HAEU AHUE HAEU AHUE. TABELLA2l. Distribuzione dei contribuenti e del reddito di lavoro autonomo secondo la categoria di attività professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HAEU AHUE HAEU AHUE. TABELLA2l. Distribuzione dei contribuenti e del reddito di lavoro autonomo secondo la categoria di attività professionale"

Transcript

1 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA2l Distribuzione dei contribuenti e del reddito di lavoro autonomo secondo la categoria di attività professionale Categorie di attività professionale Autori Artis ti Medici Ostetriche Avvocati Notai Commercialisti Ingegneri Matematici Fisici Geometri Atleti Agenti di borsa Agronomi Altre attività Non validi Totale Contribuenti Reddito N. % Totale % (migliaia) (milioni) 8 1, l, , , , ,07 4 0, , , ,84 3,4 0, , , , , ,28 l 0, , , , , ,52 2 0, ,22 l 0, ,27 6 1, , , , , ,46 533,4 100, ,00 Reddito medio (migliaia)

2 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA22 Andamento del reddito e delle perdite di lavoro autonomo negli anni 1977 e 1978 (esclusi i casi di reddito O) Anno 1978 Anno 1977 Contribuenti (miglia ia) Incremento 1978/1977 % - redditi ,5 - perdite ,0 Tota le ,9 Importo (miliardi) - redditi ,2 - perdite Il 9 22,2 Totale ,2 Valore medio (milioni) - redditi 5,1 4,6 10,2 - perdite 1,8 2,3-21,7 Tota le 5,0 4,5 11,1 ' 86

3 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA23 Distribuzion~ dei lavqratori autonomi part-time e full-time secondo le categorie di attività professionali (Importi espressi in milioni) Ca~eg!Jrie di Lavoratori autonomi part-time Lavoratori a uto nomi full -ti me atti, ita pr!jfessionali con reddito di lavoro dipe ndente senza reddito di lavoro dipenden te Reddito di lavoro autonomo Reddito di lavoro dipendente Reddito di lavoro autonomo Numero Reddito V.M. Nume ro Reddito V.M. Numero Reddito V. M. 1!000-Autori (scrittori giornalisti ccc.) , l , ,3!liOO-Ar tisti (registi atturi scultori) , l 5,7 1!200-Mcdici c psicologi S!l.79!l , , IO, l!l.~oo-ostetrichc odontotccnici infcrmier i S 1, ,6 1!400-AHoc;iti prqcuratori S,S , !l41Q-Notai SS , , ,4!lSOO-Commercialisti consulenti la, oro , l , ,2 1!600-lngegneri cd architetti , , M700-Matematici statistici economisti , , l 1!800-Fisici chimici c biologi , ,5 81}00-Geometri periti industria! i e ass , ,8 1}000-Atleti allenatori e assi mila ti , , , l IJ 100-Agenti di oorsa e assimila ti , , ,3 1}300-Agronomi \'eterinari agrari e assi m. 4. 1SO , , ,2 IJ400-Aitre atti\'ita proìessionali 205SI , , ,8 Totale parzi~le S , , ,6 1}1}1}1}-C!Jdice mancante!j erra t!.> S 2, , ,7 Altre categ!jrie , , ,6 Totale generale , , ,2 87

4 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA24 Ricavi, costi, volume d'affari di lavoro autonomo TABELLA25 Andamento del reddito dominicale dei terreni. negli anni 1977 e 1978 Ricavi Costi Volume d'affari Numero (migliaia) Ammontare (miliardi) Valore medio(milioni) 9,8 5,8 9,8 Contribuenti Incremento Anno 197& Anno l /1977 o/o (milioni) 3,92 3, Reddito Distribuzione del reddito agrario dell'anno 1978 (miliardi) ,89 Reddito medio (migliaia) ,7-t TABELLA26 Classi Contribuenti Reddito Reddito (migliaia) N. % Totale % medio (migliaia) (milioni) (migliaia) o , , , , , , , ' oltre , , " Totale , ,

5 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA27 Distribuzione del reddito dei fabbricati dell'anno 1978 Classi Contribuenti Reddito Reddito (migliaia) N. % Totale % medio (migliaia) (milioni) (migliaia) o , , , , '- t , ,50.75J , , oltre , , Totale , ,

6 LA TASSAZIONE DISEGUALE À) Numero dichiaranti N. RED. LD FA TE IM LD.FA LD.TE N. RED p ( LA ( PA ~ CA I.4m DI l ~ 78 : LA.PA ( LA.CA ~ LA.DI t PA.CA " PA.DI ~ CA.DI ( LA.PA.CA S'l LA.PA.DI E LA.CA.DI Il E PA.CA.DI "41 LA.PA.CA.DI B) Reddito complessivo (milioni) N. RED. LD FA TE IM LD.FA LD.TE N. RED LA IO 80S.I :227 PA lé CA DI LA.PA LA. CA LA.DI PA.CA PA.DI CA.DI LA.PA.CA LA.PA.DI LA.CA.DI PA.CA.DI LA.PA.CA.DI C) Valore medio (migliaia) N. RED. LD FA TE IM LD.FA LD.TE N. REI) LA PA CA DI LA.PA LA.CA LA.DI PA.CA PA.DI ' S83 CA.DI LA.PA.CA LA.PA.DI LA.CA:DI PA.CA.DI L~.PA. CA. DI Legenda: N. RED. Numero redditi FA Fabbricati CA Capitale LA Lavoro autonomo TE Terreni PA Partecipazione LD Lavoro dipendente IM Impresa DI Diversi

7 . LA TASSAZIONE DISEGUALE ~ "".. ~ i. t TABELLA28.D.I M FA.TE FA.I M TE.IM LD.FA.TE LD.FA.IM LD.TE.IM FA.TE.IM LD.FA.TE.IM I ' ~ D.I M I I -1-1 I I I0.392 I I I. I I 7 -II-l I9I 349 I I7 I6 I IO I6 L D.I M I I0.736 I I I2 I I I89. I I9 2.9I I.28 I I4 2I6 I 54 I7 I I30 FA.TE I I ' FA.TE I0.93 I I IO I6.574 I9.605 I I I '! IO 3 FA.I M I I I ,.!\ I I9 FA.IM I0.056 I I.71 I I !"2:787 14, I I I l 9 2 TE.IM I6 I I89 7 TE.I M I 1.20 I I I I LD.FA.TE l LD.FA.TE LD.FA.IM I '' ' LD.FA.IM l , ' IO LD.TE.IM LD.TE.IM I I.402 I "iO 133 " I I f.a.te.im I I3.62 I I.25 I 34 I FA.TE.IM I I I Ò. 74. I I2. io I SOI ~ '" I8 36 l'i '" LD.FA.TE.IM I I I9 4. I74 I.IOS I6 337 i' ' i!827 '375,,.,: AOO '.. : : I 58 LD.FA.TE.IM ' I f.5 I l l I I35 '8:332 :6.07I : I81 ': I8.320 Ì ~q I :91

8 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA29 Distribuzione del reddito di capitale dell'anno 1978 Classi Contribuenti (migliaia) N. % (migliaia) o , , , ,58 oltre ,02 Totale ,0 TABELLA30 Andamento del credito d'imposta s._ui dividendi negli anni 1977 e 1978 Incremento Anno 1978 Anno /1977 % Contribuenti (migliaia) ,2% Credito (miliardi) ,8% Credito medio (migliaia) ,7% Reddito Reddito Totale % medio (milioni) (migliaia) 70 0,02 IO 274 0, , , , , TABELLA31 Andamento dei crediti per imposte pagate all'estero negli anni 1977 e 1978 Incremento Anno 1978 Anno /1977 % Cont r ibuenti (mig li a ia) 1,8 2,5-28% Credito (milioni) , 1% Credito medio (mig li aia) ,8% 92

9 LA TASSAZIONE DISEGUALE TABELLA32 Reddito costante in termini reali: incidenza% del prelievo (lavoratore dipendente con coniuge e 2 figli a carico) Reddito (milioni di lire 1983) (a) A legislazio ne immutata , ,9 6,7 1,0 4,3 6,7 10,7 3,2 7,8 10,2 13,8 4,9 10,5 13,0 16,1 7,2 13,7 16,2 19,0 10,5 17,6 20,1 22,4 13,2 20,4 22,8 24,9 15,4 22,5 24,9 26,7 18,8 25,6 28,0 29,8 21,3 28,2 30,6 32, (b) Con proroga I tranche L. 683/1982-3,9 8,6 12,1 14,7 17,9 21,6 24,2 26,2 29,4 31,9 (a) Nell 'ipotesi di un tasso d'inflazione pari, per il 1983, a l 13%. l li ve lli di reddito equivalenti per gli a nni precedenti sono sta ti ottenuti det1azionando i valori 1983 per il corrispondente indice del costo della vita (posto = 100 il 1983). (b) L 'ipotes i a legislazione immutata riflette la decadenza degli sgravi introdotti con la L. 683i1982. La seconda ipotesi assume un intervento legislativo che riproponga pet- il 1983 gli stessi sgravi adottati pet- il Fonte: CER, Rapporto 11. n,

10 LA TASSAZIONE DISEGUALE Imposta su redditi costanti in tennini reali (migliaia di lire) Imposta [in parentesi aliquote medie] TABELLA33 Imponibili (lire 1983) A legislazione a 1984b : Note: ( 16,3) (22,5) (25,8) (27,6) (28,2) l (28,7) ( 14, l) (21,2) {24,9) (26,8) (27,4) (28,0) ( 17,8) (23,9) (27,0) (28,9) l 1.20 l (29,5} l (30,0) ( 15,8) (22.7) (26,2) (28,2) (28,8) (29,4} (19,0) (24,9) (28,0) (29,9) (30,5) (3 1, 1} ( 17,2) (23,8) (27,2) (29,3) (29,9) (30,5) (29,9) (29,3) (31,3) (30,8) (32,3) (31,8) Con la riforma lrpef a (16,4) (14,0} ( 17,3) (15,2) [ (-1,4)] [- 241 (- 1,8)] 4.644(21,1) ( 19,7) (21,7) (20,4) (- 2,8) (- 3,0) (24,2) (23,2) (25,4) (24,5) -817(-2,8) (-3,0) (26,4) (25,5 ) (27,5) (26,7) (- 2,5) -957 (- 2,7) (26,9) 9.932(26, 1) (28,2) (27,5) -957 (- 2,6) (-2,7) l (27,7) (26,9) (28,9) (28,2) (- 2,3) -997 (- 2,5) (29,1) (28,4) (30,2) (29,6) (- 2,2) (- 2,4) / (18,8) ( 16,8) (24,8) (23,6) (27,9) 8.934{27, 1) (29,8) (29, l ) (30,4) (29,8) (31,0) (30,4) (32,2) (3 1,7) 1984b ( 17,1) ( 14,6) (21,6) (20,2) (25,3) (24,3) (27,4) (26,6) (28,2) l (27,3) (28,8) (28,0) (30, 1) (29,5) I) Per ogni anno la p!"ima colonna s i rife!"isce ad un contribuente senza carichi di famiglia, e la seconda ad un contribuente con con iuge e 2 figli a ca n co II) 1984a: senza rivalutazione del le detrazioni;!98-lb : con rivalutazione al IO% del le detrazioni (misura massima prevista dalla legge di riforma Irpef). 94

11 LA J" ASSAZIONE DISEGUALE, :". TABELLA34 Fiscal drag annuo (in migliaia di lire correnti) A legislazione 1982 Im ponibili (migliaia d i lire 1983) a 1984b ~ ~' Con la rifonna lrpef :. '-l Q

12 LA,TASSAZIONE DISEGUALE INDICE Prefa :. io ne I - Le premesse della riforma tributaria l. La tàssazione nel dettato della Costituzione La tassazione prima della riforma tributaria Le istanze per la riforma tributaria Perplessità e controversie in sede di predisposizione della riforma 19 II - La riforma dei tributi diretti 5. Le leggi della riforma: deroghe alla generalità e unifom1ità della nuova tassazione progressiva ). 1. Princ ipi ge nera li e deroghe ad essi =i.:Z. Il trolfamento trilmtario dei redditi da titoli pubblici, obbligazio11i, depositi e co1lfi honcari e poswli =i.. ~. Il trolfwnento di jàvore degli elen1enti pa trimoniali della capacità contrihutil'a =i.--t. Le diflicolt à di coordina111ento dell'i111posta progressiva sul reddito delle persone ji:-;iche con quella sulle persone giuridiche; e le agevolazio11i nello disciplina del reddito d i impresa '.:'\. La tassa:.ione degli inznzohili u!la hase di w1 "reddito medio ordi11ario" 31.=i.6. Conclusioni sulle principa li s111agliature della disciplina dell'lrpe( I risultati della riforma tributaria nelle statistiche dei gettiti dei singoli tributi Il canzhianzento del peso rela tivo dei tributi direlli, indiretti e contrihuti sociali Lo prenzinen:.a del reddito da lavoro d ipendente nella hase imponibile dell'l rpcf L'analisi delle dichiarazioni dei redditi soggetti a Irpef e Irpeg Pre 111essa UJdiclziara :. icmldei redditidalavorodipendente J. L'!rpefsui redditi d i impresa, di la voro autonomo, di capitale L 'Irpd s ui redditi di impresa e" impresa minore" L 'irpefsui redditida lavoroautonomo L 'Irpef su i redditi da capita le t. Alcune osservazion i di s intesi La struttura dell'irpef, progressività e "fiscal drag" H. 1. La strulfura dell'lrp& jin s al dicembre / Gli efreui dei provvedinze iti di correzione del "fisaal drarf/ fino tl 32 dicenzhre / Le altenwtiw di correzio ne del "ji'scal drag" III - Prospettive attuali della politica tributaria La revisione'della strullura dell'irpefattuata all'inizio del/ Gli ef(elfi della revisio ne dell'!rpef Il trallamento dei redditi familiari t. Osserva zioni conclus ive

13 LA TASSAZIONE DISEGl,JALE TABELLE Tabelle l e 2 Tabella 3 Tabella 4 Tabella 4-bis Tabella 5 Tabella 6 Tabella 6-bis Tabella 7 Tabella 8 Tabella 9 Tabella IO Tabella l l Tabella 12 Tabella 13 Tabella 1--l Tabella 15 Tabella 15-bis Tabella 16 Tabella 16-bis Tabella 17 Tabella!7-bis Tabella 18 Tabella 19 Tabella 20 Tabella 21 Tabella 22 Tabella 23 Tabella 24 Tabella 25 Tabella 26 Tabella 27 Tabella 28 Tabella 29 Tabella 30 Tabella 31 Tabella 32 Tabella 33 Tabella 34 Il pre lievo tributario delle Amministrazioni Pubbliche Entra te tributarie dello Stato Ripartizione per aliquota dei redditi imponibili ai fini dell'imposta di ricchezza mobile di categoria B, Cl l e C/2 (settore privato)- Ruoli Redditi imponibili dichiarati ai fini dell'irpef e Irpeg (anno 1978).. Le imposte personali sul reddito in Europa (in % del PIL) Imposte indirette e contributi sociali in % del gettito complessivo in alcuni Paesi OECD Composizione% del prelievo tributario complessivo in alcuni Paesi OECD L'evoluzione delle imposte personali progressive L'imposta sul reddito delle persone fisiche lrpef: Ripartizione del gettito per articolo Numero dei contribuenti e delle dichiarazioni.... Composizione percentuale del reddito dichiarato Distribuzione del numero, del reddito e del reddito medio di lavoro dipendente in totale, del solo modello l O 1 e del solo modello 740 rispetto al reddito complessivo Distribuzione del reddito dichiarato col mod Distribuzione del reddito medio dichiarato col mod Reddito medio da lavoro dipendente e reddito medio complessivo dei lavoratori dipendenti Distribuzione dei contribuenti e del reddito di lavoro dipendente secondo la qualifica Distribuzione del reddito di impresa dell 'anno Andamento del reddito e delle perdite di impresa negli anni 1977 e Distribuzione del reddito di impresa minore nell'anno Andamento del reddito e delle perdite d'impresa minore negli anni 1977 e 1978 (esclusi i casi di reddito O) Distribuzione del reddito di partecipazione dell'anno Ricavi, costi, volume d'affari di impresa Ricavi, costi, volume d'affari di impresa minore Distribuzione dei contribuenti e del reddito di lavoro autonomo secondo la categoria di attività professionale Andamento del reddito e delle perdite di lavoro autonomo negli anni 1977 e 1978 (esclusi i casi di reddito O) Distribuzione dei lavoratori autonomi pare-t ime e full-time secondo le categorie di attività professionali Ricavi, costi; volume d'affari di lavoro autonomo Andamento del reddito dominicale dei terreni negli anni 1977 e 1978 Distribuzione del reddito agrario dell'anno Distribuzione del reddito dei fabbricati dell'anno Numero dichiaranti, reddito complessivo, valore medio Distribuzione del reddito di capitale dell'anno Andamento del credito d'imposta sui dividendi negli anni 1977 e : Andamento dei crediti per imposte pagate all'estero negli anni 1977 e Reddito costante in términi medi reali: incidenza % del prelievo... Imposta su redditi costanti in termini reali Fiscal drag annuo

14 ~ ~~ ~~ ' ' FEDERAZIONE NAZIONALE DEl DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI ROMA 15 APRILE 1983

15 PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE PER I BILANCI PROGETTO DI RELAZIONE su l'orientamento comune del Consiglio per quanto concerne: - una proposta modificata di regolamento del Consiglio recante appli cazione, per le risorse proprie provenienti dall'iva, della decisione del 21 aprile 1970, relativa alla sostituzione dci contributi finanziari degli Stati membri con risorse proprie delle Comunità; - un regolamento (CEE, EURATOM, CECA) recante applicazione della decisione del 21 aprile 1970 relativa alla sostituzione dei contri buti finanziari degli Stati mrmbri con risorse proprie delle ComQ nità (doc. 2 dicembre 1977 Relatore: on. NOTEMBOOM GIO/glg PE

16 La commissione per i bilanci, sulla base della motivazione di seguito riportata, sottopone al voto del Parlamento europeo la seguente proposta di risoluzione: A. PROPOSTA DI RISOLUZIONE sull'orientamento comune del Consiglio per quanto riguarda due regolamenti (nuovo regolamento 2/71, regolamento IVA) recanti applicazione della deci_ sione del 21 a prile 1970 sulle risorse proprie delle Comunità Il Pnrlame n t o europeo, - viste le proposte modificate della Commissione (doc. 274/77), -vista la sua risoluzione del 14 ottobre 1977 relativa a tali proposte (G.U. c 2 66/50) l visto l'orientamento comune del Consiglio del 21 novembre in merito a tali proposte (doc. vista la relazione della commissione per i bilanci (doc. - considerando, da un lato, l'accoglienza favorevole riservata dal Consiglio a talune osservazioni formulate dal Parlamento - ma anche il fatto che varie disposizion i contenute negli orientamenti comuni sono insufficienti; -considerando, d'<jltro canto, l'assoluta necessità di approvare entro il l 0 gennaio 1978 i reqolamenti volti ad instaurare il sistema delle risorse proprie ed a realizzare in tal modo l'autonomia finanziaria integrale delle comunità; l. Rinuncia per il momento ad avviare una procedura di concertazione con il ccnsiglio sui testi in questione; 2. Ritiene tuttavi a insufficienti le seguenti disposizioni: - art. 12, par. l del nuovo regolamento 2/71: la Commissione deve infatti disporre di un diritto di prelievo automatico sulle risorse proprie iscritte a suo conto presso le Tesorerie nazionali, poichè in caso con trario l'autonomia finanziaria delle Comunità sarebbe puramente illusoria, -art. l, 2 canma del Regolamento IVA: la modifica dell'aliquota dell'iva nel corso dell'esercizio (a seguito della presentazione di un bilancio suppletivo) deve aver luogo solo in caso d i forza maggiore; GIO/glg PE

17 3. Prende atto del fatto che secondo la Commissione gli orientamenti comuni del consiglio costituiscono una base accettabile - per lo meno in via provvisoria - per l'attuazione del sistema delle risorse proprie 4. Ritiene indispensabile che i testi in questione siano sottoposti - dopo un anno di esperienza - ad un nuovo esame da parte del Consiglio e del Parlamento, sulla base di una proposta della Commissione. o o o GIO/glg PE

18 B. MOTIVAZIONE l. L'8 settembre 1977 il Parlamento europeo è stato consultato sulle prq poste modificate della Commissione concernenti i due regolamenti in questiq ne. Esso ha espresso il suo parere il 14 ottobre (doc. 326/77). 2. Il 22 novembre 1977, il Consiglio ha adottato su questi testi un orien_ tamento comune che la commissione per i bilanci è stata immediatamente incari cata di esaminare, in particolare al fine di pronunciarsi sull'eventuale apertura di una procedura di concertazione con il Consiglio. o o Le osservazioni della commissione per i bilanci 3. La commissione per i bilanci ritiene che l'orientamento del Consiglio, pur riprendendo varie osservazioni avanzate dal Parlamento europeo, non è affatto soddisfacente per quanto riguarda diversi altri aspetti e costituisce una soluzione poco felice che tenta di venire incontro alle obiezioni ed alle reticenze manifestate dalle amministrazioni nazionali. 4. In particolare, la commissione per i bilanci ha ritenuto che la posiziq ne del Consiglio fosse assolutamente insufficiente sui due punti seguenti: - autonomia finanziaria effettiva della Commissione, vale a dire completa disponibilità per la Commissione delle risorse proprie delle Comunità, - indesiderabilità di una modifica nel corso dell'anno dell'aliquota dell' IVA, in seguito all'adozione di un bilancio suppletivo. La concertazione e la revisione dei testi 5. Nonostante queste obiezioni, la commissione per i bilanci ha ritenuto inopportuno avviare una procedura di concertazione con il Consiglio perchè tale procedura avrebbe provocato un ulteriore ritardo nell'adozione dei reqp lamenti - e si sarebbe rischiato di superare la data limite del 1 gennaio ru t tav.ia l a canmi.ssi one per i bi Lanci ritiene che questi regolamenti dovrnnno cofttltul rc'! oggetto (H un nuovo eflame -alla luce di un anno di NJperlr-mz a. tn l;11 modo, l'l'llltli:ly.lone dell'llutonomia finanziaria non Sétrà ritardata e il riesamc dei testi potrà essere effettuato in un'atmosfera più serena. o GIO/glg PE

19 PARlAMENTO EUROPEO PE/III/PV/GT/80-5 COMMISSIONE PER I BILANCI GRUPPO DI LAVORO "RISORSE PROPRIE" Processo verbale della riunione del 29 e 30 aprile 1980 BRUXELLES I N D I C E Pagina l. Approvazione del progetto di ordine del giorno (PE ) 3 2. Approvazione del processo verbale della riunione dell'8 aprile l 9 80 ( P E ) Approvazione del p r ogetto di relazione globale dell'on. Spinelli ( P E ) maggio 1980 Allegato: elenco di presenza TIL/d' Am (GIO) PE

20 La r iunio ne inizia alle sotto la presidenza dell'an. Spinelli, presidente. o o o l. Approvazi one del progetto di ordine del giorno (PE ) Il progetto di ord i ne del giorno è approvato senza modifiche. 2. Approvazione de l processo verbale della riunione del l '8 aprile 1980 (PE ) Il processo verbale è approvato senza modi fiche. 3. Approvazione del progetto di relazione globale dell'an. Spinelli (PE ) Il relatore propone d i esaminare il progetto di relazione capitolo per capitolo. Sul ~~E~~~~~ -Z relativo al meccanismo decisionale, vengono forniti dei chiarimenti dall'an. Arndt, il quale propone alcune modifiche di det taglio al paragrafo 36, nonché l'inclusione in allegato della tabella che figura nel suo documento di lavoro. L'on. Arndt fornisce parimenti alcuni chiarimenti sui due criteri di ponderazi one seguiti e in particolare su quello relativo al numero di abi tanti per Stato membro. Il paragrafo 36 così modificato è approvato. L'on. Arndt comunica al Gruppo di lavoro le sue osservazion i su vari paragrafi della risoluzione; chiede una modifica ai paragr afi lo e ll e si dichiara a favore della "versione B" per i paragrafi 33, 47 e 48. Il presidente riprende quindi l ' esame del progetto di re l azione comin ciando dal ~~E~~~~~-! Viene deciso di modificare il paragrafo 6 abolendo il riferimento a "alcuni settori agricoli". Gli altri paragrafi sono approvati. ~~E~~~~~-!! Il paragrafo 8 viene modificato in seguito all'intervento dell'an. Taylor. I paragrafi 10, ll e 12 sono altresì modificati per tener conto degli Ì.!J. terventi degli onn. Arndt, Taylor e Barbi. Il paragrafo 13 è approvato senza modifiche. TIL/Lom(GIO) PE

21 Al ~~~~~~!~-~!! il paragrafo 16 è modificato i n seguito all'interven to de l l'an. Ba_rb:i.:_ e il paragrafo 17 in seguito ad un 'osservazione dell'an. Nord. Per quanto riguarda il ~~~~~~!~-:!:~ l a discussione si svi luppa sul paragrafo 31. Vi prend ono parte gli cnn. Nord, Ansquer, Taylor, Spi nelli <~ Barbi. Viene deciso di sopprimere il paragrafo 31 b ) e di adottar e la "versione B" del p aragrafo 33. Gli argomenti a favore di quest a versione (ab.2_ lizione de.l massimale dell'iva) sono: - spetta al Gruppo avanzare proposte coraggiose anche se non sono cond ivi_ se d3lle altre istanze; l' abol izione del massimale dell'iva sarà una decisione difficile, ma è importante avviarne fin d'ora l ' iter; - la fissazio ne di un nuovo massimale provocherà ulteriori discussioni e negoziati non appena raggiunto. Su questo medesimo punto, è stato fatto notare che l'abolizione del mass imale: - rischia d i allarmare alcuni Stati membri, - r ischia di rallentare l a ricerca di risorse completamente nuove. o L'on. Norq_ illustra l a sua posizione sul capito l o VIII (finanziament o del bilancio a medio termi ne ) e manifesta i suoi dubbi sulla possibilità e l'opportunità di utilizzare l'imposta sul reddito de l le persone fisiche co me base d i una nuova risorsa c omunitaria. 4 7 e 48. Inoltre, egli si pronuncia a favore della "versione B" dei paragrafi o Per quanto rigua rda il ~~.!2~!:~.!:~ -~!!. s i apre una discussione sul cara.!:_ tere progressivo/regressivo dell'iva. Vi prendono parte g l i onn. Spinelli, Taylor e Barbi. Quest'ultimo sottolinea che la redistribuzione cos ì pro o sta non avrà effetti c onsiderevoli, ma permetterà di introdurre il principio di una forma di perequazione nel versamento delle risorse c omunitarie. 'ril/lom(gio) PE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 20.10.2004 COM(2004) 682 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO recante modifica dell articolo 3 della decisione 98/198/CE che autorizza il Regno Unito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la politica dei consumatori PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la politica dei consumatori PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la politica dei consumatori PROVVISORIO 2002/2260(INI) 6 marzo 2003 PROGETTO DI PARERE de la commissione per l'ambiente, la

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale)

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) di minoranza 4802 R2 17 novembre 1999 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) Il Consiglio

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 8 giugno 2001 DOCUMENTO DI LAVORO sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle macchine e

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA FEASR 2007-2013 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6007 del 29 novembre 2007 Proposta di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

Foglio interno per l informazione agli iscritti

Foglio interno per l informazione agli iscritti Marzo 2008 In allegato inviamo copia della circolare n. 2/2008 emessa dalla Cassa Mutua Nazionale per il Personale delle Banche di Credito Cooperativo ed avente per oggetto Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.107 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Pro Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS (Riforma dell imposta sulle successioni).

Dettagli

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 167/E Roma, 21 aprile 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212.- Applicabilità della Convenzione dello Stato di

Dettagli

OGGETTO: Gestione del contenzioso concernente la tassazione sulle pensioni corrisposte da organizzazioni internazionali

OGGETTO: Gestione del contenzioso concernente la tassazione sulle pensioni corrisposte da organizzazioni internazionali RISOLUZIONE N. 285/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma,16 dicembre 2009 OGGETTO: Gestione del contenzioso concernente la tassazione sulle pensioni corrisposte da organizzazioni internazionali

Dettagli

Indice DIRITTO TRIBUTARIO: LE IMPOSTE

Indice DIRITTO TRIBUTARIO: LE IMPOSTE XIII INDICE Premessa... Introduzione... V VII DIRITTO TRIBUTARIO: LE IMPOSTE Principali abbreviazioni... 3 Introduzione Le chiavi della fiscalita` 1. Lanozionediimposta... 5 2. Gli obiettivi dell imposta...................................

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi NEU NOUVEAU NUOVO NOVO 12.03.2009 Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi Entrato in vigore il 1 aprile 2009 Titolo I Disposizioni generali Articolo

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND

Dettagli

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067)

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067) Direttiva 96/69/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 ottobre 1996 che modifica la direttiva 70/220/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle misure

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 95 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore SUSTA) approvata nella seduta del 2 luglio 2015 SULLA PROPOSTA

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.10.2015 COM(2015) 549 final 2015/0255 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione da adottare, a nome dell'unione europea, nel Comitato europeo per

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10.

05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10. 05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10. Altre imposte 11. Accordi bilaterali Svizzera UE I dati contenuti

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

Incentivi fiscali olandesi

Incentivi fiscali olandesi attorneys at law Incentivi fiscali olandesi tax advisors + Il sistema fiscale olandese offre particolari agevolazioni e incentivi che lo rendono attraente per gli imprenditori italiani. Qualora siate intenzionati

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

LA REVISIONE DEI TRATTATI. Articolo 48 TUE

LA REVISIONE DEI TRATTATI. Articolo 48 TUE LA REVISIONE DEI TRATTATI Articolo 48 TUE 1. I trattati possono essere modificati conformemente a una procedura di revisione ordinaria. Possono inoltre essere modificati conformemente a procedure di revisione

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009 RISOLUZINE N. 267/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 Operazioni esenti IVA Attività di intermediazione relative

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi Il/la sottoscritto/a nato/a il Codice Fiscale residente

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XVIII n. 60 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore MOLINARI) approvata nella seduta pomeridiana del 16 aprile 2014 SULLA

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.2.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 36/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE, EURATOM) N. 105/2009 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Pag. 1/8. 3.2.5 Gestione... 6. 3.3 reclami... 7

Pag. 1/8. 3.2.5 Gestione... 6. 3.3 reclami... 7 Pag. 1/8 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Non Conformità... 2 3.1.1 Gestione delle Non conformità... 2 3.1.2 Identificazione... 3 3.1.3 Segnalazione...

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79

27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79 27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79 RELAZIONE sul rendiconto finanziario dell Ufficio comunitario delle varietà vegetali relativo all esercizio 2001, corredata delle risposte

Dettagli

1. CHI PUO PRESENTARE DOMANDA

1. CHI PUO PRESENTARE DOMANDA Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE PARTE GENERALE 1. Disposizioni fondamentali................................... 3 1.1. Costituzione della Repubblica Italiana.................... 3 1.2. Trattato sul funzionamento dell Unione europea (Artt.

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo. Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo. Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO FSE Obiettivo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 53/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 27 maggio 2015 OGGETTO: Questioni controverse in materia di rideterminazione del valore di acquisto dei terreni. Orientamenti giurisprudenziali

Dettagli

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Consultazione pubblica relativa allo schema recante recepimento della direttiva 2009/110/CE e, concernente l avvio, l esercizio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.050 Messaggio concernente una modifica della legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (nuove prescrizioni in materia di investimenti del Fondo di compensazione dell AVS)

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

L ANNO SCORSO LE IMPOSTE PATRIMONIALI CI SONO COSTATE 41,5 MILIARDI DI EURO

L ANNO SCORSO LE IMPOSTE PATRIMONIALI CI SONO COSTATE 41,5 MILIARDI DI EURO L ANNO SCORSO LE IMPOSTE PATRIMONIALI CI SONO COSTATE 41,5 MILIARDI DI EURO Bortolussi: Con l introduzione della Tasi, nel 2014 ritorneremo a pagare quanto versato nel 2012: attorno ai 44 miliardi ====================================================

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI... 4 LA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/DF. Il citato comma 380 dell art. 1 della legge di stabilità per l anno 2013 alla:

RISOLUZIONE N. 5/DF. Il citato comma 380 dell art. 1 della legge di stabilità per l anno 2013 alla: RISOLUZIONE N. 5/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 28 marzo 2013 DIREZIONE LEGISLAZIONE TRIBUTARIA E FEDERALISMO FISCALE UFFICIO XII PROT. N. 5534 OGGETTO: Imposta

Dettagli