L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *"

Transcript

1 L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo riparto di competenze 3. Produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia 4. I limiti della potestà legislativa concorrente 5. La potestà regolamentare e quella amministrativa 6. La posizione dell Autorità per l energia elettrica e il gas-aeeg 7. Gli effetti immediati della legge costituzionale n. 3/ Considerazioni conclusive * Relazione alla giornata di studio su La riforma del Titolo V della Costituzione organizzata dalla Rassegna giuridica dell energia elettrica il 1 luglio 2002

2 1. Premessa Un Parlamento moribondo ha votato e un Paese disattento ha confermato, con referendum, una modificazione costituzionale che non riguarda solo i rapporti tra Stato e regioni, ma anche altre materie: ad esempio, la disciplina della concorrenza, che viene costituzionalizzata. Tra le altre scelte della nuova Costituzione, vi è quella di attribuire alla legislazione concorrente dello Stato e delle regioni la disciplina di grandi servizi a rete, economici e non economici, come l istruzione, la sanità, i porti ed aeroporti, i trasporti e la navigazione, le telecomunicazioni, l energia. Questa nuova dislocazione di compiti pone problemi non piccoli non solo per ragioni tecniche (strutture finora unitarie vengono sottoposte a legislazione differenziata), ma anche per ragioni più generali e politiche, in quanto le regioni costituiscono il polo debole delle nostre istituzioni. Senza una tradizione alle spalle, con un trentennio soltanto di esperienza (dal 1970), le regioni non si sono dotate di efficaci apparati amministrativi ed hanno vertici politici precari. Infatti, le regioni avrebbero dovuto essere solo enti di legislazione e di pianificazione; solo successivamente sono divenute enti di amministrazione. Hanno una forma di governo presidenziale, che vorrebbero mutare, senza, però, sapere come. Deboli come enti di legislazione e di amministrazione, le regioni sono, però, importanti centri di pressione nei confronti dello Stato centrale. In via informale o attraverso la Conferenza Statoregioni, esse negoziano la maggior parte delle leggi nazionali. Ne conseguono una forte e progressiva regionalizzazione di compiti statali, ma, nello stesso tempo, una auto-centralizzazione dell attività regionale. In questo contesto, è importante esaminare il nuovo assetto costituzionale e considerare il posto della disciplina dell energia elettrica, con la distribuzione dei compiti legislativi, regolamentari e amministrativi in ordine all energia elettrica. 2. Il nuovo riparto di competenze La nuova disciplina costituzionale ha invertito quella del 1948, per quanto riguarda i rapporti Stato-regioni. Prima le regioni avevano compiti legislativi e amministrativi in materie elencate; gli altri spettavano allo Stato. Ora lo Stato ha compiti legislativi in materie espressamente riservate. Le regioni dispongono dei compiti legislativi in tutte le altre materie. Sono attribuite alle regioni e allo mi.it 2

3 Stato le funzioni legislative concorrenti in materia determinate. Le funzioni amministrative sono, in principio, attribuite ai comuni. In questo sistema, è importante, innanzitutto, stabilire se l energia elettrica è menzionata dal nuovo art Ora, questo, all art. 117 co. 3, menziona produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia tra le materie su cui si esercita la potestà legislativa concorrente di Stato e regioni. C è da chiedersi se questa espressione includa l energia elettrica e quali siano i limiti della legislazione nazionale nella materia. 2. Produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia L espressione produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia sicuramente include l energia elettrica. Questa, infatti, è indifferentemente indicata dalle norme come energia e come fonte di energia. D altra parte, l inserimento della espressione dopo ordinamento della comunicazione indica l intento del legislatore costituzionale di affidare alla legislazione concorrente la materia dell energia elettrica come parte dei servizi di pubblica utilità. D altra parte, va considerato che l energia elettrica non è elencata nel co. 2 dell art. 117 tra le materie di legislazione esclusiva dello Stato. Qui le materie vicine sono quelle degli enti pubblici (ma l Enel non è più tale), quella della tutela della concorrenza (che include l attività dell Autorità garante della concorrenza e del mercato, non il processo di liberalizzazione aperto dal d.lgs. n. 79/99 e posto sotto il controllo dell Autorità dell energia elettrica e del gas) e quella dei livelli essenziali delle prestazioni, che, però, non riguardano i diritti economici, bensì solo quelli civili e sociali. Non essendo elencata tra le materie riservate alla legislazione statale esclusiva, se non fosse tra le materie di legislazione concorrente, l energia elettrica sarebbe riconducibile, per esclusione, alla piena competenza legislativa delle regioni. Si deve concludere che produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia includa l energia elettrica e vada intesa come riferita all intera materia alla quale ora si estende il d.lgs. n. 79/99. Va solo aggiunta una riserva, derivante dall uso dell aggettivo nazionale, che va inteso come riferito alla distribuzione. Infatti, il d.lgs. n. 79/99 ha individuato aree di distribuzione locale, affidate ad enti locali di distribuzione, per cui le regioni potrebbero forse rivendicare una potestà legislativa piena sulla distribuzione non nazionale. mi.it 3

4 Colpisce l assenza, nell elenco, dell importazione, dell esportazione e dello stoccaggio di energia, che non possono, evidentemente, essere lasciati, con la nuova tecnica di ripartizione, alla competenza legislativa residuale (o, meglio, esclusiva) delle regioni. Va, infine, aggiunto che l art. 28 del d.lgs. n. 112/98, che ha provveduto al conferimento di funzioni amministrative alle regioni prima della modifica della Costituzione, va inteso come implicitamente abrogato dalla nuova disciplina costituzionale, perché quest ultima contiene un diverso criterio di ripartizione della materia. 3. I limiti della potestà legislativa concorrente Accertato che la materia indicata è affidata alla legislazione concorrente, vanno individuati i limiti di tale potestà. Essi sono: a. la determinazione dei principi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato (art ); il disegno di legge per l adeguamento dell ordinamento della Repubblica alla nuova norma costituzionale prevede (art. 1.3 e 4) che le regioni esercitano la potestà legislativa nell ambito dei principi fondamentali espressamente determinati dallo Stato o, in difetto, quali desumibili dalle leggi statali vigenti e che, in sede di prima applicazione, il governo provvede, con decreto legislativo, alla ricognizione dei principi fondamentali che si traggono dalle leggi vigenti ; b. i vincoli derivanti dall ordinamento comunitario (art ). Questi sono particolarmente rilevanti non solo perché la normativa comunitaria in materia di energia elettrica è particolarmente importante, ma anche perché il nuovo art prevede un potere sostitutivo del governo nei confronti delle regioni in caso di mancato rispetto... della normativa comunitaria ; c. il vincolo della tutela dell unità economica (art ), per la garanzia del quale è previsto un potere sostitutivo del governo nei confronti delle regioni; d. il vincolo della libera circolazione delle persone e delle cose (art ), che va inteso come applicantesi anche all energia, in quanto servizio (infatti, se così non fosse, la libertà di circolazione sarebbe garantita in sede comunitaria e non in sede nazionale, con un evidente squilibrio). mi.it 4

5 4. La potestà regolamentare e quella amministrativa L art dispone che la potestà regolamentare, salvo che nelle materie di legislazione esclusiva spetta alle regioni. Queste, dunque, mentre sono sottoposte al principio della competenza ripartita per l esercizio della funzione legislativa, hanno competenza regolamentare piena anche nelle materie attribuite alla legislazione concorrente. L art attribuisce, infine, le funzioni amministrative ai comuni, salvo che, per assicurare l esercizio unitario, siano conferite a province, città metropolitane, regioni e Stato. Peraltro, il disegno di legge di attuazione della norma costituzionale, già citato, all art. 5.1, prevede che non vengano assegnate ai comuni, oltre a quelle per cui occorra unitarietà di esercizio, anche quelle non esercitabili in sede locale per motivi di buon andamento, efficienza e efficacia dell azione amministrativa, per motivi funzionali o economici, e per esigenze di programmazione o di omogeneità territoriale. Così l elenco dei compiti amministrativi che possono essere conferiti a livelli sovracomunali di governo è stato ampliato. 5. La posizione dell Autorità per l energia elettrica e il gas-aeeg La disciplina dell Aeeg è riservata esclusivamente allo Stato dall art lett. f ( organi dello Stato ) e g ( ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali ). Se la disciplina relativa all Aeeg spetta allo Stato, però, l Aeeg, nel dettare la disciplina che ad essa compete, deve tener conto della ripartizione della materia produzione, trasporto e distribuzione nazionale di energia tra le competenze legislative concorrenti dello Stato e delle regioni. Da questo assetto discende una posizione ambigua dell Autorità: essa è sottoposta alla disciplina statale sotto il profilo soggettivo, ma, quando si passa all attività, essa deve sottostare alla duplice legislazione, quella statale e quelle regionali. 6. Gli effetti immediati della legge costituzionale n. 3/2001 L assetto disposto muta la Costituzione del 1948 e i tre trasferimenti disposti nel 1972, nel 1977 e nel Dunque, perché le nuove disposizioni costituzionali possano essere applicate, occorre che venga approvata una legislazione nazionale di trasferimento (e/o conferimento) delle nuove funzioni di spettanza delle regioni. mi.it 5

6 Lo stesso atto o altro atto dovrebbe, poi, disporre i principi fondamentali dentro i quali può svolgersi la potestà legislativa regionale. In sintesi, quindi, prima che le nuove disposizioni costituzionali vengano applicate, occorrono una legge di trasferimento/conferimento delle funzioni amministrative ed una legge che detti i principi fondamentali. Per questa ultima, però, bisogna fare due avvertenze: essa potrebbe essere assorbita nella prima; oppure, di essa si potrebbe fare a meno, come è spesso accaduto nel passato, traendosi i principi dalla preesistente legislazione (con le conseguenti contraddizioni). Tra queste soluzioni, il governo, con il recente disegno di legge, ha scelto quella - già indicata - del rispetto dei principi che si traggono dalla legislazione vigente, in attesa di norme nazionali di principio. 7. Considerazioni conclusive La disciplina di servizi di dimensione nazionale, come le telecomunicazioni e l energia elettrica è sottoposta, come si è notato, ad un sistema di legislazione ripartita o concorrente Stato-regioni che è suscettibile di porsi in contraddizione con le esigenze di ordinamento e gestione unitari delle materie indicate. La gestione delle reti è tecnicamente indivisibile, mentre attività idroelettriche locali e fonti rinnovabili potrebbero essere gestite dalle regioni o, comunque, non in sede nazionale. L energia elettrica (come gli altri servizi a rete) è, dunque, su un letto di Procuste. Potrebbe essere divisa tra ventidue regolatori (diciannove regioni, le due province autonome della ventesima, lo Stato). Così attività unitarie vengono frammentate. Ma questo non è l unico inconveniente. Vi è anche quello, già indicato, di essere soggetta a corpi amministrativamente e politicamente deboli. Per superare la contraddizione vi sono solo due soluzioni: a. cogliere l occasione della (possibile) ulteriore riforma dell art. 117, per trasferire le materie indicate dalla legislazione concorrente a quella esclusiva; b. ampliare l ambito dei principi fondamentali posti dallo Stato. A favore di questa soluzione stanno sia la circostanza che così è stato frequentemente fatto nel passato; sia la circostanza che la materia dell energia è sottoposta a forti vincoli derivanti dall ordinamento comunitario. mi.it 6

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

Alcuni articoli del Titolo V della Costituzione italiana Confronto tra il testo del 1948 e quello modificato dalla Legge costituzionale n.

Alcuni articoli del Titolo V della Costituzione italiana Confronto tra il testo del 1948 e quello modificato dalla Legge costituzionale n. Alcuni articoli del Titolo V della Costituzione italiana Confronto tra il testo del 1948 e quello modificato dalla Legge costituzionale n. 3 del 2001 Articoli Prima del 2001 Dopo il 2001 114 La Repubblica

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale

I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale Avv. Davide Paris Relazione alla giornata di formazione Residenze extraospedaliere e diritti degli anziani:

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

A S.E. Il Presidente della Repubblica

A S.E. Il Presidente della Repubblica A S.E. Il Presidente della Repubblica Le Associazioni di categoria: APER Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, con sede in via G.B. Pergolesi 27, 20124 Milano (P.IVA 04971910965 e C.F 95003870045);

Dettagli

FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO

FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO Quali sono le autorità che possono produrre norme relative al turismo? 1) Stato; 2) Regioni; 3) Enti locali; 4) Diritto internazionale; 5) Unione europea. Art. 117

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui Articolo Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui (di Giuseppe Pompella Ministero dell Interno Dipartimento per le Politiche del Personale e per le Risorse

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

documento Le società miste (pubblicoprivato) servizi pubblici locali

documento Le società miste (pubblicoprivato) servizi pubblici locali documento Le società miste (pubblicoprivato) per la gestione dei servizi pubblici locali maggio 2010 A cura delle Commissioni Servizi pubblici e Governance delle partecipate Presidenti Giuseppina Greco

Dettagli

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola di Tania Groppi Sommario 1. Regioni e Unione Europea nel nuovo Titolo V. 2. La disciplina della fase ascendente nel

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Energie rinnovabili: un problema di «governance»

Energie rinnovabili: un problema di «governance» Conclusioni Energie rinnovabili: un problema di «governance» di Giulio Napolitano L analisi dei diversi aspetti che caratterizzano la disciplina delle energie rinnovabili rivela la mancanza di un chiaro

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

CAPITOLO TERZO I TRASPORTI PUBBLICI NELL ORDINAMENTO INTERNO

CAPITOLO TERZO I TRASPORTI PUBBLICI NELL ORDINAMENTO INTERNO CAPITOLO TERZO I TRASPORTI PUBBLICI NELL ORDINAMENTO INTERNO SOMMARIO: 3.1. Il trasporto pubblico locale tra Stato e Regioni. - 3.2. La legge delega n. 59/1997 3.1. Il trasporto pubblico locale tra Stato

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI Avvertenza........................................ XIII STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI 1. La realizzazione del regionalismo e la crisi del sistema istituzionale

Dettagli

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ANNO 2013... 2 Sentenza n. 264 del 13/11/2013...2 ANNO 2007...3 Sentenza n. 165 dell 11/05/2007...3 ANNO 2005...5 Sentenza n. 222 del 08/06/2005...5 ANNO 2013 Sentenza n. 264

Dettagli

Le prospettive del federalismo in materia di istruzione l Accordo Stato-Regioni

Le prospettive del federalismo in materia di istruzione l Accordo Stato-Regioni Le prospettive del federalismo in materia di istruzione l Accordo Stato-Regioni Seminario Ufficio Scolastico di Milano Milano, 19 aprile 2011 Giuliana Pupazzoni 1 Il riparto delle competenze legislative

Dettagli

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 INDICE TITOLO I Principi generali Art. 1 Principi generali Pag. 3 Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Territorio, sede

Dettagli

INDICE. Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti...

INDICE. Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti... INDICE Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti... VII XVII Parte Generale Capitolo I LA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3 DEL 2001: LINEE

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14

Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14 Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14 Il ciclo di gestione delle performances: applicazione del d.lgs. n. 150/09 nel comparto Regioni ed autonomie locali Ruolo degli OIV

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Formazione, attività scientifica e/o professionale

Formazione, attività scientifica e/o professionale ANTONIO COLAVECCHIO Nato a Bari il 5 gennaio 1970 antonio.colavecchio@unifg.it Formazione, attività scientifica e/o professionale Titoli accademici e altri titoli Dottore di ricerca in Diritto pubblico

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

La riforma del Titolo V della Costituzione: la ripartizione delle competenze. febbraio 2003

La riforma del Titolo V della Costituzione: la ripartizione delle competenze. febbraio 2003 La riforma del Titolo V della Costituzione: la ripartizione delle competenze febbraio 2003 Tratto da: Rapporto Annuale 2003 sull attuazione del federalismo Gli autori del capitolo qui presentato sono:

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA

LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA Appartenenza dell Italia alle Comunità fino dalla loro istituzione Lentezza nell adeguamento del quadro istituzionale interno IL QUADRO COSTITUZIONALE ITALIANO

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, recante disciplina dell attività di Governo e ordinamento

Dettagli

L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001

L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001 L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001 di Luigi Gianniti Sommario 1. Cenni introduttivi. 2. Un problema di fonti. 3. Argomenti a favore del ricorso ai regolamenti parlamentari.

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA Nei Paesi dell OCSE il turismo è una grande industria e come tale contribuisce direttamente per il 4,7% del PIL, il 6% dell occupazione, il 21% delle esportazioni

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni PROFESSIONI La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Toscana Legge Regione Toscana 6 maggio 2011, n. 18, recante Norme in materia di panificazione Corte Costituzionale,

Dettagli

COMUNE DI PIURO. Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI PIURO. Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA COMUNE DI PIURO Provincia di Sondrio N 79 registro delibere DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO: Erogazione di contributi in conto capitale alle parrocchie di Piuro. Atto di indirizzo.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

Osservazioni sulla istruttoria iniziata il 26 novembre. 2014 dal Comitato per le cariche del Senato della

Osservazioni sulla istruttoria iniziata il 26 novembre. 2014 dal Comitato per le cariche del Senato della Osservazioni sulla istruttoria iniziata il 26 novembre 2014 dal Comitato per le cariche del Senato della Repubblica, concernente il Presidente e il Vicepresidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni)

AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), c.d. Authority delle TLC, è un autorità indipendente, istituita dalla legge Maccanico 31 luglio

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria,

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Modifica dell art. 33 dello Statuto sociale, al

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

Deliberazione n. 11/pareri/2007

Deliberazione n. 11/pareri/2007 Deliberazione n. 11/pareri/2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Donato Maria

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 30 luglio 2012 in merito alla riforma della vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale (CON/2012/61) Introduzione e base giuridica

Dettagli

Verso le città metropolitane: il percorso nel 2014 stabilito dalla legge 7 aprile 2014, n.56. Pietro Barrera, 11 giugno 2014

Verso le città metropolitane: il percorso nel 2014 stabilito dalla legge 7 aprile 2014, n.56. Pietro Barrera, 11 giugno 2014 Verso le città metropolitane: il percorso nel 2014 stabilito dalla legge 7 aprile 2014, n.56. Pietro Barrera, 11 giugno 2014 Indice: 1. Le tappe. 2. Le elezioni. 3. Il funzionamento degli organi collegiali.

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

COMUNICATO STAMPA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA PROMOSSA DA SALINI S.P.A. SULLA TOTALITÀ DELLE AZIONI ORDINARIE DI IMPREGILO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA PROMOSSA DA SALINI S.P.A. SULLA TOTALITÀ DELLE AZIONI ORDINARIE DI IMPREGILO S.P.A. COMUNICATO STAMPA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA PROMOSSA DA SALINI S.P.A. SULLA TOTALITÀ DELLE AZIONI ORDINARIE DI IMPREGILO S.P.A. COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 102, PRIMO COMMA, DEL

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 225 DEL 06/12/2014 OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTI AD ASSOCIAZIONI OPERANTI NEL TERRITORIO L'anno

Dettagli

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI Art. 1. Natura giuridica 1. L'Agenzia nazionale per i giovani, di seguito denominata: "Agenzia", e' agenzia di diritto pubblico ai sensi dell'articolo 8 del

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Seconda) ORDINANZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Seconda) ORDINANZA N. 00083/2007 REG.ORD. N. 01027/2004 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria ha pronunciato la presente (Sezione Seconda) ORDINANZA Sul ricorso

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10 Mario Porzio & Carlo Spampatti Università degli studi di Università degli studi di Bergamo a.a. 09/10 Catena elettrica Produzione:costruzione e gestione degli impianti mirati a produrre energia elettrica

Dettagli

Osservatorio Legislativo Interregionale

Osservatorio Legislativo Interregionale Le novitàdel sistema elettorale della Lombardia. La legge elettorale regionale «Norme per l elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Regione»(l.r. 31 ottobre 2012, n. 17) Ufficio Elettorale

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali Prof.ssa Lucia Serena Rossi PROGETTO DI RICERCA Elisa Ambrosini

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI INERENTI LA TRANSIZIONE ENERGETICA NEGLI ENTI LOCALI. Avv. Alessandra Spalletti

ASPETTI NORMATIVI INERENTI LA TRANSIZIONE ENERGETICA NEGLI ENTI LOCALI. Avv. Alessandra Spalletti ASPETTI NORMATIVI INERENTI LA TRANSIZIONE ENERGETICA NEGLI ENTI Avv. Alessandra Spalletti Quadro normativo di riferimento Europeo Nazionale Regionale Locale Transizione energetica negli Enti Locali Avv.

Dettagli

IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA

IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DALLA RIFORMA DI LISBONA PROF.SSA MARIA TERESA STILE Indice 1 IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA ------------------------------------------ 3 2 INTEGRAZIONE EUROPEA

Dettagli

Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea

Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea Giovanni Bartoli Nell Unione europea la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro rappresentano argomenti tra i più

Dettagli

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia SULL'AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DELLE LAMPADE VOTIVE Verifica conformità ai requisiti dell'ordinamento europeo e definizione degli obblighi di \\srv-pdc\areadoc\tecnico\bilancio S3\ARTICOLO 34\LAMPADA

Dettagli

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee L attuazione della normativa europea (Il modello statale di adeguamento dell ordinamento interno alla normativa europea. La legge comunitaria annuale). A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 A.G.C. 17 Istr. Educ. Form. Prof. Pol. Giov.le del Forum Regionale Ormel Settore 5 Formazione professionale Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DI PERCORSI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO RISOLUZIONE N. 430/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 novembre 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Irap cuneo fiscale Imprese che svolgono

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

Massimo Mari per il Presidente del Consiglio dei ministri. Ritenuto in fatto 1. Con ricorso notificato il 15 aprile 2002 e depositato il 19 aprile

Massimo Mari per il Presidente del Consiglio dei ministri. Ritenuto in fatto 1. Con ricorso notificato il 15 aprile 2002 e depositato il 19 aprile Consulta OnLine SENTENZA N. 73 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Fernanda CONTRI Presidente - Guido NEPPI MODONA Giudice - Piero

Dettagli

La nozione di tributo e di diritto tributario

La nozione di tributo e di diritto tributario La nozione di tributo e di diritto tributario La nozione di tributo (1) Inesistenza di una definizione legislativa di tributo Alcuni tratti caratteristici: corrispettivo per il finanziamento di servizi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

BANCA SISTEMA S.P.A. 3. Soggetti aderenti al Patto, strumenti finanziari e numero dei diritti di voto conferiti al Patto

BANCA SISTEMA S.P.A. 3. Soggetti aderenti al Patto, strumenti finanziari e numero dei diritti di voto conferiti al Patto Estratto dei patti parasociali comunicati alla Consob e pubblicati ai sensi dell articolo 122 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58. Informazioni essenziali previste dall articolo 130 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli