I sistemi informatici e le piattaforme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I sistemi informatici e le piattaforme"

Transcript

1 ARCHITETTURE SPECIALE NGN2 I sistemi informatici e le piattaforme GIOVANNI CHIARELLI Spesso si tende a caratterizzare il programma NGN2 intrapreso da Telecom Italia come un iniziativa di grande impegno infrastrutturale, tesa cioè a rendere disponibili servizi a larghissima banda in accesso ed a superare il Digital Divide. E non c è dubbio che tale componente rivesta una grandissima importanza sia per la complessità impiantistica e per la molteplicità di scelte tecnologiche che richiede a livello di infrastruttura, sia per lo sforzo economico ad essa associato. In realtà il programma NGN2 si pone anche l obiettivo di abilitare nuove dimensioni di offerta da parte di Telecom Italia, consolidando un nuovo ruolo di provider di servizi applicativi, con una presenza in mercati contigui a quello delle telecomunicazioni ed in cui le piattaforme IT diventano parte integrante della piattaforma tecnologica di erogazione. Nei paragrafi seguenti si darà, quindi, un quadro degli elementi maggiormente caratterizzanti le nuove piattaforme IT di Telecom Italia ed un overview delle principali iniziative che si stanno mettendo in campo. 1. Introduzione Oggi per Telecom Italia è possibile abilitare nuove dimensioni di offerta non solo grazie alla disponibilità estesa di collegamenti a larga banda, che consente di disaccoppiare a livello geografico i punti di fruizione dei servizi da quelli di erogazione, abilitando quindi soluzioni di tipo Net Centric, ma anche grazie ad una serie di fattori abilitanti, specifici del mondo dell Information Technology, tra cui vale la pena sottolineare: l evoluzione delle architetture e delle piattaforme IT con la sostanziale adozione di modelli omogenei su tutta la dimensione tecnologica (primo fra tutti l architettura a servizi, la SOA - Service Oriented Architecture); le economie di scala che è possibile ottenere a livello di centri di erogazione servizi, grazie anche alle nuove tecniche di virtualizzazione applicabili a tutte le tipologie di risorse IT; i nuovi paradigmi software, tra cui l Open Source, che possono abbattere alcuni costi o almeno cambiarne il mix (da licence free a costo di manutenzione); le tecniche di Net Computing, che consentono la fruizione di servizi IT con modalità di tipo On Demand. Le stesse tecniche peraltro trovano applicazione nel mondo dei sistemi di gestione della rete, con ulteriori vantaggi derivanti dalle evidenti sinergie che è possibile ottenere. Risulta quindi opportuno sfruttare il salto tecnologico dato dalla NGN2, che necessariamente richiede un adeguamento dei sistemi di gestione, per mettere in campo anche una nuova piattaforma gestionale, una Next Generation OSS, che sfrutti tali elementi evolutivi e NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio

2 permetta di conseguire quei benefici attesi sia sotto il profilo dell efficienza, con un ottimizzazione dei costi, sia dell efficacia nel supportare le nuove dinamiche di offerta dei servizi NGN2. Non va infine sottovalutata la dimensione dei sistemi a supporto della sicurezza informatica. Le caratteristiche dei nuovi servizi con collegamenti di tipo always on, l impiego del protocollo IP in maniera nativa in tutte le tipologie di comunicazione, l erogazione di servizi applicativi con alto grado di riservatezza o sensibilità delle informazioni rendono imprescindibile la disponibilità di una piattaforma avanzata e robusta a garanzia delle sicurezza dei sistemi e dei dati. 2. Driver di evoluzione delle applicazioni informatiche Una delle direttrici di evoluzione principale nelle piattaforme informatiche è senza dubbio il consolidamento di architetture orientate ai servizi conformi agli standard SOA. Senza voler entrare nel merito degli aspetti più tecnici, la SOA si basa su un modello in cui, attraverso meccanismi di comunicazione standard, le applicazioni informatiche interoperano, sfruttando i servizi resi disponibili da un provider e riusabili da più applicazioni consumer. La logica applicativa, unitamente alle politiche di sicurezza, di gestione e di controllo delle performance è separata dai servizi stessi ed è attuata attraverso una composizione (orchestrazione) dei servizi. In questo modo si semplifica di molto lo sviluppo delle applicazioni e si rafforza il concetto di piattaforma, spostando, di fatto, l onere dallo sviluppo di codice alla composizione dei servizi. Si può quindi immaginare che, con un adozione pervasiva dell architettura SOA, si possono avere significativi benefici in termini di flessibilità, riuso delle applicazioni, controllo end to end dei processi in ambienti multidominio. Il campo di applicazione è molto vasto e riguarda sia le piattaforme informatiche a supporto dell offerta di servizi verso il mercato (e vedremo che alcune piattaforme per l erogazione di servizi IT che come Telecom stiamo mettendo in campo già oggi sono conformi a tali principi), sia quelle alla base dei sistemi di gestione della rete. Anche il modo con cui vengono erogati i servizi più direttamente connessi con le funzionalità di rete (telco capabilities) può sfruttare tale architettura, facilitando l interazione con le piattaforme FIGURA 1 Mappa software Open Source. applicative secondo modalità di comunicazione standard e permettendo l implementazione di un nuovo modello di brokering verso terze parti, abilitante nuovi modelli di business. Un altro driver, già citato nell introduzione, è la diffusione di software Open Source, che ha ormai definitivamente superato la fase ideologica, prevalentemente legata al mondo accademico e riservata a tecnici ed esperti del settore IT, e che si sta sempre più imponendo come una concreta alternativa al software proprietario anche sul fronte delle applicazioni per le aziende. Si tratta di software il cui codice è disponibile e riutilizzabile. Open Source non vuol dire comunque software a costo zero, visto l impegno che richiede nella manutenzione, non essendoci di norma un fornitore, che abbia l onere del suo mantenimento a fronte del pagamento di una licenza. D altra parte, l Open Source può consentire, soprattutto per Telecom Italia, che è dotata di una software factory interna e che si può quindi prendere carico del mantenimento e specializzazione del software, di abbattere in maniera significativa i costi ed essere competitiva anche come fornitore di soluzioni complete sul mercato. Il software Open Source è peraltro già oggi utilizzato da Telecom sia nel contesto di piattaforme gestionali, sia di soluzioni per il mercato (a titolo di esempio: la piattaforma per l e-health ha già al proprio interno componenti di tipo Open Source, come Service Mix un middleware informatico di comunicazione). Inoltre sono sempre maggiormente disponibili in Open Source interessanti soluzioni applicative sia in ambito consumer (office, photoediting, collaboration, e-learning, ), sia in ambito enterprise/pmi (CRM, ERP,...), come riportato in figura1. 10 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio 2007

3 Il mix quindi di soluzioni applicative flessibili e a basso costo, offerte in maniera centralizzata tramite Data Center regionali, unitamente ad una rete a larga banda capillare come quella offerta dalla NGN2, possono essere elementi chiave per una posizione competitiva di Telecom sul mercato delle aziende sia di tipo enterprise, sia, e soprattutto, di tipo small e medium. Ultimo trend è quello legato alla virtualizzazione ed è rappresentato dall insieme delle tecnologie che consentono di abilitare una piattaforma condivisa, capace di ospitare applicazioni per i principali sistemi operativi ed in grado di adattarsi nel tempo alle specifiche esigenze dei clienti in termini di carico elaborativo e di storage. In particolare, attraverso un opportuno software (middleware di virtualizzazione) viene fornito un livello di astrazione fra l'applicazione e le risorse fisiche (server, storage, network), che aumenta la flessibilità e l indipendenza nella gestione dei cambiamenti delle risorse e semplifica le funzioni di gestione ed amministrazione. La virtualizzazione dei server è basata su una virtual machine software, che permette di far coesistere più istanze di sistema operativo/applicazioni o più istanze di diversi sistemi operativi su un singolo sistema hardware. Lo stesso discorso vale nel campo dello storage, in cui il software di virtualizzazione permette di gestire centralmente lo spazio disco, di migrare dati da un disco di sistema ad un altro, di aggiungere o rimuovere dischi, di effettuare i back-up dei dati senza interruzioni a livello applicativo. La tendenza in atto a far diventare la tecnologia di virtualizzazione parte integrante dei sistemi operativi non potrà che rendere tali soluzioni sempre più pervasive e di ampia diffusione nei Data Center IT con ovvi benefici in termini di utilizzo ottimale delle risorse informatiche. 3. Le piattaforme per i servizi ICT L approccio di Telecom Italia allo sviluppo delle soluzioni IT per il mercato, si basa su un approccio a layer, definito Network Centric, in cui, sfruttando i driver in precedenza descritti ed i propri asset sia di tipo informatico (in particolare le infrastrutture di Data Center), sia di tipo infrastrutturale di rete (comunicazione a larga e larghissima banda), si possa mettere in campo un ambiente flessibile, cost effective e adatto a supportare molteplici tipologie di applicazioni. La figura 2 ne fornisce una rappresentazione schematica. Partendo dal basso della figura, il primo livello rappresenta lo strato delle infrastrutture IT. Telecom Italia ha avviato un progetto per lo sviluppo di Data Center distribuiti sul territorio nazionale a livello regionale, per supportare le necessità di erogazione dei servizi in una logica NGN2 ed ottimizzare l utilizzo delle risorse condivise. Come indicato dalla figura 3, il piano prevede che, a partire dai Data Center oggi disponibili in 5 città, si estenda il numero fino ad arrivare ad FIGURA 2 Approccio Net Centric. essere presenti in 18 città. Il programma sarà rivisto in funzione dei piani di marketing e delle opportunità di vendita derivanti da gare o da accordi di collaborazione. Al secondo livello troviamo la piattaforma di IT Service Management, che eroga servizi di gestione integrati per tutta l infrastruttura di rete ed IT, sia per i clienti, sia per le esigenze di Telecom Italia stessa. I servizi offerti dalla piattaforma, già disponibili in campo includono applicazioni di: Network Domain: Data Simphony, Servizi PLUS, Hyperway; ICT Domain: ICT Security, PMI Security, Data Center Services, Full Business Company, Infrastructure Management; FIGURA 3 Data Center Regionali. Data Center disponibili a: Torino, Bologna, Milano, Padova, Roma e Bari. Nuovi Data Center: Già predisposti: Firenze, Napoli, Palermo; Da adeguare nelle aree sedi di nodi OPB: Genova, Bolzano, Trieste, Perugia, Pescara, Ancona, Catanzaro, Cagliari; Nuovo: Trento. SPECIALE NGN2 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio

4 Device Domain: Desktop Management, PC Backup. Evoluzioni in corso riguardano, tra l altro, l integrazione della gestione dell infrastruttura di Application Server per l erogazione del servizio IPTV in tecnologia Microsoft e la gestione del backup dei server in outsourcing centralizzato nei Data Center. Il livello superiore è dato dallo strato di Net Computing (figura 4) che, utilizzando un middleware di virtualizzazione, consente di separare logicamente le infrastrutture HW e SW di base dallo strato applicativo e di rendere disponibili tecnologie state-of-the-art in grado di erogare agli applicativi di livello superiore diverse funzionalità: servizi di computing; storage; DB management; service management; interfacce verso OSS e BSS; B2B B2B2C BSS OSS VoIP ToIP B2B (Terze Parti) Net Computing Sistemi OSS/BSS Healthcare SW On-demand SOA-enabled Business to Business Business to Business to Consumer Business Support Systems Operation Support Systems Voice over IP Telephony over IP FIGURA 4 Piattaforma Net Computing. Telco Capabilities (es. VoIP/ToIP, Messaging & Collaboration) Piattaforme di Servizio Transportation HW On-demand B2B2C (Terze Parti) Ulteriori Verticali interfacce verso lo strato di controllo della rete (service enabler). Inoltre le risorse possono essere richieste dinamicamente (on demand) dalle applicazioni, al fine di ottimizzare l utilizzo delle infrastrutture di base. Le applicazioni e le piattaforme che si stanno realizzando per i settori verticali sono progettate per condividere in maniera nativa la piattaforma Net Computing. A tendere, tanto maggiore sarà la possibilità di utilizzare tali funzionalità condivise anche dalle altre piattaforme applicative, tanto migliore risulterà l ottimizzazione delle infrastrutture di base e verticali. Net Computing implementa i meccanismi dell architettura SOA, e quindi si pone anche come elemento di integrazione funzionale tra le piattaforme che lo utilizzano. Salendo ancora di livello, entriamo nel campo della piattaforme applicative. Così come le piattaforme orizzontali hanno l obiettivo prevalente di costituire una solida foundation sulla quale costruire le piattaforme applicative, a queste ultime spetta il compito di indirizzare in modo specifico le necessità dei singoli settori di mercato cui si rivolgono, nel rispetto delle regole architetturali definite (Net Computing, SOA,...). Al di là, infatti, che ciascuna piattaforma ha necessariamente delle specificità tipiche del contesto di mercato cui si indirizza, l impostazione seguita è di avere ambienti fortemente omogenei, che sfruttino componenti riusabili, con interfacce il più possibile standard ed ottimizzate per un erogazione via Data Center. Nell ambito delle piattaforme applicative è ancora possibile fare una distinzione tra piattaforme verticali di processo e piattaforme verticali di mercato. Le prime non indirizzano in realtà un target specifico di mercato, quanto piuttosto una serie di elementi processivi comuni a molte Industry. Così, ad esempio, la piattaforma Web & Collaboration offre servizi di posta elettronica, lavoro cooperativo, desktop management, web hosting... ad una vasta gamma di potenziali aziende, che vogliano adottare tali soluzioni con modalità di fruizione basate su servizi in Outsourcing. Analogamente, la piattaforma Business Productivity offrirà alle aziende servizi applicativi orientati ai tipici processi di una Piccola e Media Azienda: il CRM (Customer Relationship Management), l ERP (Enterprise Resource Planning), la gestione dei prodotti, la gestione documentale, la gestione delle risorse umane,.... Le seconde, che abbiamo chiamato piattaforme verticali di mercato, indirizzano le necessità peculiari di specifici settori. Le piattaforme che fanno parte (o lo faranno a breve) del portafoglio di offerta di Telecom Italia sono: e-healthcare per la Sanità Pubblica e Privata e per i cittadini; ITS & Infomobility per il settore dei trasporti, della logistica e delle Amministrazioni Pubbliche che intendano affrontare le problematiche del trasporto urbano e regionale avvalendosi di soluzioni informatiche state-of-the-art; Servizi al Turismo per gli operatori turistici pubblici e privati e le Pubbliche Amministrazioni, nonché, ovviamente, per i cittadini, fruitori dei servizi turistici stessi; Educational Services per le aziende del settore, che intendano avvalersi di strumenti informatici e telematici per allargare la base di clienti, offrendo servizi più facilmente fruibili, anche da remoto; 12 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio 2007

5 e-government per l automatizzazione e la centralizzazione dei processi della Pubblica Amministrazione, sia nella relazione interna che nel rapporto con i cittadini). Le piattaforme verticali in senso stretto sono a vari livelli di elaborazione e sviluppo. Le piattaforme e-healthcare e ITS & Infomobility sono quelle che presentano il maggior grado di maturità, mentre le altre sono in fase di progettazione o di sviluppo. È comunque previsto di portare alla piena operatività, nell arco di due/tre anni, tutte le piattaforme citate con modalità di erogazione Net Centric, l elemento strategico che accomuna tutte le piattaforme IT di Telecom Italia nel programma NGN2. 4. Le piattaforme per la gestione della Rete e dei servizi (OSS) L altra dimensione fondamentale per il successo della NGN2 è l opportuno adeguamento dei sistemi di supporto alla gestione della rete e del servizio. È da sottolineare che già oggi Telecom Italia dispone di un architettura di gestione coerente con i principi dell NGOSS (Next Generation Operation Support Systems) modello di riferimento per la gestione definito dal TMF (Tele-Management Forum). Tale modello ha portato ad un cambiamento strutturale molto rilevante negli scorsi anni (è partito nel 2002) con un passaggio da un approccio di tipo buy ad uno più orientato all acquisto sul mercato di soluzioni best of breed di vendor e da un impostazione basata su logiche applicative fortemente verticali punto punto ad un modello basato sui meccanismi dell EAI (Enterprise Application Integration), con Bus logici di interconnessione tra i sistemi (figura 5). Partendo da questa base, il salto ulteriore, che si intende fare con il programma l NGN2, è quello di attuare un cambio di paradigma, basato sostanzialmente su quattro direttrici. La prima è l adeguamento delle funzionalità dei sistemi per supportare al meglio le esigenze specifiche della nuova rete, che in estrema sintesi, può essere ricondotta alle seguenti classi d intervento: la realizzazione di un nuovo processo di service delivery, con la realizzazione della logiche di servizio specifiche per la NGN2 e per la migrazione della clientela sulla nuova rete; l adeguamento dei sistemi a supporto della gestione delle attività operative dei tecnici, sfruttando le caratteristiche dei nuovi apparati di rete (ad esempio apparati equipaggiati con RFID, geo-referenziazione, ), che permettono nuovi modelli di funzionamento più efficaci ed efficienti da parte dei tecnici; SPECIALE NGN2 FIGURA 5 Architettura OSS attuale. NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio

6 l introduzione di nuovi sistemi cartografici integrati con gli Inventory di rete ed in grado di supportare la progettazione in maniera unitaria sia degli ambienti on site che out site; la gestione in banda di nuovi tipi di allarmi ed eventi legati alle nuove tipologie di apparati (ad esempio la temperatura di apparati in rete di accesso), conseguenti all introduzione di apparati anche in accesso di tipo attivo. La seconda direttrice è l aggiornamento dei processi, con una sostanziale semplificazione delle catene gestionali. Questo intervento è necessario sia per sfruttare al meglio le possibilità offerte dalla nuova rete, che dispone di intelligenza anche a livello periferico infrastrutturale, sia per consentire la fornitura di servizi con ridotti tempi di lavorazione, con la possibilità, in ultima analisi, per il cliente di autoconfigurare i propri servizi. L idea è di rivedere tutti i processi, ponendosi come obiettivo, nel lungo periodo, di ottenere un elevata riduzione del numero dei sistemi. A regime, quando la rete NGN2 sarà operativa a livello nazionale e sarà completato il percorso di full replacement, con anche i servizi voce offerti a tutta la clientela su infrastruttura IP, si stima che il numero dei sistemi possa essere ridotto dell ordine del 50%, con ovvi benefici sia di efficienza che di efficacia. La terza direttrice d intervento è la migrazione verso una nuova architettura SOA. Gli elementi caratterizzanti associati a questa evoluzione (figura 6) sono sostanzialmente: il disaccoppiamento dello strato della rete da quello dei sistemi, attraverso un ambiente di mediazione multi-vendor e multidomain (NNEM Network Neutral Layer Management); un unico bus informatico di comunicazione tra i diversi sistemi ed applicazioni anche di tipo BSS/OSS; un interfaccia unica di presentazione (Enterprise Service Portal) verso il personale tecnico in grado di fornire delle viste omogenee multidominio; un insieme di strumenti di controllo di processo (BAM, BSM, Registry,...) di supporto al funzionamento dell architettura nel suo complesso. La quarta direttrice è la razionalizzazione a livello infrastrutturale, che completa il percorso già portato avanti nel passato con il passaggio da soluzioni mainframe a soluzioni basate su server, percorso che si è peraltro concluso lo scorso anno con lo spegnimento dell ultimo mainframe in ambito OSS. L obiettivo è di attuare un ulteriore razionalizzazione delle risorse IT, adottando i medesimi meccanismi descritti a proposito delle piattaforme applicative e cioè la virtualizzazione delle infrastrutture e l impiego esteso del modello Net Computing. Order Gateway Provisioning workflow engine CRM Retail Web Portal self-care Una ulteriore direttrice, che vale la pena tenere separata dalle quattro indicate in precedenza, ma che è altresì importante, è quella relativa ai possibili interventi connessi alla dimensione regolatoria, in particolare, conseguenti agli orientamenti emergenti in sede AGCom (separazione funzionale della rete di accesso). Ad oggi non essendo stato ancora definito puntualmente il perimetro e gli obblighi per Telecom Italia sulla rete tradizionale in rame ed eventualmente anche sulla fibra NGN2, il percorso di adeguamento dei sistemi andrà fatto in modo da salvaguardare gli investimenti, garantendo per quanto possibile la flessibilità dei sistemi ad adattarsi ai diversi scenari che si potranno concretizzare nei prossimi mesi. L impostazione, in precedenza descritta, con l impiego di interfacce standard, l utilizzo di architetture di tipo SOA, la realizzazione di ambienti di disaccoppiamento tra la rete ed i sistemi appare, anche da questo punto di vista, come quella che meglio risponde a tali ulteriori requisiti. Il percorso complessivo di attuazione, come è immaginabile, è oltremodo complesso; si tratta di conciliare esigenze di breve periodo (la progettazione della nuova infrastruttura di rete è già iniziata ed i sistemi devono essere in grado di supportare i progettisti fin dalla prima fase di lavoro) con obiettivi strategici, che portano a rivedere profondamente i processi e le architetture in campo e, anche per quanto detto nel precedente punto, possono essere soggette nel medio periodo a cambiamenti anche molto profondi. L approccio che ci si è dato è molto pragmatico ed è strutturato secondo le tre fasi schematizzate nella figura 7. In prima fase ( ) gli interventi riguarderanno i processi maggiormente critici per la realizzazione della NGN2 di prima fase e si concentreranno quindi sulla Network Construction (che sarà profon- CRM Wholesale Identity Management BAM & BSM & Reporting Resource & Service Inventory D e s i. P l a n. Registry SOA based SW component Trouble shooting Trouble Ticket Management Network & Service Quality Assurance Enterprise Service Portal Performance & Usage Configuration Synch Activation Fault Performance BAM Business Activity Monitoring BB Broad Band BSM Business Service Management CRM Customer Relationship Management EM Element Manager FIGURA 6 Architettura target SOA Based. Network BB + NGN2 WorkForce ESB Revenue Assurance NNEM EM ESB Enterprise Service Bus NGN2 Next Generation Network 2 NNEM Network Neutral Layer Management SOA Service Oriented Architecture 14 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio 2007

7 NGN2 OSS AS-IS Driver Neutral EM Layer Nuovi processi: Network Creation, Provisioning, Assurance Wholesale EM Element Manager NGN2 Next Generation Network 2 FIGURA 7 Roadmap di evoluzione. Semplificazione architetturale Razionalizzazione processi damente rivista nei sistemi) e verranno adeguati i sistemi per supportare i processi di Provisioning del servizio e di Assurance, oltre a rendere disponibile quanto necessario per supportare la nuova offerta Wholesale. In questa fase l impiego del modello SOA sarà molto circoscritto e gli adeguamenti dei sistemi saranno sostanzialmente a supporto dei nuovi servizi di rete, ma non ci saranno cambiamenti strutturali di processo. Si procederà nel contempo con la messa a punto in laboratorio o in contesti circoscritti in campo, di soluzioni sperimentali di tipo SOA. Nel corso del 2009 e 2010, poi, gli interventi riguarderanno la semplificazione architetturale e, almeno per ciò che concerne il perimetro NGN2, l adozione dei nuovi processi. Gli interventi di adeguamento o sviluppo dei sistemi saranno coerenti con l architettura prevista a regime. Alcuni sistemi legacy saranno dimessi. Dal 2011, con la diffusione della NGN2 ed il progressivo full replacement di rete, si potrà procedere rapidamente alla messa a regime della nuova piattaforma NGOSS. 5. Le Piattaforme per la gestione della sicurezza OSS TARGET SOA pervasiva > 2010 OSS SOA Operation Support Systems Service Oriented Architecture La tutela della sicurezza e della privacy, in uno scenario tecnologico e di servizio, così avanzato come la NGN2, è un obiettivo irrinunciabile nella realizzazione della nuova rete. Se da un lato la progettazione ex novo di infrastrutture e sistemi permette di recepire i principi della sicurezza nativa, integrando, laddove possibile, fin dall origine i più adeguati meccanismi di protezione, è proprio attraverso lo sviluppo delle piattaforme di gestione integrata della sicurezza che si riescono a tradurre in realtà i più efficaci e moderni modelli di governo della sicurezza. Modelli che insieme ai processi, agli strumenti (tecnologie, piattaforme, procedure) e alle persone permettono di raggiungere gli obiettivi di gestione e riduzione del rischio sicurezza che l organizzazione si è data. Il modello della piattaforma adottata in Telecom Italia per il governo della sicurezza sulle attuali piattaforme di rete ed i sistemi IT ha già oggi un impostazione logico-funzionale che lo rende efficacemente applicabile al contesto NGN2. Naturalmente esso richiede interventi specifici sia per estenderne il perimetro, sia per mettere in sicurezza le nuove componenti tecnologiche e di servizio che la NGN2 introdurrà. Da un punto di vista generale il Security Management Framework di Telecom Italia, rappresentato in figura 8, si caratterizza per essere improntato ai principi della gestione secondo il ciclo MAPE (Monitor, Analyze, Plan ed Execute) ed articolarsi in cinque sotto compenti principali. Nello specifico: Security Surveillance Platform per l identificazione degli allarmi di security attraverso la raccolta e la correlazione di eventi anomali rilevati da dispositivi di sicurezza e di rete; Security Analyze & Planning Systems con gli strumenti a supporto dell analisi e della definizione degli interventi; Security Delivery Platform adibita alla configurazione dei dispositivi di sicurezza (security elements) e di rete necessari per garantire la protezione e il monitoraggio di sicurezza; Security Assurance Platform per la misurazione dei livelli di security delle rete e dei servizi, l analisi statistica degli eventi di sicurezza gestiti ed il reporting dello stato della sicurezza e del livello di rischio; Lawful Interception Platform per la gestione integrata delle componenti necessarie all erogazione delle prestazioni per l Autorità Giudiziaria. Gli interventi per supportare al meglio le specifiche esigenze della nuova rete e dei nuovi servizi, riguarderanno tutte e cinque le componenti della piattaforma e includeranno l introduzione di specifiche tecnologie di sicurezza a livello delle componenti di rete e di sistema. In questo senso, particolare attenzione viene posta allo sviluppo e all introduzione di strumenti in grado di potenziare la capacità di sorveglianza e monitoraggio con l obiettivo non solo di rilevare sul nascere eventi chiaramente riconoscibili, ma di far emergere, soprattutto nei nuovi contesti, fenomeni che possono avere un chiaro impatto dal punto di vista della sicurezza e dell innalzamento del livello di esposizione al rischio. Lo sviluppo delle tecniche di anomaly detection, opportunamente calate nel contesto della NGN2, l estensione dei domini di monitoraggio e di logging, la messa in sicurezza dei nuovi sistemi di rete e delle piattaforme di servizio, insieme all adeguamento dei modelli di analisi del rischio, costituiscono i fondamenti per lo sviluppo del Security Management Framework in ottica NGN2. In considerazione dello spostamento dal centro SPECIALE NGN2 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio

8 Knowledge & Services Sharing Security Surveillance Platform Security Assurance Security Analyze & Planning Systems Security Data Mgmt Systems Lawful Interception Platform Activation Auditing Fault Performance Convergence Devices BSS OSS Systems and intranet Business Support Systems Operation Support Systems OSS BSS Security Delivery Platform Usage Convergent Network FIGURA 8 Architettura target Security Management Framework. all estrema periferia di componenti significativi della nuova architettura di rete, non meno rilevanti saranno gli interventi per la protezione fisica dei cabinet e per il monitoraggio da remoto della loro integrità. Il percorso per realizzare l architettura target traguarda il La maggior parte degli interventi sono previsti nel biennio ACRONIMI BAM Business Activity Monitoring BSM Business Service Management BSS Business Support Systems CRM Customer Relationship Management EAI Enterprise Application Integration EM Element Manager ERP Enterprise Resource Planning ESB Enterprise Service Bus MAPE Monitor, Analyze, Plan and Execute NGN2 Next Generation Network 2 NGOSS Next Generation Operation Support Systems OSS Operation Support Systems RFID Radio frequency IDentification SOA Service Oriented Architecture TMF TeleManagement Forum ToIP Telephony over IP VoIP Voice over IP 6. Conclusioni La complessità del progetto NGN2 è molto elevata e le implicazioni su tutti i comparti tecnologici particolarmente sfidanti. Le piattaforme informatiche, i sistemi di gestione, le architetture per la sicurezza informatica, devono evolvere rapidamente ed in maniera coordinata. Peraltro, mentre è possibile graduare lo sviluppo della rete, in relazione ai piani di investimento ed alla redditività attesa, le piattaforme informatiche e soprattutto i sistemi di gestione, richiedono piani di sviluppo estremamente rapidi, al fine di disporre di funzionalità adeguate alle specificità della nuova rete fin dalle fasi iniziali ed in maniera sostanzialmente indipendente dall effettiva copertura geografica. Anche la dinamica dei nuovi servizi che si verranno a proporre al mercato grazie alle nuove capabilities di rete, richiederanno una velocità di risposta da parte dei sistemi decisamente superiore rispetto al passato, con drastici interventi sui sistemi stessi e sulle catene processive. In ultima analisi, con la NGN2 siamo in presenza, anche nel campo delle piattaforme e dei sistemi, di una discontinuità tecnologica ed architetturale, con implicazioni che si estendono a tutte le dimensioni dell IT: da quella applicativa, a quella funzionale, a quella infrastrutturale. Discontinuità che si concretizza, in definitiva, in un programma di grande cambiamento anche per l IT: una, per così dire, Next Generation IT. Giovanni Chiarelli ingegnere elettronico con Master in Economia e Gestione aziendale è in Azienda dal 2003 dove è responsabile dei Technical Information Services. Sin dalla prima esperienza lavorativa si è occupato di Information Technology; prima nei Sistemi Informativi del Credito Italiano, poi come Manager dell area Communication & High Tech di Andersen Consulting, quindi in Infostrada come responsabile dei Network Support Systems. Rientrato nella consulenza nel 2002 con Accenture, ha svolto il ruolo di IT Manager di 9Telecom in Francia e poi è stato il responsabile per Accenture del progetto CRM in Telecom Italia Wireline. A partire dal 2007 è anche membro del Board of Directors del TeleManagement Forum. 16 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 16 n. 2 - Luglio 2007

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

ZeroUno. Approccio al Cloud. 14 Marzo 2011

ZeroUno. Approccio al Cloud. 14 Marzo 2011 ZeroUno Approccio al Cloud 14 Marzo 2011 I Servizi Cloud: dimensioni abilitanti Il percorso che abilita un azienda all erogazione (Provider) e/o alla fruizione (Consumer) di Servizi Cloud (Private, Public,Hybrid)

Dettagli

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano Quale Roadmap per il Cloud Computing? Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@fondazione.polimi.it La definizione classica del Cloud Computing 4 modelli di deployment Cloud private

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 0 La metodologia Rilevanza per l impresal Innovatività Benefici di business Candidature 81 Imprese e PA finaliste 16 Imprese e PA vincitrici 6 1 Le categorie

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Dalla strategia all implementazione: proposte concrete per l innovazione nella P.A.

Dalla strategia all implementazione: proposte concrete per l innovazione nella P.A. Milano, 18 novembre 2009 Gestione della conformità alle normative, Dematerializzazione e Collaborazione in tempo reale: il valore di una piattaforma integrata per gli Enti Pubblici Locali Dalla strategia

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Una rotta tra le nuvole. il Cloud Computing per recuperare competitività

Una rotta tra le nuvole. il Cloud Computing per recuperare competitività Una rotta tra le nuvole il Cloud Computing per recuperare competitività Perché il Cloud Computing? Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare Seneca Il Cloud Computing sta rivoluzionando

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

S.E.S.A. Software E Sistemi Avanzati SpA. Profilo aziendale. www.sesaspa.it

S.E.S.A. Software E Sistemi Avanzati SpA. Profilo aziendale. www.sesaspa.it S.E.S.A. Software E Sistemi Avanzati SpA Profilo aziendale L AZIENDA S.E.S.A. S.p.A. Software E Sistemi Avanzati - è un azienda che opera nel settore dell Information & Communication Technology (ICT).

Dettagli

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese Giornata di Studio egovernment e Cloud computing: alte prestazioni con maggiore efficienza Roma, 5 Ottobre 2010 CNEL Andrea Costa TELECOM ITALIA INCONTRA

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PROFILE 2015 GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PA GROUP> Leader nel settore IT. Dal 1998 fornisce prodotti e soluzioni best in class nei diversi settori di competenza: Finanza, Industria, PA,

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA Per supportare SAVA nello sviluppo di un offerta finanziaria sempre più multicanale ed in linea con le esigenze del singolo cliente, Blue Reply ha creato

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Modena, 9 Ottobre 2013 Le tendenze emergenti Quattro grandi forze che stanno contemporaneamente determinando

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Cosa sta cambiando nel mondo ICT? I nuovi device, il trend BYOD, e le APPS cambiano l ICT 3 There will be 5B

Dettagli

Corporate profile Via A. Carrante 1/F - 70124 BARI tel. 080.21 49 681 - fax 080.21 40 682 www.mastergroupict.com info@mastergroupict.

Corporate profile Via A. Carrante 1/F - 70124 BARI tel. 080.21 49 681 - fax 080.21 40 682 www.mastergroupict.com info@mastergroupict. Corporate profile Chi siamo MasterGroup ICT è un Azienda globale di Formazione e Consulenza ICT che supporta l evoluzione delle competenze individuali e l innovazione delle organizzazioni. Si propone al

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel I nuovi device, il trend BYOD, cambiano l IT 2 There will be 5B mobile devices and 2B M2M nodes Global mobile

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Le competenze IT in ambito bancario Università LUISS Guido Carli 8 NOVEMBRE 2010 La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Matteo Lucchetti, Senior Research Analyst, ABI Lab Roma,

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Elena Vaciago Senior Associate Consultant IDC Italia ICT4Green Conference Nhow Hotel, Milano 17 Febbraio 2009

Dettagli

Lorenzo Simone. Roma, 5 Novembre 2013

Lorenzo Simone. Roma, 5 Novembre 2013 Presentation CloudForms title 2.0 here Architetture Subtitle e Use here Case Scarpa Manager, IKS Lorenzo Simone Roma, IT Architect, 5 Novembre IKS 2013

Dettagli

Architetture, Tecnologie e Piattaforme per Servizi in Rete

Architetture, Tecnologie e Piattaforme per Servizi in Rete Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Padova Architetture, Tecnologie e Piattaforme per Servizi in Rete Massimo Maresca (CIPI) Dip. Ing. Informazione - Università di Padova Convegno

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

LA RETE INTEGRATA DEI DATA CENTER

LA RETE INTEGRATA DEI DATA CENTER MANAGED OPERATIONS LA RETE INTEGRATA DEI DATA CENTER I Data Center di Engineering, grazie alle migliori infrastrutture e tecnologie, garantiscono i più elevati standard di sicurezza, affidabilità ed efficienza.

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Presentazione aziendale. soluzioni, servizi, consulenza

Presentazione aziendale. soluzioni, servizi, consulenza Presentazione aziendale soluzioni, servizi, consulenza 2015 1 Offriamo SOLUZIONI SERVIZI CONSULENZA SOLUZIONI Vecomp Software è un partner che offre «soluzioni» in ambito informatico. In un mondo sempre

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

La Nuvola Italiana di Telecom Italia. Simone Battiferri Direttore Top Clients Domestic Market Operation

La Nuvola Italiana di Telecom Italia. Simone Battiferri Direttore Top Clients Domestic Market Operation La Nuvola Italiana di Telecom Italia Simone Battiferri Direttore Top Clients Domestic Market Operation Spesa ICT delle Imprese Italiane Incidenza Imprese su Mercato ICT Italia 2009 Caratteristiche Chiave

Dettagli

«management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione»

«management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione» «management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione» pensiero scientifico metrica riservatezza tecnologia per la STARTUP competitiva indipendenza da fornitori

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

Presentazione. CitelGroup - Menti e Strumenti

Presentazione. CitelGroup - Menti e Strumenti Presentazione CitelGroup - Menti e Strumenti Chi siamo Ict Consulting Technologies and applications Digital R&D Outsourcing Dove Siamo Roma Napoli Italia San Paolo Rio De Janeiro Brasile Cosa Facciamo

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

CATEGORIZZAZIONE PREVENTIVA di tutte le tipologie di richieste e dei dati necessari alla loro gestione Change Mgmt

CATEGORIZZAZIONE PREVENTIVA di tutte le tipologie di richieste e dei dati necessari alla loro gestione Change Mgmt Trouble Ticketing Contesto di riferimento I benefici del Trouble Ticketing Nell area Operations Support si collocano le varie fasi della gestione di un infrastruttura IT: a tale area è strettamente correlata

Dettagli

1.350 SPECIALISTI 15.000 SERVER GESTITI 330 CLIENTI MANAGED OPERATIONS

1.350 SPECIALISTI 15.000 SERVER GESTITI 330 CLIENTI MANAGED OPERATIONS MANAGED OPERATIONS MANAGED OPERATIONS La Direzione Managed Operations offre servizi tecnologici ed infrastrutturali per tutti i settori di mercato del Gruppo Engineering, con un ampio spettro di soluzioni,

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

FORUM PA 2014 «Ripensare l infrastruttura tecnologica della PA: SPC e Cloud per un amministrazione interconnessa» Stefano Mattevi Telecom Italia

FORUM PA 2014 «Ripensare l infrastruttura tecnologica della PA: SPC e Cloud per un amministrazione interconnessa» Stefano Mattevi Telecom Italia FORUM PA 2014 «Ripensare l infrastruttura tecnologica della PA: SPC e per un amministrazione interconnessa» Stefano Mattevi Telecom Italia Lotta alle frodi Identità Digitale Incremento fiducia nelle transazioni

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

soluzioni Sviluppo Progetti Informatici Server Based Computing

soluzioni Sviluppo Progetti Informatici Server Based Computing azienda Projest nasce nel 1999 per iniziativa di un gruppo di professionisti con esperienza decennale quali responsabili di funzioni operative in aziende medio-grandi e con solide competenze nell approccio

Dettagli

Il valore del Cloud per le aziende. Stefano Mainetti 10 Aprile 2014

Il valore del Cloud per le aziende. Stefano Mainetti 10 Aprile 2014 Il valore del Cloud per le aziende Stefano Mainetti 10 Aprile 2014 Indice Gli Osservatori della School of Management del Politecnico di Milano Cos è il Cloud? Gli impatti sulla Direzione ICT La Cloud Journey

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

Impresa Semplice CONDIVIDI

Impresa Semplice CONDIVIDI Selling Kit rev.1 Condividi Impresa Semplice CONDIVIDI La soluzione semplice di gestione documentale Selling Kit Gestione documentale: overview di mercato Un elemento di criticità per la gestione del Business

Dettagli

Il Software Libero in FVG: Esperienze e prospettive per lo sviluppo del mercato ICT

Il Software Libero in FVG: Esperienze e prospettive per lo sviluppo del mercato ICT 1 1 Udine, 7 febbraio 2008 Il Software Libero in FVG: Esperienze e prospettive per lo sviluppo del mercato ICT TECNOTECA: la testimonianza di un operatore del mercato Fabio Bottega - f.bottega@tecnoteca.it

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Strumenti ICT per l innovazione del business

Strumenti ICT per l innovazione del business 2012 Strumenti ICT per l innovazione del business Progetto finanziato da Forlì 12-04-2012 1 Sommario Gli strumenti ICT a supporto delle attività aziendali Le piattaforme software Open Source per le piccole

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Consulenze «Success fee» e a progetto per l ottimizzazione dell ICT PROFILO DELL AZIENDA

Consulenze «Success fee» e a progetto per l ottimizzazione dell ICT PROFILO DELL AZIENDA Consulenze «Success fee» e a progetto per l ottimizzazione dell ICT PROFILO DELL AZIENDA Chi siamo Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione,

Dettagli

Network Maintenance del domani

Network Maintenance del domani GRUPPO TELECOM ITALIA Network Maintenance del domani NGM Trasformazione della Maintenance Vista di Sintesi Il Progetto Network &Service Front End si inserisce nel contesto di trasformazione organizzativa

Dettagli

CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica

CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica Focus sulla fornitura MSSP e Servizi SOC Il caso I.NET, gruppo British Telecommunications Plc Stefano Quintarelli 16 giugno, 2003 I.NET Nata nel

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader Firenze, 30 Giugno 2010 Previsioni sull andamento del PIL nei principali Paesi nel 2010-2011 Variazioni %

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Le opportunità offerte dal Cloud Computing

Le opportunità offerte dal Cloud Computing Le opportunità offerte dal Cloud Computing Ing. Alessandro Piva Politecnico di Milano Alessandro.piva@polimi.it Agenda L impatto sulla catena del valore La definizione di Cloud Computing Le variabili decisionali

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Virtuale L Offerta di Hosting di Impresa Semplice, capace di ospitare tutte le applicazioni di proprietà dei clienti in grado di adattarsi nel tempo

Dettagli

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Soluzioni e servizi per migliorare la gestione interna dell Ente e le modalità di erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Legnano, 24 maggio 2012 Risorse computazionali 2041 The Time, 2011 I nuovi dispositivi Videocamera Console

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

NEW GENERATION IT. Gian Enrico Paglia, Gianluca Pancaccini SPECIALE INNOVAZIONE DELLA RETE

NEW GENERATION IT. Gian Enrico Paglia, Gianluca Pancaccini SPECIALE INNOVAZIONE DELLA RETE 14 Usa il tuo smartphone per visualizzare approfondimenti multimediali NEW GENERATION IT Gian Enrico Paglia, Gianluca Pancaccini 15 Per l Information Technology di una Telco è basilare supportare efficacemente

Dettagli