Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli"

Transcript

1 Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli

2 Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste future. Ovvero, le famiglie desiderano prestare denaro per riaverlo indietro in futuro. Le imprese e lo Stato desiderano prendere a prestito denaro per poter investire o per coprire eccessi di spesa. Lo strumento principale di risparmio delle famiglie è costituito dalle obbligazioni. Esistono altri strumenti di risparmio: per ora ci concentriamo sulle obbligazioni.

3 Cosa è un obbligazione? E un certificato di debito che specifica gli obblighi del debitore nei confronti del creditore. In pratica, un obbligazione stabilisce quanto il debitore deve rimborsare al creditore e quando deve avvenire il rimborso. La differenza fra la quantità prestata e quella ricevuta alla scadenza si chiama interesse.

4 Cosa è un obbligazione? Definiamo: P 0 : Quantità data in prestito al tempo 0 (oggi) P 1 : Quantità riavuta indietro al tempo 1 (fra un anno) Avremo che l interesse I è dato da I= P 1 P 0 e il tasso di interesse i è dato i = P 1 P 0 P 0 = P 1 P 0 1

5 Il prezzo di un obbligazione In pratica, le famiglie danno del denaro oggi per ricevere del denaro domani. Ovvero, pagano un prezzo oggi per ricevere qualcosa domani. Il denaro che le famiglie danno oggi corrisponde al prezzo delle obbligazioni. Nel nostro schema precedente P 0 costituisce il prezzo delle obbligazioni.

6 Il prezzo di un obbligazione normalizzata Si è soliti normalizzare a 100 la cifra che si riavrà a scadenza. In questo modo il prezzo varierà fra 0 e 100 e fornirà un indicazione immediata del rendimento i = P 1 P 0 1 = 100 P 0 1

7 La domanda di obbligazioni Chi domanda obbligazioni? Le famiglie, che vogliono trasferire a domani il proprio potere di acquisto. Se il tasso di interesse è alto, le famiglie sono invogliate a domandare obbligazioni.

8 L offerta di obbligazioni Chi offre obbligazioni? Le imprese, per finanziare i propri investimenti. Lo Stato, che deve coprire gli eccessi di spesa. Lo Stato spende denaro per pagare le proprie spese (sanità, istruzione, difesa, stipendi dei dipendenti, interessi sul debito). Tale spesa viene coperta dal gettito fiscale (tasse). Se il gettito fiscale non basta a coprire la spesa pubblica, lo Stato deve indebitarsi e offre obbligazioni.

9 Cosa determina il prezzo delle obbligazioni? Chi offre obbligazioni si impegna a corrispondere in futuro una certa cifra. Ma c è il rischio che, in futuro, il debitore non sia in grado di corrispondere la cifra pattuita. Se tale rischio è molto alto, il valore che attribuisco alla cifra futura è basso (perchè rischiosa) ed io sono disposto a pagare un prezzo basso per tale obbligazione.

10 Cosa determina il tasso di interesse delle obbligazioni? Il tasso di interesse è dato da: i = P 1 P 0 P 0 = P 1 P 0 1 Se il prezzo delle obbligazioni P 0 aumenta, il tasso di interesse si riduce! C è una relazione inversa fra prezzo e tasso di interesse!

11 I mercati finanziari Allarghiamo il quadro, considerando una serie di titoli su cui le famiglie possono investire L insieme dei mercati su cui questi titoli sono collocati / emessi da potenziali debitori (imprese / Stato) e acquistati / scambiati direttamente dalle famiglie (anche altre imprese come le Banche) si chiamano mercati finanziari

12 I mercati finanziari Mercato obbligazionario o «dei capitali» con titoli: Privati / pubblici A breve / medio /lungo termine (tasso d interesse crescente) Più o meno rischiosi (rating, investment grade, junk bonds ) Mercato azionario, di cui diremo poi

13 Gli strumenti di risparmio Obbligazioni (che abbiamo visto precedentemente) I conti correnti La moneta I metalli preziosi Le azioni

14 I conti correnti Anche i conti correnti costituiscono uno strumento che può essere utilizzato per risparmiare, ovvero, per trasferire potere d'acquisto nel tempo. Tutto quello che lascio oggi nel conto corrente lo ritroverò domani (o fra una settimana o fra un anno). Il denaro posto sul conto corrente spesso frutta un piccolo interesse (inferiore a quello delle obbligazioni) o in altri casi non frutta interessi: dipende dal conto corrente specifico. Come strumento di risparmio sembrerebbero quindi inferiore alle obbligazioni.

15 I conti correnti I conti correnti hanno però un vantaggio rispetto alle obbligazioni: il denaro che vi è depositato è immediatamente disponibile per il correntista: in qualunque momento il correntista può, andando in banca o tramite un bancomat, ritirare tutto o parte del denaro. Al contrario le obbligazioni non possono immediatamente essere convertite in denaro poiché occorre aspettare che scadano o vanno vendute sul mercato secondario: in entrambi i casi occorre tempo per convertirle in denaro, nel secondo caso normalmente saranno vendute a un prezzo diverso da quello di acquisto, spesso con tanto maggiore probabilità di perdita ( prezzo di vendita < prezzo di acquisto) quanto maggiore è l urgenza di vendere («fire sales») I rischi legate alle somme poste sul conto corrente sono minimi. Essi verranno sempre restituiti a meno che non collassi contemporaneamente l'intero sistema bancario e fallisca lo Stato («corsa agli sportelli»). I conti correnti fino ad un certo importo sono assicurati dallo Stato.

16 I conti correnti vs obbligazioni Tassi di interesse: le obbligazioni hanno tipicamente un tasso di interesse più alto. Rischiosità: il conto corrente offre meno rischi delle obbligazioni. Disponibilità del denaro: il conto corrente garantisce una disponibilità immediata del denaro mentre convertire obbligazioni in denaro richiede tempo. Conclusione: Le obbligazioni sono uno strumento migliore per il risparmio mentre il conto corrente è preferibile per depositare denaro necessario per le spese di breve termine.

17 La moneta In realtà anche la moneta serve a trasferire potere d'acquisto nel tempo. Se metto tutta la moneta sotto il materasso, posso riprendere tale moneta fra uno, due o più anni. E' però uno strumento apparentemente poco efficace: infatti non corrisponde alcun interesse. Ha però il vantaggio di essere "al sicuro" da crisi del sistema bancario o di fallimento dello Stato. Inoltre, per sua natura, ha una disponibilità immediata. In ogni caso è uno strumento assai scomodo per risparmiare (voi li terreste euro in casa?)

18 I metalli preziosi Oro, argento, diamanti e altri preziosi possono essere utilizzati per trasferire potere d'acquisto nel tempo. Tecnicamente non corrispondono alcun interesse ma poiché il valore di tali metalli varia, l investimento potrebbe comportare un guadagno assimilabile a un interesse (quando il valore aumenta) o una perdita (quando il valore si riduce). Conseguentemente comporta un certo grado di rischio. Ha il vantaggio di essere "trasportabile": una piccola quantità di oro è facile da trasportare e garantisce un'ampia e immediata disponibilità di ricchezza (un kg di oro vale euro).

19 Le azioni Le azioni costituiscono titoli di proprietà di un'impresa e, perciò, attribuiscono un diritto sui profitti che questa realizza. Se acquisto un'azione della FIAT io divengo proprietario di una quota (infinitesima) della FIAT. Al momento esistono azioni di FIAT SPA. Il valore complessivo di tali azioni è, al momento, In che modo le azioni permettono di trasferire potere di acquisto nel tempo?

20 Le azioni Le azioni acquistate e pagate oggi trasferiscono potere d'acquisto nel tempo in due modi: 1) Danno diritto a partecipare agli utili (profitti) futuri dell'impresa, che distribuisce tali utili (quando disponibili) tramite i dividendi. In pratica, in quanto possessore di un'azione, ho diritto a dei pagamenti periodici (trimestrali) che avvengono se, e solo se, l'impresa fa utili. Ovvero è possibile che riceva dei soldi periodicamente ma c'è il rischio che questo non avvenga. 2) In futuro posso rivendere le azioni al prezzo vigente in quel momento futuro: se il prezzo è aumentato io ho guadagnato e ho ottenuto un rendimento positivo. Se il prezzo si è ridotto io ho perso denaro e ho ottenuto un rendimento negativo.

21 Il rendimento di una azione (versione semplificata)? Sia V 0 il prezzo pagato per acquistare un'azione al tempo 0 e sia V 1 il prezzo ottenuto al momento di rivenderla. Il tasso di rendimento v, in assenza di dividendi, è dato da: v = V 1 V 0 V 0 = V 1 V 0 1 Il tasso di interesse di un obbligazione invece era: i = P 1 P 0 P 0 = P 1 P 0 1 Attenzione: I due tassi sono simili ma c'è una grossa differenza: al momento dell'acquisto di un obbligazione, P 1 è noto mentre al momento dell'acquisto di un'azione,v 1 non è noto!

22 Le azioni Le azioni acquistate e pagate oggi trasferiscono potere d'acquisto nel tempo in due modi: 1) Partecipare agli utili (profitti) futuri dell'impresa, che distribuisce tali utili (quando disponibili) tramite i dividendi. 2) Vendita futura delle azioni in mio possesso. In entrambi i casi la quantità di denaro che ricevo in futuro è aleatoria non certa. Il risparmio tramite azioni comporta quindi dei rischi poiché non so quanto denaro mi frutterà domani l'aver acquistato oggi un azione.

23 Azioni vs Obbligazioni Acquistando un azione, io partecipo del «rischio imprenditoriale», per questo in caso di fallimento le azioni non vengono mai rimborsate Esiste la possibilità che V 1 = 0 I detentori di obbligazioni («creditori») devono invece, se possibile, essere rimborsati D altra parte gli azionisti beneficiano di maggiori dividendi se l impresa va bene, i creditori ricevono sempre il medesimo interesse

24 Il mercato azionario E un mercato su cui sono scambiati un insieme di titoli azionari registrati («quotati») Il prezzo è determinato da domanda e offerta Indice azionario (Dow Jones, Nasdaq, FTSE): registra l andamento medio dei prezzi Gli investitori seguono strategie diverse («attivi», «passivi»), hanno aspettative sul futuro diverse

25 Indicatori del mercato azionario Prezzo Rendimento : dividendo / prezzo Prezzi / utili indicatore di salute dell impresa, della sua capacità di generare profitti Volume: quantità di titoli scambiati sul mercato, segnala il livello di interesse per il titolo

26 Le azioni La determinazione del prezzo Il prezzo delle azioni è il prezzo a cui acquisto una quota di un'impresa. Di conseguenza il prezzo dipende da quanto è "buona" quell'impresa. Ovvero il prezzo dipende dalle prospettive future dell'impresa. Ogni qual volta le prospettive future cambiano, il prezzo delle azioni muta. Esempio: supponiamo che oggi vengono scoperti nuovi pozzi di petrolio. Ciò fa supporre che il prezzo della benzina calerà e quindi la domanda di automobili aumenterà. Le prospettive dell'impresa FIAT improvvisamente migliorano: il suo prezzo aumenta.

27 Le azioni la gestione del rischio In seguito all'acquisto di un'azione oggi, io riceverò in futuro una quantità di denaro incerta. Ovvero l'acquisto di azioni comporta dei rischi. Il rischio è relativo alla variabilità del tasso di rendimento, che dipende dal prezzo futuro dell'azione. In futuro potrò guadagnare tanto oppure poco, o anche perdere il denaro risparmiato. Come è possibile contenere il rischio? Una possibile strategia è quella di diversificare il risparmio e l'investimento acquistando azioni imprese diverse.

28 Le azioni la diversificazione del risparmio Investire i proprio guadagni su più imprese comporta, a parità di importo investito, una riduzione del rischio. Infatti se acquisto imprese di una sola impresa io guadagnerò moltissimo se questa impresa andrà bene, ma perderò moltissimo se questa impresa andrà male. Acquistando titoli di più imprese, a parità di cifra risparmiata, sarà molto difficile che tutte le imprese vadano bene o che tutte le imprese vadano male. In pratica, sarà molto difficile che io guadagni moltissimo ma anche che io perda tantissimo. Attenzione: diversificare il risparmio non aumenta le mie prospettive di guadagno, ma ne riduce la variabilità!

29 Le azioni comportamenti illeciti Nella realtà l'andamento delle azioni è molto più erratico del semplice adattamento alle "prospettive future". Molteplici fattori influenzano il prezzo delle imprese, alcuni di questi sono legati alle informazioni disponibili sulle prospettive future che tuttavia non vengono sempre divulgati. Altri comportamenti possono influenzare il valore delle azioni in maniera illecita o illegale. Esempio: io dirigente della FIAT so che le vendite delle automobili in questo anno sono andate benissimo. Invece di rivelare questa informazione, che so che farà aumentare il prezzo delle azioni, ne approfitto per acquistare io stesso le azioni e solo a quel punto effettuo l'annuncio. Il prezzo delle azioni aumenterà e io avrò guadagnato moltissimo. Questo comportamento è definito insider trading ed è vietato e perseguito dalla legge. Altro esempio: diffondere false informazioni sulle prospettive future.

30 Gli intermediari finanziari Sono istituzioni finanziarie attraverso cui i risparmiatori prestano indirettamente ai debitori Si distinguono in: Bancari Non bancari: assicurazioni, fondi previdenziali, fondi comuni d investimento, società di intermediazione mobiliare

31 Le banche Le banche sono istituti che raccolgono denaro dai cittadini e lo custodiscono, tipicamente attraverso i conti correnti. Offrono anche altri servizi finanziari 1) tramite le banche è possibile comprare azioni o obbligazioni. 2) le banche concedono prestiti a imprese e famiglie.

32 Le banche Esistono costi per accedere ai mercati azionari (es. obblighi di trasparenza, obblighi di informazioni, obblighi sulla governance) La maggior parte delle piccole e medie imprese preferisce finanziare gli investimenti attraverso il credito bancario In questo caso le banche guadagnano sulla differenza tra tassi d interesse (per loro) a debito (sui conti correnti) e a credito (interesse sui prestiti)

33 Gli intermediari finanziari Fondi comuni di investimento: Sono istituzioni che raccolgono denaro dagli investitori (famiglie o altri agenti economici) sotto forma di «quote» e utilizzano tale denaro per acquistare un'ampia selezione («portafoglio») di obbligazioni e azioni. I sottoscrittori guadagnano / perdono sulla base dei prezzi / rendimenti dei titoli nel portafoglio. Dati i volumi di denaro raccolto, queste istituzioni sono in grado di diversificare fortemente la selezione di titoli acquistata garantendo così una riduzione del rischio dell'investimento.

34 Fondi d investimento Fondi indice: «replicano» l andamento del mercato creando portafogli con composizione simile ai titoli presenti sul mercato Hedge funds: usano il credito per individuare strategie che ottengano un rendimento superiore al mercato («battere il mercato»)

35 Deficit pubblico e Debito Pubblico Ogni anno, lo Stato spende denaro per fornire beni: istruzione, sanità, difesa e opere pubbliche. Chiamiamo G tale spesa. Lo Stato spende anche per fornire reddito a certe categorie di individui: pensioni, sussidi di disoccupazione, assegni familiari e il pagamento degli interessi sul debito. Chiamiamo TR l insieme di tali trasferimenti Lo Stato si finanzia tramite la raccolta delle tasse (detto gettito fiscale). Chiamiamo T il gettito fiscale complessivo

36 Deficit pubblico e Debito Pubblico In ogni anno, il DEFICIT PUBBLICO è dato da DEFICIT =T-G-TR Lo stato deve coprire il deficit offrendo obbligazioni! Il debito pubblico rappresenta la somma di tutti i deficit accumulati nel corso degli anni. Rappresenta la somma complessiva che lo Stato deve ai suoi creditori.

37 Rapporto fra debito e PIL Il Debito Pubblico Italiano 120 Italia 100 Germania

38 Le obbligazioni di stato I buoni ordinari del tesoro (BOT) Hanno breve durata: 3,6 oppure 12 mesi. I buoni poliennali del tesoro (BTP) Hanno durata pluriennale: 3, 5, 10, 15 e 30 anni. Prevedono dei pagamenti periodali (ogni 6 mesi)

39 Il mercato secondario Le obbligazioni del tesoro vengono rimborsate soltanto alla scadenza (anche 30 anni!) Tuttavia, è possibile vendere tale obbligazione ad una terza parte (un altra famiglia o una banca) prima della sua scadenza e ricevere oggi, in cambio, del denaro.

40 Obbligazioni, prezzi e tassi di interesse Se c è la certezza che le obbligazioni siano onorate, il prezzo di tale obbligazione è molto alto e quindi il tasso di interesse è molto basso. Se c è il forte rischio che le obbligazioni non siano onorate, il prezzo di tale obbligazione è molto basso e quindi il tasso di interesse è molto alto. i = P 1 P 0 1

41 Obbligazioni e spread Ad oggi, c è la convinzione che le obbigazioni emesse dalla Germania saranno sicuramente onorate: il loro prezzo è alto ed il tasso di interesse è basso. Ad oggi, c è minore convinzione che le obbigazioni emesse dall Italia possano essere onorate: il loro prezzo è basso ed il tasso di interesse è relativamente alto. La differenza fra i tassi d interesse delle obbligazioni italiane e quelle tedesche rappresenta lo spread.

42 Il mercato delle obbligazioni pubbliche Facciamo le seguenti due ipotesi: La domanda delle obbligazioni si riduce all aumentare del prezzo delle obbligazioni L offerta delle obbligazioni è pari al deficit dello Stato (Spesa pubblica gettito fiscale)

43 Il mercato delle obbligazioni di Stato Le obbligazioni vengono offerte dallo Stato per finanziare il deficit. La quantità di obbligazioni domandate dalla famiglia dipende dal loro prezzo. P 0 P * Offerta di obbligazioni=deficit Domanda di obbligazioni Quantità di obbligazioni L'incontro fra domanda di obbligazioni e offerta di obbligazioni ne determina il prezzo e, tramite questo, il tasso di interesse sul debito pubblico.

44 Il mercato delle obbligazioni di Stato Cosa accade se aumenta il deficit? All'aumentare del deficit lo Stato deve aumentare l'offerta di obbligazioni Offerta di obbligazioni=deficit P 0 Aumento dell offerta di obbligazioni P * Domanda di obbligazioni P * N Quantità di obbligazioni In seguito all'aumento del deficit il prezzo delle obbligazioni si è ridotto e il tasso di interesse è aumentato: il debito pubblico è divenuto piu oneroso.

45 La TASI, il deficit e il tasso di interesse La TASI (prima nota come IMU) è la tassa che viene pagata per la proprietà degli immobili (le abitazioni) Se la TASI viene rimossa il gettito fiscale si riduce e quindi, il deficit aumenta DEFICIT =T-G-TR Ma se aumenta il deficit, l offerta di obbligazioni aumenta, il prezzo delle obbligazioni si riduce e il tasso di interesse aumenta. Il debito pubblico quindi, diventa più oneroso!

46 Il patto di stabilità, il deficit e il tasso di interesse In seguito al peggioramento dei conti pubblici è stato deciso a livello europeo di mantenere il deficit entro il limite del 3%. In realtà tale vincolo è sempre esistito in base agli Accordi di Mastricht del 1993, ma vista la crisi attuale è divenuto particolarmente rilevante. Molti governi si lamentano di questo vincolo e vorrebbero più flessibilità. In effetti, non c'è nessuna ragione particolare per la quale il deficit deve avere come limite esattamente il 3% N.B. : non esiste solo la domanda delle famiglie: banche commerciali e soprattutto banca centrale possono acquistare titoli di Stato, sostenendone i prezzi

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8 Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8 SELTA INTERTEMPORALE (continua) Valore attuale nel caso di più periodi Valore di un titolo di credito Obbligazioni Obbligazioni emesse dalla Stato.

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5)

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) Scelta intertemporale n periodi di tempo Flusso e Stock Calcolo del valore attuale e del valore futuro (2 periodi) Vincolo di bilancio intertemporale Scelta intertemporale

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE SUPERIORI

EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE SUPERIORI EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE SUPERIORI IL COMPARTO OBBLIGAZIONARIO DEI MERCATI FINANZIARI ANGELO DRUSIANI 1 OTTOBRE 2015 - La crescita a debito dell economia mondiale - Aziende e famiglie finanziate

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 Tutti i soggetti economici quando si trovano a risparmiare si trovano di fronte a due opzioni : TESOREGGIAMENTO Processo attraverso il quale

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Il Mercato Finanziario Il mercato finanziario è il complesso delle emissioni e delle negoziazioni che hanno come oggetto strumenti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! 1 DOVE METTIAMO I NOSTRI SOLDI? - Conti e depositi bancari e postali - Titoli 2 TITOLI: Azioni Obbligazioni Titoli di Stato Azioni:

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

Economia e Politica Monetaria

Economia e Politica Monetaria Economia e Politica Monetaria Prof. Salvatore Nisticò email: salvatore.nistico@uniroma1.it http://www.diss.uniroma1.it/moodle2/course/view.php?id=358 Orari: Martedì 18:00 20.00 Aula XI Giovedì 16:00 18.00

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercizi: Utilità attesa (Cap.6) Problema 11 (pagina 203, libro) Supponete di avere 10 000 euro da investire in Junk Bonds oppure titoli

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Agressor (ISIN: FR0010321802)

Agressor (ISIN: FR0010321802) Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Analysis & Research. www.moneyriskanalysis.com ORO FISICO. sabato 16 agosto 2014 - 1 -

Analysis & Research. www.moneyriskanalysis.com ORO FISICO. sabato 16 agosto 2014 - 1 - ORO FISICO - 1 - Cosa fare per investire in oro fisico In questa analisi non andiamo ad analizzare una società, ma vogliamo presentare una nostra esperienza diretta. Come sapete siamo investitori accorti

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli Lezione 11 PIL, Costo della vita Leonardo Bargigli I due argomenti del corso La microeconomia si occupa del comportamento dei singoli agenti economici (individui, famiglie e imprese). La macroeconomia

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari PREVIDENZA E PATRIMONIO L ASSICURAZIONE SULLA VITA SCALA PREVIDENZA E PATRIMONIO Assicurazione sulla vita a premio unico CONFORTA Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura

Dettagli

Tasso di interesse e capitalizzazione

Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse = i = somma che devo restituire dopo un anno per aver preso a prestito un euro, in aggiunta alla restituzione dell euro iniziale Quindi: prendo

Dettagli

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Agenda Premessa L analisi delle passività come presupposto La diversificazione La riduzione

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Cosa si intende per sistema finanziario Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Il sistema finanziario E la struttura attraverso cui si svolge l attività finanziaria; L attività finanziaria è la

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

La capitalizzazione composta. Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi.

La capitalizzazione composta. Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. La capitalizzazione composta Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il prestito Mutuatario o debitore = chi riceve

Dettagli

IL CONTESTO Dove Siamo

IL CONTESTO Dove Siamo IL CONTESTO Dove Siamo INFLAZIONE MEDIA IN ITALIA NEGLI ULTIMI 60 ANNI Inflazione ai minimi storici oggi non è più un problema. Tassi reali a: breve termine (1-3 anni) vicini allo 0 tassi reali a medio

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Ti presentiamo due testi che danno informazioni ai cittadini su come gestire i propri

Ti presentiamo due testi che danno informazioni ai cittadini su come gestire i propri Unità 11 Questione di soldi In questa unità imparerai: come spedire i soldi all estero come usare il bancomat gli aggettivi e i pronomi dimostrativi questo e quello a costruire frasi negative con mai e

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

per Mara a) 16% b) 12% c) 11% d) 15% d 3.200, se aspetti 5mesi ci vogliono 200 in più. Che tasso annuo ha applicato il creditore?

per Mara a) 16% b) 12% c) 11% d) 15% d 3.200, se aspetti 5mesi ci vogliono 200 in più. Che tasso annuo ha applicato il creditore? RA00001 Quanti d interesse producono, in capitalizzazione a) 326,4 b) 412,5 c) 132,8 d) 210 a composta, 4000 impiegati al 4% dopo 2 anni? RA00002 Investendo per 6 anni un capitale di 32000, si sono a)

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA 1. Una visione d insieme 2. I settori istituzionali 3. I saldi finanziari 4. Le Famiglie 5.

Dettagli

Capitolo 13. Un esame preliminare delle decisioni di finanziamento. Principi di finanza aziendale

Capitolo 13. Un esame preliminare delle decisioni di finanziamento. Principi di finanza aziendale Principi di finanza aziendale Capitolo 13 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Un esame preliminare delle decisioni di finanziamento Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies,

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese.

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Gli Amministratori RUSSELL INVESTMENT COMPANY IV PUBLIC

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Economia degli Intermediari Finanziari

Economia degli Intermediari Finanziari Economia degli Intermediari Finanziari Finanziamento Indiretto Società A Emette L Obbligazione 1 ( Passività nel suo Bilancio A) Intermediario B Compral Obbligazione 1 di A (Attività nel suo Bilancio

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE.

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE. Il Ramo Vita 1 Puro rischio TCM 2 Puro Rischio TCM Garantiscono al Beneficiario un capitale in caso di decesso dell Assicurato entro un dato periodo di tempo. Il premio è calcolato in base: al sesso dell

Dettagli