Abaco tipologico SCHEDA A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abaco tipologico SCHEDA A"

Transcript

1 COMUNE DI MUGGI Provincia di Trieste LLEGTO L REGOLMENTO PER L'OCCUPZIONE TEMPORNE DI SPZI PUBBLICI E PRIVTI CON OPERE MINORI, ELEMENTI DI RREDO URBNO, STRUTTURE ED TTREZZTURE TEMPORNEE, STGIONLI E MOBILI. baco tipologico SCHED rea 1 (Centri storici di Muggia e di S.Barbara)

2 2 Sommario FFISSI, STRISCIONI, MNIFESTI, LOCNDINE (rif. rt.2.2 del Regolamento)...3 PNCHINE, FIORIERE, CESTINI PORT RIFIUTI, FONTNELLE, BCHECHE, TRNSENNE PEDONLI, PENSILINE, DISSUSORI LL SOST, PORTBICICLETTE E SIMILI, TELECMERE DI SORVEGLINZ (rif. rt.2.1 del Regolamento)...4 Panchine...4 Fioriere...6 Cestini porta rifiuti...8 Fontanelle...9 Espositori/Bacheche Transenne parapedonali Pensiline Dissuasori alla sosta Porta biciclette Telecamere di sorveglianza Parcometri STRUTTURE ED TTREZZTURE TEMPORNEE, STGIONLI E MOBILI (rif. rt.2.4 del Regolamento) Gazebi TVOLI, SEDIE, POLTRONCINE (NCHE PIÙ POSTI), PEDNE, OMBRELLONI. PNNELLI DI DELIMITIONE (rif. rt.2.5 del Regolamento) Tavoli, sedie poltroncine Pedane Ombrelloni/tende Pannelli di delimitazione... 26

3 3 FFISSI, STRISCIONI, MNIFESTI, LOCNDINE (rif. rt.2.2 del Regolamento) L installazione temporanea di affissi, striscioni, manifesti e locandine deve essere eseguita nel rispetto delle seguenti indicazioni: a) Gli affissi, gli striscioni ed i manifesti dovranno essere in materiali atti a resistere alle sollecitazioni derivanti da avversità atmosferiche in modo da non arrecare danno o pericolo per il transito pedonale, ciclabile e viario ed in ogni caso a soggetti terzi; b) L applicazione di manifesti murali o locandine dovrà essere effettuata negli spazi già destinati a tale scopo; potranno essere previsti elementi mobili indipendenti di supporto alle applicazioni previste che dovranno possedere caratteristiche costruttive in modo da resistere alle sollecitazioni derivanti da avversità atmosferiche al fine di non arrecare danno o pericolo per il transito pedonale, ciclabile e viario ed in ogni caso a soggetti terzi; tali elementi dovranno essere rimossi entro 2 giorni dalla data dell evento; c) I soggetti proponenti l installazione o l applicazione degli elementi disciplinati dal presente articolo dovranno essere in possesso di adeguate certificazioni ed attestazioni in modo da garantire il rispetto delle disposizioni indicate in precedenza d) Sono vietati striscioni e manifesti recanti messaggi che possano offendere l immagine della città e delle caratteristiche dei luoghi tutelati e degli edifici di culto; in caso di accertamento del non rispetto delle condizioni prescritte dal presente regolamento le affissioni in contrasto con le seguenti norme verranno rimosse dal Comune e le spese addebitate al soggetto esecutore o titolare della proposta pubblicitaria e) Le colorazioni degli striscioni, ad eccezione del bianco sempre ammesso, dovranno essere con tonalità che si inseriscano nella zona di installazione, tenuto conto delle tinte presenti sugli edifici; in prossimità della viabilità esistente dovranno essere evitate colorazioni forti nel rispetto del codice della strada (art. 23) previo ottenimento dei nulla osta da parte delle mministrazioni competenti

4 4 PNCHINE, FIORIERE, CESTINI PORT RIFIUTI, FONTNELLE, BCHECHE, TRNSENNE PEDONLI, PENSILINE, DISSUSORI LL SOST, PORTBICICLETTE E SIMILI, TELECMERE DI SORVEGLINZ (rif. rt.2.1 del Regolamento) L installazione temporanea di panchine, fioriere, cestini porta rifiuti, fontanelle, bacheche, transenne pedonali, pensiline, dissuasori alla sosta, portabiciclette e simili, deve essere eseguita nel rispetto delle seguenti indicazioni: a) Le installazioni dovranno essere realizzate utilizzando materiali atti a garantire nel tempo un basso costo di manutenzione, le stesse dovranno resistere alle sollecitazioni derivanti dall utilizzo pubblico e dalle avversità atmosferiche; a garanzia di tali condizioni dovranno essere dimostrati mediante adeguate certificazioni ed attestazioni i requisiti di idoneità dei prodotti; i manufatti non dovranno presentare spigoli vivi, parti taglienti, strutture poco visibili o mal posizionate ecc., tali da costituire fonte di pericolo con particolare attenzione all incolumità dei bambini e dei diversamente abili e, come tutti i luoghi aperti al pubblico, dovranno rispettare le norme sull abbattimento delle barriere architettoniche. b) Le infissioni al suolo non dovranno arrecare danno alle pavimentazioni lapidee esistenti e dovranno garantire stabilità per l utilizzo nel tempo di ogni singolo elemento; le colorazioni previste, in caso di manutenzione dovranno essere mantenute le colorazioni adottate dal presente regolamento c) La scelta dei materiali dovrà essere effettuata sulla base delle tipologie previste dalla documentazione fotografica di seguito indicata: Panchine 1 Panchina composta da spalle in ghisa sabbiata e verniciata antracite e listoni di pino pretrattato e verniciato tinto mogano.

5 5 B Panchina composta da struttura in ghisa sabbiata e verniciata e listoni di pino pretrattato e verniciato tinto mogano. C Panchina composta da struttura in ghisa sabbiata e verniciata e listoni di pino pretrattato e verniciato tinto mogano.

6 6 Fioriere 2 Fioriera in lamiera d acciaio zincato sabbiata e verniciata a polveri in poliestere.. B Fioriera di forma quadrangolare in lamiera d acciaio corten. C Fioriera in ghisa sabbiata e verniciata di diametro variabile da cm. 90 fino a 130

7 7 D Fioriera in lamiera d acciaio zincato sabbiata e verniciata a polveri in poliestere con seduta rivestita in legno colorato.

8 8 Cestini porta rifiuti 3 Cestino a sezione circolare in lamiera d acciaio zincato e verniciato a polveri di polietilene B Cestino a sezione circolare in lamiera d acciaio zincato e verniciato a polveri di polietilene

9 9 Fontanelle 4 Fontana in fusione di ghisa sabbiata e verniciata color verde o grigio scuro

10 10 Espositori/Bacheche 5 espositore di forma ogivale in struttura metallica preverniciata e pannello in policarbonato. BIFCCILE e illuminabile B Espositore con supporti e struttura in metallo verniciato, ante con vetro antisfondamento C Bacheca murale di forma rettangolare in struttura metallica preverniciata color nero, telaio esterno con vetro con chiusura e tettuccio di protezione antipioggia

11 11 Transenne parapedonali 6 Transenna in metallo preverniciato colore antracite/grigio B Transenna in metallo con pannello in metallo preverniciato antracite/grigio

12 12 Pensiline 7 Pensilina per il trasporto pubblico locale

13 13 Dissuasori alla sosta 8 Dissuasore verticale in ghisa sabbiata e verniciata antracite/grigio B Dissuasore verticale in ghisa sabbiata e verniciata antracite/grigio

14 14 C dissuasore verticale in metallo pre verniciato elemento singolo o accoppiato con catena antracite/grigio D Dissuasore a forma sferica in fusione di ghisa antracite/grigio E Dissuasore automatizzato a scomparsa in struttura metallica a sezione circolare in acciaio inox e sistema di segnalazione luminoso

15 15 Porta biciclette 9 Porta biciclette in struttura metallica e spalle in calcestruzzo B Porta biciclette in struttura metallica tubolare a sezione circolare preverniciata

16 16 Telecamere di sorveglianza 10 Colorazione bianca o nera B Colorazione bianca o nera

17 17 Parcometri 11 Tipologia Documentazione fotografica Materiali/colorazio ni

18 18 STRUTTURE ED TTREZZTURE TEMPORNEE, STGIONLI E MOBILI (rif. rt.2.3 e rt.2.4 del Regolamento) Sono strutture ed attrezzature temporanee, stagionali e mobili, i manufatti utilizzati per limitati periodi dell anno per lo svolgimento delle seguenti attività: 1) manifestazioni pubbliche ed eventi concomitanti con eventi di carattere religioso, politico, sociali, culturali, turistico e sportivo; 2) attività commerciali e pubblici esercizi (bar, ristoranti, trattorie, taverne, locande, ecc.), prospettanti su aree pubbliche o di uso pubblico in possesso di concessioni di suolo pubblico; Per le strutture di cui al punto 1), da installare nelle aree del centro storico, o limitrofe si prescrive una altezza massima pari a ml per le parti chiuse e di ml per quelle aperte; la superficie coperta massima ammessa per ogni singola struttura non dovrà superare il limite di mq. 50. Nella in Piazza Marconi ed aree adiacenti laterali, nelle aree pubbliche e private ad uso pubblico del centro storico di S.Barbara, tali strutture non dovranno superare una superficie coperta di mq. 25 e di altezza massima pari a ml per ogni singola struttura. Tali strutture possono essere in struttura portante metallica semplicemente ancorate al suolo; le chiusure laterali e la copertura dovranno essere di tipologia, colorazione e materiale unitario e potranno essere in telo plastico (anche trasparente), in pannelli in legno, in pannelli metallici colorati in modo uniforme; non sono ammesse pareti vetrate di delimitazione esterna. Sono da preferirsi per le coperture di tali manufatti le tipologie a padiglione, a due falde, a botte, orizzontali. Sono ammessi chioschi di pianta quadrata, rettangolare, esagonale ed ottagonale con coperture a padiglione. Strutture per manifestazioni 12 Struttura metallica autoportante priva di opere fondazionali fisse, in tubolare bianco o a sezione quadra e telo in pvc pesante con chiusure laterali trasparenti. copertura a padiglione con telo ignifugo idrorepellente antipioggia color bianco panna

19 19 B Struttura metallica autoportante priva di opere fondazionali fisse, in tubolare bianco o a sezione quadra e telo in pvc pesante con chiusure laterali trasparenti. copertura con telo ignifugo idrorepellente antipioggia color bianco panna

20 20 I manufatti destinati alle attività commerciali di cui al precedente punto 2) devono essere realizzati nel rispetto delle seguenti indicazioni: a) Le installazioni dovranno essere in materiali atti a resistere alle sollecitazioni derivanti da avversità atmosferiche ed in grado di garantire un utilizzo pubblico privo di pericoli a soggetti terzi; b) I soggetti proponenti l installazione o l applicazione degli elementi disciplinati dal presente articolo dovranno essere in possesso di adeguate certificazioni ed attestazioni in modo da garantire il rispetto delle disposizioni indicate in precedenza c) L installazione di tali manufatti in tutta la zona del Centro storico di Muggia deve essere effettuata rispettando le seguenti prescrizioni: 1. Il posizionamento dovrà garantire una distanza di passaggio tra il fronte dell edificio ed il manufatto minima di ml o equivalente (se maggiore) a quella del marciapiede esistente; 2. La superficie planimetrica massima ammessa è di mq L altezza massima del manufatto non potrà superare i 3,50 m. 4. In presenza di pubblici esercizi adiacenti con accessi diretti su un unico fronte dell isolato, nel posizionamento deve essere garantita una equidistanza tra i gazebi lungo il fronte di facciata 5. Non sono ammessi manufatti su strade pubbliche che con la loro installazione non acconsentono il passaggio di mezzi di pronto intervento e di soccorso e che non permettono un adeguato spazio destinato ai pedoni; d) La scelta dei materiali dovrà essere effettuata sulla base della tipologia prevista dalla documentazione fotografica di seguito indicata: Gazebi 13 Struttura metallica autoportante Color antracite/grigio colorata priva di opere fondazionali fisse dotata di pedana, con pareti vetrate trasparenti scorrevoli o a pacchetto; copertura piana con telo ignifugo idrorepellente antipioggia color bianco panna

21 21

22 22 TVOLI, SEDIE, POLTRONCINE (NCHE PIÙ POSTI), PEDNE, OMBRELLONI. PNNELLI DI DELIMITIONE (rif. rt.2.4 e rt.3 e 5 del regolamento) Il posizionamento di tavoli, sedie, poltroncine (anche a più posti), pedane, ombrelloni. pannelli di delimitazione, deve essere eseguita nel rispetto delle seguenti indicazioni: a) Le occupazioni di suolo pubblico dovranno essere effettuate in modo da non occultare alla vista i monumenti, gli elementi architettonici e storici tutelati o riconosciuti di interesse storico; b) La scelta dei materiali dovrà essere effettuata sulla base delle tipologie previste dalla documentazione fotografica di seguito indicata: Tavoli, sedie poltroncine 14 arredi in materiali metallici ( ferro o alluminio) verniciati preferibilmente nei colori RL 7039 grigio quarzo o in alternativa grigio ferro RL 7011,

23 23 B arredi in materiali metallici ( ferro o alluminio) verniciati preferibilmente nei colori RL 7039 grigio quarzo o in alternativa grigio ferro RL 7011, C Poltroncine e tavolini in giunco, rattan o midollino color marrone, testa di moro, naturale D Poltroncine e tavolini in giunco, rattan o midollino color marrone, testa di moro, naturale

24 24 Pedane 15 Pavimentazione flottante in legno, laminato,altezza max cm 18 B Pavimentazione flottante in legno, laminato altezza max cm 18

25 25 Ombrelloni/Tende mobili 16 Le strutture a carattere stagionale e/o continuativo saranno realizzate con copertura di tipo leggero nei seguenti colori: écru o bianco. B colori: écru o bianco Viene ammessa la forma quadrata o rettangolare, disposti singolarmente o in serie. La tipologia consentita è quella caratterizzata da una struttura con palo centrale o laterale, in legno naturale o acciaio verniciato a polveri di colore grafite, e con copertura in telo chiaro in doppio cotone impermeabilizzato, in tinta unita, di colore bianco o écru, privo di messaggi pubblicitari Resta fermo l obbligo, nell ambito di una stessa piazza, di uniformarsi in tutte le tipologie di materiali e forme. Non è consentito l abbassamento del telo di falda o delle eventuali mantovane al di sotto di mt. 2,20 dal piano di calpestio del marciapiede.

26 26 Pannelli di delimitazione 17 Struttura metallica verniciata antracite con vetro temperato o policarbonato B Struttura metallica verniciata antracite con vetro temperato o policarbonato Sono consentiti in legno color naturale o bianco, di larghezza non superiore a cm. 150 e di altezza non superiore a cm. 130; i pannelli, autoportanti, devono preferibilmente essere conformati a griglia o a graticcio sì da risultare esteticamente poco ingombranti; sono consentiti materiali alternativi come il ferro battuto in colore naturale o l acciaio verniciato a polvere di colore grafite, la parte superiore in vetro, plexiglass o policarbonato trasparente. Possono alternarsi a vasi e fioriere lasciando più varchi per il passaggio degli avventori larghi almeno cm In nessun caso è consentita la chiusura dello spazio compreso tra tali pannelli e la copertura del dehors, fatta eccezione per l utilizzo di teli avvolgibili in colore bianco o ecrù dotati di ganci per il fissaggio ai pannelli sottostanti

COMUNE DI MUGGIA Provincia di Trieste ALLEGATO AL

COMUNE DI MUGGIA Provincia di Trieste ALLEGATO AL COMUNE DI MUGGI Provincia di Trieste LLEGTO L REGOLMENTO PER L'OCCUPZIONE TEMPORNE DI SPZI PULICI E PRIVTI CON OPERE MINORI, ELEMENTI DI RREDO URNO, STRUTTURE ED TTREZZTURE TEMPORNEE, STGIONLI E MOILI.

Dettagli

COMUNE DI BARGE. REGOLAMENTO di individuazione delle aree e delle caratteristiche per l installazione di strutture temporanee ad uso dehor

COMUNE DI BARGE. REGOLAMENTO di individuazione delle aree e delle caratteristiche per l installazione di strutture temporanee ad uso dehor REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI BARGE REGOLAMENTO di individuazione delle aree e delle caratteristiche per l installazione di strutture temporanee ad uso dehor Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO L impianto è' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare in estruso di alluminio avente dimensioni di mm. 80x3500x80. Alle estremità i pali sono completati da un tappo di chiusura

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori Linee guida per dissuasori Linee guida per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni Documento di indirizzi per la progettazione di qualità Comune di Genova direzione territorio, sviluppo

Dettagli

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore al Bilancio Claudia Zivieri

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore al Bilancio Claudia Zivieri Comune di Faenza Settore Territorio 2. P I A N O D E L S I S T E M A I N F O R M A T I V O P U B B L I C I T A R I O - A D E G U A M E N T O 2 0 1 2 - Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d Oro al Valore Militare e al Merito Civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d Oro al Valore Militare e al Merito Civile Città della Disfida Medaglia d Oro al Valore Militare e al Merito Civile DISCIPLINA DEGLI AMBITI INDIVIDUATI NEL CENTRO STORICO CONTRADDISTINTI IN AMBITO 1, AMBITO 2, AMBITO 3, AMBITO 4 E PRESCRIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS

REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS COMUNE DI CATTOLICA Assessorato all'urbanistica REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 29/06/2015 1 di 5 REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS Articolo 1) Oggetto del

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO

PIANO PARTICOLAREGGIATO COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO DI PRIMA ED ANTICA FORMAZIONE Allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n del Elaborato Abaco Spazi Pubblici Tavola 16

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

premessa Indirizzi generali

premessa Indirizzi generali INDIRIZZI GENERALI PER LA REGOLAMENTAZIONE DELL ARREDO URBANO NELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO Approvati dalla Giunta Comunale in seduta 11 febbraio 2009 (estratto verbale n. 10973 di protocollo del

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO DI DEHORS CON STRUTTURE PREFABBRICATE

OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO DI DEHORS CON STRUTTURE PREFABBRICATE mod. TribOsap-016 rev. 1 del 03/10 Egregio Signor Sindaco del Comune di Desenzano del Garda SETTORE TRIBUTI Marca da bollo Euro 14,62 OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E REALIZZAZIONE PARCHEGGIO NELL AREA COMPRESA TRA LA VIA TENENTE LI BASSI E LA VIA AUGUSTO ELIA - I LOTTO FUNZIONALE

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E REALIZZAZIONE PARCHEGGIO NELL AREA COMPRESA TRA LA VIA TENENTE LI BASSI E LA VIA AUGUSTO ELIA - I LOTTO FUNZIONALE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E REALIZZAZIONE PARCHEGGIO NELL AREA COMPRESA TRA LA VIA TENENTE LI BASSI E LA VIA AUGUSTO ELIA - I LOTTO FUNZIONALE PROGETTO PER LA FORNITURA E LA COLLOCAZIONE DI ARREDO

Dettagli

Linea Classica - Dissuasori

Linea Classica - Dissuasori BELLITALIA COLLECTION DISSUASORI Linea Ghisa Linea Pietre preziose Linea Metaldesign Linea Classica Linea Classica - Dissuasori mm 515 mm 406 mm 255 DISSUASORE BASSO con sommità arrotondata e disponibile

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

Cod. 001 A DUE PEZZI PER. 70 x 70 + telaio. Cod. 002 CHIUSINI STRADALI IN GHISA A DUE PEZZI CON INTERNO ROTONDO PER TRAFFICO MEDIO E PESANTE. Cod.

Cod. 001 A DUE PEZZI PER. 70 x 70 + telaio. Cod. 002 CHIUSINI STRADALI IN GHISA A DUE PEZZI CON INTERNO ROTONDO PER TRAFFICO MEDIO E PESANTE. Cod. CADITOIA IN GHISA A DUE PEZZI PIANE E CURVE TRAFFICO MEDIO E PESANTE DIMENSIONI DA cm: 30 x 30 + telaio 40 x 40 + telaio 50 x 50 + telaio 60 x 60 + telaio Cod. 001 CHIUSINI STRADALI IN GHISA A DUE PEZZI

Dettagli

DIMENSIONI: 350 x 800 x 2250 H mm 488 x 1250 x 4300 H mm 600 x 1650 x 6300 H mm PENSILINE

DIMENSIONI: 350 x 800 x 2250 H mm 488 x 1250 x 4300 H mm 600 x 1650 x 6300 H mm PENSILINE PENSILINE ACCESSORI 182 TIMPANO PENSILINA DESCRIZIONE DIMENSIONI 3 MODULI 4 MODULI Policarbonato alveolare trasparente con telaio in alluminio Policarbonato alveolare trasparente con telaio in alluminio

Dettagli

ZCD ZONA per CONCESSIONI DEMANIALI ad uso turistico-ricreativo SOTTOZONA NUOVE CONCESSIONI DEMANIALI

ZCD ZONA per CONCESSIONI DEMANIALI ad uso turistico-ricreativo SOTTOZONA NUOVE CONCESSIONI DEMANIALI ZCD ZONA per CONCESSIONI DEMANIALI ad uso turistico-ricreativo (Articolo 3, Comma 2, lettera b delle N.T.A.) SOTTOZONA NUOVE CONCESSIONI DEMANIALI Nella zona demaniale marittima comunale compresa tra il

Dettagli

IMPIANTO BACHECA COD BAC 001

IMPIANTO BACHECA COD BAC 001 Impianto disponibile in misure 100x140 e 70x100. Grande eleganza e gestibile autonomamente dal cliente a cui viene fornita apposita chiave per apertura anta. BACHECA COD BAC 001 Pali tubolari in profilato

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CON SPAZIO ACCESSORIO

LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CON SPAZIO ACCESSORIO LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CON SPAZIO ACCESSORIO A CURA DEL SETTORE QUALITA URBANA LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI Relazione tecnica Oggetto: Progetto per la costruzione di una cabina Enel di trasformazione a 15KV/400V in elementi prefabbricati da realizzarsi nel terreno sito

Dettagli

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri Comune di Faenza Settore Territorio P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I E D E G L I I M P I A N T I P E R L E P U B B L I C H E A F F I S S I O N I. - A D E G U

Dettagli

DIMENSIONI E MISURE AMMESSE

DIMENSIONI E MISURE AMMESSE TABELLA n 1, RIEPILOGATIVA DELLE DISPOSIZIONI PER L DI INSEGNE (art. 4 A) INSEGNE MONOFACCIALI Compresi: Cassonetti luminosi, pannelli opachi, illuminati e non, tubi fluorescenti, insegne a messaggio i

Dettagli

COMUNE DI CAVAION VERONESE

COMUNE DI CAVAION VERONESE REGOLAMENTO E CRITERI TECNICI PER L INSTALLAZIONE DEGLI ELEMENTI DI ARREDO A DEFINIZIONE DEI PLATEATICI ANNESSI AI LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato con deliberazione

Dettagli

R E G O L A M E N T O P U B B L I C I T A R I O E P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I

R E G O L A M E N T O P U B B L I C I T A R I O E P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I R E G O L A M E N T O P U B B L I C I T A R I O E P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I Approvato con delibera di C.C. n 46 del 24/11/2014 INDICE TITOLO I GLI IMPIANTI

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA PROVINCIA DI TORINO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Progetto Strade più belle e sicure Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA Descrizione e caratteristiche

Dettagli

n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni

n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni, di arredo artigianale su misura composto - Panca in lamiera nera 10/10, con struttura in ferro a sezione

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

GIOTTO. Arredo Urbano

GIOTTO. Arredo Urbano GIOTTO Arredo Urbano GIOTTO Il progetto dello sviluppo di una linea di prodotti di arredo urbano GIOTTO segue l esigenza di offrire al comune un servizio completo di prodotti che possono creare uno stile

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE Art. 1. CONTENUTI E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Nell ambito della riqualificazione del centro di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ARREDO ESTERNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI DEL CENTRO STORICO DI CORTONA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ARREDO ESTERNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI DEL CENTRO STORICO DI CORTONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ARREDO ESTERNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI DEL CENTRO STORICO DI CORTONA Articolo 1 - NORME DI ARREDO 1. Il presente Regolamento disciplina le occupazioni di suolo

Dettagli

New Dedalo parete divisoria

New Dedalo parete divisoria New Dedalo parete divisoria Modulo standard cieco L 100 P 10 da 104 al mq. (esclusa posa) PRONTA CONSEGNA Finiture arredi e pareti CARATTERISTICHE TECNICHE Struttura portante La struttura interna della

Dettagli

Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo. Proposta Progettuale Marzo 2007

Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo. Proposta Progettuale Marzo 2007 M OVIL INEA Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo Proposta Progettuale Marzo 2007 Vista in Pianta 4040 1989 Ca r ter Anterior e predisposto per Kit illumin a zione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DEL CENTRO STORICO PER RISTORO ALL APERTO (DEHORS)

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DEL CENTRO STORICO PER RISTORO ALL APERTO (DEHORS) REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DEL CENTRO STORICO PER RISTORO ALL APERTO (DEHORS) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 11/03/2014 Si attesta che il presente

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER L UTENZA PORTUALE

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER L UTENZA PORTUALE AUTORITA PORTUALE DI MESSINA Sistema Portuale di Messina e Milazzo DISCIPLINARE TECNICO LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER L UTENZA PORTUALE Il Redattore Ing. Domenico F. Ciricosta

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

su COPERTURE, ARREDAMENTO e ACCESSORI per esterni

su COPERTURE, ARREDAMENTO e ACCESSORI per esterni Open Space su COPERTURE, ARREDAMENTO e ACCESSORI per esterni Open Space mod. Narciso by Corradi composto da: > tavolo con struttura in acciaio inox e vetro in cristallo temperato bianco. Misura 160 x 90

Dettagli

C I T T A' D I T E R R A C I N A

C I T T A' D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a REGOLAMENTO DISCIPLINA SUL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER L OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO DA PARTE DEGLI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO DI CUI ALL'ART. 3 DEL REGOLAMENTO PER L'OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO MEDIANTE L'ALLESTIMENTO DI DEHORS TEMPORANEI SOMMARIO

ALLEGATO TECNICO DI CUI ALL'ART. 3 DEL REGOLAMENTO PER L'OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO MEDIANTE L'ALLESTIMENTO DI DEHORS TEMPORANEI SOMMARIO ALLEGATO TECNICO DI CUI ALL'ART. 3 DEL REGOLAMENTO PER L'OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO MEDIANTE L'ALLESTIMENTO DI DEHORS TEMPORANEI SOMMARIO Articolo 1 - Criteri di realizzazione. Articolo 2 - Tipologie

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE COMUNE DI ABBADIA SAN SALVATORE Provincia di Siena ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

CATALOGO ACCESSORI PER TAPPARELLE N 19A

CATALOGO ACCESSORI PER TAPPARELLE N 19A CATALOGO ACCESSORI PER TAPPARELLE N 9A Un nuovo programma di accessori per tapparelle, per rispondere alle richieste della nostra clientela SCHEMA DI MONTAGGIO CINGHIA 9 3 9 4 6 7 8 ) Supporto a murare

Dettagli

Regolamento per l arredo urbano del Centro Storico

Regolamento per l arredo urbano del Centro Storico Allegato sub B) alla delibera di C.C. n. del 22/12/2009 COMUNE DI MAROSTICA VIA TEMPESTA, 17-36063 MAROSTICA (VICENZA) Codice Fiscale 82000830248 Sito internet: www.comune.marostica.vi.it e-mail: tributi.comune@infomarostica.it

Dettagli

COSA FACCIAMO: CARPENTERIA METALLICA STRUTTURE METALLICHE PORTANTI

COSA FACCIAMO: CARPENTERIA METALLICA STRUTTURE METALLICHE PORTANTI COSA FACCIAMO: CARPENTERIA METALLICA STRUTTURE METALLICHE PORTANTI SCALE di asservimento ad uso residenziale ed industriale, tipo da esterno ed interno, di uscita sicurezza, raccordo piani di fabbricati

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI. Allegato B IN ESECUZIONE DELLA DETERMINAZIONE N. 243 DEL 20.12.2007 COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO

AREA AFFARI GENERALI. Allegato B IN ESECUZIONE DELLA DETERMINAZIONE N. 243 DEL 20.12.2007 COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO AREA AFFARI GENERALI IN ESECUZIONE DELLA DETERMINAZIONE N. 243 DEL 20.12.2007 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO E DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA, L INSTALLAZIONE,

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SPIAGGIA ADEGUAMENTO AL PIR

PIANO COMUNALE DI SPIAGGIA ADEGUAMENTO AL PIR INDICE 1 Materiali da utilizzare 2 Dimensioni e particolari cabine spogliatoio 3 Dimensioni locale pronto soccorso 4 Servizi igienici 5 Caratteristiche dei locali destinati al servizio di ristoro 6 Materiali

Dettagli

Stendardo in alluminio 140x200

Stendardo in alluminio 140x200 3000 Stendardo in alluminio 140x200 MATRICE 0.2 1.8 150 1400 1660 E' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare con spigolo arrotondato in estruso di alluminio lega 6060 avente

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

SCHEDE TECNICHE ALLEGATO A

SCHEDE TECNICHE ALLEGATO A SCHEDE TECNICHE ALLEGATO A SCHEDA N 1 - Insegne a bandiera: Bandiera Orizzontale: TABELLA 1 L (cm.) h (cm.) Materiali vietati Modalità di illuminazione 60 40 materiali riflettenti, i laminati metallici

Dettagli

Allegato al Regolamento Edilizio ABACO degli Elementi Architettonici di riferimento

Allegato al Regolamento Edilizio ABACO degli Elementi Architettonici di riferimento Allegato al Regolamento Edilizio ABACO degli Elementi Architettonici di riferimento INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. DISPOSIZIONI PER AMBITI RESIDENZIALI...4 I. VETRINE...4 II. ELEMENTI PUBBLICITARI...4 III.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

sistema modulare di recinzioni per esterno

sistema modulare di recinzioni per esterno EASY sistema modulare di recinzioni per esterno Gridiron S.p.A. è un azienda moderna e dinamica specializzata nella produzione di grigliati tecnici, canali grigliati, recinzioni, chiusini e altro ancora.

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

6^ SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE E SUAP

6^ SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE E SUAP CITTA' DI ORIA Provincia di Brindisi 6^ SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE E SUAP Sportello Unico Attività Produttive Polizia Amministrativa Pubblica Sicurezza Commercio Annona Agricoltura Industria Artigianato

Dettagli

Comune di Casalmorano

Comune di Casalmorano Comune di Casalmorano Provincia di Cremona 26020 CASALMORANO (CR) Via Roma, 13 Tel.0374/374080 Fax.0374/374037 Cod. Fisc. 00314350190 Email: commune.casalmorano@pec.regione.lombardia.it CAPPELLA CIMITERIALE

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE SOMMARIO 1 1.1 1.2 1.3 1.4 MARCHIO Costruzione tecnica Esempi di leggibilità e riduzione Versione a colori Versione in bianco e nero pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 5 2 2.1.1.2.3.4.5.6 2.3 2.3.1 2.3.2 2.4 2.4.1

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI

Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI pag. 5 Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate ARTICOLI PER LA MOBILITÀ URBANA pag. 36 Portabici - Fioriere - Panchine

Dettagli

ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10.

ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10. ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10. P.ZZA XX SETTEMBRE: Proiezione di immagini natalizie, da concordare preventivamente con l Amm.ne

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA

COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA Per costruzioni accessorie a servizio della residenza si intendono quei manufatti pertinenziali che, per caratteristiche tecniche e dimensionali, sono destinate a

Dettagli

LIBER PORTONE A LIBRO SENZA GUIDA INFERIORE

LIBER PORTONE A LIBRO SENZA GUIDA INFERIORE LIBER PORTONE A LIBRO SENZA GUIDA INFERIORE a libro scorrevoli Porte a battente a impacco verticale sezionali Porte ad impacco rapido Porte ad avvolgimento rapido Chiusure tagliafuoco Logistica IL COSTRUTTORE

Dettagli

1 Premessa. 2 Accessi e percorsi facilitati, sistemazioni ambientali. pag. 1

1 Premessa. 2 Accessi e percorsi facilitati, sistemazioni ambientali. pag. 1 Linee Guida per la progettazione delle attrezzature funzionali all uso turistico balneare della spiaggia del Poetto nella stagione estiva 2012, nelle more della redazione e approvazione del PUL, in applicazione

Dettagli

Comune di Civitavecchia Provincia di Roma

Comune di Civitavecchia Provincia di Roma Comune di Civitavecchia Provincia di Roma Ufficio Viabilità ELENCO DEI PREZZI UNITARI Nei prezzi sottoindicati sono compresi tutti gli oneri necessari per avere la fornitura e/o la fornitura e posa in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI Approvato con deliberazione CC n. 25 del 19.04.2000 Modificato con deliberazione CC n. 20 del 5/04/2001 Modificato con deliberazione CC n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI DEHORS STAGIONALI E CONTINUATIVI ALLEGATO TECNICO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI DEHORS STAGIONALI E CONTINUATIVI ALLEGATO TECNICO CITTA DI BORDIGHERA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI DEHORS STAGIONALI E CONTINUATIVI 3 ALLEGATO TECNICO INDICAZIONI TECNICO AMBIENTALI RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEHORS Bordighera, 06 giugno 2008

Dettagli

COMUNE DI TORTORA (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI TORTORA (Provincia di Cosenza) ALLEGATO A COMUNE DI TORTORA (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL OCCUPAZIONE TEMPORANEA DI SUOLO PUBBLICO PER SPAZI DI RISTORO ALL APERTO ANNESSI A LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

SCHEDA TECNICA ARREDI

SCHEDA TECNICA ARREDI Allegato A SCHEDA TECNICA ARREDI ARREDO PREZZO UNITARIO OFFERTO A CONTENITORE - ARMADIO PREZZO OFFERTO ARMADIO simile tipo ditta Valentina serie Kim dimensioni circa cm 180x45x206,5 (composto da n. 2 moduli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DEHORS E PADIGLIONI DELLA CITTA DI CUNEO

REGOLAMENTO DEI DEHORS E PADIGLIONI DELLA CITTA DI CUNEO REGOLAMENTO DEI DEHORS E PADIGLIONI DELLA CITTA DI CUNEO approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.1 del 26 gennaio 2015 REGOLAMENTO DEHORS E PADIGLIONI INDICE TITOLO I DISCIPLINA PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Descrizione tecnica pareti divisorie ed attrezzate di ns. produzione

Descrizione tecnica pareti divisorie ed attrezzate di ns. produzione Descrizione tecnica pareti divisorie ed attrezzate di ns. produzione Modulart Steel 2000, parete divisoria mobile attrezzabile a doppio pannello in acciaio zincato plastificato, irrigidito con lastre di

Dettagli

montascale e scale mobili. un'assistenza costante e qualificata.

montascale e scale mobili. un'assistenza costante e qualificata. La Brognoli Ascensori è un azienda specializzata in progettazione,vendita, montaggio, manutenzione, riparazione ed ammodernamento di ascensori, montacarichi, piattaforme elevatrici, montascale e scale

Dettagli

OPERE IN FORNITURA DIRETTA

OPERE IN FORNITURA DIRETTA PARCO "EX VIVAIO VANZETTI" - ORBASSANO (TO) Pagina 1 R I P O R T O OPERE IN FORNITURA DIRETTA EX VIVAIO DI STR. VOLVERA (OS 24) (SpCat 1) Verde e arredo urbano (Cat 1) Arredo Urbano Forniture (SbCat 23)

Dettagli

Indice. Casellari postali per esterno. Casellari postali per interno. Impianti inseriti a recinzione 2-3. Impianti appesi a muro 4-5

Indice. Casellari postali per esterno. Casellari postali per interno. Impianti inseriti a recinzione 2-3. Impianti appesi a muro 4-5 C a s e l l a r i P o s t a l i Indice Casellari postali per esterno Impianti inseriti a recinzione 2-3 Impianti appesi a muro 4-5 Impianti autoportanti 6-7 Impianti da incasso e semincasso a muro 8-9

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

CATALOGO PORTE BASCULANTI

CATALOGO PORTE BASCULANTI CATALOGO PORTE BASCULANTI in legno LINEA PANTOGRAFATA Modello con telaio in ferro e pannelli da mm 15 Porta basculante con telaio perimetrale in ferro zincato: rivestimento del battente in multistrato

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino

COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino Indirizzo: Piazza del Popolo, 1-83040 Montemarano (AV) telefono: 0827/63012 U.T.C. 0827/63204 fax: 0827/63252 e-mail: utc.montemarano@virgilio.it P.I. 00286500640

Dettagli

Espositori in metallo

Espositori in metallo Espositori in metallo Adatti per l utilizzo in interno e soprattutto in esterno. Una gamma completa di prodotti in acciaio zincato che garantisce inalterabilità estetica e durata praticamente eterni. La

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari

Comune di Villasor Provincia di Cagliari Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 9 aprile 2015 PIANO GENERALE DI ATTUAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) PER LA DISCIPLINA DELL ARREDO URBANO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DEL CENTRO STORICO DI FIUMICINO

REGOLAMENTO COMUNE DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) PER LA DISCIPLINA DELL ARREDO URBANO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DEL CENTRO STORICO DI FIUMICINO COMUNE DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARREDO URBANO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DEL CENTRO STORICO DI FIUMICINO Approvato con deliberazione consiliare n. 43 del 5 aprile

Dettagli

CONCORRENTE III B. Figura 1: Planimetria area di intervento. Pagina 1 di 10

CONCORRENTE III B. Figura 1: Planimetria area di intervento. Pagina 1 di 10 CONCORRENTE 1 INTRODUZIONE La presente relazione tecnica, intende illustrare le proposte progettuali, avanzate dagli alunni della classe TERZA sezione B, finalizzate al recupero e valorizzazione di spazi

Dettagli

PORTE IN ACCIAIO PRATIC

PORTE IN ACCIAIO PRATIC PORTE IN ACCIAIO PRATIC PORTE IN ACCIAIO PRATIC PORTA AD UN BATTENTE Costruita interamente in acciaio zincato stampato, è irrobustita con dei rinforzi interni tubolari che la rendono indeformabile. Il

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI -DISCIPLINARE TECNICO. Giochi a tema: NAVE PIRATA. Dimensioni. Simbolo prodotti. Informazioni tecniche.

COMUNE DI GOLFO ARANCI -DISCIPLINARE TECNICO. Giochi a tema: NAVE PIRATA. Dimensioni. Simbolo prodotti. Informazioni tecniche. COMUNE DI GOLFO ARANCI -DISCIPLINARE TECNICO molla e giostre, attrezzature multi-attività e sportive utenti di tutte le età. Giochi a tema: NAVE PIRATA L attrezzatura di gioco è la classica serie di parchi

Dettagli