DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: giunti per alberi coassiali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: giunti per alberi coassiali"

Transcript

1 DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: giunti per alberi coassiali

2 Giunti Quando è necessario trasmettere potenza da un albero all altro senza variare velocità, si ricorre all uso di giunti. I giunti si distinguono in: Giunti rigidi per alberi coassiali Giunti semi-elastici o elastici per consentire piccoli spostamenti assiali o piccole angolazioni Giunti articolati per assi paralleli o angolati Giunti di sicurezza per eliminare la trasmissione, se il momento torcente supera il limite, attraverso la rottura di parti sacrificali o slittamenti Giunti idraulici I giunti rigidi consistono in due flange, ciascuna solidale ad una delle due estremità d albero, unite tra loro mediante bulloni e/o viti. I giunti semi-elastici o elastici, frappongono alle due flange elementi in gomma o molle in grado di deformarsi assorbendo gli spostamenti relativi.

3 semidisco Esempi di giunti rigidi In alto il giunto è costituito da due flange unite tramite 4 bulloni. Il risalto nel riquadro fa sì che una flangia sia centrata sull altra. Questo però crea problemi di smontaggio perché per separare le flange occorre forzare su uno dei due alberi. La soluzione a destra tramite due semidischi che vengono frapposti tra le flange (entrambe con risalto) evita il problema (tolti i semidischi ogni flangia resta con il suo albero).

4 perno elastico Disegno di Macchine: materiale di supporto alle Semi vista da destra! Esempio di giunto elastico In questo caso le due flange sono unite tramite viti e perni elastici (riconoscibili in sezione dalla campitura diversa dal tratteggio continuo a 45 ). La vista frontale associa la vista del giunto da sinistra con quella destra tramite proiezione secondo il metodo delle frecce.

5 Esempio di giunto elastico Giunto Periflex. Per esercitarsi: Individuare l elemento elastico. Discutere come avviene il collegamento tra le due flange. Quante parti compongono il giunto? Disegnare le flange in proiezione ortogonale prevedendo oltre alla vista frontale una semivista ed una semisezione longitudinali (=assiali).

6 DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi giunto a tasselli elastici

7 In figura è rappresentato un giunto per trasmissione di potenza a rapporto di trasmissione costante. E composto da due flange (o semigiunti) che si impegnano in un blocco di materiale elastico (da cui il nome dell assieme: giunto a tasselli elastici). La forma delle flange è simile a quella degli innesti a denti dritti. Esercizio: Rappresentare i vari componenti del giunto scegliendo la rappresentazione più opportuna tra proiezioni ortogonali e sezioni. Provare inoltre a rappresentare in semivista e semiproiezione longitudinale l assieme del giunto.

8 Flangia + bussola di calettamento sull albero 1 Approfondimenti costruttivi relativi ad un giunto elastico a bussola conica Disegno di Macchine: materiale di supporto alle Flangia + bussola di calettamento sull albero 2 Ciascuna flangia, realizzata per fusione (si capisce dal colore e dallo stato superficiale), viene montata (= calettata) sull albero attraverso una bussola conica. Inserto elastico a tasselli L inserto elastico è un disco elastico sagomato secondo una dentatura con profilo ad evolvente Il profilo ad evolvente è una costruzione geometrica presente in diverse applicazioni meccaniche legate alla trasmissione di potenza. cava per chiavetta o linguetta In giallo si evidenziano le collocazioni dei denti della flangia 1 nella flangia 2 una volta inserito l inserto taglio La bussola conica sul diametro interno ha: una cava per il collegamento con l albero un taglio che aiuta il serraggio tra bussola e flangia Flangia e bussola nel loro insieme hanno tre fori: due sono filettati nel mezzo foro della flangia e uno nel mezzo foro della bussola. Avvitando due grani filettati nei mezzi fori filettati della flangia la bussola viene spinta con la sua conicità nella flangia (e diventano un tutt uno). Il foro con filettatura nella bussola serve ad estrarre la bussola dalla flangia durante lo smontaggio (è quindi un foro di estrazione)

9 Provare a rappresentare l assieme bussola + flangia attraverso proiezioni e sezioni in grado di spiegare l uso dei grani filettati.

10 DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: innesto a denti frontali

11

12 Ricavare dalla vista di assieme i disegni tecnici dei tre componenti più importanti dell innesto. Logica di esecuzione: A B b a A B b a dall esame del disegno localizzare le parti che compongono l assieme distinguendo le loro posizioni in ciascuna vista. aiutandosi con la traccia dei piani di sezione comprendere la forma effettiva di ciascun elemento e procedere al disegno di messa in tavola. b a a b Nel caso specifico si evince dai tratteggi della vista longitudinale che ci sono 5 corpi assial-simmetrici montati coassiali. Il corpo 1 e 2 sono disposti in modo da fronteggiarsi, ma tra loro non si toccano. Il corpo 3 è montato sul corpo 2 e può scorrere verso sinistra (verso destra è bloccato dall anello 4). Localizzando la traccia della sezione BB si comprende che la vista di destra presenta in sezione solo parti dell elemento 1, per cui gli elementi a e b appartengono necessariamente a 3 e 2 (fatto confermato dalla sezione AA nell area evidenziata in rosso)

13 Flangia albero-motore Disegno di Macchine: materiale di supporto alle La presenza del raccordo (R6) elimina la vista dello spigolo

14 Manicotto Disegno di Macchine: materiale di supporto alle

15 Flangia albero condotto Disegno di Macchine: materiale di supporto alle Procedere alla quotatura del pezzo ed eseguire una semivista longitudinale con semisezione

DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: tenditore per funi

DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: tenditore per funi DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: tenditore per funi Esempio comune di tenditore a due forcelle Associare ai richiami i nomi dei componenti e interpretare l uso del dispositivo Sapresti dire

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

Collegamenti tra albero e mozzo

Collegamenti tra albero e mozzo Collegamenti tra albero e mozzo L albero è un corpo cilindrico a più gradini su cui sono calettati gli organi rotanti, da cui riceve o a cui trasmette il moto Supporti Gli elementi caratteristici degli

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

1. INTRODUZIONE Norme UNI (Vedi prospetto) Testo di riferimento: Chirone - Tornincasa Disegno Tecnico Industriale Vol.I Cap.5 Par.6.11.

1. INTRODUZIONE Norme UNI (Vedi prospetto) Testo di riferimento: Chirone - Tornincasa Disegno Tecnico Industriale Vol.I Cap.5 Par.6.11. 1. INTRODUZIONE Norme UNI (Vedi prospetto) Testo di riferimento: Chirone - Tornincasa Disegno Tecnico Industriale Vol.I Cap.5 Par.6.11. Tabella 1 - Prospetto delle principali norme per il Disegno Tecnico

Dettagli

Trasmissione di potenza

Trasmissione di potenza Trasmissione di potenza Alberi Lo scopo di questi appunti è quello di introdurre alla comprensione della funzione degli alberi e alle loro regole di disegno e rappresentazione. Esercitarsi nella rappresentazione

Dettagli

ARGOMENTI DELLA LEZIONE Collegamenti Albero-Mozzo Definizioni Applicazioni

ARGOMENTI DELLA LEZIONE Collegamenti Albero-Mozzo Definizioni Applicazioni ARGOMENTI DELLA LEZIONE Collegamenti Albero-Mozzo Definizioni Applicazioni Introduzione L unione di parti meccaniche mediante elementi che possano essere rimossi in caso di necessità senza alterazioni

Dettagli

Le viti possono essere

Le viti possono essere VITI DI COLLEGAMENTO (filettatura metrica ISO) Le viti di collegamento sono costituite da due parti: lo stelo, che può essere totalmente o parzialmente filettato; la testa che può assumere forme varie.

Dettagli

Università del Salento Facoltà di Ingegneria. Costruzione di Macchine

Università del Salento Facoltà di Ingegneria. Costruzione di Macchine Università del Salento Facoltà di Ingegneria Costruzione di Macchine I giunti meccanici a cura dell ing. Riccardo Nobile 1 I giunti meccanici I giunti sono degli organi meccanici utilizzati per realizzare

Dettagli

Disegno di Macchine. - Collegamenti filettati. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. - Collegamenti filettati. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana - Collegamenti filettati I collegamenti In questa sezione si discutono i mezzi per rendere i corpi tra

Dettagli

SEZIONI E NORME DI RAPPRESENTAZIONE. Ing. Davide Russo Dipartimento IGIP

SEZIONI E NORME DI RAPPRESENTAZIONE. Ing. Davide Russo Dipartimento IGIP SEZIONI E NORME DI RAPPRESENTAZIONE Ing. Davide Russo Dipartimento IGIP ... NELLA LEZIONE PRECEDENTE Le viste ausiliarie I ribaltamenti Raccordi e tangenze Spigoli convenzionali... altre particolarità

Dettagli

Trasmissione di potenza

Trasmissione di potenza Trasmissione di potenza Differenziale Aperto Perno con i due satelliti in estremità Ruota conica planetaria Disegno di Macchine: materiale di supporto alle Questo assieme è un differenziale di tipo aperto.

Dettagli

Anno accademico 2005-06

Anno accademico 2005-06 Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali CORSO DI: DISEGNO MECCANICO (FI) CORSO DI: DISEGNO TECNICO IND.LE (PO) Anno accademico 2005-06 Docenti: Modulo 2: RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

NELLA LEZIONE PRECEDENTE FILETTATURE E ORGANI FILETTATI. Tolleranze dimensionali Rugosità Tolleranze geometriche. Prof.

NELLA LEZIONE PRECEDENTE FILETTATURE E ORGANI FILETTATI. Tolleranze dimensionali Rugosità Tolleranze geometriche. Prof. CdL in INGEGNERIA DELLE TECNOLOGIE PER LA SALUTE FILETTATURE E ORGANI FILETTATI Prof. Daniele Regazzoni University of Bergamo Department of Management, Information and Production Engineering NELLA LEZIONE

Dettagli

Alberi e perni Accoppiamenti albero e mozzo con linguette, chiavette, alberi scanalati e spine

Alberi e perni Accoppiamenti albero e mozzo con linguette, chiavette, alberi scanalati e spine Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Docente: Ing. Filippo Giustra Alberi

Dettagli

GIUNTI, INNESTI E FRENI : UNA BREVE RASSEGNA 1

GIUNTI, INNESTI E FRENI : UNA BREVE RASSEGNA 1 asdf GIUNTI, INNESTI E FRENI : UNA BREVE RASSEGNA 28 December 2011 Premessa all'articolo Nel seguente articolo vogliamo effettuare una breve rassegna, corredata di foto, di questi tre organi di macchine

Dettagli

Caterina RIZZI. Dipartimento di Ingegneria Industriale

Caterina RIZZI. Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONI E NORME DI RPPRESENTZIONE Prof. Caterina Rizzi... NELL LEZIONE PRECEDENTE Le viste ausiliarie I ribaltamenti Raccordi e tangenze Spigoli convenzionali... altre particolarità di rappresentazione

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 12 Collegamenti per trasmissione di potenza Chiavette Le chiavette sono degli elementi prismatici

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI

ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI L'albero di trasmissione è l'organo rotante di una macchina che ha la funzione di trasmettere o ricevere coppie motrici (o resistenti) tra gli

Dettagli

Le sezioni nel disegno meccanico. a cura di Massimo Reboldi

Le sezioni nel disegno meccanico. a cura di Massimo Reboldi Le sezioni nel disegno meccanico a cura di Massimo Reboldi Le proiezioni ortogonali Con il metodo delle proiezioni ortogonali non è possibile vedere all interno del pezzo. L unico modo possibile è l utilizzo

Dettagli

Designazione Dispositivi di appoggio Dispositivi di antiallentamento Esempi di applicazione

Designazione Dispositivi di appoggio Dispositivi di antiallentamento Esempi di applicazione ORGANI E COLLEGAMENTI FILETTATI Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Organi di Collegamento Collegamenti tifilettati Designazione Dispositivi di appoggio Dispositivi di antiallentamento Esempi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO MECCANICO. Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica. Classe 2 AM A.S

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO MECCANICO. Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica. Classe 2 AM A.S PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO MECCANICO Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classe 2 AM A.S.2016 2017 Rev. 0 del 08-03-04 pag. 1 di 5 MODULO 01 DISEGNO DI MACCHINE E SIMBOLOGIA DEI

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE. Lezione Trasmissioni meccaniche

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE. Lezione Trasmissioni meccaniche UNIVERSITÀ DI LECCE Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica, Gestionale e dei Materiali DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE Lezione Trasmissioni meccaniche 1 Argomenti della lezione Trasmissioni del moto rotatorio

Dettagli

GENERALITA SULLE SEZIONI

GENERALITA SULLE SEZIONI GENERALITA SULLE SEZIONI Studiati i modi con cui nel disegno tecnico si effettua la rappresentazione degli oggetti (proiezioni ortogonali) si deve ora passare allo studio delle sezioni. Questo argomento

Dettagli

Norme di rappresentazione dei disegni meccanici

Norme di rappresentazione dei disegni meccanici - Tipi e spessori di linea - Applicazione delle linee La tabella UNI 3968 definisce i tipi e gli spessori delle linee da utilizzare nei disegni tecnici. Queste linee unificate sono indicate nella tabella

Dettagli

ESAME DI STATO 2014/2015 INDIRIZZO ITMM MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

ESAME DI STATO 2014/2015 INDIRIZZO ITMM MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE ESAME DI STATO 2014/2015 INDIRIZZO ITMM MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA Prima parte TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE A) Dimensionamento dell albero L albero rappresentato

Dettagli

Sezioni e Norme di rappresentazione

Sezioni e Norme di rappresentazione Knowledge ided Engineering Manufacturing and Related Technologies DISEGNO TECNICO INDUSTRILE Sezioni e Norme di rappresentazione Ing. Daniele Regazzoni Dipartimento di Ingegneria 1... nella lezione precedente

Dettagli

CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO

CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO PER ATTRITO Il sistema di bloccaggio tramite calettamento per attrito rende solidale all albero uno o più organi che permettono di trasmettere il moto o sopportare una spinta assiale. L accoppiamento per

Dettagli

Organi e Collegamenti filettati

Organi e Collegamenti filettati Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE Organi e Collegamenti filettati Ing. Davide Russo Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

Dettagli

le lavorazioni a freddo asportazione di

le lavorazioni a freddo asportazione di le lavorazioni a freddo asportazione di le lavorazioni ad asportazione di truciolo la struttura truciolo delle macchine utensili lo studio del processo di asportazione di truciolo riveste un importanza

Dettagli

COME FUNZIONA IL CAMBIO DELLA MOTO

COME FUNZIONA IL CAMBIO DELLA MOTO COME FUNZIONA IL CAMBIO DELLA MOTO PREMESSA: stiamo parlando di cambio ad ingranaggi sempre in presa ed innesti frontali (usato oggi nella stragrande maggioranza dei motori moderni), per cui lasciamo perdere

Dettagli

Disegno Tecnico Industriale

Disegno Tecnico Industriale Università degli Studi di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Industriale Disegno Tecnico Industriale Collegamenti albero-mozzo Prof. Ing. S. M. Oliveri Collegamenti albero-mozzo

Dettagli

ASSONOMETRIA E PROSPETTIVA

ASSONOMETRIA E PROSPETTIVA ASSONOMETRIA E PROSPETTIVA 2 Assonometria: trasformazione di uno spazio vettoriale a tre dimensioni in uno a due, in modo che i raggi di proiezione siano paralleli tra loro. Prospettiva: trasformazione

Dettagli

CLASSE 26A - DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 26A - DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi Programma d'esame Temi d'esame proposti in precedenti concorsi Programma d'esame Programmi d'esame non disponibili per l'ambito disciplinare considerato 2 Temi d'esame proposti in precedenti concorsi Classe

Dettagli

ELEMENTI ELASTICI MODULARI ROSTA GAMMA DEI PRODOTTI

ELEMENTI ELASTICI MODULARI ROSTA GAMMA DEI PRODOTTI GAMMA DEI PRODOTTI Tipo DR-S: elementi elastici modulari Rosta in gomma Corpo esterno e tubo interno a sezione quadrata in acciaio. Atti al fissaggio, su uno o entrambi i lati, di leve dotate di un profilato

Dettagli

Manuale di Riparazione Cambio 02T Volkswagen. INA GearBOX

Manuale di Riparazione Cambio 02T Volkswagen. INA GearBOX Manuale di Riparazione Cambio 02T Volkswagen INA GearBOX Attrezzi speciali Attrezzo per pressa: Utilizzato per estrarre il doppio cuscinetto a sfera dall alloggiamento. Codice articolo: 400 0428 10 Piastra

Dettagli

ADRIANO RICCADONNA RAFFAELE CRIPPA. Collana. tacnlco-scientlfica a wra del HOEPLI

ADRIANO RICCADONNA RAFFAELE CRIPPA. Collana. tacnlco-scientlfica a wra del HOEPLI ADRIANO RICCADONNA RAFFAELE CRIPPA, Collana tacnlco-scientlfica a wra del ~ HOEPLI IUAV - VENEZIA L 3765 BIBLIOTECA CENTRALE ADRIANO RICCADONNA RAFFAELE CRIPPA Elementi di DISEGNO TECNICO Collana tecnico-scientifica

Dettagli

LIMITATORI DI COPPIA + GIUNTI CATENA CON COPERCHIO

LIMITATORI DI COPPIA + GIUNTI CATENA CON COPERCHIO LIMITATORI DI COPPIA + GIUNTI CATENA CON COPERCHIO LIMITATORI DI COPPIA pag. 6 LIMITATORI DI COPPIA CON GIUNTO A CATENA LCG pag. 7 GIUNTO A CATENA CON COPERCHIO KC pag. 8 GIUNTI CATENA CON COPERCHIO GIUNTI

Dettagli

ALP1 ALP1 COME ORDINARE / TIPO ROTAZIONE TAGLIA ALBERO* PORTE* GUARNIZIONI* OPZIONI* DRENAGGIO. Guarnizioni / ... R** REVERSIBILE. Opzioni / TR ...

ALP1 ALP1 COME ORDINARE / TIPO ROTAZIONE TAGLIA ALBERO* PORTE* GUARNIZIONI* OPZIONI* DRENAGGIO. Guarnizioni / ... R** REVERSIBILE. Opzioni / TR ... ALP1 COME ORDINARE / ALP1 TIPO ROTAZIONE TAGLIA ALBERO* PORTE* GUARNIZIONI* OPZIONI* DRENAGGIO * * * * A D S DESTRA SINISTRA R** REVERSIBILE 2 3 4 5 6 7 9 11 13 Guarnizioni / (T = -10 C + V... Opzioni

Dettagli

Fondamenti di CAD e Disegno del Prodotto Industriale T Corso di Laurea Triennale in Design del Prodotto Industriale

Fondamenti di CAD e Disegno del Prodotto Industriale T Corso di Laurea Triennale in Design del Prodotto Industriale Esercizio n. 1: "Comandi base (I)" Eseguire mediante CAD 2D il disegno sotto riportato. Usare solo comandi specifici del CAD. Non quotare (utilizzare le quote per la realizzazione del disegno) (lasciare

Dettagli

Collegamenti tra organi rotanti: accoppiamento albero-mozzo

Collegamenti tra organi rotanti: accoppiamento albero-mozzo Accoppiamenti albero-mozzo Collegamenti tra organi rotanti: accoppiamento albero-mozzo Accoppiamenti albero-mozzo Accoppiamenti albero-mozzo 3 Accoppiamenti albero-mozzo 4 Accoppiamenti albero-mozzo Compito

Dettagli

TECNOLOGIA E DISEGNO A.S. 2010-2011

TECNOLOGIA E DISEGNO A.S. 2010-2011 TECNOLOGIA E DISEGNO A.S. 2010-2011 DISEGNO TECNICO Prof. Davide Luigi MATERIALE Matita a tubetto 0.5 B (per linea grossa) Matita a tubetto 0.3 H (per linea fine) Gomma di plastica Compasso balaustrino

Dettagli

Frizioni a comando meccanico, semplici e doppie, a dischi Sinus

Frizioni a comando meccanico, semplici e doppie, a dischi Sinus Frizioni a comando meccanico, semplici e doppie, Informazioni generali Principio di funzionamento vvertenze per il montaggio Esempi di montaggio 3a.03.00 3a.03.00 3a.04.00 Tabelle dimensionali dei prodotti

Dettagli

La quotatura è ottenuta con i seguenti elementi

La quotatura è ottenuta con i seguenti elementi LA QUOTATURA Per descrivere un oggetto occorre indicare oltre alla forma, le dimensioni. Le norme per l esecuzione della quotatura sono codificate nella UNI 3973 e UNI 3974. 1 La quotatura costituisce

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 2 Nozioni di disegno tecnico. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 2 Nozioni di disegno tecnico. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 2 Nozioni di disegno tecnico Il Disegno Tecnico Lo scopo del disegno tecnico consiste nel rappresentare

Dettagli

>>> Imbastitore e bussola disponibili anche separatamente a richiesta <<<

>>> Imbastitore e bussola disponibili anche separatamente a richiesta <<< EH 22340. " con anelli >>> Imbastitore e bussola disponibili anche separatamente a richiesta

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 10 Cuscinetti radenti e volventi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 10 Cuscinetti radenti e volventi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 10 Cuscinetti radenti e volventi Supporti e Cuscinetti I supporti sorreggono gli elementi rotanti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica

Dettagli

Formula Junior Kit cambio 4 marce ad innesti frontali sfilabile

Formula Junior Kit cambio 4 marce ad innesti frontali sfilabile Formula Junior 2005 Kit cambio 4 marce ad innesti frontali sfilabile 1 TRASMISSIONI MECCANICHE Bacci Romano & C. s.n.c. Via Leon Battista Alberti, 53/55 - Località Ponte Nuovo 50028 TAVARNELLE VAL DI PESA

Dettagli

Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Ingegneria ed Architettura Anno Accademico

Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Ingegneria ed Architettura Anno Accademico Facoltà di Ingegneria ed Architettura Anno Accademico 2015 2016 A.A. Settore Scientifico Disciplinare CFU Insegnamento Ore di aula Mutuazione 2015/16 ING-IND/15 DISEGNO E METODI DELL'INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO 342 Introduzione I collegamenti albero-mozzo sono collegamenti smontabili che consentono di rendere solidali, rispetto alla rotazione attorno ad un asse comune, una parte piena

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO E DATI TECNICI

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO E DATI TECNICI DESCRIZIONE DEL PRODOTTO E DATI TECNICI Linguette secondo la normativa DIN 6885 - UNI 664 (EX ISO 773) Le linguette sono normalmente impegnate per la trasmissione del momento torcente dall alero al mozzo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2015/2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI G. CIGNA Via di Curazza, 15- MONDOVI PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2015/2016 CLASSE: 3 A MME ITI MATERIA: IMPIANTI ENERGETICI, DISEGNO E PROGETTAZIONE

Dettagli

SOSTITUZIONE DEL MOTORE COMPLETO SU ARGANI MF48 MF58 MF82 MF94

SOSTITUZIONE DEL MOTORE COMPLETO SU ARGANI MF48 MF58 MF82 MF94 COD: 015.03/ MM IS I 01 SOSTITUZIONE DEL MOTORE COMPLETO SU ARGANI MF48 MF58 MF82 MF94 Prima di eseguire qualsiasi tipo di intervento, disinserire l interruttore generale e mettere il contrappeso in appoggio.

Dettagli

ESERCITAZIONI DI DISEGNO TECNICO

ESERCITAZIONI DI DISEGNO TECNICO Ing. Maurizio Bassani - ESERCITAZIONI DI DISEGNO TECNICO ESERCITAZIONE N 1 Data la figura 1 sotto riportata, l'allievo, allo scopo di interpretare materialmente i ribaltamenti necessari, nei piani a 90

Dettagli

GIUNTI DI PRECISIONE MARZORATI. drive your motion GIUNTI AD ELASTOMERO: LKE - KE2 - HKE GIUNTI A SOFFIETTO: KB2 - HKB - LKB ALLUNGHE: AZ - EAZ - ZE2

GIUNTI DI PRECISIONE MARZORATI. drive your motion GIUNTI AD ELASTOMERO: LKE - KE2 - HKE GIUNTI A SOFFIETTO: KB2 - HKB - LKB ALLUNGHE: AZ - EAZ - ZE2 drive your motion GIUNTI DI PRECISIONE MARZORATI GIUNTI AD ELASTOMERO: LKE - KE2 - HKE GIUNTI A SOFFIETTO: KB2 - HKB - LKB ALLUNGHE: AZ - EAZ - ZE2 IT La Nostra Gamma GIUNTI AD ELASTOMERO LKE Da 0.5 a

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO INNESTI E FRIZIONI

ITIS OTHOCA ORISTANO INNESTI E FRIZIONI ITIS OTHOCA ORISTANO INNESTI E FRIZIONI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Gli innesti Si definisce INNESTO un organo meccanico capace di rendere solidali due estremità di albero coassiali, in modo da permettere

Dettagli

GEAREX. GEAREX Giunti a denti in acciaio NEW

GEAREX. GEAREX Giunti a denti in acciaio NEW NEW 99 Indice 99 Descrizione tecnica 101 Selezione del giunto 102 Tipo FA, FB e FAB 103 Tipo DA, DB e DAB 104 Disallineamenti 105 Dimensioni campane 106 100 Descrizione tecnica I giunti rispondono agli

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I giunti Si definisce giunto un dispositivo capace di rendere solidali tra loro due estremità d'albero in modo tale che l'uno possa trasmettere

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 2 Principi di disegno tecnico: Ruolo della normativa Assonometrie Proiezioni Il Disegno Tecnico

Dettagli

Smontaggio. 4 Ruotare verso destra la boccola (4) in direzione dell indicazione «OFF». La boccola (4) ha filetto sinistrorso.

Smontaggio. 4 Ruotare verso destra la boccola (4) in direzione dell indicazione «OFF». La boccola (4) ha filetto sinistrorso. 0 0 Utensili particolari Boccola con filetto interno 0 necessari Chiave per dado 0 Chiave esagonale da /" 000 Dischi d estrazione 0 Importante! Prima di iniziare una qualunque operazione di manutenzione,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

I CUSCINETTI VOLVENTI

I CUSCINETTI VOLVENTI I CUSCINETTI VOLVENTI COSA SONO? Organi meccanici interposti tra albero e struttura rigida con lo scopo di: favorire la rotazione regolare dell albero ridurre al minimo l attrito sopportare le forze trasmesse

Dettagli

Minicorso Regole di Disegno Meccanico

Minicorso Regole di Disegno Meccanico Parte 1 Minicorso Regole di Disegno Meccanico di Andrea Saviano Tipi, spessori e applicazione delle linee Norme di rappresentazione dei disegni meccanici Il disegno del complessivo di montaggio della macchina

Dettagli

TRASMISSIONE. Prof. Paolo Biondi Dip. GEMINI

TRASMISSIONE. Prof. Paolo Biondi Dip. GEMINI TRASMISSIONE Prof. Paolo Biondi Dip. GEMINI Trasmissione Per trasmissione si intende l'insieme degli organi che trasmettono la potenza del motore ai punti di utilizzazione, in particolare per gli autoveicoli

Dettagli

Corso di DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE (Dott. Ing. Alfredo Liverani) REGOLAMENTO DEL CORSO E DELL'ESAME

Corso di DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE (Dott. Ing. Alfredo Liverani) REGOLAMENTO DEL CORSO E DELL'ESAME Corso di DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE (Dott. Ing. Alfredo Liverani) REGOLAMENTO DEL CORSO E DELL'ESAME 1. Possono venire assegnati anche esercizi grafici che l'allievo è tenuto a svolgere a domicilio. 2.

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Esercizi aggiuntivi capitolo 13

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l angolo di pressione è di 20. Realizzare

Dettagli

Anno accademico

Anno accademico Universita degli Studi di Firenze Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali CORSO DI: DISEGNO MECCANICO (FI) CORSO DI: DISEGNO TECNICO IND.LE (PO) Docenti: Anno accademico 2005-2006 Modulo 6:

Dettagli

Istruzioni per il montaggio (supporto a due assi con servomotore oscillazione/rotazione)

Istruzioni per il montaggio (supporto a due assi con servomotore oscillazione/rotazione) Istruzioni per il montaggio (supporto a due assi con servomotore oscillazione/rotazione) In combinazione con il sensore visivo Pixy, questo supporto per oscillazione/rotazione (pan/tilt) crea una divertente

Dettagli

a norma DIN 319 estesa in resina termoplastica

a norma DIN 319 estesa in resina termoplastica 06247 IMPUGNATURE A SFERA a norma IN 319 estesa in resina termoplastica Forma C con Form filetto stampato with plastic thread Forma E con Form inserto filettato with threaded bush Materiale, Resina termoplastica

Dettagli

ALP2 ALP2 COME ORDINARE / TIPO ROTAZIONE TAGLIA ALBERO* PORTE* GUARNIZIONI* OPZIONI* DRENAGGIO. Guarnizioni / S SINISTRA V... BK1 R** REVERSIBILE BK2

ALP2 ALP2 COME ORDINARE / TIPO ROTAZIONE TAGLIA ALBERO* PORTE* GUARNIZIONI* OPZIONI* DRENAGGIO. Guarnizioni / S SINISTRA V... BK1 R** REVERSIBILE BK2 ALP2 COME ORDINARE / ALP2 TIPO ROTAZIONE TAGLIA ALBERO* PORTE* GUARNIZIONI* OPZIONI* DRENAGGIO * * * * A BK1 BK2 BK4 BK7 DESTRA D S SINISTRA R** REVERSIBILE 6 9 10 12 13 16 20 22 25 30 34 37 40 50 Guarnizioni

Dettagli

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale Seconda prova scritta

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale Seconda prova scritta Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale Seconda prova scritta L'albero conduttore di un piccolo cambio a due velocità deve trasmettere una potenza di 4kW a 78rad/s. Due ruote dentate cilindriche

Dettagli

I riduttori di precisione: principi di funzionamento e criteri di scelta

I riduttori di precisione: principi di funzionamento e criteri di scelta I riduttori di precisione: principi di funzionamento e criteri di scelta Ing. Simone Bassani Team Manager & Engineering WITTENSTEIN SPA Cos è un riduttore meccanico? Il riduttore meccanico è essenzialmente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA MECCANICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA MECCANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA MECCANICA CORSO :DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE PROF. F. CAPUTO ANNO ACCADEMICO 2003/2004 TESINA SULLA MODELLAZIONE AL CAD DI UN MOTORE

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Elementi di Macchine

Università degli Studi della Calabria. Elementi di Macchine Elementi di Macchine Collegamenti smontabili Filettature Bulloneria Chiavette, linguette e profili scanalati I Collegamenti Filettati La stabilità del collegamento è assicurata dall attrito che si sviluppa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Docente: Gianmaria

Dettagli

Componente o organo meccanico di macchina, che trasmette Coppia (Momento torcente, Potenza), col movimento di rotazione.

Componente o organo meccanico di macchina, che trasmette Coppia (Momento torcente, Potenza), col movimento di rotazione. $/%(5,(02==,- 1a Parte - *** Definizione, Elementi caratteristici, Esempi, Punti di forza, Posizionamento, Mozzo, Immagine di ruote, mozzo albero, ruota dentata a modulo, Tipi di collegamento fra albero

Dettagli

Disegno Tecnico Industriale

Disegno Tecnico Industriale Elenco delle esercitazioni da svolgere durante il corso di per Ingegneria Meccanica Di seguito viene riportato l elenco dettagliato delle tavole da portare all esame, condizione necessaria per poter svolgere

Dettagli

LE LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LE LAVORAZIONI INDUSTRIALI LE LAVORAZIONI INDUSTRIALI Tornitura Foratura Fresatura Rettifica Altre lavorazioni 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo

Dettagli

FILETTATURE. Prof. Davide Russo

FILETTATURE. Prof. Davide Russo FILETTATURE Prof. Davide Russo NELLA LEZIONE PRECEDENTE Tolleranze dimensionali Rugosità Tolleranze geometriche 2 ... IN QUESTA LEZIONE Filettature Concetti generali Elementi di una filettatura Tipi di

Dettagli

Anno accademico 2005-06

Anno accademico 2005-06 Universita degli Studi di Firenze Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali CORSO DI: DISEGNO MECCANICO (FI) CORSO DI: DISEGNO TECNICO IND.LE (PO) Docenti: Anno accademico 2005-06 Modulo 6: Elementi

Dettagli

GIUNTI A SOFFIETTO CARATTERISTICHE

GIUNTI A SOFFIETTO CARATTERISTICHE CgrRW.pdf Edizione 06-00 CARATTERISTICHE L esclusivo anello smorzatore minimizza le vibrazioni ed elimina la possibilità di distacco del mozzo dal soffietto Alta rigidità torsionale Soffietto in acciaio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

MESSA IN TAVOLA. Le tavole descrittive di una parte o di un assemblato, quindi, sono associate al modello solido:

MESSA IN TAVOLA. Le tavole descrittive di una parte o di un assemblato, quindi, sono associate al modello solido: MESSA IN TAVOLA L ambiente CAD per la messa in tavola realizza i disegni tecnici del componente (ovvero le viste in proiezione, le sezioni, i dettagli, ) a partire dalla lettura del file del modello solido.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

-7b - FRESATURA FRESATURA

-7b - FRESATURA FRESATURA -7b - FRESATURA 1 FRESATURA La fresatura è una lavorazione per asportazione di materiale che consente di ottenere una vasta gamma di superfici (piani, scanalature, spallamenti, ecc.) mediante l azione

Dettagli

R Raccomandazioni montaggio/smontaggio

R Raccomandazioni montaggio/smontaggio RUOTA R157.32 Raccomandazioni montaggio/smontaggio AUDI : SEAT : SKODA : VOLKSWAGEN : A1, A1FL, A2, S1 Cordoba IV, Ibiza(III, IV, IV FL), Toledo Fabia (FL,II, II FL, III), Roomster (FL), Rapid Polo (VII,

Dettagli

RUOTE DENTATE. A.Riccadonna

RUOTE DENTATE. A.Riccadonna RUOTE DENTATE Le ruote dentate permettono la trasmissione del moto circolare continuo tra due alberi a breve distanza. Sono dotate di una serie di denti lungo la circonferenza I denti ad evolvente di circonferenza

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

Istruzioni di montaggio Audi R18 e-tron 4WD

Istruzioni di montaggio Audi R18 e-tron 4WD Istruzioni di montaggio Audi R18 e-tron 4WD 17/06/15 1.01 it FAQ #19 - e-tron assembly 4WD Assieme ruota: anteriore destra RUOTA ANTERIORE DESTRA 1) Inserire il cuscinetto nella sede del cerchio in plastica

Dettagli

Esempi di meccanismi e componenti meccanici

Esempi di meccanismi e componenti meccanici Esempi di meccanismi e componenti meccanici Cuscinetti Figura 1 - cuscinetto di strisciamento In questo tipo di cuscinetto il flusso di olio lubrificante è garantito dalla presenza dell anello centrale

Dettagli

Rappresentazione degli elementi filettati

Rappresentazione degli elementi filettati FILETTATURE Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Filettature Concetti generali Elementi di una filettatura Tipi di filettature Rappresentazione degli elementi filettati 1 CONCETTI GENERALI (1/4) Collegamenti

Dettagli

Filettature. Nella lezione precedente. Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Filettature. Nella lezione precedente. Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE Filettature Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale 1 Nella lezione precedente Tolleranze

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Ruote dentate

Università degli Studi della Calabria. Ruote dentate Trasmissione di moto rotatorio mediante ruote di frizione (ad assi paralleli od anche sghembi) Accoppiamento ruota/dentiera Coppia di ruote dentate fra loro ingrananti: la distanza fra i denti lungo la

Dettagli

SPAZZANEVE A DUE STADI SN7067MS

SPAZZANEVE A DUE STADI SN7067MS SPAZZANEVE A DUE STADI SN7067MS Versione 1.00 del Dicembre 2013 Rif. Codice Descrizione Q.tà 1 Dado autobloccante flangiato M8 8 2 KC55-10 Testina snodata 1 3 Dado M8x1 1 4 KC26-04 Asta delle marcie 1

Dettagli

per piani da mm, zama Finitura per piani per piani per piani per piani Conf. da 12 mm da 15 mm da 16 mm da 18 mm

per piani da mm, zama Finitura per piani per piani per piani per piani Conf. da 12 mm da 15 mm da 16 mm da 18 mm Giunzione eccentrica Rastex con ausilio di serraggio con o senza bordo di copertura Tutte le versioni Rastex sono dotate di un ausilio di serraggio. Si possono pertanto fissare anche i fianchi a una distanza

Dettagli

I riduttori di precisione: principi di funzionamento e criteri di scelta

I riduttori di precisione: principi di funzionamento e criteri di scelta I riduttori di precisione: principi di funzionamento e criteri di scelta Università di Udine Ing. Emanuele Radice Area Manager & Engineering emanuele.radice@wittenstein.it WITTENSTEIN SPA Cos è un riduttore

Dettagli

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.)

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

Guida alla fresatura 1/8

Guida alla fresatura 1/8 LAVORAZIONE CON FRESE A DISCO Guida alla fresatura 1/8 SCELTA DEL TIPO DI FRESA Troncatura ad esecuzione di cave. Larghezza della fresa: Standard: 5, 6, 8 e 10 mm Speciale: 5,0 12,4 mm Questo tipo di fresa

Dettagli