Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili"

Transcript

1 Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Torino, 18 Marzo 2014 Gian Paolo Tondetta

2 La Direttiva Macchine 2006/42/CE In accordo all articolo 1, la direttiva 2006/42/CE, si applica a: Macchine; Attrezzature intercambiabili; Componenti di sicurezza; Accessori di sollevamento; Catene, funi e cinghie; Dispositivi di trasmissione meccanica; Quasi-macchine. In accordo all articolo 2, valgono le seguenti definizioni: Macchina: insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un applicazione ben determinata... Insiemi di macchine, di cui sopra, o di quasi-macchine, che per raggiungere uno stesso risultato sono disposti e comandati in modo da avere un funzionamento solidale. 2

3 Insiemi di macchine Il concetto di installazione complessa La definizione di «macchina» comprende anche le installazioni complesse, ossia formate da più macchine e/o quasi-macchine, funzionanti in modo solidale, allo scopo di fornire una determinata produzione o un determinato servizio. Esempi di installazioni complesse: Sistemi robotizzati Isole di lavorazione Linee di produzione 3

4 Insiemi di macchine Il concetto di installazione complessa In definitiva, un gruppo di macchine/quasi-macchine viene considerato come insieme di macchine quando risultano soddisfatti i seguenti criteri: Le macchine/quasi-macchine sono assemblate al fine di assolvere una funzione comune, ad esempio la produzione di un dato prodotto o la realizzazione di un dato processo (ad esempio per confezionamento, montaggio, lavorazioni multiple successive); Le macchine/quasi-macchine sono collegate in modo funzionale in modo tale che il funzionamento di ciascuna unità influisce direttamente sul funzionamento di altre unità o dell assieme nel suo complesso, richiedendo in tal modo, una valutazione dei rischi per tutto l insieme; Le macchine/quasi-macchine dell insieme hanno un sistema di comando comune. Nota: un gruppo di macchine collegate le une alle altre, ma con funzionamento indipendente l una dall altra, non è da considerarsi come insieme di macchine. 4

5 Insiemi di macchine Il concetto di installazione complessa Linea produttiva schematizzata: A B C D E H G F La linea risulta costituita da sette macchine (A, B, C, D, E, F, G) composte per formare un assieme. La macchina G non rientra nell assieme, poichè il suo funzionamento non è solidale con quello delle altre (presenza operatore per scarico prodotto da macchina C e carico su G) Concetto di funzionamento solidale. Il funzionamento solidale tra due macchine risulta dal fatto che queste si trovano interfacciate sia strutturalmente quanto funzionalmente (consensi attraverso sistemi di comando elettrici, pneumatici, idraulici, meccanici) 5

6 Concetto di modifica apportata alle macchine Si definiscono «modifiche» apportate alla struttura o al modo di funzionare di una macchina, tutti gli interventi che vanno oltre la manutenzione ordinaria o straordinaria Si considerano come modifiche: a) Sostituzione di parte di parti della macchina con altre diverse dalle originali (intervento muta le prestazioni della macchina o di parti di essa); b) Modifica del ciclo macchina o di alcuni parametri (diverso da quanto previsto dal fabbricante); c) Modifica dei circuiti elettrici, pneumatici o idraulici; d) Sostituzione dei circuiti elettrici a logica elettromeccanica con un sistema a logica programmabile (PLC); e) Modifica della movimentazione della macchina o delle modalità di bloccaggio del pezzo; f) Aggiunta di un dispositivo di protezione antinfortunistica non previsto dal fabbricante finalizzato a ridurre ulteriormente l entità dei rischi residui; g) Sostituzione di un dispositivo di sicurezza previsto dal fabbricante con un altro dispositivo di sicurezza diverso dal primo. 6

7 Concetto di modifica apportata alle macchine Classificazione delle modifiche: 1) Modifiche ininfluenti sulla sicurezza della macchina (punti: a, b, c, d, e); 2) Modifiche che agiscono direttamente sul livello di sicurezza della macchina (punti: f, g). E tuttavia, possibile affermare che, qualsiasi modifica, variando gli equilibri, i calcoli e le logiche progettuali, è suscettibile all introduzione di nuovi fattori di rischio per le seguenti proprietà: a) Diverso modo di operare della macchina; b) Differenti interazioni tra la macchina e gli operatori; c) Differenti possibili effetti verso l ambiente esterno 7

8 Concetto di modifica apportata alle macchine Situazioni riscontrabili Motivazioni più frequenti che inducono l utente alla modifica delle macchine 1) Errori in fase di acquisto (scarsa competenza, poca conoscenza delle lavorazioni previste, risparmio economico); 2) Errori o carenze di progettazione (scarsa conoscenza direttiva 2006/42/CE e norme tecniche applicabili); 3) Necessità di diverse possibilità operative (attenzione primaria del progettista allo scopo produttivo a discapito della sicurezza); 4) Esigenze di mercato e adattamenti produttivi (scarsa programmazione. Scarsa adeguatezza delle macchine alle esigenze del mercato). 8

9 Modifiche giuridicamente necessarie Una modifica assume aspetti prioritari quando una macchina deve essere adeguata, sotto il profilo antinfortunistico, alle leggi vigenti. La tenuta in esercizio di macchine non conformi alle disposizioni di legge comporta, in caso di incidente, sanzioni economiche e gravi responsabilità penali a carico del datore di lavoro. Per macchine datate, il protrarsi nel tempo di utilizzo «fuori norma», potrebbe indurre il giudice ad imputare al datore di lavoro la responsabilità colposa che va sotto il nome di «colpa con preavviso di evento». L obbligarietà dell analisi dei rischi prevista dal D.Lgs. 81/2008, non permette al datore di lavoro di avvalersi della non conoscenza dei rischi specifici presenti sulle singole macchine. 9

10 Modifiche giuridicamente necessarie Rif. D.Lgs. 81/2008 Misure generali di tutela previste dal decreto (rif. art. 15, comma 1, lettera «c» del D.Lgs. 81/2008): 1) Eliminazione dei rischi, e, ove ciò non è possibile; 2) Riduzione dei rischi al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico Tra gli obblighi del datore di lavoro, il decreto pone l attenzione su: «aggiornamento delle misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e della sicurezza del lavoro, ovvero in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione» (rif. art. 18, comma 1, lettera «z» del D.Lgs. 81/2008) 10

11 Analisi dei testi di legge La direttiva macchine non si occupa del problema «modifiche» apportate alle macchine, poichè tratta solo di immissione sul mercato e/o messa in servizio di macchine nuove. Evoluzione legislativa: D.P.R. 459/96: ogni modifica costruttiva determina il verificarsi di una nuova immissione sul mercato della macchina o del componente di sicurezza (comprendeva tutte le macchine) Divieto ad effettuare qualsiasi modifica sulle macchine. Circolare n (1999) del Ministero del Lavoro: l installazione dei dispositivi di protezione non costituisce una «modifica» della macchina. D.Lgs. 4 agosto 1999 n. 359: attuazione della direttiva 95/63/CE che modifica la direttiva 89/655/CEE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e salute per l uso di attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori 11

12 Analisi dei testi di legge Comma 8-quater art. 36 del D.Lgs. 626/94: «le modifiche apportate alle macchine definite all art. 1, comma 2 del D.P.R. 459/1996, a seguito dell applicazione delle disposizioni del comma 8-bis, e quelle effettuate per migliorare le condizioni di sicurezza sempre che non comportino modifiche delle modalità di utilizzo e delle prestazioni previste dal costruttore, non configurano immissione sul mercato ai sensi dell art. 1, comma 3, secondo periodo, del decreto stesso» Comma 8-septies art. 36 del D.Lgs. 626/94: «le modifiche che si fossero rese necessarie per adeguare tutte le macchine funzionanti nelle aziende italiane a una serie di requisiti aggiuntivi illustrati in una legge del 2005 non avrebbero configurato immissione sul mercato e quindi non avrebbero richiesto di sottoporre le macchine in questione alla procedura ed alla marcatura CE» 12

13 Il D.Lgs. 81/2008 e le modifiche apportate sulle macchine Titolo III art. 70, commi 1 e 2: «le macchine messe a disposizione dei lavoratorio nei luoghi di lavoro, devono soddisfare i seguenti requisiti: a) Se costruite prima dell entrata in vigore obbligatoria della Direttiva Macchine (21 settembre 1996) devono essere conformi ai requisiti generali di sicurezza di cui all allegato V del D.Lgs. 81/2008; b) Se costruite a partire dal 21 settembre 1996 devono essere conformi ai requisiti della Direttiva Macchine. Art. 71, comma 5: «le modifiche apportate alle macchine che ricadono nella definizione del D.P.R. 459/96 per migliorarne le condizioni di sicurezza, in rapporto alla necessità di avere macchine conformi ai requisiti di sicurezza, tenuto altresi conto dell evoluzione della tecnica, non configurano immissione sul mercato, sempre che non comportino modifiche delle modalità di utilizzo e delle prestazioni previste dal costruttore originario della macchina. 13

14 Il D.Lgs. 17/2010 e le modifiche apportate sulle macchine Definizione di immissione sul mercato: rif. Art. 2, comma 2, lettera «h» (direttiva 2006/42) si parla di prima messa in servizio a disposizione all interno della Comunità, a titolo oneroso o gratuito, di una macchina o di una quasi-macchina ai fini di distribuzione o di utilizzazione Una macchina non marcata CE, nel momento in cui viene modificata senza essere ceduta ad altri non è più necessario che venga sottoposta alla procedura prevista dalla direttiva. Nel caso di macchine marcate CE, ogni modifica non prevista dal fabbricante invalida la dichiarazione CE da lui rilasciata. In caso di compromissione dei RES, prevista sanzione (4 24 k ) 14

15 Modifiche su macchine marcate CE Compete al fabbricante in quanto può ancora disporre della documentazione tecnica di valutazione dei rischi, di ideazione ingegneristica e di allestimento del manufatto Ad altri soggetti non è possibile integrare le modifiche su quanto già conosciuto, bensì di ristrutturare l intera macchina partendo quasi da zero salvaguardando l integrazione della sicurezza con aspetti inerenti: a) La funzionalità, b) La manutenibilità, c) L ergonomicità. 15

16 Modifiche su macchine marcate CE Per apportare modifiche alle macchine marcate CE occorre considerare le seguenti fasi: 1) Studio di fattibilità. Fondamentale per conoscere la possibilità dell attuazione della modifica garantendo la funzionalità della macchina ed il soddisfacimento dei requisiti di sicurezza; 2) Progettazione. Necessaria per individuare: obiettivi delle modifiche, norme tecniche applicabili, modo di lavoro della macchina, pericoli presenti sulla macchina, scelta dei dispositivi di sicurezza, gestione dei rischi residui; 3) Aggiornamento del fascicolo tecnico. Lo studio progettuale della o delle modifiche deve essere integrato nel fascicolo tecnico originario della macchina; 4) Aggiornamento del manuale d uso. Ove ne ricorrano gli estremi, ogni parte del manuale d uso della macchina deve essere aggiornata in relazione alle novità introdotte dalla o dalle modifiche apportate. 16

17 Modifiche su macchine marcate CE 5) Nuova dichiarazione CE e marcatura CE. Mediante una nuova dichiarazione CE e una nuova marcatura CE (apposta su una nuova targa con indicato l anno della modifica) il nuovo fabbricante della macchina se ne assume integralmente la responsabilità di fronte alla Direttiva 2006/42/CE Modifica macchine CE consigliata solo a fabbricanti iniziali 17

18 Messa a norma delle macchine non marcate CE Una macchina non marcata CE può subire interventi di modifica, purchè (rif. Art. 71, comma 5. D.Lgsl 81/2008): a) Lo scopo sia esclusivamente quello di garantirne la conformità ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V del D.Lgs. 81/2008 e/o di adeguarla all evoluzione tecnica; b) L intervento non ne modifichi le modalità di utilizzo e le prestazioni originarie. Tuttavia, non è automatico che tutte le macchine non marcate CE possano essere messe a norma e non è detto che questo possa essere fatto con costi contenuti (ovvero commisurati al valore residuo della macchina). A tal riguardo si procederà seguendo le seguenti fasi: 18

19 Messa a norma delle macchine non marcate CE 1) Studio di fattibilità - macchine che, per loro natura, sono state strutturalmente concepite prive di barriere antinfortunistiche, potrebbero richiedere stravolgimenti tali da consigliarne la sostituzione con altre di nuova costruzione. Lo studio di fattibilità e di costo degli interventi di messa a norma deve essere eseguito da persone che conoscono sia le leggi che le norme tecniche vigenti in materia di sicurezza del macchinario. 2) Progettazione Le fasi progettuali comprendono: a) individuazione dei pericoli e valutazione di congruità tecnologie di sicurezza presenti sulle macchine, b) individuazione delle fonti di pericolo prive di protezioni, c) scella delle barriere di sicurezza, d) verifica di congruità tra le barriere di sicurezza utilizzate e le funzionalità della macchina, e) scelta dei materiali, f) progettazione dei ripari. 3) Realizzazione importante la qualifica e le competenze del personale preposto alla realizzazione delle modifiche 19

20 Messa a norma delle macchine non marcate CE 4) Prove ogni modifica va provata. Per l individuazione delle prove è utile appoggiarsi alle norme tecniche di riferimento. 5) Relazione tecnica La relazione tecnica deve essere incentrata sulle fonti di pericolo e sulle barriere di sicurezza necessarie per l abbattimento dei rischi. 6) Aggiornamento della documentazione la documentazione di supporto della macchina deve essere correttamente aggiornata in ogni sua parte prima che la macchina venga rimessa in produzione. 7) Nessuna marcatura CE Gli interventi di messa a norma non prevedono la marcatura CE anche perchè non se ne sarebbe in grado. Mancano i presupposti per la marcatura CE 20

21 Alcuni link utili 21

22 22

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico AZIENDA SPECIALE CISE Forlì 13 Ottobre 2010 La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE Inquadramento Generale, la Valutazione dei Rischie il Fascicolo Tecnico Ing. Enrico IPPOLITO 1 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE

Dettagli

Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo alla prevenzione dei rischi

Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo alla prevenzione dei rischi Seminario Sicurezza del prodotto: la Nuova Direttiva Macchine 26 Novembre 2010 Imola (BO) Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE 1/36 Scopo della Direttiva UNIFORMARE: Lo scopo delle direttive comunitarie del nuovo approccio è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Modifiche costruttive e sostituzione di una macchina facente parte di un insieme complesso

Modifiche costruttive e sostituzione di una macchina facente parte di un insieme complesso Modifiche costruttive e sostituzione di una macchina facente parte di un insieme complesso Quando è richiesta la marcatura CE Definizione di macchina Secondo il DPR 459/96 Secondo la direttiva 98/37/CE

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE)

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) Articolo 1 Campo di applicazione 1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti: a) Macchine; b) Attrezzature intercambiabili; c) Componenti di sicurezza;

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA COSTRUTTORI, UTILIZZATORI E CAPI COMMESSA: COME APPLICARE LE NORME DI SICUREZZA ALLE MACCHINE Dal ricevimento alla conduzione di impianti e macchinari LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO

ATTREZZATURE DI LAVORO ATTREZZATURE DI LAVORO ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) Corso anno scolastico 2010-2011 OGGI PARLEREMO DI DEFINIZIONE DI: ATTREZZATURA DI

Dettagli

mcm Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura

mcm Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura mcm Mostra Convegno Internazionale della Manutenzione Industriale 21 OTTOBRE 2009 Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura ing.

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC Inquadramento giuridico D.Lgs. 81/08 s.m.i. : Titolo 111,

Dettagli

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine 1 2 Relatori Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine Avv. Prof. Antonio Oddo Docente Università degli Studi di Pavia, Studio Legale Oddo (MI) 3 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori Ciardo Ing. Francesco Campo d'applicazione

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza

L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza Trento, 13 novembre 2013 2 L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci?

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137 Bologna - TEL. 051.441065 - FAX 051.443045 WWW.STUDIONERI.COM EMAIL:STUDIONERI@STUDIONERI.COM

Dettagli

I requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro secondo il D.Lgs. 81/2008 e obblighi di adeguamento

I requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro secondo il D.Lgs. 81/2008 e obblighi di adeguamento Seminario Utilizzo di dispositivi di sicurezza per l adeguamento di macchine ed attrezzature in ambito lavorativo Organizzato dal Gruppo Specialistico Safety ANIE Auditorium dell'azienda USL 11 di Empoli

Dettagli

SENZA UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI LE MACCHINE NON POSSONO ESSERE INTEGRATE IN MANIERA SICURA NEI POSTI DI LAVORO

SENZA UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI LE MACCHINE NON POSSONO ESSERE INTEGRATE IN MANIERA SICURA NEI POSTI DI LAVORO SENZA UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI LE MACCHINE NON POSSONO ESSERE INTEGRATE IN MANIERA SICURA NEI POSTI DI LAVORO Gustaaf VANDEGAER Esperto di sicurezza delle macchine 27 gennaio 2009 La valutazione

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012 LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO Catania, 25 febbraio 2012 LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO NEL QUADRO DEL DECRETO N. 81/08 Ing. Mario ALVINO

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Prot. n. 5930.. Pos. n. Allegati n.... Risposta Modena, addì 16 mar 2001.. MODENA, 41100 via Università, 4 tel. 059 2056461 telefax 059 P.I. 00427620364

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE La nuova direttiva macchine entrerà in vigore in tutta Europa il 29 dicembre del 2009. Le modifiche introdotte sono molteplici:

Dettagli

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Formazione Preposti I.T.I. G. Galilei Livorno 1 Articolazione dell intervento Quadro normativo vigente Scelta, acquisto, installazione, manutenzione

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Per_Ind_Valeri_Vanni - QM.doc PAG. 1 DI 7 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Le QUASI MACCHINE sono: insiemi che costituiscono quasi

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 I DEBITORI ESTERNI DI SICUREZZA Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 EVOLUZIONE STORICA 1. ART. 7, D.P.R. 27.4.1955, N. 547; 2. ART. 6, D. LGS. 19.9.1994, N. 626 EVOLUZIONE STORICA ART. 7, D.P.R.

Dettagli

D.P.R. 459/96. Recepimento della direttiva macchine

D.P.R. 459/96. Recepimento della direttiva macchine D.P.R. 459/96 Recepimento della direttiva macchine D.P.R. n. 459/96 RECEPIMENTO DELLA RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE DIRETTIVA MACCHINE 89/392 91/368-93/44-93/68 89/392 91/368-93/44-93/68 SCOPO DIRETTIVA

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE a cura di Norberto Canciani Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Definizioni Aggiunte due nuove definizioni: Lavoratore

Dettagli

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Aggiornamento 4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Il D.Lgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento di Roma

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento di Roma ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento di Roma CORSO di FORMAZIONE per RSPP e ASPP Modulo A D.LGS. 81/08 I dispositivi di protezione individuale (Ing.. Ugo Romano)

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE Le norme che disciplinano la costruzione, il funzionamento e la manutenzione delle attrezzature mar. 10 Dott.

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE Confronto con la Direttiva 98/37/CE Dott. Ing.. Leone Pera Attuazione Gli Stati Membri adottano e pubblicano le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative

Dettagli

Il Dlgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi tecnica, per cui la presente circolare si sofferma esclusivamente sulle novità di maggior rilievo.

Il Dlgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi tecnica, per cui la presente circolare si sofferma esclusivamente sulle novità di maggior rilievo. DECRETO LEGISLATIVO n.17 del 27 gennaio 2010 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori PRIMA ILLUSTRAZIONE Premessa Il Dlgs

Dettagli

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12 Indice 2 - Le norme Introduzione pag. 12 11 Le norme Introduzione Gli impianti elettrici di bassa tensione sono regolamentati da un insieme di testi che hanno l obiettivo di definire le misure per la protezione

Dettagli

LA SOSTITUZIONE DEI CERCHIONI DI UN AUTOVEICOLO.

LA SOSTITUZIONE DEI CERCHIONI DI UN AUTOVEICOLO. LA SOSTITUZIONE DEI CERCHIONI DI UN AUTOVEICOLO. Con questo argomento, di grande attualità, iniziamo un percorso informativo mirato alla categoria degli autoriparatori gommisti. Questo primo appuntamento

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

cenni sulle direttive macchine e di prodotto

cenni sulle direttive macchine e di prodotto 9(1(72 cenni sulle direttive macchine e di prodotto 5HODWRUH,QJ5REHUWR5LQDOGL /HGLUHWWLYHFRPXQLWDULHVFRSRH DSSOLFD]LRQH /H'LUHWWLYH&RPXQLWDULHVRQRODSULQFLSDOHIRQWHGHOGLULWWRGD FXL GHULYDODOHJLVOD]LRQHFKHKDVRVWLWXLWRHVRVWLWXLUjLQGHWHU

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

Uso delle attrezzature di lavoro

Uso delle attrezzature di lavoro COORDINAMENTO TECNICO PER LA PREVENZIONE DEGLI ASSESSORATI ALLA SANITA DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Decreto Legislativo n 626/94 D O C U M E N T O N 11 LINEE GUIDA SU TITOLO III

Dettagli

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Impiantistico Antinfortunistico 1) ATTIVITA DI VERIFICHE PERIODICHE CONTESTO Il Servizio Impiantistico Antinfortunistico UOIA - effettua principalmente verifiche

Dettagli

D.Lgs. n 17 del 27/01/10

D.Lgs. n 17 del 27/01/10 D.Lgs. n 17 del 27/01/10 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE, RELATIVA ALLE MACCHINE E CHE MODIFICA LA DIRETTIVA 95/16/CE RELATIVA AGLI ASCENSORI 1 SCOPO DIRETTIVA RIAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti

La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti Alessandro Mazzeranghi, Rossano Rossetti MECQ S.r.l. Quanto è importante la manutenzione negli ambienti di lavoro? E cosa

Dettagli

Tipologia degli apparecchi ed impianti N in esercizio %

Tipologia degli apparecchi ed impianti N in esercizio % CONTESTO Il Servizio Impiantistico Antinfortunistico UOIA - effettua principalmente verifiche e controlli periodici di apparecchi e impianti inseriti in ambienti di lavoro e di vita finalizzati ad accertare

Dettagli

Safety day 2016. Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici

Safety day 2016. Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici Safety day 2016 AC&E s.r.l. Avv. Vania Vicentini, Ing. Andrea Mazza

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE Proc. 19 Pag. 1 di 7 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

ASCENSORI MONTACARICHI PIATTAFORME ELEVATRICI

ASCENSORI MONTACARICHI PIATTAFORME ELEVATRICI ASCENSORI MONTACARICHI PIATTAFORME ELEVATRICI (DPR 30.04.1999 n.162 e circolare del Ministero per l industria, il commercio e l artigianato 14.04.1997 n.157296) COMUNICAZIONE DI MESSA IN ESERCIZIO E RICHIESTA

Dettagli

Seminario. Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle

Seminario. Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle Seminario Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle Aspetti tecnici correlati all impiantistica ceramica Stefano

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 1 gennaio

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE PRESENTAZIONE SINTETICA IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE QUANDO ENTRA IN SCENA IL CSE COME SOGGETTO RESPONSABILE? La posizione di garanzia del coordinatore entra in vigore con il D. Legislativo 494 del

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento Ing. Laura Tomassini ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

PRINCIPALI DEFINIZIONI ATTREZZATURA DI LAVORO

PRINCIPALI DEFINIZIONI ATTREZZATURA DI LAVORO Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole La sicurezza delle macchine MODULO A Unità didattica A4.1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 PRINCIPALI DEFINIZIONI

Dettagli

Marta Dalla Vecchia - Sezione di Padova. LEGGE 123/07 MODIFICA: l art. 7 D.Lgs.. 626/94 l art. 86 del D.Lgs 163/06 PROCEDURA APPLICATIVA

Marta Dalla Vecchia - Sezione di Padova. LEGGE 123/07 MODIFICA: l art. 7 D.Lgs.. 626/94 l art. 86 del D.Lgs 163/06 PROCEDURA APPLICATIVA LEGGE 123/07 MODIFICA: l art. 7 D.Lgs.. 626/94 l art. 86 del D.Lgs 163/06 PROCEDURA APPLICATIVA CAMPO DI APPLICAZIONE ART. 7 DECRETO LEGISLATIVO 19 SETTEMBRE 1994 n. 626 Affidamento di lavori ad imprese

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE Breve sintesi della nuova normativa europea sulla sicurezza delle macchine, recepita nella legislazione nazionale A CURA DELLA REDAZIONE Metal

Dettagli

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE NUOVA DIRETTIVA D.Lgs. 17/2010 Del 27 gennaio 2010 DIRETTIVA ING. AVIO FERRARESI 2006/42/CE NUOVA DIRETTIVA ADOTTATA: 17 MAGGIO 2006 PUBBLICATA GUCE: 9 GIUGNO 2006 ENTRATA IN VIGORE: 29 GIUGNO 2006 TRASPOSIZIONE

Dettagli

Gli accordi definiscono la durata, i contenuti e le modalità della formazione da svolgere.

Gli accordi definiscono la durata, i contenuti e le modalità della formazione da svolgere. Torino, 24 gennaio 2012 Oggetto: Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n*81 NOTA INFORMATIVA Dopo quasi tre anni

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le

Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le Attenzione alla scadenza del Febbraio 2011 MANGLIONI ANTIPANICO, marcatura CE cogente Un po di storia Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le Disposizioni

Dettagli

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi SAFETY SERVICE Valutazione dei rischi AZIENDA: DATA: MACCHINA: REFERENTE (Cliente): IL TECNICO VERBALIZZANTE (Safety Service): IL RESPONSABILE TECNICO (Safety Service): IL RESPONSABILE DEL SERVICE: TRASMESSO

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI CORSO B RSPP DATORI DI LAVORO Lucca 25 Giugno 2013 D.Lgs.n.81/2008 s.m.i. - Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro e i dirigenti

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere

Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Palermo, 8-11-2013 c/o Ordine Ingegneri Palermo IL PROCESSO DI RIDUZIONE DEI

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento PREMESSA Nei cantieri EXPO sono utilizzate attrezzature di lavoro per sollevamento

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

Presse piegatrici Sicurezza e competitivita

Presse piegatrici Sicurezza e competitivita Presse piegatrici Sicurezza e competitivita Chi sa se è a norme? e se la faccio aggiornare rimarrà produttiva? Spero sia sicura! Studio Boato ing. Francesco INDICE 1. Sicurezza e competitività, un binomio

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE. Edizione 2008

Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE. Edizione 2008 Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE Edizione 2008 3 Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE Edizione 2008 4 La Direttiva Macchine: 2006/42/CE 5 Presentazione Sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

-Attrezzature di lavoro; Modulo D. Aggiornato 2013 1

-Attrezzature di lavoro; Modulo D. Aggiornato 2013 1 -Attrezzature di lavoro; -Direttiva Macchine. Modulo D Aggiornato 2013 1 D.Lgs. 81/2008 Titolo III Capo I Uso delle Attrezzature di lavoro Aggiornato 2013 2 DEFINIZIONI (art. 69 D. lgs.81/08) Agli effetti

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Data 01-03-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 8 ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Documento unico formato da 8 pagine Ddl RSPP RLS MC INDICE ISTITUTO

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 MODULO 1 Ruolo di RSPP Presentazione del corso Filippo Macaluso - Corso di formazione

Dettagli

IL TACHIGRAFO DIGITALE

IL TACHIGRAFO DIGITALE IL TACHIGRAFO DIGITALE Treviso 13 aprile 2006 Normativa Regolamento (CEE) 3821/85 Regolamento (CE) 2135/98 Regolamento (CE) 1360/2002 Regolamento (CE) n.../2006 di modifica dei regolamenti 3821/85 e 2135/98

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale VVF Taranto D.M.07/08/2012 - Con decreto del Direttore centrale per la prevenzione e sicurezza

Dettagli