina microclimatica fornita di specifiche sonde e software che consentono di effettuare una valutazione del microclima specifico per ciascuna mansione lavorativaconsiderando ancheildispendio energeticoe la tipologia di vestiario. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Aisensidell articolo181comma2deld.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. Ambienti moderati: uffici, cinema, teatri, sale per congressi/riunioni, biblioteche, asili nido, case di cura/riposo, autorimesse/garadge, laboratori di vario genere Ambienti severi caldi e ambienti severi freddi: forni, macellerie con laboratorio, supermercati con lab. carni, pasticcerie/gelaterie con laboratorio, tavole calde, cucine, magazzini interrati o seminterrati, serre, produzione di laterizi, forni di fusione metalli/vetro/ceramica. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE D.Lgs.81/08 e s.m.i. TitoloVIII, Capo I Valutazione del Microclima: UNIENISO7730(2006) benesseretermico(pmv PPD) UNIEN27243(1996)ambientisevericaldi(WBGT). UNI ENV ISO (2008) ambienti severi freddi (IREQ) UNI EN 7933 (2005) stress termico UNI (1995) impianti aeraulici. Strumenti e Metodi di Misura: UNI EN ISO 7726 (2002) strumenti per la misurazione delle grandezze fisiche UNI EN ISO 8996 (2005) determinazione del metabolismo energetico UNI EN ISO 9920 (2007) valutazione isolamento termico e resistenza evaporativa dell abbigliamento. 5

8 CAMPI ELETTROMAGNETICI Valutazione del rischio derivante da campi elettromagnetici I campi elettromagnetici sono definiti come campi magneticistaticiecampielettrici, magneticiedelettromagnetici variabili nel tempo di frequenza inferiore o pari a 300 GHz. I campi elettrici sono creati da differenze di potenzialeelettrico, otensioni: piùaltaèlatensione, piùintenso è il campo elettrico risultante. I campi magnetici si creano quando circola una corrente elettrica in una apparecchiatura elettrica: più alta è la corrente, più intenso è il campo magnetico. Il servizio si propone di valutare, misurare e calcolare i livelli dei campi elettromagnetici ai quali sono esposti i lavoratori ai sensi degli articoli 181 e 209 del D.lgs. 81/2008 e s.m.i. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Vengono utilizzati misuratori di campi elettromagnetici portatili ed analizzatori di campi elettrici e magnetici al fine di valutare l intero intervallo dello spettro 0Hz 300GHz. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Aisensidell articolo181comma2deld.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. Tra i lavori con fonti di rischio troviamo tutti quelli che utilizzano e si trovano nelle strette vicinanze di: apparati elettromedicali per risonanza magnetica, chirurgia con elettrobisturi ad alta frequenza o diatermia; sistemipersaldaturadielettricaetrattamenti termici ad induzione elettromagnetica; apparecchiature scientifiche (spettrografi magnetici); apparecchiature per la disinfestazione delle granaglie; impiantistica e utilizzo della telefonia cellulare; apparecchiature per l essiccazione della ceramica; apparecchiature presenti nelle cabine di conduzione treni; elettrodotti; antenne/ripetitori radio e televisive; forni a microonde; connessioni satellitari. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE La valutazione, le misurazioni e il calcolo dei livelli dei campi elettromagnetici, ai quali sono esposti i lavoratori, viene effettuata secondo le indicazioni del titoloviii, capo IV del D.lgs. 81/2008 e s.m.i. ed in particolare secondo le prescrizioni degli articoli 181 e 209 del decreto stesso. Le norme tecniche di maggior rilevanza nel settore della protezione dai campi elettromagnetici e della compatibilitàelettromagnetica disupportoallastesura della valutazione dei rischi sono le EN 50371, EN50392, EN50400, EN50413, EN50444, EN50445, EN 50500, EN , EN , EN , CEI e CEI

9 RISCHIO CHIMICO Valutazione del rischio chimico Il titolo IX del D. Lgs. 81/08 richiede di effettuare la valutazione del rischio chimico in ogni attività che utilizzi a qualunque scopo sostanze o preparati pericolosi per la salute dei lavoratori e per la sicurezza dei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro deve effettuare la valutazione del rischio chimico in modo preventivo all inizio dell attività che comportino l uso di agenti chimici pericolosi. La valutazione del rischio chimico deve essere effettuata secondo i criteri dell art. 223 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. e nei seguenti modi: stime grossolane del rischio (nelle situazioni ben definite sia come livelli di rischio che come caratteristiche del rischio.) modelli di calcolo (nei casi in cui non sono noti a priori i livelli di rischio e servono quindi a quantificarli) misurazioni ambientali e/o personali (per verificareilsuperamentodeivalorilimite, perverificare l efficacia delle misure di prevenzione e protezione messe in atto o per approfondire l analisi del rischio di situazioni rimaste nell incertezza). APPARECCHIATURE/ STRUMENTI/ MODELLI IMPIEGATI Il servizio offerto consiste nella redazione di un documento che indica i livelli di rischio, utilizzando un apposito algoritmo che da pesi diversi alle frasi rischio presenti nelle schede di sicurezza Il documento contiene: analisi del processo lavorativo classificazione delle mansioni identificazione degli agenti chimici pericolosi e delle loro proprietà attraverso l analisi delle relative schede di sicurezza livello il tipo e la durata dell esposizione quantità degli stessi misure adottate per la salute e sicurezza dei lavoratori. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Aisensidell articolo181comma2deld.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischi derivanti da esposizioniadagentichimicièprogrammataedeffettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. La valutazione deve essere effettuata in tutte le attività e luoghi di lavoro dove sono presenti lavoratori che utilizzano o sono indirettamente esposti ad agenti chimici. RIFERIMENTI LEGISLATIVI D.Lgs. n. 81/2008 -Titolo XI - Capo I art

10 RISCHIO CANCEROGENO (POLVERI DI LEGNO) Valutazione rischio cancerogeno da polveri di legno duro Secondo la ricerca condotta dallo IARC (Agenzia InternazionaleperlaRicercasulCancro) esistonosufficienti dati per definire le polveri da legno dure cancerogene per l uomo. Questa conclusione è basatasull osservazionediunaumentodell occorrenza di tumori dei seni nasali e paranasali nei lavoratori esposti a questa tipologia di polveri. E importante ricordare che l esposizioneapolveri di legno non provoca solo neoplasia, ma è responsabile anche di altre patologie non tumorali come ad esempio: alveolite allergica, asma bronchiale di tipo allergica, bronchite cronica (aggravata dall abitudine al fumo), irritazione oculare e nasale, dermatite irritativi etc. A seconda del tipo di lavorazione varia l esposizione al potenziale rischio: generalmente l incidenza è maggiore nei lavori di finitura che producono polvere fine, (per definizione frazione inalabile). Al fine di valutare l esposizione da polveri di legno duro, si procede al campionamento secondo la norma UNI EN 689:1997. Praticamentesiconvoglianolepolveri,prelevateilpiù vicino possibile al naso del lavoratore, in un filtro collegato su una pompa aspirante. Dal calcolo dell aria aspirataedalpesodellepolverisistimal esposizione del lavoratore. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Ilcampionamentodeveessereeffettuatodauntecnico competente. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Per i campionamenti della Frazione Inalabile delle polveri di legno duro aero disperse, deve essere utilizzata la seguente strumentazione: campionatore personale conetti di campionamento e relativi porta membrana; membrane filtranti in esteri misti di cellulosa per il campionamento personale. Il campionamento viene effettuato posizionando un conetto porta filtro ad una distanza media di 15 cmdallevierespiratoriedellavoratore. Laduratadel campionamento varia in funzione del numero di prelievi effettuati ed è indicato nel prospetto A.1 della norma tecnica UNI EN 689:1997. La determinazione gravimetrica delle polveri depositate sulle membrane filtranti dovrà essere effettuata presso un laboratorio competente. Sono tenuti a tale valutazione tutte quelle attività che sono esposte a polveri di legno duro (falegnamerie, carpenterie, ecc). RIFERIMENTI LEGISLATIVI D. Lgs. n. 81/2008-TitoloIX- CapoIIart UNI EN 481:1994 (Definizione delle frazioni granulometriche per la misurazione delle particelle aerodisperse.) UNI EN 689:1997 (Atmosfera nell ambiente di lavoro - Guida alla valutazione dell esposizione per inalazioneacompostichimiciaifinidelconfronto con i valori limite e strategia di misurazione). 8

11 RADON Valutazione rischio radon Il Radon è un gas nobile, più pesante dell aria e naturalmente radioattivo. La concentrazione del Radon in atmosfera è molto bassa, tuttavia in alcuni ambienti chiusi può accumularsi costituendo così un elevato rischio per la salute. Il Radon insieme ai suoi prodotti di decadimento è stato classificato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO)come agente cancerogeno di gruppo1. Il servizio offerto consiste nella valutazione della concentrazione media annuale di gas radon in aria, all interno dei locali di attività lavorative quali tunnel, sottovie, catacombe, grotte, compresi i luoghi di lavoro sotterranei, seminterrati (caratterizzati dal almeno tre lati, al di sotto del piano di campagna). Per lavoro in locali sotterranei o semisotterranei, è necessaria deroga da parte dell organo competente, la concessione della deroga prevede la valutazione ad esposizione a Radon. SORGENTI DI PROVENIENZA La provenienza del gas radon è riassumibile attraverso tre diverse sorgenti: suolo, materiali di costruzione (come ad esempi tufo, pozzolana) e acqua. I suoli ghiaiosi favoriscono il suo passaggio attraversoglispazichesicreanotralepietre, mentresuoli argillosi, caratterizzati dalla presenza di acqua contrastanoilsuopassaggioinquantoilgasinessasidisperde. DURATA DEL MONITORAGGIO Il monitoraggio del gas Radon si estende nell intero arco di un anno. E necessario procedere con un indagine su un lungo periodo per ottenere un dato rappresentativo, in quanto risente del periodo stagionale. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Vienedeterminatalapresenzaeconcentrazionedel gas radon, attraverso l uso di rilevatori a tracce nucleari caratterizzati da camere a diffusione, posizionati in punti strategici all interno dell ambiente da monitorare. Il rischio viene valutato all interno delle attività che si trovano al di sotto del piano di campagna, come ad esempio luoghi sotterranei dove si svolgono attivitàlavorative(palestre, laboratoriartigianali, etc) o che sono caratterizzate da almeno tre lati che rientrano nella definizione di interrati. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE La determinazione del gas radon e la sua misurazione nei luoghi di lavoro, sono predisposti quanto previsto dal D.lgs.230/1995 e s.m.i.. 9

12 ATMOSFERE ESPLOSIVE Valutazione rischi specifici derivanti da atmosfere esplosive e documento sulla protezione contro le esplosioni Valutazione dei pericoli di esplosione e classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione all interno delle imprese artigiane con elaborazione del Documentosullaprotezionecontroleesplosionisecondo quanto previsto dagli articoli 290, 293 e 294 del D.lgs. 81/2008 e s.m.i. APPARECCHIATURE IMPIEGATE Vengono verificate, attraverso l uso di termoanemometriafilocaldo, latemperaturaelavelocitàdell aria all interno delle cabine di verniciatura e dei luoghi con pericolo di esplosione ai fini della loro classificazione. Ilrischiovienevalutatoall internodeilaboratori che presentano gas o polveri infiammabili od esplodenti e sorgenti di innesco quali Falegnamerie, Autocarrozzerie e Panifici. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE La valutazione dei pericoli di esplosione, la classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione e l elaborazione del Documento sulla protezione contro le esplosioni sono predisposti quanto previsto dagli articoli 290, 293 e 294 del D.lgs. 81/2008 e s.m.i. (titolo XI) e seguendo le norme UNI e CEI tra cui UNI EN , CEI 31-66, CEI 31-30, CEI 31-56, UNI EN 12215, UNI EN 1539 e UNI EN

13 IMPATTO ACUSTICO Valutazione di impatto acustico Valutazione dell impatto acustico ambientale, finalizzata a verificare la compatibilità dell attività in esercizio con il contesto ambientale in cui è ubicata. Vengono effettuati rilevamenti fonometrici diurni e notturni ai fini di redigere la relazione di impatto acustico ambientale. APPARECCHIATURE IMPIEGATE I rilevamenti sono effettuati con fonometri di classe IconformeallespecifichedellenormeCEIEN60804, CEI EN 6065, CEI EN e CEI EN per il calibratore acustico, in modo tale che il margine di errore sia compreso in +/- 0,5 db(a). CARATTERISTICHE DEL TECNICO Le indagini e le relazioni vengono svolte da Tecnici Competenti in Acustica Ambientale, figura definita dalla Legge Quadro sull inquinamento acustico n. 447 del 26 ottobre 1995 che all art. 2, successivamentedisciplinatodald.p.c.m. 31marzo1998, ladefinisce come la figura professionale idonea per effettuare le misurazioni, verificare l ottemperanza ai valori di rumore definiti dalla legge, redigere i piani di risanamento acustico, svolgere attività di controllo. Sono tenuti a presentare la Valutazione di Impatto Acustico redatta da un Tecnico abilitato tutte le attività quali discoteche, circoli privati, impianti sportivi e ricreativi e tutti i pubblici esercizi ove siano installati macchinari o impianti rumorosi, ad esclusione delle attività a bassa rumorosità elencate nell'allegatobald.p.r.19ottobre2011,n.227, sempreché non utilizzino impianti di diffusione sonora ovvero svolgano manifestazioni ed eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE La documentazione viene redatta ai sensi della legge quadro 26 ottobre 1995, n. 447, del D.M. 16 marzo 1998, del D.P.C.M. 14 novembre 1997 e tenendo conto delle delibere dei consigli comunali sulla zonizzazione acustica del territorio. 11

14 EMISSIONI IN ATMOSFERA valutazione delle emissioni in atmosfera Le attività produttive ed alcune attività di servizio comportano l emissioni in atmosfera di sostanze inquinamenti. Il Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 prevede che la Provincia rilasci a queste attività un autorizzazione alle emissioni in atmosfera. Esistono diverse tipologie di autorizzazioni in funzione del potenziale inquinante: Esclusione da ogni adempimento previsto dalla ParteV del decreto legislativo 152/2006 a proposito di emissioni in atmosfera: attività commerciali e professionali, attività di servizio, bar senza cucina, gommisti, elettrauto etc Attività in deroga : impianti ed attività previsti dall'art. 272 comma 1: ristoranti, panifici, bar concucina, parrucchieri, estetisti, officine meccaniche, autolavaggi, piccoli impianti termici non ad uso civile, etc. Per tali attività è prevista la compilazione di un modulo da parte del legale rappresentante da consegnare alla Provincia di Roma 15 giorni prima dell apertura. Attività con dichiarazione di Non emissione fumi previste dalla D.C.P. 990 del 3/11/1994 della Provincia di Roma: marmisti, piccole tipografie, saldature occasionali, microsaldature, orafi con fusioni metalli, riparazione mobili e oggetti in legno, etc. Per tali attività è prevista la compilazione di un modulo da parte del legale rappresentante da consegnare alla Provincia di Roma 1 giorno prima dell apertura, a cui dovrà essere allegata la documentazione dell impianto di abbattimento adottato. Autorizzazione in via Generale : impianti ed attività previste dall'art. 272 comma 2 del decreto legislativo 152/2006: carrozzerie con verniciatura con uso di vernici non superiore a 20 kg/giorno, produzione di mobili (falegnami) a base di legno con uso di materie prime non superiore a 2000 kg/giorno, tipografie, verniciature e laccature, produzione di articoli in gomma o vetroresina, fabbri, lavanderie a secco, etc. Pertaliattivitàèprevistalacompilazionedell istanza di autorizzazione da presentare alla Provincia di Roma 45 giorni prima dell apertura corredata dalla seguente documentazione: planimetria del locale con evidenziati i punti di emissione, planimetria della zona, relazione tecnica, eventualmente rapporto di prova su impianto similare e schema riassuntivo in cui siano evidenziati alcuni parametri rappresentativi della qualità e quantità delle emissioni. Due campionamenti in giorni non consecutivi, nell arco dei primi dieci giorni di marcia controllata dell impianto a regime. Campionamenti analitici con periodicità annuale decorrentedalladatadelrilasciodell autorizzazione al fine di verificare che tutti i parametri indicati nella 12

15 domanda di adesione all autorizzazione in via generale siano rispettati. Autorizzazioni Specifiche per le emissioni in atmosfera : tutte le altre attività produttive: gestione rifiuti, attività dei punti precedenti per le quali sono superati gli specifici valori di soglia (carrozzerie con uso di vernici superiore a 20 kg/giorno, produzione di mobili (falegnami) a base di legno con uso di materie prime superiore a 2000 kg/giorno, attività produttive non elencate ai punti precedenti. Pertaliattivitàèprevistalacompilazionedell istanza di autorizzazione da presentare alla Provincia di Roma prima dell apertura dell attività corredata dallaseguentedocumentazione: planimetriadellocale con evidenziati i punti di emissione, planimetria della zona, relazione tecnica, eventualmente rapporto di prova su impianto similare e schema riassuntivo in cui siano evidenziati alcuni parametri rappresentativi della qualità e quantità delle emissioni. Inoltre dovrà essere allegato il documento di gestione dei solventi (documento che attesta il non superamentodellesogliediconsumodisolventiindicate nella ParteIIdell Allegato 3delD.Lgs. 152/06). APPARECChiAtuRE/ StRuMENti impiegate/i Per il campionamento annuale, delle emissioni, si fa riferimento alla norma UNI EN I parametri utili a caratterizzare l emissione sono: portata, sezione/diametrodelcondottoallasezione di prelievo, temperatura media, umidità media, ossigeno medio, ecc.. I parametri saranno stimati attraverso misurazioni con l utilizzo di strumentazioni varie Ogniattivitàostabilimentoproduttivocheproduce emissioni inquinanti in atmosfera secondo quanto previsto dall articolo 272 e 273 del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE L autorizzazione per le emissioni in atmosfera è predisposta secondo quanto previsto dagli articoli dell art. 269, 272, 273 del D.Lgs. 152/

16 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Valutazione del rischio MMC Il servizio divalutazione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi si propone, di individuare tutte le attività che comportano di: sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico manualmente. Di individuare e valutare l esposizione dei lavoratori alle movimentazioni menzionate. Il prodotto finalesarà la stesuradi unarelazionetecnica che deve essere parte integrante del documento di valutazione dei rischi. APPARECCHIATURE E METODI IMPIEGATI La valutazione sarà eseguita con vari metodi a seconda del tipo di movimentazione (sollevamento, trainoespinta,movimentiripetutidegliartisuperiori). PerilsollevamentoutilizzeremoilmetodoNioshtramite una checklist dedicata con l ausilio di un metro e una videocamera; per il traino e spinta il metodo Snook & Ciriello con l ausilio di un dinamometro digitale rispondente alla normativa tecnica UNI EN ; per i movimenti ripetuti il metodo OCRA che prevede l uso di una videocamera corredata di software dedicato. CARATTERISTICHE DEL TECNICO Ai sensi del D.lgs. 81/2008 e s.m.i. la valutazione dei rischiderivantidamovimentazionemanualedeicarichi è programmata ed effettuata da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. Sono soggette tutte le attività lavorative che comportano per i lavoratori spostamento manuale dei carichi con rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari. Ad esempio i macrosettori dell edilizia, carico e scarico merci, trasporti e traslochi, lavori di magazzinaggio, assistenza ai bambini, addetti alle catene di montaggio, addetti a lavorazioni agricole, etc. RIFERIMENTI LEGISLATIVI/NORME TECNICHE D.Lgs.81/08 e s.m.i. - TitoloVI D.Lgs.81/08 e s.m.i - Allegato XXXII ISO (PARTE 1-2-3): 1: sollevamento e trasporto manuale di carichi metodo Niosh 2: azioniditraino, spintaetrasportoinpiano metodo Snook & Ciriello 3: movimentiripetutidegliartisuperiori metodo OCRA UNI EN ISO 6385 (principi fondamentali dell ergonomia come linea guida per la progettazione dei sistemi di lavoro) 14

17 NOTE 15

18 NOTE 16

19 NOTE 17

20 AsQ srl Viale guglielmo Massaia, Roma Tel fax SEGUICI SU

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno Comune di Ostellato Provincia di Ferrara Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno TITOLO I - GENERALITA...3 Art. 1 - Ambito di applicazione...3

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria. nei luoghi di lavoro sotterranei

Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria. nei luoghi di lavoro sotterranei Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria nei luoghi di lavoro sotterranei A cura del Coordinamento

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli