ANNO XII NUMERO 34 NOVEMBRE 2011 MARZO Ospitalità 23 spettacoli alla Corte e al Duse. Hellzapoppin Intorno al testo Lettera degli spettatori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO XII NUMERO 34 NOVEMBRE 2011 MARZO Ospitalità 23 spettacoli alla Corte e al Duse. Hellzapoppin Intorno al testo Lettera degli spettatori"

Transcript

1 Tariffa R.O.C.: Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art.1 comma 1, DCB Genova ANNO XII NUMERO 34 NOVEMBRE 2011 MARZO Moscheta Franco Cardini Gianfranco De Bosio Moscheta Marco Sciaccaluga Lo Stabile in tournée L ultima notte Vita di Gardini Augias e Polchi L ultima notte Andrea Liberovici Citazioni Macbeth Massimo Mesciulam Versioni cinematografiche Hellzapoppin Intorno al testo Lettera degli spettatori Ospitalità 23 spettacoli alla Corte e al Duse Alla Corte Tullio Solenghi interpreta Ruzante; al Duse Luciano Roman è Raul Gardini secondo Corrado Augias DUE STORIE ITALIANE Non è facile. Anzi, ad essere sincero, mi è molto difficile parlare in questi momenti di teatro, di Ruzante, di co - micità. Di fronte a una città gravemente ferita, di fronte alla morte di persone innocenti, ci si sente un po fuori luogo nel desiderio di presenta - re il lavoro fatto anche in questi giorni drammatici per andare in scena puntualmente e al meglio, per dare al nostro pubblico quanto promesso. Ma se una città, ogni città, ha un anima, e io credo che l abbia, allora for se anche il nostro lavoro torna utile a ravvivare la forza di quest anima che Genova ha, da sempre, tenace e determinata. E allora forse serve che i teatri, i cinema, le biblioteche, oltre ai negozi e alle officine, riaccendano al più presto le loro luci, facciano sentire che il cuore della città pulsa di nuovo, serve che noi si faccia co noscere ai giovani (che così grande dimostrazione di generosità hanno ancora una volta dato) le radici del la loro cultura anche in un grande autore europeo, Ruzante appunto, molto spesso ignorato a scuola a motivo della difficoltà del suo dialetto-lingua. Serve che noi si riproponga ai nostri anziani la possibilità vi tale di passare qualche pomeriggio in compagnia, divertendosi in ma niera intelligente, che si proponga agli adulti, insegnanti, professionisti, impiegati, operai, la forza primitiva, violenta ma autentica, di una storia raccontata da un autore del primo Cinque cento, Angelo Beolco detto Ruzante, che Dario Fo, ricevendo il Nobel, definiva così: Di sprezzato dai letterati del suo tempo perché portava in scena il quotidiano, la gioia-disperazione della gente comune, l ipocrisia e la spocchia dei potenti, la costante ingiustizia. E forse ha importanza che nell altro nostro Teatro, il Duse, un testimone intelligente e amato del nostro tem po, Corrado Augias (qui affiancato da Vladimiro Polchi) ci inviti a ri - flettere su un episodio degli anni più re centi, la tragica morte di Raul Gar - dini, un episodio che con altri segnò l inizio di una stagione molto comples sa che proprio in questi giorni sembra segnare una svolta importante. Dunque, voglio augurarvi, assieme alle nostre due, in questo caso piccole compagnie, composte dai registi Marco Sciaccaluga e Andrea Libe - rovici, da Tullio Solenghi (un ritorno fra noi graditissimo), Luciano Ro - man, Maurizio Lastrico, Barbara Moselli, Enzo Paci, buon ritorno a teatro, a quel luogo dove una comunità può riconoscere le sue radici e ritrovare la sua speranza. Carlo Repetti MOSCHETA IN SCENA SINO AL 7 DICEMBRE Tullio Solenghi in un momento dello spettacolo (Foto Marcello Norberth) La Stagione di produzione dello Stabile alla Corte si apre con un classico del teatro italiano del Cin - quecento, interpretato da due protagonisti della co - micità contemporanea, Tullio Solenghi e Maurizio Lastrico, con Barbara Moselli ed Enzo Paci. Mo - scheta mette in scena con originalissima comicità un mondo contadino rozzo e sensuale (dove si parla il dialetto padano), ma comunque migliore di quello affettato e in gannatore della città, nella quale trionfa la lingua moscheta che appartiene ai furbi e agli imbroglioni. L azione si svolge a Pa dova, dove An - Esercitazione con Macbeth al Duse, dal 10 al 15 gennaio. Ingresso libero La tradizionale Esercitazione con i classici, proposta dagli allievi del Secondo anno del Corso di Qualifi - cazione della Scuola di Re citazione del Teatro Stabile di Ge - nova con la regia di Massimo Me - sciulam, è dedicata quest anno al Macbeth di William Shakespeare: una tragedia che, come sot tolinea il critico statunitense Harold Bloom, ci costringe a «viaggiare dentro al suo cuore scuro, dove ritroveremo noi stessi in maniera più autentica e bizzarra, come assassini nello e dello spirito». La messa in scena di Macbeth si presenta come l occasione per gli spettatori, come per i suoi giovani interpreti, di entrare dentro a un universo drammaturgico che ha la caratteristica di esserci sempre contemporaneo. Un mondo in cui la separazione tra la vita e il palcoscenico, tra dire e recitare, tra sentire e interpretare le proprie emozioni può cessare completamente di esistere, trovando una nuova e autonoma identità nel farsi teatro. Nate negli anni Novanta come lavoro aperto al pubblico della Scuola di Recitazione, le Esercitazioni hanno progressivamente as sunto un esplicita va lenza laboratoriale, sino a diventare una componente significativa del lavoro produttivo dello Stabile, concorrendo a mettere alla prova le future leve attoriali e a evidenziare, an che sul piano didattico, la complessità dei rapporti che in ogni allestimento si stabilisce tra il testo e gli attori e tra il testo e la sua vita autonoma sul palcoscenico. gelo Beolco, detto Ruzante, ambienta con meravigliosa evidenza comica le tribolazioni amorose e gli inganni in crociati di tre uomini (Ruzante, Menato e Tonin) che ruotano in torno alla bella Betìa. Mo - sche ta è messa in scena da Marco Sciac caluga (sce - na e costumi di Guido Fiorato, musica di Andrea Ni - co lini, luci di Sandro Sussi) e il testo è stato reso fru ibile anche agli spettatori odierni dal discreto adattamento richiesto dallo Stabile genovese a Gianfranco De Bo sio, cui si deve sin dai primi anni 50 la riscoperta di Ruzante sui palcoscenici italiani. L ULTIMA NOTTE DAL 22 NOVEMBRE Prodotto dalla Stabile genovese L ultima notte. Anatomia di un suicidio è uno spettacolo riconducibile alla nobile tradizione del teatro civile. Il suo tema centrale è infatti offerto dalla cronaca e dalla discussa personalità di uno dei protagonisti della storia italiana del secondo Novecen - to: Raul Gardini. Novità italiana scritta da Corrado Augias e Vla - dimiro Pol chi, il racconto si svolge tutto in una notte: molto si - mile a quella del 23 luglio 1993, a Milano. Un uomo dialoga con la propria Om bra e fa i conti con se stesso. Il suo soliloquio è in - tervallato dalla proiezione di filmati delle Teche Rai (ricerche a cura di Alessia Casaldi) che rievocano momenti della vita pri- Luciano Roman durante le prove di L ultima notte (Foto Alessandra Vinotto) Spettacoli ospiti alla Corte e al Duse: grandi interpreti per autori classici e contemporanei Ironia, divertimento e passione civile zie a spettacoli che ci parlano di passione per il denaro (dal dickensiano Canto di Natale a L uomo prudente di Goldoni), della funzione emblematica e pe dagogica della Storia (La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bre cht con Umberto Orsini o Kohlhaas di von Kleist con Marco Baliani), del- vata e pubblica (tra industria, sport e politica) di Raul Gardi - ni: presidente della Montedison, travolto dalle inchieste di Mani Pulite. Un ascesa che per qualche anno è parsa inarrestabile, la sua, ma soffocata dall abbraccio brutale tra potere e capitale. L ultima notte racconta, prendendosi molte libertà, la storia di questo equilibrio difficile, forse impossibile. Nella consapevolezza che, come dice il personaggio interpretato da Luciano Roman (regia, video e scenografia acustica di Andrea Liberovici, scena e costumi di Guido Fiorato, luci di Sandro Sussi): «Non ci sono più innocenti, i peccati sono collettivi». Novità italiana in scena al Duse dal 22 al 27 novembre. Accanto ai dieci spettacoli di produzione, lo Stabile di Genova propone un cartellone d ospitalità che in coerenza con lo slogan della Stagione mediato da O scar Wilde: Levatemi tutto... ma non le emozioni vuole reagire nel segno del comico e dell ironia alla svalutazione in atto della cultura. Molte sono le occasioni di divertimento proposte dagli spet tacoli in programma. Si ride con i classici (Molière, Goldoni, Boccaccio), ma anche con i contemporanei (De Filippo, Scarpetta, Franca Valeri e Joe Orton). Ci si emoziona nel sentirsi parte di una comunità condividendo tensioni culturali, civili e morali, in compagnia di autori e attori che hanno saputo e sanno raccontare l uomo nella Storia. Si coglie la necessità del teatro grala scuola e dei giovani di fronte al - le incertezze del futuro (The Hi - story Boys di Bennett), ma anche di amore e di passione (Elektra con la Pozzi, Signorina Giulia con la Solarino, Tradimenti con la Braschi, Romeo e Giulietta, Il principe di Homburg o Sogno d amore del genovese Giampie - ro Rappa), di giustizia e civiltà (L ar te del dubbio dal libro di Gianrico Carofiglio e Malapol - vere con Laura Curino). E tanto altro ancora. Firmato da autori di ogni tempo, interpretato dagli attori più significativi della scena italiana. Tanti spettacoli per tutti. Un cartellone composto da quarantatré titoli che vanno dal classico al contemporaneo, per un divertimento capace di alimentare dal vivo la mente e il cuore.

2 2 l Moscheta RUZANTE Cancaro, a ho la gran legreza. A ho tanta legreza che la camisa me sta tanto erta dal culo. A ho guadagnò tanti dinari, che a me comprerae mezo un buò. MENATO E sí a ho lassà buò, vache, cavale, piegore, puorçi e scrove, con tuto, per vegnire... dove mo? Drio na fémena! BETÌA Desgraziò, furfante, tasi, tasi! Che volívitu provare? S avesse vogiù far male, furfante, créditu che me foesse mancò l occasion? TONIN Öl saress pür el mester del soldat, öl plu bel mester che foss, per du rasuni, se no l foss du cosse: öl menar di mani, e l esser obligat a far la guera! IL GIOCO RUZZANTE DELL EROS Vita dei contadini nella pianura padana affamata e attraversata dalle guerre Maurizio Lastrico, Barbara Moselli, Enzo Paci Lo sanno tutti, o dovrebbero quan to meno saperlo, che lo splendido Rinascimento fu in realtà un periodo storico durissimo, denso di difficoltà, popolato di affamati, di appestati, di fuorilegge, di poveracci reduci da guerre crudeli e segnati da orribili ferite. Dalla calata nella penisola di Carlo VIII di Francia nel 1494 fino alla pace di Cam - brai dell agosto 1529 tra l imperatore Carlo V e il re di Francia Fran cesco I, la penisola fu attraversata da guerre continue: e anche quando l epicentro delle guerre si spostò verso nord, la penisola restò minacciata dal vicino pericolo ottomano e dalle incursioni corsare barbaresche. Angelo Beolco era nato a Pa - dova verso il 1496 (ma su tale data ci sono molte incertezze) e morì nel Contra riamente a quel che molti credono date le sue opere, egli non era affatto un contadino. Figlio naturale di un medico che lo lasciò orfano solo nel 1524, quand egli aveva ormai quasi trent anni, era vissuto in un col to am biente borghese e si era as sunto, con successo, una se rie di còmpiti familiari e am mi nistrativi. Col laborò con l i llumi nato aristocratico ve - ne ziano Al vise Cor naro, il quale si era mol to impegnato nello studio e nel la realizzazione di dimore contadine e di opere agri cole in grado di migliorare le condizioni di sa lute e di lavoro delle genti delle campagne. Il Beolco, ben presto famoso col soprannome di Ru zante si polemizza an cora sull origine di tale pseudonimo: un allusione al ruzzo, al gio co, o alla rozzezza che le com medie ruzantiane al tempo stesso mostravano e denunziavano?, creò e perfezionò nelle sue commedie la maschera istrio nica del villano che lo a vrebbe per sempre ca ratte riz zato. Ani matore di una compagnia di no bili iuvenes ciascuno dei qua li era titolare di un personaggio teatrale, con loro si dette a organizzare spettacoli a Pa dova e a Venezia tra il 1520 e il 1526 e a Ferrara tra il 1529 e il 1532, dove il Beolco poté giovarsi della collaborazione di Ludo vi co Ariosto. Autore e forse soprattutto attore, Ruzante lo chiameremo col nome del suo personaggio, che peraltro non è un tipo fisso, una maschera da Commedia del - l Arte, ma nemmeno un carattere puntava a sottolineare drammaticamente, paradossalmente, le contraddizioni della naturalità contadina del suo tempo e dell area che egli ben conosceva, il delta padano tra la repubblica di San Marco e il ducato di Ferrara: dal conflitto tra una naturalità difficile a cogliersi nei suoi tratti strutturali e una diversità condizionata da durissime situazioni ambientali, dal conflittuale incrociarsi di un ottica cittadina e una contadina, scaturisce una poetica dura, complessa, desolata, nella qua le perfino il ridere è amaro e doloroso. Si tratta del concetto (che si po - trebbe tranquillamente definire una poetica ) della sna - turalité, tipicamente ru zan - tiano, che senza dubbio moltissimo deve a un genere arcaico, quello già tipicamente me - dievale della satira del villano, che chiamava in causa an che la cruda promiscuità sessuale, vizio dei più for ti e schiavitù dei più deboli che Ruzante descrive Ruzante: Intermedio d una comedia alla pavana con implacabile obiet tività, nel la quale si vorrebbe davvero esser sicuri di poter discernere la denunzia, specie nella trilogia composta tra 1528 e 1529, il Parlamento, il Bilora e il Menego o Dialogo facetissimo, con i leitmotives os sessivi della roba, dell ono re e dell irrimediabile op posi zione tra città e campagna, tra ricchezza e usura da una parte e miseria dall altra. La Moscheta, 5 atti scritti nel 1529 all indomani della trilogia che segna si può dire la maturità poetica del Beolco, riprende la protagonista femminile e molta parte della tematica della Betìa, scritta quattro-cinque anni pri - ma, nella quale si erano presentate complesse prove di bilinguismo italico-veneto ed era sta to affrontato un tema caratteristico fin dall età giullaresca del conflitto di culture tra corte e città da una parte, campagna dall altro, rappresentato dalla parodia delle discussioni filosofiche sull amor platonico. Nella Moscheta, com media di vil lani sensuali e urbanizzati, si ride aspro e amaro fra tradimenti e bastonate, in un triangolo amoroso che presto diventa un quadrato: rivelatore di quanto fragili e labili siano, nella campagna Orbéntena, el mondo è tutto voltò col cullo in su: femene e uomeni, negun va pì al naturale, e tutti vuol strafare a sgasafazo, volze ontiera el so puorpio, e tutti bonamen ha pì piasere del naturale de gi altri che del so. A guardo sto om da ben che è stò chialò adesso a sprolegare: poeva favellare in la soa lengua, e sì l ha vogiùa muare, e tuore la fiorentinesca, e sì dise ch el no arae sonò bon a favellare in la soa. [...] A ve vuo dare un consiegio a tutti: tegnìve al naturale, e no cerché de strafare; a no ve digo solamen della lengua, ma an del favellare, ma an del resto: perché a vezo ch el non basta ch a ve volzì la lengua a favellare fiorentinesco e moscheto, ma a ghe magné, e sì ve ghe fé le gonelle, ch el n è zà ben fatto! No sarae miegio ch attendissi cum a fazzon gnu a magnar de bon pan e de bon formaio salò, e bever de bon vin ch abia el rocetto, ch a magnare tanti sauriti e de tanta fatta magnare? Che a no assé, cum aì, ficò tante ventositè e tante scorientie sempre in la panza e in lo magon, mo a sassé norì, bianchi e russi come pumi: guardé cum a sen gnu dalle ville! [...] Co è pì bella cosa del naturale? Mo no canta miegio gi osiegi sui salgari che i no fa in le gabie? Mo no è miegio e pì bello un pollaro de so pe ca un aotro fatto a man? A sarae an miegio s el no fosse ferdo, che andessan tutti com a sem nassù, nu per nu. Mo no cri -vu ch el fosse pì bello a veder una femena nu per nu ca cum tante gonelle e soragonelle? A cherzo ben de sì. [...] E perzòntena, brigò, cazzonne tutti un drio l altro a mantegnir el naturale, e cum a vi un che vaga fuora del naturale, s el va da un lò andé da l aoltro cum a fago mi adesso. Ché quel om da ben ha muò lengua, mo mi a no la vuo muare, che s a volesse anca mi favellare fiorentinesco e moschetto e dire «Io le sono» - ch a no le vuogio dire - che, le no sonarae bon an? No l sârae fare? No, arae mosche! Mo a no vuogio. Mo no è pì bello a dire «mi» che «io»? No è pì bello a dire «una vacca» che «una giumenta»? Mo no è pì schietto a dire «un castron» ca «un carniero» cum dise i Spagnaruolli? Chi cancaro intenderae che un carniero fosse un castron e una giumenta una vacca? Cancaro ai carnieri e alle giumente! Dasché l sarà pì bel parlar del nostro? E perzòntena a vuogio andar drio, a so an ch el ve piaserà pì el me favellare, che no farae quel de quel om da ben. E da bel mo a ve vuo far zuse, e s el ve piaserà pì el me naturale tegnìve a ello, e s el ve piaserà pì andar fuora del naturale che a vogié cambiar lengua, da bel mo in penitentia a son contento ch a me togié tutti la mia, ch a ve poissi muare de lengua quando ve piaserà. padane, come nel mondo dell in - cipiente (e, in Italia, già fallita) Riforma, le ca tegorie morali e le istituzioni familiari. Un u ma - nità giocosa e dolente, violenta e paurosa, af famata e sboccata, sensuale e amorale, nella quale la forza della natura e la spinta del bisogno s impongono stabilendo norme e gerarchie in un orizzonte piatto, sotto un cielo plumbeo, ep pur l uno e gli altri dominati dai lontani, aerei skylines della dot ta e raffinata Padova, della gaudente e turrita Ferrara. Una commedia uma - na spietata dal la quale, paradossalmente, af fetti e speranze sembrano spuntare con fatica dal terriccio avaro della fatica e del dolore di vivere. Si ride sullo squadernamento spietato dei vizi e delle debolezze comuni a tutti gli esseri umani, vicino o lontano dal maestoso corso del Po. Ru zante insegna a guardar con di sincanto alla condizione condivisa da tutti i nati di don - na. E a riderne amaramente, e a liberarsi dall amarezza: in tristitia hilares, in hilaritate tristes. È mai stato qualcosa di diverso, il vero teatro? Franco Cardini (dal saggio pubblicato nel volume edito da Il Melangolo che accompagna lo spettacolo) Ruzante sulla scena a Genova e in Italia Genova fu una delle prime città italiane ad accogliere con calore di pubblico la novità del linguaggio della Moscheta di Angelo Beolco detto il Ruzante dal personaggio che interpretava: nell inverno del 1951, sessant anni or sono, nel teatrino di Piazza Tom maseo, il Teatro dell Uni versità di Padova, che si vantava di aver riscoperto nel linguaggio originale la commedia capolavoro del Beolco, incontrò il pubblico genovese. Dopo l ospitalità voluta da Paolo Grassi al Piccolo di Milano, Moscheta venne subito a Genova e una platea di appassionati ne decretò il successo: applaudivano Giannino Galloni, i critici teatrali Bassano e Rietmann, e soprattutto Lele Luzzati, che diventerà lo scenografo principe dei miei Ruzante dagli anni Sessanta fino alla sua morte terrena, caro indimenticabile Lele. Gli attori del 1951 erano Cesco Ferro, Ruzante, che poi concluse la sua carriera a Genova, Mario Bar - della, Menato, Giu lio Bosetti, esemplare soldato bergamasco, Giuliana Pinori, Betìa, e Otello Cazzola nel cammeo del Prologo. Rilievo prevalente dobbiamo dare alla scelta linguistica: fino al 30 novembre del 1950, nessuno aveva osato rap - presentare Ruzante nel testo originale. Furono le mie ricerche, con il prezioso aiuto di Lu dovico Zorzi, che negli anni Sessanta pubblicherà da Einaudi tutto il tea tro di Ruzante e il sostegno del poeta Diego Valeri, presidente del Teatro dell Università di Padova, a im porre questa scelta, che subito si dimostrò necessaria, e felice. Fu proprio la for za icastica del linguaggio originale a far superare il primo impatto di difficoltà di comprensione, che sorprendeva e poi affascinava gli spettatori. Così fu a Genova, e poi a Roma, e negli anni successivi e fino ad oggi in tutta Italia, e all estero dalla Fran cia alla Russia, dalla Germa nia ai Paesi nordici, dalla Spagna al Sud america, e perfino in Cina. Non mancarono le proteste per la crudezza delle parole e delle situazioni, ma le polemiche accentuarono il successo. Lo Stabile di Torino, con la mia direzione dal 1957 al 1968 fu il luogo privilegiato dei miei esperimenti ruzantiani, con la presenza autorevole di Franco Parenti, e dopo Torino fu Paolo Grassi, da sempre amante del teatro del Beolco, a ospitare al Piccolo La Betìa in prima rappresentazione moderna, e Moscheta. Anche il Teatro del Veneto, con la direzione di Giulio Bosetti, diede spazio al Ruzante. Il Teatro Stabile di Genova non fu da meno. Negli anni Settanta fui invitato da Ivo Chiesa e Luigi Squar zina a mettere in scena L Anconitana, che ebbe rag guardevole successo, fu rappresentata anche al Teatro Olimpico di Vicenza, con una distribuzione di qualità. E ora, finalmente, Carlo Repetti e Marco Sciaccaluga, al quale si debbono anche preziose incursioni goldoniane, hanno deciso di af - frontare il capolavoro tragicomico del Ru zante. Ogni ripresa del Ruzante, in Italia e all estero, mi fa piacere, ma questa con la regia di Sciac caluga è quella cui mi sento più vicino. Il riconoscimento della fon da - mentale importanza del linguaggio pavano è per me la maggiore soddisfazione: in questi sessant anni il Ruzante è divenuto un autore universale, ma la forza, il colore cupo e violento, la maniera aspra e avvincente della lingua padana, diciamo pure la sua straordinaria teatralità, conservata a secoli di distanza, ne sono la componente essenziale. Gianfranco De Bosio (dal saggio pubblicato nel volume edito da Il Melangolo, che accompagna lo spettacolo) Traduzione dell Intermezzo di una commedia alla padana Orbene, il mondo è tutto alla rovescia: donne e uomini, nessuno segue più il naturale, e tutti vogliono strafare a più non posso, rigirano volentieri il proprio, e di certo hanno più piacere del naturale degli altri che del proprio. [...] Vi voglio dare un consiglio a tutti: seguite il naturale, e non cercate di strafare; non dico solo per la lingua, ma anche per il parlare, ma anche per il resto: perché vedo che non vi basta di stravolgere la lingua a parlare fiorentino e colto, ma ci mangiate, e in più vi ci fate fare gli abiti, e non va bene! Non sarebbe meglio che badaste come facciamo noi a mangiare del buon pane e del buon formaggio saporito, e bere del buon vino che abbia una vena di aspro, piuttosto che mangiare manicaretti e cibi di tanti tipi? Non avreste, come invece avete, tanti peti e tante scorregge sempre ficcate nella pancia e nello stomaco, ma sareste floridi, bianchi e rossi come mele: guardate come siamo noi contadini! [...] Come si fa a trovare una cosa più bella del naturale? Ma non cantano meglio gli uccelli sui salici che nelle gabbie? Ma non è meglio e più bello un pioppo naturale di un altro artificiale? Sarebbe anche meglio se Angelo Beolco detto Ruzante non fosse freddo, così da andar tutti in giro come siamo nati, completamente nudi. Ma non credete che sia più bello vedere una donna tutta nuda piuttosto che in tante gonnelle e sopragonnelle? Credo proprio di sì. [...] E quindi, brigata, cacciamoci tutti uno dietro l altro a mantenere il naturale, e quando vedete uno che vada fuori del naturale, se va da un lato andate dall altro come faccio io adesso. Perché quell uomo dabbene ha cambiato lingua, ma io non la voglio cambiare, che se volessi anch io parlare fiorentino e colto e dire «Io le sono» - che non lo voglio dire - che, non suonerebbero bene? Non lo saprei fare? Figurati! Ma non voglio. Ma non è più bello dire «mi» che «io»? Non è più bello dire «una vacca» che «una giumenta»? Ma non è più schietto dire «un castrone» piuttosto che «un carniero» come dicono gli Spagnoli? Chi canchero capirebbe che un carniero è un castrone e una giumenta è una vacca? Canchero ai carnieri e alle giumente! Da quando in qua (lo spagnolo) sarà una lingua più bella della nostra? E quindi voglio continuare, so che vi piacerà più il mio parlare di quello di quell uomo dabbene. E fin d ora vi voglio far giudici, e se vi piacerà più il mio naturale seguite quello, e se invece vi piacerà di più andar fuori dal naturale e volete cambiar lingua, seduta stante per penitenza sono contento che prendiate tutti la mia, così vi potrete cambiare di lingua quanto vi piacerà.

3 Moscheta l 3 Conversazione con Marco Sciaccaluga, regista dello spettacolo in scena al Teatro della Corte Una commedia all italiana di cinquecento anni fa Il titolo Moscheta è quanto meno curioso perché pone subito l accento sul linguaggio (parlar moscheto contrapposto all uso naturale del dialetto) quasi a significare che lì sta la prima chiave di lettura della commedia. Il dialetto pavano è per Ruzante una lingua totalmente ispiratrice, nella quale le emozioni umane si definiscono con una forza pregnante che raramente è dato riscontrare a teatro; ma, nello stesso tempo, proprio quella lingua è stata a lungo un grande ostacolo alla sua comprensione, con il risultato che per secoli Ruzante è stato bandito dal repertorio teatrale nazionale, sino a che i francesi negli anni a cavallo tra l Ottocento e il No - vecento, traducendolo, si sono resi conto della grandezza oggettiva di quel teatro e hanno indirettamente stimolato anche gli italiani, con in prima fila Ludo - vico Zorzi e Gianfranco De Bosio, ai quali va riconosciuto il merito di aver riportato Ruzante sui palcoscenici nazionali sin dai primissimi anni Cinquanta. Qual è l attualità del teatro di Ruzante? In Ruzante, lo spettatore si trova di fronte a dei personaggi arcaici, che hanno più la genuinità dei prototipi esistenziali e sociali, che la funzione ripetitiva delle maschere della seguente Com - media dell Arte. Ruzante, Mena - to, Tonin e Betìa, cioè tutti i personaggi di Moscheta, ci pongono davanti a un teatro insieme raffinato e primitivo che ricorda quello della Grecia classica, essendo personaggi che sembrano provare per la prima volta al mondo certe emozioni. In Moscheta, pre - dominano le emozioni dell amore, della gelosia, del tradimento; ma l emozione in genere è il centro e il motore di tutte le commedie di Ruzante: si pensi, ad esempio, alla sua importanza anche in Bi - lora o nel Parlamento. Ruzante, Betìa e Menato, per altra via anche Tonin, sono contadini inurbati: questa dimensione storico-sociale tro va una risonanza nello spettacolo? L azione di Moscheta si svolge in un borgo di Padova, che con Gui - do Fiorato abbiamo scelto d in- Barbara Moselli e Enzo Paci Tullio Solenghi e Maurizio Lastrico terpretare come una specie di bidonville, simile a quelle in cui, in ogni epoca socialmente e politicamente dinamica e di trasformazione, finiscono sempre con l andare ad abitare le classi subalterne. Per raccontare la storia di tre uomini (Ruzante, Menato, To - nin) che ruotano intorno all attra - zione sessuale di una donna (Be - tìa), abbiamo quindi ambientata l azione in una specie di ac cam - pamento, che suggerisce l idea di persone che hanno abbandonato il lavoro dei campi per andare in cerca di lavoro in una situazione d instabilità. Que sta immigrazione dalla campagna alla città, che ha avuto nel Cinquecento una sua prima manifestazione, si è poi ripresentata molte volte nel corso della storia d Italia. Il protagonista di Moscheta è Ruzante le cui radici affondano nella tradizione plautina del contadino sciocco e beffato. Ruzante è come i personaggi di Bertoldo, Bertoldino e Caca - senno: è il contadino stupido, ma anche un ladro astuto, è ignorante ma furbo, è ritardato ma scaltro. È un personaggio fantastico, perché quando sembra furbo è stupido e viceversa. È veramente sorprendente quanto i personaggi di Moscheta assomigliano agli italiani, di ieri e di oggi. Tutta l azione ruota intorno a Betìa, la quale sembra essere contemporaneamente oggetto di desiderio maschilista e soggetto che meglio degli altri sa governare la storia. Betìa è la donna secondo Ru - zante. È un personaggio meraviglioso, insieme superficiale e com plesso, impudico e dolente. La prima cosa che si nota leggendo il testo è che a lei, a differenza dei personaggi maschili, è negato il diritto di parola con il pubblico. Perché? Nel meraviglioso teatro arcaico chiamato in causa da Moscheta, i personaggi hanno con tinuamente bisogno di confrontarsi con il pubblico, per farsi aiutare nella comprensione di sé e del mondo. Da questo punto di vista i monologhi di Ruzante e di Menato sono emblematici. Ma lo sono anche quelli di Tonin, il quale si rivolge direttamente allo spettatore per trarne consiglio o conforto. Betìa mai; le è permesso parlare solo con i suoi interlocutori maschi. In un certo senso Tullio Solenghi con Barbara Moselli è loro prigioniera. È un essere umano considerato socialmente inferiore: non a caso continuamente paragonato agli animali. Qual è il tono con cui questa storia viene raccontata? Proprio come accadrà nel cinema con la migliore commedia all italiana, in Moscheta non si ha mai la sensazione di trovarsi davanti a un fatto di cronaca, a un fait di - vers, ma è chiarissimo che si sta parlando di un comportamento socialmente diffuso. Ruzante mette in commedia l italianità del suo tempo, e anticipa così Age e Scarpelli, Dino Risi e Mario Monicelli, saldando una cesura di quasi quattro secoli che, passata attraverso la grande esperienza goldoniana, ritroverà infine tutta la sua freschezza e genuinità, anche la sua salutare cattiveria. Alla fine, chi vince è Menato? Il progetto di Menato è terribile: per riconquistare Betìa espone il marito a fare una delle sue proverbiali figuracce, ma ottenuto lo scopo restituisce la moglie a Ru - zante, nella convinzione di poter tornare quando vuole a fare il suo comodo. Menato vince nella mi - sura in cui riempie di botte i due rivali, e si porta in casa la femmina. È la legge del più forte. Il finale di Moscheta è estremamente violento: sia dal punto di vista delle emozioni che provano i personaggi, sia per quello che accade sulla scena. Pur in un testo che è esplicitamente attraversato dal comico (e io non faccio nulla per nasconderlo), il finale è al quanto desolato e desolante: se questa è l interpretazione di Ru zante dell happy end caro alla commedia, si può ben dire che ci sono modi più gioiosi per concludere e vissero tutti felici e contenti. In questo trionfo della legge del più forte, c è l immagine di un umanità che anche nello splendore del Rinascimento è rimasta allo stato animale... Ma come invitava a fare Montai - gne, anche Ruzante continua a cercare l uomo negli altri, in tut - ti gli altri anche quando sospetta con buona ragione di vedersi davanti solo dei grufolanti animali. E questa ricerca si traduce in un vitalismo che, nonostante tutto, crea allegria. a cura di Aldo Viganò INTORNO A MOSCHETA ALL UNIVERSITÀ E NEL F OYER DELLA C ORTE In occasione della messa in scena di Moscheta, il Teatro Stabile ha organizzato due incontri finalizzati ad approfondire i caratteri specifici della sua lettura, parlando con i protagonisti dello spettacolo. Il primo appuntamento è per giovedì 17 novembre all Università, dalle ore 11 alle 13 (via Balbi 4, aula M), a cura della Facoltà di Lettere e Filosofia e della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere: per iniziativa dei professori Alberto Beniscelli, Quinto Marino, Franco Vazzoler e Manuela Manfredini, Marco Sciaccaluga e gli attori di Moscheta s incontrano con gli studenti. Il 23 novembre, poi, Tullio Solenghi, Maurizio Lastrico, Barbara Moselli ed Enzo Paci converseranno con Umberto Basevi nel Foyer del Teatro della Corte (ore 17.30), nell ambito delle, programmate in collaborazione con l Associazione per il Teatro Stabile di Genova e con I Buonavoglia. PER ENTRAMBI GLI INCONTRI, L INGRESSO È LIBERO E APERTO A TUTTI. Lo Stabile in tournée Misura per misura nella messa in scena di Marco Sciaccaluga (protagonista Eros Pagni, con Roberto Alinghieri, Alice Arcu - ri, Marco Avogadro, Antonietta Bello, Massimo Cagnina, Fa - brizio Careddu, Gianluca Gob - bi, Aldo Ottobrino, Nicola Pan - nelli, Roberto Serpi, Irene Villa e Antonio Zavatteri) ha iniziato a Udine, Mi lano e Padova la sua tournée che nelle prossime settimana vedrà lo spettacolo anche a Napoli (Teatro Mercadante, dal 16 al 27 no vembre), Trieste (Teatro Ros setti, dal 30 novembre al 4 dicembre) e Torino (Teatro Ca - rignano, dal 6 al 18 dicembre). Dal 29 novembre al 4 dicembre L ultima notte. Anatomia di un suicidio, sarà a Trieste (Sala Bartoli). All inizio del 2012, quindi prende il via anche la tournée di Nora alla prova, lo spettacolo che Luca Ronconi ha tratto da Casa di bambola di Ibsen, affidando a Mariangela Mela to il doppio ruolo di Nora e Kristine. Nora alla prova interpretato anche da Luciano Roman, Riccardo Bini, Giovan - ni Crippa, Orietta Notari, Bar - bara Moselli e Irene Villa sarà sui palcoscenici di Bergamo (Teatro Donizetti, dal 17 al 22 gennaio), Cattolica (Tea tro Della Regina, 24 e 25 gennaio), Cesena (Teatro Bonci, dal 26 al 29 gennaio), Mestre (Teatro Toniolo, dal 31 gennaio al 5 febbraio), Padova (Tea - tro Verdi, dal 7 al 12 febbraio), Milano (Teatro Strehler, dal 14 al 26 febbraio), Napoli (Tea - tro Mercadante, dal 29 febbra - io all 11 marzo), Roma (Tea - tro Ar gentina, dal 13 marzo al 1 aprile) e Palermo (Teatro Biondo, dall 11 al 22 aprile).

4 4 l L ultima notte La vita di Raul Gardini nella novità italiana scritta da Corrado Augias e Vladimiro Polchi L AVVENTURA DEL CORSARO Dalla Ferruzzi alla Enimont: la scalata di un grande sogno finisce nel naufragio Terra e Mare. Contadino e Corsaro. Intelligente e ambizioso, spregiudicato e guascone, impetuoso e ostinato, giocatore d azzardo con il potere, con il denaro, e, forse, con la vita. È l uomo pubblico Raul Gardini che, con la sua forte personalità e con le sue spericolate imprese, ebbe un ruolo centrale nello scenario economico-industriale e per certi versi anche politico del nostro Paese, per circa quindici anni: dal 1979, quando e - reditò di fatto dal suocero Se - rafino Ferruzzi, morto in un incidente aereo, le redini dell omonimo gruppo, fino al 23 luglio 1993 quando fu trovato nella sua stanza di palazzo Bel - gioso, a Milano, ucciso da un colpo di pistola alla tempia. Suicidio si decretò, anche se i dubbi su quella morte, nel pieno della tempesta giudiziaria di tangentopoli che travolse anche il Corsaro, non si sono mai dissolti del tutto. Ma prima di diventare corsaro, di imprese finanziarie e veliche, Gardini aveva conosciuto bene la terra: quella che la famiglia di suo padre (originaria di Ravenna) possedeva lungo il litorale romagnolo e veneto, e quella delle enormi proprietà fondiarie che il suocero aveva accumulato in Italia, Stati Uniti e Sud America. Sui prodotti della terra Serafino Ferruzzi aveva fatto crescere anche il suo impero economico: dall impor - tazione dei cereali alla lavo - razione della soia, fino all ac - quisizione, nel 1979, del controllo dell Eridania e di u na quota della Beghin Say, maggiore impresa saccarifera eu - ropea. Gardini, che nel 1985 diventa presidente della holding Ferruzzi Finanziaria e con questa debutta in Borsa, continua l opera: conquista la Beghin Say, assicurandosi co - si la leadership del settore in Europa, e consolida il predominio del gruppo Fer ruzzi in Italia anche nella la vorazione di olio di semi e fa rina di soia. Ma alla coriacea riservatezza del suocero, Gardini contrappone stile e comportamenti molto diversi. Comunica at - traverso i mass media, non Luciano Roman durante le prove dello spettacolo UN UOMO E LA SUA ULTIMA NOTTE Un uomo entra, passo celere, in daffarato, dinamico, bofonchiando tra sé, getta la borsa, si toglie con fastidio la giacca, prende dalla tasca la pistola, la poggia al suo fianco, beve qualcosa, si but ta su una poltrona, scomposto, affaticato. Accende una sigaretta. Afferra il telefono, chiama: «Ciao, tutto bene, benissimo... Scioc chezze, ma che vuoi che m importi. Non possono fare niente. Non me ne può importare di meno... perché io sono così trasparente, co sì pulito nelle mie cose... che non c è nulla che mi possa dare fa stidio, capito? Io sono uno che non fa niente che possa essere assunto come notizia di reato... quin di io sono assolutamente tranquillo, è chiaro? Quindi io... mi mettono le spie dove vogliono... mi controllano le telefonate... non me ne fotte niente... io... tra qualche mese me ne vado per i cazzi miei da un altra parte e quindi... vado via da questo paese di mer da... di cui sono nauseato, punto e basta. Sai che cosa resta di me? Questo resta». Parte un filmato: belle barche, vele che schioccano, ragazze in costume, capelli al ven to. Comincia così l ultima not te del protagonista dello spettacolo che abbiamo scritto ripensando alla vita di Raul Gardini. Nel corso di una nottata simile a quella del 23 luglio 1993, a Mi lano si compie la parabola di un uomo che dialoga con la propria Ombra, e che dall ostentata sicurezza, arroganza dell inizio, cede rà progressivamente, quasi svuotandosi. Il forte, teso, soliloquio dell uomo ha il tono, la cadenza, di chi stia finalmente facendo i conti con se stesso. Per compiacersi, o forse per trovare motivi di un coraggio che comincia a mancare. Il suo monologo è intervallato da frequenti proiezioni di filmati (tratti dalle Teche Rai, che qui ringraziamo) che rievocano mo menti della sua vita: un ascesa che per qualche anno è parsa inarrestabile. Ma le immagini, e le parole rievocano anche gli scontri e i pericoli della politica. Questo testo rappresenta per noi l ennesima tappa di un cammino comune cominciato nel 2005 a Parigi con lo spettacolo Aldo Moro. Una tragedia italiana e proseguito negli anni successivi con altri tre spettacoli: Processo a Giulio Cesare. Anatomia di un omicidio - Processo a Nerone. Le confessioni di Agrippina - Processo a Tiberio. L ombra del Calvario. Perché abbiamo pensato di portare in scena una tragedia liberamente ispirata a Raul Gardini? Perché la storia di quest uomo ci è sembrata esemplificare bene l abbraccio tra potere e capitale, tra esigenze politico-sociali e av ventura. La storia di un equilibrio difficile, forse impossibile, un ab braccio che può diventare mortale. A meno di non giocare fino in fondo. Dirà l Ombra al protagonista: «Volevi vincere davvero? Quan do il gioco s è fatto troppo duro, dovevi farla la politica, batterti ad armi pari...». Enrico Mattei diceva dei partiti italiani: «Li uso come un taxi». Ma oggi per mantenere il potere non basta chiedere un passaggio, quel taxi bisogna guidarlo. Il protagonista nello spettacolo afferma: «Che ci voleva, tre mesi e trasformavo tutto in un partito. Si giocava alla pari, finalmente. Sai che ci vuole per comprarsi questo paese? Poco: una banca, una squadra di calcio, un giornale. Si gioca a tre punte...». L Ombra è pronta a replicare: «Ti rendi conto di quanto costa la politica? Non dico finanziarla, dico farla! Non i giornaletti, i direttori che ti brucano in mano, che tiri giù dal letto quando ti pare... I telegiornali, i va rietà, i grandi rotocalchi. I co mi zi, i manifesti, fanno ridere, sol di buttati. Devi creare il consenso, una visione del mondo, imporre il tuo copione alle signore che sfogliano i settimanali dal parrucchiere, devi far sognare i giovani, im bottirgli la testa, e che nessuno ti ru bi mai la scena. Ripeti una bu gia mille volte e diventa la verità». Concludiamo queste poche righe con una precisazione: a eccezione di quanto raccontato nei filmati tratti dalla Teche Rai, le vicende narrate in questo dramma sono frutto della fantasia degli autori e intendono rispecchiare solo l atmosfera generale del Paese. Corrado Augias, Vladimiro Polchi disdegna affatto le occasioni pubbliche e si mette in evidenza anche per le sue passioni sportive: quella per la barca a vela in primis, ma an - che quella per la pallavolo, visto che le due squadre del gruppo Montedison, Messag - gero Volley e Olimpia Teodo - ra, danno ottime prove di sé. La galassia del gruppo Fer - ruzzi è già molto articolata (ne fanno parte anche i ce - mentifici) e solida, quando Gardini decide di tentare la conquista di un altro importante settore industriale, che poi si rivelerà fatale per la sua vicenda umana: quello della chimica. E, com è nella sua personalità, lo fa da temerario, inserendosi nello scontro in atto per il controllo di Montedison fra il presidente della società Mario Schim - berni e il presidente di Medio - banca Enrico Cuccia. La te - merarietà del Corsaro vince: dopo aver conquistato il 40% della Montedison, alla fine del 1987 ne diventa presidente e annuncia di voler integrare le attività agroalimentari del gruppo Ferruzzi con quelle chi miche. Il sogno, però, va a cozzare con il pesante indebitamento dei due gruppi che costringe Gardini a chiedere prima l aiuto di Cuccia per il riassetto societario, e poi, nel 1988, gli fa osare una trattativa con Franco Reviglio, presidente di Eni, per dare vita ad un unico colosso della chimica italiana. Nel 1989 nasce quin di Enimont, che diventa una delle prime dieci imprese chimiche del mondo. Eni e Mon tedison si dividono in par ti uguali l 80% del pacchetto e il restante 20 resta sul mercato borsistico. È su - bito chiaro che per Gardini il passo rischia di essere molto più lungo della gamba, anche perché, nonostante le sufficienti garanzie di maggioranza e opposizione, il decreto di defiscalizzazione presentato due volte dal Governo in Par - lamento non viene convertito in legge. Gardini tenta quindi il colpo grosso: la scalata al gruppo, rastrellando il più pos sibile delle azioni sul mercato. Riesce a presentarsi in una posizione di maggioranza, ma la sua audacia nel dire «la chimica sono io» viene pu - nita, perché gli umori del mon do politico ed economico sono cambiati. Il presidente dell Eni Gabriele Cagliari lo osteggia e il giudice milanese Diego Cutrò blocca i titoli di Enimont sul mercato. La crisi petrolifera peggiora la situazione e nel 1990 Gardini è co - stretto a vendere a Eni il suo 40% in Enimont, ma a un prezzo troppo alto per non fi - nire sotto la lente d ingrandimento della magistratura. È l inizio dell inchiesta del pool mi lanese che porterà alla scoperta della madre di tutte le tangenti dietro l operazione Enimont. Gardini reagisce male al fallimento del suo sogno: «Ne uscì molto provato nel fisico e nella mente. Subì la sconfitta e la somatizzò duramente» racconterà poi Sergio Cusani. La vicenda darà inizio anche alla rottura con la famiglia Ferruzzi: nel 1991 i co gnati gli tolgono la fiducia, Carlo Sama prende il suo posto e, nello stesso an - no, Gardini esce dal gruppo. Il naufragio del suo sogno industriale precede di poco, però, il periodo di massima popolarità che Gardini vive quando, nel maggio del 1992, il Moro di Venezia, la barca a vela della Montedison, partecipa alla finale dell America s Cup a San Diego, in California. Le immagini di Gardini sulla bar - ca fanno il giro del mondo. Intanto l inchiesta della magistratura sull operazione Eni - mont va avanti e coinvolge di - rigenti del gruppo e delle due società fondatrici. Nel luglio del 1993 due fatti soprattutto sconvolgono Gardini, che non aveva ancora incontrato i ma - gistrati di Mani Pulite: la notizia del suicidio in carcere di Gabriele Cagliari e le indiscrezioni sulle accuse che gli rivolge, davanti ai magistrati, Giuseppe Garofano, subentratogli alla presidenza di Montedison. Il 23 luglio l avventura del Corsaro finisce tragicamente, con un colpo di pistola alla tempia: l ultima sconfitta, o l ultima sfida... Annamaria Coluccia

5 L ultima notte l 5 Andrea Liberovici parla dello spettacolo L ultima notte. Anatomia di un suicidio, durante le prove al Duse L ombra bianca della coscienza per una storia in nero Andrea Liberovici torna dopo Sei personaggi.com, Urfaust, Nel nome di Gesù, Operetta in nero - a mettere in scena uno spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Genova. Nel corso degli anni Liberovici ha e - splorato la relazione fra musica, poesia, teatro e tecnologie con im - portanti artisti come Edoardo Sanguineti, Judith Malina, Peter Gre - enaway Vittorio Gassman, Clau dia Cardinale Ivry Gitlis, Regina Car - ter. Recentemente le sue composizioni musicali/visive sono sta te eseguite dal Nouvel Ensemble Mo - derne (Montreal), dalla Tosca nini Orchestra, dal Teatro Carlo Felice Orchestra e molti altri. L ultima notte. Anatomia di un suici dio è in sce - na al Duse dal 22 al 27 no vembre. Intervistato durante le prove, Li - berovici ha spiegato le sue chiavi di lettura del testo di Au gias e Pol - chi fornendo alcune note di regia. LO SPETTACOLO E IL PRESENTE Io non amo la televisione e amo il teatro. Nelle rare cose che guardo e apprezzo all interno dei famigerati palinsesti televisivi ci sono le trasmissioni di Augias. Perché? Perché la costruzione dei format di Augias, fin dai titoli (vedi Enigma) pone delle domande invece di dare delle risposte. Porre domande è l atto costitutivo del teatro, ed è per questo che lo amo, per la sua essenza dinamica. Fornire risposte, invece è prerogativa della televisione tesa a produrre l effetto contrario, ovvero una fruizione passiva. Ecco, Augias è uno dei pochi autori televisivi che usa il mezzo televisivo in modo teatrale. Perché questa premessa? Perché questo testo scritto per il teatro da Augias e Polchi, questa premessa la ribalta. Questo testo sembra pensato, drammaturgicamente, per la televisione, appare, ad una prima lettura, come lo script di una docu-fiction. Costruito con contributi video d epoca che vanno a interrompere e a narrare l azione di una persona, non di un personaggio, realmente esistita. Dov è però, che diventa, a mio avviso, grande teatro questo testo? In ciò che non è scritto, vale a dire nella scelta del tempo. La vera intuizione geniale che hanno avuto gli autori, infatti, è quella di decidere di parlare di questo drammatico event ora, in questo periodo altrettanto drammatico, e di parlarne con la grammatica della nostra passività... ovvero con il linguaggio della L Ombra bianca (simulazione al computer) cronaca mediatica. Benché sia un evento collocabile storicamente vent anni fa, la storia di Gardini ci racconta, ed ora siamo in grado di decifrarla con più chiarezza, la tragica storia non soltanto di un uomo, ma del suicidio di un sistema di valori deleterio che non può che concludersi con questo epilogo. Epilogo di cui noi, uomini del presente, cominciamo finalmente a prendere consapevolezza ora, dopo vent anni, riempiendoci di conseguenza, di domande. La chiave per capire il testo è tutta nel sottotitolo: anatomia di un suicidio... ovvero, il suicidio dell occidente. UN PERSONAGGIO TRAGICO Ho deciso, registicamente, di seguire non la verosimiglianza di Gardini (in teatro non ci sono i primi piani ma la distanza e quindi cercare un attore da truccare come Gardini, così come immaginare una scenografia realista mi sembravano scelte rischiose e poco efficaci), ma di provare a sondare e approfondire, appunto, il non detto. La persona Gardini diventa teatro, personaggio tragico all interno di una tragedia che, come dicevo poco fa, è il nostro presente. Un presente in cui vivere con gli altri e ancor di più vivere per gli altri, sono responsabilità molto severe che quasi nessuno, oggi, si vuole più assumere. Illusi dalla moltiplicazione delle illusioni e dalla nostra presunta identità, cercata avidamente in ogni angolo di specchio e in ogni simulacro del potere, stiamo annegando nello stagno di Narciso. Craxi, Berlusconi, Maddof, il Corsaro, sono stati modelli, ma modelli tragici. Interrogarsi e oggettivizzarli, anche attraverso il teatro, credo sia utile per uscire dal presente e cominciare a costruire il futuro. GARDINI E L OMBRA BIANCA Nel testo, così com è scritto, ci sono due personaggi in scena: Gardini e il suo doppio chiamato Ombra. Ho pensato, visto che da alcuni anni ormai la mia ricerca è tutta rivolta ad utilizzare quelle che io chiamo le nuove macchine teatrali (spazializzazione del suono, video, microfonazione degli attori ecc.) per produrre drammaturgia fuggendo dalla seduzione degli effetti speciali, di sostituire l attore in carne ed ossa, che avrebbe INCONTRO CON GLI AUTORI DI L ULTIMA NOTTE Per iniziativa dell Associazione I Buonavoglia, martedì 22 novembre (ore 17.30), Corrado Augias e Vladimiro Polchi s incontreranno con il pubblico nel Foyer del Teatro della Corte. L ingresso è libero. dovuto stare in scena nel ruolo di Ombra, con un ombra parlante vera e propria ma non un ombra nera ma bianca. Il personaggio di Ombra, nel testo si evince chiaramente, è un aspetto, o meglio, è la voce interiore del personaggio Gardini. Bianca per togliere, simbolicamente, ogni possible connotazione giudicante. Il nero, per noi occidentali e soprattutto in questo contesto, avrebbe significato morte, quindi essendo l ombra la coscienza di Gardini, farla nera sarebbe stato implicitamente darle una connotazione negativa. La bellezza di questo testo è che non giudica mai, tantomeno Gardini, ma racconta dei fatti. LA SCENOGRAFIA ACUSTICA Io nasco e cresco, prima d aver fat - to la Scuola di Recitazione dello Stabile di Genova, come compositore e violinista al Conservatorio di Ve - nezia. Vengo da una famiglia di mu - sicisti e il mio approccio alla scena e all immagine è sempre un approccio che parte dalla musica. Il suono e la musica, per me, vengono prima di ogni senso e di ogni immagine. La musica è, come dire, la madre di ogni immaginario e a quanto pare... anche della tragedia. Nel 1996 con il poeta e amico Edoardo Sanguineti abbiamo fondato un gruppo di lavoro su questo presupposto, chiamato, non a caso Teatro del Suono. Quindi sì, c è sicuramente molto suono e molta musica in questo spettacolo, anche se a volte non si sente. Intendo dire che ogni spettacolo, per me è musica perché lo costruisco come una partitura a più voci: suono, musica, testo, immagini, scena ecc. Nello specifico, nel corso degli anni, ho lavorato a vari progetti alla Maison de la Radio e con il Groupe Recherche Musicale di Parigi proprio sull idea di creare, col suono, quello che i francesi chiamano cinema per le orecchie e che io ho ribattezzato scenografia acustica. Vale a dire la costruzione di architetture invisibili attraverso l organizzazione delle fonti sonore e della loro spazializzazione. Ma visto che mi porti a parlare di musica... il primo amore, mi piacerebbe chiudere questa chiaccherata con una celebre battuta teatrale di Sha - kespeare che credo riassuma molti argomenti fin qui toccati: L uomo che non ha alcuna musica dentro di sé... è nato per il tradimento, per gli inganni, per le rapine. a cura di a.c. LE PAROLE E IL PERSONAGGIO Frammenti di un testo tra cronaca e fantasia A 47 anni ho preso in mano un gruppo che valeva 3 mila miliardi. Undici anni dopo sai quanto valeva? Dillo, dì una cifra! Dai spara: 17 mila! Ravenna seconda solo a Torino... e questi quattro stronzi! Venivano a brucarmi in mano e adesso... No! li ributto nel fango dove li ho presi. Ero il re degli affari, forte nello sport, un eroe che ha fatto sventolare il tricolore nei mari del mondo. Il Corsaro, buon sangue di Romagna! Che ci voleva, tre mesi e trasformavo tutto in un partito. Si giocava alla pari, finalmente. Per cacciarmi di casa hanno dovuto sborsare 500 miliardi, tanto vale un contadino, come mi chiamavano. Pensavano di offendermi. A me! I contadini come me hanno sempre una via d uscita, ricordatelo. Pensi di averli stretti in un angolo e invece... Sii serio, per favore. Non stiamo in Scandinavia, nemmeno a Zurigo, siamo sotto le Alpi. Li conosci gli italiani. L uomo che ordina la ragazza per la notte è un sogno nel cassetto che hanno tutti. Di più: la vera forza di un politico è dare carne e sangue ai sogni di milioni, farglieli toccare. C è bellezza in questo. Salvezza: dal grigiore, dalla noia, da una vita frustrata. A questo servono i sogni. Non ti preoccupare, ma no... Guarda, secondo me era solo depressione... mesi in gattabuia... trattato come un cane... una morte terribile... io semmai... ma no, sto scherzando, dai... Prenota per stasera... quel ristorantino in fondo al molo... e domani barca grande, mangiamo a bordo, dillo al cuoco... oh, il vino quello dell altra volta... Va bene, mi fanno fuori, mi cacciano. E mi caccino! Io comunque in galera non ci finisco. Non hanno nulla contro di me. Non sarò un cane nel loro canile con la catena al collo. Non troveranno nulla. Nulla! Dovevano trattare, non hanno voluto...voglio vedere ora chi ci mettono al posto del Corsaro! Dove lo trovano un altro... Stufo dei vecchi sistemi?...e allora cambia! Quotidiano ON-LINE di cultura e tempo libero in Liguria Il nuovo modo di fare informazione

6 TGE18211_Giornale33.qxp:300x420mm :42 Pagina 6 6 l Macbeth A l D u s e, e s e r c i t a z i o n e s u S h a k e s p e a r e c o n l a S c u o l a d i R e c i t a z i o n e Macbeth e l idea del male Un Macbeth universale, senza passato, né presente, lontano dall attualità ma anche dalla storia. È quello che Massimo Mesciulam metterà in scena dal 10 al 15 gennaio 2012 al Duse, sotto forma di Esercitazione, con gli studenti del secondo anno del Corso di Qualificazione della Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova. «L immagine a cui penso è quella di un mondo lontano da noi ma non legato ad alcun momento della storia, perché si possa cogliere meglio l universalità del testo di Shakespeare. Non ci sono modernismi, ma universalismi». E l universalità, in questo caso, è soprattutto universalità del male. «Ciò che mi colpisce osserva Mesciulam è che Macbeth, a differenza di altri personaggi scespiriani, viene precipitato nel male da una profezia, quello che succede gli accade perché gli è stato profetizzato. Jago e Riccardo III sono banditori del male, Macbeth, invece, vi viene precipitato. È l idea del male che esiste anche senza l uomo». Un idea che, evidentemente, apre interrogativi profondi su un altra questione fondamentale: quella dei confini della responsabilità dell uomo rispetto al bene e al male. «È un mistero non risolto: come tutti i grandi testi, anche Macbeth suscita domande piuttosto che dare risposte» commenta Mesciulam, che non ha ancora più alto che ci sia a livello poetico fra i testi di Shakespeare e, quindi, sarà importante anche evidenziare questo aspetto». E per Mesciulam non fa differenza che a recitare siano gli studenti dell ultimo anno della Scuola anziché attori professionisti. «Il mio atteggiamento non cambia a seconda della categoria di attori con i quali lavoro spiega quello che conta sono le persone, quello che ciascuno può dare». Annamaria Coluccia Ministero Beni e Attività Culturali soci fondatori Da sinistra a destra Bernardo Bruno, Gianluca Viola, Emmanuele Aita, Alexander Perotto, Luca Cicolella, Lorenzo Terenzi, Giovanni Serratore, Damiel Escudier, Francesca Agostini, Marisa Grimaldo, Angela Ciaburri con Massimo Mesciulam durante le prove un idea definita di come si articolerà la rappresentazione. «Si parte da un immagine ma poi questa può essere sviluppata e anche modificata sul palcoscenico» spiega. «Io non ho un idea compiuta dello spettacolo prima di metterlo in scena». E, visto che le prove sono iniziate da pochi giorni, anche la costruzione dello spettacolo è appena incominciata. Per Mesciulam poi, che è uno dei docenti della Scuola dello Stabile, questa è anche la prima volta assoluta che si cimenta con Macbeth. «Finora lo avevo pensato soprattutto come un testo che mi sarebbe piaciuto affrontare da attore» racconta. «Poi me lo hanno proposto per l Esercitazione e, visto che risponde anche alle esigenze che abbiamo per questo tipo di spettacoli, come quella di dare spazio a tutti gli studenti, ho accettato. L atteggiamento che ho è quello di mettere in scena una favola per vedere come va a finire, anche se, ovviamente, conosco il finale». L allestimento dello spettacolo conterà su pochi elementi scenografici, come s addice per altro alle Esercitazioni. «Mi piacciono gli spazi puliti, sobri» spiega il regista. «Quello che voglio rappresentare è un mondo nel quale bisogna immaginare e ascoltare più che vedere. Macbeth ha il linguaggio COMUNE DI GENOVA PROVINCIA DI GENOVA REGIONE LIGURIA sostenitore sostenitore partner della stagione numero 34 novembre 2011 Edizioni Teatro Stabile di Genova piazza Borgo Pila, Genova www. teatrostabilegenova.it Presidente Prof. Eugenio Pallestrini Direttore Carlo Repetti Direttore artististico e organizzativo Carlo Repetti Condirettore Marco Sciaccaluga Direttore responsabile Aldo Viganò Collaborazione Annamaria Coluccia Segretaria di redazione Monica Speziotto Autorizzazione Trib. Genova n. 34 del 17/11/2000 Progetto: art: B.Arena, GE Stampa: Microart s Genova LA TRAGEDIA SUL GRANDE SCHERMO Orson Welles nel 1948, Akira Kurosawa nel 1957 e Roman Polanski nel 1971 sono i registi delle tre più celebri edizioni cinematografiche di Macbeth. Sulla scia di una sua precedente messa in scena teatrale, Welles ambienta la tragedia del barone di Glamis in uno spazio barbaro e pietroso; Kurosawa cambia il titolo in Il trono di sangue e ne trasferisce l azione nel Giappone dei samurai; mentre Polanski accentua in realistici toni horror la sanguinaria degradazione del protagonista. Ma la tragedia scespiriana era già stata portata numerose volte sul grande schermo, a cominciare dagli anonimi spezzoni del 1905, per giungere poi alla cinque bobine, con fotogrammi colorati a mano, firmate nel 1908 da J. Stuart Blackton con William V. Ranous, e l anno seguente alla edizione italiana di Mario Caserini, con Dante Cappelli protagonista. Altre edizioni mute sono quelle con le regie del francese André Calmettes (1909, con Paul Mounet), degli statunitensi Will Barker (1911) e Roy Clements (1914), dei tedeschi Arthur Bourchier (1913) e Heinz Schall (1922), degli inglesi L.C. MacBean (1916) e Henry Broughton Parkinson (1922); mentre nel dopoguerra Macbeth è tornato più volte al cinema negli States (regie di Thomas A. Blair, 1946; George Schaefer, 1954; e William Reilly, 1991), ma anche in Gran Bretagna (Ken Hughes, 1955; John Gorrie, 1970; Philip Casson, 1979), in Francia (André Barsacq, 1952; Claude d Anna, 1987) e in Finlandia (Pauli Pentti, 1987), sino al Carmelo Bene di Macbeth Horror Suite (1996). Datasiel al servizio del Sistema Liguria Soluzioni informatiche innovative per il cittadino. collegati al territorio [Datasiel e Regione Liguria] collegati al futuro

7 l 7 Incontri nel foyer, dialogo con le scuole, mostra di collages, la parola agli spettatori Il foyer della Corte piazza aperta alla città Il progetto di utilizzre il foyer del Teatro della Corte come una grande piazza aperta, lanciato nel 2000 dalla nuova direzione dello Stabile con il titolo Hellzapoppin. Arte e artisti nel foyer, trova anche quest anno una sua attuazione nel programma di una serie di incontri e di manifestazioni capaci di rispondere alle aspettative di un pubblico molto differenziato per età, per interessi culturali, per predilezioni artistiche. Ancora una volta, il progetto coinvolge alcuni partner con in primo piano gli amici dell Associazione per il Teatro Stabile di Genova e I Buo - navoglia, che insieme curano le condotte da Umberto Basevi; mentre per il quinto anno consecutivo prosegue la collaborazione con la Fondazione Mario Novaro che, insieme all Università di Genova, propone nel 2012 cinque incontri con la cultura del Novecento, portando in primo piano alcuni autori liguri che si sono mossi tra letteratura e giornalismo. Poi, ci saranno anche presentazioni di libri, proiezioni, cerimonie di assegnazione di premi, reading collegati ad altre manifestazioni cittadine (a novembre è il caso del Festi - val dell eccellenza femminile ) o all appassionata vocazione dell Associazione culturale L incantevole aprile, che quest anno propone nel foyer della Corte tre pomeriggi di letture dedicate alla corrispondenza amorosa di An - toine de Saint-Exu péry, di Natalia Ginzburg e di Francis Scott Fitzgerald; ma anche esposizioni come quella dedicata a I collages di Graziano Irrera, che sarà in mostra nel foyer del Teatro della Corte sino al 16 novembre. Hellzapoppin nel Foyer della Corte venerdì 18 novembre, ore 17 Se mi lasciassi l eredità delle tue mani da Fuochi di Marguerite Yourcenar con Orietta Notari introduce Paolo Magris in collaborazione con il Festival dell eccellenza femminile Mercoledì 23 novembre, ore incontro con Tullio Solenghi e gli attori di Moscheta Mercoledì 14 dicembre ore Consegna del Premio Dante Alighieri a Elisabetta Pozzi a cura della Società Dante Alighieri Mercoledì 14 dicembre ore incontro con Elisabetta Pozzi Mercoledì 11 gennaio ore incontro con Nello Mascia e gli attori di Natale in casa Cupiello Venerdì 13 gennaio, ore 17 Pagine messaggere d amore Lettere a una sconosciuta di A.de Saint-Exupéry in collaborazione con l Associazione L incantevole aprile Mercoledì 18 gennaio, ore incontro con Valeria Solarino e Valter Malosti Giovedì 26 gennaio, ore incontro con Nicoletta Braschi e gli attori di Tradimenti I N G R E S S O L I B E R O Mercoledì 1 febbraio, ore incontro con Massimo Popolizio e Anna Della Rosa Giovedì 2 febbraio, ore 17 Flavia Steno a cura di Ombretta Freschi e Carla Ida Salviati Giovedì 9 febbraio, ore 17 Giovanni Boine a cura di Veronica Pesce e Andrera Aveto Venerdì 10 febbraio, ore 17 Pagine messaggere d amore Caro Michele di Natalia Ginzburg: da madre a figlio in collaborazione con l Associazione L incantevole aprile Mercoledì 15 febbraio, ore incontro con Umberto Orsini in collaborazione con Coop Liguria Giovedì 16 febbraio, ore 17 Ettore Cozzani a cura di Elda Belsito e Marco Vimercati Mercoledì 22 febbraio, ore incontro con Elio De Capitani e Ida Marinelli Giovedì 23 febbraio, ore 17 Alessandro Varaldo a cura di Francesco De Nicola e Alessandro Ferraro Giovedì 1 marzo, ore 17 Giovanni Ansaldo a cura di Anita Ginella e Diego Divano Per il quarto anno consecutivo, il Teatro Stabile di Genova propone alle scuole della Liguria (e non solo) il progetto Intorno al testo e oltre, promosso da un gruppo d insegnanti coordinato dalla professoressa Carla Olivari e finalizzato alla formazione di spettatori consapevoli. Il progetto, che nelle tre stagioni scorse ha coinvolto una ventina di classi e circa 450 studenti, si avvale della collaborazione della Pro vincia di Genova, il cui Assessorato alla Cultura sta valutando la possibilità di raccogliere in un Cd rom i lavori sinora realizzati. Gli elaborati (letterari, grafici, multimediali; a scelta libera) svolti dalle singole classi che aderiranno all iniziativa saranno valutati da un apposita commissione. A supporto di questa iniziativa, lo Stabile di Genova s impegna a offrire agli insegnanti e alle classi che aderiranno il più ampio appoggio tecnico-culturale (testi a apparati critici, agevolazioni per assistere agli spettacoli, eventuali incontri con registi e attori). Questi i lavori premiati nelle stagioni precedenti: Go morra - ASFOR Ravasco, classe III Ma - rittimo (Prof.sse Perego e Ber tolotti); Vita di Galileo - Istituto Sandro Pertini, classe IV D (Prof.sse Ba dano e INTORNO AL TESTO E OLTRE Graziano Irrera è l artista genovese autore delle illustrazioni che nella brochure dello Stabile accompagnano quest anno i singoli spettacoli proposti in cartellone. La Mostra allestita nel foyer comprende, oltre a tut - ti gli originali dei collages da lui realizzati per la Guida agli spettacoli, anche altre opere intese a testimoniare le tappe salienti del percorso artistico di Graziano Irrera. L ingresso è libero. Graziano Irrera nasce a Genova nel Artista poliedrico e amante delle ricerca si occupa di design, di arredo e di decorazione d interni. Negli anni Ottanta si è dedicato in modo specifico al Teatro per ragazzi. In seguito, ha approfondito soprattutto la tecnica del collage, esponendo alcuni suoi lavori anche a Barcellona e a Cadaques. Mori); Il settimo sigillo - Liceo D Oria, classe V G (Prof. Martin); Passaggio in India - Liceo Luther King, classe I B (Prof.ssa Fenzi); Go morra e Il misantropo - Liceo Nicoloso da Recco, classi III C, IV B, V C (Prof.sse Antola, Chicco, Gozzi) Non chiamarmi zingaro - ASFOR Ravasco, classe III I (Prof.ri Boca, Capostagno, Perego); La tempesta - Istituto Gastaldi-Abba, classe IV Q geometri (Prof.ri Alice, Borelli, Tamone); La locandiera - Istituto Montale, classe IV linguistico (Prof. Thel lung); La tempesta - Liceo Beccaria, Mondovì, classe II B (Prof.ri Casarino e Oreglia); Non chiamarmi zingaro e Shylock - Liceo D Oria, classe IV I (Prof. Martin); Aspettando Godot - Liceo Nicoloso da Recco, classi V B, V C, IV C (Prof.ssa Chicco) Piazza d Italia e La Repubblica di un solo giorno - Istituto Gastaldi-Abba, classe V Q geometri (Prof.ssa Tamone); Controtempo, Girotondo, Nemico di classe - Istituto Mon tale, classe II B (Prof.ssa Gazzo), classe V C (Prof.ssa Spinelli), classe III A linguistico (Prof. Thellung); Edipo Re - Liceo Beccaria, Mondovì, classe III A (Prof. Casa rino); Edipo Re - Liceo Klee-Barabino, classi II H, III sperimentale (Prof.ssa Boschieri). D A L L A P A R T E D E G L I S P E T CON LA LETTERA RICEVUTA DAGLI STUDENTI DI DUE LICEI DI MONDOVÌ SU «ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI», PALCOSCENICO E FOYER INAUGURA UNO SPAZIO RISERVATO ALLE OPINIONI DEGLI SPETTATORI. T A T O R I Oh bella! Ghe ne tanti che cerca un padron, e mi ghe n ho trovà do. Como diavol oia da far? Tutti do non li posso servir. No? E perché no? Se uno me manda via, resto con quell altro. Atto I e già ci si sconquassa dalle risate! Ancora col sorriso sulle labbra, domenica 16 ottobre, noi, alunni del Liceo Classico G.B.Beccaria con qualche amico del Liceo Scientifico G.B. Vasco, ci siamo allontanati dal Teatro Stabile di Genova. Sebbene le ottime condizioni climatiche e i giovani animi spensierati invitassero a trascorrere la sacrosanta domenica pomeriggio magari bighellonando tra gli stand dell Okto ber Fest di Genova o passeggiando sul lungomare, da alunni diligenti quali siamo abbiamo affrontato, su (vincolante) suggerimento dei nostri magistri Stefano Casarino e Giovanni Stefano Lenta, la superlativa rappresentazione dell Arlecchino servitore di due padroni di Carlo Goldoni, per la regia di Giorgio Strehler. Se ci aspettavamo di passare tre intense ore tra uno sbadiglio e l altro, maledicendo il giorno in cui avevamo ingenuamente confermato la nostra presenza, sicuramente sbagliavamo. Allora un vivo ringraziamento deve an dare al dirigente Paolo Riba e all organizzazione degli insegnanti che ci hanno offerto nuovamente questa magnifica opportunità. Benché nell abito a scacchi variopinti del protagonista non ci fosse il veterano Ferruccio Soleri ma il suo più che degno futuro erede Enrico Bonavera, ancora una volta lo spettacolo ha pienamente soddisfatto le aspettative della sala con un divertimento intelligente e un interpretazione vivace e scoppiettante. Che dire? Un Arlecchino davvero moderno! Di certo salta all occhio la bravura degli attori e dei musicisti fuori scena che hanno saputo ben interagire sia con i colleghi sul palco sia con un pubblico reso frizzante dalle copiose risate. Tra un vecchio suggeritore strapazzato dai suoi attori e un pingue dottorino bolognese, tra una mascolina Beatrice nei panni del fratello defunto e un innamoratissimo Florindo, il burlone Arlecchino cerca di districarsi con lazzi e bugie, desiderando soltanto di ottenere almeno un pasto succulento dai due padroni che serve. Forse non è stata poi una decisione tanto sbagliata quella di accrescere un po il nostro bagaglio culturale con una buona dose di divertimento. L Oktober Fest può certamente aspettare un altro anno! A GENOVa C È UN NUOVO MONDO DA SCOPRIRE. THE SPACE CINEMA.

8 8 l spettacoli ospiti 28 novembre 2011 > 11 marzo 2012 Il portatore di baci fuori programma di Roberto Piumini Duse, 28 novembre Due voci (Roberto Piumini e Patrizia Ercole) e un pianoforte (Andrea Basevi) per raccontare la storia di un bacio che la giovane moglie di un cavaliere partito per la guerra affida a un servo affinché lo porti fisicamente al marito. Una favola sull amore. Questa immensa notte di Chloё Moss Duse, 29 novembre 4 dicembre Quando Loredana e Mary escono di prigione, il mondo ester no non le può aiutare, ma le soffoca e le intimorisce. Tutto quel lo che prima evitavano - l alcool, gli altri o la vita stessa - ora esplo de e le travolge. Rappre sentato per la pri ma volta a Londra nel 2008, il delicato ri - tratto di due donne che provano a ricomincia re. Regia di Laura Sicignano, con Orietta Notari e Raffaella Tagliabue. Commedia da camera fuori abbonamento di Luigi Maio Duse, 5 8 dicembre Una fantasia teatral-cameristica che parla di Dante Alighieri e di Franz Liszt, mescolando le citazioni nel dialogo tra il musicattore Luigi Maio e il Trio Malebranche. Tra ironia e omaggio artistico, uno spettacolo per il due - centesimo anniversario della nascita di Liszt. Canto... sinno me moro fuori programma di Luisa Rigoli Duse, 10 dicembre Luisa Rigoli e suo figlio Federico Sirianni rendono omaggio all arte di Gabriella Ferri, cantante protagonista di un percorso ricco di grandi successi che vanno dagli stornelli romani ai classici napoletani. Un recital sospeso tra maliconia e gioia di cantare. Elektra di Hugo von Hofmannsthal Corte, dicembre Elisabetta Pozzi torna nel teatro che ne ha seguito la formazione e il debutto, interpretando un grande personaggio femminile. L Elettra di Hofmannsthal assomiglia molto più ad Amleto che alla sua omonima eroina greca. È personaggio moderno, intento più a ragionare che a fare. Anche Elettra vuole uccidere ma non riesce a farlo. L azione le è negata. Regia di Carmelo Rifici. Sogno d amore di Giampiero Rappa Duse, dicembre Realismo, ritmo e una buona dose di comicità per raccontare le vicissitudini e le disavventure di quattro uomini e due donne alle prese con i propri sentimenti. Un ritratto vitale e iperrealistico della odierna generazione dei trentenni, divisi tra il desiderio di vivere appieno i propri sentimenti e l incertezza del futuro. Regia del genovese Rappa, con i Gloriababbi. Io non taccio di Stefano Massini da Savonarola Corte, dicembre Le infiammate prediche dell eretico Girolamo Savonarola, condannato al rogo sulla pubblica piazza fiorentina, prendono corpo e voce in Don Andrea Gallo, il prete anarchico, da sempre vicino agli ultimi e agli emarginati, senza nessun timore di entrare in conflitto con la dottrina della Chiesa, con la società o con la cultura dominante. Canto di Natale da Charles Dickens Duse, dicembre Musica dal vivo, narrazione, teatro d ombre. Tratto dal celebre racconto di Charles Dickens, uno spettacolo che si propone come un modo allegro e divertente per trascorrere insieme i giorni che precedono il Natale. Con Carla Peirolero e la compagnia del Suq. Trappola per topi di Agatha Christie Corte, 27 dicembre 1 gennaio Come ha detto la sua autrice Agatha Chri stie: «Trappola per topi è il tipo di commedia alla quale si può portare chiunque e a cui tutti possono assistere. Non è proprio un dramma, non è proprio uno spettacolo dell orrore, non è proprio una commedia brillante, ma ha qualcosa di tutti tre questi generi e così accontenta le persone dai gusti più disparati». Con gli Attori & Tecnici. Natale in casa Cupiello di Eduardo De Filippo Corte, gennaio Eduardo definiva Natale in casa Cupiello «una commedia affatata», cioè magica, perché ogni volta che gli è capitato di riprenderla - cosa che, in un arco di tempo di quasi cinquant anni (dal 1931 al 1977), si è verificata moltissime volte - il gradimento del pubblico è stato sempre altissimo. Una commedia insieme comica e tragica, proposta da Nello Mascia (regista e interprete). Signorina Giulia di August Strindberg Corte, gennaio Uno dei testi che hanno concorso a fondare il teatro moderno. Nella notte di San Giovanni la contessina si degrada ai piani inferiori e il servo sogna la scalata sociale. Sesso, violenza e lotta di classe. Un classico interpretato dava - leria Solarino e Valter Malosti (anche regista). Al dutåur di mât di Nanni Garella da Scarpetta Duse, gennaio Una risata travolgente che nasce dal connubio tra realtà e finzione. Nanni Garella e due attori professionisti, Vito e Marina Pitta (affiancati da una compagnia composta da pazienti psichiatrici), adattano in bolognese la commedia Il medico dei pazzi scritta nel 1908 dal napoletano Eduardo Scarpetta e diventata un film cult con Totò. L uomo prudente di Carlo Goldoni Corte, gennaio Una storia di corna, veleni e denaro am - bientata in casa Pan - talone. Un testo poco noto di Goldoni che non si limita a rinverdire la gloriosa tradizione della Comme - dia dell Arte, ma anticipa con i toni del giallo molti elementi del teatro futuro. Con Paolo Bonacelli, regia di Franco Però. Tradimenti di Harold Pinter Duse, gennaio Una delle opere maggiori del premio Nobel Ha Dialoghi stringati, ambigue emozioni che filtrano attraverso il fair play dei protagonisti, ipocrisia dei loro rapporti personali e professionali. I ricordi di una coppia di ex amanti per la massima cara al drammaturgo inglese: «Nulla mi sembra esistere di più concreto e di più sfuggente di un essere umano». Con Nicoletta Braschi. Blackbird di David Harrower Corte, 31 gennaio 5 febbraio Sconsigliato ai minori, un testo sconvolgente che affonda nei sentimenti di un pedofilo e della sua vittima. Scritto con sapienza e intelligenza, uno spettacolo che mette in scena una realtà tragica, mostrando e non giudicando. Regia di Lluís Pasqual, con Massimo Popolizio e Anna Della Rosa. Romeo e Giulietta di William Shakespeare Duse, 31 gennaio 12 febbraio In una Verona immaginaria che ferve di vita, di movimento, di banchetti, di feste, di balli, di maschere... e di teatro, si svolge quella che è forse la più celebre storia d amore di tutti i tempi. Una storia di giovani e di passioni intense, messa in scena da una compagnia di giovani e diretta da Giuseppe Marini. ITIS Galileo di Francesco Niccolini e Marco Paolini Corte, 7 12 febbraio Interpretato da Marco Paolini, uno spettacolo dedicato al padre della scienza moderna, che, tra molte divagazioni nel contemporaneo, viene rappresentato come un uomo che ama la vita e una mente capace di rimanere aperta al dubbio tutta la vita, fino alla vecchiaia, fino alla fine. La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht Corte, febbraio Buffa e mordace pa - rabola sulla corruzione del potere. Am - bientata nella coeva Chi cago la cronaca nera della Berlino degli anni Trenta. Il gangster Arturo Ui e l ombra sinistra di Adolf Hitler. Una farsa tragica e divertente, che invita lo spettatore a riflettere sui fatti grotteschi rappresentati. Con Umberto Orsini, regia di Claudio Longhi. L arte del dubbio di Stefano Massini da Carofiglio Duse, febbraio Il dubbio come virtù incarnata nei magistrati inquirenti. Storie di tribunale raccontate dal magistrato-scrittore Gianrico Carofiglio. Interrogatori dall esito imprevedibile e personaggi la cui verità emerge involontariamente dalle asprezze del contraddittorio. Con Ottavia Piccolo e Vittorio Viviani. The History Boys di Alan Bennett Corte, febbraio Una commedia contemporanea che mette in scena un gruppo di adolescenti all ultimo anno di college, impegnati con gli esami di ammissione all università. Uno spettacolo sui giovani e per i giovani: i sogni generazionali e le speranze, la rabbia e i progetti per il futuro. Giovani interpreti affiancati dagli attori storici del Teatro dell Elfo. Malapolvere di Laura Curino da Mossano Duse, febbraio L avvelenamento da amianto. Laura Curi - no racconta la tragedia diventata simbolo dei tanti mali della industrializzazione contemporanea. Uno spettacolo civile, dedicato a coloro che sono morti lavorando in nome del benessere delle proprie famiglie e del riscatto sociale dalla povertà. Remake di Myriam Tanant Duse, 28 febbraio 4 marzo Atto d amore per una idea di teatro identificabile con il magistero di Giorgio Strehler, la francese Myriam Ta - nant e Giulia Laz za - rini intrecciano il tema della memoria teatrale con quello della trasmissione dell arte sul palcoscenico: in un tempo in cui fare teatro è, soprattutto per i giovani, sempre più difficile. Decamerone di Ugo Chiti da Boccaccio Duse, 6 11 marzo Libera messa in scena di quattro novelle tratte dal capolavoro di Boccaccio. Uno spettacolo allegro e coinvolgente, nel quale il toscano Ugo Chiti costruisce un gioco squisitamente teatrale, fatto di amori e di sghignazzi, di beffe e di travestimenti, di doppiezze divertite al limite dell iconoclastia. a Palazzo Ducale MOSTRE Race. Alla conquista del Polo Sud 16 ottobre marzo 2012 Van Gogh e il viaggio di Gauguin 12 novembre aprile 2012 INCONTRI Mediterranea Voci tra le sponde novembre 2011 maggio 2012 Lezioni di Storia. Noi e gli antichi dicembre 2011 febbraio 2012 Come cambia la Terra gennaio marzo 2012 Sopravvivere alla crisi. Cause ed effetti dello tsunami economico gennaio marzo 2012 L uomo e il suo cervello. Dai neuroni alla mente gennaio marzo 2012 Città del noir. La letteratura racconta l Italia marzo maggio 2012 La Storia in Piazza. Popoli in movimento 29 marzo 1 aprile 2012

La maschera del cuore

La maschera del cuore La maschera del cuore Francesco De Filippi LA MASCHERA DEL CUORE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Francesco De Filippi Tutti i diritti riservati Al mio prof Renato Lo Schiavo che ha permesso

Dettagli

Prima della lettura. Che cosa farà secondo te Ginevra? Formula delle ipotesi.

Prima della lettura. Che cosa farà secondo te Ginevra? Formula delle ipotesi. Prima della lettura Che cosa farà secondo te Ginevra? Formula delle ipotesi. Episodio 9 Quando siamo scese Christian era in cucina. Dove eravate? ha chiesto. In solaio ha risposto la nonna. Christian è

Dettagli

Sebastiano Lo Monaco: Vi racconto il mio Ulisse

Sebastiano Lo Monaco: Vi racconto il mio Ulisse Sebastiano Lo Monaco: Vi racconto il mio Ulisse di Elisa Guccione - 15, Gen, 2016 http://www.siciliajournal.it/sebastiano-lo-monaco/ di Elisa Guccione Foto Servizio Vincenzo Musumeci 1 / 5 CATANIA A poche

Dettagli

Palazzo del Quirinale, 15 giugno Sintesi

Palazzo del Quirinale, 15 giugno Sintesi Intervento del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro all Incontro con una Delegazione di partecipanti all VIII Assemblea Nazionale dell Associazione Italiana Donatori organi Palazzo del Quirinale,

Dettagli

Prima della lettura. Non si dimentica il primo amore, dice Ginevra. Sei d accordo con questa affermazione?

Prima della lettura. Non si dimentica il primo amore, dice Ginevra. Sei d accordo con questa affermazione? Prima della lettura Non si dimentica il primo amore, dice Ginevra. Sei d accordo con questa affermazione? Episodio 3 È arrivato il primo piatto: un classico di Milano, il risotto con lo zafferano e come

Dettagli

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione,

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, io dirigo il traffico da qui; non sapete quanto è meraviglioso saper aiutare da qui. Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, dove vivo

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: LA RIFORMA PROTESTANTE BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre le novità portate da Lutero DIDATTIZZAZIONE e

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 15 In giro per la città A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 IN GIRO PER LA CITTA DIALOGO PRINCIPALE A- Carmen! Sono qui. B- Danilo! Ciao

Dettagli

La partita. La vita è quella cosa che accade mentre tu stai facendo altri progetti. John Lennon. Capitolo 1

La partita. La vita è quella cosa che accade mentre tu stai facendo altri progetti. John Lennon. Capitolo 1 4 La vita è quella cosa che accade mentre tu stai facendo altri progetti. John Lennon Capitolo 1 Napoli. Ore 18.00. Una strana telefonata fra due amici. - Pronto, Margherita? - Ciao, Ciro. Dimmi. - Allora

Dettagli

Maria Rosa Zazzano RACCOLTA POESIE

Maria Rosa Zazzano RACCOLTA POESIE Raccolta poesie Maria Rosa Zazzano RACCOLTA POESIE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maria Rosa Zazzano Tutti i diritti riservati Vi lascio le poesie non sono d autore le ho scritte io me le ha

Dettagli

PONTI DI PAROLE - LIVELLO ALFA

PONTI DI PAROLE - LIVELLO ALFA 1 Premessa Si propongono di seguito cinque tipi di attività aggiuntive che possono essere utilizzate in modo autonomo dallo studente per esercitare e rinforzare l abilità di lettoscrittura e ripassare

Dettagli

IL martedi 28 november 2006, il ministro della cultura egiziano ha inaugurato il

IL martedi 28 november 2006, il ministro della cultura egiziano ha inaugurato il [ I ] A ) Leggi il seguente testo : Prova scritta 3 IL martedi 28 november 2006, il ministro della cultura egiziano ha inaugurato il Festival Internazionale del cinema del Cairo al teatro grande dell'

Dettagli

Casatenovo: l'auditorium gremito alla prima di ''Forza Venite Gente'', con i ragazzi della pastorale giovanile della comunità

Casatenovo: l'auditorium gremito alla prima di ''Forza Venite Gente'', con i ragazzi della pastorale giovanile della comunità Casatenovo: l'auditorium gremito alla prima di ''Forza Venite Gente'', con i ragazzi della pastorale giovanile della comunità casateonline.it/articolo.php Dal lavoro quotidiano di un gruppo unito di ragazzi

Dettagli

Prima della lettura. Andrea ha confessato di essere l assassino. Secondo te è stato lui? Perché?

Prima della lettura. Andrea ha confessato di essere l assassino. Secondo te è stato lui? Perché? Prima della lettura Andrea ha confessato di essere l assassino. Secondo te è stato lui? Perché? Episodio 7 Tu hai ucciso Federico? ho chiesto. Sì, è morto e l ho ucciso io. Ieri sera sai che ero Cosa?

Dettagli

INCONTRO A TE CHE SEI L AMORE ( d. Diego )

INCONTRO A TE CHE SEI L AMORE ( d. Diego ) PIETRO VAI 1) Signore ho pescato tutto il giorno: le reti son rimaste sempre vuote, s è fatto tardi, a casa ora ritorno. Signore son deluso, me ne vado. La vita con me è sempre stata dura E niente mai

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 A SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 2 A Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 A 2 A 1. Che film piacciono a Michela? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

FRASI A. Prof, mi sono appena storto la caviglia sui gradini. Posso rimanere in classe durante la ricreazione?

FRASI A. Prof, mi sono appena storto la caviglia sui gradini. Posso rimanere in classe durante la ricreazione? LEGGIMO INSIEME. Schede di lavoro per la lettura attiva Piccole bugie, mezze verità, grossi pasticci, di nnette Neubauer, Il attello a Vapore, serie zzurra OTT E RISPOST Nel libro le dinamiche tra i personaggi

Dettagli

Mario Esposito VERSI DI CACCIA E D AMORE DI UCCELLI RAPACI DIURNI E NOTTURNI

Mario Esposito VERSI DI CACCIA E D AMORE DI UCCELLI RAPACI DIURNI E NOTTURNI Mario Esposito VERSI DI CACCIA E D AMORE DI UCCELLI RAPACI DIURNI E NOTTURNI Inizio. ORIGINE DELLA COLPA NELLE SPECIE A parlare è il giudice. Non ha principio né fine questo processo. Un uomo non è più

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

VOCE UMANA. A cura di Maurizio Porro

VOCE UMANA. A cura di Maurizio Porro VOCE UMANA A cura di Maurizio Porro Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano www.rizzoli.eu ISBN 978-88-17-07656-2 Prima edizione: maggio 2014 Le immagini del volume sono tratte dal

Dettagli

Test di Livello lingua Italiana

Test di Livello lingua Italiana Test di Livello lingua Italiana NOME COGNOME... DATA... Indicare con una x la risposta corretta: 1. Piacere! Il mio nome è Anna. Come chiami, tu? # ti sei VALUTAZIONE:... DOCENTE:... 2. Io abito Pordenone.

Dettagli

I vignaioli. Riferimento biblico: Matteo 20, 1-16

I vignaioli. Riferimento biblico: Matteo 20, 1-16 I vignaioli Riferimento biblico: Matteo 20, 1-16 Introduzione: Così infatti è il regno di Dio - comincia a spiegare Gesù, circondato da tanta gente che lo sta ascoltando attentamente Un signore era padrone

Dettagli

all uomo il Mistero, la Storia della Salvezza. La risposta dell uomo è ascolto e docilità. La Lectio Divina ha quindi una sua dinamica: è ascolto,

all uomo il Mistero, la Storia della Salvezza. La risposta dell uomo è ascolto e docilità. La Lectio Divina ha quindi una sua dinamica: è ascolto, Presentazione «Quando, lo scorso anno, mi decisi per un serio cammino spirituale, il mio direttore spirituale mi condusse alla Lectio Divina quotidiana. Ero scettica ma lo feci fedelmente. Oggi posso testimoniare

Dettagli

Dr.ssa Alice Corà Dr.ssa Irene Fiorini

Dr.ssa Alice Corà Dr.ssa Irene Fiorini Dr.ssa Alice Corà Dr.ssa Irene Fiorini La perdita per me è perdere qualcosa a cui si tiene, che sia qualcosa di materiale o anche qualcosa di spirituale. Il dolore può essere suddiviso in: dolore della

Dettagli

Perché studiare Infermieristica?

Perché studiare Infermieristica? Perché studiare Infermieristica? Perchè mi piace il contatto umano, relazionarmi con le persone e provare empatia. Perché posso prendermi cura di persone e questo mi gratifica e mi dà molte soddisfazioni.

Dettagli

Metàloghi e Minotauri

Metàloghi e Minotauri Metàloghi e Minotauri Metalogo di Giuseppe O. Longo Padre - Ah, stai disegnando... Figlia - Sì... ma non è finito, non dovresti guardare ancora. P - Ormai ho guardato... Un Minotauro!... Be, sei proprio

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli

Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene...

Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene... Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene... E lì, tutto parla di noi pochi oggetti, alcune piccole cose,

Dettagli

19 NOVEMBRE 2010 COME FARE UNA MAPPA?

19 NOVEMBRE 2010 COME FARE UNA MAPPA? 19 NOVEMBRE 2010 COME FARE UNA MAPPA? Quando ci siamo incontrati con tutti gli altri bambini, ci siamo presi l incarico di costruire la mappa del futuro BOSCO DELLA COSTITUZIONE. Ma come si costruisce

Dettagli

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici 2 IO PER TE... TU PER NOI Daniela Maria Tortorici 3 A mio marito che ha creduto in me e mi ha convinta a scrivere questo libro. A mia figlia che è la ragione della mia vita. Ai miei genitori che sono dei

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 A SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 1 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 A 2 A PROVA DI ASCOLTO N. 1 Ascolta il dialogo e rispondi

Dettagli

Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente Farsene una ragione

Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente Farsene una ragione http://italianosemplicemente.com/ Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente Farsene una ragione Buonasera e benvenuti a tutti su Italiano Semplicemente, il sito per imparare l italiano con divertimento.

Dettagli

Sicurezza Insicurezza/cambiamento/mistero Riconoscimento/identità/importanza Amore/appartenenza Crescita Contributo

Sicurezza Insicurezza/cambiamento/mistero Riconoscimento/identità/importanza Amore/appartenenza Crescita Contributo 2 BISOGNI EMOZIONI Prologo Non c è un bisogno senza un emozione (tranne i bisogni primari o fisiologici di cui parleremo a parte). I bisogni psicologici dell uomo, facendo una sintesi fra più autori

Dettagli

Totti, un addio pieno d amore: perché questo è il calcio e lui è la Roma

Totti, un addio pieno d amore: perché questo è il calcio e lui è la Roma Totti, un addio pieno d amore: perché questo è il calcio e lui è la Roma di Andrea Di Caro ROMA Doveva essere un evento. E lo è stato. Questo 28 maggio 2017 che resterà scolpito nella memoria di milioni

Dettagli

RAMIN BAHRAMI NONNO BACH

RAMIN BAHRAMI NONNO BACH RAMIN BAHRAMI NONNO BACH La musica spiegata ai bambini BOMPIANI 2015 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7989-8 Prima edizione Bompiani settembre 2015 Dedico questo

Dettagli

Alberto Angela, Stanotte a Venezia : stasera su Rai Uno

Alberto Angela, Stanotte a Venezia : stasera su Rai Uno Alberto Angela, Stanotte a Venezia : stasera su Rai Uno Stasera in onda su Rai 1 nuovo viaggio notturno di Alberto Angela: Niente Venezia da cartolina raccontiamo i suoi silenzi Ospiti Uto Ughi, Giannini,

Dettagli

Genesi di un libro parole belle sono le belle perché le parole brutte fanno sognare gli incubi, quelle belle fanno felici e quelle brutte tristi

Genesi di un libro parole belle sono le belle perché le parole brutte fanno sognare gli incubi, quelle belle fanno felici e quelle brutte tristi Scuola comunale dell infanzia Il frassino Sezione 5 anni A Genesi di un libro abbiamo ascoltato i libri nella nostra biblioteca poi abbiamo pensato alle parole belle delle storie e tenerle in bocca chiuse

Dettagli

Test di livello italiano (A1, A2, B1)

Test di livello italiano (A1, A2, B1) Test di livello italiano (A1, A2, B1) Nome: Data: Scegliere la risposta corretta (a, b o c). 1 Lei come si chiama? Di dove sei? a. Piacere. a. Sono portoghese, di Coimbra. b. Claudia Kintzer. b. Roma.

Dettagli

Eppure scrivo. di Raffaella Cogliano. R.S.A. GIOVANNI PAOLO I di SERIATE

Eppure scrivo. di Raffaella Cogliano. R.S.A. GIOVANNI PAOLO I di SERIATE Eppure scrivo ancora di Raffaella Cogliano R.S.A. GIOVANNI PAOLO I di SERIATE 1 Ognuno di noi ha una storia del proprio vissuto, un racconto interiore, la cui continuità..il cui senso è la nostra vita.

Dettagli

A Davide, che sono io, non piace la zucca. Per farmela piacere hanno fatto come tutte le mamme quando i figli non vogliono mangiare: hanno detto che

A Davide, che sono io, non piace la zucca. Per farmela piacere hanno fatto come tutte le mamme quando i figli non vogliono mangiare: hanno detto che Andrea Valente 3 A Davide, che sono io, non piace la zucca. Per farmela piacere hanno fatto come tutte le mamme quando i figli non vogliono mangiare: hanno detto che uno dei miei desideri si sarebbe avverato.

Dettagli

Il Mahabharata di Jean-Claude Carriére - Vallardi Industrie Grafiche ( )

Il Mahabharata di Jean-Claude Carriére - Vallardi Industrie Grafiche ( ) Il Mahabharata di Jean-Claude Carriére - Vallardi Industrie Grafiche (1989-2003) Per chi non ne sa nulla è bene ricordare che il Mahabharata non è un romanzo scritto da Jean-Claude Carriére, bensì il più

Dettagli

Scrivere con altri. Scuole dell Infanzia del Comune di Torino 30 marzo 2010

Scrivere con altri. Scuole dell Infanzia del Comune di Torino 30 marzo 2010 Scrivere con altri Scuole dell Infanzia del Comune di Torino 30 marzo 2010 È tipo un avviso bambini di 4 e 5 anni È tipo un avviso bambini di 4 e 5 anni Claudio : E mio l ho fatto quando sei andata via

Dettagli

Una pulce sull albero di Babbo Natale?!!! Recita insieme ai tuoi compagni.

Una pulce sull albero di Babbo Natale?!!! Recita insieme ai tuoi compagni. Una pulce sull albero di Babbo Natale?!!! Recita insieme ai tuoi compagni. PERSONAGGI Babbo Natale Angioletto Elefante Pulce Regina Fiore Mela Marziano Gufo Elfi Entrano in scena gli Elfi, Babbo Natale

Dettagli

Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina?

Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Enzo Casagni SCINTILLE D AMORE... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Diario autobiografico www.booksprintedizioni.it

Dettagli

La spiritualità dell animatore. Giacomo Prati

La spiritualità dell animatore. Giacomo Prati + La spiritualità dell animatore Giacomo Prati + La spiritualità dell animatore Ponte tra Dio ed i ragazzi + Cos è la spiritualità? La spiritualità è fare esperienza di Dio, un modo per essere cristiani

Dettagli

Borgio Verezzi, al Barone Rampante aperte le iscrizioni per i corsi

Borgio Verezzi, al Barone Rampante aperte le iscrizioni per i corsi 1 Borgio Verezzi, al Barone Rampante aperte le iscrizioni per i corsi 2017 2018 Giovedì 28 settembre 2017 Borgio Verezzi. Sono aperte le iscrizioni ai corsi 2017 2018 presentati domenica scorsa presso

Dettagli

Per CONFESSIONI Settimana dal 7 al 14 maggio 2017 Domenica 7 maggio IV Dom. di Pasqua GESU' E LE PECORE Lunedì 8 maggio Martedì 9 maggio

Per CONFESSIONI Settimana dal 7 al 14 maggio 2017 Domenica 7 maggio IV Dom. di Pasqua GESU' E LE PECORE Lunedì 8 maggio Martedì 9 maggio Per CONFESSIONI e altre necessità chiedere al parroco ----- Settimana dal 7 al 14 maggio 2017 ore 8.30 ore 10.30 ore 18.00 Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato ore 8.30 ore 10.30 ore 18.00 7

Dettagli

37. Osserva: Gianni invita quei due studenti alla festa. Quei due studenti sono invitati da Gianni alla festa

37. Osserva: Gianni invita quei due studenti alla festa. Quei due studenti sono invitati da Gianni alla festa 37. Osserva: Gianni invita quei due studenti alla festa Quei due studenti sono invitati da Gianni alla festa Gianni ha invitato quei due studenti alla festa Quei due studenti sono stati invitati da Gianni

Dettagli

Il trasformista. #Tempo libero #Collaboratori #Teatro #Attore filodrammatico /8

Il trasformista. #Tempo libero #Collaboratori #Teatro #Attore filodrammatico /8 Già durante le prove Michael Gsell si cala completamente nel personaggio: nell opera teatrale «La morte nel villaggio» recita la parte dell ispettore. Il trasformista #Tempo libero #Collaboratori #Teatro

Dettagli

DRAMMATURGIA E SCRITTURA SCENICA

DRAMMATURGIA E SCRITTURA SCENICA DRAMMATURGIA E SCRITTURA SCENICA Seminario di Maria Letizia Compatangelo Totale ore : 24 Articolazione : 6 incontri settimanali di due ore 4 incontri settimanali di tre ore Tra le professioni che si prospettano

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE LA STORIA DI TUTTE LE STORIE - TEATRO CON GIANNI RODARI

LABORATORIO TEATRALE LA STORIA DI TUTTE LE STORIE - TEATRO CON GIANNI RODARI LABORATORIO TEATRALE LA STORIA DI TUTTE LE STORIE - TEATRO CON GIANNI RODARI Il progetto di laboratorio teatrale La storia di tutte le storie - Teatro con Gianni Rodari nasce dall assunto che l animazione

Dettagli

Casatenovo: ''la fede che salva'' dopo la perdita di un figlio. Il dr Achilli presenta il libro scritto dopo la scomparsa di Andrea

Casatenovo: ''la fede che salva'' dopo la perdita di un figlio. Il dr Achilli presenta il libro scritto dopo la scomparsa di Andrea Il primo giornale online della provincia di Lecco Casateonline > Cronaca > dal territorio Scritto Sabato 09 novembre 2013 alle 17:46 Casatenovo: ''la fede che salva'' dopo la perdita di un figlio. Il dr

Dettagli

ANTEPRIMA DEL LIBRO. Come vincere la depressione ed essere felici con la PNL

ANTEPRIMA DEL LIBRO. Come vincere la depressione ed essere felici con la PNL ANTEPRIMA DEL LIBRO TITOLO: Come vincere la depressione ed essere felici con la PNL Manuale di istruzioni della tua mente AUTORE: Michele Bagnoli EDITORE: Lampi di stampa, 2011 PREZZO: 17 Michele Bagnoli

Dettagli

Esrcizi comparazione

Esrcizi comparazione Esrcizi comparazione 1. Completate secondo il modello: Io alto te. Io sono più alto di te. 1. Tu bello lui. 2. Io magro te. 3. Lei simpatica lui. 4. Voi bravi noi. 5. Noi simpatici voi. 6. Loro puntuali

Dettagli

GENITORI E INSEGNANTI INSIEME

GENITORI E INSEGNANTI INSIEME GENITORI E INSEGNANTI INSIEME Riflessioni sulla co-responsabilità educativa Scuola Comunale dell Infanzia Suor Tommasina Pozzi A.S. 2014-2015 UN PO DI STORIA Dal 2002 abbiamo intrapreso un lungo cammino

Dettagli

Don Bosco, l operaio di Dio : un musical Made in Cisternino. Intervista a. organizzatrice e direttrice artistica dello spettacolo

Don Bosco, l operaio di Dio : un musical Made in Cisternino. Intervista a. organizzatrice e direttrice artistica dello spettacolo Don Bosco, l operaio di Dio : un musical Made in Cisternino. Intervista a Rosanna Nardelli, organizzatrice e direttrice artistica dello spettacolo Foto: Angelo Scarafile Un musical per don Bosco. Come

Dettagli

GESÙ RISORTO PROMETTE LO SPIRITO SANTO AI SUOI AMICI

GESÙ RISORTO PROMETTE LO SPIRITO SANTO AI SUOI AMICI ITINERARIO IN PREPARAZIONE ALLA CONFERMAZIONE LO SPIRITO SANTO SCENDE SU DI ME 1 GESÙ RISORTO PROMETTE LO SPIRITO SANTO AI SUOI AMICI DOPO LA SUA MORTE IN CROCE, GESÙ RISORTO INCONTRA PIÙ VOLTE I SUOI

Dettagli

cugina al mare. zio ha una bella casa. un cane, cane si chiama Tom. E voi, come si chiama cane? lavora e madre sta a casa con sorella.

cugina al mare. zio ha una bella casa. un cane, cane si chiama Tom. E voi, come si chiama cane? lavora e madre sta a casa con sorella. Gli aggettivi possessivi Esercizio 1 : Inserisci l aggettivo o il pronome possessivo adatto 1. Dove abiti? - città si chiama Milano. 2. Dove andate in vacanza? - Andiamo con nonni e cugina al mare. zio

Dettagli

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del.

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del. CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA del culto battesimale Benedizione finale e AMEN cantato Attività della chiesa a martedì alterni

Dettagli

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari Alice Stefano Ferrari ha preparato un documentario che s intitola A braccia aperte pubblicato nel 2009 che parla di un ragazzo, Christian che è alla ricerca di

Dettagli

L agricoltura nel periodo Neolitico e l agricoltura oggi

L agricoltura nel periodo Neolitico e l agricoltura oggi L agricoltura nel periodo Neolitico e l agricoltura oggi Indicazioni per l insegnante Si propone il tema del confronto tra l agricoltura nel periodo Neolitico e l agricoltura oggi affinché lo studio della

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO Anno scolastico 2013-2014 Perché questo progetto? Per il semplice motivo che l amicizia rimane uno dei valori più nobili dell essere umano. L uomo è per sua

Dettagli

SECONDO INCONTRO: REGISTRATI IL 25 FEBBRAIO DALLE ORE 7 ALLE ORE 8 SU RACCOLTA IPOTESI INSEGNANTE RACCOLTA IPOTESI BAMBINI

SECONDO INCONTRO: REGISTRATI IL 25 FEBBRAIO DALLE ORE 7 ALLE ORE 8 SU RACCOLTA IPOTESI INSEGNANTE RACCOLTA IPOTESI BAMBINI SCUOLA DELL INFANZIA DI CISTERNA D ASTI GRUPPO BAMBINI DELL ULTIMO ANNO N. 15 BAMBINI COMPITO PER IL SECONDO INCONTRO: VISIONE DEI CARTONI ANIMATI REGISTRATI IL 25 FEBBRAIO DALLE ORE 7 ALLE ORE 8 SU ITALIA

Dettagli

Bianca Maria Brivio. amici nemici. livello A2

Bianca Maria Brivio. amici nemici. livello A2 Bianca Maria Brivio amici nemici livello A2 Loescher 2017 Prima della lettura Questo è un racconto giallo. Ti piacciono i racconti gialli? Quale genere preferisci: giallo, fantascienza, romantico? Episodio

Dettagli

Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci

Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci Presentazione dei canti a cura dei bambini di classe prima. Canti per coro e solisti eseguiti dagli alunni di seconda,

Dettagli

I FIORETTI DI SAN FRANCESCO UNA SCELTA ANONIMO

I FIORETTI DI SAN FRANCESCO UNA SCELTA ANONIMO ATTIVITÀ Completa lo schema con le parole dell incontro tra il lupo di Gubbio e san Francesco. 1 2 3 5 4 6 7 8 9 1 Il lupo abbassa la e dice così di capire e accettare le parole di san Francesco. 2 Quando

Dettagli

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si aggiungono delle vele gonfiate dal vento, tutto diventa

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 30 Novembre 2015 Pag.: 16

Testata: Il Mattino Data: 30 Novembre 2015 Pag.: 16 Testata: Il Mattino Data: 30 Novembre 2015 Pag.: 16 Testata: Il Quotidiano del Sud Data: 30 Novembre 2015 Pag.: 19 Testata: Report web.tv Data: 29 Novembre 2015 Una favola a teatro: Il Principe Abusivo

Dettagli

OGNUNO DI NOI E UNICO E SPECIALE!!!

OGNUNO DI NOI E UNICO E SPECIALE!!! LA STORIA DI IL PULCINO GILBERTO Del diritto alla vita e del diritto a non essere separato dai genitori Nella pancia della mamma e La gallina Cesarina VIAGGIATO NEL PASSATO Con le nostre foto da piccoli

Dettagli

ATTIVITÀ 1 LEGGI IL TESTO E SOTTOLINEA GLI 8 VERBI ALL IMPERATIVO. GIORGIA Spirito libero Video:

ATTIVITÀ 1 LEGGI IL TESTO E SOTTOLINEA GLI 8 VERBI ALL IMPERATIVO. GIORGIA Spirito libero Video: ATTIVITÀ 1 LEGGI IL TESTO E SOTTOLINEA GLI 8 VERBI ALL IMPERATIVO GIORGIA Spirito libero Video: http://www.youtube.com/watch?v=h-aklwpy6mm Non sopporto più la televisione non sopporto chi ti vuole cambiare

Dettagli

STAGIONE 2016/2017 TRADIMENTI. E con. Francesco Biscione. Regia Michele Placido

STAGIONE 2016/2017 TRADIMENTI. E con. Francesco Biscione. Regia Michele Placido STAGIONE 2016/2017 TRADIMENTI Di Harold Pinter Traduzione Alessandra Serra Ambra Angiolini Francesco Scianna E con Francesco Biscione Regia Michele Placido Musiche originali Luca D Alberto Costumi Mariano

Dettagli

KULLEĠĠ SAN BENEDITTU Boys Secondary, Kirkop

KULLEĠĠ SAN BENEDITTU Boys Secondary, Kirkop KULLEĠĠ SAN BENEDITTU Boys Secondary, Kirkop Mark HALF-YEARLY EXAMINATION 2011/2012 FORM 1 ITALIAN TIME: 1h 30min + 30 min Name: Class: A. GRAMMATICA / FUNZIONI / LESSICO (14 punti) 1. Completa le parole

Dettagli

Rinnovarsi nella libertà Anno II

Rinnovarsi nella libertà Anno II Centro Diocesano di Spiritualità Crema (Georges Braque, Oiseau bleu et gris) Proposte 2013 2014 Rinnovarsi nella libertà Anno II Presentazione del programma 2013-2014 Rinnovarsi nella libertà Ogni uomo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA OGGI È GIÀ DOMANI ATESSA/GESSOPALENA 10/11 FEBBRAIO 2017 ROMEO E GIULIETTA CHIETI 11 FEBBRAIO

RASSEGNA STAMPA OGGI È GIÀ DOMANI ATESSA/GESSOPALENA 10/11 FEBBRAIO 2017 ROMEO E GIULIETTA CHIETI 11 FEBBRAIO RASSEGNA STAMPA OGGI È GIÀ DOMANI ATESSA/GESSOPALENA 10/11 FEBBRAIO 2017 ROMEO E GIULIETTA CHIETI 11 FEBBRAIO COMUNICATO STAMPA Paola Quattrini e Il balletto di Milano per un fine settimana all insegna

Dettagli

Teatroteatro.it di Simone Nebbia

Teatroteatro.it di Simone Nebbia Teatroteatro.it di Simone Nebbia Pop-up. La terza dimensione del libro di Fabrizio Pallara - Dario Garofalo Regia di - Fabrizio Pallara Al teatro India di Roma 15.09.2009 Pop-up è la pubblicità non richiesta

Dettagli

Samuel Eto o con Pierluigi Pardo

Samuel Eto o con Pierluigi Pardo Samuel Eto o con Pierluigi Pardo Prefazione di Massimo Moratti I piedi in Italia, il cuore in Africa Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2010 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-04112-6 Prima edizione:

Dettagli

Il silenzio è quella quel Signore o quella Signora, vedete voi, che non dà mai problemi.

Il silenzio è quella quel Signore o quella Signora, vedete voi, che non dà mai problemi. Buongiorno. Conoscete il silenzio. Vorrei presentarvelo. Il silenzio è quella quel Signore o quella Signora, vedete voi, che non dà mai problemi. E quel signore o quella signora che sa stare al suo posto.

Dettagli

7 soluzioni per gestire clienti difficili

7 soluzioni per gestire clienti difficili 7 soluzioni per gestire clienti difficili Ciao E ti do il benvenuto in questo Video Articolo dal titolo 7 soluzioni per gestire clienti difficili. Alzi la mano a chi non è capitato come professionista

Dettagli

ITALIA, UNA GRANDE E INDIMENTICABILE ESPERIENZA DI VITA

ITALIA, UNA GRANDE E INDIMENTICABILE ESPERIENZA DI VITA ITALIA, UNA GRANDE E INDIMENTICABILE ESPERIENZA DI VITA Il mio nome Wilder Bermúdez Molina, sono peruviano nato a Lima Perú, 53 anni ha. Ho abitato e lavorato nella città di Padova per 4 anni. Mai avrei

Dettagli

III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO

III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO 2016/17 CLASSI PRIME Percepire la dimensione del sé, dell altro e della condivisione nello stare insieme Scoprire

Dettagli

Conquista la donna dei tuoi sogni anche se non hai mai osato corteggiare nessuno prima d ora!

Conquista la donna dei tuoi sogni anche se non hai mai osato corteggiare nessuno prima d ora! Conquista la donna dei tuoi sogni anche se non hai mai osato corteggiare nessuno prima d ora! Grazie per aver richiesto l'introduzione di questo manuale, spero che lo troverai interessante Al tuo successo

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

IL RE ADDORMENTATO. Atto unico di Franco Zaffanella. Gabbiana 2002

IL RE ADDORMENTATO. Atto unico di Franco Zaffanella. Gabbiana 2002 IL RE ADDORMENTATO Atto unico di Franco Zaffanella Gabbiana 2002 PERSONAGGI: RE FEDERICO REGINA MARGHERITA PRINCIPESSA ELEONORA MAGO RAMINO BAMBINO MARCO MUSICISTI AFRICANI MUSICISTI INDIANI MUSICISTI

Dettagli

I BAGGIO SI RACCONTANO

I BAGGIO SI RACCONTANO Succede spesso di vedere in campo il figlio di qualche ex pallavolista che prosegue la passione o la professione del genitore, ma trovare il papa' che gioca ancora, non e' cosa di tutti i giorni. E' 1

Dettagli

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Marina di Carrara, 12 ottobre 2014 BENVENUTO Benvenuto benvenuto, benvenuto a te! (x2) Se guardo nei tuoi occhi, io vedo che... l'amore ci unisce nel Signore. (x2) IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Io ho una gioia

Dettagli

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De La donna cannone (1983) www.iltitanic.com - pag. 1 LA NNA CANNONE 7+/SI Butterò questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno giuro che lo farò -6/SIb e oltre l'azzurro della tenda nell'azzurro io volerò

Dettagli

La Santa Sede INIZIATIVA "IL TRENO DEI BAMBINI" PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

La Santa Sede INIZIATIVA IL TRENO DEI BAMBINI PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO La Santa Sede INIZIATIVA "IL TRENO DEI BAMBINI" PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO Atrio dell'aula Paolo VI Sabato, 3 giugno 2017 [Multimedia] Ragazzi e ragazze,

Dettagli

Un importante scoper ta per l uomo della Preistoria fu

Un importante scoper ta per l uomo della Preistoria fu LA PREISTORIA.5 La scoperta del fuoco Un importante scoper ta per l uomo della Preistoria fu quella del fuoco. Una volta che imparò ad accenderlo e a mantenerlo acceso, egli riuscì a risolvere diversi

Dettagli

Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti OLTRE IL PENSIERO

Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti OLTRE IL PENSIERO Oltre il pensiero Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti OLTRE IL PENSIERO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti Tutti i diritti riservati Questo libro è dedicato

Dettagli

OTTAVA LEZIONE VERSO IL MARE

OTTAVA LEZIONE VERSO IL MARE OTTAVA LEZIONE VERSO IL MARE OTTAVA LEZIONE 84 Verso il mare Giovanni Giovanni Giovanni Eccole qui le chiavi. Giovanni, quanto pago in tutto? Millecinquecento lire soltanto. Eccole; la macchina la riporto

Dettagli

CONTINUANO LE INTERVISTE AI NOSTRI AUTORI

CONTINUANO LE INTERVISTE AI NOSTRI AUTORI CONTINUANO LE INTERVISTE AI NOSTRI AUTORI STEFANO SANTAMBROGIO 1 / 5 La seconda delle nostre interviste è a Stefano Santambrogio, uno dei primi autori di Officine Editoriali. Il suo romanzo Appartengo

Dettagli

8.2 Cristina, Ha dato la sua opinione il 11/02/2013 Da solo 3.0 Patrizia, Ha dato la sua opinione il 09/02/2013 In coppia

8.2 Cristina, Ha dato la sua opinione il 11/02/2013 Da solo 3.0 Patrizia, Ha dato la sua opinione il 09/02/2013 In coppia LA MELA DI EVA - I MIEI ULTIMI 400 EURO FONTE: www.atrapalo.it Opinioni dei nostri utenti Tutti (24) (8) Buono Basato su 24 opinioni (5) Da solo (1) Voto complessivo 7.7 (10) Per lavoro (0) Per criterio

Dettagli

Il mio universo, mia mamma

Il mio universo, mia mamma Il mio universo, mia mamma Anna Orsola D Avino IL MIO UNIVERSO, MIA MAMMA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Anna Orsola D Avino Tutti i diritti riservati Dedicato alla donna stupenda che

Dettagli

Studio Biblico. La Croce di Cristo

Studio Biblico. La Croce di Cristo La Croce di Cristo Infatti mi ero proposto di non sapere fra voi altro, se non Gesù Cristo e Lui crocifisso. Così io sono stato presso di voi con debolezza e con gran timore. La mia parola e la mia predicazione

Dettagli

1 e2 anno LE AVVENTURE DI TOM SAWYER

1 e2 anno LE AVVENTURE DI TOM SAWYER 1 e2 anno narrat IVa scuola second. di I grado LE AVVENTURE DI TOM SAWYER CLASSICO Un indimenticabile protagonista della letteratura per ragazzi: Tom, un discolo di monello, quasi un eroe, nelle sue piccole

Dettagli

il commento di p. Maggi al vangelo di natale

il commento di p. Maggi al vangelo di natale il commento di p. Maggi al vangelo di natale IL VERBO SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI commento al vangelo del giorno di natale (25 dicembre 2016) di p. Alberto Maggi: Gv 1,1-18 In principio

Dettagli

Magi in mezzo agli agi

Magi in mezzo agli agi David Conati Giuliano Crivellente Magi in mezzo agli agi Ori in grande quantità, incenso di qualità, mirra e altre medicine, e ricchezze senza fine. Siamo ricchi, siamo re, siamo magi, tutti e tre. Possediamo,

Dettagli

ESAME DI MATURITA` DI ITALIANO - 3 CREDITI - PARTE PRIMA. (40 punti in totale)

ESAME DI MATURITA` DI ITALIANO - 3 CREDITI - PARTE PRIMA. (40 punti in totale) בחינת בגרות בשפה איטלקית: דוגמה ל- 3 יח"ל ESAME DI MATURITA` DI ITALIANO - 3 CREDITI - Modello d'esame PARTE PRIMA A. COMPRENSIONE DEL TESTO (40 punti in totale) Leggere e rispondere alle domande Matteo

Dettagli

Parole del Santo Padre ai bambini che partecipano all iniziativa Il Treno dei Bambini promossa dal Pontificio Consiglio della Cultura

Parole del Santo Padre ai bambini che partecipano all iniziativa Il Treno dei Bambini promossa dal Pontificio Consiglio della Cultura N. 0385 Sabato 03.06.2017 Parole del Santo Padre ai bambini che partecipano all iniziativa Il Treno dei Bambini promossa dal Pontificio Consiglio della Cultura Alle ore 12 di oggi, nell Atrio dell Aula

Dettagli