La Borsa e la crescita del Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Borsa e la crescita del Paese"

Transcript

1 Massimo Capuano 63 La Borsa e la crescita del Paese Massimo Capuano Buongiorno, grazie per questo invito, grazie al Presidente Vietri per avermi invitato in questa occasione a parlare di Borsa. Intanto, e non per cercare di diminuire le mie responsabilità, nel momento in cui dice che sono l incarnazione della Borsa, non vorrei che prendeste l indicazione troppo sul serio; e quando vedete poi che la borsa scende o qualche investimento è andato male, mi riconosciate come colui che sta facendo andare male l investimento, e l indice di borsa. Non è così. Ora cercherò di darvi anche un indicazione di ciò che realmente penso che la Borsa sia e che, soprattutto nel nostro Paese, debba essere. Credo che sia un iniziativa veramente molto meritevole, anche per riuscire a trasmettere alcuni valori del nostro Paese anche e soprattutto partendo da una base come la vostra, dai primi passi di un training fatto in maniera molto aderente a quello che è la vita reale. Io ho preparato una breve presentazione che scorre nelle slide che vedete alla mia destra, ma siccome sono molto testuali mi diceva il dott. Vietri che la presentazione può essere messa a vostra disposizione. Andrò quindi a braccio aiutandomi con dei grafici. Per prima cosa vorrei presentare la borsa, perché la borsa non è più un luogo fisico con persone urlanti che scambiano domande, offerte, prezzi; ormai quella borsa non esiste più. Esiste soltanto in pochissime città, e una di queste, sembrerà strano a dirlo, è la capitale della finanza al mondo, la Borsa di New York. Alla Borsa Italiana, come in tutte le altre borse europee, non c è più una borsa fisica, quindi noi oggi gestiamo la borsa attraverso il computer, non c è più un luogo fi-

2 64 Conoscere la borsa sico, ma c è una borsa virtuale, i titoli si possono scambiare, comprare e vendere come ben sapete, perché lo fate anche voi in tutto il mondo attraverso i computer. Volevo presentare la Borsa. Oggi la Borsa è una società, un gruppo per meglio dire, perché raccoglie altre società. Nell ottobre del 2007 abbiamo perfezionato un accordo con la Borsa di Londra per cui oggi formiamo un unico gruppo, in cui però la Borsa Italiana (o Gruppo Borsa Italiana) mantiene la propria identità, mantiene le proprie prerogative come quelle di essere, anche per legge, l ente, ovvero l istituzione predisposta all ammissione di quotazioni e alla sorveglianza del mercato. Siamo all interno di questo gruppo, abbiamo ovviamente una serie di attività in comune tra le quali quella di attirare capitali e investimenti per le imprese italiane. La Borsa non è soltanto mercato azionario, gestiamo altri mercati: il mercato dei derivati, il mercato obbligazionario, il mercato dei derivati sull energia elettrica. È un gruppo, per darvi un indicazione, che fattura più o meno 700 milioni di sterline, con più o meno un primo margine che è intorno ai 300 milioni ed è un gruppo quotato alla Borsa di Londra. La Borsa non è soltanto un luogo fisico, non è più un mercato di scambi ma è anche un impresa quotata. Oggi però parliamo della Borsa nel suo concetto vero, istituzionale ma non solo. La Borsa io la vedo prima di tutto come un motore che deve servire l industria, deve servire l impresa, deve servire l impresa per crescere e svilupparsi e poi è anche finanza. La finanza la possiamo vedere come il lubrificante per questo motore: è necessario, indispensabile altrimenti il motore grippa, però è qualche cosa che si aggiunge all elemento portante che deve essere il motore. Questa è la vera ragione d essere di una Borsa, far sì che l impresa possa trovare capitali di rischio per finanziare la propria crescita e il proprio sviluppo. Questo capitale di rischio viene messo a disposizione appunto dalla finanza. Nella prima parte

3 Massimo Capuano 65 della mia presentazione, volevo quindi inquadrare la Borsa e il finanziamento della crescita. Ecco, considerate che nel nostro Paese, parlando dell Italia, al contrario che in tanti altri paesi europei, la Borsa è sempre stata per certi aspetti un po vista marginalmente rispetto al concetto di crescita e sviluppo dell impresa. Per prima cosa l impresa italiana, storicamente, ha sempre visto l imprenditore come primo motore di sviluppo; l impresa italiana familiare cresceva ed è cresciuta con un forte autofinanziamento attraverso le banche; soltanto in tempi più recenti la Borsa ha iniziato a essere utilizzata come motore dell impresa. Allora, come possiamo inquadrare un cammino virtuoso per un impresa? L impresa non nasce grande di per sé. L impresa nasce da un idea, un mercato di riferimento, nasce poi ovviamente dalla passione e dal lavoro dell imprenditore e di tutti coloro che lavorano in quella impresa, ma ha bisogno di capitali. Ora, in un cammino virtuoso ci sono vari stadi nei quali l impresa ha bisogno di capitali: c è un capitale iniziale che serve proprio per i primi passi, c è un capitale che serve a stabilizzare l impresa nella sua attività giornaliera (il circolante serve anche a questo), poi c è un capitale per lo sviluppo quando l azienda raggiunge un certo grado, (c è forse una slide che fa vedere come l impresa ha bisogno di diversi tipi di capitale per crescere). La Borsa fornisce un certo tipo di capitale, che direi indispensabile a una determinata impresa per poter crescere. Qual è il momento in cui un impresa idealmente ha bisogno della Borsa per aprire il proprio capitale? Quando è di fronte a uno sviluppo importante, e ciò vale anche ovviamente per un azienda piccola dove ci sono capitali che possono sembrare limitati però importanti: deve ricorrere a una patrimonializzazione, deve ricorrere ai capitali di rischio. Perchè ricorre al capitale di rischio e non utilizza le altre fonti che abbiamo detto prima, la fonte di autofinanziamento piuttosto che quella di un indebitamen-

4 66 Conoscere la borsa to bancario? Perché l autofinanziamento ha certi limiti: sia per famiglie molto facoltose, perché ovviamente avrebbero un esposizione al rischio impegnativa, sia per le banche che ovviamente prestano soldi che poi devono rientrare. Due sono gli elementi che condizionano lo sviluppo di un impresa: il primo è l elemento tempo e l altro l elemento costo. L elemento tempo perché in ogni caso i tempi della finanza molte volte sono distanti o sono diversi dai tempi dell industria; i tempi della finanza sono dettati da elementi quali il fatto che a fronte di un credito si debba avere una raccolta fondi, che ha tempi completamente diversi da quelli di uno sviluppo di un progetto industriale, e ci sono inoltre dei costi del mercato monetario e non del mercato dei capitali. Abbiamo due mondi che non si confrontano. Quindi in quel momento serve proprio il capitale di rischio, che serve a fare un azienda più robusta per poter poi affrontare un progetto importante. Ecco che a quel punto può servire effettivamente l apertura del proprio capitale. Qual è la maniera migliore per raccogliere questo capitale? Oggi la maniera migliore per raccogliere questo capitale è proprio quello di cercare, di trovare un sistema per far sì che questo capitale sia il meno costoso possibile. Se mi dovessi rivolgere a una sola fonte per questo finanziamento, ovviamente mi troverei in una situazione un po critica, perché il prezzo lo farebbe lui che sa che ho bisogno, mette a disposizione la sua liquidità e a quel punto il prezzo lo fa lui. La cosa migliore è andare in Borsa, come si suol dire, aprire il proprio capitale e cercare, per raccogliere questo capitale, di trovare il prezzo migliore. Oggi, sia nell ambito dell Euro, sia nell ambito dell Unione Europea, sia nell ambito della finanza ancora più globale, c è la possibilità, effettivamente, di raccogliere il capitale al più basso costo possibile. Ed è proprio quello che fa un imprenditore che apre il proprio capitale alla Borsa. Ripeto, nel nostro paese per molto tempo ci siamo trovati

5 Massimo Capuano 67 in una situazione in cui le imprese avevano difficoltà o timore, qualche volta, ad aprire il proprio capitale di rischio e si sono rivolte alla banca. La banca fornisce capitali sotto un altra forma. Questo vuol dire che nel momento in cui io sono, per esempio, all interno di un progetto di sviluppo, che ha ovviamente un certo grado di rischio, se ho capitale di rischio posso anche non remunerarlo, i dividenti li continuo a tenere in azienda in attesa che quel progetto con una portata biennale o triennale inizi a portare profitti. Invece, con un prestito o un accredito che ho preso da una banca, non c è niente da fare: ogni tre o sei mesi o ogni anno devo pagare gli interessi, sia che il progetto sia andato a buon fine, sia che il progetto non sia andato a buon fine. Quindi ci troviamo veramente con due mondi, che hanno delle risposte diverse rispetto al progetto che io come imprenditore ho in mente. Alcuni elementi che fanno sì che la Borsa possa effettivamente essere al centro di un meccanismo che crea valore, che sostiene lo sviluppo. Tante imprese hanno bisogno di questi capitali, e andando in Borsa creano un fabbisogno di capitali, ci saranno altrettanti investitori nazionali e internazionali che di questi capitali cercano una fonte d investimento, per avere una remunerazione. Questo è il meccanismo più virtuoso. In Borsa, ovviamente, ci si va per tanti altri motivi, questo è il motivo più classico e virtuoso, è il motore dello sviluppo. Però se noi pensiamo a un sistema industriale italiano, fatto di tantissime piccole e medie imprese, la stragrande maggioranza a carattere familiare, il famoso made in Italy, il modello del distretto è formato e basato su questa caratteristica del sistema produttivo italiano. Ecco, tutto questo sistema di piccole e medie imprese, gioco forza prima o dopo si trova davanti a due grandi bivi. Il primo bivio è appunto un modello di crescita, che viene ad essere sempre di più sfidante, nel momento in cui la piccola e media impresa si trova a confronto con una competizio-

6 68 Conoscere la borsa ne globale, quindi deve a sua volta cercare un modello di crescita. Come fa a crescere una piccola o media impresa? Ripeto: il modello di sviluppo che prima citavo, cresce non soltanto per vie interne, ma anche per linee esterne attraverso aggregazioni, acquisizioni anche di altre piccole e medie imprese. Questo è un modello che in Italia non ha quasi mai funzionato. L Italia continua ad essere un paese che industrialmente è basato molto sulla piccola media impresa in tanti settori e ne vediamo tanti frammentati. È un vantaggio o uno svantaggio? È difficile dirlo. Nel senso che sicuramente un paese come il nostro non può per la sua collocazione, ormai stabile tra i primi otto paesi al mondo, non avere anche una grande impresa, azienda in senso lato. Ma dall altra parte il fatto di avere una base di piccole e medie imprese dà effettivamente al nostro sistema produttivo una flessibilità e capacità di adattamento, che in un momento di crisi come questo ci salvaguarda da altre situazioni drammatiche. Pensate alla Germania, paese di grandi imprese: nel momento in cui deve ristrutturare una grande impresa, deve fare fuori migliaia di dipendenti e operai, perché deve ristrutturare la grande azienda. La piccola e la media impresa ha dei meccanismi di flessibilità che sono in questo momento decisamente superiori. Però, dall altra parte, come dicevo, questo è il primo bivio: la crescita. Come cresco? Se cresco troppo aprendo il capitale, come dicono gli imprenditori, mi diluisco, e invece di possedere al 100% la mia impresa e fare ciò che voglio come se fossi nella mia famiglia, a quel punto la mia partecipazione all impresa scenderà, sarà al 70, al 60%. Io devo dirvi, sulla scorta dell esperienza personale di dieci anni in Borsa, che questo è uno degli argomenti di discussione con gli imprenditori italiani che più frequentemente tocchiamo. Per un imprenditore italiano scendere al 99% già è un trauma. Quando io dico che un azienda si riesce tranquillamente a controllare e gestire con il 51%, di-

7 Massimo Capuano 69 cono che questo non è possibile. Trovarsi intorno al tavolo del consiglio di amministrazione con degli estranei è veramente un primo shock, il massimo concepibile è avere come estranei il commercialista, l avvocato di fiducia, gli altri sono tutti familiari. Andare in Borsa, invece, vuol dire mettere attorno a questo tavolo degli altri personaggi che sono consiglieri di amministrazione anche dipendenti; allora la mia interlocuzione con loro serve a far capire che si possono anche avere delle ricchezze e dei valori avendo intorno al tavolo delle persone diverse dalla famiglia, che magari portano idee nuove e esperienze nuove e che questo arricchisce anche l impresa. Questo è veramente un gap culturale che c è, per esempio, rispetto all Inghilterra, alla Francia, alla Germania dove il numero delle piccole e medie imprese quotate è in alcuni casi da tre a quattro volte superiore. Questo è il secondo bivio. Secondo bivio che però si inserisce anche in un contesto generazionale. Perché l impresa familiare quando cresce, cresce con l imprenditore. Poi però c è un ciclo di vita che per l imprenditore a un certo punto termina, e c è il passaggio generazionale da gestire. In alcuni casi questo passaggio generazionale si rivela facile, perché madre natura, la genetica, il DNA, ha trasmesso quell imprinting imprenditoriale dal padre, al figlio o alla figlia, quindi c è una prosecuzione. Qualche altra volta non è detto che i figli vogliano fare esattamente le cose che i padri hanno fatto per tutta la vita, oppure ci sono figli che sono portati a fare altri mestieri. In questo caso, il valore azienda, e ripeto che è un valore per il Paese perché intorno all azienda ci sono gli impiegati, i collaboratori, i fornitori, i clienti, potrebbe ad un certo punto terminare. Cosa è successo molte volte in Italia? Questo piccolo o medio imprenditore, non avendo un passaggio da poter fare, da poter gestire, ha venduto. Ed ecco la storia di tante imprese familiari che sono state acquistate da società estere, perchè ci sono poi anche ov-

8 70 Conoscere la borsa viamente concorrenti internazionali che entrano. Perché ho parlato del passaggio generazionale con la Borsa? Perché è anche uno degli strumenti per gestire meglio il passaggio generazionale. Ci sono famiglie che alla terza generazione non hanno più solo l imprenditore che lavora, ma ci sono magari cinque, sei, dieci persone che insistono su quella azienda. Alcuni sono capaci, altri meno, vogliono uscire, ci sono tensioni per recuperare il capitale: la quotazione in Borsa è uno dei modi con cui si gestisce quella che viene chiamata l Exit, l uscita. La Borsa sicuramente serve per lo sviluppo, la crescita, serve soprattutto in un sistema di piccola e media impresa familiare, come quello italiano, anche per poter gestire un passaggio generazionale in questi termini. Il capitale che si raccoglie in Borsa ha ovviamente un costo, come dicevo prima, ha un costo che viene ad essere ottimizzato proprio per questa capacità che ha la Borsa di raccogliere investitori da tutto il mondo. Nel momento in cui c è il primo giorno di quotazione di una società, tutti gli investitori del mondo sostanzialmente contribuiscono a formare un prezzo per quel capitale raccolto. Se crediamo al meccanismo di mercato, cioè che il prezzo ottimale si formi incrociando domanda e offerta, ecco il prezzo ottimale al quale quell imprenditore può raccogliere il capitale. Questo è il meccanismo più virtuoso che possa servire ad un impresa per finanziare la propria crescita e il proprio sviluppo, questo è quello che dovrebbe essere realmente il ruolo della Borsa. Oggi voi mi potete dire che, a fronte di questo bellissimo discorso teorico che vi ho fatto, quello che si continua a vedere sono i titoli che crollano, gli investimenti, sia quelli fatti da privati, cioè dal risparmiatore individuale, sia quelli fatti da grandi fondi individuali istituzionali, fondi pensioni, che stanno tutti scendendo, quindi c è una distruzione di valore e non una creazione di valore. È verissimo e non ci possiamo fare nulla dal punto di vista di Borsa. Però, in un

9 Massimo Capuano 71 momento come questo, vi invito a considerare un aspetto che non è evidenziato tantissimo anche nelle discussioni di questi giorni, ed è il fatto che la Borsa (questo è un altro dei compiti istituzionali della Borsa) è stata in tutto questo periodo una fonte di liquidità a livello mondiale di estremo valore. Pensate cosa sarebbe successo se chiunque di voi avesse investito in un fondo, o anche avesse avuto necessità, dopo aver alimentato il proprio fondo pensione, di dover rientrare da questa liquidità. Andava in banca dal promotore finanziario, e chiedeva di riscattare la quota. Se non ci fosse stata per l investitore istituzionale la possibilità di smobilizzare andando in Borsa, trovando la liquidità, per ridarla al risparmiatore, il mondo sarebbe passato attraverso una crisi epocale. Se ricordate, quello è il momento in cui tutti dicevano al mondo che c era una crisi di liquidità. Neanche le banche tra di loro si prestano soldi, che è il massimo della sfiducia mondiale a cui si possa fare riferimento. Le Borse per tutto questo tempo hanno fornito liquidità a tutto il mondo. Chiunque di noi avesse avuto bisogno di soldi o fatto un investimento azionario o obbligazionario si rivolgeva al proprio intermediario, e costui andando in Borsa trovava immediatamente liquidità. Nel mondo in quel momento non c era nessun altro che dava liquidità, quindi non si riusciva a mettere in moto il meccanismo, tranne le banche centrali. Le banche centrali non prestano soldi a noi, le banche centrali prestano soltanto soldi alle banche, quindi ci sarebbe stato soltanto un grande blocco. Questa è un altra funzione forse non tanto sottolineata, però in questo momento di crisi tutte le Borse al mondo hanno svolto questo compito importante. Io passerei ora al secondo punto che riguarda l opportunità per il sistema Paese; ci sono alcune slide che, in un certo senso, cercano di dimostrare, anche con alcuni esempi numerici, come una società quotata fa crescere il benessere generale.

10 72 Conoscere la borsa Voi dovete ancora una volta fare un esercizio, anche se capisco che può essere un po difficile in questi giorni: vedere la borsa e il modello di sviluppo del mercato azionario della borsa esulandolo da quello che è il momento attuale. Cerchiamo di vederlo in un arco temporale proiettato, piuttosto che nel 2010, più avanti. Il nostro sistema paese ha espresso finora circa 350 società quotate, che è un numero limitatissimo, rispetto alla Francia che ne ha circa 1200, quasi quattro volte tanto, alla Germania che ne ha 900, quasi tre volte tanto, la Spagna che ne ha 400 ne abbiamo anche meno della Grecia, forse un poco di più della Svizzera, però se fate i confronti fra l economia italiana e quella greca c è qualche differenza. Ci troviamo veramente di fronte a un gap di società quotate, e voi potreste dire: questo è un problema tuo, sei tu che gestisci la Borsa. Questo cosa comporta? Per le cose che dicevo prima, e per altre che cercherò velocemente di approfondire, è anche un problema per il sistema paese. Per quale motivo? Un impresa che si quota, inizia ad avere un comportamento, se vogliamo, un po più virtuoso, da un punto di vista di sviluppo. L azienda che si quota, come dicevo prima, ha un progetto di sviluppo, vuole crescere, raccoglie capitali, già di per sé questo vuol dire che c è una spinta a fare sviluppo. Sviluppare vuol dire creare condizioni economiche più favorevoli, vuol dire assunzioni, vuol dire tutte una serie di cose che fanno sì che questo sviluppo abbia effettivamente un seguito. Da una ricerca che abbiamo fatto tra le aziende quotate, dopo un certo numero di anni, abbiamo potuto constatare che alcune società, una volta quotate, hanno rispettato l impegno, sono quindi cresciute e hanno diminuito la loro esposizione bancaria, sostanzialmente meno debiti e più capitale di rischio, cioè si sono patrimonializzate, sono diventate più robuste, con una struttura organizzata per poter

11 Massimo Capuano 73 raggiungere un certo obiettivo. Le aziende più patrimonializzate hanno fatto più crescita. Ma è successa un altra cosa interessante: mentre nel primo periodo sostanzialmente il loro indebitamento si è molto ridotto, poi è ripreso. Quindi anche il fattore competizione che talvolta si dice esserci tra banca e borsa, non è vero, perché è ovvio che anche per le banche questo è un vantaggio, perché si ritrovano di fronte un cliente che prima era piccolo, poco sofisticato, che chiedeva soltanto una linea di credito, ed ora è un cliente con altre esigenze, e sono esigenze che la banca soddisfa continuando anche a dare un certo tipo di prodotti per un impresa che è cresciuta. C è un altro elemento importante che è cresciuto di valore. L impresa che si quota ha un altro fattore benefico, che, quindi, migliora anche la struttura paese nel suo complesso. Per quotarsi un impresa ha bisogno di essere organizzata per il mercato, e organizzata per il mercato vuol dire che è un azienda che si è dotata di una struttura organizzativa, di un sistema di controllo di gestione, di sistemi di analisi, gestione e controllo del rischio, perché chi dà soldi a un impresa richiede almeno che questa impresa sia ben organizzata e che sia trasparente. Questo vuol dire che un impresa prima di quotarsi fa una sorta di check-up, e si organizza. L impresa familiare ha tanti meriti, ma certamente non si mette a fare delle organizzazioni troppo sofisticate, sistemi di controllo di gestione; l imprenditore dice: io la mia azienda la conosco come le mie tasche, non ho bisogno di queste cose. Riesco a capire a feeling dove stanno i principali punti critici. Questo invece rende un azienda più organizzata, ed è un valore, perché, ripeto, l imprenditore ha un bene importante, e però è anche un bene che si deve perpetuare: deve essere anche un bene che funziona in un certo territorio di riferimento perché è lì che crea benessere per impiegati, fornitori, imprenditori, eccetera.

12 74 Conoscere la borsa C è un terzo elemento favorevole, (e non lo dico perché c è qui presente il rappresentante della Guardia di Finanza), ma un azienda che si quota, diventando più trasparente, ha molto, molto meno, la possibilità di fare il nero. Quindi il nero diventa a quel punto per tutte le aziende quotate, qualche cosa che non c è più: c è l emersione, e questo è anche un vantaggio come sistema paese in generale. Questo, ripeto, è un elemento che rende un impresa quotata effettivamente parte di quel meccanismo di creazione di benessere, come dico io, collettivo. Queste, diciamo, sono le opportunità del sistema paese viste dal lato impresa. Passerei velocemente al terzo punto, mi soffermerei su questa slide, giusto per concludere con alcuni elementi. Noi abbiamo visto la Borsa come motore di creazione di benessere per il sistema, ovviamente partendo dall impresa e, come dicevo prima, per me la borsa è prima impresa e poi finanza. Alla creazione di benessere però, devono contribuire anche tutti gli altri partecipanti di questo circolo che, per essere un circolo virtuoso, ha bisogno che tutti gli altri partecipanti contribuiscano nella stessa maniera o almeno spingano nella stessa direzione. Il meccanismo del mercato è fatto ovviamente dall impresa che mette il prodotto, ma devono esserci anche gli investitori, gli intermediari, e le istituzioni. Perché è importante nel nostro paese il ruolo delle istituzioni? Per ciò che dicevo prima. Partiamo dalle 350 società quotate. In Italia, nel nostro paese, noi facciamo delle operazioni o analisi, come si dice, di marketing periodiche abbastanza mirate, e abbiamo individuato un bacino di potenziali società quotate proprio grazie alla ricchezza delle piccole medie imprese, che si aggira sulle Ovviamente questo è uno screening fatto non certo partendo dai famosi quattro milioni di IVA, ma in maniera molto più ristretta, selezionando quelle imprese che hanno certe dimensioni, un fatturato su-

13 Massimo Capuano 75 periore ai 25 milioni, e che hanno avuto negli ultimi tre anni un margine operativo lordo positivo. Quindi, se ci pensate, sono 2000 imprese, piccole e medie, robuste, in salute. Perché dovrebbero preoccuparsi di andare in Borsa? Perché lo Stato dovrebbe preoccuparsi di questa situazione? Una parte dei motivi l ho detta anche prima: per esempio per dare una struttura più trasparente a un certo settore economico; però c è un altro motivo più importante che vorrei condividere con voi, che coinvolge un po tutti questi attori. Pensiamo a una situazione normale, e non a una situazione di crisi uguale a quella attuale, altrimenti ne siamo troppo condizionati. In questo momento anche se vado presso gli imprenditori a dire: dovete lavorare per un traguardo, quello della quotazione, che non è domani, ma magari è dopodomani, per prepararsi ad andare in borsa serve tempo, per organizzarsi, per avere i sistemi di controllo, la trasparenza eccetera. Ma pensiamo ad una situazione più normale; pensiamo a una media impresa italiana che si trova di fronte ai problemi di cui dicevamo prima, la crescita, lo sviluppo, eccetera. Oggi, mediamente, un impresa che ha un bel progetto sicuro ricorre all autofinanziamento, ma ci sono dei limiti. Anche l imprenditore familiare, nonostante abbia sempre contribuito in maniera sostanziale alla crescita della propria impresa, se volesse fare un acquisizione importante non avrebbe neanche in molti casi una capacità interna. Oggi, quello che succede normalmente, è rivolgersi alle banche. La banca cosa fa? Nella generalità dei casi apre una linea di credito, quindi sostanzialmente dà vita al problema di cui si diceva prima. In molte altre situazioni l impresa italiana non cresce, resta sostanzialmente questo ci dicono le statistiche, poco patrimonializzata e molto indebitata. L indebitamento produce un effetto ovviamente negativo sul proprio conto economico per cui crescono gli interessi, anche se in Italia c è una disparità tra il costo del debito e il costo dell equity

14 76 Conoscere la borsa capital. Il costo del debito è appunto un costo, quindi gli interessi vengono tolti poi dal conto finale, mentre il costo del capitale no, quello e i dividendi seguono una certa tassazione. Cosa significa avere un azienda così indebitata? Vuol dire per esempio, che i nostri fondi, gli investitori, che obbligatoriamente devono investire in titoli che siano quotati in borsa, per i motivi che in parte dicevo prima, se c è una forte ondata di riscatti come c è stata nei mesi precedenti, se non avessero investito per una quota parte in borsa non soltanto in azionario ma anche obbligazionario, non avrebbero trovato liquidità su nessun altro mercato. Il mondo da questo punto di vista si sarebbe fermato. Dicevo, i fondi che raccolgono, i fondi pensione, che sono appena partiti in Italia, devono investire in mercati regolamentati. Obbligazioni: se vogliono investire in obbligazioni corporate delle aziende, non trovano in Italia un numero sufficiente di prodotti, perché il bacino su cui investire è limitato, quindi non possono concentrare troppo in Italia perché c è anche una posizione di rischio che devono gestire e si rivolgono all estero. Allora investono in Germania, Francia, Inghilterra. Non vi ho parlato dell Inghilterra: a Londra abbiamo 3300 società quotate, è la più grande Borsa a livello europeo, se mettiamo i 300 italiani siamo intorno a 3500/3600, però investono in tutti questi mercati, dove c è molta più scelta e molta più diversificazione di rischio di settore industriale. Uno dice: bene, anche noi come investitori partecipiamo a questa gestione di investimenti, però la realtà vera è che queste società sulle quali noi investiamo come risparmiatori, come lavoratori, attraverso il meccanismo dei fondi pensione, sono delle società che stanno all estero, sono quotate, hanno una robustezza patrimoniale superiore a quella delle nostre piccole e medie imprese, crescono, crescono in settori nei quali magari le stesse imprese italiane, gli stessi lavoratori che lavorano in quelle piccole medie imprese, si trovano a

15 Massimo Capuano 77 concorrere sul mercato. Qualche volta questo succede, io lo dico in maniera paradossale, ma se ci pensate è proprio così che può succedere, cioè che io come lavoratore ho preso una parte del mio TFR e l ho data a un fondo pensione; questo fondo pensione non investe sulla mia azienda perché non è quotata, va ad investire sull azienda tedesca che mi è concorrente, questa azienda tedesca mia concorrente con i soldi che gli ho dato io fa un acquisizione, cresce, magari mette fuori mercato me. Quindi con i miei soldi ho partecipato a questa concorrenza assurda contro me stesso e magari perdo il posto di lavoro perché quella azienda mi ha messo fuori mercato. Ecco perché dico che questo circolo deve diventare virtuoso con la collaborazione di tutti, e questo deve essere anche un obiettivo dello Stato, delle istituzioni, che dicono: apriamo il capitale perché salvaguardiamo, per i motivi che dicevo prima, i passaggi generazionali allo sviluppo, un asset, un valore importante del nostro sistema paese, le piccole medie imprese (io oggi non ho citato le grandi imprese che si difendono benissimo da sole) che rendono anche possibile la creazione di questo meccanismo virtuoso, per cui siamo noi stessi con la parte del nostro risparmio, a contribuire a questo circolo virtuoso per patrimonializzare le nostre imprese e permettere di affrontare i mercati globali, la concorrenza, la crescita e così via. C è un ultima slide, credo che sia l ultimissima, e questa l ho utilizzata più volte in Confindustria o in qualche altro incontro: è un grafico fatto a barre che, sostanzialmente, mostra come il pil italiano aumenterebbe di quasi due punti se si quotassero le imprese, che oggi ne hanno la capacità. È un meccanismo virtuoso, perchè un azienda che si quota cresce più delle altre, crea ricchezza e valore. Questo è il motivo per cui quel famoso circolo deve diventare virtuoso, in un orizzonte temporale sicuramente di medio o lungo periodo, perché è importante che nel nostro paese il sistema

16 78 Conoscere la borsa Borsa venga considerato oggi come un elemento importante e fondamentale per lo sviluppo economico e finanziario del paese, non soltanto come un meccanismo rivolto o destinato a pochi, a coloro che hanno delle grandissime capacità. Non è così, e una mentalità che deve cambiare. Plaudo molto a questa iniziativa che porta soprattutto in una città del sud un messaggio di questo tipo, partendo da un età che è importante per il vostro sviluppo. Sono anche contento che venga fatta in una città di grande tradizione storica come Salerno, e io come uomo del sud non posso far altro che invidiare questa iniziativa fatta qui, ma ancora non in Sicilia. Ma non è mai troppo tardi. Concludo dicendo un ultima cosa: non guardate i momenti attuali. Anzi sì, guardiamoli, visto che siamo tutti preoccupati, però posso dire una cosa per stemperare la preoccupazione: passerà, non so dirvi esattamente quando, però passerà. La Borsa Italiana ha 200 anni, li abbiamo festeggiati l anno scorso con il Presidente Napolitano, è stata fondata nel 1808, e da 200 anni ne ha viste di tutti i colori, compreso il Risorgimento piuttosto che le guerre mondiali. Però è ancora lì, è costruita per creare realmente le condizioni per la crescita e lo sviluppo. L invito che faccio a tutti voi per quando affronterete il mondo del lavoro, è: utilizziamola bene questa Borsa. Giovani Vietri Grazie, grazie Ingegnere per questa lezione. Voi avrete oggi capito sicuramente la funzione vera della Borsa, non soltanto quella che vi viene trasmessa dai meccanismi di comunicazione. Paradossalmente la finanza per la Borsa è come un risvolto, un derivato, non è un elemento centrale, l elemento centrale è quello di accompagnare la crescita delle imprese e quindi del tessuto economico. A questo punto passiamo alle solite domande, che sono quelle che, sostanzialmente, rendono vivo anche il dibattito.

17 Massimo Capuano 79 Per cui io direi di fare come l altra volta, ne raccogliamo qualcuna insieme e poi diamo la possibilità all ingegnere Capuano di rispondere.

18 80 Conoscere la borsa Domande da parte degli studenti D.: Buongiorno, sono una studentessa dell I.T.C. di Agropoli. Presidente Capuano prima che io ponga la domanda, mi dia l opportunità di ringraziare a nome di tutta la mia scuola, il presidente Giovanni Vietri, che ci ha regalato in queste giornate una grande opportunità. Ha contribuito a farci conoscere il mondo della finanza, ben al di là di quello che prevedono i programmi ministeriali. Tornando alla domanda, dobbiamo premettere che siamo rimasti alquanto perplessi nell ascoltare il presidente Abete e il Presidente Mussari che, rispondendo alle nostre domande hanno dichiarato che la banca è un impresa, pertanto il suo fine è il profitto, senza alcun minimo accenno alla sua funzione sociale, pure in presenza delle recenti scelte politiche che, uniformi in tutto il mondo, hanno praticamente scaricato le pratiche degli istituti bancari sulle spalle dei contribuenti. Ancora, premesso che il capitale finanziario multinazionale piuttosto che negli investimenti e nel commercio, viene impiegato nelle speculazioni sui mercati azionari al punto di avere l impressione che tutti i paesi sono diventati colonie alla mercé dei movimenti di capitale internazionali e che non ha più importanza chi detiene il potere politico tanto non solo più loro a decidere le cose da fare, le chiediamo, Presidente Capuano, qual è la sua idea per riportare il governo degli uomini alle note forme di democrazia? Grazie. D.: Buongiorno, sono la studentessa Luciano Antonietta dell I.T.C. Matteo Della Corte. A proposito della grave crisi finanziaria, i provvedimenti approvati dai governi e dalle principali istituzioni finanziarie, come BCE, FMI eccetera, sono improntati a forme di interventi molto invasivi delle regole di funzionamento del libero mercato; si pensa alla sospensione delle vendite, alla scoper-

19 Massimo Capuano 81 ta dei titoli azionari, alla paventata chiusura delle borse nei momenti di maggiore crisi, alla nazionalizzazione di banche, assicurazioni, eccetera. Signor Presidente, secondo lei, non le sembra troppo schizofrenico, sopratutto poco efficace, passare da un eccessivo liberismo a un eccessivo interventismo? Cosa ne pensa? D.: Buongiorno, sono uno studente dell I.T.C. Antonio Genovesi. Vorrei fare una domanda inerente a uno studio di due docenti della Bocconi. Grazie a questo studio, si è rilevato che più del 50% degli italiani non conoscono la differenza tra azioni e obbligazioni. Detto questo, lei è d accordo sul diffondere una vera e propria, possiamo dire, educazione finanziaria? D.: Buongiorno, sono Gabriella De Maio, insegnante di economia aziendale dell I.T.C. di Salerno. Volevo fare una domanda, come dire, di respiro un pochino più etico. Adam Smith nella Ricchezza delle nazioni auspica un controllo molto rigoroso dei tassi di interesse, per evitare la fuga di capitali che potrebbero essere impiegati nell economia reale. Di recente, proprio questo concetto è stato ripreso da Jean Paul Fitoussi il quale ha parlato di un deprezzamento del futuro, che, ovviamente, in qualità di docente, di persona della vecchia generazione, pone proprio in contrasto il benessere della generazione attuale con il benessere delle generazioni future. Lei che rappresenta il massimo organo, diciamo, della finanza italiana, cosa ne pensa? R.: Io lo avevo detto già al Presidente Vietri che temevo le domande perchè avevo già la pubblicazione, e le domande erano abbastanza toste, quindi spero di essere preparato. Al primo punto, banca, impresa, e il capitale in speculazione. È indubbio che la maggior parte delle banche, oggi, sono

20 82 Conoscere la borsa delle aziende quotate e hanno dei doveri nei confronti dei propri azionisti. A questo si riferivano sicuramente i Presidenti Abete e Mussari nel dire che le banche devono rappresentare gli interessi dei propri azionisti. È una risposta assolutamente lecita da questo punto di vista. C è però un punto da sottolineare, parlando di questo tipo di banche, e questo vale anche per le altre domande tutto dipende da quanto si esageri rispetto a ciò che è una natura lecita di una banca. Da quello a cui abbiamo assistito in questi anni, perché non è una questione di pochi mesi, ma di anni, ci sono gli storici dell economia che mettono il momento di partenza di tutto ciò affibbiando una grande responsabilità a Grisman e a Reagan. Tutto quello che è successo in questi ultimi anni è veramente frutto di un eccesso portato agli estremi livelli. Ci sono dei casi in cui, ovviamente, abbiamo avuto delle truffe, abbiamo avuto errori da parte dei controllori, ci sono stati dei casi in cui c è stata ignoranza, ci sono stati casi in cui non si è reagito per tempo, per mancanza di attenzione. Però in tante altre situazioni si potevano creare delle possibilità. Vi faccio l esempio dei mutui subprime, che, costruiti in una certa maniera, avrebbero avuto effettivamente come vantaggio di allargare a un certo tipo di consumatori, i risparmiatori, l acquisto di un bene immobile, e sono stati poi portati su un area completamente sbagliata dagli eccessi. In questo c è una responsabilità, se vogliamo in senso generale, del sistema finanziario, del sistema delle banche, che sono andati dietro a una situazione nella quale l eccesso, l eccesso di rischio che prendevano, non era controllato. Allora, anche il concetto di speculazione a cui lei faceva prima riferimento è un concetto che oggi noi vediamo come il concetto dei derivati, come sinonimo del diavolo, dell inferno mentre, se lo vediamo in un contesto regolamentato e normale, gli speculatori, come si vuol dire in un mercato azionario, sono quelli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli