AUTOMATION ENGINEERING LM-8891 / Classe: LM-25 RULES

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTOMATION ENGINEERING LM-8891 / Classe: LM-25 RULES"

Transcript

1 Programme Department Class School Second-cycle Degree in Automation Engineering / Ingegneria dell Automazione Department of Electrical, Electronic and Information Engineering Guglielmo Marconi LM-25 School of Engineering and Architecture University of Bologna RULES Art. 1 Admission Requirements The admission to this Programme is granted to Applicants that comply, first, with the curriculum requirements, second with the necessary prior preparation and third with language requirements (section 1.3). If the curriculum requirements are not complied with, the access to the Second-cycle Degree in Automation Engineering is denied. If the curriculum requirements are complied with, the Applicant s prior preparation has to be assessed. The admission is granted if all requirements are fulfilled. The procedures to verify curriculum requirements and prior preparation are listed below. 1.1 Curriculum requirements To be admitted to the Second-cycle Degree in Automation Engineering the Applicant must hold a University degree of at least three years (or achieved through the acquisition of at least 180 ECTS ), or another degree obtained abroad and recognized by the Degree Board as equivalent. Admission to the Second-cycle Degree in Automation Engineering is reserved to: 1

2 a. Students graduated from Italian First-cycle Degrees ( Lauree ) of the Information Engineering area (area 8, as defined in the DM 270/04 and area 9, as in DM 509/99) or in the Industrial Engineering area (area 9 as in the DM 270/04 and area 10 as in DM 509/99) whose name contains Ingegneria dell Automazione or Ingegneria Meccatronica. Italian First-cycle Degrees included in this definition have adequate curricula. b. Students graduated from Italian First-cycle Degrees of the Information Engineering area (area 8, as defined in the DM 270/04 and area 9, as in DM 509/99) or in the Industrial Engineering area (area 9, as in the DM 270/04 and area 10, as in DM 509/99) with a final mark of at least 110/110. c. Students graduated from Italian First-cycle Degrees of the Information Engineering area (area 8, as defined in the DM 270/04 and area 9, as in DM 509/99) or in the Industrial Engineering area (area 9, as in the DM 270/04 and area 10, as in DM 509/99) with a final mark less than 110/110 but complying with the following requirements: - at least 6 in the SSD ING-INF/04; - at least 12 in the set of SSD: ING-IND/13, ING-IND/32, ING-INF/05. d. Students graduated from Italian First-cycle Degrees complying with all the following requirements: - at least 30 in the SSD MAT/02, MAT/03, MAT/05, MAT/06, MAT/07, MAT/08, FIS/01, FIS/03; - at least 6 in the SSD ING-INF/04 - at least 12 in the set of SSD: ING-IND/13, ING-IND/32, ING-INF/05. The same criteria of point d) shall also apply to those who hold a University degree obtained abroad and deemed appropriate by the Degree Board for which it is possible to convert the degree score to the Italian system, and to identify the scientific areas and the number of credits obtained in each sector. Otherwise, the career of the applicant shall be assessed by the Degree Board. In very exceptional cases, the Degree Board can assign differentiated didactic plans in compliance with the Degree Programme Regulation to those Students with particular previous academic curricula. Such differentiated didactic plans do not concern students who have the First-cycle Degree in Ingegneria dell Automazione acquired at University of Bologna. 2

3 1.2 Assessment of adequacy of the applicant s background Admission to the Second-cycle Degree in Automation Engineering for Italian graduates who have obtained a degree mark lower than 92/110 is subjected to the evaluation of the adequacy of the academic career of the applicant by the Degree Board. In these cases, the adequacy of personal academic career is assessed for graduates who meet all the following requirements: - At least 42 credits in the SSD ING-IND/13, ING-IND/32, ING-INF/04; - At least 30 credits in the SSD ING-INF/01, ING-INF/04, ING-INF/05; - At least 24 credits in the SSD MAT/07, ING-IND/14, ING-IND/31, ING-IND/35. The above limit on the degree mark is reduced to 85/110 for graduates in AY and earlier. For graduates with a foreign University degree for which it is possible to convert the degree score to the Italian system and to identify the scientific areas and the number of credits obtained in each sector, the same criteria used for Italian graduates shall be adopted. Otherwise, the Degree Board shall assess the educational background: in particular, solid background in Control systems combined with solid background in Mechanics or Computer science or Electric drives is required for admission. The Degree Board may exempt the Student from the assessment of personal preparation in cases of: Withdrawal Loss of Student status Choice of an option from the previous degree program system Possession of a University qualification or learning outcomes acquired in foreign Universities Transfer from another degree course of the Alma Mater Studiorum-Università di Bologna Transfer from another University The assessment is based on the analysis of Applicant s previous career. 3

4 The Degree Board may arrange a special session dedicated to international Students and appoint a commission for the assessment of the personal preparation, with a timing compatible with the assignment of scholarships. Students who have received from the Degree Board a positive evaluation in the procedure described above shall be exempted from the procedure for the assessment of personal preparation planned for all the Students. In case the curriculum requirements detailed above are fulfilled, the Degree Board or a Board s representative might anyway identify specific cultural gaps in the student s prior preparation within topics that are important to profitably follow the Second-cycle Degree in Automation Engineering. Supplementary activities will be required to those students who have cultural gaps in one or more of the aforementioned areas, in order to align the required competencies with the contents of the courses of the Second-cycle Degree. 1.3 Language requirements Adequate proficiency in English (at least B-2 level according to CEFR) is required for admission to the Second cycle Degree in Automation Engineering. Candidates submitting a certificate issued by a recognized institution (e.g. TOEFL, IELTS, Cambridge Esol,...) proving such knowledge are exempted from further assessment. Otherwise, English proficiency of the Applicant is assessed by a Commission nominated by the Degree Board. Whenever English knowledge is not considered adequate, the Degree Board may require the Student to fill the gap before registering any exam of their second year. Article 2. Curricula - Student course selection The Programme is two years long. In case of properly motivated requests, the Student can submit an individual Study Plan. The requests, submitted by the deadlines defined every year by the School of Engineering and Architecture Board and made public through the University Website, will be individually addressed to the Degree Board, that shall consider the rationale for the submission and whether it can be accepted or not, on the basis of the coherence with the learning outcomes of the Programme and with the document Degree Programme Regulation. 4

5 For interested Students, there is also the possibility to obtain a Double Degree: the Second-cycle Degree in Automation Engineering from the University of Bologna and the Master of Science (MSc) in Automation Engineering from the Tongji University, Shanghai, China. The Double Degree Programme is open to Students of the Second-cycle Degree in Automation Engineering who, in the first year of study, apply to the Programme according to the modalities defined every year by the School of Engineering and Architecture Board. Students are selected by a specific Commission, nominated by the School of Engineering and Architecture Board, on the basis of the following criteria: - Curriculum of studies - Knowledge of the English language - Motivational criteria Selected Students receive a grant, whose amount is defined each year by the DEI Board, and have to attend the second year of study - plus an additional period equivalent to a semester - at Tongji University, taking the exams defined by the Double Degree programme. Courses at Tongji University are given in English. Article 3. Teaching methods Each teaching activity may be carried out in different ways, e.g.: - Theoretical lessons in class - Exercises in class - Laboratory work - Tutoring - Self-evaluation exercises - E-learning 5

6 With reference to the item Hours used herein below (point General list of Courses ), the following apply: - For the course bearing a numerical value of the item Hours, such a value is the maximum of the sum of the hours devoted to theoretical lessons in class, to class exercises, and to laboratory work the latter under the supervision of the teacher ( Titolare ) or tutor including the time devoted to intermediate exams and to the tutoring in class. The minimum is fixed to 80% of the numerical value of the item Hours. - For the teaching activities whose name does not contain the word Laboratory, the total hours devoted to theoretical lessons in class and exercises in class must range between two thirds and the total of the numerical value of the item Hours. The remaining part (if any) is covered by laboratory work, intermediate exams, and tutoring. - For the teaching activities whose name contains the word Laboratory, the total hours devoted to theoretical lessons in class and exercises in class must not exceed one fifth of the numerical value of the item Hours. The remaining part is carried out in the laboratory. The hours concerning Stage activities are defined in accordance with criteria defined in the Internship Regulation approved by the University. These hours are held in the host structure. Article 4. Course Attendance - Specified order of the exams The Student is not entitled to access an exam if he/she is not registered in the corresponding course. Also, the Student is not entitled to access the course exam where he/she is registered for a specific Academic Year, if the lessons of such a course in the same Academic Year have not been completed yet. For the teaching activities whose name contains the word Laboratory, the Student is not entitled to access the exam if he/she has not attended at least 70% of the hours indicated in the item Hours. For the Stage activities the attendance rules are specified in the Internship Regulation approved by the University. The exams of some courses must be undertaken in a specified order. Such cases, if any, are indicated herein below (point General list of Courses ). 6

7 Article 5. Structure and outcome of the exams Each teaching activity may have a different structure and outcome of the exam, e.g.: - Written and oral exam, evaluation by mark - Oral-only exam, evaluation by mark - Written-only exam, evaluation by mark - Any of the above, evaluation by pass/fail For each teaching activity the outcome of the exam is indicated herein below (point General list of Courses ). The structure of the exam is proposed by the teacher and is approved by the Degree Board or by the Degree Coordinator if the latter is so entrusted by the Degree Board. The exam is personal and aims at determining the intellectual maturity of the Student along with his/her holding the knowledge and abilities typical of the course s subject. Intermediate exams on the course s subject are allowed, whose possible negative result does not influence the Student s access to the exam. For the oral-only exams, a preliminary written exam is anyhow allowed, whose outcome influences the Student s access to the oral exam. For all teaching activities the Commission for the exams is proposed by the teacher and approved by the Degree Board or by the Degree Coordinator if the latter is so entrusted by the Degree Board. The Commissions are made of two members at least, one of whom is typically the course s instructor that acts as the Commission s Chairman. If there is more than one instructor (e.g., in integrated courses or in courses divided into modules), one of the instructors acts as the Commission s Chairman. The other member(s) of the Commission must be either faculty professors, research assistants, or external experts so appointed by the teacher. For the Stage activities, the structure and outcome of the exam are specified by the document entitled Internship Regulation approved by the University. Art. 6: Elective Learning Activities - Courses freely chosen by the Student In standard Study Plan, Students can select some courses within constrained sets of choices and other courses freely. For the latter, a list of suggested courses is provided. 7

8 The Students choices must be reported to the Student Administration Office within the deadlines and following the instructions defined every year by the School of Engineering and Architecture Board and published on the website of the University of Bologna. As far as the free selections are concerned, Students can select either courses in the list of suggested ones, or among all the coursed provided by the University of Bologna and in accordance with the objectives of the Programme. In the latter case, selections will be submitted to the Degree Board for approval. Art. 7: Acknowledgement of credits acquired from programs belonging to the same class This article applies to Students owning an Italian Second Cycle University degree only, conforming to the provisions of the Ministry Decree 270/2004 ( Laurea Magistrale ), belonging to the LM-25 class. The acknowledgement of credits in the Student career pursues the goal of Student mobility and it is approved by the Degree Board up to the achievement of the credits of the same Disciplinary Scientific Sector (Settore Scientifico-Disciplinare) according to the Degree Programme Regulation, within the related scientific disciplinary setting and of the kind of formative activities. Once credits are acknowledged according to the rule of the present regulation, the Degree Board can acknowledge possible residual credits case by case according to didactical and cultural affinity. In order to fill possible gaps of credits in a specific Disciplinary Scientific Sector, the Degree Board has the authority to set up some supplementary learning activities, distinct by Disciplinary Scientific Sector or groups of affine sectors, such as cycles of seminars, laboratory activities, tutored study activities, etc. The value of the credits of the supplementary activities ranges from one to three and it is anyway smaller than the number of credits of the course to be integrated. The evaluation is by pass/fail. Article 8. Acknowledgement of credits acquired from programs belonging to a different class, from e-learning programs, or from international programs The credits may be acknowledged by the Degree Board after an analysis based on the following criteria: - Contents of the course whence the credits have been acquired 8

9 - Total number of teaching hours of the course - Evaluation of the consistency of the field (or of the subjects, if the sectors are not defined), and of the contents of the courses whence the Student has acquired the credits, with the specific teaching objectives of the Second-cycle Degree in Automation Engineering, as indicated in the document entitled Degree Programme Regulation. are acknowledged to the extent of those reported in the document Degree Programme Regulation. If, after recognition under the above rules, there are residual unused credits, the Degree Board may acknowledge them after evaluation of the specific case according to cultural affinity. Article 9. Acknowledgement of credits for extra-university competencies and skills The Degree Board may acknowledge competencies and abilities not provided by the University of Bologna, according to the applicable regulations and laws, up to a maximum of 12. The acknowledgment of the Degree Board is based on the coherence of the competencies and abilities with the Study Plan. Art. 10 Final exam The contents of the final exam are those of the Thesis of a Second-cycle Degree ( Laurea Magistrale ), and consist of a significant project or research activity carried out by the Student on a subject chosen by himself/herself. The results of such a work are illustrated in an original document, prepared by the Student on the Thesis subject and discussed in front of a Commission appointed by the Degree Board. The composition of the Commission conforms to the prescription of the document entitled University Teaching Regulations. The final exam must show the Student s ability to master the subject, his/her attitude to work autonomously, and high-level communication skills. The Thesis discussion is public as prescribed by the 9

10 University Teaching Regulations. For accessing the final exam the Student must acquire all the credits indicated by the document entitled Degree Programme Regulation in the teaching activities different from the final exam, distributed into the different types as defined herein below (point General list of Courses ). The evaluation of the final exam is by numerical rating and is expressed as a fraction of the form n/110, where n must not exceed 110. The unanimous agreement of the Commission is mandatory for attributing the evaluation 110/110 cum laude. Article 11. Coherence between ECST credits related to teaching activities and their learning outcomes The Steering Committee of the School of Engineering and Architecture on November 29 th, 2016 has agreed on the coherence between ECTS credits related to teaching activities and their learning outcomes, according to DM 270/2004 (article 3, subsection 3). 10

11 PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l accesso al corso L ammissione a questo programma è concessa agli studenti che soddisfano, primariamente, requisiti curriculari e, secondariamente, requisiti relativi all adeguata preparazione. Se i requisiti curriculari non sono soddisfatti, l accesso alla Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione è negata. Nel caso i requisiti curriculari siano invece soddisfatti, viene valutata l adeguatezza della personale preparazione. L ammissione è concessa solo se tutti i requisiti sono soddisfatti. Le procedure per valutare i requisiti curriculari e quelli relativi all adeguata preparazione sono dettagliati nel seguito. 1.1 Requisiti curriculari Per essere ammessi al Corso di Studio è necessario il possesso di un titolo di laurea di durata almeno triennale (ovvero conseguito attraverso l acquisizione di almeno 180 ), o di altro titolo di studio conseguito all estero riconosciuto idoneo. L ammissione al Corso di Laurea Magistrale è riservata a: a) Laureati nella classe dell Ingegneria dell Informazione (classe 8 nell Ordinamento ex DM 270/04 e classe 9 nell Ordinamento ex DM 509/99) o nella classe dell Ingegneria Industriale (classe 9 nell Ordinamento ex DM 270/04 e classe 10 nell Ordinamento ex DM 509/99) nel cui nome compaia Ingegneria dell Automazione o Ingegneria Meccatronica. Le lauree erogate in Italia che ricadono in questa definizione forniscono tutte curricula adeguati. b) Laureati nella classe dell Ingegneria dell Informazione (classe 8 nell Ordinamento ex DM 270/04 e classe 9 nell Ordinamento ex DM 509/99), o nella classe dell Ingegneria Industriale (classe 9 nell Ordinamento ex DM 270/04 e classe 10 nell Ordinamento ex DM 509/99) con un voto di laurea non inferiore a 110/

12 c) Laureati nella classe dell Ingegneria dell Informazione (classe 8 nell ordinamento ex DM 270/04 e classe 9 nell Ordinamento ex DM 509/99), o nella classe dell Ingegneria Industriale (classe 9 nell Ordinamento ex DM 270/04 e classe 10 nell Ordinamento ex DM 509/99) con un voto di laurea inferiore a 110/110, ma che soddisfino entrambi i seguenti requisiti: un numero di acquisiti non inferiore a 6 nel SSD ING-INF/04; un numero di acquisiti non inferiore a 12 nell insieme dei settori ING-IND/13, ING-IND/32, ING-INF/05. d) Laureati in classi diverse dalle precedenti che soddisfino tutti i requisiti seguenti: almeno 30 nei SSD MAT/02, MAT/03, MAT/05, MAT/06, MAT/07, MAT/08, FIS/01, FIS/03; almeno 6 nel SSD ING-INF/04; almeno 12 relativi ad attività formative nei SSD ING-IND/13, ING-IND/32, ING-INF/05. Gli stessi criteri del punto d) si applicano anche a coloro che sono in possesso di un titolo di studio di livello universitario conseguito all estero, giudicato idoneo dal Consiglio di Corso di Studio, per il quale siano possibili la conversione del voto di laurea secondo il sistema italiano, l identificazione dei settori scientifico-disciplinari e il numero di crediti conseguiti in ciascun settore. In caso contrario, il Consiglio di Corso di Studio procede alla valutazione della carriera. In via del tutto eccezionale, il Consiglio del Corso di Studi potrà anche prevedere piani didattici differenziati conformi all Ordinamento per quegli studenti con un particolare curriculum universitario pregresso. Tali piani didattici differenziati non riguarderanno in alcun modo studenti in possesso del titolo di primo livello in Ingegneria dell Automazione conseguito presso l Università di Bologna. 1.2 Verifica dell adeguatezza della personale preparazione L ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione per laureati che hanno ottenuto un voto di laurea inferiore a 92/110 è subordinata alla valutazione della adeguatezza della carriera universitaria del richiedente da parte del Consiglio di Corso di Studio. 12

13 In questi casi, l adeguatezza della personale preparazione è verificata per laureati che soddisfino tutti i seguenti requisiti: Possesso di almeno 42 nei SSD ING-IND/13, ING-IND/32, o ING-INF/04; Possesso di almeno 30 nei SSD ING-INF/01, ING-INF/04, o ING-INF/05; Possesso di almeno 24 nei SSD MAT/07, ING-IND/14, ING-IND/31, ING-IND/35. Il predetto limite sul voto di Laurea è ridotto a 85/110 per i laureati nell A.A e precedenti. Nel caso di laureati con titolo universitario estero per il quale siano possibili la conversione del voto di laurea secondo il sistema italiano, l identificazione dei settori scientifico-disciplinari e il numero di crediti conseguiti in ciascun settore, si adottano gli stessi criteri validi per i laureati italiani. In caso contrario, il Consiglio di Corso di Studio procede alla valutazione della carriera: in particolare, approfondita conoscenza di controlli automatici e meccanica/informatica/azionamenti elettrici è richiesta ai fini dell ammissione. Il Consiglio di Corso di Studio può esonerare lo studente dalla verifica dell adeguatezza della personale preparazione nei casi di: rinuncia decadenza presentazione di istanza di opzione dai previgenti ordinamenti possesso di un titolo accademico o di sostenimento di attività formative in università estere passaggio da altro corso di studio dell Alma Mater Studiorum-Università di Bologna trasferimento da altro Ateneo La valutazione avviene sulla base di un analisi della carriera pregressa. 13

14 Il Consiglio di Corso di Studio potrà prevedere - per gli studenti internazionali - un apposita sessione e la nomina di una commissione per la verifica dell adeguatezza della personale preparazione, compatibilmente con le tempistiche previste dal bando per l assegnazione delle borse di studio. Gli studenti internazionali che abbiano ottenuto una valutazione positiva sono esonerati dalla successiva prova di verifica dell adeguatezza della personale preparazione prevista per la generalità degli studenti. Nel caso di soddisfacimento dei requisiti curriculari sopra esposti, il Consiglio del Corso di Studi o un suo delegato - può comunque individuare particolari carenze culturali in discipline ritenute importanti per affrontare con profitto il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione. Allo studente a cui vengono riscontrate tali carenze in una o più aree, verrà richiesto di svolgere alcune attività supplementari con l obiettivo di allineare le competenze richieste con i contenuti dei corsi della Laurea Magistrale. 1.3 Accertamento delle conoscenze e competenze linguistiche Per l'accesso al Corso di studio è previsto l'accertamento delle conoscenze e competenze nella lingua inglese di livello B-2 (con riferimento al CEFR). L accertamento delle conoscenze e competenze linguistiche si considera assolto per gli studenti in possesso di certificazione linguistica (quale TOEFL, IELTS, Cambridge Esol,..) corrispondente al livello B-2 o superiore. Qualora il candidato non sia in possesso di certificazione, una Commissione nominata dal Corso di Studi valuta le competenze linguistiche mediante un colloquio. In caso di competenza linguistica inferiore al livello richiesto, il Consiglio di Corso di studio può prevedere che lo studente debba colmare un deficit iniziale, con previsione della propedeuticità dell'idoneità B-2 rispetto agli esami del II anno. Articolo 2. Regole di mobilità fra i curricula del Corso di Studio. Piani di studio individuali È prevista la sola durata normale del Corso di Studio, cioè due anni. Gli Studenti possono presentare, entro la data stabilita annualmente dal Consiglio della Scuola di Ingegneria e Architettura, sentito il Consiglio di Corso di Studio, un piano di studi diverso da quello previsto dal Piano Didattico in vigore, purché nell ambito delle discipline attivate e nel rispetto del numero di crediti per ciascun ambito previsto 14

15 dall Ordinamento Didattico del Corso di Studio. Tale piano è soggetto all approvazione da parte del Consiglio di Corso di Studio sulla base della sua congruenza tra l Ordinamento Didattico del CdS e degli obiettivi formativi specifici del Corso stesso. Il Piano Didattico del Corso di Studio Magistrale in Ingegneria dell Automazione prevede la possibilità di ottenere un doppio titolo di studio: quello da parte dell Università di Bologna (Laurea Magistrale in Automation Engineering) e quello rilasciato dalla Tongji University, Shanghai, Cina (MSc in Automation Engineering). Possono ottenere il doppio titolo studenti iscritti al corso di Laurea Magistrale in Automation Engineering dell Università di Bologna che, durante il primo anno di studio ed entro la data stabilita annualmente dal Consiglio della Scuola di Ingegneria ed Architettura, presentino apposita domanda e siano approvati da una apposita Commissione nominata dalla Scuola di Ingegneria ed Architettura. Gli Studenti vengono selezionati sulla base dei seguenti criteri principali: - curriculum degli studi - conoscenza della lingua inglese - criteri motivazionali Gli studenti ammessi beneficiano di una borsa di studio, il cui ammontare viene annualmente stabilito dal Consiglio del DEI, e devono frequentare il secondo anno di studi, nonché un ulteriore periodo equivalente ad un semestre, presso la Tongji University, sostenendo gli esami e seguendo le attività formative previste. Tutte queste attività didattiche sono erogate in lingua inglese. Articolo 3. Modalità di svolgimento di ciascuna attività formativa e tipologia delle formedidattiche Ciascuna attività formativa può comportare diverse modalità di svolgimento e di interazione fra Docenti e Studenti. In particolare possono essere previste: - lezioni in aula - esercitazioni in aula 15

16 - esercitazioni pratiche - attività di laboratorio - tutorato - esercizi di autovalutazione - interazione remota attraverso la rete Con riferimento alla voce Ore di attività frontale delle tabelle riportanti le attività formative, valgono le seguenti regole: Nel caso delle attività per le quali è riportato un valore numerico alla voce Ore di attività frontale, tale valore costituisce il massimo della somma delle ore dedicate a lezioni in aula e a esercitazioni in aula o laboratorio, incluse le prove in itinere e le attività di tutorato in aula. Il valore minimo è fissato all 80% del valore riportato. Nel caso delle attività formative diverse dai Laboratori, la somma delle ore dedicate a lezioni ed esercitazioni in aula è compresa fra due terzi e il totale del valore indicato alla voce Ore di attività frontale. La parte rimanente è coperta dalle esercitazioni di laboratorio, dalle prove in itinere e dalle attività di tutorato. Per le attività formative di Laboratorio, le somma delle ore dedicate a lezioni e esercitazioni in aula non deve superare un quinto del valore indicato alla voce Ore di attività frontale. La parte rimanente è svolta in laboratorio. Le ore relative all attività di Tirocinio sono stabilite in base ai criteri definiti dal Regolamento del Tirocinio vigente nella Scuola, e s intendono svolte presso la Struttura ospitante. Articolo 4. Frequenza e Propedeuticità Lo Studente non può sostenere un esame se l attività formativa non appartiene al suo Piano di Studio, o se l attività formativa non è ancora terminata. Per le attività formative di Laboratorio è obbligatoria la frequenza ad almeno il 70% delle ore complessive previste. Per la frequenza relativa al Tirocinio, si applicano le indicazioni del Regolamento del Tirocinio di Ateneo. 16

17 Le eventuali propedeuticità sono indicate nel Piano Didattico allegato al presente Regolamento. Articolo 5. Prove di verifica delle attività formative Ciascuna attività formativa può comportare diverse modalità di verifica del profitto. In particolare possono essere previsti: - Esame finale scritto e orale con assegnazione di un voto - Esame finale orale con assegnazione di un voto - Esame finale scritto con assegnazione di un voto - Prova finale con assegnazione del giudizio di idoneità Le attività formative per le quali la verifica comporta l attribuzione di un voto oppure un giudizio di idoneità sono indicate nel Piano Didattico. Le specifiche modalità di verifica del profitto (esame con prova orale, esame con prova scritta, ecc.) per ciascuna attività formativa sono deliberate dal Consiglio di Corso di Laurea Magistrale, o dal suo Coordinatore su delega del Consiglio stesso, su proposta del relativo Titolare. L esame è individuale, e mira ad accertare la maturità intellettuale del Candidato e il possesso delle conoscenze e abilità che caratterizzano la materia sulla quale verte l esame. Esso può essere preceduto da prove in itinere il cui esito negativo non influisce sull ammissione all esame finale. La prova orale può comunque essere preceduta da una prova scritta preliminare, il cui esito condiziona l ammissione all orale. Per tutti gli insegnamenti le Commissioni sono proposte dal titolare di ciascun insegnamento e nominate dal Consiglio di Corso di Laurea Magistrale, o dal Coordinatore su delega del Consiglio stesso. La verifica del profitto dell attività di Tirocinio si svolge secondo le indicazioni del Regolamento di Tirocinio di Ateneo. Articolo 6. Attività formative autonomamente scelte dallo studente L indicazione da parte dello Studente di attività formative a scelta guidata o a scelta autonoma deve essere presentata alla Segreteria Studenti (Ufficio Gestione Carriere Studenti, Unità di Servizio Didattico Area Scientifica, Scuola di Ingegneria e Architettura) entro i termini e secondo le modalità deliberati annualmente dal Consiglio della Scuola stessa e resi noti tramite il Portale d Ateneo. 17

18 Per quanto riguarda le attività formative a scelta autonoma, lo Studente può effettuare, tra tutte le attività attivate o riconosciute dall Ateneo, anche scelte diverse da quelle consigliate, purché coerenti con gli obiettivi formativi del Corso di Studi. In questo caso la sua richiesta verrà inoltrata al Consiglio di Corso di Laurea Magistrale. La richiesta di variazione di insegnamenti a scelta autonoma, purché fatta entro i termini e nell ambito delle scelte consigliate, non richiede approvazione da parte del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale. Articolo 7. Criteri di riconoscimento dei crediti acquisiti in Corsi di Studio della stessa classe Questo articolo si applica solo agli Studenti in possesso di un titolo di Laurea Magistrale acquisito in Italia conforme alle disposizioni del Decreto Ministeriale 270/2004 e appartenente alla classe LM-25. Il riconoscimento dei crediti nella carriera degli Studenti persegue il fine della mobilità degli Studenti ed è deliberato dal Consiglio di Corso di Studio, fino a concorrenza dei crediti dello stesso settore scientifico disciplinare previsti dall Ordinamento didattico del corso di studio, nel rispetto dei relativi ambiti scientifico disciplinari e della tipologia delle attività formative. Qualora, effettuati i riconoscimenti in base alle norme del presente regolamento, residuino crediti non utilizzati, il Consiglio di Corso di studio può riconoscerli valutando il caso concreto sulla base delle affinità didattiche e culturali. Al fine di integrare eventuali carenze di crediti in un determinato Settore Scientifico Disciplinare, a seguito del riconoscimento operato ai sensi del presente Regolamento, il Consiglio di Corso di Studio ha la facoltà di istituire alcune attività formative integrative, distinte per Settore Scientifico-Disciplinare (SSD) o gruppi di settori omogenei, quali cicli di seminari, attività di laboratorio, attività di studio guidato, ecc. Il valore in crediti delle attività integrative varia da uno a tre e comunque deve essere inferiore al valore previsto per l insegnamento da integrarsi. La valutazione avviene mediante giudizio di idoneità. Articolo 8. Criteri di riconoscimento dei crediti acquisiti in Corsi di Studio di diversa classe, presso università telematiche e in Corsi di Studio internazionali I crediti formativi universitari acquisiti sono riconosciuti dal Consiglio di Corso di Studio sulla base dei seguenti criteri: -analisi del programma svolto 18

19 -numero complessivo di ore di didattica svolte -valutazione della congruità dei settori scientifico disciplinari e dei contenuti delle attività formative in cui lo studente ha maturato i crediti con gli obiettivi formativi specifici del corso di studio e delle singole attività formative da riconoscere, perseguendo comunque la finalità di mobilità degli studenti. Il riconoscimento è effettuato fino a concorrenza dei crediti formativi universitari previsti dall ordinamento didattico del Corso di Studio. Qualora, effettuati i riconoscimenti in base alle norme del presente regolamento, residuino crediti non utilizzati, il Consiglio di Corso di Studio può riconoscerli valutando il caso concreto sulla base delle affinità didattiche e culturali. Articolo 9. Criteri di riconoscimento delle conoscenze e abilità extrauniversitarie Il Consiglio di Corso di Studio può procedere al riconoscimento di conoscenze e abilità professionali certificate ai sensi della normativa vigente in materia, nonché di altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione abbia concorso una università italiana pubblica o legalmente riconosciuta, fino ad un massimo di 12. Il Consiglio di Corso di Studio valuta l esperienza svolta in base alla congruità con gli obiettivi formativi del Corso di Studio e alla sua durata in termini di ore. Articolo 10. Modalità di svolgimento della prova finale È ammesso a sostenere la prova finale lo Studente che abbia conseguito tutti i crediti esclusi quelli relativi alla prova finale. La prova finale è costituita da una Tesi di Laurea Magistrale, consistente in una importante attività di progettazione o di ricerca. Tale attività deve concludersi con un elaborato con contenuti originali che dimostri l autonomia, la padronanza degli strumenti culturali propri dell Ingegneria Magistrale dell Automazione e la capacità di comunicazione del candidato. L elaborato verte su un argomento coerente con gli obbiettivi formativi del Corso di Laurea stesso. La discussione della tesi di laurea magistrale è pubblica e viene svolta davanti alla Commissione di Laurea Magistrale. Il voto di Laurea Magistrale è espresso in centodecimi. Il conferimento della lode richiede il giudizio unanime della Commissione esaminatrice. 19

20 Art. 11: Coerenza fra i crediti assegnati alle singole attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati La Commissione Paritetica della Scuola di Ingegneria e Architettura in data 29/11/2016 ha espresso parere favorevole in materia di coerenza fra i crediti assegnati alle singole attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati, ai sensi dell articolo 12, comma 3, del D.M. 270/04. 20

21 COURSE STRUCTURE PIANO DIDATTICO Learning Activities According to the Master Degree Programme Regulation, learning activities are divided into 5 different types: B. Core C. Affine D. Open electives E. Thesis F. Others (stage, laboratories, computer and social skills, additional language skills). The Course structure diagram provides both mandatory, restricted elective and open elective learning activities. The list of the mandatory learning activities (type B, C, E) is reported in Tables 1, 2 and 3. The list of the restricted elective learning activities (type B, C, F) is indicated in Tables 4, 5 and 6. In these Tables the Student must choose learning activities in order to reach the required number of credits. Regarding open elective learning activities (type D), the Degree Board suggests to the Student to select among subjects indicated in Table 7, or in Tables 4, 5, or among those indicated in the Course schedule year by year. In Table 8 are reported learning activities related to different Study Plans as defined in the Regulation of the Degree Programme. Mandatory learning activities correspond to 84 credits, restricted electives to 24 credits and open electives to 12 credits, with a total of 120 credits. Mandatory learning activities As far as mandatory learning activities type B, C and E are concerned, the student must include subjects for a total of 84 credits according the following rules: 21

22 45 credits chosen among the learning activities listed in Table 1 (type B) 18 credits chosen among the learning activities listed in Table 2 (type C) 21 credits chosen among the learning activities listed in Table 3 (type E) Programmazione Didattica A.A. 2017/2018 Restricted elective learning activities As for restricted elective learning activities type B, C and F is concerned, the Student must choose subjects for a total amount of 24 credits according the following rules: 12 credits chosen among the learning activities listed in Table 4 (type B) 6 credits chosen among the learning activities listed in Table 5 (type C) 6 credits chosen among the learning activities in Table 6 (type F) Open elective learning activities (type D) The Degree Board suggest to choose 12 credits among the learning activities listed in one of the groups of the Table 7 or among those listed in Tables 4, 5 or among the additional ones eventually indicated in the Course schedule on a yearly basis. Each learning activity consists in classes and, in some cases, laboratory hours. Classes aim at discussing theoretical topics and their explanation through case studies and exercises; they consist in lectures and exercises. Activity in the laboratory aims at the application of the concepts illustrated in the classroom through practical, design and experimental activities; it consists of exercises and/or laboratory-based activities to be performed under the guidance of the Professor or Teaching Assistant. 22

23 Attività formative Le attività formative sono distinte, come da Ordinamento Didattico del Corso di Studio, in 5 tipologie: B. Caratterizzanti C. Affini o integrative D. A scelta libera dello Studente E. Prova finale F. Altre (tirocinio, laboratori, abilità informatiche e relazionali, ulteriori conoscenze linguistiche). Il Piano Didattico prevede attività formative obbligatorie, a scelta guidata e a scelta libera. L elenco delle attività formative obbligatorie (di tipologia B, C, E) è riportato nelle Tabelle 1, 2 e 3. L elenco delle attività formative a scelta guidata (di tipologia B, C, F) è riportato nelle Tabelle 4, 5 e 6. In queste tabelle lo studente deve scegliere attività formative fino al raggiungimento dei crediti richiesti. Per quanto concerne le attività formative a scelta libera (tipologia D), il Consiglio di Corso di Studio suggerisce allo Studente di operare la selezione nell ambito delle attività indicate in Tabella 7, ovvero nelle Tabelle 4, 5 o in quelle indicate di anno in anno nel Prospetto Attuativo del Piano Didattico. Nella Tabella 8 sono riportate la attività formative relative ai Piani Didattici differenziati previsti dal Regolamento del Corso di Studi. Alle attività formative obbligatorie corrispondono complessivamente 84 crediti (), a quelle a scelta guidata 24, a quelle a scelta libera 12, per un totale di 120. Attività formative obbligatorie Per quanto concerne le attività formative obbligatorie di tipologia B, C ed E, lo studente deve inserire attività per un totale di 84 secondo le regole seguenti: 23

24 45 con attività presenti in Tabella 1 (tipologia B) 18 con attività presenti in Tabella 2 (tipologia C) 21 con attività presenti in Tabella 3 (tipologia E) Programmazione Didattica A.A. 2017/2018 Attività formative a scelta guidata Per quanto concerne le attività formative a scelta guidata di tipologia B, C ed F, lo studente deve scegliere insegnamenti per un totale di 24 secondo le regole seguenti: 12 con attività scelte nell ambito di quelle presenti in Tabella 4 (tipologia B); 6 con attività scelte nell ambito di quelle presenti in Tabella 5 (tipologia C); 6 con attività scelte nell ambito di quelle presenti in Tabella 6 (tipologia F). Attività formative a scelta libera (tipologia D) Il Consiglio di Corso di Studio suggerisce di operare la selezione di insegnamenti per 12 nell ambito delle attività indicate in uno dei gruppi della Tabella 7, ovvero nell ambito delle attività indicate nelle Tabelle 4, 5o nell ambito delle ulteriori attività eventualmente indicate di anno in anno nel Prospetto Attuativo del Piano Didattico. Ogni attività formativa è costituita da una parte di didattica in aula e da un eventuale parte di didattica in laboratorio. La didattica in aula ha come obiettivo la trattazione di argomenti di carattere teorico e la loro esemplificazione tramite casi di studio ed esercitazioni; essa consiste in lezioni in aula, esercitazioni e attività di tutorato. La didattica in laboratorio ha come obiettivo l applicazione pratica dei contenuti presentati in aula mediante attività di tipo pratico, progettuale o sperimentale; essa consiste in esercitazioni pratiche e attività di laboratorio da svolgersi sotto la guida del Docente eventualmente coadiuvato da tutor. 24

25 Cod. TABLE 1 MANDATORY COURSES type B TABELLA 1 - ATTIVITÀ FORMATIVE OBBLIGATORIE tipologia B (45 ) Learning Activity SYSTEM THEORY AND ADVANCED CONTROL M (C.I.) System Theory M Learning outcomes: The course will provide students with the fundamental tools for the analysis of multivariable dynamic systems and their structural properties. Basic tools of system theory will be introduced. The main topics of the course are related to possible representation of dynamic linear systems, structural properties (stability, observability, controllability), special normal forms, Kalman decomposition, and others. At the end of the course students master all the basic principles of system theory by studying in a systematic way properties of multivariable dynamic systems Advanced Control Systems M Learning outcomes: The course will address modern multivariable control schemes starting from optimal control and estimation (both in the deterministic and stochastic setting), adaptive and robust control, also presenting basic aspects of nonlinear control systems. The analysis and the synthesis tools are mainly focused on continuous-time systems. At the end of the course students have a deep knowledge of modern control tools for multivariable systems, and are able to systematically handle uncertainties in control systems. Field SSD ING-INF/04 B Hours Ore attività frontale Year Anno I Cycle Ciclo The Course is divided in two modules of 6 credits each, given in the first, the other in the second semester respectively. L insegnamento è suddiviso in due moduli da 6 cadauno, erogati rispettivamente nel primo e nel secondo ciclo. 25

26 Cod. Learning Activity DISCRETE TIME SYSTEMS IDENTIFICATION AND CONTROL M Learning outcomes: The course aims to introduce the main techniques for identifying discrete time systems with particular reference to the family of equation errors models used for prediction and control. The main arguments that are presented in the course are stochastic optimal estimation, Kalman prediction and filtering in the discrete time setting and advanced digital control schemes. At the end of the course students are able to run basic identification algorithms for linear systems and to master design and implementation aspects of digital control systems MECHANICS OF MACHINES FOR AUTOMATION M Learning outcomes: The course aims to present complementary aspects of construction of automatic machines that are particular pertinent for automation engineering. Elements of machine design and strength of materials are presented with emphasis to fatigue analysis and structural analysis. At the end of the course students have an insight on the principles of construction of machines that are particularly suited for automation engineering. Also this course aims to strengthen the multidisciplinary knowledge and skills that are required for the development of mechatronic systems (which result from the strong integration of mechanical components with electronics and control algorithms). Advanced methods for the multi-physic modelling, simulation, optimization and control of mechatronic systems (operating in both static and dynamic regimes) will complement the basic methodologies developed at bachelor level. Application of these methods will be shown for the analysis of practical electro-mechanical sensors and actuators, as well as for the synthesis of complex mechatronic systems employing a combination thereof. At the end of the course students master methods and tools for modeling and design of integrated mechatronic systems. Field SSD Hours Ore attività frontale Year Anno Cycle Ciclo ING-INF/04 B 60 6 I 2 ING-IND/13 B 90 9 I 2 26

27 Cod Learning Activity INDUSTRIAL ROBOTICS M Learning outcomes: The course provides the basic competencies in the field of industrial robotics. The main topics addressed in the course are basic concepts of robotics (kinematic and dynamic models, basic control schemes), illustration of advanced control schemes for position and force control of industrial manipulators (robust control, adaptive control, learning control, stiffness, impedance, hybrid position/force), trajectory planning for robots and automated machines, modeling and control aspects of mobile robotics. Theoretical aspects presented in the course are then used in practical activities on designing and controlling a mobile robot (LEGO). Advanced robotic applications (robotics in medicine, haptic systems, telemanipulation, etc.) are also presented. At the end of the course students know basic robotic technologies and they master modeling and advanced control aspects of robots used in industrial and research settings. MECHATRONICS SYSTEMS MODELLING AND CONTROL M Learning outcomes: By taking inspiration from real world problems in automation that are not strictly related to the automatic machine scenario, the course aims at illustrating the main principles and methodologies for the integrated development of a mechatronic system, starting from its modelling and simulation, towards the implementation of proper control laws, that can be verified on the simulative model. Such general principles are then examined in deep and with a more applicative and control-oriented perspective, thanks to one or more projects that students have to develop under the instructor supervision. Lab activities on real setups characterize this course. At the end of the course the students will master lab tools for programming control system units and have a deep understanding of issues regarding implementation of real time control systems. Field SSD ING-INF/04 B Hours Ore attività frontale 90 9 Year Anno Cycle Ciclo II 1 ING-INF/04 B 90 9 II 2 27

28 Cod TABLE 2 MANDATORY COURSES type C TABELLA 2 - ATTIVITÀ FORMATIVE OBBLIGATORIE tipologia C (18 ) Learning Activity REAL TIME SYSTEMS FOR AUTOMATION M Learning outcomes: The course covers the fundamentals of modern real-time operating systems. Arguments that are addressed in the course are architecture, organization, and functionalities of modern operating systems, task management and resource allocation, mechanisms and tools for synchronisation and concurrent programming, characteristics of real-time operating systems and main scheduling algorithms for hard real-time periodic processes. A part of the course is also devoted to supervised lab activity, with a focus on Linux and RTAI. At the end of the course students master all the fundamental aspect of informatics that are instrumental for the design and control of automatic systems. MATHEMATICAL METHODS FOR M Learning outcomes: The objective of the course is to introduce advanced mathematical tools that are instrumental in many fields of automation engineering. Specific topics that are presented in the course regard fundamentals in probability theory, combinatorial calculus, random variables and calculus, stochastic processes, elements of statistics. Besides theoretical tools the course will introduce SW packages for handling stochastic variables. At the end of course students masters key statistical tools that play a role in estimation, filtering and control. Field SSD Hours Ore attività frontale Year Anno Cycle Ciclo ING-INF/05 C I 2 MAT/07 C 60 6 I 1 28

AUTOMATION ENGINEERING RULES

AUTOMATION ENGINEERING RULES Programme Second-cycle Degree in Automation Engineering / Ingegneria dell Automazione Department Department of Electrical, Electronic and Information Engineering Guglielmo Marconi Class LM-25 School School

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Forlì Corso di Laurea in Economia e Commercio

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Forlì Corso di Laurea in Economia e Commercio SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Forlì Corso di Laurea in Economia e Commercio Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è necessario

Dettagli

REGULATIONS OF THE MASTER'S DEGREE PROGRAMME. Second-cycle Degree in Automation Engineering/ Ingegneria dell'automazione

REGULATIONS OF THE MASTER'S DEGREE PROGRAMME. Second-cycle Degree in Automation Engineering/ Ingegneria dell'automazione REGULATIONS OF THE MASTER'S DEGREE PROGRAMME Second-cycle Degree in Automation Engineering/ Ingegneria dell'automazione ART. 1 ADMISSION REQUIREMENTS School of Engineering and Architecture University of

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Advanced Design Design Avanzato. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Advanced Design Design Avanzato. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Advanced Design Design Avanzato Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe LM-12 Design ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA E CONSERVAZIONE DELLE OPERE D'ARTE PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti curriculari

Dettagli

FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA

FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Regolamento del Corso di Laurea in Requisiti di accesso Per essere ammessi al Corso di Laurea è necessario il possesso di Diploma di scuola media superiore di durata

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Ingegneria Edile

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Ingegneria Edile REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria Edile Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Ravenna Classe: L-23 - Scienze e tecniche dell'edilizia ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL

Dettagli

P er frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della

P er frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della Prevenzione Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso N u mero programmato Il corso di laurea magistrale

Dettagli

FACOLTA': Economia sede di Forlì CLASSE: LM-77 Scienze economico-aziendali

FACOLTA': Economia sede di Forlì CLASSE: LM-77 Scienze economico-aziendali REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE FACOLTA': Economia sede di Forlì CLASSE: LM-77 Scienze economico-aziendali Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti

Dettagli

Programmazione Didattica A.A. 2015/2016

Programmazione Didattica A.A. 2015/2016 Degree Programme Class Department School Second Cycle degree in Automation Engineering/Ingegneria dell Automazione LM-25 Dept. of Electrical, Electronic and Information Engineering Guglielmo Marconi Engineering

Dettagli

School of Engineering and Architecture Second Cycle degree in Automation Engineering/Ingegneria dell'automazione

School of Engineering and Architecture Second Cycle degree in Automation Engineering/Ingegneria dell'automazione School of Engineering and Architecture Second Cycle degree in Automation Engineering/Ingegneria dell'automazione Art. 1 Admission Requirements The admission to this programme is granted to applicants that

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2006/07

REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2006/07 Corso di studio: Laurea in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Facoltà: Classe: Ingegneria II Sede di Cesena 9 Ingegneria dell informazione Obiettivi Formativi Specifici REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGULATION OF THE COURSE

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGULATION OF THE COURSE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGULATION OF THE COURSE Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Classe: LM-27 - Ingegneria

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Conoscenze richieste per l accesso Per essere ammessi al corso di laurea

Dettagli

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di Laurea Magistrale in Beni archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di Laurea Magistrale in Beni archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di Laurea Magistrale in Beni archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Conoscenze richieste

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Scuola di Ingegneria e Architettura Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono richiesti i requisiti indicati di seguito.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Ingegneria gestionale

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Ingegneria gestionale REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO

Dettagli

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Regolamento di SCIENZE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso. Requisiti curriculari

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Regolamento di SCIENZE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso. Requisiti curriculari SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Regolamento di SCIENZE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti curriculari Per frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Curriculum AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO ( 1 ) I anno (60 CFU)

Curriculum AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO ( 1 ) I anno (60 CFU) CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE / BUSINESS ADMINISTRATION AND MANAGEMENT CLASSE L-18 PIANO DEGLI STUDI per gli studenti che si iscrivono al I anno nell a.a. 2016/17 Il Corso

Dettagli

Atenei Partner: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Ferrara, Università degli Studi di Parma

Atenei Partner: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Ferrara, Università degli Studi di Parma REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Corso di Laurea Magistrale in Advanced Automotive Electronic Engineering Classe LM-29 Ingegneria Elettronica

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, sede di Ravenna

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, sede di Ravenna SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, sede di Ravenna Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Conoscenze richieste per l accesso Per essere ammessi al corso

Dettagli

Curriculum Amministrazione e controllo ( 1 ) I anno 002EC Economia aziendale 12 SECS-P/07 Base Aziendale

Curriculum Amministrazione e controllo ( 1 ) I anno 002EC Economia aziendale 12 SECS-P/07 Base Aziendale EC01 ANNO ACCADEMICO 201/2017 Corso di laurea triennale in ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE (classe L-18) CON ORDINAMENTO SECONDO DM 270/04 Coordinatore: Prof. Alberto Dreassi Referente per le pratiche studenti:

Dettagli

School of Engineering and Architecture AEROSPACE ENGINEERING / INGEGNERIA AEROSPAZIALE STATUTE/ STATUTO

School of Engineering and Architecture AEROSPACE ENGINEERING / INGEGNERIA AEROSPAZIALE STATUTE/ STATUTO School of Engineering and Architecture AEROSPACE ENGINEERING / INGEGNERIA AEROSPAZIALE STATUTE/ STATUTO Art. 1 Access requisites For a successful attendance to the course, the enrolling student must have

Dettagli

Curriculum Amministrazione e controllo (¹) Scelta libera ** D EC Idoneità informatica INF/01 F 3

Curriculum Amministrazione e controllo (¹) Scelta libera ** D EC Idoneità informatica INF/01 F 3 EC01 ANNO ACCADEMICO 2017/2018 Corso di laurea triennale in ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE (classe L-18) CON ORDINAMENTO SECONDO DM 270/04 Coordinatore: Prof. Alberto Dreassi Referente per le pratiche studenti:

Dettagli

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA. Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA. Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe L-8 Ingegneria dell'informazione ART. 1: REQUISITI PER L'ACCESSO

Dettagli

Department of Business and Management/ Corso di Laurea Magistrale/ Master s Degree Program In Marketing Studenti iscritti al I anno /

Department of Business and Management/ Corso di Laurea Magistrale/ Master s Degree Program In Marketing Studenti iscritti al I anno / Department of Business and Management/ Corso di Laurea Magistrale/ Master s Degree Program In Marketing Studenti iscritti al I anno / 9 Novembre 2016 Ist year A.Y. 2016-2017 1 Presentazione dei Corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Corso di Studio Laurea in Ingegneria dell'automazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Corso di Studio Laurea in Ingegneria dell'automazione REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Corso di Studio Laurea in Ingegneria dell'automazione Scuola Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe L-8 Ingegneria dell'informazione ART. 1 REQUISITI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Corso di Laurea in Design del prodotto industriale Classe: L4 - Disegno industriale Art. 1 - Requisiti per

Dettagli

DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: LM-33 - Ingegneria meccanica Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica. Scuola di Ingegneria e Architettura

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica. Scuola di Ingegneria e Architettura REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica Scuola di Ingegneria e Architettura Classe: L-9 - Ingegneria Industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Curriculum AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO ( 1 ) I anno (60 CFU)

Curriculum AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO ( 1 ) I anno (60 CFU) CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE / BUSINESS ADMINISTRATION AND MANAGEMENT CLASSE L-18 PIANO DEGLI STUDI per gli studenti che si iscrivono al I anno nell a.a. 2017/18 Il Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA. Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica Sede di Bologna Ingegneria 32/S Ingegneria elettronica

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA. Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica Sede di Bologna Ingegneria 32/S Ingegneria elettronica Regolamento del CLS in Ingegneria elettronica Sede di Bologna P. 1/6 REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA CORSO DI STUDIO: FACOLTÀ: CLASSE: Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica Sede di

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE SEDE DI FORLI'

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE SEDE DI FORLI' SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE SEDE DI FORLI' Corso: 9174 - SPECIALIZED TRANSLATION (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: SPECIALIZED TRANSLATION Testo: SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ENGINEERING MANAGEMENT INGEGNERIA GESTIONALE. Classe LM-31 Ingegneria Gestionale

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ENGINEERING MANAGEMENT INGEGNERIA GESTIONALE. Classe LM-31 Ingegneria Gestionale REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ENGINEERING MANAGEMENT INGEGNERIA GESTIONALE Classe LM-31 Ingegneria Gestionale Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Regolamento Didattico

Dettagli

Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali DiCEM

Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali DiCEM Allegato 1 Anno Accademico 2016-2017 INSEGNAMENTO/MODULO LINGUA INGLESE TIPOLOGIA DI ATTIVITA FORMATIVA base caratterizzante affine a scelta dello studente altra attività X CORSO DI STUDIO Architettura

Dettagli

Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8488 - SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO DIPARTIMENTO DI AGRARIA 12/07/2017 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO SISTEMI FORESTALI E AMBIENTALI Il presente documento regolamenta la carriera degli studenti iscritti ai corsi di laurea in Sistemi Forestali

Dettagli

Selection procedure. MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION - MBA (LM-77, 2-year postgraduate degree) AY 2017/18

Selection procedure. MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION - MBA (LM-77, 2-year postgraduate degree) AY 2017/18 MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION - MBA (LM-77, 2-year postgraduate degree) AY 2017/18 http://www.business-administration.unito.it Selection procedure Selection criteria To enrol in the Master in Business

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Design del Prodotto Industriale. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Design del Prodotto Industriale. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Design del Prodotto Industriale Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: L4 - Disegno industriale ART. 1 - REQUISITI PER L'ACCESSO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Laurea in Ingegneria dell'automazione Classe: L-8 Ingegneria dell'informazione Art. 1: Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 (Ingegneria meccanica) Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe: LM-33 - Ingegneria

Dettagli

A.A Corso di studio Denominazione insegnamento CONTROLLO DI GESTIONE. Codice ECO0097 Anna Pistoni

A.A Corso di studio Denominazione insegnamento CONTROLLO DI GESTIONE. Codice ECO0097 Anna Pistoni A.A.2016-2017 Corso di studio Denominazione insegnamento CONTROLLO DI GESTIONE Codice ECO0097 Anna Pistoni CFU 6 SSD SECS - P/07 Lezioni 40 Esercitazioni Laboratorio [inserire voce: es. attività di campo;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria energetica Classe: LM-30 Ingegneria Energetica e Nucleare Art. 1: Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (Engineering management) Classe L-8 Ingegneria dell Informazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (Engineering management) Classe L-8 Ingegneria dell Informazione REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (Engineering management) Classe L-8 Ingegneria dell Informazione Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Regolamento Didattico

Dettagli

Regolamento didattico del corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE E GESTIONE D'IMPRESA

Regolamento didattico del corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE E GESTIONE D'IMPRESA Regolamento didattico del corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE E GESTIONE D'IMPRESA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti curriculari Per frequentare proficuamente il corso di Laurea

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA AEROSPAZIALE

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA AEROSPAZIALE Art. 1 Requisiti per l'accesso al Corso Scuola di Ingegneria e Architettura Regolamento di INGEGNERIA AEROSPAZIALE Per essere ammessi al corso di laurea in Ingegneria Aerospaziale occorre essere in possesso

Dettagli

OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (L) Titolo: OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O)

OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (L) Titolo: OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8471 - OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (L) Titolo: OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA

Dettagli

Scuola di Economia, Management e Statistica

Scuola di Economia, Management e Statistica Scuola di Economia, Management e Statistica REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E COMMERCIO SCUOLA: Economia, Management e Statistica sede di Forlì CLASSE: LM-77 Scienze economico-aziendali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (Mathematics) Classe L-35 Scienze Matematiche

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (Mathematics) Classe L-35 Scienze Matematiche REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (Mathematics) Classe L-35 Scienze Matematiche (Emanato con D.R. n. 619 del 07.06.2017 pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 08.06.2017 e

Dettagli

REQUISITI CURRICULARI:

REQUISITI CURRICULARI: REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe LM-32 Ingegneria Informatica Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna Classe: LM-30 Ingegneria Energetica e Nucleare ART. 1: REQUISITI PER L'ACCESSO

Dettagli

Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono altresì richiesti i seguenti requisiti curriculari:

Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono altresì richiesti i seguenti requisiti curriculari: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E POLITICA ECONOMICA Premessa : Il Corso di Laurea Magistrale in Economia e Politica Economica

Dettagli

Regolamento di Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE STATISTICHE, FINANZIARIE E ATTUARIALI

Regolamento di Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE STATISTICHE, FINANZIARIE E ATTUARIALI Regolamento di Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE STATISTICHE, FINANZIARIE E ATTUARIALI Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso L'ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata al possesso di

Dettagli

FACOLTA': Economia sede di Forlì CLASSE: LM-77 Scienze economico-aziendali

FACOLTA': Economia sede di Forlì CLASSE: LM-77 Scienze economico-aziendali Pagina 1 di 7 Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI FORLÌ Corso: 0905 - ECONOMIA E COMMERCIO (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: ECONOMIA E COMMERCIO Testo: REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di laurea magistrale in ECONOMIA

Dettagli

EC11 ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA, COMMERCIO INTERNAZIONALE e MERCATI FINANZIARI

EC11 ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA, COMMERCIO INTERNAZIONALE e MERCATI FINANZIARI EC11 ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA, COMMERCIO INTERNAZIONALE e MERCATI FINANZIARI CON ORDINAMENTO SECONDO DM 270/04 Coordinatore: Prof. Gaetano CARMECI Referente per le pratiche

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Ingegneria Civile

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Ingegneria Civile REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: LM-23 Ingegneria civile ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO

Dettagli

https://plitvice.unibo.it/plitvice-regolamenti/stamparegolamentocds...

https://plitvice.unibo.it/plitvice-regolamenti/stamparegolamentocds... 1 di 5 12/05/2015 09:43 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 8772 - CULTURE E TECNICHE DELLA MODA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: CULTURE E TECNICHE DELLA MODA Testo: Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale Classe di laurea magistrale n. LM-31 (Ingegneria gestionale) Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO How to register online for exams (Appelli) Version updated on 18/11/2016 The academic programs and the career plan Incoming students can take exams related to the courses offered by the Department where

Dettagli

REGOLAMENTO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Ingegneria Informatica. Scuola di Ingegneria Sede di Bologna Classe: L-8 - Ingegneria dell'informazione

REGOLAMENTO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Ingegneria Informatica. Scuola di Ingegneria Sede di Bologna Classe: L-8 - Ingegneria dell'informazione REGOLAMENTO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria Informatica Scuola di Ingegneria Sede di Bologna Classe: L-8 - Ingegneria dell'informazione ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammessi

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI della BASILICATA Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali DiCEM

UNIVERSITA degli STUDI della BASILICATA Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali DiCEM Allegato 1 INSEGNAMENTO/MODULO ECONOMIA ED ESTIMO CIVILE (parte I) Anno Accademico 2016-2017 TIPOLOGIA DI ATTIVITA FORMATIVA base caratterizzante affine a scelta dello studente altra attività x CORSO DI

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in GIURISTA PER LE IMPRESE E PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in GIURISTA PER LE IMPRESE E PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in GIURISTA PER LE IMPRESE E PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Conoscenze richieste per l'accesso Per essere ammessi al corso

Dettagli

UNIVERSITY OF PAVIA. Department of Economics and Management

UNIVERSITY OF PAVIA. Department of Economics and Management UNIVERSITY OF PAVIA Department of Economics and Management Laurea Magistralis (Master of Science) in: ECONOMICS, FINANCE AND INTERNATIONAL INTEGRATION (LM CLASS 5) STUDY PLAN FOR STUDENTS ENROLLED IN THE

Dettagli

How to register online for exams (Appelli) Version updated on 23/10/2017

How to register online for exams (Appelli) Version updated on 23/10/2017 How to register online for exams (Appelli) Version updated on 23/10/2017 The academic programs and the career plan Incoming students can take exams related to the courses offered by the Department where

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea in Business and Economics Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea in Business and Economics Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea in Business and Economics 8965 Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è necessario

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede di Forlì

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede di Forlì SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede di Forlì Corso di Laurea Magistrale in Economia e Commercio Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso L'ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata

Dettagli

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA. Laurea in Ingegneria Elettronica Sede di Bologna Ingegneria 9 Ingegneria dell Informazione

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA. Laurea in Ingegneria Elettronica Sede di Bologna Ingegneria 9 Ingegneria dell Informazione Regolamento del CL triennale in Ingegneria elettronica Sede di Bologna P. 1/6 REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA CORSO DI STUDIO: FACOLTÀ: CLASSE: Laurea in Ingegneria Elettronica Sede di Bologna Ingegneria

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA AEROSPAZIALE

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA AEROSPAZIALE Scuola di Ingegneria e Architettura Regolamento di INGEGNERIA AEROSPAZIALE Art. 1 Requisiti per l'accesso al Corso Per essere ammessi al Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale è necessario il possesso

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo eventualmente contratto verrà considerato soddisfatto :

L'obbligo formativo aggiuntivo eventualmente contratto verrà considerato soddisfatto : Page 1 of 5 Facoltà: CHIMICA INDUSTRIALE Corso: 8513 - CHIMICA INDUSTRIALE (L) Ordinamento: DM270 Titolo: CHIMICA INDUSTRIALE Testo: Scuola di Scienze CORSO DI LAUREA: 8513 CHIMICA INDUSTRIALE CLASSE:

Dettagli

Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 ECONOMIA - SEDE DI RIMINI 8609 - TOURISM ECONOMICS AND MANAGEMENT / ECONOMIA E MANAGEMENT DEL TURISMO (LM) Titolo: TOURISM ECONOMICS AND MANAGEMENT / ECONOMIA E MANAGEMENT

Dettagli

ATENEO: Meccanismi di messa in posto di dicchi in aree vulcaniche attraverso analisi di terreno, modellazione analogica e numerica.

ATENEO: Meccanismi di messa in posto di dicchi in aree vulcaniche attraverso analisi di terreno, modellazione analogica e numerica. Specifiche economiche deliberate per il dottorato Ateneo Dip. Esterne Giovani Riserva Tassa Sovran. 6 1 0 1 1 2 3 ATENEO: Meccanismi di messa in posto di dicchi in aree vulcaniche attraverso analisi di

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0964 - ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0964 - ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0964 - ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA Testo: Scuola di Lettere e Beni culturali

Dettagli

Clamda-IM Best Students Awards 2017 (Abstract - English version)

Clamda-IM Best Students Awards 2017 (Abstract - English version) Clamda-IM Best Students Awards 2017 (Abstract - English version) Application deadline: July 21, 2017 at 1 pm It is announced a call for n. 8 awards reserved to students enrolled to the II year of the CLAMDA-IM

Dettagli

Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI RIMINI Corso: 8842 - AMMINISTRAZIONE E GESTIONE D'IMPRESA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: AMMINISTRAZIONE E GESTIONE D'IMPRESA Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in INFORMATICA

Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in INFORMATICA Università degli studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in INFORMATICA Offerta formativa Il (classe LM-18) ha, di norma, durata di due anni.

Dettagli

Corso di Laurea in Lettere

Corso di Laurea in Lettere Regolamento del Corso del studio Art. 1 Requisiti per l accesso al corso SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di Laurea in Lettere Conoscenze richieste per l accesso Per essere ammessi al corso di

Dettagli

Syllabus Course description

Syllabus Course description Syllabus Course description Course title Management Information Systems in the Public Sector Course code 27076 Scientific sector Degree ING-INF/05 LM 63 Master in economics and management of the public

Dettagli

ACADEMIC YEAR 2017/2018 MASTER S DEGREE 2 YEARS. Fisica Physics IN ENGLISH

ACADEMIC YEAR 2017/2018 MASTER S DEGREE 2 YEARS. Fisica Physics IN ENGLISH ACADEMIC YEAR 2017/2018 MASTER S DEGREE 2 YEARS Fisica Physics IN ENGLISH IL CORSO IN BREVE - AIMS AND OBJECTIVES Il Corso di laurea magistrale in Fisica rappresenta il naturale proseguimento del Corso

Dettagli

Tavola 1. Programma di Studio Laurea Magistrale in Matematica Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Perugia

Tavola 1. Programma di Studio Laurea Magistrale in Matematica Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Perugia Attachment 1, page 1 Tavola 1 Programma di Studio Laurea Magistrale in Matematica Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Perugia Caratterizza nti- Formazione teorica avanzata

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea Magistrale in STATISTICA, ECONOMIA E IMPRESA

SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea Magistrale in STATISTICA, ECONOMIA E IMPRESA SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea Magistrale in STATISTICA, ECONOMIA E IMPRESA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso L'ammissione al corso di laurea magistrale in Statistica,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO DIPARTIMENTO DI AGRARIA 12.07.2017 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO Il presente documento regolamenta la carriera degli studenti iscritti ai corsi di laurea in: -Scienze Forestali e Ambientali; del Dipartimento

Dettagli

INGEGNERIA DELL ENERGIA ELETTRICA CLASSE LM-28

INGEGNERIA DELL ENERGIA ELETTRICA CLASSE LM-28 Programme Second cycle Degree in Ingegneria dell Energia Elettrica Department Department of Electrical, Electronic and Information Engineering Guglielmo Marconi Class LM-28 School School of Engineering

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

Istituto Mosè Bianchi. con opzione international Cambridge

Istituto Mosè Bianchi. con opzione international Cambridge + Istituto Mosè Bianchi con opzione international Cambridge + Eccellenza educativa Storica scuola del panorama monzese Università famosa in tutto il mondo fautrice da decenni di programmi di istruzione

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI della BASILICATA Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali DiCEM

UNIVERSITA degli STUDI della BASILICATA Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali DiCEM Allegato 1 Anno Accademico 2016-2017 INSEGNAMENTO/MODULO GESTIONE DEI PROGETTI TIPOLOGIA DI ATTIVITA FORMATIVA base caratterizzante affine a scelta dello studente altra attività x CORSO DI STUDIO Architettura

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E DELLE RELAZIONI SINDACALI (Counsellor of labour law and labour relations) (CLASSE L-14) (Emanato con

Dettagli

Syllabus Course description

Syllabus Course description Syllabus Course description Course title Course code Scientific sector Degree Semester and academic year Year Credits Modular Progetto NPD (Sviluppo nuovi prodotti) 27203 LM-77 Master in Entrepreneurship

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE SEDE DI FORLI' MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L)

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE SEDE DI FORLI' MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE SEDE DI FORLI' Corso: 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE Testo:

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1830/2015 del pubblicato all Albo Online di Ateneo in data , pubblicato nel B.U. n. 120)

(Emanato con D.R. n. 1830/2015 del pubblicato all Albo Online di Ateneo in data , pubblicato nel B.U. n. 120) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Economics and Business) (Classe L-18, Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) (Emanato con D.R. n. 1830/2015 del 18.12.2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Laurea in Ingegneria Civile Classe: L-7 Ingegneria civile e ambientale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

a valere dall a.a

a valere dall a.a REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (ECONOMICS AND BANKING) Classe L-33, Scienze Economiche (Emanato con D.R. n. 1828/2015 del 18.12.2015 pubblicato all Albo Online

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2014/2015 Programma dell insegnamento di FISICA Course title: PHYSICS Corsi di Laurea Anno di corso Classe Cod. Denominazione Corso di Laurea I II III Ateneo

Dettagli

SSD: ING-IND/22; ING-IND/24; ING-IND/25; ING-IND/27; ING-IND/28, ING-IND/29; ING-IND/30; ING-IND/35:

SSD: ING-IND/22; ING-IND/24; ING-IND/25; ING-IND/27; ING-IND/28, ING-IND/29; ING-IND/30; ING-IND/35: REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Classe: LM-35 - Ingegneria per l'ambiente

Dettagli

Scuola di Agraria e Medicina veterinaria

Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Scuola di Agraria e Medicina veterinaria REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO LM "INTERNATIONAL HORTICULTURAL SCIENCE / ORTOFRUTTICOLTURA INTERNAZIONALE" PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Corso di laurea magistrale in Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza

Corso di laurea magistrale in Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza REGOLAMENTO DIDATTICO a.a 2015/16 Corso di laurea magistrale in Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza Classe 88 Sociologia e ricerca sociale Scuola di Scienze Politiche Ai sensi delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: LM-31- Ingegneria gestionale ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO

Dettagli