Sono stato crocifisso con Cristo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono stato crocifisso con Cristo"

Transcript

1 Introduzione Che Lui sia stato crocifisso è una cosa, ma che noi siamo crocifissi è tutt'altra cosa. Allo stesso modo, una cosa è che Lui abbia fatto la volontà di Dio, ma che noi la facciamo è una cosa totalmente differente! Lui non è stato crocifisso per noi per dispensarci dall'essere crocifissi, ma perché noi siamo crocifissi con Lui. Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le scritture (1 Cor. l5:3). Ma egli era ferito per i nostri pecc a ti, spezzato per le nostre iniquità; il castigo che ci da la pace è caduto su lui... (Is. 53:5). Che Cristo sia stato crocifisso per noi, che sia morto per i nostri peccati, che il castigo del peccato sia caduto su lui, lo sappiamo tutti, ma che noi siamo stati crocifissi con Lui e che ora, per mezzo della fede, possiamo e dobbiamo realizzarlo nella nostra vita, è qualcosa di molto sconosciuto di cui la maggioranza non ha sentito parlare, alcuni lo hanno inteso solo vagamente, pochi sono occupati a compierlo e pochissimi hanno ricevuto la grazia per realizzarlo nella loro vita. Questo opuscolo è stato scritto con lo scopo che molti possano riuscirci. Possa tu riuscirci caro lettore. 1. Sono stato crocifisso Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo ma è Cristo che vive in me, e la vita che ora vivo nella carne, la vivo nella fede nel figliuolo di Dio che mi ha amato e che ha dato se stesso per me (Gal.2:20). Poiché noi non viviamo più nello stesso modo, non viviamo più per noi stessi (2 Cor.5:15), ma per gli altri! Sì, questo è il centro del cristianesimo, il solido fondamento della fede in Cristo. Da molto tempo questo non è più vero per ognuno di noi e non ci sono che disfatte e sconfitte. Da molto tempo si vive per se stessi e non c'è che miseria perché in noi, nella nostra carne, non c'è niente di buono. Nessuno ha in sé la forza necessaria per calcare i passi di Cristo, per fare la volontà di Dio, per mantenere i comandamenti di Dio. Ogni uomo è, secondo la carne, completamente corrotto, incorreggibile, impotente e insopportabile. Più ci si sforza di fare il bene, più si scopre che non c'è speranza. Che faremo di un simile uomo, così insopportabile e corrotto dalla testa ai piedi? Con questa esperienza e questa conoscenza, con questa pena e in questa angoscia Dio ci mostra che noi siamo stati crocifissi con Cristo e che non è solamente il nostro atto di accusa che fu inchiodato sul legno della croce (Col.2:14), ma anche il debitore, il colpevole stesso. Ciò è incluso nell'opera di Cristo. Il Padre valuta così. È così, ma la maggior parte delle persone non l'ha mai né visto né sperimentato, non è mai arrivata al punto in cui lo poteva affermare in verità, come Paolo: Io sono stato crocifisso con Cristo, non vivo più per me stesso. Non si può dirlo, non si dovrebbe soprattutto dirlo quando da molto tempo non si vive una vita di vittoria. Se per esempio io sono offeso, arrabbiato, molto preoccupato, inquieto e dico che non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me, è come se dicessi che è Cristo a essere offeso, arrabbiato, preoccupato e inquieto, che è Cristo che pecca, sarebbe davvero un'affermazione audace! 1 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

2 Chi può veramente vivere in questo mondo una vita completamente vittoriosa? Tutti quelli che, per mezzo della fede, sono crocifissi con Cristo, tutti quelli che non vivono più per se stessi! È questa posizione, caro lettore, che si tratta di prendere e di conservare, dopo avere ricevuto la grazia di occuparla. Sono delle cose grandi e incomprensibili! Ma Dio è altrettanto grande e il suo nome è Ammirabile! È Proprio lui che nella sua bontà ha considerato buono di chiamarci a una così grande causa e che farà una grande opera in noi (1 Tess. 5:23-24). 2. Il nostro vecchio uomo è stato crocifisso Sapendo che il nostro vecchio uomo è stato crocifisso con lui, affinché il corpo del peccato fosse annullato per cui noi non serviamo più al peccato (Rom.6:6). Sapendo che dice Paolo alla chiesa di Roma, ma a chi si può scrivere così oggi? Chi sa realmente che il suo vecchio uomo è stato crocifisso con Cristo? Mi sta a cuore che la maggior parte possibile possa ricevere giustamente questa conoscenza, questo intendimento, questa esperienza. Perché? Perché questo è così efficace! Quando Cristo fu crocifisso, quella volta, il nostro vecchio uomo fu crocifisso con lui, umanamente parlando non ce ne erano molti che furono inchiodati sulla stessa croce del Golgota. Come, allora, il nostro vecchio uomo poteva essere inchiodato sulla stessa croce, nello stesso tempo? E prima ancora che noi fossimo nati? Perché Gesù fu realmente figlio dell'uomo, e come tale ricevette realmente carne e sangue e una propria volontà come noi. È questa volontà che Lui vinse e condannò e così il Padre considera che il nostro vecchio uomo è stato crocifisso con lui, che noi morimmo nel e per mezzo del corpo di Cristo. Beato chi può vedere ciò! Egli ha scoperto il segreto del Vangelo, la chiave per ogni vittoria e ogni gloria! La crocifissione del nostro vecchio uomo che Gesù ha compiuto al Golgota, deve ora realizzarsi in ciascuno di noi. Che cosa s'intende con il nostro vecchio uomo? Che la nostra mente è legata a quello che sappiamo essere peccato e che il nostro corpo lo esegue. Questo può e deve essere crocifisso e spogliato (Ef. 4:22; Col. 3:8). Non possiamo evidentemente crocifiggere e spogliarci oggi di qualche cosa che non sappiamo essere peccato, ciò costituirebbe un non senso! Ma dal momento in cui riceviamo luce su una tale cosa noi possiamo e dobbiamo crocifiggerla e spogliarcene. Tutto quello che si chiama peccare proviene dal vecchio uomo. È per questo che un spogliarsi completo dal vecchio uomo è la stessa cosa di una vittoria completa sul peccato fin dove arriva la luce. 3. Hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri Ga. 5:24 Che cosa è dunque crocifisso? La carne con le sue passioni e i suoi desideri, dice Paolo, questo maestro nella fede e nella verità, pieno di saggezza. Che cosa sarà allora inefficace? La carne. Quali sono allora le opere che cessano? Le opere della carne, quelle che ha giustamente citato nei precedenti versetti da 19 a 21: 2 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

3 Ora le opere della carne sono manifeste e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria, inimicizie, discordia, gelosia, ire, contese, divisioni, sette, invidie, ubriachezze, gozzoviglie e altre simili cose; circa le quali io vi prevengo come anche vi ho già prevenuti, che quelli che fanno tali cose non erediteranno il regno di Dio. L'espressione e altre simili cose ci rivela che le opere della carne sono molte di più e che le opere citate sopra non costituiscono che qualche esempio. Citiamo altre opere della carne che sono molto ricorrenti: la menzogna, il furto, l'adulazione, l'ipocrisia, la maldicenza, l'ingiustizia, la crudeltà, l'impazienza, il rancore, i mormoni, le lamentele, la vanità, l'orgoglio, l'avidità, la cupidigia, il sospetto. Dov'è il limite? Il limite per ciascuno in particolare è la luce che possiede in quel momento, la propria coscienza. Quello che si fa contro la propria convinzione sono le opere della carne o le opere del vecchio uomo. Non mentite gli uni agli altri essendovi spogliati del vecchio uomo e delle sue opere (Col. 3:9). Se per esempio ci si arrabbia per una causa qualsiasi, o si adula il ricco nella speranza di riceverne un dono, ciò mostra che la carne non è crocifissa, che il vecchio uomo non è detronizzato, naturalmente si sa che la collera e l'adulazione sono dei peccati e generalmente lo si sa. 4. Maledetto chiunque è appeso al legno Ga. 3:13 Quando il nostro vecchio uomo è crocifisso con Cristo è la stessa cosa che essere, secondo la carne, come uomo naturale, maledetto agli occhi di Dio. Si tratta ora d'essere ugualmente ai nostri occhi un essere maledetto secondo la carne, in modo da porre un termine a tutto ciò che ci appartiene e non appoggiarci mai più sulla nostra intelligenza o sui nostri sentimenti. Così spariscono molte grandezze immaginate ed anche molte discussioni e questioni. Chi si considera come un essere maledetto secondo la carne ha trovato la giusta via e questo lo rende gradevole sia agli occhi di Dio che degli uomini. Prima di tutto, questo aiuta ognuno di noi in particolarmente ad essere realmente crocifisso con Cristo. 5. Il mondo è crocifisso per me, come io lo sono per lui Ma quanto a me non sia mai che io mi glori d'altro che della croce del Signore nostro Gesù Cristo, mediante la quale il mondo, per me, è stato crocifisso, e io sono stato crocifisso per il mondo (Gai.6:14). La croce di Cristo è in verità la sola cosa di cui possiamo gloriarci! Perché su questa croce fu crocifisso un giorno il nostro vecchio uomo e su questa croce abbiamo ora l'occasione di essere crocifissi tutti insieme. Si tratta di cogliere l'occasione. È una doppia crocifissione benedetta e potente che si verifica. Io crocifiggo il mondo, lo rifiuto ne deriva che il mondo a sua volta mi crocifigge cioè mi rifiuta. Così mi libero del mondo, ora è alla distanza desiderata, sufficientemente lontano! Si forma un abisso fra il mondo e i suoi desideri e i miei nuovi desideri che aspirano al divino e all'eterno e non più alle cose temporali. 3 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

4 Come è buona e necessaria questa crocifissione! Ed è proprio perché manca veramente che c'è una miseria estrema nel cuore e nella vita della maggioranza dei figli di Dio. Si è lontano dall'avere la capacità di comprensione di Paolo, al contrario si vive in questo inquietante e grande malinteso secondo il quale si tratta di tenersi molto vicino al mondo, il più vicino possibile senza tuttavia caderci completamente. Ci sono dei grandi vantaggi, si pensa, ma è precisamente il contrario! 6. Lo scandalo della croce Lo scandalo della croce non deve sparire (Gal.5:11), dobbiamo prendere su noi il disonore, la vergogna e la persecuzione che accompagnano la croce (Gal.6:12). Noi predichiamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei i credenti... (1 Cor. 1:23). Quello che è scandaloso per i credenti non è il fatto che Cristo sia stato crocifisso, ma è il più grande e profondo significato della croce: il fatto che essa è sinonimo della nostra crocifissione, che tutto quello che ci appartiene è impietosamente rifiutato, che non c'è niente in noi, anche nel migliore, che potrebbe essere utilizzato o messo in evidenza, che tutto deve essere assolutamente rifiutato, che non si deve rispettare niente in alcun modo. Ecco quello che è spiacevole! Più ci si compiace di se stessi, più si è intelligenti ai propri occhi, più ciò è fastidioso. Ma è la verità ed è certa e resterà in piedi integralmente, potentemente e per sempre! Che cosa deve restare in piedi con potenza, in maniera completa e salda? Che tutta la nostra natura appartiene alla morte, che è stata inchiodata alla croce da Gesù Cristo e che deve restarci. 7. La potenza della croce Affinché la croce di Cristo non sia resa vana (non perda la sua potenza, altra traduzione). La parola della croce è la potenza di Dio (1 Cor. l:17-18). Quale potenza si trova nella croce o nella parola della croce? Giustamente quella che annulla il nostro vecchio uomo e le sue opere, la potenza che ci libera dal peccato, che ci libera dalle opere della carne, che ci libera sia da quello che sappiamo già appartenere al peccato sia da quello che sapremo man mano appartenere al peccato. Naturalmente, la forza e la potenza della croce, l'opera della croce, è la crocefissione. I chiodi della croce trattengono colui che è crocifisso perché non scappi dove vuole, perché non possa scappare e muoia in poco tempo. L'opera che la croce compie è dunque di farci morire secondo la carne; prima di tutto moriamo una volta per sempre a noi stessi, al nostro grande e potente io, per quanto lo conosciamo, e poi moriamo a poco a poco al peccato, a mano a mano che ne riceviamo conoscenza e che, per mezzo della fede, lo crocifiggiamo. 8. Portare la propria croce E chi non porta la sua croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo (Luca 14: 27). Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso. Presero dunque Gesù ed egli, portando la sua croce, venne al luogo del Teschio che in ebraico si chiama Golgota (Giov. 19:16-17). 4 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

5 Portare la propria croce significa, e non può significare altrimenti, una sola cosa: collaborare alla propria crocifissione! Chi ha capito la necessità di essere crocifisso lo fa volentieri. Si crocifiggono dei criminali incorreggibili. Chi vuole portare la croce sulla quale sarà inchiodato lui stesso? Chi si considera, secondo la carne, come un criminale incorreggibile e che è perciò riconoscente di potere abbandonare la propria carnalità; tutti quelli che capiscono che sono proprio loro stessi l'ostacolo alla propria felicità e al proprio avanzamento sul cammino. 9. Ai piedi della croce o sulla croce? Si canta e si parla molto di venire ai piedi della croce nonostante che la Parola non ne parli; al contrario la Bibbia parla di essere crocifisso con Cristo, o in altre parole, d'essere sulla croce, ma generalmente di questo non se ne parla. Ai piedi della croce possono fermarsi ogni specie di persone, sulla croce pendono coloro che odiano a morte la propria vita e che amano Dio con tutto il loro cuore, costoro, per mezzo della fede, diventano partecipi della morte e della vita di Cristo e vogliono seguire ad ogni costo le sue orme. Ai piedi della croce si può ottenere il perdono dei peccati, ma non la vittoria sul peccato e su se stessi, ciò si ottiene sulla croce; quelli che sono ai piedi della croce possono peccare, sulla croce non lo si può più. Che molti, oggi, possano avere gli occhi aperti su questo mistero benedetto della fede! 10. Camminare da nemici della croce Guardate a coloro che camminano secondo l esempio che avete in noi, perché molti camminano, ve l'ho detto spesso e ve lo dico anche ora piangendo, da nemici della croce di Cristo; la fine dei quali è la perdizione, il cui Dio è il ventre e la cui gloria è in quel che torna a loro vergogna; gente che ha l'animo alle cose della terra (Fil.3:17-19). Si fa riferimento qui ad esempi degni di essere seguiti dalla chiesa; si tratta naturalmente di credenti. Paolo, spesso, aveva loro parlato del triste fatto che molti credenti si comportassero da nemici della croce di Cristo. Oggi accade la stessa cosa o anche peggio! Non si è nemici della verità che Cristo è stato crocifisso, ma si è nemici della croce di Cristo perché la sua opera è di crocifiggere la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Qui prende di mira tra l'altro, come abbiamo già citato, i desideri per ogni specie di bevanda, o vivanda deliziosa destinati al ventre e più generalmente i desideri per le cose terrene. Quando si vuole vivere per se stessi, si diventa naturalmente nemici di questa croce che ha lo scopo di crocifiggere l io. La Scrittura esorta ad accontentarsi del proprio stato, e dice che l'orgoglio della vita e l'amore del lusso non sono di Dio e che non abbiano l'amore di Dio in noi se amiamo il mondo o le cose che sono nel mondo (1 Gv. 2:15-17). Ogni desiderio per le cose della terra deve morire sulla croce. Se non vogliamo abbandonare queste cose, ma, al contrario, curare il proprio ventre a regola d'arte dedicarci a vivere bene e ad aspirare a tutto quello che è grande, raffinato e splendido in questo mondo, a tutto quello che ha bella apparenza, allora siamo naturalmente nemici della croce di Cristo poiché la morte aleggia sopra tutte queste cose. 5 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

6 O possiamo fare anche un esempio diverso. Se per esempio si domina su di una assemblea e si desidera continuare così, allora si è naturalmente un nemico della Parola che dice di non dominare, della Parola che dice che chi vuole essere il primo sia il servitore e lo schiavo di tutti, un nemico di questa croce che deve far morire il desiderio di dominare. Si considera la buona tavola e riuscire nella vita e dominare come qualcosa di grande, ecco l'errore. Che molti, in questo tempo, possano capire e vedere come queste cose sono insignificanti, ma anche come la pietà con un animo contento del proprio stato è una grande fonte di guadagno! (1 Tim. 6:6-11) 11. Le tre persone crocifisse e i loro discepoli E quando furono giunti al luogo detto il Teschio, crocifissero quivi Lui e i malfattori, l'uno a destra e l'altro a sinistra. E uno dei malfattori appesi lo ingiuriava, dicendo: Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi! Ma l'altro, rispondendo, lo sgridava e diceva: Non hai tu nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio? E per noi è cosa giusta perché riceviamo la degna pena dei nostri fatti, ma costui non ha fatto nulla di male. E diceva: Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno! E Gesù gli disse: Io ti dico in verità che oggi tu sarai con me in Paradiso. (Luca 23:33, 39-43) Sulla croce del centro era appeso il Figlio di Dio perché si era fatto volontariamente figlio dell'uomo e aveva partecipato, come noi, alla carne e al sangue, perché si era rivestito di una propria volontà umana, come noi, e non aveva mai fatto questa volontà, ma la rinnegava tutto il tempo e faceva la volontà del Padre; perché non aveva mai peccato e amava tutti gli uomini e voleva salvarli e diceva loro la verità. Eccolo crocifisso, proprio Lui che per tutta la sua vita in questo mondo aveva portato la sua croce, rinnegato la propria volontà, che aveva vissuto sempre, spiritualmente parlando, da crocifisso, cioè dal momento in cui fu abbastanza grande da capirlo. Sulle altre due croci si trovavano i malfattori, delle persone che avevano fatto sempre la loro volontà e non quella di Dio, degli uomini che avevano vissuto nel peccato; nonostante tutto c'era una grande ed importante differenza fra questi due. Uno era duro ed incredulo, mentre l'altro era sensibile, riconoscente e credente, uno s'indurì e restò fuori mentre l'altro andò con Gesù in Paradiso. Nessuno dei due aveva seguito le orme di Cristo e non ne ricevettero più l'occasione; è lo stesso con tutti quelli che si convertono all'ultimo momento. Noi tutti dobbiamo cominciare, come uno dei malfattori, con la preghiera chiedendo la grazia o il perdono dei peccati. Cominciamo tutti come malfattori, ma se questo brigante è un modello per l'inizio della nostra salvezza, non è detto che sia un modello per il seguito. Molti sono chiamati ed hanno l'occasione di seguire colui che fu crocifisso al centro, di seguire le sue tracce, poiché non ha fatto la sua volontà, ma viveva sempre come se fosse crocifisso. Tutti gli uomini, che lo sappiano o no, seguono o si schierano dietro una di queste tre persone crocifisse. Quelli che per la grazia di Dio vincono, appartengono alla colonna del centro, quelli che non vincono, ma che riconoscono i loro peccati e ne chiedono perdono, appartengono all'altra colonna e quelli che si induriscono e non chiedono perdono, appartengono alla terza colonna. 6 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

7 È significativo che molti credenti considerano uno dei malfattori come il loro modello ed esempio e che vi trovarono la loro consolazione, esattamente come si consolano, per la stessa ragione, con la preghiera del pubblicano. È giusto che si deve necessariamente cominciare in questo modo, ma il grande torto è di pensare che si deve per forza, continuare così fino alla fine. È il posto con Cristo, sulla croce del centro, che è, sfortunatamente, così sconosciuto e così poco utilizzato! Quale dei tre vuoi seguire, ora, caro amico? 12. Scendi dalla croce! E coloro che passavano di lì, lo ingiuriavano, scotendo il capo e dicendo: Tu che disfai il tempio e in tre giorni lo riedifichi, salva te stesso, se tu sei Figliuol di Dio, scendi giù dalla croce!. Similmente i capi sacerdoti con gli scribi e gli anziani, beffandosi, dicevano: Ha salvato altri e non può salvare se stesso!... scenda ora giù dalla croce e noi crederemo in Lui! (Mat.27:39-42). Avrebbe potuto scendere dalla croce, ma restare sulla croce, questo era lo scopo. Allo stesso modo si deridono quelli che seguono Cristo perché non possono, come gli altri, vivere per se stessi, secondo le proprie voglie, ma devono costantemente rinunciare alla propria volontà. O meglio non lo devono, ma l'hanno scelto, lo desiderano perché questa è la volontà di Dio e perché la cosa migliore per essi. Anche noi saremo ben accolti e amati se solamente discendessimo dalla croce per essere come tutti gli altri, ma preferiamo molto di più seguire Cristo. 13. Rinunciare a se stessi Allora Gesù disse ai suoi discepoli: Se uno vuoi venire dietro a me, rinunzi a se stesso e prenda la sua croce e mi segue (Mat. 16:24). Diceva poi a tutti: Se uno vuoi venire dietro a me, rinunzi a se stesso; prenda ogni giorno la sua croce e mi segua (Luc.9:23). Vediamo da questi passi che non è naturale seguire Cristo, anche se siamo convertiti. Al contrario, rimane il grande problema anche quando siamo diventati suoi discepoli. Ma se qualcuno vuole realmente seguirlo, allora riceverà delle istruzioni chiare su quello che deve fare per riuscire. Il grande problema è e resta, da quando siamo nati, cosa facciamo con la nostra volontà; tutto gira intorno a questo! Tutti abbiamo una potente e complessa volontà propria che resiste a quella di Dio! È chiaro allora che queste due volontà opposte non possono farsi nello stesso tempo, se faccio la mia volontà trasgredisco quella di Dio, invece se faccio la volontà di Dio trasgredisco, rinnego e crocifiggo la mia volontà. Se voglio seguire lo stesso cammino di Gesù, la via che egli ha aperto, devo rinunciare ogni giorno alla mia volontà e portare la croce sulla quale essa sarà inchiodata, perché Gesù lo faceva. Questi sono i suoi insegnamenti. 7 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

8 Le sofferenze di Cristo e quelle di coloro che lo seguono possono essere suddivise in tre specie: 1) le sofferenze fisiche; 2) Gesù soffriva perché era tentato (Eb, 2:18-5:7), dunque le sofferenze derivano dalla rinunzia alla propria volontà; 3) le sofferenze per tutti quelli che non vogliono accettare la sua parola e la sua salvezza. Cristo visse come una persona crocifissa per tutta la sua vita (Eb.12:2) e insegna ciò ai suoi discepoli con il proprio esempio. Quando si dice che Dio ha condannato il peccato nella carne (Roma, 8:3), significa che Cristo ha rinunciato alla sua volontà e che l'ha condannata perché non potesse mai adempiersi Essere crocifisso con Cristo significa, allo stesso modo, dire nella pratica quotidiana, continuamente, No, no e ancora No ogni volta che siamo tentati. Assentire e dire Si, si significherebbe scendere dalla croce. È attraverso ogni specie di tentazioni che entreremo nella vita, dobbiamo dire continuamente No alla nostra volontà, si tratta di essere fedeli, di non fare eccezioni e di non stancarsi mai di dire No. 14. Morti ai nostri peccati Egli, che ha portato egli stesso i nostri peccati nel suo corpo, sul legno, affinché, morti al peccato, vivessimo per la giustizia... (1 Pt. 2:24). Che Cristo sia morto è una cosa, ma che noi moriamo è tutta un'altra cosa; ma giustamente è per questo che Cristo è morto, dice Pietro. Come possiamo morire mentre siamo ancora in vita? Considerandoci crocifissi con Lui, crocifissi a tutto quello che si oppone alla volontà, al pensiero, allo spirito, alla bontà e alla giustizia di Dio per poter vivere liberamente per la giustizia, come dice Pietro. Se, una volta che siamo crocifissi, ci restiamo fedelmente allora morremo di certo al peccato. È proprio vero quello che si dice spesso nell'incredulità, che pecchiamo tutto il tempo che viviamo, ma solamente se lo si interpreta bene cioè tutto il tempo che viviamo per noi stessi e che non siamo crocifissi con Cristo allora si pecca tutto il tempo e non si può fare altrimenti. Ma ora c'è, per mezzo della fede, l'occasione di morire mentre si è in vita, l'occasione di morire al peccato; noi che siamo morti al peccato, come vivremmo ancora in esso? (Rom. 6:2). 15. Perdere la propria vita per Cristo Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà, ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà (Mat.16:25), noi pure dobbiamo dare la nostra vita per i fratelli (1 Giov.3:16). Generalmente tutti hanno paura di perdere la vita e fanno di tutto per salvarla dalla morte naturale. Solo eccezionalmente è necessario perdere la propria vita in questo senso, ma se fosse necessario si dovrebbe farlo. Cristo ha perduto la propria vita, in questo modo, per noi. Ma tuttavia è nel senso spirituale che questa parola ha il più grande significato; che cosa significa, allora, spiritualmente parlando, perdere la propria vita? La nostra volontà è la nostra vita, perciò il testamento di un uomo morente si chiama la sua ultima volontà. 8 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

9 Abbandonare la propria volontà, rinnegarla o offrirla, significa perdere la propria vita, lasciare la propria vita. Se la volontà di un'altra persona si fa al posto della mia, allora è realmente la vita dell'altra che si manifesta mentre la mia vita si perde. Se la nostra vita fisica ci venisse presa, sarebbe lo stesso la volontà di un altro che si farebbe e non la nostra. Per questo questa parola è scritta insieme a rinunziare a se stesso e portare la propria croce. Dove abbiamo l'occasione di perdere la nostra vita, la nostra volontà? Sulla croce!. C'è sempre la stessa ed unica soluzione: Sono crocifisso con Cristo. Che questa parola possa essere profondamente impressa nel cuore di ognuno. 16. Morto con Cristo Ora se siamo morti con Cristo, noi crediamo che altresì vivremo con Lui (Rom. 6:8); se moriamo con lui, con lui, anche vivremo (2 Tim. 2:11). Vivere con lui non significa ricevere solo la vita eterna, ma significa, in fondo, vincere con lui e come lui, seguire le sue tracce. La maggioranza pensa che ciò è impossibile su questa terra (abbiamo spiegato il motivo per cui non si crede né ad una vita vittoriosa, né che siamo morti con lui) ma quando ci si crede, la fede ha un senso e si partecipa alla sua vita di vittoria. Perché questo? Perché il vecchio uomo è impossibile, non può sottomettersi alla legge di Dio; ma quando siamo stati liberati da lui, per mezzo della partecipazione alla morte di Cristo, siamo mandamenti di Dio e di fare la sua volontà. Non vedi, ora, questa meravigliosa soluzione sia per le difficoltà? sia per l'enigma? Se... crediamo che vivremo anche con lui e non altrimenti! Non senza considerarci, per la fede, morti con Lui. Perché siamo giunti a questa conclusione: che uno solo morì per tutti, quindi tutti morirono (2 Cor. 5:14). Si tratta, ora, di avere chiaro che siamo morti con Cristo, di appropriarcene,per la fede, e di comportarci in ogni cosa come tali, come quelli che non hanno niente da dire, che non hanno una propria volontà da fare; allora avremo la vittoria! Ma ora siamo stati sciolti dai legami della legge, essendo morti a quella che ci teneva soggetti... (Rom. 7:6). È noto a tutti che Cristo è morto, ma che noi siamo morti e che questa morte può divenire attiva in noi, rappresenta un fatto poco conosciuto. Che molti possano conoscerlo e appropriarsene! Siamo morti a quello che ci teneva prigionieri, ma chi ci teneva prigionieri? La potenza del peccato con i suoi desideri e le sue concupiscenze, il vecchio uomo con la menzogna, la collera, la gelosia, la maldicenza, l'irritabilità, le preoccupazioni, l'avarizia, i cattivi pensieri, il non poter sopportare gli altri ecc. Volere strappare e sradicare tutte queste cose non servirebbe a niente, anche disfacendosene, forse, in una certa misura, esse rispuntano. Allora c'è una sola via di uscita perfetta e benedetta: puoi essere crocifisso con Cristo e morire a tutto quello che ti tiene prigioniero e di cui sei schiavo. Se tu strappi le foglie di un albero in estate, altre spunteranno perché c'è della vita e dell'attività nell'albero; ma quando l'inverno arriva, tu non hai bisogno di toccare le foglie con un dito, cadono lo stesso, perché in quel periodo una specie di morte entra nella natura e per tutto il tempo che questa morte dura non rispunta niente. 9 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

10 Che sia ben presto la fine dell'autunno per la tua natura peccatrice, caro lettore, accompagnata da un abbondante caduta di foglie! Si che possa esserci un inverno eterno per la tua carne e un'estate eterna per il tuo spirito! Che il tuo sole sorga, come dice Isaia, per non tramontare più! Amen. 17. Reso conforme a lui nella sua morte Affinché possa conoscere... la comunione delle sue sofferenze, essendo reso conforme a lui nella sua morte (Fil.3:10); perché se siamo divenuti una stessa cosa con lui per una morte somigliante alla sua, lo saremo anche per una resurrezione simile alla sua (Rom. 6:5). Le sofferenze che ci rendono simili a lui nella sua morte sono le sofferenze citate a pag. 11, 4 capov. n. 2. Le sofferenze che derivano dalla rinunzia a se stessi e dalla morte sulla croce della nostra volontà. La gloria e la luce nella resurrezione dei morti saranno molto differenti (1 Cor. 15:41-42) saranno proporzionali alla nostra unione con Lui, alla conformità nella sua morte, durante il tempo della grazia quaggiù. Da parte sua Paolo aveva appreso molto dalla vita di Cristo, quello che non aveva ancora afferrato era questa piena e completa unione con Lui nella sua morte; egli perseguì questo scopo e cercò di raggiungerlo, la stessa cosa dobbiamo fare anche noi. Quando ci consideriamo fedelmente, giorno dopo giorno, anno dopo anno, crocifissi con Cristo, se restiamo sulla croce, allora si produce veramente, poco a poco, una morte del peccato. Sulla croce saremo resi simili a Cristo e nella misura in cui saremo resi simili a Lui, lo spirito in noi sarà reso simile alla sua vita di gloria. Alla resurrezione dei morti riceveremo un corpo glorificato che corrisponderà alla vita di gloria della quale il nostro spirito avrà partecipato quaggiù, nel corso della nostra vita; cioè nella misura in cui noi saremmo stati resi simili a lui nella sua morte. La conformità nella sua morte diventerà conformità di vita. Se una tale morte non si produce realmente nella nostra vita ne deriva il fatto che, in verità, non crediamo a questa morte. 18. Considerarsi come realmente morti al peccato Così anche voi fate conto d'esser morti al peccato, ma viventi a Dio in Cristo Gesù (Rom. 6:11). Non si deve considerare questo fate conto di come se non si trattasse di una morte reale. Le parole fate conto di non si trovano nel testo originale. Se crediamo che la Parola vuoi dire che siamo realmente viventi per Dio, allora dobbiamo, allo stesso modo, credere che dobbiamo essere realmente morti al peccato. Le parole fate conto d'essere morti significano: come realmente morti o come quelli che sono veramente morti. Ecco giustamente il punto cruciale (in questa questione come per il cristianesimo in generale): bisogna che ci sia del reale, del vero! Quando si è più o meno increduli, come sfortunatamente lo è la maggioranza, si legge subito come morti come se fosse scritto simili o rassomiglianti alla morte. 10 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

11 Ecco il problema, perché cercare di essere morto o sembrare morto? Migliaia di persone hanno ritenuto ciò vano e con ragione. È perché non hanno ricevuto parte al mistero di credersi realmente morti con Cristo, hanno spesso abbandonato il desiderio di ricevere una piena vittoria su tutto il peccato. Come può dunque un uomo, realizzare d'essere crocifisso con Cristo. Unicamente per la fede! Per la fede nell'opera compiuta, per la fede che la nostra vera morte al peccato fa parte dell'opera compiuta, per la fede nei versetti della Scrittura che si riferiscono a questo argomento. È questo mistero della fede che si tratta di mantenere in una coscienza pura. Allora non come se, ma veramente, realmente. 19. Battezzati nella sua morte Ignorate voi che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? (Rom. 6:3). Si ce ne sono sfortunatamente molti che non lo sanno; la maggioranza sa appena che è battezzata per poter dire che è battezzata e non sa niente altro. Ma il battesimo non è soltanto qualcosa che bisogna fare, ma esso è invece l'impegno di una buona coscienza con Dio (1 Pt. 3:21). Chi è battezzato fa un'alleanza o un contratto con Dio. A quale scopo? Per morire a se stessi, per mantenere crocifissa ogni giorno la carne, con i suoi desideri e le sue passioni, perché la propria volontà sia condannata completamente a morte e venga giustiziata con fedeltà ogni volta che si ripresenta; perché il vecchio uomo venga detronizzato e rimanga in tale stato, per poter camminare in novità di vita. È impossibile riuscirvi in un altro modo. Noi siam dunque stati con lui seppelliti mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita (Rom. 6:4). Noi siamo battezzati in Lui che è morto per noi e siamo battezzati per morire a noi stessi e al peccato, sulla croce del Golgota. 20. Voi siete morti...: Fate dunque morire! Col. 3/3-9 In verità noi siamo tutti morti nel e per mezzo del corpo di Cristo o almeno dovremmo tutti essere morti ed è proprio per questo che ognuno deve avere cura, ora, che ciò si realizzi veramente per la fede. Per questo Paolo dice: Fate dunque morire!. Abbi cura, ora, che questo si realizzi realmente in te! Che cosa deve morire? Tutto! Tutto quello che non appartiene a Dio! Tutto quello che viene dalla carne! Perciò viene detto ai versetti 8 e 9: Ma ora deponete anche voi tutte queste cose (cioè le opere della carne): ira, collera, malignità, maldicenza e non vi escano di bocca parole disoneste, non mentite gli uni agli altri (non son che alcuni esempi) poiché avete svestito l'uomo vecchio coi suoi atti, si tratta di un ordine per tutto il popolo di Dio: Fate dunque morire!. Che ognuno possa alzarsi per rispondere all'appello. 21. La morte agisce in noi 11 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

12 Portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo; poiché noi che viviamo, siamo sempre esposti alla morte per amore di Gesù, onde anche la vita di Gesù sia manifestata nella nostra carne mortale. Talché la morte opera in noi... (2 Cor. 4:10-12). L'azione della morte è quella di far morire, di condurre nel regno dei morti. In senso generale conduce una persona dopo l'altra nel regno dei morti. Anche spiritualmente si è condotti individualmente alla morte sulla croce del Golgota. Ma l'azione di questa morte non consiste nel condurci individualmente nella morte, una volta per sempre, ma il nostro io è condotto in questa morte sempre più. È in questo modo che la nostra santificazione progredisce e siamo chiamati a ricercarla. L'espressione dei versetti sopracitati è molto significativa: Portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù. In ogni momento dobbiamo avere questa morte a portata di mano per potere incessantemente consegnare alla morte tutto il nostro essere affinché la vita di Cristo possa manifestarsi nella nostra carne mortale, perché chi perde la propria vita ritroverà, per mezzo della morte, la vita di Cristo. Così, la morte opera in noi, distrugge l'io e lo rende libero all'azione dello Spirito, al pensiero e alla vita di Cristo che ci riempiono così di più in più. 22. Se muore... In verità, in verità io vi dico che se il granello di frumento caduto in terra non muore, rimane solo ma se muore produce molto frutto. Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserverà in vita eterna (Giov. 12:24-25). Sì, se muore! Ecco il problema! Ma quanti uomini non sono attaccati ai loro beni? Quanti non si difendono? Quanti non cercano di mantenere e curare la propria vita?!! E tutto questo a loro rovina! Più o meno tutti gli uomini pensano che bisogna difendere e mantenere i propri beni il meglio possibile e per tale scopo usano tutta la loro intelligenza, forza e capacità. Credono che si deve arrivare più in alto possibile in questo mondo e non pensano che è proprio il contrario che è vantaggioso. I versetti precedenti spiegano il motivo per cui Gesù parlò così. Egli rispose in questo modo ad alcuni Greci che volevano vederlo. Gesù capiva molto bene che i loro pensieri andavano in una falsa direzione, pensavano di vedere una persona particolarmente grande, brillante e nobile, una specie di signore come ne avevano già conosciuti, solamente ancora più grande! Ma chi era Gesù? Era un maestro che andava in un'altra direzione, un maestro nell'abbassamento! Era dolce e umile di cuore e non aveva un aspetto da attirare i nostri sguardi, ben presto giunse alla fine del cammino, crocifisso su una croce, fuori della città, sul Golgota, con un brigante per lato, rifiutato e abbandonato dagli uomini e infine anche da Dio! Perché caro lettore, se vuoi abbandonare l'intero tuo essere e come il granello di frumento, per tutto il tempo della tua vita, cadere in terra e morire allora non avrai vissuto inutilmente su questa terra, ma porterai molto frutto come lo portava Gesù. Quali frutti enormi la sua vita (la sua morte) ha portato! 12 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

13 23. Sulla croce moriamo ugualmente alle opere religiose, umane, carnali Quello che vale, dice Paolo, è l'essere una nuova creatura. Quello che non vale e non sussisterà è innanzitutto il peccato, poi è la volta di tutto il resto, di tutto quello che non appartiene alla nuova creatura. Dobbiamo anche morire a tutto ciò che possiamo qualificare come opere umane, esse devono cessare! E questo costituisce già un capitolo a parte! Che grande numero di opere e di invenzioni umane che hanno origine da buone intenzioni, ma causano lo stesso del danno perché tutte queste cose sono fuori della Parola. Chi parla nell'assemblea deve parlare come la Parola di Dio e chi fa qualcosa deve anche farlo in armonia con la Parola di Dio. All'inizio del discorso si possono mettere tutti i sistemi e i partiti religiosi con le loro ricche invenzioni! Che cosa sono dunque le chiese e le comunità religiose? Una vana opera degli uomini! In quale passo della Bibbia se ne parla? Citare capitolo e versetto! Che cosa sono, per esempio, le chiese di stato, le chiese battiste, le chiese pentecostali, ecc.? Citare capito e versetto! Che cosa significa farsi chiamare prete o pastore dopo avere frequentato certe scuole ed avere dato alcuni esami? Citare capitolo e versetto! Non è altro che vanità, uno strumento per guadagnarsi la vita, il desiderio di dirigere, di dominare, e una inutile follia! Tutto ciò è utile e necessario? No! È un peso, un inciampo, una vanità e una sciocchezza. Sì, è una sciocchezza ridicola! E quando i pastori assumono un tono di voce particolare per pregare allora si comportano agli occhi delle persone spirituali come dei buffoni; puoi sentire il loro desiderio di sollevarsi al di sopra degli altri. Si deve appartenere a un partito, avere una denominazione ed essere iscritti nel registro di un'assemblea, dicono. Ma dove è scritto questo? Citare capitolo e versetto! A quale denominazione appartenevano i primi apostoli e cristiani? Citare capitolo e versetto! No, mio caro amico ben intenzionato, ma così ignorante malgrado il tuo sapere, questa è una menzogna. Non abbiamo bisogno di questo come non ne avevano bisogno i primi cristiani. Al contrario, queste cose sono causa di perdite indicibili e inimmaginabili. I partiti sono opera della carne (Gai. 5:19-21), del peccato manifesto delle opere del diavolo. Bisogna dire che sarebbe veramente troppo audace dire che sono necessari per fare progredire il regno di Dio in questa terra! C'è una enorme quantità di opere umane tra il popolo di Dio, qui ne abbiamo dato solo qualche semplice esempio a mo' di introduzione. Non sono le persone del mondo che si oppongono di più alle verità di Dio, no, ancora oggi, come ai tempi di Gesù, sono le persone religiose che si oppongono di più alla verità, e soprattutto le guide religiose per le quali la religione è un mezzo per guadagnarsi la vita; esse difendono il loro pane quotidiano invece di amare la verità. Com'è doloroso, com'è spregevole! Perché avevano gridato: Toglilo di mezzo! Crocifiggilo!? perché Gesù li aveva talmente amati che aveva detto loro la verità! 13 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

14 24. Riconciliare ambedue in un corpo unico con Dio, mediante la croce Ef. 2:16 È estremamente difficile conciliare le persone, specialmente sui punti principali e sulle cose più importanti. Quando questa impresa riesce, si considera un capolavoro; ma in Gesù Cristo siamo chiamati a divenire uno, completamente e in ogni punto, come le membra di uno stesso corpo, uniti gli uni con gli altri e uniti con Dio. Possiamo dire che gli uomini sono impossibili, litigano e si combattono e sono disuniti sia nelle grandi che nelle piccole cose, per tutto il tempo che vivono! Sì, quest'ultima espressione per tutto il tempo che vivono, rappresenta il punto cruciale; per questa ragione Cristo ci ha preso con Lui nel e per mezzo del corpo di cui si è vestito sul legno della croce. Possiamo dire, spiritualmente parlando, che i chiodi della croce ci attraversano la carne e che trattengono tutti i credenti insieme. Quando possiamo vedere questo per la fede e ritenerlo con fermezza, solo allora ci potrà essere una vera unità, una unità durevole e che cresce costantemente. Nello stesso modo che la nostra crocifissione con Cristo rappresenta l'unione di ciascuno di noi con Dio, rappresenta anche l'unione di ognuno con gli altri. Che magnifica parola la croce! Che potenza e che azione meravigliosa! 25. Se fate morire... e non altrimenti Perché se vivete secondo la carne voi morrete; ma se mediante lo Spirito fate morire le opere del corpo, voi vivrete (Rom.8:13). Vivere secondo la carne è la stessa cosa che compiere i desideri della carne (Ga. 5:16), o di fare le opere della carne, è la stessa cosa che fare il peccato o violare la legge; una violazione delle leggi divine che si conosce in anticipo. Se continuiamo a vivere secondo la carne, a vivere nel peccato, noi moriremo; ma quando non viviamo secondo la carne, quando abbiamo cioè crocifisso la carne con i suoi desideri e le sue passioni, siamo allora crocifissi a tutto quello che sappiamo essere peccato. E se mortifichiamo le opere del corpo, mediante lo Spirito, allora vivremo. Le opere del corpo sono un'altra cosa delle opere della carne. Le opere della carne indicano tutte le cattive azioni che conosciamo come tali ancora prima di farle; mentre le opere del corpo indicano ogni azione che una luce più grande ci rivela come cattiva, dopo che noi l'abbiamo fatta. I peccati ai quali la nostra mente, o il nostro io illuminato non ha partecipato sono le opere del corpo. Due cose sono necessarie per vivere e per seguire Cristo: 1) che non viviamo più secondo la carne e che deponiamo le sue opere. 2) Che le opere del corpo siano uccise (giudicate, che ce ne allontaniamo) ogni volta che vengono alla luce. 1) Che non facciamo più quello che sappiamo che è cattivo. 2) Che continuamente smettiamo di fare quello che ho potuto constatare che era cattivo dopo un'azione. Non possiamo odiare e crocifiggere quello che non sappiamo che è cattivo, ma possiamo e dobbiamo crocifiggere secondo la luce che abbiamo ricevuto. 14 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

15 26. Vuoi morire a te stesso? In che modo può realizzarsi? Per mezzo della fede. Ora è scritto: Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna (la vita vittoriosa) alla quale sei stato chiamato (1 Tim. 6:12), Quali devono essere la santità della vostra condotta e la vostra pietà! (2 Pt. 3:11). Ma ognuno capisce che non c'è nessuno che cerca di afferrare questa fede, di essere crocifisso a qualche cosa che desidera mantenere; di conseguenza prima di poter afferrare la fede per essere crocifisso con Cristo, dobbiamo essere stanchi di noi stessi e di tutto ciò che ci appartiene. Sì, dobbiamo essere spossati di fatica a causa del peccato e di tutte le nostre azioni, in modo da essere riconoscenti di potere essere crocifisso con Cristo, riconoscenti di riceverlo come Maestro e conduttore della nostra vita. Quando abbiamo questa intenzione, allora Dio avrà anche cura di darci l'occasione di afferrare la fede per essere crocifissi con Cristo. Due cose sono, dunque, necessarie per essere crocifissi con Cristo: 1) II volere! 2) II credere! 27. Gli immensi effetti di essere crocifisso con Cristo Una vita vittoriosa Sfortunatamente ce ne sono pochi che credono ad una vita di vittoria. Molti vi hanno provato, ma hanno abbandonato come un caso disperato, senza darsene poi alcun pensiero. Non c'è niente di cui stupirsi quando si ignora che è possibile essere crocifissi con Cristo, che è possibile morire mentre siamo ancora in vita. È impossibile vincere il peccato se non siamo crocifissi con Cristo; il vecchio uomo non può vincere, qualunque sia il suo sforzo o l'aria pia che possiede, ma, al contrario, può essere crocifisso e detronizzato. Quando non crediamo che il vecchio uomo è crocifisso è impossibile vincere, al contrario quando invece crediamo che è crocifisso, è impossibile peccare. L'uno o l'altro, le due cose non possono essere presenti allo stesso tempo; se la crocifissione è presente, allora il peccato è lontano, ma se il peccato è presente allora la crocifissione è lontana. Il riposo in Dio Uno dei più grandi beni, in questo mondo, è di avere il riposo in Dio, d'essere calmi e fiduciosi in mezzo ad ogni difficoltà, attraverso ogni tempesta della vita, nelle angosce e nelle avversità, e in ogni specie di situazione dolorosa. Questo è assolutamente impossibile senza essere crocifissi con Cristo. Ma gli empi sono come il mare in burrasca che non può calmarsi, e le cui acque cacciano fuori fango e pantano. Non c'è pace per gli empi, dice il mio Dio (Is. 57:20-21). 15 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

16 Il vecchio uomo è impossibile, è talmente agitato che non può riposarsi, ha molte preoccupazioni perché ci sono molte cose che deve considerare e che teme di perdere, è pieno di dubbi e di diffidenza. Il vecchio uomo è condannato a morte ed è per questo che c'è continuamente paura ed inquietudine in lui. Sì, esaltiamo Dio per questa salvezza unica e questa liberazione eccezionale; Crocifisso con Cristo! Ora ci sarà pace, riposo e sicurezza; ora entreremo nel riposo di Dio e saremo come Gesù quando dormiva nella barca durante la tempesta sul lago di Gennesaret. Crescita Non c'è crescita spirituale senza la crocifissione della carne; se non siamo crocifissi con Cristo, viviamo secondo la carne, sotto la legge, siamo schiavi della legge e del peccato e non facciamo alcun progresso. Possiamo acquistare maggiori conoscenze bibliche, imparare a comportarci bene e a parlare bene, ma la crescita spirituale è malata e contaminata, non facciamo che peccare e chiedere perdono, peccare e chiedere perdono... e ciò fino all'infinito! È nella natura delle cose che le vecchie abitudini appaiano e ricompaiano quando il vecchio uomo vive ed opera; ma un simile fatto è in opposizione assoluta con il termine di crescita. Si può parlare, in verità, di una crescita spirituale dopo che ci siamo visti, per la fede, crocifissi sulla croce con Cristo. La vita nell assemblea È così caratteristico quello che si dice in un cantico: Se siamo sulla croce, possediamo lo Spirito di unità e di amore, e in altro cantico ancora: Com'è dolce riunirsi quando la carne è crocifissa. Sì, in quel momento c'è l'edificazione e molte altre buone cose, allora i rapporti reciproci, che sono veramente la cosa più difficile, divengono benedetti. Così come una sola persona non può avanzare sul cammino senza essere sulla croce con tutto quello che gli appartiene, allo stesso modo un'assemblea non può crescere insieme senza che ognuno sia crocifisso. E in altri termini, la chiesa del Dio vivente, il corpo di Cristo, consiste solo di persone che sono o che saranno crocifisse con Cristo, altrimenti il corpo non può crescere, il vecchio uomo che non è crocifisso glielo impedisce. Conclusione Coloro che disprezzano il poco ma necessario inizio, la fede che Cristo è stato crocifisso per noi, e quelli che esaltano questo inizio ma rifiutano o disprezzano la grande conseguenza, cioè la fede d'essere crocifisso con Cristo, sono ambedue sciocchi. Che Dio possa, in questo tempo, rivelare questo mistero benedetto della fede a molti cuori affamati e languidi! Amen. Elias Aslaksen 16 COPYRIGHT STIFTELSEN SKJULTE SKATTERS FORLAG, NORWAY brunstad.org

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10).

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Vita Abbondante Corrado Salmé Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Nessuno uomo ha mai potuto dire queste parole, perché nessun uomo

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Novena a San Josemaría Escrivá LAVORO

Novena a San Josemaría Escrivá LAVORO Novena a San Josemaría Escrivá LAVORO www.josemariaescriva.info/opus_dei/novenalavoro.pdf 1 giorno LAVORO, cammino di santità Siamo venuti a richiamare di nuovo l'attenzione sull'esempio di Gesù che visse

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

LMC 25 ottobre 2003 - da GRUPPO LMC a COMUNITA LMC pag. 1

LMC 25 ottobre 2003 - da GRUPPO LMC a COMUNITA LMC pag. 1 At 4,31-33 Quand'ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano radunati tremò e tutti furono pieni di Spirito Santo e annunziavano la parola di Dio con franchezza. La moltitudine di coloro che eran

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli