Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano"

Transcript

1 Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il supporto della

2 Indice 1. Una prospettiva globale 2. Il contesto italiano 3. La microfinanza in Italia: RITMI 4. La microfinanza in Italia: una duplice sfida

3 1. Una prospettiva globale L esclusione finanziaria Credito e povertà Esclusione sociale e finanziaria: Italia e Francia a confronto L e istituzioni di microfinanza Welfare o microfinanza? Per un valore sociale ed economico della microfinanza in Europa

4 L esclusione finanziaria Il processo per cui le persone incontrano difficoltà nell accesso o nell uso dei servizi finanziari e dei prodotti più diffusi sul mercato che sono appropriati ai loro bisogni e che permettano a queste persone di condurre una vita sociale normale nelle società a cui appartengono. Fonte: Commissione Europea (Marzo 2008) Financial Services Provision and Prevention of Financial Exclusion, manoscritto, p. 9.

5 Credito e povertà Secondo la Banca Mondiale, l evidenza suggerisce che, non solo la finanza promuove la crescita, ma riduce il differenziale di reddito ed è, quindi, a favore dei poveri. Fonte: Banca Mondiale (2008) Finance for All?: Policies and Pitfalls in Expanding Access Tuttavia, ad oggi, l esclusione finanziaria in gran parte dei paesi con economie in via di sviluppo è ancora a livelli molto elevati.

6 Esclusione sociale e finanziaria: Italia e Francia a confronto Italia Francia Famiglie a rischio di povertà 6.6% 2.8% Esclusione finanziaria 16% 2% Disuguaglianza di reddito Indicatori Nuclei familiari a rischio di povertà: reddito inferiore al 40% del reddito mediano nazionale (OECD; ultimi dati disponibili, 2005) Esclusione finanziaria: stima dal rapporto Financial Services Provision and Prevention of Financial Exclusion (Commissione Europea, Marzo 2008) Disuguaglianza: coefficiente GINI: min 0 max 100 (UNDP, Human Development Report 2007/2008)

7 Le istituzioni di microfinanza (MFI) Paesi con economie in via di sviluppo Aree: Africa, America del Sud, Sudest asiatico, Asia centrale, Balcani Economie di scala: numero di clienti (es. Grameen Bank, 6.7mln), portafoglio prestiti (es. Bank Rakyat Indonesia, 3,5mld USD; l ONG Al Amana in Marocco, 300mln USD) Tipologia di clienti: gli esclusi dal sistema finanziario (la maggior parte della popolazione) Fonte: ultimi dati disponibili al 31/12/2007; MixMarket.org Paesi con economie sviluppate Aree: Europa (EU-25), America del Nord, Australia, paesi OCSE in genere Diseconomie di scala: i clienti attivi nell EU-25 sono , mentre nel 2007 sono stati erogati prestiti per circa 400mln EUR Tipologia di clienti: poveri e migranti (persone con cattiva o nessuna storia creditizia) Fonte: ultimi dati disponibili al 31/12/2007; EMN (2008) Overview of the Microcredit Sector in the European Union.

8 Welfare o microfinanza? Per le ragioni viste in precedenza: le istituzioni di microfinanza (MFI) nei paesi con economie in via di sviluppo sono generalmente sostenibili (su un campione di 890 MFI nel mondo, la sostenibilità operativa media è del 110%; fonte: MixMarket, 2008), mentre nell Unione Europea le MFI non sono attualmente sostenibili e, quindi, necessitano di finanziamenti esterni da soggetti terzi (istituzioni pubbliche e private) Nel rapporto Finance for All?, la Banca Mondiale chiede: se la finanza per i più poveri deve essere sussidiata, * + è la microfinanza il miglior modo di fornire quei sussidi?. In altre parole, lo Stato ha più convenienza a sussidiare progetti di microfinanza oppure a erogare direttamente i sussidi tramite il welfare?

9 Per un valore sociale ed economico della microfinanza in Europa Il caso di ADIE (Francia) Nel rapporto del 2008, 20 Years of Microcredit in France, ADIE ( clienti attivi e circa prestiti erogati nel 2007) ha mostrato che: Costo medio per sostenere la creazione di una micro-impresa, includendo tutti i costi operativi dei servizi finanziari e non finanziari: Costo di un disoccupato per lo Stato francese: Il valore prodotto da un micro-prestito (es. creazione di un posto di lavoro) può essere calcolato in base a quanto lo Stato avrebbe speso per assistere socialmente il beneficiario (es. sussidio di disoccupazione). Rendere possibile un paragone tra la microfinanza e il welfare permette alle MFI europee di dimostrare il loro valore sociale ed economico e, di conseguenza, di avere titolo per chiedere supporto alle pubbliche istituzioni affinché la loro attività venga sussidiata. La microfinanza può e deve essere supportata come politica integrativa di welfare.

10 2. Il contesto italiano Finanza e povertà Gli immigrati Le famiglie Le micro-imprese La crisi L usura

11 Finanza e povertà 30% 20% 10% Famiglie in condizione di povertà relativa 11,7% 11,1% 11,1% Famiglie in condizione di povertà relativa La popolazione in condizioni di povertà relativa non scende sotto l 11% del totale, pari a 7 milioni e mezzo di poveri, dopo punte vicine al 12% nei primi anni % Fonte: ISTAT, % Famiglie che non posseggono neanche un conto corrente bancario o postale L esclusione finanziaria, di cui il possesso di un conto è un indicatore importante, tende ad allinearsi alla povertà: 11% del totale, pari a 2 milioni e mezzo di famiglie 20% 10% 14,1% 13,7% 10,8% Famiglie che non posseggono neanche un conto corrente bancario o postale La popolazione bancarizzata aumenta 0% Fonte: Banca d Italia, 2008.

12 Gli immigrati: un fenomeno in crescita Circa 4 milioni di immigrati regolari, compresi i comunitari (fonte: Dossier Caritas/Migrantes 2008) Crescono gli imprenditori: 165 mila titolari d impresa, 300 mila considerando i soci (fonte: Dossier Caritas/Migrantes 2008) Cresce la bancarizzazione: il 67% degli adulti ha un conto corrente in banca. Era il 60% nel 2005 (fonte: ABI, 2008) Le rimesse verso i paesi di origine hanno superato nel 2007 i 6 miliardi di euro. Ma se ne stimano almeno altri 2 miliardi inviati attraverso canali informali

13 Gli immigrati: esclusione dal credito Il livello di bancarizzazione degli immigrati non si traduce necessariamente in accesso al credito Ad esempio, solo il 23% degli immigrati bancarizzati accede a prestiti (fonte: ABI, 2008). Il 40% degli immigrati imprenditori ha chiesto un prestito in banca, ma solo due terzi di essi l hanno ottenuto (fonte: Unioncamere, 2007, Comportamenti Finanziari e Creditizi della Società Multietnica).

14 Le famiglie: cresce l indebitamento Tra il 2002 e il 2008 i mutui per la casa sono cresciuti del 119%, il credito al consumo del 120%. Nella prima metà del 2008 i mutui hanno visto una battuta di arresto, il credito al consumo no. È indebitato un quarto delle famiglie italiane, che diventa quasi il 40% nelle fasce più giovani della popolazione Il debito è in media il 33% del reddito, ma si avvicina al 50% per le classi di età più giovani e per le famiglie più numerose Le componenti principali del debito sono: casa e consumo Credito al consumo, Mutui per abitazione comprese carte di credito 31/12/ ,9 46,1 31/12/ ,4 97,8 30/06/ ,3 101,3 Fonte: Banca d Italia, Dati in miliardi di euro

15 Le famiglie: il ruolo delle finanziarie Nel credito al consumo c è stato il boom delle società finanziarie Ma buona parte delle finanziarie fa capo alle stesse banche! % 60% 49% 51% banche finanziarie banche finanziarie

16 Le micro-imprese I crediti del sistema bancario alle imprese individuali e familiari sono passati da 76 miliardi di (2004) a 89 miliardi di euro (2008) In prevalenza il credito è rappresentato da fidi in conto corrente Per i lavoratori non dipendenti in media il debito è pari al 73,4% del reddito Alle donne titolari d impresa le banche chiedono in media un tasso di interesse più alto che agli uomini (gender bias), anche se le microimprese al femminile sono in genere meno rischiose di quelle maschili (fonte: Alesina et al., 2008) Fonte: Banca d Italia, 2008

17 La crisi: le famiglie Interessi, commissioni e spese sui mutui sono passati da 786 milioni di euro nel primo semestre 2004 a 1 miliardo 705 milioni di euro nel primo semestre 2008, il 117% in più. Nello stesso periodo il volume dei mutui è cresciuto del 59% (fonte: Banca d Italia, 2008) Secondo le associazioni dei consumatori, vi sarebbe quest anno un forte aumento dei pignoramenti immobiliari (vedi grafico) Variazione su base annuale dei pignoramenti immobiliari (2008) 45% 35% 25% 15% 5% -5% -15% 39% 21% 22% 25% 22% 16% Milano Bologna Roma Napoli Bari Totale

18 La crisi: le micro-imprese Con la crisi, il credito alle micro-imprese è subito stato «razionato» Razionamento del credito 100% L indicatore è il rapporto tra credito utilizzato e accordato alle «famiglie produttrici». Dopo aver oscillato nei primi anni 2000 attorno all 80%, il rapporto, considerato un indicatore della tensione esistente sui fidi, si è impennato fino a superare l 85%. 95% 90% 85% 80% 75% 70% 80,8% 84,0% 85,1% /6/2008

19 L usura Il numero dei commercianti coinvolti in rapporti usurari è sensibilmente aumentato: nel 2008 sono stimati in oltre Il giro d affari dell usura è valutato in 35 miliardi di euro Di essi, 12,6 miliardi sono denaro movimentato dalle mafie In Campania, Lazio e Sicilia si concentra un terzo dei commercianti coinvolti Sono non meno di le persone immigrate toccate da attività parabancarie e usura vera e propria Fonte: XI Rapporto SOS Impresa-Confesercenti Le mani della criminalità sulle imprese, Roma, 2008

20 3. La microfinanza in Italia: RITMI L approccio di RITMI Le due facce del microcredito I membri di RITMI Il credito erogato Il contesto e la clientela

21 L approccio di RITMI La microfinanza ha una funzione produttiva e di accompagnamento alla crescita e all inclusione sociale attraverso strumenti finanziari pensati ad hoc per le persone escluse dal sistema finanziario tradizionale. Ciò che contraddistingue la microfinanza è l attenzione alla persona, che porta ad accogliere, ascoltare e seguire coloro che si rivolgono alle istituzioni di microfinanza, fino alla chiusura del programma di credito comunque all interno e per un modello di sviluppo locale delle comunità, basato su equità, solidarietà, educazione al consumo e all'uso del denaro e sostenibilità ambientale.

22 Le due facce del microcredito Credito d impresa Credito sociale e d emergenza Prestiti mirati al finanziamento di micro-imprese e alla creazione di auto-impiego. Secondo i parametri dell Unione Europea, il credito è inferiore a e l impresa ha meno di 10 dipendenti e un fatturato inferiore a 2 milioni di euro. Per regolarizzare i consumi, permettere l accesso a beni o spese che eccedono il budget mensile e mitigare gli effetti di impreviste difficoltà economiche.

23 Le MFI Altri membri Fondazione Culturale Banca Etica (entrante) Compagnia di San Paolo Fondazione Antiusura S. Maria del Soccorso Fondazione Don Mario Operti Fondo Essere MAG Roma MAG Verona MAG2 Milano Micro.Bo Micro Progress PerMicro Fondazione Giordano Dell Amore Forum per la Finanza Sostenibile Microfinanza Srl Il portale Italiano della Microfinanza

24 Il credito erogato * Prestiti Ammontare ( ) Prestito medio ( ) * I valori per il 2008 sono stimati in base ai dati disponibili al 30/09/2008 Il micro-credito erogato complessivamente nel 2008 dai membri di RITMI è cresciuto del 34%, escludendo dal 2008 i dati di PerMicro che non ha erogato crediti nel Il tasso d interesse su base annua più basso previsto dai membri di RITMI è del 2,69%, mentre il più alto è del 12%. Il tasso medio corrente applicato dalle MFI è invece del 7,7%. Fonte: Indagine Microfinanza srl, dicembre 2008 Tasso d interesse Minimo 2,69% Massimo 12% Medio corrente* 7,7% * Il valore si riferisce alla media per il 2008 non ponderata per numero o ammontare di prestiti

25 Il contesto e la clientela Difficoltà d esercizio Le maggiori difficoltà incontrate sono la mancanza di fondi per coprire i costi operativi (100% delle MFI) e per l erogazione del credito (57%) Inoltre, più di metà delle MFI lamenta la mancanza di un appropriato sistema di regolamentazione Fonte: Indagine Microfinanza srl, dicembre 2008 Microcredito sociale e microcredito d impresa Tutte le MFI erogano microcredito d impresa, mentre il 75% anche credito sociale. Per il microcredito sociale, la clientela obiettivo è principalmente composta da immigrati, donne e giovani. Per il microcredito d impresa, vengono privilegiate le imprese in fase di start-up (88%) e quelle già avviate con meno di 5 dipendenti (75%). Le imprese con più di 5 dipendenti e gli studi di fattibilità non vengono generalmente considerati (rispettivamente 13% e 25%)

26 4. La microfinanza in Italia: una duplice sfida L offerta attuale di credito a famiglie e microimprese La domanda potenziale di credito La «manovra» creditizia anti-esclusione Una duplice sfida: dimensione e innovazione

27 L offerta attuale di credito a famiglie e microimprese Famiglie: mutui casa * 197 Famiglie: credito al consumo * Famiglie: esclusi 0 0 Banche Finanziarie Usura/Informale Famiglie: immigrati * Microimprese: credito d'esercizio TOTALE (446) * Stima Microfinanza srl. Abbiamo scorporato il dato dei mutui e del credito al consumo agli immigrati in base a stime ABI e Crif. Dati in miliardi di euro al 30/06/2008.

28 La domanda potenziale di credito Le famiglie: consideriamo che metà circa degli esclusi, ossia coloro senza un conto corrente) possano accedere al credito, mentre il resto debba essere aiutato attraverso il welfare. Significa il 5% delle famiglie: il 5% dei mutui e crediti bancari al consumo vale 12 miliardi Gli Immigrati: dato il basso livello di accesso ai prestiti, si può ipotizzare un incremento del 50% (dal 23 al 35% delle famiglie immigrate), cioè 11 miliardi in più Le Microimprese: riportare il rapporto tra credito utilizzato e accordato all 80% di sei anni fa: servono nuovi crediti per 5 miliardi liberare dall usura due terzi delle vittime: 22 miliardi Un obiettivo strategico per la microfinanza: coprire il 10% della domanda potenziale di credito

29 La «manovra» creditizia anti-esclusione Banche MFI Totale Famiglie: esclusi Famiglie: immigrati Microimprese: credito d'esercizio TOTALE Stima Microfinanza srl. Dati in miliardi di euro La manovra per combattere l esclusione sociale e finanziaria in Italia dovrebbe avere un ordine di grandezza di 50 miliardi di euro: 23 miliardi per le famiglie 27 miliardi per le microimprese Si tratta del 3% circa degli impieghi bancari totali, che sono pari a miliardi di euro

30 La microfinanza in Italia: una duplice sfida Dimensione Il mercato potenziale della microfinanza in Italia è pari a 5 miliardi di euro Oggi la microfinanza copre meno dell 1% (circa 50 milioni di euro) del mercato potenziale La crescita in termini di clienti e portafoglio è la strada che porta alla sostenibilità

31 La microfinanza in Italia: una duplice sfida Innovazione Sostituzione e rinnovamento dei prodotti finanziari esistenti e sperimentazioni (es. la gestione delle rimesse e la fornitura di servizi di microfinanza agli immigrati sia nel paese d origine sia in quello di destinazione) Riduzione dei costi di welfare: nuovi e più efficienti rapporti con gli enti pubblici Cambiare la natura dell indebitamento delle famiglie, da onere a opportunità responsabile: iniziative di educazione finanziaria

32 Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Microfinanza srl Stradella della Racchetta, Vicenza Italia Tel Fax Con il supporto della

Opportunità d Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano. Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza)

Opportunità d Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano. Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Opportunità d Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Forlì, 2 dicembre 2005 Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Chiara Valentini operatore micro.bo Cos è il MICROCREDITO Il microcredito è un sistema di credito basato su programmi che concedono

Dettagli

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

5. IL CASO ITALIANO. 3 Il razionamento del credito nei confronti delle

5. IL CASO ITALIANO. 3 Il razionamento del credito nei confronti delle 52 5. IL CASO ITALIANO 5.1 Il contesto e le caratteristiche della domanda Con riferimento al contesto italiano, la domanda per servizi di micro finanza espressa da due principali categorie di attori: -

Dettagli

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati Giuseppe Garofalo Nord e Sud del mondo Secondo i dati dell UNDP (United Nations Development Program), il 20% più ricco

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Linee guida per l attuazione dell iniziativa

Linee guida per l attuazione dell iniziativa Linee guida per l attuazione dell iniziativa » Il Microcredito è l attività di concessione di prestiti di ridotto importo a soggetti sprovvisti dei requisiti per ottenere una valutazione positiva del merito

Dettagli

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale.

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Relazione della dottoressa Simona Lanzoni Chi è Fondazione

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA «Il Microcredito: la buona economia» Dal denaro alla cura. Lo strumento Microcredito sul territorio Carpi, 12 Aprile 2013 LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA Realizzazione di una Guida pratica

Dettagli

Laura Viganò. Università degli Studi di Bergamo Centro di Ricerca sulla Cooperazione Internazionale Gruppo FinDev Finanza e Sviluppo

Laura Viganò. Università degli Studi di Bergamo Centro di Ricerca sulla Cooperazione Internazionale Gruppo FinDev Finanza e Sviluppo Laura Viganò Università degli Studi di Bergamo Centro di Ricerca sulla Cooperazione Internazionale Gruppo FinDev Finanza e Sviluppo 24 Settembre 2015 - Swiss Sustainable Finance 1 CHE COS E LA MICROFINANZA?

Dettagli

MICRO-WORK. Microimpresa e nuova occupazione

MICRO-WORK. Microimpresa e nuova occupazione MICRO-WORK Microimpresa e nuova occupazione Le (micro)-imprese in Italia A fine 2014 le microimprese individuali attive sono in termini assoluti 3.161.195, cioè il 61% del totale delle imprese italiane

Dettagli

Data: 19/10/2015 Pagina: 12

Data: 19/10/2015 Pagina: 12 Data: 19/10/2015 Pagina: 12 Data: 26/10/2015 237 milioni per ventimila imprese europee. CNA: "Azione utile per agevolare la nascita di nuove attività" La Commissione europea e il Fondo europeo per gli

Dettagli

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Microcredito La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Gennaio 2016 Normativa relativa al Microcredito in Italia. Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni

Dettagli

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. Daniele Frigeri CeSPI Roma, 26 novembre 2009 Evoluzione bancarizzazione dei migranti in Italia Nel 2007 i migranti titolari di

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

Microcredito Etico - Sociale ravennate e imolese. Scheda di presentazione dell Accordo di collaborazione

Microcredito Etico - Sociale ravennate e imolese. Scheda di presentazione dell Accordo di collaborazione Microcredito Etico - Sociale ravennate e imolese Scheda di presentazione dell Accordo di collaborazione La Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, il Credito Cooperativo ravennate e imolese e le Associazioni

Dettagli

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 . Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 I cinesi fuori dalla Cina 9,3 milioni sono i cinesi emigrati nel mondo oggi, pari allo

Dettagli

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI LAMEZIA TERME 2012-11-17 FQTS sud COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI Tommaso Marino Coordinatore dei Soci della Calabria di Banca Popolare Etica ALCUNE PRECISAZIONI legislative DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

FINANZIAMENTI ANTIUSURA

FINANZIAMENTI ANTIUSURA FINANZIAMENTI ANTIUSURA Dal maggio 2012, data di inizio attività, al 31 dicembre 2012 è stata offerta assistenza a 32 soggetti richiedenti il nostro aiuto. Sono stati deliberati dal NUCLEO DI VALUTAZIONE,

Dettagli

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale Credito alle famiglie 2009 Giuseppe Zadra Direttore Generale Roma, 23 giugno 2009 Gli impieghi alle famiglie consumatrici in Italia 400.000 350.000 300.000 250.000 200.000 150.000 100.000 50.000-366.898

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 2 MUTUI RESIDENZIALI Sommario 2013 Domanda Offerta Erogazioni Contratti stipulati Compravendite assistite da mutuo Tipologia

Dettagli

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE Il 2012 è stato un anno in cui abbiamo registrato una situazione sostanzialmente immutata nelle richieste di aiuto e nelle erogazioni di servizi. Diversi fenomeni

Dettagli

Microcredito a favore di micro imprese e privati cittadini: pronte le nuove regole

Microcredito a favore di micro imprese e privati cittadini: pronte le nuove regole FAZIO ANNA Ragioniere commercialista Iscritta all O.D.C.E C. di Prato Revisore dei conti VIA TINTORI 31-59100 PRATO PO Telefono: 0574 23889 3394342747 fax :057429790 e-mail: annafazio@wmail.it pec: annafazio@odcecprato.legalmail.it

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI José Luis Rhi-Sausi 1 Le due indagini ABI CeSPI Rilevazione sull offerta presso le

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2014

Dossier Statistico Immigrazione 2014 Dalle discriminazioni ai diritti Dossier Statistico Immigrazione 2014 Rapporto UNAR a cura del Centro Studi e Ricerche IDOS Obiettivi del Rapporto Superare i luoghi comuni sulle migrazioni, a partire dal

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Nonprofit: un pilastro del Paese

Nonprofit: un pilastro del Paese Banca Prossima 1 Nonprofit: un pilastro del Paese Il mondo nonprofit è fondamentale per l economia e la società italiane 250.000 organizzazioni «laiche» 26,4 milioni di utenti diretti (il 45% della popolazione)

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE La politica di riduzione delle risorse per il welfare e per i servizi sociali locali si sta realizzando attraverso la combinazione

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006 ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l finanziaria Roma, 25 ottobre 2006 LA BANCARIZZAZIONE DEI NUOVI ITALIANI Canalizzazione e valorizzazione delle rimesse José

Dettagli

Fondi Jeremie. 3 Maggio 2012 -Palazzo Spadaro-Scicli

Fondi Jeremie. 3 Maggio 2012 -Palazzo Spadaro-Scicli Fondi Jeremie 3 Maggio 2012 -Palazzo Spadaro-Scicli 1 I Fondi Jeremie I Fondi JEREMIE, hanno il preciso obiettivo di promuovere finanziamenti per la creazione e lo sviluppo delle imprese con particolare

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti. Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti. Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità Provincia di Asti, 1 dicembre 2007, ore 9 Intervento del Presidente Mario Sacco Dall Osservatorio

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI 66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI di FRANCESCO VERBARO Èdifficile trovare dei legami immediati tra microcredito e libere professioni. Eppure non è impossibile. Come ben sintetizzato dal Presidente

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

La Nuova Social Card Monitoraggio dell implementazione a cura di Save the Children in collaborazione con Caritas Italiana

La Nuova Social Card Monitoraggio dell implementazione a cura di Save the Children in collaborazione con Caritas Italiana La Nuova Social Card Monitoraggio dell implementazione a cura di Save the Children in collaborazione con Caritas Italiana La Nuova Social Card, varata nel 2012 con uno stanziamento di 50 di Euro 1 per

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI Il microcredito: tendenze e prospettive applicative Prof. Leonardo Becchetti Grameen bank: : il caso più noto 1974 Yunus insegna a Chittagong;

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Credito al consumo e migranti

Credito al consumo e migranti Credito al consumo e migranti Kirsten van Toorenburg, Responsabile Studi, Statistiche e Formazione ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Francesca Brunori Confindustria Area Fisco, Finanza e Welfare

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale. Nuovi modelli per la Long Term Care?

CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale. Nuovi modelli per la Long Term Care? CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Nuovi modelli per la Long Term Care? Giovanni Fosti Vercelli, 4 dicembre 2014 CeRGAS-Bocconi 2 Italia, Francia, Germania, Regno

Dettagli

Fondazione Microcredito e Sviluppo

Fondazione Microcredito e Sviluppo Fondazione Microcredito e Sviluppo Caltagirone La missione della Fondazione Favorire la valorizzazione, la promozione, lo sviluppo e la gestione del dispositivo del microcredito quale strumento di coesione

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI 49 IL CASO ITALIA: CONTRO LA POVERTÀ LO STRUMENTO SIA Simona TENAGLIA* * Ricercatrice Isfol, economista esperta in politiche sociali I L QUADRO ITALIANO La crisi economica ha

Dettagli

Tiziano Conti. Vice Presidente Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche Faenza

Tiziano Conti. Vice Presidente Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche Faenza Tiziano Conti Vice Presidente Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche Faenza MUTUALITA La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Ricrediti Microcredito nella Provincia di Parma

Ricrediti Microcredito nella Provincia di Parma Ricrediti Microcredito nella Provincia di Parma Associazione di Promozione Sociale Ricrediti C.F. 92161310344 Via N. Sauro, 3-43121 Parma Tel. 346/9472964 1 Ricrediti è un associazione di promozione sociale

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 FRANCA MAINO Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli