Interventi di sostegno al reddito nazionali e provinciali e di politica del lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interventi di sostegno al reddito nazionali e provinciali e di politica del lavoro"

Transcript

1 Interventi di sostegno al reddito nazionali e provinciali e di politica del lavoro anno

2 Indice pag. 3 - massimali 2012 per disoccupazione, CIGS e mobilità (Circolare INPS n. 20 del 8 febbraio 2012) pag. 3 - trattamenti di integrazione salariale pag. 4 - indennità di mobilità pag. 5 - indennità ordinaria di disoccupazione pag. 6 - Contratti di solidarietà difensivi per le imprese in regime di cigs (Legge 863/84) Tipo "A" pag. 7 - Contratti di solidarietà per le imprese non rientranti nel campo di applicazione della cigs (Art. 5, CO. 5, L. 236/1993) Tipo "B" pag. 8 - cassa integrazione in deroga pag. 9 - mobilità in deroga pag sospensione con intervento ente bilaterale pag indennità regionale di mobilità pag Interventi della Provincia di Trento a tutela dei lavoratori che cessano il rapporto di lavoro per crisi di mercato pag Obbligo di condizionalità per beneficiare dei sussidi per disoccupati o sospesi dichiarati in esubero pag Intervento di integrazione al reddito dei lavoratori sospesi pag Rimborsi a fronte della partecipazione a percorsi formativi Agenzia del Lavoro per disoccupati e sospesi pag Nuovi requisiti per l accesso al Progettone, Lavori socialmente utili di cui LP 32/1990. alla pag Lavori socialmente utili, Piano Politica del Lavoro, Intervento 19, ex Azione 10 2

3 Massimali 2012 per disoccupazione, CIGS e mobilità (Circolare INPS n. 20 del 8 febbraio 2012) L INPS, con Circolare n. 20 del 8 febbraio 2012, ha aggiornato gli importi dei massimali dei trattamenti di disoccupazione, cassa integrazione e indennità di mobilità. In base all articolo 1, comma 27, della legge n. 247 del 24 dicembre 2007 è disposto, con effetto dal 1 gennaio di ciascun anno a partire dal 2008, che gli aumenti dei massimali sono rideterminati nella misura del 100 per cento dell aumento derivante dalla variazione annuale dell indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati. Inoltre, l articolo 2, comma 150, della legge 23 dicembre 2009, n. 191 (finanziaria per il 2010) ha disposto che, con effetto dal 1 gennaio 2010, che anche la rivalutazione annuale dei trattamenti speciali di disoccupazione per l edilizia di cui alla legge 427/75 avviene ora in tale misura. Trattamenti di integrazione salariale Vengono erogati nella misura dell 80% della retribuzione di riferimento, comprensiva dei ratei di eventuali mensilità aggiuntive entro e non oltre i massimali. Gli importi riguardanti i massimali sono fissati, per l anno 2012, nelle misure di seguito indicate, rispettivamente al lordo e al netto della riduzione prevista dall articolo 26 della legge 28 febbraio 1986, n. 41, che attualmente, è pari al 5,84 %: 1. Tetto basso euro 931,28 876,89 2. Tetto alto euro 1.119, ,95 Settore edile (intemperie stagionali) 1. Tetto basso euro 1.117, ,28 2. Tetto alto euro 1.343, ,74 L importo della retribuzione mensile superato il quale si applica il massimale di cui al punto 2, è fissato, a decorrere dal 1 gennaio 2012, in euro 2014,77. INTEGRAZIONE PROVINCIALE: l indennità è integrata alle condizioni e secondo le modalità fissate dalla normativa provinciale. 3

4 Indennità di mobilità e trattamenti speciali di disoccupazione per l edilizia Gli importi massimi mensili, da applicare alla misura iniziale dell indennità di mobilità spettante per i primi dodici mesi, da liquidare in relazione ai licenziamenti successivi al 31 dicembre 2011 sono, rispettivamente al lordo e al netto della riduzione istituita dall articolo 26 della legge n. 41/1986, che attualmente, è pari al 5,84 %: 1. Tetto basso euro 931,28 876,89 2. Tetto alto euro 1.119, ,95 L importo della retribuzione mensile superato il quale si applica il massimale di cui al punto 2 è fissato, a decorrere dal 1 gennaio 2012, in euro 2014,77. Dal 13 mese in avanti l indennità di mobilità subisce una riduzione nella misura del 20% della stessa ma non trova più applicazione la trattenuta del 5,84%. Si ricorda che il massimale su cui viene calcolata l indennità negli anni successivi al primo, è quello in vigore al momento del licenziamento e non è soggetto a rivalutazione. Trattamento speciale di disoccupazione per l edilizia per fine lavoro L importo, per effetto della nuova norma citata in introduzione, passa per l anno 2012 a euro 608,90 che, al netto della riduzione del 5,84 per cento, è pari a euro 573,34. Trattamento disoccupazione speciale edilizia legge 223/1991 e legge 451/1994 Gli importi massimi mensili, da applicare alla misura iniziale dell indennità spettante per i primi dodici mesi, da liquidare in relazione ai licenziamenti successivi al 31 dicembre 2011 sono, rispettivamente al lordo e al netto della riduzione istituita dall articolo 26 della legge n. 41/1986, che attualmente, è pari al 5,84 %, i seguenti: 1. Tetto basso euro 931,28 876,89 2. Tetto alto euro 1.119, ,95 L importo della retribuzione mensile superato il quale si applica il massimale di cui al punto 2 è fissato, a decorrere dal 1 gennaio 2012, in euro 2014,77. Dal 13 mese in avanti l indennità di mobilità subisce una riduzione nella misura del 20% della stessa ma non trova più applicazione la trattenuta del 5,84%. Si ricorda che il massimale su cui viene calcolata l indennità negli anni successivi al primo, è quello in vigore al momento del licenziamento e non è soggetto a rivalutazione. INTEGRAZIONE PROVINCIALE: 6,6 per ogni giorno di disoccupazione per un massimo di 180 giorni, condizionata alla stipula del Patto di Servizio con il Centro per l Impiego e alla partecipazione alle azioni di politica attiva del lavoro proposte. 4

5 Indennità ordinaria di disoccupazione Viene erogata nella misura del 60% della retribuzione media di riferimento (comprensiva dei ratei di eventuali mensilità aggiuntive) per i primi 6 mesi, del 50% per i due mesi successivi, del 40% per i restanti mesi di beneficio; per una durata massima di 8 mesi per persone di età inferiore a 50 anni al momento del licenziamento e 12 mesi in caso di età pari o superiore a 50 anni. Gli importi massimi mensili dell indennità ordinaria di disoccupazione non agricola con requisiti normali, per la quale non opera la riduzione di cui all articolo 26 della legge n. 41/1986, sono pari a euro 931,28 ed a euro 1.119,32. L importo della retribuzione mensile superato il quale si applica il secondo massimale è fissato, a decorrere dal 1 gennaio 2012, in euro 2014,77. Per quanto riguarda l indennità ordinaria di disoccupazione non agricola con requisiti ridotti e quella agricola con requisiti normali e ridotti, da liquidare con riferimento all attività svolta nel corso dell anno 2011, trovano invece applicazione gli importi stabiliti per tale anno (euro 906,80 ed euro 1.089,89). INTEGRAZIONE PROVINCIALE: l indennità è integrata alle condizioni e secondo le modalità fissate dalla normativa provinciale. 5

6 Contratti di solidarietà difensivi per le imprese in regime di Cigs (legge 863/84) Tipo A Possono fare ricorso ai contratti di solidarietà di "tipo A" tutte le aziende rientranti nel campo di applicazione della disciplina in materia di CIGS, comprese le aziende appaltatrici di servizi di mensa e pulizie, che abbiano occupato mediamente più di 15 lavoratori nel semestre precedente la data di presentazione della domanda. A CHI SPETTA A tutto il personale dipendente ad esclusione di: dirigenti; apprendisti; lavoratori a domicilio; lavoratori con anzianità aziendale inferiore a 90 giorni; lavoratori assunti a tempo determinato per attività stagionali. I lavoratori part-time sono ammessi nel solo caso in cui l azienda dimostri il carattere strutturale del part-time nella preesistente organizzazione del lavoro. QUANTO SPETTA La norma generale prevede, per le ore di riduzione di orario, un integrazione pari al 60% della retribuzione persa. Il D.L. n. 78 del 2009, convertito nella legge 102 del 2009 e successive proroghe, ha incrementato, per gli anni 2009, 2010, 2011, 2012, l'ammontare dell'integrazione spettante ai soli lavoratori coinvolti da contratti di solidarietà difensiva, stipulati in base all'art. 1, comma 1, della legge n. 863/1984. La misura dell'integrazione è elevata all 80% della retribuzione persa. Per questo trattamento di integrazione salariale non operano i massimali. DURATA I contratti di solidarietà possono essere stipulati per un massimo di 24 mesi, prorogabili per altri 24 mesi (36 mesi per i lavoratori occupati nelle aree del Mezzogiorno). Qualora il contratto di solidarietà raggiunga la durata massima prevista un nuovo contratto, per le medesime unità aziendali, può essere stipulato trascorsi dodici mesi dal termine del precedente accordo. 6

7 Contratti di solidarietà difensivi per le imprese non rientranti nel campo di applicazione della Cigs (art. 5, comma 5, L. 236/1993) Tipo B Con la legge 236/93, art. 5, commi 5 e 8, è stato esteso l'istituto dei C.d.S. anche alle aziende non rientranti nel campo di applicazione della normativa in materia di Cassa Integrazione. A CHI SPETTA Ai lavoratori che abbiano un rapporto di lavoro subordinato, con esclusione dei dirigenti, dipendenti da: imprese con più di 15 dipendenti, escluse dalla normativa in materia di CIGS, e che abbiano avviato la procedura di mobilità di cui all'art. 24 della legge n. 223/1991; imprese con meno di 15 dipendenti che stipulano contratti di solidarietà al fine di evitare licenziamenti plurimi individuali (art. 7 ter, comma 9, lettera d, legge n. 33/2009); imprese alberghiere, aziende termali pubbliche e private operanti in località territoriali con gravi crisi occupazionali; imprese artigiane indipendentemente dal numero dei dipendenti. Il contributo è erogato a condizione che i lavoratori con orario ridotto percepiscano, dai fondi bilaterali presso cui l'azienda è iscritta, una prestazione di entità non inferiore alla metà del contributo pubblico destinata ai lavoratori. Le imprese artigiane con più di 15 dipendenti devono, altresì, attivare le procedure di mobilità. QUANTO SPETTA Un contributo pari al 25% della retribuzione persa sia per il lavoratore che per l'azienda. Per questo trattamento di integrazione salariale non operano i massimali. DURATA Massimo 24 mesi e non può essere concessa nessuna proroga se non vi sia soluzione di continuità. 7

8 Cassa integrazione in deroga E stato siglato il 30 dicembre 2011, tra Provincia Autonoma di Trento e le parti sociali il protocollo d intesa per l anno 2012, in materia di azioni per affrontare l emergenza occupazionale conseguente alla crisi economica. Con tale protocollo è regolato anche l intervento di cassa integrazione guadagni in deroga per l anno 2012 a favore dei lavoratori sospesi per crisi aziendale o occupazionale, dipendenti di aziende aventi sede (legale o operativa) in provincia di Trento, che non hanno accesso ad alcun ammortizzatore sociale o che hanno esaurito gli strumenti ordinari o la cassa integrazione guadagni straordinaria per crisi aziendale. L erogazione della cig in deroga per l anno 2012 è concessa agli stessi destinatari, alle medesime condizioni ed alle medesime modalità già previste nei protocolli d intesa sottoscritti in precedenza. A decorrere dal 1 gennaio 2011 possono beneficiare della cig in deroga anche gli apprendisti dipendenti di aziende coinvolte in procedure di cigs per cessazione di attività. A decorrere dal 1 gennaio 2012 possono accedere alla cig in deroga anche aziende cessate o sottoposte a procedure concorsuali e si può utilizzare, oltre la sospensione, anche la riduzione di orario. L entità del trattamento è equivalente a quello cigs. La durata massima per il 2012, per singolo lavoratore è di 1040 ore. I trattamenti già concessi possono essere prorogati per un ulteriore periodo massimo di 1040 ore. In caso di prima proroga la misura del trattamento è ridotta del 10%, nel caso di seconda del 30%, in caso di proroghe successive del 40%. INTEGRAZIONE PROVINCIALE: l indennità è integrata alle condizioni e secondo le modalità fissate dalla normativa provinciale. 8

9 Mobilità in deroga L entità del trattamento è equivalente a quello della mobilità. In caso di prima proroga la misura del trattamento è ridotta del 10%, nel caso di seconda del 30%, in caso di proroghe successive del 40%. La durata massima per il 2012, per singolo lavoratore è di 8 mesi. Lavoratori beneficiari: a) lavoratori, compresi gli apprendisti, licenziati per giustificato motivo oggettivo, o dimessisi per giusta causa per mancata corresponsione della retribuzione b) lavoratori cessati da un rapporto di lavoro a tempo determinato, compresi i lavoratori somministrati, per motivi riconducibili a situazioni di mercato c) lavoratori apprendisti, qualora al termine del periodo di apprendistato il datore di lavoro non confermi il rapporto per motivi riconducibili a situazioni di mercato d) lavoratori con età pari o superiore a 50 anni al momento del licenziamento, iscritti in lista di mobilità, senza diritto alla indennità di mobilità nazionale, cui scada l indennità di disoccupazione nel corso dell anno 2012, che abbiano assolto all obbligo di dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. e) lavoratori con età pari o superiore a 50 anni al momento del licenziamento, iscritti in lista di mobilità, senza diritto alla indennità di mobilità nazionale, che hanno goduto del trattamento nel corso del 2011, che abbiano assolto all obbligo di dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (proroga senza soluzione di continuità). Requisiti richiesti Il trattamento di mobilità in deroga è riconosciuto ai lavoratori in possesso di almeno 12 mesi di anzianità aziendale, di cui sei mesi di lavoro effettivamente prestato, che non abbiano diritto al trattamento di mobilità ai sensi della legge n. 223/1991 e all indennità di disoccupazione ordinaria, o, per i lavoratori di cui alla lett. d) ed e), che abbiano cessato di percepire il trattamento di disoccupazione o di mobilità. INTEGRAZIONE PROVINCIALE: 6,6 per ogni giorno di disoccupazione per un massimo di 180 giorni, condizionata alla stipula del Patto di Servizio con il Centro per l Impiego e alla partecipazione alle azioni di politica attiva del lavoro proposte. 9

10 Sospensione con intervento ente bilaterale (EBAT - Sospensione dei dipendenti per difficoltà congiunturali per l'anno 2012) L'ente bilaterale dell'artigianato in Trentino (EBAT) garantisce l'applicazione della Legge ai dipendenti delle aziende artigiane che potranno utilizzare un periodo di sospensione e poi eventualmente accedere alla Cassa in Deroga. Con la sigla della convenzione con INPS, EBAT ha messo a punto le procedure per poter attivare la richiesta di sospensione per difficoltà congiunturali - dovute a cause non dipendenti dall'imprenditore o dalla ciclicità - per tutti i dipendenti delle aziende artigiane in regola con i versamenti. A partire dal gennaio 2012 è possibile avviare la procedura di sospensione dei dipendenti che non possono trovare collocazione nel sistema produttivo aziendale. Il Comitato di Gestione di Ebat può autorizzare fino a 90 giornate. Il Comitato di Gestione di Ebat valuterà le domande in modo da evitare che si richiedano giornate di sospensione che poi non vengono usufruite. Durata dell intervento, massimo 90 giorni nell anno Entità dell intervento, equivalente, per il 2012, a quello cigs. INTEGRAZIONE PROVINCIALE: 6,6 per ogni giorno di disoccupazione per un massimo di 180 giorni, condizionata alla partecipazione a percorsi di politica attiva del lavoro. 10

11 Indennità regionale di mobilità E un intervento a sostegno delle persone inserite nelle liste di mobilità e che non hanno diritto all indennità di mobilità prevista dalle leggi statali. L assegno è erogato per un massimo di 12 mesi ed è pari all 80 per cento della retribuzione in godimento e comunque non superiore all importo netto relativo al primo scaglione di reddito previsto annualmente a livello nazionale per l indennità di mobilità statale. Da tale importo viene detratto quanto percepito a titolo di indennità di disoccupazione dall INPS. L importo del massimale per l anno 2011 ammontava ad euro 853,84, per il 2012 ammonta a 876,89. Spetta: ai/alle lavoratori/trici disoccupati/e residenti e domiciliati/e in regione ed inseriti/e nelle rispettive liste di mobilità provinciali che non hanno diritto all indennità di mobilità prevista da leggi statali, purché la disoccupazione si sia protratta per almeno 90 giorni. Il/la lavoratore/trice, alla data del licenziamento, deve poter far valere un anzianità aziendale di 12 mesi di cui gli ultimi tre con rapporto di lavoro a tempo indeterminato con la medesima azienda. Il/la lavoratore/trice deve inoltre essere immediatamente disponibile allo svolgimento di attività lavorative, formative, di inserimento lavorativo e di ogni altra attività individuata dai servizi competenti secondo le disposizioni provinciali. INTEGRAZIONE PROVINCIALE: 6,6 per ogni giorno di disoccupazione per un massimo di 180 giorni, condizionata alla stipula del Patto di Servizio con il Centro per l Impiego e alla partecipazione alle azioni di politica attiva del lavoro proposte. 11

12 Interventi della Provincia di Trento a tutela dei lavoratori che cessano il rapporto di lavoro per crisi di mercato (protocollo d'intesa del 31 dicembre 2011 tra Provincia e parti sociali per l'estensione ALL ANNO 2012 DELLE AZIONI PER AFFRONTARE L EMERGENZA OCCUPAZIONALE CONSEGUENTE ALLA CRISI ECONOMICA) Descrizione I soggetti che cessano l attività lavorativa tra il ed il , è riconosciuta un indennità di sostegno al reddito, al duplice scopo di alleviare gli effetti della congiuntura negativa e di sostenere i consumi. Ai soggetti disoccupati è riconosciuta la possibilità di frequentare percorsi formativi, anche integrati e personalizzati, di orientamento e accompagnamento per la riqualificazione professionale o, comunque, per il miglioramento delle competenze generali e professionali, al fine di accrescere la loro occupabilità ed adattabilità. Per tali soggetti verranno definite successivamente le priorità, modalità e condizioni di intervento. Nel dettaglio, i soggetti beneficiari, i requisiti richiesti, la durata e la misura degli interventi sono quelli indicati di seguito. Destinatari degli interventi di sostegno al reddito Sono destinatari di questi interventi le seguenti categorie di lavoratori: 1. lavoratori a tempo determinato cui non sia stato rinnovato il rapporto di lavoro. Nell ambito del lavoro pubblico, sono interessati dagli interventi i lavoratori il cui contratto a tempo determinato non sia stato rinnovato, a far data dal , in conseguenza di significative contrazioni delle risorse ordinarie che alimentano il bilancio e l ente datore di lavoro abbia proceduto a realizzare piani di riorganizzazione e di riduzione del personale in servizio. 2. lavoratori a tempo indeterminato licenziati per giustificato motivo oggettivo, iscritti in lista di mobilità statale o provinciale. 3. lavoratori licenziati per inidoneità sopravvenuta alla prestazione o per superamento del periodo di comporto; 4. apprendisti licenziati per giustificato motivo oggettivo o non confermati al termine del periodo di apprendistato; 5. collaboratori a progetto che hanno perso il lavoro; 6. associati in partecipazione con esclusivo apporto di manodopera che hanno perso il lavoro; 7. lavoratori dimessisi per giusta causa per mancata o ritardata erogazione della retribuzione. Sono esclusi dagli interventi: a. i lavoratori domestici; b. i lavoratori impiegati in attività stagionali dei settori turistico e agricolo; c. i lavoratori assunti in occasione di un intensificazione ricorrente dell attività produttiva; d. i titolari di pensione di anzianità o di vecchiaia; e. i lavoratori occupati nelle attività previste dall Azione 10 del Documento degli interventi di politica del lavoro per il triennio e nelle attività della legge provinciale n. 32 del 1990; 8. i lavoratori assunti per sostituire lavoratori assenti per i quali sussiste il diritto alla conservazione del posto di lavoro. 12

13 Requisiti richiesti per l accesso agli interventi Il beneficiario di ciascuno degli interventi di sostegno al reddito previsti da questa azione deve, a pena di esclusione dal sostegno al reddito: a) essere stato licenziato o aver cessato il rapporto di lavoro a tempo indeterminato, determinato, di collaborazione a progetto, di apprendistato o di associazione in partecipazione per motivi riconducibili a situazioni di mercato, verificabile da dichiarazione di responsabilità del rappresentante legale aziendale ovvero, in mancanza, dal ricorso a periodi di sospensione del rapporto di lavoro, da altri licenziamenti per riduzione di personale o dalla cessazione dell attività di impresa. Il presente requisito non è richiesto nei confronti dei lavoratori licenziati per inidoneità sopravvenuta alla prestazione o per superamento del periodo di comporto. b) essere in stato di disoccupazione ed essere privo di occupazione da almeno 7 giorni di calendario; c) essere disponibile a sottoscrivere alla stipula del Patto di Servizio con il Centro per l Impiego e alla partecipazione alle azioni di politica attiva del lavoro proposte. d) essere disponibili ad accettare ogni offerta di un lavoro secondo i criteri previsti per la gestione della lista di mobilità; e) essere domiciliati e residenti in provincia di Trento al momento della cessazione dell attività lavorativa. Con riguardo a ciascuna categoria di beneficiari dell indennità, sono richiesti i seguenti ulteriori requisiti. a) Lavoratori a tempo determinato cui non sia stato rinnovato il rapporto L intervento è riservato a coloro che possiedano un anzianità lavorativa presso l ultimo datore di lavoro di almeno 180 giorni immediatamente antecedenti la cessazione del rapporto di lavoro. Per i lavoratori dipendenti di agenzie di somministrazione il computo dei centoottanta giorni può realizzarsi anche mediante il cumulo di più rapporti di lavoro attivati nell arco degli ultimi 12 mesi dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. I lavoratori somministrati possono raggiungere i 180 giorni di anzianità lavorativa anche sommando al rapporto in somministrazione un successivo rapporto di lavoro dipendente presso l utilizzatore, instaurato senza soluzione di continuità. I lavoratori con contratto di lavoro intermittente possono accedere agli interventi di sostegno al reddito purché possano far valere centottanta giorni di lavoro effettivo. b) Lavoratori a tempo indeterminato licenziati per giustificato motivo oggettivo L intervento è riservato a coloro che siano iscritti in lista di mobilità statale o provinciale e beneficiari della relativa indennità statale o regionale. I lavoratori iscritti in lista non beneficiari di indennità di mobilità statale o regionale devono essere in possesso del requisito di anzianità lavorativa di centoottanta giorni di cui alla lettera a). Possono altresì beneficiare dell intervento i lavoratori licenziati da datori di lavoro non imprenditori che siano in possesso del requisito di anzianità lavorativa di centottanta giorni di cui alla lettera a), pur non essendo in possesso dei requisiti previsti per l iscrizione nella lista di mobilità provinciale. c) Lavoratori licenziati per inidoneità sopravvenuta alla prestazione o per superamento del periodo di comporto L intervento è riservato a coloro che siano in possesso del requisito di anzianità lavorativa di centoottanta giorni di cui alla lettera a) e la cui inidoneità sopravvenuta alla prestazione sia stata certificata ai sensi di legge. d) Apprendisti licenziati per giustificato motivo oggettivo. L intervento è riservato agli apprendisti licenziati dopo un periodo di almeno centoottanta giorni o non confermati al termine del periodo di 13

14 apprendistato. Nel caso in cui il lavoratore sia in possesso dei requisiti per attivare l intervento previsto dalla normativa statale, deve obbligatoriamente presentare domanda all INPS. La Provincia integra il contributo statale qualora il lavoratore sia in possesso dei requisiti previsti dalla presente Azione. e) Collaboratori a progetto e associati in partecipazione con esclusivo apporto di manodopera che hanno perso il lavoro I collaboratori a progetto e gli associati in partecipazione con esclusivo apporto di manodopera per aver diritto all intervento devono essere in possesso dei seguenti requisiti: aver svolto in via esclusiva attività di collaborazione a progetto per almeno 6 mesi nei 24 precedenti la cessazione dell attività lavorativa, di cui almeno 3 consecutivi nel periodo immediatamente antecedente la cessazione dell attività suddetta. aver operato in regime di monocommittenza. aver percepito un reddito dall ultimo contratto a progetto pari ad almeno euro lordi 600 mensili e non superiori ad euro lordi mensili. Nel caso in cui il lavoratore sia in possesso dei requisiti per attivare l intervento previsto dalla normativa statale, deve obbligatoriamente presentare domanda all INPS. La Provincia integra il contributo statale, nel limite della somma massima prevista dalla Provincia, qualora il lavoratore sia in possesso dei requisiti previsti dalla presente Azione. Misura dell intervento 1. Ai lavoratori appartenenti ad una delle categorie indicate come destinatarie degli inteventi, aventi titolo all indennità di disoccupazione ordinaria o speciale dell edilizia erogata dallo Stato, o di mobilità statale anche in deroga e regionale, è corrisposta un indennità di sostegno al reddito di euro 6,60 per ogni giorno in cui il soggetto è privo di occupazione, ad integrazione dell indennità di disoccupazione o di mobilità spettante. Non beneficiano di questa indennità integrativa gli apprendisti beneficiari di mobilità in deroga. 2. Ai lavoratori appartenenti ad una delle categorie su indicate, in possesso dei requisiti per il diritto all indennità di disoccupazione con requisiti ridotti o agricola erogata dallo Stato, è corrisposta un indennità di sostegno al reddito di importo pari ad euro 13,30 per ogni giorno in cui il soggetto è privo di occupazione. 3. Ai lavoratori appartenenti ad una delle categorie indicate come destinatarie degli inteventi privi dei requisiti per ottenere una delle indennità statali di disoccupazione o di mobilità è corrisposta un indennità di sostegno al reddito di importo pari ad euro 20 per ogni giorno in cui il soggetto è privo di occupazione. Per i lavoratori dipendenti impiegati con contratto di lavoro a tempo parziale gli importi indicati ai punti 1., 2., 3., sono decurtati di una percentuale pari a quella di riduzione dell orario di lavoro svolto. Condizioni dell intervento Il sostegno al reddito provinciale viene concesso subordinatamente alla verifica della sussistenza dei requisiti per beneficiare degli interventi statali. Qualora il lavoratore abbia titolo all intervento statale, l intervento provinciale sarà integrativo di quello statale. Per ottenere il sostegno al reddito il lavoratore deve sottoscrivere il patto di servizio e partecipare a percorsi di politica attiva del lavoro proposti. 14

15 Durata del sostegno al reddito 1. L indennità è erogata, a far data dal primo giorno in cui il soggetto è privo di occupazione, per un massimo di 180 giorni. L erogazione dell indennità viene sospesa nel caso in cui il lavoratore trovi altra occupazione che dia titolo alla sospensione dello stato di disoccupazione, ai sensi del regolamento provinciale in materia di collocamento ed avviamento al lavoro, e riprende a conclusione di questa occupazione, su richiesta del lavoratore da presentare, a pena di decadenza, entro 60 giorni dalla conclusione dell attività lavorativa. Nel caso di perdita dello stato di disoccupazione, il sostegno al reddito cessa con la medesima decorrenza. Il sostegno al reddito non è compatibile con l istituto della conservazione dello stato di disoccupazione. 2. Per i lavoratori beneficiari di indennità di mobilità, il sostegno al reddito è erogato per un periodo massimo di 180 giorni, alle medesime condizioni e secondo le modalità previste per l erogazione dell indennità di mobilità. Procedura per la presentazione dell istanza di sostegno al reddito La procedura per accedere agli interventi di sostegno al reddito a favore dei soggetti aventi titolo all indennità di mobilità nazionale viene attivata a seguito di accordo con l Inps secondo criteri di semplificazione. Obbligo di condizionalità per beneficiare dei sussidi provinciali per disoccupati o sospesi dichiarati in esubero 1. Indicazioni per il corretto assolvimento dell obbligo di attivazione da parte delle persone che sono nelle seguenti situazioni: a) disoccupati che hanno presentato domanda di sostegno al reddito provinciale; b) disoccupati con diritto all indennità di mobilità; c) lavoratori beneficiari della cassa integrazione guadagni dichiarati in esubero; 2. Fra l Agenzia del lavoro, tramite i Centri per l impiego, e ciascuna delle persone appartenenti alle categorie a) e b) di cui al punto 1. viene stipulato un Patto di Servizio che riporta i singoli interventi, le condizioni ed i tempi della loro realizzazione; 3. Alle persone appartenenti alla categoria c) di cui al precedente punto 1. è fatto obbligo di attivarsi nella ricerca di una nuova occupazione e di accettare le offerte di inserimento lavorativo e di politica del lavoro proposte dall Agenzia del Lavoro; 4. Le azioni di politica attiva prevedibili nel Patto di servizio sono: percorsi di orientamento, servizi di formazione, tirocini formativi e di orientamento, partecipazione ai lavori socialmente utili, sostegno all avvio di lavoro autonomo e altri servizi per l occupazione; 5. Il patto di servizio dovrà riportare la data entro la quale il lavoratore deve iniziare l intervento o gli interventi di politica attiva del lavoro; 6. E considerato ammissibile lo svolgimento di corsi promossi dall Agenzia del lavoro nonché da parte di strutture diverse da quest ultima (purché la frequenza possa essere debitamente certificata, attraverso la consegna di idonea documentazione presso il Centro per l impiego e purché il lavoratore possa dichiarare la data di inizio e le caratteristiche dell iniziativa), l iscrizione all Università, la frequenza di percorsi per l acquisizione di un titolo di studio o di una qualifica 15

16 professionale, di corsi per l apprendimento della lingua italiana, per il conseguimento di una patente di guida ed ogni altra iniziativa formativa individuata nel Patto in quanto considerata utile a rafforzare l occupabilità; 7. Sono esclusi dall applicazione del principio di condizionalità coloro che: - possono essere ammessi (maturazione dei requisiti) alla pensione di vecchiaia o di anzianità entro 12 mesi o comunque entro il maggiore periodo di fruizione di indennità; - sono disabili e sono stati dichiarati in condizione temporaneamente non compatibile con lo svolgimento di attività di politica attiva del lavoro. Tale dichiarazione è attestata da parte dell operatore assegnato alle attività di inserimento lavorativo di persone disabili del Centro per l impiego competente; 8. E considerato rispettato il principio di condizionalità nei casi di svolgimento di attività lavorative di durata pari o superiore a 20 giorni consecutivi; 9. La disposizione di cui al punto 8. si applica ai lavoratori che hanno cessato il rapporto di lavoro dal ; 10. La mancata osservanza delle misure concordate o proposte dall Agenzia, non dovuta a cause di forza maggiore, comporta la perdita del sostegno al reddito provinciale o dell indennità di mobilità regionale o in deroga, la segnalazione all INPS per la perdita del trattamento di sostegno al reddito nei casi previsti dalla legislazione nazionale vigente e, se le specifiche condizioni lo prevedono, la perdita dello stato di disoccupazione o dell iscrizione alle liste di mobilità; Intervento di integrazione al reddito dei lavoratori sospesi A) INTERVENTI STRAORDINARI DI INTEGRAZIONE AL REDDITO Destinatari Sono destinatari dell intervento di integrazione al reddito i lavoratori sospesi a partire dall anno 2010 per cassa integrazione guadagni o ai sensi dell art. 19 del DL 185/2008, convertito con modificazioni, dalla legge n. 2/2009. Sono esclusi i lavoratori sospesi per contratto di solidarietà e per evento meteorologico. Requisiti Il lavoratore sospeso deve maturare un numero minimo di ore di sospensione (c.d. periodo di carenza). Tale soglia minima è stabilita in 120 ore per ogni semestre a partire dall anno I periodi di sospensione inferiori alla soglia suindicata non vengono indennizzati. Il computo delle ore di sospensione per i rapporti di lavoro a tempo parziale avviene applicando la percentuale di riduzione dell orario di lavoro effettuato rispetto all orario contrattuale. Per ciascun semestre, l indennità è riconosciuta al singolo lavoratore solo a fronte di almeno 100 ore di sospensione ulteriori rispetto al periodo di carenza richiesto. Per la maturazione del diritto all integrazione del reddito è richiesta la partecipazione regolare (almeno 80% delle ore complessive) ad almeno un corso di formazione per ogni semestre di riferimento. E previsto l esonero dall obbligo di formazione, se nel periodo di sospensione non sono disponibili corsi organizzati da Agenzia del lavoro o se si svolgono in un luogo che dista più di 50 Km o 80 minuti con i mezzi pubblici,dalla residenza domicilio del lavoratore. 16

17 Misura La misura dell importo orario di integrazione salariale è fissata in due soglie, calibrate sull importo massimo dell assegno di cassa integrazione guadagni o di disoccupazione erogabile: 1. a favore dei lavoratori percettori di indennità fino all importo relativo al tetto basso previsto annualmente a livello nazionale sono corrisposti euro 1,5 per ogni ora di sospensione dal lavoro; 2. a favore dei lavoratori percettori di indennità fino all importo relativo al tetto alto previsto a livello nazionale, sono corrisposti euro 1 per ogni ora di sospensione dal lavoro. Rimborsi a fronte della partecipazione a percorsi formativi Agenzia del Lavoro per disoccupati e sospesi Si premette che l accesso ai corsi organizzati dall Agenzia del lavoro è consentito a coloro che sono iscritti ai centri per l impiego della provincia di Trento o, nel caso di sospensione dal lavoro, a coloro che sono dipendenti da unità produttive operanti in provincia di Trento. I disoccupati che, alla data di inizio del corso, sono privi di qualsiasi forma di sostegno al reddito, a fronte della partecipazione a corsi di formazione avviati a partire dal 1 febbraio 2011, percepiranno un indennità di frequenza pari a: 140 per corsi da 40 ore 560 per corsi da 160 ore per corsi da 320 ore per corsi da 640 ore Nel caso di iniziative formative di durata diversa rispetto alla tipologia sopra indicata, l indennità forfetaria verrà definita dall Agenzia in misura direttamente proporzionale rispetto agli importi sopra definiti. L indennità di frequenza sarà corrisposta solo se il partecipante raggiunge una frequenza minima del 90 (novanta) per cento delle ore. Le modalità di liquidazione dell importo verranno definite dall Agenzia del lavoro secondo il criterio del pagamento in almeno due trance per percorsi di durata superiore a 200 ore. I disoccupati che hanno diritto, alla data di inizio del corso, ad interventi di sostegno al reddito di qualsiasi tipologia, ad esclusione del reddito di garanzia e delle indennità di invalidità, non percepiscono l indennità di frequenza. L indennità di frequenza non è concessa alle seguenti tipologie di persone: - corsisti inoccupati; - corsisti che non hanno avuto l ultimo rapporto di lavoro presso un unità produttiva con sede in provincia di Trento o in province confinanti, a meno che non si tratti di soggetti residenti in provincia di Trento alla data di cessazione del rapporto; - partecipanti a corsi di durata inferiore alle 40 ore Nelle giornate in cui il corso ha una durata di almeno 6 ore è previsto un buono pasto. I mezzi di trasporto pubblici all interno della provincia di Trento, per recarsi e tornare dal corso, sono gratuiti. 17

18 Nuovi requisiti per l accesso al Progettone Lavori socialmente utili di cui alla LP 32/1990 E stabilita la seguente regolamentazione delle condizioni di accesso, permanenza e fuoriuscita dal sistema provinciale dei lavori socialmente utili di cui alla L.P. n. 32/1990. Requisiti per l ingresso. Per accedere al sistema dei lavoratori socialmente utili di cui alla l.p. n. 32/1990 il soggetto interessato deve essere in possesso dei seguenti requisiti: 1. essere iscritto in lista di mobilità, ed aver goduto per l intero periodo di permanenza del relativo sostegno al reddito; 2. essere residente e domiciliato in provincia di Trento da almeno 5 anni continuativi immediatamente antecedenti il licenziamento o da 10 anni nel corso della vita purchè residente e domiciliato da almeno un anno in provincia di Trento al momento della domanda; 3. avere un età anagrafica, al momento del licenziamento, di almeno 49 anni per le donne e 53 per gli uomini; 4. avere, al momento del licenziamento, un anzianità contributiva minima contemplata nella sottostante tabella. Non è possibile l inserimento nei lavori socialmente utili di lavoratori/ici che abbiano raggiunto i requisiti minimi pensionistici; E T A a.c. per uomini a.c. per donne

19 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DELLA PRESENTE DELIBERAZIONE (PUNTI 3 E 4 DEL PRECEDENTE PARAGRAFO) VALE PER TUTTI COLORO CHE SONO LICENZIATI A FAR DATA DAL Per lavoratrici e lavoratori licenziati prima della data del 1/2/2012 continuano a valere i requisiti di accesso precedenti e cioè: - 45 anni per le donne e 50 per gli uomini al momento della domanda in caso di licenziamento precedente al 31/12/2010, con requisito contributivo di almeno 10 anni crescente con l età; - 46 anni per le donne e 51 per gli uomini al momento della domanda in caso di licenziamento intercorso tra il 1 gennaio 2011 e il 31 gennaio 2012, con requisito contributivo minimo 12 anni per gli uomini e 11 per le donne, crescente con l età. Periodo transitorio Restano ferme le regole previgenti alla propria deliberazione n. 357 di data 29 gennaio 2010 per i/le lavoratori/trici per i/le quali sono stati stipulati accordi di cassa integrazione guadagni straordinaria o di mobilità, ai sensi della legislazione vigente, che definiscono esuberi di personale, fino alla data del 30 giugno Per gli accordi stipulati tra il 1 luglio 2010 e il 31 gennaio 2012 valgono le regole della propria deliberazione n Per i lavoratori inseriti in lista di mobilità ai sensi della legge n. 236/1993, a seguito di licenziamenti avvenuti entro il , restano in vigore le regole della deliberazione n Condizioni per l ingresso Per l ingresso nel sistema dei lavori socialmente utili ai sensi della l.p. n. 32/1990 l interessato deve aver stipulato, ove proposto, durante il periodo di permanenza in lista di mobilità, il Patto di Servizio con l Agenzia del lavoro e deve aver adempiuto a quanto in esso previsto. Dovranno inoltre essere attivati specifici interventi, nell ambito della rete provinciale dei servizi al lavoro, per la ricollocazione all esterno di lavoratori/ici già inseriti/e nel Progettone. Modalità di assunzione Nel rispetto dell accordo tra la Provincia e parti sociali del in materia di azioni per affrontare l emergenza occupazionale, si stabilisce che la prima fase di inserimento lavorativo potrà avvenire, nel rispetto della normativa vigente, tramite contratto a tempo determinato, che potrà essere trasformato, alla scadenza, a tempo indeterminato. Limite di permanenza nel sistema Il rapporto di lavoro nell ambito dei lavori socialmente utili viene garantito fino al raggiungimento del diritto al percepimento della pensione di anzianità o di vecchiaia. Sono abrogate tutte le norme incompatibili con la presente regolamentazione. Indici di priorità per l assegnazione dei lavoratori per le assunzioni negli anni 2012 e Per gli anni 2012 e 2013 vengono adottati i seguenti indici di priorità, a fronte delle risorse programmate e dei posti di lavoro che si renderanno disponibili, con l obiettivo di trovare soluzioni lavorative per tutti/e i/le lavoratori/trici segnalati/e. Ferma restando la necessità di garantire in primo luogo, secondo quanto previsto dalla LP 32/1990, le esigenze dei lavoratori al fine di rispondere alle loro attitudini, potenzialità ed esperienze lavorative, tenendo conto delle loro condizioni fisiche e psichiche secondo i principi del 19

20 collocamento mirato ed individualizzato ed al contempo le richieste inoltrate dagli enti, saranno considerati, a parità di tali condizioni, i seguenti indici di priorità, da valutarsi in concorso tra di loro: a) esigenze tecniche ed organizzative; b) minor periodo mancante al raggiungimento del diritto alla erogazione della pensione; c) dall anno 2013, maggiori periodi di prolungamento della permanenza in mobilità a seguito di sospensione per rapporti di lavoro a termine. Gli indici di priorità di cui alle lettere a) e b) saranno adottati anche nei confronti dei lavoratori privi dei requisiti di accesso al sistema che non abbiano rifiutato proposte di impiego nell ambito dell Intervento 19 del Documento degli interventi di politica del lavoro. 20

21 Lavori socialmente utili piano politica del lavoro (intervento 19, ex Azione 10) 1. Per l anno 2012 il numero massimo di opportunità occupazionali sostenibili viene determinato nella misura di 1.160, eventualmente elevabili di ulteriori 40 unità riservate ai lavoratori disabili con disabilità di tipo psichico-intellettivo pari o superiore all 80 per cento ; 2. Si ammette la possibilità di ulteriori opportunità occupazionali nell ambito dell Intervento 19 e nel rispetto delle condizioni ivi previste, a condizione che gli enti proponenti i progetti si accollino interamente i relativi oneri. Destinatari Disoccupati residenti da almeno tre anni in provincia di Trento alla data della domanda. Disabili con invalidità di tipo psichico/intellettivo pari o superiore all 80%, individuati dagli operatori di riferimento della Legge 68/99 dell Agenzia del Lavoro. I soggetti, iscritti alle liste di cui al presente intervento approvate dalle competenti Commissioni per l impiego, devono appartenere alle seguenti categorie: a) disoccupati da più di 12 mesi, con più di 35 anni; b) disoccupati da più di tre mesi, con più di 50 anni; c) disoccupati invalidi ai sensi della legge n. 68/99; d) disoccupati in difficoltà occupazionale in quanto soggetti a processi di emarginazione sociale o portatori di handicap fisici, psichici o sensoriali segnalati dai servizi sociali e/o sanitari attraverso apposita certificazione; disoccupati appartenenti ad un nucleo familiare che percepisce il reddito di garanzia, segnalati dai servizi sociali e/o sanitari attraverso apposita certificazione. Non sono ammessi disoccupati iscritti in lista di mobilità o beneficiari della relativa indennità, né destinatari che abbiano maturato i requisiti minimi per fruire della pensione di anzianità o di vecchiaia. Possono essere comunque ammessi i lavoratori destinatari appartenenti alle categorie di cui sopra beneficiari del reddito di garanzia o appartenenti ad un nucleo familiare che lo percepisce. Ferma restando l applicazione della normativa in materia di decadenza dallo stato di disoccupazione e di perdita degli ammortizzatori sociali, il rifiuto da parte del lavoratore all impiego nell ambito della presente operazione, nonché la mancata partecipazione ai corsi di formazione, in assenza di giustificato motivo comportano la cancellazione del lavoratore dalle liste e l esclusione dalla possibilità di iscrizione alle stesse per l anno successivo. 21

22 Per qualsiasi informazione, chiarimento, dubbio, rivolgersi alle sedi della CGIL del Trentino, al Patronato INCA, ai Sindacati di Categoria della CGIL CGIL DEL TRENTINO tel

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Direzione Centrale. Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale. Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 27 Gennaio 2009 Circolare n. 11 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi @bollettinoadapt, 11 maggio 2015 Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi di Silvia Spattini Tag: #ammortizzatori #disoccupazione #DISCOLL #cococo #cocopro Con la circolare

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA UILCOM-UIL UNIONE ITALIANA LAVORATORI DELLA COMUNICAZIONE (UILSIC UILTE) APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA L indennità di mobilità è stata istituita dalla Legge n 223 del 23 luglio 1991. Essa

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013 Cassa integrazione guadagni ordinaria Enzo Mologni 01-10-2013 CIG legge 164/1975 Il datore di lavoro può sospendere i lavoratori e ricorrere alla CIG per fronteggiare situazioni di crisi caratterizzate

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Videoconferenza EPASA 8 settembre 2015 Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Relatori: Antonio Licchetta Carla Innocenzi Chiara Pierannunzi Consulenza

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I.

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. A.S.P.I. tutela la disoccupazione, ma prevede anche misure di tutela in costanza del rapporto di lavoro in ipotesi di sospensione dell'attività Tutela della

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI L. 92/2012, Art. 3, comma 17 Fonte Dati: INPS Seminari EBAM febbraio2015 Quadro normativo di riferimento Art. 3, comma 17 legge 92/2012 Riconosce

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 Stefano Sacchi Università degli Studi di Milano Consulente del Ministro del lavoro La riforma degli ammortizzatori

Dettagli

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione.

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione. DM 1 luglio 2005, n. 178 Regolamento per l istituzione del Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, dell occupazione, della riconversione e della riqualificazione professionale del personale di

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 17 settembre 2009 La manovra d estate (DL 1.7.2009 n. 78 convertito nella L. 3.8.2009 n. 102) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti PRESTAZIONI DEL FONDO 6. Interventi a favore dei dipendenti DIPENDENTI: RIDUZIONE - SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ Riduzione - sospensione dell attività lavorativa Contratti di solidarietà Malattia di lunga

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS)

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) a cura di Giorgio Santoni Aggiornato al giugno 2009 Indice Parte prima (pag. 3-17) Il contratto di solidarietà, applicazioni, modalità e caratteristiche

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia 1) Cosa succede se ci vado? Viene chiuso il rapporto di lavoro: il lavoratore,

Dettagli

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti: Schema di decreto legislativo recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati

Dettagli

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Premessa L attuale sistema di ammortizzatori sociali è caratterizzato da una estrema disomogeneità delle tutele tra settori, classe di ampiezza dell impresa

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE PER NEOASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 (legge di stabilità 2015 Circ. Inps 17/2015) DEFINIZIONE - Incentivo all occupazione per i contratti indeterminati - Non costituisce

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI BREVI CENNI NORMATIVI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI BREVI CENNI NORMATIVI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI BREVI CENNI NORMATIVI LA CIGO È una prestazione economica erogata dall'inps con la funzione di integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori che vengono a trovarsi

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA - D.LGS. N. 148/2015 - RIORDINO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI - MESSAGGIO INPS N. 5919/2015

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA - D.LGS. N. 148/2015 - RIORDINO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI - MESSAGGIO INPS N. 5919/2015 LAVORO Circolare n. 48 del 29/09/2015: trasmessa per posta elettronica riportata sul sito www.ancebrescia.it riportata sul prossimo notiziario stampata e spedita per posta CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 67 del 6 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Dall ASPI alla NASPI: da maggio sono cambiate le tutele dei lavoratori che hanno perso l impiego Gentile cliente, con

Dettagli

SINTESI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

SINTESI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA SINTESI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NOZIONE La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) è un ammortizzatore sociale attraverso il quale il lavoratore subordinato, per un determinato periodo

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli