Un secolo. di Borsa. in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un secolo. di Borsa. in Italia"

Transcript

1 Un secolo di Borsa in Italia Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati

2 Introduzione La storia del mercato borsistico italiano è stata caratterizzata da lunghe fasi negative che ne hanno condizionato la crescita. Le molte crisi succedutesi negli anni hanno avuto come effetto negativo quello di minare la stabilità del mercato e di far diminuire la fiducia dei piccoli azionisti i quali, per molto tempo, hanno preferito altre forme d investimento. Le cause principali di questa performance poco esaltante sono riconducibili alla natura del sistema finanziario italiano e ad alcune scelte economiche dei Governi italiani. I risultati della Borsa italiana sono stati condizionati, inoltre, da crisi internazionali che hanno fatto emergere, in modo ancor più grave, tutti i limiti del nostro mercato borsistico e dell economia italiana. Ricordiamo, a titolo di esempio, le crisi dovute ai conflitti mondiali, la crisi del 1929 (Grande Depressione) e la crisi del 1973 (shock petrolifero). Le cause endogene, cui si sono aggiunte quelle esogene, hanno condizionato negativamente e permanentemente il nostro mercato creando i presupposti di una performance della Borsa italiana molto inferiore rispetto a quella delle più importanti Borse mondiali. A ciò si deve aggiungere che Piazza Affari ha sempre sofferto di un cronico sottodimensionamento, sia in termini di capitalizzazione sia in termini di numero di società quotate, che ha limitato l offerta del listino e quindi ha poco invogliato all investimento i piccoli risparmiatori. Nonostante tutti i limiti appena elencati, i risultati delle azioni delle società quotate sul nostro listino sono stati, nel lungo periodo, migliori rispetto a quelli realizzati dai Titoli di Stato italiani. I piccoli risparmiatori non considerano però il mercato di Borsa come una possibilità di investimento a medio - lungo termine perché sono influenzati dalle ampie variazioni (volatilità) che si verificano nel breve periodo. Quest errata percezione della Borsa, legata alle gravi crisi su menzionate, ha quindi fatto preferire, per molto tempo, ai piccoli risparmiatori altre forme di investimento e solo negli ultimi anni si sta assistendo ad una maggiore propensione dei piccoli azionisti all investimento azionario. In questa breve trattazione si cercherà di esaminare, per grandi linee, le tappe principali che hanno caratterizzato la storia della Borsa italiana cercando, in conclusione, di capire i perché del mancato sviluppo del mercato borsistico. 2

3 Dalla nascita alla II Guerra Mondiale Negli anni a cavallo fra la fine del 1800 e l inizio del 1900, l Italia ebbe un lungo periodo di forte crescita che è identificato, dagli economisti, come la vera rivoluzione industriale italiana. Nacquero nuove società e quelle già esistenti si rafforzarono trasformando l Italia in una Nazione industrializzata. In questa fase di sviluppo, le società italiane avevano come obiettivo principale il reperimento di capitali, che servivano per accrescere la produzione e rafforzare la presenza sul mercato. In questa operazione furono aiutate dalle banche miste. Esse rappresentano una particolarità del sistema bancario italiano che non trova simili nello scenario mondiale. Le banche miste italiane erano caratterizzate dal fatto che, contemporaneamente, concedevano prestiti a medio - lungo termine e fornivano il capitale di rischio alle imprese. Erano quindi sia creditrici sia azioniste delle maggiori società italiane. Grazie a questo doppio legame, le banche miste, sin dall inizio, furono interessate allo sviluppo della Borsa perché, in tal modo, riuscivano a guadagnare sul valore delle azioni delle società controllate. Nei primi anni del Novecento, la nostra Borsa registrò il più importante salto dimensionale della propria storia. Infatti, il numero delle azioni quotate triplicò, passando da 59 a 169 (fig. 2). Purtroppo i legami con le banche miste fecero diventare il nostro mercato azionario molto speculativo. Esse si servivano dei riporti ottenuti dalle società controllate per far salire il corso dei titoli di tali società. Dall altro lato le società si servivano delle banche, cui erano legate, per continuare ad ottenere finanziamenti. Il sistema così creato non riuscì a resistere molto a lungo. Già nel 1907 iniziò una crisi che è rimasta, fino ad oggi, la più grave del nostro mercato azionario. Basti pensare che dal 1905 al 1920 i prezzi delle azioni in termini reali crollarono dell 80% e da allora non hanno mai più rivisto quei livelli (fig. 1). La crisi fu sostanzialmente generata da tre fattori: la graduale uscita delle banche miste dal listino, la riduzione della liquidità fornita dai riporti e la discesa dei corsi. Questi tre fattori combinati insieme fecero inceppare il sistema, che fino a quel momento aveva ben funzionato, avviando una forte correzione al ribasso dei corsi azionari. Per limitare gli effetti negativi di questa situazione, furono varati alcuni provvedimenti che però riuscirono solo a differire nel tempo la crisi. I due più importanti provvedimenti furono la creazione di consorzi per la difesa dei valori azionari e il diritto di sconto. Il primo provvedimento cercava di frenare la discesa dei corsi azionari: banche e società si impegnarono a riacquistare azioni per sostenere il corso dei titoli neutralizzando gli effetti negativi della discesa dei corsi. Il secondo invece, varato dal governo, dava la possibilità all acquirente di azioni di non rispettare il termine predefinito per la consegna dei titoli lasciando colui che vendeva allo scoperto. Queste misure si rivelarono dei palliativi ed ebbero come unico risultato quello di mantenere artificialmente alti i corsi delle azioni. 3

4 Con lo scoppio della guerra la situazione si aggravò. Si verificò, infatti, un massiccio passaggio di capitali dai depositi e dalla borsa al circolante. Le commesse statali per la guerra favorirono lo sviluppo industriale, ma una volta terminato il conflitto cominciò un periodo di forte instabilità con diversi tentativi di scalata e con nuove numerose crisi nel sistema bancario. E in questo periodo (anni venti) che la crisi delle banche miste comincia ad aggravarsi irreversibilmente. Le società richiedevano sempre più fondi alle banche ad esse collegate. Le banche non potevano far fronte a tale richiesta di capitali e quindi le società cercavano dì ottenere nuovi finanziamenti acquisendo, con tentativi di scalata, la proprietà di altre banche. Le banche oggetto di scalata, a loro volta, si difendevano creando dei sindacati azionari. Il sistema industriale non riuscì più a trovare i fondi necessari per sostenere le attività e questa situazione portò l intero sistema economico al collasso. Proprio in questo periodo (1924) si registra il primo intervento dello Stato a favore di banche e imprese con il salvataggio del Banco di Roma. La situazione sembrò migliorare nel , grazie ad un miglioramento della congiuntura economica, ma subito dopo precipitò definitivamente per il sovrapporsi di alcuni eventi negativi. Nel 1926 si diede avvio in Italia ad una politica deflativa che fece scendere i corsi azionari acuendo i problemi di società e banche. Lo scenario divenne totalmente nero nel La FED aumentò il tasso di sconto, preoccupata per la crescita sostenuta dei corsi, tutte le altre banche centrali fecero lo stesso per far rimanere ancorata la propria moneta al Gold Standard e nel 29 cominciò la grande depressione negli USA con il crollo di Wall Street. Il Governo italiano dovette intervenire in modo drastico e per salvare l economia dal baratro istituì l IRI, che aveva come preciso obiettivo quello di aiutare banche ed imprese a superare la crisi. Le banche miste cedettero all IRI le loro partecipazioni impegnandosi a ridurre le esposizioni. L IRI, a seguito di questa acquisizioni, incorporò anche grandi finanziare divenendo, a sua volta, azionista di controllo delle più importanti banche miste. Lo Stato divenne, quindi, il maggior protagonista dell economia italiana. I problemi legati all esistenza dell IRI furono evidenziati quando si cominciò la dismissione delle sue partecipazioni. Ci si rese conto che in tempi brevi era impensabile procedere alla riallocazione dei pacchetti azionari nelle mani dei privati perché non vi erano i giusti presupposti. Da una parte si aveva il timore che le dismissioni delle banche andassero a creare nuovi pericolosi intrecci azionari. Inoltre, i privati che avessero voluto acquistare i pacchetti azionari dell IRI, avrebbero dovuto richiedere finanziamenti alle banche di proprietà della stessa IRI. Infine, non era possibile vendere quote di minoranza perché il mercato azionario era poco sviluppato e non vi era la necessaria liquidità. 4

5 Si ritiene, inoltre, che la stessa creazione dell IRI fu una conseguenza della marginalità del nostro mercato azionario che non era in grado di creare nuovi assetti in caso di crisi e di fornire alle imprese i finanziamenti di cui abbisognavano. L istituzione dell IRI, inoltre, fu voluta dal Fascismo perché il mercato azionario era un luogo di allocazione indipendente rispetto alle politiche del governo e questo era in contrasto con le concezioni politiche del tempo. Gli ultimi provvedimenti illustrati relegarono il nostro mercato azionario ad un ruolo di comparsa all interno dello scenario economico nazionale. Si giunge così al Secondo Conflitto Mondiale. Questo periodo fu caratterizzato da un crollo del reddito netto pro capite del 50%. Parallelamente l inflazione crebbe del 2700% e la perdita reale dei corsi delle azioni, nel periodo fu circa dell 80% (fig. 1). Tale periodo ( ) è considerato come la seconda fase nera del mercato azionario italiano. I corsi crebbero in modo molto rapido, a causa dell iperinflazione, ma in termini reali non riuscirono a garantire agli azionisti una protezione dall inflazione e per questo motivo si registrò un nuovo marcato declino dei corsi in termini reali. Solo nella metà del 1947 si avviò una nuova politica di stabilizzazione che con l aumento del tasso di sconto e con il rientro del disavanzo pubblico costruì le basi per la rinascita economica degli anni 50. 5

6 Dal Dopo Guerra ai giorni nostri Nel periodo postbellico diventano sempre più frequenti all interno della borsa italiana i cosiddetti gruppi piramidali. Essi hanno a capo una holding (finanziaria) che detiene il controllo di alcune società operative. I gruppi, così come presenti in Italia, presentano gravi problemi di governance che in un primo periodo furono nascosti grazie alla vigorosa crescita economica degli anni cinquanta. Il periodo compreso fra 1947 e il 61 (fig. 1), ossia il periodo del miracolo economico, ha rappresentato per il mercato azionario una delle fasi migliori di tutta la sua storia. I corsi salirono di sette volte con un aumento per i titoli principali del 20% reale annuo composto. In quegli anni si combinarono insieme vari fattori positivi che contribuirono alla crescita. In primo luogo vi fu una maggiore stabilità politica rispetto al passato e a ciò si aggiunsero i buoni rapporti tra governo, industriali e sindacato che portarono ad aumenti salariali di molto inferiori rispetto agi aumenti di produttività. L economia italiana si aprì all estero e questo favorì la crescita economica e l accumulazione di capitali, fattori questi che accelerarono la modernizzazione dell Italia portandola su standard tecnologici elevati. Nel periodo postbellico si raggiunse un forte aumento di produttività grazie alle nuove tecnologie adottate e all aumento del capitale fisso utilizzato. Inoltre, aspetto interessante, gran parte di questi aumenti di capitale lo si ottenne grazie alla Borsa. Nonostante tutto ciò il nostro mercato azionario non riuscì a compiere un salto dimensionale decisivo per portarsi allo stesso livello degli altri mercati esteri. Infatti, dal dopoguerra e per decenni, il numero di società quotate non subì variazioni sostanziali (fig. 2). Nel periodo i corsi azionari cominciarono a scendere. La causa principale è da rintracciarsi nella poco favorevole fase congiunturale economica. Infatti, s identifica con il 1963 la fine del miracolo economico. Una delle questioni cruciali che può spiegare quest inversione di tendenza è da ricondurre alla fine dei buoni rapporti fra i sindacati e gli industriali. La conseguenza di questo nuovo scenario sociale fu un aumento più accentuato, rispetto al passato, dei salari. Ciò, a sua volta, rallentò l investimento e l accumulazione deteriorando lo scenario economico. Un altra causa di questo cambiamento è da ricercarsi nelle politiche adottate dai governi di centro sinistra. Infatti, il governo politico dell economia e la programmazione economica sono chiari segnali dell avversione verso forme di autonomia in economia. E naturale che anche il mercato borsistico, in questo mutato scenario, dovesse subire l ostilità dei governi. Uno dei primi provvedimenti che si ripercosse gravemente sulla Borsa fu la nazionalizzazione dell industria elettrica. Essa rappresentava una parte fondamentale della Borsa e la sua nazionalizzazione comportò la cancellazione dal listino di molte società. Queste dovettero cedere allo Stato le loro attività in cambio di indennizzi, i quali sarebbero dovuti servire per riconvertire le imprese e per soddisfare i piccoli azionisti che si vedevano privati degli assets su cui avevano puntato. Il problema di fondo di questo periodo è rappresentato dal modo in cui furono utilizzate le risorse erogate dallo stato (indennizzi) alle imprese espropriate. Infatti, non si tenne minimamente conto degli interessi degli azionisti di minoranza e chi deteneva la 6

7 maggioranza utilizzò tali fondi per procedere ad acquisizioni o incorporazioni che ebbero come risultato quello di minare la credibilità del mercato. Le varie fusioni che si realizzarono furono tutte eseguite per incamerare questi indennizzi trasferendo ai piccoli azionisti solo una piccola parte di questi fondi. Inoltre gli azionisti di minoranza non erano né informati né consultati riguardo le scelte dell impresa e rimanevano così all oscuro di tutto. A scoraggiare i piccoli azionisti contribuì anche una politica fiscale sfavorevole al mercato e caratterizzata da continue variazioni. Inoltre, in questo periodo, emergono gli effetti della atavica mancanza di regole che caratterizzava il nostro mercato. I risparmiatori si trovarono coinvolti in vicende finanziarie molto oscure. I grandi finanzieri si giocavano la proprietà delle società senza rispettare regole. La naturale conseguenza di questi comportamenti fu una lunga assenza dei piccoli risparmiatori dal mercato azionario. Ai problemi interni su esposti si aggiunse nel 1973 la crisi petrolifera. Essa comportò una crescita repentina dell inflazione che si mantenne poi, per un lungo periodo, fino al 1983, su valori elevati. Solo nel 1978 cominciò una lenta ripresa economica collegata soprattutto all entrata dell Italia nello SME, ad una ritrovata pace sociale e ad una serie di ristrutturazioni che rilanciarono le imprese più importanti (furono ridotti gli esuberi e fu riequilibrata la struttura finanziaria grazie ai nuovi capitali raccolti anche grazie alla Borsa). Gli anni ottanta sono invece caratterizzati da una buona prestazione delle azioni. Le cause di questo buon risultato sono da rintracciarsi nella sostenuta crescita economica e in una inflazione più bassa rispetto al passato. Negli anni in esame si registrò, infatti, una crescita annua reale del rendimento delle azioni di oltre il 15%. Il 1986 è, inoltre, considerato un anno eccezionale perché si verificò una crescita nominale dei corsi del 200%. Nello stesso anno le società quotate sul listino di borsa aumentarono da 160 a oltre 200 (fig. 2). Negli anni si registra il secondo importante salto dimensionale del listino. La crescita dimensionale del listino in questo biennio è seconda, infatti, solo a quella di inizio secolo. In questo periodo le maggiori imprese quotate ricorsero al mercato, con frequenti aumenti di capitale, per reperire nuove risorse finanziarie. Questo dato ci permette di capire come la situazione, in quegli anni, fosse notevolmente migliorata e il mercato poteva offrire a società e risparmiatori nuove opportunità di crescita. Dal 1985 ad oggi i progressi del mercato azionario si registrano soprattutto per ciò che riguarda la normativa sulle società. In quegli anni cominciò un lungo e articolato procedimento che cercò di dare alla Borsa italiana la regolamentazione di cui aveva bisogno. Si susseguirono nel tempo vari provvedimenti fra cui ricordiamo: (1985) Consob diventa una authority indipendente; (1991) legge sull intermediazione mobiliare; (1992) legge sulle OPA; (primi anni novanta) nuove regole sulla redazione dei bilanci; (1998) Testo Unico sulle società e sulla Borsa. Il periodo può essere indicato come il biennio in cui la borsa italiana ha completato il suo procedimento di trasformazione. In questi anni si è assistito alla quotazione di molte grandi società che erano ancora di proprietà statale (IRI). Ricordiamo, fra le tante, 1 ENI, l ENEL, l INA. A queste vanno aggiunte altre società che furono privatizzate definitivamente dopo essere state quotate in passato (Telecom, COMIT, BNL, Banco di 7

8 Roma, San Paolo). Queste operazioni contribuirono ad aumentare l importanza del listino all interno dello scenario economico. La quotazione e la privatizzazione riuscirono a trasformare alcune società in public companies (società con azionariato molto frammentato). Questi cambiamenti sono riusciti ad attirare una quota sempre maggiore dei risparmi privati. Ciò ha, quindi, permesso di suddividere la proprietà fra molti più azionisti, rispetto al passato, facendo somigliare il nostro mercato a quelli delle altre nazioni industrializzate. Altro importante fenomeno è stato, negli ultimi anni, quello della quotazione di molte medio piccole società indipendenti rispetto ai grandi gruppi. E questa una conferma della crescita di attrazione del mercato azionario italiano nell ultimo lustro. Un ultimo importante aspetto da rimarcare è che le società quotatesi negli anni novanta hanno subito assunto un peso preponderante sul listino facendo diminuire quello delle società di più lunga quotazione. 8

9 Performance della Borsa italiana In questo terzo capitolo si analizzeranno i risultati della Borsa italiana confrontandoli sia con i risultati ottenuti dai mercati di borsa esteri sia con i rendimenti dei titoli di Stato italiani. I rendimenti delle azioni delle società quotate sul listino di borsa italiano sono stati inferiori rispetto a quelli conseguiti dalle azioni dei mercati azionari esteri (tab. 1 e 2). Si è calcolato che nel periodo il rendimento reale delle azioni sia stato dell 1,1% se si considera l intero listino e del 2% se consideriamo le maggiori società quotate (percentuali riferite a capitalizzazione annua composta con reinvestimento dei dividendi distribuiti). L investimento in azioni italiane ha offerto, nel corso della sua storia, una scarsa protezione rispetto al rischio inflazione nel breve periodo. Nel lungo periodo, invece, questo tipo di investimento offre, con elevata probabilità, rendimenti superiori rispetto ad altri tipi di investimento e, soprattutto, mette al riparo dai rischi inflativi. Le performance ottenute dall investimento azionario, è bene precisarlo, sono da attribuirsi in larga misura alla distribuzione dei dividendi (tab. 1). Molto spesso, infatti, si pensa che i dividendi rappresentino un aspetto marginale dell investimento azionario. In realtà è proprio il loro contributo ad essere determinante per le sorti di questo tipo di investimento. Se confrontiamo il mercato azionario italiano con alcuni mercati esteri ci accorgiamo che il peso dei dividendi, sul rendimento reale totale, è quasi sempre superiore al 60% (tab. 1). In Italia si arriva anche a percentuali superiori. Addirittura, in molti periodi, se non vi fossero stati i dividendi, il solo corso delle azioni avrebbe fornito agli azionisti un rendimento reale negativo. Se confrontiamo i rendimenti reali italiani con quelli dei maggiori listini mondiali ci accorgiamo che l Italia ha fornito rendimenti in linea con i mercati esteri solo nei periodi di crescita generalizzata (tab. 2). Nei periodi meno favorevoli, invece, Piazza Affari ha conseguito prestazioni di molto inferiori rispetto a quelle delle altre borse mondiali. Un altra particolarità del nostro mercato è che il crollo subito nei primi anni del novecento non è mai stato più recuperato. Basti pensare che a metà degli anni novanta i prezzi reali delle azioni italiane erano inferiori del 90% rispetto a quelli di inizio secolo (a prezzi costanti) (fig. 1). Tale fenomeno è presente anche in altre nazioni ma con entità decisamente inferiori. In alcuni casi, come ad esempio la Germania, le perdite sono state completamente recuperate. Un altro confronto utile è quello fra i rendimenti delle azioni e quelli dei titoli di stato italiani (fig. 3). I titoli di stato, sia a lungo termine che a breve termine, non solo hanno offerto nel periodo una performance inferiore rispetto ai risultati delle azioni, ma hanno addirittura registrato rendimenti reali negativi. Essi quindi non hanno coperto dal rischio inflazione. Solo negli ultimi anni (dal 1986 in poi) sono riusciti a fornire risultati reali positivi. Questa pessima performance dipende dal fatto che i tassi nominali dei titoli di stato non hanno mai pienamente incorporato l inflazione che si è poi verificata. Uno dei periodi peggiori, da 9

10 questo punto di vista, è stato quello della Seconda Guerra Mondiale. In quegli anni, con una inflazione che superava il 100% i tassi nominali erano appena del 5-6%. Ed e proprio questo periodo che ha condizionato negativamente la performance dei titoli di stato, nel corso del secolo. Negli ultimi anni, invece, vi è stata molta più prontezza nel rispondere con la variazione dei tassi di interesse, alle fluttuazioni dell inflazione. Grazie a questa maggiore capacità di incorporare l inflazione e di prevederne le variazioni, dalla metà degli anni ottanta, i titoli di stato, come già ricordato, hanno potuto assicurare rendimenti reali positivi. Un confronto di lungo periodo tra le due tipologie di investimento ha dato i seguenti risultati: 100 lire investite nel 1905 diventano nel 1998, con lo stesso potere d acquisto, 280 se investite in borsa e 5 se investite in titoli di stato (fig. 3). Se restringiamo l esame al periodo la situazione non cambia: 100 lire investite nel 46 diventano nel 1998, sempre con lo stesso potere di acquisto, 670 con un investimento azionario e 120 con un investimento in titoli di stato. In conclusione è opportuno esaminare la performance di azioni e titoli di stato rispetto alla dinamica inflazionistica. Caratteristica comune dei due tipi di investimento è quella di offrire, nel breve periodo, scarsa protezione rispetto all inflazione. Se però guardiamo al medio - lungo periodo (più di 30 anni) le azioni non solo offrono rendimenti superiori rispetto ai titoli di stato ma assicurano rendimenti reali positivi, ossia rappresentano un investimento che mette al riparo dal rischio inflativo. Nel breve periodo vi è una elevata probabilità che le azioni offrano rendimenti superiori rispetto ai titoli di stato, ma esse soffrono di una maggiore volatilità. Vi è quindi la possibilità, non trascurabile, nel breve periodo di avere rendimenti decisamente negativi anche con le azioni. La situazione si modifica radicalmente nel lungo periodo. Se si considerano archi temporali piuttosto lunghi ci si accorge che le azioni offrono, con una certezza quasi assoluta, risultati reali positivi e alquanto migliori rispetto a quelli realizzati dai titoli di stato. E quindi un grave errore considerare volatili anche nel lungo periodo i rendimenti delle azioni. Se si riuscisse a mutare questa diffusa opinione si darebbe la possibilità a molti piccoli risparmiatori di realizzare nel lungo periodo guadagni molto superiori rispetto a quelli che normalmente ottengono investendo in titoli di stato. 10

11 Perché quotarsi? Le società che decidono di quotarsi in Borsa lo fanno soprattutto perché sono alla ricerca di nuovi capitali da poter investire nella loro attività. E una operazione che può essere scelta da imprese giovani per raccogliere il capitale utile a favorire una crescita più sostenuta o anche da imprese che hanno bisogno, con il capitale raccolto con la quotazione, di riequilibrare la struttura finanziaria. Un altra importante funzione della Borsa è quella di offrire una possibilità di diversificazione del capitale di rischio. Un mercato con un numero elevato di società offre sia ai risparmiatori sia ai proprietari di imprese la possibilità di diversificare meglio la distribuzione del proprio capitale riducendo quindi il rischio degli investimenti. La quotazione, solitamente, comporta vantaggi e svantaggi. Il vantaggio principale è quello, su indicato, di raccogliere nuovo capitale vendendo azioni a molti azionisti. Ciò permette all azionista di riferimento di conservare l autonomia gestionale. Infatti, se fosse venduto un pacchetto consistente di azioni ad una sola o a poche persone, ci potrebbero essere interferenze nella politica di gestione proprio da parte di questi nuovi soci con importanti quote di partecipazione. Tra gli svantaggi sono da ricordare i costi fissi legati alla quotazione che vanno a controbilanciare i vantaggi. Si dovrà quindi scegliere, naturalmente, cosa è più conveniente per l impresa. La dimensione dell investimento è un importante fattore che può invogliare una società alla quotazione. Infatti, se l investimento è particolarmente oneroso l impresa sarà più propensa alla quotazione perché in questo modo sarà più agevole raccogliere il capitale necessario per finanziare una nuova attività. Soffermandoci sul mercato italiano possiamo notare alcune particolarità. Negli ultimi anni le società che hanno scelto la via della quotazione avevano alle spalle periodi di forte espansione. La motivazione principale era quella di voler riequilibrare la struttura finanziaria caratterizzata da un forte indebitamento. Altre caratteristiche di queste società erano la dimensione superiore rispetto ai limiti minimi imposti dai regolamenti di Borsa e l essere legate in qualche modo con altre società già quotate. Ad una analisi conclusiva riguardo le motivazioni che hanno indotto le società italiane a quotarsi nel nostro mercato, si può affermare che esse abbiano scelto la quotazione soprattutto per raccogliere il capitale necessario a riequilibrare la struttura finanziaria, riducendo, in tal modo, le loro ingenti esposizioni debitorie. Un altra importante questione legata alla quotazione è il contributo dato dalle azioni emesse alla raccolta di capitale. Le analisi svolte hanno rilevato che le azioni rappresentano una quota modesta della raccolta totale di capitale. L aspetto più strano è che le società presenti nei mercati azionari più sviluppati sono quelle che hanno la quota più bassa di azioni sul totale dei mezzi finanziari raccolti. Infatti, molte di queste società hanno preferito ricorrere all autofinanziamento come canale privilegiato per il finanziamento (tab. 3). 11

12 Se spostiamo l attenzione sulle fonti esterne di finanziamento si nota come nel corso degli ultimi decenni la quota delle azioni è sempre costantemente aumentata (tab. 3). Ciò significa che negli ultimi anni si è preferito, almeno per le fonti esterne, sempre più le azioni piuttosto che l indebitamento o l emissione di obbligazioni. A questo punto è utile soffermarsi su un aspetto molto importante. Le società quotate, per molti decenni, hanno avuto nella quotazione più un vincolo che un opportunità. Infatti, è solo a partire dalla metà degli anni 70 che il saldo fra aumenti di capitale e dividendi distribuiti diventa positivo (fig. 4). Ciò significa che le società quotate, per molto tempo, hanno distribuito agli azionisti più ricchezza di quanto siano state capaci di raccogliere sul mercato. Negli ultimi anni (dalla metà degli anni settanta) questo trend è stato invertito e si può affermare che il mercato abbia cominciato a funzionare, sotto l ottica delle società, perché il saldo cumulato fra aumenti di capitale e dividendi distribuiti è diventato positivo (fig. 4). Nonostante questa nuova tendenza il peso di tale tipologia di finanziamento rimane comunque marginale rispetto al processo di accumulazione di capitale delle società. E giusto quindi confrontare, per avere una visione più completa, il capitale nominale delle società quotate con il capitale dell intera economia investito in impianti e mezzi di trasporto. Il rapporto fra le due grandezze appena descritte ci indica se il processo di accumulazione delle società quotate sia stato più o meno veloce rispetto a quello dell intera economia. E importante soprattutto soffermarsi su ciò che accade dai primi anni sessanta in poi. Fino a quel momento l accumulazione delle società quotate era stata molto più veloce rispetto a quella dell intera economia tant è vero che si riuscì a recuperare gli effetti negativi dovuti alla elevata inflazione degli anni di guerra. Dai primi anni 60 però si assiste ad una inversione di tendenza. Il rapporto crolla nuovamente fino a raggiungere il suo minimo nel Questo cambiamento è da attribuirsi, in modo particolare, alla sempre crescente forza dell IRI nell economia. Infatti, si ritiene che l IRI sottraendo risorse allo Stato e alle banche ad esso collegate abbia drenato ingenti quantità di capitali che sarebbero dovute arrivare alle casse delle società quotate. Questo ha comportato per molti anni una decisa inutilità del mercato di borsa per le società quotate perché, a causa della mancanza di capitali, era inutile procedere ad aumenti di capitali. Inoltre le imprese dell IRI avevano una maggior facilità di accesso alle risorse bancarie e quindi ostruivano anche da questo punto di vista la raccolta di capitali dei privati. Il settore pubblico ha creato dei vincoli che hanno condizionato negativamente la Borsa e di conseguenza il settore privato. Il listino ha ricominciato ad avere una certa significatività rispetto al sistema produttivo solo dagli inizi degli anni ottanta, in concomitanza con la graduale dismissione delle aziende dell IRI. Tale ripresa si sta dimostrando però molto lenta e ci vorrà ancora tempo per restituire al mercato azionario l importanza che ha ricoperto negli anni del boom economico. 12

13 Cause del mancato sviluppo della Borsa italiana Tra le cause del mancato sviluppo del mercato azionario italiano si possono certamente annoverare le seguenti: corporate governance (in particolare la scarsa tutela delle minoranze azionarie); struttura industriale italiana; leggi fiscali. La prima delle cause elencate è da molti considerata marginale. In realtà se si analizza con attenzione la storia del nostro listino ci si accorge che forse proprio la mancanza di tutela dei piccoli azionisti è stata la causa che ha determinato, per lungo tempo, il sotto dimensionamento della Borsa italiana. Solo negli ultimi anni l Italia si è dotata di un insieme di norme che può definirsi ben articolato e completo. A piccoli passi, fino ad arrivare al Testo Unico della Finanza del 1998, si è cercato di riempire i vuoti legislativi esistenti. Queste carenze hanno favorito operazioni borsistiche poco chiare che rendevano poco sicuro, per i piccoli azionisti, l investimento azionario. Nonostante lo sforzo legislativo degli ultimi anni una delle caratteristiche peculiari del nostro mercato non ha subito alcun intervento di regolamentazione. Il problema in questione, già esaminato in precedenza, è la struttura piramidale di molti gruppi. All interno dei gruppi italiani, infatti, molto spesso si è proceduto ad operazioni di mercato che hanno arrecato danno ai piccoli azionisti allontanandoli dall investimento. Frequenti sono stati i casi in cui chi deteneva il controllo della holding di riferimento del gruppo abbia acquistato azioni di altre società appartenenti al gruppo avendo come obiettivo primario il proprio guadagno a discapito della crescita della società e operando a svantaggio degli azionisti di minoranza. La scarsa tutela dei piccoli azionisti è uno dei problemi di fondo di tutti i mercati. Infatti, in tutti i Paesi che hanno un sistema legale poco attento alla tutela degli azionisti di minoranza i mercati azionari sono poco sviluppati. A questo problema si lega un secondo di pari importanza. In Italia non si è sviluppata una massa di piccoli azionisti che abbia premuto contro le istituzioni per agevolare le riforme. In altre Nazioni (USA, G. B., Germania) la dimensione delle imprese è tale che l ingente richiesta di capitali tende in modo naturale a far suddividere la base azionaria in una miriade di piccoli azionisti che hanno trovato tutela nella legislazione nazionale. In Italia non si è sentito il bisogno di una legislazione attenta a queste problematiche proprio perché il mercato era poco sviluppato e i piccoli azionisti erano poco presenti. Questa fondamentale carenza legislativa ha allontanato i piccoli risparmiatori da questo tipo di investimento ed ha portato con sé due conseguenze: 1) il sotto dimensionamento del nostro mercato; 2) la scarsa propensione alla quotazione. La seconda causa di sottosviluppo del mercato è la struttura industriale italiana. E risaputo che essa è caratterizzata da un elevato numero di medie e piccole imprese. Questo comporta, come naturale conseguenza, che in Italia il numero di società quotabili sia inferiore rispetto a quello di altre nazioni. Ciò spiega solo in parte la situazione di scarso sviluppo del nostro listino. E più importante, infatti, esaminare un altro dato, ossia la percentuale di società quotabili che sceglie la strada della quotazione. Questa analisi ci fa comprendere come in 13

14 Italia sia diffusa una scarsa propensione alla quotazione. Infatti, esaminando i dati si osserva che la percentuale di società quotate sul totale delle società quotabili è, in Italia, inferiore rispetto a quella degli altri Paesi europei (tab. 4). Si ritorna perciò alla scarsa attrazione che il nostro listino ha avuto, per tanti anni, verso le imprese italiane. Questa deduzione ci fa capire come non sia stata la struttura industriale italiana ad aver limitato l espansione della nostra Borsa, ma un freno decisivo è venuto dai problemi legislativi che hanno limitato lo sviluppo del mercato, allontanando i piccoli azionisti, e riducendo, quindi, l attrattiva della quotazione per le imprese. L ultima probabile causa che ha rallentato la crescita del mercato azionario italiano è legata all ambito fiscale. I problemi ad esso collegati sono molteplici. Ad esempio la disciplina tributaria ha subito nel corso degli anni così tante variazioni che l instabilità ha portato nocumento al mercato. Inoltre tali provvedimenti erano tutti sfavorevoli al mercato e solo dagli anni settanta si è cercato di uniformare la nostra disciplina a quella delle altre nazioni industrializzate. Per quello che riguarda le altre disposizioni in campo economico - fiscale si può affermare che la situazione italiana sia stata simile a quella degli altri Paesi europei. Ad esempio in tutti i Paesi europei l indebitamento e l autofinanziamento sono sempre stati favoriti rispetto all emissione di nuove azioni. In Italia si può solo sottolineare come tale scelta sia stata ancora più radicale dando enormi vantaggi fiscali all indebitamento. Si può affermare che certamente il vantaggio fiscale del debito sull emissione di azioni ha contribuito a rendere poco attraente il mercato di Borsa italiano, ma questa caratteristica non è peculiare del mercato italiano. Certamente però si cadrebbe in errore se si considerasse tale ostacolo il più importante fra quelli menzionati. Infatti, la causa principale che ha limitato l espansione del nostro mercato è stata sicuramente la scarsa protezione dei piccoli azionisti. La loro scarsa fiducia verso questa forma di investimento ha creato i presupposti per la lunga fase di sotto dimensionamento del nostro mercato azionario che, ancora oggi, è un mercato di secondo piano nello scenario internazionale. 14

15 FIG. 1 Indice di corso secco reale delle azioni italiane (1905=100) FIG. 2 Numero di società quotate alla Borsa di Milano Rendimento reale senza dividendi Rendimento reale con i dividendi Differenza dovuta ai dividendi Peso dividendi sul rendim. reale totale Danimarca ,6 4,9 4,2 86,9 Germania ,2 4,8 3,6 74,9 Svezia ,3 7,1 3,8 53,7 Regno Unito ,0 8,2 5,2 63,4 U.S.A ,4 8,2 4,8 58,9 U.S.A ,4 6,6 4,2 63,6 Svizzera ,1 5,6 3,5 61,9 Italia ,9 3,3 4,2 127,3 Italia ,2 3,5 3,7 104,7 TAB. 1 Dividendi e rendimenti di lungo periodo delle azioni 15

16 U.S.A Regno Unito Germania Francia Italia ,36 4,38 6,90 3,24 0, ,93 7,45 8,73 6,84 3, ,00-1,03-2,43-5,04-10, ,66 13,30 25,22 17,35 18, ,51 4,43 4,07 0,59-0, ,57-2,6-2,21 0,05-10, ,98 15,69 15,16 15,81 10,38 TAB. 2 Rendimenti reali delle azioni nel ventesimo secolo FIG. 3 Indici di rendimento totale reale. Azioni e titoli di stato (1905=100) FIG. 4 Saldo cumulato fra aumenti di capitale e dividendi (in miliardi di lire 1998) 16

17 Azioni Obbligazioni Debito Quota dell autofinanziamento sul totale delle fonti Italia 17,4 5,0 77,6 41,2 Francia 13,6 7,7 78,7 45,4 Germania 3,5 0,8 95,7 40,7 Regno Unito 10,7 5,0 86,3 64, Italia 25,9 4,3 69,8 54,9 Francia 25,1 6,1 68,8 39,5 Germania 5,7 3,2 91,1 52,7 Regno Unito 28,6 3,5 67,9 62, Italia 30,6-1,4 70,7 64,4 Francia 36,8 6,7 56,5 56,0 Germania 7,5 21,4 71,1 n.d. Regno Unito 41,2 15,7 43,1 23,5 TAB. 3 Composizione delle fonti finanziarie esterne di imprese non finanziarie. Numero di addetti Italia 0,49 1,53 1,97 7,91 25,51 Francia 1,35 3,18 6,82 14,46 41,67 Germania 0.56 n.d Regno Unito 2,09 5,29 10,95 23,37 75,77 Anni sessanta Italia ,79 1,90 4,13 n.d. 29,73 Francia ,66 7,97 14,96 n.d 85,20 Germania ,72 3,03 5,23 n.d 27,87 Tab. 4 Società quotate in percentuale delle imprese esistenti per classi di addetti Fonte dei dati Cento anni di borsa in Italia. Autore: Giovanni Siciliano. Il Mulino 17

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati L Evoluzione del Listino: società e titoli quotati Nel biennio 1997-98 la Borsa italiana ha compiuto importanti progressi, in termini sia di dimensione complessiva che di livello qualitativo del listino.

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928: COMMENTO

LA BORSA ITALIANA DAL 1928: COMMENTO LA BORSA ITALIANA DAL 1928: COMMENTO L indice della borsa Italiana dal gennaio 1928 al dicembre 2004 esprime, nella versione a corsi secchi, ossia senza il reinvestimento dei dividendi, un rendimento nominale

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita

L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita 04-09-2015 Numero 15-12 NOTA DAL CSC L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita La crescita mondiale è molto più lenta del passato e delle attese.

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011

L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011 Approfondimento annuale numero 1/12 L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011 Introduzione Nel 2011 il contributo del settore primario al valore aggiunto nazionale è stato del 2%, mentre quello

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli