VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 SETTEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 SETTEMBRE"

Transcript

1 VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 SETTEMBRE 2007 L'anno duemilasette, addì 28 del mese di settembre, alle ore 9,00, presso la sala riunioni del Consiglio di amministrazione del Rettorato in piazza S. Marco, 4, si è riunito il Consiglio di amministrazione dell'università degli Studi di Firenze, convocato con raccomandata a mano prot. n pos. II/4 del 21 settembre 2007 per trattare il seguente ordine del giorno: 1) Approvazione dei verbali del 25/5 e 29/6/2007 2) Comunicazioni del Presidente 3) Consorzio Nettuno Relazione del prof. Gianfranco Manes 4) Variazioni al bilancio preventivo di Ateneo esercizio ) Trasformazione e/o estinzione di premi, legati e borse di studio 6) Adeguamento importi art. 34 RAFC e compenso conferenzieri 7) Variazioni al bilancio di previsione del Polo Centro Storico - Esercizio ) Variazioni al bilancio di previsione del Polo Scientifico e Tecnologico Esercizio ) Variazioni di assestamento al bilancio di previsione del Polo delle Scienze Sociali Esercizio ) Modifica del Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato presso l Università degli Studi di Firenze 11) Attuazione programmazione personale docente e ricercatore anno ) Informativa sui contratti di collaborazione coordinata e continuativa 13) Vendita di beni immobili situati nel Comune di Sesto Fiorentino 14) Alienazione di terreni agricoli situati nel Comune di Firenze 15) Sicurezza: rinnovo convenzione con il Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali 16) Alienazione del complesso immobiliare denominato San Cresci situato nel Comune di Borgo San Lorenzo (FI) 17) Rinnovo convenzione con la Casa di cura Santa Chiara 18) Associazione Castello dell Acciaiolo Stanziamento dei contributi annuali relativi agli anni 2006 e ) Protocollo d intesa tra il Centro Universitario Sportivo di Firenze (CUS Firenze) e l Associazione Sportiva Dilettantistica Firenze Rugby ) Proposta di costituzione dell Associazione Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Architettura Italiane Adesione e approvazione dello Statuto 21) Modifiche Regolamenti didattici di corsi di studio A.A ) Master a.a. 2007/2008: modifica progetti approvati 23) Facoltà di Medicina e Chirurgia: riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria 24) Modifica al corso di perfezionamento post laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia 1

2 25) Convenzione tra le Università degli Studi di Perugia, Udine, Firenze e Padova per lo svolgimento del master di II livello in Urologia ginecologica 26) Ratifica di protocollo d intesa tra la Regione Toscana-Giunta Regionale e le Istituzioni Universitarie della Toscana 27) Modifica della Convenzione del Centro di ricerca interuniversitario di Ingegneria delle Microonde per Applicazioni Spaziali (MECSA) 28) Adesione al Centro di ricerca interuniversitario per la Progettazione e lo Sviluppo dei Farmaci 29) Istituzione del Centro Interuniversitario di ricerca sulle basi molecolari delle malattie della riproduzione (CIRMAR) con sede presso l Università degli Studi di Milano 30) Centro interuniversitario di ricerca sul Teatro in lingua inglese Chiusura 31) Centro interuniversitario di ricerche geologiche in Ecuador Recesso 32) Nuove adesioni al Centro interdipartimentale per lo Studio delle dinamiche complesse (CSDC) 33) Proposte di deposito di domande di brevetto europeo 34) Ammissione in soprannumero al dottorato di ricerca dei titolari di borse finanziate dall Unione Europea o da altra istituzione scientifica europea o internazionale 35) Accordo di collaborazione tra l Università degli Studi di Firenze e l Istituto Italiano di Scienze Umane per la realizzazione del Master di II livello denominato Scuola di Governo del territorio Sono presenti: - prof. Augusto Marinelli, Rettore - prof. Alfredo Corpaci, pro-rettore vicario - dott. Antonino Fucile, rappresentante del Governo - prof. Paolo Citti, rappresentante dei professori di ruolo di prima fascia - prof. Roberto Casalbuoni, rappresentante dei professori di ruolo di prima fascia - prof. Gianni Amunni, rappresentante dei professori di ruolo di seconda fascia. - prof.ssa Patrizia Meringolo, rappresentante dei professori di ruolo di seconda fascia - dott. Alberto Di Cintio, rappresentante dei ricercatori - dott. Massimo Grandi, rappresentante dei ricercatori - dott.ssa Caterina Palazzo, rappresentante del personale tecnico amministrativo - sig. Wladimiro La Gamba, rappresentante del personale tecnico amministrativo - sig. Andrea Epifani, rappresentante degli studenti - sig. Vittorio Frontini, rappresentante degli studenti - dott.ssa Gabriella Diani, Direttore Amministrativo vicario E assente: - sig. Stefano Pichi Sermolli, rappresentante degli studenti Assume le funzioni di Presidente il Rettore ed assume le funzioni di Segretario la dott.ssa Gabriella Diani, in sostituzione del Direttore Amministrativo. 2

3 Sono inoltre presenti la dott.ssa Antonella Messeri e le sigg.re Annalisa Cecchini e Patrizia Olmi dell Ufficio Organi Collegiali di Ateneo, per l approntamento della documentazione inerente l ordine del giorno e per l attività sussidiaria ai lavori del Consiglio di amministrazione. Il Presidente, constatata l esistenza del numero legale, dichiara aperta e valida la seduta. - prof.ssa Patrizia Meringolo, esce ore 9,45 punto 11 O.D.G., rientra ore 10,10 punto 12 O.D.G. - sig. Stefano Pichi Sermolli, entra ore 10,00 punto 11 O.D.G.; - prof. Paolo Citti, esce ore10,30 punto 15 O.D.G., rientra ore 10,40 punto 16 O.D.G. Il Rettore comunica che per errore materiale è stata inserita all O.D.G. la pratica al punto 32 Nuove adesioni al Centro interdipartimentale per lo Studio delle dinamiche complesse (CSDC), contrassegnata con la sigla C/66, che pertanto viene ritirata. Sul punto 1 dell O.D.G. «APPROVAZIONE DEI VERBALI DEL 25 MAGGIO 2007 E 29 GIUGNO 2007» Il Rettore mette in approvazione i verbali del 25 maggio e 29 giugno Grandi chiede che venga riportata nel verbale del 25 maggio la trascrizione integrale del proprio intervento sul tema delle tasse studentesche. Il Consiglio di amministrazione approva i verbali del 25 maggio 2007 e 29 giugno Sul punto 2 dell O.D.G. «COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE» Il Rettore dà le seguenti ulteriori comunicazioni i cui documenti sono stati trasmessi ai consiglieri: 1) Nota del Presidente della Commissione Biblioteche della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane datata 4 settembre 2007 Il Rettore illustra sinteticamente il contenuto della lettera con la quale il Prof. Milanesi, Presidente Commissione Biblioteche CRUI, chiede alle Università di sospendere tutti i rinnovi degli abbonamenti per acquisizione di risorse elettroniche, fino alla definizione della trattativa nazionale per la definizione di un nuovo accordo quadro. 2) Lettera del Presidente di Firenze University Press del 4 settembre 2007 con oggetto: bando del 1 premio Firenze University Press Tesi di Dottorato Il Rettore comunica che è in diffusione il primo bando del Premio Tesi di Dottorato, premio istituito da Firenze University Press che porterà ad individuare le migliori lauree per le tesi di dottorato. Esse saranno pubblicate sia in forma cartacea che digitale a totale carico della Firenze University Press e premiate in occasione dell inaugurazione dell anno accademico. 3) Parere del Nucleo di valutazione su Istituzione ciclo XXIII dottorati di ricerca con sede presso l Istituto Italiano di Scienze Umane seduta del 19 luglio 2007 Il Rettore informa che le osservazioni espresse dal Nucleo di valutazione sull istituzione del XXIII ciclo dottorati di ricerca con sede presso l Istituto Italiano di Scienze Umane, sono state recepite dall amministrazione che ha provveduto a perfezionare le intese con l ISU. 4) Nota del 10 settembre 2007 inviata al Magnifico Rettore da un gruppo di ricercatori e professori associati dell Università di Firenze idonei ad un posto di ruolo di fascia superiore Il Rettore fa presente che 32 colleghi, in possesso di idoneità per essere inquadrati nel ruolo superiore a quello di appartenenza, hanno fatto richiesta di essere chiamati dall Università per ricoprire il ruolo per il quale sono stati riconosciuti idonei. In proposito il Rettore fa presente che 3

4 tale eventualità non rientra nelle attuali possibilità dell Ateneo e che, in ogni caso, le assunzioni o gli scorrimenti rientrano nell ambito della programmazione didattica, compatibilmente con la disponibilità finanziaria. 5) Lettera del Comitato Pari Opportunità datata 19 settembre 2007 Il Rettore informa che il Comitato Pari Opportunità ha richiesto al Rettore ed agli organi di governo dell Ateneo un impegno per garantire ed incrementare i servizi a favore dei disabili. Egli afferma di non comprendere i motivi di richiesta visto che nell Ateneo il servizio ai disabili funziona molto bene e per il quale l Università negli ultimi anni ha aumentato notevolmente il numero dei tutor. 6) Comunicazione dei dirigenti Area Affari Generali e Area Sicurezza e Patrimonio Immobiliare sul trasferimento alla Regione del Complesso immobiliare delle Montalve alla Quiete. Il Rettore comunica di avere sottoscritto una lettera di intenti, con il Presidente della Giunta Regionale per il trasferimento alla Regione del complesso immobiliare delle Montalve alla Quiete. In tale atto sono precisate anche le fasi della compravendita nonché le condizioni di pagamento. 7) Decreto rettorale n (732) del 19 settembre 2007 di indizione delle elezioni per il Senato Accademico e per il Consiglio di Amministrazione 8) Lettera del Presidente del Nucleo di Valutazione interna prot del 20 settembre 2007 indirizzata ai membri del Consiglio di Amministrazione Il Rettore ricorda che è stato trasmesso ai consiglieri il rapporto del Nucleo di Valutazione Interna relativo agli anni 2005/2006. Comunica che in una delle prossime riunioni del Consiglio inviterà il Presidente del Nucleo per una illustrazione del lavoro. Sul punto 3 dell O.D.G. «CONSORZIO NETTUNO RELAZIONE DEL PROF. GIANFRANCO MANES» Il Rettore invita il Prof. Manes, delegato dell Università per il Consorzio Nettuno, a relazionare sullo stato delle attività del Consorzio e sulla convenienza per l Ateneo di continuare a partecipare al Consorzio. Manes, riferisce che l attività svolta dall Università per il consorzio, di cui l ateneo fiorentino è uno dei soci fondatori, è stata sicuramente impegnativa ed apprezzata ma non ha mai trovato adeguata corrispondenza in termini di posizionamento nel consorzio stesso. Fa presente che ad oggi l Università gestisce con il modello Nettuno due corsi di studio della Facoltà di Economia. Relativamente all aspetto economico, fa presente che c è un ritorno economico che spetta a chi offre il servizio culturale e quindi ai docenti e all Università, ma, per valutarne la convenienza, dovrebbe essere effettuata un attenta analisi. Precisa, inoltre, che il modello Nettuno ha subito importanti cambiamenti nel tempo, perché è nato quando ancora l e-learning non esisteva. A questo proposito ricorda che l Ateneo fiorentino ha attualmente una propria piattaforma per l e-learning ed ha già avviato un processo tecnologico, oltre che culturale, nel settore. Pone l attenzione, quindi, sull opportunità di mantenere il dualismo dei modelli e delle iniziative oppure se puntare su uno dei due modelli. Personalmente, punterebbe sul modello interno visto anche che Nettuno non ha dato grandi ritorni, e che la presenza di due diverse offerte di formazione a distanza potrebbero 4

5 confondere gli studenti. Aggiunge che sicuramente i problemi relativi all e-learning non sono banali, ma l Ateneo ha già posto determinate basi che potrebbero rendere concreta l ipotesi di un modello interno: infatti è attiva una commissione di e-learning di Ateneo, è stato stilato un regolamento, ideato un modello e dedicate infrastrutture. Il Rettore ringrazia Manes per la relazione. Ritiene che sia arrivato il momento di definire la posizione dell Ateneo all interno del Consorzio che oltretutto ha subito delle evoluzioni senza che l Università ne fosse coinvolta. Chiede al Pro rettore vicario di predisporre, con la collaborazione del Prof. Manes, una relazione tecnica sulla questione, in modo che il Consiglio possa, in una delle prossime sedute, esaminare la questione anche al fine di valutare la possibilità di uscire dal Consorzio. Delibera n. 139 Il Consiglio di amministrazione: - udita la relazione del prof. Manes; - udita la proposta del Rettore, delibera di dare mandato al Prorettore vicario, prof. Corpaci, di predisporre, in collaborazione con il prof. Manes, una relazione tecnico-giuridica sulla posizione dell Università di Firenze all interno del Consorzio Nettuno, ai fini di una eventuale ipotesi di recesso da tale Consorzio. INVERSIONE ORDINE DEL GIORNO Il Rettore propone, in attesa dell arrivo della Dott.ssa Anna Santovito, Dirigente dell Area Risorse finanziarie che dovrà illustrare la pratica relativa al punto 4 dell O.D.G., di procedere con la discussione del successivo punto. Il Consiglio di amministrazione concorda con la proposta del Rettore. Sul punto 5 dell O.D.G. «TRASFORMAZIONE E/O ESTINZIONE DI PREMI, LEGATI E BORSE DI STUDIO» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «Sul bilancio universitario vengono ancora gestiti i seguenti Premi, Legati e Borse, istituiti in epoca ormai remota, il cui capitale risulta attualmente irrisorio: Bensa 3470,96 euro De Horatiis 3396,19 euro Toja 1785,02 euro Tinacci 4608,60 euro Tacchini 4198,39 euro Gli interessi annui che maturano sui capitali sopra indicati non consentono, ormai da decenni, la realizzazione delle finalità indicate negli statuti e comportano una gestione operativa abbastanza onerosa da parte dell Ateneo. Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 14 dicembre 2001, punto 13 dell ordine del giorno, tenuto conto che i lasciti effettuati da privati, a qualsiasi titolo a favore dell Università di Firenze possono essere trasformati attraverso l adozione di atti amministrativi interni, ha già deliberato la trasformazione e/o estinzione di 54 casi di Premi, Legati e Borse facendoli confluire in un fondo denominato Borse di studio. 5

6 I casi in questione sono riconducibili a quelli già analizzati nel 2001 come specificato dalla nota del 3/7/2007 dell Ufficio legale dell Ateneo che non ritiene configurabile nei casi de quibus l attivazione delle procedure di estinzione previste dal Codice civile, essendo sufficiente per l estinzione e/o trasformazione degli enti morali una semplice delibera da parte del Consiglio di amministrazione di questo Ateneo. I capitali residui saranno destinati alle Facoltà interessate secondo quanto stabilito negli Statuti e Regolamenti dei singoli lasciti.» Il Rettore illustra sinteticamente la pratica. Il Consiglio di amministrazione approva all unanimità la seguente delibera. Delibera n. 140 Il Consiglio di Amministrazione: considerato che l Università di Firenze gestisce ancora oggi i seguenti lasciti, istituiti in epoca ormai remota: Bensa 3470,96 euro De Horatiis 3396,19 euro Toja 1785,02 euro Tinacci 4608,60 euro Tacchini 4198,39 euro e che gli interessi annui che maturano sui capitali sopra indicati non consentono, ormai da decenni, la realizzazione delle finalità indicate negli statuti; considerata l opportunità di regolarizzare tale situazione tramite l estinzione dei premi, legati e borse indicati in narrativa anche al fine di eliminare inutili registrazioni contabili; vista la nota prot del 3/07/2007 dell Ufficio Affari Legali, Disciplinari e Contenzioso dell Ateneo; richiamata la precedente delibera del Consiglio di Amministrazione n. 204 del 14/12/2001; visto l art. 14 dello Statuto dell Università di Firenze, DELIBERA di procedere alla estinzione dei Premi, Legati e Borse sotto elencati destinando gli importi residui alle Facoltà interessate, secondo quanto stabilito negli Statuti e Regolamenti dei singoli lasciti: Bensa 3470,96 euro De Horatiis 3396,19 euro Toja 1785,02 euro Tinacci 4608,60 euro Tacchini 4198,39 euro Sul punto 6 dell O.D.G. «ADEGUAMENTO IMPORTI ART. 34 RAFC E COMPENSO CONFERENZIERI» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «L art. 78 del Regolamento per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità (RAFC) prevede la possibilità di aggiornare tutti gli importi indicati nel regolamento stesso con delibera del Consiglio di Amministrazione. 6

7 L art. 34 del suddetto Regolamento, che disciplina la gestione del fondo spese economali, al comma 1 bis, prevede che può essere aperto,.., un conto corrente postale contenente l espressa menzione dell ufficio titolare del conto, il nominativo e la qualità del dipendente abilitato a emettere gli assegni. La giacenza massima del conto non può essere superiore a 10 milioni di lire. Lo stesso art. 34 prevede inoltre, al comma 3, che ai fini del rimborso con il fondo economale, per le spese che singolarmente non eccedono lire , quando non sia possibile presentare la documentazione, è sufficiente la dichiarazione del gestore del fondo. Gli importi sopraindicati, invariati dalla data di entrata in vigore del Regolamento (1 gennaio 1994) risultano ad oggi, anche a seguito dell entrata in vigore dell EURO, non più adeguati alle attuali esigenze di gestione. Considerate anche le numerose richieste pervenute dalle Unità Amministrative, si ritiene congruo sostituire l importo di 10 milioni di lire con euro e l importo di lire con 50 euro. Con l occasione si segnala che il Consiglio di Amministrazione nella seduta del 19 giugno 1987 ha approvato la Normativa su rimborsi spese ed indennità a conferenzieri e relatori invitati a congressi, convegni e seminari. Al punto a-3 viene fissato il compenso unitario massimo in lire per i docenti partecipanti come relatori. Si ritiene opportuno elevare fino ad un massimo di 300 euro tale importo.» Il Rettore illustra la pratica che prevede l adeguamento degli importi per compensi ai conferenzieri, indicati nel Regolamento. Palazzo dichiara il suo voto contrario poiché ritiene che nel caso di specie si tratta di un raddoppio del compenso e non un mero adeguamento. Casalbuoni fa notare che le cifre indicate sono quelle massime che possono essere corrisposte. Il Consiglio di amministrazione adotta con il voto contrario di Palazzo, la seguente delibera. Delibera n. 141 Il Consiglio di Amministrazione: vista la delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 giugno 1987 con la quale è stata approvata la Normativa su rimborsi spese ed indennità a conferenzieri e relatori invitati a congressi, convegni e seminari ; visto il punto a-3 della succitata Normativa; ritenuto di dover adeguare i limiti, indicati nelle precitate norme del regolamento per renderli più congruenti con le attuali esigenze di gestione; visto l art. 78 del Regolamento per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità; visti i commi 1 bis e 3 dell art 34 del Regolamento per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità, Delibera 1) di modificare gli importi indicati al comma 1 bis e al comma 3 dell art. 34 del Regolamento per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità rispettivamente in euro e in euro 50; 7

8 2) di elevare l importo del compenso lordo da corrispondere ai docenti fino ad un massimo di 300 euro per singola conferenza. Sul punto 4 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO PREVENTIVO DI ATENEO ESERCIZIO 2007» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «Sulla base delle esigenze formulate dagli Uffici si sottopongono all approvazione le seguenti variazioni di bilancio: Area Ricerca e didattica F.S Registrazione brevetti ,00 F.S Servizi amministrativi per studenti , ,00 Area Finanziaria - Ufficio Economato - Ufficio stipendi F.S congressi, convegni e conferenze ,00 F.S rappresentanza e manifestazioni ufficiali ,00 F.S materiale di consumo ,00 F.S esami di stato ,00 Il rialzo dei tassi d interesse registrato nel corso dell anno, nonché la stipula di un nuovo contratto di mutuo deliberato in sede di approvazione del conto consuntivo 2006, hanno comportato maggiori oneri finanziari in sede di rimborso delle rate d ammortamento F.S rimborso di capitale ,00 F.S interessi passivi , ,00 Area Affari Generali F.S compensi per seggi elettorali ,00 F.S spese processuali ed altro , ,00 Polo Scientifico e Tecnologico Il Polo svolge la funzione, a favore di tutte le strutture di Ateneo, di eliminare il materiale non più utilizzabile giacente nelle sedi in fase di dismissione (Montalve, Via Montebello e Villa Favard). Trattandosi di una spesa straordinaria, il dirigente richiede una assegnazione ad hoc F.S dotazione ordinaria Polo Scientifico e Tecn , ,00 Sistema Bibliotecario di Ateneo F.S materiale vario di consumo ,00 F.S quote associative e consortili + 500,00 F.S canoni telematici ,00 F.S spese varie ,00 F.S acquisto libri e microfilms - 500,00 8

9 F.S acquisto riviste e opere in continuazione ,00 F.S altri beni mobili ,00 F.S mobili, arredi e macchine d ufficio ,00 0,00 totale maggiori spese ,00 A fronte della maggiore spesa di ,00, si sono registrate le seguenti variazioni di segno positivo: Maggiori entrate Gli effetti del rialzo dei tassi hanno avuto effetto positivo sugli interessi attivi maturati sulle giacenze di cassa, giacenze particolarmente consistenti grazie al recupero dei crediti vantati nei confronti dell Azienda Ospedaliera Careggi, all introito dei mutui e ai proventi per dismissioni immobiliari F.E interessi attivi ,00 Minori spese In applicazione della legge finanziaria per l anno 2007 lo stanziamento relativo alle assunzioni di personale a tempo determinato è stato ricalcolato nella misura del 40% della spesa sostenuta a tale titolo nell anno Inoltre, l art.4 del D.L. n.81 del 2/7/07, convertito in legge n. 127 del 3/8/07, ha escluso le Università dall applicazione, solo per l anno 2007, della riduzione del 20% delle spese per consumi intermedi e pertanto esonerate dall obbligo di versamento al bilancio dello Stato dell importo accantonato. Quanto sopra ha comportato le seguenti economie di bilancio. F.S altre personale a tempo determinato ,00 F.S trasferimenti ad altri soggetti , ,80 L eccedenza delle operazioni di segno positivo di ,80 va ad incrementare il fondo di riserva. Le ulteriori variazioni proposte derivano da maggiori entrate a destinazione vincolata che comportano un incremento di pari importo delle spese. Maggiori entrate F.E altri recuperi e rimborsi ,00 F.E donazioni e contributi da soggetti privati ,00 F.E contributi per borse sc. specializz. da enti pubblici ,00 F.E contributi per assegni di ricerca da enti pubblici ,00 F.E contributi per assegni di ricerca da soggetti privati ,00 F.E altri contributi finalizzati ,00 F.E trasf. indennità al personale equiparato al SSN ,00 F.E fondo per il sostegno dei giovani e mobilità studenti ,50 F.E fondazioni , ,50 9

10 Maggiori uscite F.S servizi a studenti e supporto alla didattica ,00 F.S altre attività istituzionali ,00 F.S altri contributi finalizzati ,00 F.S indennità al personale equiparato al SSN ,00 F.S assegn. finalizzate a borse di studio di dott. ricerca ,50 F.S fondazioni , ,50 Il Rettore invita in seduta la dott.ssa Anna Santovito, Dirigente dell Area Servizi Finanziari per illustrare la pratica. Entra Santovito che illustra la pratica. Citti a proposito della richiesta di implementazione della voce Registrazione brevetti, è dell avviso che l Università dovrebbe perseguire l obiettivo di incentivare i colleghi a non brevettare personalmente o come dipartimento ma come università in modo che l ateneo fiorentino ne possa beneficiare e rientrare in parametri ministeriali di valutazione delle università maggiormente positivi. Alla richiesta di Frontini se la variazione di richiesta dal Polo scientifico e tecnologico sia realmente necessaria, Citti fa presente che il Polo Scientifico e Tecnologico gestisce lo smaltimento dei prodotti tossici e nocivi per tutto l ateneo che comporta un onere notevole. Esce Santovito. Il Consiglio di amministrazione approva, all unanimità, la seguente delibera. Delibera n. 142 Il Consiglio di Amministrazione: - esaminata la pratica, - delibera di apportare al bilancio di previsione del corrente anno le sotto indicate variazioni: Parte entrate Variazioni F.E donazioni e contributi da soggetti privati ,00 F.E contributi per borse sc. specializz. da enti pubblici ,00 F.E contributi per assegni di ricerca da enti pubblici ,00 F.E contributi per assegni di ricerca da soggetti privati ,00 F.E trasf. Indennità al personale equiparato al SSN ,00 F.E altri contr. finalizzati ,00 F.E fondo per il sostegno dei giovani e mobilità studenti ,50 F.E interessi attivi ,00 F.E altri recuperi e rimborsi ,00 F.E fondazioni , ,50 Parte uscite Variazioni F.S altre personale a tempo determinato ,00 F.S esami di stato ,00 10

11 F.S compensi per seggi elettorali ,00 F.S indennità al personale equiparato al SSN ,00 F.S servizi a studenti e supporto alla didattica ,00 F.S congressi, convegni e conferenze ,00 F.S rappresentanza e manifestazioni ufficiali ,00 F.S quote associative e consortili + 500,00 F.S altre attività istituzionali ,00 F.S materiale vario di consumo ,00 F.S canoni telematici ,00 F.S spese processuali ed altro ,00 F.S spese varie ,00 F.S servizi amministrativi per studenti ,00 F.S registrazione brevetti ,00 F.S acquisto libri e microfilms - 500,00 F.S acquisto riviste e opere in continuazione ,00 F.S mobili, arredi e macchine d ufficio ,00 F.S altri beni mobili ,00 F.S rimborso di capitale ,00 F.S interessi passivi ,00 F.S dotazione ordinaria Polo Scientifico e Tecn ,00 F.S assegn. finalizzate a borse di studio di dott. ricerca ,50 F.S altri contributi finalizzati ,00 F.S trasferimenti ad altri soggetti ,80 F.S fondo di riserva per spese impreviste ,80 F.S fondazioni , ,50 Sul punto 7 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DEL POLO CENTRO STORICO - ESERCIZIO 2007» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «L art. 22 comma 2 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223 convertito con legge 04 agosto 2006, n. 248 ha stabilito che Per le medesime voci di spesa e di costo indicate al comma 1 (spese per consumi intermedi), per il triennio 2007/2009, le previsioni non potranno superare l ottanta per cento di quelle iniziali dell anno In attuazione della suddetta disposizione con mandato di pagamento del 23 maggio 2007 è stato trasferito l importo di euro ,96 quale somma accantonata dei capitoli indicati nella seguente tabella: Capitolo Nome Conto Stanziamento iniziale Spese non obbligatorie Decurtazione 20% Previsioni 2007 F.S Spese telefoniche 7.000, , , ,00 F.S spese di pulizia locali , , , ,24 11

12 F.S materiale vario di consumo , , , ,00 F.S manutenzioni e riparazioni 5.000, , , ,00 F.S noleggio macchinari e autoveicoli , , , ,00 F.S spese postali e spedizioni 1.556, ,00 311, ,80 F.S traslochi e facchinaggi , , , ,00 F.S manutenz. e riparaz. Attr. e imp , , , ,00 F.S spese varie , , , ,00 TOTALE ,96 L art. 4 comma 2 del D.L. 2 luglio 2007, n. 81 convertito con legge n. 127 del 3 agosto 2007 prevede che Per l anno 2007 non si applicano le disposizioni di cui al comma 2 dell art. 22 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n Pertanto a seguito della restituzione della somma suddetta si propone la seguente variazione di bilancio: Maggiori entrate F.E Altri recuperi e rimborsi ,96 Maggiori uscite F.S Spese telefoniche ,00 F.S Spese di pulizia locali ,76 F.S Materiale vario di consumo ,00 F.S Manutenzioni e riparazioni ,00 F.S Spese postali e spedizioni +311,20 F.S Traslochi e facchinaggi ,00 F.S Manutenzione e riparazione attrezzature e impianti ,00 F.S Spese varie ,00 Il Consiglio di amministrazione approva la seguente delibera con le astensioni di Epifani e Frontini. Delibera n. 143 Il Consiglio di Amministrazione: 12

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. Decreto n. 11397 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca; VISTI gli artt. 24 e 29, comma 11, lettera c) della Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato Emanato con D.R. n. 621/2012 del 05.04.2012 Modificato con D.R. n. 860/2013 del 05.06.2013 Modificato con D.R. n. 1490/2015 del 29/10/2015 Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della Legge 30/12/2010 N. 240

Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della Legge 30/12/2010 N. 240 Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della Legge 30/12/2010 N. 240 Decreto Presidenziale n.6/13 del 18 aprile 2013 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI RICERCA, AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con Decreto Rettorale del 29 marzo 2011, numero

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.24 DELLA LEGGE N.240/2010

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.24 DELLA LEGGE N.240/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA D.R. n. 1162/2011 del 31 maggio 2011 Modificato con D.R. n. 1666/2011 del 22 agosto 2011 Modificato con D.R. n. 723/2012 del 27 aprile 2012 Modificato con D.R. n. 1268/2013

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 11 novembre 2011 Programma per il reclutamento di giovani ricercatori «Rita Levi Montalcini».(Decreto n. 486). (12A02222) (GU n. 49 del

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

IL RETTORE. in particolare l art. 22 Assegni di ricerca della succitata legge;

IL RETTORE. in particolare l art. 22 Assegni di ricerca della succitata legge; REPUBBLICA ITALIANA Università degli Studi di Napoli Parthenope rrrrrrrrrrrrrrr Pos. AG D.R. n. 341 IL RETTORE Vista Visto Considerato la legge 240 del 30 dicembre 2010 orme in materia di organizzazione

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto IL COMITATO TECNICO ORGANIZZATIVO Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382; Vista la legge 9.5.1989 n. 168, concernente l istituzione del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento per il conferimento di assegni per lo svolgimento di attività di ricerca (assegni di ricerca) (Ultima modificazione: D.R. 2321 del 15 Ottobre 2013) Art. 1

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA INDICE I - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI E RELATIVI BANDI... 2 1) Tipologia dei servizi ai quali gli studenti possono collaborare...

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

IL RETTORE DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE. Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.

IL RETTORE DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE. Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn. DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.it PP/dc Decreto Rettorale Repertorio n. 146-2015 Prot. n. 2608 del 06.03.2015

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

in vigore dal 14 Luglio 2011 Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

in vigore dal 14 Luglio 2011 Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART 24 DELLA LEGGE 240/2010 (Emanato con D.R. n. 1284 del 13 luglio 2011; pubblicato nel B.U. n. 94) in vigore dal 14 Luglio 2011 Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 10 DELLA LEGGE N. 230/2005 E DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 SENATO ACCADEMICO 27 marzo 2009, 16 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE N. 240/2010 Emanato con D.R. Rep. n. 1296/2011 del 20/10/2011 Ultime modifiche emanate con D.R. Rep.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. A.G. decreto n. 247 IL RETTORE VISTO PRESO ATTO VISTA VISTE PRESO ATTO VISTA VISTO il D.M. n. 198/2003 Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013.

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013. Regolamento per le procedure di selezione dei Ricercatori e la stipula di contratti a tempo determinato, previsti dall art. 24 comma 3 lett. a) Legge 30 dicembre 2010 n. 240. emanato con D.R. n. 70 del

Dettagli

FONDAZIONE "FILIPPO BURZIO"

FONDAZIONE FILIPPO BURZIO FONDAZIONE "FILIPPO BURZIO" BANDO DI CONCORSO PER TRE BORSE DI STUDIO ANNUALI PER LAUREATI PRESSO LA FONDAZIONE F. BURZIO PER L ANNO 2015 ARTICOLO 1 In conformità con le finalità della Fondazione, che

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione Università degli Studi di Messina Regolamento dei corsi di alta formazione Art. 1. - Ambito di applicazione TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per l'istituzione

Dettagli

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica. DECRETO N. 1099 /Prot. N. 22837/I-3 Div. Affari Istituzionali Sez. Pers. Doc. Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Dettagli

BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA sede di Firenze Bando N.7 anno accademico 2013-2014 IL DIRETTORE

BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA sede di Firenze Bando N.7 anno accademico 2013-2014 IL DIRETTORE BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA sede di Firenze Bando N.7 anno accademico 2013-2014 IL DIRETTORE Decreto N. 26/2014 dell 11/02/2013 Prot. n.504 pos. III/8. VISTA

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 23, prot. n. 1789/A3 del 9 marzo 2006 e s.m. e i. (D.R. n. 89, prot. n. 6629/I3, del 24 luglio 2015)

Emanato con Decreto Rettorale n. 23, prot. n. 1789/A3 del 9 marzo 2006 e s.m. e i. (D.R. n. 89, prot. n. 6629/I3, del 24 luglio 2015) Emanato con Decreto Rettorale n. 23, prot. n. 1789/A3 del 9 marzo 2006 e s.m. e i. (D.R. n. 89, prot. n. 6629/I3, del 24 luglio 2015) REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA COLLABORAZIONE

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra la Seconda Università degli Studi di Napoli e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno, il giorno. del mese di,

Dettagli

Prot. n. 91178 del 17 novembre 2014. Estratto dal verbale del Senato Accademico. Adunanza del 12 Novembre 2014

Prot. n. 91178 del 17 novembre 2014. Estratto dal verbale del Senato Accademico. Adunanza del 12 Novembre 2014 Prot. n. 91178 del 17 novembre 2014 Estratto dal verbale del Senato Accademico Adunanza del 12 Novembre 2014 L anno duemilaquattordici, addì 12 del mese di novembre, alle ore 9,00, presso la sala delle

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna Decreto rep. n. 73/2015 Prot. n. 929 Alma Mater Studiorum Università di Bologna Allegato A IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di

Dettagli

Decreto 130/2013 Prot. 2587 pos. III/8.1 del 19/09/2013. BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO sede di Firenze e Empoli

Decreto 130/2013 Prot. 2587 pos. III/8.1 del 19/09/2013. BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO sede di Firenze e Empoli Decreto 130/2013 Prot. 2587 pos. III/8.1 del 19/09/2013 BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO sede di Firenze e Empoli n. 3 anno accademico 2013-2014 IL DIRETTORE VISTA la legge 30 dicembre

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI SEI INCARICHI DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI

BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI SEI INCARICHI DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Rep. n. 275/2015, Prot. 1449 del 5/10/2015 Tit. V/1 Fasc. 2015 V/1.2.14 BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI SEI INCARICHI DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Direzione del Personale e degli Affari Generali Dirigente: Dott. Ascenzo Farenti Unità Forme flessibili di e lavoro e mobilità Responsabile: Dott.ssa Chiara Viviani Prot. n. 10532 del 18/03/2015 Pubblicato

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 La Facoltà di Medicina adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento di Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto, requisiti e finalità) 1) Il

Dettagli

E M A N A ART. 1 (OGGETTO - FINALITA' - REQUISITI)

E M A N A ART. 1 (OGGETTO - FINALITA' - REQUISITI) Pagina 1 di 5 il D.P.R. 11.7.1980, N. 382; VISTA la Legge 9.5.1989, n. 168, concernente l'istituzione del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; VISTA la Legge 19.11.1990,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Direzione Studenti

Università degli Studi di Verona Direzione Studenti Università degli Studi di Verona Direzione Studenti Angelica La Face Responsabile U.O. Scuole di Specializzazione - Esami di Stato Medico-Chirurgo/Odontoiatra DIPLOMA FINALE TRASFERIMENTI ESAMI DI PROFITTO

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE

REGOLAMENTO CONCERNENTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE REGOLAMENTO CONCERNENTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PUBBLICA PER L'ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO - AMMINISTRATIVO A TEMPO INDETERMINATO ART. 1 - Disposizioni generali Il presente regolamento, adottato

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

Tecniche paesaggistiche ICAR/15 3 24 863,28

Tecniche paesaggistiche ICAR/15 3 24 863,28 Decreto 41/2011 Prot. n. 1856 del 02/12/2011 pos VII/12 Facoltà di ARCHITETTURA IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

BANDO PER ATTIVITA TUTORIALI AI SENSI DEL D.M. 198/2003 a.a. 2014/2015

BANDO PER ATTIVITA TUTORIALI AI SENSI DEL D.M. 198/2003 a.a. 2014/2015 Prot. n. 685/14 DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE - Visto il comma 6 dell art. 7 del DL 165/01; - Visto il DL 9.5.2003 n. 105, convertito in Legge n. 170 dell 11.7.2003; - Visto l art. 2 del DM 23.10.2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N.

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. Senato Accademico 28 aprile 2016 Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 Decreto Rettorale 759-2016 del 6 maggio 2016 Pubblicazione all Albo di Ateneo n. 128 del 9 maggio 2016 - Prot. 40568 Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA RICERCA E LA FORMAZIONE AVANZATA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA RICERCA E LA FORMAZIONE AVANZATA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA RICERCA E LA FORMAZIONE AVANZATA (EMANATO CON DR. N. 1527 DEL 5 LUGLIO 2005) (MODIFICATO CON DR. N. 2922 DEL 22 NOVEMBRE 2005 ) INDICE Capo I

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Senato Accademico 17 dicembre 2012 Consiglio di Amministrazione 31 gennaio 2013 Decreto Rettorale Rep. n. 200/2013 Prot. n 3759 del 13 febbraio 2013 Albo di Ateneo Pubblicato all Albo di Ateneo con n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it

Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 BORSA DI STUDIO DELLA DURATA DI

Dettagli

Art. 4 Bando Il Dipartimento procede all emanazione del bando e allo svolgimento della procedura concorsuale.

Art. 4 Bando Il Dipartimento procede all emanazione del bando e allo svolgimento della procedura concorsuale. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A - EX ART. 24, COMMA 3, LETT. A) LEGGE N. 240/2010. Emanato con D.R. n. 1933/2015 del 30/06/2015. Art. 1 Finalità

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica Decreto n.5315 IL RETTORE VISTA la legge 9.5.1989, n. 168; VISTA la legge 7.8.1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTA la legge 5.2.1992, n.104, così come modificata dalla legge 28

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO N.2 Rinnovo contratti ricercatori a tempo determinato - determinazioni

ORDINE DEL GIORNO N.2 Rinnovo contratti ricercatori a tempo determinato - determinazioni ORDINE DEL GIORNO N. 1 Comunicazioni del Presidente. Non vi sono comunicazioni di sorta ORDINE DEL GIORNO N.2 Rinnovo contratti ricercatori a tempo determinato - determinazioni Il Presidente ricorda preliminarmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina le finalità, l organizzazione

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze Mediche Mario Aresu BANDO 8/BB

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze Mediche Mario Aresu BANDO 8/BB DISPOSIZIONE DIRETTORIALE N 12/BB del 30/06/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze Mediche Mario Aresu BANDO 8/BB SELEZIONE PER L ATTRIBUZIONE DI N.1 BORSA DI RICERCA DAL TITOLO

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Segreteria Studenti Facoltà di Psicologia Titolo III Classe 5 IL DIRIGENTE DELLA RIPARTIZIONE STUDENTI il D.R. n. 712 del 25/03/2011 con il quale è stata demandata ai Dirigenti Responsabili di Ripartizioni..l

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli