Piano Esecutivo di Gestione 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Esecutivo di Gestione 2007"

Transcript

1 PEG 2007

2 PROVINCIA DI PESCARA Piano Esecutivo di Gestione 2007 Sommario Deliberazione Giunta Provinciale n. 320 del 28 dicembre 2006: approvazione PEG Deliberazione Giunta Provinciale n. 16 del 1 febbraio 2007: ridefinizione PEG Relazione del Direttore Generale al PEG Organigramma 14 Quadro generale riassuntivo Entrata 15 Quadro generale riassuntivo Spesa 17 Servizi e Uffici della Presidenza: Dr. Carmine D Andreamatteo Riepilogo parte programmatica 18 Entrata 19 Spesa 20 Funzioni attribuite 22 Progetti e Obiettivi 24 Parte Contabile 31 Settore Affari Giuridici, Contratti e Contenzioso: Dr. Sergio Iezzi Riepilogo parte programmatica 35 Entrata 36 Spesa 37 Funzioni attribuite 39 Progetti e Obiettivi 40 Parte Contabile 42 I

3 PROVINCIA DI PESCARA Settore Affari Istituzionali e Innovazione: Dr. Candeloro Forestieri Riepilogo parte programmatica 46 Entrata 47 Spesa 48 Centro di responsabilità L1 Servizio Affari Istituzionali del Consiglio Funzioni attribuite al Servizio 50 Progetti e Obiettivi 51 Parte Contabile 55 Centro di responsabilità L3 Servizio Innovazione e informatizzazione Funzioni attribuite al Servizio 59 Progetti e Obiettivi 60 Parte Contabile 64 Settore Valorizzazione e gestione delle Risorse umane: Dr. Antonio Forese Riepilogo parte programmatica 67 Entrata 68 Spesa 69 Centro di responsabilità A1 Servizio Attuazione politiche del personale Funzioni attribuite al Servizio 71 Progetti e Obiettivi 72 Parte Contabile 77 Centro di responsabilità A2 Servizio Organizzazione e formazione Funzioni attribuite al Servizio 81 Progetti e Obiettivi 85 Parte Contabile 89 Centro di responsabilità A5 Servizio Gestione economica e previdenziale del personale Funzioni attribuite al Servizio 93 Parte Contabile 94 II

4 PROVINCIA DI PESCARA Settore Economico-finanziario: Dr. Ebron D Aristotile Riepilogo parte programmatica 102 Entrata 103 Spesa 104 Centro di responsabilità B1 Servizio Progr., Bilancio, Studi, analisi di gestione, statistica Funzioni attribuite al Servizio 106 Progetti e Obiettivi 107 Parte Contabile 110 Centro di responsabilità B2 Servizio Gestione attività finanziaria Funzioni attribuite al Servizio 115 Parte Contabile 117 Centro di responsabilità B4 Servizio Provveditorato ed economato Funzioni attribuite al Servizio 122 Parte Contabile 123 Settore Sviluppo del territorio, viabilità e patrimonio: Ing. Antonio D Angelo Riepilogo parte programmatica 129 Entrata 131 Spesa 132 Centro di responsabilità C2 Servizio Infrastrutture territoriali Funzioni attribuite al Servizio 135 Progetti e Obiettivi 136 Parte Contabile 140 Centro di responsabilità C3 Servizio Viabilità Funzioni attribuite al Servizio 144 Progetti e Obiettivi 145 Parte Contabile 175 III

5 PROVINCIA DI PESCARA Centro di responsabilità C4 Servizio Demanio e Patrimonio Funzioni attribuite al Servizio 184 Progetti e Obiettivi 185 Parte Contabile 193 Centro di responsabilità C5 Servizio Trasporti Funzioni attribuite al Servizio 199 Progetti e Obiettivi 200 Parte Contabile 202 Centro di responsabilità C6 Servizio Gare e Affari generali del territorio Funzioni attribuite al Servizio 205 Parte Contabile 206 Settore Tutela dell Ambiente: Ing. Gianfranco Piselli Riepilogo parte programmatica 209 Entrata 210 Spesa 211 Centro di responsabilità D1 Servizio Tutela e valorizzazione dell ambiente Funzioni attribuite al Servizio 213 Progetti e Obiettivi 216 Parte Contabile 228 Centro di responsabilità D2 Servizio Protezione civile e sicurezza dei luoghi di lavoro Funzioni attribuite al Servizio 235 Progetti e Obiettivi 236 Parte Contabile 242 Centro di responsabilità D3 Corpo di Polizia Provinciale Funzioni attribuite al Servizio 245 Progetti e Obiettivi 246 Parte Contabile 252 IV

6 PROVINCIA DI PESCARA Centro di responsabilità D5 Servizio Pianificazione territoriale Funzioni attribuite al Servizio 256 Progetti e Obiettivi 257 Parte Contabile 264 Settore Pubblica Istruzione, Edilizia scolastica: Ing. Vittorio Morganti Riepilogo parte programmatica 266 Entrata 267 Spesa 268 Centro di responsabilità E1 Servizio Pubblica Istruzione Funzioni attribuite al Servizio 270 Progetti e Obiettivi 271 Parte Contabile 276 Centro di responsabilità E2 Servizio Edilizia scolastica Funzioni attribuite al Servizio 280 Progetti e Obiettivi 281 Parte Contabile 288 Centro di responsabilità E3 Servizio Interventi sismici idrografici di elettricità Funzioni attribuite al Servizio 294 Progetti e Obiettivi 295 Parte Contabile 299 Settore Politiche del lavoro, Formazione professionale e Attività produttive: Avv. Nicoletta Bucco Riepilogo parte programmatica 302 Entrata 303 Spesa 304 Centro di responsabilità F1 Servizio Affari generali e coordinamento Centri per l Impiego Funzioni attribuite al Servizio 306 Progetti e Obiettivi 307 Parte Contabile 328 V

7 PROVINCIA DI PESCARA Centro di responsabilità F3 Servizio Formazione professionale Funzioni attribuite al Servizio 333 Parte Contabile 334 Centro di responsabilità F4 Servizio Attività produttive Funzioni attribuite al Servizio 338 Progetti e Obiettivi 339 Parte Contabile 348 Settore Affari Culturali, Biblioteca, Turismo e Politiche sociali: Dr. Paolo Campea Riepilogo parte programmatica 352 Entrata 253 Spesa 254 Centro di responsabilità G2 Servizio Attività culturali, Turismo, Sport e Tempo libero Funzioni attribuite al Servizio 356 Progetti e Obiettivi 358 Parte Contabile 373 Centro di responsabilità G4 Biblioteca Provinciale Funzioni attribuite al Servizio 378 Progetti e Obiettivi 379 Parte Contabile 385 Centro di responsabilità G3 Servizio Politiche sociali, giovanili, sanitarie e pari opportunità Funzioni attribuite al Servizio 389 Progetti e Obiettivi 390 Parte Contabile 411 VI

8 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PESCARA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE L anno duemilasei il giorno 28 del mese di Dicembre nel palazzo della Provincia si è riunita la Giunta Provinciale con l intervento dei Signori: Presenti 1) DE DOMINICIS GIUSEPPE Presidente Sì 2) LINARI ANTONIO V. Presidente Sì 3) FORNAROLA PAOLO Assessore Sì 4) FIDANZA VINCENZO Assessore Sì 5) DE VICO ANTONIO Assessore Sì 6) DI ZIO MAURO Assessore Sì 7) CASTRICONE ANTONIO Assessore Sì 8) CUZZI GAETANO Assessore Sì 9) DI PAOLO SANTE Assessore Sì Assenti con l assistenza del Segretario Generale, Sig. Dr. IEZZI SERGIO N Delibera: 320 OGGETTO: PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE APPROVAZIONE. 2

9 LA GIUNTA Premesso che con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 132 del 21/12/2006 è stato approvato il bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2007 con i relativi allegati; Atteso che l art. 169 del D.Lgs 267/2000 testualmente recita: Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio, l organo esecutivo definisce, prima dell inizio dell esercizio, il piano esecutivo di gestione (PEG), determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi ; Visto il Regolamento di contabilità dell Ente, approvato con delibera del C.P. n. 16 del 12/2/1998, che al secondo comma dell art. 18 stabilisce che con il piano esecutivo di gestione si intende dare concreta attuazione ai nuovi principi sulla distinzione fra funzioni di indirizzo politico-amministrativo e funzioni di gestione che sono alla base della riforma dell ente locale ; Considerato, altresì, che ai sensi dell art. 19 del Regolamento medesimo il piano esecutivo di gestione è riferito alla struttura organizzativa dell ente e ai relativi responsabili; Viste la deliberazione n. 187 del 2/8/2002 e le successive modifiche e integrazioni con le quali si è provveduto alla riorganizzazione degli uffici e dei servizi della Provincia; Vista e fatta propria la proposta di PEG presentata dal Direttore generale di questa Provincia in data 27 dicembre 2006, ai sensi dell art. 108, comma 1, del T.U. n. 267/2000 e illustrata nella relazione allegata, redatta d intesa con il dirigente del Settore Economicofinanziario e in collaborazione con i dirigenti; Visto il parere del Dirigente del Settore Economico-finanziario; A voti unanimi legalmente espressi e sulla base dell istruttoria favorevole degli uffici competenti, DELIBERA 1) di approvare il Piano Esecutivo di Gestione per l anno 2007 allegato al presente atto, di cui costituisce parte integrante, formato da: a) n. 10 budget di entrata di spesa da assegnare ai seguenti dirigenti: Servizi e Uffici della Presidenza Dr. Carmine D Andreamatteo Servizio Segreteria della Giunta affari giuridici e contratti Dr. Sergio Iezzi Settore Affari Istituzionali e Innovazione Dr. Candeloro Forestieri Settore valorizzazione e gestione delle risorse umane Dr. Antonio Forese Settore Economico-finanziario Dr. Ebron D Aristotile Settore Sviluppo del Territorio, viabilità e patrimonio Ing. Antonio D Angelo Settore Tutela dell ambiente Ing. Gianfranco Piselli Settore Pubblica Istruzione e edilizia scolastica Ing. Vittorio Morganti Settore Politiche del lavoro, formazione Professionale e attività produttive Avv. Nicoletta Bucco Settore Affari culturali, biblioteca, turismo e politiche sociali Dr. Paolo Campea. 3

10 b) un quadro riassuntivo delle entrate e delle spese per Settori e Servizi: 2) di impartire le seguenti direttive ai fini della gestione del PEG nell anno 2007: a) i dirigenti responsabili del PEG provvederanno a realizzare gli obiettivi di gestione individuati nelle schede allegate ai singoli budget ed esplicitati nella R.P.P nel rispetto delle procedure e dei tempi indicati nelle schede medesime le quali costituiscono direttiva di questa Giunta; b) per quanto concerne gli obiettivi gestionali non specificati nelle schede, la denominazione del capitolo di spesa costituisce a tutti gli effetti obiettivo da conseguire, garantendo l efficienza, l efficacia e l economicità della gestione; c) i dirigenti suddetti provvederanno, insieme con il dirigente del Settore Economicofinanziario, a curare l accertamento delle entrate nei rispettivi capitoli di competenza; d) i dirigenti suddetti provvederanno ad assumere impegni di spesa sui rispettivi capitoli mediante atti monocratici nel rispetto della normativa vigente; e) i dirigenti suddetti provvederanno ad elaborare entro il , d intesa con il Servizio Demanio e Patrimonio e con il Servizio Provveditorato, piani di razionalizzazione attinenti ai costi di funzionamento delle strutture con particolare riferimento a quelli concernenti il riscaldamento, l illuminazione, il telefono, la pulizia dei locali, la cancelleria, gli automezzi rivolti a realizzare economie di almeno il 5% rispetto alla spesa A tali fini saranno individuati, a cura del Settore Economicofinanziario, i capitoli di spesa da ricondurre a una gestione unitaria da parte dei Servizi suddetti; f) l assegnazione ai rispettivi dirigenti dei capitoli di entrata e di spesa comporta la contestuale attribuzione ai medesimi dei procedimenti di gestione dei residui corrispondenti a detti capitoli; g) i dirigenti suddetti provvederanno, nel rispetto del vigente regolamento dei contratti, alla scelta del metodo di gara che meglio risponde alle esigenze di tempestività, trasparenza ed economicità del procedimento amministrativo; h) le operazioni di liquidazione e di ordinazione delle spese concernenti gli emolumenti ordinari e ripetitivi al personale sono attribuite alla competenza del Settore Valorizzazione e Gestione delle risorse umane, mentre le operazioni di liquidazione e di ordinazione delle altre spese concernenti il personale medesimo sono di competenza dei rispettivi dirigenti; i) i dirigenti suddetti assicureranno, nei rispettivi ambiti di gestione, insieme con il dirigente del Settore Economico-Finanziario, il rispetto della normativa vigente in materia di patto di stabilità interno e di salvaguardia degli equilibri di bilancio; l) il dirigente del Settore Economico-Finanziario provvederà, mediante idonei indicatori, a verificare l andamento della gestione dei singoli Settori e Servizi al 31 marzo, al 30 giugno e al 30 settembre 2007, anche ai fini di quanto stabilito dall art. 21 del vigente regolamento di contabilità, per riferirne al Direttore Generale e da questi alla Giunta; 4

11 m) il PEG 2007 è assunto a riferimento per il controllo di gestione e per la valutazione dei dirigenti; 3) di incaricare il Direttore Generale di provvedere all immediata assegnazione ai singoli dirigenti dei budget di rispettiva competenza nell ambito delle sue funzioni di coordinamento e di sovrintendenza della gestione previste dall art. 108 del vigente TUEL n. 267/2000; 4) di rendere il presente atto immediatamente eseguibile con separata ed unanime votazione ai sensi dell art. 134, comma 4, del D.Lgs. n. 267/

12 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PESCARA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE L anno duemilasette il giorno 1 del mese di Febbraio nel palazzo della Provincia si è riunita la Giunta Provinciale con l intervento dei Signori: Presenti Assenti 1) DE DOMINICIS GIUSEPPE Presidente Sì 2) LINARI ANTONIO V. Presidente Sì 3) FORNAROLA PAOLO Assessore Sì 4) FIDANZA VINCENZO Assessore Sì 5) DE VICO ANTONIO Assessore Sì 6) DI ZIO MAURO Assessore Sì 7) CASTRICONE ANTONIO Assessore Sì 8) CUZZI GAETANO Assessore Sì 9) DI PAOLO SANTE Assessore Sì con l assistenza del Segretario Generale, Sig. Dr. IEZZI SERGIO N Delibera: 16 OGGETTO: PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2007: RIDEFINIZIONE. 6

13 LA GIUNTA Richiamata la propria deliberazione n. 320 del concernente l approvazione del PEG ; Rilevato che occorre integrare le direttive impartite nelle schede allegate al PEG medesimo con ulteriori schede attinenti al Settore Affari Istituzionali e Innovazione ( allegati nn. 134/135/136) tra le quali assume particolare rilievo quella attinente alla formazione del nuovo Statuto della Provincia ( allegato n. 134 ); Considerato altresì di dover introdurre alcune rettifiche formali attinenti ai testi delle schede medesime e alle competenze dei singoli dirigenti; Ritenuto, con l occasione, di apportare le seguenti modifiche compensative attinenti alle parte contabile per effetto di una più esatta previsione delle relative spese: Codice Meccanografico: Capitolo: 2556 Denominato: Spese per acquisto pubblicazioni libri e riviste 5.000,00 CDR B4 Provveditorato ed Economato. Codice Meccanografico: Capitolo:16586 Denominato: Gettoni di presenza commissione per l abilitazione all esercizio venatorio e delle guardie volontarie 2.500,00 CDR D1 Tutela e Valorizzazione dell ambiente. Ritenuto altresì di dover precisare attraverso la ripartizione in articoli del cap. 5009, le quote di stanziamento per compenso lavoro straordinario da assegnare a ciascun settore; Considerato di dover confermare in ogni restante parte il dispositivo delle richiamata deliberazione n. 320 del ; Visti i pareri di legge; A voti unanimi legalmente espressi e sulla base della puntuale istruttoria documentata degli uffici competenti in ordine alle relative proposte, 7

14 DELIBERA 1) di procedere a ridefinire il PEG 2007, per i motivi indicati in normativa, come nel testo definitivo allegato al presente atto di cui costituisce parte integrante e sostanziale; 2) di confermare in ogni restante parte la propria deliberazione n. 320 del con particolare riferimento alle direttive con essa impartite. 3) di rendere la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell art.134, comma 4 del D.Lgs. 267/

15 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL PEG 2007 Signor Presidente, giovedì 21 dicembre 2006 il Consiglio Provinciale ha approvato per la quinta volta consecutiva il bilancio di questa Provincia prima della fine dell anno. Si tratta di un evento importante in considerazione della particolare difficoltà rappresentata dalla legge finanziaria 2007, approvata dal Parlamento il 21 scorso, con un emendamento di grande complessità costituito da un solo articolo e da commi. Nonostante la presenza nel provvedimento suddetto di una serie notevole di interventi rivolti al risanamento dei conti pubblici, allo sviluppo economico, e alla realizzazione di una maggiore equità, le Province hanno rilevato un incidenza negativa sul versante delle entrate e delle spese e hanno espresso riserve sull intera manovra. Tuttavia, anche per effetto di miglioramenti introdotti nel corso del dibattito parlamentare, è certamente apprezzabile il ritorno alla determinazione di limiti ai saldi di bilancio, anziché all ammontare complessivo delle spese, che implica una più appropriata considerazione dell autonomia locale. Lo stato di incertezza provocato da un provvedimento così complesso ha impedito a gran parte degli enti locali di procedere tempestivamente all approvazione del bilancio 2007, tanto che in data 30 novembre 2006 è stato emanato il decreto del Ministero dell Interno di proroga dei termini al 31 marzo E da sottolineare pertanto la sensibilità istituzionale dimostrata dal Consiglio Provinciale che ha proceduto, come per il passato, ad approvare il bilancio prima della fine dell anno e che consente, pertanto, ancora una volta, di avviare l ordinata gestione del bilancio medesimo fin dal 1 gennaio 2007, collocando questa Provincia tra le prime in Italia. L approvazione del bilancio costituisce, infatti, il presupposto fondamentale affinché la Giunta possa definire il PEG 2007 con la massima tempestività per assegnarlo ai singoli dirigenti prima dell inizio del nuovo esercizio. Trova così piena attuazione l'articolo 169 del testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali, approvato con decreto legislativo , n. 267, che prevede, al primo comma, quanto segue: 9

16 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio, l organo esecutivo definisce, prima dell inizio dell esercizio, il piano esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei Servizi. In sostanza, la norma configura il PEG come un "budget" di riferimento della gestione assegnato ai singoli responsabili dei Servizi dell ente e rivolto ad attuare le scelte di bilancio. Attraverso il PEG, la Giunta determina gli obiettivi della gestione da affidare ai dirigenti e assegna ai medesimi le dotazioni necessarie, in termini di risorse umane, strumentali e finanziarie, secondo vincoli di coerenza che sono propri degli strumenti di programmazione. Il PEG costituisce, pertanto, l'atto fondamentale di raccordo tra le funzioni di indirizzo politico-amministrativo, espresse dal Consiglio e dalla Giunta, e le funzioni di gestione rivolte a realizzare gli obiettivi stabiliti. Il PEG 2007, che si propone all esame della Giunta, presenta innovazioni profonde che ne accentuano la natura budgettaria. In termini di contenuto, esso si collega in maniera sempre più stretta alle azioni programmatiche individuate e descritte nella Relazione previsionale e programmatica delineando un sistema di gestione ispirato a logiche e a metodi di programmazione. Infatti, in seguito all elaborazione e alla presentazione al Consiglio del Programma di Governo , la RPP si sviluppa in 12 Aree strategiche e in Programmi e Progetti, descritti nel documento medesimo; progetti che il PEG esplicita con riferimento agli atti di gestione che interessano l anno Questo nuovo schema operativo è in fase di graduale avanzamento e funziona in maniera soddisfacente in quanto si sono verificate alcune condizioni essenziali. In primo luogo, è stato approvato e sperimentato fin dal 2002 un nuovo assetto organizzativo, recentemente rivisto e integrato, che consente ai dirigenti di svolgere le proprie funzioni di gestione, e di assumere conseguentemente la responsabilità dei risultati, in un contesto più chiaro e ordinato di missioni attribuite. In secondo luogo, in base alle esperienze maturate in sede di formazione dei PEG precedenti, è stato possibile individuare meglio gli obiettivi assegnati ai Settori e assicurare la coerenza tra gli obiettivi di gestione da conseguire e le risorse umane, strumentali e finanziarie occorrenti. 10

17 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA In terzo luogo, è stato possibile operare un primo collegamento significativo tra obiettivi strategici e obiettivi di gestione. In sostanza, il PEG si inserisce pienamente nel modello di governance che questa Provincia sta realizzando e che ha ricevuto un significativo riconoscimento nell aprile 2006 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento della Funzione Pubblica come una best practice a livello nazionale. Sotto il profilo strutturale, completamente rinnovato, il PEG 2007 si configura come un insieme di dieci budget di entrata e di spesa, ciascuno dei quali assegnato ai dirigenti dei rispettivi Settori sulla base del modello organizzativo esistente. Ciascun budget è strutturato per Servizi e reca: a) una parte programmatica, concernente i progetti e gli obiettivi di gestione assegnati, i quali sono descritti in schede analitiche sotto il profilo dei contenuti, degli indicatori, delle azioni da condurre, dei tempi tecnici da osservare, delle risorse finanziarie da utilizzare; b) una parte contabile, concernente l elenco dei capitoli e dei relativi stanziamenti di entrata e di spesa affidati alla responsabilità di gestione dei singoli dirigenti e collegati alla struttura del bilancio Ogni budget reca inoltre un riepilogo delle due parti per ciascun Settore e l individuazione analitica delle funzioni attribuite a ciascun Servizio sulla base del vigente ordinamento. Le indicazioni suddette costituiscono direttive della Giunta in ordine alle attività che i dirigenti dovranno svolgere nel 2007, insieme con quelle più generali contenute nella delibera di approvazione del PEG medesimo. La visione complessiva del PEG viene sintetizzata nei quadri allegati, nei quali sono riportate le assegnazioni di entrata distinte per Settori e per Servizi. La spesa viene riportata anche in relazione alle seguenti categorie che, adottate in passato, assumono ora un semplice valore indicativo: a) spese per il personale, le quali comprendono gli oneri per le retribuzioni fisse e variabili al personale di ciascun Settore, ad eccezione di alcune componenti (come ad esempio, il fondo per il trattamento accessorio e la spesa per le retribuzioni di posizione e di risultato dei dirigenti, la spesa per la formazione, ecc. che sono raggruppate in appositi capitoli del "budget" assegnati al Settore Valorizzazione e gestione delle risorse umane ); 11

18 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA b) spese di funzionamento, che comprendono gli oneri relativi all'acquisto di beni e servizi per il funzionamento dei settori medesimi (come, ad esempio, l'acquisto di beni di consumo, le utenze ed altre, per le quali si propone l adozione da parte dei dirigenti di piani di razionalizzazione, d intesa con il Servizio Demanio e Patrimonio e con il Servizio Provveditorato, rivolti a realizzare economie nella misura di almeno il 5% rispetto alla spesa 2006); c) spese operative correnti, le quali comprendono le spese che hanno rilevanza esterna nell'esercizio delle funzioni istituzionalmente attribuite alla Provincia e di competenza dei rispettivi Settori; d) spese di investimento, che comprendono le spese per investimenti materiali e finanziari (acquisizione beni immobili e mobili durevoli, opere pubbliche, partecipazioni, ecc.). Con riferimento all'andamento della gestione, è confermato il monitoraggio dell attività dei Settori alla fine di marzo, di giugno e di settembre 2007 sia sotto il profilo programmatico, sia dal punto di vista contabile. In particolare, il conseguimento degli obiettivi di gestione sarà assunto a riferimento del controllo di gestione, della valutazione dei dirigenti e del controllo strategico. In seguito all'esito dei monitoraggi suddetti, sarà presentata alla Giunta una relazione sull andamento della gestione, al duplice scopo di agevolare l adozione più organica dei provvedimenti di variazione del bilancio e del PEG e di verificare lo stato di attuazione dei programmi e dei progetti, il rispetto del patto di stabilità interno, la salvaguardia degli equilibri di bilancio e i risultati via via conseguiti. Ciò anche attraverso la collaborazione e l intervento del SECIN che, rinnovato all inizio di quest anno, sta già offrendo un contributo notevole in contatto con i dirigenti. L'intero processo si muove dunque nella linea di proseguire verso la realizzazione di un moderno e avanzato modello di governance della Provincia di Pescara fondato su iniziative di pianificazione, programmazione e controllo. Tali iniziative sono prevalentemente rivolte a migliorare e ad accelerare la formazione dei documenti di bilancio, a riordinare e a razionalizzare l'assetto organizzativo, a valorizzare le risorse umane, a semplificare i procedimenti amministrativi e contabili, a promuovere e a diffondere la formazione dei dirigenti e del personale. Si mira, in tal modo, a conferire maggiore efficienza ed efficacia all' azione amministrativa, dando concreta e tempestiva attuazione alle decisioni del Consiglio e della Giunta, e a creare un clima di forte motivazione e possibilmente di entusiasmo. 12

19 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA L intervenuta approvazione del bilancio 2007 da parte del Consiglio in data 21 dicembre 2006 e la conseguente definizione del PEG 2007 da parte della Giunta, prevista per il 28 del corrente mese, costituiscono eventi di grande rilievo che consentono ancora una volta di avviare la gestione fin dal 1 gennaio prossimo in una situazione di maggiore certezza che certamente favorirà il buon governo, l efficienza e l efficacia della Provincia di Pescara. Nel concludere la presente relazione, sento il dovere di dare atto del favorevole contesto politico-istituzionale nel quale si manifesta possibile operare in questa Provincia e del grande senso di responsabilità e di partecipazione dei dirigenti al processo di innovazione. Un ringraziamento particolare va al Dirigente del Settore Economico- Finanziario, ai suoi validi collaboratori e al personale di questa Direzione Generale per l alta professionalità, la competenza, la dedizione, l impegno che hanno reso possibile ancora una volta realizzare un risultato così importante. Pescara, 27 dicembre 2006 IL DIRETTORE GENERALE (Mario Collevecchio) 13

20 Errore. Presidente del Consiglio Provinciale ORGANIGRAMMA IN VIGORE PRESIDENTE della PROVINCIA SEGRETERIA GENERALE Segreteria della Giunta, Affari Giuridici e Contratti SEGRETARIO GENERALE Ufficio Contenzioso DIRETTORE GENERALE Staff Direzione Generale Servizi e Uffici della Presidenza della Provincia Uffici di diretta collaborazione: Ufficio di Gabinetto e relazioni Istituzionali Segreteria particolare del Presidente Portavoce Servizi Ufficio Stampa Politiche Comunitarie S E T T O R I S E R V I Z I Affari Istituzionali e Innovazione Affari Istituzionali del Consiglio Innovazione e Informatizzazione Valorizzazion e e Gestione Risorse Umane Organizzazione e Formazione Attuazione Politiche del Personale Gestione Economica e Previdenziale del Personale Economico - Finanziario Programmazione, Bilancio, Studi, Analisi di Gestione, Statistica Gestione Attività Finanziaria Provveditorato e Economato Sviluppo del Territorio, Viabilità e Patrimonio Gare e Affari Generali del Territorio Infrastrutture Territoriali Viabilità Trasporti Tutela Ambiente Pianificazione Territoriale Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Protezione Civile e Sicurezza dei luoghi di lavoro Corpo di Polizia Provinciale Pubblica Istruzione, Edilizia Scolastica Pubblica Istruzione Edilizia Scolastica Interventi Sismici, Idrografici di Elettricità Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Attività Produttive Gestione Programmi e Progetti Formazione Professionale Attività Produttive Affari Generali Coordinament o Centri per l Impiego Affari Culturali Biblioteca Turismo e Politiche Sociali Attività culturali, Turismo, Sport e Tempo Libero Biblioteca Provinciale Politiche Sociali, Giovanili Sanitarie e Pari Opportunità Demanio e Patrimonio - SILUS UNITA PERIFERICHE: - C.P.I. PESCARA - C.P.I PENNE - C.P.I.- SCAFA 14

21 Servizi e Uffici della Presidenza della Provincia Segreteria della Giunta, Affari Giuridici e Contratti Affari Istituzionali e Innovazione Settore Valorizzazione e Gestione Risorse Umane Settore Economicofinanziario Settore Sviluppo del territorio, Viabilità e Patrimonio Settore Tutela dell'ambiente PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2007 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO -ENTRATA- Titolo primo - Entrate tributarie - Entrate correnti Titolo secondo - Entrate derivanti da contributi e trasferimenti dello Stato, della Regione e di altri enti pubblici - Titolo terzo - Entrate extratributarie- TOTALE ENTRATE CORRENTI Titolo quarto - Entrate derivanti da alienazioni, trasferimenti di capitale e da riscossione di crediti - Titolo quinto - Entrate derivanti da accensioni di prestiti - Uffici di diretta collaborazione del Presidente , , ,00 Totale Settore , , , ,00 Servizio Affari Giuridici, contratti e contenzioso ,00 Affari giuridici della Giunta Totale Settore , ,00 Affari Istituzionale del consiglio Innovazione e Informatizzazione ,00 Totale Settore ,00 Organizzazione e Formazione Attuazione Politiche del Personale , , ,90 Gestione Economica e Previdenziale del Personale Totale Settore , , ,90 Programmazione di Bilancio Studi e Analisi di Gestione ,00 Servizio gestione attività finanziaria , , ,67 Servizio provveditorato ed economato ,00 Totale Settore , , , ,04 0, ,00 Servizio infrastrutture territoriali , , , ,00 Servizio viabilità e trasporti , , ,00 Servizio Demanio e Patrimonio , , ,00 Gare e Affari Generali del Territorio ,00 Totale Settore , , , , ,00 Servizio tutela e valorizzazione dell'ambiente , , , ,00 Servizio Pianificazione territoriale 0,00 Servizio prot.civile, e sicurezza luoghi di lavoro Servizio Corpo Polizia provinciale , ,00 Totale Settore , , , ,50 0, ,00 15

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 89 IN DATA 19/07/2007 O G G E T T O BILANCIO DI PREVISIONE DELL'ESERCIZIO 2007.

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA Provincia di Roma

COMUNE DI ROCCA PRIORA Provincia di Roma COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.118 DEL 22-12-2015 Rocca Priora, li 07-01-2016 Il Segretario generale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 O r i g i n a l e SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO PUBBLICO PER L'ATTRIBUZIONE

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014)

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) DELIBERA COMMISSARIALE ORIGINALE Seduta del 22/12/2014 n. 195 del Registro deliberazioni OGGETTO: Artt.

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

Settore Welfare, lavoro e formazione professionale ********* DETERMINAZIONE

Settore Welfare, lavoro e formazione professionale ********* DETERMINAZIONE FIN. ********* DETERMINAZIONE Proposta n. STFORMLA 2565/2012 Determ. n. 2231 del 05/11/2012 Oggetto: SERVIZIO DI SUPPORTO INFORMATIVO SUI PROGRAMMI EUROPEI PROMOSSI DALL'UNIONE EUROPEA E DAL CONSIGLIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (Art. 11 comma 1 e comma 8) lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA via del Bersagliere, 7/9-58100 Alberese

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

SINTESI DELLE ATTIVITÀ PREVISTE PER IL 2013

SINTESI DELLE ATTIVITÀ PREVISTE PER IL 2013 TRASPARENZA DELL'AZIONE AMMINISTRATIVA Presentazione e attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità Informazioni sulla performance dell'agenzia Diffusione dati sulla organizzazione

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino

COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino COPIA ALBO PRETORIO COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 88 12/08/2015 OGGETTO: GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI. ATTRIBUZIONE BUDGET AI RESPONSABILI

Dettagli

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Agorà, il portale Formiur: valorizzare l informazione e la conoscenza per il miglioramento dei servizi scolastici

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali c.vesselli@provincia.roma.it Protocollo interno del Servizio I N 36 del 24/10/2007 UFFICIO DETERMINAZIONI

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Assunzione, con contratto a tempo determinato, ai sensi dell'art.

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PIMENTEL COPIA PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 59 Del 25/08/2015 Oggetto: PERSONALE NON DIRIGENTE. FONDO RISORSE DECENTRATE PER L'ANNO 2015. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.64

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.64 Copia PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.64 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2016/2018 - ASSEGNAZIONE RISORSE FINANZIARIE. L anno

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Prot. n. 24708 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24708 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24708 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da PROTOCOLLO D'INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA COLLABORAZIONE IN AMBITO STATISTICO L'Istituto nazionale di

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 152 del 26/07/2013 Proposta N. 194 del 18/07/2013 COPIA OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE DEL COMUNE

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 12.3.2014 ***********************************************************************************************

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 85. della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 85. della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 85 della Giunta della Comunità della Val di Non OGGETTO: Accordo di programma tra la Comunità della Val di Non e la Provincia Autonoma

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE

PROVINCIA DI FROSINONE PROVINCIA DI FROSINONE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA N. 171 del 05/11/2015 OGGETTO: DECRETO PRESIDENZIALE N. 53 DEL 23.12.2014 E SS. MM.. INTEGRAZIONI L anno 2015 addì 05 del mese di Novembre

Dettagli

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010 Comune di Trapani Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance - Modifiche di raccordo ad alcuni articoli del Regolamento istituito dall' O.I.V.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

COMUNE DI CIVATE Provincia di Lecco

COMUNE DI CIVATE Provincia di Lecco COPIA COMUNE DI CIVATE Provincia di Lecco DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 721 Reg. Pubblicazioni N. 116 Registro Deliberazioni del 26-10-2015 OGGETTO: DECRETO LEGISLATIVO 163/2006 E S.M.I: ADOZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

CURRICULUM - PROFESSIONALE ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CHIETI

CURRICULUM - PROFESSIONALE ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CHIETI CURRICULUM - PROFESSIONALE DOTT.SSA VICENTINA TERIO Nata a S. PIO DELLE CAMERE (AQ) il 17.5.1949 Residente in L'AQUILA Domiciliata in L'Aquila - Via Salaria Antica Est, n. 78/bis Coniugata con n. 4 figli

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 20 del 03/02/2010 OGGETTO: ADOZIONE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Comune di Novedrate Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROTOCOLLO D'INTESA PER IL COORDINAMENTO E LA GESTIONE DELLE POLITICHE E DELLE AZIONI PER L'EDUCAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014.

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014. PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA (denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della legge regionale n. 8/2014) CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (Istituito con delibera

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014 Prot. n. 521/U/2014 Ferrara, 18 dicembre 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Documento approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e

V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e COPIA D E L I B E R A 1 2 7 D E L 2 8 / 1 1 / 2 0 1 4 V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e Oggetto: ESTINZIONE ANTICIPATA PARZIALE MUTUO ISTITUTO CREDITO SPORTIVO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli