Conferimento della Borsa Economia dell arte contemporanea in memoria dell Avvocato Giovanni Agnelli. venerdì 15 aprile 2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferimento della Borsa Economia dell arte contemporanea in memoria dell Avvocato Giovanni Agnelli. venerdì 15 aprile 2005"

Transcript

1 Conferimento della Borsa Economia dell arte contemporanea in memoria dell Avvocato Giovanni Agnelli venerdì 15 aprile 2005 Xavier Greffe Université de Paris I - Sorbonne IL MERCATO DELL ARTE È UN MERCATO?

2 Il mercato dell arte è un mercato? Gli osservatori del mercato dell arte giudicano spesso aberranti le oscillazioni di prezzo a cui vanno soggette certe opere. A partire dalla fine della seconda guerra mondiale non c è record che abbia resistito a lungo, come se il mercato dell arte non potesse che funzionare sempre al rialzo. Nel 1984 il record apparteneva a un paesaggio di Turner, Folkstone, con 9,4 milioni di dollari. L anno dopo il Paysage au soleil levant di Van Gogh già sfiora i 10 milioni (9,6), superati (10,4) dall Adorazione dei Magi del Mantegna. Nel 1987 i Tournesols di Van Gogh vengono acquistati dalla compagnia d assicurazioni giapponese Yasuda a un prezzo che fissa un nuovo limite: 39,9 milioni di dollari. Ma già nello stesso anno quel limite viene sorpassato dagli Iris, sempre di Van Gogh, che raggiunge 53,9 milioni: la madre del venditore aveva acquistato la tela trent anni prima a un prezzo attualizzato di mezzo milione di dollari, ciò che equivale a un tasso di rendimento reale del 12% annuo. Si può anche notare che alcune opere di Willem De Kooning hanno raggiunto i 20 milioni di dollari, mentre altre più recenti dello stesso artista non hanno superato gli dollari. E che dire della vendita di una riproduzione, tirata in venticinque esemplari, della Monna Lisa di Duchamp, nel 1989? Si può sostenere che un opera d arte è un opera unica e irripetibile, e perciò il suo prezzo sfugge a ogni spiegazione. C è qualcosa di vero in questa affermazione, che però non è soddisfacente per almeno due motivi. Sebbene l opera sia unica e in senso stretto non sostituibile, pur tuttavia essa appartiene al novero delle opere di un certo artista e di un certo genere artistico, ciò che può comportare per più di un osservatore un certo grado di sostituibilità. Inoltre, esistono altri beni, ad esempio, immobiliari che non presentano necessariamente le stesse fluttuazioni. Come spiegare le oscillazioni di prezzo delle opere d arte, nell ipotesi di trovare processi correttivi? In questi casi, possiamo dire d avere a che fare solo con un mercato? Uno schema originale di determinazione dei prezzi? A prima vista interpretare tali movimenti di prezzo sembra facile: si parte dal tradizionale schema di funzionamento dei prezzi sul mercato per vedere come quello dei prezzi delle opere d arte se ne discosti. 2

3 Per gli economisti, il prezzo è determinato dall azione congiunta di domanda e offerta. E sarà tanto più elevato quanto più la domanda sarà superiore all offerta, e inversamente. Questa prospettiva si precisa meglio a seconda che si ragioni sul breve o medio termine. Nel primo caso, l offerta non è espandibile, mentre il prezzo varia in ragione della domanda e delle funzioni d utilità che essa soddisfa. Sul medio o lungo periodo, l offerta può modificarsi: il livello del prezzo dipenderà allora dai costi di produzione che si sono dovuti sostenere per rispondere alla domanda, e il prezzo tenderà ad allinearsi al costo di produzione, così come sul breve termine esso variava in funzione della rarità percepita. Il prezzo delle opere d arte sembra piuttosto ispirarsi a uno schema opposto. In origine le opere d arte nascono spesso come servizi resi in relazione a funzioni economiche riconosciute e il loro prezzo dipende dai costi di produzione sostenuti per realizzarli. I pittori venivano pagati in base alle dimensioni delle loro opere, i drammaturghi del Rinascimento in base alla lunghezza del loro testo, del numero dei personaggi, ecc. Per spiegare quest idea, basti pensare al caso della pittura italiana del Quattrocento. Michaël Baxandall ha studiato i contratti con i quali i mecenati fissavano la remunerazione degli artisti impegnati nella realizzazione di dipinti o affreschi. In uno di questi, Borso d Este, duca di Ferrara, si impegna a pagare gli affreschi di Palazzo Schifanoia al prezzo di dieci lire bolognesi al piede quadrato. In un altro contratto si legge che il mercante fiorentino Giovanni de Bardi paga i dipinti in base ai materiali utilizzati e al tempo impiegato dall artista artigiano. Più rivelatore ancora è il contratto stipulato da Giovanni di Cosimo de Medici e Filippo Lippi per la realizzazione di un trittico. Sul quadro doveva essere raffigurato il personaggio di San Michele, ma i colori degli abiti del santo non erano specificati dal contratto. Siccome il committente li voleva dorati, Lippi scrisse al committente per chiedere una clausola addizionale al contratto poiché l uso del colore dorato era molto costoso e si rischiava di superare di molto la cifra pattuita: Se voi accettate di pagarmi sessanta fiorini per i materiali, l oro, la doratura e la pittura, io mi impegno a portare a termine senza problemi il quadro entro il 20 agosto. Con il passare del tempo, questo genere di motivazioni tende a scomparire e oggi il prezzo di un opera d arte dipende dall intensità della domanda per capolavori o ancora dalla rarità di un opera il cui prezzo di produzione è stato da tempo ammortizzato. Non si dice forse oggi che in assenza degli acquirenti giapponesi il prezzo degli impressionisti crollerebbe sul mercato come minimo del 30-40%? Lo schema di determinazione del prezzo si è quindi invertito: la funzione d utilità che generalmente 3

4 spiega la determinazione del prezzo nel breve periodo vale in questo caso solo sul lungo periodo; il costo di produzione che spiega il valore a lungo termine vale in questo caso solo sul breve periodo o più precisamente nel momento in cui tali opere fanno la loro comparsa. Si può applicare questo schema anche alla pittura contemporanea? Quando il prezzo di un opera contemporanea di Tinguely è inferiore a quello di un opera di Pistoletto, che a sua volta è inferiore a quella di Rauschenberg, si dedurrà che Rauschenberg lavora da più tempo di Tinguely e Pistoletto? Probabilmente no. Si tenderà piuttosto a spiegare le gerarchie dei prezzi in base al numero relativo di esposizioni realizzate, alla galleria d arte al quale ciascun artista è legato, ecc. Se pure il costo di produzione può servire come punto fermo iniziale, il prezzo tenderà poi rapidamente ad adottare andamenti erratici, senza bisogno di aspettare il medio o lungo termine. Si può qui utilizzare il concetto di soddisfazione estetica, che non corrisponde in prima approssimazione alle condizioni di produzione? Numerosi studi hanno dimostrato che uno dei fattori di differenziazione del prezzo delle opere dipende dal loro stile. I differenti generi - arte astratta o informale (espressionismo astratto negli Stati Uniti, tachisme in Francia, ecc.), arte pop, arte optique, ecc., - spiegano almeno in parte le differenze di valore delle opere. Tale variabile gioca in favore delle tendenze più recenti, per la relativa rarità delle opere disponibili. Più acutamente, Frey e Pommerehne, nel loro studio sugli Stati Uniti, hanno constatato che qualunque sia l artista considerato nel periodo , lo scarto tra il valore artistico fissato dagli esperti e il valore ipotizzabile a partire dalle variabili analizzate in precedenza non è mai superiore al 10%. Se si rapporta tale serie a quella dei prezzi nelle vendite d asta, la relazione è apprezzabile. Ma gli esperti mostrano di avere una concezione piuttosto flessibile del valore degli artisti, ragionando tanto in termini di riconoscimento che di qualità artistica intrinseca. Angela Vettese ha sottolineato una certa corrispondenza nel tempo tra il valore economico di un opera e il valore artistico calcolato con particolari strumenti come la classificazione Kunstkompass. Altri studi hanno messo in evidenza ulteriori fattori di differenziazione dei prezzi, come, ad esempio, l importanza fino a un dato momento assegnata ad un opera, correlata al numero di esposizioni a cui ha partecipato e al numero di riconoscimenti ricevuti. Analogamente, un altro fattore che accresce il valore artistico di un opera è il tempo intercorso dalle sue prime esposizioni (quanto più lungo è tale lasso temporale, tante più informazioni esistono sull artista e le sue opere). Un altra variabile in gioco è legata alla varietà di forme espressive utilizzate dall artista. Se un artista lavora in tutti e tre i 4

5 campi delle arti visive (pittura, scultura e grafica), godrà di un riconoscimento maggiore rispetto al collega specializzato in una sola forma d arte. Un ultimo criterio, per induzione o estrapolazione, è dato dal prezzo delle ultime opere vendute dall artista. Un analisi econometrica di queste variabili, effettuata su cento artisti nel periodo , conferma alcune di queste ipotesi. Gli artisti più poliedrici, che usano diversi supporti (disegno, pittura, scultura) si vedono riconoscere un valore superiore rispetto a quelli che si limitano a una sola forma d espressione. L avere ottenuto un premio/riconoscimento è, nell ordine, il secondo fattore determinante, seguito dall organizzazione di una mostra personale. Due fattori sembrano all opposto giocare un ruolo limitato: la partecipazione a mostre collettive, il tempo trascorso dalla prima mostra o manifestazione alla quale l artista ha partecipato. Quanto al ruolo dei diversi stili, si riscontra una corrispondenza con l ipotesi avanzata in precedenza: i nuovi stili hanno maggiore valore, anche se non si comprende se si tratti di un effetto di moda o di stock. Un altro fattore può sconvolgere il mercato: la scomparsa dell artista, che restringe lo stock delle opere a disposizione, e generalmente dà inizio a tendenze speculative al rialzo. In ogni caso, questi studi moltiplicano il numero di fattori tentando di spiegare il prezzo infine assegnato a un opera. Ma non dicono nulla su come si arrivi a quel prezzo, e ci dicono poco degli importanti cambiamenti che si verificano nel tempo. Una diversa architettura dei mercati? Vale dunque la pena chiedersi come funzioni il mercato dell arte e, in questa particolare circostanza, il mercato dell arte contemporanea. Un aspetto peculiare di questo mercato balza subito agli occhi e riguarda la presenza di andamenti di prezzo erratici e talvolta perfino anti-ciclici. Un secondo dato evidente è che in realtà di mercati ne esistono due: il mercato primario, dove le opere d arte fanno la loro comparsa e per la prima volta si vedono attribuire un valore economico, e il mercato secondario, dove l opera viene rimessa in circolazione dopo essere stata venduta la prima volta. Se il funzionamento del mercato primario è caratterizzato da oscillazioni di prezzo di difficile spiegazione, quello del mercato secondario a prima vista appare vicino a modalità più prevedibili e conferma il ruolo di fattori economici più tradizionali, come variazioni nel numero degli attori, effetti di reddito, variazioni del contesto macroeconomico. Come funziona il mercato primario? Esiste una particolarità del mercato dell arte che lo distingue nettamente da un mercato standard: la definizione del bene non preesiste al 5

6 mercato, ed è lo scambio a determinare tanto la natura quanto il prezzo del bene. All inizio, in effetti, l incertezza è completa e la vera posta in gioco nel mercato primario sta proprio nel comprendere, attraverso gli scambi di segnali che sopravvengono, se il bene artistico gode di un qualche genere di riconoscimento, legittimità, valorizzazione. Questa specificità è meno rilevante sul mercato secondario, dove il bene ha già avuto un suo riconoscimento. Ciò spiega perché, sul fronte dell offerta, l attore principale sarà non tanto l artista, quanto il gallerista. Vanno fatte qui alcune importanti distinzioni tra i differenti tipi di gallerie, per lo meno nell ambito del mercato primario. Un ruolo cruciale avrà in questo caso la galleria sperimentale, che s adopera per promuovere nuovi artisti e contribuire alla legittimazione di generi artistici. Ma vi sono anche altre gallerie che si accontentano di tenere delle opere in magazzino e di giocare quindi un ruolo di mediazione. Queste ultime avranno un ruolo preminente nel mercato secondario. Infine, al giorno d oggi troviamo le cosiddette grandi gallerie, che lavorano simultaneamente su più artisti e più generi, addirittura su più forme di espressione, non vendono mai tutto e l originalità delle opere non è la loro prima preoccupazione. Ciò spiega anche perché, sul fronte della domanda, sarà non tanto un individuo generico a operare, quanto piuttosto un collezionista o un intenditore, che contribuirà alla discussione sulla qualificazione finale del bene. Chi opera sul fronte della domanda è uno specialista o presunto tale, che dipende comunque in misura più o meno grande dal collezionista. Anche se la categoria degli acquirenti-collezionisti non rappresenta che una parte degli acquirenti, è questa tuttavia a esercitare un ruolo attivo e a determinare la sfera della domanda. Da dove scaturisce l interesse per l arte da parte dei collezionisti? Il valore d uso di un opera d arte contemporanea è limitato. Il valore di scambio lo si può avvertire solo in un ottica di diversificazione dei redditi. Per contro, il valore simbolico e di prestigio associato al possesso di una collezione è considerevole. Le motivazioni dei collezionisti possono anche essere più specifiche, come ha messo in luce Luisa Leonini nel suo L identità smarrita (1988): desiderio di possedere e di possedere per sé ; desiderio di costruirsi uno spazio di libera espressione; di dare prova delle proprie capacità, di dimostrare la propria padronanza e competenza in campo artistico. Tutti questi bisogni possono interagire e autosostenersi fino a creare un comportamento economico particolare, quello di dipendenza positiva. Ulteriori caratteristiche possono contribuire a diversificare la nozione di collezionista. Come ha mostrato Angela Vettese, esistono differenti tipi di collezionisti. Al collezionista puro si oppone quello speculatore, ma il primo può trasformarsi parzialmente nel secondo. Allo specialista di 6

7 una sola arte o di una sola scuola si oppone l eclettico. Al collezionista riservato si oppone quello esibizionista, che rischia di diventare in breve uno speculatore per la smania di rinnovare l interesse degli altri per la sua collezione modificandone il contenuto. In questo strano gioco, i ruoli possono anche invertirsi: l offerta tradizionale potrà richiedere l accettazione della qualificazione del bene, la domanda tradizionale l offrirà con l atto stesso dell acquisto. Il mercato dell arte gioca quindi un triplice ruolo: come luogo di incontro, luogo di definizione e luogo di valorizzazione. Che la definizione stessa di bene sia il risultato dell interazione tra più attori ci porta al cuore della specificità del mercato dell arte. Le spinte alla legittimazione dell opera possono trovarsi anche al di fuori del mercato, come nel caso di un catalogo, di una mostra in un museo o in un centro d arte contemporanea. Può trattarsi anche dei curatori di mostre, che del resto hanno un ruolo sempre più importante: è a loro infatti che ci si rivolge quando occorre stilare delle liste di artisti di valore, come nel caso di CREAM del 1988, pubblicata dall editrice Phaidon, che voleva presentare il fior fiore degli artisti emergenti, restringendoli a una rosa di cento nomi. Il ruolo dei curatori si è ampliato anche per il fatto che le opere d arte contemporanea hanno bisogno di grandi spazi espositivi. Queste figure sono costantemente in movimento, alla ricerca di esposizioni sempre più prestigiose. Si pensi a d Enzewor che, dopo aver diretto la biennale di Johannesburg nel 1997 fu chiamato a dirigere Documenta nel La consacrazione di un curatore dipende dalla capacità di diventare egli stesso in qualche modo la sintesi di un epoca artistica (si pensi a Piero Manzoni con l arte povera). Altri mediatori importanti sono i critici. Se i primi critici d arte non si curavano del mercato (Vasari, Pacheco), le cose sono cambiate a partire da Diderot. I critici diventano attori molto attivi, si trasformano in apologeti. Al critico militante si oppone allora il critico commentatore, che si considera interprete piuttosto che pioniere, come i giornalisti della stampa specializzata in campo artistico. L importanza della legittimazione e del processo da cui questa ha origine porta a dire che, accanto al mercato dell opera d arte, esiste in modo continuativo e informale un quasi-mercato del genere artistico. 7

8 Esistono, in effetti, due tipi di mercato dell arte (o di quasi-mercato) tra loro concatenati: quello dei generi artistici e quello delle opere d arte. Solo il secondo è davvero visibile, mentre il primo è quasi fittizio. La legittimazione di un opera d arte attraverso il suo acquisto si fonda su un certo numero di criteri artistici coerenti e, a sua volta, le rafforza. Se acquisto un opera d arte, faccio funzionare il mercato dei generi artistici, ma per acquistarla devo tenere già conto del funzionamento di quest ultimo. I due mercati non sono esattamente in sincronia, sebbene sia difficile percepire sfasamenti molto ampi. Il ricorso alla nozione di ciclo di vita di un opera permette, del resto, di comprendere che non possono probabilmente esistere sfasamenti troppo lunghi tra il ciclo di vita di un genere artistico e quello di un opera. Sono, però, questi sfasamenti tra i due mercati a spiegare gran parte di quelle oscillazioni di prezzo considerate aberranti: un opera il cui riconoscimento preceda quello del genere cui appartiene godrà di un plusvalore eccezionale, mentre il contrario si verificherà con opere il cui riconoscimento avvenga tardivamente rispetto a quello del genere artistico o addirittura nella fase di declino di quest ultimo. Sul mercato secondario, sia dal lato della domanda che da quello dell offerta possono trovarsi anche attori più tradizionali. Dal lato della domanda, può trattarsi di attori passivi che non intervengono nel processo di legittimazione dell opera, o al contrario di attori molto attivi alla ricerca di operazioni speculative a partire da opere già affermate. Sul lato dell offerta, può trattarsi sia di venditori di tipo classico, la cui azione di marketing si limita al prezzo, sia molto sofisticati, alla ricerca del rinnovamento nelle proprie collezioni, come i musei d arte contemporanea. Il funzionamento reale del mercato dell arte secondario dipenderà allora dal rispettivo ruolo di ciascuno di questi diversi attori. Ruolo che può mutare nel tempo. Se accanto agli acquirenti-collezionisti tradizionali, intervengono anche e significativamente - imprese che vedono nell acquisizione di opere d arte un ritorno in termini d immagine, i prezzi tenderanno a lievitare. Se a fianco dei galleristi-promotori, alcuni musei metteranno sul mercato opere appartenenti a correnti considerate ormai superate, i prezzi tenderanno ad abbassarsi. Il significativo intervento di un nuovo attore può cambiare il modo di funzionare del mercato dell arte, almeno sul breve e medio periodo. Così è avvenuto con gli acquisti d opere d arte da parte di aziende, che hanno giocato un ruolo significativo negli ultimi venticinque anni. In realtà, non si tratta di un fenomeno recente: per tutto il XIX secolo, in particolare in Francia, imprenditori e banchieri hanno costituito importanti collezioni, 8

9 assumendo un ruolo crescente nel mercato dell arte. Oggi, tuttavia, è l impresa in quanto tale (e non più una persona) ad assumere il ruolo di collezionista, al punto di creare vere e proprie strutture professionali di acquisto, come nel caso della Chase Manhattan Bank o della Exxon. Le motivazioni possono quindi cambiare. Ci si interroga molto sull influenza, non solo quantitativa, che tale collezionismo d impresa può avere. Secondo alcuni, esso è servito ad aiutare gli artisti locali o regionali. Secondo altri - ma è un punto più controverso - ha influenzato il mercato dell arte, per esempio, rafforzando il ruolo delle opere cosiddette inespressioniste, considerate più neutre. Un attenzione specifica meritano gli acquisti fatti dal Giappone. Alla fine degli anni ottanta questi ultimi costituiscono circa il 40% del fatturato di Christie s e Sotheby s. A ciò si aggiunge che gli acquisti di opere degli impressionisti ne hanno mandato alle stelle i prezzi, determinando un evidente calo relativo dei prezzi della della pittura antica. All origine di questi acquisti si dice di solito che vi sia la volontà degli operatori giapponesi di diversificare gli investimenti in relazione alla bolla immobiliare, alla possibilità di reimmettere nel mercato, attraverso le aste, le opere oggetto di investimenti importanti, e - secondo alcuni - al fatto che le misure contenute dei quadri ne farebbero un investimento privilegiato in un paese in cui il problema delle dimensioni è un vincolo permanente. La forza dello yen non era in quegli anni trascurabile, anche se le cose sono cambiate da allora. Ma c è un fatto ancora più interessante: agli acquisti di dipinti impressionisti sono seguiti acquisti più eterogenei, in favore di artisti moderni o contemporanei (Kandinsky, Dubuffet, Rauschenberg, Schnabel). Infine, le imprese giapponesi intendono la costituzione di musei o anche di città culturali come un investimento in comunicazione (il Bunkaurama del gruppo Tokyu). L aumento del numero degli acquisti d arte contemporanea e di luoghi pubblici per esposizioni impedisce quindi di limitare l influenza del Giappone alla sola esplosione dei prezzi dei dipinti impressionisti a partire dal Pont Japonais di Monet. Il funzionamento del mercato secondario non sarà privo d influenza sui generi artistici. Valorizzando o svalutando determinate opere, il mercato secondario influenza se non il valore artistico delle opere quanto meno il modo di guardare ad esse, e perfino la natura stessa dell attività degli artisti. La lettura delle memorie di parecchi artisti del secolo scorso dimostra che non erano affatto indifferenti al valore dei sistemi artistici riconosciuti e alla loro evoluzione nel tempo. In questo senso, il mercato secondario influenza il quasi-mercato dei generi artistici. 9

10 Il legame tra mercato primario e mercato secondario appare quindi abbastanza sottile. Nell analisi economica dei mercati tradizionali tale relazione oppone il mercato primario di un bene a quello cosiddetto d occasione, all interno del quale vengono trattati beni usati per un breve periodo di tempo. Salvo eccezioni, i prezzi del mercato d occasione sono più bassi di quelli del mercato primario, e non influenzano quest ultimi. Nei mercati dell arte le cose vanno diversamente. Il mercato primario è senza dubbio dominato da quegli attori a cui si deve la legittimazione dell opera d arte (il collezionista sul lato della domanda, il gallerista su quello dell offerta) mentre il mercato secondario è molto più eterogeneo. I prezzi del mercato secondario possono divergere anche a lungo da quelli del mercato primario. Inoltre, i legami fra i tre mercati, primario, secondario e di legittimazione portano a particolari effetti retroattivi. Se il mercato primario si può fondare su informazioni che riceve dal quasi-mercato della legittimazione, quest ultimo è orientato dalle informazioni che arrivano dal mercato secondario. Così il mercato secondario può avere influenza su quello primario. Siamo in presenza di una certa circolarità che può essere turbata dall apparizione di avanguardie o dall intervento di nuovi acquirenti. Nel mercato dell arte l artista non è un semplice spettatore, sebbene all inizio egli non possa che vivere con disagio il processo di legittimazione dell opera sul quale non riesce a esercitare alcun controllo, ciò che induce molti a pensare che avvenga in modo del tutto casuale. Anche se i suoi margini di manovra non sono molti, l artista non ne è tuttavia del tutto privo. Sul mercato primario, può imporre - di solito con il concorso di altri artisti - nuovi criteri di riferimento. C è chi attribuisce tale potere all accumulazione di un capitale relazionale che in qualche modo s accompagna al capitale culturale del consumatore. Sul mercato secondario, l artista può anche impegnarsi nella duplicazione o nella rarefazione del numero delle sue opere, creare dei ritmi specifici di fornitura di opere al mercato e modificare i prezzi sapendo che le modificazioni hanno effetto sui plusvalori prodotti dal diritto di sequela (il diritto dell artista a una percentuale del prezzo al quale l'opera è ceduta in vendita pubblica o tramite un commerciante). Per quanto significativi siano questi fattori, hanno un impatto più di breve-medio che di lungo periodo e non ci impediscono perciò di rintracciare un parallelismo di lungo 10

11 periodo tra l evoluzione del prezzo della pittura contemporanea e la congiuntura macro economica durante tutto il XX secolo. - Durante la crisi del 1930, si passa da una media mensile di 130 vendite nel 1929, a 73 nel 1930, a 13 nel 1931, per arrivare a 8 nel La flessione delle vendite si accompagna a una sensibile flessione dei prezzi. La Peigneuse di Degas passa in quel periodo da sterline a sterline. - Con gli anni cinquanta, si assiste a un risanamento, in particolare in occasione della vendita all asta a Parigi di intere collezioni, come la collezione Cognacq alla Galerie Charpentier a Parigi nel Ma il rallentamento congiunturale dell inizio degli anni sessanta si traduce in effetti nell innalzamento dei prezzi. - Nel 1966, la ripresa dell economia è effettiva e favorisce la moda dei surrealisti, come dimostrano il successo di Dalí o di Max Ernst le cui opere sono quelle che si rivalutano di più. - Nel la crisi del petrolio fa sentire i suoi effetti, in particolare in termini di prezzo. Nel 1976 le opere di Kandinsky sono ritirate da un asta a Londra, per essere rimaste al di sotto del prezzo di riserva. Improvvisamente chiudono anche diverse gallerie. - Nel 1980 si assiste a una nuova ripresa del mercato in Giappone, Stati Uniti e Germania. Durante questo periodo le quotazioni delle opere d arte si sottraggono in gran parte alle fluttuazioni borsistiche come quelle di Wall Street. Per contro, dopo la prima guerra in Iraq, si assiste a una frenata dei prezzi, che riprenderanno alla fine degli anni novanta. Ciò dimostra che l opera d arte non è un valore rifugio e che la determinazione del suo prezzo resta legata alla sua struttura specifica. Xavier Greffe, Université de Paris I - Sorbonne 11

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA CAPITOLO 2 Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA 2.1.Cosa muove i mercati? Il primo passo operativo da fare nel trading è l analisi del sentiment dei mercati. Con questa espressione faccio riferimento al livello

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Perché si fanno previsioni?

Perché si fanno previsioni? Perché si fanno previsioni? Si fanno previsioni per pianificare un azione quando c è un lag fra momento della decisione e momento in cui l evento che ci interessa si verifica. ESEMPI decisioni di investimento

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS 1 D1: Che cos è il multicomparto? Il multicomparto è la nuova offerta del fondo basata su più profili di gestione (comparti), che offre agli associati l opportunità di

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

studi e analisi finanziarie La Duration

studi e analisi finanziarie La Duration La Duration Cerchiamo di capire perchè le obbligazioni a tasso fisso possono oscillare di prezzo e, quindi, anche il valore di un fondo di investimento obbligazionario possa diminuire. Spesso si crede

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 Elaborazione su dati provvisori forniti dal Settore Turismo della Provincia di Como A cura di Massimo Gaverini

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Contratti per differenza (CFD)

Contratti per differenza (CFD) Avvertenza per gli investitori 28/02/2013 Contratti per differenza (CFD) Messaggi chiave I CFD ( contracts for difference ) sono prodotti complessi e non sono adatti a tutti gli investitori. Non investite

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015 Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi Milano 28 gennaio 2015 Stefano Sardelli Direttore Generale Presidente MILLENNIUM Sim La demografia incide in modo molto importante sulla crescita

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Strategie di copertura dai rischi del cambio e del prezzo del petrolio

Strategie di copertura dai rischi del cambio e del prezzo del petrolio 1 Strategie di copertura dai rischi del cambio e del prezzo del petrolio Ravenna 3 ottobre 2012 Dott. Jorden D. Hollingworth 2 Punti di discussione 1. Perché seguiamo il cambio e il prezzo del petrolio?

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

CHI E L AGENTE IMMOBILIARE? Tratto dal Campione del Real Estate Dirk Zeller (CEO della RealEstateChampion.com) nel suo Coaches Corner.

CHI E L AGENTE IMMOBILIARE? Tratto dal Campione del Real Estate Dirk Zeller (CEO della RealEstateChampion.com) nel suo Coaches Corner. CHI E L AGENTE IMMOBILIARE? Tratto dal Campione del Real Estate Dirk Zeller (CEO della RealEstateChampion.com) nel suo Coaches Corner. Gli agenti immobiliari fanno parte di quella categoria di professionisti,

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi Giovani e lavoro Data: 31 luglio 2012 La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

INTRODUZIONE AI CICLI

INTRODUZIONE AI CICLI www.previsioniborsa.net INTRODUZIONE AI CICLI _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione di ciclo economico visto l argomento che andremo a trattare. Che cos è un ciclo economico?

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 27 Settembre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 27 Settembre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro Ufficio Studi BMPI S.p.A. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro E opinione diffusa tra gli specialisti del mercato che il recente e brusco calo nei corsi dell Oro, e di tutto il comparto

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Analisi settoriale - Auto

Analisi settoriale - Auto Analisi settoriale - Auto Acquisto come piacere in Ungheria e in nord Europa In media europea, acquistare un'automobile è principalmente una necessità per più della metà degli acquirenti. Solo due intervistati

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli