IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI REZZO. anno 1. numero 06 / Dicembre 08. Torniamo in Fortezza. La Vittoria di. La Notte Giovane OBAMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI REZZO. anno 1. numero 06 / Dicembre 08. Torniamo in Fortezza. La Vittoria di. La Notte Giovane OBAMA"

Transcript

1 IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI anno 1 numero 06 / Dicembre 08 REZZO Torniamo in Fortezza La Notte Giovane La Vittoria di OBAMA

2 anno 1 numero 06 / dicembre 2008 Direttore responsabile Enrico Gori Coordinamento Editoriale Claudio Repek Redazione: Cecilia Agostini / Comune di Arezzo Pierluigi Amorini / Asl 8 Antonella Bacciarelli / Comune di Arezzo Marco Caneschi / Comune di Arezzo Giacomo Cherici / Aisa spa Antonella Di Tommaso / Fraternita dei Laici Francesco Falsini / Atam Elisabetta Giudrinetti / Fiera Antiquaria Marzia Sandroni / Afm Martina Nundini / Beta Nicola Salemi / Koinè per le foto storiche della Fortezza si ringrazia Fotoclub "La Chimera" di Arezzo Grafica Studio: Settore8.it Stampa Nuova Cesat coop / Firenze SOMMARIO PRIMO PIANO p. 4 Fortezza: torna a battere il cuore antico della città p. 6 Salvare mq di pietre p. 7 Muratori nel corpo di guardia p. 9 Dalla garitta allo sportello p.10 Guido Monaco, dalla storia una piazza per il futuro ATAM p.12 Atam: 800 posti auto nel parcheggio dell ospedale p.14 Mecenate: parcheggio con mercato e pista ciclabile PRESIDENZA OBAMA p.16 Obama: dopo l'entusiasmo è l'ora dei risultati concreti p.20 Nuovi alloggi popolari SALUTE p.24 Quando si rimette in gioco anche la propria vita p.26 Se la nonna si fa "grattare" la pensione al bingo p.28 A cosa giochiamo stasera? p.29 Giocatore da sempre COOPERAZIONE SOCIALE p.36 Adottare un bambino nella Repubblica Dominicana REDAZIONALE p.38 Imparare una lingua straniera FORMAZIONE CESVOT p.42 Il corpo creativo ACQUA p.44 Bottiglia addio, ora beviamo solo Acqua in brocca p.46 Acqua di soddisfazione FRATERNITA p.48 Guglielmino degli Ubertini ed il suo tempo p.50 Vino e olio di grande qualità p.51 Consulta per la sicurezza EDITORIALE Molte generazioni di aretini hanno perduto un pezzo importante della città. Non distrutto, non cancellato ma semplicemente dimenticato. Da tutti. Ironia della sorte, la parte più bella della città è diventata una zona avvolta dalle nebbie dell oblio, confinata in una sorta di spazio esterno: reale ma non vissuto. La Fortezza si prepara, adesso, a tornare in vita. Non è un semplice lavoro pubblico ma un evento legato alla memoria, ai modi di vivere, ai sentimenti ed ai ricordi di molte generazioni. Ed un omaggio a quelle più giovani che la potranno scoprire forse per la prima volta. L Amministrazione Fanfani ha deciso di investire molto nella Fortezza. Tre progetti e molti milioni di euro. Con partner prestigiosi quali l Ente Cassa di Risparmio di Firenze e l Università del capoluogo toscano. Dalla Fortezza si guarda la città. E altri luoghi riportati a nuova e diversa vita. In questo numero raccontiamo di Piazza Guido Monaco. Nel prossimo di Piazza Grande. Un bentornato ai luoghi simbolo della città. Editore: consorzio Isola che non c è via Arno, Arezzo tel Fax EDUCAZIONE ALLA SALUTE p.52 Donne, nuova vita dopo la cinquantesima candelina ENERGIA p.54 Quante Energie!, un libro per conoscerle e usarle p.56 Città di Natale Registrazione Tribunale Tribunale di Arezzo N 7/08 del 16/04/2008 FIERA p.58 Arezzo e Modena per una nuova cultura antiquaria p.60 Ryanair fa volare la Fiera AISA p.61 Più 3% in un 1 solo mese 2 3

3 Quando si rimette in gioco anche la propria vita Il gioco d azzardo patologico è ormai diventato una vera e propria emergenza sociale Si moltiplicano i giocatori che decidono di rivolgersi alla Asl o alle associazioni MIRIMETTOINGIOCO L associazione Mirimettoingioco ha compiuto un anno il 18 ottobre. È un'associazione per giocatori, shopper compulsivi e loro familiari. Nata dall iniziativa di un piccolo gruppo di giocatori in trattamento presso il SerT di Arezzo, conta ad oggi 45 soci. Nel corso di quest anno, l associazione, che è membro del Gruppo di Lavoro Interistituzionale per il Gioco d Azzardo e le Nuove Dipendenze, ha collaborato con il Dipartimento delle Dipendenze di Arezzo a numerose iniziative sulle dipendenze comportamentali in ambito sia clinico che di prevenzione e sensibilizzazione della popolazione. Per chi desidera incontrare direttamente le famiglie dell associazione, ogni mercoledì dalle alle 20 può recarsi al gruppo di auto-aiuto presso la sede situata in via Cavour n. 97 ad Arezzo. Nello stesso orario è possibile ricevere consulenze telefoniche al Per ulteriori informazioni si può visitare il sito Il gusto di sfidare la sorte. La convinzione di avere un guizzo di genio tale da capire quali numeri, quali combinazioni usciranno. La presunzione di poter risolvere tutti i problemi, propri e dei familiari, con un colpo magico che consenta di cambiar vita. Di fronte a tante speranze e incertezze, c'è una cosa certa: al gioco vince sempre il banco, ma soprattutto perde sempre chi gioca non solo i soldi, ma spesso la salute e la propria tranquillità e ruolo sociale. Tutto ciò non solo per i giochi d'azzardo clandestini. Ma anche per quelli ufficiali, pubblici, pur se gestiti direttamente dallo Stato. Nel 2007, 23 milioni di italiani hanno puntato almeno una volta sulla fortuna spendendo complessivamente 42,2 miliardi di euro pari al 2% del Pil. Nel 2006 la spesa era stata di 28 miliardi di euro e per il 2008, per un effetto perverso della crisi economica, si prevede una spesa di 50 miliardi di euro. Tra i giochi, da segnalare che nell ultimo anno, il fatturato del Gratta-e-Vinci è aumentato del 50%, e c'è stato un aumento del 22% delle macchinette. Quella del gioco è la quinta industria in Italia. dopo Fiat, Telecom, Enel, Ifim. Arezzo non sfugge a questa realtà. Anche da noi qui, il gioco d azzardo patologico si viene a configurare sempre più come un emergenza sociale, con quote notevoli di sommerso e con un potente impatto sia sul giocatore e la sua famiglia, sia sulla comunità locale (microcriminalità, indebitamento delle famiglie, ricorso all'usura, ecc.). Tra i fattori che hanno favorito una crescita del fenomeno c'è anche la diffusione in bar, supermercati, stazioni, di giochi d azzardo leciti come slot-machine e gratta-e-vinci e la forte azione pubblicitaria che caratterizza queste forme di gioco. Si va annullando la percezione di rischio insita in questi comportamenti di gioco e sempre più assistiamo a giovani che, all uscita di scuola, comprano i biglietti del gratta-e-vinci, oppure a donne casalinghe o pensionate, che passano il tempo alle macchinette o a puntare al Lotto. Dal 2004 a oggi sono arrivate al SerT della Usl8, più di 100 richieste di aiuto; di questi contatti, 53 giocatori insieme alle loro famiglie hanno accettato di fare un trattamento presso il SerT. Sono trattamenti di tipo psicologico, sociale, medico e riabilitativo e possono essere individuali, familiari o di gruppo. I giochi preferiti da coloro che sono in cura al SerT sono slot-machine (70%), cavalli (11%), lotto (11%), gratta-e-vinci (4%), carte (2%) e bingo (2%). Il profilo medio del giocatore che si rivolge alla Usl è maschio, coniugato, ha la licenza media inferiore, è fumatore, lavoratore dipendente, età media 42 anni, giocatore di slot-machine, gioca in modo problematico da circa 6-7 anni. Quando arriva al servizio, a causa del gioco ha già contratto debiti importanti con Banche e Finanziarie, ha gravi conflitti familiari, talvolta è incorso in atti illegali per procurarsi i soldi per giocare. E al SerT c'è una tendenza a rivolgersi sempre più da parte di giovani e di donne. Per l 80% della popolazione siamo di fronte alla forma di gioco cosiddetta sociale (è il giocatore che gioca per divertirsi e riesce a smettere quando vuole); per il 17% della popolazione il gioco può diventare un problema (gioca più denaro e più tempo di quello che vorrebbe anche se riesce ancora a contenere i danni economici e socio-familiari); per il 3% della popolazione il gioco diventa una vera e propria malattia la dipendenza da gioco (il giocatore spende sempre più tempo e denaro ma si diverte meno; non riesce a smettere anche se ci prova; accumula debiti, problemi familiari, psicologici, professionali, legali)

4 Se la nonna si fa grattare la pensione al bingo Asl, enti locali, categorie economiche ed associazioni di categoria impegnate contro l azzardo Ecco il progetto E ancora un gioco? per informare gli appassionati del rischio Visti gli effetti che la degenerazione del gioco a volte comporta, più che di una domanda retorica, si tratta di una vera e propria denuncia: giocare non è più un gioco? Senza demonizzare nulla, il problema esiste, è serio e preoccupa fortemente chi ha il dovere di tutelare la salute delle persone e le conseguenze che si hanno da certe forme patologiche anche sul piano sociale, economico e a volte legale. Anche nella Provincia di Arezzo il gioco d azzardo patologico si viene a configurare sempre più come un emergenza sociale con quote notevoli di sommerso - ci dice la dottoressa Valentina Cocci responsabile del gruppo del SerT che da anni si occupa di questa problematica - e, proprio per la diffusione capillare dei giochi va a intercettare fasce di popolazione fino a qualche anno fa più estranee al gioco (donne, anziani, nuclei familiari). Nella nostra provincia, dal 2004 il Dipartimento delle Dipendenze di Arezzo, in collaborazione con altre istituzioni locali (Comune, Provincia, Prefettura, Guardia di Finanza, Misericordia, Caritas, Categorie Economiche e associazione di ex-giocatori), promuove un modello di intervento che vede la centralità della rete territoriale nella cura e nella prevenzione del gioco d azzardo patologico. Il gruppo di lavoro ha l obiettivo di promuovere azioni che favoriscano l intercettazione dei giocatori nella cosiddetta area grigia, quando, cioè, il gioco ha cominciato a creare problemi ma non tali da portare a chiedere aiuto a un servizio. In quest ottica è stato presentato il progetto E ancora un gioco? che parte dall idea che la prevenzione del gioco d azzardo possa cominciare proprio da quei luoghi deputati alla scommessa e al gioco: bar, tabacchi, agenzie di scommesse. Poichè non esiste un gioco sicuro, nonostante la pubblicità sul gioco lecito dia in maniera ingannevole proprio questo messaggio - sottolinea Paolo Dimauro, direttore del dipartimento delle dipendenze della Usl - diventa importante informare i giocatori della possibilità che il gioco lecito (slot-machine, lotto, gratta-e-vinci, ecc...), talvolta, da divertimento possa trasformarsi in problema o addirittura in malattia e che, nel caso si verifichi questa eventualità, esiste uno spazio per la cura e la prevenzione a cui rivolgersi. Ecco quindi un volantino-manifesto elaborato dalla Usl 8 e dagli altri soggetti della rete e patrocinato dalla Caritas Diocesana, inviato da Confcommercio e Confesercenti ai loro associati, esposto nei locali di giochi leciti. Fra i promotori dell iniziativa, oltre a Usl, Caritas e associazioni economiche, ci sono la Guardia di Finanza e l'associazione Mirimettoingioco di ex-giocatori. "A fronte di una proliferazione di offerte di gioco sempre più differenziate e mirate a molteplici target di consumatori - sostiene Dimauro - ci sono poche azioni a tutela dei giocatori. Anzi, siamo di fronte a pubblicità ingannevoli che passano il messaggio secondo cui il gioco legale è anche sicuro, cioè capace automaticamente di proteggere dalla possibilità di sviluppare problematiche correlate. Ma non è così, lo sanno molto bene le famiglie aretine in carico al nostro servizio, uno dei primi in Toscana ad attivare uno spazio di cura gratuito presso l ospedale S. Donato". Ma quando si può parlare di gioco d azzardo? "Devono verificarsi tre condizioni - ha detto la dottoressa Valentina Cocci, responsabile del gruppo di lavoro della Usl. Il giocatore deve scommettere del denaro o un oggetto di valore; una volta scommessa, la posta non può essere ritirata; l esito dipende dal caso". NESSUNA STANGATA PER PETER PAN Progetto di "prevenzione primaria" con la scuola elementare "Sante Tani" della Circoscrizione di Saione. Il progetto è finanziato dal Comune (Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Sociali) in collaborazione con il "Gruppo GAND" e il "Gruppo Prevenzione" del Dipartimento delle Dipendenze di Arezzo. Il progetto partirà a fine novembre e si concluderà nella primavera Il progetto si articola in un percorso parallelo adulti (docenti e genitori) e bambini: per gli adulti, ci sarà l'attivazione di un corso di formazione tenuto dagli operatori del SerT sulla relazione adulto-bambino, sul gioco come fattore di crescita e sui fattori di protezione e di rischio rispetto allo sviluppo di comportamenti di dipendenza; per i bambini verrà attivato un percorso teatrale con le classi terze, tenuto da una compagnia teatrale, per rinforzare quei meccanismi (stima di sè, capacità di dire no, ecc.) che sono fattori di protezione per lo sviluppo di comportamenti di dipendenza

5 A cosa giochiamo stasera? SALUTE Giocatore da sempre Indagine della Asl sui giochi d azzardo preferiti dagli aretini. Ai primo posto Gratta e Vinci Stralci di una testimonianza tratta dal sito web dell Associazione Mirimettoingioco Durante le giornate della salute svoltesi al Parco Pertini nel giugno scorso, è stato somministrato un questionario per conoscere alcuni comportamenti di gioco (tipo di gioco privilegiato, frequenza delle attività di gioco e spesa media a giocata) e analizzare la prevalenza del gioco sociale e del gioco problematico all interno di un campione casuale. È stato utilizzato un questionario anonimo particolare che permette in maniera agile di discriminare tra gioco sociale e gioco problematico. Hanno partecipato all indagine 97 persone. Di queste, 32 (cioè il 33% del campione) hanno dichiarato di non aver mai praticato alcun gioco nel corso della loro vita; 60 (il 62% del campione) risultano giocatori occasionali o sociali, cioè hanno praticato uno o più giochi nel corso della loro vita ma non sembrano avere un rapporto problematico con il gioco; infine 5 (il 5%) risultano giocatori problematici. Giocatori sociali: Per quanto riguarda i giochi praticati dai giocatori sociali (60 soggetti), troviamo in ordine di interesse decrescente il gratta e vinci (68,3%), il lotto/superenalotto (43,3%), il gioco delle carte a soldi (37%); il bingo (25%); le slotmachine (20% ); il totocalcio (16,6%); le scommesse sportive e sui cavalli (sale SNAI 13,3%); il casinò (10%); ippodromi (5%). Giocatori problematici. Cinque persone di quelle che hanno partecipato all'indagine risultano giocatori problematici. I giochi interessati sono, al primo posto, il gratta-e-vinci, seguito da slotmachine, lotto e totocalcio. Due dei cinque soggetti ha riferito una perdita di controllo, oltre che ad uno dei giochi menzionati, anche rispetto all uso del computer e al gioco in borsa. Sono un giocatore da sempre, da 18 anni. La mia specialità erano i cavalli, ma non ho disdegnato anche i casinò. All inizio tenevo tutto sotto controllo. Negli ultimi 10 anni sono diventato compulsivo, a scapito del lavoro, della famiglia, dei miei interessi. Ho mandato in fumo euro in 10 anni. La mia vita era diventata una cosa insostenibile non andavo al lavoro, o se andavo pensavo sempre al gioco. Per trovare i soldi per il giorno dopo e poter giocare di nuovo ai cavalli, la sera andavo a giocare al lotto, al gratta e vinci, etc Il 6 dicembre 2005, dopo che avevo perso in sala corse, dopo che ero stato 8 / 9 ore in un locale con casinò virtuale (in cui avevo perso circa 15/20 mila euro), torno a casa alle 6, sveglio mia moglie e per la prima volta in vita mia in maniera precisa le dico che avevo un problema ed inizia un duro ma stabile cambiamento. Quello che più mi dà fastidio non è tanto il danno economico, è l aver perso l attaccamento, l amore verso mio figlio, il fatto di come ho potuto mettere da parte mio figlio e preferire il gioco. Il primo periodo è stato durissimo, la mia vita non aveva più senso, sono stato per giorni sul divano e niente e nessuno aveva il potere di tirarmi su. Ho passato due mesi bruttissimi in cui la domanda perenne dentro la mia testa era che senso ha la vita senza il gioco? Poi, piano piano, ho iniziato a trovare il senso nelle piccole cose. Mi ha colpito per esempio un biglietto di auguri per Natale di un mio collega di lavoro, in cui mi diceva che il senso della vita era nelle piccole cose Ho iniziato a guardare un film per il gusto di guardarlo, sono tornato a pescare a giocare con mio figlio e ad esserci con lui a fare le cose, anche le più semplici, senza nel frattempo pensare alle corse ma pensando a quello che stavo facendo. In questi due anni e mezzo ho cercato di recuperare la fiducia di mia moglie e anche nell ambito del lavoro, la fiducia dei miei colleghi, Ora sono molto più contento, questa è la forza che mi fa andare avanti Se faccio una cosa ci sono mentre la faccio, se parlo come in questo momento, mi sto godendo anche il fatto di essere qui a parlare con voi. La mia mente è libera ora. Ho capito che la fiducia delle persone che ti stanno vicino è la cosa più importante. Ripeto, la cosa che mi dà più fastidio, la cosa di cui non mi capacito, è come ho potuto trascurare mio figlio, metterlo al secondo posto, come ho potuto diventare una larva. Perché quello ero diventato (M.G.) 28 29

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI REZZO. anno 1. numero 03 / luglio 08 RIFIUTI DIFFERENZIATA AMBIENTE MIGLIORE. Arezzo.

IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI REZZO. anno 1. numero 03 / luglio 08 RIFIUTI DIFFERENZIATA AMBIENTE MIGLIORE. Arezzo. IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI anno 1 numero 03 / luglio 08 REZZO RIFIUTI DIFFERENZIATA AMBIENTE MIGLIORE Arezzo DECORO e QUALITÁ anno 1 numero 04 / ottobre 2008 Direttore responsabile Enrico

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Ser.T. zona Aretina Via Fonte Veneziana, 7 00 Arezzo Direttore - Dr. Paolo E. Dimauro REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

E ancora un gioco? Report della ricerca

E ancora un gioco? Report della ricerca CONCORSO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2010/2011 E ancora un gioco? Report della ricerca Dott.ssa Elisa Casini Psicologa Ricercatrice Centro Documentazione Ser.T. Arezzo Ce.Do.S.T.Ar. Dipartimento

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO: LA RETE TERRITORIALE COME STRATEGIA DI PROMOZIONE DELLA SALUTE.

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO: LA RETE TERRITORIALE COME STRATEGIA DI PROMOZIONE DELLA SALUTE. GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO: LA RETE TERRITORIALE COME STRATEGIA DI PROMOZIONE DELLA SALUTE. Una ricerca-intervento con gli esercenti di giochi leciti ad Arezzo. VALENTINA COCCI 1 - FIORENZO RANIERI 2 -

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Importanti consigli sul tema dei giochi d azzardo

Importanti consigli sul tema dei giochi d azzardo Sostegno ai giocatori interessati e ai loro familiari Per una consulenza professionale rivolgetevi a un centro specializzato per il gioco patologico o a un gruppo di auto-aiuto nelle vostre vicinanze.

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni il caso MARIA TERESA MARTINENGO Anche gli anziani sono a rischio di dipendenza dal gioco d azzardo. E non importa se la pensione è modesta, anzi. La speranza di potersi permettere un «piccolo lusso», la

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est che gioca e scommette Il Gazzettino, 20.07.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA GIOCO D'AZZARDO: CEIS DON PICCHI, "A ROMA L'80% DEI GIOCATORI VITTIME DI SLOT E SCOMMESSE SPORTIVE" ROMA - Maschio,

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Sintesi dei risultati L indagine sul gioco d azzardo, commissionata dall Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza, restituisce

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

Davide Uzzo LA COSTANZA PREMIA

Davide Uzzo LA COSTANZA PREMIA La costanza premia Davide Uzzo LA COSTANZA PREMIA INDICE La costanza premia PAG. 07 PAG. 11 PAG. 17 PAG. 26 PAG. 39 PAG. 44 PAG. 47 INTRODUZIONE SIETE PRONTI? SI COMINCIA! VARIE TECNICHE DI SCOMMESSA

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Lavagna - Ex Istituto Marini Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Lie/ Bet Questionnaire 1. Hai mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

AVVERTENZE PER I GIOCATORI

AVVERTENZE PER I GIOCATORI AVVERTENZE PER I GIOCATORI In applicazione della Legge 8 novembre 2012, n. 189, art 7 - comma 5 Il gioco d azzardo può creare dipendenza patologica Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che varie persone

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI?

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? LA FAMIGLIA LA RETE SOCIALE IL DENARO IL TUTORAGGIO ECONOMICO: INTERVENTO NECESSARIO PER LA CURA DEL GIOCATORE Arezzo, 10 Agosto 2006 Dott.ssa Donatella Frullano

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

..parlattare tra genitori

..parlattare tra genitori 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE..parlattare tra genitori Cari amici e care amiche, vi presentiamo una chiacchierata che abbiamo avuto il piacere di raccogliere dai genitori che partecipano a Parlattando

Dettagli

L azzardo non èun gioco

L azzardo non èun gioco L azzardo non èun gioco Gioco d azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser Torino, Fabbrica delle e 3 marzo 2014 1 Gioco d azzardo -il giocatore punta qualcosa, -la

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Tommaso

Dettagli

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON IN COLLABORAZIONE CON Aprile 2014 CAMPIONE Fasce di età 25,0% 25,0% 25,0% Totale Italia 35-39 anni 20,2% 40-44 anni 26,3% 45-49 anni 34,6% Oltre 49 anni 18,9% 25,0% TOTALE 100,0% Sesso Totale Italia Maschio

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Il gioco. Istruzioni per un gioco sicuro e divertente

Il gioco. Istruzioni per un gioco sicuro e divertente Il gioco Istruzioni per un gioco sicuro e divertente I Il gioco - una forma d'intrattenimento moderno Il gioco, esercitato nei moderni centri del gioco ed intrattenimento è un'occupazione piacevole, accattivante

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Alcune proposte per combattere l azzardo. Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015

Alcune proposte per combattere l azzardo. Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015 Alcune proposte per combattere l azzardo Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015 Alcune premesse Prima di arrivare al tavolo della regolazione, sono necessarie alcune premesse sull azzardo e sull azzardo

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Solo un gioco? Full Immersion

Solo un gioco? Full Immersion Solo un gioco? Il campione I dati so stati raccolti fra gennaio e maggio 2014 in 7 istituti superiori della provincia di Monza e Brianza, in 23 classi del terzo e quarto an. So stati intervistati più di

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

L esperienza clinica di un Ser.T.

L esperienza clinica di un Ser.T. L esperienza clinica di un Ser.T. Gioacchino Scelfo Con questo mio intervento vorrei tentare di offrirvi qualcosa che possa esservi utile nella vostra attività clinica. Vorrei provare a raccontare quanto

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

A. Completa con i verbi mancanti: indicativo (passato, presente, futuro) e congiuntivo

A. Completa con i verbi mancanti: indicativo (passato, presente, futuro) e congiuntivo LEZIONE 6 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con i verbi mancanti: indicativo (passato, presente, futuro) e congiuntivo Mara: È vero che domenica prossima... (esserci) una festa a casa di Mirco? Lina: No,

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa)

Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa) Progetto Shorti- NO Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa) Associazione Valdarnese di Solidarietà

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014 LICEO ARTISTICO STATALE GIACOMO E PIO MANZU BERGAMO SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2013-2014 Nonostante i seri problemi e i continui tagli che gravano sulla scuola, la Commissione Salute continua a

Dettagli

RELAZIONE GIOCO D AZZARDO Anno 2011

RELAZIONE GIOCO D AZZARDO Anno 2011 Premessa RELAZIONE GIOCO D AZZARDO Anno 2011 Il gioco d azzardo ha assunto, negli ultimi anni, una dimensione molto significativa su tutto il territorio nazionale. La Provincia di Lecco è passata, nel

Dettagli

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE CONFERENZA STAMPA DEL 12 NOVEMBRE 2014 PRESENTAZIONE DEI PRIMI RISULTATI DELLA RICERCA A cura di Paolo Molinari e Anna Zenarolla, IRES FVG Impresa Sociale

Dettagli

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI!

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI! 0,00 Gruppo di lavoro GIOCO D AZZARDO Patologico AMO I TUOI SOLDI! Indice X 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 X 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Dettagli

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI!

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI! 0,00 Gruppo di lavoro GIOCO D AZZARDO Patologico AMO I TUOI SOLDI! Indice Introduzione Il mercato del gioco d azzardo Che cos è il gioco d azzardo? Gli effetti dei giochi d azzardo quanto sono veramente

Dettagli

IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI REZZO. anno 1. numero 03 / luglio 08. il fermento delle nuove imprese. speciale SERVIZI SOCIALI

IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI REZZO. anno 1. numero 03 / luglio 08. il fermento delle nuove imprese. speciale SERVIZI SOCIALI IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI anno 1 numero 03 / luglio 08 REZZO il fermento delle nuove imprese speciale SERVIZI SOCIALI anno 1 numero 03 / luglio 2008 Direttore responsabile Enrico Gori Coordinamento

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

REZZO Una vita d urgenza

REZZO Una vita d urgenza IL MENSILE AL SERVIZIO DEI CITTADINI DI anno 1 numero 02 / giugno 08 REZZO Una vita d urgenza speciale SICUREZZA anno 1 numero 02 / giugno 2008 Direttore responsabile Enrico Gori Coordinamento Editoriale

Dettagli

NUN TE GRATTE CCHIU!

NUN TE GRATTE CCHIU! Istituto Polo Bianciardi, Professionale, Tecnico e Liceo, A. S. 2014-2015 NUN TE GRATTE CCHIU! Gli interessi della mafia nel mondo del pallone e del gioco d azzardo Progetto regionale di educazione alla

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona FACCIAMO I CONTI! Relatore: Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona Elaborazione dati e testi: Valentina Mezzani Mara Sartori Elaborazione e stampa a cura di Federconsumatori Verona Per Credito

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009

Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009 Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009 contrastare il fenomeno del GAP è veramente faticoso.. Sembra essere

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013 DA PASSATEMPO A DIPENDENZA Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA Rovigo 8-Giugno 2013 LE DIMENSIONI DEL FENOMENO GIOCO D AZZARDO 1. In Italia il gioco d azzardo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani LA METRONOTTE Di Paolo Mondani Montali è indagato, anzi, sotto processo per? Collusione con la Banda della Magliana, riciclaggio, corruzione e intestazione fittizia di beni. MILENA GABANELLI IN STUDIO

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli