Investire sul capitale umano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire sul capitale umano"

Transcript

1 Investire sul capitale umano Esempi di welfare aziendale Il tema del welfare aziendale è al centro del dibattito politico e culturale o dierno in termini di criticità e di possibili sviluppi Ad una prima macroscopica analisi del contesto italiano emerge un quadro così struttura to: continua diminuzione delle risorse destinate ai servizi e al welfare pubblico contrapposta ad un esponenziale aumento dei bisogni della popolazione Continui tagli alla spesa pubblica in un momento caratterizzato dalla crescita della domanda sociale Consistente aumento del tasso di invecchiamento demografico Una reazione a questo stato di cose è rappresentata dalle iniziative di welfare aziendale che, sia sotto forma di interventi di natura monetaria sia di servizi integrativi al welfare pubblico, concorrono a diffondere un idea diversa e più flessibile di welfare, basata sull integrazione sussidiaria alle esigenze di varia natura dei lavoratori Risorse wwwambrosettieu Autore Articolo: Simona Rossi Ricercatrice di OSR Il rapporto Costruire valore investendo sul capitale umano della Fondazione Ambrosetti 1 affronta, in uno dei tre capitoli di cui si compone, il tema delle iniziative di welfare in termini di investimento in grado di incidere in maniera positiva sulla Human Value Chain (catena di creazione del valore delle risorse umane) attraverso l analisi di 5 best practices italiane: Luxottica, Bracco, Tironi, Lindt Italia e Gruppo Loccioni La prospettiva adottata è quella di iniziative di welfare come forma di investimento sostenibile ed economicamente vantaggioso sia per la crescita dell organizzazione, e quindi del business, che per il lavoratore, vero stakeholder aziendale e insieme soggetto sociale Tutti i casi trattati, primo fra tutti Luxottica per via del suo carattere di apripista nel panorama delle iniziative di secondo welfare, dimostrano come una maggiore attenzione verso la persona e i suoi effettivi bisogni sia un elemento decisivo di benessere e di coesione sociale, al contempo in grado di portare al raggiungimento di uno scambio virtuoso definibile in termini di nuovo patto tra capitale e lavoro La presenza della componente sindacale, anche se caratterizza solo alcuni dei casi presi in esame, rivela una comunione di vedute tra azienda e parti sociali sulla necessità di raggiungere una sintesi efficace tra cultura d'impresa e orientamento verso la comunità, in particolare quella dei giovani, da ottenere grazie a una visione evoluta e dinamica delle risorse umane intese come patrimonio culturale per l'azienda Tale comunione di vedute si sostanzia in uno sforzo volto a fornire strumenti e iniziative in grado di migliorare la qualità della vita dei dipendenti e innescare un circolo virtuoso capace di indurre chi lavora in azienda ad impegnarsi attivamente nell elevare gli standard qualitativi ed organizzativi La presenza della componente bilaterale in attività di promozione di aspetti 1 La ricerca tratta il tema del valore del capitale intangibile Realizzata con il contributo di Ranstad Italia ed Endered Italia, è stata presentata in occasione del Workshop Risorse Umane 2012, organizzato da The European House Ambrosetti, dal titolo Gestire i nuovi dilemmi per creare valore in azienda (Cernobbio, 16 ottobre) 2013 Officine Sviluppo e Ricerca - All right reserved Pagina 1

2 che vanno al di là della dimensione economica della produttività aziendale è quindi sintomo dell approdare ad una concezione di investimento culturale tattico, ovvero come fattore strategico di posizionamento e differenziazione dell impresa nello scenario globale Una maggiore partecipazione e un dialogo più concreto tra imprese, sindacati e lavoratori risulta essere inoltre l unico rimedio per uscire dalla crisi che caratterizza questo periodo congiunturale e che tarda a trovare una via di risoluzione Nello specifico soltanto i casi Luxottica e Lindt Italia risultano essere nati con accordo sindacale e quindi caratterizzati da un sistema di governance bilaterale; i restanti tre non rientrano nel welfare aziendale proprio ma mettono in atto un insieme di iniziative e interventi aziendali di conciliazi one vita-lavoro realizzati a discrezione del management Più in generale quello che emerge dall analisi è che i progetti di welfare aziendale presi in esame, sia quelli nati dall intuizione di un imprenditore illuminato e attento ai bisogni dei propri dipendenti che quelli nati da un incontro di successo tra proprietà e sindacati, sono l approdo di processi già consolidati precedentemente Si tratta quindi di una messa a sistema e di un perfezionamento di un regime di aiuti preesistente, e della volontà di alimentare e rafforzare la cultura di impresa attraverso la fidelizzazione Permettendo la conciliazione dei tempi di lavoro e di vita, e offrendo ai dipendenti una base comune di agevolazioni in grado di plasmarsi sulle esigenze di ciascuno l azienda va incontro ai bisogni di produttività sia aziendale che dei propri dipendenti affiancandosi alle politiche sociali pubbliche, integrandole Naturalmente, le azioni di welfare aziendale necessitano di soluzioni studiate sulla base delle reali esigenze dei dipendenti Vanno quindi evitate soluzioni preconfezionate e calate dall alto, mettendo invece in atto strategie bottom-up sviluppate cioè a partire dall esperienza quotidiana e tarate sulla specificità dei bisogni Per tradurre tutto questo in realtà è necessaria una conoscenza approfondita del proprio organico da parte dell azienda, solo così sono possibili vantaggi tangibili sia per i lavoratori (relativi al potere d acquisto e al benessere economico) che per i datori di lavoro (sia fiscali-economici nello stipulare con terzi accordi collettivi con possibilità di ricadute in termini di fidelizzazione dei dipendenti e conseguente abbassamento del turn over e dei relativi costi) Ad oggi la vera sfida è anche quella delle piccole dimensioni, fare cioè in modo che il welfare aziendale attecchisca anche nella piccola impresa nonostante risorse e strumenti organizzativi quali-quantitativamente più limitati Luxottica 2 L accordo Luxottica, di cui si rileva traccia all interno di tutti i portali delle parti sociali oltre che delle testate giornalistiche nazionali, viene firmato nel 2009 con i sindacati confederali Cgil-Cisl-Uil Si tratta di un e 2 Azienda italiana fondata nel 1961 che produce e commercializza occhiali caratterizzata da un integrazione verticale di progettazione-produzione-distribuzione che rende il suo modello di business unico nel settore wwwluxotticacom 2013 Officine Sviluppo e Ricerca - All right reserved Pagina 2

3 sempio di welfare di nuova concezione, all avanguardia, almeno in Italia L accordo prevede una serie di incentivi non monetari tra cui la nascita di una Cassa Sanitaria aziendale 3 ad hoc per operai e impiegati alle dipendenze del gruppo, novità assoluta questa dal momento che finora unici beneficiari di iniziative simili erano stati dirigenti e quadri Gli incentivi comprendono anche il carrello della spesa, un paniere di beni alimentari di prima necessità donati a ciascun dipendente del valore di 110 euro distribuito tramite accordi con cooperative locali a tutti gli operai ed impiegati con contratto a tempo determinato, indeterminato, di somministrazione e stage degli stabilimenti produttivi A questo si aggiungono borse di studio e rimborso libri di testo per i figli dei dipende nti e per i dipendenti che studiano Il modello di welfare Luxottica, che si caratterizza quindi per la capacità di intercettare i bisogni quotidiani non solo dei lavoratori ma anche dei loro familiari in un ottica di scambio virtuoso azienda-dipendenti, ha fatto scuola ed è stato replicato sia all interno di alcuni contratti nazionali di lavoro (metalmeccanici e settore chimico in riferimento all ambito assistenziale socio-sanitario) che nel caso di singole aziende, seppur di più ridotte dimensioni Bracco 4 Il gruppo farmaceutico Bracco si è visto riconoscere nel 2009 il premio FamigliaLavoro 5 per il miglior programma dedicato ai figli e ai familiari a nziani dei dipendenti (progetto Welcome Welfare to Work ) L iniziativa, che si inserisce all interno di quelle a sostegno del Welfare Aziendale, non rientra però in un sistema di governance bilaterale e per questo motivo è possibile trovarne traccia, oltre che sul portale del Gruppo, unicamente sui portali di testate giornalistiche locali (come quelle della regione Lombardia) e in un paio di articoli secondari su testate di parte CISL In un ottica di conciliazione tra vita lavorativa e familiare le misure di Welfare messe in campo vanno dall assistenza socio sanitaria alla flessibilità dell orario di lavoro per chi deve ancora sostenere ritmi di studio e prove d esame, dalla creazione di servizi di supporto per la cura dei figli ai voucher badanti, da servizi innovativi come il take away alla mensa aziendale per tornare a casa con la cena pronta al servizio di lavanderia interno La critica che però viene mossa da più parti alle misure adottate dalla Bracco è quella di essere alla portata di pochi, quei pochi che l'azienda non ha licenziato o mandato in cassa integrazione 6 3 La Cassa, destinata ai dipendenti degli stabilimenti e dell ufficio di Milano assunti a tempo indeterminato (non per volontà dell azienda ma per requisiti di legge) e ai loro familiari, copre le spese sostenute per le prestazioni odontoiatriche, le visite specialistiche, gli esami di alta diagnostica e i grandi interventi Per ciascuna di queste tipologie i massimali di spesa sono stati concordati al tavolo delle trattative Nel ricordare come la manodopera femminile sia circa il 60% dei dipendenti Luxottica, per la maternità è previsto un ulteriore contributo di circa 3 50 euro L'accordo, inizialmente pensato per durare un anno, è oggi diventato sistema 4 Gruppo multinazionale operante nel settore della salute attraverso quattro Business Units: Imaging (diagnosti ca per immagini), Farma (farmaci etici e da banco), Acist (dispositivi medicali e sistemi avanzati di somministrazione di mezzi di contrasto basata a Minneapolis) e il CDI - Centro Diagnostico Italiano di Milano Ad oggi il Gruppo, presente in tutto il mondo, occupa oltre 2700 dipendenti, con un fatturato consolidato di oltre 1 miliardo di euro di cui circa il 65% sui mercati esteri wwwbraccocom 5 Gli altri progetti vincenti sono stati Wind, Codevintec, Telecom, Kraft e SERET 6 Nella storica sede lombarda difatti non si fa più produzione, visto che è stata data in conto terzi, il centro ricerca è stato trasferito ad Alessandria e 400 persone sono state licenziate 2013 Officine Sviluppo e Ricerca - All right reserved Pagina 3

4 Elettrodomestici Tironi 7 Con il progetto "Welfare Etm 2010" Elettromeccanica Tironi ha messo in campo nel 2009 un programma a sostegno dei propri dipendenti: un insieme di interventi di welfare aziendale per supportare il loro potere d'acquisto Il progetto offre ai dipendenti una base comune di agevolazioni per poi diventare, a seconda delle esigenze di ciascuno, qualcosa di più specifico I lavoratori possono infatti scegliere tra diverse opzioni come il programma di sostegno alla maternità, il servizio di assistenza socio sanitaria o i progetti di formazione e per il tempo libero Per ogni dipendente, incluso il suo nucleo familiare, è previsto un rimborso parziale delle spese sostenute Il progetto Etm è l'approdo di un processo già consolidato nel quale erano state costruite in favore dei dipendenti alcune convenzioni con laboratori di analisi, ambulatori medici, ottici e il cosiddetto "carrello della spesa", sulla scia di quanto realizzato da Luxottica Anche in questo caso il progetto non è frutto di accordo sindacale, pertanto nessuna menzione sui relativi portali Informa zioni in merito possono essere rintracciate, oltre che all interno del portale aziendale, unicamente su testate locali Lindt Italia 8 L accordo Lindt viene premiato durante la terza Fiera della contrattazione organizzata dalla Cisl Lombardia come uno fra gli accordi più innovativi del 2011 per la vastità dei temi toccati, in particolare l intreccio formazione-professionalità, il welfare e la gestione degli orari In particola re, l accordo punta sulla formazione professionale, una migliore gestione di part-time e flessibilità degli orari, un contributo di 150 euro mensili destinato a chi ha figli all asilo E ancora, corsi di italiano e possibilità di cumulare periodi di permesso per tornare in patria a favore dei lavoratori extracomunitari, e un premio di risultato legato a indicatori economici, conformità del prodotto e igiene Da notare è che l accordo è stato siglato da Confindustria, CGIL e CISL Manca quindi Uil che non risulta firmataria Essendo frutto di contrattazione con le Parti sociali, dell accordo si trova traccia sui relativi portali Gruppo Loccioni 9 Le iniziative di welfare aziendale messe in campo dal Gruppo Loccioni sono sostenute da una politica orientata verso le persone attraverso un modo nuovo di gestire i collaboratori, seguendoli cioè nel percorso aziendale, prima, durante e dopo l'assunzione Per il prima il Gruppo utilizza con successo da anni il Progetto Bluzone, vincitore nel 2003 della VII^ edizione del Premio Impresa e Cultura, vera e propria palestra formativa per dipendenti e giovani esterni al gruppo dove, accanto a tradizionali incontri formativi e progetti di integrazione 7 Impresa modenese attiva nel campo dei trasformatori elettrici wwwtironicom 8 Lindt & Sprüngli è riconosciuta come leader nel mercato del cioccolato di prima qualità Nata nel 1845, l azienda ha oggi sei siti produttivi in Europa, due negli Stati Uniti e di distribuzione e società di vendita in quattro continenti Dal 1986, le azioni di Chocoladefabriken Lindt & Sprüngli AG sono quotate alla borsa svizzera wwwlindtit 9 Azienda dell hi-tech, nasce nel 1968 e ad oggi si occupa dello sviluppo di soluzioni per la cura, la salute, la nutrizione e il benessere wwwloccionicom 2013 Officine Sviluppo e Ricerca - All right reserved Pagina 4

5 scuola-lavoro, viene lasciato spazio a formule capaci di stimolare inventiva e creatività, vero vantaggio competitivo per l'azienda Per il durante viene adottato un modello organizzativo orizzontale in grado di dare spazio all'iniziativa personale e all'intraimprenditorialità, propedeutica agli spin-off e start-up, attraverso il progetto "La Parnanza Mentre per il dopo, con il progetto Avvia l'impresa, il Gruppo accompagna coloro che lo desiderano in una fase di start-up imprenditoria le, offrendo strutture e servizi operativi-strategici gratuiti Anche in questo caso l iniziativa si colloca all interno di politiche messe in atto dal management senza la diretta partecipazione sindacale Dall analisi dei casi presentati può scaturire anche una riflessione di carattere metodologico sui criteri di lettura dei fabbisogni dei lavoratori e delle loro realtà imprenditoriali di riferimento Si tratta della necessità/urgenza di mettere in gioco strumenti di lettura dei fabbisogni in relazione più sensibili alle specificità dei singoli casi Parallelamente è essenziale che tali strumenti siano tesi a produrre non solo conoscenze utili ad arricchire la produzione teorica sulle diverse problematiche indaga te, ma anche soluzioni che abbiano un valore di diagnosi e guida per le realtà investite da quelle specifiche problematiche Non basta cioè acquisire conoscenze Il momento diagnostico resta importante, come puntualizzato prima, ma non può essere fine a sé stesso, pena l impossibilità di passare dal livello teorico della diagnosi a quello pragmatico della cura È necessario quindi che tali conoscenze incorporino un valore strumentale, ovvero di guida, per imprese e lavoratori Simona Rossi 2013 Officine Sviluppo e Ricerca - All right reserved Pagina 5

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

concrete per i del settore

concrete per i del settore le TUTELE concrete per i LAVORATORI del settore ARTIGIANATO Contributi per i lavoratori previsti da e.l.b.a. Cassa integrazione disoccupazione Aiuti familiari Formazione Contratti salario Sicurezza sul

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

IL WELFARE DEL FUTURO: QUALI PROSPETTIVE PER IL WELFARE AZIENDALE IN ITALIA?

IL WELFARE DEL FUTURO: QUALI PROSPETTIVE PER IL WELFARE AZIENDALE IN ITALIA? IL WELFARE DEL FUTURO: QUALI PROSPETTIVE PER IL WELFARE AZIENDALE IN ITALIA? Convegno MetLife Roma, 16 ottobre 2012 Milano, 18 ottobre 2012 Franca Maino e Giulia Mallone Dipartimento di Scienze Sociali

Dettagli

le linee guida per la politica scientifica e tecnologica del Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002;

le linee guida per la politica scientifica e tecnologica del Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002; PROTOCOLLO D INTESA Tra Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali La Confindustria Federazione Imprese Tessili e Moda Italiane Le Confederazioni

Dettagli

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende Regione Lombardia Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende 1 Premessa In un contesto che cambia a livello globale,

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Sfide per le imprese in un contesto di crisi: valorizzare il capitale umano e intellettuale, fattore chiave di successo competitivo

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

LUXOTTICA: rinnovato l Accordo Sindacale per il Sistema Welfare aziendale

LUXOTTICA: rinnovato l Accordo Sindacale per il Sistema Welfare aziendale Comunicato stampa LUXOTTICA: rinnovato l Accordo Sindacale per il Sistema Welfare aziendale Il Sistema Welfare Luxottica, istituito con il Protocollo di Intesa del 2009, evolve naturalmente nel nuovo accordo,

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli Studi di Milano Laboratorio

Dettagli

Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato 1 Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato 2 Metodologia e campione Lo studio è stato realizzato in due fasi. A. STUDIO QUALITATIVO

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

L'inclusione del mondo del lavoro: un'opportunità di sviluppo

L'inclusione del mondo del lavoro: un'opportunità di sviluppo L'inclusione del mondo del lavoro: un'opportunità di sviluppo Oltre l'inclusione, verso la qualità di vita Auditorium Isfol-Roma, 27 maggio 2014 Silvia Stefanovichj Responsabile Disabilità CISL La disabilità

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

Relazione illustrativa del progetto o iniziativa

Relazione illustrativa del progetto o iniziativa CHIEDE ai sensi e per le finalità di cui alla Legge 136/2010 che tutti i pagamenti riguardanti il contributo assegnato per il sopra citato progetto, siano effettuati esclusivamente tramite lo strumento

Dettagli

I casi del progetto La.Fem.Me. Elementi per impostare una politica di supporto alle imprese ed al territorio

I casi del progetto La.Fem.Me. Elementi per impostare una politica di supporto alle imprese ed al territorio Work life balance ed innovazione organizzativa per aumentare la produttivita delle imprese Roma, 24 ottobre 2013 I casi del progetto La.Fem.Me. Elementi per impostare una politica di supporto alle imprese

Dettagli

Master di 1 livello in Conciliazione Famiglia & Lavoro REGOLAMENTO

Master di 1 livello in Conciliazione Famiglia & Lavoro REGOLAMENTO Master di 1 livello in Conciliazione Famiglia & Lavoro REGOLAMENTO Articolo 1 Istituzione È istituito presso l Università degli Studi Europea di Roma, in collaborazione con l Istituto di Studi Superiori

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Calzaturiero avviene in un momento non facile per l economia

Dettagli

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE Laura Mengoni Roma, 17 Luglio 2012 LA TRANSIZIONE SCUOLA LAVORO Contratto di apprendistato (d.lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Nome vecchio

Dettagli

La crisi economica e i riflessi sul lavoro e sulla famiglia

La crisi economica e i riflessi sul lavoro e sulla famiglia La crisi economica e i riflessi sul lavoro e sulla famiglia Giorgio Fiorentini Professore di Economia delle Imprese Sociali e delle Aziende Cooperative, Università L. Bocconi, Milano CRISI ECONOMICA E

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 1 Sostenibilità: centralità delle persone WA 2 Welfare aziendale: perché adesso? Valori

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

Con il patrocinio morale di:

Con il patrocinio morale di: dove siamo TReNo Dalla Stazione Termini, ogni ora (al 38 minuto) treno Roma Termini - Civitavecchia. Scendere alla stazione Roma Aurelia. Uscire dal sottopassaggio a via della Stazione Aurelia. A destra,

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

A.CRI.L.I.CO. Anti-CRIsis Learning for Integrated Competences. Percorso di Sviluppo per i dirigenti delle PMI finanziato da Fondirigenti

A.CRI.L.I.CO. Anti-CRIsis Learning for Integrated Competences. Percorso di Sviluppo per i dirigenti delle PMI finanziato da Fondirigenti A.CRI.L.I.CO. Anti-CRIsis Learning for Integrated Competences Percorso di Sviluppo per i dirigenti delle PMI finanziato da Fondirigenti Avviso 1/09 Fondirigenti Fondirigenti, il Fondo di emanazione Confindustria

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Finanza straordinaria & Strategie aziendali

Finanza straordinaria & Strategie aziendali FINSTRATEGY.AVI srl Via Campania, 86-63039 San Benedetto del Tronto (AP) Tel. e Fax 0735 783020 3387417429 E-mail: finstrategy@tin.it Web: www.finstrategy.it Mettiamo in pratica idee di valore FinStrategy.Avi

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

UniSalute per l Azienda

UniSalute per l Azienda UniSalute per l Azienda Tanti vantaggi per tutti i soggetti attivi nel mondo del lavoro ESTRATTO DELLA NORMATIVA FISCALE PIANO SANITARIO STIPULATO CON ADESIONE AD UNA CASSA SANITARIA Lo strumento della

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

SAS 4 you progetto Flex Ben

SAS 4 you progetto Flex Ben SAS INSTITUTE SRL Presenta SAS 4 you progetto Flex Ben Referente/Responsabile Progetto: Elena Panzera Titolare Direzione Risorse Umane: Elena Panzera Arco temporale di sviluppo del progetto: da 1 gennaio

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Chi è Assidai Assidai è un fondo no-profit che fornisce servizi sanitari integrativi, dal carattere innovativo,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

People Care e Welfare Aziendale: una leva competitiva

People Care e Welfare Aziendale: una leva competitiva RWA RWA Consulnting People Care e Welfare Aziendale: una leva competitiva welfare aziendale. Il trattamento fiscale agevolato delle iniziative di welfare: un catalogo di opportunità. Welfa-RE - 21 gennaio

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Politiche Attive del Lavoro contrattarle nella crisi

Politiche Attive del Lavoro contrattarle nella crisi Politiche Attive del Lavoro contrattarle nella crisi Sesto San Giovanni, 23 marzo 2012 Responsabile Dip.MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Katiuscia Calabretta 1 Politiche attive del lavoro Cosa sono?

Dettagli

Caratteristiche e potenzialità del secondo welfare

Caratteristiche e potenzialità del secondo welfare Caratteristiche e potenzialità del secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Seminario promosso

Dettagli

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane Protezione per l azienda Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane LE MIGLIORI SOLUZIONI PER PROTEGGERE LE RISORSE UMANE Il successo di ogni organizzazione si basa sul benessere e l energia

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2013

BILANCIO SOCIALE 2013 BILANCIO SOCIALE 2013 Abstract Premessa Il Bilancio Sociale 2013 rappresenta lo strumento principale attraverso il quale l'inps, in un'ottica di piena trasparenza, dà conto delle proprie attività ai cittadini,

Dettagli

WORKSHOP ASSOLOMBARDA-ASSTEL 19 luglio 2007. Il valore del Call Center per l innovazione e la competitività del mercato: UN OPPORTUNITA PER IL FUTURO

WORKSHOP ASSOLOMBARDA-ASSTEL 19 luglio 2007. Il valore del Call Center per l innovazione e la competitività del mercato: UN OPPORTUNITA PER IL FUTURO WORKSHOP ASSOLOMBARDA-ASSTEL 19 luglio 2007 Il valore del Call Center per l innovazione e la competitività del mercato: UN OPPORTUNITA PER IL FUTURO Intervento Raffaele Nardacchione - ASSTEL Innanzitutto

Dettagli

LONG TERM CARE, SICUREZZA, WORK LIFE BALANCE: SVILUPPO DI POLITICHE DI EFFICIENTAMENTO E MOTIVAZIONE DEL PERSONALE

LONG TERM CARE, SICUREZZA, WORK LIFE BALANCE: SVILUPPO DI POLITICHE DI EFFICIENTAMENTO E MOTIVAZIONE DEL PERSONALE Sessione Parallela D seconda parte WELFARE AZIENDALE LONG TERM CARE, SICUREZZA, WORK LIFE BALANCE: SVILUPPO DI POLITICHE DI EFFICIENTAMENTO E MOTIVAZIONE DEL PERSONALE Convegno HR 2012 Roma, 17 aprile

Dettagli

bonprix it s me! Capitale intangibile La Responsabilità Sociale Esperienze di Welfare aziendale in bonprix Italia Antonella Pella

bonprix it s me! Capitale intangibile La Responsabilità Sociale Esperienze di Welfare aziendale in bonprix Italia Antonella Pella bonprix it s me! Capitale intangibile La Responsabilità Sociale Esperienze di Welfare aziendale in bonprix Italia Antonella Pella Biella, 22/05/2012 Il Gruppo Otto: leader mondiale in prodotti di tendenza

Dettagli

Lo stato della CSR in Europa e in Italia. Le iniziative della Fondazione I-CSR

Lo stato della CSR in Europa e in Italia. Le iniziative della Fondazione I-CSR Fondazione per la Diffusione della Responsabilità Sociale delle Imprese Lo stato della CSR in Europa e in Italia Le iniziative della Fondazione I-CSR Venezia, 29 gennaio 2010 Luciano Polazzo luciano.polazzo@i-csr.it

Dettagli

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012 WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE Mario Molteni 22 maggio 2012 1 Welfare aziendale, al cuore della CSR PROFIT Equitable Sustainable Bearable Viable PLANET PEOPLE CULTURA ed ENGAGEMENT

Dettagli

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI 22 25 MILIONI DI EURO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E I LAVORATORI IN DIFFICOLTà PERCHÉ L INTERVENTO Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con

Dettagli

Cosa cambia per i precari?

Cosa cambia per i precari? Il protocollo sul welfare Cosa cambia per i precari? a cura di http:// precaridellaricerca@gmail.com Cosa e quando Il 23 luglio del 2007 il governo ha firmato insieme a sindacati confederali, Confindustria

Dettagli

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia 1. IL WELFARE AZIENDALE 1.1. Cos è il Welfare aziendale Per welfare aziendale

Dettagli

GIOVANI IMPRESE LAVORO. Guida alle iniziative della Camera di Commercio di Terni

GIOVANI IMPRESE LAVORO. Guida alle iniziative della Camera di Commercio di Terni GIOVANI IMPRESE LAVORO Guida alle iniziative della Camera di Commercio di Terni lo sai che... La Camera di Commercio organizza corsi per promuovere la cultura d impresa tra gli studenti e promuove tirocini

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O.

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. I ncontri idee&fatti 30 marzo 2015 anno V WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche adottano i Flexible Benefits n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

L occasione welfare aziendale

L occasione welfare aziendale L occasione welfare aziendale Più Azienda meno Stato UNA POSSIBILE ALLEANZA TRA IMPRESE E OPERE SOCIALI Perché le aziende possono pensare e realizzare piani di welfare aziendale Per dare ai propri dipendenti

Dettagli

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale.

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale. LA RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE: IL DOCUMENTO SULLE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE SOTTOSCRITTO DA CISL, UIL E CONFINDUSTRIA La riforma del modello contrattuale La

Dettagli

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index Iniziative di Welfare per i dipendenti Index Storia Nel 1948, a Milano, Valerio Gilli fonda Inaz Un azienda familiare, oggi condotta da Linda Gilli Una storia di innovazione continua dedicata ai professionisti

Dettagli

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014 Il welfare aziendale Roma 19 maggio 2014 Agenda Contenuti Cos è il welfare aziendale Le opportunità del welfare aziendale Implementazione di un piano di welfare aziendale Profili giuslavoristici Come finanziare

Dettagli

Convegno Assoprevidenza I servizi per gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie. Relatore Francesco Rimoldi- Europ Assistance Italia

Convegno Assoprevidenza I servizi per gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie. Relatore Francesco Rimoldi- Europ Assistance Italia Convegno Assoprevidenza I servizi per gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie Relatore Francesco Rimoldi- Europ Assistance Italia Roma, 17 Ottobre 2012 Il nuovo posizionamento di Europ Assistance

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CRISI ECONOMICA E WELFARE AZIENDALE

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CRISI ECONOMICA E WELFARE AZIENDALE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CRISI ECONOMICA E WELFARE AZIENDALE Giorgio Fiorentini-università Bocconi Giorgio.fiorentini@unibocconi.it 2 Tre i modelli della

Dettagli

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari Roma, 15 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY LE FASI DEL PROGETTO

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Giornata

Dettagli

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Opzioni: Manutenzione mezzi di trasporto Apparati, impianti e servizi tecnici, industriali e civili QUALIFICHE OPERATORE

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP AVVISO START MILANO DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 INDICE 1. FINALITA DELL INTERVENTO 2. AMBITI DI INTERVENTO 3 DOTAZIONE FINANZIARIA 4. MISURA : SUPPORTO ALLA CREAZIONE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

Il welfare aziendale in Italia

Il welfare aziendale in Italia Il welfare aziendale in Italia Alcuni spunti dal primo rapporto sul Secondo welfare in Italia In quale quadro si inseriscono le misure regionali lombarde in ordine allo sviluppo del welfare aziendale e

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI Prodest Progetto di Espressione e Sviluppo Territoriale soc. coop. a r.l. Via Milano, 14 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331-324948 Fax 0331-625798

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Centro Risorse Donne. Monastero S. Maria del Lavello Via dei Padri Serviti, 1 Calolziocorte (LC)

Centro Risorse Donne. Monastero S. Maria del Lavello Via dei Padri Serviti, 1 Calolziocorte (LC) Centro Risorse Donne Monastero S. Maria del Lavello Via dei Padri Serviti, 1 Calolziocorte (LC) Il Centro Risorse Donne : come nasce Nasce nell anno 2004 grazie ai finanziamenti europei del Progetto NCE,

Dettagli

C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore

C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore Il gioco pubblico (fonte AGIPRONEWS), registra l ennesimo record di incassi attestandosi per il 2010 ad una chiusura di 61 miliardi di

Dettagli

Piattaforma Feneal - Filca - Fillea CCNL CEMENTO, CALCE e GESSO INDUSTRIA

Piattaforma Feneal - Filca - Fillea CCNL CEMENTO, CALCE e GESSO INDUSTRIA Piattaforma Feneal - Filca - Fillea CCNL CEMENTO, CALCE e GESSO INDUSTRIA Vigenza contrattuale 01/01/2016 31/12/2018 Roma 17 giugno 2015 Premessa Il rinnovo del CCNL, si colloca all interno di un quadro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Politiche del lavoro: la formazione continua

Politiche del lavoro: la formazione continua Politiche del lavoro: lavoro la formazione continua Uno dei capitoli di maggiore condivisione tra le Organizzazioni sindacali di Pietro Nocera Responsabile Comunicazione UILCA Gruppo UBI Banca Sono trascorsi

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli