ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari"

Transcript

1 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari ESERCIZIO (1) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Si ipotizzi di analizzare il bilancio della azienda BETA chiuso il 31/12/X. Con riferimento alla data di chiusura di bilancio si indichi se ed in quale misura gli accadimenti di seguito riportati hanno dato origine a variazioni del reddito e del patrimonio, nonché a flussi di CCN e a flussi di CASSA (si attribuisca il segno + alle variazioni incrementative dell aggregato considerato ed il segno alle variazioni decrementative). Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. Reddito Netto Patrimonio Netto Flussi di CCN Flussi di Cassa 1. In data 30/04/X l utile dell esercizio, pari a , è destinato come segue: a riserva legale, a riserva statutaria e la restante parte da distribuire entro 30 gg. 2. In data 10/05/X si incassano da un cliente a fronte di un credito iscritto in bilancio lo scorso anno per Contemporaneamente si provvede a rilevare una perdita su crediti commerciali per A fronte di tale credito, infatti, non era stato effettuato alcun accantonamento al fondo rischi su crediti. 3. In data 11/06/X è ceduto un vecchio automezzo del costo storico di , ammortizzato per , al prezzo di (per semplicità si prescinda dalle problematiche IVA). Le condizioni di regolamento prevedono che il 30% sia incassato immediatamente e che il restante 70% sia incassato in due quote di pari ammontare, scadenti nei successivi 6 mesi. 4. In data 15/07/X, al fine di integrarsi con altri operatori del settore, sono acquistate partecipazioni per , con pagamento in contanti. 5. Il 25/9/X è stato acquistato un automezzo al prezzo di , il cui regolamento era stabilito per ¼ in contanti, ¼ a giugno X+1 ed il resto a marzo X In data 15/10/X sono acquistate merci per (per semplicità si prescinda dalle problematiche IVA), con regolamento previsto in 3 rate mensili, la prima scadente il 1/01/X In data 31/10/X si è incrementato il capitale sociale di tramite conferimento di un cespite valutato e, per la restante parte, tramite contestuale versamento di denaro. 8. In data 15/11/X è stato ottenuto un finanziamento bancario per nominali L incasso è avvenuto in pari data. Il contratto prevede il rimborso del finanziamento a quote costanti in 10 anni, a partire dal 15/11/X Durante l anno 10 dipendenti hanno inaspettatamente presentato le dimissioni. La quota TFR complessivamente pagata è di In data 31/12/X è operato il ripristino del valore del magazzino per 1.000, a fronte di una svalutazione effettuata in esercizi precedenti.

2 2

3 3 Soluzione. 1. In data 30/04/X l utile dell esercizio, pari a , è destinato come segue: a riserva legale, a riserva statutaria - la restante parte da distribuire entro 30 gg. 2. In data 10/05/X si incassano da un cliente a fronte di un credito iscritto in bilancio lo scorso anno per Contemporaneamente si provvede a rilevare una perdita su crediti commerciali per A fronte di tale credito, infatti, non era stato effettuato alcun accantonamento al fondo rischi su crediti. 3. In data 11/06/X è ceduto un vecchio automezzo del costo storico di , ammortizzato per , al prezzo di (per semplicità si prescinda dale problematiche IVA). Le condizioni di regolamento prevedono che il 30% sia incassato immediatamente e che il restante 70% sia incassato in due quote di pari ammontare, scadenti nei successivi 6 mesi. 4. In data 15/07/X, al fine di integrarsi con altri operatori del settore, sono acquistate partecipazioni per , con pagamento in contanti. 5. Il 25/9/X è stato acquistato un automezzo al prezzo di , il cui regolamento era stabilito per ¼ in contanti, ¼ a giugno X+1 ed il resto a marzo X In data 15/10/X sono acquistate merci per (per semplicità si prescinda dalle problematiche IVA), con regolamento previsto in 3 rate mensili, la prima scadente il 1/01/X In data 31/10/X si è incrementato il capitale sociale di tramite conferimento di un cespite valutato e, per la restante parte, tramite contestuale versamento di denaro. 8. In data 15/11/X è stato ottenuto un finanziamento bancario per nominali L incasso è avvenuto in pari data. Il contratto prevede il rimborso del finanziamento a quote costanti in 10 anni, a partire dal 15/11/X Durante l anno 10 dipendenti hanno inaspettatamente presentato le dimissioni. La quota TFR complessivamente pagata è di In data 31/12/X è operato il ripristino del valore del magazzino per 1.000, a fronte di una svalutazione effettuata in esercizi precedenti. Reddito Netto Patrimonio Netto Flussi di CCN Flussi di Cassa

4 4 ESERCIZIO (2) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Reddito Netto Patrimonio Netto Flussi di CCN Flussi di Cassa 1. In data 3/6/X è stata acquistata una partecipazione strategica per l importo di 8.000, concordando con il venditore il pagamento del corrispettivo per metà dell importo a 3 mesi e per la differenza a 1 anno 2. In data 5/3/X è stato acquistato un macchinario, al prezzo di 4.000; è previsto un regolamento per metà in contanti e per metà a 2 anni. 3. In data 30/4/X l assemblea delibera la destinazione dell utile di esercizio, pari a 1.000, per 50 a riserva legale, per 450 a riserva statutaria mentre la restante parte è pagata in contanti a titolo di dividendi. 4. In data 30/6/X si è aumentato il capitale sociale per con le seguenti modalità: per mediante il passaggio di riserve a capitale sociale, per mediante il conferimento di immobili, per mediante versamento su c/c bancario e per è previsto il versamento tra 1 anni. 5. In data 1/9/X si è acceso presso la Banca Alfa un mutuo passivo per 800, la prima quota di 200 verrà rimborsata nell esercizio successivo. 6. In data 1 settembre X è stata acquistata una partecipazione strategica per l importo di 1.200, concordando con il venditore il pagamento del corrispettivo per un terzo dell importo a 90 giorni, per un terzo a 180 giorni e per la differenza a 2 anni 7. In data 30 maggio X prende fuoco parte della merce in magazzino. Sono coinvolte merci per un valore complessivo di 350. Il capannone dove erano depositate le merci non subisce danni. L assicurazione comunica che il danno subito non è coperto dalla polizza sottoscritta. 8. In data 20 ottobre X sono stati distribuiti i dividendi (delibera del 30/04/2004) relativi all utile dell esercizio X-1, per complessivi In data 10 novembre X, estinzione in contanti di un mutuo passivo (contratto nel corso del X-1) dell importo complessivo di 3.500, di cui 800, già previsti come quota in scadenza e relativi all estinzione anticipata di quote scadenti negli e- sercizi successivi.

5 5 10. In data 31 dicembre X viene rilevato un rateo passivo di relativo al canone d affitto di uffici per il periodo 1/10/X- 31/3/X+1, regolamento posticipato

6 6 Soluzione. Reddito Netto Patrimonio Netto Flussi di CCN Flussi di Cassa 1. In data 3/6/X è stata acquistata una partecipazione strategica per l importo di 8.000, concordando con il venditore il pagamento del corrispettivo per metà dell importo a 3 mesi e per la differenza a 1 anno 2. In data 5/3/X è stato acquistato un macchinario, al prezzo di 4.000; è previsto un regolamento per metà in contanti e per metà a 2 anni. 3. In data 30/4/X l assemblea delibera la destinazione dell utile di esercizio, pari a 1.000, per 50 a riserva legale, per 450 a riserva statutaria mentre la restante parte è pagata in contanti a titolo di dividendi. 4. In data 30/6/X si è aumentato il capitale sociale per con le seguenti modalità: per mediante il passaggio di riserve a capitale sociale, per mediante il conferimento di immobili, per mediante versamento su c/c bancario e per è previsto il versamento tra 1 anni. 5. In data 1/9/X si è acceso presso la Banca Alfa un mutuo passivo per 800, la prima quota di 200 verrà rimborsata nell esercizio successivo. 6. In data 1 settembre X è stata acquistata una partecipazione strategica per l importo di 1.200, concordando con il venditore il pagamento del corrispettivo per un terzo dell importo a 90 giorni, per un terzo a 180 giorni e per la differenza a 2 anni 7. In data 30 maggio X prende fuoco parte della merce in magazzino. Sono coinvolte merci per un valore complessivo di 350. Il capannone dove erano depositate le merci non subisce danni. L assicurazione comunica che il danno subito non è coperto dalla polizza sottoscritta. 8. In data 20 ottobre X sono stati distribuiti i dividendi (delibera del 30/04/2004) relativi all utile dell esercizio X-1, per complessivi In data 10 novembre X, estinzione in contanti di un mutuo passivo (contratto nel corso del X-1) dell importo complessivo di 3.500, di cui 800, già previsti come quota in scadenza e relativi all estinzione anticipata di quote scadenti negli e- sercizi successivi. 10. In data 31 dicembre X viene rilevato un rateo passivo di relativo al canone d affitto di uffici per il periodo 1/10/X- 31/3/X+1, regolamento posticipato = = = =

7 7

8 8 ESERCIZIO (3) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa 1. In data 1 settembre X è stata acquistata una partecipazione str a- tegica per l importo di 1.200, concordando con il venditore il pagamento del corrispettivo per un terzo dell importo a 90 giorni, per un terzo a 180 giorni e per la differenza a 2 anni 2. In data 30 maggio X prende fuoco parte della merce in magazzino. Sono coinvolte merci per un valore complessivo di 350. Il capannone dove erano depositate le merci non subisce danni. L assicurazione comunica che il danno subito non è coperto dalla polizza sottoscritta. 3. In data 20 ottobre X sono stati distribuiti i dividendi (delibera del 30/04/2004) relativi all utile dell esercizio X-1, per complessivi In data 10 novembre X si procede all estinzione in conta nti di un mutuo passivo (contratto nel corso del X-1) dell importo complessivo di 3.500, di cui 800, già previsti come quota in scadenza e relativi all estinzione anticipata di quote scadenti negli esercizi successivi. 5. In data 31 dicembre X viene rilevato un rateo passivo di relativo al canone d affitto di uffici per il periodo 1/10/X-31/3/X+1, regolamento posticipato 6. In data 26/04/X si è aumentato il capitale sociale per Euro secondo le seguenti modalità: per Euro con passaggio di riserve a capitale; per Euro con conferimento di immobili e per la parte restante con conferimento di effetti attivi scadenti il 30/06/X In data 18/06/X è stato ceduto un impianto al prezzo di Euro. Al momento della cessione l impianto aveva un valore contabile di Euro La transazione è stata regolata come segue: 1/3 a pronti, 1/3 a 18 mesi e 1/3 a 24 mesi dalla data della cessione. Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. 8. In data 30/04/X si destina l utile dell esercizio X-1, pari a Euro, come segue: 5% a riserva obbligatoria, Euro a riserva statutaria, la parte restante è pagata contestualmente in contanti agli azionisti a titolo di dividendi (si prescinda, per semplicità, dalla considerazione delle ritenute fiscali). 9. In data 31/03/X si liquida il TFR a due dipendenti dimissionari, per un ammontare complessivo di Euro Tali dimissioni non erano previste al 31/12/X-1. Il pagamento della liquidazione è avvenuto per metà in contanti in data 05/04/X e per il resto, sempre in contanti, in data 30/11/X. Reddito Patrimonio CCN Cassa

9 9 10. In data 30/09/X è stata estinta in contanti una rata annuale di mutuo di Euro Tale rata era già prevista dal piano di rimborso. Il pagamento della rata successiva, di pari importo, è previsto per il 30/09/X+1.

10 10 Soluzione. 1. In data 1 settembre X è stata acquistata una partecipazione strategica per l importo di 1.200, concordando con il venditore il pagamento del corrispettivo per un terzo dell importo a 90 giorni, per un terzo a 180 giorni e per la differenza a 2 anni 2. In data 30 maggio X prende fuoco parte della merce in magazzino. Sono coinvolte merci per un valore complessivo di 350. Il capannone dove erano depositate le merci non subisce danni. L assicurazione comunica che il danno subito non è coperto dalla polizza sottoscritta. 3. In data 20 ottobre X sono stati distribuiti i dividendi (delibera del 30/04/2004) relativi all utile dell esercizio X-1, per complessivi In data 10 novembre X si procede all estinzione in conta nti di un mutuo passivo (contratto nel corso del X-1) dell importo complessivo di 3.500, di cui 800, già previsti come quota in scadenza e relativi all estinzione anticipata di quote scadenti negli esercizi successivi. 5. In data 31 dicembre X viene rilevato un rateo passivo di relativo al canone d affitto di uffici per il periodo 1/10/X-31/3/X+1, regolamento posticipato 6. In data 26/04/X si è aumentato il capitale sociale per Euro secondo le seguenti modalità: per Euro con passaggio di riserve a capitale; per Euro con conferimento di immobili e per la parte restante con conferimento di effetti attivi scadenti il 30/06/X In data 18/06/X è stato ceduto un impianto al prezzo di Euro. Al momento della cessione l impianto aveva un valore contabile di Euro La transazione è stata regolata come segue: 1/3 a pronti, 1/3 a 18 mesi e 1/3 a 24 mesi dalla data della cessione. Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. 8. In data 30/04/X si destina l utile dell esercizio X-1, pari a Euro, come segue: 5% a riserva obbligatoria, Euro a riserva statutaria, la parte restante è pagata contestualmente in contanti agli azionisti a titolo di dividendi (si prescinda, per semplicità, dalla considerazione delle ritenute fiscali). 9. In data 31/03/X si liquida il TFR a due dipendenti dimissionari, per un ammontare complessivo di Euro Tali dimissioni non erano previste al 31/12/X-1. Il pagamento della liquidazione è avvenuto per metà in contanti in data 05/04/X e per il resto, sempre in contanti, in data 30/11/X. 10. In data 30/09/X è stata estinta in contanti una rata annuale di mutuo di Euro Tale rata era già prevista dal piano di rimborso. Il pagamento della rata successiva, di pari importo, è previsto Reddito Patrimonio CCN Cassa

11 11 per il 30/09/X+1.

12 12 ESERCIZIO (4) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa 1. In data 31/5/X l assemblea straordinaria delibera di aumentare il capitale sociale con le seguenti modalità: conferimento di un impianto per Euro 200; conferimento di magazzino (materie prime) per Euro 200; utilizzo della riserva straordinaria per Euro 150; versamento di denaro per Euro 300. I conferimenti e il versamento di denaro sono effettuati nel mese di luglio dell esercizio X. 2. In data 9/8/X un incendio distrugge completamente un fabbricato iscritto in bilancio al costo storico di Euro ed ammortizzato per Euro L assicurazione riconosce l importo di Euro a titolo di parziale indennizzo; tale somma viene pagata in data 12/11/X. 3. In data 7/9/X viene acquistato un impianto al prezzo di Euro 4.000, pagato contestualmente per il 40% e per la parte residua pagato mediante rilascio di due effetti di pari imposto aventi scadenza rispettivamente a 12 e a 36 mesi. 4. In data 1/10/X viene pagata la rata in scadenza di un mutuo per Euro 800, come da piano di rimborso concordato nell esercizio precedente. 5. In data 31/12/X si provvede a ripristinare il valore del magazzino, svalutato negli esercizi precedenti per Euro In data 14/7/X viene liquidato e pagato a un dipendente dimissionario il TFR di pertinenza, pari a Euro 75. La liquidazione del TFR a questo dipendente non era stata prevista al 31/12/X In data 16/9/X viene ceduta una partecipazione avente un valore contabile pari a Euro 80, costituito da un costo storico di Euro 120, rettificato da un fondo svalutazione partecipazioni per Euro 40. Il prezzo pattuito e incassato il 16/9/X per la vendita era di Euro In data 17/12/X viene pagato un anticipo di Euro 50 ad un fornitore per acquistare i diritti di una fiction televisiva. Il valore complessivo pattuito per il contratto di acquisto prevede un importo di Euro 300, e la consegna della fiction entro il 30/6/X+1. Reddito Patrimonio CCN Cassa

13 13 Soluzione. 1. In data 31/5/X l assemblea straordinaria delibera di aumentare il capitale sociale con le seguenti modalità: conferimento di un impianto per Euro 200; conferimento di magazzino (materie prime) per Euro 200; utilizzo della riserva straordinaria per Euro 150; versamento di denaro per Euro 300. I conferimenti e il versamento di denaro sono effettuati nel mese di luglio dell esercizio X. 2. In data 9/8/X un incendio distrugge completamente un fabbricato iscritto in bilancio al costo storico di Euro ed ammortizzato per Euro L assicurazione riconosce l importo di Euro a titolo di parziale indennizzo; tale somma viene pagata in data 12/11/X. 3. In data 7/9/X viene acquistato un impianto al prezzo di Euro 4.000, pagato contestualmente per il 40% e per la parte residua pagato mediante rilascio di due effetti di pari imposto aventi scadenza rispettivamente a 12 e a 36 mesi. 4. In data 1/10/X viene pagata la rata in scadenza di un mutuo per Euro 800, come da piano di rimborso concordato nell esercizio precedente. 5. In data 31/12/X si provvede a ripristinare il valore del magazzino, svalutato negli esercizi precedenti per Euro In data 14/7/X viene liquidato e pagato a un dipendente dimissionario il TFR di pertinenza, pari a Euro 75. La liquidazione del TFR a questo dipendente non era stata prev ista al 31/12/X In data 16/9/X viene ceduta una partecipazione avente un valore contabile pari a Euro 80, costituito da un costo storico di Euro 120, rettificato da un fondo svalutazione partecipazioni per Euro 40. Il prezzo pattuito e incassato il 16/9/X per la vendita era di Euro In data 17/12/X viene pagato un anticipo di Euro 50 ad un fornitore per acquistare i diritti di una fiction televisiva. Il valore complessivo pattuito per il contratto di acquisto prevede un importo di Euro 300, e la consegna della fiction entro il 30/6/X+1. Reddito = -500 Patrimonio = = -500 CCN Cassa

14 14 ESERCIZIO (5) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa 1. Il 31/10/X è stato acquistato un macchinario al prezzo di 6.000, il cui regolamento è previsto per ¼ in contanti, ¼ a 9 mesi ed il resto a 18 mesi. 2. In data 31/07/X si incrementa il capitale sociale di con conferimento di un impianto di pari valore. 3. In data 1/10/X è stato ricevuto un finanziamento dalla casa madre del valore nominale di , con incasso in pari data. Il finanziamento deve essere rimborsato a partire dal 1/4/X+1 in 120 rate mensili con quota capitale costante 4. Il 1 gennaio X è prematuramente scomparso un dipendente, deceduto in un incidente stradale. Nei giorni successivi è stato corrisposto agli eredi il TFR per un ammontare pari a In data 31/12/X viene rilevato un ripristino di valore del magazzino, a fronte di una svalutazione effettuata in esercizi precedenti, per Euro In data 2/2/X viene effettuato il pagamento a mezzo bonifico bancario di un debito commerciale verso fornitori classificato come a breve termine al 31/12/X-1 pari a Euro Nel corso dell esercizio X si sono riscontrate perdite su crediti commerciali per Euro 1.000; tali perdite erano del tutto imprev i- ste e infatti relativamente a tali crediti in precedenza non era stata effettuato alcun accantonamento a fondo rischi 8. In data 31/12/X è stato rilevato l acquisto di una licenza d uso della durata di 10 anni per un importo complessivo di euro , regolata per mediante bonifico bancario: il debito residuo sarà regolato per nell esercizio X+1 e per nell esercizio X+2 Reddito Patrimonio CCN Cassa

15 15 Soluzione. 1. Il 31/10/X è stato acquistato un macchinario al prezzo di 6.000, il cui regolamento è previsto per ¼ in contanti, ¼ a 9 mesi ed il resto a 18 mesi. 2. In data 31/07/X si incrementa il capitale sociale di con conferimento di un impianto di pari valore. 3. In data 1/10/X è stato ricevuto un finanziamento dalla casa madre del valore nominale di , con incasso in pari data. Il finanziamento deve essere rimborsato a partire dal 1/4/X+1 in 120 rate mensili con quota capitale costante 4. Il 1 gennaio X è prematuramente scomparso un dipendente, deceduto in un incidente stradale. Nei giorni successivi è stato corrisposto agli eredi il TFR per un ammontare pari a In data 31/12/X viene rilevato un ripristino di valore del magazzino, a fronte di una svalutazione effettuata in esercizi precedenti, per Euro In data 2/2/X viene effettuato il pagamento a mezzo bonifico bancario di un debito commerciale verso fornitori classificato come a breve termine al 31/12/X-1 pari a Euro Nel corso dell esercizio X si sono riscontrate perdite su crediti commerciali per Euro 1.000; tali perdite erano del tutto imprev i- ste e infatti relativamente a tali crediti in precedenza non era stata effettuato alcun accantonamento a fondo rischi 8. In data 31/12/X è stato rilevato l acquisto di una licenza d uso della durata di 10 anni per un importo complessivo di euro , regolata per mediante bonifico bancario: il debito residuo sarà regolato per nell esercizio X+1 e per nell esercizio X+2 Reddito Patrimonio - - CCN Cassa

16 16 ESERCIZIO (6) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa 1. In data 01/01/X si cede un vecchio impianto il cui valore contabile è pari a Euro, a pagamento parziale di un nuovo impianto del valore di Euro. Il fornitore accetta la permuta, purché la stessa sia accompagnata da un pagamento immediato per cassa di Euro. La parte restante (6.000) dovrà essere regolata a 18 mesi. Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. 2. In data 30/06/X si destina l utile dell esercizio X-1, pari a Euro, come segue: Euro a riserva obbligatoria, Euro a riserva facoltativa, la parte restante è pagata contestualmente in contanti agli azionisti a titolo di dividendi (si prescinda, per semplicità, dalla considerazione delle ritenute fiscali). 3. In data 31/07/X si è aumentato il capitale sociale per Euro secondo le seguenti modalità: per Euro con passaggio di riserve a capitale; per Euro con conferimento di immobili e per Euro con conferimento di titoli iscritti tra le attività correnti. 4. In data 18/09/X è stato acquistato un impianto al prezzo di Euro. E previsto il seguente regolamento: 1/3 a pronti, 1/3 a 14 mesi e 1/3 a 24 mesi dalla data dell acquisto. Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. 5. In data 31/10/X è stato estinto in contanti un mutuo passivo dell importo complessivo di Euro, di cui Euro relativi all estinzione anticipata di quote scadenti negli esercizi successivi (classificate dunque nelle passività a m/l termine). Reddito Patrimonio CCN Cassa

17 17 Soluzione. 1. In data 01/01/X si cede un vecchio impianto il cui valore contabile è pari a Euro, a pagamento parziale di un nuovo impianto del valore di Euro. Il fornitore accetta la permuta, purché la stessa sia accompagnata da un pagamento immediato per cassa di Euro. La parte restante (6.000) dovrà essere regolata a 18 mesi. Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. 2. In data 30/06/X si destina l utile dell esercizio X-1, pari a Euro, come segue: Euro a riserva obbligatoria, Euro a riserva facoltativa, la parte restante è pagata contestualmente in contanti agli azionisti a titolo di dividendi (si prescinda, per semplicità, dalla considerazione delle ritenute fiscali). 3. In data 31/07/X si è aumentato il capitale sociale per Euro secondo le seguenti modalità: per Euro con passaggio di riserve a capitale; per Euro con conferimento di immobili e per Euro con conferimento di titoli iscritti tra le attività correnti. 4. In data 18/09/X è stato acquistato un impianto al prezzo di Euro. E previsto il seguente regolamento: 1/3 a pronti, 1/3 a 14 mesi e 1/3 a 24 mesi dalla data dell acquisto. Si prescinda, per semplicità, dalle problematiche relative all IVA. 5. In data 31/10/X è stato estinto in contanti un mutuo passivo dell importo complessivo di Euro, di cui Euro relativi all estinzione anticipata di quote scadenti negli esercizi successivi (classificate dunque nelle passività a m/l termine). Reddito Patrimonio = CCN Cassa

18 18 ESERCIZIO (7) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa 1. In data 12/10/X si ha la vendita di un impianto a , iscritto in bilancio per Il regolamento è previsto per il 50% mediante rimessa diretta, per il 25% con una cambiale a 12 mesi, e per il 25% con una cambiale a 18 mesi. 2. In data 30/04/X viene deliberata la distribuzione di dividendi per Nel corso dell esercizio nessuno dei soci provvede ad incassare i dividendi di propria spettanza. 3. In data 31/03/X si effettua il pagamento di per il TFR di un dipendente dimissionario (tale liquidazione non era prevista all inizio dell esercizio) 4. In data 15/03/X viene effettuato l acquisto di un fabbricato per , di cui pagati contestualmente, e per la parte residua mediante il rilascio di due effetti di pari importo aventi scadenza rispettivamente a 18 e 36 mesi 5. In data 1/4/X è stato ricevuto un finanziamento dalla casa madre del valore nominale di , con incasso in pari data. Il finanziamento deve essere rimborsato in 10 anni a quote costanti a partire dal 1/4/X+2 6. In data 10/12/X viene pagato un anticipo a fornitori di merci per In data 11/11/X vengono cedute merci per L importo di viene incassato il 31/12/X, mentre il credito residuo sarà incassato il 31/3/X+1 8. In data 31/12/X viene effettuato un accanto namento a fondi rischi per contenzioso commerciale per Si prevede che la passività possa concretizzarsi in una uscita inanziaria f non prima dell anno X+3. Reddito Patrimonio CCN Cassa

19 19 Soluzione. 1. In data 12/10/X si ha la vendita di un impianto a , iscritto in bilancio per Il regolamento è previsto per il 50% mediante rimessa diretta, per il 25% con una cambiale a 12 mesi, e per il 25% con una cambiale a 18 mesi. 2. In data 30/04/X viene deliberata la distribuzione di dividendi per Nel corso dell esercizio nessuno dei soci provvede ad incassare i dividendi di propria spettanza. 3. In data 31/03/X si effettua il pagamento di per il TFR di un dipendente dimissionario (tale liquidazione non era prevista all inizio dell esercizio) 4. In data 15/03/X viene effettuato l acquisto di un fabbricato per , di cui pagati contestualmente, e per la parte residua mediante il rilascio di due effetti di pari importo a- venti scadenza rispettivamente a 18 e 36 mesi 5. In data 1/4/X è stato ricevuto un finanziamento dalla casa madre del valore nominale di , con incasso in pari data. Il finanziamento deve essere rimborsato in 10 anni a quote costanti a partire dal 1/4/X+2 6. In data 10/12/X viene pagato un anticipo a fornitori di merci per In data 11/11/X vengono cedute merci per L importo di viene incassato il 31/12/X, mentre il credito residuo sarà incassato il 31/3/X+1 8. In data 31/12/X viene effettuato un accantonamento a fondi rischi per contenzioso commerciale per Si prevede che la passività possa concretizzarsi in una uscita finanziaria non prima dell anno X+3. Reddito Patrimonio CCN Cassa

20 20 ESERCIZIO (8) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Reddito Netto Patrimonio Netto CCN Cassa 1. In data 30/04/X l utile dell esercizio, pari a , è destinato come segue: a riserva legale, a riserva statutaria, - la restante parte da distribuire entro 30 gg. 2. In data 30/03/X i soci hanno sottoscritto e versato un aumento di capitale sociale per l importo di Euro , di cui Euro in contanti ed la parte restante tramite conferimento di un impianto. 3. E stata liquidata ad un dipendente dimissionario l indennità maturata nei precedenti esercizi ed a lui spettante per Euro Tale liquidazione era stata prevista alla chiusura dell esercizio precedente. 4. In data 15/10/X un incendio ha completamente distrutto un impianto iscritto in contabilità al costo storico di Euro ed ammortato per Euro L assicurazione, a fronte dell incendio, pagherà tra 3 mesi Euro In data 25/10/X si è rimborsato in un unica soluzione un finanziamento a lungo termine per Euro ; il rimborso non era previsto nei piani aziendali. 6. In data 30/9/X sono state acquistate merci per Euro ; il regolamento prevede il pagamento del 20% in contanti, il 30% a 6 mesi dalla data dell operazione, il 50% a 24 mesi dalla data dell operazione. 7. In data 01/06/X sono stati venduti prodotti finiti per Euro ; il regolamento prevede l incasso immediato del 50% del prezzo di vendita; la parte residua sarà incassata tra 12 mesi. 8. In data 15/12/X è stato ceduto un impianto incassando subito il prezzo complessivo di Euro Tale impianto era iscritto in contabilità al costo storico di Euro ed era stato ammo r- tato per Euro In data 30/11/ X è stato acceso un nuovo mutuo per Euro Il rimborso avviene in 20 rate semestrali costanti, a partire dal 30/5 /X In data 15/10/X è stata acquistata e pagata per contanti una partecipazione strategica al prezzo di Euro

21 21 Soluzione. Reddito Netto Patrimonio Netto CCN Cassa 11. In data 30/04/X l utile dell esercizio, pari a , è destinato come segue: a riserva legale, a riserva statutaria, - la restante parte da distribuire entro 30 gg. 12. In data 30/03/X i soci hanno sottoscritto e versato un aumento di capitale sociale per l importo di Euro , di cui Euro in contanti ed la parte restante tramite conferimento di un impianto. 13. E stata liquidata ad un dipendente dimissionario l indennità maturata nei precedenti esercizi ed a lui spettante per Euro Tale liquidazione era stata prevista alla chiusura dell esercizio precedente. 14. In data 15/10/X un incendio ha completamente distrutto un impianto iscritto in contabilità al costo storico di Euro ed ammortato per Euro L assicurazione, a fronte dell incendio, pagherà tra 3 mesi Euro In data 25/10/X si è rimborsato in un unica soluzione un finanziamento a lungo termine per Euro ; il rimborso non era previsto nei piani aziendali. 16. In data 30/9/X sono state acquistate merci per Euro ; il regolamento prevede il pagamento del 20% in contanti, il 30% a 6 mesi dalla data dell operazione, il 50% a 24 mesi dalla data dell operazione. 17. In data 01/06/X sono stati venduti prodotti finiti per Euro ; il regolamento prevede l incasso immediato del 50% del prezzo di vendita; la parte residua sarà incassata tra 12 mesi. 18. In data 15/12/X è stato ceduto un impianto incassando subito il prezzo complessivo di Euro Tale impianto era iscritto in contabilità al costo storico di Euro ed era stato ammortato per Euro In data 30/11/ X è stato acceso un nuovo mutuo per Euro Il rimborso avviene in 20 rate semestrali costanti, a partire dal 30/5 /X In data 15/10/X è stata acquistata e pagata per contanti una partecipazione strategica al prezzo di Euro = = = =

22 22 ESERCIZIO (9) Costruzione del rendiconto finanziario secondo il prospetto fonti-impieghi. Le situazioni patrimoniali della società Gamma S.p.A. relativamente agli ultimi 2 esercizi sono le seguenti (Valori in migliaia di Euro): ATTIVITA' PASSIVITA' Cassa e banca Debiti v/fornitori Crediti lordi vs. clienti Debiti tributari Rimanenze finali Fondo svalutazione crediti Soci c/sottoscrizioni Debiti v/fornitori impianti Impianti Quota mutui corrente Partecipazioni Fondo ammortamento impianti TFR Mutui passivi Capitale sociale Riserve Utile d'esercizio Totale Totale Il conto economico riclassificato dell esercizio 2004 è il seguente (valori in migliaia di Euro): Ricavi Acquisti ( ) Costo lavoro dipendente (35.000) Quota TFR (2.500) Accantonam fondo svalutaz crediti (4.000) Ammortamento (20.000) Reddito operativo Oneri finanziari (11.600) Reddito lordo di competenza Plusvalenza da alienazione cespiti Reddito ante imposte Imposte (11.000) Reddito Nel corso dell esercizio 2004 si verificano, tra gli altri, i seguenti accadimenti (valori in migliaia di Euro): Fu sottoscritto e versato un aumento di capitale a pagamento per l'importo di , con conferimento di impianti per e di denaro per il residuo. Fu immediatamente versato solo il 75% dei conferimenti in denaro (si consideri che i crediti verso soci sono a breve termine). Si procedette al pagamento della rata del mutuo per ; il mutuo si sarebbe estinto con le rate costanti di nel E stato liquidato il TFR a due dipendenti uscenti per un totale di (tale liquidazione non era prevista all inizio dell esercizio). Furono acquistate partecipazioni per ; Furono acquistati impianti pari a e ceduti impianti del valore originario di , ammortizzati per (si consideri che i debiti verso fornitori di impianti sono da considerare a breve termine) al prezzo di Si deliberò la distribuzione di dividendi per

23 23 Sulla base delle informazioni sopra riportate si proceda alla determinazione dei flussi di CCN e dei flussi di cassa per l esercizio Soluzione. RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI CCN Investimenti in immobilizzazioni Trasferimento quota corrente del mutuo Distribuzione dividendi TFR liquidato Gestione reddituale * Disinvestimento di immobilizzazioni Aumento di capitale Totale Impieghi Totale fonti Diminuzione del CCN * Flusso di CCN della Gestione Reddituale: Utile dell esercizio Ammortamenti TFR dell esercizio Plusvalenza da alienazione cespiti Flusso di CCN della Gestione Reddituale RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI CASSA Investimenti in immobilizzazioni Pagamento quota del mutuo Distribuzione dividendi TFR liquidato Gestione reddituale Disinvestimento di immobilizzazioni Aumento di capitale Totale Impieghi Totale fonti

24 Diminuzione della Cassa

25 25 Aggregati Investim. immobil. Disinvest. immobil. Accens. fina n- ziam. a breve Trasferim. quota mutui Aumento capitale Distribuz. divide ndi TFR liquidato Gestione Situaz. reddituale Patrimon. Iniziale Variazione CCN Situaz. Patrimon. Finale Fondi Liquidi (21.000) (10.000) (56.000) (3.500) (15.200) Crediti netti Magazzino Soci c/sottoscrizioni TOT. ATTIVITA' CORRENTI (21.000) (10.000) (56.000) (3.500) Debiti vs. fornitori Debiti tributari Debiti a breve vs. banche Debiti vs. fornitori di impianti Quota corrente mutui TOT. PASSIVITA' CORRENTI CCN (37.000) (10.000) (56.000) (3.500) (25.000) Immobilizzazioni tecniche nette Impianti (33.000) Fondo ammort. impianti (30.000) (20.000) (26.000) Partecipazioni TOT. ATTIVITA' IMMOBILIZZ (20.000) (9.000) TOTALE (CCN + AFN) (10.000) (56.000) (3.500) TOT. PASSIVITA' A M/L TER- MINE (10.000) 0 0 (3.500) TOT. MEZZI PROPRI (56.000) TOTALE A PAREGGIO (10.000) (56.000) (3.500)

26 26 ESERCIZIO (10) Costruzione del rendiconto finanziario secondo il prospetto fonti-impieghi. Le situazioni patrimoniali della società ABC relativamente agli ultimi due esercizi furono le seguenti: ATTIVITA' Cassa e banche (4.500) Crediti vs. clienti Rimanenze finali Soci c/sottoscrizioni Impianti Partecipazioni TOTALE PASSIVITA' Debiti vs. fornitori Debiti tributari Debiti a breve vs. banche Fondo svalutazione crediti Debiti vs. fornitori di impianti Quota corrente mutui Fondo ammortamento impianti Debiti per TFR Mutui passivi Capitale sociale Riserve Utile dell'esercizio TOTALE Il conto economico riclassificato dell'esercizio 2002 è il seguente: Ricavi ,0% Acquisti ( ) -64,3% Costi lavoro dipendente (41.000) -19,5% Accantonamento al fondo TFR (3.800) -1,8% Accantonamento al fondo svalutazione crediti (5.400) -2,6% Ammortamenti (16.000) -7,6% Reddito operativo ,2% Oneri finanziari (1.200) -0,6% Reddito lordo di competenza ,6% Plusvalenza da alienazione impianti ,7% Reddito ante imposte ,3% Imposte (3.800) -1,8% Reddito ,5% Si rediga il prospetto fonti-impieghi sia per i flussi di CCN che per i flussi di cassa. Si tenga conto ai fini della comprensione della dinamica finanziaria, che nel corso dell esercizio 2002 si verificarono i seguenti accadimenti: fu sottoscritto e versato un aumento di capitale a pagamento per l'importo di (con conferimento di impianti per e di denaro per il residuo); furono immediatamente versati solo i 3/10 dei conferimenti in denaro si procedette al pagamento della rata del mutuo per 5.300; il mutuo si sarebbe estinto con le rate costanti di nel

27 27 fu liquidata ai dipendenti dimissionari l'indennità maturata nei precedenti esercizi e loro spettante, pari a (tale liquidazione non era prevista all'inizio dell'esercizio); furono acquistate partecipazioni pari a ; furono acquistati impianti pari a e ceduti impianti del valore originario di 9.000, ammortizzati per 7.000; si distribuirono dividendi per Soluzione. RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI CCN Investimento in immobilizzazioni Gestione reddituale Disinvestimento immobilizzazioni Trasferimento quota corrente del mutuo Distribuzione dividendi TFR liquidato Aumento di capitale Totale Impieghi Totale fonti Diminuzione del CCN * Flusso di CCN della Gestione Reddituale: Utile dell esercizio Ammortamenti TFR dell esercizio Plusvalenza da alienazione cespiti Flusso di CCN della Gestione Reddituale RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI CASSA Investimento in immobilizzazioni Pagamento quota del mutuo Distribuzione dividendi TFR liquidato Gestione reddituale Disinvestimento immobilizzazioni Accensione finanziamenti a breve Aumento di capitale Totale Impieghi Totale fonti

28 Diminuzione della Cassa

29 29 Aggregati Situaz. iniziale 1/1/02 Gestione reddituale Investim. immobil. Disinvest. immobil. Accens. finanz. a breve Trasf. quota mutui Aumento capitale Distribuz. dividendi TFR liquidato Variaz. CCN Situaz. finale 31/12/02 Fondi Liquidi (33.800) (5.300) (3.600) (3.100) (8.600) (4.500) Crediti netti Magazzino Soci c/sottoscrizioni TOT. ATTIVITA' CORRENTI (33.800) (5.300) (3.600) (3.100) Debiti vs. fornitori Debiti tributari Debiti a breve vs. banche Debiti vs. fornitori di impianti Quota corrente mutui TOT. PASSIVITA' CORRENTI CCN (37.800) (5.300) (3.600) (3.100) (1.700) Immobilizzazioni tecniche nette Impianti (9.000) Fondo ammortamento impianti (22.000) (16.000) (31.000) Partecipazioni TOT. ATTIVITA' IMMOBILIZZ (16.000) (2.000) TOTALE (CCN + AFN) (5.300) (3.600) (3.100) TOT. PASSIVITA' A M/L TER- MINE (5.300) 0 0 (3.100) TOT. MEZZI PROPRI (3.600) TOTALE A PAREGGIO (5.300) (3.600) (3.100)

30 30 ESERCIZIO (11) Costruzione del rendiconto finanziario in forma scalare Le situazioni patrimoniali della società XYZ relativamente agli ultimi due esercizi furono le seguenti: ATTIVITA' 1.1.X X Cassa e banche attive Crediti vs. clienti Rimanenze finali Soci c/sottoscrizioni Immob. Tecniche (materiali e immateriali) Immob. finanziarie TOTALE PASSIVITA' Debiti vs. fornitori Debiti tributari Debiti a breve vs. banche Fondo svalutazione crediti Debiti vs. fornitori di immobilizzazioni tecniche Quota corrente mutui Fondo ammortamento immobilizzazioni tecniche Debiti per TFR Mutui passivi Capitale sociale Riserve Utile dell'esercizio TOTALE Il conto economico riclassificato dell'esercizio x è il seguente: Ricavi ,0% Acquisti ( ) -60,0% Costi lavoro dipendente (50.000) -20,0% Acc.to al fondo T.F.R. (5.000) -2,0% Acc.to al fondo svalutazione crediti (2.000) -0,8% Ammortamenti (40.000) -16,0% Reddito operativo ,2% Oneri finanziari (5.000) -2,0% Reddito lordo di competenza (2.000) -0,8% Plusvalenze da alienazione Immobilizzazioni ,8% Reddito ante imposte ,0% Imposte (4.000) -1,6% Reddito ,4% Nel corso dell'esercizio x si verificarono, tra gli altri, i seguenti accadimenti: Fu sottoscritto e versato un aumento di capitale in denaro a pagamento per l'importo di di cui in denaro: di cui con conferimento di impianti: 0 Furono effettuati versamenti dai sottoscrittori per: Si procedette al pagamento della rata del mutuo per: Durata residua in anni del mutuo (rimborso a quote costanti): 3 Furono liquidate e pagate ai dipendenti indennità per TFR (non previste all'inizio dell'esercizio) pari a : Furono acquisite immobilizzazioni finanziarie pari a: 0 Furono cedute immobilizzazioni finanziarie pari a: realizzando una plusvalenza(minusvalenza) pari a Furono acquisite immobilizzazioni tecniche pari a:

31 Furono cedute immobilizzazioni tecniche lorde pari a: ammortizzate per (25.000) realizzando una plusvalenza(minusvalenza) pari a 0 Si distribuirono dividendi per: Si risponda alla seguenti domande con riguardo al caso Beta: 1. calcolare il rendiconto finanziario dei flussi di cassa che illustra la variazione delle disponibilità liquide ed e- quivalenti, utilizzando il metodo indiretto per la determinazione del flusso di cassa della gestione reddituale; si utilizzi la forma di rappresentazione scalare (e non fonti-impieghi); 2. dopo aver determinato il flusso di cassa della gestione reddituale (al punto 1) si determini il flusso di cassa della gestione operativa caratteristica; si utilizzi la forma di rappresentazione scalare (e non fonti-impieghi).

32 Soluzione. 32 Domanda 1 Utile dell esercizio Ammortamenti TFR dell esercizio Plusvalenze su cessione immobilizzazioni Flusso di CCN della gestione reddituale /+ incremento / decremento crediti netti verso clienti /+ incremento / decremento magazzino /- incremento / decremento debiti verso fornitori /- incremento / decremento debiti tributari /+ incremento / decremento del CCN Flusso di cassa della gestione reddituale (A) Investimenti in impianti Disinvestimento di impianti Investimenti in partecipazioni +0 Disinvestimento di partecipazioni Flusso di cassa della gestione degli investimenti (B) Pagamento della quota corrente del mutuo al 1/1/X TFR liquidato Variazione dei prestiti bancari a breve Aumento di capitale Distribuzione di dividendi Flusso di cassa della gestione dei finanziamenti (C) Flusso di cassa complessivo (A+B+C) Cassa e banche c/c attivi al 1/ Cassa e banche c/c attivi al 31/ Variazioni delle Disponibilità Liquide Domanda 2 Reddito Operativo Ammortamenti TFR dell'esercizio Flusso di CCN della Gestione Operativa /+ incremento / decremento crediti netti verso clienti /+ incremento / decremento magazzino /- incremento / decremento debiti verso fornitori /+ incremento / decremento del CCN Operativo Flusso di cassa della gestione operativa (1) Oneri finanziari (2) Imposte /- incremento / decremento debiti tributari Pagamenti per imposte sul reddito (3) Flusso di cassa della gestione reddituale (A)

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2015 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (18/11/2015) TEMA N. 1 Ammortamenti e svalutazioni con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, materiali e

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

finanziari e rendiconto finanziario

finanziari e rendiconto finanziario Le analisi di bilancio: i flussi finanziari e rendiconto finanziario Prof. Luca IANNI Docente di Controllo di Gestione Università G.d Annunzio di Chieti Pescara Revisore Legale dei Conti Le analisi per

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

Il capitale F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI

Il capitale F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Il capitale Lo svolgimento degli esercizi richiede le seguenti conoscenze: immobilizzazioni; disponibilità; liquidità; capitale netto; debiti di finanziamento; debiti

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile.

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile. NOTA DI RICLASSIFICAZIONE Come si evince dai prospetti di bilancio, l'azienda è proprietaria di un appezzamento di terreno: per il 50% è adibito ad uso industriale, mentre la restante parte ha destinazione

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Ruolo dei flussi finanziari nelle analisi di bilancio Forniscono nuovi elementi per la valutazione dell assetto economico globale Permettono una migliore interpretazione

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Sessione ordinaria 2006 Seconda prova scritta ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La funzione finanza

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 COMUNICATO STAMPA PREMUDA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 RISULTATI CONSOLIDATI DI GRUPPO AL NETTO QUOTE DI TERZI Utile /mil 25,4 ( /mil 24,8 nel 2004) Cash

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Concetto di flusso Valore dell elemento patrimoniale al 1/1/X Valore dell elemento patrimoniale al 31/12/X Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Il prospetto di sintesi di rappresentazione dei flussi

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE

CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE ANTICIPI DA CLIENTI 1) ANTICIPI PER MERCI E/O MATERIE PRIME 2) ANTICIPI DA CLIENTI PER SERVIZI IN DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA PASSIVO CORRENTE Nel caso

Dettagli

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi finanziaria: i flussi di cassa I flussi di cassa: le 4 aree gestionali Il flusso di cassa della gestione corrente I flussi

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a.

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Esercitazioni svolte 2008 Scuola Duemila 91 Esercitazione n. 17 Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Obiettivi Saper fare: effettuare le procedure di calcolo relative alle operazioni tipiche

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO Normativa italiana 1. Allocazione di valori nello Stato patrimoniale Si proceda all individuazione delle poste di Stato patrimoniale nelle quali trovano iscrizione

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 09 05.03.2014 Il rendiconto finanziario nel nuovo OIC 10 Aggiornamento principi contabili Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Aggiornamento

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI Oggetto di studio: Analizza le VARIAZIONI intervenute in un FONDO da un esercizio all altro impieghi FLUSSI fonti Aggregato

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI

DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE CDL IN SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE PROF. GIANLUCA GIRONE A.A. 2011/2012 DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI 1 FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI

INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI Indice Immob. Nette 33.441.797 Capitale proprio 21.779.334 153,548% Indice di autonomia patrimoniale 21.779.334 77.740.030 28,016% Indice di copertura delle immobilizzazioni

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 -

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 - SOLUZIONI ESERCIZIO 1 Bilancio consolidato In data 01/01/X la società ALFA acquista una partecipazione del 70% in BETA al prezzo di 21.000. Il patrimonio netto contabile di BETA alla data dell operazione

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 (prof. MICHELE GALEOTTI Economia aziendale) 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. 31/12

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio 1 Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio 2009

Dettagli

Il metodo della partita doppia

Il metodo della partita doppia DISPENSA 4 Economia ed Organizzazione Aziendale Il metodo della partita doppia - Parte II - 1 La tecnica di redazione del bilancio Per la definizione delle varie voci di bilancio è necessario contabilizzare

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO Esercizio n 1: Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2006 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2007

Dettagli