La Borsa Merci Telematica Italiana Un nuovo strumento?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Borsa Merci Telematica Italiana Un nuovo strumento?"

Transcript

1 Argomnti La Borsa Mrci Tlmatica Italiana Un nuovo strumnto? Annibal Froldi Riccardo Cuomo In qusti ultimi anni è divnuta smpr più prssant l signza di ammodrnar i srvizi a supporto dlla commrcializzazion di prodotti agroalimntari in un ambito rgolamntato trasparnt. Con il Dcrto dl Ministro dll Politich agricol forstali n. 174 dl 6 april 2006 è stata ufficialmnt istituita la Borsa Mrci Tlmatica Italiana allo scopo di fornir un innovativo strumnto di ngoziazion rispondr all attuali signz di commrcio. Dall Bors Mrci fisich alla Borsa Mrci Tlmatica Italiana La storia dlla Borsa Mrci Tlmatica Italiana non può prscindr dall Bors Mrci fisich, dov avvin ancora oggi lo scambio di mrci sulla bas dl cosiddtto mrcato fisico, basato sulla ral compravndita dll mrci già prodott pront pr la consgna. L Bors Mrci rintrano nlla più ampia famiglia dll Bors di Commrcio, l quali, com l prim, non sono altro ch di pubblici istituti in cui si riuniscono gli opratori ch intndono compir contrattazioni avnti pr oggtto mrci o titoli di crdito. Proprio pr qusto asptto, dunqu, si distinguono rispttivamnt l Bors Mrci dall Bors Valori. In sintsi, l Bors Mrci sono dfinit com di «luoghi di incontro fisici pr la contrattazion di mrci, prodotti srvizi oggtti dllo scambio stsso, scondo la logica dl commrcio su dscrizion di partit omogn di mrci in rifrimnto a catgori spcificat a priori». Nll Bors Mrci, infatti, vngono suprati gli schmi tradizionali di intrmdiazion propri di mrcati all ingrosso basati sulla prsnza fisica di prodotti. L disposizioni principali ch disciplinano l Bors Mrci risalgono alla Lgg 20 marzo 1913, n. 272 al rlativo rgolamnto di scuzion approvato con R.D. 4 agosto 1913, n Si tratta di norm basilari sull ordinamnto sull organizzazion dll Bors. Ogni Borsa Mrci ha il suo rgolamnto-tipo (in rifrimnto a uno schma di rgolamnto-tipo contnuto nlla Circ. n. 673/c dl 16 gnnaio 1954 dll x Ministro dll Industria, dl Commrcio dll Artigianato), ch sclud i bni l cui ngoziazioni si svolgono prsso l Bors Valori stabilisc ch ni locali dll Bors Mrci si svolgono l contrattazioni rlativ a trattativ privat su Annibal Froldi Riccardo Cuomo Borsa Mrci Tlmatica Italiana numro 2/2009 Argomnti Mrcato 127

2 128 smplic dnominazion o su campion o in bas a crtificato d origin o di qualità con l adozion di contratti-tipo con patti libramnt convnuti. Mrci srvizi ch possono ssr trattati in Borsa Mrci sono dtrminati dalla Camra di Commrcio la contrattazion è tcnicamnt prdisposta da tutta una sri di contratti-tipo, collgati a una disciplina spcifica ch riguarda la natura l qualità di ciascuna mrc, ai quali corrispond un puntual rgim giuridico circa la loro conclusion d scuzion; gli lmnti dl contratto sono, quindi, quasi tutti prdtrminati a sclusion dl przzo dlla qualità. Pr tutti i contratti conclusi nlla Borsa Mrci valgono, salvo divrsa pattuizion fra l parti, alcuni critri riguardanti i trmini di consgna, la consgna/ritiro dlla mrc, il pagamnto la costituzion in mora stabiliti dallo stsso rgolamnto-tipo. Al fin di spigar sintticamnt il funzionamnto di una Borsa Mrci, è fondamntal dscrivr i suoi du principali organi: la Dputazion di Borsa il Comitato di Borsa. La Dputazion è l organo tcnico-amministrativo, ha ampi potri di vigilanza, disciplinari, di proposta di arbitrato. Il Comitato ha il compito di vigilar affinché i mdiatori non ccdano dai limiti dll loro facoltà di dnunciar alla Dputazion gli opratori ch contravvngono all lggi ai rgolamnti. Il Comitato, inoltr, propon all Ent camral la formazion di contratti-tipo, di rgolamnti tcnici provvd all accrtamnto di przzi pr la formazion dl listino di Borsa. Qust ultimo compito dl Comitato di Borsa, ch prvd la formazion di un listino, rapprsnta l obittivo final ch il lgislator dlla L. 272/1913 volva raggiungr con l istituzion dll Bors di Commrcio. Al trmin dlla giornata risrvata agli scambi, il Comitato provvd alla rdazion dl listino di Borsa contnnt l quotazioni di przzi di prodotti contrattati in qulla spcifica giornata di mrcato. Il listino di Borsa ha ssnzialmnt du funzioni: una di diritto privato una conomica d intrss pubblico. La prima funzion è rapprsntata dal valor giuridico di przzi accrtati nll Bors Mrci scaturisc dall art. 1474, comma 2 dl c.c. ch prvd com risolvr il problma dlla mancanza di dtrminazion dl przzo nl contratto di vndita. L altra funzion dl listino è qulla di rndr pubblica l informazion di przzi affinché il mrcato sia più trasparnt gli opratori più consci dl valor di bni. A tal proposito, i listini rapprsntano la font principal dll ISTAT, il qual è chiamato a ffttuar l indagini sull andamnto di przzi all ingrosso sulla maggior part di bni dl sttor agricolo-alimntar. Nlla raltà, prò, qusta disposizion di lgg non vin applicata poiché di rado un mdiator dichiara pr iscritto tutti i contratti sguiti con la loro mdiazion. Il Comitato di Borsa o la Commission Przzi, a conclusion dlla giornata di Borsa, stila un listino przzi ch non nasc da un vro accrtamnto sui contratti, quindi, sui przzi ralmnt ffttuati. numro 2/2009 Argomnti Mrcato

3 La non vridicità di listini, quindi, la loro non corrispondnza ai rali przzi dl mrcato ha avuto ha ancora com natural consgunza un fnomno di disaffzion ni confronti dll Bors Mrci dll sal di contrattazion. Gli stssi bollttini camrali scontano alcun difficoltà in trmini di crdibilità a volt sono oggtto di contstazion da una dll parti contranti. In aggiunta a suddtto problma, l innovazion di sistmi di tlcomunicazioni (fax cllulari) l aumnto considrvol di tmpi di spostamnto ha portato, com natural consgunza, un fnomno di disaffzion ni confronti dll Bors Mrci dll sal di contrattazion. In sintsi, la mancanza di prsnza di opratori ha portato a uno stravolgimnto dlla ratio dlla L. 272/1913 ch dispon, a conclusion dlla giornata di Borsa, la fissazion di przzi rali scaturiti dai contratti gnrati in prcdnza, in altr parol è il mrcato ch fa il przzo. Purtroppo la limitata frqunza dgli opratori di mrcato fa sì ch i contratti gnrati siano smpr di mno ch l collusioni o l posizioni dominanti siano smpr più usuali in mrito alla dtrminazion di przzi. In qusti casi, il mrcato non dtrmina i przzi, ma sono gli stssi przzi ch fanno mrcato, non garantndo così alcuna forma di trasparnza di fficinza. Dall analisi svolta risulta, quindi, vidnt ch l Bors Mrci fisich prsntano l connotazioni tipich di una struttura organizzativa altamnt informal, carattrizzata da procssi di ngoziazion conclusion dll transazioni laboriosi, przzi volumi scambiati non pubblicamnt riscontrati (prsntando, così, connotazioni di indubbia alatorità), scarsa trasparnza mccanismo di formazion di przzi govrnato soprattutto da forza contrattual, grado di informazion comptnza profssional. Pr far front a qust infficinz si è pnsato di ricorrr alla rt tlmatica, ch consnt, invc, l attuazion di condizioni di mrcato rgolamntat trasparnti, carattrizzat da una struttura organizzativa a lvato grado di formalizzazion. Essa, infatti, è in grado di gstir trasmttr solo flussi informativi codificati in modo prcostituito. Ciò rstring ncssariamnt i margini di flssibilità dl procsso di ngoziazion prmttndo, pr contro, di aumntar il grado di trasparnza dl mrcato di vlocizzar la circolazion dll informazioni la conclusion dgli scambi. Molti sono, infatti, i vantaggi ch riguardano una piattaforma tlmatica: possibilità di rgolamntar i mrcati; sistma di scambi ch sia in grado di garantir la trasparnza di przzi la liquidità dl mrcato; miglioramnto dll asimmtri informativ; maggior rapidità dll ngoziazioni; ottimizzazion dlla struttura di costi riduzion di rischi lungo tutt l filir di mrcato; aumnto dlla visibilità dll propost consguntmnt allargamnto di confini di businss dgli opratori. numro 2/2009 Argomnti Mrcato 129

4 In sintsi, l Bors Mrci Tlmatich rapprsntano un stnsion onlin dll Bors Mrci tradizionali, svolgndo, infatti, lo stsso tipo di attività di qust ultim, ma in modalità tlmatica. La Borsa Mrci Tlmatica Italiana Il prcorso ch ha portato alla nascita dlla Borsa Mrci Tlmatica Italiana inizia il 26 gnnaio 2000 quando vin costituita Mtora SpA, socità dl sistma camral nata con lo scopo di ralizzar un mrcato tlmatico di prodotti agricoli, agroalimntar ittici, ammodrnando i srvizi camrali a supporto dlla commrcializzazion di prodotti. Il passaggio da Mtora SpA alla Borsa Mrci Tlmatica Italiana ha sguito l voluzion dll impianto lgislativo ch rgola il sttor agricolo agroalimntar di cui si riportano brvmnt l tapp: il Dcrto dl Ministro dll Industria, dl Commrcio dll Artigianato dl 20 dicmbr 2000 ha autorizzato la ngoziazion di bni di cui alla Lgg 272/1913 anch attravrso strumnti informatici o pr via tlmatica pr un priodo sprimntal non suprior ai dodici msi; gli articoli 7 8 dlla Lgg 5 marzo 2001 n. 57 hanno dlgato il Govrno a manar uno o più dcrti lgislativi contnnti norm pr l orintamnto la modrnizzazion ni sttori dll agricoltura dlla psca; l articolo 30 dl Dcrto Lgislativo 18 maggio 2001 n. 228 ha ufficializzato il priodo sprimntal rlativo all ngoziazioni tlmatich, ha prvisto l manazion da part dl Ministro dll Politich Agricol Forstali di un rgolamnto pr il funzionamnto tlmatico dll Bors Mrci italian ha disposto la pubblicazion di risultati in trmini di przzi di rifrimnto di quantità dll mrci dll drrat; il Dcrto dl Ministro dll Attività Produttiv dl 9 marzo 2002 ha dato l avvio ufficial al priodo di sprimntazion dll ngoziazioni tlmatich dlla durata di dodici msi ha riconosciuto il ruolo di gstor dlla piattaforma tlmatica di connssi srvizi a Mtora SpA. 130 Dopo alcuni anni di sprimntazion, a sguito dgli importanti risultati di mrcato consguiti, il Ministro dll Politich Agricol Forstali, con il D.M. 174 dl 6 april 2006 Rgolamnto pr il funzionamnto dll Bors Mrci Italian, con rifrimnto ai prodotti agricoli, agroalimntari ittici, ha istituito ufficialmnt la Borsa Mrci Tlmatica Italiana i suoi organi: BMTI ScpA con funzion di socità di gstion dlla piattaforma tlmatica di ngoziazion, Dputazion Nazional con funzioni di vigilanza di indirizzo gnral Camr di Commrcio con funzioni di supporto promozion dlla Borsa Mrci Tlmatica Italiana sul trritorio. numro 2/2009 Argomnti Mrcato

5 I principi cardin dll intro sistma sono dfiniti dal rgolamnto gnral ch dtta l condizioni l modalità di organizzazion di funzionamnto dlla Borsa Mrci Tlmatica Italiana. Ogni mrcato attivo sulla BMTI è, inoltr, disciplinato da un proprio rgolamnto spcial di prodotto, adottato dalla Dputazion Nazional su proposta dlla socità di gstion BMTI Scpa sntito il rlativo comitato di filira. Chi può oprar Sulla Borsa Mrci Tlmatica Italiana la ngoziazion dll mrci avvin tra opratori accrditati pr il tramit di Soggtti Abilitati all Intrmdiazion (SAI), figura profssional assolutamnt indita nl panorama agricolo nazional, istituita anch ssa con il D.M. 174/2006. Possono divntar Soggtti Abilitati all Intrmdiazion: gli agnti di affari in mdiazion dl sttor agricolo, agroalimntar ittico; gli agnti i rapprsntanti di commrcio dl sttor agricolo, agroalimntar ittico; l socità di capitali, avnti a oggtto attività di intrmdiazion tlmatica, costituit da: agnti di affari in mdiazion dl sttor agricolo, agroalimntar ittico; agnti rapprsntanti di commrcio dl sttor agricolo, agroalimntar ittico; organizzazioni profssionali prsnti o rapprsntat nl Consiglio Nazional dlla Economia dl Lavoro; imprnditori di cui agli artt c.c c.c.; imprnditori dlla psca; organizzazioni di produttori agricoli di cui agli artt. 2 5, D.Lgs. 27 maggio 2005, n. 102; l socità cooprativ loro consorzi, dll filir agricola, agroalimntar ittica; l imprs di invstimnto (SIM l imprs di invstimnto comunitari d xtracomunitari), gli intrmdiari finanziari iscritti nll lnco prvisto dall art. 107 dl TU bancario l banch autorizzat all srcizio di srvizi di invstimnto. I SAI raccolgono gstiscono gli ordini all intrno dlla Borsa Mrci Tlmatica Italiana, svolgndo l sgunti attività: riczion dll propost di acquisto di vndita; insrimnto dll suddtt propost sulla piattaforma tlmatica; modifica /o cancllazion dll propost; numro 2/2009 Argomnti Mrcato 131

6 aggiornamnto costant dgli opratori accrditati in mrito allo svolgimnto dll contrattazioni tlmatich; assistnza agli opratori accrditati durant la fas dlla stipulazion dll scuzion dl contratto tlmatico. I Soggtti Abilitati all Intrmdiazion vngono iscritti in un apposito lnco pubblico tnuto dalla Dputazion Nazional. L obittivo dlla Borsa Mrci Tlmatica Italiana è qullo di assicurar fficinza razionalità ai mrcati dtrminar, in tmpi rapidi in modo trasparnt, i quantitativi scambiati i przzi ralizzati. Pr raggiungr qusto obittivo BMTI consnt l incontro tra l offrt di acquisto di vndita, attravrso un mccanismo ch sclud ogni coinvolgimnto fisico dll parti ch fornisc agli opratori una piattaforma pr la trattazion dll ngoziazioni da postazioni rmot. Spot markt o forward markt In bas alla tipologia di contratti di mrcati si possono ffttuar du tipologi di contrattazioni: a pronti o spot markt; a consgna diffrita o forward markt. 132 Il primo tipo di contrattazion, ch dà origin a contratti spot, riguarda la mrc immdiatamnt disponibil ch dv ssr consgnata ntro otto giorni. Il scondo tipo gnra contratti a consgna diffrita nl tmpo, ch possono riguardar anch partit di mrci non ancora disponibili; in qusta tipologia di contratti, infatti, la liquidazion dlla contrattazion vin diffrita nl tmpo scondo gli accordi tra l parti. Spsso, infatti, l mrci contrattat vngono consgnat in lotti diffriti nl tmpo, talvolta in località divrs, configurando contratti di somministrazion. Grazi all contrattazioni tlmatich, il przzo ufficial pr ciascuna dll tipologi di prodotti trattati è fissato ntro un priodo di tmpo prstabilito (attualmnt una sttimana). Il fixing di przzi è ottnuto, in bas all contrattazioni ffttuat, sulla mdia pondrata dgli scambi avvnuti sull quantità scambiat. Qusto nuovo modo di dtrminazion di przzi ufficiali rapprsnta, nl sttor agroalimntar, un innovazion molto important, soprattutto dal punto di vista dlla trasparnza dl mrcato. Infatti, grazi a qusto sistma tutti gli opratori accdndo al mrcato tlmatico possono vnir immdiatamnt a conoscnza di przzi rali di mrcato sull divrs piazz, quindi, su qusti basar l propri ngoziazioni. numro 2/2009 Argomnti Mrcato

7 La ngoziazion dll mrci sulla BMTI avvin con un sistma ad asta continua dl tipo uno a molti : ogni proposta, sia di acquisto sia di vndita, gnra in pratica un mrcato a sé. Ogni proposta è carattrizzata da una spcifica schda informativa tlmatica, ch riporta l divrs spcifich qualitativ dlla partita di mrc in qustion, nonché i dttagli pr l scuzion contrattual: pagamnto, modalità di consgna cc. (Fig. 1). Fig. 1 Schda informativa I mrcati attualmnt attivi nlla Borsa Mrci Tlmatica sono trntacinqu (Tab. 1). Tab. 1 Mrcati attivi su BMTI Catgoria Crali, smi olosi, riso farin Carni, uova animali vivi Salumi grassin Lattiro casari Uva, vino olio Altri Mrcati attivi Frumnto tnro, frumnto duro, granoturco scco, crali minori, sottoprodotti dlla macinazion, smi di soia, smi di girasol, farin di frumnto tnro, sfarinati di frumnto duro, farin vgtali di strazion, rison, smi di colza Suini vivi, tagli di carn suina, carni avicol conglat, carni cunicol, uova Prosciutto di Parma DOP, prosciutto crudo non marchiato Latt spot, Parmigiano Rggiano, Grana Padano, Asiago DOP Vino da tavola, vino IGT, vino DOc/G, olio di oliva, olio di oliva DOP, uva da vino pr il mrcato di Brscia Agrumi, nocciola, patat, carot, pomodoro, concimi minrali numro 2/2009 Argomnti Mrcato 133

8 Altri nov mrcati tlmatici sono di prossima attivazion: fiori piant, carni bovin, salumi italiani, carciofo, kiwi, vino in bottiglia, mozzarlla di bufala campana DOP, biomass, mla. Fig. 2 - Quantità transat pr ms nl 2008 Fig. 3 - Controvalor pr ms nl 2008 Fig. 4 - Contrattati conclusi pr ms nl numro 2/2009 Argomnti Mrcato

9 Dal 2002 a oggi la Borsa Mrci Tlmatica Italiana ha raggiunto importanti risultati: contratti, pari a tonnllat di prodotto transato, pr un ammontar di circa 500 milioni di uro di valor scambiato. In particolar nll Fig. 2, 3 4 vin mostrato l andamnto dll contrattazioni nl corso dl 2008, in trmini di contratti conclusi, quantità transat controvalor. I prodotti maggiormnt scambiati attravrso la Borsa Mrci Tlmatica Italiana affriscono alla catgoria di crali smi olosi ( tonnllat contrattat). Nll ambito di qusta catgoria l mrcologi più importanti sono il grano duro, il grano tnro il granoturco scco, ch costituiscono l produzioni più rilvanti a livllo nazional. La Borsa Mrci Tlmatica Italiana, oltr ai srvizi di accsso alla piattaforma di contrattazion, fornisc agli opratori di mrcato divrsi srvizi accssori, tra i quali il srvizio mrcato tlmatico sicuro, ch offr l opportunità di concludr, pr il tramit di un Soggtto Abilitato all Intrmdiazion - SAI, contratti tlmatici assicurati. Pagando un corrispttivo dllo 0,23% sul valor dl contratto tlmatico, è possibil assicurarn l 85% contro il rischio di insolvnza. Inoltr qusto srvizio non obbliga l oprator a pagar il corrispttivo su tutto il fatturato, ma soltanto sui contratti tlmatici. Nl prosguir il procsso di avvicinamnto al mrcato, BMTI sta lavorando pr la ralizzazion di ultriori srvizi, tra i quali mnzioniamo qullo dl factoring, ch prmttrà di avr un anticipo sul crdito, dlla logistica, ch facilitrà l incontro tra gli opratori dl mondo agricolo qulli dl trasporto. Particolar rilivo sptta a du ambiziosi progtti ch la Borsa Mrci Tlmatica Italiana sta portando avanti: Progtto Mrcati all Ingrosso Progtto BAT. Il primo si pon l obittivo di ralizzar una piattaforma pr la prnotazion/ acquisto di prodotti agroalimntari da part di Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) prsso i mrcati all ingrosso. La ralizzazion di suddtto progtto portrbb a: abbattr /o rndr crto il costo di approvvigionamnto di prodotti alimntari pr il consumator final; ampliar l opportunità di vndita dgli opratori di mrcati all ingrosso, anch pr i prodotti invnduti con i canali tradizionali; sfruttar l piattaform logistich di mrcati all ingrosso pr l appoggio, la vndita la distribuzion di prodotti ai consumatori finali; disporr di przzi di prodotti scambiati ch possono fungr da rifrimnto confronto con gli altri przzi al consumo. Il scondo progtto mira a prdisporr, sviluppar ralizzar un piano oprativo finalizzato alla costituzion di una Borsa Agroalimntar Tlmatica mondial (BAT), ch consnta ai pasi sviluppati in via di sviluppo adrnti di numro 2/2009 Argomnti Mrcato 135

10 scambiar prodotti agroalimntari ittici sul mrcato global, pr la crazion di un conomia orintata al social ch portrà vantaggi anch all conomia mondial. Il progtto BAT, insim alla Città dl gusto, è uno di du progtti cardin dll Expo Conclusioni Gli obittivi principali dl progtto si possono sinttizzar ni sgunti tr punti: raccolta diffusion di informazioni sui prodotti agricoli oggtto di massiccia sportazion; crazion di un unico mrcato virtual, ch affianchrà i tradizionali luoghi di ngoziazion; rgolamntazion paritaria condivisa dllo scambio di prodotti, in trmini di trasparnza, sicurzza alimntar rintracciabilità. La Borsa Mrci Tlmatica Italiana è, quindi, costantmnt impgnata nl crcar di soddisfar l signz dgli opratori ch oprano sulla piattaforma tlmatica affinché possano trovar in ssa tutti i srvizi di cui ncssitano ch portrbbro valor aggiunto alla propria attività. 136 numro 2/2009 Argomnti Mrcato

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP

TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP Introduzione Il mercato dei prodotti Dop e Igp, pur contrassegnato da luci ed ombre, è in continua crescita negli ultimi anni sia come numero di denominazioni

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli