REGIONE EMILIA- ROMAGNA Adempimenti semplificati per la rendicontazione PROGRAMMAZIONE FSE marzo 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE EMILIA- ROMAGNA Adempimenti semplificati per la rendicontazione PROGRAMMAZIONE FSE marzo 2009"

Transcript

1 REGIONE EMILIA- ROMAGNA Adempimenti semplificati per la rendicontazione PROGRAMMAZIONE FSE marzo 2009

2 Adempimenti semplificati per la rendicontazione Determina n del 22/12/2008 Approvazione delle disposizioni operative per la rendicontazione attraverso il bilancio per i soggetti gestori accreditati Programmazione

3 Adempimenti semplificati per la rendicontazione Recepimento nella procedura di controllo rendicontuale e negli allegati al Bilancio delle novità introdotte relative utilizzo dell opzione forfait dei costi indiretti (art. 11 Reg.CE n. 1081/2006)

4 Controlli amministrativi-contabili

5 Rendiconto unico L utilizzo della modalità di imputazione forfettaria dei costi indiretti consente di prevedere in via ordinaria un unico momento di rendicontazione e definizione del saldo finale dell operazione sulla base della proposta inviata entro 90 gg. dal termine La verifica di rendicontazione attraverso il bilancio ha natura di validazione degli esiti rendicontuali In caso di mancata validazione del rendiconto è previsto relativo supplemento di istruttoria

6 Casi tipici di supplementi di istruttoria Restituzioni legate ad un: riscontro di una riduzione dei costi diretti imputati a bilancio rispetto alla proposta di rendiconto (es. imputazioni non prudenziali del personale o cds); che non può essere compensata da maggiori quote di costi indiretti (in quanto già imputati nel limite massimo del 20%)

7 Semplificazione nella redazione degli allegati al Bilancio L opzione forfait ha consentito una semplificazione ed un alleggerimento dei dati esposti nell allegato C e nell allegato B: non è più necessaria l evidenza del criterio di calcolo per l individuazione delle quote imputate (superata l esigenza di campi informativi relativi alla ripartizione tra macroaree ed al criterio del margine di contribuzione)

8 Allegato A Codice Ente: Ragione Sociale: ANNO 2007 RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO TOTALE RER PROVINCE AREA D'AFFARI PUBBLICA ALTRI FINANZIATORI PUBBLICI INTERFORNIT URA MERCATO ALTRI PROVENTI E COSTI (a) (b) (c ) (d ) (e) (f) (g) VALORE DELLA PRODUZIONE (1) COSTI DI PROGETTO (2) COSTI DI FUNZIONAMENTO (3) COSTI NON RENDICONTABILI (4) TOTALE COSTO DELLA PRODUZIONE (5) ALTRI COSTI RENDICONTABILI ESTRANEI AL COSTO DELLA PRODUZIONE (6) MARGINE LORDO (7) VECCHIO

9 Allegato A Codice Ente: Ragione Sociale: ANNO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO TOTALE RER PROVINCE AREA D'AFFARI PUBBLICA ALTRI FINANZIATORI PUBBLICI PARTENARIATO MERCATO ALTRI PROVENTI E COSTI (a) (b) (c ) (d ) (e) (f) (g) VALORE DELLA PRODUZIONE (1) COSTI DIRETTI (2) COSTI INDIRETTI (3) COSTI NON RENDICONTABILI (4) DIFFERENZE A QUADRATURA DEL COSTO DELLA PRODUZIONE (5) TOTALE COSTO DELLA PRODUZIONE (6) NUOVO

10 VECCHIO

11 Allegato B Codice Ente: Ragione Sociale: ANNO RIEPILOGO IMPUTAZIONI RENDICONTUALI COSTI DELL'ESERCIZIO DI BILANCIO RIF P.A. TERMINATI AL 31/12 COSTI DIRETTI COSTI INDIRETTI COSTI IMPUTATI NEGLI ESERCIZI PRECEDENTI TOTALE COSTI IMPUTATI ALL'OPERAZIONE (a) (b) (c) (d) (e) (f =e+d+c) TOTALE PROVINCE TOTALE RER PARTENARIATO TOTALE PARTENARIATO TOTALE AREA PUBBLICA TOTALE AREA MERCATO TOTALE GENERALE NUOVO

12 VECCHIO

13 NUOVO

14 Allegato D Codice Ente: Rag. Sociale: ANNO 2005 SCHEDA PERSONALE INTERNO cognome e nome: qualifica: RIEPILOGO ELEMENTI DI COSTO PREVENTIVI E CONSUNTIVI Costo aziendale totale (1) Costo annuo previsionale (4) Ore lavorate nell'esercizio (2) Ore annue lavorabili (5) Costo orario consuntivo (3) Costo orario standard (6) Differenza di conguaglio (7) %Variaz. IMPUTAZIONI A STANDARD (8) CDC Descrizione N. ore Costo imputato VECCHIO Totali costi di funzionamento attribuibili all'area pubblica Percentuale di attribuzione progetti cofinanziati da contributi pubblici sul totale volume d'affari (10) Imputazioni relative a costi di funzionamento attribuibili ai progetti cofinanziati da contributi pubblici (11) (2) (9) N. ore Costo imputato IMPUTAZIONI FINALI DI CONGUAGLIO BILANCIO (12) Totale Imputazioni orarie e conguagli relativi a progetti cofinanziati da contributi pubblici Totale Imputazioni orarie e conguagli attribuibili a progetti dell'area mercato N. ore Costo imputato TOTALI GENERALI

15 Allegato D Codice Ente: Rag. Sociale: ANNO SCHEDA PERSONALE INTERNO cognome e nome : qualifica: RIEPILOGO ELEMENTI DI COSTO PREVENTIVI E CONSUNTIVI Costo aziendale totale (1) Costo annuo previsionale (4) Ore lavorate nell'esercizio (2) Ore annue lavorabili (5) Costo orario consuntivo (3) Costo orario standard (6) Diff. di conguaglio orario (7) IMPUTAZIONI (9) CDC FSE 1 Bologna FSE 2 Bologna MERCATO FSE 1 RER Costi indiretti docenza tutoraggio Descrizione docenza preparazione Conguaglio opzionale complessivo indiretti (*) Totali N. ore Imputato a Standard Conguagli Totale Imputato (2) (1) (*) opzione ammissibile solo in caso di conguaglio positivo NUOVO

16 Allegato E Codice Ente: Rag. Sociale: ANNO SCHEDA CENTRO DI SERVIZIO Centro di servizio AULE DIDATTICHE Descrizione unità di servizio (es. n. ore, n. pagine.) ore utilizzo aula RIEPILOGO ELEMENTI DI COSTO PREVENTIVI E CONSUNTIVI Costo aziendale totale (1) Costo annuo previsto (4) Unità rese nell'esercizio (2) Unità previste nell'anno (5) Costo unitario consuntivo (3) Costo unitario standard (6) Diff. di conguaglio unitario (7) IMPUTAZIONI (8) CDC FSE 2 Bologna Partnership 1 FSE 1 Bologna FSE 1 RER MERCATO aule interne aule interne aule interne aule interne aule interne Descrizione Costi indiretti Conguaglio opzionale complessivo (*) Totali unità rese Imputato a Standard Conguaglio Totale Imputato (2) (1) (*) opzione ammissibile solo in caso di conguaglio positivo NUOVO

17

18 Delega e Partenariato Programmazione Interfornitura Programmazione Istituti della Delega e Partenariato

19 Adempimenti semplificati per la rendicontazione SERVIZI MERE FORNITURE DI SERVIZI Rendicontazione del corrispettivo SERVIZI CARATTERISTICI Rendicontazione del costo reale delega partenariato

20 Operazioni in ATI La rendicontazione a costi reali (alla stregua del beneficiario) obbliga il partner ad applicare le modalità rendicontuali prescelte dal soggetto capofila

21 Mancata opzione per il Forfait Nel caso in cui il soggetto capofila non abbia optato ad inizio dell esercizio per la rendicontazione a forfait dei costi indiretti, il partner dovrà in ogni caso elencare le spese elementari giustificando le modalità delle singole imputazioni effettuate alla voce C1.

22 Costi indiretti del Partner I costi indiretti esposti dai partner trovano giusta allocazione alla voce C1 nell ambito dei costi complessivamente esposti per l operazione e, una volta addebitati al soggetto capofila e quindi registrati nella contabilità di quest ultimo, saranno esposti in allegato C dal soggetto capofila in un apposita voce (distinguendoli dai propri costi indiretti relativi a spese a carattere generale sostenute a quadratura anche con gli allegati A e B).

23 Costi di personale dipendente Bilancio 2008 per le imputazioni di personale 2008 su operazioni 2007 e 2008 si può optare per un conguaglio positivo nei costi indiretti a patto che il costo orario standard utilizzato in corso d anno risulti prudenziale (in caso contrario è sempre necessario operare i conguagli negativi analitici sui costi diretti) le imputazioni di personale 2008 su rendiconti vecchia programmazione devono essere lasciate a standard - sempre conguaglio generale complessivo nei costi indiretti (transitorio)

Il passaggio da AC a FC Metodi di determinazione delle spese generali

Il passaggio da AC a FC Metodi di determinazione delle spese generali Il passaggio da AC a FC Metodi di determinazione delle spese generali Marco Degani Responsabile Settore Ricerca Europea Giornate di Studio sul VII Programma Quadro Spoleto, 28-30 marzo 2007 Agenda Passaggio

Dettagli

ATTO DEL DIRIGENTE DETERMINAZIONE N DEL 17/01/2008

ATTO DEL DIRIGENTE DETERMINAZIONE N DEL 17/01/2008 REGIONE EMILIA-ROMAGNA ATTO DEL DIRIGENTE DETERMINAZIONE N. 000284 DEL 17/01/2008 PROTOCOLLO VER/08/0007901 DEL 09/01/2008 ASSESSORATO SCUOLA. FORMAZIONE PROFESSIONALE. UNIVERSITA'. LAVORO. PARI OPPORTUNITA'.

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo. Contabilità per centri di costo- ESERCITAZIONE

Corso di Programmazione e Controllo. Contabilità per centri di costo- ESERCITAZIONE Corso di Programmazione e Controllo Contabilità per centri di costo- ESERCITAZIONE Ipotizziamo che l'azienda Alfa produca tre prodotti: A, B e C. Dalla contabilità generale risultano i seguenti dati Costi

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE DI RENDICONTAZIONE

ALLEGATO C DISCIPLINARE DI RENDICONTAZIONE ALLEGATO C DISCIPLINARE DI RENDICONTAZIONE Scopo del documento Attraverso la redazione di questo documento si intende: a) Fornire un elenco sintetico dei costi che si prevede siano sostenuti per la realizzazione

Dettagli

RENDICONTO EX ARTICOLO 34, COMMA 2-TER, DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO 2003, N. 259 ANNO 2016

RENDICONTO EX ARTICOLO 34, COMMA 2-TER, DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO 2003, N. 259 ANNO 2016 RENDICONTO EX ARTICOLO 34, COMMA 2-TER, DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO 2003, N. 259 ANNO 2016 PREMESSA Il presente documento costituisce il Rendiconto annuale previsto dall articolo 34, comma 2- ter,

Dettagli

NOTA TECNICA - REVISORE INDIPENDENTE

NOTA TECNICA - REVISORE INDIPENDENTE NOTA TECNICA - REVISORE INDIPENDENTE 1. PREMESSA Secondo con quanto disposto dal DM del 10 Agosto 2016 relativo alla presentazione della domanda di accesso alla ripartizione delle risorse del Fondo Nazionale

Dettagli

Avviso 1/2017 Commercio, Turismo, Servizi

Avviso 1/2017 Commercio, Turismo, Servizi Avviso 1/2017 Commercio, Turismo, Servizi Avviso 1/2017- Commercio, Turismo, Servizi Il Fondo For.Te. ha stanziato 49.500.000,00 per la formazione dei dipendenti delle aziende aderenti e operanti nei settori

Dettagli

ALLEGATO I. (Procedura per il rimborso dei costi orari)

ALLEGATO I. (Procedura per il rimborso dei costi orari) ALLEGATO I (Procedura per il rimborso dei costi orari) Le spese per la remunerazione del personale sostenute dal partner, necessarie alla realizzazione del PSL e caratterizzate da un legame diretto con

Dettagli

Scheda progetto Interregionale/ transnazionale

Scheda progetto Interregionale/ transnazionale Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 52/72 del 23.12.2011 Scheda progetto Interregionale/ transnazionale Modelli di semplificazione dei costi ed analisi delle relative procedure di gestione e controllo in

Dettagli

Avviso 2/2017 Logistica, Spedizioni, Trasporti

Avviso 2/2017 Logistica, Spedizioni, Trasporti Avviso 2/2017 Logistica, Spedizioni, Trasporti Avviso 2/2017- Logistica, Spedizioni, Trasporti Il Fondo For.Te. ha stanziato 4.260.000,00 per la formazione dei dipendenti delle aziende aderenti e operanti

Dettagli

Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE

Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE La normativa di Gestione (DGR 1179/2011) Elementi generali e aspetti specifici Riccardo Petrella Semplificazione -Approvazione ed indicazioni

Dettagli

INDICAZIONI RIGUARDANTI L ATTIVITA DI REVISIONE CONTABILE

INDICAZIONI RIGUARDANTI L ATTIVITA DI REVISIONE CONTABILE ALLEGATO 1 INDICAZIONI RIGUARDANTI L ATTIVITA DI REVISIONE CONTABILE Ai sensi della legge regionale 14 aprile 2003, n. 8 il rendiconto finale delle spese sostenute deve essere certificato mediante dichiarazione

Dettagli

Bando ESPRESSIONI di INTERESSE

Bando ESPRESSIONI di INTERESSE Bando ESPRESSIONI di INTERESSE Manuale di Istruzioni per l utilizzo dei file excel di rendicontazione PREMESSA La rendicontazione dei progetti a valere sul bando Espressioni di Interesse si sviluppa in

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali 1. Considerazioni generali 1.0 Premessa Il presente documento vuole costituire uno strumento di supporto all attività di rendicontazione delle attività di formazione professionale; per soddisfare l esigenza

Dettagli

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE Struttura Criterio di di classificazione Costi, ricavi e rimanenze Per natura Per natura Forma A sezioni contrapposte 1 I LIMITI DELLA STRUTTURA A COSTI

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento per la concessione di contributi a favore delle associazioni di promozione sociale, ai sensi dell articolo 4, comma 35, della legge regionale 28 dicembre 2007, n. 30 (Legge strumentale 2008).

Dettagli

Finanza locale, bilanci e patto di stabilità.

Finanza locale, bilanci e patto di stabilità. 1 Finanza locale, bilanci e patto di stabilità. Problemi e prospettive E indispensabile prendere atto del quadro complessivo della situazione in cui, allo stato attuale, si trovano ad operare gli enti

Dettagli

RENDICONTO ANNUALE 2015

RENDICONTO ANNUALE 2015 Delibera 384/16/CONS RENDICONTO ANNUALE 2015 (AI SENSI DELL ARTICOLO 34, COMMA 2 TER, DEL D. LGS. N. 259/2003) I. PREMESSA Il presente documento costituisce il Rendiconto annuale previsto dall articolo

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Rimanenze di beni e servizi da produrre su specifica indicazione del committente sulla base di uno specifico contratto. Si tratta di produzione già venduta. Se si rispetta

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

Utilizzo dell applicativo GEFO per la rendicontazione.

Utilizzo dell applicativo GEFO per la rendicontazione. Bando 23/99 : Fase di Rendicontazione Utilizzo dell applicativo GEFO per la rendicontazione. Bando 23/99 : il processo Profilazione e Registrazione Soggetto Richiedente Presentazione Domanda Fase di Istruttoria

Dettagli

AssoArpa Associazione tra le agenzie regionali e provinciali per la protezione dell ambiente

AssoArpa Associazione tra le agenzie regionali e provinciali per la protezione dell ambiente PREVENTIVO FINANZIARIO Entrate Uscite Fondo di cassa al 23.03.2015 0,00 Spese di costituzione 4.000,00 Servizi amministrativi 1.500,00 F.do di dotazione art. 5 Atto Cost. e art. 14 Statuto 50.000,00 Compenso

Dettagli

SCHEDA PROPOSTA EVENTO CULTURALE PER MANIFESTAZIONI ESTIVE 2016

SCHEDA PROPOSTA EVENTO CULTURALE PER MANIFESTAZIONI ESTIVE 2016 j Í ALLEGATO B parte integrante avviso - SCHEDA PROPOSTA EVENTO CULTURALE PER MANIFESTAZIONI ESTIVE 2016 Con la presente trasmetto la proposta progettuale culturale ai sensi del presente invito. Dichiaro

Dettagli

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum in collaborazione con Bandi regionali Associazionismo e Volontariato Vademecum a cura di Excursus. Spazio di formazione partecipata Indice 1. TITOLO 2. SCADENZA PRESENTAZIONE E TEMPISTICA ITER 3. SOGGETTI

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI BOLOGNA. Relazione del Revisore Unico al bilancio di previsione 2017

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI BOLOGNA. Relazione del Revisore Unico al bilancio di previsione 2017 ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI BOLOGNA Via Saragozza 175-40135 Bologna Codice fiscale 80039010378 Relazione del Revisore Unico al bilancio di previsione 2017 agli

Dettagli

Il sistema dei controlli di secondo livello in Regione Toscana

Il sistema dei controlli di secondo livello in Regione Toscana Il sistema dei controlli di secondo livello in Regione Toscana 10 maggio 2013 Firenze Auditorium Sant Apollonia Elvira Pisani Autorità di audit Regione Toscana ORGANIGRAMMA AUTORITA DG Competitività del

Dettagli

Date (da 2007 a 2008) Nome e indirizzo del datore di lavoro

Date (da 2007 a 2008) Nome e indirizzo del datore di lavoro del valore maturato, verifiche campionarie in loco su domande di rimborso 2007-2013, rendiconti a costi standard 2007-2013, assistenza tecnica agli uffici regionali del settore Formazione Professionale

Dettagli

Modulo n. 8. Docente: Rosario Calabrese

Modulo n. 8. Docente: Rosario Calabrese Corso Master Revisore Condominiale Modulo n. 8 Docente: Rosario Calabrese Corso Revisore Contabile Condominiale (Art. 1130-bis c.c.) Mod. 8 - Pt. 1 Docente: Rosario Calabrese 8 - I documenti contabili,

Dettagli

costo esercitazione La contabilità per centri di (Caso Pucci) Corso di creazione del valore e reporting integrato

costo esercitazione La contabilità per centri di (Caso Pucci) Corso di creazione del valore e reporting integrato La contabilità per centri di costo esercitazione (Caso Pucci) Dott.ssa Francesca Francioli francioli@economia.unige.it Corso di creazione del valore e reporting integrato Laurea Magistrale AFC a.a. 2014/15

Dettagli

Anna Maria Arcari, Programmazione e controllo, McGraw-Hill, 2010, ISBN

Anna Maria Arcari, Programmazione e controllo, McGraw-Hill, 2010, ISBN SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 2 ESERCIZIO 1 Calcolo del costo unitario di produzione con il metodo tradizionale Coefficiente di imputazione reparto Produzione = 441.000/29.400 = 15 /h macchina Coefficiente

Dettagli

Modello di presentazione del progetto. Lettera di trasmissione (su carta intestata scuola)

Modello di presentazione del progetto. Lettera di trasmissione (su carta intestata scuola) All. B Modello di presentazione del progetto Lettera di trasmissione (su carta intestata scuola) data e protocollo USR mail: Oggetto: Proposta progettuale xxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof.

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof. Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione Corso di Economia Aziendale Prof. Giuseppe D Onza Misurazioni e strumenti per il controllo dei processi di produzione

Dettagli

PRIN 2009 NOVITA GESTIONALI

PRIN 2009 NOVITA GESTIONALI PRIN 2009 NOVITA GESTIONALI TOTALE FLESSIBILITA NELLA FASE DI GESTIONE È possibile spostare liberamente fondi da una voce di spesa ad un altra senza alcun limite È possibile valorizzare voci di spesa non

Dettagli

Allegato B al Decreto n. 130 del 28/12/2007 pag. 1/7

Allegato B al Decreto n. 130 del 28/12/2007 pag. 1/7 pag. 1/7 Direzione regionale Istruzione DISPOSIZIONI PER GLI ADEMPIMENTI RENDICONTALI PREVISTI PER I PERCORSI IFTS PROGRAMMAZIONE 2004-2006 Anno formativo 2007-2008 POLI FORMATIVI PER L ISTRUZIONE E LA

Dettagli

Il bilancio pubblico della scuola: da adempimento a strumento di gestione

Il bilancio pubblico della scuola: da adempimento a strumento di gestione Il bilancio pubblico della scuola: da adempimento a strumento di gestione Agenda La trasparenza e la pubblicità dei bilanci: opportunità e adempimento Il bilancio come strumento di indirizzo della gestione

Dettagli

Documenti da produrre per la Rendicontazione Annualità 2015

Documenti da produrre per la Rendicontazione Annualità 2015 Documenti da produrre per la Rendicontazione Annualità 2015 VOCE DI SPESA Progettazione Docenza personale esterno Coordinamento MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE (max 8% del totale del DOCUMENTI DA PRODURRE

Dettagli

Allegato 1 - alla Determinazione n. 4 del Rettifica all Avviso Tutti a 1. Elenco rettifiche all Avviso

Allegato 1 - alla Determinazione n. 4 del Rettifica all Avviso Tutti a 1. Elenco rettifiche all Avviso Allegato 1 - alla Determinazione n. 4 del 21.01.2016 Rettifica all Avviso Tutti a Iscol@. 1. Elenco rettifiche all Avviso Paragrafo Originale Rettificato 2. Vademecum delle spese ammissibili al PO FSE

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA ALLEGATO 2 DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PERCORSI SPERIMENTALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE A TITOLARITÀ

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CLASSIFICAZIONE DELLA SPESA PER MISSIONI E PROGRAMMI. ai sensi del DM 21 del 16 gennaio 2014

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CLASSIFICAZIONE DELLA SPESA PER MISSIONI E PROGRAMMI. ai sensi del DM 21 del 16 gennaio 2014 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CLASSIFICAZIONE DELLA SPESA PER MISSIONI E PROGRAMMI ai sensi del DM 21 del 16 gennaio 2014 AMMINISTRAZIONE CENTRALE LA SAPIENZA 1 Riferimenti normativi Il Decreto 16 gennaio

Dettagli

CONTRIBUTI REG N. DIMENSIONE STRUTTURA A CUI SPETTA L INSERIMENTO DEI DATI FASE 1

CONTRIBUTI REG N. DIMENSIONE STRUTTURA A CUI SPETTA L INSERIMENTO DEI DATI FASE 1 CONTRIBUTI REG N. DIMENSIONE STRUTTURA A CUI SPETTA L INSERIMENTO DEI DATI FASE 1 1. Nome del contributo 2. Sigla del contributo 3. Descrizione dell intervento 4. Beneficiari del contributo* 5. Importo

Dettagli

Avviso FC sul lavoro annualità 2016/2017 Linee guida per la progettazione degli interventi

Avviso FC sul lavoro annualità 2016/2017 Linee guida per la progettazione degli interventi Avviso FC sul lavoro annualità 2016/2017 Linee guida per la progettazione degli interventi Linee guida per la progettazione degli interventi: elementi di novità e concetti chiave 1. Categorie progettuali

Dettagli

P.O.R FSE OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse IV Capitale umano. Linea Attività L.4.2

P.O.R FSE OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse IV Capitale umano. Linea Attività L.4.2 ALLEGATO C - P.O.R FSE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse IV Capitale umano Linea Attività L.4.2 AZIONI PER IL POTENZIAMENTO DEI CENTRI LINGUISTICI DI ATENEO Cod. FORMULARIO

Dettagli

ODCEC COMO Conto Economico PREV. PREV. PREV PREV PREV

ODCEC COMO Conto Economico PREV. PREV. PREV PREV PREV ODCEC COMO 2013 2014 2015 2016 2017 Conto Economico PREV. PREV. PREV PREV PREV Assicurazione Consiglieri 2.630 3.630 5.000 3.600 3.600 Stipendi e contributi 48.000 48.500 48.500 52.000 50.000 Oneri previdenziali

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Rimanenze di beni e servizi da produrre su specifica indicazione del committente sulla base di uno specifico contratto. Si tratta di produzione già venduta. Se si rispetta

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Politiche Sociali e del Lavoro Ufficio Fondo Sociale Europeo Via ZAMBRA, 42 - Top Center - 38100 Trento Tel. 0461 / 49.12.00 Fax 0461 / 49.12.01 Agli Enti Accreditati

Dettagli

CONTO ECONOMICO: Esercizio 2013 Esercizio 2014 Ricavi ordinari: , ,98

CONTO ECONOMICO: Esercizio 2013 Esercizio 2014 Ricavi ordinari: , ,98 RELAZIONE SCHEMA DI BILANCIO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO 2014 Il Collegio dei Revisori ha esaminato lo schema di bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 dell Azienda Speciale Formaper della

Dettagli

Giustificativi premi PSR

Giustificativi premi PSR Giustificativi premi PSR 2014-2020 Sommario Introduzione... 3 Misura 1 - Operazione 1.1.01... 4 Misura 8.1 Conservazione del suolo e della sostanza organica... 6 2 Introduzione L art. 41, lettera d) prevede

Dettagli

PROSPETTI. - Allegati 5a 5b 5c - Allegato R1 - Allegato R2

PROSPETTI. - Allegati 5a 5b 5c - Allegato R1 - Allegato R2 PROSPETTI - Allegati 5a 5b 5c - Allegato R1 - Allegato R2 1 ZIONI 2 ALL. 3 da prodursi su carta intestata ente/azienda dell Ente Azienda, che la documentazione contabile e/o amministrativa (ivi compresi

Dettagli

Le modifiche al Regolamento di esecuzione della L.R.n. 32/2002

Le modifiche al Regolamento di esecuzione della L.R.n. 32/2002 Le modifiche al Regolamento di esecuzione della L.R.n. 32/2002 Regolamento emanato con dpgr 11.02.2013, n. 5/R Concetta De Vitto PRINCIPALI MODIFICHE L.R. 26.07.2002 n. 32 "Testo unico della normativa

Dettagli

Tavola 1 - I processi di programmazione, di gestione e di rendicontazione

Tavola 1 - I processi di programmazione, di gestione e di rendicontazione Bellesia M. (www.bellesiamauro.it), Enti locali. Analisi di bilancio. Dai dati contabili alle valutazioni di efficacia e di efficienza, II edizione, IPSOA, Milano, 22. Materiale ad uso esclusivamente didattico

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 15/10/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 85 Pag.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 15/10/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 85 Pag. 15/10/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 85 Pag. 90 di 667 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 ottobre 2013, n. 307 Approvazione dei criteri e

Dettagli

Ad attività di supporto in occasione delle verifiche periodiche effettuate dalla Corte dei Conti Europea;

Ad attività di supporto in occasione delle verifiche periodiche effettuate dalla Corte dei Conti Europea; dei finanziamenti di cui alle operazioni appartenenti alla Misura 331 "Formazione e informazione degli operatori economici " del programma di Sviluppo Rurale" (PSR 2007-2013) Alla verifica rendicontuale

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali Dipartimento ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO

Dettagli

L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres.

L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres. L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di contributi destinati

Dettagli

e programmazione economicofinanziaria

e programmazione economicofinanziaria Raccordo tra obiettivi della performance e programmazione economicofinanziaria Gruppo di lavoro CODAU "Programmazione strategica e performance" Emma Varasio, Direttore Generale, Università di Pavia 06/11/2017

Dettagli

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA Oggetto: Interventi per il miglioramento delle scuole dell infanzia (progetti 3-5 anni) ai

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 201 PROT. N DEL 09/08/2017

DETERMINAZIONE N. 201 PROT. N DEL 09/08/2017 Direzione Generale della Pubblica Istruzione DETERMINAZIONE N. 201 PROT. N. 11684 DEL 09/08/2017 Oggetto: Avviso Tutti a Iscol@ - scuole aperte linea B1 - Anno scolastico 2017/18. Approvazione dello schema

Dettagli

ELLEPI MB srl Bilancio di Previsione NOVEMBRE 2016

ELLEPI MB srl Bilancio di Previsione NOVEMBRE 2016 ELLEPI MB srl Bilancio di Previsione 2016-2017 NOVEMBRE 2016 L Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Monza e della Brianza, socio unico di Ellepi srl, ha richiesto l elaborazione di

Dettagli

STATO PATRIMONIALE DI PERTINENZA GESTIONALE (in milioni di Lire) TOTALE ATTIVITA 6.157. Risultato gestionale globale negativo -37

STATO PATRIMONIALE DI PERTINENZA GESTIONALE (in milioni di Lire) TOTALE ATTIVITA 6.157. Risultato gestionale globale negativo -37 MODELLO DI RAPPRESENTAZIONE AZIENDALE, USANDO UN SISTEMA INFORMATIVO/CONTABILE CHE PORTI A CONOSCENZA DELL ATTIVITA DEL BILANCIO D ESERCIZIO DI UNA AZIENDA NO PROFIT (CASO ISTITUTO ONCOLOGICO ROMAGNOLO).

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Presidente o legale rappresentante dell Associazione/Ente. con sede in Via Cod. Fiscale P.IVA

Il/La sottoscritto/a Presidente o legale rappresentante dell Associazione/Ente. con sede in Via Cod. Fiscale P.IVA Al Comune di Bolzano Ripartizione Servizi alla Comunità Locale - 4 Ufficio Famiglia, Donna e Gioventù 4.2 vicolo Gumer, 7-39100 Bolzano PEC: bz@legalmail.it DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

SCHEDA PROPOSTA/ EVENTO PER ESTATE CITTANOVESE 2016

SCHEDA PROPOSTA/ EVENTO PER ESTATE CITTANOVESE 2016 SCHEDA PROPOSTA/ EVENTO PER ESTATE CITTANOVESE 2016 Con la presente trasmetto la proposta progettuale culturale ai sensi del presente invito. Dichiaro di aver ben compreso l invito e nello specifico gli

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA

PROVINCIA DI BOLOGNA 1 I.P. 4773/2009 Tit./Fasc./Anno 14.3.3.1.0.0/1/2009 PROVINCIA DI BOLOGNA Prot. n 356684/2009 del 14/10/2009 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA N. 23/2009

Dettagli

CONTO ECONOMICO PREVISIONALE AL 31/12/2017 BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2017

CONTO ECONOMICO PREVISIONALE AL 31/12/2017 BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2017 C.R.A.A. CENTRO PER LA RICERCA APPLICATA IN AGRICOLTURA BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2017 BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2017 La redazione del Bilancio di Previsione 2017 è stata realizzata sia secondo

Dettagli

Corso di Revisore Condominiale

Corso di Revisore Condominiale FIRENZE Corso di Revisore Condominiale Programma 1 giornata 6 marzo 2015 (Paolo Caprasecca) Presentazione. Dalle fonti giuridiche ai principi contabili e criteri di redazione: il ruolo determinante della

Dettagli

Diritti a scuola Avviso n. 7/2012. Informazioni sui controlli di primo livello

Diritti a scuola Avviso n. 7/2012. Informazioni sui controlli di primo livello Diritti a scuola Avviso n. 7/2012 Informazioni sui controlli di primo livello 1 Principale normativa di riferimento Reg. CE 1081/2006, Reg. CE 1083/2006, Reg. CE 1828/2006 DPR 196 del 2008 Accordo MIUR-Regione

Dettagli

Relazione del Collegio dei Revisori dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Mantova

Relazione del Collegio dei Revisori dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Mantova 1 Relazione del Collegio dei Revisori dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Mantova 2 Egr. Colleghi, Gent.me Colleghe, in data 5 aprile 2016 presso la sede legale dell ORDINE

Dettagli

ESERCITAZIONI. Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCITAZIONI. Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni ESERCITAZIONI Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni COSTI FISSI e COSTI VARIABILI I Costi Fissi sono quei costi che nel breve periodo non variano al variare del volume di produzione.

Dettagli

Relazione. Il presente disegno di legge è composto da otto articoli che, di seguito, vengono singolarmente illustrati.

Relazione. Il presente disegno di legge è composto da otto articoli che, di seguito, vengono singolarmente illustrati. Disegno di legge concernente Approvazione del Rendiconto generale della Regione Sardegna per l esercizio finanziario 2015 e del Rendiconto Consolidato della Regione Sardegna per l esercizio finanziario

Dettagli

Interventi rivolti alla qualificazione delle risorse umane a favore della creazione di nuova occupazione delle imprese del Lazio

Interventi rivolti alla qualificazione delle risorse umane a favore della creazione di nuova occupazione delle imprese del Lazio REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Attuazione del Programma Operativo della

Dettagli

ALLEGATO 1: BUDGET 22.1 BUDGET DEL PROGETTO PER VOCI DI SPESA. Numero di unità. Contributo Regione. Contributo partner e/o altri finanziatori

ALLEGATO 1: BUDGET 22.1 BUDGET DEL PROGETTO PER VOCI DI SPESA. Numero di unità. Contributo Regione. Contributo partner e/o altri finanziatori ALLEGATO 1: BUDGET 22.1 BUDGET DEL PROGETTO PER VOCI DI SPESA Spese 1 Unità Numero di unità Costo unitario Totale costi Contributo Regione Contributo Proponente Contributo partner e/o altri finanziatori

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI Esercizio 1: variabilità dei costi Costi fissi = 1.200 (assicurazione) + 320 (bollo) + 3.000 (ammortamento) = 4.520 Costi variabili unitari = 0,21 (carburante)

Dettagli

Indice. Capitolo. pag. XI. Introduzione

Indice. Capitolo. pag. XI. Introduzione Capitolo Introduzione XI CAPITOLO PRIMO L informativa di bilancio alla luce dell adozione dei principi contabili internazionali e del riordino della disciplina contabile europea. Il quadro evolutivo 1.1.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SENA ALFONSO Data e luogo di nascita 1 gennaio 1956 Marigliano (Pr. NA) Qualifica Funzionario Amministrazione Amministrazione Provinciale

Dettagli

AMMISSIBILITÁ DELLE SPESE

AMMISSIBILITÁ DELLE SPESE AMMISSIBILITÁ DELLE SPESE 1 Premessa I principi generali da cui desumere la definizione di costo ammissibile sono dettati dalle disposizioni previste dai Regolamenti (CE) 1083/2006, 1081/2006 e 1828/2006.

Dettagli

DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE N. 531 DEL 18/04/2011, COME MODIFICATA DALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N DEL 28/10/2013

DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE N. 531 DEL 18/04/2011, COME MODIFICATA DALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N DEL 28/10/2013 DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE N. 531 DEL 18/04/2011, COME MODIFICATA DALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1499 DEL 28/10/2013 REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ Capo I Disposizioni Generali Articolo

Dettagli

Analisi di bilancio - II

Analisi di bilancio - II Lezione n.7 La mappa del Corso: gli argomenti contesto strategie bilancio prospettica Analisi di bilancio - II L di bilancio: la riclassificazione dell area operativa del Conto Economico confini del settore

Dettagli

REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020

REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020 REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020 Check list di controllo operazioni in regime concessorio Programma Operativo Asse Obiettivo Specifico Azione Responsabile di Obiettivo Specifico Responsabile unico di

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE RIPARTIZIONE PER MISSIONI e PROGRAMMI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA

CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE RIPARTIZIONE PER MISSIONI e PROGRAMMI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE RIPARTIZIONE PER MISSIONI e PROGRAMMI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA MISSIONE, PAGAMENTI (TP=PR PAGAMENTI (TP=PR MISSIONE U.01 Servizi istituzionali, generali

Dettagli

La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo. LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015

La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo. LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015 La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015 Scopo: Contabilità generale Produrre informazioni per tutti i soggetti esterni tali da rappresentare

Dettagli

Coefficiente di imputazione reparto Produzione = / = 15 /h macchina

Coefficiente di imputazione reparto Produzione = / = 15 /h macchina Esercizio 2.1 Glassex S.p.A. Coefficiente di imputazione reparto Produzione = 441.000/29.400 = 15 /h macchina Coefficiente di imputazione reparto Imballaggio = 69.600/2.900 = 24 /h mod Produzione: Simplex:

Dettagli

DECRETO n. 122 del 20 gennaio 2017

DECRETO n. 122 del 20 gennaio 2017 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 DECRETO n. 122 del 20 gennaio 2017 Oggetto: Liquidazione

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO DECRETO 2 maggio 2006 Gestione delle entrate derivante dall'albo dei gestori di rifiuti, ai sensi dell'articolo 212, comma 16, del decreto legislativo

Dettagli

ESERCIZIO 1 ACCERTAMENTO DI UNA ENTRATA CORRENTE DI NATURA PATRIMONIALE. -esercizio nr.2 : pagamento da parte del beneficiario del saldo di euro 50.

ESERCIZIO 1 ACCERTAMENTO DI UNA ENTRATA CORRENTE DI NATURA PATRIMONIALE. -esercizio nr.2 : pagamento da parte del beneficiario del saldo di euro 50. ESERCIZIO 1 ACCERTAMENTO DI UNA ENTRATA CORRENTE DI NATURA PATRIMONIALE Viene concesso un diritto patrimoniale temporaneo (non ripetitivo negli anni). Si ipotizza l utilizzo del bene per fini istituzionali

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO RAPPORTO SULL ATTUAZIONE DEL FEDERALISMO FISCALE CAPITOLO 10 ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO Decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 Disposizioni in materia di armonizzazione

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

SCHEDA TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL FINANZIAMENTO PREVISTO DAL DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE PER

SCHEDA TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL FINANZIAMENTO PREVISTO DAL DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE PER ALLEGATO N.2 ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE Scheda tecnica PROG. Canone TV in bolletta SCHEDA TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL FINANZIAMENTO PREVISTO DAL DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE PER IL

Dettagli

Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione

Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013 Applicazione della metodologia di calcolo per l adozione delle opzioni

Dettagli

MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI

MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0000980.30-09-2015 Modello di presentazione del progetto Lettera di trasmissione (su carta intestata scuola) data e protocollo MIUR Dip.to per l'istruzione

Dettagli

6. La reportistica progetti

6. La reportistica progetti Napoli 17/7 6. La reportistica progetti L. Danielli P. Bonora 6. La reportistica progetti La gestione della coordinata progetto L anagrafica La gestione del budget La gestione operativa e la rendicontazione

Dettagli

POR FESR REGIONE TOSCANA

POR FESR REGIONE TOSCANA ALLEGATO B POR FESR 2007-2013 RENDICONTAZIONE DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE DA ARTEA NELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DI ORGANISMO INTERMEDIO IN HOUSE ALLA REGIONE TOSCANA 1. Premessa La presente

Dettagli

TABELLE DI RIEPILOGO COSTI IMPUTABILI ALL INIZIATIVA PER EROGAZIONI A SAL (Seconda, Terza)

TABELLE DI RIEPILOGO COSTI IMPUTABILI ALL INIZIATIVA PER EROGAZIONI A SAL (Seconda, Terza) QUADRO COMPLESSIVO SPESE DI TUTTI I PARTECIPANTI DESCRIZIONE TABELLE DI RIEPILOGO COSTI IMPUTABILI ALL INIZIATIVA PER EROGAZIONI A SAL (Seconda, Terza) ATTIVITÀ DI SVILUPPO PRECOMPETITIVO ATTIVITÀ DI RICERCA

Dettagli

Come attuare il Conto Termico

Come attuare il Conto Termico Bando POR FESR Emilia Romagna 2014/2020 Come attuare il Conto Termico Bologna 14 Novembre 2017 Il Conto Termico: principali caratteristiche C O N T R I B U T O I N C O N T O C A P I TA L E A F O N D O

Dettagli

Le procedure di consolidamento

Le procedure di consolidamento Antonino Borghi Le procedure di consolidamento 1 Riferimenti normativi Art. 147, co. 2, lettera del TUEL Verificare attraverso il bilancio consolidato l efficacia, l efficienza e l'economicità degli organismi

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AI PROSPETTI ECONOMICO PATRIMONIALI PREVISTI DAL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE (DLGS 118/2011) COMUNE DI POIRINO

NOTA INTEGRATIVA AI PROSPETTI ECONOMICO PATRIMONIALI PREVISTI DAL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE (DLGS 118/2011) COMUNE DI POIRINO NOTA INTEGRATIVA AI PROSPETTI ECONOMICO PATRIMONIALI PREVISTI DAL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE (DLGS 118/2011) COMUNE DI POIRINO Ai sensi dell art. 2 del d.lgs 118/2011 gli enti locali adottano la contabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO A FON.COOP DI ENTI E SOCIETA DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO A FON.COOP DI ENTI E SOCIETA DI FORMAZIONE REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO A FON.COOP DI ENTI E SOCIETA DI FORMAZIONE Fon.Coop Regolamento di accreditamento strutture formative Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO A FON.COOP DI ENTI E SOCIETA

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE COMPARATIVA

AVVISO DI SELEZIONE COMPARATIVA AVVISO DI SELEZIONE COMPARATIVA Oggetto: Hub Diffuso Accoglienza MSNA Regione Emilia-Romagna PROG-1307. Richiesta di preventivo per attività di verifica amministrativo-contabile Nell ambito del progetto

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del Bilancio Sociale delle Asp dell Emilia-Romagna Bologna, 22 giugno 2010

Linee guida per la predisposizione del Bilancio Sociale delle Asp dell Emilia-Romagna Bologna, 22 giugno 2010 Linee guida per la predisposizione del Bilancio Sociale delle Asp dell Emilia-Romagna Bologna, 22 giugno 2010 Rendicontazione delle risorse disponibili e utilizzate: - Le risorse economico-finanziarie

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGRUF.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0001502.15-09-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Premessa e quadro di riferimento Il Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

BANDO RIVOLTO AD ASSOCIAZIONI GIOVANILI PER PROGETTI INNOVATIVI DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI IN EMILIA-ROMAGNA (III EDIZIONE)

BANDO RIVOLTO AD ASSOCIAZIONI GIOVANILI PER PROGETTI INNOVATIVI DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI IN EMILIA-ROMAGNA (III EDIZIONE) BANDO RIVOLTO AD ASSOCIAZIONI GIOVANILI PER PROGETTI INNOVATIVI DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI IN EMILIA-ROMAGNA (III EDIZIONE) SCADENZA: 17 FEBBRAIO 2017 promosso da 1. Finalità Compito

Dettagli