VERBALI CONSIGLIO ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE CAMPANIA VERBALE 29

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALI CONSIGLIO ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE CAMPANIA VERBALE 29"

Transcript

1 VERBALE 29 Il giorno 23 del mese di novembre dell anno 2011 è stato convocato, presso la sede dell Ordine degli Assistenti Sociali Regione Campania, la seduta di Consiglio. presidente Molinaro Gerarda consigliere Cirillo Lara vicepresidente Capo Clelia consigliere Civale Antonia Palma segretario Trapani Dora consigliere Esposito Giuseppe tesoriere Amirante Giovanna consigliere Petruzziello Daniela consigliere Astarita Maria Rosaria consigliere Quaranta Maria Giuseppa consigliere Barra Gaetano consigliere Sorrentino Antonino consigliere Boccia Carlo consigliere Spiniello Matilde consigliere Borriello Antonio Sono presenti: Molinaro, Trapani, Amirante, Capo, Spiniello, Borriello, Quaranta, Boccia, Esposito, Petruzziello, Civale. Sono assenti: Cirillo Astarita, Barra, Sorrentino. Alle ore 15.55, il Presidente constatata la legalità della riunione, dichiara aperta la seduta ed invita i presenti a trattare il seguente ordine del giorno: 1.Approvazione verbale n 27 e Ratifica commissioni: iscrizione, tutela e accreditamento, politiche sociali e informazione 3. Approvazione del bilancio preventivo definizione aree tematiche e sede evento formativo in materia di metodologia e deontologia 5. Collocazione del Consigliere E. Esposito in una delle Commissioni 6. condivisione dei contenuti delle schede: monitoraggio formazione continua Monitoraggio Atenei ipotesi del piano formativo 2011/ Eventuali e Varie variazione al bilancio / convenzione con l Università Federico II Verbalizza il Segretario Dora Trapani. 7 punto all odg - Eventuali e Varie variazione al bilancio Il Presidente, chiede al Consiglio di discutere come primo punto: variazione al bilancio, in modo tale che, quando prenderanno parte alla seduta il dott. M. Saggese e la dott.ssa R. Procentese, il Consiglio avrà già discusso in merito all argomento e potrà, quindi, affrontare la discussione relativa all approvazione del Bilancio preventivo del Il Presidente passa la parola al tesoriere Amirante, che illustra il perché della variazione di bilancio precisando che in seguito al trasloco sono affrontate delle spese straordinarie. Si procede con la lettura della relazione del tesoriere Variazione di Bilancio (allegato A, allegato A1 e allegato A2 delibera trasloco). Il Consigliere Civale: chiede, al Tesoriere chiarimenti alla variazione di bilancio: se era stata preventivata una spesa di circa ,00 e ne sono stati spesi circa ,00 come mai bisogna variare il bilancio? Il Consigliere Boccia: nutro dubbi e perplessità sulle consulenze e sui costi che queste ultime comportato. Credo che quest Ordine sostenga dei costi troppo sostenuti che potrebbe risparmiare e investire in altro modo. Credo più opportuno, pertanto, stipulare una convenzione con uno studio di commercialisti e legale del lavoro a costi più contenuti

2 Il Presidente, Molinaro: precisa che, essendo fine anno con il Tesoriere sarà fatta la verifica dei contratti in scadenza e sarà messo come punto all odg, per la valutazione/condivisione. Il Consigliere Barra prende parte alla seduta alle ore Il Consigliere Boccia: oggi siamo chiamati ad approvare la variazione del bilancio, ma come sempre io non sono mai concorde con questo aspetto poiché ritengo che la straordinarietà degli eventi, come può essere il trasloco, già giustifica la variazione. Il Consigliere Cirillo prende parte alla seduta alle ore Il Tesoriere Amirante: noi oggi non siamo chiamati a decidere nulla di nuovo. Abbiamo già, in altra sede, approvato queste spese per cui oggi si tratta esclusivamente di un atto puramente formale perchè l ultima volta eravamo tutti d accordo. Il Vice presidente Capo: credo che sia produttivo il confronto, ma rispetto a questo aspetto già abbiamo deciso per cui così come ero d accordo l altra volta sono d accordo oggi. Approvo il documento. Il Consigliere Spiniello: cosi come, la scorsa volta, ho già espresso parere favorevole in merito, oggi approvo il documento. Il Consigliere Civale: concordo con Clelia che ci dobbiamo confrontare. Il Consigliere Sorrentino prende parte alla seduta alle ore 16.30, interviene bisognerebbe ridurre le spese delle consulenze Il Consigliere Barra: approvo le spese anche se sono già state sostenute. Il Consigliere Petruzziello: quando una spesa è già stata sostenuta ne possiamo solo prendere atto. Se possiamo quantomeno ridurre le spese delle consulenze, come ha già detto Sorrentino, sarebbe meglio in modo tale da dedicare più disponibilità economica alla professione. Il Presidente Molinaro: come ho già risposto a Sorrentino, quando rifaremo i contratti ci ragioneremo, anche se il fondo da dedicare alla formazione per i colleghi è piuttosto congruo. Il Consigliere Quaranta: approvo il documento Esposito: mi astengo dall esprimere la mia idea. Il Consigliere Borriello: io ho visto che questo consiglio è stato poco produttivo rispetto alla formazione e vorrei che i soldi messi a disposizione della formazione vadano spesi in tal senso. Il Consigliere Cirillo: approvo il documento Il Consigliere Trapani: approvo il documento Il Consigliere Sorrentino: poiché è un atto formale in quanto i soldi sono già stati spesi, esprimo il mio consenso però gradirei che i soldi della formazione vadano spesi, esclusivamente, per la formazione. Il Presidente Molinaro: mette ai voti l approvazione della variazione di bilancio. Favorevoli: 11 favorevoli Astenuti: 3 (Boccia, Borriello e Esposito) Il Consigliere Sorrentino: vorrei precisare che per lo scorso consiglio, io ho lasciato la seduta per mie motivazioni personali e ho sentito un commento negativo da parte di Amirante nei miei riguardi. Questo non lo permetto. Il Consigliere Civale: anche io a riguardo ho letto la dichiarazione di Amirante a verbale che esprime il suo rammarico rispetto a coloro che hanno lasciato la seduta. Io ho dato, all apertura del consiglio, le mie motivazioni per le quali avrei dovuto lasciare la seduta prima della conclusione dei lavori e per questo pretendo di non essere giudicata. Il Presidente Molinaro: precisa, non mi sono espressa a riguardo, ma ci sono rimasta male che molti di voi sono andati via perché è stata una mancanza di rispetto per gli altri. Eravate chiamati tutti a prendere visione del regolamento perché stiamo facendo ancora riferimento al vecchio. Più volte ho detto che il nuovo regolamento era un work in progress e che avrebbe compreso tutto la modulistica adottata

3 Il Consigliere Borriello: mi sembra che non sia tanto rispettato il vecchio regolamento. Il Presidente Molinaro: non sono d accordo con te però ne parleremo quando sarà all odg la discussione sul regolamento. Il Tesoriere Amirante: chiedo scusa a Sorrentino per le parole offensive, ma non ritiro il concetto. Tenete presente che l alzata in massa di molti consiglieri non è stato un gesto rispettoso per tutti coloro che si sono liberati per quel giorno. 1 punto all odg - Approvazione verbale n 27 e28 Il Presidente Molinaro: riferisce che rispetto ai verbali sono pervenuti diversi commenti e non precise integrazioni per cui precisa che, chiunque voglia apportare integrazioni al verbale potrà farlo solo al proprio intervento senza cambiare il senso di quanto è stato detto. Si deve procedere: utilizzando il carattere barrato - sulla barra degli strumenti - e si integra il proprio. Il Presidente Molinaro da lettura del verbale n. 27 con le integrazioni approvate. (Allegato B integrazioni di Molinaro, Allegato C integrazioni di Capo, Allegato D integrazioni di Civale, Allegato E integrazioni di Spiniello, Allegato F opinioni e non precise integrazioni di Barra, allegato G opinioni e non precise integrazioni di Petruzziello). Il Presidente Molinaro, invita i Consiglieri a formalizzare le integrazioni secondo le modalità condivise. Il verbale è approvato all unanimità. Il Consigliere Trapani, chiede chiarimenti al Il Consigliere Petruzziello rispetto alla sua osservazione pervenuta via mail e protocollata dalla segreteria dell Ordine (succitato allegato G) Il Consigliere Petruzziello: non è la prima volta che noto che il Segretario stravolge il senso del verbale e rispetto a questo mi sono confrontata con altri consiglieri che hanno avuto la stessa impressione. Il Consigliere Trapani: colpevolizzare di stravolgere il verbale è un affermazione molto grave che va chiarita perché l affermazione stravolgere significa cambiare il senso di ciò che è stato detto e ritengo che questo non sia possibile, o meglio non si è mai verificato. Il Consigliere Petruzziello: ho notato questa modalità assunta dal Segretario e pertanto la faccio presente. Il Consigliere Trapani: il tuo atteggiamento, non è propriamente farlo presente ma è fare un accusa ben precisa e soprattutto grave. Qualora avessi riscontrato una non conformità nel verbale l avresti dovuta segnalare subito. Il Consigliere Petruzziello: per esempio nell ultimo verbale ho fatto tanti interventi, soprattutto rispetto al regolamento, che non sono stati riportati. Per cui chiedo che il verbale si legga ogni fine consiglio per siglarlo. Il Consigliere Trapani: hai letto il verbale in maniera superficiale, tutte le tue proposte, cosi come tutti gli interventi dei consiglieri rispetto al regolamento, sono state riportate nell allegato Bozza regolamento (aspetto per di più chiarito nel verbale). Il Presidente Molinaro, suggerisce che, eventualmente, si può comprare un registratore e invita nuovamente i consiglieri a formalizzare correttamente le integrazioni. Il Consigliere Petruzziello: è inutile che ci prendiamo in giro a me nessuno dice come devo scrivere una nota, l ho scritta nel modo che ritenevo opportuno. Il Presidente Molinaro, informa i presenti che stanno per prendere parte alla seduta il dott. Saggese, la dott.ssa pro centese e il Revisore unico avv. Scalfati. Il Consigliere Borriello: chiede chiarimenti rispetto al perché i referenti dello studio Saggese e l avv. Scalfati prendono parte al consiglio

4 Il Tesoriere Amirante, cerca di spiegare nuovamente le procedure trattandosi di obblighi di legge. Il Consigliere Borriello: taci sto parlando con il Presidente e vorrei che nessuno mi interrompesse. Il Tesoriere Amirante: spiega mi sono intromessa perchè sono il tesoriere e queste procedure le ho seguite personalmente. Volevo solo spiegarti, Amirante, afferma sono particolarmente dispiaciuta, si allontana, momentaneamente, dalla sala del consiglio. Il Presidente Molinaro: sintetizza specificando, noi oggi abbiamo approvato la variazione al bilancio, abbiamo dovuto farlo prima di procedere con l approvazione del bilancio preventivo 2012, ad aprile invece dobbiamo approvare il consuntivo Si tratta obblighi di legge. 3 punto all odg - Approvazione del bilancio preventivo 2012 Prendono parte alla seduta il dott. Saggese e la dr.ssa Procentese e il dott. Scalfati Il Tesoriere Amirante, espone la relazione al bilancio di previsione per l anno 2012, di cui se ne da lettura (Allegato H.) Il Presidente Molinaro, invita il dott. Saggese ad illustrare ai Consiglieri il Bilancio di previsione Il dott. Saggese, procede con un analisi dettagliata delle singole voci in bilancio cosi come riportato nell allegato I e risponde alle domanda dei singoli consiglieri. Il Consigliere Sorrentino: la voce rimborsi consiglieri riguarda tutti, cioè sono comprese anche le cariche? Il dott. Saggese: riguarda tutti. Non ci sono indennità per le cariche anche perché qualora ci fossero, è il consiglio ad approvarle. Il Presidente Molinaro: precisa la voce è unica, siamo tutti consiglieri, per le cariche non c è nessun distinguo, hanno i rimborsi spese come tutti. Il Consigliere Sorrentino: la domanda era rivolta al dott. Saggese, nella mia ignoranza certe cose non le so. Il dott. Saggese: se le cariche avessero avuto delle indennità l avreste saputo perché siete voi che deliberate. Il Consigliere Spiniello: essendo noi un Ente non economico siamo tenuti a pagare? Il dott. Saggese: No Il Presidente Molinaro: chiede al dott. Saggese: in bilancio, per le tre dipendenti, sono previsti , poiché la dipendente Cirillo ha fatto richiesta di mobilità, il Consiglio ha espresso parere favorevole sia in merito alla disponibilità che al nulla osta, ma non sappiamo quando l Agenzia delle Dogane chiederà il trasferimento. Pertanto, potrebbe verificarsi che l Ente, per esigenze di servizio, abbia bisogno di una collaborazione temporanea può attingere da tale voce di bilancio anche se non trattasi di dipendente? In quanto non può più assumere? Il dott. Saggese: si, in caso di risparmi, questi possono essere utilizzati con variazioni di bilancio. Si tratta di spostare i soldi da un capitolo ad un altro. Interviene il Revisore avv. Scalfati: la scelta di una unità va sempre fatta con una selezione pubblica. Il Consigliere Barra: anche la spesa di straordinario per i dipendenti? Il Tesoriere Amirante: quest anno è stato un anno eccezionale, abbiamo fatto 2 variazioni di bilancio. Invito la Presidente, prima che vada via la dipendente Cirillo, a formalizzare una programmazione precisa in modo da disciplinare lo straordinario. Voglio ricordare che nella seduta di consiglio del 12 novembre rispetto alla mobilità della Cirillo, io ho proposto che si trovino forme alternative di sostituzione e poi nell anno troveremo le modalità più corrette

5 Il Consigliere Boccia: noi abbiamo rilasciato il nulla osta per la Cirillo, ma nel momento in cui la Cirillo, effettivamente, lascia la sede, l Ordine fino a quando la paga? Il dott. Saggese: lo stipendio lo percepirà fino dall ultimo giorno che presta servizio, ma questo è uguale per tutti. Il Consigliere Sorrentino: a pag 4, 3 capoverso della relazione è prevista una cifra per la video sorveglianza, ma noto che anche nell allegato I è riportata un ulteriore cifra. Il dott. Saggese: i ,00 prevedevano anche i lavori per la videosorveglianza e dato che ad oggi non sono stati ancora spesi, il Tesoriere li ha riportati nella relazione di previsione di bilancio Se il Consiglio non li spende si configura come un risparmio per l anno Interviene il Revisore avv. Scalfati: l ipotesi di sostenere ulteriori spese per il recupero dei crediti dei morosi, deve essere valutata perchè non sempre può essere conveniente. Il Consigliere Spiniello: la questione rispetto ai morosi ci pone di fronte ad un dilemma cioè se perseguire fino in fondo il recupero dei morosi o fermarsi ad un certo punto perchè non ne varrebbe la pena. Io questo principio lo condivido però rimane l aspetto etico e deontologico perché chi è moroso potrebbe continuare ad esercitare la professione. Rispetto agli obblighi dell Ordine bisogna trovare un criterio. Il Tesoriere Amirante: La videosorveglianza non è urgente, ma è importante discuterne di alcuni aspetti in Consiglio. Rispetto all intervento di Spiniello noi siamo tenuti alla sanzione ed in particolare alla radiazione per cui il dilemma non sussiste poiché questo Consiglio non ha molte remore ad operare in tal senso. Il Consigliere Barra: se ci fosse un riduzione del importo del contributo al CNOAS (partita di giro) l avanzo è bloccato? Il dott. Saggese: si verifica la stessa condizione che vi ho illustrato prima cioè un risparmio nel corso d anno che va sbloccato con una variazione di bilancio per svincolare i soldi. Il Presidente Molinaro: prima di congedare i consulenti e il revisore, chiede ai Consiglieri se ci sono ulteriori dubbi e perplessità prima di passare alla votazione per approvare il bilancio preventivo Il Consigliere Borriello: non mi sembra una domanda da fare in loro presenza. Il Presidente Molinaro: la faccio in loro presenza perché se avete ancora dubbi chi meglio di loro può scioglierveli. Il Presidente ringrazia i consulenti e conclude il Consiglio è soddisfatto delle risposte. Alle ore i consulenti hanno lasciato la seduta. Il Presidente mette ai voti il bilancio previsionale 2012 : Favorevoli: 9 Astenuti: 4 (Barra, Borriello, Boccia, Esposito) Il Consigliere Petruzziello lascia la seduta alle ore punto all odg - definizione aree tematiche e sede evento formativo in materia di metodologia e deontologia. Il Presidente Molinaro: precisa che in Campania non ci sono molte Agenzie di formazione accreditate. Il Consigliere Borriello: non è vero una è accreditata. Chiedo di coinvolgere l ISPREF che è l unica agenzia accreditata dal CNOAS. Il Consigliere Sorrentino: non vorrei tornare sempre sullo stesso argomento, ma è stato accreditato un evento di poche ore rispetto all evento organizzato dal mio Ente ed ha avuto molti più punti di credito semplicemente perchè nella descrizione è stato decodificato come seminario. Ho saputo che i pareri degli avvocati sono arrivati, ma non c è stato riscontro. Tutti i colleghi mi chiedono aggiornamenti ed io devo mortificarmi che pur essendo consigliere dell Ordine, non so nulla

6 I Consiglieri Barra, Boccia lasciano la seduta alle ore 20,11. Punto 7 Eventuali e Varie convenzione con l Università Federico II Il Presidente Molinaro: mette ai voti la proposta di sottoscrivere la convenzione con l Università Federico II, nella convenzione sarà previsto l allestimento delle aule in video-conferenza - a carico del CROAS - lo strumentario sarà lasciato in comodato d uso all Università. L Università metterà a disposizione il personale ausiliario e la pulizia delle aule gratuitamente. Sarà concordato un calendario per gli eventi formativi le date non dovranno interferire con la didattica. Approvato all unanimità. 2 punto all odg. Ratifica commissioni: iscrizione, tutela e accreditamento, politiche sociali e informazione Il Coordinatore Amirante, illustra i lavori della Commissione Biblioteca. Si propone di istituire il prestito interbibliotecario in via sperimentale da parte dei consiglieri, istituendo la regola che se quest ultimi non restituiscono, viene detratto il costo del libro dal loro rimborso spese. (Allegato L) Approvato all unanimità. Il Coordinatore Quaranta, illustra i lavori della Commissione Iscrizione (allegato M) Approvato all unanimità. Il Coordinatore Capo, illustra i lavori della Commissione Deontologia (Allegato N), in particolare illustra il caso Bellopede proponendo di procedere con la censura Il consiglio vota all unanimità. Il Coordinatore Molinaro, illustra i lavori della commissione accreditamento e precisa che, il 3 dicembre ci sarà a Roma l incontro Area Sud in cui sarà presentata la scheda di monitoraggio Formazione Continua; le schede delle 5 Regioni dell Area saranno oggetto di discussione in Commissione mista, come quelle delle altre aree, il 10 dicembre. Il Consiglio prende atto. Il Presidente Molinaro, da lettura di una denuncia (Allegato O) di una iscritta, dipendente dell UEPE di Salerno, la denunciante ha segnalato di essere stata maltrattata dal collega Paonessa direttore del PRAP. Il consiglio vota per l invio alla Commissione tutela. Il Consiglio si scioglie alle Del che è verbale. Il Segretario A.S.S. Dr.ssa Dora Trapani Il Presidente A.S.S. dr.ssa Gerarda Molinaro

VERBALI CONSIGLIO ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE CAMPANIA VERBALE 44

VERBALI CONSIGLIO ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE CAMPANIA VERBALE 44 VERBALI CONSIGLIO ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE CAMANIA VERBALE 44 Il giorno 20 del mese di dicembre dell anno 2012 è stato convocato, presso la sede dell Ordine degli Assistenti Sociali Regione

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 NOVEMBRE 2015 Inizio seduta ore 18:10 Consiglieri presenti n. 9 assenti Dubolino Francesco e Castellana Giuseppe Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 30.04.2013 OGGETTO: Mozione prot. 3448 del 16.04.2013 ai sensi dell art. 58 del vigente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.).

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). Art. 2 Sede L Associazione ha sede legale, segreteria organizzativa

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 42 In data 25.09.2014 Prot. N. 14229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto REGOLAMENTO DELL A.R.I. ASSOCIAZIONE RESTAURATORI D ITALIA Approvato dall assemblea straordinaria dei soci il 16-02-2015. Articolo 1 Il presente Regolamento Interno, redatto dal Consiglio Direttivo ai

Dettagli

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI BARCELLONA

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI BARCELLONA VERBALE DEL CONSIGLIO DELLA CASSA SCOLASTICA SEDUTA DELL 11.11.2015 In data 11 novembre 2015, alle ore 18.00, su convocazione ordinaria, si sono riuniti i componenti della Cassa Scolastica per discutere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 19 OGGETTO: CONVENZIONE PER LA PROCEDURA

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Statuto GL-Como (Gruppo Linux Como)

Statuto GL-Como (Gruppo Linux Como) Statuto GL-Como (Gruppo Linux Como) COSTITUZIONE, SEDE, OGGETTO SOCIALE Art. 1) - Denominazione - E' costituita l'associazione culturale GL-Como dove GL-Como è acronimo di Gruppo Linux Como (d'ora in poi

Dettagli

STATUTO Associazione Studenti Bicocca

STATUTO Associazione Studenti Bicocca STATUTO Associazione Studenti Bicocca Art.1 Costituzione 1.1 E costituita l associazione culturale studentesca denominata Associazione Studenti Bicocca, di seguito indicata come organizzazione. 1.2 I contenuti

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

VERBALE CONSIGLIO D ISTITUTO N 05

VERBALE CONSIGLIO D ISTITUTO N 05 IST. PROF.LE DI STATO PER I SERV. ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE "MANLIO ROSSI-DORIA" Via Valle Mecca 83100 AVELLINO - Tel. 0825/781317 Fax 0825/38816 Presid. 082524675 Succursale - Via Morelli e Silvati

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata L Albero di Antonia ART. 2) 1. L Associazione ha sede legale

Dettagli

RITENUTO di approvare il Bilancio suddetto, come da prospetto e relazioni allegati;

RITENUTO di approvare il Bilancio suddetto, come da prospetto e relazioni allegati; Ordine degli Assistenti Sociali Regione Friuli Venezia Giulia DELIBERAZIONE N. 86/2013 del 05/11/2013 Verbale Consiglio n. 4/VI/2013 OGGETTO: Approvazione bilancio di previsione anno 2014. Nell anno 2013

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 13.05.2014 OGGETTO: Mozione del 02/04/2014 ai sensi dell art.58 del vigente Regolamento per il funzionamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

L anno duemiladodici, il giorno 22 del mese di Ottobre, alle ore 17.15, presso la sede dell Ordine, su convocazione del Presidente, si è riunito il

L anno duemiladodici, il giorno 22 del mese di Ottobre, alle ore 17.15, presso la sede dell Ordine, su convocazione del Presidente, si è riunito il L anno duemiladodici, il giorno 22 del mese di Ottobre, alle ore 17.15, presso la sede dell Ordine, su convocazione del Presidente, si è riunito il Consiglio per discutere e/o deliberare il seguente O.d.g.:

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO

SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 19 MAGGIO 2008 Il giorno 19 maggio 2008, alle ore 11:00 presso l Auletta

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DI DELEGAZIONE del 06.05.2015 03-2015

VERBALE DELLA RIUNIONE DI DELEGAZIONE del 06.05.2015 03-2015 VERBALE DELLA RIUNIONE DI DELEGAZIONE del 06.05.2015 03-2015 Luogo: Data: 06.05.2015 Ora: 12.00 14.30 Sede CVC - Via della Pergola 5 (grottino) Presenti: vice pres: Fiorenzo Ghielmini (presidente ad interim)

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE MILANISTI IN AZIONE. TITOLO I Costituzione, sede, durata. Art. 1 1.1. È costituita l Associazione denominata MILANISTI IN AZIONE.

STATUTO ASSOCIAZIONE MILANISTI IN AZIONE. TITOLO I Costituzione, sede, durata. Art. 1 1.1. È costituita l Associazione denominata MILANISTI IN AZIONE. STATUTO ASSOCIAZIONE MILANISTI IN AZIONE TITOLO I Costituzione, sede, durata Art. 1 1.1. È costituita l Associazione denominata MILANISTI IN AZIONE. Art. 2 2.1. L Associazione ha sede a ( omissis ) Potranno

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Art.1 Costituzione a. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. ISTAT COM 42011 DELIBERAZIONE NUMERO 53 DEL 27-10-14 OGGETTO: MODIFICA REGOLAMENTO PER CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO AL MERITO ALLA MEMORIA DEL PROF. ANTONIO

Dettagli

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia.

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. 7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni Giolitti. Atto di indirizzo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. CONSIGLIERE DE LUCIA C. - Nulla, è giunto

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA CAPITOLO I Nome, scopo, e domicilio dell associazione 1. Nome ed affiliazioni 1.1 L Associazione SIETAR Italia (associazione culturale per l educazione,

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 1 LUGLIO 2015 APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO PER IL CONSIGLIO COMUNALE - RINVIO. L anno duemilaquindici il giorno uno del mese di luglio, alle

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

ISTITUTO TUMORI Giovanni Paolo II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO. Deliberazione del Direttore Generale n.

ISTITUTO TUMORI Giovanni Paolo II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO. Deliberazione del Direttore Generale n. ISTITUTO TUMORI Giovanni Paolo II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO Via Orazio Flacco, 65 70100 Bari Deliberazione del Direttore Generale n. 653 del registro OGGETTO: DIREZIONE. PRESA

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

Associazione di Volontariato Aspettando un Angelo organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Statuto

Associazione di Volontariato Aspettando un Angelo organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Statuto Associazione di Volontariato Aspettando un Angelo organizzazione non lucrativa di utilità sociale Statuto Art. 1 - Denominazione, sede e durata E costituita con sede in Ladispoli (Roma), via Bari n.33,

Dettagli

Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009

Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009 Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009 Componenti: Segretario verbalizzante: Prof. Vincenzo Naso (Presidente) Prof. Giuseppe

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO Lo statuto è composto dai seguenti 14 articoli : Art. 1) Sede e durata L associazione sportiva dilettantistica Vespa Club

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRO-MOTORS

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRO-MOTORS STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRO-MOTORS Art.1 Costituzione a. A norma dell art.18 della Costituzione Italiana e degli artt.36 e seguenti del Codice Civile è costituita l Associazione

Dettagli

FAQ AVVOCATO. Circa 6.000 partner.

FAQ AVVOCATO. Circa 6.000 partner. FAQ AVVOCATO DOMANDE Come faccio per aderire? Devo superare qualche esame o selezione? Devo spendere soldi per far parte del Vostro network? Posso abbellire il mio studio con Vs quadri, con le vostre grafiche,

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO !!"#!!$$! &$ #'$ $(! '! #) $ *+),+ $ # -$)-'!! "'$. )!/ #! '#$!#$ -'$ $0 1 1 2 1 3 1 1 1!45!!6!!!&$#$0$&"$! $$!! $ #' #)! $!!#' $ -!0$ 7$$$-$$!#$-$$$0&!-$ $ -!$*8,5 IL CONSIGLIO COMUNALE Ricbiamata la

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER

ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER STATUTO Associazione di Volontariato ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER Costituzione - Denominazione - Sede Art. 1. E' costituita con Sede in Via Nino Taranto, 30 l'associazione denominata "Associazione di volontariato

Dettagli

EURISCO trova chi cerca

EURISCO trova chi cerca STATUTO E REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO DELL ASSOCIAZIONE EURISCO trova chi cerca Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) Napoli, settembre 1998 ARTICOLO 1 Costituzione e denominazione 1. Per

Dettagli

GAL SGT Sole Grano Terra Sarrabus, Gerrei, Trexenta e Campidano di Cagliari

GAL SGT Sole Grano Terra Sarrabus, Gerrei, Trexenta e Campidano di Cagliari GAL SGT Sole Grano Terra Sarrabus, Gerrei, Trexenta e Campidano di Cagliari VERBALE N 9 DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL GAL-SGT DEL 4 GIUGNO 2014 Il giorno 4 giugno 2014 alle ore 17.00,

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

COMUNE DI POSTA FIBRENO

COMUNE DI POSTA FIBRENO COMUNE DI POSTA FIBRENO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 31 marzo 2003 Modificato con deliberazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ORIZZONTE TUMAINI ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ORIZZONTE TUMAINI ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ORIZZONTE TUMAINI ONLUS Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. E costituita l Associazione ORIZZONTE TUMAINI ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale), con sede in Conselve

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Dante Voghera

Istituto Comprensivo Via Dante Voghera Istituto Comprensivo Via Dante Voghera Via Dante, 3, 85-27058 - Voghera - Tel. +39 0383 41757 - Fax +39 0383 62994 email: pvic827005@istruzione.it - PEC: pvic827005@pec.istruzione.it - Cod.Fisc. 950 32

Dettagli

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 48 PROVINCIA DI PADOVA PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO Approvato con D.G.P. in data 24.2.2000 n. 42 di reg., modificato con D.G.P.

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Statuto Associativo - 1 - Prot. n. 017 / 2010

Statuto Associativo - 1 - Prot. n. 017 / 2010 Prot. n. 017 / 2010 Associazione per l Assistenza ai Giovani ed Adulti Diabetici dell Area Livornese Organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS. Decreto Provincia di Livorno n. 13 del 12 aprile

Dettagli

COMUNE DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale N. 37 del 17/11/2015 COMUNE DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015. Pareri art. 49 D.Lgs n 267 REGOLARITA' TECNICA

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 228 Reg. Data: 12/11/2012 OGGETTO: SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO.ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI DELIBERAZIONE

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PRO OVIBUS UNUS GREX ( PROGREX ) COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PRO OVIBUS UNUS GREX ( PROGREX ) COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PRO OVIBUS UNUS GREX ( PROGREX ) COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE Art. 1. E costituita, con sede in Bari, l Associazione di volontariato denominata PRO OVIBUS

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A N. 35 Reg. Deliberazioni OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE PDL IN DATA 07/10/2013, PROT. N.21312 AVENTE

Dettagli

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio Fondazione AVANTEA ONLUS Art. 1 - Origini, denominazione, sede e durata Art. 2 - Scopi ed attività Art. 3 - Patrimonio Art. 4 - Mezzi finanziari Art. 5 - Bilancio

Dettagli

Statuto. E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione

Statuto. E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione Statuto Art. 1 denominazione E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione internazionale Oltre l adozione. Art. 2 sede Il Gruppo di Coordinamento ha sede

Dettagli

Cognome e nome P A Cognome e nome P A. Constatata la validità della riunione, il Presidente signor Luca Aramini dichiara aperta la seduta.

Cognome e nome P A Cognome e nome P A. Constatata la validità della riunione, il Presidente signor Luca Aramini dichiara aperta la seduta. Direzione Didattica Statale Empoli 2 Circolo Via Torricelli, 58/A Empoli (FI) Tel 0571.960158/926612 Cod.Mecc. FIEE210007 fiee210007@istruzione.it www.secondocircoloempoli.it VERBALE DEL CONSIGLIO DI CIRCOLO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S. C. PESENTI - BERGAMO

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S. C. PESENTI - BERGAMO STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S. C. PESENTI - BERGAMO ART. 1 COSTITUZIONE 1.1. E costituita un associazione di promozione sociale senza scopo di lucro denominata ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE SPORTIVA e del TEMPO LIBERO I.F. C.R.A.L.

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE SPORTIVA e del TEMPO LIBERO I.F. C.R.A.L. STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE SPORTIVA e del TEMPO LIBERO I.F. C.R.A.L. Art. 1. Costituzione, nome e sede E costituita ai sensi e per gli effetti degli art. 36 e seguenti del Codice Civile e dell art.

Dettagli

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie STATUTO A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie ART. 1 La denominazione, la sede e la durata dell associazione 1. L Associazione di Volontariato A.I.S.M.M.E. Onlus

Dettagli

STATUTO. g) assumere iniziative promozionali della grafologia e della professione nei confronti di soggetti pubblici e privati;

STATUTO. g) assumere iniziative promozionali della grafologia e della professione nei confronti di soggetti pubblici e privati; STATUTO COSTITUZIONE SEDE DURATA -SCOPI Art. 1. Costituzione, sede e durata È costituita, con durata illimitata, l Associazione Grafologica Italiana, con sigla AGI e sede in Ancona. La sede può essere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO Via Andrea di Bonaiuto, 16-00142 Roma tel. 06 5030846 fax 06 51963016 e mail: rmic83000q@istruzione.it

Dettagli

Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011

Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011 Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011 ART. 1. COSTITUZIONE E costituita, ai sensi dell art. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata: CA FOSCARI ALUMNI L Associazione

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 143 del Reg. DATA: 22.11.2010 OGGETTO: Esercizio diritto di opzione sull acquisto degli immobili dell Agenzia

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

Sono assenti, De Camillo Drusilla, Casano Antonietta, Rago Piergiorgio, Micheli Federica, Gualdini Dionisio, Lupo Graziana e Mizzoni Anna.

Sono assenti, De Camillo Drusilla, Casano Antonietta, Rago Piergiorgio, Micheli Federica, Gualdini Dionisio, Lupo Graziana e Mizzoni Anna. CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 30/12/2015 VERBALEN. 3 In data 30/12/2015 alle ore 10 presso la Presidenza del Comprensivo 1 Aldo Moro, della sede di Via Mastruccia, si è svolta la riunione del Consiglio D Istituto,

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

Statuto I - Costituzione e Scopo Art. 1 - Costituzione e Sede. Associazione Metrogenova Metrogenova.com Art. 2 - Finalità dell Associazione.

Statuto I - Costituzione e Scopo Art. 1 - Costituzione e Sede. Associazione Metrogenova Metrogenova.com Art. 2 - Finalità dell Associazione. Statuto I - Costituzione e Scopo Art. 1 - Costituzione e Sede. E costituita l Associazione culturale denominata Associazione Metrogenova anche detta Metrogenova.com. L Associazione ha sede in Genova. Art.

Dettagli

ASSOCIAZIONE "ASSEM" S T A T U T O ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE SEDE. La sede potrá essere trasferita in ogni momento su delibera del Consiglio ARTICOLO 2

ASSOCIAZIONE ASSEM S T A T U T O ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE SEDE. La sede potrá essere trasferita in ogni momento su delibera del Consiglio ARTICOLO 2 ASSOCIAZIONE "ASSEM" S T A T U T O ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE SEDE E costituita l'associazione denominata ASSEM con sede in Milano, Via Seprio 2 (nel seguito anche Associazione). La sede potrá essere trasferita

Dettagli

26 gennaio 2012 verbale n. 1 Sds/2012. pagina 1/3

26 gennaio 2012 verbale n. 1 Sds/2012. pagina 1/3 verbale n. 1 Sds/2012 pagina 1/3 Oggi, in Venezia, nella sala di riunione alle ore 10,00 è stato convocato il senato degli studenti con nota del 19 gennaio 2012, prot. n. 655, tit. II/cl. 9/fasc. 1. Sono

Dettagli

Verbale III^ Commissione Consiliare n. 10 del 13/02/2015. L anno duemilaquindici, il giorno 13 del mese di Febbraio, presso la

Verbale III^ Commissione Consiliare n. 10 del 13/02/2015. L anno duemilaquindici, il giorno 13 del mese di Febbraio, presso la Verbale III^ Commissione Consiliare n. 10 del 13/02/2015 L anno duemilaquindici, il giorno 13 del mese di Febbraio, presso la sede Comunale di Palazzo Butera, si è riunita la III^ Commissione Consiliare:

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali

STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 - COSTITUZIONE È costituita la FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS attiva nell aiuto e nell assistenza

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

G.A.L. SGT FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE (SOLE, GRANO, TERRA) SARRABUS, GERREI, TREXENTA, CAMPIDANO DI CAGLIARI

G.A.L. SGT FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE (SOLE, GRANO, TERRA) SARRABUS, GERREI, TREXENTA, CAMPIDANO DI CAGLIARI G.A.L. SGT FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE (SOLE, GRANO, TERRA) SARRABUS, GERREI, TREXENTA, CAMPIDANO DI CAGLIARI SEDE LEGALE: SAN BASILIO VIA CROCE DI FERRO N 32 C.F. 92167810925 VERBALE ASSEMBLEA DEI SOCI

Dettagli

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.)

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) Articolo 1 (Costituzione Denominazione Sede) 1. È costituita la Federazione Coordinamenti di Volontariato Siciliano, in breve VOL.SI.,

Dettagli

PROCESSO VERBALE RIUNIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 APRILE 2014

PROCESSO VERBALE RIUNIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 APRILE 2014 PROCESSO VERBALE RIUNIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 APRILE 2014 L anno duemilaquattordici il giorno 23 del mese di aprile alle ore 17.30, presso la Sede si è riunito il Consiglio Direttivo dell'automobile

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

Statuto I DENOMINAZIONE, SEDE, SCOPI, DURATA

Statuto I DENOMINAZIONE, SEDE, SCOPI, DURATA Statuto I DENOMINAZIONE, SEDE, SCOPI, DURATA Art. 1 - Denominazione e sede È costituita l'associazione denominata "FORUMLIVE Il sito dei Docenti che Comunicano, COndividono, Collaborano" (d'ora in poi

Dettagli

STATUTO. Associazione Sportiva Dilettantistica Società Canottieri Ravenna 1873

STATUTO. Associazione Sportiva Dilettantistica Società Canottieri Ravenna 1873 STATUTO Associazione Sportiva Dilettantistica Società Canottieri Ravenna 1873 Art. 1 E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica Società Canottieri Ravenna 1873. L Associazione non ha scopo di

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Statuto di Associazione di Promozione Sociale Design5punto0

Statuto di Associazione di Promozione Sociale Design5punto0 Statuto di Associazione di Promozione Sociale Design5punto0 Art.1 Costituzione a. A norma dell art.18 della Costituzione Italiana e degli artt.36-37-38 del Codice Civile e della legge 383\2000 è costituita

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE GOCCE NELL OCEANO. Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS). Art.1

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE GOCCE NELL OCEANO. Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS). Art.1 STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE GOCCE NELL OCEANO Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS). Art.1 Denominazione, sede e durata L Associazione è costituita ai sensi della

Dettagli

STATUTO. Unione per la difesa dei diritti dei Malati Anziani Non Autosufficienti (Associazione Umana) Costituzione - Denominazione - Sede

STATUTO. Unione per la difesa dei diritti dei Malati Anziani Non Autosufficienti (Associazione Umana) Costituzione - Denominazione - Sede STATUTO Unione per la difesa dei diritti dei Malati Anziani Non Autosufficienti (Associazione Umana) Allegato all Atto Costitutivo Costituzione - Denominazione - Sede Art. 1. È costituita con sede a Perugia,

Dettagli

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI BARCELLONA

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI BARCELLONA VERBALE DEL CONSIGLIO DELLA CASSA SCOLASTICA - SEDUTA DEL 05.02.2015 In data 5 febbraio 2015, alle ore 18.00, su convocazione ordinaria, si sono riuniti i componenti della Cassa Scolastica per discutere

Dettagli

STATUTO ASD PARCO BIKE

STATUTO ASD PARCO BIKE STATUTO ASD PARCO BIKE Art. 1 Denominazione e sede. Art. 2 Autonomia associativa. Art. 3 Scopi dell Associazione. Art. 4 - Le attività dell Associazione. Art. 5 I Soci dell Associazione. Art. 6 Cessazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel. 0288446556

Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel. 0288446556 Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel. 0288446556 VERBALE DEL CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 18 OTTOBRE 2012 L anno 2012 il giorno 18 del mese

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli