Sono stato crocifisso con Cristo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono stato crocifisso con Cristo"

Transcript

1 Introduzione Che Lui sia stato crocifisso è una cosa, ma che noi siamo crocifissi è tutt'altra cosa. Allo stesso modo, una cosa è che Lui abbia fatto la volontà di Dio, ma che noi la facciamo è una cosa totalmente differente! Lui non è stato crocifisso per noi per dispensarci dall'essere crocifissi, ma perché noi siamo crocifissi con Lui. Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le scritture (1 Cor. l5:3). Ma egli era ferito per i nostri pecc a ti, spezzato per le nostre iniquità; il castigo che ci da la pace è caduto su lui... (Is. 53:5). Che Cristo sia stato crocifisso per noi, che sia morto per i nostri peccati, che il castigo del peccato sia caduto su lui, lo sappiamo tutti, ma che noi siamo stati crocifissi con Lui e che ora, per mezzo della fede, possiamo e dobbiamo realizzarlo nella nostra vita, è qualcosa di molto sconosciuto di cui la maggioranza non ha sentito parlare, alcuni lo hanno inteso solo vagamente, pochi sono occupati a compierlo e pochissimi hanno ricevuto la grazia per realizzarlo nella loro vita. Questo opuscolo è stato scritto con lo scopo che molti possano riuscirci. Possa tu riuscirci caro lettore. 1. Sono stato crocifisso Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo ma è Cristo che vive in me, e la vita che ora vivo nella carne, la vivo nella fede nel figliuolo di Dio che mi ha amato e che ha dato se stesso per me (Gal.2:20). Poiché noi non viviamo più nello stesso modo, non viviamo più per noi stessi (2 Cor.5:15), ma per gli altri! Sì, questo è il centro del cristianesimo, il solido fondamento della fede in Cristo. Da molto tempo questo non è più vero per ognuno di noi e non ci sono che disfatte e sconfitte. Da molto tempo si vive per se stessi e non c'è che miseria perché in noi, nella nostra carne, non c'è niente di buono. Nessuno ha in sé la forza necessaria per calcare i passi di Cristo, per fare la volontà di Dio, per mantenere i comandamenti di Dio. Ogni uomo è, secondo la carne, completamente corrotto, incorreggibile, impotente e insopportabile. Più ci si sforza di fare il bene, più si scopre che non c'è speranza. Che faremo di un simile uomo, così insopportabile e corrotto dalla testa ai piedi? Con questa esperienza e questa conoscenza, con questa pena e in questa angoscia Dio ci mostra che noi siamo stati crocifissi con Cristo e che non è solamente il nostro atto di accusa che fu inchiodato sul legno della croce (Col.2:14), ma anche il debitore, il colpevole stesso. Ciò è incluso nell'opera di Cristo. Il Padre valuta così. È così, ma la maggior parte delle persone non l'ha mai né visto né sperimentato, non è mai arrivata al punto in cui lo poteva affermare in verità, come Paolo: Io sono stato crocifisso con Cristo, non vivo più per me stesso. Non si può dirlo, non si dovrebbe soprattutto dirlo quando da molto tempo non si vive una vita di vittoria. Se per esempio io sono offeso, arrabbiato, molto preoccupato, inquieto e dico che non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me, è come se dicessi che è Cristo a essere offeso, arrabbiato, preoccupato e inquieto, che è Cristo che pecca, sarebbe davvero un'affermazione audace! 1 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

2 Chi può veramente vivere in questo mondo una vita completamente vittoriosa? Tutti quelli che, per mezzo della fede, sono crocifissi con Cristo, tutti quelli che non vivono più per se stessi! È questa posizione, caro lettore, che si tratta di prendere e di conservare, dopo avere ricevuto la grazia di occuparla. Sono delle cose grandi e incomprensibili! Ma Dio è altrettanto grande e il suo nome è Ammirabile! È Proprio lui che nella sua bontà ha considerato buono di chiamarci a una così grande causa e che farà una grande opera in noi (1 Tess. 5:23-24). 2. Il nostro vecchio uomo è stato crocifisso Sapendo che il nostro vecchio uomo è stato crocifisso con lui, affinché il corpo del peccato fosse annullato per cui noi non serviamo più al peccato (Rom.6:6). Sapendo che dice Paolo alla chiesa di Roma, ma a chi si può scrivere così oggi? Chi sa realmente che il suo vecchio uomo è stato crocifisso con Cristo? Mi sta a cuore che la maggior parte possibile possa ricevere giustamente questa conoscenza, questo intendimento, questa esperienza. Perché? Perché questo è così efficace! Quando Cristo fu crocifisso, quella volta, il nostro vecchio uomo fu crocifisso con lui, umanamente parlando non ce ne erano molti che furono inchiodati sulla stessa croce del Golgota. Come, allora, il nostro vecchio uomo poteva essere inchiodato sulla stessa croce, nello stesso tempo? E prima ancora che noi fossimo nati? Perché Gesù fu realmente figlio dell'uomo, e come tale ricevette realmente carne e sangue e una propria volontà come noi. È questa volontà che Lui vinse e condannò e così il Padre considera che il nostro vecchio uomo è stato crocifisso con lui, che noi morimmo nel e per mezzo del corpo di Cristo. Beato chi può vedere ciò! Egli ha scoperto il segreto del Vangelo, la chiave per ogni vittoria e ogni gloria! La crocifissione del nostro vecchio uomo che Gesù ha compiuto al Golgota, deve ora realizzarsi in ciascuno di noi. Che cosa s'intende con il nostro vecchio uomo? Che la nostra mente è legata a quello che sappiamo essere peccato e che il nostro corpo lo esegue. Questo può e deve essere crocifisso e spogliato (Ef. 4:22; Col. 3:8). Non possiamo evidentemente crocifiggere e spogliarci oggi di qualche cosa che non sappiamo essere peccato, ciò costituirebbe un non senso! Ma dal momento in cui riceviamo luce su una tale cosa noi possiamo e dobbiamo crocifiggerla e spogliarcene. Tutto quello che si chiama peccare proviene dal vecchio uomo. È per questo che un spogliarsi completo dal vecchio uomo è la stessa cosa di una vittoria completa sul peccato fin dove arriva la luce. 3. Hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri Ga. 5:24 Che cosa è dunque crocifisso? La carne con le sue passioni e i suoi desideri, dice Paolo, questo maestro nella fede e nella verità, pieno di saggezza. Che cosa sarà allora inefficace? La carne. Quali sono allora le opere che cessano? Le opere della carne, quelle che ha giustamente citato nei precedenti versetti da 19 a 21: 2 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

3 Ora le opere della carne sono manifeste e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria, inimicizie, discordia, gelosia, ire, contese, divisioni, sette, invidie, ubriachezze, gozzoviglie e altre simili cose; circa le quali io vi prevengo come anche vi ho già prevenuti, che quelli che fanno tali cose non erediteranno il regno di Dio. L'espressione e altre simili cose ci rivela che le opere della carne sono molte di più e che le opere citate sopra non costituiscono che qualche esempio. Citiamo altre opere della carne che sono molto ricorrenti: la menzogna, il furto, l'adulazione, l'ipocrisia, la maldicenza, l'ingiustizia, la crudeltà, l'impazienza, il rancore, i mormoni, le lamentele, la vanità, l'orgoglio, l'avidità, la cupidigia, il sospetto. Dov'è il limite? Il limite per ciascuno in particolare è la luce che possiede in quel momento, la propria coscienza. Quello che si fa contro la propria convinzione sono le opere della carne o le opere del vecchio uomo. Non mentite gli uni agli altri essendovi spogliati del vecchio uomo e delle sue opere (Col. 3:9). Se per esempio ci si arrabbia per una causa qualsiasi, o si adula il ricco nella speranza di riceverne un dono, ciò mostra che la carne non è crocifissa, che il vecchio uomo non è detronizzato, naturalmente si sa che la collera e l'adulazione sono dei peccati e generalmente lo si sa. 4. Maledetto chiunque è appeso al legno Ga. 3:13 Quando il nostro vecchio uomo è crocifisso con Cristo è la stessa cosa che essere, secondo la carne, come uomo naturale, maledetto agli occhi di Dio. Si tratta ora d'essere ugualmente ai nostri occhi un essere maledetto secondo la carne, in modo da porre un termine a tutto ciò che ci appartiene e non appoggiarci mai più sulla nostra intelligenza o sui nostri sentimenti. Così spariscono molte grandezze immaginate ed anche molte discussioni e questioni. Chi si considera come un essere maledetto secondo la carne ha trovato la giusta via e questo lo rende gradevole sia agli occhi di Dio che degli uomini. Prima di tutto, questo aiuta ognuno di noi in particolarmente ad essere realmente crocifisso con Cristo. 5. Il mondo è crocifisso per me, come io lo sono per lui Ma quanto a me non sia mai che io mi glori d'altro che della croce del Signore nostro Gesù Cristo, mediante la quale il mondo, per me, è stato crocifisso, e io sono stato crocifisso per il mondo (Gai.6:14). La croce di Cristo è in verità la sola cosa di cui possiamo gloriarci! Perché su questa croce fu crocifisso un giorno il nostro vecchio uomo e su questa croce abbiamo ora l'occasione di essere crocifissi tutti insieme. Si tratta di cogliere l'occasione. È una doppia crocifissione benedetta e potente che si verifica. Io crocifiggo il mondo, lo rifiuto ne deriva che il mondo a sua volta mi crocifigge cioè mi rifiuta. Così mi libero del mondo, ora è alla distanza desiderata, sufficientemente lontano! Si forma un abisso fra il mondo e i suoi desideri e i miei nuovi desideri che aspirano al divino e all'eterno e non più alle cose temporali. 3 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

4 Come è buona e necessaria questa crocifissione! Ed è proprio perché manca veramente che c'è una miseria estrema nel cuore e nella vita della maggioranza dei figli di Dio. Si è lontano dall'avere la capacità di comprensione di Paolo, al contrario si vive in questo inquietante e grande malinteso secondo il quale si tratta di tenersi molto vicino al mondo, il più vicino possibile senza tuttavia caderci completamente. Ci sono dei grandi vantaggi, si pensa, ma è precisamente il contrario! 6. Lo scandalo della croce Lo scandalo della croce non deve sparire (Gal.5:11), dobbiamo prendere su noi il disonore, la vergogna e la persecuzione che accompagnano la croce (Gal.6:12). Noi predichiamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei i credenti... (1 Cor. 1:23). Quello che è scandaloso per i credenti non è il fatto che Cristo sia stato crocifisso, ma è il più grande e profondo significato della croce: il fatto che essa è sinonimo della nostra crocifissione, che tutto quello che ci appartiene è impietosamente rifiutato, che non c'è niente in noi, anche nel migliore, che potrebbe essere utilizzato o messo in evidenza, che tutto deve essere assolutamente rifiutato, che non si deve rispettare niente in alcun modo. Ecco quello che è spiacevole! Più ci si compiace di se stessi, più si è intelligenti ai propri occhi, più ciò è fastidioso. Ma è la verità ed è certa e resterà in piedi integralmente, potentemente e per sempre! Che cosa deve restare in piedi con potenza, in maniera completa e salda? Che tutta la nostra natura appartiene alla morte, che è stata inchiodata alla croce da Gesù Cristo e che deve restarci. 7. La potenza della croce Affinché la croce di Cristo non sia resa vana (non perda la sua potenza, altra traduzione). La parola della croce è la potenza di Dio (1 Cor. l:17-18). Quale potenza si trova nella croce o nella parola della croce? Giustamente quella che annulla il nostro vecchio uomo e le sue opere, la potenza che ci libera dal peccato, che ci libera dalle opere della carne, che ci libera sia da quello che sappiamo già appartenere al peccato sia da quello che sapremo man mano appartenere al peccato. Naturalmente, la forza e la potenza della croce, l'opera della croce, è la crocefissione. I chiodi della croce trattengono colui che è crocifisso perché non scappi dove vuole, perché non possa scappare e muoia in poco tempo. L'opera che la croce compie è dunque di farci morire secondo la carne; prima di tutto moriamo una volta per sempre a noi stessi, al nostro grande e potente io, per quanto lo conosciamo, e poi moriamo a poco a poco al peccato, a mano a mano che ne riceviamo conoscenza e che, per mezzo della fede, lo crocifiggiamo. 8. Portare la propria croce E chi non porta la sua croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo (Luca 14: 27). Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso. Presero dunque Gesù ed egli, portando la sua croce, venne al luogo del Teschio che in ebraico si chiama Golgota (Giov. 19:16-17). 4 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

5 Portare la propria croce significa, e non può significare altrimenti, una sola cosa: collaborare alla propria crocifissione! Chi ha capito la necessità di essere crocifisso lo fa volentieri. Si crocifiggono dei criminali incorreggibili. Chi vuole portare la croce sulla quale sarà inchiodato lui stesso? Chi si considera, secondo la carne, come un criminale incorreggibile e che è perciò riconoscente di potere abbandonare la propria carnalità; tutti quelli che capiscono che sono proprio loro stessi l'ostacolo alla propria felicità e al proprio avanzamento sul cammino. 9. Ai piedi della croce o sulla croce? Si canta e si parla molto di venire ai piedi della croce nonostante che la Parola non ne parli; al contrario la Bibbia parla di essere crocifisso con Cristo, o in altre parole, d'essere sulla croce, ma generalmente di questo non se ne parla. Ai piedi della croce possono fermarsi ogni specie di persone, sulla croce pendono coloro che odiano a morte la propria vita e che amano Dio con tutto il loro cuore, costoro, per mezzo della fede, diventano partecipi della morte e della vita di Cristo e vogliono seguire ad ogni costo le sue orme. Ai piedi della croce si può ottenere il perdono dei peccati, ma non la vittoria sul peccato e su se stessi, ciò si ottiene sulla croce; quelli che sono ai piedi della croce possono peccare, sulla croce non lo si può più. Che molti, oggi, possano avere gli occhi aperti su questo mistero benedetto della fede! 10. Camminare da nemici della croce Guardate a coloro che camminano secondo l esempio che avete in noi, perché molti camminano, ve l'ho detto spesso e ve lo dico anche ora piangendo, da nemici della croce di Cristo; la fine dei quali è la perdizione, il cui Dio è il ventre e la cui gloria è in quel che torna a loro vergogna; gente che ha l'animo alle cose della terra (Fil.3:17-19). Si fa riferimento qui ad esempi degni di essere seguiti dalla chiesa; si tratta naturalmente di credenti. Paolo, spesso, aveva loro parlato del triste fatto che molti credenti si comportassero da nemici della croce di Cristo. Oggi accade la stessa cosa o anche peggio! Non si è nemici della verità che Cristo è stato crocifisso, ma si è nemici della croce di Cristo perché la sua opera è di crocifiggere la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Qui prende di mira tra l'altro, come abbiamo già citato, i desideri per ogni specie di bevanda, o vivanda deliziosa destinati al ventre e più generalmente i desideri per le cose terrene. Quando si vuole vivere per se stessi, si diventa naturalmente nemici di questa croce che ha lo scopo di crocifiggere l io. La Scrittura esorta ad accontentarsi del proprio stato, e dice che l'orgoglio della vita e l'amore del lusso non sono di Dio e che non abbiano l'amore di Dio in noi se amiamo il mondo o le cose che sono nel mondo (1 Gv. 2:15-17). Ogni desiderio per le cose della terra deve morire sulla croce. Se non vogliamo abbandonare queste cose, ma, al contrario, curare il proprio ventre a regola d'arte dedicarci a vivere bene e ad aspirare a tutto quello che è grande, raffinato e splendido in questo mondo, a tutto quello che ha bella apparenza, allora siamo naturalmente nemici della croce di Cristo poiché la morte aleggia sopra tutte queste cose. 5 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

6 O possiamo fare anche un esempio diverso. Se per esempio si domina su di una assemblea e si desidera continuare così, allora si è naturalmente un nemico della Parola che dice di non dominare, della Parola che dice che chi vuole essere il primo sia il servitore e lo schiavo di tutti, un nemico di questa croce che deve far morire il desiderio di dominare. Si considera la buona tavola e riuscire nella vita e dominare come qualcosa di grande, ecco l'errore. Che molti, in questo tempo, possano capire e vedere come queste cose sono insignificanti, ma anche come la pietà con un animo contento del proprio stato è una grande fonte di guadagno! (1 Tim. 6:6-11) 11. Le tre persone crocifisse e i loro discepoli E quando furono giunti al luogo detto il Teschio, crocifissero quivi Lui e i malfattori, l'uno a destra e l'altro a sinistra. E uno dei malfattori appesi lo ingiuriava, dicendo: Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi! Ma l'altro, rispondendo, lo sgridava e diceva: Non hai tu nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio? E per noi è cosa giusta perché riceviamo la degna pena dei nostri fatti, ma costui non ha fatto nulla di male. E diceva: Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno! E Gesù gli disse: Io ti dico in verità che oggi tu sarai con me in Paradiso. (Luca 23:33, 39-43) Sulla croce del centro era appeso il Figlio di Dio perché si era fatto volontariamente figlio dell'uomo e aveva partecipato, come noi, alla carne e al sangue, perché si era rivestito di una propria volontà umana, come noi, e non aveva mai fatto questa volontà, ma la rinnegava tutto il tempo e faceva la volontà del Padre; perché non aveva mai peccato e amava tutti gli uomini e voleva salvarli e diceva loro la verità. Eccolo crocifisso, proprio Lui che per tutta la sua vita in questo mondo aveva portato la sua croce, rinnegato la propria volontà, che aveva vissuto sempre, spiritualmente parlando, da crocifisso, cioè dal momento in cui fu abbastanza grande da capirlo. Sulle altre due croci si trovavano i malfattori, delle persone che avevano fatto sempre la loro volontà e non quella di Dio, degli uomini che avevano vissuto nel peccato; nonostante tutto c'era una grande ed importante differenza fra questi due. Uno era duro ed incredulo, mentre l'altro era sensibile, riconoscente e credente, uno s'indurì e restò fuori mentre l'altro andò con Gesù in Paradiso. Nessuno dei due aveva seguito le orme di Cristo e non ne ricevettero più l'occasione; è lo stesso con tutti quelli che si convertono all'ultimo momento. Noi tutti dobbiamo cominciare, come uno dei malfattori, con la preghiera chiedendo la grazia o il perdono dei peccati. Cominciamo tutti come malfattori, ma se questo brigante è un modello per l'inizio della nostra salvezza, non è detto che sia un modello per il seguito. Molti sono chiamati ed hanno l'occasione di seguire colui che fu crocifisso al centro, di seguire le sue tracce, poiché non ha fatto la sua volontà, ma viveva sempre come se fosse crocifisso. Tutti gli uomini, che lo sappiano o no, seguono o si schierano dietro una di queste tre persone crocifisse. Quelli che per la grazia di Dio vincono, appartengono alla colonna del centro, quelli che non vincono, ma che riconoscono i loro peccati e ne chiedono perdono, appartengono all'altra colonna e quelli che si induriscono e non chiedono perdono, appartengono alla terza colonna. 6 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

7 È significativo che molti credenti considerano uno dei malfattori come il loro modello ed esempio e che vi trovarono la loro consolazione, esattamente come si consolano, per la stessa ragione, con la preghiera del pubblicano. È giusto che si deve necessariamente cominciare in questo modo, ma il grande torto è di pensare che si deve per forza, continuare così fino alla fine. È il posto con Cristo, sulla croce del centro, che è, sfortunatamente, così sconosciuto e così poco utilizzato! Quale dei tre vuoi seguire, ora, caro amico? 12. Scendi dalla croce! E coloro che passavano di lì, lo ingiuriavano, scotendo il capo e dicendo: Tu che disfai il tempio e in tre giorni lo riedifichi, salva te stesso, se tu sei Figliuol di Dio, scendi giù dalla croce!. Similmente i capi sacerdoti con gli scribi e gli anziani, beffandosi, dicevano: Ha salvato altri e non può salvare se stesso!... scenda ora giù dalla croce e noi crederemo in Lui! (Mat.27:39-42). Avrebbe potuto scendere dalla croce, ma restare sulla croce, questo era lo scopo. Allo stesso modo si deridono quelli che seguono Cristo perché non possono, come gli altri, vivere per se stessi, secondo le proprie voglie, ma devono costantemente rinunciare alla propria volontà. O meglio non lo devono, ma l'hanno scelto, lo desiderano perché questa è la volontà di Dio e perché la cosa migliore per essi. Anche noi saremo ben accolti e amati se solamente discendessimo dalla croce per essere come tutti gli altri, ma preferiamo molto di più seguire Cristo. 13. Rinunciare a se stessi Allora Gesù disse ai suoi discepoli: Se uno vuoi venire dietro a me, rinunzi a se stesso e prenda la sua croce e mi segue (Mat. 16:24). Diceva poi a tutti: Se uno vuoi venire dietro a me, rinunzi a se stesso; prenda ogni giorno la sua croce e mi segua (Luc.9:23). Vediamo da questi passi che non è naturale seguire Cristo, anche se siamo convertiti. Al contrario, rimane il grande problema anche quando siamo diventati suoi discepoli. Ma se qualcuno vuole realmente seguirlo, allora riceverà delle istruzioni chiare su quello che deve fare per riuscire. Il grande problema è e resta, da quando siamo nati, cosa facciamo con la nostra volontà; tutto gira intorno a questo! Tutti abbiamo una potente e complessa volontà propria che resiste a quella di Dio! È chiaro allora che queste due volontà opposte non possono farsi nello stesso tempo, se faccio la mia volontà trasgredisco quella di Dio, invece se faccio la volontà di Dio trasgredisco, rinnego e crocifiggo la mia volontà. Se voglio seguire lo stesso cammino di Gesù, la via che egli ha aperto, devo rinunciare ogni giorno alla mia volontà e portare la croce sulla quale essa sarà inchiodata, perché Gesù lo faceva. Questi sono i suoi insegnamenti. 7 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

8 Le sofferenze di Cristo e quelle di coloro che lo seguono possono essere suddivise in tre specie: 1) le sofferenze fisiche; 2) Gesù soffriva perché era tentato (Eb, 2:18-5:7), dunque le sofferenze derivano dalla rinunzia alla propria volontà; 3) le sofferenze per tutti quelli che non vogliono accettare la sua parola e la sua salvezza. Cristo visse come una persona crocifissa per tutta la sua vita (Eb.12:2) e insegna ciò ai suoi discepoli con il proprio esempio. Quando si dice che Dio ha condannato il peccato nella carne (Roma, 8:3), significa che Cristo ha rinunciato alla sua volontà e che l'ha condannata perché non potesse mai adempiersi Essere crocifisso con Cristo significa, allo stesso modo, dire nella pratica quotidiana, continuamente, No, no e ancora No ogni volta che siamo tentati. Assentire e dire Si, si significherebbe scendere dalla croce. È attraverso ogni specie di tentazioni che entreremo nella vita, dobbiamo dire continuamente No alla nostra volontà, si tratta di essere fedeli, di non fare eccezioni e di non stancarsi mai di dire No. 14. Morti ai nostri peccati Egli, che ha portato egli stesso i nostri peccati nel suo corpo, sul legno, affinché, morti al peccato, vivessimo per la giustizia... (1 Pt. 2:24). Che Cristo sia morto è una cosa, ma che noi moriamo è tutta un'altra cosa; ma giustamente è per questo che Cristo è morto, dice Pietro. Come possiamo morire mentre siamo ancora in vita? Considerandoci crocifissi con Lui, crocifissi a tutto quello che si oppone alla volontà, al pensiero, allo spirito, alla bontà e alla giustizia di Dio per poter vivere liberamente per la giustizia, come dice Pietro. Se, una volta che siamo crocifissi, ci restiamo fedelmente allora morremo di certo al peccato. È proprio vero quello che si dice spesso nell'incredulità, che pecchiamo tutto il tempo che viviamo, ma solamente se lo si interpreta bene cioè tutto il tempo che viviamo per noi stessi e che non siamo crocifissi con Cristo allora si pecca tutto il tempo e non si può fare altrimenti. Ma ora c'è, per mezzo della fede, l'occasione di morire mentre si è in vita, l'occasione di morire al peccato; noi che siamo morti al peccato, come vivremmo ancora in esso? (Rom. 6:2). 15. Perdere la propria vita per Cristo Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà, ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà (Mat.16:25), noi pure dobbiamo dare la nostra vita per i fratelli (1 Giov.3:16). Generalmente tutti hanno paura di perdere la vita e fanno di tutto per salvarla dalla morte naturale. Solo eccezionalmente è necessario perdere la propria vita in questo senso, ma se fosse necessario si dovrebbe farlo. Cristo ha perduto la propria vita, in questo modo, per noi. Ma tuttavia è nel senso spirituale che questa parola ha il più grande significato; che cosa significa, allora, spiritualmente parlando, perdere la propria vita? La nostra volontà è la nostra vita, perciò il testamento di un uomo morente si chiama la sua ultima volontà. 8 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

9 Abbandonare la propria volontà, rinnegarla o offrirla, significa perdere la propria vita, lasciare la propria vita. Se la volontà di un'altra persona si fa al posto della mia, allora è realmente la vita dell'altra che si manifesta mentre la mia vita si perde. Se la nostra vita fisica ci venisse presa, sarebbe lo stesso la volontà di un altro che si farebbe e non la nostra. Per questo questa parola è scritta insieme a rinunziare a se stesso e portare la propria croce. Dove abbiamo l'occasione di perdere la nostra vita, la nostra volontà? Sulla croce!. C'è sempre la stessa ed unica soluzione: Sono crocifisso con Cristo. Che questa parola possa essere profondamente impressa nel cuore di ognuno. 16. Morto con Cristo Ora se siamo morti con Cristo, noi crediamo che altresì vivremo con Lui (Rom. 6:8); se moriamo con lui, con lui, anche vivremo (2 Tim. 2:11). Vivere con lui non significa ricevere solo la vita eterna, ma significa, in fondo, vincere con lui e come lui, seguire le sue tracce. La maggioranza pensa che ciò è impossibile su questa terra (abbiamo spiegato il motivo per cui non si crede né ad una vita vittoriosa, né che siamo morti con lui) ma quando ci si crede, la fede ha un senso e si partecipa alla sua vita di vittoria. Perché questo? Perché il vecchio uomo è impossibile, non può sottomettersi alla legge di Dio; ma quando siamo stati liberati da lui, per mezzo della partecipazione alla morte di Cristo, siamo mandamenti di Dio e di fare la sua volontà. Non vedi, ora, questa meravigliosa soluzione sia per le difficoltà? sia per l'enigma? Se... crediamo che vivremo anche con lui e non altrimenti! Non senza considerarci, per la fede, morti con Lui. Perché siamo giunti a questa conclusione: che uno solo morì per tutti, quindi tutti morirono (2 Cor. 5:14). Si tratta, ora, di avere chiaro che siamo morti con Cristo, di appropriarcene,per la fede, e di comportarci in ogni cosa come tali, come quelli che non hanno niente da dire, che non hanno una propria volontà da fare; allora avremo la vittoria! Ma ora siamo stati sciolti dai legami della legge, essendo morti a quella che ci teneva soggetti... (Rom. 7:6). È noto a tutti che Cristo è morto, ma che noi siamo morti e che questa morte può divenire attiva in noi, rappresenta un fatto poco conosciuto. Che molti possano conoscerlo e appropriarsene! Siamo morti a quello che ci teneva prigionieri, ma chi ci teneva prigionieri? La potenza del peccato con i suoi desideri e le sue concupiscenze, il vecchio uomo con la menzogna, la collera, la gelosia, la maldicenza, l'irritabilità, le preoccupazioni, l'avarizia, i cattivi pensieri, il non poter sopportare gli altri ecc. Volere strappare e sradicare tutte queste cose non servirebbe a niente, anche disfacendosene, forse, in una certa misura, esse rispuntano. Allora c'è una sola via di uscita perfetta e benedetta: puoi essere crocifisso con Cristo e morire a tutto quello che ti tiene prigioniero e di cui sei schiavo. Se tu strappi le foglie di un albero in estate, altre spunteranno perché c'è della vita e dell'attività nell'albero; ma quando l'inverno arriva, tu non hai bisogno di toccare le foglie con un dito, cadono lo stesso, perché in quel periodo una specie di morte entra nella natura e per tutto il tempo che questa morte dura non rispunta niente. 9 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

10 Che sia ben presto la fine dell'autunno per la tua natura peccatrice, caro lettore, accompagnata da un abbondante caduta di foglie! Si che possa esserci un inverno eterno per la tua carne e un'estate eterna per il tuo spirito! Che il tuo sole sorga, come dice Isaia, per non tramontare più! Amen. 17. Reso conforme a lui nella sua morte Affinché possa conoscere... la comunione delle sue sofferenze, essendo reso conforme a lui nella sua morte (Fil.3:10); perché se siamo divenuti una stessa cosa con lui per una morte somigliante alla sua, lo saremo anche per una resurrezione simile alla sua (Rom. 6:5). Le sofferenze che ci rendono simili a lui nella sua morte sono le sofferenze citate a pag. 11, 4 capov. n. 2. Le sofferenze che derivano dalla rinunzia a se stessi e dalla morte sulla croce della nostra volontà. La gloria e la luce nella resurrezione dei morti saranno molto differenti (1 Cor. 15:41-42) saranno proporzionali alla nostra unione con Lui, alla conformità nella sua morte, durante il tempo della grazia quaggiù. Da parte sua Paolo aveva appreso molto dalla vita di Cristo, quello che non aveva ancora afferrato era questa piena e completa unione con Lui nella sua morte; egli perseguì questo scopo e cercò di raggiungerlo, la stessa cosa dobbiamo fare anche noi. Quando ci consideriamo fedelmente, giorno dopo giorno, anno dopo anno, crocifissi con Cristo, se restiamo sulla croce, allora si produce veramente, poco a poco, una morte del peccato. Sulla croce saremo resi simili a Cristo e nella misura in cui saremo resi simili a Lui, lo spirito in noi sarà reso simile alla sua vita di gloria. Alla resurrezione dei morti riceveremo un corpo glorificato che corrisponderà alla vita di gloria della quale il nostro spirito avrà partecipato quaggiù, nel corso della nostra vita; cioè nella misura in cui noi saremmo stati resi simili a lui nella sua morte. La conformità nella sua morte diventerà conformità di vita. Se una tale morte non si produce realmente nella nostra vita ne deriva il fatto che, in verità, non crediamo a questa morte. 18. Considerarsi come realmente morti al peccato Così anche voi fate conto d'esser morti al peccato, ma viventi a Dio in Cristo Gesù (Rom. 6:11). Non si deve considerare questo fate conto di come se non si trattasse di una morte reale. Le parole fate conto di non si trovano nel testo originale. Se crediamo che la Parola vuoi dire che siamo realmente viventi per Dio, allora dobbiamo, allo stesso modo, credere che dobbiamo essere realmente morti al peccato. Le parole fate conto d'essere morti significano: come realmente morti o come quelli che sono veramente morti. Ecco giustamente il punto cruciale (in questa questione come per il cristianesimo in generale): bisogna che ci sia del reale, del vero! Quando si è più o meno increduli, come sfortunatamente lo è la maggioranza, si legge subito come morti come se fosse scritto simili o rassomiglianti alla morte. 10 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

11 Ecco il problema, perché cercare di essere morto o sembrare morto? Migliaia di persone hanno ritenuto ciò vano e con ragione. È perché non hanno ricevuto parte al mistero di credersi realmente morti con Cristo, hanno spesso abbandonato il desiderio di ricevere una piena vittoria su tutto il peccato. Come può dunque un uomo, realizzare d'essere crocifisso con Cristo. Unicamente per la fede! Per la fede nell'opera compiuta, per la fede che la nostra vera morte al peccato fa parte dell'opera compiuta, per la fede nei versetti della Scrittura che si riferiscono a questo argomento. È questo mistero della fede che si tratta di mantenere in una coscienza pura. Allora non come se, ma veramente, realmente. 19. Battezzati nella sua morte Ignorate voi che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? (Rom. 6:3). Si ce ne sono sfortunatamente molti che non lo sanno; la maggioranza sa appena che è battezzata per poter dire che è battezzata e non sa niente altro. Ma il battesimo non è soltanto qualcosa che bisogna fare, ma esso è invece l'impegno di una buona coscienza con Dio (1 Pt. 3:21). Chi è battezzato fa un'alleanza o un contratto con Dio. A quale scopo? Per morire a se stessi, per mantenere crocifissa ogni giorno la carne, con i suoi desideri e le sue passioni, perché la propria volontà sia condannata completamente a morte e venga giustiziata con fedeltà ogni volta che si ripresenta; perché il vecchio uomo venga detronizzato e rimanga in tale stato, per poter camminare in novità di vita. È impossibile riuscirvi in un altro modo. Noi siam dunque stati con lui seppelliti mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita (Rom. 6:4). Noi siamo battezzati in Lui che è morto per noi e siamo battezzati per morire a noi stessi e al peccato, sulla croce del Golgota. 20. Voi siete morti...: Fate dunque morire! Col. 3/3-9 In verità noi siamo tutti morti nel e per mezzo del corpo di Cristo o almeno dovremmo tutti essere morti ed è proprio per questo che ognuno deve avere cura, ora, che ciò si realizzi veramente per la fede. Per questo Paolo dice: Fate dunque morire!. Abbi cura, ora, che questo si realizzi realmente in te! Che cosa deve morire? Tutto! Tutto quello che non appartiene a Dio! Tutto quello che viene dalla carne! Perciò viene detto ai versetti 8 e 9: Ma ora deponete anche voi tutte queste cose (cioè le opere della carne): ira, collera, malignità, maldicenza e non vi escano di bocca parole disoneste, non mentite gli uni agli altri (non son che alcuni esempi) poiché avete svestito l'uomo vecchio coi suoi atti, si tratta di un ordine per tutto il popolo di Dio: Fate dunque morire!. Che ognuno possa alzarsi per rispondere all'appello. 21. La morte agisce in noi 11 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

12 Portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo; poiché noi che viviamo, siamo sempre esposti alla morte per amore di Gesù, onde anche la vita di Gesù sia manifestata nella nostra carne mortale. Talché la morte opera in noi... (2 Cor. 4:10-12). L'azione della morte è quella di far morire, di condurre nel regno dei morti. In senso generale conduce una persona dopo l'altra nel regno dei morti. Anche spiritualmente si è condotti individualmente alla morte sulla croce del Golgota. Ma l'azione di questa morte non consiste nel condurci individualmente nella morte, una volta per sempre, ma il nostro io è condotto in questa morte sempre più. È in questo modo che la nostra santificazione progredisce e siamo chiamati a ricercarla. L'espressione dei versetti sopracitati è molto significativa: Portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù. In ogni momento dobbiamo avere questa morte a portata di mano per potere incessantemente consegnare alla morte tutto il nostro essere affinché la vita di Cristo possa manifestarsi nella nostra carne mortale, perché chi perde la propria vita ritroverà, per mezzo della morte, la vita di Cristo. Così, la morte opera in noi, distrugge l'io e lo rende libero all'azione dello Spirito, al pensiero e alla vita di Cristo che ci riempiono così di più in più. 22. Se muore... In verità, in verità io vi dico che se il granello di frumento caduto in terra non muore, rimane solo ma se muore produce molto frutto. Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserverà in vita eterna (Giov. 12:24-25). Sì, se muore! Ecco il problema! Ma quanti uomini non sono attaccati ai loro beni? Quanti non si difendono? Quanti non cercano di mantenere e curare la propria vita?!! E tutto questo a loro rovina! Più o meno tutti gli uomini pensano che bisogna difendere e mantenere i propri beni il meglio possibile e per tale scopo usano tutta la loro intelligenza, forza e capacità. Credono che si deve arrivare più in alto possibile in questo mondo e non pensano che è proprio il contrario che è vantaggioso. I versetti precedenti spiegano il motivo per cui Gesù parlò così. Egli rispose in questo modo ad alcuni Greci che volevano vederlo. Gesù capiva molto bene che i loro pensieri andavano in una falsa direzione, pensavano di vedere una persona particolarmente grande, brillante e nobile, una specie di signore come ne avevano già conosciuti, solamente ancora più grande! Ma chi era Gesù? Era un maestro che andava in un'altra direzione, un maestro nell'abbassamento! Era dolce e umile di cuore e non aveva un aspetto da attirare i nostri sguardi, ben presto giunse alla fine del cammino, crocifisso su una croce, fuori della città, sul Golgota, con un brigante per lato, rifiutato e abbandonato dagli uomini e infine anche da Dio! Perché caro lettore, se vuoi abbandonare l'intero tuo essere e come il granello di frumento, per tutto il tempo della tua vita, cadere in terra e morire allora non avrai vissuto inutilmente su questa terra, ma porterai molto frutto come lo portava Gesù. Quali frutti enormi la sua vita (la sua morte) ha portato! 12 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

13 23. Sulla croce moriamo ugualmente alle opere religiose, umane, carnali Quello che vale, dice Paolo, è l'essere una nuova creatura. Quello che non vale e non sussisterà è innanzitutto il peccato, poi è la volta di tutto il resto, di tutto quello che non appartiene alla nuova creatura. Dobbiamo anche morire a tutto ciò che possiamo qualificare come opere umane, esse devono cessare! E questo costituisce già un capitolo a parte! Che grande numero di opere e di invenzioni umane che hanno origine da buone intenzioni, ma causano lo stesso del danno perché tutte queste cose sono fuori della Parola. Chi parla nell'assemblea deve parlare come la Parola di Dio e chi fa qualcosa deve anche farlo in armonia con la Parola di Dio. All'inizio del discorso si possono mettere tutti i sistemi e i partiti religiosi con le loro ricche invenzioni! Che cosa sono dunque le chiese e le comunità religiose? Una vana opera degli uomini! In quale passo della Bibbia se ne parla? Citare capitolo e versetto! Che cosa sono, per esempio, le chiese di stato, le chiese battiste, le chiese pentecostali, ecc.? Citare capito e versetto! Che cosa significa farsi chiamare prete o pastore dopo avere frequentato certe scuole ed avere dato alcuni esami? Citare capitolo e versetto! Non è altro che vanità, uno strumento per guadagnarsi la vita, il desiderio di dirigere, di dominare, e una inutile follia! Tutto ciò è utile e necessario? No! È un peso, un inciampo, una vanità e una sciocchezza. Sì, è una sciocchezza ridicola! E quando i pastori assumono un tono di voce particolare per pregare allora si comportano agli occhi delle persone spirituali come dei buffoni; puoi sentire il loro desiderio di sollevarsi al di sopra degli altri. Si deve appartenere a un partito, avere una denominazione ed essere iscritti nel registro di un'assemblea, dicono. Ma dove è scritto questo? Citare capitolo e versetto! A quale denominazione appartenevano i primi apostoli e cristiani? Citare capitolo e versetto! No, mio caro amico ben intenzionato, ma così ignorante malgrado il tuo sapere, questa è una menzogna. Non abbiamo bisogno di questo come non ne avevano bisogno i primi cristiani. Al contrario, queste cose sono causa di perdite indicibili e inimmaginabili. I partiti sono opera della carne (Gai. 5:19-21), del peccato manifesto delle opere del diavolo. Bisogna dire che sarebbe veramente troppo audace dire che sono necessari per fare progredire il regno di Dio in questa terra! C'è una enorme quantità di opere umane tra il popolo di Dio, qui ne abbiamo dato solo qualche semplice esempio a mo' di introduzione. Non sono le persone del mondo che si oppongono di più alle verità di Dio, no, ancora oggi, come ai tempi di Gesù, sono le persone religiose che si oppongono di più alla verità, e soprattutto le guide religiose per le quali la religione è un mezzo per guadagnarsi la vita; esse difendono il loro pane quotidiano invece di amare la verità. Com'è doloroso, com'è spregevole! Perché avevano gridato: Toglilo di mezzo! Crocifiggilo!? perché Gesù li aveva talmente amati che aveva detto loro la verità! 13 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

14 24. Riconciliare ambedue in un corpo unico con Dio, mediante la croce Ef. 2:16 È estremamente difficile conciliare le persone, specialmente sui punti principali e sulle cose più importanti. Quando questa impresa riesce, si considera un capolavoro; ma in Gesù Cristo siamo chiamati a divenire uno, completamente e in ogni punto, come le membra di uno stesso corpo, uniti gli uni con gli altri e uniti con Dio. Possiamo dire che gli uomini sono impossibili, litigano e si combattono e sono disuniti sia nelle grandi che nelle piccole cose, per tutto il tempo che vivono! Sì, quest'ultima espressione per tutto il tempo che vivono, rappresenta il punto cruciale; per questa ragione Cristo ci ha preso con Lui nel e per mezzo del corpo di cui si è vestito sul legno della croce. Possiamo dire, spiritualmente parlando, che i chiodi della croce ci attraversano la carne e che trattengono tutti i credenti insieme. Quando possiamo vedere questo per la fede e ritenerlo con fermezza, solo allora ci potrà essere una vera unità, una unità durevole e che cresce costantemente. Nello stesso modo che la nostra crocifissione con Cristo rappresenta l'unione di ciascuno di noi con Dio, rappresenta anche l'unione di ognuno con gli altri. Che magnifica parola la croce! Che potenza e che azione meravigliosa! 25. Se fate morire... e non altrimenti Perché se vivete secondo la carne voi morrete; ma se mediante lo Spirito fate morire le opere del corpo, voi vivrete (Rom.8:13). Vivere secondo la carne è la stessa cosa che compiere i desideri della carne (Ga. 5:16), o di fare le opere della carne, è la stessa cosa che fare il peccato o violare la legge; una violazione delle leggi divine che si conosce in anticipo. Se continuiamo a vivere secondo la carne, a vivere nel peccato, noi moriremo; ma quando non viviamo secondo la carne, quando abbiamo cioè crocifisso la carne con i suoi desideri e le sue passioni, siamo allora crocifissi a tutto quello che sappiamo essere peccato. E se mortifichiamo le opere del corpo, mediante lo Spirito, allora vivremo. Le opere del corpo sono un'altra cosa delle opere della carne. Le opere della carne indicano tutte le cattive azioni che conosciamo come tali ancora prima di farle; mentre le opere del corpo indicano ogni azione che una luce più grande ci rivela come cattiva, dopo che noi l'abbiamo fatta. I peccati ai quali la nostra mente, o il nostro io illuminato non ha partecipato sono le opere del corpo. Due cose sono necessarie per vivere e per seguire Cristo: 1) che non viviamo più secondo la carne e che deponiamo le sue opere. 2) Che le opere del corpo siano uccise (giudicate, che ce ne allontaniamo) ogni volta che vengono alla luce. 1) Che non facciamo più quello che sappiamo che è cattivo. 2) Che continuamente smettiamo di fare quello che ho potuto constatare che era cattivo dopo un'azione. Non possiamo odiare e crocifiggere quello che non sappiamo che è cattivo, ma possiamo e dobbiamo crocifiggere secondo la luce che abbiamo ricevuto. 14 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

15 26. Vuoi morire a te stesso? In che modo può realizzarsi? Per mezzo della fede. Ora è scritto: Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna (la vita vittoriosa) alla quale sei stato chiamato (1 Tim. 6:12), Quali devono essere la santità della vostra condotta e la vostra pietà! (2 Pt. 3:11). Ma ognuno capisce che non c'è nessuno che cerca di afferrare questa fede, di essere crocifisso a qualche cosa che desidera mantenere; di conseguenza prima di poter afferrare la fede per essere crocifisso con Cristo, dobbiamo essere stanchi di noi stessi e di tutto ciò che ci appartiene. Sì, dobbiamo essere spossati di fatica a causa del peccato e di tutte le nostre azioni, in modo da essere riconoscenti di potere essere crocifisso con Cristo, riconoscenti di riceverlo come Maestro e conduttore della nostra vita. Quando abbiamo questa intenzione, allora Dio avrà anche cura di darci l'occasione di afferrare la fede per essere crocifissi con Cristo. Due cose sono, dunque, necessarie per essere crocifissi con Cristo: 1) II volere! 2) II credere! 27. Gli immensi effetti di essere crocifisso con Cristo Una vita vittoriosa Sfortunatamente ce ne sono pochi che credono ad una vita di vittoria. Molti vi hanno provato, ma hanno abbandonato come un caso disperato, senza darsene poi alcun pensiero. Non c'è niente di cui stupirsi quando si ignora che è possibile essere crocifissi con Cristo, che è possibile morire mentre siamo ancora in vita. È impossibile vincere il peccato se non siamo crocifissi con Cristo; il vecchio uomo non può vincere, qualunque sia il suo sforzo o l'aria pia che possiede, ma, al contrario, può essere crocifisso e detronizzato. Quando non crediamo che il vecchio uomo è crocifisso è impossibile vincere, al contrario quando invece crediamo che è crocifisso, è impossibile peccare. L'uno o l'altro, le due cose non possono essere presenti allo stesso tempo; se la crocifissione è presente, allora il peccato è lontano, ma se il peccato è presente allora la crocifissione è lontana. Il riposo in Dio Uno dei più grandi beni, in questo mondo, è di avere il riposo in Dio, d'essere calmi e fiduciosi in mezzo ad ogni difficoltà, attraverso ogni tempesta della vita, nelle angosce e nelle avversità, e in ogni specie di situazione dolorosa. Questo è assolutamente impossibile senza essere crocifissi con Cristo. Ma gli empi sono come il mare in burrasca che non può calmarsi, e le cui acque cacciano fuori fango e pantano. Non c'è pace per gli empi, dice il mio Dio (Is. 57:20-21). 15 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

16 Il vecchio uomo è impossibile, è talmente agitato che non può riposarsi, ha molte preoccupazioni perché ci sono molte cose che deve considerare e che teme di perdere, è pieno di dubbi e di diffidenza. Il vecchio uomo è condannato a morte ed è per questo che c'è continuamente paura ed inquietudine in lui. Sì, esaltiamo Dio per questa salvezza unica e questa liberazione eccezionale; Crocifisso con Cristo! Ora ci sarà pace, riposo e sicurezza; ora entreremo nel riposo di Dio e saremo come Gesù quando dormiva nella barca durante la tempesta sul lago di Gennesaret. Crescita Non c'è crescita spirituale senza la crocifissione della carne; se non siamo crocifissi con Cristo, viviamo secondo la carne, sotto la legge, siamo schiavi della legge e del peccato e non facciamo alcun progresso. Possiamo acquistare maggiori conoscenze bibliche, imparare a comportarci bene e a parlare bene, ma la crescita spirituale è malata e contaminata, non facciamo che peccare e chiedere perdono, peccare e chiedere perdono... e ciò fino all'infinito! È nella natura delle cose che le vecchie abitudini appaiano e ricompaiano quando il vecchio uomo vive ed opera; ma un simile fatto è in opposizione assoluta con il termine di crescita. Si può parlare, in verità, di una crescita spirituale dopo che ci siamo visti, per la fede, crocifissi sulla croce con Cristo. La vita nell assemblea È così caratteristico quello che si dice in un cantico: Se siamo sulla croce, possediamo lo Spirito di unità e di amore, e in altro cantico ancora: Com'è dolce riunirsi quando la carne è crocifissa. Sì, in quel momento c'è l'edificazione e molte altre buone cose, allora i rapporti reciproci, che sono veramente la cosa più difficile, divengono benedetti. Così come una sola persona non può avanzare sul cammino senza essere sulla croce con tutto quello che gli appartiene, allo stesso modo un'assemblea non può crescere insieme senza che ognuno sia crocifisso. E in altri termini, la chiesa del Dio vivente, il corpo di Cristo, consiste solo di persone che sono o che saranno crocifisse con Cristo, altrimenti il corpo non può crescere, il vecchio uomo che non è crocifisso glielo impedisce. Conclusione Coloro che disprezzano il poco ma necessario inizio, la fede che Cristo è stato crocifisso per noi, e quelli che esaltano questo inizio ma rifiutano o disprezzano la grande conseguenza, cioè la fede d'essere crocifisso con Cristo, sono ambedue sciocchi. Che Dio possa, in questo tempo, rivelare questo mistero benedetto della fede a molti cuori affamati e languidi! Amen. Elias Aslaksen 16 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo www.aiutobiblico.org pagina 1 Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo filename:50-0308.a01 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org la Cosa più Eccellente Fratelli, noi siamo stati creati a immagine di

Dettagli

L UMILTÀ DI CRISTO (Filippesi 2 : 5, 8)

L UMILTÀ DI CRISTO (Filippesi 2 : 5, 8) L UMILTÀ DI CRISTO (Filippesi 2 : 5, 8) Introduzione Finora, nel nostro studio della lettera ai Filippesi, abbiamo visto l enorme privilegio che abbiamo di partecipare al vangelo. Dio ha iniziato la buona

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Il significato della croce (salvezza-conversione) 1. pasqua, considereremo invece la sua risurrezione. Nel sermone di stamani parleremo

Il significato della croce (salvezza-conversione) 1. pasqua, considereremo invece la sua risurrezione. Nel sermone di stamani parleremo Pietro Ciavarella Il significato della croce P. 1/10 Il significato della croce (salvezza-conversione) 1 Oggi 2 vogliamo considerare la croce di Cristo. Domenica prossima, il giorno di pasqua, considereremo

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

QUELLO CHE E' NATO DA DIO VINCE IL MONDO

QUELLO CHE E' NATO DA DIO VINCE IL MONDO Domenica 9 dicembre 2012 QUELLO CHE E' NATO DA DIO VINCE IL MONDO 1 GIOVANNI 5:4 Tutto quello che è nato da Dio vince il mondo, e questa è la vittoria che ha vinto il mondo, la nostra fede. Giovanni sta

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Dopo aver ascoltato la predicazione del vangelo di Cristo (Giovanni 6:45; Atti 2:37; Romani 10:17; Atti 16:32); dopo aver creduto che Gesù è il

Dopo aver ascoltato la predicazione del vangelo di Cristo (Giovanni 6:45; Atti 2:37; Romani 10:17; Atti 16:32); dopo aver creduto che Gesù è il Dopo aver ascoltato la predicazione del vangelo di Cristo (Giovanni 6:45; Atti 2:37; Romani 10:17; Atti 16:32); dopo aver creduto che Gesù è il Cristo, il Figlio del Dio vivente (Giovanni 11:27; Matteo

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

www.chiesaevangelicaitaliana.ch

www.chiesaevangelicaitaliana.ch Apoc.1: 18 io sono il primo e l'ultimo, e il Vivente; e fui morto, ma ecco son vivente per i secoli dei secoli, e tengo le chiavi della morte e dell'ades. Gesù è vivente Chi conosce le piramidi di Egitto?

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Odiare il Male. filename: odiamale.i02 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org. Introduzione. Odiare il Male

Odiare il Male. filename: odiamale.i02 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org. Introduzione. Odiare il Male Odiare il Male filename: odiamale.i02 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org Introduzione Quanti tossicodipendenti conoscete che hanno più di 50 anni? Ce ne sono pochi, perché la maggior parte di loro

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

PRENDERE LA PROPRIA CROCE

PRENDERE LA PROPRIA CROCE PRENDERE LA PROPRIA CROCE Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25 Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà;

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Domande e risposte sommarie sulla fede cristiana evangelica 1. Chi ti ha creato? Mi ha creato Dio. 2. Che cosa ha fatto d'altro? Egli ha pure creato ogni altra

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

Cominciamo a comprendere che ciò che intende la Parola di Dio per elemosina ha poco a che vedere con ciò che spesso intendiamo noi.

Cominciamo a comprendere che ciò che intende la Parola di Dio per elemosina ha poco a che vedere con ciò che spesso intendiamo noi. L'elemosina o la misericordia verso gli uomini Secondo la Bibbia l'elemosina è gesto di bontà dell'uomo per il suo fratello, essa è imitazione degli atti di Dio che, per primo ha mostrato bontà verso l'uomo.

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD)

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD) ARCIDIOCESI DI UDINE UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA La coppia cristiana: segno di speranza pomeriiggiio dii spiiriitualliità famiilliiare domenica 27 aprile 2014 CASA ESERCIZI SPIRITUALI

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità Per un alleanza educativa Scuola-Genitori 29 Settembre 2012: Le relazioni familiari oggi:dalla mia famiglia alle famiglie Mt 13,53-58

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2 (Da Revisionare) Apocalisse 12:7 E ci fu una battaglia nel cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono, 8 ma non vinsero, e per loro non ci fu

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

La grazia in Gesù Cristo

La grazia in Gesù Cristo La Grazia Quando si pensa alla grazia, si pensa perlopiù al perdono. E poiché tutti abbiamo peccato, tutti abbiamo bisogno della grazia. Ecco perché tutte le persone sotto il peso del peccato amano sentire

Dettagli

Settembre 2014: Nello Spirito Santo pienezza di vita ADORAZIONE EUCARISTICA

Settembre 2014: Nello Spirito Santo pienezza di vita ADORAZIONE EUCARISTICA PREGHIERA IN PREPARAZIONE AL CONVEGNO DI SACROFANO 2015 Per la Grazia del Sacramento del Matrimonio. Quale unità e relazione degli sposi: con il Vescovo pastore e sposo della Chiesa, tra le coppie di sposi,

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli