Università degli Studi di Napoli Parthenope. Nucleo di Valutazione d Ateneo - triennio 2006/2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Parthenope. Nucleo di Valutazione d Ateneo - triennio 2006/2009"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Parthenope Nucleo di Valutazione d Ateneo - triennio 2006/2009 Presidente Prof. Luigi Golzio Esperto esterno Professore I fascia presso l Università Modena e Reggio Emilia Componente Prof. Pietro Geco Esperto esterno Professore I fascia presso l Università di Genova Componente Prof. Umberto Bocchino Esperto esterno Professore I fascia presso l Università di Torino Componente Dott. Vincenzo Lanza Esperto esterno - Direttore Amministrativo Seconda Università Napoli Componente Prof. Giulio Giunta Componente interno Professore I fascia Università Parthenope Componente Prof. Pasquale De Angelis Componente interno Professore I fascia Università Parthenope Componente Prof. Giuseppe Vito Componente interno Professore I fascia Università Parthenope 1

2 Responsabile dell'ufficio di supporto Dott. Aiello Giuseppe Funzionario Amministrativo Altro Referente Dott.ssa Grazia Di Prisco Altro Referente Sig.ra Antonietta Pignatelli 2

3 Indice... 1 CAPITOLO LA DOMANDA FORMATIVA E L EFFICIENZA DIDATTICA Dimensione ed evoluzione della domanda formativa L andamento delle immatricolazioni Gli studenti iscritti in corso Gli studenti iscritti fuori corso L attrazione studenti migliori L attrazione dei diplomati liceali La quota di studenti che abbandonano dopo il I anno Il tasso di laurea/diploma in corso CAPITOLO LE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLA DIDATTICA Struttura del questionario e caratteristiche della rilevazione I risultati della valutazione degli studenti frequentanti Informazioni generali sullo studente Valutazione della didattica Valutazione sintetica del corso Ateneo a QUESTIONARI CAPITOLO I CENTRI DI SERVIZI ED I SERVIZI AGLI STUDENTI La Biblioteca Servizi Stazioni di ricerca online Sedi e attrezzature Cooperazione interbibliotecaria Il Centro di Calcolo Elettronico Server Il Centro orientamento e Tutorato Progetti in corso L Ufficio Placement L ufficio dei Sistemi Informatici Studenti e Didattica Analisi requisiti ed implementazione prototipo del sito di ateneo Conclusioni CAPITOLO LO STATO DELLA RICERCA DELL ATENEO SECONDO I CRITERI DI RIPARTIZIONE DEL F.F.O Il potenziale di Ricerca dell Ateneo ed il progetto SARID La partecipazione ai PRIN La ricerca nei Dipartimenti Dottorati di Ricerca I Progetti di Ricerca di Ateneo Capitolo Interventi di diritto allo studio Il diritto allo studio La struttura della Tassazione Nell Università Parthenope, gli importi delle tasse universitarie sono stabiliti ai sensi della legge 537/93, del DPR 30 aprile 1997 e dal D.P.R. 306/97 e successive modificazioni, e sono graduati in relazione alle condizioni economiche degli studenti. In ottemperanza alla normativa vigente, sono previste le seguenti tipologie di contribuzione studentesca: Esoneri dalle tasse Le collaborazioni studentesche Gli interventi dell A.DI.S.U: borse, servizio abitativo, servizio mensa e altri servizi Servizi facilitanti la didattica Servizi per i disabili di Ateneo I servizi di mobilità internazionale CAPITOLO L ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La struttura organizzativa

4 6.2 AMMINISTRAZIONE CENTRALE PRIMA RIPARTIZIONE Alla Ripartizione, oltre al Dirigente Responsabile, non è assegnata alcuna unità di personale a AFFARI GENERALI b UFFICIO LEGALE c UFFICIO ORGANI COLLEGIALI d UFFICIO TECNICO I e UFFICIO TECNICO II f UFFICIO SICUREZZA E PROTEZIONISTICA g SEGRETERIA SICSI SECONDA RIPARTIZIONE a PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE b PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO c RELAZIONI SINDACALI, FORMAZIONE E GESTIONE PRESENZE TERZA RIPARTIZIONE a RAGIONERIA E STIPENDI b CONTROLLO DI GESTIONE c UFFICIO NUCLEO DI VALUTAZIONE d UFFICIO PLACEMENT e SERVIZI INFORMATICI PER GLI STUDENTI E LA DIDATTICA f SEGRETERIA STUDENTI - sede Napoli g SEGRETERIA STUDENTI sede di Nola presso Facoltà di Giurisprudenza h UFFICIO SEGRETERIA STUDENTI FACOLTÀ DI INGEGNERIA E FACOLTÀ DI SCIENZE UFFICI AFFERENTI ALLA DIREZIONE AMMINISTRATIVA a SEGRETERIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA b PROTOCOLLO E ARCHIVIO c ECONOMATO E PATRIMONIO SEGRETERIA RETTORATO BIBLIOTECA E CENTRI a Biblioteca b Centro di Calcolo c Centro di Servizio di Ateneo per i Rapporti tra le Facoltà ed i Dipartimenti d Centro di Servizio di Ateneo per le sperimentazioni nelle discipline biologiche, chimiche, fisiche e mediche e Centro di Servizio per l'orientamento ed il Tutorato f Centro di Servizio Villa Doria D'Angri g Centro di Servizio di Ateneo per l'erogazione dei Servizi Linguistici STRUTTURE DIDATTICO-SCIENTIFICHE PRESIDENZA FACOLTÀ DI ECONOMIA PRESIDENZA FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE PASQUALE LEONARDI CATTOLICA (già Facoltà di Scienze Nautiche) PRESIDENZA FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE PRESIDENZA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA PRESIDENZA FACOLTA DI INGENGERIA Gaetano Latmiral DIPARTIMENTO DI SCIENZE APPLICATE DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER L AMBIENTE DIPARTIMENTO DI STATISTICA E MATEMATICA PER LA RICERCA ECONOMICA DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI DIPARTIMENTO DI STUDI DELLE ISTITUZIONI E DEI SISTEMI TERRITORIALI DIPARTIMENTO DI STUDI ECONOMICI DIPARTIMENTO GIURIDICO DIPARTIMENTO GIURIDICO-ECONOMICO E DELL IMPRESA DIPARTIMENTO PER LE TECNOLOGIE L ORGANICO CAPITOLO LA PRESTAZIONE ECONOMICO FINAZIARIA NEGLI ESERCIZI 2007 E LO SGUARDO D INSIEME ALLE PRESTAZIONI DELL ATENEO L ANDAMENTO DEI FLUSSI FINANZIARI: LE ENTRATE L ANDAMENTO DEI FLUSSI FINANZIARI: LE USCITE LE ENTRATE: APPROFONDIMENTO DELL ANALISI

5 7.4.1 Categoria 2 Trasferimenti da parte dello Stato LE USCITE O SPESE : APPROFONDIMENTO DELL ANALISI LA SITUAZIONE PATRIMONIALE L ANDAMENTO TEMPORALE DI BILANCIO ANCHE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL PERIODO Considerazioni conclusive CAPITOLO CONSIDERAZIONI RIASSUNTIVE E RACCOMANDAZIONI L evoluzione della domanda formativa L efficienza didattica L attrattività dell offerta formativa L opinione degli studenti: I servizi agli studenti Lo stato della ricerca Gli interventi per il diritto allo studio L organizzazione amministrativa Le prestazioni economiche I Problemi da affrontare Le raccomandazioni

6 Premessa La presente relazione è relativa agli anni 2007 e La scelta del Nucleo di Valutazione dell Università Parthenope di analizzare questi due anni contemporaneamente è stata orientata da alcune circostanze specifiche, prima fra tutte l esigenza, nel fine di adempiere al proprio compito istituzionale, di monitorare il radicale processo di trasformazione delle Università italiane attuato attraverso la 509/99. Il Nucleo di valutazione dell Università degli Studi di Napoli Parthenope è stato nominato con D.R. 747 del e la durata del mandato del Nucleo della Parthenope, è pari a 36 mesi. In tale periodo il Nucleo è composto dai seguenti membri: Presidente, Professore Luigi Golzio, Ordinario di Organizzazione del Lavoro nell Università di Modena e Reggio Emilia, Professor Pietro Genco Ordinario di Scienze delle Finanze presso l Università di Genova, Professor Umberto Bocchino, Ordinario di Economia Aziendale nell Università di Torino, sede distaccata di Pinerolo, Professore Giulio Giunta, Ordinario di Calcolo numerico e programmazione presso l Università Parthenope, Professore Pasquale Luigi De Angelis, Ordinario di Matematica presso l Università Parthenope, Professore Giuseppe Vito, Ordinario di Economia e gestione delle imprese nell Università Parthenope, Dottore Vincenzo Lanza, Direttore Amministrativo della Seconda Università di Napoli. Tutti i componenti del Nucleo provengono dai ruoli universitari e quattro su sette (circa il 57) sono esterni a quest Università. La composizione riflette il dato medio nazionale (si veda il documento Rapporto annuale sullo stato delle università

7 Composizione e funzionamento dei Nuclei di Valutazione, Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario, Luglio 2002). Per lo svolgimento delle sue attività il Nucleo si è avvalso dell Ufficio di Supporto, che si fonda sul contributo tecnico ed organizzativo del Dott. Giuseppe Aiello, responsabile della struttura, e dal 2005 dalla Dott.ssa Grazia Di Prisco. L Ufficio di supporto ha provveduto alla raccolta dati, alle relative elaborazioni statistiche necessarie alla redazione della presente relazione nonché alla sua impaginazione e grafica. Ha curato, inoltre, in tutte le sue fasi, la rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti (somministrazione e raccolta questionari, acquisizione dati, elaborazione, pubblicazione e diffusione dei relativi risultati disponibili sul link del sito web d Ateneo dedicato al Nucleo di valutazione al seguente indirizzo: L attività dell ufficio, inoltre, consiste nel fornire un supporto a tutta le attività istituzionali svolte dal Nucleo di Valutazione, inizialmente definite dalla Legge n. 537/1993 e successivamente ridefinite dalla Legge n. 370/99, le quali vengono riportate sinteticamente di seguito. Al riguardo si ricorda che il patrimonio informativo raccolto dal Nucleo è a disposizione di tutti gli attori dell Ateneo. Tutto ciò per rispondere al duplice ruolo richiesto al Nucleo stesso: assolvere gli obblighi istituzionali richiesti, in particolare dal MIUR, e radiografare attraverso l utilizzo d idonei strumenti conoscitivi l Ateneo in tutta la sua globalità. 7

8 I compiti principali del Nucleo di Valutazione: redigere la relazione annuale di accompagnamento al Consuntivo di Ateneo (con la quale verificare la corretta gestione delle risorse pubbliche, la produttività della ricerca e della didattica, nonché l imparzialità e il buon andamento dell azione amministrativa); acquisire le opinioni degli studenti frequentanti e redigere l apposita relazione sulla valutazione della didattica; valutare la sussistenza dei requisiti per l attivazione dei corsi di Dottorato di Ricerca e redigere la relazione annuale sui risultati della valutazione dei corsi di Dottorati medesimi; valutare la congruità tra il contenuto delle iniziative, gli obiettivi dichiarati ed i mezzi indicati per le proposte fatte dall Ateneo nell ambito della programmazione triennale (che si traducono in azioni tecnicamente molto differenziate come, ad esempio, progetti di informatizzazione, nuovi insediamenti, sviluppo edilizio, orientamento e tutorato, etc.); trasmettere entro il 30 aprile di ogni anno le informazioni richieste dal Comitato Nazionale per la valutazione del sistema universitario (ex legge n. 370/99); valutare la riforma degli ordinamenti didattici; Con la Legge n. 370/99 il legislatore, oltre a ridefinire le modalità dell attività di valutazione e il ruolo dei Nuclei di valutazione, ha posto l enfasi sulla relazione diretta tra gli esiti del processo di valutazione e l assegnazione dei fondi di finanziamento da parte del Ministero. Il Nucleo di valutazione, nel cogliere lo spirito della normativa vigente, ha espletato la valutazione delle attività e delle nuove iniziative dell Università accompagnando la stessa nel processo di riforma degli ordinamenti didattici. 8

9 Di seguito si riportano le attività del Nucleo e dell Ufficio di supporto svolte negli anni 2007 e 2008: Redazione delle Relazione annuali; Raccolta dei dati e delle informazioni richieste dal Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario (entro il 30 aprile di ogni anno); Supporto agli organi accademici sulla valutazione strategica degli effetti delle regole nazionali che governano il riequilibrio ; Redazione delle relazioni sulla congruità delle risorse e la sussistenza dei requisiti minimi per l attivazione dei corsi di studio relativi all offerta formativo dell Ateneo; Indagine sulla valutazione della didattica da parte degli studenti frequentanti le lezioni (predisposizione questionario, distribuzione dello stesso tra gli studenti, raccolta ed elaborazione dei dati); Redazione della relazione per il MIUR sulla valutazione della didattica espressa dagli studenti frequentanti; Predisposizione della nuova scheda di programmazione dei Dottorati di Ricerca; Predisposizione della scheda di autovalutazione in itinere e a consuntivo dei Dottorati di Ricerca; Formulazione del parere preventivo sulla sussistenza dei requisiti di idoneità della sede per l attivazione e il rinnovo dei Dottorati di Ricerca; Redazione della Relazione annuale a consuntivo sui Dottorati di Ricerca attivi presso l Ateneo; Pareri (dovuti per legge) sull istituzione di nuovi corsi di laurea; Pareri sulla trasformazione dei corsi di laurea esistenti nell offerta formativa; 9

10 Indagine sulla valutazione dei pre-corsi universitari dedicati alle neo matricole (predisposizione questionario, somministrazione e elaborazioni dati); Creazione e gestione di un link del sito web d Ateneo dedicato all attività di valutazione del Nucleo. Riguardo alla struttura della relazione il Nucleo ha deciso di aderire all impostazione metodologica e di contenuto proposta dall Osservatorio Nazionale per la valutazione del sistema universitario, attualmente Comitato di valutazione, per quanto concerne la griglia minima degli indicatori (si veda Documento 11/98 del Comitato). La relazione degli anni 2005 e 2006 si propone, come principale obiettivo, l analisi delle rilevanti dinamiche che hanno interessato l Ateneo negli ultimi anni e che tuttora determinano alcune apparenti incongruenze nei valori degli indicatori richiesti dal Comitato per la valutazione del sistema universitario italiano, alla luce delle profonde trasformazioni apportate dall attuazione delle Riforma degli ordinamenti didattici. Risulta, pertanto, fondamentale una lettura dinamica dei dati relativi agli indicatori sia qualitativi che quantitativi riportati nel testo, al fine di riuscire a comprendere appieno le dinamiche evolutive caratteristiche di questa Università e per alcuni aspetti (quali ad esempio il considerevole e costante incremento degli iscritti e degli immatricolati) uniche nel contesto delle istituzioni universitarie italiane. Questo risulta molto evidente per alcune valutazioni di tipo economicofinanziario elaborate sulla base dei Bilanci Consuntivi annuali. 10

11 CAPITOLO 1 LA DOMANDA FORMATIVA E L EFFICIENZA DIDATTICA 1.1 Dimensione ed evoluzione della domanda formativa Il numero di studenti iscritti all Università Parthenope, costituito dagli studenti iscritti ai Corsi di Laurea di primo e secondo livello, fa registrare, a partire dall anno accademico 2005/2006, un inversione di tendenza rispetto alla crescita costante degli anni precedenti. La percentuale degli studenti iscritti all Ateneo sul totale degli studenti universitari italiani scende inoltre dello 0,53 nell anno con una ripresa del 2,53 nel 2007/08. La Facoltà di Economia, in termini di iscritti è la più grande dell Ateneo (7647 iscritti), ma denota i più vistosi decrementi annuali quanto a numero di studenti: come negli anni precedenti essa ha trainato la crescita dell intero Ateneo, sta oggi determinandone la stabilizzazione. La facoltà che invece ha avuto gli incrementi più alti del biennio è Ingegneria (+36,13 e 56,64) portando così il numero di iscritti da 393 del 2005 a 838 del La tabella 3 mostra il peso di ciascuna Facoltà all interno dell Ateneo:Il peso della facoltà di Economia è sceso dal 79 del 2000 al 45 del 2007, mentre il peso della facoltà di Scienze e Tecnologie (8,51) resta sostanzialmente invariato, cresce quello della facoltà di Ingegneria (4,98) e di Scienze Motorie (16,39). Il peso della Facoltà di Giurisprudenza (24,68) tende a ad acquistare maggior spazio all interno dell Ateneo. 11

12 La tabella 1 riporta i dati relativi alla crescita degli iscritti dell Ateneo, delle singole Facoltà, e il confronto con i dati nazionali. La tabella 2 indica i saggi di variazione per le singole Facoltà. Facoltà di Tabella 1. - Studenti iscritti per anni accademici 98/99 99/00 00/01 01/02 02/03 03/04 04/05 05/06 06/07 Economia Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Ingegneria Totale Ateneo Totale Italia Percentuale studenti Parthenope sul totale Italia 0,68 0,80 0,82 0,93 0,95 0,96 0,92 0,90 0,91 TC Ateneo 13,67 2,74 13,95 4,90 0,11 1,91-1,24-0,53 TC Italia -3,35 0,58 0,52 2,77-1,29 6,51 0,20-0,76 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione

13 Tabella 2 - Tassi di crescita delle Facoltà dell Ateneo 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 F 0 4/05 0 5/06 0 6/07 0 7/08 acoltà di Economia,92 4,00,55 3,47 6,18 6,81 7,65 8,86 6,46 Facoltà di Scienze e Tecnologie -0,89-7,29 10,88 10,69 11,41 1,97-2,47 7,84 5,22 Facoltà di Scienze Motorie 24,42 25,40 34,64 9,53 12,68 3,71 6,20 11,80 Facoltà di Giurisprud enza 352,76 102,30 38,65 19,57 27,88 12,26 9,06 7,17 Facoltà di Ingegneria 175,86 46,25 4,27-1,23 23,24 32,32 36,13 56,64 TC Ateneo 13,67 2,74 13,95 4,90 0,11 1,91-1,24-0,53 2,53 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 13

14 Tabella 3 Distribuzione degli studenti tra le Facoltà dell Ateneo Facoltà di Facolt Facolt Scienze e à di Scienze Facoltà di Facolt Total à di Economia Tecnologie Motorie Giurisprudenza à di Ingegneria e Ateneo 98/ ,39 8,61 99/ ,36 7,51 6,48 1,22 0,43 00/ ,83 6,77 7,85 5,39 1,17 01/ ,71 6,59 8,63 9,56 1,50 02/ ,83 6,95 11,08 12,64 1,49 03/ ,57 7,74 12,12 15,10 1,47 04/ ,13 7,74 13,41 18,94 1,78 05/ ,36 7,65 14,08 21,53 2,38 06/ ,81 8,29 15,03 23,61 3,26 07/ ,44 8,51 16,39 24,68 4,98 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 14

15 1.2 L andamento delle immatricolazioni L andamento delle immatricolazioni, per Facoltà ed anno accademico, e riportato nella tabella 4. Tabella 4 Numero di immatricolazioni lauree triennali per Facoltà e anni accademici 9 8/99 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 0 4/05 0 5/06 0 6/07 Facoltà di Economia Facoltà di Scienze e Tecnologi e Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurispru denza Facoltà di Ingegneri a Totale Ateneo Totale Italia Percentua le studenti Partheno pe sul totale Italia 1,05 1,43 1,17 1,18 1,15 1,03 0,98 0,97 1,02 1,13 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 0 7/08 In stretta coerenza con quanto esposto al paragrafo precedente relativamente al numero degli studenti iscritti, i dati relativi all a.a evidenziano una diminuzione degli immatricolati(-0,19). Appare invece forte l aumento relativo all anno successivo(+10,58). Il numero complessivo di immatricolati (3471) del 2007 è 15

16 comunque sostanzialmente uguale a quello del 2003, segno della stabilizzazione delle immatricolazioni. A livello delle singole Facoltà dell Ateneo, l andamento dei tassi di crescita delle immatricolazioni, come si evince dalla tabella 5, denota andamenti altalenanti per quasi tutte le facoltà ad eccezione della Facoltà di Ingegneria (+56,60 del 2006 e +53,61 del 2007). La progressiva riduzione dei tassi di crescita della Facoltà di Economia dell ultimo triennio fa dedurre una tendenza alla stabilizzazione della domanda. I dati della Facoltà di Scienze Motorie dipendono dall evoluzione regolamentare relativa alla numerosità di riferimento dei corsi di laurea ai fini del rispetto dei requisiti minimi di docenza. Tabella 5 - Tasso di crescita delle immatricolazioni /01 /02 /03 /04 /05 /06 /07 /08 Facoltà di Economia 1,07-23,03 9,83-15,69-14,72-10,10-4,84-5,23 Facoltà di Scienze e Tecnologie -22,27-14,05 38,36 28,64 40,99-21,55 9,72-22,29 Facoltà di Scienze Motorie -51,31-25,85 97,70-1,33-21,42-3,77 56,43 Facoltà di Giurisprude nza 244,59 51,20 9,66-11,82 15,17-0,93 18,16 Facoltà di Ingegneria 90,91-7,62-23,71-45,95 37,50 56,60 53,61 Totale Ateneo 34,97-16,45 12,98 1,41-8,38-7,06-0,19 10,58 Totale Italia -0,91 2,26 12,36 3,85 1,94-1,80-4,94-0,25 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 16

17 La dinamica del rapporto tra immatricolati ed iscritti, esposta nella tabella 6, denota un progressivo invecchiamento della popolazione studentesca, con l incidenza degli immatricolati sugli iscritti che passa dal 23,23 dell a.a al 20,63 del (per riferirsi ad un arco temporale significativo, in quanto anche le Facoltà di nuova istituzione raggiungono, in tale periodo, lo stato di regime). Tabella 6. Rapporto tra immatricolati ed iscritti /99 9/00 0/01 1/02 2/03 3/04 4/05 05/06 06/07 7/08 3 Immatri colati Iscritti ,10 29,80 24,24 24,03 23,23 21,26 19,39 19,06 19,13 0,63 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione laurea. Tale fenomeno e destinato ad incidere in modo non trascurabile sul tempo medio di 1.3 Gli studenti iscritti in corso La consistenza degli studenti in corso e fuori corso sul totale degli studenti iscritti all Ateneo per ciascuna Facoltà e esposta nelle tabelle 7, 8, 9 e 10. In Particolare per quanto riguarda gli studenti in corso (si veda la tabella 7 e la tabella 8), la percentuale a livello di Ateneo che era scesa negli anni passando dal 61,59 17

18 del 2003/04 al 46,35 nel 2005/06 è risalita al 62,70 nel 2007/08. Il probabile aumento è dovuto da una parte con la diminuzione/rinuncia di iscritti per la fine dell effetto riforma del DM 509/99 e dall altra l aumento delle convenzioni stipulate dalle varie facoltà. Quest ultima, se confermata, potrebbe avere effetti molto negativi nei prossimi anni. Facoltà di Tabella 7 Studenti iscritti in corso 9 8/99 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 Economia Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurisprudenz Facoltà di a Ingegneria /05 05/06 06/07 07/ Totale Ateneo Totale Italia Percentuale studenti Parthenope sul totale Italia 0,80 0,97 0,97 1,09 1,08 1,01 0, 89 0, 87 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 0,8 5 0,9 1 18

19 Tabella 8 Percentuale Studenti iscritti in corso per facoltà 9 8/99 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 Facoltà di Economi Facoltà di Scienze e Tecnologi Facoltà di Scienze 0 4/05 a 64,17 63,57 59,60 59,54 56,51 51,48 38,35 e 83,27 77,02 70,37 66,08 65,50 67,06 58,73 Motorie - 99,07 98,70 98,29 95,21 78,97 63,79 Facoltà di Giurispru denza - 98,16 93,50 94,44 92,51 87,56 63,67 Facoltà di Ingegneri Totale a - 98,28 93,75 91,03 84,43 60,17 41,75 Ateneo 65,81 67,45 65,62 67,13 66,39 61,59 48,20 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 0 5/06 06/07 07/08 3 8,42 5 4,20 5 8,20 5 6,21 4 3,00 4 6,35 4 8,28 6 3,19 6 5,26 7 5,87 7 4,58 5 9,44 5 2,18 6 5,01 6 8,85 7 3,01 8 3,41 6 2,70 Dalla tabella 9, che riporta le percentuali degli studenti in corso a livello regionale, si può notare come l Ateneo abbia valori percentuali più alti rispetto altri atenei campani e quasi in linea con quello nazionale. Tabella 9 Studenti iscritti in corso confronto regionale NAPOLI Federico II NAPOLI - II Università NAPOLI Parthenope NAPOLI - Ist /99 9/00 0/01 01/02 02/03 03/04 04/05 05/06 06/07 07/ ,10 50,44 49,80 50,75 52,70 54,45 48,43 4,76 7,60 9, ,38 64,27 63,22 64,55 62,84 61,10 49,66 6,48 0,98 1, ,81 67,45 65,62 67,13 66,39 61,59 48,20 6,23 59,44 62,70 57,65 58,95 60,64 59,70 37,84 61,01 47,

20 Orientale 9,20 8,41 9,15 NAPOLI - Ist. Suor O.Benincasa 60,56 59,16 59,06 60,14 57,19 55,26 43,14 4 0,60 5 3,89 5 9,70 SALERNO ,20 52,44 50,19 50,85 52,10 50,38 43,67 0,16 4,27 5,28 SANNIO ,03 59,40 59,66 61,87 60,67 61,05 48,89 4,36 2,07 3,37 ITALIA ,03 55,93 55,44 57,18 57,94 58,78 49,81 8,23 3,09 4,10 Fonte: elaborazione dati uff. Nucleo di Valutazione Tabella 10 Studenti iscritti in corso confronto nazionale Economi Giurispruden Ingegneri Scienz Scienz a za a e e NMF* e Motorie 2004/05 58,73 63,79 nazionale 38,35 63,67 41, /05 Parthenope 57,81 44,6 59,62 63,78 65, /06 54,20 58,20 nazionale 38,42 56,21 43, /06 Parthenope 61,97 49,22 60,03 61,87 65, /07 62,04 66,05 nazionale 64,75 56,33 59, /07 63,19 65,26 Parthenope 48,28 75,87 74, /08 62,51 69,18 nazionale 66,37 61,80 59, /08 65,01 68,85 Parthenope 52,18 73,01 83,41 *il dato per la Facoltà di Scienze e Tecnologie è confrontato, a livello nazionale, con i dati di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Fonte: elaborazione dati uff. Nucleo di Valutazione 20

21 1.4 Gli studenti iscritti fuori corso I dati relativi agli studenti fuori corso riportati nelle tabelle 11 e 12 indicano che nel biennio in esame la loro percentuale a livello di Ateneo sebbene sia maggiore della media nazionale è notevolmente diminuita passando dal 53,65 del al 37,30 del 2007/08. Esaminando nel dettaglio le singole Facoltà si nota che il tasso di crescita degli studenti fuori corso diminuisce per tutte le facoltà. In particolare è ancora la facoltà di Ingegneria ad avere il più basso numero di studenti fuori corso, infatti essa passa dalsa dal 39,83 relativo al 2003/04 al 16,59 nel Il numero di fuori corso della Facoltà di Giurisprudenza scende dal 43,79 del 2005 al 24,13 del 2006 e al 26,99 del Anche per Scienze Motorie si conferma il dato positivo passando dal 41,80 del 2005 al 34,70 del 2006 e al 31,15 del Anche per Scienze e Tecnologie passa dal 415,80 del 2005 al 36,81 del 2006 e al 34,99 del La situazione è migliore anche per la Facoltà Economia, che registra passa dal 61,58 del 2005 al 47,82 del

22 Tabella 11 Studenti iscritti fuori corso per Facoltà 8/99 9/00 0 0/01 1/02 2/03 0 3/04 0 4/05 Facoltà di Economia Facoltà di Scienze e Tecnologi e Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurispru denza Facoltà di Ingegneri a Totale Ateneo Totale Italia Percentua le studenti Partheno 0, pe sul totale 0,53 0,59 94 Italia 0,63 0,71 0,76 0,89 0,95 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 05 /06 06/ / , ,91 22

23 Tabella 12 Percentuale studenti iscritti fuori corso per facoltà 8/99 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 0 4/05 05 /06 06/ /08 47 Facoltà di Economia Facoltà di Scienze e Tecnologi e 35,83 36,43 40,40 40,46 43,49 48,52 61,65 16,73 22,98 29,63 33,92 34,50 32,94 41,27 Facoltà di Scienze Motorie 0,93 1,30 1,71 4,79 21,03 36,21 Facoltà di Giurisprud enza 1,84 6,50 5,56 7,49 12,44 36,33 Facoltà di Ingegneri a 1,72 6,25 8,97 15,57 39,83 58,25,58 45,80 41,80 43,79 57,00 53,72 36,81 34,74 24,13 25,42 40,82 34,99 31,15 26,99 16,59 37 Totale Ateneo 34,19 32,55 34,38 32,87 33,61 38,41 51,80,65 51,56 36,30 35 Totale Italia 43,97,77 44,07 44,56 42,82 42,06 41,21 50,19 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione,91,90 La tabella 13 evidenza, che l Università Parthenope è seconda in Campania come minor numero di studenti iscritti fuori corso. 23

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Iscrizioni Part Time ai corsi dell Ateneo di Firenze Valutazione di una nuova opportunità Comitato Pari Opportunità Nucleo di Valutazione Interna Ufficio di Supporto al

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI..

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI.. Corso di laurea.... C.L. specialistica/magistrale... Curriculum/Indirizzo... Matricola.. Marca da bollo da 16,00 se non assolta in modo virtuale AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli