SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE"

Transcript

1 GUIDA PER L AZIENDA Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste Tel Fax Scala dei Cappuccini n. 1 Stanza n.5 Tel (int. 249); Fax SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE Sportello Azienda presso EZIT via Caboto n. 14 Tel Fax LAVORO & ORIENTAMENTO Centro per l Impiego Incontro Domanda Offerta Lavoro 1

2 La Provincia di Trieste, in coerenza con la programmazione regionale in materia di lavoro, è chiamata a individuare le strategie da mettere in atto sul territorio definendo gli obiettivi da raggiungere in raccordo con gli interventi in campo economico, sociale e formativo. Attraverso il Servizio delle politiche del lavoro ed il Centro per l impiego, l Assessorato alle Politiche attive del lavoro della Provincia di Trieste si è impegnato a rendere pienamente attuativo il dettato della Legge Regionale 18/2005 Norme per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro Da questa esigenza sono nate, infatti, una serie di iniziative quali: - l apertura dello Sportello Impresa presso la sede dell EZIT (Ente Zona Industriale di Trieste) per essere più vicini alle imprese con i servizi di consulenza; - l apertura di un punto di informazione e orientamento rivolto ai giovani universitari presso l ERDISU; Nell ambito delle nostre strategie riteniamo fondamentale favorire la conoscenza di tutti gli strumenti di politiche del lavoro esistenti ed utilizzabili dalle imprese a partire dal servizio gratuito di incontro domanda e offerta di lavoro eseguito dagli operatori specializzati, dalla consulenza sul sistema regionale di strumenti ed incentivi per le assunzioni e della loro cumulabilità con altri dispositivi previsti dalla legislazione statale, alle informazioni sugli strumenti utilizzabili per la formazione aziendale e per l inserimento formativo con l attivazione di work-experience, tirocini formativi, borse di formazione-lavoro. Questa pubblicazione vuole essere uno strumento di prima informazione utile per poter accedere in forma facilitata ai servizi per l impiego che il Servizio Lavoro della Provincia di Trieste mette a disposizione. Assessore alle Politiche Attive del Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Educative Adele Pino 2

3 Guida AZIENDA Il Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro (IDO) Il Servizio IDO si avvale di operatori specializzati del Centro per l Impiego e l accesso ai servizi è diretto e gratuito Il Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro (IDO) mira ad agevolare l incontro tra aziende e risorse umane, operando sul territorio alla ricerca delle professionalità più idonee a soddisfare i bisogni dell impresa. I SERVIZI OFFERTI ALL IMPRESA: Scala dei Cappuccini n.1 Stanza n.5 Tel (int. 249, 250, 251, 254, 255); Fax modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego SERVIZIO collocamento ordinario: Richiesta di personale SERVIZIO collocamento ordinario: Tirocinio Formativo e di Orientamento SERVIZIO collocamento ordinario: Borsa Formazione Lavoro SERVIZIO collocamento mirato: Richiesta di personale SERVIZIO collocamento mirato: Tirocinio di Formazione in Situazione Sviluppo Competenze (TFSC) e Tirocinio di Formazione in Situazione Assunzione (TFSA) SERVIZIO: Consulenza Sgravi ed Incentivi all Assunzione SERVIZIO: Auto-imprenditoria SPORTELLI INFORMATIVI PRESSO ALTRE SEDI: Sportello Azienda presso EZIT 3

4 Guida AZIENDA Richiesta personale (collocamento ordinario) NORMATIVA: D.Lgs 181/2000 "Disposizioni per agevolare l'incontro fra domanda ed offerta di lavoro, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, lettera a), della legge 17 maggio 1999, n. 144" Il Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro (IDO) mira ad agevolare l incontro tra aziende e risorse umane, operando sul territorio alla ricerca delle professionalità più idonee a soddisfare i bisogni dell impresa L.R. 18/2005 Norme regionali per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro COSA OFFRE ALLE IMPRESE: la possibilità di ricercare una figura professionale rispondente alle esigenze del proprio settore avvalendosi di un servizio specializzato nel reperimento dei profili più idonei colloqui e visite in azienda volti ad individuare le competenze utili nel contesto aziendale, le modalità e le tipologie d inserimento possibili la possibilità di coniugare la ricerca di personale con la consulenza di esperti sul sistema di sgravi ed incentivi all assunzione l opportunità di usufruire di una consulenza specializzata sulle diverse tipologie di inserimento e sull attuazione di strumenti di formazione-lavoro (Tirocini Formativi e di Orientamento, Borse Formazione Lavoro, Work Experience, Progetti ad hoc) 4

5 Guida AZIENDA Richiesta personale (collocamento ordinario) COME RICHIEDERE PERSONALE: l azienda compila il modulo di richiesta personale, dettagliando le caratteristiche del profilo ricercato, e lo inoltra tramite fax al Centro per l Impiego Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro (IDO) SERVIZIO IDO: Scala dei Cappuccini n.1 Stanza n.5 Tel (int. 249, 250, 251, 254, 255); Fax modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego il Servizio IDO provvede all individuazione dei candidati in possesso dei requisiti richiesti ed inoltra all azienda una rosa di candidati l azienda provvede alla selezione autonomamente o in collaborazione con gli operatori IDO anche presso la sede del Centro per l Impiego ALL AZIENDA RISERVIAMO INOLTRE: un servizio di pubblicazione delle offerte di lavoro, in forma anonima e gratuita, all interno dello spazio web e degli spazi dedicati al Centro per l Impiego sulla stampa locale la possibilità di fruire gratuitamente di un locale del Centro per l Impiego per effettuare la selezione la possibilità di avvalersi di una consulenza specializzata gratuita, con informazioni accurate e sempre aggiornate sul mercato del lavoro 5

6 Guida AZIENDA Tirocinio Formativo e di Orientamento NORMATIVA: D.M. 142/1998 Regolamento recante norme di attuazione dei princìpi e dei criteri di cui all'articolo 18 della L. 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento Il tirocinio formativo mira ad agevolare l incontro tra aziende e risorse umane, favorendo la crescita e l orientamento nelle scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro Il tirocinio formativo non costituisce rapporto di lavoro COSA OFFRE: Regolamento per l attivazione di tirocini formativi e di orientamento e di tirocini estivi ai sensi dell art.63, commi 2 e 3, della L.R. 9 agosto 2005, n. 18 (Norme regionali per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro) approvato con Decreto della Giunta Regionale n. 906 del alle aziende la possibilità di formare una figura professionale rispondente alle esigenze del proprio settore, nell ottica di una futura collaborazione alle persone in cerca di lavoro l opportunità di perseguire lo sviluppo di competenze professionali a contatto diretto con il mondo del lavoro A CHI SI RIVOLGE: studenti che frequentano la scuola superiore (tirocini estivi): durata massima 4 mesi lavoratori inoccupati, disoccupati, in mobilità iscritti al Centro per l Impiego: durata massima 6 mesi entro i 18 mesi successivi alla formazione: allievi di istituti professionali o di corsi di formazione professionale; studenti frequentanti corsi post diploma; studenti universitari, dottorandi, studenti di corsi di perfezionamento e specializzazione post laurea, scuole o corsi di perfezionamento e specializzazione post-secondari anche non universitari: durata massima 12 mesi persone svantaggiate art. 4 comma 1 L.381/1991: durata massima 12 mesi persone disabili o portatrici di handicap: durata massima 24 mesi 6

7 Guida AZIENDA Tirocinio Formativo e di Orientamento LIMITI NUMERICI PREVISTI PER LE AZIENDE: numero di dipendenti a tempo indeterminato tra 1 e 5: 1 tirocinante numero di dipendenti a tempo indeterminato tra 6 e 19: non più di 2 tirocinanti contemporaneamente più di 20 dipendenti a tempo indeterminato: non superiore al 10% dei dipendenti a tempo indeterminato con almeno un dipendente a tempo determinato con contratto non inferiore a 24 mesi: 1 tirocinante Scala dei Cappuccini n.1 Stanza n.5 Telefono dott.ssa Alessia CALZAVARA (int. 250) dott.ssa Alessia VETERE (int. 255) Fax modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego per le imprese artigiane è possibile accogliere un tirocinante anche in assenza di altri dipendenti oltre al titolare COME ATTIVARE UN TIROCINIO: l azienda compila il modulo di richiesta tirocinante disponibile sul sito della Provincia di Trieste, dettagliando le caratteristiche del profilo ricercato e lo inoltra tramite fax al Centro per l Impiego Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro (IDO) il Servizio IDO provvede all individuazione dei candidati disponibili e ne inoltra i profili all azienda che provvede autonomamente alla selezione il Centro per l Impiego predispone la documentazione di attivazione e redige la Convenzione da stipulare tra l Ente Promotore e l Azienda Ospitante, ed il Progetto Formativo e di Orientamento, che dettaglia gli obiettivi formativi del tirocinante PRIMA DELL AVVIO DEL TIROCINIO L AZIENDA DEVE: aprire una posizione INAIL attivare una polizza RC a copertura del borsista ospitato inviare la comunicazione telematica obbligatoria (ADELINE) di inizio attività al Centro per l Impiego competente (almeno il giorno prima) 7

8 Guida AZIENDA Borsa Formazione Lavoro (BFL) NORMATIVA: Delibera Consiglio Provinciale n. 66 dd. 14 dicembre 2006 Approvazione Regolamento delle Borse di Formazione Lavoro in favore di persone in disagio sociale. La borsa formazione lavoro è uno strumento propedeutico all inserimento, un esperienza professionalizzante in un contesto lavorativo finalizzata alla formazione COSA OFFRE: alle aziende la possibilità di formare una figura professionale rispondente alle esigenze del proprio settore, nell ottica di una futura collaborazione alla persona in cerca di lavoro l opportunità di seguire un progetto individualizzato di inserimento o reinserimento in un contesto lavorativo, favorendo lo sviluppo di competenze professionali ed aumentando le possibilità di accesso al mercato del lavoro. Si rivolge ai cittadini italiani, a quelli appartenenti ad uno degli Stati membri dell Unione Europea e ai cittadini extracomunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno CARATTERISTICHE: La borsa formazione lavoro non costituisce rapporto di lavoro la durata di una BFL è di 6 mesi; 20 ore settimanali di attività presso l azienda, in orario concordato tra il borsista e l azienda ospitante l ammontare dell incentivo economico erogato dall Ente promotore Provincia di Trieste in favore del borsista è di 310 al mese il borsista è affiancato da un tutor aziendale. Un operatore specializzato del Centro per l Impiego monitora l intervento, rendendosi sempre disponibile per l azienda e per la persona 8

9 Guida AZIENDA Borsa Formazione Lavoro (BFL) COME ATTIVARE UNA BORSA FORMZIONE LAVORO: l azienda compila il modulo di richiesta borsista disponibile sul sito della Provincia di Trieste, dettagliando le caratteristiche del profilo ricercato e lo inoltra tramite fax al Centro per l Impiego Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro (IDO) Scala dei Cappuccini n.1 Stanza n.5 Telefono il Servizio IDO provvede ad una prima selezione di candidati disponibili e, in accordo con le disponibilità dell azienda, organizza la selezione per l individuazione di uno o più profili il Centro per l Impiego predispone la documentazione di attivazione e redige il Progetto Formativo Individuale di inserimento dott.ssa Alessia VETERE (int. 255) Fax modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego PRIMA DELL AVVIO DELL INIZIO DELLA BFL L AZIENDA DEVE: aprire una posizione INAIL attivare una polizza RC a copertura del borsista ospitato inviare la comunicazione telematica obbligatoria (ADELINE) di inizio attività al Centro per l Impiego competente (almeno il giorno prima) 9

10 Guida AZIENDA Richiesta personale (collocamento mirato L.68/99) NORMATIVA: Legge 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili L.R. 18/2005 Norme regionali per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro (CAPO II Inserimento lavorativo delle persone disabili, artt. da 36 a 44) Il Servizio IDO si avvale di operatori specializzati del Centro per l Impiego e l accesso ai servizi è diretto e gratuito ed è finalizzato alla collocazione lavorativa delle persone diversamente abili Delibera della Giunta Regionale 217/2006 COSA OFFRE ALLE IMPRESE: la possibilità di definire un percorso che mira a collocare la persona giusta al posto giusto, puntando sulle abilità residue delle persone diversamente abili attraverso un percorso personalizzato colloqui e visite in aziende finalizzate ad individuare le competenze utili al contesto aziendale, le modalità e le tipologie di inserimento la possibilità di usufruire di una consulenza per la costruzione di progetti formativi e/o d inserimento formativo-lavorativo individualizzati (tirocini formativi L.R. 18/2008, L. 68/99) 10

11 Guida AZIENDA Richiesta personale (collocamento mirato L.68/99) COME RICHIEDERE PERSONALE: Scala dei Cappuccini n.1 Stanza n.5 Telefono dott.ssa Veronica STUMPO (int. 254) l azienda compila il modulo di richiesta personale-collocamento mirato L.68/99 disponibile sul sito della Provincia di Trieste, dettagliando le caratteristiche del profilo ricercato e del luogo di inserimento, e lo inoltra tramite fax al Centro per l Impiego Servizio di Incontro Domanda Offerta Lavoro - collocamento mirato L.68/99 il servizio IDO - collocamento mirato L.68/99 provvede all individuazione dei candidati in possesso dei requisiti richiesti ed inoltra all azienda una rosa di candidati ritenuti idonei al profilo professionale richiesto l azienda provvede alla selezione, autonomamente o in collaborazione con gli operatori IDO - collocamento mirato L.68/99 anche presso la sede del Centro per l Impiego Fax e- mail: modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego ALL AZIENDA RISERVIAMO INOLTRE: un servizio di pubblicazione dell offerta di lavoro, in forma anonima e gratuita, all interno dello spazio web e degli spazi dedicati al Centro per l Impiego sulla stampa locale la possibilità di fruire gratuitamente di un locale del Centro per l Impiego per effettuare la selezione la possibilità di avvalersi di una consulenza specializzata e gratuita 11

12 Guida AZIENDA Richiesta personale (collocamento mirato L.68/99) TIROCINI FORMATIVI VOLTI ALL ACQUISIZIONE DI COMPETENZE E VOLTI ALL ASSUNZIONE Il tirocinio mira ad egevolare l incontro tra aziende e risorse umane, favorendo la crescita professionale del tirocinante offrendo la possibilità all azienda di conoscere la persona da inserire nel proprio organico. I tirocini volti all acquisizione di competenze e volti all assunzione permettono alle persone disabili di svolgere formazione personalizzata sul campo. IL TIROCINIO DI FORMAZIONE VOLTO ALL ACQUISIZIONE DI COMPETENZE E uno strumento utile all integrazione delle persone diversamente abili, si pone l'obiettivo di favorire l acquisizione di competenze professionali idonee a un successivo inserimento a pieno titolo nel mercato del lavoro e di consolidare abilità e capacità di socializzazione lavorativa necessarie per un inserimento definitivo nel sistema produttivo. Questo tipo di inserimento è previsto per persone che intendono reinserirsi nel mercato del lavoro a seguito di un lungo periodo di inattività o che possiedono poche competenze lavorative. Il Tirocinio di formazione volto all acquisizione di competenze si attua attraverso la realizzazione di uno o più tirocini, diversificati nel tempo e di crescente complessità ed impegno, con una durata massima pari a 36 mesi complessivi. Può articolarsi in un impegno settimanale da un minimo di 20 ad un massimo di 35 ore settimanali. 12

13 Guida AZIENDA Richiesta personale (collocamento mirato L.68/99) IL TIROCINIO DI FORMAZIONE VOLTO ALL ASSUNZIONE E un percorso finalizzato all assunzione e rappresenta la fase in cui si realizza il passaggio tra il momento prettamente formativo e propedeutico all integrazione lavorativa ed il progetto personalizzato di integrazione lavorativa vera e propria. Tale tirocinio persegue l obiettivo del definitivo consolidamento di una adeguata capacità relazionale e lavorativa in riferimento allo svolgimento delle mansioni. Permette al datore di lavoro, presso cui si svolge il tirocinio, di computare il tirocinante nella quota d obbligo prevista dalla legge 68/99. Scala dei Cappuccini n.1 Stanza n.5 Telefono dott.ssa Veronica STUMPO (int. 254) Fax Il Tirocinio di formazione volto all assunzione ha una durata dai 3 ai 6 mesi ed è rinnovabile una sola volta per comprovate esigenze; può articolarsi in un impegno settimanale che fa riferimento al contratto di settore ed al contratto individuale di assunzione successivo; In entrambi i casi è previsto un incentivo economico, il rimborso spese trasporto ed eventuali spese mensa, la posizione INAIL e la copertura assicurativa R.C.T. a carico della Provincia di Trieste. Si tratta di strumenti che consentono l inserimento lavorativo mirato attraverso un progetto individuale che prevede attività di costante monitoraggio e tutoraggio. e- mail: modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego FIGURE DI RIFERIMENTO Il TUTOR individuato dal SOGGETTO PROMOTORE come responsabile didattico-organizzativo delle attività e dell istruttoria necessaria all avvio del procedimento Il TUTOR designato dall AZIENDA OSPITANTE come responsabile dell inserimento del tirocinante 13

14 Guida AZIENDA Incentivi alle Aziende Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste dott.ssa Alessandra COCEANI Tel dott.ssa Daniela SALANDRA Tel Fax Scala dei Cappuccini n. 1 Tel (int. 249) Sportello Azienda presso EZIT via Caboto n. 14 Tel (mercoledì dalle alle 12.30) dott.ssa Alessia CALZAVARA NORMATIVA: Regolamento Regionale per la concessione e l erogazione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del lavoro previsti dagli artt. 29, 30, 31, 33 e 48 della L.R. 18/2005 Norme per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro (D.P.Reg 0114/Pres dd. 28 maggio 2010) INCENTIVI PER ASSUNZIONI BENEFICIARI: imprese, cooperative e loro consorzi, imprese artigiane, associazioni o fondazioni e prestatori di attività professionale in forma individuale, associata o societaria che hanno sede, ovvero sedi secondarie o unità locali, in Friuli Venezia Giulia ASSUNZIONI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ANCHE PARZIALE O INSERIMENTO IN QUALITÀ DI SOCIO LAVORATORE IN COOPERATIVA di: disoccupati da almeno 12 mesi disoccupati e invalidi del lavoro con invalidità inferiore al 34% donne e uomini disoccupati che hanno già compiuto i 35 anni di età disoccupati da almeno 1 giorno soggetti a rischio disoccupazione (CIGS e CIG in deroga) disoccupati ai quali non manchino più di 5 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico soggetti disoccupati provenienti dai settori di crisi ASSUNZIONI CON CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO (24 MESI) ANCHE PARZIALE di: donne disoccupate che hanno già compiuto i 45 anni di età disoccupate da almeno 1 giorno uomini disoccupati che hanno già compiuto i 50 anni di età disoccupati da almeno 1 giorno ASSUNZIONI CON CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO (12 MESI) ANCHE PARZIALE di: soggetti disoccupati ai quali manchino non più di 3 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico. 14

15 Guida AZIENDA Incentivi alle Aziende Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste dott.ssa Alessandra COCEANI Tel dott.ssa Daniela SALANDRA Tel Fax Scala dei Cappuccini n. 1 Tel (int. 249) Sportello Azienda presso EZIT via Caboto n. 14 Tel (mercoledì dalle alle 12.30) dott.ssa Alessia CALZAVARA modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego NORMATIVA: Regolamento Regionale per la concessione e l erogazione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del lavoro previsti dagli artt. 29, 30, 31, 33 e 48 della L.R. 18/2005 Norme per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro (D.P.Reg 0114/Pres dd. 28 maggio 2010) INCENTIVI PER LA TRASFORMAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO AD ELEVATO RISCHIO DI PRECARIZZAZIONE IN RAPPORTI A TEMPO INDETERMINATO Sono previsti per la STABILIZZAZIONE DI PERSONE CHE ALLA DATA DEL PRIMO GENNAIO 2010 PRESTAVANO LA PROPRIA OPERA IN ESECUZIONE DI UN CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE, A PROGETTO, DI INSERIMENTO, SOMMINISTRAZIONE CON LA MEDESIMA AZIENDA RICHIEDENTE L INCENTIVO e che nell arco degli ultimi 5 anni abbiano maturato 36 mesi di contratti precari (contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, contratto di lavoro intermittente, contratto di formazione lavoro, contratto di inserimento, contratto di collaborazione coordinata e continuativa, contratto di lavoro a progetto, contratto di lavoro interinale, contratto di somministrazione lavoro, contratto di apprendistato) anche in aziende diverse da quella che richiede l incentivo O IN ESECUZIONE DI UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO CHE SCADE ENTRO 24 MESI DAL PRIMO GENNAIO 2010 CON LA MEDESIMA AZIENDA RICHIEDENTE L INCENTIVO e che nell arco degli ultimi 5 anni abbiano maturato 36 mesi di contratti precari anche in aziende diverse da quella che richiede il contributo O IN ESCUZIONE DI UN CONTRATTO DI APPRENDISTATO (trasformabile in qualsiasi momento). INCENTIVI PER LA FREQUENZA DI CORSI DI RIQUALIFICAZIONE Sono previsti per la frequenza a corsi di riqualificazione realizzati da soggetti accreditati dalla Regione e che prevedono alternativamente il rilascio di una certificazione attestante la frequenza stessa e il conseguimento di una qualifica. 15

16 Guida AZIENDA Incentivi alle Aziende NORMATIVA: Regolamento Regionale per la concessione di incentivi per favorire l occupazione di soggetti ad elevata qualificazione e di personale da impiegare in attività di ricerca. (D.P.Reg. 0325/Pres dd. 08 ottobre 2004) INCENTIVI PER L ASSUNZIONE DI SOGGETTI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE E DI PERSONALE DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste dott.ssa Francesca BUONOCORE Tel Fax BENEFICIARI: imprese, associazioni e fondazioni che hanno sede, ovvero sedi secondarie o unità locali, in Friuli Venezia Giulia Gli incentivi sono previsti per l assunzione a tempo indeterminato o inserimento di socio lavoratore in cooperativa ovvero per l assunzione a tempo determinato di durata pari ad almeno due anni. I benefici sono concessi solo per assunzioni a tempo pieno. GLI INCENTIVI SONO CONCESSI PER L ASSUNZIONE di: personale ad elevata qualificazione in possesso di una laurea triennale, specialistica, o del vecchio ordinamento conseguita nei settori specificati negli Allegati B, C e D del Regolamento; modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego personale ad elevata qualificazione in possesso di una laurea triennale, specialistica, o del vecchio ordinamento diversa da quelle specificate negli Allegati B, C e D del Regolamento, che dimostri di aver frequentato corsi concernenti il trasferimento tecnologico, la diffusione dell innovazione o la trasmissione della conoscenza e dell informazione; personale da impiegare in attività di ricerca in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado. 16

17 Guida AZIENDA Incentivi alle Aziende Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste dott.ssa Alessandra COCEANI Tel dott.ssa Daniela SALANDRA Tel Fax Scala dei Cappuccini n. 1 Tel (int. 249) Sportello Azienda presso EZIT via Caboto n. 14 Tel (mercoledì dalle alle 12.30) dott.ssa Alessia CALZAVARA modulistica: lavoro & orientamento centro per l impiego INCENTIVI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE E ACQUISTO DI UNA PARTECIPAZIONE PREVALENTE BENEFICIARI: imprese, cooperative e loro consorzi ed imprese artigiane CATEGORIE AMMESSE ALLA RICHIESTA DI CONTRIBUTO: disoccupati (con determinate requisiti), soggetti a rischio di disoccupazione, disabili (iscritti ai sensi della L.68/99) TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI: Entro 12 mesi dall iscrizione al Registro delle Imprese, all Albo delle Imprese artigiane o al Registro regionale delle cooperative: macchinari e attrezzature, mobili ed elementi di arredo strettamente funzionali all attività dell impresa, macchine per ufficio e programmi informatici, beni immateriali strettamente funzionali all attività dell impresa, automezzi destinati al solo trasporto di cose, compresi i pick-up con non più di tre posti, mezzi per il trasporto di persone qualora costituiscano il mezzo attraverso il quale si esplica l attività dell impresa. sono altresì ammissibili le spese per la partecipazione a corsi di formazione imprenditoriale. Nei 6 mesi antecedenti all iscrizione sono ammissibili le spese sostenute per l acquisto dei beni precedentemente elencati, qualora ai fini dell iscrizione stessa ne fosse richiesto il possesso dalla vigente normativa. Nei 6 mesi antecedenti all iscrizione sono ammissibili le spese sostenute per consulenze legali, notarili, tecnico-amministrative e fiscali la cui fatturazione non sia successiva al novantesimo giorno decorrente dalla data di iscrizione dell impresa. 17

18 Guida AZIENDA Linea di Intervento 17 La linea di Intervento 17 offre la possibilità di formare i lavoratori rientranti nei target previsti, mediante corsi progettati secondo le esigenze delle imprese o mediante l attivazione di work experience all interno delle imprese stesse. Le attività della Linea di Intervento 17 sono attività formative e non costituiscono rapporto di lavoro. NORMATIVA: Decreto n. 3443/CULT.FP/2009 dd. 28 settembre 2009 Linea di Intervento 17 Piano d azione per la ricollocazione lavorativa dei disoccupati Delibera di Giunta Regionale n. 920 dd. 24 aprile 2009 Pianificazione periodica delle operazioni - PPO Annualità 2009 CHE COS È E una linea di intervento finanziata dal Fondo Sociale Europeo (Programma operativo 2007/2013) per la formazione dei lavoratori rientranti nelle seguenti categorie: lavoratori disoccupati lavoratori in mobilità lavoratori in cassa integrazione L attivazione dell intervento formativo è strettamente connessa alle richieste del mercato del lavoro e alle esigenze del lavoratore. ATTIVITÀ FORMATIVE REALIZZABILI Le attività formative che possono essere realizzate sono: Qualificazione di base abbreviata (da 400 a 800 ore) Formazione permanente per gruppi omogenei (da 50 a 400 ore) Formazione imprenditoriale di base (da 50 a 200 ore) Formazione permanente con modalità individiduale (40, 80 o 120 ore) Work experience (da 2 a 6 mesi) CARATTERISTICHE E VINCOLI DEI CORSI Le aziende o le Associzioni di categoria possono evidenziare al Centro per L Impiego la necessità di interventi formativi mirati all inserimento lavorativo per determinati profili professionali. Le operazioni di formazione permanente per gruppi omogenei devono essere avviate con almeno 12 allievi. Il numero massimo di allievi ammissibili è pari a 16 unità. 18

19 Guida AZIENDA Linea di Intervento 17 CARATTERISTICHE E VINCOLI DELLE WORK EXPERIENCE (W.E.) L inserimento in un esperienza di lavoro prevede: modulo di orientamento al ruolo (non più di due giornate), tirocinio formativo, verifica finale dei risultati conseguiti (due ore). Ogni W.E. deve prevedere almeno 5 giorni di presenza settimanale ed almeno un giorno di riposo settimanale e non è ammesso un impegno giornaliero superiore a 8 ore. Agli allievi che superano la verifica finale viene rilasciato un attestato di frequenza. Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste dott. Marco DE LORENZO Tel Fax Scala dei Cappuccini n. 1 - Stanza 2 Tel (int. 223) sig.ra Leila GEMBRINI NUMERO DI WORK EXPERIENCE PER OGNI AZIENDA Il numero dei lavoratori che possono svolgere attività di Work Experience all interno dell azienda deve essere calcolato secondo i seguenti parametri: Nessun dipendente a tempo indeterminato: 1 W.E. [se attivata presso maestro artigiano iscritto all albo (art.23 della L.R. 12/2002), nel settore delle lavorazioni artistiche (art. 16 del regolamento di cui al D.P.Reg. del 20 dicembre 2002, n. 0400/Pres o in studi professionali] Da 1 a 5 dipendenti a tempo indeterminato: 1 W.E. Da 6 a 19 dipendenti a tempo indeterminato: 2 W.E. Da 20 dipendenti a tempo indeterminato ed oltre: 10%. MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DELLE WORK EXPERIENCE Le aziende possono richiedere al Centro per l Impiego l attivazione di W.E. utili alla formazione di profili professionali corrispondenti alle loro esigenze di inserimento lavorativo. Sulla base delle caratteristiche richieste, il Centro per l Impiego fornisce una rosa candidati coerente all azienda che provvede alla selezione del candidato maggiormente idoneo. La tempistica per l attivazione della W.E. è di 30 giorni dal momento della conferma del candidato. 19

20 Guida AZIENDA Sportello Azienda presso EZIT CONSULENZA SPECIALIZZATA GRATUITA ED ESAUSTIVA SUGLI INCENTIVI ALLE AZIENDE IN BASE a: Contatti: SPORTELLO AZIENDA presso EZIT Regolamento Regionale per la concessione e l erogazione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del lavoro previsti dagli art. 29, 30, 31, 33 e 48 della L.R. 18/2005 Norme per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro Regolamento Regionale per la concessione di incentivi per favorire l occupazione di soggetti ad elevata qualificazione e di personale da impiegare in attività di ricerca (L.R. 11/2003) via Caboto n.14 ORARIO DI APERTURA: mercoledì Tel Fax Scala dei Cappuccini n.1 dott.ssa Alessia CALZAVARA Tel (int. 249) COME RICHIEDERE LA CONSULENZA L azienda può contattare telefonicamente o tramite gli operatori dettagliando le caratteristiche dell impresa e del profilo ricercato per ricevere informazioni sulle possibilità di inserimento attuabili ed agli aggiornamenti in materia. COSA OFFRE ALLE IMPRESE la possibilità di coniugare la ricerca di personale con la consulenza di esperti sul sistema di sgravi ed incentivi all assunzione e sui vantaggi che ne possono derivare la possiblità di avere una consulenza specializzata gratuita sulle modalità di accesso al sistema di sgravi ed incentivi all assunzione (ammissibilità del contributo e presentazione della domanda) la possibilità di avere una consulenza gratuita sulla normativa vigente in materia di lavoro, sulle procedure amministrative, sulle agevolazioni e sui benefici previsti dalla normativa nazionale e regionale sul collocamento mirato L.68/99. 20

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 2470 Trieste 26/09/2013 Proposta nr. 1810 Del 25/09/2013 Oggetto: Avvio tirocinio formativo e di orientamento (art. 18 L.196/97

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per la concessione e l erogazione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 2144 Trieste 26/08/2013 Proposta nr. 1616 Del 23/08/2013 Oggetto: Avvio tirocinio formativo e di orientamento (art. 18 L.196/97

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, legge 68/99 in enti pubblici Il giorno I

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, LEGGE n. 68/99 Il giorno Tra la PROVINCIA DI ROVIGO con sede legale in Rovigo, via Celio, 10, C.F. 93006330299 rappresentata da Il Datore di lavoro

Dettagli

Legge Regionale 18/2005, art. 31

Legge Regionale 18/2005, art. 31 Legge Regionale 18/2005, art. 31 AVVIO NUOVE IMPRESE D.P.REG. 114/PRES del 28.05.2010 entrato in vigore il 10.06.2010 (www.provincia.pordenone.it - modulistica settori amm.vi pol. del lavoro) REGIMI DI

Dettagli

Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale dell Aquila in Via Sant Agostino n. 7

Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale dell Aquila in Via Sant Agostino n. 7 PROT. /I/2/C/ DATA Provincia dell Aquila SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E AFFARI SOCIALI CONVENZIONE AI SENSI DELL ART. 11, COMMA 2 e 4, Legge 68/99. Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale

Dettagli

ADOTTA UN APPRENDISTA!

ADOTTA UN APPRENDISTA! ADOTTA UN APPRENDISTA! Una guida sull Apprendistato, le tipologie e gli attori Regione Lombardia è da sempre attenta alle sfide che le giovani generazioni devono affrontare nei loro percorsi di vita professionale.

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 793 del 16/10/2014

Decreto Dirigenziale n. 793 del 16/10/2014 Decreto Dirigenziale n. 793 del 16/10/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche

Dettagli

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 L Agenzia del lavoro L Agenzia del lavoro gestisce l anagrafe dei lavoratori (adempimenti) attua gli

Dettagli

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO

COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Timbro aziendale Bollo 16,00 euro ALLA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO COLLOCAMENTO MIRATO All. 1 Via Cesare Battisti, 14 56125 Pisa DOMANDA DI CONTRIBUTO Avviso per la Concessione di Contributi

Dettagli

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini www.bollettinoadapt.it, 24 giugno 2013 Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 All.A Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART.

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 173 DEL 29/07/2014 OGGETTO: Gestione dei benefici per la frequenza di master universitari per giovani oriundi veneti residenti all estero. Approvazione Accordo di Collaborazione.

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Piemonte di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25/2013 la deliberazione della Giunta regionale n. 74 5911 del 3 giugno

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

(Compilare la seguente richiesta in modo chiaro e in tutte le sue parti)

(Compilare la seguente richiesta in modo chiaro e in tutte le sue parti) (Compilare la seguente richiesta in modo chiaro e in tutte le sue parti) Al Dirigente Del Settore Politiche del Lavoro E dei Finanziamenti Della Provincia dell Aquila Via S. Agostino, 7 L AQUILA RICHIESTA

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

L.R. 41/1996, art. 14 ter, c. 7 B.U.R. 27/12/2013, n. 52

L.R. 41/1996, art. 14 ter, c. 7 B.U.R. 27/12/2013, n. 52 L.R. 41/1996, art. 14 ter, c. 7 B.U.R. 27/12/2013, n. 52 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 dicembre 2013, n. 0235/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione dei contributi di

Dettagli

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI COS È LA DOTE LAVORO La dote lavoro è un pacchetto di servizi, accompagnato da un indennità economica, offerto ai lavoratori per favorire

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2011, n. 0163/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA L Università di Siena, con sede legale in Siena, Via Banchi di Sotto,55, codice fiscale n. 80002070524,

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 IL DIRIGENTE

AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 IL DIRIGENTE All.A AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART. 14, L. 68/99 IL DIRIGENTE VISTA la legge 12 marzo

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati Giovanisì è il progetto della Regione Toscana per l autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato professionalizzante

Dettagli

ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE

ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E COLLOCAMENTO MIRATO, PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA E DIRITTO ALLO STUDIO, COOPERAZIONE SOCIALE Assessore Adele Pino ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

PRATICA N. DENOMINAZIONE DEL DATORE DI LAVORO (Ragione Sociale):

PRATICA N. DENOMINAZIONE DEL DATORE DI LAVORO (Ragione Sociale): DIREZIONE D AREA LAVORO, WELFARE E SVILUPPO SOCIO ECONOMICO INTERVENTI CONTRIBUTIVI A FAVORE DEI DATORI DI LAVORO (LR 18/2005, ART. 39; DGR 431/2015) APPLICARE QUI LA MARCA DA BOLLO DA 16.00 DOMANDA DI

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Cre.s.c.o. (Crescita, sviluppo, competitività e occupazione) Finanziato dal P.O.R. Programma

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE D.P.REG. 0237/PRES DEL 07.08.2006 entrato in vigore il 31.08.2006 e s.m.i. di cui al D.P.REG.

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 I Dirigenti scolastici de: Istituto Statale d Arte F. Mengaroni Pesaro Liceo Classico T. Mamiani Pesaro Liceo Scientifico G. Marconi

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2009 N. 41

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2009 N. 41 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2009 N. 41 NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALL ALTA FORMAZIONE PRESSO CENTRI INTERNAZIONALI D ECCELLENZA E DI INCENTIVO AL RIENTRO NEL MERCATO DEL LAVORO REGIONALE

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per l attivazione di tirocini ai sensi dell articolo 63 della legge regionale 9 agosto 2005,

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLA SOCIETA Work Experience è una piccola società di servizi per il lavoro, autorizzata a livello nazionale per le attività di Ricerca & Selezione e per le attività di Outplacement e accreditata

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università Cattolica del Sacro Cuore, con sede legale in Milano, per lo svolgimento di tirocini di formazione

Dettagli

Lavoriamo insieme per il vostro business

Lavoriamo insieme per il vostro business AGENZIA PER IL LAVORO CONSULENZA AZIENDALE SISTEMI DI GESTIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE Lavoriamo insieme per il vostro business Lavoriamo insieme per il vostro business Nata nel 2003 dalla collaborazione

Dettagli

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, AGENZIA REGIONALE PER L IMPIEGO E PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Ufficio Provinciale del Lavoro e della Massima Occupazione

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ALL INTERNO DI STRUTTURE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ALL INTERNO DI STRUTTURE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ALL INTERNO DI STRUTTURE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Per favorire lo svolgimento di attività professionalizzanti

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1825/2014 ADOTTATA IN DATA 19/11/2014

DELIBERAZIONE N. 1825/2014 ADOTTATA IN DATA 19/11/2014 DELIBERAZIONE N. 1825/2014 ADOTTATA IN DATA 19/11/2014 OGGETTO: Convenzione con la Libera Università di lingue e comunicazione IULM di Milano per lo svolgimento di tirocini di formazione e orientamento.

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015

Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015 Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015 Oggetto : CONVENZIONE CON L PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal: 17/06/2015

Dettagli

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO PROVINCIA LATINA Settore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale AVVISO PUBBLICO ATTIVITA FORMATIVE PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FINANZIAMENTO MODULI A, B, C 1. Premessa La Provincia

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli