Anno II - Numero Martedì 15 ottobre 2013 Direttore: Francesco Storace Roma, via Giovanni Paisiello n. 40

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno II - Numero 243 - Martedì 15 ottobre 2013 Direttore: Francesco Storace Roma, via Giovanni Paisiello n. 40"

Transcript

1 Anno II - Numero Martedì 15 ottobre 2013 Direttore: Francesco Storace Roma, via Giovanni Paisiello n. 40 Economia Anche la Treccani esoda i dipendenti Visconti a pag. 3 Storia Ritratto di Rosa, la madre del Duce Moriconi a pag. 4 Giustizia Regioni e spese pazze Ci pensa l amnistia Colosimo a pag. 10 VA N N O D E F I N I T E C O N C H I A R E Z Z A L E I D E N T I TA : A LT R I M E N T I R E S TA S O L O I L P D L ( O F O R Z A I TA L I A ) di Francesco Storace Quando il croupier chiude i giochi, non si può più scommettere. Se si è sostenuto Monti, non si può raccontare la storiella dell'italia fuori dall'europa; se si è stati ministri, non si può promettere la rivoluzione anticasta; se ci si è sperticati nelle lodi del Partito popolare europeo non si può improvvisamente scoprirsi lepenisti; perché tra estrema destrache la leader d'oltralpe non sopporta come etichetta - e centrodestra - che taluni adorano come meta della terra promessa - c'è un'enorme via di mezzo. Mi spiego meglio. Ho apprezzato la Meloni ieri ad Agorà, quando ha parlato di Marine Le Pen, anche se poi minimizza il fenomeno parlando di modello diverso paese per paese o giù di lì. Ma davvero i contenuti devono essere così differenti? Lo stesso vale per Alemanno. Ottima la manifestazione, bene aver riempito gli oltre cinquecento posti della sala più grande dell'adriano di Roma, ma poi? Siete disponibili a dire che l'euro è stata un'illusione? Che vogliamo tornare sovrani a partire dalla moneta? Che Bankitalia deve tornare pubblica? E di etica, se ne può parlare? Se non si dicono queste poche cose, è inutile sostenere che Marine Le Pen è un fenomeno interessante... Dall'alto in basso ci guardano RIEN NE VA PLUS Se si esalta la Le Pen parlare ancora di centrodestra diventa uno sfottò dalla Francia, non è il contrario, se permettete. È inutile dichiararsi - solo questo - centrodestra alternativo al Pdl ma poi ci si vuole alleare perché si ha il timore di non superare gli sbarramenti e guai a pensare di rappresentare più semplicemente la destra che manca. No, Marine Le Pen è davvero un'altra cosa; anche perché se rappresentasse il due per cento dei francesi, i suoi connazionali reputerebbero ancora più attrattivo il partito di Sarkò. Lei ne è stata alternativa, non ha mai pensato ad allearsi con lui. Da noi si parla di complementarietà... Una destra degna di questo nome si porrebbe il problema di un identità netta, non illusoria. Se non c'è la volontà di crearla, resta il centrodestra, ma nella versione Pdl o Forza Italia, se rinascerà senza che nessuno strilli che è roba passata. Stavo per andare all'ultimo momento ad assistere alla manifestazione dell'adriano, per ascoltare quello che avrebbe detto Alemanno. Poi ho visto l'elenco degli oratori, mi sono cascate le braccia. A parte il solito gruppo di moderatini, una novità che ho conosciuto bene, una eurodeputata ligure, Susy De Martini. Costei è entrata da poco a Strasburgo - nel 2009 infatti non fu eletta nel Pdl - poi nel 2010 fece la lista alle regionali liguri Noi con Burlando o qualcosa del genere; nel 2011 tentò di farsi eleggere garante dell'infanzia come risarcimento per la mancata elezione; nel 2012 si candidò con noi, La Destra, a sindaco di Genova, prendendo lo 0,8 per cento dei voti al primo turno mentre al ballottaggio fece votare il candidato dell'estrema sinistra poi diventato sindaco, Marco Doria. Mi sono fermato chiedendomi: che c'entro con costei...? Marine de noantri? Direi di no. LAMPEDUSA Coste pattugliate: ma chi pagherà? Mentre continua l emergenza immigrati il premier Enrico Letta annuncia una missione umanitaria militare nel Mediterraneo, che sarà operativa proprio da oggi. Abbiamo parlato della tragedia di Lampedusa ha detto Letta subito dopo l incontro con il premier finlandese Jyrki Katainen a palazzo Chigi Ho spiegato il senso della nostra missione militare, umanitaria e aeronavale che da domani (oggi, ndr) sarà operativa. Perché è intollerabile che il Mediterraneo sia un mare di morte. Ho chiesto a Katainen e altri di aiutarci. Abbiamo anche discusso di come a livello europeo possiamo rafforzare Frontex. Insomma le coste saranno continuamente pattugliate per intervenire immediatamente nei soccorsi ed evitare altre tragedie. Su ciò nulla in contrario. Purché non costi niente ai contribuenti. Ma qualche dubbio c è sempre. Musumeci a pag. 8 SHUTDOWNIN AMERICA: ULTIME ORE PER EVITARE IL CRAC Usa e... getta nel panico Castellino a pag. 5 LEGGE DI STABILITA Gli italiani e le tasse: un Trise destino Tagli e tasse: questa è la stabilità del Governo Letta. Se c è qualcosa da ambiare sono i nomi: in principio fu l Ici, poi venne l Imu, ora la Service Tax e la Trise (peraltro suddivisa in Tari e Tasi, eredi Tarsu). Inglesismi e sigle. È la sostanza che cambia poco: hai commesso il delitto di avere una casa? Allora paghi. In che misura, lo si vedrà definitivamente oggi alla lettura del ddl, ma già da quando, ieri sera, sono cominciate a trapelare le notizie, parecchi italiani hanno avuto come un lontano sentore del fatto che le sentinelle antitasse si siano distratte. È vero che ci sono anche tagli. Ma sono tagli di bisturi, cioè sulla spesa sanitaria. Che non è esattamente tutta vita, si perdoni il gioco di parole. Due miliardi e 600 milioni di risparmio, hanno detto Saccomanni e Letta: sì, sulla pelle dei malati. E saranno contente pure le Regioni, che dovranno tagliare per effetto della legge di stabilità un altro miliardo. Meno sacrifici per i comuni, per i quali il patto di stabilità viene allentato. Ampia evidenza il premier e il ministro l hanno data ad altri sforzi per allentare il cordone: deduzioni Irap per i nuovi assunti, detrazione base per i lavoratori (112 euro annui la stima). C è pure un po di redistribuzione del reddito in salsa di anche i ricchi piangono : il contributo di solidarietà dalle pensioni d oro e tassa sulle rendite finanziarie che sale dal 20 al 22%. Di Giorgi a pag. 2

2 2 Attualità Oggi la decisione sulla segretezza del voto per la decadenza di Silvio Berlusconi al Senato Bavaglio del Cav sul becco dei falchi Il ministro Gaetano Quagliariello ricambia: Amnistia e indulto riguardino anche lui Intanto nel Partito democratico si assiste con attenzione alle nuove manovre di Renzi di Robert Vignola Oggi il voto sulla Legge di stabilità. Sempre oggi, la decisione sull opportunità di mantenere segreto il voto dell aula quando si dovrà approvare o respingere la proposta di decadenza di Berlusconi. Una giornata politica che presenta carne al fuoco, ma la cui vigilia si è quasi interamente spesa a sopire i dolori dei maggiori partiti. Il Cav lo ha fatto all insegna di una, per lui, quasi inedita vocazione al bavaglio. Sulle agenzie di stampa leggo troppe dichiarazioni di troppi esponenti del Pdl. Invito tutti a non proseguire in questa direzione del tutto improduttiva. Le diverse opinioni si debbono confrontare non sulle agenzie di stampa e sui giornali ma attraverso una serena dialettica all'interno dei luoghi delegati del nostro movimento. Musica per le orecchie di Alfano, mentre i falchi ne escono una volta di più spiumati. Tanto che sono proprio Beatrice Lorenzin (con la sua battaglia contro i tagli alla spesa sanitaria) e soprattutto Gaetano Quagliariello a volare alto, assumendo l iniziativa. In particolare il ministro per le riforme avverte che nessuno può ritenere che una legge possa non essere applicata soltanto ad un cittadino. Rimango convinto che una legge debba essere applicata a tutti i cittadini. Il riferimento è all indulto e all amnistia, il caso quello di Berlusconi. Certamente per avviare una fase politica che riesca ad archiviare l ingombrante figura del Cav, in maniera gentile Penso a un grande centrodestra che riesca a vincere nel 2015, dice Quagliariello, indicando addirittura un fine corsa ufficiale per il Governo Letta. E aggiunge carne al fuoco: meglio due partiti che un litigio permanente, ma speriamo di evitare anche il litigio nello stesso partito. L'unico leader del centrodestra che può convivere con Berlusconi può essere Alfano, se lo conquista dall'esterno. Ce lo ha insegnato Berlusconi, le battaglie non le ha mai fatte dentro il partito, il centrodestra è diventato maggioritario fuori. Quanto alla situazione interna al partito, ci sono ottimi rapporti personali, ma è tanto tempo che non si parla di politica perché c'è incomunicabilità, è questa è venuta fuori nell'ultimo periodo. Francamente una linea basata sulle dimissioni in massa dei parlamentari, dimissioni dei ministri, non mi è parsa una linea politica. E dall altra parte della barricata? Anche nel Pd l aria è quella di una tregua armata, anche se in questa fase si è più bravi a dissimularlo. L iperattività di Renzi è evidente, quanto la natura di sfida del suo annuncio di voler concorrere tanto alla segreteria del partito quando alla carica di sindaco di Firenze. Postazioni (soprattutto la prima) dalle quali scongiurare un rafforzamento di Enrico Letta, nel quadro della definizione della prossima candidatura da premier. E, occorre starne certi, i mille rivoli che compongono il Pd stanno guardando a queste manovre con molto interesse. Cinque milioni a Fazio, altrettanti a Crozza: tv di Stato nel ciclone delle polemiche. E gli italiani continuano a pagare il canone Cara Rai, quanto mi costi: stipendi d oro e veleni Brunetta le canta al conduttore di Che tempo che fa, Gubitosi allarga la borsa per il Maurizio nazionale. E il CdA? di Emma Moriconi Fabio Fazio non ha avuto una grande idea ad invitare Renato Brunetta a Che tempo che fa. Si, perché il capogruppo Pdl alla Camera gliele ha cantate, e di santa ragione. Insomma, che Alitalia ha perso 4 miliardi e mezzo non è vero? e Brunetta: beh, continui a dirlo. No, non lo dico io risponde piccato Fazio lo leggo. E il falco pidiellino: eh beh, si leggono tante cose, sa anche sui suoi cinque milioni di euro di profitto legittimi, eh. Cerca di arrampicarsi, il buon Fazio: c è un differenza: che io faccio guadagnare la mia azienda. Certo. Ma cinque milioni di euro sono cinque milioni di euro Brunetta rincara la dose: si, ma ci vuole trasparenza: lei mi parla di quattro miliardi, che non sono veri. Io le parlo di cinque milioni di euro suoi, che sono veri. Legittimi, ma veri. Dopo una pantomima di tre o quattro minuti da parte del conduttore, dedicata al fatto che lui, su quei cinque milioni, ci paga le tasse (e ci mancherebbe altro), il pubblico applaude. Brunetta osserva: beh, avevate detto che il pubblico non era di parte. No gli risponde Fazio - io penso che il pubblico sperasse che non arrivassimo a questo punto. Brunetta non molla: Alitalia è un bene del Paese. E Fazio: Anche la Rai. Si, ma per Alitalia i cittadini non pagano il canone, verrebbe da rispondere. Brunetta affonda ancora: Ma perché se la prende tanto, scusi? Ho chiesto a Gubitosi la trasparenza su tutti gli stipendi e su tutti gli emolumenti di tutte le star della Rai, non me li ha dati. C è una legge che lo prevede. Fazio allora alza lo scudo: Su questo non posso essere d accordo con lei. Io sono in Rai da 30 anni. Io sono italiano da 63, ribatte l ex ministro. Ha vinto lei. cede Fazio - Però io credo che la Rai debba essere tutelata, anche su questo. Non fa bene a quest azienda rivelare conti e cose del genere. Ipse dixit. Parola di Fabio Fazio. Per Mamma Rai, però, i problemi non finiscono qui: nell occhio del ciclone ci è finita anche per il mega costo di cui si parla in questi giorni relativo al salto di Crozza da La 7. Il CdA se ne occuperà giovedì, vedremo se il comico sarà accolto ai costi stratosferici di cui si parla: 25 milioni di euro come cifra complessiva da imputare alla trasmissione che dovrebbe, a quanto si apprende, andare in onda da marzo 2014 al 2016, con un compenso per l artista pari a cinque milioni di euro totali. Ogni puntata verrebbe a costare euro, non proprio spiccioli, soprattutto in tempo di crisi. Per ogni passaggio sul palco, con uno spettacolo sul genere one man show, della durata di poco più di un ora, il comico andrebbe a percepire oltre euro a puntata, circa euro al minuto. Niente male per un Italia in cui le aziende chiudono e gli imprenditori si suicidano con una media di uno al giorno. OGGI LA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CHE SI OCCUPERÀ PRINCIPALMENTE DI ECONOMIA Legge di stabilità: in arrivo la Service Tax Il Consiglio dei ministri, convocato per quest oggi, si occuperà tanto per cambiare di tasse. All ordine del giorno c è infatti il varo della legge di Stabilità, che a quanto se ne sa conterrà la rimodulazione dell Iva e la definizione della temuta Service tax. Per ora si tratta solo di indiscrezioni, ma sembra che al vaglio del governo ci sia, per quanto riguarda l Iva, di introdurre una quarta aliquota al 7 o 8% (da applicare ad un paniere di beni precedentemente tassati con altre percentuali). Per quanto riguarda le imprese, l idea è quella di ridurre il costo del lavoro e fare ripartire investimenti e assunzioni, puntando soprattutto sulla rivalutazione dei beni e sulla deducibilità del lavoro, nonché sulla revisione dei contributi Inail per le aziende che si dimostrano più sicure. Numerose sono poi le voci che vogliono la mancata indicizzazione delle pensioni più alte, in modo da ottenere così un contributo in termini di denaro risparmiato. Altri elementi su cui puntare per liberare risorse sono poi l allentamento del Patto di stabilità e la revisione della spesa pubblica (alcuni hanno paventato un ulteriore taglio in particolare alla Sanità, anche se il governo giura che tutti i servizi verranno mantenuti). Il nodo più importante da sciogliere resta comunque quello della Service tax, per la quale si sta ancora lavorando. Secondo quanto ipotizzato da Il Sole 24ore, l aliquota di partenza potrebbe essere quella del 3 per mille (circa 30 centesimi a metro quadro), che potrebbe ricadere in parte anche sugli inquilini. Ancora non si sa, infine, se sarà possibile quantomeno ridurre se non addirittura azzerare la tassazione sulla prima casa. Cristina Di Giorgi Roma, via Giovanni Paisiello n.40 Tel Fax Direttore responsabile Francesco Storace Società editrice Amici del Giornale d Italia Sito web Per la pubblicità su Il Giornale d Italia rivolgersi al Responsabile Marketing Daniele Belli, tel mail:

3 3 Primo Piano Caso Treccani: Amato si rifugia alla Consulta e 60 dipendenti vanno a casa L Enciclopedia degli esodati Il personale dell Istituto faro della cultura italiana gettato nello sconforto dal pessimo accordo sul prepensionamento sottoscritto dai sindacati di Massimo Visconti Ci siamo occupati della prestigiosa Enciclopedia Italiana conosciuta con il semplice nome di Treccani nelle nostre edizioni del 25 e 31 maggio scorso denunciando la caduta culturale dell Istituto della Enciclopedia Italiana alias la prestigiosa Enciclopedia Treccani. Ce ne siamo occupati volendo indicare come la Cultura Italiana, di cui la Treccani è stata per anni il simbolo, sia ormai relegata a semplice atto amministrativo e viene, invece, trattata come un costo di cui alleggerirsi e non una strumento di elevazione sociale da utilizzare per mantenere all Italia quel primato Culturale che ci viene invidiato da tutto il mondo. Il declino Culturale, non sta risparmiando nemmeno questa gloriosa testata che nei filmati vediamo essere presente negli studi di capi di Stato o di grandi Organizzazioni Internazionali. Un declino che, purtroppo, stanno pagando solo i dipendenti mentre i loro Dirigenti sembrano non soffrire di questa crisi che, nei comunicati piagnoni dell Istituto sembra essere irreversibile. Dopo aver, nel 2010, lasciato senza stipendio, senza pensione e senza sostegno al reddito per mesi interi alcuni dipendenti proprio a seguito di un accordo sindacale, oggi la Treccani ci riprova e questa volta in grande stile. Il giorno 8 ottobre presso l Unione Industriali di Roma è stato siglato un accordo camuffato sotto il titolo di verbale di intenti che preconizza il licenziamento consensuale di circa 60 dipendenti ai quali viene proposto di non opporsi al licenziamento in cambio di una buona uscita da fame che vedrebbe costretti alcuni dei 60 licenziati a vivere con 1.000/1200 euro al mese fino al C è da considerare inoltre che dal gennaio 2017 ci sarà solo L aspi e non la mobilità e che questo assegno sarà erogato al massimo per 18 mesi ovvero fino al giugno L intesa prevede anche il congelamento di tutti gli aumenti contrattuali per i dipendenti che rimarranno in servizio e, dato che sono buoni, un importo pari al valore dei contributi volontari utili al raggiungimento del requisito pensionistico in base alla legge oggi vigente che tradotto in Italiano significa che se interverrà una legge che sposta l età pensionabile di qualche anno saranno problemi del lavoratore e non della Treccani. Inoltre la Treccani parla di utilizzo, per 40 unità, della Legge 62 del 2001, che modifica sostanzialmente alcune norme della vecchia Legge 416/81 sull editoria, non avendo la certezza di rientrare nell ambito applicativo della Legge stessa e avendo anche la faccia tosta di scriverlo sul documento di intenti. In pratica si dice ai dipendenti che non si sa se potranno beneficiare del prepensionamento in quanto l Istituto Italiano dell Enciclopedia potrebbe non rientrare nella tipologia delle aziende editrici che possono accedere ai benefici della Legge ma di certo c è il licenziamento. Tutto questo avviene o meglio avverrà entro i prossimi mesi con l aggravante che se qualche dipendente non accetterà il licenziamento rischierà di essere messo fuori dell azienda senza incentivi. La ciliegina sulla torta dell intesa Treccani /Sindacati è che mentre si prevede la riduzione di personale si prevede anche l assunzione di almeno altre 12 unità cosa questa che va contro tutti i principi previsti dalle norme sui licenziamenti individuali e/o collettivi Questo lo scenario che sta mettendo in angoscia i dipendenti che si vedono minacciati, sia sotto l aspetto economico, sia sotto il rispetto della loro dignità. Noi chiediamo contestualmente all ancora Direttore Editoriale della Treccani nonché Ministro della Cultura Massimo Bray e al Presidente dell Istituto nonché neo Giudice Costituzionale Giuliano Amato se la loro coscienza è tranquilla nell avallare una manovra che penalizza fortemente i lavoratori e le loro famiglie mentre loro si garantiscono stipendi apprezzabili. La stessa domanda la facciamo ai mandanti dei Consiglieri di Amministrazione della Treccani che sono le grandi banche e le grandi imprese private e pubbliche che elargiscono premi di produzione anche quando i bilanci della Treccani certificano cali di produzione.. I sindacati che hanno sottoscritto questo scellerato accordo/intento si mettano la mano sulla coscienza e pensino a come è finito il precedente accordo che lor signori hanno avallato anche in sede di conciliazione. Noi non ci fermeremo a questa denuncia e seguiremo tutta la questione per garantire il sostegno dell informazione libera del Giornale d Italia a tutti i dipendenti della Treccani.

4 4 Storia Rosa Maltoni, madre di Benito Mussolini, che il Duce amò più di ogni altra donna nella sua vita La maestrina di Predappio L unico essere vivente veramente amato e prossimo a me, l unica anima eternamente congiunta ai miei palpiti di Emma Moriconi Èuna storia come tante, quella di Rosa Maltoni. Quando conosce Alessandro Mussolini, Sandrein, come lo chiamano in paese, è una giovane maestrina. Lui fa il fabbro, è con la sua arte e con i suoi attrezzi che plasma il materiale più duro che esiste e lo piega alla sua volontà. Sandrein è socialista, di quelli convinti. Va ripetendo l Internazionale è il sole dell avvenire, è un uomo che piace alla ragazze, e lui non le disdegna di certo. Ha anche una bella voce, di quelle che attraggono, che affascinano. E poi è un sovversivo, e questo alle fanciulle piace. Ai loro genitori un po meno. È abituato ad avere ragazze intorno, Alessandro, che gli languono dietro. Ma quando in paese arriva Rosa, è lui che comincia a languire. Lei non è come le altre: è seria, cortese, educata, cattolica. È il 1877 e la giovane, quando arriva a Dovia da Villafranca di Forlì, prende uno stipendio di 50 lire lorde al mese. Alessandro se ne innamora immediatamente, ma lei lo guarda con diffidenza: trascorre un po troppo tempo all osteria, per i suoi gusti. Una mattina, prima dell ora di scuola racconta l avvocato Francesco Bonavita Alessandro si trovò su via della Pisaccia a meditare da solo. I bimbi passavano a gruppi, con cartelle al collo, cicalando di giuochi e compiti scolastici. Quando apparve Ida Proli, una vispa bimbetta, le si fece incontro e la carezzò. Mostrami il tuo compito disse. La piccola, inorgoglita di tanta degnazione, trasse il quaderno l interlocutore parve molto interessato poich ebbe finito disse: - sei proprio brava. Corri ora alla scuola e prega la signorina maestra di leggere subito il tuo compito. Quel giorno Rosa lesse il compito dell allieva Ida Proli; ma non lesse soltanto il compito: nascosta tra le paginette del quaderno, era una lettera: erano il cuore, la promessa, l avvenire di Alessandro Mussolini, erano i futuri destini d Italia. Rosa non può resistere a lungo, nonostante l estrema opposizione del padre, che mal tollera un genero sovversivo. Rosa è buona e gentile, ma molto determinata. Tanto determinata che sposerà Sandrein, e lo farà in chiesa. Lui è ateo, ma un ateo innamorato, come dice al futuro suocero che ancora non manda giù la scelta a suo parere sconsiderata della figlia. È il 5 marzo 1882 quando nella parrocchia di Predappio si ritrovano tutti gli internazionalisti sovversivi, accorsi per vedere il loro Sandrein che sposa la bella maestrina. Il 30 luglio 1883 al sindaco di Predappio giunge una comunicazione dalla parrocchia di San Cassiano: da Rosa Maltoni e Alessandro Mussolini è nato un bambino di sesso maschile. Si chiama Benito Amilcare Andrea. Benito, come il rivoluzionario messicano Juarez. Amilcare, come il rivoluzionario italiano Cipriani. Andrea, come il socialista Costa Siamo nel 1903 quando Benito dalla Svizzera torna in Italia: Rosa è malata e il figlio trascorre le giornate accanto a lei. Prega dice la donna che Benito più amerà in tutta la sua vita per una povera maestra che vuole tornare alla sua scuola. Verso la fine dell anno sembra riprendersi, ma all inizio del 1905 sta di nuovo molto male. È del 6 febbraio la sua ultima lettera al Municipio: chiede con cortese sollecitudine libri e quaderni per gli alunni poveri. Il 10 dello stesso mese le viene diagnosticata la meningite. Benito è nel 10 Reggimento Bersaglieri: appena appresa la notizia dell aggravarsi delle condizioni della madre, si precipita a casa. Giunsi a vederla viva, ma già agonizzante racconterà Mi riconobbe dal fez, che volle stringere più volte. Avrebbe voluto parlarmi, ma la paralisi laringea glielo impediva. Rosa Maltoni muore il 19 febbraio Per molti giorni fui perduto racconterà ancora Benito mi era stato strappato l unico essere vivente veramente amato e prossimo a me, l unica anima eternamente congiunta ai miei palpiti.

5 5 Esteri L ennesima fumata nera tra Democratici e Repubblicani sullo shutdown getta nel panico la finanza internazionale Gli Usa portano il mondo verso il tracollo Se entro giovedì non sarà trovata una soluzione politica allo stallo, la macchina economica statunitense avrà assicurate soltanto due settimane di sopravvivenza di Giuliano Castellino Tutto il mondo, almeno quello tecno-finanziario, è nel panico. Gli Usa si avvicinano pericolosamente al precipizio del default. Il fine settimana è stato drammatico per il Presidente Obama: la trattativa tra Democratici e Repubblicani per provare ad evitare la bancarotta tecnica degli Stati Uniti ha portato all ennesima fumata nera. E la fatidica data del 17 ottobre è ormai prossima e sembra ormai dato per certo che il debito pubblico degli USA supererà il tetto massimo consentito dalla legge, e senza un suo innalzamento il governo non potrà più operare sui mercati dei capitali. Gli States sono ormai sull orlo del precipizio e con loro sembra che tutto l Occidente ed il resto del mondo occidentalizzato stiano per andargli dietro. Nessuna svolta in questi giorni, infatti i Repubblicani hanno deciso di rifiutare ogni ipotesi di accordo e vogliono far cadere il Presidente Obama e tutta la sua compagnia, facendoli ricordare nella storia come coloro che hanno portato l America alla regressione economica vissuta nel Rammentiamo che già dal primo ottobre gran parte dei servizi statali sono stati chiusi. Ma non è l ormai famoso shutdown, per quanto dannoso, a tenere il mondo con il fiato sospeso, ma la questione più pregnante legata al debito. Infatti, questo, per la data del 17 supererà la soglia massima consentita dalla legge, poco più di 16 mila miliardi di dollari. Nella storia degli Usa il tetto legale del debito pubblico è stato innalzato circa un centinaio di volte, ma mai come ora il Governo Americano sembra prossimo alla bancarotta tecnica. Ma stavolta senza un accordo tra i Repubblicani, che hanno la maggioranza alla Camera, i Democratici - che invece ce l hanno al Senato - e la Presidenza, il Governo a stelle e a strisce rischia di non aver più fondi per poter stanziare le sue attività. Quando la soglia dei 16 mila miliardi di dollari di debito pubblico sarà superata, il Tesoro avrà in cassa solo una trentina di miliardi di dollari. Una simile somma sarà esaurita in poche settimane, forse solo due e dopo sarà il crack! Uno scenario drammatico, che manderebbe per stracci milioni di investitori che detengono i buoni del Tesoro, giudicati, fino a poco tempo fa, come l obbligazione sovrana più affidabile del mondo. In questo scenario di collasso, tutte le trattative politiche sembrano saltare. Il Presidente U.S.A. ha rifiutato l accordo proposto dai Repubblicani, che prevedeva un incremento del debito solo per alcune settimane, in modo da avere più tempo per trovare nuove soluzioni. Dopo il rifiuto della Presidenza la palla passa ora ai Repubblicani. Proprio in Senato cercheranno un intesa bipartisan per alzare il debito almeno fino a fine gennaio Certo manca davvero poco ed i tempi sembrano stringere e al di là delle polemiche e degli accordi politici tutti sanno che il tetto fissato a miliardi di dollari è di fatto già stato superato e quasi sicuramente quella che sembrava la super-potenza mondiale sarà costretto clamorosamente a dichiarare bancarotta, ovvero non sarà più in grado di onorare i propri impegni finanziari con i suoi creditori. Comprese le nazioni straniere che hanno acquistato il debito made in USA, come Cina e Giappone. Intanto, sul rischio di default si è espresso anche il presidente della Banca Mondiale, Jim Yong Kim: Siamo ormai a pochi giorni di distanza da un momento pericoloso. Un eventuale default degli Stati Uniti sarebbe un disastro per l economia mondiale e metterebbe in ginocchio i paesi in via di sviluppo. Ormai è questione di ore E una corsa contro il tempo da qui a giovedì. I timori continuano ad aumentare per quanto riguarda i mercati finanziari, che negli ultimi giorni avevano messo a segno significativi progressi soprattutto grazie ai segnali di un possibile accordo, segnali poi svaniti dopo questo fine settimana che ha visto saltare ogni accordo tra le parti. Il mondo dell alta finanza trama, anche gli speculatori, le banche e le borse, forse un intera sistema mondiale sta implodendo (o esplodendo), ma ricordiamoci sempre che i primi a farne le spese saranno i Popoli, soprattutto oggi, senza una guida politica, senza sovranità, al guinzaglio dell economia dopata. SCOTLAND YARD LANCIA L APPELLO IN GERMANIA E OLANDA Maddie: spunta l identikit di un uomo misterioso E LA STAMPA OCCIDENTALE SI SCATENA CONTRO LA RUSSIA Omicidio a Mosca: e monta la protesta anti-immigrati di Bruno Rossi di Chantal Capasso Madeleine Beth McCann, la bambina britannica, scomparsa misteriosamente all'età di tre anni la sera di giovedì 3 maggio 2007 a Praia da Luz, località di villeggiatura, nella regione di Algarve, in Portogallo, da una camera d albergo mentre i genitori erano fuori a cena. Il 9 maggio, l'interpol diffondeva un allarme mondiale a tutti gli Stati membri per la sua scomparsa. La polizia britannica, continua ad indagare, e lancia l appello per l'identificazione, lo stesso sarà ripetuto nei giorni successivi in Germania e Olanda, paesi dove potrebbero vivere le persone da rintracciare. "Lo scopo dell'appello" nel programma tv "Crimewatch", ha spiegato la polizia britannica, "è cercare e identificare questi uomini, per escludere gli innocenti o stabilire se sono coinvolti in qualche modo". Gli investigatori ritengono che Maddie possa essere ancora viva. Oggi la bimba avrebbe 9 anni. Nella lista delle persone coinvolte nella vicenda ci sono i cittadini di cinque Paesi europei, fra cui Regno Unito e Portogallo. L'inchiesta della polizia portoghese è stata chiusa nel 2008 con un nulla di fatto. Gli investigatori locali avevano puntato sui genitori, Katy e Gerry, ipotizzando che la bambina fosse morta in un incidente colposo e che questi avessero fatto sparire il cadavere. Inoltre la polizia britannica ha diffuso l identikit dell uomo che si trovava nella zona del rapimento quella sera. "Può essere o può non esser la chiave di volta delle indagini, ma per noi rintracciarlo e parlargli è di importanza vitale", ha detto l'ispettore capo di Scotland Yard, Andy Redwood, ed ancora nuove teorie, nuove prove e nuovi testimoni del caso. Le immagini si basano sulla testimonianza di due persone che lo videro la notte in cui Maddie venne rapita. L'uomo aveva tra i 20 e i 40 anni, bianco, di taglia media, con i capelli castani corti, il volto sbarbato. La cronologia che abbiamo fissato ha dato nuovi significati alle apparizioni e ai movimenti di persone. Il nostro lavoro ad oggi ha cambiato in modo significativo la versione accettata degli eventi. Continuiamo a credere che Madeleine possa essere viva''. Gli investigatori londinesi hanno compilato una lista di 38 persone coinvolte nella vicenda. I genitori di Maddie hanno visto foto e identikit e hanno fatto sapere che la nuova indagine ''e' un grande passo in avanti''. Almeno 29 persone sono rimaste ferite negli scontri dei giorni scorsi a Mosca tra ultra-nazionalisti e forze dell'ordine intervenute per porre fine a vandalismi e saccheggi nel sobborgo sud-occidentale di Biryulyovo: il bilancio è stato reso noto da non meglio identificate fonti sanitarie a organi di stampa occidentali. Secondo lo stesso resoconto hanno subito lesioni 23 manifestanti, otto dei quali finiti all'ospedale, e sei agenti degli 'Omon', le unità speciali del ministero dell'interno russo. Ma cosa è successo veramente? In un primo momento gli estremisti si erano radunati in una piazza per reclamare la cattura da parte della polizia dell'omicida di un ragazzo di 25 anni residente nel quartiere, tale Yegor Shcherbakov, accoltellato a morte giovedì sera probabilmente da un individuo originario dell'asia centrale. Poi la situazione è degenerata e sono iniziati i tumulti, dilagati anche nelle strade adiacenti. La polizia ha faticato, ma ha poi ristabilito l ordine, anche passando al fermo di circa quattrocento persone, che sono state subito rilasciate. L ondata di violenze è stata subito bollata come inquietante, quando non addirittura apostrofata come nazista, dalla stampa occidentale e accostata ad un altro episodio, risalente a sabato e avvenuto a San Pietroburgo. Qui attivisti gay avevano sfidato apertamente le autorità, organizzando una manifestazione difendere i loro diritti. Come noto, la Duma ha recentemente approvato una legge che sostanzialmente tutela i minori, rendendo vietate campagne pro-gay e atteggiamenti omosessuali in presenza di bambini. Ebbene, gli attivisti sono stati minacciosamente circondati da gente comune, tra cui molte donne con icone ortodosse in mano, e in un secondo momento identificati: 67, in tutto, gli arrestati, dopo che gli incidenti erano scoppiati quando i circa 200 contrari alla manifestazione avevano strappato una bandiera arcobaleno. Tra gay e anziane ortodosse, insomma, non è che sia scorso sangue: ma si è voluta comunque cogliere l occasione per dipingere la Russia come un paese di sanguinari in salsa omofoba. Più difficile invece che certi soloni della stampa internazionale arrivino ad usare gli stessi metri di giudizio quando, come avvenuto nei mesi scorsi a Stoccolma e più indietro ancora a Bruxelles, Parigi e Londra, quando frotte di immigrati hanno messo letteralmente a ferro e fuoco interi quartieri. Il che ci dà un po la sensazione di essere capitati noi occidentali, venticinque anni dopo, dalla parte sbagliata del muro

6 6 Roma La gestione del corpo di polizia locale continua ad essere una spina nel fianco del sindaco Vigili: tregua armata col Campidoglio Dopo la nomina di Clemente e la promessa di un milione di euro i sindacati confederali abbassano i toni. Ma l assemblea di domani può gettare il traffico nel caos Sembra esserci una tregua tra Marino e i sindacati dei caschi bianchi, o almeno parte di questi. Una tregua che le maggiori sigle concedono con riserva all'amministrazione le cui mosse da questo momento saranno attentamente monitorate. Tante le questioni irrisolte sul tavolo che il sindaco Marino, almeno a parole e di concerto con il neo Comandante Raffaele Clemente, si impegna a risolvere. Su tutte, gli sblocchi degli straordinari e delle assunzioni (2.600 circa) previste dal recente concorso e ferme al palo. Riguardo il primo punto, il Campidoglio ha assicurato che è in arrivo un milione di euro quanto prima, mentre ci si impegnerà sullo sblocco del concorso e quindi sulle assunzioni. Sotterrano per il momento l'ascia di guerra quindi i sindacati confederali e fanno buon viso a cattivo gioco anche sulla nomina di Clemente, autodefinitosi un esterno all'altezza che farà sentire il Corpo meno debole e meno abbandonato. Tuttavia il sindaco ciclista non potrà ancora dormire sonni tranquilli sul fronte Polizia locale. Se le tre maggiori sigle gli tendono, per il momento, la mano, lo stesso non può dirsi per i sindacati autonomi ai quali ancora non va giù la nomina di un esterno. Riguardo all'incontro avvenuto nella mattina di lunedì, il Sulpl è categorico: Venerdì prossimo - afferma il segretario romano Stefano Giannini - quando non si potranno usare gli straordinari a causa di uno sciopero nazionale si potrà constatare come il problema principale della Polizia locale a Roma non è lo straordinario, vero e proprio doping contabile, ma la carenza di personale. Su questo problema - conclude Giannini - il sindaco Marino non ha voluto sottoscrivere alcun impegno con i sindacati se non la solita promessa verbale di velocizzare i tempi del concorso. Sulla stessa linea anche l'ospol, il quale non ha intenzione alcuna di ritirare il ricorso al Tar contro la nomina di Clemente: Il sindaco ha assicurato un milione per gli straordinari ma lo vogliamo vedere concretamente - ha spiegato il segretario Stefano Lulli - Come Ospol abbiamo chiesto quale sia il progetto politico della sua Giunta. Abbiamo poi chiesto se ci saranno le assunzioni per arrivare a agenti che sono lo standard minimo per far funzionare la città. Indetta inoltre dallo stesso sindacato un'assemblea per domani, che potrebbe causare un'ennesima giornata di caos di traffico nella Capitale, per informare quanto discusso in occasione dell'incontro con il sindaco. Ugo Cataluddi Domenica scorsa disagi nelle due aree di vendita Mercati sguarniti: a Porta Portese e sulla Togliatti finisce in rissa Mancano i vigili e succede il finimondo. Domenica scorsa, al mercato di Porta Portese e sulla Togliatti, la situazione è sfuggita di mano degenerando, nel secondo caso, in una rissa con un ferito. Nel mercato di Monteverde si è verificato un vero e proprio assalto di abusivi e nomadi che hanno occupato spazi non autorizzati. Sulla Togliatti, invece, a metà mattinata è stato necessario l intervento di tre volanti della polizia per sedare una rissa dove una persona è rimasta ferita a seguito di un colpo inferto da un nigeriano. Alla base di questo caos c è la decisione del Comune di Roma di sospendere tutte le ore di straordinario della polizia municipale in modo da risparmiare denaro. A disegnare un quadro della situazione, tuttavia, bastano i numeri. In genere al mercato di Porta Portese prestano servizio 73 vigili. Domenica scorsa, invece, erano in 45. Praticamente la metà. Ancor più grave la situazione sulla Togliatti, dove i vigili presenti erano soltanto tre. Essendo insufficienti a garantire l ordine pubblico, gli agenti si sono quindi limitati a compiere la spunta, ossia la verifica dei posti. Quando è terminata la verifica, a custodire il mercato sono rimasti solo i volontari dell associazione AGS di Porta Portese Est, che tuttavia più volte hanno lanciato l allarme sicurezza. Per quanto possano essere presenti nel mercato, restano comunque volontari in pettorina e non agenti in divisa. Difatti, è bastato un futile motivo a generare una rissa che soltanto un folto gruppo di agenti della polizia di Stato ha potuto smorzare. L idea che un servizio di vigilanza privato possa prendere il posto della polizia municipale è fuori da ogni logica. Basti pensare che molti dei reati che si registrano nei mercati hanno carattere penale, legato alla contraffazione della merce o a frodi fiscali, e che pertanto debbono essere perseguiti da polizia giudiziaria. Giorgio Musumeci La bocciatura della Cgil: Giunta Marino chiusa Il segretario Di Berardino: I suoi atti non sempre hanno riguardato le priorità Ormai un argine si è rotto. E i mugugni che hanno accompagnato il modus operandi di Ignazio Marino, fin dall insediamento della giunta, alla vigilia dell approvazione di un controverso bilancio ormai diventano voci. Anche autorevoli. Come quella del vertice del sindacato da sempre quantomeno vicino, se non funzionale, a tutte le amministrazioni di centrosinistra che si rispettino. Nonostante la porzione abbondante di diplomazia con la quale il segretario regionale della Cgil ha infarinatole sue dichiarazioni, quella di Claudio Di Berardino somiglia infatti a una sonora bocciatura. Ci preoccupano lo stato della città e i problemi delle persone che sono soprattutto legati al lavoro, colpito dalla crisi. Per questo il ragionamento fiscale diventa di fondamentale importanza, perché un'amministrazione comunale come quella di Roma deve preoccuparsi di avere un fisco equo e progressivo. Deve quindi fare in modo che chi ha di più paghi di più e chi ha di meno paghi di meno. E SEGNALI DI SFIDUCIA bisogna anche preoccuparsi di fare investimenti per creare posti di lavoro. Nell intervista del leader della Cgil di Roma e del Lazio a Radio Manà Manà, Di Berardino invita Marino a tenere sottocchio anche la questione sociale, quindi tutelare le persone più deboli. E l'altra questione è legata ai servizi pubblici. Sono 4 priorità di cui bisogna tenere conto e ci auguriamo che oggi possa aprirsi una discussione su questi punti. Il sindacato si rende disponibile al confronto, ma anche ad assumersi alcune responsabilità. L'importante è che il Comune faccia delle scelte, anche se la coperta è corta. Finora la giunta Marino si è chiusa al suo interno, adottando dei provvedimenti che non sempre riguardavano le priorità della città. Ora faremo richieste concrete e vogliamo risposte chiare. Campanelli d allarme che suonano. Di fondo, i silenzi assordanti degli uomini forti (in primis Bettini) che paiono aver abbandonato a se stesso il sindaco. È la sinistra al potere, ragazzi. Se vi piace Robert Vignola ALMENO TRENTA I CASI DI CORRENTISTI DERUBATI Sicurezza dei bancomat, scoperta l ennesima falla Banda di stranieri svuotava sportelli usando una semplice forcella metallica Contante elettronico, contante sicuro? Come no! Andatelo a dire a quella trentina di persone che si sono recate allo sportello per ritrovarsi comunque a secco. E questa volta, non per il solito disservizio dell istituto di credito, che tra linee sovraccariche e problemi vari trova raramente il modo di dare al proprio cliente i soldi (suoi). Ma per una forcella metallica. Alla banda che è stata fortunatamente sgominata bastava infilarla nella fessura del bancomat e il gioco era fatto: quando il cliente successivo, davanti allo sportello che non erogava le banconote richieste, si allontanava per protestare, gli ideatori dello stratagemma passavano all'incasso. Si chiama "cash trapping" la nuova frontiera del furto mordi e fuggi: i carabinieri della Stazione Monteverde Nuovo, coordinati dalla Compagnia Trastevere, hanno disarticolato un'associazione composta da moldavi e romeni che utilizzando questa tecnica avevano messo a segno oltre 30 "colpi" ai danni di numerosi istituti di credito nella capitale. Sei le ordinanze di custodia cautelare in carcere e decine le perquisizioni. Per tutti l'accusa è di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e danneggiamenti aggravati. La tecnica - spiegano gli investigatori - è elementare quanto subdola, perché non mostra alcuna alterazione visibile della struttura dello sportello. I ladri prima procedono al ritiro di una esigua somma di denaro con l'uso di una carta prepagata, ottenendo così l'apertura dello sportello erogatore. A questo punto vi inseriscono una forcella metallica costruita ad hoc e attendono a distanza che il cliente successivo effettui il prelievo. Lo sventurato utente concluderà tutte le operazioni di prelievo sino alla visualizzazione della dicitura "Operazione completata/importo erogato", ma le banconote non fuoriescono dallo sportellino, che resta chiuso. Così il cliente, imputando il disguido a un guasto tecnico, solitamente si allontana, deciso a reclamare il disservizio all'istituto di credito in un secondo momento. Nel frattempo, qualcuno avrà svuotato lo sportello. Valter Brogino FUNERALI E LUOGO DI SEPOLTURA ANCORA INCERTI La sorte di Erich Priebke scatena nuove polemiche Il legale Giachini: Dimostriamo di avere il rispetto che manca ad altre persone La morte dovrebbe rendere gli uomini uguali. Ricchi o poveri, nazisti o comunisti, fascisti o partigiani: una volta esalato l ultimo respiro, ci si dovrebbe ritrovare tutti allo stesso livello. Come hanno in passato scritto poeti e letterati in opere di grandissimo impatto culturale e popolare (pensiamo a Totò con La livella e a Foscolo con I Sepolcri ), quando si giunge al termine del percorso terreno si torna ad essere tutti uguali. Questa sacrosanta considerazione sembra però non valere per Erich Priebke, ex ufficiale delle SS recentemente scomparso a Roma. Della sua vita e delle sue colpe per le quali è stato giudicato e condannato, pagandole come è giusto che sia con la detenzione perpetua si è già scritto fin troppo. Restano forse ancora da fare alcune considerazioni, se non altro per le polemiche che si stanno da più parti scatenando in queste ore, sulla questione del rito funebre e della sepoltura del discusso Capitano. E se, a fronte del timore che le esequie si trasformino in una manifestazione politica, il Vicariato di Roma pare che abbia intenzione di negare i funerali religiosi, proponendo la diplomatica soluzione di una preghiera in casa, rifiutata però dall avvocato di Priebke, anche per quanto riguarda la sepoltura ci sono problemi: l Argentina in cui Priebke ha vissuto a lungo e dove è sepolta la moglie ha rifiutato di accogliere la salma, che la comunità ebraica romana ha chiesto di spedire in Germania. Dal canto suo l avvocato Giachini ha invece proposto la tumulazione nel cimitero militare tedesco di Pomezia, soluzione prontamente e nettamente rifiutata dal sindaco della cittadina, secondo il quale chi è coinvolto con il regime nazista deve essere giudicato e poi cancellato dalla memoria collettiva. Pomezia non accoglierà mai uno di loro. Per quanto riguarda la data delle esequie, il legale ed amico dello scomodo defunto ha precisato che sicuramente non si terranno nel giorno dell anniversario della deportazione degli ebrei della Capitale, che cade in questa settimana. Noi ha dichiarato abbiamo il rispetto che manca ad altre persone. Cristina Di Giorgi

7 7 Dal Lazio OSTIA: ONLUS PER DISABILI COSTRETTA A FERMARE ATTIVITA DI ASSISTENZA Tra Regione ed Equitalia a rimetterci sono i disabili Evasione choc di un centesimo, ma la cartella esattoriale arriva a 155mila euro E la Giunta del Lazio è debitrice verso la struttura di 130mila euro, adesso pignorati Una presunta, grave, evasione di un solo centesimo di euro. E questo il motivo che ha spinto l Inps a bloccare l attività dell Anffas di Ostia, una onlus che da vent anni si occupa della riabilitazione di ragazzi con disabilità intellettiva e/o relazionale, in particolare 300 persone tra i quali anche autistici. Questo irrisorio falso in bilancio nel versamento dei contributi del 2009 che ha causato non solo una mega-sanzione ma anche il pignoramento del locali per un totale di 155mila euro nei confronti dell associazione. Si è trattato di un provvedimento speciale, senza possibilità di ricorsi e senza preavviso. Una storia che risale al 2011, quando l Anffas Ostia, venne a contatto con le cartelle misteriose da 300mila euro dell Inps, la cui minaccia venne fatta rientrare dal Tribunale di Roma con un provvedimento ad hoc. Tempo di tirare un respiro di sollievo e ecco che arriva una nuova grana per i gestori dell Anfass: Durc negativi (il Documento unico di regolarità contributiva, il certificato che attesta il rispetto degli obblighi di legge, ndr), che bloccano automaticamente l affidamento e il rinnovo di contratti pubblici di servizi di assistenza socio-sanitari, paralizzando quindi l attività della Onlus. E qui ci mette lo zampino anche l Inps che, tramite Equitalia, ha attivato le procedure di pignoramento di 130mila euro, proprio la cifra che l associazione attende da oltre un anno dalla Regione Lazio (ente presso il quale è accreditata) per le prestazioni già erogate. Ciò che sta avvenendo è assurdo afferma il presidente di Anffas Ostia, Ilde Plateroti -. Non possiamo permetterci di chiudere e di questo dovranno rispondere quei funzionari dell Inps di Ostia a cui i nostri sistemi virtuosi sembrano non andare giù. In questo caos c è comunque una legge a cui la onlus può ancora appellarsi: è la 426 del dicembre 1991, che prevede la possibilità per istituzioni ed enti senza fini di lucro, che erogano prestazioni di natura sanitaria direttamente o convenzionalmente sovvenzionate dallo Stato, dalle Regioni o dalle unità sanitarie locali di cedere i crediti vantati come misura generalizzata di pagamenti dei contributi dovuti. Una questione assai delicata dunque che ha portato, già dallo scorso luglio, Inps e Regione Lazio a intavolare un tavolo di discussione per raggiungere un accordo definitivo. Da sottolineare è che l Anffas al momento è l unico ente ad aver subito un tale trattamento a non aver ottenuto i Durc positivi con riserva come avvenuto invece per altre onlus nella stessa situazione. Francesca Ceccarelli IL DISCARICA-BARILE È ARRIVATO A CUPINORO Rifiuti: ora a Bracciano vanno in scena i blocchi I manifestanti non si fidano delle rassicurazioni e i camion provenienti da Roma non passano Il discarica-barile sull emergenza rifiuti sta producendo pessimi risultati, anche se va detto che c è una sensazione: le manifestazioni di chi protesta contro le discariche, da quando al potere di praticamente ogni livello governativo locale e nazionale c è il centrosinistra, non godono di buona stampa, o quanto meno dell attenzione di cui godevano in passato. Così è pure a Bracciano. Ieri i comitati del comune lacuale e di quelli più vicini alla sua discarica, in particolare le popolose Cerveteri e Ladispoli, sono scesi in strada a Cupinoro. Perché, e lo hanno detto a chiare lettere, non si fidano delle rassicurazioni del sindaco di Bracciano Giuliano Sala ("Cupinoro non sarà una nuova Malagrotta", ha detto il primo cittadino targato Pd. L obiettivo della manifestazione di fronte alla discarica braccianese era impedire l'ingresso ai camion che dovrebbero cominciare a conferire 20mila tonnellate di rifiuti di Roma per un periodo previsto di tre mesi. ''Si sa come iniziano queste cose, a Malagrotta i tre mesi sono diventati 35 anni'', dicono i promotori della manifestazione, che vede riunite circa 200 persone. I mezzi sono rimasti a lungo fermi davanti al blocco inscenato, tra essi anche un'autobotte carica di percolato, che voleva invece uscire dal sito. La zona è stata presidiata dai carabinieri della Compagnia di Bracciano e dagli agenti della municipale. Non ci sono state tensioni. Ma tra gli animatori della protesta c è don Luigi Bergamin, parroco dei Terzi, a Cerveteri. ''Questa è un'operazione che non può passare sopra le teste dei cittadini della zona. Chiediamo che siano effettuate tutte le verifiche sulla regolarità della concessione degli invasi a beneficio dei rifiuti di Roma'', dice. Il timore è che le valutazioni di impatto ambientale possano portare all'ampliamento del volume di rifiuti di Roma, fino a 450mila tonnellate, da stoccare presso il sito braccianese. Valter Brogino

8 8 Dall Italia A Lampedusa Centro accoglienza di nuovo al collasso. Le bare dell hangar sbarcate a Porto Empedocle Immigrati, ancora sbarchi in Sicilia Negli ultimi due giorni soccorse in mare quasi 500 persone. Pronta la missione umanitaria di Giorgio Musumeci Mentre a Porto Empedocle arrivavano le bare delle vittime della tragedia avvenuta lo scorso 3 ottobre, gli sbarchi di immigrati hanno continuato a farla da protagonisti sulle coste di Lampedusa e della Sicilia. All alba di ieri, un peschereccio con a bordo 150 migranti tra tunisini e siriani, è sbarcato al porto dell isola senza essere stato avvistato durante la navigazione. I naufraghi, tra cui 27 donne e 25 bambini, sarebbero partiti dalla Libia. Una volta messo piede sull isola, sono stati immediatamente traferiti al Centro di accoglienza che intanto ospita oltre 600 persone in più del consentito, finendo nuovamente al collasso. Sempre nella mattinata di ieri, altri 152 migranti tra cui 13 bambini, sono scesi al porto di Pozzallo. Soccorsi in un primo momento dalla nave Asso 30 a largo di Lampedusa, i naufraghi sono stati raggiunti dalla Capitaneria di Porto e condotti nella città ragusana. Poco lontano da lì, a Portopalo di Capo Passero, sono sbarcati altri 92 africani soccorsi a notte fonda dalla Guardia costiera mentre navigavano a largo delle coste siciliane. A bordo c erano solo uomini che hanno riferito di essere originari del Mali, del Senegal e della Somalia. Tra di loro anche quattro minorenni. E ancora, a largo di Reggio Calabria le motovedette della Guardia Costiera hanno intercettato e scortato in porto un altro barcone con 226 persone. Nascosti fra loro sarebbero stati individuati anche gli scafisti. Nel frattempo a Lampedusa il mare continua a restituire i corpi dei migranti morti nel terribile naufragio di dieci giorni fa. Il lavoro dei sommozzatori prosegue, e ieri sono stati recuperati altri sei cadaveri. A Malta è stato ritrovato, invece, il corpo di un bambino di tre anni, scomparso nel naufragio di venerdì scorso avvenuto a largo dell isola nel quale hanno perso la vita 38 persone. Intanto a giorni dovrebbe partire il piano di pattugliamento del Mediterraneo per poter intervenire immediatamente nei soccorsi ed evitare altre tragedie del mare. Sei mezzi navali, quattro elicotteri e altrettanti aerei dovrebbero perlustrare giorno e notte il braccio di mare interessato dai profughi. Tale intervento segue di una settimana una collaborazione instaurata tra il nostro Dipartimento immigrazione e la polizia locale di Tripoli affinché si tenga maggiormente sotto controllo il nord del Paese in modo da fermare le partenze organizzate dagli scafisti. Come ha anticipato il ministro della Difesa Mario Mauro, l attuale impiego giornaliero di 500 uomini potrebbe essere addirittura triplicato. Riguardo la durata della missione umanitaria, invece, il ministro ha preferito non sbilanciarsi, spiegando che molto dipenderà anche dai tempi di stabilizzazione della situazione libica e soprattutto dal supporto che ci arriverà dall Unione Europea. Certamente se ne discuterà durante la riunione del Consiglio Ue fissato per il 24 e 25 ottobre che all ordine del giorno ha inserito proprio l emergenza legata ai migranti. In quella sede si parlerà anche di finanziamenti. E allora vedremo quanto l Europa sarà disposta ad agire per venire incontro all Italia e all emergenza che, adesso e in passato, ha sempre sostenuto da sola. Un operazione simile, con un coinvolgimento tale di mezzi e uomini, non può essere economicamente a carico solo del nostro Paese. Se è vero che Lampedusa è la porta d Europa, è altrettanto vero che il problema appartiene all Europa tutta. Altrimenti il susseguirsi di visite e promesse cadrà, ancora una volta, nel vuoto. A discapito nostro e di quei poveri disgraziati. TORINO LA BANDA DEGLI INCENSURATI Rapinavano banche, dieci arrestati Icarabinieri di Torino hanno sgomitato una banda specializzata in rapine seriali a banche. Il capo dell organizzazione è un catanese rapinatore professionista che ingaggiava uomini incensurati. Tra i suoi seguaci, il leader della gang aveva anche chi metteva a disposizione la propria abitazione utilizzandola come base logistica. Secondo quanto emerso dalle indagini, i rapinatori, armati di taglierino, in diverse occasioni hanno persino sequestrato il direttore, al fine di garantire il successo dell operazione. A finire in manette sono 10 italiani, individuati dai Carabinieri dopo una serie di riscontri fatti con le immagini delle telecamere di sorveglianza delle banche assaltate. Tutti incensurati, risultano essere responsabili di 18 rapine, per un guadagno di oltre 800mila euro. Le rapine sono avvenute in Basilicata, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto. G.M. PERUGIA SI DICHIARAVA INNOCENTE Davide Valpiani suicida in cella La testa infilata in un sacchetto e, accanto, il fornellino a gas: è stato trovato morto così domenica dalla polizia penitenziaria, riverso sul pavimento della cella nel carcere di Perugia, il forlivese Davide Valpiani, 49 anni, condannato all ergastolo per l omicidio di Vincenzo Di Rosa, fratello della sua compagna avvenuto nel 2005 a Cervia (Ravenna). Solo due giorni prima, chiudendo la telefonata con il suo difensore ravennate Gianluca Alni, Valpiani aveva ancora una volta insistito sulla propria estraneità a quell omicidio: Sono innocente, avvocato, la prego faccia qualcosa. E proprio al legale faceva riferimento il biglietto trovato nella cella e scritto prima di morire: Avvertite l avvocato Alni. La condanna all ergastolo gli era stata inflitta dalla Corte d Assise di Ravenna nel La sentenza fu poi confermata in appello e in Cassazione. Valpiani, fu riconosciuto responsabile dell omicidio di Vincenzo Di Rosa, fratello della donna che in quel momento, nel 2005, era la sua compagna. Movente indicato, la riscossione del risarcimento di 800mila euro relativo a due polizze-infortuni che Valpiani aveva convinto Vincenzo a stipulare. Beneficiaria delle polizze, la compagna che ha poi rinunciato agli indennizzi. Dieci anni fa Valpiani era stato assolto dall accusa di aver ucciso i genitori: la madre fu trovata semicarbonizzata nella vasca da bagno; il padre morì apparentemente per un malore. Il presunto movente era una ricca eredità. Due perizie giocarono a suo favore: la madre si suicidò, il padre era stato colpito da ictus. B.F.

9 9 Dall Italia Catania Scandalo formazione, rubati 9 milioni di fondi pubblici sul totale dei circa 58 milioni ricevuti nel quinquennio Scoperchiato il vaso di Pandora Dieci in manette accusati di peculato, truffa aggravata per il conseguimento di contributi, corruzione, falso e frode fiscale Ennesimo scandalo su formazione in Sicilia. Dopo Palermo e Messina è l ora di Catania, dove dieci persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza con l accusa di essersi appropriate indebitamente dei contributi pubblici, anche comunitari, destinati alla formazione. Dovranno rispondere dei reati di peculato, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, corruzione, falso e frode fiscale. Lo comunica una nota delle Fiamme gialle che hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare e il contestuale sequestro preventivo di beni mobili ed immobili per un valore complessivo pari a circa 3,7 milioni di euro, emessa dal Gip di Catania su richiesta della procura della Repubblica presso il tribunale locale. Nel dettaglio, con l operazione denominata Pandora è venuta alla luce l esistenza di un associazione a delinquere che si è appropriata indebitamente di circa nove milioni di euro sul totale dei circa 58 milioni ricevuti sotto forma di contributi nel quinquennio per l organizzazione e realizzazione di 112 corsi di formazione. Gli esperti, avrebbero utilizzato documenti falsi per rendicontare le spese e gli acquisti di beni che invece di garantire tali corsi servivano ad altro. Quattro sono gli enti di formazione coinvolti: Anfe provinciale (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati), Iraps, (Istituto di Ricerche e Applicazioni Psicologiche e Sociologiche), Anfes (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati Siciliani) e Issvir, (Istruzione, Servizi, Sport, Volontariato, Italiano e Regionale), tutti con sede a Catania e operanti in altre province siciliane. Per due dei dieci indagati è stata dei quali è stata disposta la custodia cautelare in carcere: si tratta di Giuseppe Saffo, Francesco Cavallaro. Ai domiciliari invece gli altri otto: Concetta Cavallaro, Manuela Nociforo, Eleonora Viscuso, Domenico La Porta, Rosa Maria Trovato, Giuseppe Bartolotta e Biagio La Fata. Secondo la Procura, il sistema di frode è stato ideato principalmente da Giuseppe Saffo e dal nipote Francesco Cavallaro che tramite alcune imprese a loro stessi riconducibili anche attraverso altri familiari erano state appositamente costituite per documentare spese totalmente fittizie. In altri casi, le società di comodo sarebbero state utilizzate come soggetto economico interposto tra gli effettivi fornitori e gli enti di formazione professionale, per gonfiare il prezzo di alcune forniture e servizi destinati agli enti in questione. In diversi casi, le imprese avrebbero emesso fatture per la prestazione di servizi (ad esempio per pulizia e manutenzione dei locali e assistenza attrezzatura informatica) in realtà mai eseguite. Anche l individuazione La sede di uno degli enti coinvolti (foto BlogSicilia) dei fornitori degli enti di formazione professionale, sarebbe stata fatta aggirando le regole previste dalla normativa, che prevede la comparazione di tre preventivi e l individuazione di quello più conveniente tra essi. In particolare, le indagini hanno ricostruito che l organizzazione provvedeva alla formazione di preventivi falsi con prezzi molto superiori rispetto a quelli proposti dalle imprese legate al gruppo criminale, sulle quali inevitabilmente cadeva la scelta. Le indagini avrebbero anche interessato un funzionario della Regione Siciliana in servizio all Ispettorato Provinciale del Lavoro di Catania, che ha revisionato, nel tempo, i rendiconti degli enti, senza alcun controllo della rendicontazione, ottenendo in cambio l assunzione in alcuni degli enti interessati dalle indagini. Carlotta Bravo BRINDISI IL BLITZ DI POLIZIA E CARABINIERI Duro colpo a Sacra Corona Unita Ricostruiti 4 omicidi e 6 tentati omicidi In carcere i vertici dell organizzazione Diciotto gli arresti in provincia di Brindisi, indagate per associazione mafiosa, omicidio plurimo, ma anche tentato omicidio con l'aggravante del metodo mafioso. Attraverso l operazione congiunta tra gli agenti della squadra Mobile di Brindisi e del commissariato di Mesagne, i carabinieri del Ros di Lecce e del comando provinciale di Brindisi. Le indagini della polizia di Stato e dei carabinieri, avviate nel 2012 ed incentrate sui clan dominanti della frangia brindisina della Sacra Corona Unita, hanno consentito di ricostruire i moventi, gli autori e i mandanti di 4 omicidi e 6 tentati omicidi commessi, tra il 1997 ed il 2010, nell'ambito di una faida interna all'organizzazione mafiosa di appartenenza, appunto la Scu. Gli arresti dell operazione, denominata Zero, sono stati disposti dal gip di Lecce su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Il quadro fornito dalle indagini ha ricostruito più di un decennio di fatti di sangue, attraverso le dichiarazioni di collaboratori di giustizia e di riscontri raccolti in fase istruttoria dei pentiti Ercole Penna e Cosimo Guarni, detto Maradona, entrambi di Mesagne. Tra i nomi delle persone destinatarie dell ordinanza di custodia cautelare, spiccano quelli di Francesco Campana, considerato il capo della Sacra Corona Unita di Brindisi e arrestato nel 2011 dopo una condanna a 9 anni per associazione mafiosa, e del suo presunto braccio destro Ronzino De Nitto, entrambi arrestati tra il 2011 ed il 2012, dopo una lunga latitanza. Tra gli altri clan attivi nel brindisino, compaiono la famiglia Bruno di Torre Santa Susanna e i Mesagnesi, capeggiati da Antonio Vitale, Massimo Pasimeni, Ercole Penna e Daniele Vicentino. Chantal Capasso MESTRE: LA PROTESTA DI DUE RESIDENTI Noi come la pecora: abbandonate Una pecora legata e abbandonata davanti ad un cassonetto. Un episodio sicuramente insolito che solleva una ben più ampia polemica su ciò che avviene a Mestre, più precisamente in via Fogazzaro (e dintorni), dove a causa degli immigrati i cittadini sono costretti a vivere a stretto contatto con la criminalità. A protestare sono Giulia e Giuliana che inviano una lettera al quotidiano locale Il Gazzettino dicendosi indignate. Una pecora legata ad un cassonetto non si era mai vista prima d ora scrivono le due Non è stata ancora fatta chiarezza sul perché quell animale si trovasse lì e su quale sarebbe stato il suo destino se non fossero intervenute, fin troppo tempestivamente e in gran numero le autorità. Indignazione dovuta anche al fatto che ci fossero ben tre volanti della polizia e una dei carabinieri per quella che di certo non può definirsi un emergenza sebbene sia un fatto grave. Di problemi in quella zona infatti ce ne sono molti. Di emergenze continuano nella nostra zona ce ne sono ben altre che meriterebbero la stessa attenzione, se non di più: dai furti nelle auto o nei cortili, alle abitazioni subaffittate, ai magazzini pieni di merce contraffatta ai quali si unisce il continuo andirivieni di venditori abusivi, al giro di prostituzione agli incroci, allo spaccio a cielo aperto e alla merce che viene furbescamente occultata nelle siepi vicino ai condomini. Poi le due ritornano a parlare della pecora sottolineando la presenza nei dintorni di una moschea. L idea più accreditata, grazie a testimoni oculari che non si sono palesati, è che la pecora in questione sia stata comprata, sempre per non dire rubata, portata con una macchina di fronte alla fantomatica moschea, fatta passare per centro culturale probabilmente allo scopo di essere sacrificata o macellata. Le persone viste in compagnia dell animale, hanno ben pensato, una volta scoperte, di legare l animale al suddetto cassonetto ed, in seguito, di barricarsi all interno della moschea, alias centro culturale, per non uscirne più. Mentre la pecora è stata affidata da alcuni allevatori, le due si chiedono che fine faranno. Ci sentiamo presi in giro in primo luogo dalle autorità ed in secondo luogo da chi ci dovrebbe rappresentare e tutelare. È giusto continuare ad essere omertosi e spaventati, oltre che ignorati da chi di dovere? Noi diciamo basta! La verità è che ci siamo sentiti tutti abbandonati e perduti proprio come la povera pecora, ci sentiamo destinati ad un sacrificio inevitabile che giorno dopo giorno si compie inascoltato, senza che nessuno venga in nostro soccorso. Che qualcuno ci salvi!. Barbara Fruch GIOVINAZZO (BARI): E SEDE DI UN ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO La Fattoria sociale assaltata dai ladri I componenti della Onlus: Aiutateci a ricostruire, non vogliamo rinunciare al nostro progetto Non si può stare tranquilli neanche quando ci si occupa di volontariato. E quello che devono aver pensato i ragazzi della Fattoria sociale quando hanno trovato i locali della loro sede distrutti e gli animali razziati. E non una sola volta: il primo episodio due giorni fa e il secondo la scorsa notte, ad ostacolare una ripresa già di per sé faticosa e impegnativa. Hanno rubato e devastato tutto quello che c era. A farne le spese i nostri animali: cani, conigli, galline. E anche le mascotte della fattoria, le due caprette che avevamo salvato. Oltre ai danni, sono state rubate attrezzature e mangimi. Ci verrebbe voglia di interrompere la nostra avventura, ma facendo questo la daremmo vinta a tutti coloro che ci vogliono male scrivono i componenti del gruppo che gestisce la Fattoria. Che, va detto, è una Onlus impegnata nella riscoperta dei piaceri di una vita votata alla tradizione, al legame con la terra e gli animali. L idea si legge nel sito internet dell associazione - è quella di recuperare una villa ed un ettaro di terreno donata all associazione da una famiglia di Giovinazzo (Bari), su cui a circa un anno dall inizio dei lavori, eseguiti personalmente, i ragazzi hanno piantato un orto coltivato in biologico, frutteti e oliveti. Grazie ai quali loro stessi producono marmellate, olio, dolci e altro, senza usare pesticidi, prodotti chimici e organismi geneticamente modificati. Oltre all attività agricola scrivono i ragazzi - nella Fattoria sono ospitati e amorevolmente curati anche diversi animali, che contribuiscono a creare un ambiente favorevole a sviluppare soprattutto nei bambini disabili attività emozionali legate alla ludica ed alla didattica. Per fare comunità, aiutare i disoccupati a trovare un lavoro grazie al ritorno alla terra, favorire la riscoperta, da parte anche di anziani e disabili, delle tradizioni agricole perdute, dando loro la possibilità di dedicare del tempo all orto e alla botanico terapia. Vogliamo creare una Fattoria sociale dove nessuno resti indietro e nessuno si senta escluso. Un quadro sano e naturale, nel quale organizzare anche gite, incontri e visite guidate. Vissuto fino ad ora esclusivamente grazie all impegno dei volontari e al contributo di amici e sostenitori. Un contributo che, ora come non mai, è non solo utile ma anche necessario per la sopravvivenza di un progetto importante e degno. E fa bene anche a chi lo versa perché, come scritto da un grande poeta italiano e riprodotto nel materiale di una campagna di sensibilizzazione della Fattoria sociale, Io ho quel che ho donato. Cristina Di Giorgi

10 10 Dall Italia Fari puntati solo ed esclusivamente sul Cavaliere per gli annunciati provvedimenti di clemenza Gli altri Berlusconi che nessuno vede I consiglieri (o ex) di 16 regioni coinvolti in inchieste per spese folli potrebbero godere di amnistia e indulto Amnistia e indulto per tutti, tranne Berlusconi. I rimedi straordinari non serviranno solo a risolvere (in minima parte) il gravissimo problema del sovraffollamento nelle carceri. Ma anche a salvare tanti politici italiani che si sono resi protagonisti di vere e proprie schifezze. Come gran parte dei consiglieri regionali di tutta Italia. Finiti sotto inchiesta per peculato, truffa, concussione. Indagini che hanno portato a galla, in ben 16 Regioni, veri e propri scandali. Un inchiesta, da nord a sud, che si è allargata a macchia d olio e ha colpito quasi tutti i partiti. Una serie infinita di spese folli che molte Procure italiane hanno iniziato a scoperchiare più di un anno fa, ma che ora, grazie a indulto e amnistia, rischiano di concludersi con un nulla di fatto. Caso Fiorito in primis. L ex capogruppo del Pdl alla Pisana, già condannato in primo grado a 3 anni e 4 mesi di carcere, potrebbe così sfangarla. Sarà compito di deputati e senatori (serve l accordo di due terzi del Parlamento) decidere quali reati inserire all interno della cornice. Ma il dibattito imperversa solo ed esclusivamente sulle sorti del Cavaliere. Quei provvedimenti di clemenza non possono e non devono riguardarlo. Lo ha detto prima Napolitano, poi la Cancellieri. Continuano a ripeterlo, fino alla noia, il Pd, M5s e Sel. Guai solo a pensare a una cosa del genere. Stranamente ieri a difesa di Berlusconi è intervenuto a gamba tesa la colomba Quagliarello. L obiettivo, anche questa volta, è stato centrato. Tutti a dare addosso al Cav per scostare l attenzione dagli altri misfatti. I consiglieri regionali coinvolti spingono sui loro partiti per ottenere la grazia. Ancor prima di essere giudicati. E il timore adesso è proprio questo: molti potrebbero farla franca. Accanto alle inchieste penali, a mettere a setaccio scontrini, fatture, ricevute e agende, per fortuna ci si è messa la Corte dei conti. Ai giudici contabili rimarrà comunque la possibilità di sanzionare coloro che saranno ritenuti colpevoli. Obbligandoli quindi alla restituzione del maltolto se ci sarà qualcuno che si costituirà parte civile. Sanzioni, dunque. Nulla di più. E pensare che solo nel 2012 i soldi pubblici a disposizione dei consiglieri regionali eletti sono stati ben 47 milioni di euro. Rimborsi extra, naturalmente, che si affiancavano al lauto compenso percepito mensilmente. Nell elenco degli acquisti effettuati col denaro di rappresentanza è finito davvero di tutto: dalle munizioni da caccia, alle cene di pesce. Dalle lap dance, ai pasticcini. Ma c è stato perfino chi ha usato quei soldi per saldare la propria tassa sui rifiuti. Una vergogna. A pagare, in realtà, noi cittadini. Tutti presunti innocenti, fino ad oggi. Perché fino al terzo grado di giudizio quei consiglieri coinvolti rientreranno in quella categoria ben distinta di persone. Molte delle quali, però, sicuramente colpevoli. Amnistia e indulto serviranno anche a questo. A salvare le magagne di gran parte dei consiglieri regionali. Liberi tutti, tranne Berlusconi. Storia della malagiustizia italiana. Federico Colosimo Enna Casa di riposo-lager: quattro in manette Maltrattamenti, abbandono di incapaci, sequestro di persona, violenza privata e lesioni personali: sono le accuse di cui dovranno rispondere il presidente, il gestore e due operatrici della casa di riposo Sant Antonio Abate ex Villaggio del Fanciullo di Enna, nella zona di Pergusa, arrestate dalla Guardia di Finanza. Nel mirino delle forze dell ordine anche le mancate autorizzazioni, a quanto si apprende, necessarie alla gestione della struttura. Una cinquantina di anziani in condizioni di degrado, alcuni deceduti la cui pensione veniva puntualmente ritirata dagli operatori dell ospizio, che dunque dovranno rispondere anche di truffa. Si parla di una cifra che ondeggia intorno ai 600 mila euro, dei quali fanno parte anche somme prelevate dai libretti di deposito di anziani deceduti. Senza contare l appropriazione indebita di effetti personali di valore, dei quali gli ospiti della struttura venivano puntualmente privati dopo la morte. La casa di riposo è stata sequestrata e gli anziani trasferiti in altre strutture. I fatti sarebbero dimostrati da intercettazioni telefoniche ed ambientali e riprese video che hanno evidenziato come anziani malati di Alzheimer venissero costretti nei loro letti, pesantemente sedati da operatori privi di competenze mediche o infermieristiche. L operazione, definita Cara Lina, è stata avviata a causa di segnalazioni di ex dipendenti, a seguito delle quali sono iniziate le intercettazioni ed è stata disposta l ordinanza di custodia cautelare da parte del Gip. Ora si tratterà di quantificare gli illeciti patrimoniali. Emma Moriconi Eurosky Tower. L investimento più solido è puntare in alto. Lecce - Rave letale Ragazza finisce in coma Una notte di sballo nel Salento dal tragico risvolto. Una ragazza di 22 anni di Cerfignano, frazione di Santa Cesarea Terme (Lecce), è ricoverata in coma nel reparto di Rianimazione dell ospedale Vito Fazzi di Lecce, dopo aver assunto un mix di alcol e anfetamine durante un rave party svoltosi sabato notte in una masseria abbandonata, in località Pozzo Antico, sulla strada che collega Lecce alla marina di Torre Chianca. Un festino non autorizzato di cui le forze dell ordine non sapevamo nulla, tanto che soltanto alle prime ore del mattino qualcuno ha telefonato al 118 per segnalare la presenza per terra di una ragazza esanime. Questa infatti la situazione che i sanitari si sono trovati davanti. Al momento la ragazza non presenta segnali di ripresa anche se le sue condizioni sono gravi ma stazionarie. Resta al vaglio degli inquirenti capire come si sia svolta la dinamica e chi siano i principali responsabili dell accaduto. F. Ce. Eurosky Tower è il grattacielo residenziale di 28 piani che sta sorgendo a Roma, nel prestigioso quartiere dell EUR. Un progetto modernissimo e rivoluzionario che coniuga esclusività e tecnologia, ecosostenibilità ed eleganza. Eurosky Tower è destinato a diventare un simbolo di Roma e soprattutto un grande investimento che si rivaluterà nel tempo. Le residenze sono state progettate per offrire spazi comodi, ma al tempo stesso funzionali, perfettamente rifiniti in ogni dettaglio e con tagli che vanno dai 50 mq fino agli oltre 300 mq. La vicinanza di grandi aziende (italiane e multinazionali) e la posizione assolutamente strategica rispetto agli aeroporti e al centro città garantiscono una elevata richiesta di unità abitative di piccolo/medio taglio in affitto per manager e dirigenti. Al 19 piano, ad oltre 70 metri di altezza, sono state realizzate le prime tre residenze campione, altamente rifinite in ogni singolo dettaglio. Per prenotare la tua visita contatta i nostri consulenti al numero RE AWARDS Premio Speciale Smart Green Building UFFICIO VENDITE Roma EUR Viale Oceano Pacifico (ang. viale Avignone) Numero Verde Taranto - La tragedia Crolla un capannone: muore un 62enne Un uomo è morto nel crollo, avvenuto ieri mattina, in una vecchia cantina sociale in disuso, nei pressi di Sava, in provincia di Taranto sulla strada per Manduria, nei pressi dello stadio comunale. La vittima è Giuseppe Spagnolo, 62enne ex dipendente della stessa cantina, chiusa da anni. A dare l allarme sono stati i residenti delle case adiacenti che hanno sentito un forte boato. Sul posto, per estrarre il cadavere, sono intervenuti i vigili del fuoco e le squadre dei pompieri, giunte anche da Taranto. In aiuto anche un impresa locale che ha prestato l impiego di una grossa ruspa. Sull episodio la Procura di Taranto ha aperto un inchiesta, per il momento a carico di ignoti. L uomo, che aveva la disponibilità delle chiavi dell edificio, sotto custodia giudiziaria da circa cinque anni dopo il fallimento della cooperativa che gestiva l attività, pare stesse tagliando alcuni tiranti di ferro quando ha ceduto un muro portante.

11 11 Arte DAL 7 OTTOBRE ALLA GNAM FARI PUNTATI SULLE CONTROVERSE OPERE DEL FRANCESE NATURALIZZATO STATUNITENSE Duchamp a Roma: dov è la novità? Una mostra che finalmente, dopo tanti anni, chiarisce il ruolo della collezione Schwarz alla Galleria Nazionale d Arte Moderna, per molti, troppi anni relegata in una stanza secondaria e in cattiva luce. L inventore del Ready made, estimatore dei Futuristi italiani La boite en valise e a destra immagini della mostra di Davide Tedeschini Cinquant anni dopo aver esposto in Italia e 100 anni dopo l invenzione della Ruota di Bicicletta la Gnam dedica una mostra a Marcel Duchamp, il mitico artista dell Orinatoio (vero nome: Fontana), quello che spesso fa esclamare a chi ci accompagna Questa non è arte o Questo lo potevo fare anche io che succede anche con Picasso, e altri importanti artisti del moderno e del contemporaneo, rei secondo i detrattori- di non fare l arte simile alla realtà, o di essere un po svogliati. In verità la colpa è anche dei Futuristi ed è per ritrovare i suoi idoli che l artista negli anni 60 fece un viaggio in Italia e legò con alcuni galleristi e collezionisti dell epoca, realizzando anche una mostra a Roma. Le opere sono quelle che sono esposte solitamente in galleria, multipli Aria di Parigi e Ruota di bicicletta (ossia copie autenticate) esposti a Roma fin dagli anni 60 ma mai messi nella dovuta evidenza. Ora con una mostra inaugurata il 7 ottobre dal titolo Duchamp, re-made in Italy sembrano finalmente rivivere la loro importanza. Sono un po ingenerose le critiche giunte dai quotidiani italiani -in testa il Corriere della Sera e Il Tempo- visto che ogni piccola opera di Duchamp conserva una lunga storia autobiografica, visceralmente legata alle avanguardie artistiche del 900, soprattutto al Surrealismo, a Parigi e a New York, una storia che in Italia, eccezion fatta per il Futurismo sembra non essere mai arrivata. Nella sala affianco alla mostra alloggiano le opere di Balla e Boccioni, e quindi si ha l occasione di volgere finalmente lo sguardo a un periodo storico più che solamente estetico- spesso sottovalutato. Certo, c è sempre l immancabile perplessità della prepotenza della cultura straniera, dal momento che la Galleria nazionale d Arte Moderna proprio perché a Roma, recherebbe opere più interessanti nell ottica della storia dell arte italiana: De Chirico, Modigliani, De Nittis, Boldini, Morandi, De Pisis, Guttuso, Manzoni, Fontana spiccano per il moderno e il contemporaneo; per l ottocento Hayez, Lega, Fattori, Cremona, Morelli, Mancini, Palizzi, Favretto, Previati, Pellizza Da Volpedo sono veri capolavori oltre che artistici artigianali anch essi degni di rivalutazione, che piacciono ai critici d inizio articolo. Troppe volte si evita il discorso o la celebrazione di un grande nome della modernità a Roma: è successo con De Nittis al Chiostro del Bramante, succede a nomi del Rinascimento ospitati da varie location ma della grande pittura regionale italiana, la pittura di fine ottocento, la pittura dell Unità, quando verrà celebrata se non lo si è fatto neanche per il 150 anniversario? Quando vedremo una grande mostra di Boldini o di Fattori a Roma? Da un certo punto di vista la mostra sarebbe anche interessante poiché poco scolastica (non sappiamo con quali criteri avrà una ricaduta sulle scolaresche, anche se il periodo di mostra, fino al 9 febbraio è quello del primo quadrimestre che in genere non viene utilizzato per le uscite didattiche) in compenso è stato pensato un piccolo laboratorio didattico per bambini. Qual è l utilità di questa mostra? Non è importante se Mr.Mutt abbia fatto Fontana con le sue mani o no. Egli l ha scelta. Egli ha preso un articolo ordinario della vita di ogni giorno, lo ha collocato in modo tale che il suo significato d uso è scomparso sotto il nuovo titolo e il nuovo punto di vista ha creato un nuovo modo di pensare quell oggetto (The Blind Men, New York, 1917), chiosa a margine una rivista dell epoca. Basta pensare a queste opere, come degli incontri che arrivano addirittura ad essere suddivisi in una casistica generatrice di vere e proprie correnti contemporanee come il Noveau Realism o l intera produzione di un singolo artista. Abbiamo quindi: l object trouvè interpretè, un oggetto qualunque trasformato in un esemplare (l archetipo dell assemblaggio); l object naturel, prodotto della natura come una conchiglia o una pietra (potrebbe ricordare il contemporaneo Broodthaers); l object incorporè associato a un dipinto o a una scultura, a volte incorporato in un opera d arte (ricorda i quadri di De Chirico e tutto il Citazionismo); infine il ready made un oggetto industriale di serie del quale si contesta la funzione destinandolo a tutt altra e come si fa a non pensare a Andy Warhol? E bastato Piero Manzoni, grande assente da questa mostra (assenza di cui si lamenta Simongini dalle pagine del Tempo) per chiarire l opera di Duchamp con la famosa regola del: Tutti gli oggetti sono arte. Nella tradizione ormai consolidata del mostrificio Roma nella mostra è stata dedicato ampio spazio ai discepoli o emuli sconosciuti alle masse- dell artista francese: da Gianfranco Baruchello a Giosetta Fioroni con una riproduzione di una stanza, a imitazione dell opera duchampiana Etant donne - da Luca Maria Patella a Sergio D Angelo. Tra i libri in mostra in due vetrine contenenti opuscoli e pubblicazioni nonché locandine delle mostre dell epoca, si confonde tra i tanti una prima edizione di Attributi dell arte odierna (1967) del grande Emilio Villa, peccato non poterlo sfogliare. Una saletta dedicata anche ad un documentario aiuta a Fontana anche detto Orinatoio capirne l opera con filmati e documenti d epoca come da prassi. Desta stupore nel caos che governa l arte di questi tempi la precisione del catalogo Electa (pp.305, 35 ) con testi di Paolo Castelli, Maria Sole Cardulli, Elisa D Agostino, Giovanna Coltelli, Keila Linguanti, Marcella Cossu, Karmen Corak, Luca Patella, Arturo Schwarz, Franco Vaccari, Gianfranco Baruchello, Maria Vittoria Marini Clarelli, Stefano Cecchetto, Carla Subrizi, Maria Giuseppina di Monte. Una mostra discreta che arriva quando ormai l inclemente sovrabbondanza dell arte elettronica e dei social network rendono il tutto antiquariale e non più così scandaloso come quando l orinatoio venne esposto per la prima volta nel 1917 a New York, poi andando disperso, forse tra i calcinacci delle ristrutturazioni o nei traslochi dei collezionisti ebraici Arensberg, i coniugi che per primi credettero nell artista.

12 12 Sport Allo Stadio San Paolo di Napoli la Nazionale deve assolutamente vincere per essere testa di serie in Brasile Italia-Armenia: vietato sbagliare Pareggio e sconfitta chiuderebbero la porta ad ogni speranza azzurra e i mondiali sarebbero già in salita di Federico Colosimo Il grande assente della sfida al San Paolo, Gianluigi Buffon Il Mondiale è già conquistato da tempo, l ingresso tra le otto teste di serie ancora no. Serve una vittoria per stare tranquilli, 3 punti per sognare. I vice-campioni d Europa di Prandelli, dopo 7 anni di astinenza, tornano al San Paolo. Napoli è pronta per la festa. Questa sera, alle 20:45, Italia-Armenia. Altro che passerella, Pirlo e compagni sono costretti a vincere. Un eventuale sconfitta renderebbe molto più arduo il cammino degli Azzurri. Con un pareggio, sarebbero cinque le Nazionali che ci starebbero sicuramente davanti (Brasile, Spagna, Germania, Argentina e Belgio). Tutto, a quel punto, dipenderebbe da Colombia, Uruguay, Svizzera e Olanda. Se dovessero vincere, per l Italia sarebbe notte fonda. E i mondiali brasiliani tutti in salita già dal girone di qualificazione valido per l accesso agli ottavi di finale. L Italia non può permettersi di sbagliare. E non sarà una passeggiata. I nostri avversari, infatti, si giocano tutto. La presenza ai mondiali, per esempio. Se l Armenia lasciasse Napoli con 3 punti al seguito, la Danimarca non facesse bottino pieno contro Malta e la sfida tra Bulgaria e Repubblica Ceca finisse pari, sarebbero infatti gli uomini guidati in panchina da Minasyan a ottenere il secondo posto utile per i play-off mondiali. Combinazioni al limite dell impossibile, certo, ma che rendono difficile immaginare un avversaria già sconfitta in partenza. Insomma quella di stasera sarà una partita vera. Ieri pomeriggio Prandelli ha avuto un lungo faccia a faccia con Balotelli, per l ennesima volta al centro delle polemiche più disparate. Super Mario, acclamatissimo dai tifosi napoletani, è finito ancora nel bersaglio della critica. Il codice etico, ormai si sa, per lui non conta. Il fortissimo attaccante bresciano sarà a tutti gli effetti al centro del tridente azzurro. La gastroenterite lo ha debilitato, sì, ma non scoraggiato. Al suo fianco, Florenzi (in ballottaggio con Cerci) e l idolo di casa: Lorenzo Insigne. Pronto a infiammare il San Paolo con le sue giocate e i suoi dribbling. Buffon, invece, non ha recuperato. Al posto del capitano recordman (137 presenze) ci sarà Marchetti. Rispetto alla gara contro la Danimarca cambiano anche gli uomini della batteria difensiva: Abate subentrerà a De Silvestri sulla corsia di destra, mentre Pasqual prenderà il posto di Balzaretti sul versante opposto. Il cagliaritano Astori e Bonucci saranno i due centrali. Le redini del centrocampo, come sempre, verranno affidate al geometra Pirlo. Il faro della Juventus, vertice basso in cabina di regia, al suo fianco potrà contare su Montolivo e Aquilani (favorito su Marchisio). Per quanto riguarda gli ospiti, particolare attenzione bisognerà prestarla alla stella del Borussia Dortmund, Mkhitaryan, vera e propria mina vagante. Il pronostico, è inutile nasconderlo, è tutto a favore degli azzurri. Molti di voi adesso staranno toccando ferro, ma per storia e tradizione l Italia non può avere paura dell Armenia. I vice-campioni d Europa, inoltre, nel corso di queste qualificazioni mondiali non hanno mai perso. Il fattore San Paolo, che si preannuncia tutto esaurito, può costituire l arma in più a favore dell undici di Prandelli. L Armenia ha un solo risultato a disposizione: la vittoria. Per questo non potrà giocare di rimessa, rischiando quindi di esporsi al letale contropiede azzurro. LE PROBABILI FORMAZIONI Italia ( ): Marchetti; Abate, Astori, Bonucci, Pasqual; Pirlo; Aquilani, Montolivo; Florenzi, Insigne; Balotelli. All. Prandelli Armenia (4-4-2): Berezovsky; Arzumanyan, Mkrtchyan, Ghazarya, Sarkisov; Hovhannisyan, Movsisyan, Mkoyan, Mkhitaryan; Hayrapetyan, Ozbiliz. All. Minasyan. Positivo al Giro 2013 Per Di Luca chiesta la squalifica a vita La Procura antidoping del Coni ha chiesto la squalifica a vita per il ciclista Danilo De Luca. L abruzzese, trovato positivo (per la terza volta in carriera) prima dell ultimo Giro D Italia, è stato deferito al tribunale nazionale. In ordine alla violazione dell art. 2.1 del codice Wada in relazione alla positività per presenza di Eritropoietina ricombinante riscontrata in occasione del controllo antidoping disposto out of competition dall'unione Ciclistica Internazionale (Uci) del 29 aprile Per il killer di Spoltore non ci sono più alibi, la sua carriera è appesa a un filo. F.Co. Cercateci e ci troverete ovunque. All indirizzo con un portale all news ed un giornale sfogliabile e scaricabile on-line. Siamo anche su Facebook all indirizzo Siamo anche abili cinguettatori, su Tutti i nostri video sul canale Youtube, Il giornale d Italia. Se volete scriverci, potete farlo all indirizzo

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese.

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese. I COMUNI RISPARMIANO, MA LE AMMINISTRAZIONI CENTRALI SPENDONO. TAGLIARE ANCORA VUOL DIRE TOGLIERE 6 MILIARDI DI EURO ALLE IMPRESE E MOLTI SERVIZI AI CITTADINI. I Comuni sono oggetto di una ingiusta campagna

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

L ENNESIMO IMBROGLIO di RENZI ovvero COME SI DERUBANO I PENSIONATI (facendoli passare per mona ) Lo aspettavamo al varco, il Renzi.

L ENNESIMO IMBROGLIO di RENZI ovvero COME SI DERUBANO I PENSIONATI (facendoli passare per mona ) Lo aspettavamo al varco, il Renzi. L ENNESIMO IMBROGLIO di RENZI ovvero COME SI DERUBANO I PENSIONATI (facendoli passare per mona ) Lo aspettavamo al varco, il Renzi. Eravamo sicuri che avrebbe cercato di fare il furbo, facendo passare

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............ sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4........................ LA SPEZIA 19 luglio 2013 online A rischio i sommozzatori dei pompieri La Spezia Il corpo dei vigili del Fuoco subisce tagli, e farne le

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 Giovedì, 06 marzo 2014 06/03/2014 Pagina 14 Salute, sport e divertimento in pillole per passare dal divano allo stile... 1 06/03/2014 Pagina 18

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta?

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta? Direttore Domenico Delle Foglie Servizio Informazione Religiosa MANOVRA ECONOMICA Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e una Carta dedicata. Sarà la svolta? 23 dicembre 2015

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli