La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di"

Transcript

1 CONVEGNO SULLA MOBILITA SOSTENIBILE IN VAL DI FASSA 22 0TT0BRE 2004 tesi di laurea La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di Valeria Partel Università IUAV di Venezia Facoltà di Architettura relatore prof. ing. Agostino Cappelli

2 La storia Ferrovia del Brennero Ora Ora paese Doladizza Pausa Fontanefredde Montagna San Lugano Cavalese Castello Predazzo Panchià Ziano Tesero Andamento planimetrico della ex linea ferroviaria Ora Predazzo;

3 La storia 1001 m 958 m 1097 m 1005 m 991 m 871 m 904 m 928 m 940 m 1018 m 702 m 452 m 522 m 224 m 241 m DISTANZE PROGRESSIVE Ora Ora scalo Ora paese montagna Gleno Doladizza Pausa Fontanefredde San Lugano Castello Cavalese Masi Lago di Tesero Panchià Ziano Predazzo Profilo altimetrico della ex linea ferroviaria Ora Predazzo;

4 La storia Le fasi della costruzione Ispezione ai lavori da parte di alti ufficiali del genio Prigionieri russi e operai al lavoro nel marzo del 1917 La costruzione del ponte sul torrente avisio

5 La storia Il periodo del vapore L uscita dalla galleria narena a cavalese Locomotiva h.b. serie iii n 3052 costruita a budapest Il passaggio sul viadotto di gleno

6 La storia Dopo l elettrificazione La salita nel tratto fra Ora e Montagna Il convoglio fermo alla stazione di ora L ultimo viaggio il 10 gennaio 1963

7 Lo stato attuale I tratti con caratteristiche simili sono stati raggruppati in: Sedime disponibile 45 % Ma qual è lo stato del sedime? Sedime potenzialmente disponibile 20 % Sedime non disponibile 35 % Studia il passato se vuoi prevedere il futuro - Confucio -

8 La valle di fiemme Austria A22 Svizzera Merano Bolzano In estate In inverno Lombardia Rovereto A22 Trento Veneto Valle di Fiemme Ma come si raggiunge la Val di Fiemme? E come ci si sposta al suo interno?

9 Le strade la s.s. 48 delle dolomiti ORA PAUSA MONTAGNA FONTANEFREDDE PREDAZZO SAN LUGANO CAVALESE TESERO PANCHIA CASTELLO ZIANO MOLINA la s.p. 232 di fondovalle Collegamenti con il fondovalle AUTOSTRADA A22 STRADA STATALE 12 FERROVIA DEL BRENNERO

10 La s.s. 48 I punti critici la s.s. 48 delle dolomiti ORA N 26 PAUSA MONTAGNA FONTANEFREDDE PREDAZZO SAN LUGANO N 25 CAVALESE TESERO PANCHIA N 26 a CASTELLO ZIANO Il censimento del traffico i punti di rilevamento PUNTO N 25: PUNTO N 26: PUNTO N 26 a: TRAFFICO MEDIO GIORNALIERO ANNUO 9110 VEICOLI TRAFFICO MEDIO GIORNALIERO ANNUO 6565 VEICOLI TRAFFICO MEDIO GIORNALIERO ANNUO 6565 VEICOLI

11 La s.p. 232 I punti critici PUNTO N 224: TRAFFICO MEDIO GIORNALIERO ANNUO 1675 VEICOLI PREDAZZO CAVALESE TESERO CASTELLO Lago di tesero PANCHIA ZIANO la s.p. 232 di fondovalle N 224 Il censimento del traffico i punti di rilevamento

12 Il trasporto pubblico Trentino trasporti trento Canazei Egna Linea 101 Bivio Cela - Aguai Castello Cavalese Tesero Panchià Ziano Predazzo 7 CORSE GIORNALIERE fra Penia e Trento 13 CORSE GIORNALIERE fra Penia e Cavalese Intervallo medio fra le corse = 2 ore

13 Il trasporto pubblico Sad Bolzano Ora Egna Montagna Pausa Fontanefredde San Lugano Bivio Cela - Aguai Castello Cavalese Tesero Panchià Ziano Predazzo Linea CORSE GIORNALIERE fra Predazzo e Bolzano Intervallo medio fra le corse = 2 ore

14 Il trasporto pubblico Autobus scolastici PROVENIENZA PREDAZZO TESERO CAVALESE Nelle valli di Fiemme e Fassa sono molti gli istituti scolatici medi INFERIORI e SUPERIORI OGNI GIORNO CENTINAIA DI STUDENTI SI SPOSTANO DA UN PAESE ALL ALTRO SCUOLA MEDIA INFERIORE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE (Val di Fassa) Predazzo Ziano Panchià Tesero Cavalese Masi Carano Daiano Varena Castello Molina Capriana Valfloriana Trodena San Lugano TOTALE SCUOLA MEDIA INFERIORE ISTITUTO ALBERGHIERO SCUOLA MEDIA INFERIORE LICEO NON TRASFERIBILI SUL NUOVO MEZZO IN QUANTO L'AREA NON E' COPERTA DALLA LINEA;

15 I flussi in diversione Osservazioni legate alla mobilità Analisi della domanda di trasporto Ricerca dei flussi in diversione flussi automobilistici 30% autovetture sulla S.S % autovetture sulla S.P. 232 I valori ottenuti sono stati poi moltiplicati per un coefficiente pari a 1,5 (coeff. di occupazione) Trasporto pubblico 100% passeggeri società TN 100% passeggeri società BZ 100% studenti

16 La soluzione A questo punto dell analisi sono molteplici le necessità delineate: introdurre un sistema di trasporto su sede propria Considerare una tecnologia non impattante e non inquinante Introdurre un mezzo in grado di agevolare la progettazione delle varianti sfruttare dove possibile il tracciato della ex ferrovia Ora-Predazzo Mezzo ad alimentazione elettrica Mezzo con possibilità di avere ridotti raggi di curvatura e superare forti pendenze

17 Il nuovo mezzo Quale mezzo ha tutte le caratteristiche ricercate al fine di risolvere le problematiche riscontrate? Tram su gomma Si scopre che un mezzo PENSATO PER LA CITTA potrebbe adattarsi a queste problematiche

18 Il nuovo mezzo La rotaia L interno Tecnologia di guida Trazione Tipologia di sede Tipo di veicolo Velocità massima Accelerazione Pendenza massima Raggio min curvatura Lunghezza veicolo Larghezza veicolo Altezza veicolo Capacità passeggeri Con conducente Elettrica (filo aereo e/o batteria) Propria o promiscua bimodale 70 km/h 1.2 m/s 2 13 % 12 m m 2.50 m 3.22 m 143 (in piedi e a sedere)

19 Le varianti al tracciato Con quali criteri progettare le varianti al percorso originale? Il rapporto con l abitato Il rapporto con la montagna Il rapporto con la strada

20 Le varianti al tracciato Punto di controllo n 1 Tratto Ora Doladizza - Mantenere la stazione vicino alla stazione di Ora della linea del Brennero; - Creare una fermata nel centro abitato per favorire l uso del servizio; - Ampliare il parcheggio esistente per favorire l intermodalità; - Fra Ora e Montagna accorciare il tracciato sfruttando la nuova tecnologia;

21 Le varianti al tracciato Punto di controllo n 2 Tratto San lugano Cavalese - Passaggio a Sud dell abitato per non interferire con la viabilità; - Costruire un ponte nei pressi della Chiesa di San Valerio; - Posizionare la nuova stazione nei pressi dello Stadio del ghiaccio; - Valorizzare l utilizzo del capiente parcheggio dello Stadio del ghiaccio;

22 Le varianti al tracciato Punto di controllo n 3 Tratto Tesero Panchià - Costruire un nuovo ponte sul torrente Avisio; - Posizionare la stazione di Lago in asse con il paese di Tesero ipotizzando un collegamento a fune; - Posizionare una fermata nei pressi dello Stadio del fondo; - Adeguare l esistente parcheggio alle nuove necessità;

23 Le varianti al tracciato Punto di controllo n 4 Tratto Ziano Predazzo - Fra Panchià e Ziano modeste modifiche al tracciato dovute al nuovo tessuto; - Fra Predazzo e Ziano ridisegno del tracciato per non ostacolare viabilità pedonale e ciclabile; - Posizionare la nuova stazione di Predazzo lungo l argine del torrente Travignolo; - Ipotetico proseguimento verso lo Stadio del salto;

24 I tempi di viaggio Confronto fra i vari sistemi Automobile 40 min (*) Autobus 1 ora 15 min (*) Tram su gomma 1 ora * In situazione di traffico scorrevole

25 L intermodalità Un intervento di questo tipo è vincente se FORTEMENTE INTEGRATO nel contesto Quali gli interventi necessari a questo fine? stazioni e fermate posizionate in punti chiave parcheggi scambiatori nei punti nevralgici bus navetta per collegare le località esterne alla linea integrazione tariffaria con gli altri mezzi e con iniziative turistiche o di altro tipo

26 Conclusioni Gli estremi non sono mai la soluzione

27 Conclusioni ?

COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME PROVINCIA DI TRENTO * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comunità Territoriale

COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME PROVINCIA DI TRENTO * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comunità Territoriale COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME PROVINCIA DI TRENTO * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comunità Territoriale della val di Fiemme, Azienda per il Turismo Val di Fiemme s.c.a.r.l.

Dettagli

ORARI/TIMETABLES 2009-2010 VERONA VAL DI FIEMME VAL DI FASSA. Aeroporto/Airport VERONA VAL DI FIEMME VAL DI FASSA VERONA VAL DI SOLE

ORARI/TIMETABLES 2009-2010 VERONA VAL DI FIEMME VAL DI FASSA. Aeroporto/Airport VERONA VAL DI FIEMME VAL DI FASSA VERONA VAL DI SOLE ORARI/TIMETABLES 2009-2010 VAL DI FIEMME VAL DI FASSA VAL DI FIEMME VAL DI FASSA 20.00 Castello di Fiemme Piazza/Square 8.00 15.35 20.05 Cavalese Autostazione/Bus station 7.55 11.55 15.40 20.10 Tesero

Dettagli

Torino, 29 marzo 2012

Torino, 29 marzo 2012 Torino, 29 marzo 2012 1 "Il successo di un ramo secco: la Ferrovia della Val Venosta. La nascita e lo sviluppo di un Impresa Ferroviaria Die neue Vinschgerbahn 2 Val Venosta Vinschgau 3 1906 1991 1999

Dettagli

LE ESIGENZE DELL AREA DECENTRATA DI LIVIGNO PER I SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO

LE ESIGENZE DELL AREA DECENTRATA DI LIVIGNO PER I SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LE ESIGENZE DELL AREA DECENTRATA DI LIVIGNO PER I SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO Relatore: Dott. Giorgio Zini Dir. Gen. Apt Livigno Sondrio, 3 luglio 2009 PRESENZE TOTALI ANNUALI ALTA VALTELLINA Presenze

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Il tracciato di progetto

Il tracciato di progetto Il progetto alta velocità ferroviaria Brennero - Verona nella Provincia di Bolzano Il tracciato di progetto Traforo di base Lotti 1 e 2 Lotto 5 Tratte di completamento www.notavbrennero.eu, febbraio 2013

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

La linea SIR 1 a Padova

La linea SIR 1 a Padova La linea SIR 1 a Padova Le caratteristiche della linea e del veicolo Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale degli spostamenti giornalieri:*

Dettagli

Trentino in Rete: il progetto nella Comunità territoriale della Valle di Fiemme

Trentino in Rete: il progetto nella Comunità territoriale della Valle di Fiemme Trentino in Rete: il progetto nella Comunità territoriale della Valle di Fiemme 28 aprile 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Il progetto alta velocità sulla tratta ferroviaria Brennero - Verona

Il progetto alta velocità sulla tratta ferroviaria Brennero - Verona Il progetto alta velocità sulla tratta ferroviaria Brennero - Verona L opera più GRANDE, INUTILE, COSTOSA, DEVASTANTE mai concepita in Alto Adige, Trentino, Provincia di Verona Cantiere galleria finestra

Dettagli

Roma, 25 Novembre 2008

Roma, 25 Novembre 2008 1 Roma, 25 Novembre 2008 Trentino Trento Trento 22 novembre 24 dicembre 2008 Arco 21 novembre 23 dicembre 2008 Levico Terme 22 novembre 6 gennaio 2009 Alto Adige Bolzano 28 novembre 23 dicembre 2008 Bolzano

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Sostenibilità nei trasporti in Trentino

Sostenibilità nei trasporti in Trentino Sostenibilità nei trasporti in Trentino I progetti già attuati e le prospettive future Trento, 21 giugno 2013 Relatore: ing. Ezio Facchin TRENTINO TRASPORTI S.P.A. Mission: Gestione, manutenzione ed implementazione

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 Il Tram di Mestre Il materiale rotabile che sarà utilizzato per il servizio, denominato Translohr, è un prodotto

Dettagli

9-11 Set tembre 2011 BOLLET TINO 1/2

9-11 Set tembre 2011 BOLLET TINO 1/2 9-11 Set tembre 2011 BOLLET TINO 1/2 2 LUOGO Località Castelir - Predazzo (TN) PROGRAMMA Data 5 settembre 2011 6 settembre 2011 7 settembre 2011 8 settembre 2011 9 settembre 2011 9 settembre 2011 10 settembre

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio comunale n. 09 dd. 17.03.2015. OGGETTO: Progetto intercomunale Val di Fiemme sicura videosorveglianza e controllo del territorio. Approvazione schema di convenzione tra i Comuni

Dettagli

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati Luogo Popolazione residente Descrizione Perugia 158.313 abitanti La particolare conformazione planoaltimetrica del centro di Perugia, in cui sono concentrate

Dettagli

www.new-engineering.it

www.new-engineering.it www.new-engineering.it PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO OPERE STRADALI Realizzazione strada di collegamento Realizzazione del collegamento della zona industriale di Lavis con l Autostrada del Brennero

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA E MACCHINE Impianti di accumulo mediante pompaggio: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Piero Pinamonti 1 Potenza efficiente degli

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile DOCUMENTO del gruppo La città accessibile TITOLO DELLA PROPOSTA: Bella e accessibile Follonica /problemi di ieri e di oggi Fino al 1836 poco più di uno stradello collegava il primo forno fusorio, Forno

Dettagli

La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento. Tracciato e impatti sul territorio

La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento. Tracciato e impatti sul territorio La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento Tracciato e impatti sul territorio www.notavbrennero.info 3.12.2014 Il quadro progettuale complessivo 2003-2014 Tracciatototale circa 218-219 km

Dettagli

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico 16 settembre 2011 1 STRUTTURA DEL TRAFFICO IN ACCESSO ALL AREA ECOPASS Ingressi nella ZTL Cerchia dei Bastioni Dati

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Val di Fassa > www.crifassa.com

Croce Rossa Italiana Val di Fassa > www.crifassa.com Croce Rossa Italiana Val di Fassa Volontariato e Vacanza wonderful times > www.crifassa.com Foto: Robert Bernard - www.photorobert.it DOLOMITES CRI - Vigo di Fassa Il Comitato Locale della Croce Rossa

Dettagli

IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA

IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA AVANZAMENTO LAVORI Actv Elio Zaggia Direttore Automobilistico PMV Antonio Stifanelli Presidente Amministratore Delegato PMV

Dettagli

VERONA MONTE BONDONE VERONA BERGAMO MONTE BONDONE BERGAMO

VERONA MONTE BONDONE VERONA BERGAMO MONTE BONDONE BERGAMO MONTE BONDONE MONTE BONDONE 20.30 19.30 Sopramonte Piazza/Square 12.00 8.30 12.30 20.40 15.10 19.40 Candriai fermata Skibus/Skibus stop 11.50 8.20 12.20 20.50 15.20 19.50 Vaneze fermata Skibus/Skibus stop

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

Linea ferroviaria dell Avisio Dorsale della mobilità per lo sviluppo sostenibile e la crescita dei territori Lavis, Lunedì 22/04/2013

Linea ferroviaria dell Avisio Dorsale della mobilità per lo sviluppo sostenibile e la crescita dei territori Lavis, Lunedì 22/04/2013 1 Linea ferroviaria dell Avisio Dorsale della mobilità per lo sviluppo sostenibile e la crescita dei territori Lavis, Lunedì 22/04/2013 Ing. Giovanni Saccà Ctrl L 2 Le Valli dell Avisio 3 La Valle dell

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in:

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in: Premessa Il presente studio interessa la Variante V2R0 - maggio 2010 del progetto preliminare delle tratte di completamento nel territorio della Provincia di Trento, inserite nel progetto di potenziamento

Dettagli

Strategia per una mobilità sostenibile

Strategia per una mobilità sostenibile Strategia per una mobilità sostenibile Conferenza stampa Venerdì Bellinzona Claudio Zali Consigliere di Stato e Direttore del Repubblica e Cantone Ticino Situazione 80 000 veicoli in più dal 1995 ad oggi

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

BENVENUTI IN VAL DI FIEMME

BENVENUTI IN VAL DI FIEMME BENVENUTI IN VAL DI FIEMME Le prove si svolgeranno sui territori gentilmente messi a disposizione dalle Riserve Comunali di Caccia di Carano, Daiano, Varena Tesero e Predazzo. L ambiente tipicamente dolomitico

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

VIAGGIO IN BICI DALLE DOLOMITI AL LAGO DI GARDA

VIAGGIO IN BICI DALLE DOLOMITI AL LAGO DI GARDA VIAGGIO IN BICI DALLE DOLOMITI AL LAGO DI GARDA Viaggio in bici lungo i fiumi RIENZA, ISARCO E ADIGE (ca. 265 km, 07 giorni / 06 notti, viaggio individuale) DESCRIZIONE Dalle Dolomiti del Nord-Est questo

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 apr-12 1 Torino - Metropolitana automatica - Linea 1 XX Giochi olimpici invernali 11 stazioni 6,4 km Estensione Porta Nuova 15

Dettagli

Nova Ponente Dintorni

Nova Ponente Dintorni Nova Ponente Dintorni Localita vicine a Nova Ponente D Cornedo all'isarco Dolomiti Superski: località di montagna vicino a Nova Ponente 1+12+1200 = Dolomiti Superski. Non stiamo dando i numeri! 1+12+1200

Dettagli

C r o c e R o s s a I t a l i a n a Va l d i Fa s s a VOLONTARIATO E VACANZA

C r o c e R o s s a I t a l i a n a Va l d i Fa s s a VOLONTARIATO E VACANZA C r o c e R o s s a I t a l i a n a Va l d i Fa s s a VOLONTARIATO E VACANZA VIGO DI FASSA LA CROCE ROSSA VAL DI FASSA PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA RIVOLTO A TUTTI I VdS E PIONIERI

Dettagli

La linea ferroviaria ad alta velocità Brennero - Verona. Città di Trento - Il tracciato

La linea ferroviaria ad alta velocità Brennero - Verona. Città di Trento - Il tracciato La linea ferroviaria ad alta velocità Brennero - Verona Città di Trento - Il tracciato Il quadro progettuale complessivo 2003-2014 Tracciatototale circa 219 km Dati di sintesi per l Italia esclusi cunicoli

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

4 TRIATHLON MTB DI PREDAZZO Triathlon Giovanissimi e Giovani. Tappa del circuito TriKids Nord Est Cup. Domenica 23 agosto 2015

4 TRIATHLON MTB DI PREDAZZO Triathlon Giovanissimi e Giovani. Tappa del circuito TriKids Nord Est Cup. Domenica 23 agosto 2015 4 TRIATHLON MTB DI PREDAZZO Triathlon Giovanissimi e Giovani Tappa del circuito TriKids Nord Est Cup Trofeo Italia Giovanissimi Domenica 23 agosto 2015 Piscina Comunale di Predazzo (TN) Via Venezia, 52

Dettagli

COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione

COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione Gruppo di lavoro per lo sviluppo del sistema tranviario: Coordinamento: ing. LORENZO FRASCONI Consulenza progettazione rete: Dipl. Ing. THOMAS RUFF

Dettagli

ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. G R E E N C I T Y E N E R G Y M E D - B A R I 1 2 E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 2

ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. G R E E N C I T Y E N E R G Y M E D - B A R I 1 2 E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 2 ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. 1 Il progetto Bari in Bici nasce in collaborazione con l Amministrazione Comunale alla fine del 2007 con l installazione dei primi cinque cicloposteggi

Dettagli

Dott. Ing. Gianluca Endrizzi (Holzbau Spa): Il legno lamellare per soluzioni alternative

Dott. Ing. Gianluca Endrizzi (Holzbau Spa): Il legno lamellare per soluzioni alternative Dott. Ing. Gianluca Endrizzi (Holzbau Spa): Il legno lamellare per soluzioni alternative Passerella ciclo pedonale Comune di Trasaghis (UD) Localizzazione Comune di Trasaghis (UD) Lago di Cavazzo Ubicazione

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Fonte: Comune di Nova Ponente Abitanti: 3.923 (2011) Superficie / di cui insediativa: 112 km² / 19 km 2 Altitudine: 1357

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Capacità e potenzialità di una linea (1/4)

Capacità e potenzialità di una linea (1/4) Capacità e potenzialità di una linea (1/4) Per due convogli/veicoli che si susseguono possono essere definiti due tipi di distanziamente: Distanziamento spaziale D SP : è la distanza che intercorre tra

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Una grande opportunità

Una grande opportunità Marzo 2012 Il sistema tram/treno Una grande opportunità Considerazioni e proposte sui progetti e le priorità CITTADINI PER IL TERRITORIO MASSAGNO VIVA GANDRIA UNITI PER BRE CAPRIASCA AMBIENTE ASSOCIAZIONE

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT sulla Qualità dell Ambiente Urbano edizione 2006, ha sottolineato

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Green Corridor Brenner. Dr. Walter Huber Milano, 23 marzo 2011

Green Corridor Brenner. Dr. Walter Huber Milano, 23 marzo 2011 Green Corridor Brenner Dr. Walter Huber Milano, 23 marzo 2011 Green Corridor Brenner 3 stati 5 regioni 3 ferrovie 450 km Iniziativa TEN 1: Monaco Verona (BBT) BCP (Brenner Corridor Platform): piano d azione

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

L esperienza del nuovo Tram su gomma

L esperienza del nuovo Tram su gomma L esperienza del nuovo Tram su gomma La Mobilità Elettrica nel territorio padovano 13 novembre, 2012 Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO LA RETE TRANVIARIA DI TORINO STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO STORIA 1871: prima linea tranviaria su rotaia in Italia

Dettagli

LUB FREIE UNIVERSITAET BOZEN LIBERA UNIVERSITA di BOLZANO FREE UNIVERSITY - BOLZANO

LUB FREIE UNIVERSITAET BOZEN LIBERA UNIVERSITA di BOLZANO FREE UNIVERSITY - BOLZANO LUB FREIE UNIVERSITAET BOZEN LIBERA UNIVERSITA di BOLZANO FREE UNIVERSITY - BOLZANO Giorgio Valentini STUDIO VALENTINI Via Muratori 29 20135 Milano E-mail: valentini_giorgioi@tin.it MOBILITA URBANA GLI

Dettagli

Collegamenti ferroviari con la Svizzera in territorio della Provincia di Varese

Collegamenti ferroviari con la Svizzera in territorio della Provincia di Varese Collegamenti ferroviari con la Svizzera in territorio della Provincia di Varese Bellinzona Luino Laveno Mombello Laveno Mombello Gallarate Sesto Calende Laveno Mombello Varese 29 aprile 2014 Fonte: CIM

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA Allegato A) alla delibera GC. dd. - avente per oggetto: Accordo di Programma finalizzato all affidamento dello Studio preliminare di una ipotesi di tracciato di una nuova ferrovia per il collegamento delle

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA ACCORDO DI PROGRAMMA Finalizzato all affidamento dello Studio preliminare di una ipotesi di tracciato di una nuova ferrovia per il collegamento delle Valli dell Avisio con la linea ferroviaria del Brennero,

Dettagli

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI SICUREZZA AMBIENTE TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI / /////// ///// www.altaquotasrl.it LAVORIAMO PER L UOMO CON LA

Dettagli

ORARI/TIMETABLES 2014-2015

ORARI/TIMETABLES 2014-2015 ORARI/TIMETABLES 2014-2015 www.flyskishuttle.com DAL/FROM 06.12.2014 AL/TO 06.04.2015 Tariffe/Rates 25,00 a persona / tratta singola (per person / one way) 39,00 a persona / andata e ritorno (per person

Dettagli

Trasporto pubblico in Alto Adige. Un modello di successo orientato al futuro

Trasporto pubblico in Alto Adige. Un modello di successo orientato al futuro Trasporto pubblico in Alto Adige Un modello di successo orientato al futuro settembre 2015 Presidente del Consiglio provinciale Dr. Thomas Widmann 1 Mobilità e Trasporto pubblico Alto Adige Programma di

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

NUOVA LINEA TORINO LIONE PARTE COMUNE ITALO FRANCESE - TRATTA IN TERRITORIO ITALIANO CUP C11J05000030001

NUOVA LINEA TORINO LIONE PARTE COMUNE ITALO FRANCESE - TRATTA IN TERRITORIO ITALIANO CUP C11J05000030001 NUOVA LINEA TORINO LIONE PARTE COMUNE ITALO FRANCESE - TRATTA IN TERRITORIO ITALIANO CUP C11J05000030001 PROGETTO PRELIMINARE IN VARIANTE CHIARIMENTI ED INTEGRAZIONI CANTIERIZZAZIONE - SITO DI CANTALUPO

Dettagli

La Mobilità Sostenibile

La Mobilità Sostenibile La Mobilità Sostenibile Ing. Marco Piacenza Settore Ambiente e Territorio del Comune di Cuneo Mobilità sostenibile Definizione: Sistema di mobilità urbana che, pur garantendo il diritto alla mobilità,

Dettagli

C O N V E N Z I O N E. per la gestione coordinata del servizio rifiuti e relativa tariffa in

C O N V E N Z I O N E. per la gestione coordinata del servizio rifiuti e relativa tariffa in C O N V E N Z I O N E per la gestione coordinata del servizio rifiuti e relativa tariffa in Valle di Fiemme TRA: la COMUNITA' TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME, di seguito Comunità, con sede in Cavalese,

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

Caratteristiche del risanamento senza seconda canna

Caratteristiche del risanamento senza seconda canna Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Informazione e comunicazione dell energia e Galleria autostradale del San Gottardo: chiusura

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli