Piano Esecutivo di Gestione 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Esecutivo di Gestione 2007"

Transcript

1 PEG 2007

2 PROVINCIA DI PESCARA Piano Esecutivo di Gestione 2007 Sommario Deliberazione Giunta Provinciale n. 320 del 28 dicembre 2006: approvazione PEG Deliberazione Giunta Provinciale n. 16 del 1 febbraio 2007: ridefinizione PEG Relazione del Direttore Generale al PEG Organigramma 14 Quadro generale riassuntivo Entrata 15 Quadro generale riassuntivo Spesa 17 Servizi e Uffici della Presidenza: Dr. Carmine D Andreamatteo Riepilogo parte programmatica 18 Entrata 19 Spesa 20 Funzioni attribuite 22 Progetti e Obiettivi 24 Parte Contabile 31 Settore Affari Giuridici, Contratti e Contenzioso: Dr. Sergio Iezzi Riepilogo parte programmatica 35 Entrata 36 Spesa 37 Funzioni attribuite 39 Progetti e Obiettivi 40 Parte Contabile 42 I

3 PROVINCIA DI PESCARA Settore Affari Istituzionali e Innovazione: Dr. Candeloro Forestieri Riepilogo parte programmatica 46 Entrata 47 Spesa 48 Centro di responsabilità L1 Servizio Affari Istituzionali del Consiglio Funzioni attribuite al Servizio 50 Progetti e Obiettivi 51 Parte Contabile 55 Centro di responsabilità L3 Servizio Innovazione e informatizzazione Funzioni attribuite al Servizio 59 Progetti e Obiettivi 60 Parte Contabile 64 Settore Valorizzazione e gestione delle Risorse umane: Dr. Antonio Forese Riepilogo parte programmatica 67 Entrata 68 Spesa 69 Centro di responsabilità A1 Servizio Attuazione politiche del personale Funzioni attribuite al Servizio 71 Progetti e Obiettivi 72 Parte Contabile 77 Centro di responsabilità A2 Servizio Organizzazione e formazione Funzioni attribuite al Servizio 81 Progetti e Obiettivi 85 Parte Contabile 89 Centro di responsabilità A5 Servizio Gestione economica e previdenziale del personale Funzioni attribuite al Servizio 93 Parte Contabile 94 II

4 PROVINCIA DI PESCARA Settore Economico-finanziario: Dr. Ebron D Aristotile Riepilogo parte programmatica 102 Entrata 103 Spesa 104 Centro di responsabilità B1 Servizio Progr., Bilancio, Studi, analisi di gestione, statistica Funzioni attribuite al Servizio 106 Progetti e Obiettivi 107 Parte Contabile 110 Centro di responsabilità B2 Servizio Gestione attività finanziaria Funzioni attribuite al Servizio 115 Parte Contabile 117 Centro di responsabilità B4 Servizio Provveditorato ed economato Funzioni attribuite al Servizio 122 Parte Contabile 123 Settore Sviluppo del territorio, viabilità e patrimonio: Ing. Antonio D Angelo Riepilogo parte programmatica 129 Entrata 131 Spesa 132 Centro di responsabilità C2 Servizio Infrastrutture territoriali Funzioni attribuite al Servizio 135 Progetti e Obiettivi 136 Parte Contabile 140 Centro di responsabilità C3 Servizio Viabilità Funzioni attribuite al Servizio 144 Progetti e Obiettivi 145 Parte Contabile 175 III

5 PROVINCIA DI PESCARA Centro di responsabilità C4 Servizio Demanio e Patrimonio Funzioni attribuite al Servizio 184 Progetti e Obiettivi 185 Parte Contabile 193 Centro di responsabilità C5 Servizio Trasporti Funzioni attribuite al Servizio 199 Progetti e Obiettivi 200 Parte Contabile 202 Centro di responsabilità C6 Servizio Gare e Affari generali del territorio Funzioni attribuite al Servizio 205 Parte Contabile 206 Settore Tutela dell Ambiente: Ing. Gianfranco Piselli Riepilogo parte programmatica 209 Entrata 210 Spesa 211 Centro di responsabilità D1 Servizio Tutela e valorizzazione dell ambiente Funzioni attribuite al Servizio 213 Progetti e Obiettivi 216 Parte Contabile 228 Centro di responsabilità D2 Servizio Protezione civile e sicurezza dei luoghi di lavoro Funzioni attribuite al Servizio 235 Progetti e Obiettivi 236 Parte Contabile 242 Centro di responsabilità D3 Corpo di Polizia Provinciale Funzioni attribuite al Servizio 245 Progetti e Obiettivi 246 Parte Contabile 252 IV

6 PROVINCIA DI PESCARA Centro di responsabilità D5 Servizio Pianificazione territoriale Funzioni attribuite al Servizio 256 Progetti e Obiettivi 257 Parte Contabile 264 Settore Pubblica Istruzione, Edilizia scolastica: Ing. Vittorio Morganti Riepilogo parte programmatica 266 Entrata 267 Spesa 268 Centro di responsabilità E1 Servizio Pubblica Istruzione Funzioni attribuite al Servizio 270 Progetti e Obiettivi 271 Parte Contabile 276 Centro di responsabilità E2 Servizio Edilizia scolastica Funzioni attribuite al Servizio 280 Progetti e Obiettivi 281 Parte Contabile 288 Centro di responsabilità E3 Servizio Interventi sismici idrografici di elettricità Funzioni attribuite al Servizio 294 Progetti e Obiettivi 295 Parte Contabile 299 Settore Politiche del lavoro, Formazione professionale e Attività produttive: Avv. Nicoletta Bucco Riepilogo parte programmatica 302 Entrata 303 Spesa 304 Centro di responsabilità F1 Servizio Affari generali e coordinamento Centri per l Impiego Funzioni attribuite al Servizio 306 Progetti e Obiettivi 307 Parte Contabile 328 V

7 PROVINCIA DI PESCARA Centro di responsabilità F3 Servizio Formazione professionale Funzioni attribuite al Servizio 333 Parte Contabile 334 Centro di responsabilità F4 Servizio Attività produttive Funzioni attribuite al Servizio 338 Progetti e Obiettivi 339 Parte Contabile 348 Settore Affari Culturali, Biblioteca, Turismo e Politiche sociali: Dr. Paolo Campea Riepilogo parte programmatica 352 Entrata 253 Spesa 254 Centro di responsabilità G2 Servizio Attività culturali, Turismo, Sport e Tempo libero Funzioni attribuite al Servizio 356 Progetti e Obiettivi 358 Parte Contabile 373 Centro di responsabilità G4 Biblioteca Provinciale Funzioni attribuite al Servizio 378 Progetti e Obiettivi 379 Parte Contabile 385 Centro di responsabilità G3 Servizio Politiche sociali, giovanili, sanitarie e pari opportunità Funzioni attribuite al Servizio 389 Progetti e Obiettivi 390 Parte Contabile 411 VI

8 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PESCARA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE L anno duemilasei il giorno 28 del mese di Dicembre nel palazzo della Provincia si è riunita la Giunta Provinciale con l intervento dei Signori: Presenti 1) DE DOMINICIS GIUSEPPE Presidente Sì 2) LINARI ANTONIO V. Presidente Sì 3) FORNAROLA PAOLO Assessore Sì 4) FIDANZA VINCENZO Assessore Sì 5) DE VICO ANTONIO Assessore Sì 6) DI ZIO MAURO Assessore Sì 7) CASTRICONE ANTONIO Assessore Sì 8) CUZZI GAETANO Assessore Sì 9) DI PAOLO SANTE Assessore Sì Assenti con l assistenza del Segretario Generale, Sig. Dr. IEZZI SERGIO N Delibera: 320 OGGETTO: PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE APPROVAZIONE. 2

9 LA GIUNTA Premesso che con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 132 del 21/12/2006 è stato approvato il bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2007 con i relativi allegati; Atteso che l art. 169 del D.Lgs 267/2000 testualmente recita: Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio, l organo esecutivo definisce, prima dell inizio dell esercizio, il piano esecutivo di gestione (PEG), determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi ; Visto il Regolamento di contabilità dell Ente, approvato con delibera del C.P. n. 16 del 12/2/1998, che al secondo comma dell art. 18 stabilisce che con il piano esecutivo di gestione si intende dare concreta attuazione ai nuovi principi sulla distinzione fra funzioni di indirizzo politico-amministrativo e funzioni di gestione che sono alla base della riforma dell ente locale ; Considerato, altresì, che ai sensi dell art. 19 del Regolamento medesimo il piano esecutivo di gestione è riferito alla struttura organizzativa dell ente e ai relativi responsabili; Viste la deliberazione n. 187 del 2/8/2002 e le successive modifiche e integrazioni con le quali si è provveduto alla riorganizzazione degli uffici e dei servizi della Provincia; Vista e fatta propria la proposta di PEG presentata dal Direttore generale di questa Provincia in data 27 dicembre 2006, ai sensi dell art. 108, comma 1, del T.U. n. 267/2000 e illustrata nella relazione allegata, redatta d intesa con il dirigente del Settore Economicofinanziario e in collaborazione con i dirigenti; Visto il parere del Dirigente del Settore Economico-finanziario; A voti unanimi legalmente espressi e sulla base dell istruttoria favorevole degli uffici competenti, DELIBERA 1) di approvare il Piano Esecutivo di Gestione per l anno 2007 allegato al presente atto, di cui costituisce parte integrante, formato da: a) n. 10 budget di entrata di spesa da assegnare ai seguenti dirigenti: Servizi e Uffici della Presidenza Dr. Carmine D Andreamatteo Servizio Segreteria della Giunta affari giuridici e contratti Dr. Sergio Iezzi Settore Affari Istituzionali e Innovazione Dr. Candeloro Forestieri Settore valorizzazione e gestione delle risorse umane Dr. Antonio Forese Settore Economico-finanziario Dr. Ebron D Aristotile Settore Sviluppo del Territorio, viabilità e patrimonio Ing. Antonio D Angelo Settore Tutela dell ambiente Ing. Gianfranco Piselli Settore Pubblica Istruzione e edilizia scolastica Ing. Vittorio Morganti Settore Politiche del lavoro, formazione Professionale e attività produttive Avv. Nicoletta Bucco Settore Affari culturali, biblioteca, turismo e politiche sociali Dr. Paolo Campea. 3

10 b) un quadro riassuntivo delle entrate e delle spese per Settori e Servizi: 2) di impartire le seguenti direttive ai fini della gestione del PEG nell anno 2007: a) i dirigenti responsabili del PEG provvederanno a realizzare gli obiettivi di gestione individuati nelle schede allegate ai singoli budget ed esplicitati nella R.P.P nel rispetto delle procedure e dei tempi indicati nelle schede medesime le quali costituiscono direttiva di questa Giunta; b) per quanto concerne gli obiettivi gestionali non specificati nelle schede, la denominazione del capitolo di spesa costituisce a tutti gli effetti obiettivo da conseguire, garantendo l efficienza, l efficacia e l economicità della gestione; c) i dirigenti suddetti provvederanno, insieme con il dirigente del Settore Economicofinanziario, a curare l accertamento delle entrate nei rispettivi capitoli di competenza; d) i dirigenti suddetti provvederanno ad assumere impegni di spesa sui rispettivi capitoli mediante atti monocratici nel rispetto della normativa vigente; e) i dirigenti suddetti provvederanno ad elaborare entro il , d intesa con il Servizio Demanio e Patrimonio e con il Servizio Provveditorato, piani di razionalizzazione attinenti ai costi di funzionamento delle strutture con particolare riferimento a quelli concernenti il riscaldamento, l illuminazione, il telefono, la pulizia dei locali, la cancelleria, gli automezzi rivolti a realizzare economie di almeno il 5% rispetto alla spesa A tali fini saranno individuati, a cura del Settore Economicofinanziario, i capitoli di spesa da ricondurre a una gestione unitaria da parte dei Servizi suddetti; f) l assegnazione ai rispettivi dirigenti dei capitoli di entrata e di spesa comporta la contestuale attribuzione ai medesimi dei procedimenti di gestione dei residui corrispondenti a detti capitoli; g) i dirigenti suddetti provvederanno, nel rispetto del vigente regolamento dei contratti, alla scelta del metodo di gara che meglio risponde alle esigenze di tempestività, trasparenza ed economicità del procedimento amministrativo; h) le operazioni di liquidazione e di ordinazione delle spese concernenti gli emolumenti ordinari e ripetitivi al personale sono attribuite alla competenza del Settore Valorizzazione e Gestione delle risorse umane, mentre le operazioni di liquidazione e di ordinazione delle altre spese concernenti il personale medesimo sono di competenza dei rispettivi dirigenti; i) i dirigenti suddetti assicureranno, nei rispettivi ambiti di gestione, insieme con il dirigente del Settore Economico-Finanziario, il rispetto della normativa vigente in materia di patto di stabilità interno e di salvaguardia degli equilibri di bilancio; l) il dirigente del Settore Economico-Finanziario provvederà, mediante idonei indicatori, a verificare l andamento della gestione dei singoli Settori e Servizi al 31 marzo, al 30 giugno e al 30 settembre 2007, anche ai fini di quanto stabilito dall art. 21 del vigente regolamento di contabilità, per riferirne al Direttore Generale e da questi alla Giunta; 4

11 m) il PEG 2007 è assunto a riferimento per il controllo di gestione e per la valutazione dei dirigenti; 3) di incaricare il Direttore Generale di provvedere all immediata assegnazione ai singoli dirigenti dei budget di rispettiva competenza nell ambito delle sue funzioni di coordinamento e di sovrintendenza della gestione previste dall art. 108 del vigente TUEL n. 267/2000; 4) di rendere il presente atto immediatamente eseguibile con separata ed unanime votazione ai sensi dell art. 134, comma 4, del D.Lgs. n. 267/

12 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PESCARA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE L anno duemilasette il giorno 1 del mese di Febbraio nel palazzo della Provincia si è riunita la Giunta Provinciale con l intervento dei Signori: Presenti Assenti 1) DE DOMINICIS GIUSEPPE Presidente Sì 2) LINARI ANTONIO V. Presidente Sì 3) FORNAROLA PAOLO Assessore Sì 4) FIDANZA VINCENZO Assessore Sì 5) DE VICO ANTONIO Assessore Sì 6) DI ZIO MAURO Assessore Sì 7) CASTRICONE ANTONIO Assessore Sì 8) CUZZI GAETANO Assessore Sì 9) DI PAOLO SANTE Assessore Sì con l assistenza del Segretario Generale, Sig. Dr. IEZZI SERGIO N Delibera: 16 OGGETTO: PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2007: RIDEFINIZIONE. 6

13 LA GIUNTA Richiamata la propria deliberazione n. 320 del concernente l approvazione del PEG ; Rilevato che occorre integrare le direttive impartite nelle schede allegate al PEG medesimo con ulteriori schede attinenti al Settore Affari Istituzionali e Innovazione ( allegati nn. 134/135/136) tra le quali assume particolare rilievo quella attinente alla formazione del nuovo Statuto della Provincia ( allegato n. 134 ); Considerato altresì di dover introdurre alcune rettifiche formali attinenti ai testi delle schede medesime e alle competenze dei singoli dirigenti; Ritenuto, con l occasione, di apportare le seguenti modifiche compensative attinenti alle parte contabile per effetto di una più esatta previsione delle relative spese: Codice Meccanografico: Capitolo: 2556 Denominato: Spese per acquisto pubblicazioni libri e riviste 5.000,00 CDR B4 Provveditorato ed Economato. Codice Meccanografico: Capitolo:16586 Denominato: Gettoni di presenza commissione per l abilitazione all esercizio venatorio e delle guardie volontarie 2.500,00 CDR D1 Tutela e Valorizzazione dell ambiente. Ritenuto altresì di dover precisare attraverso la ripartizione in articoli del cap. 5009, le quote di stanziamento per compenso lavoro straordinario da assegnare a ciascun settore; Considerato di dover confermare in ogni restante parte il dispositivo delle richiamata deliberazione n. 320 del ; Visti i pareri di legge; A voti unanimi legalmente espressi e sulla base della puntuale istruttoria documentata degli uffici competenti in ordine alle relative proposte, 7

14 DELIBERA 1) di procedere a ridefinire il PEG 2007, per i motivi indicati in normativa, come nel testo definitivo allegato al presente atto di cui costituisce parte integrante e sostanziale; 2) di confermare in ogni restante parte la propria deliberazione n. 320 del con particolare riferimento alle direttive con essa impartite. 3) di rendere la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell art.134, comma 4 del D.Lgs. 267/

15 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL PEG 2007 Signor Presidente, giovedì 21 dicembre 2006 il Consiglio Provinciale ha approvato per la quinta volta consecutiva il bilancio di questa Provincia prima della fine dell anno. Si tratta di un evento importante in considerazione della particolare difficoltà rappresentata dalla legge finanziaria 2007, approvata dal Parlamento il 21 scorso, con un emendamento di grande complessità costituito da un solo articolo e da commi. Nonostante la presenza nel provvedimento suddetto di una serie notevole di interventi rivolti al risanamento dei conti pubblici, allo sviluppo economico, e alla realizzazione di una maggiore equità, le Province hanno rilevato un incidenza negativa sul versante delle entrate e delle spese e hanno espresso riserve sull intera manovra. Tuttavia, anche per effetto di miglioramenti introdotti nel corso del dibattito parlamentare, è certamente apprezzabile il ritorno alla determinazione di limiti ai saldi di bilancio, anziché all ammontare complessivo delle spese, che implica una più appropriata considerazione dell autonomia locale. Lo stato di incertezza provocato da un provvedimento così complesso ha impedito a gran parte degli enti locali di procedere tempestivamente all approvazione del bilancio 2007, tanto che in data 30 novembre 2006 è stato emanato il decreto del Ministero dell Interno di proroga dei termini al 31 marzo E da sottolineare pertanto la sensibilità istituzionale dimostrata dal Consiglio Provinciale che ha proceduto, come per il passato, ad approvare il bilancio prima della fine dell anno e che consente, pertanto, ancora una volta, di avviare l ordinata gestione del bilancio medesimo fin dal 1 gennaio 2007, collocando questa Provincia tra le prime in Italia. L approvazione del bilancio costituisce, infatti, il presupposto fondamentale affinché la Giunta possa definire il PEG 2007 con la massima tempestività per assegnarlo ai singoli dirigenti prima dell inizio del nuovo esercizio. Trova così piena attuazione l'articolo 169 del testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali, approvato con decreto legislativo , n. 267, che prevede, al primo comma, quanto segue: 9

16 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio, l organo esecutivo definisce, prima dell inizio dell esercizio, il piano esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei Servizi. In sostanza, la norma configura il PEG come un "budget" di riferimento della gestione assegnato ai singoli responsabili dei Servizi dell ente e rivolto ad attuare le scelte di bilancio. Attraverso il PEG, la Giunta determina gli obiettivi della gestione da affidare ai dirigenti e assegna ai medesimi le dotazioni necessarie, in termini di risorse umane, strumentali e finanziarie, secondo vincoli di coerenza che sono propri degli strumenti di programmazione. Il PEG costituisce, pertanto, l'atto fondamentale di raccordo tra le funzioni di indirizzo politico-amministrativo, espresse dal Consiglio e dalla Giunta, e le funzioni di gestione rivolte a realizzare gli obiettivi stabiliti. Il PEG 2007, che si propone all esame della Giunta, presenta innovazioni profonde che ne accentuano la natura budgettaria. In termini di contenuto, esso si collega in maniera sempre più stretta alle azioni programmatiche individuate e descritte nella Relazione previsionale e programmatica delineando un sistema di gestione ispirato a logiche e a metodi di programmazione. Infatti, in seguito all elaborazione e alla presentazione al Consiglio del Programma di Governo , la RPP si sviluppa in 12 Aree strategiche e in Programmi e Progetti, descritti nel documento medesimo; progetti che il PEG esplicita con riferimento agli atti di gestione che interessano l anno Questo nuovo schema operativo è in fase di graduale avanzamento e funziona in maniera soddisfacente in quanto si sono verificate alcune condizioni essenziali. In primo luogo, è stato approvato e sperimentato fin dal 2002 un nuovo assetto organizzativo, recentemente rivisto e integrato, che consente ai dirigenti di svolgere le proprie funzioni di gestione, e di assumere conseguentemente la responsabilità dei risultati, in un contesto più chiaro e ordinato di missioni attribuite. In secondo luogo, in base alle esperienze maturate in sede di formazione dei PEG precedenti, è stato possibile individuare meglio gli obiettivi assegnati ai Settori e assicurare la coerenza tra gli obiettivi di gestione da conseguire e le risorse umane, strumentali e finanziarie occorrenti. 10

17 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA In terzo luogo, è stato possibile operare un primo collegamento significativo tra obiettivi strategici e obiettivi di gestione. In sostanza, il PEG si inserisce pienamente nel modello di governance che questa Provincia sta realizzando e che ha ricevuto un significativo riconoscimento nell aprile 2006 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento della Funzione Pubblica come una best practice a livello nazionale. Sotto il profilo strutturale, completamente rinnovato, il PEG 2007 si configura come un insieme di dieci budget di entrata e di spesa, ciascuno dei quali assegnato ai dirigenti dei rispettivi Settori sulla base del modello organizzativo esistente. Ciascun budget è strutturato per Servizi e reca: a) una parte programmatica, concernente i progetti e gli obiettivi di gestione assegnati, i quali sono descritti in schede analitiche sotto il profilo dei contenuti, degli indicatori, delle azioni da condurre, dei tempi tecnici da osservare, delle risorse finanziarie da utilizzare; b) una parte contabile, concernente l elenco dei capitoli e dei relativi stanziamenti di entrata e di spesa affidati alla responsabilità di gestione dei singoli dirigenti e collegati alla struttura del bilancio Ogni budget reca inoltre un riepilogo delle due parti per ciascun Settore e l individuazione analitica delle funzioni attribuite a ciascun Servizio sulla base del vigente ordinamento. Le indicazioni suddette costituiscono direttive della Giunta in ordine alle attività che i dirigenti dovranno svolgere nel 2007, insieme con quelle più generali contenute nella delibera di approvazione del PEG medesimo. La visione complessiva del PEG viene sintetizzata nei quadri allegati, nei quali sono riportate le assegnazioni di entrata distinte per Settori e per Servizi. La spesa viene riportata anche in relazione alle seguenti categorie che, adottate in passato, assumono ora un semplice valore indicativo: a) spese per il personale, le quali comprendono gli oneri per le retribuzioni fisse e variabili al personale di ciascun Settore, ad eccezione di alcune componenti (come ad esempio, il fondo per il trattamento accessorio e la spesa per le retribuzioni di posizione e di risultato dei dirigenti, la spesa per la formazione, ecc. che sono raggruppate in appositi capitoli del "budget" assegnati al Settore Valorizzazione e gestione delle risorse umane ); 11

18 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA b) spese di funzionamento, che comprendono gli oneri relativi all'acquisto di beni e servizi per il funzionamento dei settori medesimi (come, ad esempio, l'acquisto di beni di consumo, le utenze ed altre, per le quali si propone l adozione da parte dei dirigenti di piani di razionalizzazione, d intesa con il Servizio Demanio e Patrimonio e con il Servizio Provveditorato, rivolti a realizzare economie nella misura di almeno il 5% rispetto alla spesa 2006); c) spese operative correnti, le quali comprendono le spese che hanno rilevanza esterna nell'esercizio delle funzioni istituzionalmente attribuite alla Provincia e di competenza dei rispettivi Settori; d) spese di investimento, che comprendono le spese per investimenti materiali e finanziari (acquisizione beni immobili e mobili durevoli, opere pubbliche, partecipazioni, ecc.). Con riferimento all'andamento della gestione, è confermato il monitoraggio dell attività dei Settori alla fine di marzo, di giugno e di settembre 2007 sia sotto il profilo programmatico, sia dal punto di vista contabile. In particolare, il conseguimento degli obiettivi di gestione sarà assunto a riferimento del controllo di gestione, della valutazione dei dirigenti e del controllo strategico. In seguito all'esito dei monitoraggi suddetti, sarà presentata alla Giunta una relazione sull andamento della gestione, al duplice scopo di agevolare l adozione più organica dei provvedimenti di variazione del bilancio e del PEG e di verificare lo stato di attuazione dei programmi e dei progetti, il rispetto del patto di stabilità interno, la salvaguardia degli equilibri di bilancio e i risultati via via conseguiti. Ciò anche attraverso la collaborazione e l intervento del SECIN che, rinnovato all inizio di quest anno, sta già offrendo un contributo notevole in contatto con i dirigenti. L'intero processo si muove dunque nella linea di proseguire verso la realizzazione di un moderno e avanzato modello di governance della Provincia di Pescara fondato su iniziative di pianificazione, programmazione e controllo. Tali iniziative sono prevalentemente rivolte a migliorare e ad accelerare la formazione dei documenti di bilancio, a riordinare e a razionalizzare l'assetto organizzativo, a valorizzare le risorse umane, a semplificare i procedimenti amministrativi e contabili, a promuovere e a diffondere la formazione dei dirigenti e del personale. Si mira, in tal modo, a conferire maggiore efficienza ed efficacia all' azione amministrativa, dando concreta e tempestiva attuazione alle decisioni del Consiglio e della Giunta, e a creare un clima di forte motivazione e possibilmente di entusiasmo. 12

19 Il Direttore Generale PROVINCIA DI PESCARA L intervenuta approvazione del bilancio 2007 da parte del Consiglio in data 21 dicembre 2006 e la conseguente definizione del PEG 2007 da parte della Giunta, prevista per il 28 del corrente mese, costituiscono eventi di grande rilievo che consentono ancora una volta di avviare la gestione fin dal 1 gennaio prossimo in una situazione di maggiore certezza che certamente favorirà il buon governo, l efficienza e l efficacia della Provincia di Pescara. Nel concludere la presente relazione, sento il dovere di dare atto del favorevole contesto politico-istituzionale nel quale si manifesta possibile operare in questa Provincia e del grande senso di responsabilità e di partecipazione dei dirigenti al processo di innovazione. Un ringraziamento particolare va al Dirigente del Settore Economico- Finanziario, ai suoi validi collaboratori e al personale di questa Direzione Generale per l alta professionalità, la competenza, la dedizione, l impegno che hanno reso possibile ancora una volta realizzare un risultato così importante. Pescara, 27 dicembre 2006 IL DIRETTORE GENERALE (Mario Collevecchio) 13

20 Errore. Presidente del Consiglio Provinciale ORGANIGRAMMA IN VIGORE PRESIDENTE della PROVINCIA SEGRETERIA GENERALE Segreteria della Giunta, Affari Giuridici e Contratti SEGRETARIO GENERALE Ufficio Contenzioso DIRETTORE GENERALE Staff Direzione Generale Servizi e Uffici della Presidenza della Provincia Uffici di diretta collaborazione: Ufficio di Gabinetto e relazioni Istituzionali Segreteria particolare del Presidente Portavoce Servizi Ufficio Stampa Politiche Comunitarie S E T T O R I S E R V I Z I Affari Istituzionali e Innovazione Affari Istituzionali del Consiglio Innovazione e Informatizzazione Valorizzazion e e Gestione Risorse Umane Organizzazione e Formazione Attuazione Politiche del Personale Gestione Economica e Previdenziale del Personale Economico - Finanziario Programmazione, Bilancio, Studi, Analisi di Gestione, Statistica Gestione Attività Finanziaria Provveditorato e Economato Sviluppo del Territorio, Viabilità e Patrimonio Gare e Affari Generali del Territorio Infrastrutture Territoriali Viabilità Trasporti Tutela Ambiente Pianificazione Territoriale Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Protezione Civile e Sicurezza dei luoghi di lavoro Corpo di Polizia Provinciale Pubblica Istruzione, Edilizia Scolastica Pubblica Istruzione Edilizia Scolastica Interventi Sismici, Idrografici di Elettricità Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Attività Produttive Gestione Programmi e Progetti Formazione Professionale Attività Produttive Affari Generali Coordinament o Centri per l Impiego Affari Culturali Biblioteca Turismo e Politiche Sociali Attività culturali, Turismo, Sport e Tempo Libero Biblioteca Provinciale Politiche Sociali, Giovanili Sanitarie e Pari Opportunità Demanio e Patrimonio - SILUS UNITA PERIFERICHE: - C.P.I. PESCARA - C.P.I PENNE - C.P.I.- SCAFA 14

21 Servizi e Uffici della Presidenza della Provincia Segreteria della Giunta, Affari Giuridici e Contratti Affari Istituzionali e Innovazione Settore Valorizzazione e Gestione Risorse Umane Settore Economicofinanziario Settore Sviluppo del territorio, Viabilità e Patrimonio Settore Tutela dell'ambiente PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2007 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO -ENTRATA- Titolo primo - Entrate tributarie - Entrate correnti Titolo secondo - Entrate derivanti da contributi e trasferimenti dello Stato, della Regione e di altri enti pubblici - Titolo terzo - Entrate extratributarie- TOTALE ENTRATE CORRENTI Titolo quarto - Entrate derivanti da alienazioni, trasferimenti di capitale e da riscossione di crediti - Titolo quinto - Entrate derivanti da accensioni di prestiti - Uffici di diretta collaborazione del Presidente , , ,00 Totale Settore , , , ,00 Servizio Affari Giuridici, contratti e contenzioso ,00 Affari giuridici della Giunta Totale Settore , ,00 Affari Istituzionale del consiglio Innovazione e Informatizzazione ,00 Totale Settore ,00 Organizzazione e Formazione Attuazione Politiche del Personale , , ,90 Gestione Economica e Previdenziale del Personale Totale Settore , , ,90 Programmazione di Bilancio Studi e Analisi di Gestione ,00 Servizio gestione attività finanziaria , , ,67 Servizio provveditorato ed economato ,00 Totale Settore , , , ,04 0, ,00 Servizio infrastrutture territoriali , , , ,00 Servizio viabilità e trasporti , , ,00 Servizio Demanio e Patrimonio , , ,00 Gare e Affari Generali del Territorio ,00 Totale Settore , , , , ,00 Servizio tutela e valorizzazione dell'ambiente , , , ,00 Servizio Pianificazione territoriale 0,00 Servizio prot.civile, e sicurezza luoghi di lavoro Servizio Corpo Polizia provinciale , ,00 Totale Settore , , , ,50 0, ,00 15

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PIANI PROGRAMMA 2008

PIANI PROGRAMMA 2008 PIANI PROGRAMMA 2008 ASSEMBLEA LEGISLATIVA E.R. 2 DIREZIONE GENERALE... 9 PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DEI RISULTATI...11 Scheda S698 Bilancio annuale di previsione, variazioni di bilancio

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 186 del 29/12/2010 Modificato ed integrato con deliberazione di G.C. n. 102 del 07/09/2012 1 TITOLO I L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO 1 1 Approvato con deliberazione G.C. n 70 del 12.07.2005 modificato con deliberazione G.C. n 98 del 18.11.2006 a seguito della deliberazione G.C. n 113 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli