PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI MISURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI MISURA"

Transcript

1 N COSPX05 Rev.01 SISTEMA DI MISURA DI ENERGIA ELETTRICA Data 10/05/06 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI MISURA

2 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 2 di 44 INDICE SEZIONE 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Oggetto Ambito di applicazione Obiettivi Prescrizioni tecniche di riferimento...5 SEZIONE 2 - VARIAZIONI SU IMPIANTI DI GENERAZIONE Oggetto Requisiti di misurabilità Algoritmi di impianto Variazione delle Unità di Produzione Procedure Inserimento di un nuovo impianto Cessazione di un impianto... 9 Nel caso di impianti che dovessero cessare definitivamente la propria attività, l Operatore ne deve dare informazione al Gestore entro un mese prima della data di cessazione Variazioni di installazioni già esistenti... 9 SEZIONE 3 - VARIAZIONI SU IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE Oggetto Requisiti di misurabilità e attività di telelettura Algoritmi di impianto Variazione degli impianti gestiti dal distributore Procedure Inserimento di nuovi impianti Cessazione di impianti Variazioni di installazioni già esistenti SEZIONE 4 - VARIAZIONI SU IMPIANTI AFFERENTI ALLA RTN NON DEL GESTORE Generalità Requisiti di misurabilità e attività di telelettura Algoritmi di impianto Variazione di punto di scambio Procedure Inserimento di nuovi impianti Cessazione di impianti Variazioni di installazioni già esistenti... 27

3 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 3 di 44 SEZIONE 5 - SCAMBIO DATI DI MISURA DA GESTORE A OPERATORE Oggetto Attività previste via posta elettronica Verifica esattezza teleletture rilevate Verifica esattezza elaborazioni convalida e ricostruzione Verifica esattezza elaborazioni algoritmi concordati Messa a disposizione delle misure via web...35 SEZIONE 6 - SCAMBIO DATI DI MISURA DA OPERATORE A GESTORE Generalità Modalità di scambio prevista Trasmissione del file delle misure via BDE Generalità Modalità di scambio prevista Trasmissione del file delle misure Trasmissione del file delle misure via posta elettronica Guasto temporaneo modem contatore Contatore non rispondente ai requisiti di teleleggibilità del Gestore Sostituzione e cambio contatore SEZIONE 7 - PROCEDURE DI RICOSTRUZIONE DI DATI DI MISURA Generalità Cause di mancanza dati Accertamento delle cause di mancanza dati Ricostruzione dei dati di misura Ricostruzione con ricorso a misure alternative Ricostruzione medianteriferimento a bilancio di sito Ricostruzione polinomiale di intervalli inferiori ad un ora Ricostruzione mediante elaborazione di misure alternative Ricostruzione mediante stime Gestione casi anomali...43 SEZIONE 8 - TRACCIAMENTO DELLE VERIFICHE IN CAMPO Generalità Prima messa in esercizio Verifica periodica Verifica straordinaria...44

4 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 4 di 44 SEZIONE 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Oggetto Il presente documento descrive le procedure operative che il Gestore segue per: - mantenere aggiornato il sistema di misura con le variazioni delle Apparecchiature di Misura (AdM) per le quali il Gestore effettua la rilevazione e registrazione dei dati ai sensi dell articolo del Codice di rete; - definire le modalità di scambio di informazioni; - definire le procedure di ricostruzione dei dati di misura mancanti; - tracciare le attività di verifica in campo delle Apparecchiature di Misura. 1.2 Ambito di applicazione Il presente documento si applica alle reti ed agli impianti esistenti e futuri. Sono tenuti al rispetto di quanto prescritto ciascuno per quanto di propria competenza i seguenti soggetti (nel seguito: Operatori): a) Operatori per i quali il Gestore è responsabile per la rilevazione e registrazione delle misure; b) I soggetti responsabili della rilevazione e registrazione i dati di misura ai sensi di quanto disposto dall articolo del Codice di Rete ai fini della regolazione delle partite economiche per il servizio di trasmissione. 1.3 Obiettivi Obiettivo del presente documento è la regolazione delle seguenti attività: Definizione dei requisiti di misurabilità e attività di telelettura; Gestione delle variazioni impiantistiche che modificano l anagrafica ed i parametri necessari alla telelettura quali a titolo esemplificativo e non esaustivo: - realizzazione di nuovi impianti - variazioni di installazioni già esistenti e già censite dal Gestore, ovvero variazioni di algoritmo di calcolo per il riporto della misura al punto di scambio - le variazioni nella definizione delle unità di produzione (UP) che compongono il generico impianto. scambio dei dati di misura da Gestore e Operatori; Tale attività prevede che il Gestore metta a disposizione degli Operatori i dati (misure e/o loro elaborazioni) del proprio Sistema di Misura (nel seguito indicato con SAPR Sistema di acquisizione PRincipale). A titolo di esempio, questo si rende necessario nei seguenti casi: - quando occorre verificare, insieme all Operatore interessato, i risultati di elaborazioni di algoritmi cambiati a causa di una modifica di impianto, per la sostituzione di un misuratore, o altro;

5 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 5 di 44 - quando il Gestore, a seguito di verifiche puntuali, riscontri delle incongruenze tra i dati comunicati dall Operatore ed i dati rilevati direttamente dal Gestore stesso. scambio dei dati di misura da Operatori a Gestore; Tale attività prevede che l Operatore metta a disposizione del Gestore i dati di misura. A titolo di esempio, questo si rende necessario quando il Gestore, non riuscendo ad acquisire direttamente le misure per un anomalia del sistema di acquisizione o per eventuali disallineamenti anagrafici sopraggiunti, richieda all Operatore l invio delle curve di carico da questo rilevate, mediante trasmissione di un file. Procedure di ricostruzione dei dati di misura; Tale attività prevede la definizione delle metodologie adottate dal Gestore per la ricostruzione delle misure mancanti (es. per rottura contatore, ecc.). Le procedure di ricostruzione prevedono: - le modalità per stabilire quando un dato sia da considerarsi mancante; - le modalità di ricostruzione dei dati mediante utilizzo di misuratori alternativi; - le modalità di ricostruzione dei dati mediante stime. Tracciamento delle attività di verifica in campo delle Apparecchiature di Misura; Tale attività prevede le modalità con le quali gli Operatori forniscono i diversi certificati tecnici che comprovino l avvenuta esecuzione delle verifiche da effettuare sulle Apparecchiature di Misura, in seguito sia alla prima messa in esercizio, sia in seguito agli interventi manutentivi ed alle verifiche periodiche e straordinarie. 1.4 Prescrizioni tecniche di riferimento Fanno parte integrante del contenuto tecnico delle presenti procedure i seguenti documenti redatti dal Gestore, ed esplicitamente citati nel testo: (a) Doc. INSPX7 - Specifiche di prova delle Apparecchiature di Misura di energia elettrica ; (b) Doc. INSPX Specifica tecnica per i sistemi di acquisizione secondari (SAS). Le suddette specifiche sono disponibili sul sito internet del Gestore sotto la voce metering - specifiche tecniche.

6 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 6 di 44 SEZIONE 2 - VARIAZIONI SU IMPIANTI DI GENERAZIONE 2.1 Oggetto Nella presente sezione vengono descritte le procedure operative che il Gestore segue per poter mantenere aggiornato il sistema di misura con riferimento alle Apparecchiature di Misura di impianti di generazione. In particolare, viene indicata la modalità con la quale il Gestore richiede i dati (nuovi e/o modificati) all Operatore, fino alla condivisione finale dei dati di misura, per i seguenti casi: - impianti di generazione relativi ad Unità di Produzione rilevanti; - impianti di generazione relativi ad Unità di Produzione non rilevanti. 2.2 Requisiti di misurabilità Si ricorda che ogni Unità di Produzione (UP) è tale, dal punto di vista della misura, quando è misurabile autonomamente. La misurabilità della UP si ha quando le Apparecchiature di Misura installate in impianto siano tali da permettere, anche mediante algoritmi di calcolo opportuni, di risalire all energia elettrica scambiata dall UP stessa al punto di immissione con la rete elettrica alla quale è connessa. Le Apparecchiature di Misura installate in campo devono essere conformi ai requisiti tecnici emanati dal Gestore col Codice di Rete e con i documenti tecnici a questo connessi. In particolare, l Operatore, in fase di acquisto dei contatori, deve preventivamente accertarsi (eventualmente anche contattando il Gestore) che il contatore in via di acquisizione sia: conforme tecnicamente; teleleggibile direttamente dal Gestore. Il Gestore riconosce come misurabile solo l UP che risponde ai requisiti suddetti. Qualora il contatore non sia teleleggibile, l Operatore deve provvedere a renderlo tale fornendo al Gestore il driver necessario. Tale driver deve essere installato nel sistema di acquisizione del Gestore. Questa attività comporta: - comunicazione al Gestore del tipo e modello del contatore in adozione; - sviluppo del driver e collaudo a cura dell Operatore; - comunicazione dell avvenuto collaudo (la comunicazione dovrà pervenire al Gestore sia da parte del costruttore del contatore sia da parte dello sviluppatore del driver se diverso dal precedente); - installazione del driver presso il sistema di acquisizione del Gestore; - prova di telelettura (a cura Gestore) su un contatore campione messo a disposizione dall Operatore o del costruttore del contatore.

7 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 7 di 44 Tutte le attività di cui sopra devono essere a carattere non oneroso da parte del Gestore. Le attività necessarie per rendere teleleggibile un contatore sono da considerarsi propedeutiche al riconoscimento della misurabilità di una UP e quindi al suo inserimento nel contratto per il servizio di dispacciamento. 2.3 Algoritmi di impianto Nei casi in cui le Apparecchiature di Misura non possano essere installate al punto di scambio, l Operatore ed il Gestore concordano la posizione alternativa dei misuratori in modo tale da permettere il calcolo dell energia all esatto punto di scambio mediante un algoritmo di riporto dell energia misurata (Punto di Scambio Virtuale o PSV), definito secondo la normativa vigente, che tenga conto sia delle perdite dei componenti di impianto (trasformatori, linee, ecc.) sia delle varie apparecchiature presenti e del particolare assetto di impianto. La definizione del algoritmi è propedeutica all iscrizione di ogni UP nel Registro Unità di Produzione (RUP); nel caso di UP rilevanti l algoritmo relativo alla singola UP è riportato in allegato al contratto per il servizio di dispacciamento. 2.4 Variazione delle Unità di Produzione Si ha variazione di Unità di Produzione nei seguenti casi: - inserimento di un nuovo impianto - cessazione di un impianto - variazione di installazione in un impianto già esistente Per le variazioni legate ad una diversa configurazione di UP, tale attività si può avere, ad esempio quando il titolare dell impianto, ritiene di dover provvedere ad una modifica di assetto di impianto e conseguentemente di algoritmo. Qualora l Operatore ritenesse di dover procedere ad un aggiornamento della definizione delle UP che possa comportare una rivisitazione sia del requisito di misurabilità, sia degli algoritmi precedentemente definiti, è necessario che l Operatore ed il Gestore concordino i nuovi criteri di calcolo. Questa attività comporta l aggiornamento degli allegati al contratto per il servizio di dispacciamento. Per le variazioni impiantistiche che non modificano quanto previsto in termini di misura, ma che possono modificare sia le modalità di acquisizione dei dati dal contatore, sia la congruità dei dati di misura precedentemente acquisiti (ad esempio il cambio di un contatore), è comunque necessario un accordo tra Gestore ed Operatore, che però non comporta aggiornamenti degli allegati alcontratto per il servizio di dispacciamento. 2.5 Procedure Inserimento di un nuovo impianto Nel caso di nuovi impianti, non precedentemente censiti dal Gestore, l Operatore dovrà fornire la seguente documentazione: - schema semplificato di impianto con indicati i misuratori;

8 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 8 di 44 - tabella dati cosiddetta tabella dati preliminari. Quest ultima è disponibile sul sito internet del Gestore (www. terna.it) sotto la voce metering, insieme alle linee guida da adottare per la compilazione: procedure raccolta dati preliminari per la misura: tabelle procedure raccolta dati preliminari per la misura: linee guida alla compilazione Il Gestore, una volta analizzati i dati preliminari, provvederà a contattare l Operatore per la successiva fase di raccolta dati definitivi, che prevede l invio dei dati di dettaglio relativi ai contatori teleleggibili direttamente. I dati sono raccolti nella tabella: tabella dati cosiddetta tabella dati definitivi disponibile, insieme alle guide di compilazione, sul medesimo sito internet del Gestore sotto le voci: procedure raccolta dati definitivi delle AdM procedure raccolta dati definitivi delle AdM: istruzioni per la compilazione procedure raccolta dati definitivi delle AdM: esempio di compilazione a. Una volta conclusa l attività di raccolta dati, la procedura da seguire è riportata nei successivi punti:il Gestore, analizzati lo schema aggiornato ed i dati definitivi, provvede a caricare i dati sul Sistema di Acquisizione delle misure del Gestore (SAPR); b. l Operatore fornisce al Gestore l informazione esatta del primo campione di misura (data, ora, e valore numerico) valido relativo alle varie Apparecchiature di Misura installate in impianto c. l Operatore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento; d. l Operatoree il Gestore concordano l algoritmo da utilizzare per la determinazione dell energia scambiata con la rete elettrica. e. A valle dell inserimento dell algoritmo sul SAPR, il Gestore e l Operatore verificano congiuntamente che i calcoli avvengano correttamente. La verifica, da effettuarsi a cura dell Operatoree prima della definitiva accettazione dell algoritmo utilizzato, deve avvenire a pena di decadenza entro 15 giorni dalla messa a disposizione dei risultati delle elaborazioni da parte del Gestore all Operatore stesso secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - del presente documento. La procedura deve essere avviata dall Operatore almeno 2 mesi prima dell iscrizione in RUP e/o dell attivazione dell impianto. La procedura viene conclusa con la compilazione e/o aggiornamento degli allegati al contratto per il servizio di dispacciamento, redatti dall Operatore. L UP non sarà qualificata dal Gestore fintanto che tutta la procedura riportata nel presente paragrafo non si sia conclusa. A conclusione dell attività di installazione e collaudo di ogni apparecchiatura di misura, l Operatore deve inviare al Gestore il verbale di installazione e collaudo

9 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 9 di 44 redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione della presente procedura. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo Cessazione di un impianto Nel caso di impianti che dovessero cessare definitivamente la propria attività, l Operatore ne deve dare informazione al Gestore entro un mese prima della data di cessazione. La procedura viene conclusa con l aggiornamento degli allegati al contratto per il servizio di dispacciamento, redatti dall Operatore Variazioni di installazioni già esistenti Il paragrafo presente descrive le procedure da seguire per poter gestire tutte le variazioni che possano comportare cambiamenti sul sistema di misura. I casi di variazione previsti sono: - variazione algoritmo e/o modifica UP; - installazione di una nuova apparecchiatura di misura; - sostituzione programmata del contatore con un altro (comunque teleleggibile dal Gestore) o di un qualsiasi componente dell apparecchiatura di misura; - sostituzione per guasto del contatore con un altro (comunque teleleggibile dal Gestore) o di un qualsiasi componente dell apparecchiatura di misura; - variazione di impostazione (configurazione canali, variazione costante di lettura K) del contatore Variazione algoritmo e/o modifica UP Il presente paragrafo fa riferimento ai casi in cui venga richiesta, per una UP già inclusa in un contratto di dispacciamento:: - una variazione dell algoritmo di calcolo; - una diversa definizione nell ambito dell impianto (ad esempio per una diversa aggregazione dei gruppi di generazione); La procedura da seguire è descritta ai successivi punti: a. L Operatore deve fornire al Gestore la richiesta di modifica con le motivazioni per le quali si richiede la variazione, riportando lo schema di impianto con il nuovo algoritmo proposto per il calcolo dell energia scambiata con la rete. Se la modifica richiesta dovesse comportare una corrispondente modifica di altre UP definite nel medesimo impianto, la richiesta di modifica riguarda tutte le UP dell impianto interessato; b. Il Gestore analizza la documentazione, se necessario anche contattando l Operatore stesso per integrazioni di informazioni e/o per concordare eventuali modifiche all algoritmo proposto, e fornisce comunicazione ufficiale all Operatore(via posta elettronica) nella quale sancisce l algoritmo definitivo

10 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 10 di 44 concordato; tale attività, salvo casi impiantistici particolari, si chiude entro 10 giorni dalla ricezione della documentazione completa; c. A valle dell accordo, il Gestore provvede a memorizzare sul SAPR le variazioni di algoritmo; tali variazioni vengono registrate nel SAPR con un il diverso codice SAPR dei punti di scambio virtuale (PSV) associati alle UP modificate. Successivamente alle variazioni, il Gestore e l Operatore verificano congiuntamente l esattezza dei calcoli. La verifica, da effettuarsi a cura dell Operatore prima della definitiva accettazione dell algoritmo utilizzato, deve avvenire a pena di decadenza entro 15 giorni dalla messa a disposizione dei risultati delle elaborazioni da parte del Gestore all Operatore stesso secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - del presente documento; d. L Operatore provvederà nel frattempo ad aggiornare i dati delle UP in esame sul RUP. La procedura viene conclusa con l aggiornamento degli allegati al contratto per il servizio di dispacciamento, redatti dall Operatore. L UP non verrà riconosciuta dal Gestore nella sua nuova definizione, fintanto che tutta la procedura riportata nel presente paragrafo non si sia conclusa. Le UP la cui procedura di modifica sia conclusa entro il 25 del mese saranno considerate valide per il mese successivo. In caso contrario saranno considerate valide a partire dal mese successivo ancora. La modifica dell algoritmo e le eventuali modifiche delle UP, hanno valore a partire dal primo giorno del primo mese di validità. Fintanto che non avranno valore le modifiche, resteranno valide le precedenti definizioni Installazione di nuova AdM su impianto già esistente Il presente paragrafo fa riferimento ai casi in cui in un impianto venga inserita una AdM non precedentemente segnalata al Gestore. Tale caso si può avere, ad esempio, nei seguenti casi: - inserimento di un contatore di riserva/riscontro su un punto di misura (PM) già esistente - inserimento di una AdM in un PM non precedentemente esistente. In questi casi, occorre seguire la procedura descritta ai successivi punti: a. L Operatore deve fornire al Gestore i dati di cui al paragrafo (già precedentemente inviati al Gestore) aggiornati con le nuove informazioni, ed in particolare: o scheda dati preliminare aggiornata; o scheda dati definitiva aggiornata; o schema d impianto aggiornato. b. ll Gestore, analizzati lo schema aggiornato ed i dati definitivi, provvede a caricare i dati sul SAPR e fornisce i codici SAPR dell AdM all Operatore;

11 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 11 di 44 c. L Operatore deve fornire al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo alla nuova AdM; d. L peratore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento; e. Se del caso, viene eseguita la procedura di aggiornamento dell algoritmo di cui al paragrafo ; f. A valle dell aggiornamento del SAPR, il Gestore e l Operatore verificano congiuntamente l esattezza dei calcoli. La verifica, da effettuarsi a cura dell Operatore e prima della definitiva accettazione dell algoritmo utilizzato, deve avvenire a pena di decadenza entro 15 giorni dalla messa a disposizione dei risultati delle elaborazioni da parte del Gestore all Operatore stesso secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - del presente documento. La procedura deve essere avviata dall Operatore almeno 1 mese prima dell installazione dell AdM. Se l attività non comporta rivisitazione dell algoritmo di impianto, la procedura si conclude al termine della fase d., e non richiede modifica degli allegati del contratto di dispacciamento. Se l attività comporta una rivisitazione dell algoritmo di impianto, la procedura viene conclusa con l aggiornamento degli allegati al contratto per il servizio di dispacciamento, redatti dall Operatore, nel rispetto di quanto stabilito al punto A conclusione dell attività di installazione e collaudo di ogni apparecchiatura di misura, l Operatore deve inviare al Gestore il verbale di installazione e collaudo redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione della presente procedura. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo. Qualora un componente dell AdM sia parte comune di altre AdM (es. soluzione in deroga di un trasformatore di tensione comune a più AdM) si applicano sia la procedura presente per la nuova AdM, sia la procedura per le altre AdM che ne condividono il componente Sostituzione programmata del contatore o di componente dell AdM Il presente paragrafo fa riferimento ai casi in cui in un impianto vengano sostituiti uno o più contatori con un nuovo contatore, ovvero venga sostituito un qualsiasi componente facente parte di una AdM (ad esempio un trasformatore di misura). In questi casi, l Operatore deve seguire la procedura indicata ai successivi punti: a. L Operatore deve fornire al Gestore i dati di cui al paragrafo (già precedentemente inviati al Gestore) aggiornati con le nuove informazioni, ed in particolare: o scheda dati preliminare aggiornata;

12 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 12 di 44 o scheda dati definitiva aggiornata; o schema d impianto aggiornato. b. L Operatore deve fornire al Gestore l informazione esatta dell ultimo campione di energia (data, ora, e valore numerico) valido relativo al vecchio contatore; c. L Operatore deve fornire al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo al nuovo contatore; d. L Operatore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento; e. L Operatore deve informare il Gestore se la sostituzione avviene o è avvenuta con linea o montante in servizio o fuori servizio; f. In caso di sostituzione con montante fuori servizio, le misure di energia nel periodo di sostituzione saranno poste a zero. Nel caso di montante in servizio, si passerà alla ricostruzione dei dati mancanti. Per poter correttamente ricostruire il periodo tra il disservizio e la ripresa, l Operatoredeve inviare al Gestore, entro 7 giorni dal ripristino della funzione di misura, la curva di carico da lui ricostruita e che contenga, oltre ai campioni ricostruiti, i dati di misura reali dei contatori e relativi ad un giorno prima (96 campioni) ed un giorno dopo (96 campioni) il periodo di disservizio. Il formato del file è quello stabilito dal Gestore nella SEZIONE 6 -. In caso di utilizzo di un contatore provvisorio (anche non teleleggibile ma comunque rispondente agli altri requisiti stabiliti dal Gestore) che permetta la rilevazione dei flussi di energia durante il periodo transitorio (lavori di sostituzione del contatore), l Operatore dovrà fornire al Gestore tutti i dati relativi a tale misuratore, oltre ai dati di misura stessi; g. Il Gestore potrà utilizzare i dati di misura forniti dall Operatore, insieme ad altri dati di misura ad essa disponibili (es. sistema di controllo in linea, altri misuratori in impianto, bilanci energetici, contatori UTF), per ricostruire i dati di misura mancanti relativi al periodo di disservizio. In mancanza di dati forniti dall Operatore, per la ricostruzione delle misure il Gestore utilizzerà esclusivamente le informazioni in proprio possesso. La procedura deve essere avviata dall Operatore almeno 1 mese prima della sostituzione del componente. La procedura non richiede modifica degli allegati al contratto di dispacciamento. A conclusione dell attività di installazione e collaudo di ogni apparecchiatura di misura, l Operatore deve inviare al Gestore il verbale di installazione e collaudo redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione della presente procedura. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo. Procedure di sostituzione avviate, da parte dell Operatore, al di fuori del limite temporale richiesto di 1 mese, ne comporta la lavorazione, da parte del Gestore, con tempi condizionati dalle altre attività del Gestore stesso.

13 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 13 di 44 In caso di sostituzione massiva di componenti (ed in particolare dei contatori) da parte di un Operatore (ad esempio, sostituzione di tutti i contatori di tutti i propri impianti), e comunque sopra il limite di 40 contatori, è richiesto un accordo preventivo con il Gestore e l analisi, da parte di questa, della pianificazione dei lavori. I lavori saranno vincolati al parere preventivo del Gestore Qualora un componente dell AdM sia parte comune di altre AdM (es. soluzione in deroga di un trasformatore di tensione comune a più AdM) si applica la procedura presente per tutte le AdM interessate che ne condividono il componente Guasto del contatore o di componente dell AdM Per guasto di un componente dell AdM si intende qualsiasi guasto che comporti la perdita della funzionalità di misura da parte dell AdM stessa; in particolare, nel caso del contatore, non si intende un guasto che comporti la semplice non raggiungibilità del misuratore (es. guasto al modem locale). Il guasto di norma viene rilevato dall Operatore, che deve comunicare il disservizio al Gestore (conformemente a quanto indicato nell Allegato A della Deliberazione n.5/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas art. 36 comma 4). Nei casi in cui il guasto sia rilevato dal Gestore, questo avverte l Operatore per le attività di competenza. a. La procedura da seguire in questo caso viene descritta nei successivi punti:l Operatore deve fornire al Gestore, entro 48 ore dalla rilevazione del guasto, l informazione esatta dell ultimo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo all AdM guasta; b. L Operatore deve fornire l informazione se possiede strumenti alternativi di rilevazione misura che permettano di ricostruire la misura relativa all AdM guasta; c. L Operatore deve segnalare al Gestore il tipo di intervento da effettuare o effettuato; se l AdM guasta è stata sostituita si applica la procedura di cui al punto ; d. L Operatore deve informare il Gestore se l intervento avviene o è avvenuta con linea o montante in servizio o fuori servizio. e. In caso di intervento con montante fuori servizio, le misure di energia nel periodo di intervento saranno poste a zero. Nel caso di montante in servizio, si passerà alla ricostruzione dei dati mancanti. Per poter correttamente ricostruire il periodo tra il disservizio e la ripresa, deve inviare al Gestore, entro 7 giorni dal ripristino della funzione di misura, la curva di carico da lui ricostruita e che contenga, oltre ai campioni ricostruiti, i dati di misura reali dei contatori e relativi ad un giorno prima (96 campioni) ed un giorno dopo (96 campioni) il periodo di disservizio. Il formato del file è quello stabilito dal Gestore nella SEZIONE 6 -. In caso di utilizzo di un contatore provvisorio (anche non teleleggibile ma comunque rispondente agli altri requisiti stabiliti dal Gestore) che permetta la rilevazione dei flussi di energia durante il periodo transitorio (lavori di sostituzione del contatore), l Operatore dovrà fornire al Gestore tutti i dati relativi a tale misuratore, oltre ai dati di misura stessi.

14 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 14 di 44 f. L Operatore deve fornire al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido dopo l intervento di manutenzione (sia in caso di riparazione, sia in caso di sostituzione). g. L Operatore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento; h. Il Gestore potrà utilizzare i dati di misura forniti dall Operatore, insieme ad altri dati di misura ad essa disponibili (es. sistema di controllo in linea, altri misuratori in impianto, bilanci energetici, contatori UTF), per ricostruire i dati di misura mancanti relativi al periodo di disservizio. In mancanza di dati forniti dall Operatore, per la ricostruzione delle misure il Gestore utilizzerà esclusivamente le informazioni in proprio possesso. i. L Operatore deve fornire, in caso di sostituzione di componente, entro 15 giorni dalla conclusione dell intervento al Gestore i dati di cui al paragrafo (già precedentemente inviati al Gestore) aggiornati con le nuove informazioni, ed in particolare o scheda dati preliminare aggiornata; o scheda dati definitiva aggiornata. La procedura non richiede modifica degli allegati al contratto di dispacciamento. A conclusione dell attività di manutenzione, installazione e collaudo di ogni componente dell apparecchiatura di misura, l Operatore deve inviare al Gestore il verbale di installazione, collaudo e/o verifica redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione della presente procedura. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo. Qualora un componente dell AdM sia parte comune di altre AdM (es. soluzione in deroga di un trasformatore di tensione comune a più AdM) si applica la procedura presente per tutte le AdM interessate che ne condividono il componente Variazione impostazione del contatore Questa situazione si ha quando l impostazione di un misuratore deve essere cambiata, ed in particolare: - cambiamento configurazione canali; - variazione costante K di trasformazione; - variazione peso impulso; - variazione configurazione da energia a potenza o viceversa; - cambio numero telefonico; - installazione deviatore/smistatore telefonico. In questi casi, la procedura da seguire è descritta nei successivi punti: a. l Operatore deve fornire al Gestore i dati di cui al paragrafo (già precedentemente inviati al Gestore) aggiornati con le nuove informazioni, ed in particolare:

15 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 15 di 44 scheda dati preliminare aggiornata; scheda dati definitiva aggiornata. b. Il Gestore provvede a impostare i nuovi parametri sul SAPR; c. L Operatore fornisce al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido dopo l intervento ; d. L Operatore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento; e. se necessario, l Operatore elettrico deve fornire le misure corrette del misuratore relative al periodo antecedente alla corretta impostazione del contatore, mediante file. Il formato del file è quello stabilito dal Gestore nella SEZIONE 6 - f. il Gestore potrà utilizzare i dati di misura forniti dall Operatore, insieme ad altri dati di misura ad essa disponibili (es. sistema di controllo in linea, altri misuratori in impianto, bilanci energetici, contatori UTF), per ricostruire i dati di misura mancanti relativi al periodo di disservizio; g. se il cambiamento di impostazione va a modificare l accordo sull algoritmo, si applica quanto riportato al paragrafo In particolare, il Gestore e l Operatore verificano congiuntamente l esattezza dei calcoli. La verifica, da effettuarsi a cura dell Operatore e prima della definitiva accettazione dell algoritmo utilizzato, deve avvenire a pena di decadenza entro 15 giorni dalla messa a disposizione dei risultati delle elaborazioni da parte del Gestore all Operatore stesso secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - del presente documento. La procedura deve essere avviata dall Operatore almeno 15 giorni prima del cambiamento di impostazione del contatore, se programmato. Qualora l attività non comporti rivisitazione dell algoritmo di impianto, la procedura non richiede modifica degli allegati al contratto di dispacciamento. Se l attività comporta una rivisitazione dell algoritmo di impianto, la procedura viene conclusa con l aggiornamento degli allegati al contratto per il servizio di dispacciamento, redatti dall Operatore, nel rispetto di quanto stabilito al punto Altre attività di programmazione del contatore (quale ad esempio la riprogrammazione delle fasce orarie), purché non impattino sulle attività di cui al presente documento, non sono di interesse del Gestore. Procedure di variazione di impostazione di contatori avviate, da parte dell Operatore, al di fuori del limite temporale richiesto di 15 giorni, ne comporta la lavorazione, da parte del Gestore, con tempi condizionati dalle altre attività del Gestore stesso. In caso di variazioni di impostazione massive di contatori da parte di un Operatore(ad esempio, cambiamento di operatore telefonico e quindi di numeri di telefono), richiede un accordo preventivo con il Gestore e l analisi, da parte di questa, della pianificazione dei lavori. I lavori saranno vincolati al parere preventivo del Gestore.

16 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 16 di 44 A conclusione dell attività di manutenzione, l Operatore deve inviare al Gestore se del caso il verbale di verifica redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione della presente procedura. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo. SEZIONE 3 - VARIAZIONI SU IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE 3.1 Oggetto Nella presente sezione vengono descritte le modalità tecniche, operative e gestionali che il Gestore segue per l esecuzione delle attività di misura e telelettura e per poter mantenere aggiornato il sistema di misura con riferimento alle AdM di impianti di distribuzione. In particolare, viene indicata la modalità con la quale il Gestore richiede i dati (nuovi e/o modificati) al distributore, fino alla condivisione finale dei dati di misura, per i seguenti casi: - cabine primarie; - clienti allacciati alla RTN e clienti AT non RTN; - produzioni AT non RTN; - interconnessione con altre reti. Tra i clienti rientrano gli impianti di generazione in fase di prelievo dalla rete. 3.2 Requisiti di misurabilità e attività di telelettura Nel presente paragrafo sono riportati i requisiti che le AdM devono avere ai fini del riconoscimento della misurabilità e telelegibilità delle stesse. I requisiti di misurabilità devono essere soddisfatti anche per i punti di misura relativi alle interconnessioni tra reti di distribuzione di interesse del Gestore e per le produzioni in AT non RTN. I misuratori installati in campo devono essere conformi ai requisiti tecnici emanati dal Gestore col Codice di Rete e con i documenti tecnici a questo connessi. In particolare, il distributore, in fase di acquisto dei contatori, deve preventivamente accertarsi (eventualmente anche contattando il Gestore) che il contatore in via di acquisizione sia: conforme tecnicamente; teleleggibile dal Gestore, indipendentemente dal tipo di acquisizione (diretto o indiretto) previsto. Il Gestore riconosce come misurabile solo l impianto che risponde ai requisiti suddetti. Qualora il contatore non sia teleleggibile, il Distributore deve provvedere a renderlo tale fornendo al Gestore il driver necessario. Tale driver deve essere installato nel sistema di acquisizione del Gestore. Questa attività comporta:

17 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 17 di 44 - comunicazione al Gestore del tipo e modello del contatore in adozione; - sviluppo del driver e collaudo; - comunicazione dell avvenuto collaudo (la comunicazione dovrà pervenire al Gestore da parte del costruttore del contatore e da parte dello sviluppatore del driver); - installazione del driver presso il sistema di acquisizione del Gestore; - prova di telelettura (a cura Gestore) su un contatore campione messo a disposizione dall Operatore Tutte le attività di cui sopra devono essere a carattere non oneroso da parte del Gestore. Le attività necessarie per rendere teleleggibile un contatore sono da considerarsi propedeutiche al riconoscimento della misurabilità. 3.3 Algoritmi di impianto Nei casi in cui le Apparecchiature di Misura non possano essere installate al punto di scambio, l Operatore ed il Gestore concordano la posizione alternativa dei misuratori in modo tale da permettere il calcolo dell energia all esatto punto di scambio mediante un algoritmo di riporto dell energia misurata, definito in accordo con la normativa vigente che tenga conto sia delle perdite dei componenti di impianto (trasformatori, linee, ecc.) sia delle varie apparecchiature presenti e del particolare assetto di impianto. Tra i clienti rientrano i prelievi dei clienti AT non RTN. Per gli impianti di generazione in fase di prelievo da rete AT su RTN, il Gestore, quale responsabile della rilevazione e registrazione delle immissioni, condivide con il Distributore gli algoritmi implementati per il calcolo dell energia scambiata con la RTN. 3.4 Variazione degli impianti gestiti dal distributore Si ha variazione nei seguenti casi: - inserimento di un nuovo impianto; - cessazione di un impianto esistente; - variazione di configurazione di un impianto già esistente. Per le variazioni legate ad una diversa configurazione di un impianto già definito nella Convenzione per il servizio di trasmissione, tale attività si può avere quando il titolare dell impianto, ritiene di dover provvedere ad una modifica o di impianto o di algoritmo. In questo caso il Distributore provvede a comunicare e concordare con il Gestore la variazione che verrà riportata negli allegati alla Convenzione per il servizio di trasmissione stessa. Per le variazioni impiantistiche che non modificano quanto previsto nella Convenzione per il servizio di trasmissione in termini di misura, ma che possono modificare sia le modalità di acquisizione dei dati dal contatore, sia la congruità dei dati di misura precedentemente acquisiti, è comunque necessario un accordo tra Gestore ed

18 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 18 di 44 Operatore in conformità con quanto stabilito nella Convenzione per il servizio di trasmissione, stessa. 3.5 Procedure Inserimento di nuovi impianti Nel caso di nuovi impianti (cabine primarie, punti di prelievo RTN ed AT non RTN e punti di immissione sulla rete AT del Distributore), non presenti nell anagrafica definita nella Convenzione per il servizio di trasmissione, il distributore dovrà fornire la seguente documentazione: o schema semplificato di impianto con indicati i misuratori; o tabella dati cosiddetta tabella dati preliminari ; Quest ultima è disponibile sul sito internet del Gestore (www.terna.it) sotto la voce metering, insieme alle linee guida da adottare per la compilazione: procedure raccolta dati preliminari per la misura: tabelle ; procedure raccolta dati preliminari per la misura: linee guida alla compilazione. Il Gestore, una volta analizzati i dati preliminari, provvederà a contattare il Distributore per la successiva fase di raccolta dati definitivi. I dati sono raccolti nella tabella: - tabella dati cosiddetta tabella dati definitivi disponibile, insieme alle guide di compilazione, sul medesimo sito internet del Gestore sotto le voci: procedure raccolta dati definitivi delle AdM ; procedure raccolta dati definitivi delle AdM: istruzioni per la compilazione ; procedure raccolta dati definitivi delle AdM: esempio di compilazione ; Il Distributore deve inviare i dati definitivi entro il giorno quindici (15) del mese precedente al mese di flusso e saranno applicati a partire dal 1 giorno del mese di flusso. Una volta conclusa l attività di raccolta dati, la procedura da seguire è descritta nei successivi punti: a. Il Gestore, analizzati lo schema aggiornato ed i dati definitivi, provvede a caricare i dati sul SAPR; b. Il Distributore fornisce al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo ai vari misuratori installati in impianto; c. L Operatore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento;

19 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 19 di 44 d. Il Gestore e il Distributore definiscono l algoritmo da utilizzare per la determinazione dell energia scambiata con la rete elettrica nel rispetto della normativa vigente. A valle dell inserimento dell algoritmo sul SAPR, il Gestore e il Distributore verificano congiuntamente che i calcoli avvengano correttamente. La verifica, da effettuarsi prima della definitiva accettazione dell algoritmo utilizzato, deve avvenire conformemente a quanto stabilito nella Convenzione per il servizio di trasmissione e secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 del presente documento. La procedura si conclude con l aggiornamento degli allegati alla Convenzione per il servizio di trasmissione. A conclusione dell attività di installazione e collaudo di ogni apparecchiatura di misura, l Operatore deve inviare al Gestore il verbale di installazione e collaudo redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione dell attività di installazione e collaudo. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo Cessazione di impianti Nel caso di cessazione di impianti, il Distributore ne deve dare informazione al Gestore entro il giorno quindici (15) del mese precedente al mese interessato e sarà efficace a partire dal 1 giorno del mese di flusso. La procedura si conclude con l aggiornamento degli allegati alla Convenzione per il servizio di trasmissione Variazioni di installazioni già esistenti Il paragrafo presente descrive le procedure da seguire per poter gestire tutte le variazioni che possano comportare cambiamenti sul sistema di misura. A titolo esemplificativo e non esaustivo i casi di variazione previsti sono: o variazione in impianto; o installazione di una nuova apparecchiatura di misura; o sostituzione programmata del contatore o di un qualsiasi componente dell apparecchiatura di misura; o sostituzione per guasto del contatore o di un qualsiasi componente dell apparecchiatura di misura; o variazione di impostazione (configurazione canali, variazione costante di lettura K) del contatore. In tutti i casi le variazioni devono essere comunicate entro il giorno quindici (15) del mese precedente al mese di flusso e saranno applicati a partire dal 1 giorno del mese di flusso.

20 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 20 di Variazione di impianto Il presente paragrafo fa riferimento ai casi in cui venga richiesta, per un impianto già incluso nella Convenzione per il servizio di trasmissione, una variazione che comporti una modifica dell algoritmo di calcolo. In tal caso si applica la seguente procedura: a. Il distributore comunica al Gestore la modifica, riportando lo schema di impianto con il nuovo algoritmo proposto per il calcolo dell energia scambiata con la rete; b. Il Gestore analizza la documentazione, se necessario anche contattando il distributore stesso per integrazioni di informazioni e/o per concordare eventuali modifiche all algoritmo proposto, e fornisce al distributore la propria accettazione dell algoritmo proposto; c. Successivamente, il Gestore provvede a memorizzare nel SAPR le variazioni di algoritmo e il codice SAPR dei punti di scambio virtuale (PSV) associati. Successivamente alle variazioni, il Gestore e il Distributore verificano congiuntamente l esattezza dei calcoli e concordano definitivamente l algoritmo da adottare. La messa disposizione dei dati da parte del Gestore avverrà secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - del presente documento. La procedura viene conclusa con l aggiornamento degli allegati alla Convenzione per il servizio di trasmissione Installazione di nuova AdM su impianto già esistente Il presente paragrafo fa riferimento ai casi in cui in un impianto venga inserita una AdM non precedentemente segnalata al Gestore. Tale caso si può avere, a seguito di inserimento di: - un contatore di riserva/riscontro su un punto di misura (PM) già esistente; - un contatore in un PM non esistente. In questi casi si applica la seguente procedura: a. Il Distributore fornisce al Gestore i dati di cui al paragrafo aggiornati con le nuove informazioni, ed in particolare scheda dati preliminare aggiornata; scheda dati definitiva aggiornata; schema d impianto aggiornato. b. Il Gestore, analizzati lo schema aggiornato ed i dati definitivi, provvede a caricare i dati sul SAPR e fornisce i codici SAPR dell AdM all Operatore; c. Il Distributore fornisce al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo alla nuova AdM;

21 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 21 di 44 d. L Operatore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento; e. Se del caso, viene eseguita la procedura di aggiornamento dell algoritmo di cui al paragrafo ; f. Successivamente alle variazioni, il Gestore e il Distributore verificano congiuntamente l esattezza dei calcoli e concordano definitivamente l algoritmo da adottare. La messa disposizione dei dati da parte del Gestore avverrà secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - del presente documento. Se la procedura comporta variazione di algoritmi, essa viene conclusa con l aggiornamento degli allegati alla Convenzione per il servizio di trasmissione e dei relativi allegati, nel rispetto di quanto stabilito al punto A conclusione dell attività di installazione e collaudo di ogni apparecchiatura di misura, il distributore deve inviare al Gestore il verbale di installazione e collaudo redatto conformemente alle prescrizioni del Gestore di cui al punto a) del paragrafo 1.4. La documentazione deve essere inviata entro due mesi dalla conclusione della presente procedura. In caso contrario, il Gestore potrà avviare le opportune azioni di verifica in campo. Qualora un componente dell AdM sia parte comune di altre AdM (es. soluzione in deroga di un trasformatore di tensione comune a più AdM) si applicano sia la procedura presente per la nuova AdM, sia la procedura per le altre AdM che ne condividono il componente Sostituzione programmata del contatore o di componente dell AdM Il presente paragrafo fa riferimento ai casi in cui in un impianto venga sostituito uno o più contatori con un altro, ovvero venga sostituto un qualsiasi componente facente parte di una AdM (ad esempio un trasformatore di misura). Di seguito sono riportate le attività da porre in essere: a. Il distributore fornisce al Gestore i dati di cui al paragrafo aggiornati con le nuove informazioni, ed in particolare scheda dati preliminare aggiornata; scheda dati definitiva aggiornata; schema d impianto aggiornato. b. Il distributore fornisce al Gestore l informazione esatta dell ultimo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo al vecchio contatore; c. Il distributore fornisce al Gestore l informazione esatta del primo campione (data, ora, e valore numerico) valido relativo al nuovo contatore; d. il distributore e il Gestore verificano congiuntamente l esattezza dei dati teleletti dalle AdM; lo scambio dei dati avviene secondo le modalità stabilite nella SEZIONE 5 - e SEZIONE 6 - del presente documento;

CAPITOLO 5 SERVIZIO DI MISURA INDICE

CAPITOLO 5 SERVIZIO DI MISURA INDICE CAPITOLO 5 SERVIZIO DI MISURA INDICE CAPITOLO 5 SERVIZIO DI MISURA...3 5.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE...3 5.2 SOGGETTI RESPONSABILI...4 5.3 REQUISITI TECNICI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DELLE

Dettagli

REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA

REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA - 1 - INDICE Titolo 1 Disposizioni generali Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Definizioni Ambito di applicazione Criteri generali Titolo

Dettagli

Adeguamento impianti fotovoltaici alla Delibera 243/2013/R/EEL

Adeguamento impianti fotovoltaici alla Delibera 243/2013/R/EEL Adeguamento impianti fotovoltaici alla Delibera 243/2013/R/EEL CLIENTE UBICAZIONE POTENZA IMPIANTO (kwp) Adeguamento 243/13 Rev. 00 Data emissione: 27/01/14 Pag. 1 di 5 1) ADEGUAMENTO IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA

CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA 25/05/2009 P.I. Alessandro Danchielli 1 INDICE PREMESSA...3 DOMANDA DI CONNESSIONE.......4 SOPRALLUOGO E PREVENTIVO... 5 PAGAMENTO

Dettagli

Il ruolo di GAUDI. Delibera 8 marzo 2012 84/2012/R/eel Delibera 7 agosto 2014 421/2014/R/eel

Il ruolo di GAUDI. Delibera 8 marzo 2012 84/2012/R/eel Delibera 7 agosto 2014 421/2014/R/eel Il ruolo di GAUDI Delibera 8 marzo 2012 84/2012/R/eel Delibera 7 agosto 2014 421/2014/R/eel Allegato A 70 - Quadro normativo di riferimento Delibera 84/2012/R/eel come successivamente integrata e modificata

Dettagli

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Allegato A Allegato A alla deliberazione 18 dicembre 2006, n. 294/06 così come modificata ed integrata con deliberazione 17 dicembre 2008 ARG/gas 185/08 DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015 ALLEGATO 3 MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI PRODUZIONE CONNESSI ALLE RETI DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA. SPECIFICA TECNICA Pagina 36 di 51 ASPETTI NORMATIVI

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI Con riferimento alle disposizioni previste dal Codice di Rete

Dettagli

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw Comune di Isera AZIENDA SERVIZI COMUNALI ISERA Via A. Ravagni n. 8-38060 ISERA Cod. Fisc. e P. IVA 00203870225 Tel. 0464 487096 / Fax 0464 401430 e-mail aziendaservizi@comune.isera.tn.it PROCEDURE PER

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione. Articolo 1 Definizioni

Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione. Articolo 1 Definizioni Allegato A DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD NAZIONALE DI COMUNICAZIONE TRA DISTRIBUTORI E VENDITORI DI ENERGIA ELETTRICA PER LE PRESTAZIONI DISCIPLINATE DAL

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLE

MODALITÀ E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLE MCC MODALITÀ E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLE RETI CON OBBLIGO DI CONNESSIONE DI TERZI DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO SOMMARIO 1 OGGETTO pag. 3 2 AMBITO

Dettagli

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Indice 1. Oggetto... 3 2. Caratteristiche della fornitura... 4 3. Gestione della fornitura... 5 4. Servizi connessi... 6 4.1 Call Center... 6 4.2 Responsabile della fornitura...

Dettagli

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione -

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - Edizione 2008 INDICE 1. PREMESSA...3 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO()...4 3. PROGETTO...5 4. RICHIESTA...6

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

PRINCIPALI ATTIVITA TECNICHE PER LA MISURA DEL GAS

PRINCIPALI ATTIVITA TECNICHE PER LA MISURA DEL GAS ALLEGATO 10/A PRINCIPALI ATTIVITA TECNICHE PER LA MISURA DEL GAS Il presente allegato fornisce una descrizione sintetica delle principali attività tecniche relative alla misura del gas; tali attività coinvolgono

Dettagli

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive Federico Luiso Verona 24 giugno 2014 Principi generali I sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC) sono sistemi elettrici, connessi direttamente

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A.

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) Verona,

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

SPECIFICA TECNICA PER I SISTEMI DI ACQUISIZIONE SECONDARI (SAS)

SPECIFICA TECNICA PER I SISTEMI DI ACQUISIZIONE SECONDARI (SAS) SISTEMA DI MISURA DI ENERGIA ELETTRICA N INSPX01106 -Rev. 00 Data 2 di 26 Indice 1. SCOPO...3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...3 3. RIFERIMENTI...3 4. DESCRIZIONE GENERALE...3 5. DATI DI CONFIGURAZIONE DELLE

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

AURA AVVIO DESCRIZIONE ATTIVITÀ PIANIFICATE

AURA AVVIO DESCRIZIONE ATTIVITÀ PIANIFICATE Pag. 1 di 11 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V02 E. CALORE 22/01/2010 S. DALL OLIO 22/01/2010 S. DALL OLIO V01

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88 Disposizioni in materia di misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione. (pubblicata nella G.U. n 97 del

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI. Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico

PIANO DI MANUTENZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI. Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico PINO DI MNUTENZIONE IMPINTI FOTOVOLTICI Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico PREMESS Il presente elaborato ha lo scopo di pianificare e programmare l attività

Dettagli

1) STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL GRTN IN RELAZIONE ALLA GESTIONE DELLE INDISPONIBILITÀ

1) STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL GRTN IN RELAZIONE ALLA GESTIONE DELLE INDISPONIBILITÀ 1 SCAMBIO INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE INDISPONIBILITÀ TRA IL GESTORE ED I PROPRIETARI DI RETE RTN 1) STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL GRTN IN RELAZIONE ALLA GESTIONE DELLE INDISPONIBILITÀ La gestione

Dettagli

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA Fornitura di gas e dei servizi connessi presso gli insediamenti della società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (di seguito RFI S.p.A. ) Capitolato tecnico

Dettagli

Allegato 1 al Contratto

Allegato 1 al Contratto CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU RISORSE DELLA RETE PUBBLICA REGIONALE (RPR) ai sensi della D.G.R. n.1373 del 18 luglio 2014 Allegato 1 al Contratto PROCEDURE, TEMPISTICHE, SLA, PENALI 1 INDICE 1. PREMESSA

Dettagli

SEZIONE A GENERALITA 2

SEZIONE A GENERALITA 2 Ed. 4.0 - A1/6 SEZIONE A GENERALITA 2 A.1 OGGETTO 2 A.2 AMBITO DI APPLICAZIONE 2 A.3 RIFERIMENTI 2 A.4 DEFINIZIONI 5 Ed. 4.0 - A2/6 SEZIONE A GENERALITA A.1 OGGETTO Il presente documento costituisce la

Dettagli

ACCORDO DI INTERCONNESSIONE

ACCORDO DI INTERCONNESSIONE ACCORDO DI INTERCONNESSIONE tra la Società RETRAGAS s.r.l. con sede legale in via Lamarmora, 230, CAP 25124 Brescia, partita IVA e C.F 02419860982, nella persona di Ing. Paolo Rossetti, in qualità di Presidente

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

Proposte di revisione ANIGAS

Proposte di revisione ANIGAS ISTRUZIONI OPERATIVE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Delibera ARG/gas 185/08 Prestazioni: " Sospensione della fornitura per potenziale pericolo" Riattivazione

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

aggiorna le disposizioni per gli accertamenti documentali sugli impianti di utenza NUOVI (di nuova installazione);

aggiorna le disposizioni per gli accertamenti documentali sugli impianti di utenza NUOVI (di nuova installazione); FEBBRAIO 2014 Il 6 febbraio 2014 l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha emanato e pubblicato sul proprio sito la Delibera n. 40/2014/R/gas, Disposizioni in materia di accertamenti della

Dettagli

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi),

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), E.T.R.A. S.P.A. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA.- Tra: La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), Largo Parolini n.82/b, C.F. n.03278040245, che interviene

Dettagli

UNIACQUE S.p.A. ALLEGATO A Capitolato Speciale di Appalto

UNIACQUE S.p.A. ALLEGATO A Capitolato Speciale di Appalto UNIACQUE S.p.A. BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA APPALTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA PER IL PERIODO 01.01.2013-31.12.2013 PER LE UTENZE DELLA SOCIETA UNIACQUE S.P.A. (ai sensi degli artt. 54

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

dematerializzazione delle procedure di accesso al Conto Energia fotovoltaico

dematerializzazione delle procedure di accesso al Conto Energia fotovoltaico DEMA dematerializzazione delle procedure di accesso al Conto Energia fotovoltaico Delibera Arg/elt 173/09 Manuale utente Indice Introduzione 3 Informazioni preliminari 4 La nuova procedura 5 Gestione degli

Dettagli

NT-5. Norma Tecnica. per la manutenzione sulle infrastrutture in fibra ottica

NT-5. Norma Tecnica. per la manutenzione sulle infrastrutture in fibra ottica NT-5 Norma Tecnica per la manutenzione sulle infrastrutture in fibra ottica Abstract Questo documento contiene le modalità tecniche per lo svolgimento delle attività di manutenzione degli impianti. Definisce

Dettagli

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE 2

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE 2 Ed. 5.0 - F1/8 SEZIONE F GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE 2 F.1 GENERALITA 2 F.2 REQUISITI GENERALI DELL IMPIANTO 2 F.3

Dettagli

UNISERVIZI S. p. a. ELENCO PREZZI

UNISERVIZI S. p. a. ELENCO PREZZI UNISERVIZI S. p. a. Fornitura, posa in opera, attivazione, messa in servizio e gestione di gruppi di misura dotati di apparati con funzioni di telelettura come previsto dalla Deliberazione dell Autorità

Dettagli

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N.

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 192/05 Alberto Grossi Responsabile Unità Qualità dei servizi gas

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 35/08 APPROFONDIMENTI FINALI SULLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 17 dicembre 2008 Pagina 1 di 12 Premessa

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale

Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale ATAF avvierà la gara on-line secondo le modalità di seguito descritte, in particolare utilizzando lo strumento RDO on-line disponibile

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto FORNITURA DI PRODOTTI SOFTWARE IBM PER IL SISTEMA INFORMATIVO DELL INPDAP

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto FORNITURA DI PRODOTTI SOFTWARE IBM PER IL SISTEMA INFORMATIVO DELL INPDAP INPDAP Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Gara per la fornitura di prodotti software per il Sistema Informativo dell INPDAP Normalizzazione del Sistema Informativo

Dettagli

METODOLOGIA ADOTTATA DA AQUAMET S.p.A. PER IL RICALCOLO DEI VOLUMI SU CONTATORI SOTTOPOSTI A VERIFICA SECONDO LA NORMA UNI-CIG 11003/02

METODOLOGIA ADOTTATA DA AQUAMET S.p.A. PER IL RICALCOLO DEI VOLUMI SU CONTATORI SOTTOPOSTI A VERIFICA SECONDO LA NORMA UNI-CIG 11003/02 METODOLOGIA ADOTTATA DA AQUAMET S.p.A. PER IL RICALCOLO DEI VOLUMI SU CONTATORI SOTTOPOSTI A VERIFICA SECONDO LA NORMA UNI-CIG 11003/02 Riferimenti: Deliberazione AEEGSI n. 574/2013/R/gas e s.m.i. Deliberazione

Dettagli

ORDINATIVO DI FORNITURA

ORDINATIVO DI FORNITURA ORDINATIVO DI FORNITURA Spett.le AZIENDA ENERGIA E GAS Società Cooperativa Via dei Cappuccini, 22/A 10015 IVREA (TO) Tel. 0125-48654 - Fax 0125-45563 Inviare esclusivamente in formato elettronico a: ufficiocommerciale@cert.aegcoop.it

Dettagli

Proposta formulata da ANIGAS

Proposta formulata da ANIGAS Delibera ARG/gas 185/08 allegato A Istruzioni operative Tracciati file XML per standard comunicazione Proposta formulata da ANIGAS Milano, 7 maggio 2009 Proposta Anigas tracciati XML dei flussi delle seguenti

Dettagli

Axioma srl Condizioni generali di contratto

Axioma srl Condizioni generali di contratto Axioma srl Condizioni generali di contratto 1. Premessa Il presente documento definisce i termini, le modalità, le responsabilità e le limitazioni, nonché le altre informazioni essenziali concernenti la

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Solarexpo 9 aprile 2015 Introduzione Le disposizioni del quinto Conto Energia, unitamente a quelle

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI TECNICHE DISTRIBUZIONE E MISURA GAS ANNO 2014

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI TECNICHE DISTRIBUZIONE E MISURA GAS ANNO 2014 ELENCO PREZZI PRESTAZIONI TECNICHE DISTRIBUZIONE E MISURA GAS ANNO 2014 Rev del 01 settembre 2014 1 - OGGETTO DEL DOCUMENTO 1.1 Scopo e campo di applicazione Il presente elenco prezzi dei servizi tecnici

Dettagli

SPT - CENT - 340 Rev. 0 18.03.10

SPT - CENT - 340 Rev. 0 18.03.10 PROCEDURA PER LE VERIFICHE INERENTI LA QUALIFICA DI COSTRUTTORI E FORNITORI DI SISTEMI DI AUTOMAZIONE A CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) PER LE CENTRALI DI SNAM RETE GAS 0 18-03-10 Emissione TECESER Castagnoli

Dettagli

Condizioni generali di contratto per il servizio di connessione alla rete elettrica in media tensione (opere a cura di RetiPiù Srl)

Condizioni generali di contratto per il servizio di connessione alla rete elettrica in media tensione (opere a cura di RetiPiù Srl) Condizioni generali di contratto per il servizio di connessione alla rete elettrica in media tensione (opere a cura di RetiPiù Srl) PREMESSA a) l Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico,

Dettagli

2. Test di interoperabilità del sistema di gestione della PEC - Punto 1 della circolare 7 dicembre 2006, n. 51.

2. Test di interoperabilità del sistema di gestione della PEC - Punto 1 della circolare 7 dicembre 2006, n. 51. In esito all emanazione della circolare 7 dicembre 2006, n. CR/51 - che disciplina l attività di vigilanza e di controllo svolta da AGID nei confronti dei gestori di Posta Elettronica Certificata (PEC)

Dettagli

CAPITOLO 8 BILANCIO ENERGIA INDICE

CAPITOLO 8 BILANCIO ENERGIA INDICE CAPITOLO 8 BILANCIO ENERGIA INDICE CAPITOLO 8 BILANCIO ENERGIA...2 8.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE...2 8.2 OBBLIGHI INFORMATIVI DELLE IMPRESE DISTRIBUTRICI DI RIFERIMENTO...3 8.3 OBBLIGHI INFORMATIVI

Dettagli

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE ANNO 2015 A.S.GA S.r.l. Via Roma 36 20083 GAGGIANO (MI) 1. Oggetto Il presente listino prezzi è relativo alle prestazioni accessorie offerte da A.S.GA S.r.l. relativamente

Dettagli

Istruzioni per la compilazione e l invio della richiesta di iscrizione all elenco dei Certificatori Energetici della Regione Emilia-Romagna.

Istruzioni per la compilazione e l invio della richiesta di iscrizione all elenco dei Certificatori Energetici della Regione Emilia-Romagna. Istruzioni per la compilazione e l invio della richiesta di iscrizione all elenco dei Certificatori Energetici della Regione Emilia-Romagna. Descrizione dell iter del procedimento Per poter essere inseriti

Dettagli

Residente in via/piazza n. Città Provincia DELEGO. Preventivo/fattura intestato a: C.F. Part. IVA tel: Indirizzo di spedizione:

Residente in via/piazza n. Città Provincia DELEGO. Preventivo/fattura intestato a: C.F. Part. IVA tel: Indirizzo di spedizione: Io sottoscritto1 Residente in via/piazza n Città Provincia C.I. n 2 DELEGO La società DUFERCO ENERGIA SPA ad effettuare la/e seguenti operazioni4: Preventivo nuovo impianto Colloca contatore con attivazione

Dettagli

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Allegato A DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione Articolo 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente

Dettagli

IMPEL SYSTEMS Srl. Introduzione

IMPEL SYSTEMS Srl. Introduzione REGOLAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA: SISTEMA SCADA PER LA GESTIONE AUTOMATICA SECONDO I DETTAMI DELL AUTORITA PER L ENERGIA IMPEL SYSTEMS Srl I piccoli gestori

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA ACCESSORIE CBL DISTRIBUZIONE Rev. Data 1 01/01/2014 2 24/02/2014 SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA ACCESSORIE Oggetto Revisione prezzi ed integrazione voci. Validità nuovo prezzario: sino

Dettagli

CONTRATTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA PER SCAMBI/CESSIONI DI GAS AL PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE

CONTRATTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA PER SCAMBI/CESSIONI DI GAS AL PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE CONTRATTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA PER SCAMBI/CESSIONI DI GAS AL PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE Anno termico 2005-2006 Contratto per l utilizzo del sistema per scambi/cessioni di gas al Punto di Scambio Virtuale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia Bergamo 8 novembre 2007 INCENTIVI E LA CONNESSIONE ALLA RETE a cura di Raul Ruggeri ARGOMENTI FORMA DI INCENTIVAZIONE CONNESSIONE ALLA RETE RICONOSCIMENTO INCENTIVO

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. (di seguito: GSE)

Dettagli

Campo di applicazione

Campo di applicazione Direttive per la messa in servizio di gruppi di misura del gas caratterizzati dai requisiti funzionali minimi (Allegato A alla delibera dell Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Dettagli

Le regole tecniche per gli Energy Storage in sistemi di produzione di energia elettrica incentivati. Francesco De Mango

Le regole tecniche per gli Energy Storage in sistemi di produzione di energia elettrica incentivati. Francesco De Mango Le regole tecniche per gli Energy Storage in sistemi di produzione di energia elettrica incentivati Francesco De Mango Napoli 18 giugno 2015 GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. L organizzazione MiSE

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA

MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Pag. 1 di 11 1. Misura dell energia dei clienti produttori L attuale quadro regolatorio di riferimento prevede che il sistema di misura, installato nel punto di connessione alla rete di un impianto di

Dettagli

Dall obbligo all opportunità

Dall obbligo all opportunità Dall obbligo all opportunità Accreditamento secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 delle prove su attrezzature operanti sotto tensione del Laboratorio multi-sito nell ambito del Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali Codice di Condotta Commerciale per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali ( Delibera ARG/com 104/10 Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com 196/10 239/10 ) Titolo

Dettagli

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA.

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA. Delibera 40/04 della Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA

Dettagli

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy Data Dichiarazione d impegno unilaterale Il sottoscritto / la sottoscritta, nato il a titolare / legale rappresentante

Dettagli

Quesito n. 1 Chiarimento n. 1 Chiarimento n. 1 RETTIFICA del 5/11/2013 - Art. 35.2 Variazione del prezzo unitario per la Quota Energia

Quesito n. 1 Chiarimento n. 1 Chiarimento n. 1 RETTIFICA del 5/11/2013 - Art. 35.2 Variazione del prezzo unitario per la Quota Energia Quesito n. 1 Con riferimento all art. 35.2 del Capitolato Speciale (Variazione del prezzo unitario per quota energia), si chiede di confermare che le variazioni del costo dell energia dovute alle componenti

Dettagli

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 e il cliente che usufruisce del servizio e-commerce. Premesse

Dettagli

Verbale di accordo. tra. premesso che:

Verbale di accordo. tra. premesso che: Verbale di accordo In Padova, in data 28 maggio 2014 tra Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. e le OO.SS. di Cassa di Risparmio del Veneto premesso che: - il d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, rubricato Codice

Dettagli

Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici

Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo convergenza 2007-2013 Sistema di videosorveglianza del comune di Casarano Sicurezza per la città CIG:559455225C

Dettagli

2i RETE GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2016 in vigore dal 01/01/2016

2i RETE GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2016 in vigore dal 01/01/2016 Il Distributore si impegna, anche tramite terzi ed in relazione agli impianti per i quali è concessionario del servizio di distribuzione del gas naturale e di gas diversi dal gas naturale, a fornire le

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l.

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale,12 - Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc.

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Società uni personale Società soggetta a coordinamento e controllo da parte del Comune di Porto S. Giorgio SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli