Università degli Studi di Napoli Parthenope. Nucleo di Valutazione d Ateneo - triennio 2006/2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Parthenope. Nucleo di Valutazione d Ateneo - triennio 2006/2009"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Parthenope Nucleo di Valutazione d Ateneo - triennio 2006/2009 Presidente Prof. Luigi Golzio Esperto esterno Professore I fascia presso l Università Modena e Reggio Emilia Componente Prof. Pietro Geco Esperto esterno Professore I fascia presso l Università di Genova Componente Prof. Umberto Bocchino Esperto esterno Professore I fascia presso l Università di Torino Componente Dott. Vincenzo Lanza Esperto esterno - Direttore Amministrativo Seconda Università Napoli Componente Prof. Giulio Giunta Componente interno Professore I fascia Università Parthenope Componente Prof. Pasquale De Angelis Componente interno Professore I fascia Università Parthenope Componente Prof. Giuseppe Vito Componente interno Professore I fascia Università Parthenope 1

2 Responsabile dell'ufficio di supporto Dott. Aiello Giuseppe Funzionario Amministrativo Altro Referente Dott.ssa Grazia Di Prisco Altro Referente Sig.ra Antonietta Pignatelli 2

3 Indice... 1 CAPITOLO LA DOMANDA FORMATIVA E L EFFICIENZA DIDATTICA Dimensione ed evoluzione della domanda formativa L andamento delle immatricolazioni Gli studenti iscritti in corso Gli studenti iscritti fuori corso L attrazione studenti migliori L attrazione dei diplomati liceali La quota di studenti che abbandonano dopo il I anno Il tasso di laurea/diploma in corso CAPITOLO LE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLA DIDATTICA Struttura del questionario e caratteristiche della rilevazione I risultati della valutazione degli studenti frequentanti Informazioni generali sullo studente Valutazione della didattica Valutazione sintetica del corso Ateneo a QUESTIONARI CAPITOLO I CENTRI DI SERVIZI ED I SERVIZI AGLI STUDENTI La Biblioteca Servizi Stazioni di ricerca online Sedi e attrezzature Cooperazione interbibliotecaria Il Centro di Calcolo Elettronico Server Il Centro orientamento e Tutorato Progetti in corso L Ufficio Placement L ufficio dei Sistemi Informatici Studenti e Didattica Analisi requisiti ed implementazione prototipo del sito di ateneo Conclusioni CAPITOLO LO STATO DELLA RICERCA DELL ATENEO SECONDO I CRITERI DI RIPARTIZIONE DEL F.F.O Il potenziale di Ricerca dell Ateneo ed il progetto SARID La partecipazione ai PRIN La ricerca nei Dipartimenti Dottorati di Ricerca I Progetti di Ricerca di Ateneo Capitolo Interventi di diritto allo studio Il diritto allo studio La struttura della Tassazione Nell Università Parthenope, gli importi delle tasse universitarie sono stabiliti ai sensi della legge 537/93, del DPR 30 aprile 1997 e dal D.P.R. 306/97 e successive modificazioni, e sono graduati in relazione alle condizioni economiche degli studenti. In ottemperanza alla normativa vigente, sono previste le seguenti tipologie di contribuzione studentesca: Esoneri dalle tasse Le collaborazioni studentesche Gli interventi dell A.DI.S.U: borse, servizio abitativo, servizio mensa e altri servizi Servizi facilitanti la didattica Servizi per i disabili di Ateneo I servizi di mobilità internazionale CAPITOLO L ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La struttura organizzativa

4 6.2 AMMINISTRAZIONE CENTRALE PRIMA RIPARTIZIONE Alla Ripartizione, oltre al Dirigente Responsabile, non è assegnata alcuna unità di personale a AFFARI GENERALI b UFFICIO LEGALE c UFFICIO ORGANI COLLEGIALI d UFFICIO TECNICO I e UFFICIO TECNICO II f UFFICIO SICUREZZA E PROTEZIONISTICA g SEGRETERIA SICSI SECONDA RIPARTIZIONE a PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE b PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO c RELAZIONI SINDACALI, FORMAZIONE E GESTIONE PRESENZE TERZA RIPARTIZIONE a RAGIONERIA E STIPENDI b CONTROLLO DI GESTIONE c UFFICIO NUCLEO DI VALUTAZIONE d UFFICIO PLACEMENT e SERVIZI INFORMATICI PER GLI STUDENTI E LA DIDATTICA f SEGRETERIA STUDENTI - sede Napoli g SEGRETERIA STUDENTI sede di Nola presso Facoltà di Giurisprudenza h UFFICIO SEGRETERIA STUDENTI FACOLTÀ DI INGEGNERIA E FACOLTÀ DI SCIENZE UFFICI AFFERENTI ALLA DIREZIONE AMMINISTRATIVA a SEGRETERIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA b PROTOCOLLO E ARCHIVIO c ECONOMATO E PATRIMONIO SEGRETERIA RETTORATO BIBLIOTECA E CENTRI a Biblioteca b Centro di Calcolo c Centro di Servizio di Ateneo per i Rapporti tra le Facoltà ed i Dipartimenti d Centro di Servizio di Ateneo per le sperimentazioni nelle discipline biologiche, chimiche, fisiche e mediche e Centro di Servizio per l'orientamento ed il Tutorato f Centro di Servizio Villa Doria D'Angri g Centro di Servizio di Ateneo per l'erogazione dei Servizi Linguistici STRUTTURE DIDATTICO-SCIENTIFICHE PRESIDENZA FACOLTÀ DI ECONOMIA PRESIDENZA FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE PASQUALE LEONARDI CATTOLICA (già Facoltà di Scienze Nautiche) PRESIDENZA FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE PRESIDENZA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA PRESIDENZA FACOLTA DI INGENGERIA Gaetano Latmiral DIPARTIMENTO DI SCIENZE APPLICATE DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER L AMBIENTE DIPARTIMENTO DI STATISTICA E MATEMATICA PER LA RICERCA ECONOMICA DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI DIPARTIMENTO DI STUDI DELLE ISTITUZIONI E DEI SISTEMI TERRITORIALI DIPARTIMENTO DI STUDI ECONOMICI DIPARTIMENTO GIURIDICO DIPARTIMENTO GIURIDICO-ECONOMICO E DELL IMPRESA DIPARTIMENTO PER LE TECNOLOGIE L ORGANICO CAPITOLO LA PRESTAZIONE ECONOMICO FINAZIARIA NEGLI ESERCIZI 2007 E LO SGUARDO D INSIEME ALLE PRESTAZIONI DELL ATENEO L ANDAMENTO DEI FLUSSI FINANZIARI: LE ENTRATE L ANDAMENTO DEI FLUSSI FINANZIARI: LE USCITE LE ENTRATE: APPROFONDIMENTO DELL ANALISI

5 7.4.1 Categoria 2 Trasferimenti da parte dello Stato LE USCITE O SPESE : APPROFONDIMENTO DELL ANALISI LA SITUAZIONE PATRIMONIALE L ANDAMENTO TEMPORALE DI BILANCIO ANCHE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL PERIODO Considerazioni conclusive CAPITOLO CONSIDERAZIONI RIASSUNTIVE E RACCOMANDAZIONI L evoluzione della domanda formativa L efficienza didattica L attrattività dell offerta formativa L opinione degli studenti: I servizi agli studenti Lo stato della ricerca Gli interventi per il diritto allo studio L organizzazione amministrativa Le prestazioni economiche I Problemi da affrontare Le raccomandazioni

6 Premessa La presente relazione è relativa agli anni 2007 e La scelta del Nucleo di Valutazione dell Università Parthenope di analizzare questi due anni contemporaneamente è stata orientata da alcune circostanze specifiche, prima fra tutte l esigenza, nel fine di adempiere al proprio compito istituzionale, di monitorare il radicale processo di trasformazione delle Università italiane attuato attraverso la 509/99. Il Nucleo di valutazione dell Università degli Studi di Napoli Parthenope è stato nominato con D.R. 747 del e la durata del mandato del Nucleo della Parthenope, è pari a 36 mesi. In tale periodo il Nucleo è composto dai seguenti membri: Presidente, Professore Luigi Golzio, Ordinario di Organizzazione del Lavoro nell Università di Modena e Reggio Emilia, Professor Pietro Genco Ordinario di Scienze delle Finanze presso l Università di Genova, Professor Umberto Bocchino, Ordinario di Economia Aziendale nell Università di Torino, sede distaccata di Pinerolo, Professore Giulio Giunta, Ordinario di Calcolo numerico e programmazione presso l Università Parthenope, Professore Pasquale Luigi De Angelis, Ordinario di Matematica presso l Università Parthenope, Professore Giuseppe Vito, Ordinario di Economia e gestione delle imprese nell Università Parthenope, Dottore Vincenzo Lanza, Direttore Amministrativo della Seconda Università di Napoli. Tutti i componenti del Nucleo provengono dai ruoli universitari e quattro su sette (circa il 57) sono esterni a quest Università. La composizione riflette il dato medio nazionale (si veda il documento Rapporto annuale sullo stato delle università

7 Composizione e funzionamento dei Nuclei di Valutazione, Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario, Luglio 2002). Per lo svolgimento delle sue attività il Nucleo si è avvalso dell Ufficio di Supporto, che si fonda sul contributo tecnico ed organizzativo del Dott. Giuseppe Aiello, responsabile della struttura, e dal 2005 dalla Dott.ssa Grazia Di Prisco. L Ufficio di supporto ha provveduto alla raccolta dati, alle relative elaborazioni statistiche necessarie alla redazione della presente relazione nonché alla sua impaginazione e grafica. Ha curato, inoltre, in tutte le sue fasi, la rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti (somministrazione e raccolta questionari, acquisizione dati, elaborazione, pubblicazione e diffusione dei relativi risultati disponibili sul link del sito web d Ateneo dedicato al Nucleo di valutazione al seguente indirizzo: L attività dell ufficio, inoltre, consiste nel fornire un supporto a tutta le attività istituzionali svolte dal Nucleo di Valutazione, inizialmente definite dalla Legge n. 537/1993 e successivamente ridefinite dalla Legge n. 370/99, le quali vengono riportate sinteticamente di seguito. Al riguardo si ricorda che il patrimonio informativo raccolto dal Nucleo è a disposizione di tutti gli attori dell Ateneo. Tutto ciò per rispondere al duplice ruolo richiesto al Nucleo stesso: assolvere gli obblighi istituzionali richiesti, in particolare dal MIUR, e radiografare attraverso l utilizzo d idonei strumenti conoscitivi l Ateneo in tutta la sua globalità. 7

8 I compiti principali del Nucleo di Valutazione: redigere la relazione annuale di accompagnamento al Consuntivo di Ateneo (con la quale verificare la corretta gestione delle risorse pubbliche, la produttività della ricerca e della didattica, nonché l imparzialità e il buon andamento dell azione amministrativa); acquisire le opinioni degli studenti frequentanti e redigere l apposita relazione sulla valutazione della didattica; valutare la sussistenza dei requisiti per l attivazione dei corsi di Dottorato di Ricerca e redigere la relazione annuale sui risultati della valutazione dei corsi di Dottorati medesimi; valutare la congruità tra il contenuto delle iniziative, gli obiettivi dichiarati ed i mezzi indicati per le proposte fatte dall Ateneo nell ambito della programmazione triennale (che si traducono in azioni tecnicamente molto differenziate come, ad esempio, progetti di informatizzazione, nuovi insediamenti, sviluppo edilizio, orientamento e tutorato, etc.); trasmettere entro il 30 aprile di ogni anno le informazioni richieste dal Comitato Nazionale per la valutazione del sistema universitario (ex legge n. 370/99); valutare la riforma degli ordinamenti didattici; Con la Legge n. 370/99 il legislatore, oltre a ridefinire le modalità dell attività di valutazione e il ruolo dei Nuclei di valutazione, ha posto l enfasi sulla relazione diretta tra gli esiti del processo di valutazione e l assegnazione dei fondi di finanziamento da parte del Ministero. Il Nucleo di valutazione, nel cogliere lo spirito della normativa vigente, ha espletato la valutazione delle attività e delle nuove iniziative dell Università accompagnando la stessa nel processo di riforma degli ordinamenti didattici. 8

9 Di seguito si riportano le attività del Nucleo e dell Ufficio di supporto svolte negli anni 2007 e 2008: Redazione delle Relazione annuali; Raccolta dei dati e delle informazioni richieste dal Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario (entro il 30 aprile di ogni anno); Supporto agli organi accademici sulla valutazione strategica degli effetti delle regole nazionali che governano il riequilibrio ; Redazione delle relazioni sulla congruità delle risorse e la sussistenza dei requisiti minimi per l attivazione dei corsi di studio relativi all offerta formativo dell Ateneo; Indagine sulla valutazione della didattica da parte degli studenti frequentanti le lezioni (predisposizione questionario, distribuzione dello stesso tra gli studenti, raccolta ed elaborazione dei dati); Redazione della relazione per il MIUR sulla valutazione della didattica espressa dagli studenti frequentanti; Predisposizione della nuova scheda di programmazione dei Dottorati di Ricerca; Predisposizione della scheda di autovalutazione in itinere e a consuntivo dei Dottorati di Ricerca; Formulazione del parere preventivo sulla sussistenza dei requisiti di idoneità della sede per l attivazione e il rinnovo dei Dottorati di Ricerca; Redazione della Relazione annuale a consuntivo sui Dottorati di Ricerca attivi presso l Ateneo; Pareri (dovuti per legge) sull istituzione di nuovi corsi di laurea; Pareri sulla trasformazione dei corsi di laurea esistenti nell offerta formativa; 9

10 Indagine sulla valutazione dei pre-corsi universitari dedicati alle neo matricole (predisposizione questionario, somministrazione e elaborazioni dati); Creazione e gestione di un link del sito web d Ateneo dedicato all attività di valutazione del Nucleo. Riguardo alla struttura della relazione il Nucleo ha deciso di aderire all impostazione metodologica e di contenuto proposta dall Osservatorio Nazionale per la valutazione del sistema universitario, attualmente Comitato di valutazione, per quanto concerne la griglia minima degli indicatori (si veda Documento 11/98 del Comitato). La relazione degli anni 2005 e 2006 si propone, come principale obiettivo, l analisi delle rilevanti dinamiche che hanno interessato l Ateneo negli ultimi anni e che tuttora determinano alcune apparenti incongruenze nei valori degli indicatori richiesti dal Comitato per la valutazione del sistema universitario italiano, alla luce delle profonde trasformazioni apportate dall attuazione delle Riforma degli ordinamenti didattici. Risulta, pertanto, fondamentale una lettura dinamica dei dati relativi agli indicatori sia qualitativi che quantitativi riportati nel testo, al fine di riuscire a comprendere appieno le dinamiche evolutive caratteristiche di questa Università e per alcuni aspetti (quali ad esempio il considerevole e costante incremento degli iscritti e degli immatricolati) uniche nel contesto delle istituzioni universitarie italiane. Questo risulta molto evidente per alcune valutazioni di tipo economicofinanziario elaborate sulla base dei Bilanci Consuntivi annuali. 10

11 CAPITOLO 1 LA DOMANDA FORMATIVA E L EFFICIENZA DIDATTICA 1.1 Dimensione ed evoluzione della domanda formativa Il numero di studenti iscritti all Università Parthenope, costituito dagli studenti iscritti ai Corsi di Laurea di primo e secondo livello, fa registrare, a partire dall anno accademico 2005/2006, un inversione di tendenza rispetto alla crescita costante degli anni precedenti. La percentuale degli studenti iscritti all Ateneo sul totale degli studenti universitari italiani scende inoltre dello 0,53 nell anno con una ripresa del 2,53 nel 2007/08. La Facoltà di Economia, in termini di iscritti è la più grande dell Ateneo (7647 iscritti), ma denota i più vistosi decrementi annuali quanto a numero di studenti: come negli anni precedenti essa ha trainato la crescita dell intero Ateneo, sta oggi determinandone la stabilizzazione. La facoltà che invece ha avuto gli incrementi più alti del biennio è Ingegneria (+36,13 e 56,64) portando così il numero di iscritti da 393 del 2005 a 838 del La tabella 3 mostra il peso di ciascuna Facoltà all interno dell Ateneo:Il peso della facoltà di Economia è sceso dal 79 del 2000 al 45 del 2007, mentre il peso della facoltà di Scienze e Tecnologie (8,51) resta sostanzialmente invariato, cresce quello della facoltà di Ingegneria (4,98) e di Scienze Motorie (16,39). Il peso della Facoltà di Giurisprudenza (24,68) tende a ad acquistare maggior spazio all interno dell Ateneo. 11

12 La tabella 1 riporta i dati relativi alla crescita degli iscritti dell Ateneo, delle singole Facoltà, e il confronto con i dati nazionali. La tabella 2 indica i saggi di variazione per le singole Facoltà. Facoltà di Tabella 1. - Studenti iscritti per anni accademici 98/99 99/00 00/01 01/02 02/03 03/04 04/05 05/06 06/07 Economia Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Ingegneria Totale Ateneo Totale Italia Percentuale studenti Parthenope sul totale Italia 0,68 0,80 0,82 0,93 0,95 0,96 0,92 0,90 0,91 TC Ateneo 13,67 2,74 13,95 4,90 0,11 1,91-1,24-0,53 TC Italia -3,35 0,58 0,52 2,77-1,29 6,51 0,20-0,76 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione

13 Tabella 2 - Tassi di crescita delle Facoltà dell Ateneo 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 F 0 4/05 0 5/06 0 6/07 0 7/08 acoltà di Economia,92 4,00,55 3,47 6,18 6,81 7,65 8,86 6,46 Facoltà di Scienze e Tecnologie -0,89-7,29 10,88 10,69 11,41 1,97-2,47 7,84 5,22 Facoltà di Scienze Motorie 24,42 25,40 34,64 9,53 12,68 3,71 6,20 11,80 Facoltà di Giurisprud enza 352,76 102,30 38,65 19,57 27,88 12,26 9,06 7,17 Facoltà di Ingegneria 175,86 46,25 4,27-1,23 23,24 32,32 36,13 56,64 TC Ateneo 13,67 2,74 13,95 4,90 0,11 1,91-1,24-0,53 2,53 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 13

14 Tabella 3 Distribuzione degli studenti tra le Facoltà dell Ateneo Facoltà di Facolt Facolt Scienze e à di Scienze Facoltà di Facolt Total à di Economia Tecnologie Motorie Giurisprudenza à di Ingegneria e Ateneo 98/ ,39 8,61 99/ ,36 7,51 6,48 1,22 0,43 00/ ,83 6,77 7,85 5,39 1,17 01/ ,71 6,59 8,63 9,56 1,50 02/ ,83 6,95 11,08 12,64 1,49 03/ ,57 7,74 12,12 15,10 1,47 04/ ,13 7,74 13,41 18,94 1,78 05/ ,36 7,65 14,08 21,53 2,38 06/ ,81 8,29 15,03 23,61 3,26 07/ ,44 8,51 16,39 24,68 4,98 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 14

15 1.2 L andamento delle immatricolazioni L andamento delle immatricolazioni, per Facoltà ed anno accademico, e riportato nella tabella 4. Tabella 4 Numero di immatricolazioni lauree triennali per Facoltà e anni accademici 9 8/99 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 0 4/05 0 5/06 0 6/07 Facoltà di Economia Facoltà di Scienze e Tecnologi e Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurispru denza Facoltà di Ingegneri a Totale Ateneo Totale Italia Percentua le studenti Partheno pe sul totale Italia 1,05 1,43 1,17 1,18 1,15 1,03 0,98 0,97 1,02 1,13 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 0 7/08 In stretta coerenza con quanto esposto al paragrafo precedente relativamente al numero degli studenti iscritti, i dati relativi all a.a evidenziano una diminuzione degli immatricolati(-0,19). Appare invece forte l aumento relativo all anno successivo(+10,58). Il numero complessivo di immatricolati (3471) del 2007 è 15

16 comunque sostanzialmente uguale a quello del 2003, segno della stabilizzazione delle immatricolazioni. A livello delle singole Facoltà dell Ateneo, l andamento dei tassi di crescita delle immatricolazioni, come si evince dalla tabella 5, denota andamenti altalenanti per quasi tutte le facoltà ad eccezione della Facoltà di Ingegneria (+56,60 del 2006 e +53,61 del 2007). La progressiva riduzione dei tassi di crescita della Facoltà di Economia dell ultimo triennio fa dedurre una tendenza alla stabilizzazione della domanda. I dati della Facoltà di Scienze Motorie dipendono dall evoluzione regolamentare relativa alla numerosità di riferimento dei corsi di laurea ai fini del rispetto dei requisiti minimi di docenza. Tabella 5 - Tasso di crescita delle immatricolazioni /01 /02 /03 /04 /05 /06 /07 /08 Facoltà di Economia 1,07-23,03 9,83-15,69-14,72-10,10-4,84-5,23 Facoltà di Scienze e Tecnologie -22,27-14,05 38,36 28,64 40,99-21,55 9,72-22,29 Facoltà di Scienze Motorie -51,31-25,85 97,70-1,33-21,42-3,77 56,43 Facoltà di Giurisprude nza 244,59 51,20 9,66-11,82 15,17-0,93 18,16 Facoltà di Ingegneria 90,91-7,62-23,71-45,95 37,50 56,60 53,61 Totale Ateneo 34,97-16,45 12,98 1,41-8,38-7,06-0,19 10,58 Totale Italia -0,91 2,26 12,36 3,85 1,94-1,80-4,94-0,25 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 16

17 La dinamica del rapporto tra immatricolati ed iscritti, esposta nella tabella 6, denota un progressivo invecchiamento della popolazione studentesca, con l incidenza degli immatricolati sugli iscritti che passa dal 23,23 dell a.a al 20,63 del (per riferirsi ad un arco temporale significativo, in quanto anche le Facoltà di nuova istituzione raggiungono, in tale periodo, lo stato di regime). Tabella 6. Rapporto tra immatricolati ed iscritti /99 9/00 0/01 1/02 2/03 3/04 4/05 05/06 06/07 7/08 3 Immatri colati Iscritti ,10 29,80 24,24 24,03 23,23 21,26 19,39 19,06 19,13 0,63 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione laurea. Tale fenomeno e destinato ad incidere in modo non trascurabile sul tempo medio di 1.3 Gli studenti iscritti in corso La consistenza degli studenti in corso e fuori corso sul totale degli studenti iscritti all Ateneo per ciascuna Facoltà e esposta nelle tabelle 7, 8, 9 e 10. In Particolare per quanto riguarda gli studenti in corso (si veda la tabella 7 e la tabella 8), la percentuale a livello di Ateneo che era scesa negli anni passando dal 61,59 17

18 del 2003/04 al 46,35 nel 2005/06 è risalita al 62,70 nel 2007/08. Il probabile aumento è dovuto da una parte con la diminuzione/rinuncia di iscritti per la fine dell effetto riforma del DM 509/99 e dall altra l aumento delle convenzioni stipulate dalle varie facoltà. Quest ultima, se confermata, potrebbe avere effetti molto negativi nei prossimi anni. Facoltà di Tabella 7 Studenti iscritti in corso 9 8/99 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 Economia Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurisprudenz Facoltà di a Ingegneria /05 05/06 06/07 07/ Totale Ateneo Totale Italia Percentuale studenti Parthenope sul totale Italia 0,80 0,97 0,97 1,09 1,08 1,01 0, 89 0, 87 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 0,8 5 0,9 1 18

19 Tabella 8 Percentuale Studenti iscritti in corso per facoltà 9 8/99 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 Facoltà di Economi Facoltà di Scienze e Tecnologi Facoltà di Scienze 0 4/05 a 64,17 63,57 59,60 59,54 56,51 51,48 38,35 e 83,27 77,02 70,37 66,08 65,50 67,06 58,73 Motorie - 99,07 98,70 98,29 95,21 78,97 63,79 Facoltà di Giurispru denza - 98,16 93,50 94,44 92,51 87,56 63,67 Facoltà di Ingegneri Totale a - 98,28 93,75 91,03 84,43 60,17 41,75 Ateneo 65,81 67,45 65,62 67,13 66,39 61,59 48,20 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 0 5/06 06/07 07/08 3 8,42 5 4,20 5 8,20 5 6,21 4 3,00 4 6,35 4 8,28 6 3,19 6 5,26 7 5,87 7 4,58 5 9,44 5 2,18 6 5,01 6 8,85 7 3,01 8 3,41 6 2,70 Dalla tabella 9, che riporta le percentuali degli studenti in corso a livello regionale, si può notare come l Ateneo abbia valori percentuali più alti rispetto altri atenei campani e quasi in linea con quello nazionale. Tabella 9 Studenti iscritti in corso confronto regionale NAPOLI Federico II NAPOLI - II Università NAPOLI Parthenope NAPOLI - Ist /99 9/00 0/01 01/02 02/03 03/04 04/05 05/06 06/07 07/ ,10 50,44 49,80 50,75 52,70 54,45 48,43 4,76 7,60 9, ,38 64,27 63,22 64,55 62,84 61,10 49,66 6,48 0,98 1, ,81 67,45 65,62 67,13 66,39 61,59 48,20 6,23 59,44 62,70 57,65 58,95 60,64 59,70 37,84 61,01 47,

20 Orientale 9,20 8,41 9,15 NAPOLI - Ist. Suor O.Benincasa 60,56 59,16 59,06 60,14 57,19 55,26 43,14 4 0,60 5 3,89 5 9,70 SALERNO ,20 52,44 50,19 50,85 52,10 50,38 43,67 0,16 4,27 5,28 SANNIO ,03 59,40 59,66 61,87 60,67 61,05 48,89 4,36 2,07 3,37 ITALIA ,03 55,93 55,44 57,18 57,94 58,78 49,81 8,23 3,09 4,10 Fonte: elaborazione dati uff. Nucleo di Valutazione Tabella 10 Studenti iscritti in corso confronto nazionale Economi Giurispruden Ingegneri Scienz Scienz a za a e e NMF* e Motorie 2004/05 58,73 63,79 nazionale 38,35 63,67 41, /05 Parthenope 57,81 44,6 59,62 63,78 65, /06 54,20 58,20 nazionale 38,42 56,21 43, /06 Parthenope 61,97 49,22 60,03 61,87 65, /07 62,04 66,05 nazionale 64,75 56,33 59, /07 63,19 65,26 Parthenope 48,28 75,87 74, /08 62,51 69,18 nazionale 66,37 61,80 59, /08 65,01 68,85 Parthenope 52,18 73,01 83,41 *il dato per la Facoltà di Scienze e Tecnologie è confrontato, a livello nazionale, con i dati di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Fonte: elaborazione dati uff. Nucleo di Valutazione 20

21 1.4 Gli studenti iscritti fuori corso I dati relativi agli studenti fuori corso riportati nelle tabelle 11 e 12 indicano che nel biennio in esame la loro percentuale a livello di Ateneo sebbene sia maggiore della media nazionale è notevolmente diminuita passando dal 53,65 del al 37,30 del 2007/08. Esaminando nel dettaglio le singole Facoltà si nota che il tasso di crescita degli studenti fuori corso diminuisce per tutte le facoltà. In particolare è ancora la facoltà di Ingegneria ad avere il più basso numero di studenti fuori corso, infatti essa passa dalsa dal 39,83 relativo al 2003/04 al 16,59 nel Il numero di fuori corso della Facoltà di Giurisprudenza scende dal 43,79 del 2005 al 24,13 del 2006 e al 26,99 del Anche per Scienze Motorie si conferma il dato positivo passando dal 41,80 del 2005 al 34,70 del 2006 e al 31,15 del Anche per Scienze e Tecnologie passa dal 415,80 del 2005 al 36,81 del 2006 e al 34,99 del La situazione è migliore anche per la Facoltà Economia, che registra passa dal 61,58 del 2005 al 47,82 del

22 Tabella 11 Studenti iscritti fuori corso per Facoltà 8/99 9/00 0 0/01 1/02 2/03 0 3/04 0 4/05 Facoltà di Economia Facoltà di Scienze e Tecnologi e Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Giurispru denza Facoltà di Ingegneri a Totale Ateneo Totale Italia Percentua le studenti Partheno 0, pe sul totale 0,53 0,59 94 Italia 0,63 0,71 0,76 0,89 0,95 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione 05 /06 06/ / , ,91 22

23 Tabella 12 Percentuale studenti iscritti fuori corso per facoltà 8/99 9 9/00 0 0/01 0 1/02 0 2/03 0 3/04 0 4/05 05 /06 06/ /08 47 Facoltà di Economia Facoltà di Scienze e Tecnologi e 35,83 36,43 40,40 40,46 43,49 48,52 61,65 16,73 22,98 29,63 33,92 34,50 32,94 41,27 Facoltà di Scienze Motorie 0,93 1,30 1,71 4,79 21,03 36,21 Facoltà di Giurisprud enza 1,84 6,50 5,56 7,49 12,44 36,33 Facoltà di Ingegneri a 1,72 6,25 8,97 15,57 39,83 58,25,58 45,80 41,80 43,79 57,00 53,72 36,81 34,74 24,13 25,42 40,82 34,99 31,15 26,99 16,59 37 Totale Ateneo 34,19 32,55 34,38 32,87 33,61 38,41 51,80,65 51,56 36,30 35 Totale Italia 43,97,77 44,07 44,56 42,82 42,06 41,21 50,19 Fonte:Ufficio di Statistica MIUR- elaborazione dati Uff. Nucleo di Valutazione,91,90 La tabella 13 evidenza, che l Università Parthenope è seconda in Campania come minor numero di studenti iscritti fuori corso. 23

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE NUCLEO DI VALUTAZIONE LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI A.A. 2003/04 Premessa La valutazione delle attività didattiche delle università

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI I CORSI DELL ANNO ACCADEMICO 2008/09. Indice

LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI I CORSI DELL ANNO ACCADEMICO 2008/09. Indice LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI I CORSI DELL ANNO ACCADEMICO 2008/09. Indice 1. Premessa pag. 1 2. Struttura del questionario e caratteristiche della rilevazione pag. 2 3. I risultati

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile e Ambientale Classe: L-7 Ingegneria Civile e Ambientale Sede: Via Campo di Pile, 67100 L AQUILA Sito web: www.univaq.it Consiglio di Area Didattica

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Relazione del Presidio della Qualità

Relazione del Presidio della Qualità Relazione del Presidio della Qualità sulla rilevazione dell Opinione degli Studenti sulla Qualità della Didattica a.a. 2013-2014 Le opinioni degli studenti sulla qualità della didattica, così come quelle

Dettagli

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio : Economia Aziendale Classe : L-18 Sede : Università degli Studi della Basilicata, Dipartimento di Matematica Informatica ed Economia- DiMIE, sede di Potenza Primo anno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Classe: L-22 Scienze delle attività motorie e sportive Università degli Studi di Cagliari Rapporto di Riesame

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014 Denominazione del Corso di Studio: Science e Tecniche delle Attività Sportive Classe: LM-68 Sede: Palermo Dipartimento di riferimento: Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport Scuola: Scuola delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI GIURISPRU DENZA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE

SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE Indice Premessa metodologica...27 CAPITOLO I Immatricolazioni a livello di Ateneo...29 CAPITOLO II Immatricolazioni a livello di Facoltà...31

Dettagli

Relazione del Nucleo sulla Valutazione della didattica: indagine sulle opinioni degli studenti

Relazione del Nucleo sulla Valutazione della didattica: indagine sulle opinioni degli studenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Relazione del Nucleo sulla Valutazione della didattica: indagine sulle opinioni degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 COMPONENTI PROF. VALERIO ABBATE, PRESIDENTE PROF.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Relazione sull Opinione degli Studenti sulla didattica A.A. 2009-2010 Premessa Ai sensi dell art. 1, comma 1 e 2, della Legge 19 ottobre 1999, n.370 le università adottano un sistema di valutazione interna

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CHIMICA (CLASSE L-27 Scienze e Tecnologie Chimiche) Art.

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica Gli esiti della rilevazione 2012-2013 Anna Maria Milito 26 novembre 2013 La rilevazione dell opinione degli studenti sulla didattica Importanza

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

DIIIE - Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia. Corsi di Ingegneria Università degli Studi dell Aquila

DIIIE - Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia. Corsi di Ingegneria Università degli Studi dell Aquila DIIIE - Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia Corsi di Ingegneria Università degli Studi dell Aquila Oggetto: relazione sul questionario relativo alle opinioni sulla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Giunio Luzzatto CARED-Università di Genova Università di Bari 9.11.2012 Assicurazione della Qualità di Ateneo Premessa Il sistema di Assicurazione

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %]

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %] Corso di Studio: Laurea in Ingegneria Edile-Architettura Classe: LM- Architettura e Ingegneria Edile-Architettura Sede: Pavia RAPPORTO DI RIESAME INIZIALE 21 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME -21 Tab. 1

Dettagli

Informatica, ex Scienze e Tecnologie informatiche. (XXII, XXIII, XXIV ciclo) Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale

Informatica, ex Scienze e Tecnologie informatiche. (XXII, XXIII, XXIV ciclo) Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale RELAZIONE ANNUALE SUI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA ATTIVI NELL ANNO 2009 FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE Informatica, ex Scienze e Tecnologie informatiche (XXII, XXIII, XXIV ciclo) FACOLTÀ

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERCLASSE IN SCIENZE DELLA CULTURA (CLASSE L-5 Filosofia e L-42 Storia) Art.

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi

La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi Nota di lavoro 4/2007 - maggio 2007

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Corso di laurea Ingegneria civile (AVERSA)

Corso di laurea Ingegneria civile (AVERSA) Corso di laurea Ingegneria civile (AVERSA) Variabile Variabili relative agli studenti iscritti Valore validato (rilevazione 2) dal nucleo MURST ISTAT A.1 Iscritti da un numero di anni minore o uguale alla

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA. Manuale del Rilevatore Valutazione della Didattica AA 2011-12

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA. Manuale del Rilevatore Valutazione della Didattica AA 2011-12 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Manuale del Rilevatore Valutazione della Didattica AA 2011-12 Caro Rilevatore, Ti ringraziamo sin da adesso per la tua preziosa collaborazione. La tua attività è estremamente

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN LINGUE PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI (CLASSE

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli