ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne"

Transcript

1 ALLEVAMENTI AVICOLI

2 ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

3 ALLEVAMENTO AVICOLO Le caratteristiche dell allevamento di tipo tradizionale sono: Razze autoctone Allevamento allo stato libero Alimentazione a base di granaglie Riproduzione stagionale Cova naturale

4 ALLEVAMENTO AVICOLO Le caratteristiche dell allevamento di tipo intensivo sono: Allevamento a terra Allevamento al chiuso o in batteria Alimentazione a base di mangimi bilanciati Riproduzione annuale Cova artificiale

5 POLLO DA CARNE Il broiler, pollo da carne, è caratterizzato da una notevole massa corporea e da un ottimo indice di crescita che raggiunge già a 42 giorni. Vengono distinte tre tipologie con destino differente a seconda del peso raggiunto Rosticceria giorni ( g) Broiler Macelleria 56 giorni ( g) Galletti 28 giorni ( g)

6 ALTRE TIPOLOGIE DI POLLO DA CARNE Leggeri Ruspanti 46 giorni ( g) Ruspantini giorni ( g) Campagnolo 80 giorni ( )

7 Tecnica di allevamento: a terra su lettiera Buone condizioni igienico-sanitarie Gruppi di animali omogenei Vuoto sanitario tra un gruppo di animali e l altro (pausa)

8 E il risultato finale di un metodo di produzione che utilizza tecniche molto vicine a quelle tradizionali basato su concetti di: - rispetto dell ambiente attraverso l osservanza di - disciplinari di produzione fissati dalla normativa europea e codificati dalle norme nazionali e sottoposti a - controlli di metodo e di prodotto ALLEVAMENTO BIOLOGICO Regolamento CE N.834/2007 Relativo alla produzione biologica ed all etichettatura dei prodotti biologici

9 ALLEVAMENTO BIOLOGICO Animali allevati a terra Ricoveri coperti Libero accesso all aperto su spazi erbosi Ciclo di vita scandito dalla luce solare

10 ALLEVAMENTO BIOLOGICO Alimentazione con alimenti biologici costituiti da materie prime vegetali Alimenti e materie prime dei mangimi prodotti senza l utilizzo di Organismi Geneticamente Modificati

11 ALLEVAMENTO BIOLOGICO Gli animali vengono macellati ad un età minima: - Pollo 81 giorni - Capponi 150 giorni - Faraone 94 giorni - Tacchini ed oche 140 giorni

12 Allevamento in gabbia - ovaiole Decreto legislativo 29 luglio 2003 n 267 Attuazione delle Direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di allevamento Fino al 2011 non più di 12 galline/m 2 Livello sonoro ridotto al minimo Dopo il 2011 non più di 9 galline/m 2 Evitati i rumori di fondo o improvvisi Ogni gallina ovaiola deve disporre di almeno 550 cm 2 di superficie della gabbia Registrazione Allevamenti - Comunicazione al Servizio Veterinario dell ASL: Allevamento - Nome dell allevamento Indirizzo Proprietario/Detentore

13 Allevamento in gabbia - ovaiole Decreto legislativo 29 luglio 2003 n 267 Attuazione delle Direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di allevamento Gabbie dotate di posatoio nido area con lettiera di almeno 750 cm 2 /gallina Livello sonoro ridotto al minimo Evitati i rumori di fondo o improvvisi Registrazione Allevamenti Comunicazione al Servizio Veterinario dell ASL: Allevamento - Nome dell allevamento Indirizzo Proprietario/Detentore

14 Allevamento a terra - ovaiole 6 ovaiole/m 2 di suolo per ovaiole di peso superiore a 2Kg lo spazio è circa il 15% in più massimo ovaiole per capannone La lettiera è costituita da trucioli di legno e pula di grano Somministrazione di mangime automatizzata Condizioni ambientali di temperatura ed illuminazione controllate

15 Allevamento all aperto - ovaiole L area all aperto è nelle vicinanze del pollaio L uscita all aperto è garantita illimitatamente ogni giorno Gli abbeveratoi sono distribuiti uniformemente su tutta la superficie all aperto

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE SINTESI NON TECNICA A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE DESCRIZIONE INTERVENTO L allevamento è ubicato nel comune di Concamarise via Fondo 16. I capannoni insistono sui

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione. Prevenire le uova a terra

Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione. Prevenire le uova a terra Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione Prevenire le uova a terra Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione Prevenire le uova a terra Perché le uova a terra sono un problema? Le uova deposte

Dettagli

- Mangime accrescimento: 4-10 settimane (5-10/11 climi caldi) - Mangime pollastre: 10-15/16 settimane

- Mangime accrescimento: 4-10 settimane (5-10/11 climi caldi) - Mangime pollastre: 10-15/16 settimane Pollo012-3 -PUNTI ESSENZIALI OBIETTIVO Rispetto norme di accrescimento e di omogeneità es. g xxxx±xx ( vedi ISABrown) Sviluppo apparato digerente Condizioni di svezzamento densità ad età dello sfoltimento

Dettagli

Avicoltura biologica: razze locali, razze a lento accrescimento o ibridi commerciali

Avicoltura biologica: razze locali, razze a lento accrescimento o ibridi commerciali Ciò che più sbalordisce è comunque il concetto di razze o ceppi ad accrescimento lento visto dal legislatore comunitario. Al punto 6 del regolamento vengono esaminati i metodi di gestione Avicoltura biologica:

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

Miglioramento delle condizioni di benessere del pollo da carne ed effetti su performance e qualità del prodotto

Miglioramento delle condizioni di benessere del pollo da carne ed effetti su performance e qualità del prodotto XLV Fiera avicola Gestione della pollina nell allevamento avicolo a terra Forlì, 27 settembre 2007 Miglioramento delle condizioni di benessere del pollo da carne ed effetti su performance e qualità del

Dettagli

Allevamento del pollo da carne. Accrescimento. Accrescimento Ingrasso

Allevamento del pollo da carne. Accrescimento. Accrescimento Ingrasso Pollo013-1 Allevamento del pollo da carne Fase calda Accrescimento I pulcini non sono in grado di termoregolarsi fino alla 4 a -5 a settimana fase fredda Accrescimento Ingrasso Condizioni ottimali durante

Dettagli

REGISTRO DELLE LEZIONI 2005/2006. Tipologia. Addì 13-10-2005. Tipologia. Addì 25-10-2005. Tipologia. Addì 08-11-2005

REGISTRO DELLE LEZIONI 2005/2006. Tipologia. Addì 13-10-2005. Tipologia. Addì 25-10-2005. Tipologia. Addì 08-11-2005 Introduzione al corso - Importanza dell'alimentazione per le specie di interesse zootecnico - Significato di Alimenti e loro principali caratteristiche - Il valore nutritivo Strategie alimentari e tecniche

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po

SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po Oggetto di valutazione è l'ampliamento di un allevamento zootecnico intensivo di avicoli allevati su lettiera permanente.

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

La filiera avicola convenzionale e biologica

La filiera avicola convenzionale e biologica La filiera avicola convenzionale e biologica Dott. Renzo Galli Padova 06/07/06 ORGANIZZAZIONE DELLA FILIERA AVICOLA PER LA PRODUZIONE DI CARNE GRAN PARENTS PARENTS INCUBATOIO ALLEVAMENTI COMMERCIALI MANGIMIFICIO

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

AviagenBrief. Sommario. Persistenza post picco nelle femmine Gestione fertilità e produzione. Maggio 2013

AviagenBrief. Sommario. Persistenza post picco nelle femmine Gestione fertilità e produzione. Maggio 2013 AviagenBrief Maggio 2013 Persistenza post picco nelle femmine Gestione fertilità e produzione Michael Longley, Global Technical Transfer Manager Sommario Introduzione Il numero dei pulcini risulta spesso

Dettagli

L'ALLEVAMENTO DELLE GALLINE OVAIOLE Premessa Ogni anno sul territorio dell'unione Europea vengono allevate oltre 400 milioni di galline ovaiole, circa il 68% delle quali sono tenute nelle gabbie organizzate

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione SCHEDA TECNICA N. 1 relativa al progetto di Porcilaia di gestazione Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Porcilaia per la fase di

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo ...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo MANGIMIFICIO VITAVERDE 1200 mq DI AREA COPERTA SEDE DI DISTRIBUZIONE 5000 mq DI AREA COPERTA E 23.000 mq DI SCOPERTA...DAL 1964 CON PASSIONE

Dettagli

Etichettatura degli alimenti e produzioni

Etichettatura degli alimenti e produzioni Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti RINTRACCIABILITA

Dettagli

DIRETTIVA 2007/43/CE DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2007/43/CE DEL CONSIGLIO 12.7.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 182/19 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/43/CE DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione

Dettagli

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 4 9

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 4 9 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Forlì Cesena C.so della Repubblica, 5 47100 Forlì tel. 0543 713111 C.C.P. n. 16559478 Sito web: http://www.fo.camcom.it e-mail: segreteria.generale@fo.camcom.it

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune)

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune) MODULO A. Spettabile Provincia di Torino Area Ambiente, Parchi, Risorse Idriche e tutela della Fauna Servizio Gestione Risorse Idriche Via Valeggio, 5 10128 Torino (copia in bollo alla Provincia, copia

Dettagli

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ALIA A fronte dell emergenza aviaria che ha interessato alcuni territori del nostro Paese nel periodo 14 agosto e 5 settembre 2013,

Dettagli

01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino

01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino ELENCO ALLEVAMENTI ZOOTECNICI SCHEDATI 01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino Giorgio 06 Brolese

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Il presente documento si intende fornire una traccia

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA Ai sensi della DGR 18 DICEMBRE 2006, N. 866 Recepimento accordo

Dettagli

LEUOVANONSONO TUTTEUGUALI LA TUA SCELTA PUÒ AIUTARE A PORRE FINE ALLA SOFFERENZA DELLE GALLINE

LEUOVANONSONO TUTTEUGUALI LA TUA SCELTA PUÒ AIUTARE A PORRE FINE ALLA SOFFERENZA DELLE GALLINE LEUOVANONSONO TUTTEUGUALI LA TUA SCELTA PUÒ AIUTARE A PORRE FINE ALLA SOFFERENZA DELLE GALLINE UNA PRIGIONE CHIAMATA BATTERIA In Italia l 80% delle galline ovaiole vive in gabbie di batteria. Milioni di

Dettagli

Società Agricola F.lli Piva. Lavoriamo per aggiungere qualità alla perfezione della natura

Società Agricola F.lli Piva. Lavoriamo per aggiungere qualità alla perfezione della natura Società Agricola F.lli Piva Lavoriamo per aggiungere qualità alla perfezione della natura L Azienda La Società Agricola F.lli Piva S.S., conosciuta con il proprio marchio commerciale UOVA DI FATTORIA è

Dettagli

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo.

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 gennaio 2015 Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad alcune misure eccezionali di sostegno del mercato

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 10 ottobre 2005 Modifiche ed integrazioni all'ordinanza del 26 agosto 2005 concernente misure di polizia veterinaria in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

sono numero a questo rintracciabile UOVA: ISTRUZIONI PER L USO UNA GUIDA ALL ACQUISTO E AL CONSUMO GARANTITI

sono numero a questo rintracciabile UOVA: ISTRUZIONI PER L USO UNA GUIDA ALL ACQUISTO E AL CONSUMO GARANTITI sono rintracciabile a questo numero 3IT006RG 1 1 6 UOVA: ISTRUZIONI PER L USO GUIDA ALL ACQUISTO E AL CONSUMO GARANTITI CAMPAGNA FINANZIATA CON IL CONTRIBUTO DELLA COMUNITÀ EUROPEA E DELLO STATO ITALIANO

Dettagli

NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007

NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007 NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007 1 Note introduttive I bachi da seta, nella loro qualità di prodotti agricoli vivi

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

NATURA VERA MALDERA SRL. Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro. tecniche mangimistiche innovative

NATURA VERA MALDERA SRL. Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro. tecniche mangimistiche innovative NATURA VERA MALDERA SRL Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro nell alimentazione li i delle specie avicole mediante tecniche mangimistiche innovative Denominazione/Ragione sociale:

Dettagli

Informazioni tecniche Protezione degli animali. Canili e box per la detenzione di cani. Definizioni. Uscite quotidiane

Informazioni tecniche Protezione degli animali. Canili e box per la detenzione di cani. Definizioni. Uscite quotidiane Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV Protezione degli animali Informazioni tecniche Protezione degli animali Canili e box per la detenzione

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali (Ordinanza SSRA) Modifica del 15 dicembre 2004 Il Dipartimento federale dell economia ordina: I L ordinanza

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

AVICOLTURA BIOLOGICA: DALLA PRODUZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE ( )

AVICOLTURA BIOLOGICA: DALLA PRODUZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE ( ) 1 AVICOLTURA BIOLOGICA: DALLA PRODUZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE ( ) P. PIGNATTELLI (*) PREMESSA Parallelamente allo sviluppo della zootecnia convenzionale, negli ultimi 50 anni è cresciuta quella alternativa

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Cod. Mod. PAMRF22C.rtf 06/2003 COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Art. 5 comma 3 e 5 Allegato D del P.R.R.A, modificato con D.G.R. n. 3733/92

Dettagli

a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture

a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture ALLEVAMENTO AVICOLO MANUALE DI BUONE PRASSI DI ALLEVAMENTO a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture Proprietario degli animali: Prof. Domenico Bergero Indirizzo:Via Leonardo da Vinci 44,

Dettagli

L allevamento delle galline ovaiole. 40 milioni ancora prigioniere nelle gabbie di batteria

L allevamento delle galline ovaiole. 40 milioni ancora prigioniere nelle gabbie di batteria PREMESSA Ogni anno sul territorio dell Unione Europea vengono allevate oltre 400 milioni di galline ovaiole, circa il 68% delle quali sono rinchiuse nelle gabbie di batteria degli allevamenti intensivi.

Dettagli

400 000 USD. Produzione di uova. Gabbie EUROVENT (Germania) per galline ovaiole

400 000 USD. Produzione di uova. Gabbie EUROVENT (Germania) per galline ovaiole Nome del delegato 5866,$352),/2$=,(1'$ Indirizzo Telefono & cellulare + 7 (3832) 23 28 23 Fax & email + 7 (3832) 23 32 29 Anno di costituzione 1963 Numero di dipendenti 366 Fatturato (US$) degli ultimi

Dettagli

ASUR Zona territoriale n 2 URBINO. Dipartimento di prevenzione Servizio Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

ASUR Zona territoriale n 2 URBINO. Dipartimento di prevenzione Servizio Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche ASUR Zona territoriale n 2 URBINO Dipartimento di prevenzione Servizio Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche Direttore: Dr. Adelchi Vaccaro *** Utilizzo agronomico della pollina **********

Dettagli

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Forlì Cesena C.so della Repubblica, 5 47121 Forlì tel. 0543 713111 C.C.P. n. 16559478 Sito web: http://www.fc.camcom.gov.it e-mail: segreteria.generale@fc.camcom.it

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE ZOOTECNICA per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE ZOOTECNICA per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Reg. (CE) n. 710/2009 Obiettivi della produzione biologica Principi della produzione biologica Art. 3 Art. 4; Art. 5 Divieto di uso di OGM Art.

Dettagli

Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ)

Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ) Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ) ALIMENTAZIONE ANIMALE L impresa (OSM) deve attenersi alle Audit D iniziativa,

Dettagli

Alla ditta. Prot. n. e p.c. Alla REGIONE. Oggetto: Utilizzo farine di pesce per mangimi destinati ad avicoli e suini.

Alla ditta. Prot. n. e p.c. Alla REGIONE. Oggetto: Utilizzo farine di pesce per mangimi destinati ad avicoli e suini. Alla ditta Prot. n. e p.c. Alla REGIONE Oggetto: Utilizzo farine di pesce per mangimi destinati ad avicoli e suini. In riferimento alla domanda di Codesta Ditta, del, intesa ad ottenere il consenso all

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Biodiversità: è la ricchezza delle diversità della natura. E il

Biodiversità: è la ricchezza delle diversità della natura. E il i pulcini fanno bio Pensare alle uova di produzione biologica come alle uova della nonna in campagna è sbagliato. Prima di vedere etichettate le proprie uova con la denominazione di produzione biologica,

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA)

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ufficio VI Benessere

Dettagli

Aviagen Brief - Optimizing Broiler FCR, June 2011. Gestione della pre-macellazione dei Broilers TRASPORTO. Zona di sosta

Aviagen Brief - Optimizing Broiler FCR, June 2011. Gestione della pre-macellazione dei Broilers TRASPORTO. Zona di sosta Aviagen Brief - Optimizing Broiler FCR, June 2011 AviagenBrief Gestione della pre-macellazione dei Broilers Dr. Rafael Monleon, Aviagen Veterinarian, Asia Region Ottobre 2012 SOMMARIO Catturare i polli

Dettagli

2012: mettiamo al bando le gabbie di batteria per le Galline ovaiole

2012: mettiamo al bando le gabbie di batteria per le Galline ovaiole L allevamento delle galline ovaiole. 40 milioni di prigioniere nelle gabbie della vergogna. PREMESSA Dossier LAV Ogni anno sul territorio dell Unione Europea vengono allevate oltre 400 milioni di galline

Dettagli

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI TRACCIABILITA e RINTRACCIABILITA nel SETTORE TACCHINI FILIERA TACCHINO Totale rintracciabilità del prodotto in ogni fase. Identificazione del tipo di alimentazione per Gruppo di animali (LOTTO Allevamento).

Dettagli

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere).

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere). L'agricoltura biologica è un metodo di produzione regolato sotto l aspetto legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE

Dettagli

Norme ed adempimenti di legge per la produzione zootenica secondo il metodo biologico

Norme ed adempimenti di legge per la produzione zootenica secondo il metodo biologico Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa Norme ed adempimenti di legge per la produzione zootenica secondo il metodo biologico A cura di Vincenzo Vizioli Sommario Presentazione Prefazione Prefazione... 3 La

Dettagli

Galline Ovaiole Commerciali - Sistemi Alternativi. Seconda Edizione

Galline Ovaiole Commerciali - Sistemi Alternativi. Seconda Edizione Galline Ovaiole Commerciali - Sistemi Alternativi Seconda Edizione W-36 BROWN Performance Manuale Standard Standards di Performance Manual Raccomandazioni Gestionali Generali Il potenziale genetico delle

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop L innovazione tecnologica in Workshop Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona Venerdì 30 ottobre 2015 Ore 15:45 Paolo Rossi C.R.P.A. S.p.A. di Reggio Emilia Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari QUADRO NORMATIVO Reg. CEE 2092/91 Cons. 24.6.91 Metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui

Dettagli

4. La redditività degli allevamenti avicoli: rischi produttivo e di mercato

4. La redditività degli allevamenti avicoli: rischi produttivo e di mercato 4. La redditività degli allevamenti avicoli: rischi produttivo e di mercato (Luca Rossetto) 4.1 Il costo di produzione La redditività delle imprese che operano nel settore dell allevamento delle specie

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele)

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele) Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico privato alimenti di Preparazione, manipolazione origine animale che esegua e conservazione domestica (eccetto di alimenti

Dettagli

Staldren. Un Prodotto della. J.N. Jorenku

Staldren. Un Prodotto della. J.N. Jorenku All-round Un Prodotto della J.N. Jorenku L effettivo igienizzante a secco è un prodotto danese sottoposto a rigorosi esami in laboratori di fama internazionale. Si tratta di un igienizzante usato oggi

Dettagli

La verità sull allevamento dei polli da carne Campagna LAV contro l allevamento intensivo dei polli.

La verità sull allevamento dei polli da carne Campagna LAV contro l allevamento intensivo dei polli. Conosci i tuoi polli? La verità sull allevamento dei polli da carne Campagna LAV contro l allevamento intensivo dei polli. INDICE INTRODUZIONE... 3 1. LE CONDIZIONI DI ALLEVAMENTO... 5 1.1 Problemi causati

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

31.12.2004: pronti per la rintracciabilità. La carne in scatola. Convegno AITA. Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca. Kraft Foods International

31.12.2004: pronti per la rintracciabilità. La carne in scatola. Convegno AITA. Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca. Kraft Foods International 31.12.2004: pronti per la rintracciabilità La carne in scatola Convegno AITA Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca Rintracciabilità Regolamento CE 178/2002 del 28 gennaio2002 che stabilisce i principi

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

Manuale tascabile. Scarti al macello e loro gestione. An Aviagen Brand

Manuale tascabile. Scarti al macello e loro gestione. An Aviagen Brand Manuale tascabile Scarti al macello e loro gestione An Aviagen Brand SCARTI AL MACELLO E LORO GESTIONE: Introduzione Introduzione Lo scopo di questa guida tascabile è quello di aiutare ad ottimizzare la

Dettagli

LA PRODUZIONE DI UOVA e OVOPRODOTTI

LA PRODUZIONE DI UOVA e OVOPRODOTTI Pollo011-00 LA PRODUZIONE DI UOVA e OVOPRODOTTI Le aziende in cui si allevano galline ovaiole devono essere registrate ai sensi del Decreto Legislativo 29 luglio 2003, n. 267. Il proprietario o il detentore,

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DI CUI AL D.lgs. N.267 DEL 29.07.2003

RELAZIONE DESCRITTIVA IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DI CUI AL D.lgs. N.267 DEL 29.07.2003 OGGETTO: Adeguamento tecnologico dello stabile adibito ad allevamento avicolo, sito in Comune di Sassocorvaro (PU), Fraz. Caprazzino località Foglia, per conto della Società Agricola AZIENDA AGRICOLA MADONNA

Dettagli

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Nell'ambito del controllo ufficiale delle aziende suinicole, i Servizi veterinari delle ASL devono verificare i seguenti aspetti generali: -lo

Dettagli

L allevamento del suino all aperto

L allevamento del suino all aperto L allevamento del suino all aperto Tecniche di allevamento CERATI CARLO 28 giugno 06 Perché scegliere l allevamento all aperto Emanazione di norme sempre più restrittive sul benessere animale e la gestione

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Il punto sulla Plf. Passato, presente e futuro

Il punto sulla Plf. Passato, presente e futuro DOSSIER / ZOOTECNIA DI PRECISIONE Il punto sulla Plf Passato, presente e futuro di Ilaria Fontana e Marcella Guarino Le autrici sono del Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute, la Produzione

Dettagli

La sicurezza della genuinità

La sicurezza della genuinità La sicurezza della genuinità L allevamento rurale conserva uno spazio economico molto importante. Soddisfa, infatti, esigenze ben precise: l autoconsumo, il desiderio di poter determinare qualità e sapore

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

Piani di sorveglianza nella filiera avicola e revisione dell anagrafe zootecnica. Anna Duranti Centro Epidemiologico Regionale Veterinario

Piani di sorveglianza nella filiera avicola e revisione dell anagrafe zootecnica. Anna Duranti Centro Epidemiologico Regionale Veterinario Piani di sorveglianza nella filiera avicola e revisione dell anagrafe zootecnica Anna Duranti Centro Epidemiologico Regionale Veterinario P.F. Veterinaria e Sicurezza alimentare Servizio Salute Regione

Dettagli

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna La L.R. 28/99 persegue la valorizzazione dei prodotti

Dettagli

SISTEMI DI DEPURAZIONE DELL ARIA

SISTEMI DI DEPURAZIONE DELL ARIA SISTEMI DI DEPURAZIONE DELL ARIA Programma di consegna: Filtro biologico combinato - Filtro biologico d aria - Filtro chimico d aria Per allevamento di suini Per allevamento di pollame Per sistemi di essiccazione

Dettagli

Normative ambientali: il quadro di riferimento per la destinazione della pollina

Normative ambientali: il quadro di riferimento per la destinazione della pollina La come fertilizzante commerciale Una via per uscire dal vincolo nitrati ambientali: il quadro di riferimento per la destinazione della Giuseppe Bonazzi CRPA Reggio Emilia In collaborazione con Fiera di

Dettagli

RIPRODUTTORI. Manuale Tascabile. An Aviagen Brand

RIPRODUTTORI. Manuale Tascabile. An Aviagen Brand RIPRODUTTORI Manuale Tascabile 2013 An Aviagen Brand ROSS PS MANUALE TASCABILE: Manuale Tascabile Manuale tascabile Questa guida è stata ideata per completare il manuale Gestione dei Riproduttori Ross.

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

Ministero della salute Ufficio VII AUDIT DEI RESPONSABILI DEI SERVIZI VETERINARI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE AASSLL DI VITERBO, RM G E RM H L audizione si è svolta il 20 novembre presso l Assessorato

Dettagli

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n.

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. 7125 Acronimo: CoVAL Conservazione e valorizzazione di razze avicole

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

La selezione delle razze del suino pesante

La selezione delle razze del suino pesante Mantova, 22 maggio 2009 La selezione delle razze del suino pesante Luca Buttazzoni & Maurizio Gallo Il Libro genealogico ha scelto di orientare i propri schemi di miglioramento genetico alla qualità delle

Dettagli

CHECK-LIST INTEGRATA AVICOLI

CHECK-LIST INTEGRATA AVICOLI CHECK-LIST INTEGRATA AVICOLI DATA / / Operatori. Tempistica. COD / / ASL PROPRIETARIO. DETENTORE Indirizzo.. Veterinario riconosciuto. Impresa di filiera d appartenenza........ N capi presenti (per specie)

Dettagli

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Auchan Italia ALIMENTARI Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Marco ANNOVAZZI Servizio Qualità Auchan Sma marco.annovazzi@auchan.it

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli