GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 0 GUIDA AGLI AFFARI ALBANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 0 GUIDA AGLI AFFARI ALBANIA"

Transcript

1 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 0 GUIDA AGLI AFFARI in ALBANIA

2 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 1 Informazioni generali ALBANIA Superficie km2 Popolazione 3,170 milioni ab. (1 gennaio 2008) Religione Musulmana (70%); Greco-ortodossa (20%); Cattolica (10%) Forma istituzionale Repubblica parlamentare Capitale Tirana Principali città Durazzo (Durrës), Valona (Vlorë), Scutari (Shkodër) Suddivisione amministrativa 12 Prefetture (qarke) Moneta Lek (ALL) PIL pro capite (stima 2009) USD Rischio paese Coface C (min A1-max D) Export dell Italia (2009) 826 mln Import dell Italia (2009) 458 mln Fuso orario: nessuna differenza oraria con l'italia. Lingue: albanese. Diffusa la conoscenza di italiano e inglese. Passaporto/carta d'identità valida per l'espatrio: è necessario viaggiare con uno dei due documenti che abbia una scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall Albania. Per i cittadini UE non è necessario il visto d'ingresso. Si rammenta tuttavia che la normativa albanese sul soggiorno degli stranieri prevede che non si possa soggiornare nel Paese per un periodo superiore a 90 giorni nell'arco di 6 mesi. Chi deve trattenersi per un periodo superiore deve pertanto chiedere un permesso di soggiorno alle competenti Autorità albanesi. Coloro che non ottemperano a tale obbligo rischiano di vedersi rifiutato il diritto di ingresso in Albania (o di essere espulsi dal Paese, con conseguente divieto di reingresso, nel caso in cui si trovino già in Albania e superino i 90 giorni consentiti nel semestre). Formalità valutarie e doganali: non è permesso uscire dal Paese portando con sé somme che eccedano i Dollari USA o il loro controvalore. Per l'assicurazione dei veicoli non è valida la carta verde italiana; all'ingresso nel Paese, direttamente alla frontiera terrestre o marittima, è necessario stipulare una assicurazione temporanea con una compagnia albanese il cui costo medio, per una autovettura per 15 giorni, è di circa 50 Euro.

3 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 2 SOMMARIO 1. INVESTIMENTI STRANIERI PAG SETTORI DI INVESTIMENTO L'INVESTIMENTO STRANIERO È CONSENTITO IN TUTTI I SETTORI AUTORITÀ COMPETENTI AD AUTORIZZARE GLI INVESTIMENTI STRANIERI SPECIALI AUTORIZZAZIONI 1.2. REGIMI AGEVOLATIVI LEGGI CHE AGEVOLANO GLI INVESTIMENTI STRANIERI REGIME AGEVOLATIVO 1.3. TUTELA DEGLI INVESTIMENTI LEGGI CHE REGOLAMENTANO GLI INVESTIMENTI STRANIERI AGENZIA NAZIONALE PER LA PROMOZIONE DEGLI INVESTIMENTI STRANIERI 1.4. PARTECIPAZIONE AGLI INVESTIMENTI PARTECIPAZIONE AGLI INVESTIMENTI DELL INVESTITORE STRANIERO L'INVESTITORE STRANIERO PUÒ POSSEDERE IL CONTROLLO DI MAGGIORANZA DELL'INVESTIMENTO LA PARTECIPAZIONE PUÒ RIMANERE STRANIERA A TEMPO INDETERMINATO NAZIONALIZZAZIONE DEGLI INVESTIMENTI 1.5. CONTENZIOSI E ARBITRATI CONTENZIOSO DERIVANTE DA INADEMPIMENTO CONTRATTUALE L APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO CONTROVERSIE DEMANDATE A GIUDICI ORDINARI DI UNO STATO STRANIERO CONTROVERSIE DEMANDATE AD UN ARBITRATO CONVENZIONI INTERNAZIONALI SUL RICONOSCIMENTO DELLE SENTENZE ARBITRALI 1.6. SISTEMA GIUDIZIARIO L ORDINAMENTO GIUDIZIARIO NEL PAESE SISTEMA GIURIDICO GLI AVVOCATI STRANIERI CONVENZIONE BILATERALE PER L ASSISTENZA GIUDIZIARIA 1.7. PRIVATIZZAZIONI REGIME DELLE PRIVATIZZAZIONI AUTORITÀ COMPETENTI IN MATERIA DI PRIVATIZZAZIONE 1.8. REGIME DELLA PROPRIETA QUAL È IL REGIME DELLA PROPRIETÀ

4 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 3 2. SOCIETÀ E CONTRATTI PAG SOCIETA FORME GIURIDICHE FORME GIURIDICHE 2.2. SOCIETA COSTITUZIONE MODALITÀ DI REGISTRAZIONE 2.3. SOCIETA DI CAPITALE SOTTOSCRIZIONE DELLE QUOTE DI UNA SOCIETÀ DI CAPITALE MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CAPITALE IN DENARO VENDITA O TRASFERIMENTO QUOTE A/DA ALTRE SOCIETÀ RIPARTIZIONE UTILI 2.4. BILANCIO E LIBRI CONTABILI PRINCIPALI OBBLIGHI IN MERITO ALLA FORMAZIONE DEL BILANCIO E ALLA TENUTA DEI REGISTRI E DEI LIBRI CONTABILI SCADENZE PRESENTAZIONE BILANCIO 2.5. AMMINISTRATORI LO STRANIERO MEMBRO DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE LO STRANIERO MEMBRO DEL COLLEGIO SINDACALE O REVISORE DEI CONTI 2.6. BORSA VALORI BORSA VALORI 2.7. AUTORITA ANTITRUST AUTORITÀ GARANTI DELLA CONCORRENZA 2.8. CONTRATTI CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI CONTRATTI DI VENDITA INTERNAZIONALE DI MERCI RESPONSABILITÀ PER DANNI DA PRODOTTI DIFETTOSI CONTRATTO DI FRANCHISING CONTRATTO DI MEDIAZIONE 2.9. CONTRATTO DI AGENZIA IL CONTRATTO DI AGENZIA L AGENTE COMMERCIALE LA COMMISSIONE A UN AGENTE COMMERCIALE MARCHI REGOLAMENTAZIONE CHE DISCIPLINA I MARCHI SOGGETTI CHE POSSONO RICHIEDERE LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO TIPI DI MARCHI CHE POSSONO ESSERE REGISTRATI ORGANISMO DOVE VENGONO REGISTRATI I MARCHI SI

5 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA ACCORDI INTERNAZIONALI SULLA PROTEZIONE DEI MARCHI BREVETTI REGOLAMENTAZIONE CHE DISCIPLINA I BREVETTI SOGGETTI CHE POSSONO RICHIEDERE LA REGISTRAZIONE DI UN BREVETTO DIRITTI DI PROPRIETÀ INDUSTRIALE CHE POSSONO ESSERE BREVETTATI E I REQUISITI PER OTTENERE LA REGISTRAZIONE ORGANISMO DOVE VENGONO REGISTRATI I BREVETTI CONVENZIONI INTERNAZIONALI SUI BREVETTI 3. REGIMI DI IMPORT-EXPORT E DEI FLUSSI FINANZIARI PAG REGIME DI IMPORT-EXPORT CLASSIFICAZIONE DOGANALE DELLE MERCI IL REGIME DOGANALE : FRANCHIGIE O RIDUZIONI DEI DAZI O DELLE IMPOSTE A FAVORE DI PARTICOLARI PRODOTTI CONTINGENTAMENTI, DIVIETI, RESTRIZIONI ALL IMPORTAZIONE O MISURE DI EFFETTO EQUIVALENTE REGIME PER LA TEMPORANEA ESPORTAZIONE 3.2. AREE COMMERCIALMENTE STRATEGICHE ZONE CHE OFFRONO INCENTIVI, TRATTAMENTI PREFERENZIALI ED AGEVOLAZIONI FISCALI E DOGANALI 3.3. DOGANE AUTORITÀ DOGANALI COMPETENTI DOCUMENTAZIONE RICHIESTA DALLE PROCEDURE DOGANALI CONTROLLI DEI REQUISITI TECNICI DEI PRODOTTI DI IMPORTAZIONE IMBALLAGGIO ED ETICHETTATURA DELLE MERCI 3.4. ACCORDI COMMERCIALI CONVENZIONE PER EVITARE LA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE CON L'ITALIA CONVENZIONE BILATERALE PER LA PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI ALTRI ACCORDI DI CARATTERE ECONOMICO E COMMERCIALE SOTTOSCRITTI CON L ITALIA PRINCIPALI ACCORDI DI CARATTERE ECONOMICO E COMMERCIALE SOTTOSCRITTI CON L UNIONE EUROPEA ALTRI PAESI O AREE GEOGRAFICHE CON I QUALI IL PAESE POSSIEDE ACCORDI PREFERENZIALI DI COMMERCIO 3.5. FLUSSI FINANZIARI REGIME DI IMPORTAZIONE DEI CAPITALI E DELLE RISORSE FINANZIARIE NECESSARIE PER GLI INVESTIMENTI REGIME DI ESPORTAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE AUTORITÀ COMPETENTI IN MATERIA DI IMPORT/EXPORT DI RISORSE FINANZIARIE RIESPORTAZIONE DELLA PRODUZIONE

6 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 5 4. REGIME FISCALE PAG TABELLA RIASSUNTIVA DELLE IMPOSTE 4.2. IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO DISCIPLINA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO ALIQUOTE IVA L APPLICAZIONE DELL IVA IL TRATTAMENTO DELLE IMPORTAZIONI/ESPORTAZIONI AI FINI DELL IVA PRINCIPALI ADEMPIMENTI CONTABILI RELATIVI ALL IVA GLI UFFICI COMPETENTI IN MATERIA DI IVA 4.3. IMPOSTE DIRETTE SULLE PERSONE GIURIDICHE APPLICAZIONE DELLE IMPOSTE DIRETTE SULLE PERSONE GIURIDICHE LE IMPOSTE APPLICABILI CRITERI TERRITORIALI PER L APPLICAZIONE DELLE IMPOSTE DIRETTE SULLE PERSONE GIURIDICHE AGEVOLAZIONI FISCALI PER GLI INVESTITORI 4.4. TASSAZIONE DELLE ATTIVITA D IMPRESA IL LIVELLO ORDINARIO DI TASSAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI IMPRESA PER LE SOCIETÀ DI PERSONE E PER LE SOCIETÀ DI CAPITALE I COSTI INDEDUCIBILI LE ALIQUOTE DI DEDUZIONE ALTRE IMPOSTE NAZIONALI E LOCALI APPLICABILI ALL ATTIVITÀ DI IMPRESA 4.5. IMPOSTE DIRETTE SULLE PERSONE FISICHE REGIME DELLE IMPOSTE SULLE PERSONE FISICHE LE ALIQUOTE APPLICATE- I DIVIDENDI- LE CESSIONI DELLE PARTECIPAZIONI 4.6. ALTRE IMPOSTE INDIRETTE ATTI SOGGETTI AD IMPOSTE INDIRETTE 5. LAVORO PAG CONTRATTI CONTRATTI DI LAVORO E TIPOLOGIE PERIODO DI PROVA RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI ED IL C.C.L TASSE SUL LAVORO 5.2. COSTO DEI FATTORI DI PRODUZIONE ENERGIA ELETTRICA GAS NATURALE CARBURANTE ACQUA TELECOMUNICAZIONI

7 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA TRASPORTI 5.4.COSTO DEGLI INSEDIAMENTI CAPANNONI INDUSTRIALI LOCALI COMMERCIALI 6. SERVIZI ALLE IMPRESE PAG BANCHE LE PRINCIPALI BANCHE COMMERCIALI OPERANTI CON L'ESTERO LE PRINCIPALI BANCHE COMMERCIALI PARTECIPATE DA BANCHE STRANIERE LE BANCHE STRANIERE CHE POSSIEDONO FILIALI O RAPPRESENTANZE NEL PAESE 6.2. APERTURA DI CONTI ALL ESTERO LE DISPOSIZIONI CHE REGOLANO L APERTURA DI CONTI PRESSO BANCHE STRANIERE O LOCALI DA PARTE DI SOGGETTI STRANIERI I SOGGETTI NAZIONALI POSSONO APRIRE E DETENERE CONTI IN VALUTA STRANIERA SU BANCHE LOCALI I SOGGETTI STRANIERI POSSONO APRIRE O DETENERE CONTI IN VALUTA LOCALE SU BANCHE LOCALI I SOGGETTI STRANIERI POSSONO APRIRE O DETENERE CONTI IN VALUTA ESTERA SU BANCHE LOCALI 6.3. OPERAZIONI BANCARIE LE BANCHE STRANIERE POSSONO CONCEDERE PRESTITI LE BANCHE LOCALI POSSONO CONCEDERE CREDITI E/O FINANZIAMENTI NEL BREVE, MEDIO E LUNGO TERMINE LE BANCHE ORDINARIE POSSONO ACQUISIRE PARTECIPAZIONI DIRETTE AL CAPITALE DI IMPRESE ESISTONO OPERAZIONI O CATEGORIE DI OPERAZIONI RISERVATE AD UNA BANCA O A UN GRUPPO DI BANCHE ABILITATE 6.4. LINEE DI CREDITO 6.5. ENTI FIERISTICI 7. QUADRO ECONOMICO PAG INDICATORI DEMOGRAFICI E SOCIALI L ANDAMENTO DEI PRINCIPALI INDICATORI DEMOGRAFICI E SOCIALI DEL PAESE RISPETTO AGLI ANNI PRECEDENTI 7.2. INDICATORI ECONOMICI E DI SPESA L ANDAMENTO DEI PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI DEL PAESE RISPETTO AGLI ANNI PRECEDENTI 7.3. STRUTTURA DELLE IMPORTAZIONI

8 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA LA STRUTTURA DELLE IMPORTAZIONI PER SETTORE MERCEOLOGICO E PER PAESE DI PROVENIENZA 7.4. INVESTIMENTI STRANIERI 7.5. ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE QUALI SONO I PRINCIPALI SETTORI PRODUTTIVI DEL PAESE QUAL È L ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE NEI DIVERSI SETTORI RISPETTO AGLI ANNI PRECEDENTI 7.6. ANDAMENTO DEI CAMBI CORSO DEI CAMBI DELLA MONETA NAZIONALE RISPETTO ALLE PRINCIPALI DIVISE MONDIALI POLITICA MONETARIA 8. PRINCIPALI COSTI DI ATTIVITÀ PAG AVVIO ED ESERCIZIO ATTIVITA' 8.2. IMMOBILI

9 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 8 1.INVESTIMENTI STRANIERI 1.1.SETTORI DI INVESTIMENTO L investimento straniero è consentito in tutti i settori. L art. 11 paragrafo 3 della nuova Costituzione della Repubblica di Albania stabilisce che possono essere poste delle limitazioni alla libertà di iniziativa economica solo su base di legge e per importanti motivi di interesse pubblico. L art. 16 stabilisce inoltre che i diritti fondamentali, le libertà e i doveri riconosciuti ai cittadini albanesi si applicano anche agli stranieri, a meno che non sia diversamente previsto dalla Costituzione. L art. 18 dichiara pure che nessuno può essere ingiustamente soggetto a discriminazione per motivi relativi a sesso, razza, fede, etnia, lingua, appartenenza a partiti politici, fede religiosa o filosofica, stato economico, istruzione, sociali o famigliari. Nella legge n del Sugli Investimenti Stranieri non è prevista alcuna limitazione per gli investimenti esteri,ferme restando le disposizioni amministrative che regolano, indipendentemente dalla nazionalità dell'investitore,i singoli settori economici in cui avviene l investimento. In caso di produzioni soggette a restrizioni nei Paesi europei, è bene richiedere un parere preventivo alle competenti autorità albanesi Le autorità competenti ad autorizzare gli investimenti stranieri. La Legge n del Sugli Investimenti Stranieri, all'art. 2,dichiara che "gli investimenti esteri non sono condizionati ad una autorizzazione preliminare", abolendo in questo modo la precedente normativa. Per quanto riguarda i settori ritenuti strategici, in caso di società mista con un azienda di Stato o di sfruttamento delle risorse naturali, è necessaria una delibera del Consiglio dei Ministri, che non riguarda l'investimento ma l'autorizzazione alle suddette attività Autorizzazioni. L art. 2 della Legge n del Sugli Investimenti Stranieri dichiara che gli investimenti stranieri non sono soggetti ad autorizzazioni preventive. Tuttavia la legislazione albanese richiede speciali autorizzazioni e licenze per particolari attività: ad esempio, per la maggior parte delle attività imprenditoriali (ufficio cambi, trasporti, costruzioni ed ingegneria, attività medica privata, professione legale e notarile, produzione e vendita di prodotti farmaceutici, panifici,telecomunicazioni, ecc.) è richiesta una licenza commerciale rilasciata dal Ministero competente. La Legge n del , che ha sostituito la precedente Legge n.8365 del sul Sistema Bancario della Repubblica Albanese, prevede che le banche straniere che desiderino costituire in Albania una sede secondaria, un'agenzia o altro tipo di ufficio bancario, debbano preventivamente ottenere l'approvazione della Banca d Albania. La Legge n del Per il turismo, modificata dalla Legge n.9930/2008, la Decisione del Consiglio dei Ministri n. 89 del sulla Concessione di Licenze per l Esercizio di Attività Turistiche e relativi regolamenti d attuazione stabiliscono che per esercitare determinate attività nel settore turistico (agenzie turistiche, ristoranti, alberghi, bar, taxi e trasporto passeggeri) è necessario ottenere un apposita licenza da parte del Comitato per il Turismo, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ovvero dalle autorità locali.

10 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 9 Allo stesso modo, la Legge n del (come modificata) sulle Risorse Minerarie in Albania stabilisce che per esercitare attività di estrazione,esplorazione e ricerca mineraria è necessaria la licenza del Ministero dell economia. Disposizioni analoghe si possono rinvenire nella Legge n del Sul controllo e la disciplina delle costruzioni (come modificata dalla Legge n del , dalla Legge n del , dalla Legge n del e dalla legge del ) e nei relativi regolamenti di attuazione, che richiedono la licenza del Ministero dei lavori pubblici per le imprese che esercitano l'attività edilizia, nonché l autorizzazione dell'ufficio urbanistico del Comune per le costruzioni, e nella Legge n del Sull esercizio di giochi di fortuna (come modificata) che richiede l autorizzazione del Ministero delle finanze per l organizzazione di giochi di fortuna e promozioni, mentre per l esercizio di attività di casinò e lotteria nazionale l autorizzazione viene rilasciata dall Autorità nominata dal Consiglio dei Ministri sulla base di apposita gara pubblica. Lo sfruttamento delle risorse idriche in Albania è soggetto alla disciplina delle concessioni, come disposto dalla Legge n del Sulle concessioni e dalla decisione del Consiglio dei Ministri n. 27 del Per l approvazione delle regole di valutazione e di attribuzione delle concessioni (e loro successive modifiche). In base alla Legge sulle concessioni, la Concessione è l Accordo tra l Autorità contraente ed il Concessionario, per il quale, quest ultimo: 1. realizza un attività economica che in caso contrario sarebbe realizzata all Autorità contraente. 2. assume i rischi dell attività economica. 3. realizza degli utili. Autorità Contraente è ogni Ministero o ente locale responsabile dell attività economica oggetto della concessione. Il Concessionario è ogni persona giuridica, di diritto albanese o straniero, che sottoscrive un accordo di concessione. Le concessioni si applicano in settori economici come ad esempio: energia, trasporti,telecomunicazioni, sanità, turismo, ecc.. La procedura di concessione si avvia con l identificazione del progetto di concessione. L identificazione di una possibile concessione può essere realizzata da: 1. l Autorità Contraente in tal caso si parla di proposta richiesta. 2. qualsiasi soggetto interessato in tale caso si parla di proposta non richiesta. Si osserva, inoltre, che l esercizio di particolari attività è soggetto in generale a una specifica licenza.

11 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA REGIMI AGEVOLATIVI Regimi agevolati. La legislazione albanese in materia garantisce un identico trattamento agli investitori stranieri e agli investitori locali. Le società a partecipazione straniera possono usufruire di tutte le agevolazioni attualmente vigenti in Albania. Si noti tuttavia che i maggiori vantaggi fiscali finora esistenti nel Paese sono stati abrogati con la Legge n del Sulle imposte sui redditi, entrata in vigore il Il Primo Ministro ha annunciato l iniziativa Albania 1 Euro con l obiettivo di rendere il paese più attrattivo per gli investitori stranieri offrendo loro ad esempio terreni ad 1 Euro, assistenza ad 1 Euro, ingresso in Albania e costituzione delle loro imprese ad 1 Euro. Zone economiche. La legge n del 19 luglio 2007 Per la costituzione ed il funzionamento delle zone economiche prevede due tipi di zone economiche: (i) Parchi Industriali e (ii) Zone Libere. Ai sensi della suddetta Legge, Zona Libera e quella zona (superficie circoscritta di terreno) destinata ad attività produttive, commerciali e/o servizi che e fisicamente parte del territorio doganale della Repubblica d Albania, ma che, dal punto di vista fiscale e doganale, costituisce un entità separata da quest ultimo. Per quanto riguarda il Parco Industriale, la Legge n non riconosce alcuna esenzione fiscale per le attività economiche esercitate al suo interno. In base alla predetta legge, ogni persona fisica e/o giuridica di nazionalità albanese o estera può esercitare qualsiasi attività economica all interno della Zona Libera (incluse le operazioni di vendita aventi ad oggetto qualsiasi merce indipendentemente dalla sua natura,qualità, origine, provenienza o luogo di destinazione, tranne le merci la cui importazione,esportazione o transito nel territorio della Repubblica dell Albania e vietata dalla legge). In Albania non sono state ancora costituite zone economiche che abbiano lo status di Zona Libera. Tuttavia, segnaliamo che nella zona di Vlore (Albania) sono state avviate le procedure per costituire la prima Zona Libera. Attualmente esistono in Albania solamente Magazzini Liberi. Sgravi fiscali. -5 anni di esenzione fiscale,dal momento di inizio dell attività,ed un ulteriore riduzione fiscale fino al 50% per gli altri anni di attività in caso di re-investimento dei profitti nell azienda, per società che esercitino attività di promozione nelle zone di sviluppo turistico (Legge n del , la quale subordina la concessione di tale esenzione al compimento di determinate condizioni e requisiti); -esenzione triennale da dazi doganali e dazi sull importazione di beni da utilizzare ai fini dell attività per le società che esercitino attività di promozione nelle zone di sviluppo turistico (Legge n del , la quale subordina la concessione di tale esenzione al compimento di determinate condizioni e requisiti); -sgravi doganali sull importazione di materiali destinati ad essere riesportati (perfezionamento attivo) e sui macchinari in importazione temporanea.

12 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA TUTELA DEGLI INVESTIMENTI Leggi che regolamentano gli investimenti stranieri. Tra l Italia e l Albania è in vigore l Accordo sulla promozione e protezione degli investimenti del L Albania partecipa alla Convenzione di Washington 1965 (ICSID International Centre for Settlement of Investment Disputes) e alla Convenzione di Seul 1985 (MIGA Multilateral Investment Guarantee Agency). La Legge n del Sugli Investimenti Stranieri all'art. 4 esclude che l'esproprio o la nazionalizzazione possano avvenire discriminando l'investitore estero; inoltre all'art. 9 comma 2, essa dichiara che "se le disposizioni di questa legge non sono conformi agli accordi internazionali ratificati dal Parlamento albanese, dei quali l Albania è parte, questi ultimi prevarranno finché garantiranno maggiori diritti o una maggiore protezione per gli investimenti esteri di quelli previsti nella presente legge" Agenzia nazionale per la promozione degli investimenti stranieri. La Legge n del , abrogando la precedente Legge n del sull Istituzione dell Agenzia per la Promozione degli Investimenti Stranieri,ha istituito l Agenzia Albanese dell impresa e degli investimenti. Questa nuova Agenzia (denominata AlbInvest) svolge le seguenti funzioni: a) realizzare politiche e strategie, sviluppare programmi e progetti, a sostegno dello sviluppo del settore privato; b) studio, ricerca, analisi, e conclusioni sul clima nell imprenditoria; c) promuovere, attrarre e sostenere gli investimenti stranieri in conformità ai programmi d investimento della Repubblica d Albania; d) identificare le opportunità di investimento in Albania e loro promozione; e) promozione della produzione interna e dei prodotti destinati all export; f) promozione e sostegno delle piccole e medie imprese; g) sviluppare le attività di promozione all interno e fuori del Paese al fine di contribuire a migliorare l immagine dell Albania; h) fornire assistenza per l agevolazione degli investimenti, albanesi e stranieri; i) collaborare con le istituzioni pubbliche e finanziarie, gli organismi imprenditoriali albanesi o stranieri, allo scopo di identificare le barriere allo sviluppo dell impresa; j) provvedere alla pubblicazione dell informazione ufficiale relativa agli investimenti in Albania.

13 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA PARTECIPAZIONE AGLI INVESTIMENTI Partecipazione agli investimenti dell investitore straniero. La Legge n del Sugli investimenti stranieri non contiene alcuna previsione in materia. Riguardo a questo punto, peraltro, si applica la Legge n.9901/2008 Sugli imprenditori e le società commerciali, che non detta alcuna indicazione sulla nazionalità dei Soci, ma rinvia agli accordi fra le parti riportati nell'atto costitutivo e nello Statuto. Si tenga tuttavia presente che la normativa sulle Società Commerciali stabilisce che per conseguire il controllo di una società a responsabilità limitata (Sh.p.k.) o di una società per azioni (Sh.A.) è necessario il 75% del capitale sociale L'investitore straniero può possedere il controllo di maggioranza dell'investimento. La Legge n del Sugli Investimenti Stranieri non prevede alcun vincolo in materia. Riguardo a questo punto, si applica la Legge n. 9901/2008 Sugli imprenditori e le società commerciali, che non specifica alcuna indicazione sulla nazionalità dei Soci, ma rinvia agli accordi fra le parti riportati nell'atto costitutivo e nello Statuto. Nel caso di società mista con un partner pubblico, fermo restando che la ripartizione del capitale sociale è rimessa agli accordi fra i Soci, esiste una limitazione che riguarda non tanto l'investitore estero quanto il partner pubblico, la cui assunzione di partecipazione attraverso il conferimento dell'azienda è regolamentata dalla Decisione del Consiglio dei Ministri n. 93 del e successivi emendamenti,che stabilisce le relative modalità e condizioni. Non esiste alcuna disposizione di legge che vieti all'investitore straniero di operare con un controllo del 100% dell'investimento senza associarsi con un partner locale La partecipazione può rimanere straniera a tempo indeterminato. La Legge n del non prevede alcun limite temporale per la partecipazione straniera Nazionalizzazione degli investimenti. L'espropriazione e la nazionalizzazione della proprietà privata sono regolate dagli artt. 11 e 41 della nuova Costituzione albanese, approvata con referendum popolare il La Costituzione prevede che tali operazioni possano essere stabilite esclusivamente con legge dello Stato per motivi di interesse pubblico e dietro equo indennizzo. La legge che disciplina l'esproprio o la limitazione dei diritti di proprietà è la Legge n del sulla "Espropriazione e Confisca per uso temporaneo delle Proprietà Private per Interesse Pubblico". L'espropriazione e la nazionalizzazione sono inoltre regolate dagli artt. 4 e 5 della Legge n del Sugli investimenti stranieri, che limitano queste fattispecie ai soli casi di interesse nazionale, da eseguirsi con apposita legge e senza alcuna differenziazione basata sulla nazionalità dell'investitore, valutando il compenso secondo i valori di mercato e condizionando tali operazioni all'avvenuta liquidazione del giusto compenso all'investitore estero.

14 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA CONTENZIOSI E ARBITRATI Contenzioso derivante da inadempimento contrattuale. Ai sensi dell art. 476 del Codice Civile albanese, qualsiasi ingiustificato inadempimento di una obbligazione contrattuale comporta il diritto della controparte di domandare (i) l adempimento in forma specifica dell obbligazione (se possibile),ovvero (ii) il risarcimento per equivalente monetario. In entrambi i casi, peraltro, la procedura contenziosa da seguire è quella ordinaria prevista dal Codice di procedura Civile Albanese. Essa consiste in un processo ordinario di cognizione introdotto da un atto ad impulso di parte (la cd. citazione) volto ad ottenere il riconoscimento dell inadempimento di controparte e l adozione da parte del giudice dei provvedimenti consequenziali (ad es., la condanna ad un facere, la condanna al pagamento di una somma di denaro) Applicazione del diritto straniero. In materia di applicazione del diritto straniero, l'ordinamento albanese è strutturato in modo molto simile all'ordinamento italiano: l'applicazione degli istituti giuridici di diritto straniero è pertanto preclusa in presenza di circostanze analoghe a quelle previste dal nostro diritto internazionale privato (ad es.: contrarietà all'ordine pubblico, conflitto con norme di applicazione necessaria del diritto albanese, ecc.) Controversie rimesse a giudici ordinari di uno Stato straniero. In base all art. 37 del Codice di Procedura Civile albanese, è possibile deferire le controversie nascenti da un contratto ai giudici di uno Stato straniero se: (i) il processo ha ad oggetto un rapporto contrattuale tra soggetti stranieri, o tra uno straniero ed un cittadino albanese non domiciliato o residente in Albania; (ii) se tale deroga sia stata prevista negli accordi internazionali ratificati dalla Repubblica d'albania Arbitrato. La Legge n del sugli Investimenti stranieri consente agli investitori stranieri di scegliere liberamente una procedura di risoluzione delle controversie, ivi incluso l arbitrato commerciale (Camera Internazionale di Commercio). La Repubblica d Albania ha aderito alla Convenzione Europea sull Arbitrato Commerciale del 1961 (ratificata con Legge n del ) e dalla Convenzione di New York per il riconoscimento e l esecuzione dei lodi arbitrali stranieri del 1958 (ratificata con Legge n del 2000). Inoltre la Legge n del sulla risoluzione delle dispute private mediante mediazione segue le linee guida della Commissione delle Nazioni Unite sul Diritto Commerciale Internazionale (Uncitral) e stabilisce servizi di arbitrato e mediazione indipendenti per la risoluzione privata di dispute commerciali e di altra natura sorte in Albania. La citata Legge n. 7764, peraltro, impone alla Repubblica albanese di riconoscere qualsiasi lodo arbitrale internazionale relativo ad una controversia su investimenti esteri. Inoltre, il Codice di Procedura Civile albanese garantisce l applicazione di clausole arbitrali contrattuali e disciplina arbitrati vincolanti in Albania se concordati tra le parti per la soluzione di controversie commerciali o di proprietà. Sembra importante aggiungere che una controversia può essere devoluta ad un arbitrato anche dopo che una delle parti abbia già adito la giustizia ordinaria. Per quanto riguarda le controversie che coinvolgono parti albanesi, il Codice di Procedura Civile stabilisce le modalità con cui gli arbitri devono essere nominati e come deve essere condotto l arbitrato. La decisione arbitrale può essere

15 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 14 appellata solo in determinate circostanze e solo di fronte alla Corte d Appello, la cui decisione è definitiva. Secondo quanto previsto dal Codice di Procedura Civile albanese, se entrambe le parti dell arbitrato sono residenti in Albania, il collegio dovrà applicare la legge albanese; se una delle due parti è straniera, il tribunale applicherà la legge prescelta dalle parti in sede di contratto. La Legge n del Sulle camere di commercio e dell industria modificata dalla Legge n. 9897/2008, prevede anche che le Camere di Commercio possano stabilire dei meccanismi per risolvere controversie inerenti al commercio estero. Il Consiglio dei Ministri non ha però ancora adottato la necessaria normativa di attuazione per permettere l arbitrato attraverso le Camere di Commercio locali Convenzioni internazionali sul riconoscimento delle sentenze arbitrali. La Repubblica d Albania ha aderito alla Convenzione Europea sull Arbitrato commerciale del 1961 (Legge n del ) ed il alla Convenzione di New York per il riconoscimento e l esecuzione delle sentenze arbitrali straniere del 1958 (Legge n del ). Il Paese ha sottoscritto la Convenzione di Washington del sul"regolamento delle controversie relative agli investimenti fra Stati e cittadini di altri Stati". La ratifica è stata depositata il e la Convenzione è entrata in vigore in Albania il Inoltre la Convenzione è espressamente richiamata nell'art. 8comma 2 della Legge n. 7764/1993 sugli Investimenti Stranieri che la dichiara completamente e senza alcuna riserva applicabile in caso di controversia fra investitore estero e pubblica amministrazione albanese SISTEMA GIUDIZIARIO Ordinamento giudiziario. L ordinamento Albanese prevede tre gradi di giudizio. Il Tribunale è il giudice di prima istanza e giudica in composizione monocratica o in composizione collegiale di tre membri. Della giurisdizione del Tribunale civile fanno parte tutte le questioni civili e le altre questioni previste nel Codice Civile e nelle leggi speciali. La competenza del Tribunale si suddivide per materia e per territorio. Contro le decisioni del Tribunale è ammesso ricorso presso la Corte d Appello. La Corte d Appello giudica in composizione collegiale di tre membri. Il ricorso contro la decisione di primo grado si presenta presso il Tribunale che ha pronunciato la sentenza appellata, la quale invia gli atti alla Corte d Appello della propria circoscrizione. La decisione della Corte d Appello è immediatamente esecutiva.l ordinamento albanese prevede un terzo grado di giudizio dinanzi alla Corte di Cassazione. La Corte di Cassazione può essere adita per pronunciarsi sia sulle decisioni del Tribunale sia sulle decisioni della Corte d Appello, in base alle prescrizioni del Codice Civile. Anche in questo caso il ricorso si deposita presso il tribunale che ha pronunciato la sentenza Tribunale o Corte d Appello. Successivamente gli atti vengono trasmessi alla Segreteria della Corte di Cassazione Sistema giuridico. Il sistema giuridico albanese è strutturato sull impronta del Civil Law. I giudici pronunciano le loro sentenze esclusivamente in base a diritto codificato e leggi particolari. Come in

16 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 15 Italia, le decisioni della Corte di Cassazione, specialmente le decisioni a collegi unificati, assumono il valore di precedente, ma solo in via indiretta PRIVATIZZAZIONI Regime delle privatizzazioni. Un programma di privatizzazione di massa basato sulla distribuzione di voucher era stato approvato all'inizio del La distribuzione dei voucher a circa un milione di cittadini era iniziata nel giugno Il progetto aveva riguardato la privatizzazione di circa aziende statali nel settore estrattivo e petrolifero con una forza lavoro di circa unità. Erano state escluse le aziende sotto il controllo del Ministero della difesa. Avendo quasi completato il processo di privatizzazione delle piccole e medie imprese (la maggior parte di esse è stata venduta mediante asta), il governo sta attualmente conducendo la privatizzazione su larga scala delle imprese operanti nei settori strategici come la vendita della ALBTELECOM perfezionata a metà Il nuovo governo ha approvato nel 2007 una serie di norme riguardanti la privatizzazione delle reti elettrica e idrica, come pure delle quote detenute da società commerciali operanti nell industria estrattiva e petrolifera con la vendita della ARMO (raffinazione e vendita di petrolio). La normativa di riferimento principale è la seguente. Nel marzo 1998 il Parlamento ha approvato la Legge n Sulle Strategie di Privatizzazione dei Settori di Primaria Importanza (emendata dalla Legge n del e dalla Legge n del ). Tale legge disciplina i primi meccanismi per l avvio della privatizzazione delle società commerciali di proprietà interamente statale che esercitino le loro attività nel campo delle telecomunicazioni, dell energia elettrica,dell estrazione petrolifera e del gas, dei trasporti. In base alle ultime modifiche alla Legge n. 8306/1998, apportate dalla Legge n del : anche le banche di secondo livello e le compagnie di assicurazione costituiscono oggetto di applicazione della Legge La privatizzazione in questo settore è aperta agli investitori stranieri selezionati dal Consiglio dei Ministri, ai quali verrà offerto almeno il 30% delle azioni. È inoltre possibile utilizzare voucher di privatizzazione, ma in tal caso la partecipazione non potrà essere superiore al 20% del capitale. La legge riserva inoltre allo Stato il diritto di mantenere una golden share o un determinato pacchetto azionario. Il Ministero delle finanze è responsabile per la privatizzazione delle banche di secondo livello e delle società di assicurazione partecipate totalmente dallo Stato. In particolare, all inizio del 2004 il governo albanese aveva portato a termine il processo di privatizzazione della Cassa di Risparmio, la principale banca pubblica albanese, il cui pacchetto azionario era stato rilevato dalla Raiffeisen Zentralbank Österreich, banca austriaca presente in vari mercati nell est Europa e nel mondo. Tale privatizzazione aveva fatto seguito a quella della Banca Nazionale Commerciale, la seconda principale banca pubblica albanese, portata a termine nel corso del 2002, il cui pacchetto di maggioranza era stato rilevato dalla banca turca Kent Bank, mentre la BERS e l'ifc avevano acquistato partecipazioni di minoranza.il Governo italiano, nel contesto dell'assistenza alla realizzazione del programma di privatizzazioni, ha finanziato - attraverso un "trust fund" per la Banca Mondiale - il progetto di "Consulenza per la Privatizzazione dei Settori Strategici",inizialmente del valore di 1 milione di Dollari, cui si sono successivamente aggiunti altri Dollari. Nell'ambito di questo progetto sono stati finora ultimati il necessario quadro legale, la valutazione delle società che verranno privatizzate, la disposizione delle procedure di privatizzazione, la divulgazione di informazioni sulle imprese da privatizzare ed i negoziati e la realizzazione dei contratti di vendita.a seguito di

17 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 16 questo lavoro è stata realizzata la privatizzazione della società pubblica AMC e sono stati sviluppati i processi di privatizzazione dell'albtelecom e della ARMO (Legge n del maggio2001 Sulle procedure di avvio per la privatizzazione dell operatore Albtelecom come emendata dalla Legge n del ; Legge n del Sulla definizione della forma e della struttura delle privatizzazione della società per azioni Armo sh.a. ). Il Governo albanese ha richiesto che venga esplorata la possibilità di un'ulteriore assistenza dell'italia nei processi di privatizzazione e nella fase successiva alle privatizzazioni dei settori strategici, e si è impegnato ad adottare tutte le misure opportune per incentivare la partecipazione delle aziende italiane e/o a capitale misto al processo di privatizzazione. La Parte italiana ha d'altro canto insistito sulla necessità che si crei un quadro normativo di riferimento che faciliti la gestione delle attività offerte in concessione, con particolare riguardo al settore elettrico, ed ha espresso l'intenzione di stimolare le proprie aziende, sia piccole che medie e grandi, a partecipare più intensamente al processo di privatizzazione dell'economia albanese. Privatizzazione su piccola scala Questo tipo di privatizzazione è regolata dalla delibera n. 203 del Consiglio dei Ministri del Sulla privatizzazione delle piccole e medie imprese. La privatizzazione si è sviluppata rapidamente nel corso degli anni ,soprattutto attraverso il procedimento di employees buy-out. La privatizzazione di negozi per la vendita al dettaglio è di fatto completata. Dalla metà del 1993 la responsabilità del Programma di privatizzazione su piccola scala è diventata di competenza dell'agenzia Nazionale per la Privatizzazione. Il Programma include società con meno di 300 dipendenti o con un valore contabile inferiore ai 0,5milioni di USD. Esistono ancora diverse società di medio-piccole dimensioni in cui lo Stato detiene una partecipazione, che saranno soggette a prossima privatizzazione. Le società in questione operano nei settori più disparati, tra cui, alimentari (Konservim Adriatik), calzature (Fabrika e kepuceve), carburante e minerali (Butan Gaz), materiali edili (Euroteorema, Inerton Beton, Superabetoni), cultura e spettacolo (QTZHK, DiscoBar Lux), tabacco (Argijro Tabak) REGIME DELLA PROPRIETA Regime della proprietà. Terreno agricolo Le aziende agricole e le cooperative di proprietà dello Stato sono state privatizzate in breve tempo. La Legge n del sulla Compensazione dei Precedenti Proprietari di Terreno Agricolo (abrogata dalla Legge n. 9235/2004)prevedeva che i terreni agricoli, più che restituiti, venissero compensati attraverso l'emissione di voucher per un valore determinato in base alla Legge n del sul Prezzo del Terreno Agricolo ai fini della Compensazione e successivi emendamenti. Tuttavia la compensazione in voucher non era ben accetta dai precedenti proprietari (*), con il risultato di molte dispute irrisolte. La Legge n del Per i Terreni Agricoli Indivisi ha incaricato i consigli comunali di risolvere le dispute, dando indicazioni per i casi di uso ed occupazione illegale. Una nuova legge approvata nel luglio 1995 ha reso possibile la vendita dei terreni agricoli, che può venire effettuata attraverso contratti di vendita ai sensi del Codice Civile.

18 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 17 Nel 2004 è stata approvata la Legge n del Per la tutela dei terreni agricoli". Con questa legge si determinano gli enti statali responsabili per la tutela dei terreni agricoli e i loro doveri in tal senso. Si stabilisce l obbligo, per tutti i soggetti che, attivamente o passivamente, hanno a che fare con terreni agricoli, di prevenire i danni e di provvedere alla riabilitazione del terreno agricolo danneggiato. La legge prevede un sistema di sanzioni per i comportamenti illeciti. (*) Con il termine precedenti proprietari si indicano i proprietari della terra fino all espropriazione compiuta dal dittatore Enver Hoxha nella seconda metà degli anni 40, in seguito all avvento del comunismo in Albania. Terreno edificabile I terreni situati in aree urbane possono essere edificabili solo all'interno della Linea Gialla di urbanizzazione. I terreni edificabili situati all'interno della Linea Gialla possono essere restituiti ai proprietari che siano in grado di dimostrare i rispettivi titoli di proprietà. Tuttavia, data la difficoltà di poter provare il proprio titolo, sussistono numerose controversie per l'accertamento del legittimo proprietario dei terreni e si consiglia di usare la massima cautela nell'acquisto di proprietà immobiliari, dato l'alto rischio di truffe e contenziosi. Secondo la Legge sulla compravendita di terreni n del ,modificata dalla Legge n. 8260/1997 le persone fisiche e giuridiche straniere possono essere proprietarie di terreni edificabili a patto che costruiscano sul terreno un immobile che abbia un valore tre volte superiore al valore del terreno. In particolari casi in cui non sia possibile la restituzione del terreno, i precedenti proprietari ed i loro eredi possono pretendere una compensazione. Per le proprietà che sono già state privatizzate le legge dispone una comproprietà tra il nuovo ed il vecchio proprietario. Immobili ad uso abitativo, commerciale ed industriale Gli immobili ad uso abitativo, commerciale ed industriale possono essere acquistati liberamente da persone fisiche e giuridiche, locali e straniere. In questo caso, se la proprietà dell'immobile appartiene ad un privato, il prezzo viene definito secondo la libera contrattazione tra le parti; nel caso in cui la proprietà dell'immobile appartenga allo Stato, il prezzo deve essere stabilito in base ad una decisione del Consiglio dei Ministri. Regolamentazione delle garanzie reali Le principali garanzie reali nel diritto albanese, come nel diritto italiano, sono il pegno e l ipoteca, regolati dal Codice Civile e, per il pegno, anche dalla Legge n.8537 del Sulle garanzie reali, entrata in vigore il , modificato dalla Legge n. 9524/2006 e Legge n /2008. In base a tale legge, oggetto del pegno possono essere beni mobili presenti e futuri, azioni e beni immateriali come, ad es., crediti d impresa, diritti di brevetto,marchi, quote di società. Il pegno può essere costituito con il contratto da cui deriva il credito o con un contratto autonomo, che in ogni caso deve essere stipulato per iscritto e deve contenere una dettagliata descrizione dei beni sottoposti a pegno. Se il contratto prevede che il creditore consegua il possesso dei beni sottoposti a pegno,egli è tenuto alla loro custodia ed al pagamento delle relative spese di conservazione,e può trattenere i frutti. Tuttavia, se i frutti consistono in somme di denaro, il creditore deve restituirle al debitore o ridurre in misura corrispondente l ammontare del credito garantito.

19 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA 18 Se il debitore non adempie, il creditore può far vendere i beni sottoposti a pegno ed ha il diritto di conseguire il pagamento, con prelazione rispetto agli altri creditori, sul prezzo ricavato dalla vendita. La prelazione sorge quando è soddisfatto almeno uno dei seguenti requisiti: a) quando il creditore registra il pegno nel Registro dei Pegni; b) quando il creditore ottiene il possesso dei beni sottoposti a pegno; c) se il pegno è costituito su beni che rimangono in possesso del debitore (ad es., in una vendita con riserva della proprietà), quando il debitore rilascia al creditore una dichiarazione attestante i diritti di quest ultimo su tali beni. Sebbene la registrazione del pegno nel Registro dei Pegni non sia obbligatoria,se il pegno non è registrato il creditore perde il diritto di prelazione se il debitore perde i beni sottoposti a pegno. Il conflitto tra i differenti creditori dello stesso debitore è risolto in favore del creditore privilegiato, se questi sono due o più. In favore del creditore che per primo ha soddisfatto una delle condizioni sopra indicate in a), b), e c). Se il debitore non adempie, i beni sottoposti a pegno possono essere pignorati e venduti a richiesta del creditore; quest ultimo può evitare la vendita forzata proponendo al debitore di acquistare egli stesso i beni. La vendita forzata può svolgersi ai pubblici incanti o con una trattativa privata; la legge prevede che i beni debbano essere venduti ad un prezzo commercialmente ragionevole.

20 GUIDA AGLI AFFARI IN ALBANIA SOCIETÀ E CONTRATTI 2.1. SOCIETA FORME GIURIDICHE Forme giuridiche. Nel 2008 è stata introdotta in Albania una nuova legge sulle società commerciali, armonizzata alla legislazione UE. La Legge n del Sugli imprenditori e le società commerciali disciplina lo status di commerciante, la costituzione e l amministrazione delle società commerciali, i diritti e doveri dei soci fondatori, dei soci, degli azionisti e la riorganizzazione e liquidazione delle società commerciali. Le novità principali, con riferimento alle Società a responsabilità limitata (Shoqëri me përgjegjësi të kufizuar, Sh.p.k.), riguardano l abbattimento del capitale sociale minimo richiesto per la costituzione da Lek (ca. 800 Euro) a 100 Lek (ca. 1 Euro). Mentre con riferimento alle Società per azioni (Shoqëri Anonime, Sh.A.) le novità riguardano il sistema di amministrazione: ad un livello oppure a due livelli. Il sistema di amministrazione ad un livello prevede la nomina di un Consiglio di Amministrazione il quale avrà funzioni di controllo e supervisione nell attuazione delle politiche commerciali della società da parte degli amministratori. Gli amministratori a loro volta, devono seguire le direttive impartite dal Consiglio di Amministrazione. Nel sistema di amministrazione a due livelli invece, gli amministratori dirigono la società e decidono sulle modalità di attuazione delle politiche commerciali della società mentre, il Consiglio di Supervisione esercita funzioni di supervisione sull attuazione delle politiche commerciali della società secondo la legge e lo statuto sociale. In base alla Legge n del Sugli imprenditori e le società commerciali, tutte le società devono essere costituite in una delle seguenti forme: 1. Società collettiva (Shoqëri Kolektive) equivalente alla nostra società in nome collettivo; 2. Società in accomandita (Shoqëri Komandite) equivalente alla nostra S.a.s.; 3. Società a responsabilità limitata (Shoqëri me përgjegjësi të kufizuar, Sh.p.k.) equivalente alla nostra S.r.l., con un capitale sociale minimo di 100 Lek (ca. 1 Euro); 4. Società per azioni (Shoqëri Anonime, Sh.A.) di due tipi: -senza offerta pubblica (pa ofertë publike), con capitale sociale minimo di Lek (circa Euro); almeno il 25% del capitale (solo per quanto riguarda i contributi in denaro) deve essere versato all'atto della costituzione e prima della registrazione della società con il registro commerciale; -con offerta pubblica (me ofertë publike) e un capitale sociale minimo di Lek (circa Euro); almeno il 25% del capitale (solo per quanto riguarda i contributi in denaro) deve essere versato all'atto della costituzione e prima della registrazione della società nel registro commerciale. Esistono infine tre altri tipi di società commerciali regolamentate da leggi speciali: 1. Fondi di Investimento - costituiti solamente sotto forma di S.p.a.con offerta pubblica. Il capitale sociale minimo,denominato in Lek,deve essere pari a non meno di USD. In caso di capitale misto (nazionale e straniero) almeno il 50% del capitale sociale deve appartenere ad una persona straniera. 2. Società di Credito e Risparmio (Shoqëritë e kursim-kreditit). 3. Società Cooperative (Shoqëritë e bashkëpunimit reciprok).

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli