Policy di Classificazione della Clientela

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Policy di Classificazione della Clientela"

Transcript

1 Policy di Classificazione della Clientela

2 INDICE 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO RIFERIMENTI RMATIVI CATEGORIE DI CLIENTELA Clientela professionale Controparti qualificate Clientela al dettaglio GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE AL 1 VEMBRE 2007 CLASSIFICAZIONE STATICA Riclassificazione degli operatori qualificati al 1 novembre Classificazione della nuova clientela CLASSIFICAZIONE DINAMICA DELLA CLIENTELA Passaggio classificazione da clientela retail a clientela professionale su richiesta Procedura per la modifica della categoria di classificazione Valutazione della competenza, esperienza, conoscenza del cliente Cambi di classificazione: da Controparti qualificate o Clientela professionale a Clientela retail da Controparti qualificate a Clientela professionale Variazione ad iniziativa del cliente Variazione ad iniziativa della Banca REGOLE E TUTELA DI CONDOTTA PER CLASSE DI CLIENTELA Allegato A - Informativa Base sulla Classificazione della Clientela Pag. 2 di 15 Versione

3 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO Il presente documento descrive le politiche e le procedure di classificazione della clientela (di seguito Policy ), adottate dalla MPS Capital Services Spa (di seguito Banca ) allorquando presta servizi ed attività di investimento, in ottemperanza a quanto disposto dalla Direttiva 2004/39/CE, del Parlamento europeo del 21 aprile 2004, relativa ai mercati degli strumenti finanziari (Markets in Financial Instruments Directive di seguito MiFID ), dalla Direttiva 2006/73/Ce o Direttiva di Livello 2 (di seguito Direttiva L2 ), dal Testo Unico della Finanza D.Lgs. 58/98 e successive modificazioni (di seguito T.U.F.), dal Regolamento Intermediari adottato da Consob con Delibera n (di seguito RI o Regolamento Intermediari), dal Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanza n / novembre La Policy fornisce una descrizione delle categorie di clienti disciplinate dalla normativa, riportando i requisiti che determinano l attribuzione di un determinato status al cliente, nonché il cambiamento di tale status. La Policy descrive i criteri adottati dalla Banca per la classificazione iniziale dei clienti nelle categorie previste dalla normativa, sulla base dell analisi della sussistenza dei predetti requisiti in capo agli stessi (c.d. classificazione statica). Con la Policy la Banca fornisce, altresì, informazioni alla clientela circa il diritto a richiedere una classificazione diversa a quella attribuita dalla Banca. La variazione della classificazione può avvenire, nei casi previsti dalla normativa, qualora pervenga una richiesta di cambiamento di status da parte del cliente o qualora il cambiamento di status sia definito dalla Banca (c.d. classificazione dinamica). La Policy descrive i criteri di attribuzione della classe al cliente caso per caso. La norma prevede che la modifica della classificazione possa riguardare l operatività complessiva del cliente, la prestazione di un singolo servizio di investimento o l effettuazione di operazioni che transiteranno su un determinato rapporto. L accoglimento delle richieste di diversa classificazione da parte dei clienti è rimessa, tuttavia, alla valutazione discrezionale della Banca, che potrebbe, anche in base a quanto definito nella presente Policy, accogliere solo in parte la richiesta dei clienti (ad esempio, solo per determinati servizi o relativamente alle operazioni che transiteranno su un determinato rapporto), oppure non accoglierla affatto. In ogni caso, gli obblighi di verifica posti in capo alla Banca per poter concedere un livello di protezione inferiore, sono piuttosto articolati e complessi, in quanto implicano necessariamente il rispetto di determinati criteri e procedure. Di seguito viene descritto il livello di protezione fornito alla clientela in funzione della classificazione attribuita e, le regole di condotta cui la Banca si deve attenere. 2. RIFERIMENTI RMATIVI Il Regolamento Consob 16190/07 consente agli intermediari di graduare le regole di condotta in funzione della categoria di clientela nei confronti della quale la Banca presta il servizio di investimento. Infatti, uno degli obiettivi primari della MiFID è volto ad assicurare la tutela della propria clientela, adottando misure destinate a proteggere l investitore in funzione delle specificità di ciascuna categoria o status ad esso attribuito e previsto dalla norma. La normativa stabilisce che le imprese di investimento devono classificare i propri clienti, in base a determinate caratteristiche, in una delle tre seguenti categorie: clienti professionali, controparti qualificate e clienti al dettaglio individuati in via del tutto residuale 1 (di seguito anche clienti Retail). In particolare, per clienti professionali, si intendono coloro che sono in possesso di esperienze, conoscenze e competenze tali da far ritenere che le decisioni di investimento compiute dagli stessi siano prese consapevolmente e che gli stessi siano in grado di valutare correttamente i rischi che con esse si assumono. Si distinguono tra quelli professionali di diritto, tra cui sono ricomprese anche la quasi totalità delle Controparti Qualificate, e sono: - i soggetti autorizzati o regolamentati per operare nei mercati finanziari sia italiani che esteri; - le imprese di grande dimensioni individuate in relazione ai dati di bilancio: - gli investitori istituzionali la cui attività principale è costituita dall investimento in strumenti finanziari; e quelli che possono invece richiedere tale classificazione (professionali su richiesta ). La classificazione su richiesta necessita di una valutazione di carattere sostanziale delle caratteristiche del cliente e della sua idoneità ad essere inserito tra i clienti professionali : tale classificazione può essere attribuita anche per l operatività su singoli servizi o rapporti (Allegato 3 del R.I.). Compete alla Consob, sentita la Banca d Italia, l individuazione di clienti professionali privati ( di diritto e su richiesta ); compete al MEF, sentite le due Autorità, l individuazione dei clienti professionali pubblici ( di diritto e su richiesta ). Le controparti qualificate (così definite solo in relazione a specifici servizi dall art. 58 del Regolamento Intermediari R.I.) si distinguono tra soggetti classificati nella categoria dalla MiFID e soggetti che, sulla base di un eventuale esercizio di un'opzione da parte degli Stati membri, soddisfano requisiti predeterminati (art. 24, par. 3 della MiFID e art. 50 della Direttiva 2006/73/CE). L art. 6, comma 2-quater, prevede che l esercizio dell opzione in parola sia demandato, in Italia, alla Consob, sentita la Banca d Italia. 1 Maggiori dettagli su tali categorie sono contenuti nella sezione dedicata alla Classificazione statica della clientela. Pag. 3 di 15 Versione

4 Quella delle controparti qualificate rappresenta una categoria integralmente nuova per l'ordinamento italiano. Infine, sia la disciplina comunitaria che la disciplina nazionale (rispettivamente, art. 4, comma 1, punto 12, della MiFID ed art. 26, punto 1, lett. e) individuano, mediante un approccio di tipo residuale, i clienti al dettaglio, identificati come coloro che non sono nè clienti professionali, né controparti qualificate. Ad essi si applica il regime ordinario di tutela stabilito dagli artt. 19 e ss. della MiFID. In sede di apertura di un rapporto, dunque, la Banca dovrà innanzitutto classificare la clientela che ne abbia i requisiti (come previsto dalla normativa vigente) Controparte qualificata o Professionale di diritto : in mancanza dei prescritti requisiti (Allegato 3 al Reg /07) procederà a classificarlo quale cliente Retail, informandolo, nel contempo, della possibilità di chiedere: - un elevazione della classificazione da Retail a Professionale a richiesta (qualora in possesso dei requisiti di cui all Allegato 3 del Regolamento 16190/07); - una classificazione inferiore a quella attribuita, per uno o più servizi d investimento o per una o più categorie di operazioni. La classificazione della clientela, quindi, può essere modificata, sia su iniziativa della Banca che su richiesta del cliente. In quest ultima ipotesi, ove trattasi di elevazione della classificazione, tale variazione sarà in ogni caso subordinata alla valutazione discrezionale dell impresa di investimento. 3. CATEGORIE DI CLIENTELA La normativa comunitaria di primo e secondo livello, nonché la corrispondente normativa nazionale, individua tre categorie di clienti, assegnando a ciascuna di esse diversi livelli di protezione. L inquadramento della clientela in una delle tre categorie avviene sulla base del possesso di determinati requisiti di natura oggettiva (classificazione statica). In sede di apertura di un rapporto con un cliente la Banca, applicando i criteri di classificazione automatica previsti dal legislatore, gli attribuisce una determinata categoria. 3.1 Clientela professionale Il cliente professionale è quel soggetto che possiede l esperienza, le conoscenze e le competenze necessarie per prendere consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e per valutare correttamente i rischi che assume. Il Cliente professionale può essere privato se soddisfa i requisiti di cui all Allegato n. 3 del R.I., pubblico se soddisfa i requisiti di cui al Decreto MEF.. La categoria dei Clienti professionali di diritto include: 1. i soggetti che sono tenuti ad essere autorizzati o regolamentati per operare nei mercati finanziari, siano essi italiani o esteri quali: banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali organismi, fondi pensione e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia (locals), altri investitori istituzionali, agenti di cambio. 2. le imprese di grandi dimensioni che presentano a livello di singola società, almeno due dei seguenti requisiti dimensionali: totale di bilancio: EUR; fatturato netto: EUR; fondi propri: EUR. Quando ricorre questa ipotesi di classificazione la Banca informa l impresa, prima di qualsiasi prestazione di servizi, che, sulla base delle informazioni di cui dispone, essa viene considerata di diritto un cliente professionale e verrà trattata come tale. 3. gli investitori istituzionali la cui attività principale è investire in strumenti finanziari, compresi gli enti dediti alla cartolarizzazione di attivi o ad altre operazioni finanziarie. Con riferimento ai clienti professionali pubblici, invece, la MiFID non definisce per i soggetti pubblici criteri quantitativi di identificazione, in quanto l Allegato II alla Direttiva classifica quali clienti professionali i governi centrali e regionali nonché gli enti pubblici che gestiscono il debito pubblico. La disciplina relativa ai criteri di identificazione degli stessi, ai sensi dell articolo 6, comma 2-sexies, del TUF, è definita dal Ministero dell Economia e delle Finanze. Pag. 4 di 15 Versione

5 I Clienti professionali su richiesta sono i clienti al dettaglio che vengono classificati dalla Banca come professionali dietro loro esplicita richiesta, sulla base della valutazione di sostanziale idoneità e rispettati i criteri e le procedure indicati al par I Clienti Professionali Pubblici sono, ai sensi dell art. 2 del Decreto n /11/11 del Ministero dell Economia e delle Finanze: il Governo della Repubblica e la Banca D Italia. I Clienti Professionali Pubblici su richiesta Ai sensi dell art. 3 del Decreto n /11/11 del Ministero dell Economia e delle Finanze possono richiedere di essere trattati come clienti professionali: le Regioni le Province autonome di Trento e Bolzano i soggetti di cui all art. 2 del Decreto Legislativo 18/8/2000 n. 267 gli enti pubblici nazionali e regionali, a condizione che i richiedenti soddisfino congiuntamente i seguenti requisiti: a) entrate finali accertate nell ultimo rendiconto di gestione approvato superiori a 40 milioni di euro; b) aver effettuato operazioni sul mercato finanziario di valore nominale o nozionale complessivo superiore a 100 milioni di euro nel corso del triennio precedente la stipula del contratto; c) presenza in organico di personale addetto alla gestione finanziaria che abbia acquisito adeguate competenze, conoscenze ed esperienza in materia di servizi di investimento, ivi compresi quelli di gestione collettiva, e strumenti finanziari. 3.2 Controparti qualificate Sono controparti qualificate (art. 6 comma 2 quater del T.U.F.) i clienti di seguito elencati cui sono prestati i servizi di esecuzione di ordini e/o di negoziazione per conto proprio e/o di ricezione e trasmissione ordini: 1. le imprese di investimento, le banche, le imprese di assicurazioni, gli OICR, le SGR, le società di gestione armonizzate, i fondi pensione, gli intermediari finanziari iscritti negli elenchi previsti dagli articoli 106, 107 e 113 del T.U. Bancario, le società di cui all articolo 18 del T.U. Bancario, gli istituti di moneta elettronica, le fondazioni bancarie, i governi nazionali e i loro corrispondenti uffici, compresi gli organismi pubblici incaricati di gestire il debito pubblico, le banche centrali e le organizzazioni sovranazionali a carattere pubblico; 2. le imprese la cui attività principale consista nel negoziare per conto proprio merci e strumenti finanziari derivati su merci; 3. le imprese la cui attività esclusiva consista nel negoziare per conto proprio nei mercati di strumenti finanziari derivati e, per meri fini di copertura, nei mercati a pronti, purché esse siano garantite da membri che aderiscono all organismo di compensazione di tali mercati, quando la responsabilità del buon fine dei contratti stipulati da dette imprese spetta a membri che aderiscono all organismo di compensazione di tali mercati; 4. le altre categorie di soggetti privati individuati con regolamento dalla Consob, sentita Banca d Italia, nel rispetto dei criteri di cui alla direttiva n. 2004/39/CE e alle relative misure di esecuzione; in proposito Consob esercitando la facoltà attribuitale dal TUF ha stabilito che sono, altresì, controparti qualificate le imprese previste nell elenco clientela professionale (par. 2.1 ai punti 1 e 2) non già richiamati nei punti del presente paragrafo ( R.I. Allegato n. 3, parte I, punti 1 e 2), nonché le imprese che siano qualificate come tali dall ordinamento dello Stato comunitario in cui hanno sede o che siano sottoposte a identiche condizioni e requisiti nello Stato extracomunitario in cui hanno sede. 5. le categorie corrispondenti a quelle dei numeri precedenti di soggetti di Paesi non appartenenti all Unione europea. La quasi totalità di tali soggetti sono considerati operatori professionali di diritto (All. 3 R.I.). La Banca deve ottenere da tali controparti la conferma esplicita che esse accettano di essere trattate come controparti qualificate. 6. le imprese di grandi dimensioni, che presentano a livello di singola società, almeno due dei tre requisiti dimensionali previsti (totale di bilancio EUR, fatturato netto EUR, fondi propri superiori a EUR - art.58 comma 2, R.I.) Alle controparti qualificate, relativamente alla prestazione dei servizi di investimento e dei servizi accessori ad essi connessi, non si applicano le regole di condotta di cui agli art. da 27 a 56, ad eccezione del comma 2, dell art. 49 del R.I. 3.3 Clientela al dettaglio Sono inclusi i soggetti diversi dai clienti professionali (art. 4, comma 1, punto 12, della MiFID ed art. 26, punto 1, lett. e). Tali clienti vengono individuati mediante un approccio di tipo residuale, in quanto sono rappresentati da tutti coloro che Pag. 5 di 15 Versione

6 non sono clienti professionali, né controparti qualificate e ad essi si applica il regime ordinario di tutela stabilito dagli artt. 19 e ss. della MiFID. 4. GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE AL 1 VEMBRE 2007 CLASSIFICAZIONE STATICA La Banca ha riclassificato ogni Cliente Esistente al 1 novembre 2007 secondo i criteri e le modalità di seguito indicati. Per Cliente Esistente si intende: - ogni intestatario/possessore di strumenti finanziari derivati OTC - ogni controparte istituzionale Le nuove regole in materia di classificazione della clientela introdotte dalla MiFID impongono agli intermediari di verificare se e a quali condizioni sia possibile continuare a trattare la clientela già acquisita secondo la classificazione operata in vigenza della precedente disciplina pre-mifid (Regolamento n ). In base al regime pre-mifid infatti, si distinguono due categorie di clienti: 1. gli operatori qualificati, come definiti all art. 31, comma 2, del previgente Regolamento Consob 11522/1998; 2. clienti diversi dagli operatori qualificati (Clienti Ordinari). Poiché la categoria di operatore qualificato pre-mifid corrisponde solo concettualmente a quella di cliente professionale secondo la MIFID, ma non vi è una corrispondenza diretta tra le due, la banca ha classificato gli ex operatori qualificati nella categoria dei clienti professionali solo a condizione che rispettino quanto previsto dall All.3, sez.ii del R.I. ed in via residuale utilizzando la disposizione transitoria di cui all art.71, comma 6 della direttiva Alla data di entrata in vigore della MIFID, tutti i clienti della Banca avevano sottoscritto la dichiarazione di operatore qualificato. 4.1 Riclassificazione degli operatori qualificati al 1 novembre 2007 La Banca ha provveduto alla riclassificazione dei soggetti appartenenti alla categoria operatori qualificati (definiti tali dall art. 31 del previgente Regolamento Intermediari Consob n /1998) nell ambito dei clienti professionali (es. clienti privati, enti pubblici ecc. che avevano fornito la relativa autocertificazione) alla luce dei criteri di cui all Allegato 3, sezione II del R.I. Nell ambito delle controparti qualificate, a quei clienti ritenuti controparti istituzionali della Banca quali ad esempio banche, imprese di investimento, imprese di assicurazione, se in possesso dei requisiti previsti dal nuovo art. 6, comma 2-quater lett.d del TUF, in data 1 novembre 2007 ed è stata inviata tramite lettera semplice la comunicazione della classificazione insieme alla comunicazione del diritto a richiedere una diversa classificazione e dei limiti che ne deriverebbero sotto il profilo della tutela. 4.2 Classificazione della nuova clientela a) Clienti al dettaglio Nel momento in cui si inizia ad operare con un nuovo cliente si deve procedere alla sua classificazione; se il nuovo cliente non rientra nei parametri previsti per la clientela professionale di diritto o per le controparti qualificate viene classificato dalla Banca come Cliente al dettaglio. Il cliente prende atto della classificazione ad esso attribuita riportata nel questionario MiFID, prende visione della Policy se la richiede e, sempre su richiesta, della comunicazione scritta circa il diritto a richiedere una diversa classificazione e dei limiti che ne deriverebbero sotto il profilo della tutela. b) Cliente professionale di diritto L attribuzione della classificazione Clientela professionale di diritto compete alle funzioni preposte dietro deposito almeno della seguente documentazione comprovante il possesso dei requisiti normativamente previsti: - Statuto sociale vigente, - Bilancio dell ultimo esercizio per le imprese. Il cliente prende atto della classificazione ad esso attribuita dalla Banca e del diritto a richiedere una diversa classificazione e dei limiti che ne deriverebbero sotto il profilo della tutela. Pag. 6 di 15 Versione

7 c) Cliente professionale pubblico La Banca comunica al cliente professionale pubblico che è considerato cliente professionale di diritto e che sarà trattato come tale a meno che il cliente e la Banca non convengano diversamente. La Banca informa quindi il cliente che può sempre richiedere un maggior grado di tutela. d) Controparti qualificate Qualora il cliente rientri nelle fattispecie previste e limitatamente ai servizi di esecuzione di ordini e/o di negoziazione per conto proprio e/o di ricezione e trasmissione ordini, viene classificato tra le Controparti qualificate; l attribuzione di tale classificazione compete alle funzioni preposte. Il cliente prende atto della classificazione ad esso attribuita e del diritto a richiedere una diversa classificazione e dei limiti che ne deriverebbero sotto il profilo della tutela ed allo stesso viene poi consegnata la Policy. La Banca richiede la conferma esplicita che esse accettano di essere trattate come controparti qualificate e, in mancanza di riscontro entro 30 giorni dalla comunicazione, ritiene approvata la classificazione attribuita. 5. CLASSIFICAZIONE DINAMICA DELLA CLIENTELA La normativa permette di classificare un cliente in una categoria differente rispetto a quella definita in sede di classificazione statica. Il passaggio da una classe all altra può avvenire in determinate fattispecie e con precise condizioni, su iniziativa della Banca o su richiesta del cliente. Sono di seguito descritte le fattispecie di classificazione dinamica gestite dalla Banca nel rispetto della normativa, le procedure applicate, le forme e le modalità adottate per il passaggio. Di seguito sono formalizzate le possibili variazioni di categoria consentite dalla normativa (in via generale o in relazione a determinati prodotti o servizi) e le modalità operative di gestione delle stesse in caso di richiesta di diversa classificazione, sia da parte del cliente che su iniziativa della Banca. La normativa consente sia passaggi di categoria che aumentano il livello di protezione e di tutela dell investitore (downgrading), sia variazioni che riducono il livello di informativa e di tutela (upgrading). In sintesi la Banca consente le seguenti variazioni di classificazione: Classificazione Statica Classificazione Dinamica Livello di informativa e tutela Da clientela al dettaglio a clientela professionale Minore Da controparte qualificata a clientela professionale Maggiore Da cliente professionale a cliente al dettaglio Maggiore Da controparte qualificata a cliente al dettaglio Maggiore 5.1 Passaggio classificazione da clientela retail a clientela professionale su richiesta Alla clientela al dettaglio può richiedere il passaggio alla categoria della Cliente professionale su richiesta, rinunciando ad alcune delle protezioni previste dalla normativa. Tuttavia, tale passaggio è consentito solo attraverso il superamento di condizioni molto stringenti; infatti la Banca può classificare come Cliente professionale su richiesta i clienti, diversi dai clienti professionali di diritto, che ne facciano espressa richiesta, purché siano realizzate le seguenti fasi e soddisfatte le relative condizioni: 1. espletamento della procedura per la modifica della categoria di classificazione; 2. valutazione di adeguatezza della competenza, esperienza e conoscenza finanziaria del cliente. La procedura per la modifica della categoria di classificazione si articola nei seguenti passaggi: i. il cliente deve richiedere in forma scritta di essere trattato come cliente professionale a titolo generale ovvero rispetto ad un particolare servizio, operazione, strumento o prodotto di investimento; ii. la Banca con una comunicazione scritta avverte il cliente che la nuova classificazione come cliente professionale comporta la perdita di alcune protezioni; iii. il cliente dichiara per iscritto, in un documento diverso dal contratto, di essere consapevole delle conseguenze derivanti dalla perdita di tali tutele. Pag. 7 di 15 Versione

8 Prima di accettare la richiesta di passaggio di categoria, la Banca valuta l esperienza, la competenza e le conoscenze del cliente in relazione a quei servizi/ strumenti finanziari per i quali ha richiesto una diversa classificazione e, pertanto verifica attraverso le informazioni in proprio possesso e/o previa l eventuale richiesta di apposita documentazione la sussistenza di almeno due dei seguenti requisiti: i. il cliente ha svolto operazioni di dimensioni significative sul mercato di riferimento con una frequenza media di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti; ii. il valore di portafoglio degli strumenti finanziari del cliente, inclusi i depositi in contante deve superare ; iii. il cliente lavora o ha lavorato nel settore finanziario per almeno un anno ricoprendo una posizione professionale che presupponga la conoscenza delle operazioni o dei servizi previsti. Il richiedente viene anche sottoposto ad un apposito test di competenza. In caso di persone giuridiche la valutazione è condotta con riguardo alla persona autorizzata ad effettuare operazioni per loro conto e/o alla persona giuridica medesima. La Banca può rifiutare di accogliere la richiesta di cambio di classificazione ogni qualvolta ritenga che il cliente non possegga i requisiti richiesti dalla normativa applicabile o dalle procedure interne adottate, fornendo ad esso adeguata motivazione. Nel caso in cui la richiesta provenga di una cliente professionale pubblico ad essa dovrà essere allegata una dichiarazione del responsabile della gestione finanziaria attestante il possesso di un adeguata qualificazione professionale in materia finanziaria, con indicazione dell esperienza maturata nel settore finanziario. Il soggetto pubblico richiedente dovrà inoltre documentare la sussistenza dei seguenti requisiti: a) entrate finali accertate nell ultimo rendiconto di gestione approvato superiori a 40 milioni di euro; b) aver effettuato operazioni sul mercato finanziario di valore nominale o nozionale complessivo superiore a 100 milioni di euro nel corso del triennio precedente la stipula del contratto; c) presenza in organico di personale addetto alla gestione finanziaria che abbia acquisito adeguate competenze, conoscenze ed esperienza in materia di servizi di investimento, ivi compresi quelli di gestione collettiva, e strumenti finanziari Procedura per la modifica della categoria di classificazione La procedura per il passaggio da Cliente al dettaglio a Cliente professionale su richiesta è regolata da specifico documento normativo interno Valutazione della competenza, esperienza, conoscenza del cliente La normativa prevede che la disapplicazione delle regole di condotta previste per la prestazione dei servizi è consentita solo dopo che la Banca ha effettuato una valutazione adeguata della competenza, dell esperienza e delle conoscenze del cliente attraverso cui si possa ragionevolmente ritenere, tenuto conto della natura delle operazioni o dei servizi prestati, che il cliente sia in grado di adottare consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e di comprendere i rischi assunti. Tale valutazione si articola nelle fasi di seguito descritte: A) Verifica professionalità per amministratori e dirigenti di soggetti autorizzati La Banca, prima di accettare la richiesta di passaggio di categoria, valuta l esperienza, la competenza e le conoscenze del cliente in relazione a quei servizi/strumenti per i quali ha richiesto una diversa classificazione, prendendo come riferimento anche l eventuale possesso dei requisiti di professionalità previsti per dirigenti e amministratori dei soggetti autorizzati a norma delle direttive nel settore finanziario 2. B) Valutazione sostanziale Qualora non sia applicabile la valutazione di cui al punto A) la Banca verifica la competenza, l esperienza e le conoscenze del cliente, per assicurarsi che questi sia in grado di adottare consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e di comprendere correttamente i rischi assunti; ciò attraverso le informazioni acquisite dallo stesso a mezzo dell apposito test di competenza per la classificazione a Cliente Professionale su richiesta. C) Verifica dei requisiti oggettivi 2 In Italia, i principali riferimenti normativi sono rappresentati dal D.M. n. 468/98. Pag. 8 di 15 Versione

9 La Banca nell eseguire la sua valutazione, in aggiunta a quanto già previsto sopra, provvederà inoltre, ad accertare la sussistenza di almeno due dei seguenti criteri: a) il cliente ha effettuato operazioni di dimensioni significative sul mercato di riferimento con una frequenza media di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti; b) il valore di portafoglio di strumenti finanziari del cliente inclusi i depositi in contante esistenti presso la Banca deve superare ; c) il cliente lavora o ha lavorato nel settore finanziario per almeno un anno in una posizione professionale che presuppone la conoscenza delle operazioni o dei servizi previsti. Nel caso i cui la richiesta provenga da soggetto pubblico la Banca dovrà accertare la sussistenza dei tre requisiti previsti dal Decreto n. 236: a) entrate finali accertate nell ultimo rendiconto di gestione approvato superiori a 40 milioni di euro; b) aver effettuato operazioni sul mercato finanziario di valore nominale o nozionale complessivo superiore a 100 milioni di euro nel corso del triennio precedente la stipula del contratto; c) presenza in organico di personale addetto alla gestione finanziaria che abbia acquisito adeguate competenze, conoscenze ed esperienza in materia di servizi di investimento, ivi compresi quelli di gestione collettiva, e strumenti finanziari. In caso di persone giuridiche, la valutazione di cui sopra è condotta con riguardo alla persona autorizzata ad effettuare operazioni per loro conto, incaricata ad operare sui depositi accesi presso la Banca, e/o alla persona giuridica medesima. La Banca prima di accogliere la richiesta di diversa classificazione si accerta che il cliente possegga i requisiti di cui ai precedenti paragrafi, e in caso positivo può accettare la richiesta classificandolo nella categoria relativa alla clientela professionale o rifiutare di accogliere la richiesta ogniqualvolta ritenga che il cliente non possegga i requisiti richiesti dalla normativa applicabile e/o dalle procedure interne adottate, purché tale rifiuto non appaia discriminatorio o comunque palesemente lesivo degli interessi del cliente. La Banca comunica al cliente la nuova classificazione operata mediante una comunicazione scritta contenente l informativa circa l eventuale diritto a richiedere una diversa classificazione e i limiti che ne derivano sotto il profilo della tutela ovvero comunica il suo rifiuto alla richiesta di cambio di classificazione. In caso affermativo i clienti concludono un accordo scritto con la Banca che stabilisce se il trattamento quale Cliente professionale si applica a titolo generale o per singolo servizio o rapporto (qualora le procedure interne lo consentano). Spetta al cliente professionale informare il prestatore del servizio di eventuali cambiamenti che potrebbero influenzare la sua attuale classificazione. Tuttavia se l intermediario constata che il cliente non soddisfa più le condizioni necessarie per ottenere il trattamento riservato ai clienti professionali deve adottare provvedimenti appropriati. 5.2 Cambi di classificazione: - da Controparti qualificate o Clientela professionale a Clientela retail -da Controparti qualificate a Clientela professionale Le controparti qualificate sono le imprese di cui all Allegato n. 3, parte I del R.I. a cui sono prestati i servizi di esecuzione ordini e/o di negoziazione per conto proprio e/o di ricezione e trasmissione ordini e dei servizi accessori connessi per le quali non si applicano una serie di regole di condotta 3 in quanto si presume che il livello di esperienza, competenza e conoscenze dei soggetti medesimi sia tale da comprendere i rischi inerenti qualsiasi servizio/operazione, nonché dalla considerazione che le controparti qualificate siano finanziariamente in grado di sopportare i rischi compatibili con gli specifici obiettivi d investimento prefissati. La classificazione come controparte qualificata non pregiudica la facoltà del soggetto di chiedere, in via generale o per ogni singolo servizio o operazione transitante su un apposito rapporto, di essere trattato come un cliente professionale ovvero, in via espressa, come un cliente al dettaglio. La stessa considerazione vale per i clienti professionali, i quali nell ipotesi in cui ritengano di non essere in grado di valutare o gestire i rischi assunti o nel caso in cui desiderino un livello più adeguato di protezione, possono chiedere di essere trattati come clienti al dettaglio Variazione ad iniziativa del cliente I soggetti classificati come Controparti qualificate o Clienti professionali possono richiedere alla Banca un trattamento quale Cliente al dettaglio e la Banca si riserva la facoltà se accettare di fornire loro un livello più elevato di protezione. Il passaggio a Cliente al dettaglio può avvenire, su richiesta espressa del cliente in forma scritta a mezzo lettera semplice con le seguenti modalità: 3 Alle Controparti Qualificate non si applicano le disposizioni riguardanti la valutazione di appropriatezza, la best execution e le regole sulla gestione degli ordini (cfr. art. 58, c.3, Nuovo Regolamento Intermediari Consob n , e art. 24, c.1, Direttiva 2004/39/CE). Tale esenzione non riguarda, invece, i servizi di consulenza, gestione patrimoniale e collocamento, relativamente ai quali le Controparti Qualificate sono trattate come Clienti Professionali. Pag. 9 di 15 Versione

10 - a titolo generale, per tutti i servizi di investimento prestati; - a titolo particolare, per il singolo servizio di investimento o per la singola operazione transitante su apposito rapporto qualora le procedure interne lo consentano. La Banca comunica al cliente la riclassificazione mediante l invio di una lettera contenente l informativa circa il diritto a richiedere una diversa classificazione ed i limiti che ne deriverebbero sotto il profilo della tutela, ovvero comunica il rifiuto alla variazione di classificazione. In caso affermativo i clienti sottoscrivono un accordo con la Banca che stabilisce se il trattamento quale Cliente professionale/cliente al dettaglio si applica a titolo generale o per singolo servizio o rapporto Variazione ad iniziativa della Banca La Banca riclassifica di iniziativa la Controparte qualificata, il Cliente professionale nella categoria del Cliente al dettaglio qualora sia comunicata dal cliente o accertata dalla Banca stessa la perdita dei requisiti legittimanti la permanenza nella categoria di appartenenza. La riclassificazione nella categoria del Cliente al dettaglio avviene a titolo generale. La Banca comunica al cliente la riclassificazione operata mediante invio di lettera semplice contenente informativa circa l eventuale diritto a richiedere una diversa classificazione e sugli eventuali limiti che ne deriverebbero sotto il profilo della tutela. 6. REGOLE E TUTELA DI CONDOTTA PER CLASSE DI CLIENTELA Sono di seguito sintetizzate le tutele e le regole di condotta applicabili per le differenti categorie di clientela. REGOLE DI CONDOTTA Obblighi generali di informazione nei confronti del cliente; obblighi di informazione sull impresa di investimento e sui servizi da questa offerti, sulla natura e sui rischi degli strumenti finanziari e le strategie di investimento proposte, sulle sedi di esecuzione, sui costi e gli oneri connessi, sulla salvaguardia degli strumenti finanziari o fondi del cliente, sul livello soglia di perdita su posizioni aperte scoperte su operazioni che possano determinare passività effettive o potenziali superiori al costo di acquisto nell'ambito del servizio di gestione di portafogli e nei rapporti di ricezione e trasmissione ordini. AL DETTAGLIO SI CATEGORIE DI CLIENTELA PROFESSIONALI L obbligo di informativa al cliente sulla natura e sui rischi degli strumenti finanziari,sulla salvaguardia degli strumenti finanziari o fondi del cliente stesso, può essere resa con dettaglio informativo inferiore rispetto a quello riservato al cliente al dettaglio. CONTROPARTI QUALIFICATE Obblighi di reportistica verso l investitore cioè obblighi di comunicazione rispetto alla esecuzione di ordini che esulino dalla gestione di portafoglio, obblighi di comunicazione riguardanti la gestione di portafoglio, rendicontazione degli strumenti finanziari o dei fondi del cliente. SI SI Ad esclusione degli obblighi di comunicazione aggiuntivi riguardanti le operazioni con passività potenziali. Pag. 10 di 15 Versione

11 Disciplina dell adeguatezza: dovere del cliente di fornire le informazioni sulle proprie esperienze e conoscenze, situazione finanziaria, obiettivi di investimento SI SI Se viene fornito il servizio di consulenza la Banca può presumere che il cliente sia finanziariamente in grado di sopportare qualsiasi rischio di investimento compatibile con i suoi obiettivi. Disciplina dell appropriatezza: dovere del cliente di fornire informazioni sulle proprie conoscenze ed esperienze per la comprensione dei rischi che il prodotto o il servizio di investimento offerto o richiesto comporta SI La Banca può presumere che il cliente abbia il necessario livello di conoscenze ed esperienze sui prodotti o servizi o operazioni per cui è classificato come professionale. Pag. 11 di 15 Versione

12 REGOLE DI CONDOTTA Disciplina dell execution only: modalità di mera esecuzione per lo svolgimento del servizio di esecuzione di ordini per conto dei clienti e d ricezione e trasmissione di ordini solo per strumenti finanziari non complessi. La Banca esegue l ordine senza valutare la appropriatezza dell operazione (minore tutela per il cliente), restano fermi gli altri obblighi informativi al cliente ed il rispetto delle regole in materia di conflitti di interesse Disposizioni comuni in tema di appropriatezza: informazioni riguardanti le conoscienze ed esperienze del cliente (dimestichezza con servizi e strumenti, natura, volume e frequenza operazioni, livello di istruzione e professione) Disposizioni comuni in tema di adeguatezza: informazioni riguardanti le conoscienze ed esperienze del cliente (dimestichezza con servizi e strumenti, natura, volume e frequenza operazioni, livello di istruzione e professione) Accordo di base scritto con il cliente al dettaglio in cui vengono fissati diritti e obblighi essenziali delle parti AL DETTAGLIO CATEGORIE DI CLIENTELA PROFESSIONALI CONTROPARTI QUALIFICATE SI SI SI SI SI Nel servizio di consulenza la Banca può presumere che il cliente professionale abbia il livello necessario di esperienze e di conoscenze. Nel servizio di consulenza la Banca può presumere che il cliente professionale di diritto (ai sensi dell Allegato n. 3 del R.I.) abbia il livello necessario di esperienze e di conoscenze e sia finanziariamente in grado di sopportare qualsiasi rischio di investimento compatibile con i propri obiettivi di investimento. SI Pag. 12 di 15 Versione

13 Allegato A - Informativa Base sulla Classificazione della Clientela CLIENTE AL DETTAGLIO Descrizione Il "cliente al dettaglio" (retail) è il cliente a cui è garantito il massimo livello di tutela e di informativa. In particolare, la MiFID stabilisce che tali clienti sono rappresentati da tutti coloro che non sono "clienti professionali", né "controparti qualificate. Informativa e tutela La Banca è tenuta, in tempo utile prima della prestazione del servizio, a rendere al "cliente al dettaglio" informazioni circa: - la Banca ed i servizi prestati; - i termini del contratto - la natura ed i rischi degli strumenti finanziari offerti; - la gestione dei conflitti di interesse in capo alla Banca; - le misure poste in essere ai fini della salvaguardia degli strumenti finanziari o dei fondi della clientela; - i costi e gli oneri connessi agli strumenti finanziari e/o ai servizi prestati; - il livello soglia di perdita, nel caso di posizioni aperte scoperte su operazioni che possano determinare passività effettive o potenziali superiori al costo di acquisto; - le sedi di esecuzione. La Banca notifica al cliente in tempo utile qualsiasi modifica rilevante delle informazioni fornite ai sensi degli articoli da 29 a 32 del Regolamento Intermediari (Delibera n Consob). Nei confronti del cliente al dettaglio si applicano tutte le norme che garantiscono: - l esecuzione degli ordini alle migliori condizioni possibili (best execution); - la completa valutazione di appropriatezza e adeguatezza delle operazioni per i servizi di investimento; - la completa reportistica connessa ai servizi di investimento; - la predisposizione di un contratto in forma scritta per la prestazione dei servizi di investimento in cui vengono fissati i diritti e gli obblighi essenziali di entrambe le parti. Passaggio a Cliente professionale Ai "clienti al dettaglio" è consentito il passaggio alla categoria dei "clienti professionali" nel rispetto di specifiche condizioni predefinite. La variazione comporta la rinuncia ad alcune delle tutele previste in favore del "cliente al dettaglio". La procedura da seguire per la modifica della categoria di classificazione è la seguente: 1. il cliente presenta alla Banca un istanza in forma scritta ove richiede di essere trattato come Cliente professionale a titolo generale oppure a titolo particolare per il singolo servizio o la singola operazione transitante su un apposito rapporto; 2. la Banca consegna al cliente una comunicazione scritta contenente l avvertenza che la classificazione come Cliente professionale comporta la perdita di alcune tutele; il cliente sottoscrive la nota informativa per ricevuta; 3. il cliente sottoscrive e consegna alla Banca una dichiarazione della propria consapevolezza sulle conseguenze derivanti dalla perdita delle tutele e dei diritti connessi alla categoria di Cliente al dettaglio; 4. la Banca verifica la sussistenza dei requisiti previsti dall'allegato 3, sezione II, punto 1 del Regolamento Intermediari (Delibera n Consob); 5. la Banca notifica al cliente la nuova classificazione. Pag. 13 di 15 Versione

14 te professionale CLIENTE PROFESSIONALE Descrizione Il cliente professionale è un cliente che possiede l esperienza, le conoscenze e le competenze necessarie per prendere consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e per valutare correttamente i rischi che assume. Si distinguono tra quelli di diritto (così come definiti dall Allegato 3, sezione I, Regolamento Intermediari - Del. Consob nonché dal Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze n novembre 2011, ai sensi dell art. 6 comma 2-sexies del T.U.F.) e su richiesta; i soggetti che possono richiedere tale classificazione sono il cliente al dettaglio, se in possesso di specifici requisiti e la controparte qualificata, nell ipotesi in cui la stessa ritenga di non essere in grado di valutare o gestire i rischi assunti nonché il cliente già riconosciuto dalla Banca come operatore qualificato, ai sensi della disciplina previgente sulla base di parametri simili a quelli di cui all Allegato 3, sez. II del R.I. (art. 113 comma 4 R.I.). Informativa e tutela La Banca, in tempo utile prima della prestazione del servizio, è tenuta a veicolare al "cliente professionale" esclusivamente le informazioni circa: - la natura ed i rischi degli strumenti finanziari offerti; - le misure poste in essere ai fini della salvaguardia degli strumenti finanziari o dei fondi della clientela; - le sedi di esecuzione. Nei confronti del cliente professionale si applicano le norme che garantiscono: - l esecuzione degli ordini alle migliori condizioni possibili (best execution); - la parziale valutazione di adeguatezza delle operazioni in servizi di investimento (la valutazione dell appropriatezza può essere omessa in quanto le esperienze e conoscenze sono presunte); - la gestione dei conflitti di interesse in capo alla Banca; - informazioni appropriate sulla strategia di esecuzione degli ordini; - un livello di reportistica minimale. Passaggio a Cliente al dettaglio I clienti professionali che ritengono di non essere in grado di valutare o gestire i rischi assunti o nel caso in cui desiderano un livello più adeguato di protezione possono chiedere in forma scritta la Banca di essere trattati come clienti al dettaglio. Nella richiesta deve essere indicato se la stessa viene inviata a livello generale ovvero per quali tipologie di servizi o a quali operazioni transitanti su appositi rapporti si applica il trattamento come cliente al dettaglio. Pag. 14 di 15 Versione

15 CONTROPARTE QUALIFICATA Descrizione Sono controparti qualificate i clienti a cui sono prestati i servizi di esecuzione di ordini e/o di negoziazione per conto proprio e/o di ricezione e trasmissione ordini, definiti come tali dall art. 6, comma 2-quater, lettera d), numeri 1,2,3 e 5 del TUF e dall art. 58 comma 2 del Regolamento Intermediari (Del. Consob 16190). Informativa e tutela Alle controparti qualificate relativamente alla prestazione dei servizi di investimento, e dei servizi accessori ad essi connessi, non si applicano le regole di condotta di cui agli art. da 27 a 56, ad eccezione del comma 2, dell art. 49 del R.I.; in particolare si informa che a tale categoria non si applicano le disposizioni riguardanti le informazioni alla clientela, il test di appropriatezza, la best execution e le regole sulla gestione degli ordini (art. 58 comma 3 del R.I.). Tale esenzione non riguarda i servizi di consulenza e collocamento, relativamente ai quali le controparti qualificate sono trattate come clienti professionali. Alle controparti qualificate si applicano le norme sull informativa e la gestione dei conflitti di interesse. Passaggio a Cliente al dettaglio Le controparti qualificate che ritengono di non essere in grado di valutare o gestire i rischi assunti o nel caso in cui desiderano un livello più adeguato di protezione possono chiedere di essere trattate, in via espressa, come clienti al dettaglio. La richiesta deve avvenire in forma scritta a mezzo lettera semplice alla Banca e deve indicare se viene fatta a livello generale o per quali tipologie di servizi o a quali operazioni transitanti su appositi rapporti si applica il trattamento come cliente al dettaglio. Passaggio a Cliente Professionale Le controparti qualificate che ritengono di non essere in grado di valutare o gestire i rischi assunti o nel caso in cui desiderino un livello più adeguato di protezione possono chiedere in forma scritta alla Banca, di essere trattate come clienti professionali e devono indicare se la richiesta viene fatta a livello generale o per quali tipologie di servizi o a quali operazioni transitanti su appositi rapporti si applica il trattamento come cliente professionale. Pag. 15 di 15 Versione

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - Società Cooperativa Policy di Classificazione della Clientela Adottata dal CdA nella seduta del 23 ottobre 2007 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

Strategia per la classificazione della clientela

Strategia per la classificazione della clientela Strategia per la classificazione della clientela Indice generale 1.Introduzione...3 2.Riferimenti normativi...5 3.Classificazione statica della clientela...7 3.1 Clientela professionale di diritto...7

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal C.d.A. il 16/10/2007 Revisione deliberata dal C.d.A. il 14/04/2015 2 INDICE I - PREMESSA...4 II - RIFERIMENTI NORMATIVI...5 III - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Progetto MiFID Policy classificazione clientela. Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Progetto MiFID Policy classificazione clientela. Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA Progetto MiFID Policy classificazione clientela Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INDICE I. IMPOSTAZIONE METODOLOGICA 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO

Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE I. PREMESSA... 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA... 9 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA...8 GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE AL 1 NOVEMBRE...11

Dettagli

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Macello 55 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007

MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007 MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 REALZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...9 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA...8 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE ALL ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo Società Cooperativa

Policy di Classificazione della Clientela. Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo Società Cooperativa Policy di Classificazione della Clientela Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo Società Cooperativa Adottata dal Consiglio di Amministrazione in data 16 ottobre

Dettagli

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela CREDITO COOPERATIVO C.R.A. DI PALIANO

Policy di Classificazione della Clientela CREDITO COOPERATIVO C.R.A. DI PALIANO Policy di Classificazione della Clientela CREDITO COOPERATIVO C.R.A. DI PALIANO Delibera del Consiglio di Amministrazione del 09/03/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione 09/10/2012

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Delibera del consiglio di amministrazione del 10/06/2010x ULTIMO AGGIORNAMENTO DEL 10/06/2010 1 INDICE

Dettagli

BANCA CAPASSO ANTONIO S.P.A. Sede legale ALIFE, Piazza Termini, 1. Policy di Classificazione della Clientela

BANCA CAPASSO ANTONIO S.P.A. Sede legale ALIFE, Piazza Termini, 1. Policy di Classificazione della Clientela BANCA CAPASSO ANTONIO S.P.A. Sede legale ALIFE, Piazza Termini, 1 INDICE I. PREMESSA II. RIFERIMENTI NORMATIVI III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA. IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE AL 1

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

Progetto MiFID All. 2. Policy di Classificazione della Clientela

Progetto MiFID All. 2. Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela 1 INDICE I. PREMESSA... 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA... 9 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE AL 1 NOVEMBRE...

Dettagli

Credito Cooperativo Mediocrati Policy di Classificazione della Clientela

Credito Cooperativo Mediocrati Policy di Classificazione della Clientela Credito Cooperativo Mediocrati Policy di Classificazione della Clientela 1 INDICE I. PREMESSA... 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI... 7 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA... 10 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA L introduzione della Direttiva denominata MIFID prevede,unitamente agli altri adempimenti ad una corretta classificazione della clientela,allo scopo di assicurare

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Classificazione clienti. Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro

Classificazione clienti. Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro Classificazione clienti Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro Introduzione Classificazione clienti A seguito dell'implementazione della Direttiva europea sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID)

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA FEBBRAIO 2013

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA FEBBRAIO 2013 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA LA NORMATIVA MIFID FEBBRAIO 2013 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA ********** CDA 09/11/2011 VALIDITA DAL 10/11/2011 Confermato cda 27/03/2012 DOCUMENTO SULLA STRATEGIA

Dettagli

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Approvato in CdA del 19.12.2013 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322.

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. NOTA Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. Con nostra circolare Serie Tecnica n. 146 del 22 dicembre 1997 è stato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno LA NORMATIVA MIFID DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno Delibera CdA del 29 Ottobre 2007 La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. /13 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento professionale

Dettagli

Ottava Emissione - Scheda informativa

Ottava Emissione - Scheda informativa BTP Italia Ottava Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Baa2 / BBB- / BBB+ / A- (Moody s /

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

Settima Emissione - Scheda informativa

Settima Emissione - Scheda informativa BTP Italia Settima Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Scadenza 6 anni (27 ottobre 2020)

Dettagli