MEDICINA E CHIRURGIA DEL GOMITO, POLSO E DELLA MANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEDICINA E CHIRURGIA DEL GOMITO, POLSO E DELLA MANO"

Transcript

1 MEDICINA E CHIRURGIA DEL GOMITO, POLSO E DELLA MANO Patologia dei nervi periferici sindrome del canale carpale compressione del nervo ulnare al gomito compressione del nervo ulnare al polso altre compressioni dei nervi periferici lesioni traumatiche dei nervi periferici patologia tumorale dei nervi periferici Patologia degenerativa osteo-articolare rizoartrosi artrosi del polso artrosi della mano Patologia ossea fratture del polso fratture della mano patologia tumorale Lesioni legamentose lesioni legamentose del polso lesioni legamentose della mano Patologia traumatica tendinea dito a martello lesioni tendini flessori lesioni dei tendini estensori Patologia infiammatoria tendinea dito a scatto malattia di De Quervain epicondilite epitrocleite Patologia della fascia palmare ed altre forme morbose morbo di Dupuytren cisti sinoviali delle articolazioni oppure tendinee Pag. 1

2 Le patologie di più frequente osservazione sono: Sindrome del Tunnel Carpale (STC): è una delle patologie più diffuse che interessano la mano. Colpisce prevalentemente il sesso femminile in un età compresa tra i 40 ed i 60 anni. Le cause di questa malattia sono molteplici. Pur esistendo una predisposizione individuale, l insorgenza della STC è principalmente riscontrabile in soggetti che si occupano di lavori manuali pesanti e/o ripetitivi. Inoltre la si osserva frequentemente nelle donne durante e appena dopo una gravidanza, oppure compare con la menopausa. La causa reale della STC è l aumento di pressione sul nervo mediano nel canale carpale, sostenuta da molteplici fattori: tra questi il più importante è l infiammazione del legamento trasverso del carpo o l aumento di volume (ipertrofia) del nervo e dei tendini vicini. Essendo il tunnel carpale una struttura anatomica a pareti rigide si crea perciò un conflitto fra contenitore e contenuto. I sintomi del tunnel carpale si presentano prevalentemente nello stato iniziale, durante la notte, con la comparsa di uno strano formicolio alle prime 4 dita della mano, senza mai interessare il 5 dito; il formicolio cede poi, nel tempo, il posto ad una forma di rigidità e gonfiore delle dita della mano (soprattutto di mattina) con bruciore, e con progressiva e sempre più evidente perdita della sensibilità e della presa della mano. Il paziente non è più in grado di prendere piccoli oggetti, come monete o l ago per cucire e diventa anche fastidioso tenere in mano la cornetta del telefono, il volante dell auto o il manubrio della bicicletta. Spesso si possono avvertire anche delle scosse. Negli stadi avanzati di sofferenza del nervo mediano è frequente osservare un ipotrofia dei muscoli del pollice con la formazione di un vero e proprio buco. La storia clinica del/la paziente, l età, le gravidanze, l inizio o l avvenuta menopausa, l area in cui appaiono i sintomi, sono già sufficienti per formulare una diagnosi clinica. A ulteriore certezza diagnostica è opportuna l esecuzione di un esame elettromiografico che serve ad evidenziare il rallentamento della velocità di conduzione del nervo mediano. Il trattamento delle forme iniziali prevede l utilizzo di un tutore da polso per la notte, farmaci antiinfiammatori e neurotrofici, e la FKT. Qualcuno effettua anche delle infiltrazioni con corticosteroidi che io personalmente non eseguo per le possibili complicanze. Quando questi procedimenti non danno più il beneficio desiderato si deve proporre il trattamento chirurgico. L intervento può essere eseguito con metodi diversi in base alla competenza e esperienza del chirurgo. Una volta presa la decisione chirurgica sarà l operatore a fornire al paziente tutte le informazioni sulla tecnica chirurgica, sul tipo di anestesia, la durata dell intervento, i rischi, la ripresa funzionale della mano, che in genere sarà tanto più rapida quanto più veloce è stata la scelta chirurgica e attenta e diligente sarà stata la condotta del paziente nel post operatorio. Pag. 2

3 Dito a scatto o malattia di Notta (tenosinovite stenosante flessore): Si tratta di una comune patologia dei tendini della mano. Chi ne è affetto riferisce un brusco scatto di uno o più dita nel passaggio dalla posizione di flessione a quella di estensione. La forma più diffusa, di cui non si conosce la causa, si riscontra nelle donne di media età, attive e in buona salute; minore è l incidenza nel sesso maschile. La malattia si associa frequentemente alla presenza di noduli nel palmo della mano della malattia di Dupuytren, alla sindrome del Tunnel Carpale e alla tenosinovite di De Quervain. I sintomi: i tendini flessori (superficiale e profondo) scorrono all interno di un canale o puleggia che è rivestito da una membrana detta guaina sinoviale o sinovia. Microtraumi ripetuti nel tempo (l uso di forbici, cesoie, mazze da golf, ecc ) provocano l infiammazione e la successiva formazione di un nodulo sinoviale a carico di uno o di tutti e due i tendini flessori, che determina un blocco allo scorrimento all ingresso del canale digitale. In conseguenza di questo fatto meccanico, dopo la flessione del dito si verifica un brusco arresto nella estensione per la impossibilità del nodulo o del rigonfiamento sinoviale a superare l ingresso del canale. Quindi, per riuscire ad estendere il dito, il paziente deve compiere con forza e con dolore una trazione e una estensione forzata e brusca provocando uno scatto associato ad un violento dolore. Il disturbo, oltre che doloroso, è molto fastidioso, poiché limita notevolmente la funzione della mano. Le dita più frequentemente interessate da questa patologia sono: il I, il III e il IV dito. La diagnosi: la malattia si rende evidente già dal racconto del Paziente, all'esame obbiettivo la palpazione di un nodulo sottocutaneo, spesso dolente, nel palmo della mano a livello della base dell articolazione metacarpo-falangea ne conferma l'esistenza. La tenosinovite stenosante può avere un andamento cronico, fino a creare un vero e proprio blocco funzionale del dito; nello stesso tempo sono però possibili dei miglioramenti spontanei in relazione alle variazioni stagionali, o al ridotto utilizzo della mano. Un ulteriore conferma diagnostica può arrivare da un esame ecografico. La terapia: in fase iniziale, la terapia è di tipo medico, basata sulla somministrazione di farmaci antinfiammatori protratta per non più di 3 giorni, mentre, se il disturbo, come spesso accade, non si risolve, è consigliabile passare direttamente all intervento chirurgico. È frequentemente praticata una terapia locale mediante infiltrazione di cortisone. Questo trattamento, utile nelle forme acute, non è esente da un certo rischio connesso all infezione e soprattutto a possibili danni al tendine (rottura patologica), non assicura la risoluzione completa della malattia, non può essere ripetuta, e dà risultati solo temporanei. Sempre in fase iniziale si possono ottenere a volte benefici con le onde d urto. Pag. 3

4 L intervento: eseguito in anestesia locale con piccolissime dosi di anestetico, consiste nell apertura dell involucro fibroso (puleggia) e nell eventuale asportazione del nodulo. Richiede la esecuzione di una incisione cutanea minima, nella regione del palmo della mano. È essenziale ricordare l importanza di una precoce e ben condotta rieducazione funzionale. Infatti, la sola possibile complicanza post-operatoria consiste, sul tendine appena liberato, nella formazione di aderenze cicatriziali che si possono prevenire mediante una semplice rieducazione individuale. La mano riprende rapidamente la sua funzione in una settimana. Morbo o malattia di De Quervain: La malattia di De Quervain è il risultato di una infiammazione della guaina di scorrimento di due tendini diretti al pollice (abduttore lungo ed estensore breve del pollice) nel loro punto di passaggio nel primo canale dorsale del carpo. Colpisce prevalentemente soggetti che, per attività lavorativa o per hobby, eseguono ripetuti movimenti di pinza con il pollice o trascorrono lungo tempo con il polso in posizione flessa o in deviazione ulnare. Quale esempio basti citare le ricamatrici, molti musicisti, le dattilografe, gli addetti ai videoterminali (negli U.S.A. spesso la malattia viene indicata come "malattia da mouse"), le neomamme che tengono a lungo il neonato in braccio, i pazienti affetti da tendiniti di origine reumatica o reumatoide. I sintomi: il paziente lamenta dolori assai intensi, inizialmente episodici e, successivamente persistenti, localizzati al polso e alla radice del pollice. I dolori sono accentuati dai movimenti del polso e del pollice, al punto che è difficile eseguire movimenti semplici quali il girare una chiave o svitare un tappo. Nelle forme avanzate, sul margine radiale del polso, è visibile un area tumefatta, dura e compatta, ma estremamente dolente alla pressione, la cui durezza è spesso simile a quella dell osso. In questi casi l esame radiografico non ha alcuna utilità, dal momento che la malattia interessa tessuti non visibili ai raggi X. L ecografia, al contrario, evidenzia con precisione le alterazioni infiammatorie dei tendini e i loro rapporti con le pareti della guaina. Quando è presente un vistoso ingrossamento o quando la sintomatologia è così persistente o intensa da interferire con le normali attività della vita quotidiana, è indicato l intervento chirurgico, che ha lo scopo di aprire la guaina, in modo da favorire lo scorrimento dei tendini. La diagnosi: la zona che corrisponde al primo canale del carpo si presenta tumefatta ed estremamente dolorosa alla pressione. I movimenti del pollice saranno difficoltosi sempre a causa del dolore che sarà vivissimo se si inclina il polso sul lato ulnare (cioè dalla parte del mignolo). Più progredisce la malattia più i tendini, a causa della ristrettezza del canale, si infiammano andando incontro a una progressiva usura (tendinosi). La diagnosi differenziale deve essere posta con la Rizoartrosi, che spesso è già presente o con altre patologie del pollice: in questi casi è utile eseguire anche una radiografia. Pag. 4

5 La terapia: si sconsigliano i trattamenti infiltrativi locali, da applicare con estrema prudenza e mai ripetitivi solo in pazienti restii al trattamento chirurgico. È sempre indicato invece l intervento chirurgico che, attraverso una piccola incisione, ripristina il corretto scorrimento dei tendini infiammati. Si tratta di un intervento delicato e risolutivo, con risultato funzionale immediato. Spesso questa patologia è associata alla sindrome del tunnel carpale. L intervento: avviene in anestesia loco-regionale; la procedura non è dolorosa, è ottimamente tollerata e non presenta rischi. Il chirurgo esegue un incisione cutanea di 2,5 cm sul marginale radiale del polso, asporta la guaina infiammata e ristabilisce il normale scorrimento dei due tendini. Al termine dell intervento il paziente viene istruito subito ad usare liberamente il pollice, perché non viene applicato un apparecchio gessato, ma un semplice bendaggio che consente i movimenti del pollice e del polso. Il recupero funzionale è già ottimale dal 3-4 giorno dall intervento (il paziente è in grado di scrivere, di guidare l automobile e di usare abitualmente il pollice). La malattia di Dupuytren: È una tipica malattia del palmo della mano, che per mancanza di cultura o di informazione medica appare tutt oggi molto trascurata. Per malattia o contrattura di Dupuytren si intende un processo di ingrossamento cordoniforme dalla fascia palmare (aponeurosi) della mano. Si rende evidente con la comparsa di noduli e cordoni duri e compatti sempre più grandi, sul palmo della mano, più frequentemente lungo l asse del IV e del V dito, che nel tempo provoca una retrazione in flessione di queste e altre dita con progressiva difficoltà nell'estensione. Questo stato di retrazione delle dita verso il palmo della mano è causa di grande inabilità della mano stessa. L origine di questa malattia è tutt oggi sconosciuta: è noto, infatti, che non esiste alcun rapporto tra attività lavorativa e malattia di Dupuytren mentre è nota una certa ereditarietà della malattia. Molti metodi di cura si sono rivelati inefficaci e l unica concreta risorsa è un intervento chirurgico. Le cause: la malattia di Dupuytren colpisce con prevalenza gli uomini (il rapporto uomo / donna è di 10 a 1), in età solitamente superiore ai 50 anni, sebbene non siano rari i casi di esordio più precoce. Sono più frequentemente colpiti l'anulare e il mignolo. Esistono sicuramente alcune condizioni predisponenti: precedenti casi in famiglia, il diabete, l alcolismo e altre malattie. I sintomi: si manifesta con noduli duri e compatti sulla pelle del palmo lungo l asse del IV, V e, a volte anche III dito. Questi noduli formano progressivamente dei cordoni che si rendono ben evidenti sotto la pelle e che provocano la flessione progressiva del dito interessato. Tipico dei noduli è l aderenza con la pelle fino a costituire dei veri e propri ombelichi. La pelle va incontro ad un processo di fibrosi e di Pag. 5

6 indurimento a causa della minore vascolarizzazione, condizione che rende poi più difficile l intervento chirurgico, e pertanto non è quasi mai sufficiente la semplice asportazione della fibrosi ma sono richieste anche delle plastiche cutanee per poter richiudere la ferita chirurgica. La diagnosi: l indicazione al trattamento chirurgico e l'entità del trattamento chirurgico si pone esclusivamente con l'esame clinico. L intervento: si esegue in anestesia locoregionale o al plesso in sede ascellare. L intervento consiste nell asportare quella parte di aponevrosi palmare malata e retratta, avendo il massimo rispetto per la pelle e per le formazioni anatomiche presenti nel palmo della mano. È assolutamente necessario eseguire questo intervento mediante mezzi ottici adeguati e con l ausilio di un bracciale pneumatico che blocchi temporaneamente la circolazione sanguigna. La durata dell intervento è mediamente di 1 ora. Alla fine viene applicato un drenaggio e un bendaggio compressivo del palmo della mano che viene sostenuta da una doccia gessata dorsale. In casi molto avanzati ed inveterati, soprattutto a carico del V dito, può essere presa in considerazione anche una amputazione estetica del dito. Eccezioni: in casi limite di pazienti afflitti da grave diabete, problemi cardiaci o da altre condizioni generali di salute precaria, si possono eseguire piccoli interventi con una semplice anestesia locale di cordotomia (sezione dei cordoni con particolari aghi), che dà al paziente un notevole miglioramento senza però correggere in modo completo la malattia. Oggi viene proposta anche una terapia alternativa per via iniettiva con Xiapex (eseguita comunque esclusivamente in pochi centri autorizzati). La rizoartrosi: Con il termine rizoartrosi (dal greco rizos, radice) si indica la localizzazione della malattia artrosica nell articolazione basale del pollice (articolazione tra il trapezio e la base I metacarpale). Questa condizione è molto frequente dopo i anni, ma spesso sottostimata e banalizzata, perché essendo appannaggio della III.a età considerata come una condizione legata all invecchiamento. La rizoartrosi è una condizione invalidante, perché spesso è bilaterale, rende l uso del pollice doloroso, limitato; infatti il pollice è il dito principe della funzione di pinza e di presa della mano perché si oppone da solo alle altre quattro dita. I pazienti affetti da rizoartrosi si vedono limitati nei gesti quotidiani, quali lo scrivere, sollevare un piatto o un libro, girare una chiave, stirare, guidare, cucire: nella donna questa malattia può rendersi evidente con la menopausa. Dato il crescente invecchiamento della popolazione italiana la rizoartrosi si può considerare una vera e propria malattia sociale. Le cause: le cause di questa malattia non sono da attribuire soltanto alla generica malattia artrosica, ma vanno ricercate a monte in una congenita o secondaria lassità della capsula articolare trapezio - I metacarpo. Questa lassità o elasticità capsulare è responsabile, nell azione di pinza chiave, di uno scivolamento della base del metacarpo e di una continua ed evolutiva azione di usura delle superfici articolari tra trapezio e base del metacarpo. Pag. 6

7 I sintomi: i sintomi più frequenti della rizoartrosi sono, inizialmente, un dolore vago e modesto alla base del pollice, una debolezza dei movimenti del pollice e difficoltà ad eseguire le abituali azioni quotidiane (sollevare un piatto, girare una chiave, guidare, scrivere, cucire, stirare ). Caratteristica importante del dolore è quella di comparire anche durante le ore del riposo notturno, ossia con il pollice a riposo, cosa che rende più reattivo il paziente. Con il tempo, alla base del pollice compare una tumefazione che gradatamente si rende più evidente, dovuta al progressivo scivolamento laterale della base del I metacarpo che viene a perdere il suo rapporto con il trapezio fino alla sua completa lussazione. Il tutore che salva il pollice: una diagnosi precoce e l impiego di un tutore di stabilizzazione del pollice consentono di alleviare i sintomi e, soprattutto, di arrestare l evoluzione della malattia nel pieno rispetto della funzione del pollice. Questo tutore è di materiale plastico, termo-modellabile che permette di ristabilire l equilibrio originale del pollice, di eliminare il dolore e di recuperare un ottima funzione di pinza e di presa. Si tratta di un tutore ergonomico, cioè che favorisce e migliora la funzione del pollice, ridando quindi fiducia al paziente che può nuovamente tornare alle sue occupazioni quotidiane. L intervento: la moderna chirurgia della mano può sanare con un intervento rapido e brillante questa malattia. Gli interventi chirurgici più utilizzati al giorno d oggi sono principalmente di tre tipi che vengono decisi in base ad alcuni varianti: età e sesso del paziente, grado di artrosi, attività lavorative e/o sportive, ecc. Artrodesi: consiste nella fusione del trapezio con la base del I metacarpale in posizione funzionale, e richiede l utilizzo di mezzi di osteosintesi (cambre, fili metallici od altro), e dopo l intervento l applicazione di un apparecchio in fibra di vetro oppure un tutore fisso per almeno 45 giorni. La perdita di mobilità del pollice è minima, e viene restituita al paziente una mano forte e robusta. Tenosospensione: consiste nell asportare il trapezio malato e nel sostituirlo mediante un tendine dello stesso paziente, che agisce come un cardine di sospensione del I metacarpo. I tempi di recupero normalmente sono più ridotti, ma la mano è meno forte e robusta. Artroprotesi: la sostituzione dell articolazione con una protesi (in commercio ne esistono vari modelli) viene oggi eseguita sempre più raramente a causa della alta percentuale di complicanze (mobilizzazioni o allentamenti della protesi, instabilità dolorose, rotture del materiale, ecc.) e della difficoltà chirurgica di riprendere successivamente queste situazioni. L epicondilite: L'epicondilite conosciuta anche come "gomito del tennista", è una condizione dolorosa del gomito causata da un suo uso eccessivo. Tipicamente sport come il tennis o altri dove è previsto l'uso della racchetta, possono causare questo problema. Anche se molti altri sport, ma soprattutto lavori o attività dove il gomito è particolarmente sollecitato possono essere fattori predisponenti all'epicondilite. L'epicondilite è una Pag. 7

8 infiammazione dei tendini che collegano i muscoli dell'avambraccio sulla parte esterna del gomito. I muscoli dell'avambraccio e i tendini si danneggiano a causa di un uso eccessivo (ripetere più e più volte gli stessi movimenti). Questo porta a dolore e gonfiore sulla parte esterna del gomito. Ci sono molte opzioni di trattamento per l'epicondilite. Nella maggior parte dei casi il trattamento comporta un approccio di squadra. Il vostro medico curante, il fisioterapista e in alcuni casi, il chirurgo ortopedico lavoreranno insieme per fornirvi la cura più efficace. L'epicondilite interessa i muscoli e i tendini del vostro avambraccio che quando funzionano contraendosi, estendono il polso e le dita. Questi tendini si inseriscono all'epicondilo. Il tendine che più comunemente è coinvolto nel gomito del tennista è chiamato Estensore Radiale Breve del Carpo (ERBC). I sintomi del gomito del tennista si sviluppano gradualmente. Nella maggior parte dei casi, il dolore inizia come lieve e lentamente peggiora nel corso di settimane e mesi. Di solito non esiste un trauma o un evento specifico associato con l'inizio dei sintomi. Segni e sintomi del gomito del tennista sono: Dolore o bruciore sulla parte esterna del gomito. Forza di presa debole. Difficoltà ad estendere il polso. I sintomi spesso peggiorano con l'attività dell'avambraccio, come quella di tenere una racchetta, girare una chiave, o agitare le mani. Il braccio dominante è interessato più frequentemente, tuttavia entrambi i gomiti possono essere colpiti. In genere la diagnosi di epicondilite viene fatta sulla base della visita medica. Talvolta però il vostro medico può richiedere ulteriori test per escludere altre cause del problema. I raggi X Questi possono essere richiesti per escludere l'artrosi del gomito. Ecografia tendinea Permette di evidenziare lo stato di infiammazione tendinea. Risonanza Magnetica Se il medico ritiene che i sintomi siano collegati ad un problema di cervicale, una risonanza magnetica può essere utile. Questo esame aiuterà il vostro medico se si soffre di una possibile ernia del disco cervicale o di artrosi del collo. Entrambe queste condizioni spesso producono dolore al braccio. Pag. 8

9 Elettromiografia (EMG) Il medico può richiedere un EMG per escludere la compressione di un nervo. Molti nervi corrono intorno al gomito, ed i sintomi di compressione di alcuni di questi nervi talvolta sono simili a quelli dell'epicondilite. Trattamento non chirurgico Circa l'80% - 95% dei pazienti guariscono senza avere bisogno della chirurgia. Riposo: Il primo passo verso la guarigione è quello di dare al braccio il giusto riposo. Questo significa che si dovrà smettere di fare sport o attività di lavoro pesanti per diverse settimane. In passato si usava immobilizzare l arto in un apparecchio gessato con il polso in posizione di estensione. Farmaci anti-infiammatori non steroidei: Farmaci come il Nimesulide, Ibuprofene, Ketoprofene o analoghi (sempre dietro prescrizione del proprio Medico curante e dopo aver letto attentamente il foglietto illustrativo) aiuteranno a ridurre il dolore e il gonfiore. Si possono somministrare anche farmaci a base di cortisone per via infiltrativa intorno ai tendini infiammati. Equipaggiamento sportivo: Se si pratica uno sport dove è previsto l'uso di una racchetta, il medico può consigliarvi di usare attrezzi adeguati. La terapia fisica: Specifici esercizi sono utili per rinforzare i muscoli dell'avambraccio. Il vostro fisioterapista può anche eseguire Tecarterapia, ultrasuoni, massaggi con ghiaccio, elettrostimoli, ecc. per migliorare la guarigione del muscolo. Sempre maggiore spazio nel trattamento conservativo dell epicondilite si sta conquistando il cosiddetto Taping Neuro-Muscolare (ved. immagine). Tutori: Utilizzare specifiche gomitiere con un cuscinetto centrato sul muscolo estensore (ERBC) del vostro avambraccio può aiutare ad alleviare i sintomi. Questo dispositivo può ridurre i sintomi mettendo a riposo i muscoli e i tendini. La terapia ad onde d'urto extracorporea: La terapia ad onde d'urto consiste nel "bombardare" il gomito con onde sonore tramite una speciale apparecchiatura. Queste onde sonore creano "microtraumi" che favoriscono i processi di guarigione naturale del corpo. Trattamento chirurgico Se i sintomi non migliorano dopo 6-12 mesi di trattamenti non chirurgici, il vostro ortopedico può consigliarvi un intervento chirurgico. Pag. 9

10 La maggior parte delle procedure chirurgiche per il gomito del tennista comportano la rimozione della porzione malata del muscolo e quindi la reinserzione del muscolo sano all'osso. L'approccio chirurgico giusto per voi dipende da una serie di fattori. Questi includono la gravità dei sintomi, la vostra salute generale, e le vostre esigenze personali. Parlate con il vostro medico delle varie opzioni terapeutiche, chiedete i risultati che il vostro medico ha avuto con la terapia chirurgica, e gli eventuali rischi associati ad ogni procedura. L'intervento chirurgico aperto: L'approccio più comune per trattare un'epicondilite è la chirurgia aperta. Questa comporta una piccola incisione sopra il gomito. La chirurgia aperta è di solito in regime di Day Hospital e raramente richiede un pernottamento in ospedale. Dopo l intervento l arto superiore operato viene messo a riposo assoluto in una stecca di fiberglass oppure un tutore per circa 4 settimane. Nelle forme iniziali qualche volta si utilizza anche una tecnica mini-invasiva a base di radiofrequenze (Topaz). Rischi chirurgici: Come per qualsiasi intervento chirurgico, anche per l'epicondilite esistono rischi collegati con la chirurgia. I rischi da considerare sono: Infezione. Danni ai nervi e ai vasi sanguigni. Possibile riabilitazione prolungata. Perdita di forza. Rigidità. Mancato beneficio oppure la recidiva con necessità di un reintervento. Cisti o Gangli sinoviali: Le cisti sinoviali, dette anche gangli, sono tumefazioni di natura non tumorale ripiene di liquido sinoviale a partenza dalle articolazioni o dai tendini. La cisti rappresenta il risultato del persistente accumulo di liquido in eccesso nell'articolazione o nella guaina del tendine interessato conseguente a fenomeni di tipo infiammatorio o di sovraccarico (microtraumatismi ripetuti conseguenti a certe attività lavorative o sportive). Cause più rare sono i macrotraumi (distorsioni, fratture ecc.) o una lassità costituzionale del tessuto connettivo. L aumento di pressione che ne deriva sfianca la parete più debole della capsula articolare o della membrana sinoviale che si gonfia verso l esterno, formando così la cisti. Le cisti possono causare dolore specialmente dopo uno sforzo, le dimensioni possono variare nel tempo e talvolta possono transitoriamente scomparire. Nella maggior parte dei casi la cisti si sviluppa sul dorso del polso, meno frequentemente sul palmo nel punto in cui si sente il battito cardiaco. Le cisti però possono localizzarsi anche in altre sedi come le dita o il palmo della mano. Per la diagnosi è sufficiente la visita dello specialista. Può essere utile un esame ecografico che confermi la natura della tumefazione, nei casi di cisti voluminose o polilobulate una Risonanza Magnetica Nucleare può dare utili informazioni sull'estensione della formazione per la rimozione chirurgica. Pag. 10

11 Se la formazione cistica non causa problemi può non essere trattata e talvolta può scomparire spontaneamente. Se causa fastidio può essere aspirata ed infiltrata con il cortisone. Quando invece le cisti causano dolore, problemi funzionali, estetici o comprimono un nervo vanno rimosse chirurgicamente. Il trattamento chirurgico consiste nella rimozione della cisti sinoviale dal peduncolo di origine. La maggior parte delle cisti sinoviali può essere rimossa in anestesia locale oppure locoregionale di tutto il braccio (plesso brachiale) in Day Surgery. Dopo la rimozione si può sviluppare una certa rigidità nei movimenti a seguito dell'interessamento della capsula articolare dell immobilizzazione più o meno prolungata della mano. Il processo non è prevedibile, ma una volta diagnosticato, si può intervenire mediante fisioterapia. La recidiva dopo l asportazione di una cisti sinoviale è una evenienza possibile nel % dei casi. Per limitare al massimo la percentuale di recidiva si raccomanda di affidarsi comunque ad un chirurgo con esperienza in chirurgia della mano o microchirurgia. Pag. 11

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

SINDROME DEL CANALE CARPALE E PATOLOGIA INFIAMMATORIA TENDINEA

SINDROME DEL CANALE CARPALE E PATOLOGIA INFIAMMATORIA TENDINEA SINDROME DEL CANALE CARPALE E PATOLOGIA INFIAMMATORIA TENDINEA Nervi arto superiore Visione anteriore SINDROME CANALE CARPALE Compressione del nervo mediano nel canale osteofibroso del carpo Idiopatico

Dettagli

CHIRURGIA DELLA MANO

CHIRURGIA DELLA MANO CHIRURGIA DELLA MANO INDICE pag. Sindrome del canale carpale 1 Dido a scatto 2 Malattia di de Quervain 3 Rizoartrosi 4 Cisti del polso 5 Frattura 6 Malattia di Dupuytren 8 Artroscopia del polso della mano

Dettagli

- Durante la gravidanza a causa di un aumento di ritenzione di liquidi può presentarsi una tenosinovite.

- Durante la gravidanza a causa di un aumento di ritenzione di liquidi può presentarsi una tenosinovite. LE TENOSINOVITI Rientrano nel capitolo delle infiammazioni extra articolari. Si tratta di infiammazioni dolorose che colpiscono le guaine tendinee ovvero il rivestimento sinoviale dei tendini, da qui la

Dettagli

PATOLOGIA DEL PORTIERE

PATOLOGIA DEL PORTIERE PATOLOGIA DEL PORTIERE PATOLOGIE DELLA MANO E DEL POLSO: trattamento e riabilitazione Dott. P. Odorizzi, Dott I. Dakovic Infortuni da sport alla mano 1/4 degli infortuni sportivi 10% degli infortuni calcistici

Dettagli

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE PATOLOGIA INFIAMMATORIA-DEGENERATIVA TRATTAMENTO CHIRURGICO E CONSERVATIVO STC,DITO A SCATTO,DE QUERVAIN,RIZOARTROSI Ft. Rossi P. OBIETTIVI

Dettagli

Speciale Epicondilite

Speciale Epicondilite presenta OLTRE L INFIAMMAZIONE C È DI PIÙ Realizzato con la consulenza del dottor Andrea Miti, Direttore del reparto di ortopedia e traumatologia dell Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) Il dolore si sviluppa

Dettagli

INTERVENTO PER SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

INTERVENTO PER SINDROME DEL TUNNEL CARPALE INTERVENTO PER SINDROME DEL TUNNEL CARPALE 2 Il nervo mediano, evidenziato in giallo, risulta compresso a livello del polso e del palmo della mano dal legamento traverso del corpo ispessito. L intervento

Dettagli

INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN

INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN 2 L aponeurosi palmare è l elemento che viene colpito dalla malattia di Dupuytren, ritraendosi e flettendo le dita. Il Morbo do Dupuytren consiste nella progressiva retrazione

Dettagli

Le Schede informative di... SINDROME DEL TUNNEL CARPALE (STC)

Le Schede informative di... SINDROME DEL TUNNEL CARPALE (STC) Le Schede informative di... SINDROME DEL TUNNEL CARPALE (STC) La sindrome del tunnel carpale (STC) State lavorando alla scrivania, e cercate di ignorare il formicolio e la sensazione di intorpidimento

Dettagli

ECOGRAFIA DEL POLSO E DELLA MANO

ECOGRAFIA DEL POLSO E DELLA MANO ECOGRAFIA DEL POLSO E DELLA MANO Dott. FRANCESCO BUSONI Radiologo Pisa La Diagnostica per Immagini vista dal Riabilitatore 2012 Lo studio ecografico del polso e della mano necessita di apparecchiature

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA 1- NELLA SPALLA I TENDINI DELLA CUFFIA DEI ROTATORI TRANSITANO FRA DUE ZONE OSSEE PRIMA DI INSERIRSI SULL OMERO 2- FREQUENTI MOVIMENTI DEL BRACCIO PROVOCANO RIPETUTE COMPRESSIONI SUI TENDINI PROVOCANDONE

Dettagli

Robot per riabilitazione avanzata della mano. Sabato 19 Novembre 2005 - Hotel Vittoria, Potenza

Robot per riabilitazione avanzata della mano. Sabato 19 Novembre 2005 - Hotel Vittoria, Potenza Robot per riabilitazione avanzata della mano Sabato 19 Novembre 2005 - Hotel Vittoria, Potenza Obiettivi Il seguente progetto è motivato da differenti fattori: Diffondere la riabilitazione della mano e

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER Il cerotto Painmaster MCT si presta a numerosi utilizzi in diversi distretti del corpo, garantendo risultati ottimali e in piena sicurezza. Sfrutta la terapia alle micro correnti,

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

Lussazione di spalla:

Lussazione di spalla: Lussazione di spalla: Per lussazione si intende la perdita completa dei rapporti reciproci tra i capi ossei di una articolazione. Può essere congenita, ovvero presente alla nascita, od acquisita. Le condizioni

Dettagli

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Diagnosi e trattamento delle comuni patologie della mano Genova, 17 Maggio 2014 Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Dott.Ft Gabriella Bruno ASL3

Dettagli

QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE

QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE Prima parte Data di compilazione Azienda Reparto Mansione Cognome Nome Data di nascita età sesso Anzianità mansione Anzianità

Dettagli

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare Schede informative per il paziente Artriti della spalla Capsulite adesiva Lesioni della cuffia dei rotatori Instabilità e lussazione articolare Vi sono tre articolazioni nella spalla: la clavicola con

Dettagli

Informazioni e consigli utili per il paziente

Informazioni e consigli utili per il paziente ARTROPROTESI DELL ANCA Informazioni e consigli utili per il paziente INDICE La protesi d anca pag. 3 Intervento 5 Recupero post-operatorio 6 Controlli periodici e sintomi 12 Note 13 3 LA PROTESI D'ANCA

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, settembre 2015 Artropatia psoriasica DESCRIZIONE

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Lesioni frequenti ed esigenti dal punto di vista chirurgico gravate in passato da risultati funzionali talvolta modesti La prognosi oggi è notevolmente migliorata

Dettagli

Schema per la raccolta della sintomatologia

Schema per la raccolta della sintomatologia Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 8 Schema per la raccolta della sintomatologia

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO La Sindrome dell EGRESSO TORACICO Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO Introduzione La Sindrome dell Egresso Toracico è una patologia che deriva dalla compressione di strutture nervose

Dettagli

LA "PERIARTRITE" DELLA SPALLA

LA PERIARTRITE DELLA SPALLA LA "PERIARTRITE" DELLA SPALLA Il termine "periartrite" di spalla è stato modernamente abbandonato. Infatti rimane un termine vago, che include un gruppo di patologie differenti, semplicemente accomunate

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE:

CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE: CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE: L energia permanente del campo magnetico statico di RIGENERA incide positivamente nella cura di : Osteoporosi Artrosi Strappi muscolari Tendiniti Mal di schiena Migliora

Dettagli

scheda 04.03 Chirurgia Chirurgia dell arto superiore

scheda 04.03 Chirurgia Chirurgia dell arto superiore scheda 04.03 Chirurgia Cos è Il servizio di di MediClinic tratta in regime di day surgery tutte le patologie del polso, del gomito e della spalla che non richiedono degenza notturna post-intervento. Gli

Dettagli

Calcificazione del tendine del sovraspinato

Calcificazione del tendine del sovraspinato Calcificazione del tendine del sovraspinato 1 ANAMNESI E STORIA CLINICA Maria C. è una donna di 35 anni che si iscrive per la prima volta in palestra. E stata inviata dal suo medico curante a fare un pò

Dettagli

Le Sindromi da Intrappolamento

Le Sindromi da Intrappolamento Le Sindromi da Intrappolamento Mauro Pluderi Neurochirurgia Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Sindromi da Intrappolamento Sono determinate dalla compressione acuta, cronica

Dettagli

Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio Triestino. Love - L. Quinn

Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio Triestino. Love - L. Quinn Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio Triestino Love - L. Quinn COMPRESSIONI DEI NERVI PERIFERICI AL GOMITO, ALL AVAMBRACCIO E ALLA MANO SINDROME DEL TUNNEL CARPALE 1. E la più frequente neuropatia compressiva

Dettagli

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE Per una corretta riabilitazione della caviglia, è molto importante conoscere il grado di distorsione da parte dell ortopedico sapendo che esiste un grado I, II

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

Le sindromi da compressione canalicolare. DR. GIANLUIGI DA CAMPO responsabile di Unità Operativa Semplice di Chirurgia della Mano

Le sindromi da compressione canalicolare. DR. GIANLUIGI DA CAMPO responsabile di Unità Operativa Semplice di Chirurgia della Mano Le sindromi da compressione canalicolare DR. GIANLUIGI DA CAMPO responsabile di Unità Operativa Semplice di Chirurgia della Mano Le sindromi da compressione canalicolare Le sindromi da compressione canalicolare

Dettagli

INTERDISCIPLINARIETA PRESENTAZIONE CASI DIFFICILI

INTERDISCIPLINARIETA PRESENTAZIONE CASI DIFFICILI INTERDISCIPLINARIETA PRESENTAZIONE CASI DIFFICILI U.O. COMPLESSA ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA Unità Operativa Semplice di Chirurgia della Mano Responsabile dr Gianluigi Da Campo ARTRITI REUMATOIDI E ARTOSI

Dettagli

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA H H UH Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

CHIRURGIA DELLA MANO

CHIRURGIA DELLA MANO Pag. 1 di 6 Redazione: dott. D.Angiolini dott.d.collarini Verifica: Serena Di Caccamo Approvazione: Willy Pierre Mercante Pareri specialistici: Modifiche rispetto alla versione precedente: Aggiornamento

Dettagli

Meglio informati sull artrosi

Meglio informati sull artrosi Meglio informati sull artrosi 11316-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Cos è l artrosi? L artrosi è una malattia articolare caratterizzata dalla progressiva degenerazione

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed Artroprotesi di Ginocchio VenetoSportsMed Se il vostro ginocchio è severamente danneggiato dall artrosi potrebbe risultarvi difficile svolgere le semplici attività quotidiane come il camminare; il dolore

Dettagli

DOLORE DI SPALLA DA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI

DOLORE DI SPALLA DA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA DOLORE DI SPALLA DA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI PAZIENTE Dott. Michele A. Verdano La spalla e tra le articolazioni piu mobili del

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI Dr Ft Valerio Massimi Ridondanza muscolare: possibilità di sacrificare un muscolo per destinarlo ad altra funzione. Non fa perdere il movimento originario. es.: muscoli

Dettagli

Spalla. Gomito. Polso

Spalla. Gomito. Polso Spalla Gomito Polso EPICONDILITE RAPPRESENTA LA CAUSA PIU FREQUENTE DI DOLORE AL GOMITO ALTA INCIDENZA SPICCATA TENDENZA A RECIDIVARE EPICONDILITE Sindrome dolorosa localizzata all'epicondilo conseguente

Dettagli

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale.

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Funzioni della colonna vertebrale Stabilità La colonna vertebrale umana costituisce l asse mobile

Dettagli

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome radicolare pura si esprime con un dolore irradiato nel territorio

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE 1 CHE COSA È LA CAPSULITE ADESIVA? La capsulite adesiva, nota anche come Spalla congelata o Frozen Shoulder

Dettagli

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

ANATOMIA DEL GINOCCHIO IL GINOCCHIO ANATOMIA DEL GINOCCHIO Il ginocchio è formato da tre ossa il femore, la tibia e la rotula che costituiscono due articolazioni femoro tibiale femoro rotulea ANATOMIA DEL GINOCCHIO L articolazione

Dettagli

Corso taping kinesiologico nella fisioterapia generale, e nella fase post chirurgica.

Corso taping kinesiologico nella fisioterapia generale, e nella fase post chirurgica. Corso taping kinesiologico nella fisioterapia generale, e nella fase post chirurgica. docente: prof. Rosario per dieci anni fisioterapista della nazionale italiana F.I.H.P. docente presso l Università

Dettagli

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE 1 COSA È L ARTROSI? E una patologia della cartilagine articolare che non guarisce e, nel tempo, tende ad aggravarsi.

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Risultati di un indagine sanitaria in Valle del Serchio

Risultati di un indagine sanitaria in Valle del Serchio Sovraccarico biomeccanico dell arto superiore nei lavori forestali Risultati di un indagine sanitaria in Valle del Serchio dr.ssa Livia Rondina Castelnuovo di G. 19/09/2012 Fasi del progetto 1) Coinvolgimento

Dettagli

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15 ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE Presentazione...15 1. Introduzione 1.1 Un po di storia...17 1.2 Linee di forza del corpo umano...18 1.3 I poligoni di forze...19 2. L'azione dei punti di agopuntura

Dettagli

TENDINE DEL SOVRASPINOSO. Area ischemica o zona critica perinserzionale

TENDINE DEL SOVRASPINOSO. Area ischemica o zona critica perinserzionale TENDINE DEL SOVRASPINOSO Area ischemica o zona critica perinserzionale PROGRESSIONE DELLA LESIONE La lesione principale moltiplica lo stress meccanico sulle fibre adiacenti conducendo alla lesione di altre

Dettagli

P. Volpi M. Galli. www.traumasport.net

P. Volpi M. Galli. www.traumasport.net P. Volpi M. Galli www.traumasport.net ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E DI CHIRURGIA ARTROSCOPICA Responsabili: M. DENTI - H. SCHOENHUBER - P. VOLPI Equipe: C.

Dettagli

COSA E LA REUMATOLOGIA?

COSA E LA REUMATOLOGIA? COSA E LA REUMATOLOGIA? LA REUMATOLOGIA E LA SCIENZA MEDICA CHE STUDIA, DIAGNOSTICA E CURA LE MALATTIE REUMATICHE. LE MALATTIE REUMATICHE SONO QUELLE MALATTIE CHE PROVOCANO DOLORE, INFIAMMAZIONE, LESIONI,

Dettagli

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Questo libricino vi dà i migliori

Dettagli

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI Le varici sono dilatazioni a forma di sacco delle vene che spesso assumono andamento tortuoso. Queste rappresentano una

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Trattamento riabilitativo nelle fratture metacarpali. Maria Teresa Botta P.T. Università di Genova Centro Regionale di Chirurgia della Mano Savona

Trattamento riabilitativo nelle fratture metacarpali. Maria Teresa Botta P.T. Università di Genova Centro Regionale di Chirurgia della Mano Savona Trattamento riabilitativo nelle fratture metacarpali Maria Teresa Botta P.T. Università di Genova Centro Regionale di Chirurgia della Mano Savona Trattamento conservativo Fratture stabili Scopo del tutore

Dettagli

Sindromi da dolore agli arti

Sindromi da dolore agli arti www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Sindromi da dolore agli arti Versione 2016 10. Osteocondrosi (sinonimi: osteonecrosi, necrosi avascolare) 10.1 Che cos è? La parola "osteocondrosi" significa

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

La sindrome del tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale di Pronto Nervo mediano 1 2 3 4 5 6 Innervazione SENSITIVA del nervo mediano 7 Innervazione MOTORIA del Nervo Mediano Opposizione del pollice 8 Predisposizioni, gravidanza post-menopausa patologie sistemiche

Dettagli

LA CATARATTA CATARATTA BIANCA TOTALE

LA CATARATTA CATARATTA BIANCA TOTALE LA CATARATTA La cataratta consiste in una perdita di trasparenza, parziale o totale, del cristallino, cioè di una lente del nostro occhio fondamentale per la focalizzazione dell immagine. CATARATTA BIANCA

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Ft. Valentina Azzolini

Ft. Valentina Azzolini Ft. Valentina Azzolini Basa la sua funzione su: Abbassamento dell omero Distalizzazione del centro di rotazione della nuova articolazione Medializzazione del braccio di forza del deltoide QUINDI: incremento

Dettagli

www.addiospalladolorosa.it

www.addiospalladolorosa.it Addio Spalla Dolorosa Copyright 2014. AddioSpallaDolorosa.it. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo manuale o dei suoi documenti inclusi possono essere utilizzati, riprodotti o trasmessi

Dettagli

SPALLA CONGELATA. -Sintomi, diagnosi, riabilitazione-

SPALLA CONGELATA. -Sintomi, diagnosi, riabilitazione- SPALLA CONGELATA -Sintomi, diagnosi, riabilitazione- La spalla congelata, o capsulite adesiva, è una condizione dolorosa che affligge questa importante articolazione. I pazienti che ne soffrono lamentano

Dettagli

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE Come abbiamo visto nelle precedenti lezioni, l apparato locomotore è quell insieme di organi e di strutture anatomiche del nostro corpo che realizza il MOVIMENTO

Dettagli

RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: R. A.

RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: R. A. Dr. CARMELO GALIPO Medico-chirurgo Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni Via Appia Nuova, 153 00182 Roma Tel. 06/45654106-347/3589096 RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: R. A. Ho

Dettagli

Le Sindromi Canicolari Egresso Toracico Tunnel Cubitale Paralisi del Nervo Peroneo Tunnel Traversale e Lesioni traumatiche del Plesso Bracchiale

Le Sindromi Canicolari Egresso Toracico Tunnel Cubitale Paralisi del Nervo Peroneo Tunnel Traversale e Lesioni traumatiche del Plesso Bracchiale Le Sindromi Canicolari Egresso Toracico Tunnel Cubitale Paralisi del Nervo Peroneo Tunnel Traversale e Lesioni traumatiche del Plesso Bracchiale Introduzione Con la realizzazione di questo opuscolo, lo

Dettagli

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale SOGGETTO E ALCUNI DATI Età: 28 SESSO: M Sport praticato: ex giocatore di basket di livello dilettantistico (fino al 2010);

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

Patologie della spalla. www.sportrauma.net

Patologie della spalla. www.sportrauma.net CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E CHIRURGIA ARTROSCOPICA Resp. H. Schönhuber UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA Resp. D. Tornese I.R.C.C.S. ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Patologie della

Dettagli

Patologie del Disco Intervertebrale

Patologie del Disco Intervertebrale Patologie del Disco Intervertebrale I dischi intervertebrali sono strutture normalmente presenti tra i corpi vertebrali per tutta la lunghezza della colonna. Il disco è formato da due componenti: una più

Dettagli

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE!

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE! MAL DI SCHIENA.. MAL NO DI GRAZIE! SCHIENA... NO GRAZIE! COME PREVENIRE E CURARE IL MAL DI SCHIENA E I DOLORI CERVICALI COME PREVENIRE E CURARE I DOLORI CERVICALI E IL MAL DI SCHIENA A.S.D. EFESO MION

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

La spalla dolorosa da lesione. della Cuffia dei Rotatori. Anonimo (350aC) Bassorilievo votivo (museo Archeologico Naz.Atene)

La spalla dolorosa da lesione. della Cuffia dei Rotatori. Anonimo (350aC) Bassorilievo votivo (museo Archeologico Naz.Atene) La spalla dolorosa da lesione 1 della Cuffia dei Rotatori Anonimo (350aC) Bassorilievo votivo (museo Archeologico Naz.Atene) 1 Sforzo inusuale o senza causa apparente dolore persistente spesso notturno

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE

INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE 1 Dott. Michele A. Verdano L articolazione della spalla è tra le più mobili del corpo umano consentendo

Dettagli

Frequenti (risolvibili) patologie del polso e della mano. M.Savattesi S.T..

Frequenti (risolvibili) patologie del polso e della mano. M.Savattesi S.T.. Frequenti (risolvibili) patologie del polso e della mano M.Savattesi S.T.. 1 Brevi richiami anatomici M.Ginelli Not Ecologic 2 NERVO - struttura del SNP - formata da filamenti (assoni) provenienti da cellule

Dettagli

LA GINNASTICA PER IL GOMITO

LA GINNASTICA PER IL GOMITO LA GINNASTICA PER IL GOMITO Se in un tennista compare un dolore al gomito (in sede epicondiloidea laterale) che a volte si irradia lungo la faccia posteriore dell'avambraccio, alla mano e persino al dito

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE

ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE SPONDILOENTESOARTRITI. E UNA ARTRITE AUTOIMMUNE, DOVUTA AL FATTO CHE UNA PARTE DEL NOSTRO

Dettagli

1 In alcune donne, in seguito a gravidanze o a forti dimagrimenti la cute ed i muscoli dell'addome diventano flaccidi.

1 In alcune donne, in seguito a gravidanze o a forti dimagrimenti la cute ed i muscoli dell'addome diventano flaccidi. ddominoplastica 1 ADDOMINOPLASTICA L'addominoplastica è un procedimento chirurgico sull'addome che si propone di rimuovere l'eccesso di cute e grasso, rinforzare i muscoli, ed eliminare o migliorare l'aspetto

Dettagli

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Il Servizio di Riabilitazione Oncologica segue la paziente nel momento dell intervento e successivamente, durante le fasi di cura e di follow-up. A

Dettagli