ALLEGATO 2 AL DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 2 AL DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 GARA D APPALTO, CON PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASLOCO E SERVIZI VARI CONNESSI PER LE ESIGENZE DELLA REGIONE LAZIO ALLEGATO 2 AL DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO

2 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 2 di 18] INDICE 1. PREMESSA DEFINIZIONI OGGETTO DELL APPALTO ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO QUANTITÀ DELLE PRESTAZIONI TIPOLOGIE DI SERVIZIO E MODALITÀ DI EROGAZIONE TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ MEZZI, DOTAZIONI E IMBALLAGGI MONITORAGGIO DELLA FORNITURA PERSONALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO OBBLIGHI DELL AGGIUDICATARIA NEI CONFRONTI DEI PROPRI DIPENDENTI COORDINAMENTO DEL SERVIZIO CONDIZIONI DELL ESECUZIONE DEL SERVIZIO PRESTAZIONI EVENTUALI - CONFERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IN CENTRI DI RACCOLTA APPENDICI... 18

3 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 3 di 18] 1. PREMESSA La Regione Lazio (d ora in avanti, per brevità, anche semplicemente Regione ) bandisce una gara comunitaria, al fine di appaltare il servizio di facchinaggio, trasloco e servizi vari connessi per le esigenze della Regione. Le caratteristiche del servizio oggetto dell appalto sono descritte dettagliatamente nel presente Capitolato Tecnico che sarà parte integrante del contratto di appalto che verrà stipulato con la Ditta aggiudicataria. 2. DEFINIZIONI Di seguito si riportano i termini maggiormente utilizzati nel presente documento e il significato ad essi attribuito. Stazione Appaltante: Area Pianificazione e Programmazione della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione Lazio. Struttura preposta all indizione e aggiudicazione della presente procedura; Responsabile Esecuzione: Area Attuazione beni e Servizi generali della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione Lazio. Struttura preposta alla stipula del contratto - in coordinamento con l Ufficiale Rogante - e alla gestione amministrativa e contabile dello stesso; Responsabile del Servizio della Regione: Ufficio dell Area Attuazione Beni e Servizi Generali della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione Lazio preposto all organizzazione delle attività, all emissione degli Ordinativi di Intervento e al controllo dell erogazione dei servizi; Ditta aggiudicataria: l Impresa, il Raggruppamento Temporaneo d Imprese o il Consorzio risultata/o aggiudicataria/o dell appalto e che conseguentemente sottoscrive il contratto con la Regione, obbligandosi alle prestazioni nello stesso previsto; Responsabile del Servizio della Ditta aggiudicataria: Referente della Ditta Aggiudicataria che si interfaccia con la Regione e che sarà responsabile dell esecuzione dell appalto; Responsabile operativo: persona delegata dal Responsabile del servizio per coordinare le attività di uno o più gruppi di operatori/addetti alle operazioni; Sedi della Regione: Aree adibite a prevalente uso ufficio afferenti alla Regione Lazio, in cui sono ubicati i materiali da movimentare oggetto dei servizi;

4 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 4 di 18] Ordinativo di intervento: richiesta di intervento attraverso il Modulo di richiesta di intervento da parte dell Ufficio preposto dell Area Attuazione Beni e Servizi della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione Lazio Sopralluogo: presa visione preventiva da parte della Ditta Aggiudicataria dei luoghi, dei materiali da trasferire, delle situazioni oggetto dell'intervento. 3. OGGETTO DELL APPALTO Il presente Capitolato Tecnico ha per oggetto l affidamento del servizio di facchinaggio interno e di facchinaggio esterno (trasloco) per le sedi afferenti alla Regione Lazio. Per Facchinaggio Interno si intende la movimentazione all interno di uno stessa sede (complesso o edificio), mentre per Facchinaggio Esterno (trasloco) si intende la movimentazione infra sedi, viene pertanto identificata una sede di origine ed una di destinazione. I beni oggetto di movimentazione a titolo puramente indicativo sono: scrivanie, armadi, cassettiere, sedute, lampade, lampadari, tavoli di varie misure, pacchi, faldoni, materiale documentale/cartaceo in generale, pareti divisorie, suppellettili, tende e tendaggi, palchi e pedane, materiale informatico vario, computer, stampanti, fotocopiatrici e più in generale televisioni ed apparecchiature varie e quanto altro costituisce l allestimento dei differenti uffici, nonché materiale vario per l allestimento di mostre e convegni ecc. Il servizio consiste in un complesso di attività da effettuarsi presso gli Uffici della Regione, in immobili di proprietà o in locazione. Nello specifico, a titolo non esaustivo si riportano le seguenti prestazioni richieste: sopralluoghi presso i locali di pertinenza, se richiesto, al fine di comprendere la consistenza dei materiali oggetto di movimentazione fornitura dei materiali per l imballaggio dei beni da movimentare: contenitori in cartone, scatole, nastro adesivo, spago, etichette, ecc.; smontaggio dei beni da movimentare se necessario e relativo imballaggio; trasporto dei beni attraverso l impiego di attrezzature e mezzi adeguati nei locali di destinazione indicati; disimballaggio e rimontaggio; allocazione secondo il posizionamento indicato.

5 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 5 di 18] Per l espletamento di tali servizi, la Ditta aggiudicataria dovrà disporre di macchine ed attrezzature adeguate, necessarie a garantire la movimentazione dei materiali, nonché la fornitura di tutti gli elementi per l imballaggio. Tali strumenti, mezzi ed attrezzature sono a carico della Ditta aggiudicataria. A titolo puramente indicativo, nell ALLEGATO 3 ELENCO SEDI DELLA REGIONE LAZIO, sono riportati per provincia gli indirizzi delle sedi degli Uffici della Regione presso cui si richiede l espletamento del servizio. Si segnala che l elenco potrà subire variazioni in considerazione delle specifiche esigenze della Regione, che verranno tempestivamente segnalate alla Ditta aggiudicataria. La procedura di gara è distinta in sei Lotti di fornitura, cosi articolata: Lotto 1: Sedi della Regione ubicati nella città di Roma; Lotto 2: Sedi della Regione ubicati nella Provincia di Roma; Lotto 3: Sedi della Regione ubicate nella Provincia di Rieti; Lotto 4: Sedi della Regione ubicate nella Provincia di Viterbo; Lotto 5: Sedi della Regione ubicate nella Provincia di Frosinone; Lotto 6: Sedi della Regione ubicate nella Provincia di Latina. 4. ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO 4.1. QUANTITÀ DELLE PRESTAZIONI Di seguito vengono indicati, per ciascun lotto, i quantitativi in termini di ore/uomo annue associati alle categorie di servizi oggetto della presente fornitura: Facchinaggio Interno Facchinaggio Esterno ore/uomo annue ore/uomo annue Lotto Ore Presidio Ore Servizio Ore totali Fisso a Chiamata Ore totali Lotto 1 - Roma Capitale Lotto 2 - Provincia di Roma Lotto 3 - Provincia di Rieti Lotto 4 - Provincia di Viterbo Lotto 5 - Provincia di Frosinone Lotto 6 - Provincia di Latina

6 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 6 di 18] 4.2. TIPOLOGIE DI SERVIZIO E MODALITÀ DI EROGAZIONE Di seguito si riportano le modalità di erogazione previste per le due tipologie di servizio. L esecuzione delle prestazioni da parte della Ditta aggiudicataria devono essere svolte a perfetta regola d arte ed in modo tale da garantire il minimo intralcio al personale della Regione. a) Servizio di Facchinaggio Interno Per Facchinaggio Interno si intende la movimentazione di beni all interno di una stessa sede (complesso o edifici) della Regione. Per tale servizio sono previste due modalità di erogazione: Presidio Fisso e Servizio a Chiamata. L erogazione del servizio a Presidio Fisso è così dimensionato: Lotto 1 - la Ditta dovrà garantire un Presidio Fisso di almeno tre facchini, per le giornate lavorative da lunedì a venerdì, durante la fascia oraria dalle 8:30 alle 17:30. Tali facchini saranno ubicati presso la sede di Via Cristoforo Colombo, n 221. Si segnala comunque che l erogazione del servizio potrà avvenire anche presso le altre sedi afferenti al LOTTO 1, secondo le modalità stabilite dal presente Capitolato. Tra le possibili attività da espletare, si segnala che i facchini saranno coinvolti nella movimentazione delle attrezzature informatiche, come indicato nel paragrafo 3, dai magazzini regionali (attualmente situati in Via del Tintoretto) alle sedi della Regione, più eventuale flusso inverso per la consegna del materiale dismesso/obsoleto, attraverso mezzi messi a disposizione dalla Regione e secondo le modalità concordate con il Responsabile del Servizio della Regione. Lotto 2 - la Ditta Aggiudicataria dovrà garantire un Presidio Fisso di almeno due facchini limitatamente alla sede dell Archivio Regionale sito in Via Ardeatina Km 22, per le giornate lavorative da lunedì a venerdì, durante la fascia oraria dalle 9:00 alle 14:00 per l erogazione delle attività inerenti il magazzinaggio e la movimentazione di materiali. Il restante fabbisogno relativo al servizio di Facchinaggio Interno, quantificato nel paragrafo 4.1 del presente Capitolato, è da intendersi da erogare nella modalità di Servizio a Chiamata in considerazione delle esigenze della Regione, per le giornate lavorative da lunedì a venerdì, durante la fascia oraria dalle 8:30 alle 17:30.

7 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 7 di 18] Per quel che concerne il Servizio di Presidio Fisso presso le sedi di Roma Capitale Lotto 1, il Responsabile del Servizio della Regione, ad inizio giornata, fornirà agli operatori della Ditta aggiudicataria la pianificazione degli interventi da espletare nell arco della giornata lavorativa. Nello specifico il Responsabile del Servizio della Regione, di volta in volta consegnerà agli operatori un prospetto contenente per ciascun intervento le seguenti informazioni: Numero dell Ordinativo di Intervento; Luogo dell intervento (sede, n stanza, piano, n telefono, palazzina, ); Luogo di destinazione (sede, n stanza, piano, n telefono, palazzina, magazzino, ); Orario per l espletamento del servizio; Nominativo di un referente a cui il personale della Ditta aggiudicataria potrà rivolgersi nella fase di espletamento del servizio; Mezzi e materiali necessari per la movimentazione (scatole, nastro per imballaggio, attrezzatura, etc..); Elenco dei materiali da movimentare; Numero di facchini stimato per l intervento; Al termine della giornata lavorativa, il Responsabile del Servizio della Ditta Aggiudicataria dovrà restituire al Responsabile del Servizio della Regione un prospetto contenente l elenco degli interventi svolti. In caso di criticità riscontrate durante l espletamento del servizio, il Responsabile del Servizio della Ditta aggiudicataria dovrà segnalare immediatamente le stesse al Responsabile del Servizio della Regione. Per quel che concerne il Servizio di Presidio Fisso presso la sede del Lotto 2 dell Archivio Regionale (Via Ardeatina Km 22), il Responsabile dell Archivio Regionale ad inizio giornata, fornirà agli operatori della Ditta aggiudicataria l elenco dei materiali da movimentare (n colli) con le relative modalità operative da espletare nell arco della giornata lavorativa. Al termine della giornata il Responsabile del Servizio della Ditta Aggiudicataria dovrà restituire al Responsabile dell Archivio Regionale il prospetto contenente l elenco delle attività svolte.

8 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 8 di 18] Per quel che concerne il Servizio di facchinaggio interno erogato nella modalità di Servizio a Chiamata, di volta in volta, il Responsabile del Servizio della Regione provvederà all emissione di un Ordinativo di intervento (APPENDICE 1 AL CAPITOLATO TECNICO - MODULO DI RICHIESTA DI INTERVENTO). Tale ordinativo sarà trasmesso a mezzo fax/mail e saranno indicate le seguenti informazioni: Numero dell Ordinativo d intervento/i; Luogo dell intervento (sede, n stanza, piano, n telefono, palazzina, ); Luogo di destinazione (sede, n stanza, piano, n telefono, palazzina, magazzino, ); Orario per l espletamento del servizio; Nominativo di un referente a cui il personale della Ditta aggiudicataria potrà rivolgersi nella fase di espletamento del servizio; Mezzi e materiali necessari per la movimentazione (scatole, nastro per imballaggio, attrezzatura, etc..); Elenco dei materiali da movimentare; Numero di facchini stimato per l intervento; Stima totale delle ore di facchinaggio interno. Alla ricezione dell ordinativo, il Responsabile della Ditta aggiudicataria, dovrà trasmettere a mezzo fax/mail una conferma per accettazione. Il numero di facchini necessari all espletamento del servizio richiesto nell ordinativo di fornitura sarà concordato tra il Responsabile della Ditta e il Responsabile del Servizio della Regione a seconda della tipologia dell intervento e dell urgenza e varierà tra una minimo di una unità ad un massimo di 10 unità. Se ritenuto necessario, sarà richiesto di procedere ad effettuare un sopralluogo presso le sedi indicate nell Ordinativo di Intervento dal Responsabile del Servizio della Regione. In caso di sopralluogo il Responsabile della Ditta aggiudicataria accerta la natura dei servizi da erogare ed indica le risorse in termini di mezzi/uomini e le tempistiche necessarie per l espletamento del servizio. Tali informazioni verranno riportate nel Verbale del sopralluogo (APPENDICE 2 AL CAPITOLATO TECNICO - MODULO DI VERBALE AVVENUTO SOPRALLUOGO) che dovrà essere trasmesso al Responsabile del Servizio della Regione per l accettazione dello stesso. Ricevuto il modulo del verbale

9 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 9 di 18] di sopralluogo, il Responsabile del Servizio della Regione effettua un analisi al fine di valutare la congruità delle ore di facchinaggio e delle risorse previste. In caso affermativo invierà la conferma di avvenuta accettazione alla Ditta aggiudicataria. A seguito della validazione da parte del Responsabile del Servizio della Regione, si procede con l esecuzione dei lavori secondo le modalità concordate. Il tempo che intercorre tra l invio del modulo di richiesta di intervento da parte del Responsabile del Servizio della Regione e l inizio dell esecuzione dei lavori da parte della Ditta aggiudicataria non dovrà in alcun caso superare le otto ore lavorative, anche in caso di sopralluogo. In caso di criticità riscontrate durante l espletamento del servizio, il Responsabile della Ditta dovrà segnalare immediatamente le criticità al Responsabile della Regione. Terminati i lavori, il Responsabile del Servizio della Ditta dovrà compilare e trasmettere al Responsabile del Servizio della Regione, entro 8 ore dalla fine dei lavori, il Prospetto finale dei lavori in cui dovrà fare riferimento a: Numero Ordinativo di Intervento; Luogo in cui è stato svolto il servizio; Data e ora; Numero di facchini coinvolti nell esecuzione delle attività di facchinaggio con orario di inizio e fine intervento; Totale delle ore di facchinaggio; Elenco delle attrezzature impiegate. b) Servizio di Facchinaggio Esterno (Trasloco) Per Facchinaggio Esterno (Trasloco) si intende il servizio di movimentazione di beni da effettuarsi tra le differenti sedi della Regione (trasloco) appartenenti al medesimo lotto. Le attività da erogare sono analoghe al servizio di facchinaggio interno, ma la Ditta aggiudicataria dovrà disporre di mezzi di trasporto (il cui costo si intende compreso nella tariffa inserita in fase di offerta economica) idonei al trasferimento dei beni dalla sede di partenza alla sede di destinazione. Nell ambito di tale servizio, rientra il trasporto presso l Archivio Regionale (Via Ardeatina Km 22) Lotto 2, di materiali vari destinati all archiviazione, più eventuale flusso inverso.

10 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 10 di 18] Il fabbisogno relativo al servizio, quantificato nel paragrafo 4.1 del presente Capitolato, è da intendersi da erogare nella modalità di Servizio a Chiamata in considerazione delle esigenze della Regione, per le giornate lavorative da lunedì a venerdì, durante la fascia oraria dalle 8:30 alle 17:30. L erogazione del servizio prevede che il Responsabile del Servizio della Regione provveda all emissione di un Ordinativo di intervento (APPENDICE 1 AL CAPITOLATO TECNICO MODULO DI RICHIESTA DI INTERVENTO). Tale ordinativo sarà trasmesso a mezzo fax/mail e saranno indicate le seguenti informazioni: Numero dell Ordinativo di intervento Luogo dell intervento (sede, n stanza, piano, n telefono, palazzina, ); Luogo di destinazione (sede, n stanza, piano, n telefono, palazzina, magazzino, ); Orario per l espletamento del servizio; Nominativo di un referente a cui il personale della Ditta potrà rivolgersi nella fase di espletamento del servizio; Mezzi e materiali necessari per la movimentazione (scatole, nastro per imballaggio, attrezzatura, etc..); Elenco dei materiali da movimentare; Numero di facchini stimato per l intervento; Stima totale delle ore di facchinaggio. Alla ricezione dell ordinativo il Responsabile della Ditta aggiudicataria, dovrà trasmettere a mezzo fax/mail una conferma per accettazione. Se ritenuto necessario, sarà richiesto di procedere ad effettuare un sopralluogo presso le sedi indicate nell Ordinativo di Intervento dal Responsabile del Servizio della Regione. In caso di sopralluogo il Responsabile della Ditta aggiudicataria accerta la natura dei servizi da erogare ed indica le risorse in termini di mezzi/uomini e le tempistiche necessarie per l espletamento del servizio. Tali informazioni verranno riportate nel Verbale del sopralluogo (APPENDICE 2 AL CAPITOLATO TECNICO - MODULO DI VERBALE AVVENUTO SOPRALLUOGO) che dovrà essere trasmesso al Responsabile del Servizio della Regione per l accettazione dello stesso. Ricevuto il modulo del verbale di sopralluogo, il Responsabile del Servizio della Regione effettua un analisi al fine di valutare la congruità delle ore di facchinaggio e delle risorse previste. In caso affermativo invierà la conferma di

11 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 11 di 18] avvenuta accettazione alla Ditta aggiudicataria. A seguito della validazione da parte del Responsabile del Servizio della Regione, si procede con l esecuzione dei lavori secondo le modalità concordate. Il tempo che intercorre tra l invio dell Ordinativo di Intervento e l inizio dell esecuzione dei lavori non dovrà in nessun caso superare le 8 ore lavorative, comprensive del tempo necessario al sopralluogo. In caso di criticità riscontrate durante l espletamento del servizio, il Responsabile della Ditta aggiudicataria dovrà segnalare immediatamente le criticità al Responsabile del Servizio della Regione. Terminati i lavori, il Responsabile del Servizio della Ditta aggiudicataria dovrà compilare e trasmettere al Responsabile del Servizio della Regione, entro 8 ore lavorative dalla fine dei lavori, il Prospetto finale dei lavori in cui dovrà fare riferimento a: Numero Ordinativo di Intervento; Luogo in cui è stato svolto il servizio; Data e ora; Numero di operatori della Ditta coinvolti nell esecuzione delle attività di facchinaggio con orario di inizio e fine intervento; Elenco delle attrezzature e dei mezzi impiegati. Si precisa che per l espletamento del Servizio di Facchinaggio Esterno/Trasloco: i costi associati ai mezzi utilizzati per l espletamento del servizio sono compresi all interno della tariffa presentata nell offerta economica; non saranno riconosciuti in alcun caso rimborsi autostradali; non saranno riconosciuti in alcun caso rimborsi chilometrici per distanze rientranti nella franchigia di 100 Km (Andata/Ritorno) compresa nella tariffa riportata in sede di offerta economica; i Km eccedenti saranno liquidati e fatturati a parte dalle strutture della Regione, dietro esibizione di idonea documentazione probatoria, assumendo un rimborso pari a 0,60 per ogni chilometro eccedente suddetta franchigia. Potranno essere richieste altresì attività extra di Facchinaggio Esterno da erogare solo in caso di eventi speciali (manifestazioni, mostre, attività, convegni) da eseguire solo dopo specifica autorizzazione da parte del Responsabile del Servizio della Regione. Le modalità di erogazione del servizio relativo alle attività extra dovranno essere analoghe a quanto previsto per il Servizio di Facchinaggio Esterno (Trasloco); in casi eccezionali potrà essere richiesta l erogazione del servizio in

12 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 12 di 18] orari extra lavorativi e per tali casi sarà applicata una maggiorazione pari al 30% sulla tariffa presentata in offerta economica per il servizio. Alla Ditta aggiudicataria potrà essere richiesto un servizio straordinario di Facchinaggio Esterno, nel caso in cui, a causa di esigenze organizzative, si preveda il trasloco di intere strutture regionali (Sedi, Aree, Direzioni, ecc); in tal caso, la Regione Lazio riconoscerà alla Ditta aggiudicataria un corrispettivo per i servizi erogati, comprensivi di mezzi, determinato come segue: [N Dipendenti * 8 h/uomo * T(FE)], dove: N Dipendenti = numero complessivo dei Dipendenti interessati dalle attività di Facchinaggio Esterno/Trasloco straordinario 8 h/uomo = monte ore messo a disposizione per ciascun Dipendente interessato dalle attività di Facchinaggio Esterno/Trasloco straordinario T(FE) = Tariffa aggiudicata per il Servizio di Facchinaggio Esterno (comprensivo delle attrezzature e dei mezzi) 4.3. TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ A titolo puramente esemplificativo e non esaustivo, si riportano, di seguito, distinte per servizio le attività che la Ditta aggiudicataria sarà chiamata a svolgere: Facchinaggio interno : o movimentazione di scrivanie, armadi, cassettiere, sedute, lampade, lampadari, tavoli di varie misure, pacchi, faldoni, materiale documentale/cartaceo in generale, pareti divisorie, suppellettili, tende e tendaggi, palchi e pedane, materiale informatico vario, computer, stampanti, fotocopiatrici e più in generale televisioni ed apparecchiature varie; o montaggio e smontaggio dei materiali che non possono essere movimentati integralmente; o sistemazione di magazzini e stoccaggio di arredi e attrezzature dismesse; o sistemazione di archivi correnti, compreso l imballaggio catalogato di faldoni e pratiche in genere; o movimentazione delle attrezzature informatiche/materiale hardware dai magazzini regionali alle sedi della Regione;

13 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 13 di 18] o quant altro si dovesse ritenere necessario per il buon esito dell operazione. Facchinaggio esterno/trasloco: o movimentazione di scrivanie, armadi, cassettiere, sedute, lampade, lampadari, tavoli di varie misure, pacchi, faldoni, materiale documentale/cartaceo in generale, pareti divisorie, suppellettili, tende e tendaggi, palchi e pedane, materiale informatico vario, computer, stampanti, fotocopiatrici e più in generale televisioni ed apparecchiature varie nei locali indicati dal Responsabile del Servizio della Regione; o posizionamento accurato ed ancorato di tutta la merce traslocata sulle attrezzature utilizzate e sui mezzi di trasporto usati, provvedendo alla fornitura di idonei contenitori per l imballaggio allo scopo di evitare danni alle persone ed alle cose; o disimballaggio, montaggio e sistemazione dei beni traslocati nei locali indicati; o posizionamento ordinato nella nuova collocazione; o carico e trasporto, a spese dell Aggiudicataria, dei materiali di scarto derivanti dalle attività di facchinaggio; o trasporto con mezzi dell Aggiudicataria nei luoghi indicati dal Responsabile del Servizio della Regione di materiale o attrezzature destinati a manifestazioni, mostre, attività, convegni, ecc e posizionamento ordinato nella collocazione stabilita MEZZI, DOTAZIONI E IMBALLAGGI La Ditta è tenuta a garantire le attrezzature e gli automezzi necessari all espletamento di tutte le attività previste nel presente capitolato. I mezzi impiegati devono essere rispondenti alle norme di buona tecnica ed alle norme vigenti in materia di prevenzione infortuni, tecnicamente efficienti e manutenute in perfetto stato nonché dotate di tutti quegli accorgimenti ed accessori atti a proteggere e salvaguardare l operatore ed i terzi da eventuali infortuni. Per il servizio di Facchinaggio Esterno/trasloco la Ditta aggiudicataria è tenuta all utilizzo di automezzi appartenenti almeno alla categoria EURO 4. Nell esecuzione del servizio la Ditta aggiudicataria dovrà garantire l utilizzo di mezzi a ridotto impatto ambientale. La Regione ha il diritto di verificare in qualsiasi momento lo stato dei veicoli e la loro conformità agli standard richiesti.

14 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 14 di 18] A comprova di quanto sopra, la Regione potrà richiedere all Aggiudicataria di produrre copia dei libretti di circolazione dei mezzi utilizzati. Tutto il materiale necessario all imballo dei materiali, al montaggio e allo smontaggio degli stessi (scatole di cartone, contenitori, ceste, nastro adesivo, piccola utensileria, ecc) dovranno essere forniti dalla ditta aggiudicataria e sarà compreso all interno della tariffa oraria offerta in sede di gara sia per il Servizio di Facchinaggio Interno che Esterno. Gli imballaggi devono essere costituiti da materiale riciclabile e/o proveniente da risorse rinnovabili. La Regione potrà richiedere, altresì, l utilizzo di mezzi speciali, quali ad esempio: autoscala fino a 34 m. con operatore, autogrù fino a kg di massa complessiva con operatore, carrello elevatore fino 18 q. elevazione max 10 m. con operatore, piattaforma aerea fino H. 28 m. con operatore. Per ciascun mezzo speciale, la tariffazione deve essere quotata in sede di offerta economica secondo quanto previsto dall Allegato 5 del Disciplinare di Gara Schema di offerta economica. Tale tariffazione non sarà vincolante per la Regione e non concorrerà alla valutazione dell offerta presentata MONITORAGGIO DELLA FORNITURA Per le categorie di servizi descritte nel paragrafo 4.2, mensilmente la Ditta aggiudicataria dovrà stilare e trasmettere agli Uffici dell Area Attuazione beni e Servizi generali della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione Lazio, un Foglio Riepilogativo Mensile relativo alle prestazioni erogate nel mese di riferimento, distinte per ciascuna categoria di servizio, completo delle informazioni relative alle ore del personale e all eventuale attrezzatura utilizzata da parte degli operatori coinvolti nelle attività. Il Foglio riepilogativo dovrà essere coerente con le informazioni contenute nei Prospetti finali dei lavori eseguiti consegnati agli uffici regionali PERSONALE Il personale che sarà messo a disposizione dalla Ditta aggiudicataria dovrà essere professionalmente capace, fisicamente idoneo ed a conoscenza delle modalità di esecuzione del servizio e delle misure di sicurezza previste dalle disposizioni vigenti in materia, in particolare il D.Lgs 81/2008 e s.m.i..

15 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 15 di 18] Il personale dovrà essere dotato di attrezzature da lavoro conformi alla disciplina sulla sicurezza in relazione alla specifica tipologia del servizio reso (scarpe antinfortunistiche, guanti da lavoro, caschi protettivi, carrelli per il trasporto carichi ecc.). La Ditta aggiudicataria dovrà mettere a disposizione personale dotato di abilitazione per la guida del carrello elevatore/muletto. Il personale impiegato nell esecuzione dell appalto è, inoltre, tenuto a: indossare divise da lavoro tenute in buone condizioni e uniformi tra loro; esporre apposita tessera di riconoscimento, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro (Ditta aggiudicataria), in modo da permettere l immediata identificazione; registrare la presenza presso le sedi ove il servizio viene reso, firmando appositi registri messi a disposizione dalla Regione; essere di assoluta fiducia e riservatezza RESPONSABILE DEL SERVIZIO La Ditta Aggiudicataria dovrà individuare un Responsabile del Servizio il cui nominativo e recapito telefonico dovrà essere comunicato agli Uffici regionali competenti. Il Responsabile del Servizio della Ditta aggiudicataria dovrà essere sempre reperibile durante l orario di servizi. La Ditta Aggiudicataria dovrà, inoltre, indicare un vice responsabile che sostituisca il Responsabile in caso di impedimento. 5. OBBLIGHI DELL AGGIUDICATARIA NEI CONFRONTI DEI PROPRI DIPENDENTI L Aggiudicataria dovrà, assumendo a proprio carico tutti gli oneri relativi, compresi quelli assicurativi e previdenziali, ottemperare nei confronti del proprio personale a tutti gli obblighi, nessuno escluso, derivanti da disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro e di assicurazioni sociali, ivi inclusi i contratti collettivi di lavoro e gli atti amministrativi restando esclusa qualsiasi responsabilità da parte della Regione Lazio. L Aggiudicataria dovrà, altresì, applicare nei confronti dei suddetti soggetti condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro applicabili alla categoria e

16 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 16 di 18] nella località in cui si svolgono le prestazioni stesse ed in genere da ogni altro contratto collettivo, successivamente stipulato per la categoria. L Aggiudicataria dovrà, continuare ad applicare i suindicati contratti collettivi anche dopo la loro scadenza e fino al loro rinnovo. In caso di violazione degli obblighi di cui sopra, la Regione Lazio si riserva di non liquidare le fatture. L Aggiudicataria dovrà tenere indenne la Regione Lazio per ogni eventuale pregiudizio e/o danno che la stessa Regione dovesse subire a seguito di qualsiasi azione e/o pretesa avanzata nei propri confronti da parte dei dipendenti della Ditta aggiudicataria. 6. COORDINAMENTO DEL SERVIZIO Il coordinamento ed il controllo dell esecuzione dell appalto sarà effettuato dagli Uffici della Regione preposti che potranno tra l altro: - organizzare il sistema dei controlli sull effettuazione del servizio; - attestare la regolare esecuzione del servizio reso da allegare alle fatture; - richiedere il Piano dei Lavori per gli interventi di facchinaggio esterno e servizi straordinari; - autorizzare gli interventi di facchinaggio esterno e servizi straordinari; - applicare le penali, nei casi previsti. I dipendenti della Ditta Aggiudicataria, nell esecuzione del servizio, dovranno attenersi alle indicazioni fornite dalla struttura competente (Area Attuazione beni e Servizi generali della Direzione Regionale). 7. CONDIZIONI DELL ESECUZIONE DEL SERVIZIO L Aggiudicataria, a propria cura e spese, dovrà provvedere: - all assicurazione del personale impiegato nel servizio; - al risarcimento dei danni cagionati da detto personale alla Regione e/o a terzi; - a far rispettare ai propri dipendenti le disposizioni interne emanate dalla Regione. Il servizio dovrà essere eseguito in modo da non danneggiare i locali interessati dalle attività, le eventuali tappezzerie, i mobili, le attrezzature e tutti gli altri oggetti presenti nei locali, nonché i beni e materiali movimentati.

17 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 17 di 18] La Ditta aggiudicataria è responsabile, secondo le norme del codice civile (art. 1693) per la perdita o danneggiamento dei materiali/beni movimentati ed è tenuto al risarcimento integrale dei danni derivanti alla Regione. A tal proposito, la Ditta aggiudicataria dovrà, inoltre, prendere visione dei beni/materiali e delle dotazioni da movimentare ed esaminarli prima dell inizio delle operazioni al fine di constatarne l integrità al fine di segnalare ogni danno preesistente. Qualsiasi danno non segnalato sarà attribuito alla Ditta aggiudicataria. La Ditta aggiudicataria avrà inoltre la responsabilità e l onere di: - provvedere alla delimitazione o, se nel caso, alla recinzione delle aree di lavoro e all adozione dei procedimenti idonei a garantire il rispetto delle norme di sicurezza in relazione alla peculiarità del lavoro; - ottenere tutte le autorizzazioni e i permessi necessari nel caso in cui le aree di cui al precedente punto siano pubbliche; - adottare le misure di prevenzione e protezione dai rischi specifici esistenti nell area o da quelli derivanti dall eventuale interferenza con i lavori delle altre imprese. 8. PRESTAZIONI EVENTUALI - CONFERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IN CENTRI DI RACCOLTA Qualora durante le operazioni di facchinaggio (interno e/o esterno) e durante l erogazione dei Servizi Straordinari sia rilevata la presenza di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi (esempio: tubi fluorescenti, batterie a piombo, carta, ferro, acciaio, plastica, imballaggi, vetro, legno, apparecchiature fuori uso), il personale della Ditta aggiudicataria deve provvedere a darne immediata notizia al Responsabile del Servizio che provvederà a comunicarlo al responsabile dell Area Attuazione beni e Servizi generali della Direzione Regionale Centrale Acquisti della Regione, affinché disponga, o meno, per l eventuale trasporto. Con specifica richiesta di preventivo, potrà essere chiesto all Aggiudicataria di assicurare la selezione, la raccolta, la separazione dei materiali e il trasporto di detti rifiuti, fino al loro recupero, riutilizzo, riciclaggio o, eventualmente smaltimento, anche avvalendosi di imprese appositamente autorizzate. A tal fine, l Aggiudicataria si attiene alle disposizioni previste dalla normativa vigente, in particolare:

18 CAPITOLATO TECNICO [Pagina 18 di 18] - durante il trasporto i rifiuti devono essere accompagnati dal formulario di identificazione, redatto, compilato e firmato a norma dell art. 193 del Dlgs. n. 152/2006; - durante la raccolta ed il trasporto i rifiuti pericolosi devono essere imballati ed etichettati in conformità alle norme vigenti in materia; - l Aggiudicataria deve predisporre i contenitori in numero adeguato alla quantità di rifiuti prevista per ogni tipologia. Le operazioni di recupero, riutilizzo, riciclaggio devono risultare da relativa attestazione di avvenuto recupero dei materiali, con riferimento alla quantità di materiali recuperati (ferro, legno, plastica) e alle modalità di recupero (riutilizzo, recupero, altre forme di recupero per ottenere materia prima secondaria, fonte di energia). 7 APPENDICI Sono parte integrante e sostanziale del presente Capitolato Tecnico di gara i seguenti documenti: APPENDICE 1 MODULO DI RICHIESTA DI INTERVENTO APPENDICE 2 MODULO DI VERBALE DI AVVENUTO SOPRALLUOGO

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E SUPPORTO OPERATIVO PER GLI UFFICI, CENTRALI E DISTACCATI, DELL ACI IN ROMA E PER L UFFICIO PROVINCIALE ACI DI ROMA CIG n.5393972e7e tra L AUTOMOBILE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA NS. RIFERIMENTI

PROVINCIA DI GENOVA NS. RIFERIMENTI PROVINCIA DI GENOVA OGGETTO Servizio di trasloco, trasporto, facchinaggio, movimentazione e consegna di beni vari per le esigenze degli immobili della Provincia di Genova COMMITTENTE/CONTRAENTE Direzione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

affidati a chi da molto tempo unisce la professionalità nei traslochi alla cura dei valori umani.

affidati a chi da molto tempo unisce la professionalità nei traslochi alla cura dei valori umani. presentazione Con i vostri mobili si trasportano anche i vostri ricordi e le vostre emozioni... affidati a chi da molto tempo unisce la professionalità nei traslochi alla cura dei valori umani. Grazie

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli