1) Obiettivi e priorità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Obiettivi e priorità"

Transcript

1 Dispositivo 1 Interventi per la riqualificazione e la ricollocazione di lavoratori disoccupati, inoccupati e percettori di ammortizzatori sociali (dote training to the job dote training to the stage - incentivi all assunzione) 1) Obiettivi e priorità Le criticità e le difficoltà che incontrano le persone ad entrare e/o rientrare in modo qualificato nel mercato del lavoro richiedono un intervento straordinario sul territorio bergamasco che rappresenta il centro di ogni fase di politica attiva del lavoro. E stato perciò predisposto un intervento straordinario che riguarda le persone in cerca di lavoro e le imprese, attraverso misure che comprendono attività di formazione e riqualificazione, stage, tutoraggio all inserimento lavorativo, borse lavoro, incentivi all assunzione tenendo ben presente che le modalità di programmazione e attuazione devono permettere di fare di tale intervento straordinario un occasione per costruire da un lato misure personalizzate che permettono di superare programmi standardizzati e dall altro passare da singole esperienze di raccordo tra formazione e lavoro a ponti e transizioni codificate per un inserimento qualificato nel mercato del lavoro. Il presente avviso prevede la costituzione di due cataloghi per l erogazione di servizi finalizzati a: - sostenere l inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro, anche attraverso percorsi di riqualificazione professionale e accompagnamento al lavoro, di inoccupati, disoccupati, lavoratori fuoriusciti dal mercato del lavoro e/o provenienti da situazioni di crisi aziendale, con particolare riferimento a lavoratori percettori di ammortizzatori sociali; - sostenere l inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro attraverso percorsi di riqualificazione professionale e accompagnamento al lavoro di disoccupati di lunga durata, donne in reinserimento professionale dopo due anni di attività e soggetti in situazione di svantaggio non certificato. Gli interventi, destinati alla persona, sono strettamente finalizzati a favorirne l inserimento/reinserimento lavorativo e sono volti a sviluppare e accrescere le conoscenze ed abilità professionali dei lavoratori. Sono altresì previsti incentivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato o determinato i soggetti destinatari del presente avviso. 1

2 Le azioni previste perseguono differenti finalità specifiche, che vengono determinate in funzione del soggetto promotore, della eventuale tipologia di formazione o di percorso di accompagnamento al lavoro previsti e della categoria di destinatari individuati. 2) Strumenti I percorsi di politica attiva saranno attuati attraverso l utilizzo dello strumento della dote, conformemente ai principi di centralità della persona e della valorizzazione del capitale umano sanciti dalle leggi regionali 22/2006 e 19/2007. Il Piano di Intervento Personalizzato (PIP) regola l erogazione dei servizi individuati dall operatore accreditato insieme al destinatario ed è l output del servizio di presa in carico. Definisce tempi e modalità degli interventi e regola i reciproci impegni. La sottoscrizione del PIP da parte del destinatario è vincolante ai fini dell ammissibilità al riconoscimento delle risorse economiche associate alla dote. 3) Descrizione degli interventi, destinatari e risorse finanziarie Saranno attivati n.2 cataloghi a cui gli enti accreditati al lavoro dovranno iscriversi/registrarsi per poter prenotare le doti. Attraverso l adesione ai cataloghi sarà possibile attivare interventi di politica attiva quali: - percorsi di riqualificazione e accompagnamento al lavoro finalizzati all adattamento delle competenze del lavoratore a quelle richieste dalla nuova azienda a seguito dell individuazione di un nuovo posto di lavoro (dote traning to the job) - percorsi di riqualificazione e accompagnamento al lavoro finalizzati al rafforzamento delle competenze e al potenziamento dell occupabilità di lavoratori in condizione di particolare svantaggio, a seguito dell individuazione di un tirocinio per l inserimento professionale del lavoratore (dote training to the stage) Saranno inoltre erogati incentivi all assunzione a favore delle aziende che assumeranno i soggetti destinatari delle doti sopra citate. 3.1 Catalogo 1 dote training to the job La registrazione al Catalogo 1 dote training to the job consente la prenotazione e l attivazione di servizi finalizzati alla presa in carico del soggetto, all individuazione e analisi di una mansione lavorativa compatibile con le esigenze e le potenzialità del lavoratore, alla eventuale realizzazione di percorsi di formazione, riqualificazione professionale, tutoring e accompagnamento al tirocinio progettati sulla base dei fabbisogni formativi del lavoratore in relazione alla figura professionale richiesta dall azienda, nonché al riconoscimento di un incentivo all assunzione destinato alle aziende. La dote potrà essere prenotata solo a seguito dell individuazione di un nuovo posto di lavoro e previa dichiarazione di disponibilità all assunzione da parte dell azienda. 2

3 Precedentemente all assunzione, al fine di adeguare le competenze del lavoratore a quelle effettivamente richieste dall azienda è possibile prevedere sia un percorso di formazione professionale a cura di un ente accreditato alla formazione sia un percorso di tirocinio in azienda, pur nel rispetto dei limiti di durata massima della dote. La descrizione dei servizi, il massimale orario e gli importi massimali riconosciuti per ciascun servizio sono indicati nella tabella 1. Per l assunzione del lavoratore è prevista l erogazione di un incentivo economico che verrà riconosciuto all azienda a seconda della tipologia di contratto di lavoro attivato (si veda tabella 3). I destinatari della dote training to the job sono lavoratori disoccupati, inoccupati (requisiti certificati dal competente Centro per l Impiego), in CIGS, in mobilità l. 223/91 e l.236/93. SERVIZI Servizio di presa in carico Riqualificazione training to the job Tabella 1. Composizione della dote training to the job DESCRIZIONE Percorso finalizzato all analisi del profilo professionale del lavoratore e alla definizione dello specifico fabbisogno formativo in relazione alle esigenze professionali già individuate presso l azienda. Prevede: colloquio di accoglienza, colloquio specialistico, definizione del percorso e scouting aziendale. Azione di formazione professionale e/o di riqualificazione volta all inserimento lavorativo del soggetto presso la nuova azienda, Tutoring e accompagnamento al tirocinio ORE MIN ORE MAX VALORE H IMPORTO MAX 10 // , TOTALE Incentivi all assunzione collegati alla dote: si veda tabella 3 Il servizio presa in carico è obbligatorio e dovrà essere avviato, erogato e concluso per primo e presuppone un minimo di 10 ore. L importo relativo a tale servizio verrà riconosciuto a risultato, previa presentazione degli output previsti nel Manuale Operatore. La misura di Riqualificazione training to the job si pone l obiettivo di promuovere: 3

4 percorsi formazione professionale e riqualificazione erogabili dai soli soggetti accreditati ai servizi formativi ai sensi della normativa regionale vigente; utilizzo dello strumento del tirocinio quale intervento di adeguamento delle competenze in azienda e riconoscimento del servizio di tutoring e accompagnamento al tirocinio erogabile esclusivamente dagli enti accreditati ai servizi al lavoro, previo il rispetto dei massimali orari previsti. In riferimento a tali servizi, comunque facoltativi, e non necessariamente abbinati si segnala che il valore indicato in tabella è da intendersi come massimale di ore prenotabili; l ente che prenota la dote ha la possibilità di indicare un valore minore corrispondente al numero di ore funzionale alla realizzazione del PIP. In relazione al servizio tutoring e accompagnamento al tirocinio in azienda il massimale orario non può superare, oltre che il limite di 20 h indicato in tabella, il 6% del monte ore del tirocinio, così come indicato nel Quadro regionale degli standard minimi al lavoro. Tempi e modalità di prenotazione/liquidazione della dote: I documenti richiesti per la prenotazione della dote, che dovranno essere caricati nel sistema Sintesi come indicato nel Manuale Operatore, sono: - il PIP; - copia della carta di identità del lavoratore; - lettera attestante l impegno di assunzione (come da modello allegato al Manuale Operatore) sottoscritta dall azienda ed, eventualmente, dalle parti sociali che comprovi l impegno al reale inserimento in azienda, per almeno 9 mesi, del lavoratore; - se previsto, il progetto del percorso formativo (come da modello allegato al Manuale Operatore), sottoscritto dall ente accreditato alla formazione e dall azienda, con l indicazione degli obiettivi specifici di apprendimento sviluppati in termini di competenze, abilità e conoscenze e la relativa durata; - se prevista, la convenzione e il progetto di tirocinio. La dote training to the job può avere una durata massima di 180 gg. La prenotazione della dote può avvenire fino al 30/06/2013, salvo proroghe concesse da Regione Lombardia. I servizi previsti dalle doti prenotate dovranno concludersi entro e non oltre il 31/12/2013. In riferimento alla modalità di liquidazione della dote e relativa documentazione vedasi Manuale Operatore. 4

5 Si precisa inoltre che il rapporto tra la Provincia di Bergamo e l ente accreditato è di tipo concessorio ex DDUO di Regione Lombardia n del 20 maggio 2009 e che, pertanto, la fattispecie de qua non è soggetta alla disciplina della tracciabilità della L.136/2010 e s.m.i 3.2 Catalogo 2 dote riqualificazione training to the stage La Dote è finalizzata a supportare l inserimento lavorativo di particolari categorie di soggetti svantaggiati come meglio sotto indicati. La registrazione al Catalogo 2 dote training to the stage - consente la prenotazione e attivazione di servizi finalizzati alla presa in carico del soggetto, all individuazione e analisi di una mansione lavorativa compatibile con le esigenze e le potenzialità del lavoratore (scouting aziendale), alla realizzazione di percorsi di formazione, riqualificazione professionale, tutoring e accompagnamento al tirocinio progettati sulla base dei fabbisogni formativi del lavoratore in relazione alla figura professionale richiesta dall azienda. La dote potrà essere prenotata solo a seguito dell individuazione di un tirocinio extra curricolare ai sensi degli indirizzi regionali in materia di tirocini e previa dichiarazione di disponibilità all attivazione del tirocinio da parte dell azienda. E prevista l erogazione di una borsa lavoro a favore del destinatario nel corso del tirocinio attivato presso l azienda.- L erogazione della borsa lavoro è in capo all ente accreditato che prenota la dote, secondo le indicazioni contenute nel Manuale Operatore. La descrizione dei servizi, il massimale orario e gli importi massimali riconosciuti per ciascun servizio sono indicati nella tabella 2. In relazione al servizio tutoring e accompagnamento al tirocinio il massimale orario non può superare, oltre che il limite di 40 h indicato in tabella, il 6% del monte ore del tirocinio, così come indicato nel Quadro regionale degli standard minimi al lavoro. In caso di assunzione del lavoratore è prevista l erogazione di un incentivo economico che verrà riconosciuto all azienda (si veda tabella 3). I destinatari della dote training to the stage sono: lavoratori disoccupati da oltre 24 mesi, donne in reinserimento lavorativo dopo due anni di inattività (requisiti certificati dal competente Centro per l Impiego), persone in situazione di svantaggio non certificato, vale a dire, persone disoccupate non rientranti nella tutela di cui alla L. 68/99 e in difficoltà occupazionale in quanto: - portatrici di handicap fisici, psichici o sensoriali e/o oggetto di processi di emarginazione sociale; - soggette a processi di emarginazione sociale, in quanto ex detenuti o scarcerati per indulto e detenuti in regime di semilibertà 5

6 - riconosciute come affette, al momento o in passato, da una dipendenza ai sensi della legislazione nazionale; - persona che non abbia ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente da quando è stata sottoposta a una pena detentiva o a un altra sanzione penale - genitori con famiglia monoparentale con uno o più figli a carico Nei casi sopra citati la condizione di svantaggio deve essere oggetto di certificazione da parte dei competenti servizi sociali o socio-sanitari o che hanno in carico la persona. Tabella 2 Composizione della dote training to the stage SERVIZI Servizio di presa in carico Riqualificazione training to the stage Borsa lavoro DESCRIZIONE Percorso finalizzato all analisi del profilo professionale del lavoratore e alla definizione dello specifico fabbisogno formativo in relazione alle esigenze professionali già individuate presso l azienda. Prevede i seguenti servizi: colloquio di accoglienza, colloquio specialistico, definizione del percorso e scouting aziendale. Azione di formazione professionale e di riqualificazione volta all inserimento in tirocinio del soggetto presso la nuova azienda, Tutoring e accompagnamento al tirocinio Indennità per il lavoratore in tirocinio. Si prevede l erogazione di una borsa lavoro pari a 500 /mese per un massimo di 6 mesi, valevole per un rapporto a tempo pieno di 40h settimanali 1. ORE MIN ORE MAX VALORE H IMPORTO MAX 10 // , TOTALE Incentivi all assunzione collegati alla dote: si veda tabella 3 Tempi e modalità di prenotazione/liquidazione della dote I documenti richiesti per la prenotazione della dote, che dovranno essere caricati nel sistema Sintesi come indicato nel Manuale Operatore, sono: - il PIP; - copia della carta di identità del lavoratore 1 Vedasi Manuale Operatore per i dettagli concernenti l erogazione della Borsa Lavoro. 6

7 - lettera attestante l impegno all attivazione del tirocinio da parte dell azienda (come da modello allegato al Manuale Operatore) e/o convenzione e progetto di tirocinio con indicazione delle ore di tirocinio - se previsto, il progetto del percorso formativo (come da modello allegato al Manuale Operatore), sottoscritto dall ente accreditato alla formazione e dall azienda, con l indicazione degli obiettivi specifici di apprendimento sviluppati in termini di competenze, abilità e conoscenze e la relativa durata. La dote training to the stage può avere una durata massima di 270 gg. La prenotazione della dote training to the stage può avvenire fino al 31/03/2013, salvo proroghe concesse da Regione Lombardia. I servizi previsti dalle doti prenotate dovranno concludersi entro e non oltre il 31/12/2013. In riferimento alla modalità di liquidazione della dote e relativa documentazione vedasi Manuale Operatore. Si precisa inoltre che il rapporto tra la provincia di Bergamo e l ente accreditato è di tipo concessorio ex DDUO di Regione Lombardia n del 20 maggio 2009 e che, pertanto, la fattispecie de qua non è soggetta alla disciplina della tracciabilità della L.136/2010 e s.m.i 3.3 Incentivi all assunzione Al fine di agevolare l inserimento lavorativo dei destinatari delle doti training to the job e dote training to the stage è previsto il riconoscimento di un incentivo all assunzione che verrà erogato direttamente all azienda che assume con un contratto a tempo indeterminato o determinato di almeno 9 mesi un lavoratore destinatario delle doti training to the job e training to the stage. In caso di trasformazione del contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, entro i termini massimi previsti per la presentazione della domanda (31/12/2013), verrà altresì riconosciuto un incentivo alla trasformazione a tempo indeterminato. L incentivo varia in funzione della tipologia di contratto come indicato in tabella 4. Tabella 3 Incentivo alle imprese Tipo di contratto Incentivo Tempo indeterminato Tempo determinato di almeno 9 mesi Trasformazione contratto tempo

8 determinato in contratto a tempo- indeterminato Possono beneficiare degli incentivi tutte le categorie di imprese, in forma singola, che sono regolarmente iscritte al registro delle imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura. Non possono essere erogati incentivi alle agenzie di somministrazione relativamente al personale assunto e non utilizzato direttamente dalle agenzie stesse; Le imprese devono rispondere ai seguenti requisiti: operare nel rispetto del Regolamento (CE) 1998/2006 (de minimis); essere in regola con quanto previsto dalla normativa che disciplina il diritto al lavoro dei disabili (l.68/99); essere in regola con i versamenti contributivi, previdenziali ed assicurativi relativi al proprio personale; osservare nei confronti di tutti i lavoratori in servizio presso l azienda la disciplina normativa e le condizioni retributive previste dalla legge, dai contratti collettivi di lavoro e dagli eventuali accordi integrativi; rispettare le normative vigenti in materia di salute e della sicurezza sul lavoro; non trovarsi in alcuna condizione che precluda la partecipazione a contributi pubblici ai sensi delle vigenti disposizioni antimafia; non aver in corso ovvero non aver fatto ricorso, nei 12 mesi precedenti alla data di presentazione della domanda di finanziamento, a procedure di sospensione con ricorso ad agli ammortizzatori sociali straordinari/in deroga, ovvero di riduzione di personale avente le medesime professionalità del personale da assumere, escluse le procedure di licenziamento giusta causa o giustificato motivo; non aver beneficiato di altri finanziamenti per l assunzione della stessa persona, nell ambito di progetti nazionali, regionali o locali di politica attiva. I requisiti per l accesso agli incentivi potranno variare in relazione ad eventuali integrazioni/modifiche della normativa che potranno intervenire successivamente alla pubblicazione del presente avviso. Modalità di erogazione dell incentivo L ammissione all incentivo avviene tramite presentazione da parte dell azienda dell apposita Domanda di incentivo all assunzione (come da modello allegato al Manuale Operatore) a seguito dell assunzione del lavoratore; l effettiva liquidazione dell incentivo avverrà previa presentazione 8

9 della Richiesta liquidazione (come da modello allegato al Manuale Operatore) che sarà subordinata all avvenuto superamento del periodo di prova eventualmente previsto ed indicato all atto dell assunzione. La Richiesta di liquidazione deve pervenire entro e non oltre 30 giorni dalla scadenza del periodo di prova. Al fine del riconoscimento dell incentivo, l azienda è tenuta a far pervenire alla Provincia di Bergamo la seguente documentazione: - Domanda di incentivo all assunzione; - Copia del contratto di lavoro sottoscritto dalle parti con indicazione del periodo di prova o alternativamente il modello UNILAV; - Copia documento di identità del legale rappresentante o del soggetto con procura di firma; - Copia dell iscrizione dell azienda al Registro Imprese della CCIAA; Le domande potranno essere presentate attraverso le seguenti modalità: - Consegna a mano o a mezzo posta alla sede del Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Sicurezza Lavoro Segreteria Lavoro - Viale Papa Giovanni XXIII, Bergamo; - Consegna a mano tramite incaricato del soggetto richiedente presso le sedi dei Centri per l impiego della Provincia di Bergamo: o ALBINO Via Serio 2/A o BERGAMO Via Pizzo della Presolana 19 o CLUSONE Largo Locatelli 9 o GRUMELLO DEL MONTE P.tta Don G. Rota 18 o LOVERE Via Marconi 19 o PONTE SAN PIETRO Via Monte Grappa 2 o ROMANO DI LOMBARDIA Via Rinaldo Pigola 1 o TRESCORE BALNEARIO Via Antonio Locatelli 85/87 o TREVIGLIO Viale Camillo Benso Conte di Cavour 4/6 o ZOGNO Piazza Bortolo Belotti 4 - Invio tramite posta elettronica certificata a: Gli incentivi saranno erogati con modalità a sportello in base all ordine cronologico di presentazione delle domande e fino ad esaurimento delle risorse. Si precisa che farà fede la data e l ora del protocollo. L incentivo sarà riconosciuto dalla Provincia di Bergamo previa verifica dei requisiti dei lavoratori assunti e della documentazione attestante l inserimento lavorativo. L incentivo sarà erogato in un unica soluzione, previo il superamento del periodo di prova definito da ciascun contratto di lavoro. Durata e scadenze 9

10 Le domande di incentivo all assunzione potranno essere presentate dalle aziende a decorrere dalla data di pubblicazione del presente avviso. Non potranno essere accettate richieste di accesso all incentivo per le quali sia stata prevista la scadenza del periodo di prova in data successiva al 31 dicembre La richiesta per la liquidazione dell incentivo non potrà pervenire oltre il 31 dicembre ) Risorse finanziarie complessive Le risorse finanziarie complessive disponibili per gli interventi delineati nel presente dispositivo sono pari a Tali risorse potranno essere incrementate di ulteriori ,00 sulla base di quanto sottoscritto con Regione Lombardia nell Atto negoziale. La ripartizione delle risorse disponibili per ciascuna tipologia di intervento sono riportate in tabella 5. Le risorse finanziarie potranno essere integrate sulla base di eventuali ulteriori risorse residue provinciali che si renderanno disponibili. Tabella 5 ripartizione delle risorse finanziarie DOTE Valore massimo N minimo di doti Totale finanziamento dote prenotabili disponibile Dote training to the job Dote training to the stage Incentivi all assunzione - doti Totale // // I destinatari non devono partecipare finanziariamente alla dote. Qualora un lavoratore stia usufruendo dei servizi della dote ricollocazione o riqualificazione regionale (anno 2012) o della dote tirocinio non potrà beneficiare dei servizi delle doti training to the job e training to the stage. Il medesimo destinatario può usufruire di una sola dote nell ambito del presente avviso. 5) Soggetti attuatori ammissibili, termini e modalità di iscrizione al catalogo I soggetti attuatori ammissibili alla registrazione al catalogo 1 dote training to the job e al catalogo 2 dote training to the stage sono: 10

11 - Enti Accreditati per il servizi al lavoro registrati nell Albo regionale definitivo aventi almeno una sede in Provincia di Bergamo. Gli operatori sono tenuti a prendere in carico le persone in possesso dei requisiti che si rivolgono loro per attivare un percorso di politica attiva previsto nell ambito del presente avviso. L operatore mette a disposizione del destinatario un tutor che lo accompagna in tutte le fasi di attuazione del suo percorso individuale. L operatore che ha prenotato la dote potrà operare in rete con altri soggetti accreditati alla formazione e al lavoro, sulla base delle norme regionali vigenti, previa registrazione dei soggetti aderenti alla rete nel progetto presentato a catalogo. La domanda di iscrizione al catalogo costituisce requisito indispensabile per la prenotazione delle doti, dovrà essere redatta secondo le modalità di seguito specificate e dovrà essere presentata entro e non oltre il 31/10/2012. L amministrazione provinciale potrà successivamente a tale data consentire la riapertura dei cataloghi finalizzata all ammissione di nuovi soggetti attuatori e/o alla modifica dei progetti presentati, solo a seguito di specifica e motivata richiesta da parte degli enti interessati. Le domande per l ammissione al catalogo dovranno essere compilate esclusivamente on line. Dopo la compilazione è necessario stampare la domanda di finanziamento, sottoscriverla con firma digitale e caricarla sul Sistema. Alle domande di adesione dovranno essere allegati i seguenti documenti, preventivamente firmati elettronicamente e caricati nell apposita sezione Allegati della modulistica di presentazione dei progetti: copia fotostatica (non autenticata) del documento di identità e del codice fiscale del firmatario della domanda di finanziamento; procura del potere di firma (solo in caso di delega da parte del legale rappresentante); dichiarazione sostitutiva di possesso del requisito dell accreditamento ai servizi al lavoro (in caso di rete il capofila è tenuto a dichiarare anche l accreditamento dei soggetti aderenti alla rete) non è prevista la presentazione della documentazione in forma cartacea mediante presentazione diretta a mano. Non verranno accettate domande inviate a mezzo posta e a mezzo fax. Le informazioni tecniche possono essere richieste contattando il numero 035/ o 035/387703, oppure tramite mail all indirizzo 6) Istruttoria delle domande e approvazione catalogo Il nucleo di valutazione della Provincia di Bergamo, appositamente costituito, esamina la validità tecnica della proposta, la completezza della domanda e la documentazione prevista, riservandosi di 11

12 richiedere ai soggetti attuatori ulteriore documentazione ad integrazione di quanto presentato. L ammissione al catalogo sarà pubblicata sul sito internet della Provincia di Bergamo. 7) Avvio e conclusione delle attività L inserimento nei cataloghi comporta l accettazione, il rispetto e l applicazione di quanto previsto dal presente avviso e dai documenti Atto di Adesione e Obblighi del Gestore che dovranno essere sottoscritti tramite firma digitale ed allegati alla cartella Documenti Avvio all interno di Sintesi all avvio della prima azione del catalogo. La modulistica necessaria ed i documenti citati sono reperibili sul portale Sintesi della Provincia di Bergamo, accessibile dall indirizzo In seguito all approvazione della domanda di adesione ai cataloghi, le attività devono essere avviate, mediante il portale Sintesi, entro e non oltre 30 giorni di calendario dalla approvazione della domanda stessa. La durata della dote viene calcolata a partire dalla data di accettazione da parte della Provincia di Bergamo del Piano di Intervento Personalizzato. Entro i termini di durata massimi stabiliti per ciascuna tipologia di dote l operatore deve comunicare, attraverso il portale Sintesi: - la conclusione dei servizi - la conclusione della dote Ai fini della conclusione delle doti l ente accreditato ai servizi al lavoro che ha prenotato la dote dovrà produrre gli output così come previsti dal Manuale Operatore e il destinatario dovrà compilare il questionario di customer satisfaction reso disponibile dalla Provincia di Bergamo sul sistema informativo Sintesi. In caso di mancato avvio di almeno uno dei servizi previsti dal piano entro 30 giorni dalla convalida del PIP questo decade e le risorse tornano ad essere disponibili per altri destinatari. 8) Monitoraggio e Controllo La Provincia di Bergamo ha la possibilità di effettuare durante l'erogazione dei servizi previsti dalla dote e a conclusione della stessa, controlli a campione e visite ispettive per monitorare le attività in corso presso i servizi accreditati per il lavoro e verificare i rendiconti finanziari inerenti le doti prenotate dai soggetti accreditati. Pertanto durante tutto il corso di realizzazione del PIP l'operatore è tenuto ad assicurare lo svolgimento delle verifiche che la Provincia di Bergamo riterrà opportuno effettuare. 9) Informativa sul trattamento dei dati personali Ai sensi del D.Igs n. 196/2003 e delle successive modifiche e integrazioni introdotte dal D.lgs 69/2012, i dati acquisiti in esecuzione del presente avviso pubblico sono utilizzati esclusivamente 12

13 per le finalità relative al procedimento amministravo per il quale essi vengono comunicati, secondo le modalità previste dalle leggi e dai regolamenti vigenti. Titolare del trattamento dei dati è la Provincia di Bergamo, incaricato del trattamento è il Dirigente del Settore Lavoro. Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini dello svolgimento delle istruttorie per l erogazione delle doti previste dal presente avviso. L eventuale mancato conferimento comporta la decadenza del diritto al beneficio. 10) Riferimenti normativi - L. 223/ L. 236/ D.lgs. n. 181/2000, così come modificato dal D.lgs. n. 297/2002; - L. n. 30/2003; - D.lgs. n. 276/2003; - L. 92/ Regolamento (CE) n /2002; - Regolamento (CE) n. 1998/2006; - Regolamento (CE) n. 800/2010; - L. r. n. 22/2006; - L. r. n. 19/2007; - D.G.R. n del 30 marzo 2011 indirizzi prioritari per la programmazione degli interventi a sostegno dell'occupazione e dello sviluppo per il 2011, che intende valorizzare la programmazione territoriale mediante il coinvolgimento attivo e responsabile del partenariato istituzionale economico e sociale locale, a partire dalle province, promuovendo nel contempo un ricorso più sistematico agli strumenti della programmazione negoziata e alla compartecipazione finanziaria dei soggetti pubblici e privati sul territorio; - D.G.R. n del 16/11/2011 concernente l approvazione del Piano d Azione Regionale 2011/2015 per la programmazione delle politiche integrate di istruzione formazione e lavoro e del sistema universitario lombardo; - D.G.R. n del 20/03/2012 relativa agli indirizzi regionali in materia di tirocini - D.G.R. n del 25/01/012 relativa agli standard formativi minimi per l offerta formativa pubblica finalizzata all acquisizione delle competenze di base e trasversali nei contratti di apprendistato professionalizzante e di mestiere; - D.G.P. n.123 del 21 aprile 2012 concernente l approvazione dell Atto negoziale tra Regione Lombardia e Provincia di Bergamo in attuazione dell articolo 6 c. 2 lr 19/07, dell articolo 4 c. 1 lr 22/06 e della dgr 1891 del dall Assessore regionale all Occupazione e Politiche del Lavoro e dall Assessore provinciale all Istruzione Formazione lavoro Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità; - D.G.P. n. 170 del 28 maggio 2012 concernente il Piano di azione provinciale e il Patto territoriale per le politiche attive. 13

Dispositivo 2 Incentivi alle imprese per l assunzione di giovani e disoccupati

Dispositivo 2 Incentivi alle imprese per l assunzione di giovani e disoccupati Dispositivo 2 Incentivi alle imprese per l assunzione di giovani e disoccupati 1) Finalità La Provincia di Bergamo rende disponibili risorse economiche rivolte alla creazione di nuovi posti di lavoro e

Dettagli

DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO

DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO Premessa Il presente dispositivo è redatto sulla base di quanto programmato

Dettagli

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 1. Obiettivi e priorità Il dispositivo 1 è finalizzato a sostenere la realizzazione di interventi

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Sperimentazioni di integrazione in ambito lavorativo per detenuti Sartoria in carcere

Sperimentazioni di integrazione in ambito lavorativo per detenuti Sartoria in carcere Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale pubblica rende nota COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI ACCREDITATI L.R. 22/06 AI SERVIZI PER IL

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE Provincia di Sondrio Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - INDICAZIONI OPERATIVE approvate con determinazione del dirigente del settore

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE

DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione dei servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE di disabili deboli Premessa Con Delibera Regionale n. 4596

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

DOTE 1 Inserimento Lavorativo

DOTE 1 Inserimento Lavorativo Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Inserimento Lavorativo PREMESSE IL CONTESTO NORMATIVO LA LEGGE REGIONALE 22/2006 Con la Legge Regionale

Dettagli

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione ALLEGATO A AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione 1. IL CONTESTO NORMATIVO La politica d'inserimento lavorativo e sostegno all occupazione

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 AVVISO 411/C Allegato A) INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 1. Obiettivi e principi dell intervento In un più ampio contesto di contrasto alla crisi e al fenomeno

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d)

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999 e s.m.i; - D.lgs. n. 181/2000,

Dettagli

DOTE BORSA LAVORO 2012

DOTE BORSA LAVORO 2012 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE BORSA LAVORO 2012 COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI ACCREDITATI L.R. 22/06

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE

VADEMECUM PER LE IMPRESE Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali VADEMECUM PER LE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DEL PROGRAMMA PARI 2007 - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati

Dettagli

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI 1 1. Obiettivi e principi dell intervento 1. L Avviso promuove interventi personalizzati di inserimento lavorativo per i giovani. 2. L azione mira da

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

Provincia di Varese Assessorato alla Formazione Professionale e Istruzione AVVISO PER I DESTINATARI DOTE APPRENDISTATO 2010-2011

Provincia di Varese Assessorato alla Formazione Professionale e Istruzione AVVISO PER I DESTINATARI DOTE APPRENDISTATO 2010-2011 Provincia di Varese Assessorato alla Formazione Professionale e Istruzione AVVISO PER I DESTINATARI DOTE APPRENDISTATO 2010-2011 1. PREMESSA La Provincia di Varese intende promuovere e finanziare nei limiti

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Azioni finalizzate all inserimento lavorativo delle persone disabili ai sensi della legge

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia PROVINCIA DI SONDRIO PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia Radar dalla conoscenza allo sviluppo delle politiche attive del lavoro PROGETTAZIONE

Dettagli

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO N.

Dettagli

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo:

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo: AVVISO 01/2014 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse e Finanziamenti... 4 4. Destinatari... 5 5. Presentatori e Attuatori... 5 6. Durata delle attività... 6 7. Accordo sindacale...

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle

Dettagli

AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO

AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO Con Delibera Regionale n. 4596 del 28 dicembre 2012, è stata prorogata

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

MANUALE OPERATORE dote 1

MANUALE OPERATORE dote 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2011 MANUALE OPERATORE dote 1 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 Obiettivi e destinatari... 4 1.2 Sintesi dei contenuti...

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B Provincia di Como Assessorato Politiche Attive del Lavoro Servizio provinciale collocamento mirato disabili rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

PROROGA AVVISO PUBBLICO

PROROGA AVVISO PUBBLICO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE REGIONALE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SISTEMA INTEGRATO REGIONALE DI FORMAZIONE ED ISTRUZIONE Servizio Politiche Strutturali dell Occupazione PROGRAMMA D AZIONE PER IL REIMPIEGO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Linee di Indirizzo Programmazione biennio 2011-2012 1 INDICE Premessa... 3 1. Dati di contesto provinciale... 4 2. Priorità e obiettivi provinciali:... 6 3. Le risorse

Dettagli

Destinatari Dote Riqualificazione: Dote Ricollocazione Congruità Politiche attive/accordi sindacali accordi relativi all intervento B SEMPRE

Destinatari Dote Riqualificazione: Dote Ricollocazione Congruità Politiche attive/accordi sindacali accordi relativi all intervento B SEMPRE Destinatari 1 Chi sono i destinatari della Dote Lavoro iqualificazione e icollocazione? Sono destinatari di Dote iqualificazione: i lavoratori in Cassa integrazione guadagni in deroga alla normativa vigente

Dettagli

Interventi Integrati di Politiche Attive nella Regione Marche

Interventi Integrati di Politiche Attive nella Regione Marche Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro PARI Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi Integrati di Politiche Attive

Dettagli

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA Area Delle Risorse Settore Lavoro Formazione Professionale e Pubblica Istruzione PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2015 AVVISO PUBBLICO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA 1 Indice 1. FINALITA DELL AVVISO...3

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

Sperimentazione dell'apprendistato di ricerca Faq aggiornate al 27 febbraio 2015

Sperimentazione dell'apprendistato di ricerca Faq aggiornate al 27 febbraio 2015 Sperimentazione dell'apprendistato di ricerca Faq aggiornate al 27 febbraio 2015 QUESITI RELATIVI AL CONTRATTO DI LAVORO Il contratto di lavoro viene stipulato tra apprendista e università o tra apprendista

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 DOTI Inserimento Lavorativo DOTI Autoimprenditorialità AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti INTERVENTI

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro

REGIONE SICILIANA. Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro Agenzia Regionale per l Impiego, l Orientamento, i Servizi e le Attività Formative Servizio VI AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale dirigenti Avviso 1/08 di FONDIR.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale dirigenti Avviso 1/08 di FONDIR. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 aprile 2008

Dettagli

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese che assumono soggetti in mobilità, a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

Dote Lavoro Tirocini per i giovani d.d.u.o. 19 novembre 2012, n. 10440. Milano, 4 luglio 2013

Dote Lavoro Tirocini per i giovani d.d.u.o. 19 novembre 2012, n. 10440. Milano, 4 luglio 2013 Dote Lavoro Tirocini per i giovani d.d.u.o. 19 novembre 2012, n. 10440 Milano, 4 luglio 2013 OBIETTIVI Promuovere e migliorare l accesso dei giovani al mercato del lavoro attraverso: il ricorso al tirocinio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Promuovere l'occupazione mediante tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo

AVVISO PUBBLICO. Promuovere l'occupazione mediante tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo PROGETTO LAVORO SUBITO (n. 2013-1340 Emblematiche Minori 2012) AZIONE B AVVISO PUBBLICO Promuovere l'occupazione mediante tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo Approvato con determinazione del

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTE DA STUDENTI CHE STANNO TERMINANDO CON SUCCESSO PERCORSI DI IFP PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali UFFICIO Lavoro DETERMINAZIONE DI IMPEGNO Atto N. 590 N. Mecc. PDET-574-2011 del 28/02/2011 del _1_/ 3 / 2010 OGGETTO DGR 84-12006

Dettagli

CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI

CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI Approvato con atto dirigenziale n. 2308 del 10 luglio 2012 1. PREMESSA

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA All. A PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014/2016 Annualità 2014

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014/2016 Annualità 2014 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014/2016 Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE IMPRESA COLLOCAMENTO MIRATO Risorse e servizi per sostenere le imprese nel processo di inserimento

Dettagli

F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA

F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA YOUTH GUARANTEE - REGIONE CALABRIA FAQ CONCERNENTI LE PROCEDURE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA MISURA 5 TIROCINI EXTRA- CURRICULARE

Dettagli

Allegato 2 AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI

Allegato 2 AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI Allegato 2 AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi e principi dell intervento Il presente Avviso è finalizzato a migliorare le possibilità

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Comune di Matrice Provincia di Campobasso

Comune di Matrice Provincia di Campobasso Albo n.211 del 05.12.2014 Comune di Matrice Provincia di Campobasso AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI DESTINATARI DI N. 2 BORSE LAVORO COFINANZIATE DALL UNIONE EUROPEA Titolo del progetto: TUTELA DELL

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015 di Regione Lombardia CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE 2012/2013 AVVISO

Dettagli

Operatore politiche attive

Operatore politiche attive Operatore politiche attive Chi può erogare i servizi di Politica Attiva? Chi può erogare i servizi di Politica Attiva? Centri per l impiego Operatori privati accreditati ai servizi al lavoro Operatori

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO

Dettagli

1 OGGETTO DELL INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO A DISPOSIZIONI SPECIFICHE. 2.1 Destinatari degli interventi

1 OGGETTO DELL INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO A DISPOSIZIONI SPECIFICHE. 2.1 Destinatari degli interventi Allegato 1 AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE O DI UN DIPLOMA PROFESSIONALE RIVOLTA AD APPRENDISTI

Dettagli