Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico"

Transcript

1 Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico Amministratori del Comune di Giussano Franco Riva (sindaco) Leonardo Pellegrino (assessore alla Polizia locale, commercio e attività produttive) Roberto Soloni (assessore ai Lavori pubblici, ecologia e patrimonio) arch. Gabriele Talpo (assessore all Urbanistica ed edilizia privata) Ufficio tecnico del traffico Coordinamento: Martino De Vita (comandante del Servizio Polizia locale), geom. Felice Pozzi (responsabile del Servizio urbanistica, edilizia privata e S.U.A.P.) Collaboratori: ing. Renzo Valtorta (dirigente del Settore Tecnico), dott. Pierfrancesco Conti (responsabile del Servizio pubblica istruzione e sport), ing. Elena Griffini (responsabile del Servizio ecologia), dott. Daniele Samorè (responsabile del Servizio commercio e tributi), geom. Roberto Confalonieri (tecnico del Servizio lavori pubblici) Competenze analitiche e progettuali prof. Pier Luigi Paolillo, dott. pt. Alberto Benedetti, dott. pt. Massimo Rossati, dott. arch. Cristina Cici (coll.) Commissione Ambiente Commissione Urbanistica 29 Maggio 2007

2 Il PUT è uno strumento di programmazione dello sviluppo territoriale, per migliorare le condizioni della circolazione veicolare e della sicurezza stradale, riducendo i fattori d inquinamento acustico e atmosferico e tendendo al risparmio energetico; PUT 1997 AGGIORNAMENTO PUT 2007 Potenziamento mobilità pedonale Cooperazione da differenti settori del Comune Finalità Potenziamento mobilità ciclabile Miglioramento circolazione stradale Nuovi schemi di circolazione Individuazione di ambiti ove potenziare la sosta

3 7 Unità di Indagine a) 1, 2, 3, 4 Giussano b) 5 Robbiano c) 6 Birone d) 7 Paina Domanda mobilità Questionari popolazione residente Questionari popolazione non residente Questionario per le attività produttive I dati TARSU I dati ISTAT Rilievi sui flussi di traffico Offerta mobilità Verifica piste ciclopedonali esistenti Verifica percorsi pedonali esistenti Tracciati mezzi pubblici Disponibilità parcheggi Verifica sensi di circolazione in atto

4 Questionario popolazione residente Distribuiti a tutte le famiglie presenti sul territorio comunale, i questionari restituiti sono stati 1183 con una percentuale di risposta risulta pari al 5,18% Spostamenti nel comune di Giussano

5 Spostamenti nel comune di Giussano

6 Questionario popolazione residente Spostamenti verso altri comuni I dati ricavati dai questionari sono stati opportunamente inseriti in tabelle e trattati

7 Spostamenti verso altri comuni

8 Questionario popolazione non residente I questionari sono stati distribuiti alle aziende medio-grandi, insieme ad altri utili quesiti per un indagine ben più ampia riguardante lo stato di salute dell economia locale realizzato dalla fondazione Politecnico

9 I questionari che la Fondazione Politecnico ha distribuito non hanno fornito informazioni utili per quantificare i flussi di traffico Per far fronte a questa carenza si è reso opportuno considerare i dati Tarsu Attività Artigianali (Classe 1) Attività industriali (Classe 2) Servizi privati alle attività produttive (Classe 3) Servizi pubblici alle attività produttive (Classe 4) Terziario avanzato di carattere finanziario (Classe 5) Terziario avanzato di supporto professionale e gestionale (Classe 6) Attività di supporto alla residenza (Classe 7) Altre (Classe 8)

10 I Flussi di traffico Le 12 sezioni individuate sono ricadenti nelle vie: a) Alberto da Giussano; b) Catalani; c) Cavour; d) D Azeglio, e) Garibaldi; f) IV Novembre; g) Milano; h) Monza; i) Prealpi; l) Como; m) Lario; n) Viganò. La polizia locale ha acquisito i dati mediante strumentazione automatica dedicando 2 settimane per ogni sezione

11 I dati acquisiti per sezione e le successive elaborazioni Flussi di traffico nel periodo lavorativo per veicoli leggeri e pesanti Le tabelle di dati iniziali

12 Flussi di traffico nel periodo non lavorativo per veicoli leggeri e pesanti Volumi di traffico totale per sezione di rilevamento In particolare la sezione 3 e 11 con flussi veicolari rispettivamente di e unità sono le principali porte di accesso/uscita del territorio comunale

13 Confronto con i dati rilevati nel 1997 Dalla tabella sopra riportata possiamo sostenere che: i) le sezioni 3 e 11 presentano, per alcuni orari e per alcune direzioni, incrementi di traffico di oltre il 200%; ii) le sezioni 3, 4 e 11 presentano un incremento che varia dal 100% al 200%; iii) le sezioni 2, 5, 6 e 12 presentano delle diminuzioni di traffico con una forbice tra il 10% e il 31% I dati sono relativi a particolari orari della giornata

14 Considerazioni sui flussi di traffico i) i flussi veicolari leggeri e pesanti in entrata al territorio comunale sono maggiori di quelli in uscita e da tale differenza si può ipotizzare che Giussano richiama un maggior numero di lavoratori rispetto a quelli che lasciano il territorio nelle ore di punta; ii) le sezioni caratterizzate da un maggior numero di spostamenti nei giorni lavorativi sono la 1, 3, 9 e 11, per i quali assi stradali è necessario adottare tutte quelle tecniche che consentono di ottimizzare la sicurezza stradale anche per la popolazione debole; iii) i nodi contraddistinti da un maggior flusso di veicoli nei periodi non lavorativi, sono le sezioni 2, 3 e 12; iv) la sezione 3 e 11 assorbono il maggior numero di veicoli nell arco della settimana; v) per quanto riguarda gli spostamenti interni la sezione 10 prima e 4 poi sono i nodi per i quali di manifestano i maggiori flussi di traffico; vi) nel corso dei 9 anni che ci separano dal Put 1997 gli aumenti di traffico più consistenti si verificano nella via Prealpi (sezione 3) e la via Lario (sezione 11). A seguito di queste considerazione è possibile constatare come la sezione 3 e la sezione 11 sostengono buona parte degli spostamenti veicolari che si manifestano sul territorio comunale. Tali sezioni devono quindi poter essere adeguatamente ottimizzate sia per evitare inutili e pericolose intersezione tra differenti tipi di traffico (veicolare, pedonale, ciclo-pedonale) sia per aumentare quanto più possibile la fluidità del traffico.

15 I principali generatori di traffico (residenziale / produttivi) f

16 I dati Istat (Regione Lombardia) Matrice O-D Origine Giussano Destinazione giussano

17 Dall indice di attrazione si può constatare che il territorio di Giussano, soprattutto negli ultimi anni ha aumentato il suo potere attrattivo, un potere che evidentemente deve essere adeguatamente gestito per evitare incontrollati sviluppi urbanistici e tale da garantire un elevato benessere sociale alla popolazione residente. A tal proposito risulta di fondamentale importanza la coerenziazione di questo strumento con il Piano di Governo del territorio in fase di redazione e capace di accogliere nel suo seno le indicazioni di carattere viabilistico in grado di fluidificare la circolazione viaria.

18 Individuazione dell offerta di mobilità Percorsi pedonali esistenti Percorsi ciclabili esistenti I mezzi pubblici a) la linea H 325 del C.T.N.M. Spa Desio Seregno - Giussano; b) la linea 721 dell A.T.M. Spa Sesto San Giovanni stazione FS Monza - Carate Brianza Giussano. c) I mezzi di trasporto per l attività scolastica e il bus a chiamata d) Il sistema ferroviario regionale - LeNORD

19 Provvedimenti per il miglioramento della viabilità pedonale Le indicazioni sono precise e puntuali e derivano da un rilievo diretto effettuato sul territorio da parte dell ufficio tecnico In particolare gli interventi di potenziamento della viabilità pedonale interessa le seguenti vie: 1) Alberto da Giussano (lato sx direzione nord); 2) General Cantore (lato sx direzione via Viganò, due tratti per il completamento del collegamento tra il centro di Giussano e l area Laghetto)

20 La zona a traffico limitato e aree pedonali L istituzione di una ZTL prevede: i)precedenza generalizzata per i pedoni ii) limite di velocità pari a 30Km/h ii)tariffazione totale o parziale della sosta sugli spazi pubblici stradali (disciplina differenziata per i residenti) iii)schema di circolazione tale minimizzare, l attraversamento veicolare L istituzione dell Area pedonale che spazia dall incrocio di Via Silvio Pellico con Alberto da Giussano, fino a piazza Roma, compresa Piazza San Giacomo e via dell Addolorata è un progetto a lungo termine da verificare con il progetto definitivo del PP1 (Possibilità di chiusura parziale in caso di necessità) e relativa predisposizione dei nuovi sensi di circolazione

21 Provvedimenti per il miglioramento della viabilità ciclabile

22 Nei percorsi promiscui si adotteranno segnaletiche orizzontali (ove possibile) e verticali per evidenziare la presenza della pista ciclopedonale

23 Per realizzare la pista ciclabile in via Petrarca / Giordano è necessario l imposizione di un senso unico e a tal fine si sono effettuate analisi dettagliate sui volumi esistenti e predisposto apposite simulazioni di traffico Nuova campagna di acquisizione dati mediante strumentazione elettronica da parte della Polizia Locale

24 Realizzazione del grafo stradale per la simulazione dei flussi

25 Lo stato di fatto e l indice di saturazione

26 La matrice di valutazione Obbiettivo: determinare il miglior scenario che garantisca l attuazione del senso unico nord sud l ungo il tratto avente come estremità i nodi 2-34 (via Massimo D Azzeglio, via Giordano Bruno e parte di via Francesco Petrarca) e successiva realizzazione della pista ciclo pedonale.

27

28 Lo scenario D e il relativo indice di saturazione

29 Alcune osservazioni sulla viabilità locale A livello viabilistico solo a a valle dell apertura del tratto di via della tecnica e relativa rotatoria sul Viale Como è possibile procedere alla realizzazione del senso unico su via Petrarca, Giordano. Ulteriori considerazioni sul miglioramento dell offerta viabilistica 1) Il potenziamento di via Matteotti, Bixio e relativo collegamento con via della Tecnica e via Nenni, deve essere effettuato in modo tale da evitare il passaggio di mezzi pesanti nonché la catalizzazione dei flussi di traffico provenienti dai comuni vicini e tali da dividere il due la città di Giussano 2) Riqualificazione dell incrocio tra le vie Vigano e General Cantore e dell incrocio tra le vie Vigano e Tofane 3) Riqualificazione dell incrocio tra via Trieste, via Udine e via Di Vittorio (incrocio delle 5 strade) 4) Potenziamento del collegamento tra via Venezia e la nuova rotatoria posta su viale Como 5) Riqualificazione di via IV novembre 6) Adeguamento dell intersezione delle vie Udine e IV Novembre

30 Ridefinizione dei sensi di circolazione I sensi di circolazione ipotizzati a Giussano dovranno essere convalidati a valle del progetto definitivo del PP1, sulla base del quale verranno effettuati approfondimenti relativi alla viabilità con Piani Particolareggiati e quantificazione puntuale dei flussi mediante modelli di simulazione

31 Le aree per la sosta L analisi sulle aree a parcheggio è stata mutuata dal Piano dei servizi di recente approvazione. Si sono considerate tutte le aree che svolgono la funzione di parcheggio in quanto tutte forniscono un servizio alla popolazione. Ci si riserva la possibilità di disciplinare differentemente le aree coinvolte. Residenziale Produttivo Commerciale

32 La sosta regolamentata come risposta immediata alla domanda di parcheggi Parcheggi a pagamento Giussano: i) piazza Roma; ii) piazza San Giacomo; iii) via Alberto da Giussano (tratto compreso tra via Silvio Pellico e piazza San Giacomo); iv) via Silvio Pellico; v) piazza San Carlo; vi) via Vittorio Emanuele; vii) piazza Lombardi; viii) via Umberto I; ix) via Piola Parcheggi a pagamento Paina: i) via IV Novembre (tratto da via L. Da Vinci a via Certosini) Parcheggi a sosta regolamentata con disco orario a Giussano: i) via Addolorata, ii) via Garibaldi; iii) via Piave; iv) via Piola; v) via Cavera (tratto a senso unico); vi) via Aliprandi; vii) via Savio; viii) via Cavour (da piazza Roma a piazza della Repubblica); ix) via XXV aprile; x) via Oberdan; xi) via Carroccio; xii) via Cantore Parcheggi a sosta regolamentata con disco orario a Robbiano: i) Piazza Cadorna; ii) Via Battisti Parcheggi a sosta regolamentata con disco orario a Birone: i) via Catalani; ii) piazza Carducci; iii) via Leopardi; iv) via Gozzano. Parcheggi a sosta regolamentata con disco orario a Paina: i) via IV Novembre; ii) piazza Sauro

33 In particolare la definizione di nuove aree per la sosta per far fronte alle esigenze della popolazione residente, deve riguardare prioritariamente le UUI 4, 6, 8, 11, 14, 15, e 17 anche se si rinvia a progetti esecutivi la definizione delle modalità per l acquisizione e realizzazione di tali aree Per UUI 4 è necessario valutare il grande richiamo di persone generato dall area laghetto soprattutto nei mesi estivi. La localizzazione di parcheggi deve avvenire in stretto rapporto con il PGT

34 Gli interventi proposti per l attuazione del Put nel capoluogo Giussano G1) asfaltatura e potenziamento di via Matteotti (su tale via dovranno inoltre essere messe in opera tutti quei provvedimenti tali da evitare la circolazione dei mezzi pesanti); G2) riqualificazione dell incrocio tra via Matteotti, via Bixio e via della Tecnica (riqualificazione che potrà trovare luce mediante la realizzazione di una nuova rotatoria); G3) completamento dell asfaltatura su via Bixio; G4) prolungamento di una linea urbana fino alla stazione ferroviaria di Carugo Giussano (da definire con gli enti gestori del servizio) G5) sistemazione e/o potenziamento del parcheggio esistente in prossimità della stazione ferroviaria (azione da concordarsi con il comune di Carugo); G6) realizzazione e/o potenziamento tratto di marciapiede su via Alberto da Giussano, General Cantore, Pontida, San Domenico Savio, Rimembranze, Fermi, Caimi; Massimo d Azeglio; G7) potenziamento del calibro stradale di via Nenni tra la via Milano e la via Massimo d Azeglio e contestuale realizzazione di marciapiede e pista ciclo-pedonale; G8) realizzazione di percorsi ciclabili e in particolare dell anello 1, 2, 3, 4 oltre al vicolo S. Luigi, e alle vie Parini, Silvio Pellico, Cavera, Massimo d Azeglio (tratto mancante), Piazza Roma, Borella, Piazza San Carlo, Umberto I, Caimi, Rimembranze (fino a via prealpi), Pastore, Nenni. G9) istituzione della Zona a traffico limitato che interessa anche parzialmente le vie Piola, Cavera, Addolorata, San Domenico Savio, XXV Aprile, Vittorio Emanuele, Umberto I, Rimembranze, Aliprandi, Martiri Della Libertà, Silvio Pellico, piazza San Giacomo, Alberto da Giussano, Parini, Garibaldi, Cavour, Pontida, piazza Roma, piazza San Carlo, Borella, Oberdan, Carroccio. G10) istituzione dell Area pedonale che spazia dall incrocio di Via Silvio Pellico con Alberto da Giussano, fino a piazza Roma, compresa Piazza San Giacomo e via dell Addolorata. (l istituzione definitiva è un progetto a lungo termine, inizialmente questi tratti di strade saranno a traffico limitato e verranno adibite ad Area pedonale in casi particolari) G11) istituzione e/o riconferma dei parcheggi a pagamento nei seguenti ambiti i) piazza Roma; ii) piazza San Giacomo; iii) via Alberto da Giussano (tratto compreso tra via Silvio Pellico e piazza San Giacomo); iv) via Silvio Pellico; v) piazza San Carlo; vi) via Vittorio Emanuele; vii) piazza Lombardi; viii) via Umberto I

35 G12) regolamentazione della sosta nei seguenti vie: i) via Addolorata, ii) via Garibaldi; iii) via Piave; iv) via Piola; v) via Cavera (tratto a senso unico); vi) via Aliprandi; vii) via Savio; viii) via Cavour (da piazza Roma a piazza della Repubblica); ix) via XXV aprile; x) via Oberdan; xi) via Carroccio G13) realizzazione di nuovo parcheggio all interno del piazzale della chiesa di Giussano G14) potenziamento dei parcheggi nelle UUI 6, 8 (intervento da coerenziarsi con il Pgt) G15) riqualificazione dell incrocio tra le vie Vigano e General Cantore e dell incrocio tra le vie Vigano e Tofane. Gli interventi proposti per l attuazione del Put nella frazione di Robbiano R1) nuovo punto di fermata della linea 721 dell ATM da definirsi; R2) completamento della rete pedonale in via Don Gnocchi, Stradivari, Toscanini e Donizzetti, Cilea, Pascoli R3) realizzazione dei percorsi ciclabili e in particolare dell anello 5, 6 e 7 R4) regolamentazione della sosta nelle vie: i) Battisti: ii) Piazza Cadorna; R5) potenziamento parcheggi UUI 11, 14 e 15 (intervento da coerenziarsi con il Pgt) Gli interventi proposti per l attuazione del Put nella frazione di Birone B1) realizzazione di nuovo arco di via tra la via dell artigianato e la nuova rotatoria posta su viale Como; B2) potenziamento del trasporto pubblico per i servizi scolastici; B3) potenziamento della rete pedonale nelle vie Giordano, Petrarca, Catalani, Puccini, Pascoli e Donizzetti; Pola; B4) realizzazione dei un nuovo percorso ciclabile sulle vie Giordano e Petrarca; B5) regolamentazione della sosta nelle vie: i) via Catalani; ii) piazza Carducci; iii) via Leopardi; iv) via Gozzano. B6) potenziamento parcheggi UUI 17 (intervento da coerenziarsi con il Pgt)

36 Gli interventi proposti per l attuazione del Put nella frazione di Paina P1) realizzazione della rotatoria su Viale Como in prossimità del confine con Mariano Comense; P2) riqualificazione dell incrocio tra via Trieste, via Udine e via Di Vittorio (incrocio delle 5 strade); P3) potenziamento del collegamento tra via Venezia e la nuova rotatoria posta su viale Como; P4) riqualificazione di via IV novembre; P5) adeguamento dell intersezione delle vie Udine e IV Novembre; P6) potenziamento della rete pedonale nelle vie Como, Lario, Sempione, Salvo d Acquisto, Grandi, IV Novembre, Brianza; Statuto, Pola, Fiume, Monte Grappa, Vicenza, Padova, Bolzano, F.lli Rosselli, Corridoni, Udine, Mantova, Ticino, Giusti; Trieste, Verdi; P7) realizzazione di un percorso ciclabile sul viale Como e Lario e sulle vie Statuto, Po, IV Novembre oltre che la realizzazione dell anello 8. P8) regolamentazione della sosta nelle vie: i) via IV Novembre; ii) piazza Sauro

37 Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico Commissione Ambiente Commissione Urbanistica 29 Maggio 2007

2. I rilievi sui flussi di traffico

2. I rilievi sui flussi di traffico 41 2. I rilievi sui flussi di traffico La definizione dei flussi di traffico può avere luogo attraverso lo studio delle dinamiche che si manifestano sul territorio comunale; nei tempi recenti, i più moderni

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE

Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE Assetto attuale della circolazione Configurazione della rete stradale allo stato di fatto (dettaglio Via Martiri della Resistenza) Configurazione della

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L.

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. COMUNE DI TERMOLI Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. VIABILITA CENTRO CITTADINO SISTEMAZIONE PARCHEGGI RELAZIONE DATA MARZO 2007 REDAZIONE

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 21... 6 1.1.1 Sezione 1 Via Milanese... 7 1.1.2 Sezione 2 Via Carducci... 8 1.1.3 Sezione 3 Via Marelli nord... 9 1.1.4 Sezione 4 Via Fiume... 1 1.1.5

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere.

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere. SNTESI QUARTIERI CHIAVRIS, PADERNO, MOLIN NUOVO, ANCONA AVVERTENZE GENERALI Si precisa che i report degli incontri della fase di ascolto sono stati elaborati sulla base delle annotazioni che l Ufficio

Dettagli

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA Sommario 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 3. VINCOLI PROGETTUALI... 3 4. METODOLOGIA E PROCEDURA... 3 5. ELABORATI DEL PROGETTO... 5 6. CONCLUSIONI... 6 1. PREMESSA Il Nuovo Codice della Strada

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE SEMS,

MOBILITÀ SOSTENIBILE SEMS, MOBILITÀ SOSTENIBILE SEMS, società del Gruppo FNM, ha sviluppato in Lombardia a partire dal 2005 una importante esperienza nel settore della mobilità sostenibile con un approccio fortemente orientato al

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta N. del Reg. 447 Comune di Sassari Deliberazione della Giunta OGGETTO PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO - ADOZIONE L anno duemilaotto addì ventotto del mese di novembre in questo comune, nella sala delle

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

0. Premessa..pag. 2. 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4. 2. Il quadro delle azioni..pag.

0. Premessa..pag. 2. 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4. 2. Il quadro delle azioni..pag. 1 Indice dati generali: 0. Premessa..pag. 2 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4 2. Il quadro delle azioni..pag. 9 3. Verifiche percorrenze e generazione

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO. PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale

COMUNE DI BRUGHERIO. PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale COMUNE DI BRUGHERIO PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale Maggio 2015 1. PREMESSA 1.1 Obiettivi, Contenuti e Metodologia del PGTU 1.2 Banche Dati di Riferimento 1.2.1 Indagini di

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE

PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE Torino, 6 aprile 2004 PUT 2001 Il nuovo Piano Urbano dei Traffico (P.U.T. 2001), approvato dal Consiglio Comunale il 19.06.2002, ha previsto nel documento

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Provvedimenti di adozione e approvazione:

Provvedimenti di adozione e approvazione: Provvedimenti di adozione e approvazione: Delibera n.161 d'ordine della GIUNTA COMUNALE assunta nella seduta del 12 marzo 2002, pubblicata all'albo Pretorio per quindici giorni consecutivi dal 18/03/2002

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Indirizzo circa la soluzione viabilistica in via Brescia e comparto Via Esilde Soldi-Via Francesco Soldi e via Persico

Indirizzo circa la soluzione viabilistica in via Brescia e comparto Via Esilde Soldi-Via Francesco Soldi e via Persico Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 177 30 settembre 2015 Oggetto : Indirizzo circa la soluzione viabilistica in via Brescia e comparto Via Esilde Soldi-Via

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Un nuovo futuro per Desio

Un nuovo futuro per Desio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del PGT e del PGTU del Comune di Desio Mobilità sostenibile: ciclabilità paolo.pileri@polimi.it luca.tomolo@gmail.com Paolo Pileri Diana Giudici Luca Tomasini dianagiudici@gmail.com

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO Relazione Tecnica COMUNE DI POGGIBONSI PIANO STRUTTURALE APPROVAZIONE 1 Indice generale 1Premessa... 3 2Indagini conoscitive...4 2.1Rilievi di traffico...4 2.2Rilievi

Dettagli

AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA. Zone di interesse pubblico. Zone di valore paesistico-ambientale. Aree di rispetto cimiteriale

AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA. Zone di interesse pubblico. Zone di valore paesistico-ambientale. Aree di rispetto cimiteriale RIEPILOGO STATO DI FATTO Legenda PROPRIETA IMPIANTI Proprietà comunale Proprietà Enel So.l.e. AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA Aree verdi Zone residenziali Zone di interesse pubblico Zone produttive Zone

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO 2015-2016 IL NUOVO PIANO IN CENTRO STORICO Una scelta, una nuova vivibilità Obiettivi maggiore vivibilità del centro storico, recuperare e riorganizzare gli spazi del centro, rigenerazione urbana e ampliamento

Dettagli

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational. ABACO Provincia di Como urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.it - collaboratori Battistessa Arch.Pt. Sara Gianatti

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

Programma Urbano Mobilità

Programma Urbano Mobilità Programma Urbano Mobilità Interventi 2004-2006 Parte 3 GRADAZIONE PRIORITA La graduazione delle priorità! La sintesi tra l analisi della situazione attuale della mobilità, le sue necessità di incremento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75/2015 DEL 24/04/2015

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75/2015 DEL 24/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75/2015 DEL 24/04/2015 L anno DUEMILAQUINDICI il giorno 24 del mese di aprile la Giunta comunale. alle ore 08:45 si è riunita nell apposita Sala Sono presenti ed

Dettagli

SEGNALETICA STRADALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE ED IL SOSTEGNO AL TURISMO ED AL COMMERCIO LOCALE.

SEGNALETICA STRADALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE ED IL SOSTEGNO AL TURISMO ED AL COMMERCIO LOCALE. SEGNALETICA STRADALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE ED IL SOSTEGNO AL TURISMO ED AL COMMERCIO LOCALE Giugno 2010 TES s.a.s. di NERI Stefania & C. Via S. Antonio da Padova, 1-10121 TORINO

Dettagli

Comitato Civico Cassina

Comitato Civico Cassina «O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere.» (Ernesto Guevara de la Serna) LA SITUAZIONE: Via Roma taglia l abitato di Cassina de Pecchi che non

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SETTORE 3 GOVERNO E GESTIONE DEL TERRITORIO

SETTORE 3 GOVERNO E GESTIONE DEL TERRITORIO SETTORE 3 GOVERNO E GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio Tecnico 21/09/2012 LA VIABILITA DI MONTEBELLUNA Montebelluna è un comune italiano di circa 32.000 abitanti della Provincia di Treviso. L'espansione urbana

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

CITT A DI SESTO S. GIOVANNI

CITT A DI SESTO S. GIOVANNI CITT A DI SESTO S. GIOVANNI PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO ALLEGATO DATI RILIEVI CONTEGGI CLASSIFICATI DEI FLUSSI DI TRAFFICO Sezione 1 Strada Via Carducci giorno di rilievo Tratto Via Milanese - Via

Dettagli

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Pag. 0 di 28 Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Bresso (Sala Consiglio) - 8.04.2008 Pag. 1 di 28 Intese e Quadro programmatico Accordo tra Regione, e Comuni in ordine alla riqualificazione della

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Provincia di Lecco. 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SETTORE POLIZIA LOCALE N. 80 DEL 16-05-2013

Provincia di Lecco. 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SETTORE POLIZIA LOCALE N. 80 DEL 16-05-2013 Comune di Oggiono Provincia di Lecco 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 COPIA ORDINANZA DEL SETTORE POLIZIA LOCALE N. 80 DEL 16-05-2013 OGGETTO: ORDINANZA CONFERMATIVA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE

Dettagli

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU DISCIPLINARE DI INCARICO DI SUPPORTO AGLI UFFICI TECNICI PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO E PER LA VALUTAZIONE DI INSERIMENTO DI NUOVE STRUTTURE COMMERCIALI SUL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA Il presente progetto è relativo all attuazione delle previsioni del PGT vigente relativamente all AREA B9 (area di concentrazione

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda»

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Settore Urbanistica Operativa, Mobilità e Viabilità Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Premessa Si intende realizzare

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE di Pesaro COPIA N. di Documento 859272 N. della deliberazione 72 Data della deliberazione 18/03/2008 Allegati n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RIORGANIZZAZIONE E AGGIORNAMENTO

Dettagli

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN π POLINOMIA ingegneria dei trasporti e matematica applicata via Carlo Poerio, 41-20129 Milano - Italy telefono 02-20404942 segreteria@polinomia.it Modello di micro simulazione del traffico Cosa è la micro

Dettagli

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico 3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico La Lr. 12/2005 per il governo del territorio individua

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

Comune di Merone, Servizio tecnico Via Appiani, 22 Merone (Co) Dipartimento di Architettura e Pianificazione Via Bonardi, 3 Milano

Comune di Merone, Servizio tecnico Via Appiani, 22 Merone (Co) Dipartimento di Architettura e Pianificazione Via Bonardi, 3 Milano 1 Comune di Merone, Servizio tecnico Via Appiani, 22 Merone (Co) Dipartimento di Architettura e Pianificazione Via Bonardi, 3 Milano Convenzione stipulata tra il Comune di Merone e il Politecnico di Milano

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ BERTESINA BERTESINELLA SETTECA STANGA

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ BERTESINA BERTESINELLA SETTECA STANGA TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ BERTESINA BERTESINELLA SETTECA STANGA INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille.

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille. 33. Sistema AMBIENTE Sub sistema: Rumore La Regione Toscana ha emanato a più riprese norme che incidono sistematicamente sulle varie fonti potenziali e sui requisiti per le opere di mitigazione e/o limitazione

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma.

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma. Protocollo RC n. 5798/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì ventotto del mese di marzo, alle ore

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CREMONA

PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CREMONA PROVINCIA DI CREMONA UFFICIO TECNICO SETTORE PROGRAMMAZIONE E INFRASTRUTTURE STRADALI U.O. Realizzazione Infrastrutture Stradali e Servizi Autorizzativi COMUNE DI CREMONA Settore Lavori Pubblici e Mobilità

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA. Elenco aree

COMUNE DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA. Elenco aree Prot. N. 9661 del 23/03/2015 COMUNE DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA Elenco aree OGGETTO : SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA VERDE PUBBLICO SFALCIO AREE PIANE CON MULCHING, ANNO 2015. COMMITTENTE :

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

Oggetto: L isola ambientale del quartiere Isola: Pedonalizzazione del cavalcavia Bussa e protezione dai flussi veicolari di attraversamento.

Oggetto: L isola ambientale del quartiere Isola: Pedonalizzazione del cavalcavia Bussa e protezione dai flussi veicolari di attraversamento. SETTORE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE MOBILITÀ E TRASPORTO PUBBLICO DIREZIONE Servizio Mobilità Sostenibile Oggetto: L isola ambientale del quartiere Isola: Pedonalizzazione del cavalcavia Bussa e protezione

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO Provincia di Arezzo Registro degli Atti del Sindaco N. 22 del 01/09/2014 OGGETTO: REGOLAMENTAZIONE DEL DIVIETO DI SOSTA PER CONSENTIRE LO SPAZZAMENTO MECCANIZZATO DELLE

Dettagli

Cronologia progetto Tempi della scuola

Cronologia progetto Tempi della scuola Progetto pilota Tempi della Scuola Cronologia progetto Tempi della scuola progettazione studi attuazione gennaio 1998 marzo - aprile 1998 aprile 1998 Interviste a sindaco, assessori, segretario comunale

Dettagli

Ordinanza n 769 del 31/07/2014 Il Comandante Territoriale OGGETTO: ISTITUZIONE DELLA Z.T.L. ESTIVA A CASCIANA TERME

Ordinanza n 769 del 31/07/2014 Il Comandante Territoriale OGGETTO: ISTITUZIONE DELLA Z.T.L. ESTIVA A CASCIANA TERME Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme Lari, Chianni, Lajatico, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, Santa Maria a Monte e Terricciola Zona Valdera - Provincia di Pisa

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Progettazione della mobilità urbana

Progettazione della mobilità urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA. Ordinanza del Dirigente n. 260 del 10/09/2015

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA. Ordinanza del Dirigente n. 260 del 10/09/2015 COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via Marcello Provenzali, 15-44042 Cento (FE) www.com une.cento.fe.it - comune.cento@cert.comune.cento.fe.it Originale SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Ordinanza del Dirigente

Dettagli

AREA SASSI. Sistemazione dell area ubicata in strada Mongreno di fronte al civico 79. Sistemazione generale di Strada Comunale di Sassi.

AREA SASSI. Sistemazione dell area ubicata in strada Mongreno di fronte al civico 79. Sistemazione generale di Strada Comunale di Sassi. AREA SASSI Strada Mongreno limitazione della velocità dei veicoli Strada Mongreno nel suo percorso all interno dell abitato di Sassi insistono una scuola materna e una elementare, è una via particolarmente

Dettagli

REGOLAMENTO ZONA CONTROLLO SOSTA (ZCS)

REGOLAMENTO ZONA CONTROLLO SOSTA (ZCS) REGOLAMENTO ZONA CONTROLLO SOSTA (ZCS) (Approvato con D.G. n. del.) 1. STRADE DEL CENTRO: v. Sanzio (da v. A. di Cambio a v. Fattori); v. Brunelleschi (da v. A. di Cambio a v. Fattori); v. Fattori (da

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO ZONA CONTROLLO SOSTA (ZCS)

REGOLAMENTO ZONA CONTROLLO SOSTA (ZCS) REGOLAMENTO ZONA CONTROLLO SOSTA (ZCS) (Approvato con D.G. n. del.) 1. STRADE DEL CENTRO: v. Sanzio (da v. A. di Cambio a v. Fattori); v. Brunelleschi (da v. A. di Cambio a v. Fattori); v. Fattori (da

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Numero civico, strada o piazza, codice postale, città, paese Telefono / cellulare Fax E-mail Nazionalità

Dettagli

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Città di Messina Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Conferenza stampa di presentazione del sistema Si.D.U.M.Me Indice «Europa 2020» Infomobilità cittadina

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO Settore Lavori pubblici e Viabilità Unità di Staff Viabilità etrasporti ORDINANZA N. 289 / 2014 IL DIRIGENTE ORDINA

CITTA DI VIGEVANO Settore Lavori pubblici e Viabilità Unità di Staff Viabilità etrasporti ORDINANZA N. 289 / 2014 IL DIRIGENTE ORDINA COPIA DELL ORIGINALE Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2, del D.Lgs. n.39/1993. L originale è agli atti dell Ente. CITTA DI VIGEVANO Settore Lavori pubblici e Viabilità

Dettagli