ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI"

Transcript

1 Regolamento di Tirocinio per i laureati nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e del Corso di Laurea Specialistica (58/S) e Magistrale in Psicologia (classe LM51), anche ai fini dell accesso all Esame di Stato per l Abilitazione all esercizio della Professione (Sezione A e B dell Albo) ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente regolamento relativo al tirocinio professionalizzante è emanato considerando e il carattere innovativo delle figure professionali previste dalle lauree triennali e l autonomia didattica degli Atenei nella definizione e nell organizzazione dei diversi percorsi di studio, al fine di facilitare l acquisizione di un chiaro e sufficientemente omogeneo ruolo professionale a livello nazionale. Per la stesura del regolamento ci si è riferiti al seguente quadro normativo: - Legge 56 del sull ordinamento della professione di psicologo, che prevede l obbligo di attività di tirocinio pratico per l accesso all Esame di Stato che abilita all esercizio della professione di psicologo; - D.M. 239 del che regola lo svolgimento del tirocinio post-lauream per l ammissione all esame di stato per l abilitazione all esercizio della professione di psicologo; - Legge n. 196 del su norme in materia di promozione dell occupazione; - D.M. 142 del recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all art 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento; - D.M. 509 del regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli Atenei; - D.P.R. 328 del contenente modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l ammissione all Esame di Stato e delle relative prove per l esercizio di talune professioni nonché della disciplina dei relativi ordinamenti; - Legge 170 dell di conversione, con modificazioni, del D.L , n. 105, recante disposizioni urgenti per l Università e gli Enti di ricerca nonché in materia di abilitazione all esercizio di attività professionali; - Linee Guida nazionali sul tirocinio emanate dal Consiglio Nazionale degli Psicologi (14/12/2001, novembre 2003 e 31/01/2004); - Documenti pervenuti dalla Conferenza dei Presidi delle facoltà di psicologia (maggio 2009); - Comunicazione del presidente della Conferenza dei Presidi delle facoltà di psicologia rispetto alle date di partenza del tirocinio (7/06/10); - Precedente Regolamento del l 08/03/2006 tra Facoltà e Ordine degli Psicologi della Liguria. ART. 2 DEFINIZIONE GENERALE DI TIROCINIO PRATICO Il tirocinio è inteso come un sistema d opportunità per l apprendimento e lo sviluppo di competenze professionali e la progressiva costruzione dell appartenenza del laureato alla propria comunità professionale. Il tirocinio professionale, in conformità alle linee guida approvate dal Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi, si caratterizza come attività di pratica supervisionata da psicologi abilitati che si svolge all interno di una particolare area professionale della psicologia allo scopo di preparare alla pratica autonoma. Lo stage/gli stages, le esperienze pratiche guidate e le attività pratiche incluse nei corsi d insegnamento non sono equiparabili al tirocinio professionalizzante. 1

2 Le attività di tirocinio devono riguardare, secondo quanto previsto dal D.M. 239 del 13/01/1992, gli aspetti applicativi di una delle seguenti aree: - psicologia clinica - psicologia dello sviluppo - psicologia generale - psicologia sociale (e del lavoro). Il tirocinante dovrà svolgere l attività di tirocinio per non più di 500 ore in ciascuna area (es. 500 ore nell area clinica e 500 nell area della psicologia sociale). È possibile effettuare un solo semestre (500 ore) di tirocinio di ricerca, indipendentemente dall area in cui questo si collochi. ART. 3 FINALITÀ GENERALI DEL TIROCINIO L attività effettuata durante il tirocinio avrà per oggetto i contenuti metodologici e deontologici inerenti al ruolo e alla funzione dello psicologo, l'uso degli strumenti conoscitivi e d intervento per la prevenzione, la diagnosi e le attività di riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle collettività. Essa interesserà quindi le applicazioni della psicologia negli ambiti clinico, evolutivo, generale, sociale, del lavoro e delle organizzazioni, nelle loro differenti articolazioni (sviluppo dell individuo, della famiglia, organizzativa e del lavoro ecc.) con particolare riguardo all esercizio della deontologia professionale. Le attività di ricerca possono costituire un integrazione alle attività di tirocinio, ma non sostituirsi a esse, a eccezione dei tirocini svolti in strutture che abbiano l'ambito di ricerca quale finalità costitutiva dell'ente. L'attività di tirocinio non costituisce rapporto d impiego: gli enti non possono utilizzare i tirocinanti per attività professionali che si configurino come sostituzione di personale dipendente, convenzionato, risorsa aggiuntiva, o a qualunque altro titolo vincolato da un rapporto di lavoro con l ente cui afferisce la struttura sede di tirocinio. Gli enti dovranno aver cura di far svolgere al tirocinante attività che salvaguardino il rispetto delle norme etiche e deontologiche della professione. ART. 4 ATTIVITÀ DI TIROCINIO Tirocinio professionalizzante Laurea Specialistica (58/S) Vecchio Ordinamento (in via di disattivazione) (si veda l art Norme transitorie). Tirocinio professionalizzante Lauree in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e Magistrale in Psicologia (classe LM51). Durata e collocazione Il tirocinio professionalizzante si svolge dopo il conseguimento del titolo di laurea. Il tirocinio finalizzato alla partecipazione all Esame di Stato per l iscrizione alla sezione B dell Albo professionale ha una durata di 500 ore, da svolgersi in un unico semestre. Vi si accede con la laurea triennale. 2

3 Il tirocinio finalizzato alla partecipazione all Esame di Stato per l iscrizione alla sezione A dell Albo professionale ha una durata di 1000 ore, da svolgersi in due semestri continuativi ciascuno di 500 ore. Vi si accede con la laurea magistrale. Le sedi di tirocinio propongono lo schema orario ritenuto ottimale in rapporto alle attività svolte, tenendo conto che 500 ore devono essere svolte in sei mesi. Il semestre di tirocinio utile per l accesso alla sezione B dell albo, non potrà essere computato ai fini del tirocinio per l accesso alla sezione A dell albo. Attività per il tirocinio post-triennale (finalizzato all accesso alla sezione B dell albo) Le attività di tirocinio per l iscrizione alla sezione B dell Albo sono finalizzate all iniziale acquisizione di conoscenze e competenze professionali come definite dall art. 3 comma quinquies Legge , individuate nel modo seguente: 1) per il settore delle tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro: - realizzazione di progetti formativi diretti a promuovere lo sviluppo delle potenzialità di crescita individuale e di integrazione sociale, a facilitare i processi di comunicazione, a migliorare la gestione dello stress e la qualità della vita; - applicazione di protocolli per l orientamento professionale, per l analisi dei bisogni formativi, per la selezione e la valorizzazione delle risorse umane; - applicazione di conoscenze ergonomiche alla progettazione di tecnologie e al miglioramento dell interazione fra individui e specifici contesti di attività; - esecuzione di progetti di prevenzione e formazione sulle tematiche del rischio e della sicurezza; - utilizzo di test e di altri strumenti standardizzati per l analisi del comportamento, dei processi cognitivi delle opinioni e degli atteggiamenti, dei bisogni e delle motivazioni, dell interazione sociale, dell idoneità psicologica a specifici compiti e condizioni; - elaborazione di dati per la sintesi psicodiagnostica prodotta dallo psicologo; - collaborazione con lo psicologo nella costruzione, adattamento e standardizzazione di strumenti di indagine psicologica; - attività didattica nell ambito delle specifiche competenze caratterizzanti il settore. 2) per il settore delle tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunità: - partecipazione all equipe multidisciplinare nella stesura del bilancio delle disabilità, delle risorse, dei bisogni e delle aspettative del soggetto, nonché delle richieste e delle risorse dell ambiente; - attuazione di interventi per la riabilitazione, rieducazione funzionale e integrazione sociale di soggetti con disabilità pratiche, con deficit neuropsicologici, con disturbi psichiatrici o con dipendenza da sostanze; - collaborazione con lo psicologo nella realizzazione di interventi diretti a sostenere la relazione genitorefiglio, a ridurre il carico familiare, a sviluppare reti di sostegno e di aiuto nelle situazioni di disabilità; - collaborazione con lo psicologo negli interventi psico-educativi e nelle attività di promozione della salute, di modifica dei comportamenti a rischio, di inserimento e partecipazione sociale; 3

4 - utilizzo di test e di altri strumenti standardizzati per l analisi del comportamento, dei processi cognitivi, delle opinioni e degli atteggiamenti, dei bisogni e delle motivazioni, dell interazione sociale, dell idoneità psicologica a specifici compiti e condizioni; - elaborazione di dati per la sintesi psicodiagnostica prodotta dallo psicologo; - collaborazione con lo psicologo nella costruzione, adattamento e standardizzazione di strumenti di indagine psicologica; - attività didattica nell ambito delle specifiche competenze caratterizzanti il settore. Attività per il tirocinio post-magistrale (finalizzato all accesso alla sezione A dell albo) Le attività di tirocinio per l iscrizione alla sezione A dell Albo fanno riferimento all'articolo 1, comma 2 della Legge , e riguardano oltre alle attività previste per i laureati in Scienze e Tecniche Psicologiche, tutte le attività che implicano l'uso di metodologie innovative o sperimentali che favoriscono l acquisizione della piena autonomia professionale, quali: l'uso di strumenti conoscitivi e d intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione, riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità; le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito. ART. 5 CONVENZIONI I rapporti tra la Facoltà di Scienze della Formazione di Genova (Corso di Laurea triennale Scienze e Tecniche Psicologiche - classe L20 - e Magistrale in Psicologia -classe LM51-) e le strutture pubbliche e private disponibili a ospitare tirocinanti sono regolati da convenzioni che si attengono a quanto indicato nel presente Regolamento e nella Convenzione stipulata tra Ordine degli Psicologi e Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia del 18/11/2010. Alla convenzione, che può riguardare più tirocini, deve seguire un Progetto di Tirocinio Professionalizzante per ciascuno studente tirocinante contenente: a) obiettivi e modalità di svolgimento del tirocinio assicurando, per gli studenti, il raccordo con i percorsi formativi svolti presso le strutture di provenienza; b) nominativi del tutore incaricato dal soggetto promotore e del responsabile aziendale; c) estremi identificativi delle assicurazioni; d) durata ed il periodo di svolgimento del tirocinio; e) settore aziendale di inserimento. Le strutture pubbliche e private già convenzionate con la Facoltà di Scienze della Formazione per altri corsi di laurea possono accogliere tirocinanti psicologi solo dopo l approvazione da parte della commissione tirocini di un apposita programmazione delle attività per i tirocini nell area psicologica, distinta per l accesso alla sezione A e/o B dell albo. Le convenzioni si intendono tacitamente rinnovate ogni anno salvo specifica disdetta da parte di una delle parti, da comunicarsi tramite lettera raccomandata 3 mesi prima della scadenza. In ogni caso dovrà essere assicurato il completamento dei tirocini già avviati. Le convenzioni valgono sia per i tirocini finalizzati all iscrizione all esame di stato sezione A che B. 4

5 ART. 6 REQUISITI DELLE SEDI DI TIROCINIO Le attività di tirocinio possono essere svolte in strutture sia pubbliche sia private (ad esempio, enti, associazioni, comunità, società, cooperative, studi professionali, ecc.) valutate idonee. L idoneità è conferita dalla commissione tirocini sulla base dei seguenti criteri: a) congruenza delle attività proposte con quelle previste per l accesso alle due sezioni dell albo professionale b) rilevanza degli interventi di natura psicologica svolti, c) possibilità effettiva di far partecipare progressivamente il tirocinante alle attività svolte, d) presenza dello psicologo-tutor presso la sede per un minimo di 20 ore settimanali e iscrizione all albo (sezione A) da almeno due anni consecutivi. Le sedi di tirocinio si impegnano a dare periodicamente conferma dei requisiti suddetti e a segnalare ogni variazione intervenuta dal momento della stipula della convenzione con la Facoltà di Scienze della Formazione (Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Corso di laurea Magistrale in Psicologia) di Genova. Per quanto riguarda le attività di tirocinio svolte in ambito assistenziale e socio-sanitario pubblico valgono le prescrizioni del D.M. 239/92 in quanto vigenti. Si rileva comunque l opportunità che il tirocinio sia svolto presso o in stretto raccordo con i Servizi di Psicologia, ove esistenti. I Dipartimenti e Istituti (o centri) universitari, che abbiano al loro interno docenti e ricercatori iscritti all Albo degli psicologi (Sezione A) e che svolgono attività dalle quali si evinca il rilievo dato ad interventi di natura psicologica rispetto alle finalità dell intero Dipartimento e/o Istituto, possono essere sedi di tirocinio Per le sedi di tirocinio all estero valgono gli stessi criteri sopra enunciati più le indicazioni contenute nel successivo art. 8. ART. 7 PROCEDURA PER IL CONVENZIONAMENTO DI ENTI PUBBLICI O PRIVATI PER ATTIVITÀ DI TIROCINIO Le convenzioni per il tirocinio sono stipulate con le sedi ritenute idonee dalla Commissione Tirocini sulla base all analisi dei requisiti sotto riportati. Le nuove sedi sono individuate dall Ufficio tirocini attraverso autocandidature delle stesse sedi e segnalazione da parte di docenti o studenti. L approvazione di ciascuna sede da parte della commissione tirocini è subordinata alla compilazione di una scheda, distribuita dall ufficio tirocini, in cui le sedi dovranno fornire tutte le informazioni richieste. Nel caso di Dipartimenti ed Istituti dell Università di Genova non si rende necessaria la stipula di alcuna convenzione. Nel caso di tirocini presso Dipartimenti e/o Istituti d altre Università italiane si rende necessaria la stipula di una convenzione. 5

6 Nel caso di Dipartimenti e/o Istituti di Università estere i tirocini presso potranno essere autorizzati dalla Commissione Tirocini in seguito alla presentazione di una lettera di accettazione del tirocinante da parte dell istituzione straniera (per i dettagli si veda il successivo art. 8). L elenco ufficiale delle strutture abilitate a far svolgere il tirocinio è predisposto, e periodicamente aggiornato, dall Ufficio Tirocini del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e magistrale in Psicologia della Facoltà di Scienze della Formazione. ART. 8 TIROCINIO ALL ESTERO Tirocini all estero È possibile svolgere il periodo di tirocinio all estero presso strutture universitarie o strutture professionali purché siano rispettati i vincoli previsti dalla normativa nazionale (che le attività siano compatibili con quelle previste all art. 4 della presente convenzione e supervisionate da un Tutor psicologo ufficialmente riconosciuto e ove, previsto, iscritto all albo professionale). L interessato deve quindi prendere personalmente contatto con la sede individuata e presentare una richiesta scritta alla Commissione tirocini che la valuterà ed esprimerà un parere di compatibilità o di non compatibilità. In caso di parere di compatibilità, l aspirante tirocinante presenterà all Ufficio Tirocini: - una lettera di richiesta firmata da un docente afferente ai corsi laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche/ Magistrale in Psicologia di Genova; - una lettera ufficiale (su carta intestata) di accettazione della struttura straniera riportante il nominativo del Tutor psicologo e il periodo e la durata del tirocinio; - un progetto relativo alle attività pratiche si svolgeranno nel tirocinio. Questa documentazione, indirizzata alla Commissione Tirocini deve pervenire all Ufficio Tirocini almeno tre mesi prima della data prevista per l inizio del tirocinio. Si suggerisce, pertanto, di programmare con anticipo l effettuazione di tirocini all estero. Al rientro in Italia lo studente deve presentare all Ufficio tirocini: - una relazione sulle attività svolte controfirmata dal Tutor Aziendale psicologo - il libretto presenze compilato e firmato dal Tutor aziendale a dimostrazione delle ore effettuate. L ufficio tirocini sottopione tale documentazione alla Commissione Tirocini, che procede alla verifica del profitto per l acquisizione dei crediti. ART. 9 TUTOR UNIVERSITARIO E TUTOR AZIENDALE Per le attività di tirocinio, svolte all esterno della Facoltà, sono previste le figure di Tutor Universitario (docente o ricercatore della Facoltà) e di Tutor Aziendale psicologo operante presso la sede di tirocinio. Tutti i docenti e i ricercatori afferenti al Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Magistrale di Psicologia sono individuati dal Consiglio di Facoltà come Tutor Universitari per le attività di sostegno del 6

7 tirocinio. Tali Tutor collaborano alle attività pianificate dalla Commissione Tirocini e all orientamento degli studenti. L attività di tutoring aziendale dovrà essere effettuata da uno psicologo iscritto alla Sezione A dell Albo degli Psicologi (almeno da due anni continuativi). Le funzioni del Tutor Universitario sono: a) introdurre al contesto (istituzionale, interpersonale, tecnico-strumentale) entro il quale si svolge il tirocinio; b) effettuare, insieme al tirocinante, una programmazione dell esperienza; c) verificare in itinere l andamento delle attività; d) occuparsi dell accertamento finale per l attribuzione dei crediti. Il Tutor Aziendale svolge le seguenti funzioni: a) introduce al contesto professionale; b) effettua una specifica programmazione dell esperienza insieme al tirocinante e in stretto raccordo con il Tutor Universitario di Facoltà. Nel progetto individuale di tirocinio specifica brevemente obiettivi, metodi, fasi, in relazione all effettiva durata del tirocinio e alle esperienze precedenti; c) verifica l esperienza svolta dal tirocinante favorendone la comprensione critica e apportando i correttivi necessari; d) svolge, se necessario, in stretto raccordo con il Tutor Universitario, funzioni didattiche integrative; e) procede a una valutazione consuntiva del tirocinio secondo quanto indicato dall ufficio tirocini di Facoltà. Ogni Tutor Aziendale psicologo può seguire al massimo due tirocinanti contemporaneamente. Nel caso di tirocini di ricerca presso Istituti e/o Dipartimenti dell Università di Genova le due figure del Tutor Universitario e di quello Aziendale coincidono nel docente titolare della ricerca. ART. 10 COMMISSIONE TIROCINI Il Consiglio di Facoltà nomina una Commissione Tirocini, composta da docenti del corso di laurea triennale e/o magistrale in Psicologia e un rappresentante dell Ufficio Tirocini. La Commissione tirocini ha il compito di curare l organizzazione dei tirocini (regolamenti, convenzioni,..), vagliare le proposte di tirocinio, individuare le strutture disponibili, sulla base dei criteri stabiliti dalla Commissione mista Facoltà-Ordine regionale degli psicologi, programmare le attività d orientamento e sostegno, valutare le attività di tirocinio. In sede di Commissione sarà altresì data la possibilità agli studenti, che ne abbiano fatto preventivamente richiesta all Ufficio Tirocini, di discutere eventuali problemi o difficoltà sorti nel corso dello svolgimento dell esperienza. La Commissione valuta, di volta in volta, l opportunità di organizzare incontri con l Ordine degli Psicologi e con gli operatori delle strutture presso le quali si svolgono i tirocini. 7

8 ART. 11 OBBLIGHI DEL TIROCINANTE Il tirocinante è tenuto a svolgere la propria attività in accordo con le finalità perseguite dalla struttura/unità operativa in cui opera, all'interno degli obiettivi concordati, seguendo le indicazioni date dai tutor, in coerenza con le disposizioni e i regolamenti generali dell'ente, fermo restando l obbligo di agire sempre nel rispetto del codice deontologico. Sarà cura dei tutor garantire l'armonizzazione tra le attività del tirocinio e gli obiettivi delle strutture/unità operative. Al termine dell'attività di tirocinio il tirocinante presenta prima al Tutor Universitario e poi all Ufficio Tirocini una relazione sull attività svolta. ART. 12 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO Per ciò che riguarda le modalità relative alla compilazione e presentazione del Progetto di Tirocinio Professionalizzante (PTP), la scelta dei Tutor, la verifica del tirocinio, ad eventuali sospensioni del periodo di tirocinio, e/o sostituzioni del Tutor Aziendale, obblighi del tirocinante e informazioni sugli Esami di Stato, si rimanda alle Norme per gli studenti (sul sito di facoltà alla voce servizio tirocini). ART. 13 LIBRETTO DI TIROCINIO/FOGLIO ORE Lo svolgimento del tirocinio deve essere documentato sul Libretto di Tirocinio/Fogli Ore rilasciato all interessato dall ufficio Tirocini, o scaricabile dal sito, al momento dell accoglimento del PTP. Su tale documento andrà registrata la frequenza giornaliera del tirocinante e le attività svolte. Il tutto dovrà essere controfirmato dal Tutor Aziendale (responsabile del tirocinio). La copertura assicurativa è garantita solo se la sede di tirocinio è specificata e vidimata da timbro universitario nella seconda facciata del libretto; il tirocinante è pertanto tenuto a controllare personalmente i dati riportati, che devono coincidere con quelli riportati sul PTP presentato alla Commissione Tirocini. Qualsiasi variazione (di sede, di tutor,..) deve essere riportata sul libretto e vidimata da timbro universitario. Al termine del tirocinio, il tirocinante riconsegnerà all Ufficio Tirocini il Libretto/Foglio ore di Tirocinio, debitamente compilato, entro le scadenze per le presentazioni (secondo il calendario delle scadenze pubblicato annualmente nelle bacheche di Facoltà e sulle pagine in Internet). ART. 14 ATTESTAZIONE FINALE Il tirocinante potrà ottenere il certificato d avvenuto tirocinio, necessario per l iscrizione alle prove dell Esame di Stato, solo dopo avere presentato all ufficio tirocini tutta la documentazione richiesta. L ufficio tirocini, verificata la documentazione presentata, in assenza di evidenti problematiche, rilascia il certificato di avvenuto tirocinio. In caso di problemi o anomalie il responsabile dell ufficio tirocini prima di rilasciare il certificato conclusivo inoltrerà la pratica alla commissione tirocini che, discusso il caso, ne approverà o meno il riconoscimento. La valutazione del Tutor Aziendale sarà trasmessa alla commissione Esame di Stato che ne terrà conto per la valutazione finale e complessiva. 8

9 ART. 15 VARIAZIONI AL PROGRAMMA DI TIROCINIO 1. Interruzione del tirocinio - L'interruzione del tirocinio è prevista solo per i casi e nei tempi contemplati dalla legge, vale a dire, per grave malattia, per maternità e per chiamata al servizio militare o per servizio civile. In questi casi è necessario documentare all Ufficio tirocini della Facoltà le ragioni dell'interruzione, secondo le modalità di legge. In tutti i casi l'interruzione è, per legge, al massimo di un anno solare e prevede la presentazione di un certificato attestante la motivazione e una specifica richiesta scritta, in cui s indichino i tempi dell'interruzione, se prevedibili (data di interruzione e di ripresa del tirocinio). 2. Sostituzione sede - La sostituzione della sede di tirocinio con altra struttura, su domanda del tirocinante o della sede stessa, ove si specifichi la motivazione può essere ammessa previa autorizzazione della commissione tirocini. 3. Sostituzione tutor - La sostituzione del tutor di tirocinio con altro supervisore, su domanda del tirocinante o del tutor, ove si specifichi la motivazione, può essere ammessa previa autorizzazione della commissione tirocini. 4. Servizio civile - La commissione tirocini può autorizzare lo svolgimento del servizio civile in luogo del tirocinio, fermo restando che anche in questo caso siano rispettati tutti i requisiti previsti nell art. 6 (presenza dello psicologo, attività psicologica, ore di tirocinio e semestre,..). ART. 16 COPERTURA ASSICURATIVA Se il tirocinante dovesse svolgere qualche intervento, per conto della sede ospitante, al di fuori della sede ufficialmente indicata nella domanda di ammissione e sul libretto, per poter usufruire della copertura assicurativa deve presentare una dichiarazione nella quale sia specificata la data e il luogo dell uscita. Questa dichiarazione va presentata all Ufficio Tirocini di Facoltà almeno un giorno prima che l uscita avvenga. Nel caso delle Aziende ASL la copertura assicurativa è automaticamente valida in ogni servizio o distretto dell'azienda sul territorio. Per i tirocini svolti all'interno dell'università di Genova la copertura assicurativa è valida in ogni Istituto/Dipartimento/Facoltà o locale universitario. ART. 17 NORME TRANSITORIE - Tirocinio professionalizzante Laurea Specialistica (58/S) Vecchio Ordinamento (in via di disattivazione) Gli studenti che terminano il corso di laurea specialistica secondo il D.M. 509/99 e che hanno svolto o stanno svolgendo il tirocinio secondo le vecchie disposizioni in cui si prevedeva che per accedere alla sezione A dell Albo professionale si svolgessero 1000 ore di tirocinio in parte durante il corso di studi e in parte fuori, saranno ammessi all Esame di Stato solo se si saranno laureati entro Marzo In caso contrario, per l accesso all Esame di Stato, sarà necessario svolgere il tirocinio seguendo le disposizioni previste per il Nuovo Ordinamento (art. 4). 9

10 Le suddette norme transitorie consentono di accedere all Esame di Stato entro la seconda sessione (novembre) del Tutti coloro che si laureassero dopo marzo 2011 o che non sostenessero l Esame di Stato entro la seconda sessione del 2012 dovranno svolgere un anno continuativo di tirocinio secondo quanto disposto all art. 4 del presente regolamento. - Tirocinio professionalizzante Laurea Magistrale (LM51) Nuovo Ordinamento con tirocinio triennale attivato entro settembre Gli studenti che terminano il corso di laurea magistrale secondo il D.M. 270/04 che hanno attivato il tirocinio post-triennale entro settembre 2009, come previsto dalle precedenti disposizioni, potranno completare il periodo di tirocinio necessario per l iscrizione alla sezione A dell albo professionale, svolgendo solo 500 ore post-laurea solo se si saranno laureati entro marzo 2012 e a condizione che accedano all Esame di Stato entro la seconda sessione (novembre) del Tutti coloro che si laureassero dopo marzo 2012 o che non sostenessero l Esame di Stato entro la seconda sessione del 2013 dovranno svolgere un anno continuativo di tirocinio secondo quanto disposto all art. 4 del presente regolamento. Le suddette norme transitorie hanno valore solo per l accesso all Esame di Stato presso l Ateneo genovese. - Criteri di approvazione sedi di tirocinio Le sedi di tirocinio approvate con criteri diversi da quelli qui indicati, accettate prima dell approvazione del presente Regolamento e poi sottoposte a revisione durante l inverno 2009/10, rientrano tra le sedi considerate idonee per il tirocinio post-laurea. 10

Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze della Formazione Corsi di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia

Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze della Formazione Corsi di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze della Formazione Corsi di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia Informazioni su che cos'è il tirocinio professionalizzante per psicologi

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE

SI CONVIENE QUANTO SEGUE Convenzione tra Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia e Università degli Studi di Catania per l'attuazione delle attività di tirocinio previste per laureati delle classi L24 e LM51 (ex XXXIV e 58/S)

Dettagli

Il tirocinio post laurea in Psicologia

Il tirocinio post laurea in Psicologia Il tirocinio post laurea in Psicologia a cura della Commissione Paritetica Ordine degli Psicologi della Puglia Università degli Studi di Bari «A. Moro» Riferimenti normativi Legge 18 febbraio 1989 n. 56,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI EUROPEA DI ROMA. Regolamento per lo svolgimento del tirocinio post-lauream professionalizzante in psicologia.

UNIVERSITA DEGLI STUDI EUROPEA DI ROMA. Regolamento per lo svolgimento del tirocinio post-lauream professionalizzante in psicologia. UNIVERSITA DEGLI STUDI EUROPEA DI ROMA Regolamento per lo svolgimento del tirocinio post-lauream professionalizzante in psicologia. Art. 1 Definizione della pratica professionale di tirocinio I tirocini

Dettagli

ART: 1 - Definizione del tirocinio

ART: 1 - Definizione del tirocinio Regolamento tirocinio professionalizzante in Psicologia, previsto per i laureati delle classi L-24 ed LM-51, ex L- 34 ed ex 58/S ai fini dell ammissione all esame di stato per l abilitazione all esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO POST-LAUREAM (Approvato Consiglio di Facoltà n. 69 del 15.10.2009. Modificato Consiglio di Facoltà n. 106 del 10.05.

REGOLAMENTO TIROCINIO POST-LAUREAM (Approvato Consiglio di Facoltà n. 69 del 15.10.2009. Modificato Consiglio di Facoltà n. 106 del 10.05. REGOLAMENTO TIROCINIO POST-LAUREAM (Approvato Consiglio di Facoltà n. 69 del 15.10.2009. Modificato Consiglio di Facoltà n. 106 del 10.05.2012) La professione di psicologo La legge n. 56 del 18.2.1989

Dettagli

FARE LO PSICOLOGO. norme competenze dati formazione. Santo Di Nuovo s.dinuovo@unict.it 2015

FARE LO PSICOLOGO. norme competenze dati formazione. Santo Di Nuovo s.dinuovo@unict.it 2015 FARE LO PSICOLOGO norme competenze dati formazione Santo Di Nuovo s.dinuovo@unict.it 2015 LEGGE n.56 del 18 febbraio 1989. Ordinamento della professione di psicologo Articolo 1. Definizione della professione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL TIROCINIO FORMATIVO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE DELL UNIVERSITA TELEMATICA LEONARDO DA VINCI

REGOLAMENTO DEL TIROCINIO FORMATIVO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE DELL UNIVERSITA TELEMATICA LEONARDO DA VINCI REGOLAMENTO DEL TIROCINIO FORMATIVO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE DELL UNIVERSITA TELEMATICA LEONARDO DA VINCI 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Il D.M. n. 509/99 all'art. 10 prevede, tra

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O Convenzione con l'università degli Studi di Pavia per lo svolgimento del tirocinio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE E ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA CONVENZIONE PER LA DEFINIZIONE DEL REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL TIROCINIO PER L ACCESSO ALL ESAME DI STATO PER PSICOLOGO

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il Piano di studi dei Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (Classe L

Dettagli

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58)

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) Art. 1 Definizione Il tirocinio è un periodo di formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT CONVENZIONE PER IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO E PER IL TIROCINIO ABILITANTE ALL ESAME DI STATO PER LAUREATI/LAUREANDI IN: PSICOLOGIA (V.O), SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (CLASSE 34), PSICOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DIDATTICHE E PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI tra l'università degli studi di Roma Sapienza (d ora in avanti denominata Sapienza), rappresentata dal Rettore pro tempore prof.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TIROCINIO POST-LAUREAM PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI PSICOLOGO

REGOLAMENTO PER IL TIROCINIO POST-LAUREAM PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI PSICOLOGO REGOLAMENTO PER IL TIROCINIO POST-LAUREAM PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI PSICOLOGO Approvato dal Consiglio della Facoltà di Psicologia dell Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO E DI STAGE Il presente Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI PROFESSIONALIZZANTI DEI LAUREATI TRIENNALI (509 e 270) E SPECIALISTICI (509) /MAGISTRALI (270) DELLA FACOLTA DI PSICOLOGIA

REGOLAMENTO DEI TIROCINI PROFESSIONALIZZANTI DEI LAUREATI TRIENNALI (509 e 270) E SPECIALISTICI (509) /MAGISTRALI (270) DELLA FACOLTA DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DEI TIROCINI PROFESSIONALIZZANTI DEI LAUREATI TRIENNALI (509 e 270) E SPECIALISTICI (509) /MAGISTRALI (270) DELLA FACOLTA DI PSICOLOGIA (In vigore dal 1 Ottobre 2008) PERIODO DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO A.A. 2015/2016 INDICE 1. Tirocinio curriculare MPSI... 3 1.1 Tirocinio curriculare esterno... 3 1.2 Tirocinio curriculare

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA. L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F.

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA. L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F. Marca da bollo. 14,62 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F. 80007010376 ) con sede in Bologna, Via Zamboni n. 33, rappresentata

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO POST-LAUREAM PROFESSIONALIZZANTE IN PSICOLOGIA

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO POST-LAUREAM PROFESSIONALIZZANTE IN PSICOLOGIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO POST-LAUREAM PROFESSIONALIZZANTE IN PSICOLOGIA previsto per i laureati delle Classi LM 51 ed 58/S ai fini dell ammissione all Esame di Stato per l abilitazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 108/2015 ADOTTATA IN DATA 29/01/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 108/2015 ADOTTATA IN DATA 29/01/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 108/2015 ADOTTATA IN DATA 29/01/2015 OGGETTO: Convenzione con l Università degli studi di Roma La Sapienza per lo svolgimento di tirocini formativi da parte degli psicologi iscritti alla

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA TRIENNALE

REGOLAMENTO TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA TRIENNALE REGOLAMENTO TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA TRIENNALE Regolamento approvato dal Consiglio di Presidenza in data 08/06/2009, valido dal Giugno 2009, per il CdL triennale. I. Criteri generali 1. Il tirocinio

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA. L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F.

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA. L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F. CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F. 80007010376 ) con sede in Bologna, Via Zamboni n. 33, rappresentata nella persona di:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia. Corso di Laurea in Scienze Economiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia. Corso di Laurea in Scienze Economiche UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia Corso di Laurea in Scienze Economiche Regolamento per lo svolgimento di Tirocini di formazione e orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S)

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) Approvato dal Consiglio di Corso di Studio il 27 gennaio 2015 Indice 1. DEFINIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015

Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015 Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015 Oggetto : CONVENZIONE CON L PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal: 17/06/2015

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Corso di Laurea Specialistica in Psicologia

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti relativi alle Altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti relativi alle Altre attività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea in Lingue e comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Lingue moderne per la Comunicazione e la Cooperazione internazionale

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

ACCORDO. tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI LECCE e L UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI ECONOMIA

ACCORDO. tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI LECCE e L UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI ECONOMIA ACCORDO tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DI LECCE e L UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI ECONOMIA visto - l articolo 43 del Decreto Legislativo 28 giugno 2005, n. 139 e l art. 6 del DM 7 agosto 2009,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Risorse Umane REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Pag. 1 di 11 Indice OGGETTO... 3 Finalità:... 3 1 FREQUENZA VOLONTARIA... 3 1.1 Definizione... 3

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

Linee guida per l espletamento delle attività di tirocinio

Linee guida per l espletamento delle attività di tirocinio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea Specialistica in Traduzione Letteraria (corso ad esaurimento) Corso di Laurea Magistrale in Traduzione specialistica dei testi

Dettagli

Art. 2 Criteri per il riconoscimento delle sedi idonee

Art. 2 Criteri per il riconoscimento delle sedi idonee REGOLAMENTO PER IL TIROCINIO POST-LAUREAM PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE IN TECNICHE PSICOLOGICHE Approvato dal Consiglio della Facoltà

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R.

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Regolamento Art. 1 - Finalità del Corso Il Corso di Specializzazione in Psicoterapia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA CONVENZIONE PER IL TIROCINIO POST LAUREAM IN PSICOLOGIA TRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA CONVENZIONE PER IL TIROCINIO POST LAUREAM IN PSICOLOGIA TRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA CONVENZIONE PER IL TIROCINIO POST LAUREAM IN PSICOLOGIA TRA L'Università degli Studi di Catania, codice fiscale 02772010878, - per il tramite del dipartimento di Scienze

Dettagli

Articolo 1. Articolo 2. (Definizione e finalità)

Articolo 1. Articolo 2. (Definizione e finalità) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (approvato nel Consiglio di Dipartimento del 19 febbraio 2014) Articolo 1 (Definizione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI Corso di Laurea Triennale in Scienze del Servizio Sociale Regolamento attività di Stage 1. Lo Stage L attività di Stage del terzo

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE NORME PER I TIROCINI PRESSO LE STRUTTURE DELL'AZIENDA USL 1 di MASSA e CARRARA. approvato con delibera n.

REGOLAMENTO RECANTE NORME PER I TIROCINI PRESSO LE STRUTTURE DELL'AZIENDA USL 1 di MASSA e CARRARA. approvato con delibera n. REGOLAMENTO RECANTE NORME PER I TIROCINI PRESSO LE STRUTTURE DELL'AZIENDA USL 1 di MASSA e CARRARA approvato con delibera n. 22 del 30/01/013 1 Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente disciplinare

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE (classe L-19 Scienze dell educazione e della formazione)

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Scienze Motorie Regolamento didattico Corso di laurea interfacoltà in SERVIZIO SOCIALE Classe L39 Articolo 1 Definizioni e finalità 1.

Dettagli

Presidente della Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione. Via Aurelia 335-55041 CAMAIORE (LU)

Presidente della Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione. Via Aurelia 335-55041 CAMAIORE (LU) CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO TRA L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F. 80007010376 ) con sede in Bologna, Via Zamboni n. 33, rappresentata nella persona di:

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (CLASSE L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE) abilitante

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO Indice Art. 1. (Generalità) Art. 2. (Titoli di accesso) Art. 3. (Competenze di accesso e loro verifica) Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli