SEZIONE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI DELL ENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI DELL ENTE"

Transcript

1 SEZIONE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI DELL ENTE

2 1.1 - POPOLAZIONE POPOLAZIONE LEGALE AL CENSIMENTO 2011 (DATI PROVVISORI) n POPOLAZIONE RESIDENTE AL 31/12/2013 (art. 110 D.L.vo 77/95) di cui: - maschi - femmine n n POPOLAZIONE SCOLASTICA ISCRITTA ALLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI di competenza provinciale N N LIVELLO DI ISTRUZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE: Censimento della Popolazione 2011: popolazione residente di 6 anni o più e sua composizione percentuale: Titolo di studio Pop 6 anni e più Comp. % Laurea ,83% Diploma universitario o terziario di tipo non universitario 464 0,23% Diploma di scuola secondaria superiore ,01% Licenza di scuola media inferiore o di avviamento professionale ,89% Licenza di scuola elementare ,65% Alfabeti privi di titolo di studio ,10% Analfabeti 575 0,29% Popolazione residente di 6 anni o più ,00% Fonte dati: ISTAT Censimento Popolazione CONDIZIONE SOCIO-ECONOMICA DELLE FAMIGLIE: La condizione socio-economica delle famiglie bellunesi risulta ulteriormente peggiorata a causa del perdurare della fase negativa della congiuntura. Il numero dei disoccupati continua a crescere e ha raggiunto a marzo 2014 i disoccupati. Dopo qualche segnale di ripresa l'economia provinciale è tornata ad essere stagnante e, salvo qualche comparto industriale, la situazione se continuasse a perdura avrebbe pesanti conseguenze sul tessuto socio-economico provinciale. Gli ammortizzatori sociali continuano ad essere massicciamente utilizzati e vi è il rischio che al loro termine producano altra disoccupazione. La situazione resta difficile e in conseguenza della diminuzione del reddito si registra una diminuzione dei consumi. Questo quadro delinea una situazione in cui il disagio sociale sta crescendo in misura consistente. Il perdurare di questo quadro sta cambiando strutturalmente l economia provinciale e sta accelerando quel fenomeno di spopolamento della montagna con pesanti conseguenze per la parte nord della Provincia. Sarà opportuno monitorare con costanza la situazione sociale e congiunturale. n. di famiglie ; n. convivenze 123; n. medio di componenti per famiglia 2,19 (Aggiornamenti al 31/12/2013)

3 1.2 - TERRITORIO SUPERFICIE IN KMQ: STRADE - Statali Km. - Provinciali Km Km 330 di ex statali in gestione alla Veneto Strade S.p.A. + Km 200 di strade regionali - Comunali Km. - Autostrade Km STRUMENTI PROGRAMMAZIONE SOCIO-ECONOMICA (SPECIFICARE) Piano Territoriale Provinciale di Coordinamento STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE (SPECIFICARE) Piano Territoriale Provinciale di Coordinamento.

4 1.3 - SERVIZI PERSONALE CATEGORIA PREVISTI IN DOTAZIONE ORGANICA N IN SERVIZIO NUMERO CATEGORIA PREVISTI IN DOTAZIONE ORGANICA N IN SERVIZIO NUMERO Segretario Generale 0 1 C Direttore Generale 0 0 B (ex 5 q.f.) Dirigenti 6 6 B (ex 4 q.f.) D (ex 8 q.f.) A 1 1 D (ex 7 q.f.) PERSONALE AL DELL ANNO PRECEDENTE L ESERCIZIO IN CORSO a tempo indeterminato n. 250 a tempo determinato n. 13 di cui 13 LSU in comando verso altri enti n. 4 in comando da altri enti n. 1 in convenzione art.14 da altri enti n AREA TECNICA AREA ECONOMICO FINANZIARIA CATEGORIA PROFILO PROFESSIONALE N PREV. D.O. N. IN SERVIZIO CATEGORIA PROFILO PROFESSIONALE N PREV. D.O. Dirigente Dirigente 1 1 Dirigente Dirigente 1 1 D Funzionario Tecnico 5 5 D Funzionario Amministrativo Contabile 1 1 D Funzionario Amministrativo 1 1 D Specialista Amministrativo Contabile 6 6 D Specialista Tecnico C Istruttore Amministrativo Contabile 3 3 D Specialista Amministrativo Contabile 6 6 B Collaboratore amministrativo 1 1 C Istruttore Tecnico B Collaboratore terminalista 1 1 C Istruttore Amministrativo Contabile 7 8 B Autista manutentore 2 1 B Collaboratore Terminalista 5 5 Coordin. operatori addetti ai servizi di pulizia 1 1 B Operaio professionale 1 2 Operatore addetto ai servizi di pulizia 0 7 CATEGORIA AREA DI VIGILANZA AREA DEMOGRAFICA/STATISTICA PROFILO PROFESSIONALE N PREV. D.O. N. IN SERVIZIO CATEGORIA PROFILO PROFESSIONALE N PREV. D.O. Dirigente Dirigente 1 1 D Specialista Amministrativo contabile 2 2 D Funzionario - Ispettore C.P.P. 4 4 D Ispettore C.P.P. 1 1 C Agente Corpo Polizia Provinciale N. IN SERVIZIO N. IN SERVIZIO NOTA: per le aree non inserite non devono essere fornite notizie sui dati del personale. In caso di attività promiscua deve essere scelta l area di attività prevalente.

5 STRUTTURE TIPOLOGIA ESERCIZIO IN CORSO PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno STRUTTURE SCOLASTICHE AL n. 34 posti n posti n posti n posti n SCUOLE SECONDARIE TECNICHE n. 10 posti n posti n posti n posti n SCUOLE SECONDARIE SCIENTIFICHE n. 5 posti n posti n posti n posti n ALTRE SCUOLE DI COMPETENZA PROVINCIALE n. 19 posti n posti n posti n posti n MEZZI OPERATIVI n 11 n 11 n 11 n VEICOLI n 44 n 44 n 44 n CENTRO ELABORAZIONE DATI Si X no Si X no Si X no Si X no PERSONAL COMPUTER 326 Desktop 71 Notebook 326 Desktop 71 Notebook 326 Desktop 71 Notebook 326 Desktop 71 Notebook ALTRE STRUTTURE (SPECIFICARE)

6 ORGANISMI GESTIONALI ESERCIZIO IN CORSO PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno CONSORZI n - n - n - n AZIENDE n - n - n - n ISTITUZIONI n 2 n 2 n 2 n SOCIETÀ DI CAPITALI n 7 n 6 n 6 n CONCESSIONI n - n - n - n DENOMINAZIONE CONSORZIO/I COMUNE/I ASSOCIATO/I (INDICARE IL N. TOT. E NOMI) DENOMINAZIONE AZIENDA ENTE/I ASSOCIATO/I DENOMINAZIONE ISTITUZIONE/I 1) Gruppo di Azione Locale GAL 2 Prealpi e Dolomiti 2) Gruppo di Azione Locale GAL 1 Alto Bellunese ENTE/I ASSOCIATO/I 1. Unione Montana Val Belluna, Unione Montana Alpago, Unione Montana Cadore-Longaronese-Zoldo, Unione Montana Feltrina, Unione Montana Agordina, CCIAA Belluno, Provincia di Belluno, Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, Veneto Agricoltura, Assindustria Belluno, ASCOM, Unione Artigiani di Belluno, APPIA Belluno, Federazione provinciale Coldiretti di Belluno, Confederazione Italiana Agricoltura di Belluno, Unione Provinciale Agricoltori. 2. Magnifica Comunità di Cadore, Unione Montana Agordina, Comunità Montana Centro Cadore, Unione Montana Comelico e Sappada, Unione Montana Cadore- Longaronese-Zoldo, Unione Montana Valle del Boite, Provincia di Belluno, CONFAGRICOLTURA BELLUNO, UNIONE ARTIGIANI E PICCOLA INDUSTRIA CONFARTIGIANATO DI BELLUNO, A.P.P.I.A. - Associazione Provinciale Piccola Industria Artigianato di Belluno, ASCOM - Associazione del Commercio Turismo Servizi e Piccole e Medie Imprese della Provincia di Belluno, ASSINDUSTRIA - Associazione Industriali della Provincia di Belluno, COLDIRETTI DI BELLUNO DENOMINAZIONE SOCIETÀ 1. Veneto Strade S.p.A. 2. Longarone Fiere S.R.L. 3. Ski College Veneto S.r.l. 4. Certottica S.c.r.l 5. La Dolomiti Ambiente S.p.A. 6. Dolomitibus S.p.A. 7. Alta Val Comelico S.R.L. IN LIQUIDAZIONE

7 ENTE/I ASSOCIATO/I 1. Regione Veneto, Provincia di Belluno (7,14%), Provincia di Padova, Provincia di Rovigo, Provincia di Treviso, Provincia di Venezia, Provincia di Verona, Provincia di Vicenza, Società per azioni Autovie Venete (SAAV), A4 Holding S.p.A., Società delle Autostrade serenissima S.p.A., Autostrade per l'italia S.p.A. 2. Comune di Longarone, Provincia di Belluno (16,92%), Unione Montana Cadore Longaronese Zoldo, C.C.I.A.A. di Belluno, Associazione PRO Loco Longarone, UNITEIS (Unione Gelatieri Artigiani Italiani), Associazione Industriali Provincia di Belluno, Veneto Agricoltura, Ascom Servizi Belluno S.c.r.l., Unione Artigiani Provincia di Belluno, Appia Servizi S.r.l., Confartigianato imprese Belluno, FRAV - Federazione Regionale Artigianato Veneto, Federazione provinciale Coldiretti, Confagricoltura Belluno. 3. Provincia di Belluno (25%), Società Veneziana Edilizia Canalgrande S.p.A., Unione Montana Agordina, Associazione genitori pro ski college, Comune di Falcade. 4. ANFAO (Ass. Naz. Fabbricanti Articoli Ottici), Veneto Innovazione S.p.A., Provincia di Belluno (5,01%), Associazione Industriali Provincia Belluno, CCIAA Padova, CCIAA Belluno, CCIAA Treviso, Consorzio BIM Piave, Associazione Prov.le Picc.Ind.Artigianato (APPIA) Belluno, Federazione Regionale Artigianato Veneto, Fondazione Pietro Barberini, Associazione Industriali Provincia Treviso, CCIAA Varese, Federottica, CCIAA Venezia, Unione Montana Cadore-Longaronese-Zoldano, Comunità Montana Centro Cadore, Comune di Longarone, Parco Scientifico e Tecnologico Galileo, Associazione Italiana Ottici, Confederazione Associazioni di Ottica e Optometria Italiane (CONFAOI), CCIAA Vicenza 5. Provincia di Belluno (84,79%), BIM Gestione servizi pubblici S.p.A., Acegasapsamga S.p.A. 6. Provincia di Belluno (60,50%), Mattioli Federico, La Linea S.p.A., Veneta Bus S.r.l. 7. I soci sono 631 tra persone fisiche ed Enti vari. La Provincia di Belluno detiene lo 0,00015% del capitale sociale. (partecipazione derivante dalla gestione dei compiti degli ex-apt) SERVIZI GESTITI IN CONCESSIONE SOGGETTI CHE SVOLGONO I SERVIZI ALTRO (SPECIFICARE)

8 ACCORDI DI PROGRAMMA E ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA bis - ACCORDO DI PROGRAMMA Oggetto: ATTUAZIONE LEGGE 12 MARZO 1999, N NORME PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Altri soggetti partecipanti: ULSS n. 1 e n. 2 - Conferenze dei Sindaci di Belluno e Feltre Impegni di mezzi finanziari: Durata dell accordo: quinquennale L accordo è: - in corso di definizione - già operativo: X Se già operativo indicare la data di sottoscrizione: PATTO TERRITORIALE Oggetto: PATTO TERRITORIALE DI CONCERTAZIONE DEL CENTRO CADORE Altri soggetti partecipanti: Regione Veneto, C.C.I.A.A., Istituti di Credito, Unione Artigiani, APPIA, ASCOM, Associazione Industriali, CGIL, CISL, UIL, Eurobic Dolomiti, Comunità Montana Centro Cadore, Comuni di Auronzo di Cadore, Calalzo, Domegge di Cadore, Lozzo di Cadore, Lorenzago di Cadore, Perarolo di Cadore, Pieve di Cadore, Valle di Cadore, Vigo di Cadore. Impegni di mezzi finanziari: Durata del Patto territoriale Il patto territoriale è: - in corso di definizione - già operativo: X Se già operativo indicare la data di sottoscrizione:

9 ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA (specificare) Oggetto: INTESA PROGRAMMATICA D AREA DOLOMITI VENETE Altri soggetti partecipanti: Regione Veneto, Provincia Belluno, C.M. Agordina, C.M. Cadore Longaronese Zoldo, C.M. Centro Cadore, C.M. Comelico Sappada, C.M. Valle del Boite, Agordo, Alleghe, Borca di C., Canale d Agordo, Castellavazzo, Cencenighe A., Cibiana di C., Colle Santa L., Cortina d Ampezzo.,Falcade, Forno di Zoldo, Gosaldo, La Valle A., Livinallongo del Col di Lana, Longarone, Ospitale di C., Rivamonte Agordino, Rocca Pietore, San Tomaso A., San Vito di C., Selva di C., Soverzene, Taibon Agordino, Vallada A., Vodo di C. Voltago A., Zoldo Alto, Zoppè di C., Comelico Superiore, Danta di C., S. Nicolò di C., San Pietro di C., Santo Stefano di C., Sappada, Auronzo di Cadore, Calalzo di C., Domegge di C., Lorenzago di C., Lozzo di C., Perarolo di C., Pieve di C., Valle di C., Vigo di C., Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Belluno, Associazione del Commercio, Turismo, Servizi e PMI della Provincia di Belluno (ASCOM),CGIL- Confederazione Italiana Sindacati dei Lavoratori CISL Belluno, UIL, Associazione fra gli Industriali della Provincia di Belluno, Unione provinciale degli agricoltori, Federazione provinciale coltivatori diretti di Belluno, Unione provinciale Cooperative di Belluno, APPIA di Belluno_ CNA, Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno, ENAIP Veneto, Lega Cooperative Veneto, ARFACO (Regole del Comelico), UNICREDIT BANCA spa, Banca Popolare dell'alto Adige, Soc. Cop. Ar. L, Consorzio Turistico Comelico Sappada. Impegni di mezzi finanziari Durata del Patto territoriale Il patto territoriale è: - in corso di definizione - già operativo: X Se già operativo indicare la data di sottoscrizione: bis - ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA (specificare) Oggetto: PATTO TERRITORIALE DI SVILUPPO DEL COMPRENSORIO FELTRINO Altri soggetti partecipanti: Regione Veneto, Comunità Montana Feltrina, C.C.I.A.A., Associazione Industriali, Unione Artigiani, APPIA, ASCOM,, CGIL, CISL, UIL, Eurobic Dolomiti, Comuni di Feltre, Alano di Piave Arsiè, Cesiomaggiore, Fonzaso, Lamon, Pedavena, Quero, Seren del Grappa, S. Gregorio nelle Alpi, S. Giustina, Sovramonte, Vas. Impegni di mezzi finanziari Durata del Patto territoriale Il patto territoriale è: - in corso di definizione - già operativo: X Se già operativo indicare la data di sottoscrizione:

10 ter - ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA (specificare) Oggetto: INTESA PROGRAMMATICA D AREA PREALPI BELLUNESI Altri soggetti partecipanti: Comunità Montana Val Belluna, Comune di Lentiai, Comune di Limana, Comune di Mel,Comune di Sedico, Comune di Sospirolo, Comune di Trichiana, Comune di Chies d Alpago, Comune di Farra d Alpago, Comune di Pieve d Alpago, Comune di Puos d Alpago, Comune di Tambre d Alpago, Comune di Ponte nelle Alpi, Comune di Alano di Piave, Comune di Arsié, Comune di Cesiomaggiore, Comune di Feltre, Comune di Fonzaso, Comune di Lamon, Comune di Pedavena, Comune di Quero, Comune di San Gregorio nelle Alpi, Comune di Santa Giustina, Comune di Seren del Grappa, Comune di Sovramonte, Comune di Vas, Comune di Belluno, Comunità Montana dell Alpago, Comunità Montana Feltrina, Comunità Montana Bellunese Belluno Ponte nelle Alpi, Provincia di Belluno, Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano (BIM) del Piave, Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno, Associazione Provinciale Piccola Industria e Artigianato (APPIA) di Belluno CNA, Associazione del Commercio, Turismo, Servizi e PMI della Provincia di Belluno (ASCOM), Associazione fra gli Industriali della Provincia di Belluno Confindustria Belluno Dolomiti, Confederazione Italiana Agricoltori (C.I.A.), Confagricoltura Belluno, Confederazione Italiana Sindacati dei Lavoratori CISL Belluno, Associazione Gruppo di Azione Locale (GAL) Prealpi e Dolomiti Impegni di mezzi finanziari Durata dell IPA: lo scioglimento verrà deliberato dalla maggioranza dei sottoscrittori Il patto territoriale è: - in corso di definizione - già operativo: X Se già operativo indicare la data di sottoscrizione:

11 FUNZIONI ESERCITATE SU DELEGA FUNZIONI E SERVIZI DELEGATI DALLO STATO - Riferimenti normativi - Funzioni o servizi - Trasferimenti di mezzi finanziari - Unità di personale trasferito - Riferimenti normativi - Funzioni o servizi - Trasferimenti di mezzi finanziari - Unità di personale trasferito FUNZIONI E SERVIZI DELEGATI DALLA REGIONE - Riferimenti normativi LL. RR. - Funzioni o servizi - Trasferimenti di mezzi finanziari - Unità di personale trasferito - Riferimenti normativi - Funzioni o servizi - Trasferimenti di mezzi finanziari - Unità di personale trasferito VALUTAZIONI IN ORDINE ALLA CONGRUITÀ TRA FUNZIONI DELEGATE E RISORSE ATTRIBUITE

12 1.4- ECONOMIA INSEDIATA

13 Distribuzione per provincia delle imprese registrate per branca di attività economica ATECO Situazione al Province e regioni Agricoltura, Silvicoltura, pesca Industria in senso stretto Servizi Non Costruzioni Commercio alloggio e Altri servizi Totale classificate ristorazione Verona Vicenza Be lluno Treviso Venezia Padova Rovigo VENETO Fonte dati: CCIAA di Belluno

14 SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

15 VALUTAZIONE, PER OGNI TRIBUTO, DEI CESPITI IMPONIBILI, DELLA LORO EVOLUZIONE NEL TEMPO, DEI MEZZI UTILIZZATI PER ACCERTARLI. La Provincia ha la titolarità e la gestione delle seguenti entrate di natura tributaria: 1.l imposta provinciale di trascrizione (Ipt); 2.il tributo speciale per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell ambiente; 3.l imposta provinciale sui prezzi dell assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti (RC Auto); 4.il fondo sperimentale statale di riequilibrio. Di seguito viene illustrata la valutazione, per ogni tributo, dei cespiti imponibili, della loro evoluzione nel tempo, dei mezzi utilizzati per accertarli. Tributo per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell ambiente. L articolo 19 del Decreto Legislativo 30/12/1992, n. 504, stabilisce: 1. è istituito, a decorrere dal 1 gennaio 1993, un tributo annuale a favore delle province 3. Con delibera.. il tributo è determinato in misura non inferiore all 1 per cento né superiore al 5 per cento delle tariffe per unità di superficie stabilite ai fini della tassa di cui al comma 2 ( tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ) Il tributo è liquidato e iscritto a ruolo dai comuni contestualmente alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani 7. L ammontare del tributo, riscosso in uno alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, previa deduzione della corrispondente quota del compenso della riscossione, è versato dal concessionario direttamente alla tesoreria della provincia. Dal 1999 l'aliquota del tributo in oggetto è fissata nella misura del 5%. Per l esercizio 2015 con atto del Presidente n.19 del , ai sensi del combinato disposto dell art. 42 e 48 del D.lgs. n. 267/2000 (T.U. degli EE.LL.), è stata deliberata la conferma della misura del tributo per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell ambiente nella misura del 5% della tassa o tariffa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. La conferma della misura massima del tributo si è resa necessaria per garantire all Ente le risorse finanziarie indispensabili per garantire il finanziamento delle funzioni e servizi indispensabili ed obbligatori dell'ente. La legge 147/2013 ha riformato il fisco locale istituendo la IUC (Imposta Unica Comunale) che ha come sua componente anche la TARI (tassa rifiuti). Il tributo ambientale viene corrisposto unitamente alla TARI ai sensi dell art. 19, commi 5 e 7, del D.Lgs. n.504/92. Per il prossimo triennio sono previsti i seguenti importi, tenuto conto della sopra citata necessità di riconfermare la misura del 5% del tributo provinciale di cui trattasi e della presunta evoluzione del relativo gettito nel corso del triennio: per l anno 2015, euro ,00 per l anno 2016, euro ,00 per l anno 2017, euro ,00 Imposta provinciale di trascrizione. L articolo 56 del D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, stabilisce: 1. le province possono, con regolamento adottato a norma dell articolo 52, istituire l imposta provinciale sulle formalità di trascrizione, iscrizione ed annotazione dei veicoli richieste al pubblico registro automobilistico. 2. L imposta è applicata sulla base di apposita tariffa determinata secondo le modalità di cui al comma 11, le cui misure potranno essere aumentate fino ad un massimo del venti per cento (portato al 30% dal comma 154 art. 1 della legge n. 296/2006). 4. Con lo stesso regolamento di cui al comma 1, le province disciplinano la liquidazione, la riscossione e la contabilizzazione dell imposta provinciale di trascrizione e i relativi controlli, nonché l applicazione delle sanzioni per l omesso o il ritardato pagamento dell imposta stessa in misura non inferiore ad una volta né superiore a quattro volte l imposta dovuta. Detti adempimenti sono affidati allo stesso concessionario della riscossione delle tassa automobilistiche il quale riversa alla tesoreria di ciascuna provincia. Dall esercizio finanziario 2000 l Ente ha dovuto ricorrere, per necessità di bilancio, all applicazione dell incremento pari al 20% della tariffa IPT. Il comma 6 dell'art.17 del d.lgs n.68/2011 prevede che con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, adottato ai sensi dell'articolo 56, comma 11, del citato decreto legislativo n. 446 del 1997, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto medesimo, sono modificate le misure dell'imposta provinciale di trascrizione (IPT) di cui al decreto ministeriale 27 novembre 1998, n. 435, in modo che sia soppressa la previsione specifica relativa alla tariffa per gli atti soggetti a I.V.A. e la relativa misura dell'imposta sia determinata secondo i criteri vigenti per gli atti non soggetti ad IVA. Dal l'art.1, comma 12, del D.L. n.138/2011 convertito con legge n.148/2011, ha soppresso la misura della tariffa per gli atti soggetti ad IVA di cui all'articolo 17, comma 6, del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, nella tabella allegata al decreto ministeriale 27 novembre 1998, n. 435, recante «Regolamento recante norme di attuazione dell'articolo 56, comma 11, del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, per la determinazione delle misure dell'imposta provinciale di trascrizione», con efficacia a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione anche in assenza del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze di cui al citato articolo 17, comma 6, del decreto legislativo n. 68 del 2011; pertanto per gli atti soggetti ad IVA, le misure dell'imposta provinciale di trascrizione sono determinate secondo quanto previsto per gli atti non soggetti ad IVA.

16 Con atto del Presidente n.21 del è stata confermata la misura del 30% della tariffa base dell'imposta. Gli importi stanziati nel 2015 e anni seguenti sono stati determinati in base agli incassi del 2013 e 2014 (anni in cui l incasso avviene con il passaggio dell aliquota dal 20% al 30%) che già tengono conto del passaggio da tariffa fissa a tariffa proporzionale per gli atti commerciali e dell'incremento dovuto alla maggiorazione del 30% sulla tariffa base. In base alle suesposte considerazioni, per il prossimo triennio sono previsti i seguenti importi: per l anno 2015, euro ,00 per l anno 2016, euro ,00 per l anno 2017, euro ,00 Imposta provinciale sulle assicurazioni contro la responsabilità civile autoveicoli. L articolo 60 del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, stabilisce: 1. Il gettito dell imposta sulle assicurazione contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. è attribuito alle province dove hanno sede i pubblici registri automobilistici nei quali i veicoli sono iscritti 5. Le disposizioni del presente articolo hanno effetto dal 1 gennaio Il comma 2 dell'art.17 del d.lgs n.68/2011 stabilisce che l'aliquota dell'imposta di cui al comma 1 e' pari al 12,5 per cento e che a decorrere dall'anno 2011 le province possono aumentare o diminuire l'aliquota in misura non superiore a 3,5 punti percentuali. La Giunta con deliberazione n.136 del , preso atto delle recenti riduzioni ai trasferimenti statali e al fine di poter garantire le necessarie risorse per il finanziamento delle funzioni e servizi indispensabili dell ente, ha deciso di aumentare l'aliquota dell'imposta nella misura di 3,5 punti percentuali. Tale misura è stata confermata con atto del Presidente n.20 del anche per il In base alle suesposte considerazioni, per il prossimo triennio : per l anno 2015, euro ,00 per l anno 2016, euro ,00 per l anno 2017, euro ,00 Fondo sperimentale statale di riequilibrio I trasferimenti dello Stato (Fondo Sperimentale di Riequilibrio) sono stati complessivamente determinati secondo le norme vigenti ed i dati pubblicati sul sito internet del Ministero dell Interno per il 2014 e tenendo conto delle riduzioni previste dal comma 7 dell articolo 16 del D.L. n.95/2012 (con una riduzione di milioni di euro rispetto al 2011) nonché dell'applicazione del comma 1 dell'art. 47 del D.L. n.66/2014 convertito con legge n.89/2014 secondo il quale le province, a valere sui risparmi connessi alle misure di cui al comma 2 e all'articolo 19 (che ha inserito all'art. 1 della legge n.56/2014, il comma 150-bis in base al quale le Province, per minori costi degli organi istituzionali, assicurano un contributo alla finanza pubblica pari a 100 milioni di euro per l'anno 2014, a 60 milioni di euro per l'anno 2015 e a 69 milioni di euro a decorrere dall'anno 2016), nelle more dell'emanazione del Decreto del Presidente del Consiglio di cui al comma 92 dell'articolo 1 della medesima legge 7 aprile 2014, n. 56, assicurano un contributo alla finanza pubblica di 576,7 milioni di euro per l'anno 2015 e di 585,7 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016 e Il fondo sperimentale di riequilibrio viene calcolato e ripartito tenendo conto delle spettanze figurative dei trasferimenti fiscalizzati all'l , partendo dalle spettanze dei trasferimenti dell'anno 2011 e tenendo conto delle riduzioni disposte dal D.L. n. 201/2011 e dal D.L. n. 95/ ILLUSTRAZIONE DELLE ALIQUOTE APPLICATE E DIMOSTRAZIONE DELLA CONGRUITÀ DEL GETTITO ISCRITTO PER CIASCUNA RISORSA NEL TRIENNIO IN RAPPORTO AI CESPITI IMPONIBILI.

17 Α.Tributo per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell ambiente. Per le considerazioni espresse al punto è programmata per il prossimo triennio la riconferma dell applicazione del tributo di cui trattasi nella misura pari al 5%. Il gettito stimato per il 2015 si mantiene in linea rispetto all importo del In relazione a ciò, il gettito previsto al punto per il triennio 2015/2017, è congruo. In relazione alle varie scelte tariffarie che verranno adottate dai Comuni sulla IUC verranno successivamente adottate le eventuali correzioni degli stanziamenti. Β.Imposta provinciale di trascrizione. Per le considerazioni espresse al punto , è previsto il mantenimento del trend di gettito. Alla luce delle modifiche introdotte dall'art.17 del d.lgs n.68/2011 e delle riscossione del 2014, il gettito previsto al punto per il triennio 2015/2017, è congruo. C. Imposta provinciale sulle assicurazioni contro la responsabilità civile autoveicoli Il gettito, previsto al punto per il prossimo triennio è congruo in relazione alla conferma dell'incremento della misura dell'imposta di 3,5 p.p. applicato ai sensi dell'art.17 del d.lgs n.68/2011 e al trend delle riscossioni D. Tassa per l occupazione di spazi ed aree pubbliche e del sottosuolo La tassa non viene applicata (si veda quanto indicato al precedente punto ). E. Fondo sperimentale statale di riequilibrio Le entrate sono state determinate in base ai dati resi disponibili sul sito del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell'interno INDICAZIONE DEL NOME, DEL COGNOME E DELLA POSIZIONE DEI RESPONSABILI DEI SINGOLI TRIBUTI. A. Tributo per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell ambiente Responsabile: il Capo Settore Risorse Umane ed Economiche Dott. Gianni De Bastiani. B. Imposta provinciale di trascrizione Responsabile: il Capo Settore Risorse Umane ed Economiche Dott. Gianni De Bastiani. C. Imposta provinciale sulle assicurazioni contro la responsabilità civile autoveicoli Responsabile: il Capo Settore Risorse Umane ed Economiche Dott. Gianni De Bastiani. D. Fondo sperimentale statale di riequilibrio Responsabile: il Capo Settore Risorse Umane ed Economiche Dott. Gianni De Bastiani ALTRE CONSIDERAZIONI E VINCOLI. A.Addizionale provinciale sul consumo dell energia elettrica. --- B.Tributo per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell ambiente -- C.Imposta provinciale di trascrizione -- D.Imposta provinciale sulle assicurazioni contro la responsabilità civile autoveicoli ---

18 E.Addizionale provinciale all IRPEF --- F.Tassa per l occupazione di spazi ed aree pubbliche e del sottosuolo --- G.Compartecipazione al gettito dell imposta regionale sulle attività produttive ---

19 VALUTAZIONE DEI TRASFERIMENTI ERARIALI PROGRAMMATI IN RAPPORTO AI TRASFERIMENTI MEDI NAZIONALI E REGIONALI. L articolo 18 del d.lgs n.68/2011 ha soppresso dal 2012 i trasferimenti statali di parte corrente e, ove non finanziati tramite il ricorso all indebitamento, in conto capitale, aventi carattere di generalità e permanenza. I trasferimenti statali sono sostituiti dal fondo sperimentale di riequilibrio alimentato dalla compartecipazione provinciale all'irpef di cui all'articolo 31, comma 8, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 la cui misura viene fissata in modo tale da assicurare entrate corrispondenti ai trasferimenti statali soppressi ed alle entrate derivanti dalla addizionale provinciale sull'accisa dell'energia elettrica parimenti soppressa dal medesimo art.18. Nel dettaglio i vari contributi statali fiscalizzati sono stati individuati nel documento approvato dalla Commissione tecnica paritetica per l'attuazione del federalismo fiscale in data Non è stato fiscalizzato e quindi non è confluito nel fondo statale di riequilibrio il fondo sviluppo investimenti. Contributo per l ammortamento dei mutui per investimenti: il fondo sviluppo investimenti è determinato annualmente nella misura necessaria all'attribuzione dei contributi sulle rate di ammortamento dei mutui ancora in essere CONSIDERAZIONI SUI TRASFERIMENTI REGIONALI IN RAPPORTO ALLE FUNZIONI DELEGATE O TRASFERITE, AI PIANI O PROGRAMMI REGIONALI DI SETTORE. Compartecipazione alle tasse di concessione regionale L articolo 35 della legge regionale n. 19/98, così come modificato dall art. 43 della legge regionale 22 febbraio 1999, n. 7, dispone che, per il finanziamento delle funzioni attribuite alle Province, la Regione è tenuta a riversare alle Amministrazioni Provinciali l importo introitato dai proventi delle tasse di concessione regionale (licenze di pesca) nella misura minima dell ottanta per cento a partire dall esercizio Con la legge regionale 9 dicembre 1993, n. 50, sono state stabilite le norme per la protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio. L articolo 39 della medesima legge dispone che i proventi delle tasse sulle concessioni regionali in materia venatoria siano corrisposti alla Provincia per la quota dell 80%. In relazione alle note della Regione del Veneto (materia venatoria) e (licenze di pesca) viene previsto per il triennio l importo di euro ,00 euro. Quota del fondo per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria (legge regionale 1/9/1995, n. 39) Attualmente non è previsto alcuno stanziamento di entrata considerato che la Regione Veneto non ha ancora provveduto a comunicare alla Provincia le eventuali spettanze. Pertanto si provvederà successivamente all eventuale iscrizione in bilancio degli importi assegnati dalla Regione Veneto alla Provincia di Belluno perché questo Ente provveda al risarcimento dei danni arrecati a privati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria. Contributi regionali per l attuazione del sistema bibliotecario provinciale In base a specifico provvedimento della Regione viene iscritto solo per il 2015 l'entrata di ,00 euro.

20 Contributi regionali per la promozione di attività artistiche, musicali e teatrali (legge regionale 5/9/1989, n. 52) Non viene iscritta alcuna l'entrata per il triennio 2015/2017. Quota del tributo speciale per il deposito dei rifiuti in discarica Non è prevista alcuna l'entrata per il triennio 2015/2017, verrà inserito eventualmente in corso di esercizio in base a specifici provvedimenti della Regione. Contributo regionale per progetti vari della pesca Per il triennio 2015/2017 non vengono stanziati importi in assenza di comunicazioni ufficiali della Regione Veneto. Trasferimento regionale per i trasporti La somma stanziata di ,00 tiene conto degli importi assegnati in via provvisoria per il 2014 dalla Regione Veneto per i servizi minimi del TPL. Lo stesso importo viene confermato anche per tutto il triennio. Contributo regionale per le politiche del lavoro Per il triennio 2015/2017 non vengono stanziati importi in assenza di comunicazioni ufficiali della Regione Veneto. Contributi della Regione per l ufficio provinciale per il Turismo Il comma 3 dell art.31 della L.R. n.11/2001, a decorrere dal 1 gennaio 2002, ha disposto la soppressione delle Aziende di promozione turistica istituite ai sensi della legge regionale 16 marzo 1994, n. 13. A partire dall'esercizio finanziario 2002 la Regione concorre al finanziamento delle funzioni trasferite e delegate mediante l'istituzione di un apposito stanziamento nel bilancio annuale e pluriennale denominato Trasferimento alle province per il funzionamento ed il finanziamento delle attività di promozione ed informazione locale. L Amministrazione provinciale determina il contributo predetto in base ai dati comunicati dalla Regione. L art. 21 della L.R. n.11/2013 conferisce alla Provincia di Belluno le funzioni e le risorse nel settore del turismo, mantenendo alla Regione solo le competenze attinenti all unitario esercizio a livello regionale. Il citato art.21 è stato abrogato dall'art.19, comma 1, lett.b) della L.R. n.25/2014 che ha ridefinito in modo organico le competenze riservate alla Provincia di Belluno nell'ambito della specificità riconosciuta dalla statuto regionale. Nel corso dell esercizio verranno apportate le variazioni conseguenti all attuazione della delega suddetta. Nelle more del trasferimento delle funzioni, viene previsto lo stanziamento ordinario per le competenze in materia di politiche di turismo nell'importo (del tutto insufficiente) assegnato nel 2014 di ,00 euro. Per il triennio non si prevedono entrate in attesa della definizione delle risorse che verranno assegnate alla Provincia di Belluno. Finanziamento delle funzioni delegate Questo trasferimento riguarda le funzioni amministrative delegate ai sensi della L.R. n.11/2001 dalla Regione, che non hanno uno specifico finanziamento nel bilancio regionale, esso comprende anche funzioni delegate dalla Regione sulla base di leggi regionali antecedenti alla entrata in vigore della L.R. 11/20011, come ad esempio: a) in materia di tutela ambiente, ai sensi della legge regionale 16/04/1985, n. 33; b) in materia urbanistica, ai sensi della legge regionale 27/06/1985, n. 61; c) per i beni ambientali, ai sensi della legge regionale 6/03/1984, n. 11; d) per espropriazione per pubblica utilità, ai sensi della legge regionale 21/04/1981, n. 11; e) per interventi nel campo del turismo, ai sensi della legge regionale 02/04/1985, n. 28; f) per i trasporti pubblici locali, ai sensi della legge regionale 8/5/1985, n. 54; g) per la realizzazione rete distribuzione carburanti, ai sensi della legge regionale 28/06/1988, n. 33. La previsione per il triennio dell entrata è di euro ,00 per il 2015 e di ,00 euro per il biennio successivo; tali previsioni sono formulate tenendo conto degli atti regionali che hanno quantificato e ripartito tra le Province venete l importo dello stanziamento del bilancio regionale relativo al conferimento di funzioni. Trasferimento per l esercizio delle funzioni delegate relative agli interventi a favore delle imprese (L.R. 7/4/1994, n. 18) Alla Provincia sono state delegate ai sensi dell art. 7 comma 2 della L.R. n. 18/94 alcune funzioni amministrative da parte della Regione del Veneto per gli aiuti alle Imprese. Per il 2015 viene previsto l importo annuo di euro ,00 per l esercizio delle deleghe conferite a questa Provincia. Contributi vari per la tutela delle minoranze linguistiche Nel triennio non è prevista alcuna entrata. Trasferimenti da Regione per altre funzioni delegate Per il triennio 2015/2017 in assenza di comunicazioni ufficiali della Regione Veneto non vengono stanziati importi. Contributo per il servizio di monitoraggio del traffico

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017 Allegato B Assessorato Bilancio e Finanze Direzione Risorse finanziarie Settore Bilancio BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI - Ripartizione in Unità Previsionali di Base STATO DI PREVISIONE DELL

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli